28 January 2023

Parte a febbraio l’Iva precompilata. Potrebbe interessare anche le adv

[ 1 ]

Fisco adv. Parte da febbraio del 2023 la dichiarazione precompilata dell’Iva. Entro il prossimo mese quindi l’Agenzia delle entrate metterà disposizione di circa 2,3 milioni di partite Iva, commercianti, artigiani, imprese e professionisti, la dichiarazione Iva precompilata 2023. La cosa potrebbe interessare anche le agenzie di viaggio.

L’introduzione sperimentale della dichiarazione Iva precompilata è frutto degli obiettivi fissati dal Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, alla voce “M1C1-109 – Riforma dell’amministrazione fiscale”. Dunque, da febbraio, alla dichiarazione dei redditi precompilata si affiancherà la dichiarazione Iva precompilata.

Due Fasi

In fase iniziale, la dichiarazione Iva precompilata, dovrebbe riguardare solo i soggetti Iva residenti e stabiliti in Italia che effettuano la liquidazione trimestrale dell’Iva per opzione. L’ulteriore condizione è quella della conferma del contenuto dei registri Iva precompilati  rispetto al periodo d’imposta 2022.

Successivamente ossia rispetto alle operazioni poste in essere dal 2023,  la novità potrebbe essere estesa anche coloro che operano in  regimi speciali ai fini Iva quindi anche le agenzie di viaggio. Oppure che adottano particolari regole di determinazione e versamento dell’imposta (ad esempio  i commercianti al minuto con opzione per la c.d. ventilazione dei corrispettivi).




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438116 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi. Focus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel. A marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale. “L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.” [post_title] => La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade [post_date] => 2023-01-27T15:04:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674831844000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è tenuto presso il Mercato Centrale di Firenze del gruppo Human Company il primo roadshow dedicato alla selezione delle startup che prenderanno parte al progetto Argo: un acceleratore per startup e pmi innovative che sviluppano soluzioni o servizi dedicati a turismo e l’ospitalità. Parte della Rete nazionale acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, Argo è stato lanciato a dicembre da Cdp Venture Capital in collaborazione con il ministero del Turismo. Il programma è gestito da Lventure Group, tra i principali acceleratori di startup in Europa (che co-investe assieme a Cdp Venture Capital nelle imprese selezionate) e VeniSia, l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari Venezia. Assieme a Human Company, Argo è sostenuto dai main partner Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center mentre la Scuola italiana di ospitalità è il partner tecnico: si tratta di un network specificatamente creato per lo sviluppo di startup specializzate in un mercato, quello del turismo, a maggior potenziale di crescita. Lo scopo del programma è individuare e selezionare le più promettenti startup traveltech italiane o internazionali che intendano aprire una sede operativa sul mercato tricolore. Ogni anno, per i prossimi tre, verranno scelte dieci startup e pmi con prodotti o servizi: queste realtà riceveranno un investimento pre-seed di circa 75 mila euro per un’equity dal 3% all’8%, con possibilità di accedere a successivi finanziamenti post-selezione, tra cui un contributo a fondo perduto di 25 mila euro erogato dal dicastero del Turismo. “Il supporto a tutte quelle startup e pmi che stanno muovendo i primi passi nel settore del turismo, in particolare open-air ma non solo, è una questione di primaria importanza per noi, impegnati come siamo oggi in un importante percorso di digital transformation dell’azienda - spiega il ceo di Human Company, Luca Belenghi -. Crediamo nello sviluppo di un ecosistema di nuove imprese innovative a livello nazionale per la crescita di un turismo sostenibile, in grado di accogliere le sfide di un settore in grande trasformazione: nuove esigenze dei turisti, nuove tecnologie e nuove opportunità. Individuare le soluzioni più innovative in un comparto così centrale per il nostro paese, dal punto di vista sia economico, sia occupazionale, permette infatti a tutti i player di crescere di conseguenza”. La fase di selezione del progetto Argo si svilupperà attraverso tre roadshow: momenti di incontro dedicati in cui verranno approfondite le 30 proposte più interessanti con ulteriori colloqui da parte del team dell’acceleratore. Il primo di questi si è tenuto dunque a Firenze il 25 gennaio; ne seguiranno altri due, rispettivamente il 1° e l’8 febbraio. Solamente 16 startup verranno poi invitate a partecipare al Selection day: l’ultimo step che si terrà il 20 marzo di fronte a un’audience di partner del programma. Il programma permetterà infine alle 10 startup selezionate, a partire da aprile e per i successivi cinque mesi,  di crescere attraverso un percorso di formazione con esperti del settore, nonché di validare il prodotto e il modello di business per il go-to-market. [post_title] => Human Company ha ospitato a Firenze il primo roadshow Argo per le startup del turismo [post_date] => 2023-01-27T11:49:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674820173000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438074 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_331279" align="alignleft" width="300"] Sebastian Ebel[/caption] Prosegue il progetto Ota di Tui. Già lanciato da qualche mese nei Paesi di lingua tedesca (Dach), il sistema di prenotazioni online b2c del più grande tour operator europeo si sta ora progressivamente espandendo anche nell'area scandinava. Lo scorso venerdì, il ceo Sebastian Ebel e la Northern Europe manager, Jessica Enbacka, hanno annunciato la novità a Stoccolma. Il prodotto è già disponibile dal mese di dicembre in Svezia e sarà successivamente esteso in Norvegia, Danimarca e Finlandia a partire dal prossimo febbraio. Il portale svedese include in particolare a oggi 15 mila hotel in 50 destinazioni differenti, senza tuttavia coinvolgere ancora alcuna struttura a marchio Tui. Ma il catalogo online è in continua evoluzione. Nei Paesi di lingua tedesca attualmente comprende circa 100 mila indirizzi, tra cui alcune proprietà brandizzate con le catene di proprietà della compagnia tedesca. Nonostante l'offerta online di Tui includa al momento esclusivamente hotel, il gruppo ha tutte le intenzioni di sviluppare presto anche il prodotto dei noleggi auto, dei voli e degli eventi. L'idea è quella di spingere sulla proposta dynamick packaging online, che nelle previsioni di lungo periodo della compagnia dovrebbe raggiungere i volumi dei pacchetti tour operating più tradizionali. [post_title] => Tui spinge sul progetto Ota ed espande l'offerta ai Paesi scandinavi [post_date] => 2023-01-27T11:05:51+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674817551000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è conclusa ieri la stagione di debutto di Norwegian Cruise Line in Sudafrica: la Jade è stata la prima delle 18 navi della flotta Ncl ad avere Città del Capo come home port, da cui è salpata per una serie di itinerari di 12 giorni lungo le coste del Paese di Mandela e della Namibia. Una proposta di successo, visto che la compagnia ha recentemente annunciato l'arrivo nella regione della Norwegian Dawn nell'inverno del 2024. Con scalo sempre a Città del Capo, nonché a Port Louis, a Mauritius, la nave da 2.340 passeggeri offrirà una serie di viaggi tra gennaio e marzo 2024 Kevin Bubolz, Managing "Nell'ambito della nostra filosofia Guest first, ci siamo focalizzati sul miglioramento della nostra offerta di destinazioni, fornendo ai nostri ospiti itinerari più coinvolgenti - spiega il managing director continental Europe, Israel, Middle East & Africa, Kevin Bubolz -. I nostri nuovi viaggi in Africa ne sono la prova, combinando località da non perdere come Città del Capo e Mauritius, con gemme nascoste quali Pomene e Maputo in Mozambico o Fort Dauphin in Madagascar. Con una media di quasi 12 ore in ogni porto, che consente di avere più tempo per vivere appieno queste destinazioni, i nuovi viaggi sono già tra le nostre crociere più vendute per il 2024 e stanno attirando ospiti da quasi 60 Paesi in tutto il mondo". Il 3 gennaio 2024, la Norwegian Dawn partirà quindi per una crociera di riposizionamento di 17 giorni, navigando per la prima volta nei 56 anni di storia della compagnia da Doha a Mauritius. L'itinerario prevede una combinazione di scali negli Emirati Arabi, Oman, Seychelles, Kenya, Tanzania e Madagascar. Successivamente, il 20 gennaio, la nave effettuerà un itinerario di 12 giorni da Port Louis, Mauritius, con scali a Pointe des Galets, Réunion; Fort Dauphin (Toalagnaro), Madagascar; Pomene e Maputo, Mozambico; Richard's Bay, Port Elizabeth (Gqeberha), Mossel Bay e Cape Town, Sudafrica. Il 1° febbraio e l'8 marzo, la Dawn salperà per viaggi di andata e ritorno di 12 giorni attraverso il Sudafrica e la Namibia con scali a Mossel Bay e Durban in Sudafrica e a Luderitz e Walvis Bay in Namibia, prima di intraprendere il suo itinerario più lungo, il 20 marzo, navigando da Città del Capo, Sudafrica, a Barcellona, Spagna. Il viaggio di 21 giorni lungo la costa occidentale dell'Africa toccherà porti in Namibia, Angola, Sao Tomé e Principe, Costa d'Avorio, Gambia, Senegal, Capo Verde, Isole Canarie e Marocco. [post_title] => Ncl conferma il proprio impegno sul Sudafrica. Nel 2024 sarà la volta della Dawn [post_date] => 2023-01-27T10:00:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674813617000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' la linea dei Firmati il prodotto più richiesto di Utat Viaggi su Usa e Canada, di cui è da poco uscito il catalogo online. "Si tratta di viaggi speciali ed esclusivi con un numero massimo di 20/25 partecipanti, che vengono accompagnati dal product manager della destinazione, a sua volta affiancato da una guida locale – spiega la pm, Arianna Pradella -. È una formula studiata nei dettagli e totalmente immersiva, con una ottimizzazione di tempi e contenuti. Permette anche di scongiurare gli incrementi dei prezzi, visto che gli allotment voli vengono bloccati un anno prima, a tariffe agevolate". Oltre ai Firmati Utat, il catalogo contiene inoltre una cinquantina di itinerari con partenza garantita di gruppo e guida parlante italiano, nonché una settantina di viaggi allo stesso tempo classici e innovativi in formula fly & drive. Il tutto senza dimenticare i soggiorni nei ranch e il glamping. "Le vendite sono partite molto bene già dallo scorso dicembre, in anticipo rispetto al timing tradizionale, che vede l'inizio delle prenotazioni solitamente a gennaio con una progressiva intensificazione a febbraio e a marzo – aggiunge Arianna Pradella -. Credo che questo sia dovuto soprattutto ai notevoli rincari delle tariffe aeree: chi può farlo, si porta avanti. È ciò che noi consigliamo a tutti". [post_title] => Parte bene il prodotto Usa e Canada di Utat. Sugli scudi la linea dei Firmati [post_date] => 2023-01-26T12:26:40+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674736000000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437994 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova organizzazione interna per i Grandi Viaggi, che presenta un team di product manager inedito, composto per ben cinque sesti da new entry. "Dopo esserci lasciati alle spalle anni tanti difficili – spiega l’amministratore delegato iGv, Corinne Clementi – era giusto ricominciare da una squadra come questa: con grande professionalità e passione". Gabriella Miranda e Federica Ferrara, l'una pm Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico, l'altra pm Oriente, vantano una lunga esperienza in Australian Travel (20 anni la prima; 11 la seconda). Insieme hanno gestito la responsabilità proprio del prodotto Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico. L’ultimo incarico prima di iGv di Daniela Pennati, responsabile Giappone, è stato invece in Master Explorer. Per circa due decadi ha pianificato e organizzato viaggi in massima parte nel Nord America, ma anche nel Sud-Est Asiatico, in Australia e nelle isole del Pacifico. Nadia Maggioni, pm Africa sub-equatoriale, viaggia all’estero da quanto ha 18 anni. Ha cooperato con numerosi tour operator, tra cui Gastaldi, Kuoni, Caleidoscopio e Alidays, con un focus particolare sul segmento del lusso. Anche la responsabile prodotto, programmazione e booking oceano Indiano, Emirati Arabi, Medio Oriente, India e Mediterraneo, Paola Omboni, ha lavorato a lungo lontano dall’Italia, principalmente tra Medio Oriente e oceano Indiano. Si è inoltre occupata di programmazione Africa e Oriente presso vari to e incentive house. Cesare Ferrari, storico pm Nord America, rappresenta infine l'unica figura di continuità del team prodotto: in iGv da oltre 30 anni, da 20 è product manager Nord America. Sul numero di Travel Quotidiano in uscita in occasione del prossimo Tove / Bit, il 12 febbraio, verrà pubblicata un'intervista a più voci dedicata a tutto il team prodotto dei Grandi Viaggi [post_title] => iGv rivoluziona il team prodotto: tutte le new entry del to [post_date] => 2023-01-26T11:43:24+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674733404000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437989 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437990" align="alignleft" width="300"] Edmund Bartlett ministro del turismo jamaicano[/caption] I crescenti legami tra Jamaica e Sierra Leone segnalano un bisogno da parte di entrambi i paesi di ingrandire i propri bacini d’utenza turistica oltre che alle regioni più tradizionali. E il momento perfetto per buttare reti più grandi, poiché le regioni caraibiche e africane stanno rinnovando e riconfigurando i propri settori turistici a seguito delle massicce interruzioni dovute al Covid-19. La Sierra Leone ha legami storici molto importanti con il Nord America, la popolazione ha molti legami familiari negli Stati Uniti, dove sono note le attrazioni Jamaicane e Caraibiche. Edmund Bartlett ministro del turismo jamaicano afferma : "Con la forte associazione storica e culturale tra Jiamaica e Sierra Leone, è strategico collaborare e rafforzare la nostra cooperazione turistica" e aggiunge : "Entrambi i paesi hanno molto da offrire nel turismo e possiamo capitalizzare su questo per costruire nuove esperienze per i nostri visitatori" Il ministro del turismo Sierraleonense Memunatu Pratt ha recentemente discusso di molti temi con il ministro Bartlett, parlando di connettività aerea, formazione e sviluppo, attività di marketing e promozionali, scambi culturali, diversificazione turistica, crescita e resilienza. Oltre al turismo, la cooperazione Sud-Sud di tecnologia e innovazione dovrebbe essere utile per entrambi gli stati, dato che il dinamismi dell'innovazione africana sta iniziando interessare l'attenzione dei paesi più ricchi dell'occidente. L'operazione di resilienza della Jamaica, insieme a tutti gli stati caraibici, andrá a beneficio di tutte le economie nascenti africane, che si muovono verso l'indipendenza economica. La crescita sostenibile nel turismo e in altri settori dipende fortemente dalla resilienza e dallo spazio fornito per l'innovazione e per lo sviluppo incentrato sulla comunità. "La pandemia è stata l'esempio più tangibile della vulnerabilità del turismo, quindi una delle principali aree di interesse sarà la resilienza e la costruzione della resilienza per garantire il futuro del settore. È fondamentale costruire la capacità nel turismo di resistere e recuperare e tornare più forti per i prossime interruzioni che potremmo incontrare". commenta il ministro Barlett. Entrambi i ministri parteciperanno alla prossima Global Tourism Resilience Conference a Kingston presso la sede regionale dell'Università West Indies' dal 15 al 17 di febbraio 2023. Ulteriori discussioni per finalizzare un memorandum d'intesa tra i due paesi si terranno a margine dell'incontro sul turismo. [post_title] => Intesa per il turismo fra la Jamaica e la Sierra Leone [post_date] => 2023-01-26T11:16:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674731803000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437961 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Swiss ha iniziato a installare la nuova Premium Economy Class sulla flotta di Airbus A340-300, con il primo velivolo completato operativo sulla rotta da Zurigo a Johannesburg. Tutti e quattro gli Airbus A340 del vettore svizzero saranno dotati della nuova classe di viaggio entro il prossimo aprile. A partire dalla stessa data, la Premium Economy Class sarà prenotabile sulle rotte da Zurigo per Johannesburg, Hong Kong e Chicago. "La nostra nuova Premium Economy Class si è rapidamente affermata come un modo di viaggiare estremamente popolare - afferma Tamur Goudarzi Pour, cco della compagnia aera -. E il feedback estremamente positivo che abbiamo ricevuto dai nostri clienti - sul maggiore comfort dei posti a sedere, sul servizio migliorato, sulla più ampia scelta di pasti e sulla qualità del cibo - non ha fatto altro che rafforzare la nostra volontà di offrire questo prodotto di alta qualità su un maggior numero di rotte". La Premium Economy Class è già presente su tutta la sua flotta di Boeing 777-300er, il cui primo aeromobile è stato completato alla fine di febbraio 2022. Swiss è stata la prima compagnia aerea del Gruppo Lufthansa a introdurre la poltrona della classe Premium Economy, che stabilisce nuovi parametri di riferimento per il comfort con il suo passo di quasi un metro e la sua larghezza di 48 centimetri. [post_title] => Swiss introduce la Premium Economy anche sugli Airbus A340-300 [post_date] => 2023-01-26T09:09:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674724182000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437958 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437959" align="alignleft" width="300"] da sinistra: Stefano Varvaro, Giuseppe Geraci, Alessandra Scimeca e Salvatore Ombra[/caption] Il nuovo consiglio di amministrazione di Airgest, società che gestisce l'aeroporto di Trapani Birgi, si è insediato ieri. I nuovi consiglieri di amministrazione, Alessandra Scimeca e Giuseppe Geraci. sono entrambi avvocati e dirigenti della Regione Siciliana inseriti all’interno degli uffici della Presidenza della Regione. Presente all'incontro anche Stefano Varvaro, componente del collegio sindacale. Lo scorso 11 gennaio l’assemblea degli azionisti di Airgest, aveva già confermato alla presidenza Salvatore Ombra. Il nuovo cda al completo sarà presentato, insieme alla programmazione e alla prossima stagione turistica, in un incontro aperto alla stampa con la deputazione regionale, i sindaci, le rappresentanze sindacali, economiche e turistiche del territorio trapanese che si terrà giovedì 9 febbraio in aeroporto. [post_title] => Aeroporto di Trapani: operativo il nuovo consiglio d'amministrazione [post_date] => 2023-01-26T08:59:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674723580000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "parte a febbraio liva precompilata" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":54,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":888,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438116","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi.\r\n\r\nFocus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel.\r\n\r\nA marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale.\r\n\r\n“L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.”","post_title":"La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade","post_date":"2023-01-27T15:04:04+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674831844000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è tenuto presso il Mercato Centrale di Firenze del gruppo Human Company il primo roadshow dedicato alla selezione delle startup che prenderanno parte al progetto Argo: un acceleratore per startup e pmi innovative che sviluppano soluzioni o servizi dedicati a turismo e l’ospitalità. Parte della Rete nazionale acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, Argo è stato lanciato a dicembre da Cdp Venture Capital in collaborazione con il ministero del Turismo. Il programma è gestito da Lventure Group, tra i principali acceleratori di startup in Europa (che co-investe assieme a Cdp Venture Capital nelle imprese selezionate) e VeniSia, l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari Venezia.\r\n\r\nAssieme a Human Company, Argo è sostenuto dai main partner Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center mentre la Scuola italiana di ospitalità è il partner tecnico: si tratta di un network specificatamente creato per lo sviluppo di startup specializzate in un mercato, quello del turismo, a maggior potenziale di crescita. Lo scopo del programma è individuare e selezionare le più promettenti startup traveltech italiane o internazionali che intendano aprire una sede operativa sul mercato tricolore. Ogni anno, per i prossimi tre, verranno scelte dieci startup e pmi con prodotti o servizi: queste realtà riceveranno un investimento pre-seed di circa 75 mila euro per un’equity dal 3% all’8%, con possibilità di accedere a successivi finanziamenti post-selezione, tra cui un contributo a fondo perduto di 25 mila euro erogato dal dicastero del Turismo.\r\n\r\n“Il supporto a tutte quelle startup e pmi che stanno muovendo i primi passi nel settore del turismo, in particolare open-air ma non solo, è una questione di primaria importanza per noi, impegnati come siamo oggi in un importante percorso di digital transformation dell’azienda - spiega il ceo di Human Company, Luca Belenghi -. Crediamo nello sviluppo di un ecosistema di nuove imprese innovative a livello nazionale per la crescita di un turismo sostenibile, in grado di accogliere le sfide di un settore in grande trasformazione: nuove esigenze dei turisti, nuove tecnologie e nuove opportunità. Individuare le soluzioni più innovative in un comparto così centrale per il nostro paese, dal punto di vista sia economico, sia occupazionale, permette infatti a tutti i player di crescere di conseguenza”.\r\n\r\nLa fase di selezione del progetto Argo si svilupperà attraverso tre roadshow: momenti di incontro dedicati in cui verranno approfondite le 30 proposte più interessanti con ulteriori colloqui da parte del team dell’acceleratore. Il primo di questi si è tenuto dunque a Firenze il 25 gennaio; ne seguiranno altri due, rispettivamente il 1° e l’8 febbraio. Solamente 16 startup verranno poi invitate a partecipare al Selection day: l’ultimo step che si terrà il 20 marzo di fronte a un’audience di partner del programma. Il programma permetterà infine alle 10 startup selezionate, a partire da aprile e per i successivi cinque mesi,  di crescere attraverso un percorso di formazione con esperti del settore, nonché di validare il prodotto e il modello di business per il go-to-market.","post_title":"Human Company ha ospitato a Firenze il primo roadshow Argo per le startup del turismo","post_date":"2023-01-27T11:49:33+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674820173000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438074","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_331279\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sebastian Ebel[/caption]\r\n\r\nProsegue il progetto Ota di Tui. Già lanciato da qualche mese nei Paesi di lingua tedesca (Dach), il sistema di prenotazioni online b2c del più grande tour operator europeo si sta ora progressivamente espandendo anche nell'area scandinava. Lo scorso venerdì, il ceo Sebastian Ebel e la Northern Europe manager, Jessica Enbacka, hanno annunciato la novità a Stoccolma. Il prodotto è già disponibile dal mese di dicembre in Svezia e sarà successivamente esteso in Norvegia, Danimarca e Finlandia a partire dal prossimo febbraio.\r\nIl portale svedese include in particolare a oggi 15 mila hotel in 50 destinazioni differenti, senza tuttavia coinvolgere ancora alcuna struttura a marchio Tui. Ma il catalogo online è in continua evoluzione. Nei Paesi di lingua tedesca attualmente comprende circa 100 mila indirizzi, tra cui alcune proprietà brandizzate con le catene di proprietà della compagnia tedesca.\r\n\r\nNonostante l'offerta online di Tui includa al momento esclusivamente hotel, il gruppo ha tutte le intenzioni di sviluppare presto anche il prodotto dei noleggi auto, dei voli e degli eventi. L'idea è quella di spingere sulla proposta dynamick packaging online, che nelle previsioni di lungo periodo della compagnia dovrebbe raggiungere i volumi dei pacchetti tour operating più tradizionali.","post_title":"Tui spinge sul progetto Ota ed espande l'offerta ai Paesi scandinavi","post_date":"2023-01-27T11:05:51+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674817551000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è conclusa ieri la stagione di debutto di Norwegian Cruise Line in Sudafrica: la Jade è stata la prima delle 18 navi della flotta Ncl ad avere Città del Capo come home port, da cui è salpata per una serie di itinerari di 12 giorni lungo le coste del Paese di Mandela e della Namibia. Una proposta di successo, visto che la compagnia ha recentemente annunciato l'arrivo nella regione della Norwegian Dawn nell'inverno del 2024. Con scalo sempre a Città del Capo, nonché a Port Louis, a Mauritius, la nave da 2.340 passeggeri offrirà una serie di viaggi tra gennaio e marzo 2024\r\n\r\nKevin Bubolz, Managing\r\n\r\n\"Nell'ambito della nostra filosofia Guest first, ci siamo focalizzati sul miglioramento della nostra offerta di destinazioni, fornendo ai nostri ospiti itinerari più coinvolgenti - spiega il managing director continental Europe, Israel, Middle East & Africa, Kevin Bubolz -. I nostri nuovi viaggi in Africa ne sono la prova, combinando località da non perdere come Città del Capo e Mauritius, con gemme nascoste quali Pomene e Maputo in Mozambico o Fort Dauphin in Madagascar. Con una media di quasi 12 ore in ogni porto, che consente di avere più tempo per vivere appieno queste destinazioni, i nuovi viaggi sono già tra le nostre crociere più vendute per il 2024 e stanno attirando ospiti da quasi 60 Paesi in tutto il mondo\".\r\n\r\nIl 3 gennaio 2024, la Norwegian Dawn partirà quindi per una crociera di riposizionamento di 17 giorni, navigando per la prima volta nei 56 anni di storia della compagnia da Doha a Mauritius. L'itinerario prevede una combinazione di scali negli Emirati Arabi, Oman, Seychelles, Kenya, Tanzania e Madagascar. Successivamente, il 20 gennaio, la nave effettuerà un itinerario di 12 giorni da Port Louis, Mauritius, con scali a Pointe des Galets, Réunion; Fort Dauphin (Toalagnaro), Madagascar; Pomene e Maputo, Mozambico; Richard's Bay, Port Elizabeth (Gqeberha), Mossel Bay e Cape Town, Sudafrica. Il 1° febbraio e l'8 marzo, la Dawn salperà per viaggi di andata e ritorno di 12 giorni attraverso il Sudafrica e la Namibia con scali a Mossel Bay e Durban in Sudafrica e a Luderitz e Walvis Bay in Namibia, prima di intraprendere il suo itinerario più lungo, il 20 marzo, navigando da Città del Capo, Sudafrica, a Barcellona, Spagna. Il viaggio di 21 giorni lungo la costa occidentale dell'Africa toccherà porti in Namibia, Angola, Sao Tomé e Principe, Costa d'Avorio, Gambia, Senegal, Capo Verde, Isole Canarie e Marocco.","post_title":"Ncl conferma il proprio impegno sul Sudafrica. Nel 2024 sarà la volta della Dawn","post_date":"2023-01-27T10:00:17+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674813617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437993","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' la linea dei Firmati il prodotto più richiesto di Utat Viaggi su Usa e Canada, di cui è da poco uscito il catalogo online. \"Si tratta di viaggi speciali ed esclusivi con un numero massimo di 20/25 partecipanti, che vengono accompagnati dal product manager della destinazione, a sua volta affiancato da una guida locale – spiega la pm, Arianna Pradella -. È una formula studiata nei dettagli e totalmente immersiva, con una ottimizzazione di tempi e contenuti. Permette anche di scongiurare gli incrementi dei prezzi, visto che gli allotment voli vengono bloccati un anno prima, a tariffe agevolate\".\r\n\r\nOltre ai Firmati Utat, il catalogo contiene inoltre una cinquantina di itinerari con partenza garantita di gruppo e guida parlante italiano, nonché una settantina di viaggi allo stesso tempo classici e innovativi in formula fly & drive. Il tutto senza dimenticare i soggiorni nei ranch e il glamping. \"Le vendite sono partite molto bene già dallo scorso dicembre, in anticipo rispetto al timing tradizionale, che vede l'inizio delle prenotazioni solitamente a gennaio con una progressiva intensificazione a febbraio e a marzo – aggiunge Arianna Pradella -. Credo che questo sia dovuto soprattutto ai notevoli rincari delle tariffe aeree: chi può farlo, si porta avanti. È ciò che noi consigliamo a tutti\".","post_title":"Parte bene il prodotto Usa e Canada di Utat. Sugli scudi la linea dei Firmati","post_date":"2023-01-26T12:26:40+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674736000000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437994","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova organizzazione interna per i Grandi Viaggi, che presenta un team di product manager inedito, composto per ben cinque sesti da new entry. \"Dopo esserci lasciati alle spalle anni tanti difficili – spiega l’amministratore delegato iGv, Corinne Clementi – era giusto ricominciare da una squadra come questa: con grande professionalità e passione\".\r\n\r\nGabriella Miranda e Federica Ferrara, l'una pm Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico, l'altra pm Oriente, vantano una lunga esperienza in Australian Travel (20 anni la prima; 11 la seconda). Insieme hanno gestito la responsabilità proprio del prodotto Australia, Nuova Zelanda e isole del Pacifico. L’ultimo incarico prima di iGv di Daniela Pennati, responsabile Giappone, è stato invece in Master Explorer. Per circa due decadi ha pianificato e organizzato viaggi in massima parte nel Nord America, ma anche nel Sud-Est Asiatico, in Australia e nelle isole del Pacifico.\r\n\r\nNadia Maggioni, pm Africa sub-equatoriale, viaggia all’estero da quanto ha 18 anni. Ha cooperato con numerosi tour operator, tra cui Gastaldi, Kuoni, Caleidoscopio e Alidays, con un focus particolare sul segmento del lusso. Anche la responsabile prodotto, programmazione e booking oceano Indiano, Emirati Arabi, Medio Oriente, India e Mediterraneo, Paola Omboni, ha lavorato a lungo lontano dall’Italia, principalmente tra Medio Oriente e oceano Indiano. Si è inoltre occupata di programmazione Africa e Oriente presso vari to e incentive house. Cesare Ferrari, storico pm Nord America, rappresenta infine l'unica figura di continuità del team prodotto: in iGv da oltre 30 anni, da 20 è product manager Nord America.\r\n\r\nSul numero di Travel Quotidiano in uscita in occasione del prossimo Tove / Bit, il 12 febbraio, verrà pubblicata un'intervista a più voci dedicata a tutto il team prodotto dei Grandi Viaggi","post_title":"iGv rivoluziona il team prodotto: tutte le new entry del to","post_date":"2023-01-26T11:43:24+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674733404000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437989","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437990\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Edmund Bartlett ministro del turismo jamaicano[/caption]\r\n\r\nI crescenti legami tra Jamaica e Sierra Leone segnalano un bisogno da parte di entrambi i paesi di ingrandire i propri bacini d’utenza turistica oltre che alle regioni più tradizionali.\r\n\r\nE il momento perfetto per buttare reti più grandi, poiché le regioni caraibiche e africane stanno rinnovando e riconfigurando i propri settori turistici a seguito delle massicce interruzioni dovute al Covid-19.\r\n\r\nLa Sierra Leone ha legami storici molto importanti con il Nord America, la popolazione ha molti legami familiari negli Stati Uniti, dove sono note le attrazioni Jamaicane e Caraibiche.\r\n\r\nEdmund Bartlett ministro del turismo jamaicano afferma : \"Con la forte associazione storica e culturale tra Jiamaica e Sierra Leone, è strategico collaborare e rafforzare la nostra cooperazione turistica\" e aggiunge : \"Entrambi i paesi hanno molto da offrire nel turismo e possiamo capitalizzare su questo per costruire nuove esperienze per i nostri visitatori\"\r\n\r\nIl ministro del turismo Sierraleonense Memunatu Pratt ha recentemente discusso di molti temi con il ministro Bartlett, parlando di connettività aerea, formazione e sviluppo, attività di marketing e promozionali, scambi culturali, diversificazione turistica, crescita e resilienza.\r\n\r\nOltre al turismo, la cooperazione Sud-Sud di tecnologia e innovazione dovrebbe essere utile per entrambi gli stati, dato che il dinamismi dell'innovazione africana sta iniziando interessare l'attenzione dei paesi più ricchi dell'occidente.\r\n\r\nL'operazione di resilienza della Jamaica, insieme a tutti gli stati caraibici, andrá a beneficio di tutte le economie nascenti africane, che si muovono verso l'indipendenza economica. La crescita sostenibile nel turismo e in altri settori dipende fortemente dalla resilienza e dallo spazio fornito per l'innovazione e per lo sviluppo incentrato sulla comunità.\r\n\r\n\"La pandemia è stata l'esempio più tangibile della vulnerabilità del turismo, quindi una delle principali aree di interesse sarà la resilienza e la costruzione della resilienza per garantire il futuro del settore. È fondamentale costruire la capacità nel turismo di resistere e recuperare e tornare più forti per i prossime interruzioni che potremmo incontrare\". commenta il ministro Barlett.\r\n\r\nEntrambi i ministri parteciperanno alla prossima Global Tourism Resilience Conference a Kingston presso la sede regionale dell'Università West Indies' dal 15 al 17 di febbraio 2023.\r\n\r\nUlteriori discussioni per finalizzare un memorandum d'intesa tra i due paesi si terranno a margine dell'incontro sul turismo.","post_title":"Intesa per il turismo fra la Jamaica e la Sierra Leone","post_date":"2023-01-26T11:16:43+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674731803000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437961","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Swiss ha iniziato a installare la nuova Premium Economy Class sulla flotta di Airbus A340-300, con il primo velivolo completato operativo sulla rotta da Zurigo a Johannesburg. Tutti e quattro gli Airbus A340 del vettore svizzero saranno dotati della nuova classe di viaggio entro il prossimo aprile. A partire dalla stessa data, la Premium Economy Class sarà prenotabile sulle rotte da Zurigo per Johannesburg, Hong Kong e Chicago.\r\n\r\n\"La nostra nuova Premium Economy Class si è rapidamente affermata come un modo di viaggiare estremamente popolare - afferma Tamur Goudarzi Pour, cco della compagnia aera -. E il feedback estremamente positivo che abbiamo ricevuto dai nostri clienti - sul maggiore comfort dei posti a sedere, sul servizio migliorato, sulla più ampia scelta di pasti e sulla qualità del cibo - non ha fatto altro che rafforzare la nostra volontà di offrire questo prodotto di alta qualità su un maggior numero di rotte\".\r\n\r\nLa Premium Economy Class è già presente su tutta la sua flotta di Boeing 777-300er, il cui primo aeromobile è stato completato alla fine di febbraio 2022. Swiss è stata la prima compagnia aerea del Gruppo Lufthansa a introdurre la poltrona della classe Premium Economy, che stabilisce nuovi parametri di riferimento per il comfort con il suo passo di quasi un metro e la sua larghezza di 48 centimetri.","post_title":"Swiss introduce la Premium Economy anche sugli Airbus A340-300","post_date":"2023-01-26T09:09:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674724182000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437958","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437959\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] da sinistra: Stefano Varvaro, Giuseppe Geraci, Alessandra Scimeca e Salvatore Ombra[/caption]\r\n\r\nIl nuovo consiglio di amministrazione di Airgest, società che gestisce l'aeroporto di Trapani Birgi, si è insediato ieri. I nuovi consiglieri di amministrazione, Alessandra Scimeca e Giuseppe Geraci. sono entrambi avvocati e dirigenti della Regione Siciliana inseriti all’interno degli uffici della Presidenza della Regione. Presente all'incontro anche Stefano Varvaro, componente del collegio sindacale.\r\n\r\nLo scorso 11 gennaio l’assemblea degli azionisti di Airgest, aveva già confermato alla presidenza Salvatore Ombra. Il nuovo cda al completo sarà presentato, insieme alla programmazione e alla prossima stagione turistica, in un incontro aperto alla stampa con la deputazione regionale, i sindaci, le rappresentanze sindacali, economiche e turistiche del territorio trapanese che si terrà giovedì 9 febbraio in aeroporto.","post_title":"Aeroporto di Trapani: operativo il nuovo consiglio d'amministrazione","post_date":"2023-01-26T08:59:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674723580000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti