17 August 2022

Torna Modena Play: dal 20 al 22 maggio la fiera del gioco da tavolo che attira migliaia di visitatori

[ 0 ]

Circa 18mila metri quadrati di padiglioni, ai quali si somma l’area esterna coperta per circa 5 mila metri quadrati da tensostrutture, più di 150 espositori, cento associazioni coinvolte, una cinquantina di ospiti tra cui star internazionali del gioco da tavolo, 2.500 tavoli pronti per giocare, 7 mila sedie, migliaia di titoli tra grandi classici, ultime novità e anteprime mondiali, incontri e convegni sul ruolo fondamentale del gioco nella nostra vita. Sono i numeri in sintesi dell’edizione 2022 di Modena Play: il festival del gioco torna dal 20 al 22 maggio a ModenaFiere, forte del supporto di un’industria, quella dell’intrattenimento ludico offline, che sta registrando un tasso di crescita composto annuo pari al +13% da qui al 2025 (secondo il Global Board Games Market Report 2021), anno in cui il mercato mondiale raggiungerà i 21,65 miliardi di dollari. E anche l’Italia si inserisce in tale trend, con un volume d’affari dei giochi da tavolo che si stima oggi aggirarsi attorno ai 100 milioni di euro l’anno.

Un evento importante, insomma, perché “giocare è una cosa seria” come recita il claim della fiera, che non può non generare anche un indotto consistente sui flussi turistici verso la città emiliana. E infatti Modena e alcune località della provincia si sono riempite già dallo scorso 13 maggio, e per oltre una settimana, con eventi di alto livello e ampio respiro organizzati in una sorta di Fuori Salone, che coinvolge direttamente i partner culturali del territorio. E ancora: oltre 1.300 studenti hanno prenotato gratuitamente una visita al festival con i loro insegnanti. E non solo da Modena e dalla provincia ma anche da fuori regione. Per loro Play propone percorsi e attività ad hoc.

L’evento è organizzato da ModenaFiere, in collaborazione con Ludo Labo e il supporto di Club TreEmme, la Tana dei Goblin, la Gilda del Grifone e altre decine di associazioni ludiche italiane. Il festival si avvale del patrocinio del comune di Modena, regione Emilia-Romagna, Università di Modena e Reggio Emilia, azienda Usl di Modena. Play è inoltre partner del Festivaldeigiovani e quest’anno conta sulla collaborazione di alcuni dei più importanti enti di ricerca italiani che saranno presenti con le loro proposte: l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e l’Ogs di Trieste, ovvero l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti