6 February 2023

Iorio: utilizzare al meglio i fondi europei in arrivo per il turismo

[ 0 ]

Renzo Iorio«Nei prossimi sei anni – dichiara Renzo Iorio, presidente di Federturismo Confindustria – l’Europa si prefigge di raggiungere obiettivi importanti per lo sviluppo dei territori: oltre ai fondi diretti di Horizon 2020 per finanziare l’innovazione culturale,  le Regioni italiane si troveranno a gestire 32 miliardi,  il 7% dei quali destinato alla tutela  e promozione degli asset paesaggistici e culturali e a rafforzare il sistema turistico. Centonove milioni  del pacchetto Cosme saranno, inoltre,  rivolti a favorire la competitività delle Pmi nel settore del turismo. La decisione della Commissione europea di coinvolgere Napoli e Palermo in rappresentanza dell’Italia con l’iniziativa “Europe 2020, Strategy for Growth” è significativa dell’interesse da parte dell’Europa ad avviare azioni a sostegno della crescita e dello sviluppo delle imprese del sud Italia. Per attirare più investimenti è fondamentale utilizzare al meglio le risorse che l’Ue ha messo a disposizione dell’Italia, lavorando a progetti di ricerca innovativi su cui investire e introducendo meccanismi di premialità per le destinazioni più attente alla valorizzazione dei nostri tesori».

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438701 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France-Klm e Lufthansa fanno rotta su quel che resta di Flybe: i due gruppi europei sarebbero interessati a rilevare la compagnia che nei giorni scorsi ha dichiarato fallimento, e in particolare i suoi slot nel Regno Unito. I colloqui, secondo quanto anticipato dal Telegraph, sarebbero in corso con i manager di Flybe e riguarderebbero "in particolare" gli slot del vettore a Londra Heathrow (sette coppie) e Amsterdam Schiphol (cinque). Né Air France-Klm né Lufthansa hanno commentato le informazioni. Secondo il quotidiano, probabilmente dovranno acquistare l'intera azienda, con i suoi 320 dipendenti rimanenti (la maggior parte dei quali è già stata licenziata) - e le sue passività. Flybe, con base all'aeroporto di Birmingham, era la principale compagnia aerea regionale europea prima di scomparire nel marzo 2020, ed è stata acquistata lo scorso aprile da Thyme Opco (affiliata a Cyrus Capital, il maggiore azionista al momento del fallimento), che ha rilanciato le sue operazioni nel Regno Unito a metà aprile 2022. L'operativo estivo 2023 comprendeva 12 aeroporti nel Regno Unito, tre in Francia, Ginevra e Amsterdam. E aveva una flotta di otto Dash-8 Q400, tutti in leasing. [post_title] => Gli slot di Flybe nel mirino di Air France-Klm e Lufthansa [post_date] => 2023-02-06T09:26:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675675602000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438593 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Compagnie ha realizzato nel 2022 il suo primo utile dal 2014, anno di avvio delle operazioni: 1 milione di euro circa, su ricavi di 70 milioni di euro, il 7% in meno rispetto al 2019. Sono stati 49.000 i passeggeri trasportati nell'anno chiuso lo scorso 31 ottobre, al di sotto quindi dei 76.000 pre-Covid. Ma per l'esercizio in corso l'asticella viene alzata e si punta ad un fatturato di 100 milioni di euro, con utili in crescita. I piani di crescita includono in primis l'ampliamento della flotta: due nuovi aeromobili in arrivo, uno nella prima metà del 2024 e l'altro a inizio 2025, che andranno ad affiancarsi ai due A321neo Lr attualmente in servizio sulle rotte transatlantiche fra Europa e Stati Uniti. Rotte che, "Dopo la tanto attesa riapertura delle frontiere statunitensi l'8 novembre 2021 e l'immediata ripresa del traffico sulla rotta Parigi-New York - ha spiegato il ceo del vettore, Christian Vernet, ripreso da Air Journal - seguita a fine novembre dalla comparsa di Omicron, che ha portato a un'ulteriore stagnazione del traffico sulla rotta, dalla primavera del 2022 hanno registrato una forte accelerazione del numero di passeggeri sui nostri voli, che è proseguita fino all'autunno". Il ceo segnala load factor medi del 75% sulla rotta storica Parigi-New York (con un picco dell'80% da maggio a settembre) come pure il lancio riuscito della Milano-New York inaugurata lo scorso aprile, e il grande successo del volo stagionale Nizza-New York, che ha registrato un load factor medio dell'85%, abbiamo chiuso l'anno fiscale 2021-2022 con un significativo risultato netto positivo, il primo dall'inizio delle nostre operazioni nel 2014". Nei piani di Vernet ci sono il consolidamento delle tre attuali rotte per New York ma anche "l'apertura di una nuova rotta da una nuova città europea entro i prossimi due anni". Attualmente La Compagnie opera collegamenti giornalieri tra Parigi-Orly e New York/Newark, tre voli settimanali sulla rotta stagionale Nizza-New York e quattro frequenze settimanali sulla Milano Malpensa-New York che, visti i risultati, potrebbero diventare giornaliere entro la fine del 2023. [post_title] => La Compagnie centra il suo primo utile annuale. Pronta al raddoppio della flotta [post_date] => 2023-02-03T09:48:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675417692000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2022 si consolida come l'anno della ripresa del turismo dopo la pandemia. Secondo le previsioni del Ministero di Industria, Commercio e Turismo spagnolo, nel 2022 i turisti internazionali che avranno visitato la Spagna supereranno i 71,5 milioni e la spesa totale raggiungerà gli 87.100 milioni di euro. C’è molto ottimismo per il 2023. «La gastronomia, i nostri prodotti storico-culturali unici e il nostro patrimonio naturale – spiega  Isabel Garaña, Direttrice Ente Spagnolo del Turismo a Milano - sono attivi fondamentali e grazie all’eccellente connettività aerea con la Spagna, tutti facilmente raggiungibili dall’Italia. Nel 2023 promuoveremo esperienze, prodotti e servizi turistici che includano sempre criteri di sostenibilità, asse centrale delle politiche del turismo spagnolo. Nel 2023 continueremo attuando il Piano Nazionale del Turismo per l'Enogastronomia 2022-2023 che pone il turismo enogastronomico come esperienza per posizionare la Spagna come destinazione turistica e come strumento di competitività internazionale». Quest’anno si celebra il 50º anniversario della morte di Picasso. Il programma "Picasso Celebracion 1973-2023" comprende una cinquantina di mostre in tutto il mondo, 16 in Spagna, in città strettamente legate all'artista: Malaga, Madrid, Barcellona, ​​A Coruña e Bilbao. L'evento è sostenuto da una campagna pubblicitaria che verrà lanciata nel primo trimestre del 2023 e più di 40 azioni in 21 paesi organizzate dalle diverse sedi dell’Ente spagnolo del turismo all'estero. L'obiettivo è rafforzare la posizione della Spagna come destinazione leader del turismo culturale. Nel 2022 sono state attuate le azioni previste dal Piano per la Modernizzazione e la competitività del settore turistico spagnolo, finanziato con 3.400 milioni di euro a carico dei fondi Next Generation EU, per veicolare il modello verso un turismo sostenibile, digitale, accessibile, inclusivo e sicuro per migliorare la competitività del settore turistico spagnolo. La Spagna continuerà a collaborare con i tour operator e gli agenti di viaggio con un occhio di riguardo alla formazione. «Nello specifico promuoviamo – conclude Isabel Garaña - lo “Spain Specialist Programma SPP”, la nostra piattaforma online di formazione per gli agenti di viaggio, dov’è possibile completare un percorso formativo gratuito e di qualità sulla destinazione Spagna e che è stato arricchito ultimamente con nuovi contenuti. In questo momento stiamo lavorando nel disegno della nuova edizione del Roadshow Spagna, il nostro workshop itinerante, che vedrà la nostra presenza in diverse città italiane, continueremo con la programmazione di nuove puntate di webinars della serie “WebinSpain” e con la collaborazione di tour operator e rete di agenzie attraverso giornate di formazione e presentazione di destinazione agli operatori».   [post_title] => Spagna, promuovere esperienze e servizi turistici che includano criteri di sostenibilità [post_date] => 2023-02-03T09:03:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415023000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438543 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il turismo del wedding premia l'Italia: nel 2022 è stata scenario di oltre 11 mila matrimoni stranieri. La Toscana si conferma la regione italiana più richiesta, col 21% del totale: la seguono Lombardia, Campania, Puglia, Sicilia, Lazio. E' quanto emerge dall'Osservatorio Destination Weddings in Italy, condotto da Centro Studi Turistici, finanziato dal ministero del Turismo e presentato da Enit e Convention Bureau Italia. Fatturati alti In base alla durata del soggiorno delle coppie e degli invitati alla cerimonia, per il 2022 si stimano 619mila arrivi e oltre 2 milioni di presenze turistiche, producendo un fatturato stimato di 599 milioni di euro, circa l'11% in più rispetto ai livelli stimati nel 2019. Nel 2022 gli Stati Uniti sono stati il principale paese di provenienza delle coppie straniere che hanno deciso di celebrare il matrimonio in Italia (29,2%), ma oltre il 57% degli eventi sono stati generati da coppie di sposi residenti in Paesi europei. E' rilevante anche il movimento turistico generato dagli sposi italiani all'interno dei confini: si stima che nel 2022 siano stati più di 7.000 i matrimoni di coppie italiane celebrati in una regione diversa dalla propria. [post_title] => Matrimoni stranieri in Italia: nel 2022 il fatturato è di 599 milioni [post_date] => 2023-02-02T12:31:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675341107000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’associazione internazionale delle compagnie crocieristiche Clia e Sea Europe chiedono alla Commissione europea che il comparto industriale che sviluppa tecnologie marittime diventi parte integrante del “Green Deal Industrial Plan”. Con il “Fit for 55” l’Ue ha fissato un ambizioso piano di riduzione delle emissioni generate dal trasporto marittimo. Grazie a tale approccio, inoltre, l’Europa può mantenere la leadership mondiale nella cantieristica navale. Le navi da crociera rappresentano circa l’80% del portafoglio ordini complessivo di tutti i cantieri europei e, con oltre 78 nuove navi da crociera in costruzione nei prossimi cinque anni, ciò equivale a investimenti diretti pari a 45 miliardi di euro. «L'industria navale è al centro dei processi di sviluppo di tecnologie pulite e, come tale, deve essere inclusa nella strategia della Commissione - dice Marie-Caroline Laurent, direttrice Clia Europa -. Oltre il 93% delle navi da crociera viene costruito in Europa e le compagnie stanno effettuando investimenti significativi affinché le navi siano dotate di tutte le più moderne tecnologie». I punti del Green Deal «L’industria che sviluppa le tecnologie marittime si impegna nel raggiungere gli obiettivi che l’Unione europea ha fissato con il Green Deal e per la Blue Economy. Includere questo settore nel piano produrrebbe benefici non solo per la competitività del comparto, ma per tutto ciò che riguarda i mari europei» dice Christophe Tytgat segretario generale Sea Europe. Il Green Deal Industrial Plan si articola su quattro pilastri: contesto normativo, finanziamenti, abilità e mercato. Poiché i nuovi sistemi di propulsione navale e i carburanti alternativi rappresentano una delle maggiori opportunità per la decarbonizzazione del trasporto marittimo, Clia e Sea Europe chiedono che il comparto venga incluso nel Temporary Crisis and Transition Framework (TCTF) e nel sistema “EU Fundings”. [post_title] => Clia e Sea Europe: l'obbiettivo comune è emissioni zero [post_date] => 2023-02-02T12:11:13+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675339873000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Corsica dà fiducia al mercato Italia e investe nuovamente su Roma Fiumicino con una nuova rotta estiva per Bastia, che si aggiungerà a quella per Ajaccio operata già la scorsa estate. Dal 1° luglio al 3 settembre 2023, la compagnia aerea corsa opererà due collegamenti settimanali tra la sua base di Bastia-Poretta e Fiumicino, operati da Atr 72-500 da 70 posti; le partenze sono previste il lunedì e il venerdì alle 15.05 con arrivo alle 16.00, mentre i voli di ritorno partono dall'Italia alle 13.40 e atterrano alle 14.35. Entrambe le rotte sono effettuate in codeshare da Ita Airways. L'operativo di mezzogiorno da e per la Corsica consentirà ai passeggeri di beneficiare delle coincidenze operate da Ita Airways dallo scalo romano, sia sul network domestico sia su quello di lungo raggio, sottolinea una nota di Air Corsica che prevede di raggiungere un "load factor medio dell'80%, equivalente a quello raggiunto ad Ajaccio durante l'estate del 2022". "Con questa nuova rotta estiva, Air Corsica prosegue la sua strategia di sviluppo volta a collegare la Corsica all'Europa con voli diretti - ha dichiarato Marie-Hélène Casanova-Servais, presidente del Consiglio di sorveglianza della compagnia aerea -. Il nostro obiettivo è continuare ad affermarci in Italia, che è un mercato molto interessante. Sulla scia del successo della rotta Ajaccio-Roma inaugurata nel 2022, siamo convinti che la nuova rotta Bastia-Roma soddisferà le aspettative degli isolani che desiderano trascorrere qualche giorno a Roma o approfittare dei numerosi collegamenti offerti dall'aeroporto di Fiumicino, in particolare dal nostro partner Ita Airways". [post_title] => Air Corsica raddoppia su Roma: arriva anche il volo per Bastia [post_date] => 2023-02-02T11:57:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675339029000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438426 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tus Airways ha scelto Aviareps quale gsa nei suoi principali mercati europei di Italia, Germania e Francia. Con effetto immediato la società specializza nella rappresentanza, nel marketing e nella comunicazione per i brand dell'aviazione, del turismo, dell'ospitalità e del food & beverage, fornirà a Tus Airways una gamma completa di servizi di vendita, prenotazione e biglietteria, supportando la crescita della compagnia aerea in tutti e tre i mercati. La compagnia aerea cipriota, sin dalla sua fondazione nel 2015, opera servizi di linea e charter con una nuova flotta di Airbus A320 da 180 posti che volano da Cipro e dal Mediterraneo orientale verso Israele, Grecia, Europa e Medio Oriente. I collegamenti verso Germania, Francia e Italia sono operati sia da Larnaca sia da Tel Aviv e già nel 2023 è previsto un ampliamento del network europeo. “Germania, Francia e Italia sono mercati chiave per noi, dove prevediamo una crescita significativa nei prossimi anni man mano che incrementiamo il numero di voli e rotte verso il Mediterraneo orientale - afferma Ahmed Aly, ceo del vettore -. Siamo certi che l'esperienza e la competenza di Aviareps consentiranno alla nostra compagnia aerea di offrire ai propri ospiti un servizio senza precedenti, supportandola nell’espandersi ulteriormente in Europa occidentale".  [post_title] => Tus Airways nomina Aviareps gsa per Italia, Francia e Germania [post_date] => 2023-02-01T11:29:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675250950000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438423 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio al vertice di Brussels Airlines: l'attuale ceo, Peter Gerber, si è dimesso ieri e lascerà il Gruppo Lufthansa. Gerber ha guidato la compagnia aerea belga dal 1° marzo 2021, oltre a ricoprire la posizione di rappresentante capo del Gruppo Lufthansa per gli affari europei. Ad assumere la guida della compagnia, ad interim, è Christina Foerster, membro del Comitato esecutivo del Gruppo Lufthansa e già chief commercial officer di Brussels Airlines (dal 2016) e ceo tra il 2018 e il 2020.  Peter Gerber ha iniziato la sua carriera nel Gruppo Lufthansa nel 1992 e dal 1997 in poi è stato responsabile dell'area Group Accounting, Fees and Charges. Tra il 2001 e il 2004, Gerber è stato il project manager responsabile del programma "D-Check" a livello di gruppo per la salvaguardia degli utili. In seguito ha assunto responsabilità nell'ambito della politica di contrattazione collettiva e della sicurezza sociale del Gruppo Lufthansa. Nel giugno 2009, Gerber è stato nominato membro del Comitato esecutivo di Lufthansa Cargo AG e responsabile delle Finanze e delle Risorse umane. Nel giugno 2012 Gerber è passato al Comitato esecutivo di Lufthansa Passage Airlines ed è stato responsabile delle Risorse umane, dell'IT e dei Servizi. Da maggio 2014, Peter Gerber è presidente del Comitato esecutivo di Lufthansa Cargo AG. [post_title] => Brussels Airlines, Gerber lascia e Christina Foerster è la nuova ceo ad interim [post_date] => 2023-02-01T11:07:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675249625000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438420 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Qatar Airways aumenta da oggi, 1° febbraio, la frequenza dei voli per la Thailandia, con l'introduzione di un terzo volo giornaliero per Phuket. La nuova frequenza si somma ai quattro voli giornalieri per Bangkok, e porta quindi il numero totale di collegamenti per la Thailandia a sette al giorno. Il significativo ampliamento dei voli per la Thailandia garantirà una maggiore comodità e connettività ai viaggiatori, offrendo loro più opzioni di viaggio verso oltre 150 destinazioni della rete globale di Qatar Airways, tra cui Roma, Milano, Londra, Manchester, Francoforte, Parigi, Zurigo e New York. "Questo è un significativo passo avanti verso il nostro continuo impegno nel mercato thailandese e siamo orgogliosi di servire i nostri passeggeri con sicurezza e un grande network globale" dichiara Bennet Stephens, regional manager di Qatar Airways per l'Indocina.  I passeggeri a bordo di Qatar Airways hanno a disposizione 4.000 opzioni di intrattenimento; i titolari di carta Visa possono inoltre usufruire di uno sconto fino al 10% sulle prenotazioni e i nuovi utenti che si iscrivono al programma di fidelizzazione Privilege Club, entro il 31 dicembre 2023, possono utilizzare il codice PCSEA23 per guadagnare fino a 4.000 Avios bonus per viaggiare entro il 30 giugno 2024.   [post_title] => Qatar Airways rilancia sulla Thailandia con il terzo volo giornaliero su Phuket [post_date] => 2023-02-01T10:51:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675248691000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "iorio utilizzare i fondi europei in arrivo per turismo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":55,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1920,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438701","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France-Klm e Lufthansa fanno rotta su quel che resta di Flybe: i due gruppi europei sarebbero interessati a rilevare la compagnia che nei giorni scorsi ha dichiarato fallimento, e in particolare i suoi slot nel Regno Unito.\r\n\r\nI colloqui, secondo quanto anticipato dal Telegraph, sarebbero in corso con i manager di Flybe e riguarderebbero \"in particolare\" gli slot del vettore a Londra Heathrow (sette coppie) e Amsterdam Schiphol (cinque).\r\n\r\nNé Air France-Klm né Lufthansa hanno commentato le informazioni. Secondo il quotidiano, probabilmente dovranno acquistare l'intera azienda, con i suoi 320 dipendenti rimanenti (la maggior parte dei quali è già stata licenziata) - e le sue passività.\r\n\r\nFlybe, con base all'aeroporto di Birmingham, era la principale compagnia aerea regionale europea prima di scomparire nel marzo 2020, ed è stata acquistata lo scorso aprile da Thyme Opco (affiliata a Cyrus Capital, il maggiore azionista al momento del fallimento), che ha rilanciato le sue operazioni nel Regno Unito a metà aprile 2022. L'operativo estivo 2023 comprendeva 12 aeroporti nel Regno Unito, tre in Francia, Ginevra e Amsterdam. E aveva una flotta di otto Dash-8 Q400, tutti in leasing.","post_title":"Gli slot di Flybe nel mirino di Air France-Klm e Lufthansa","post_date":"2023-02-06T09:26:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675675602000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438593","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Compagnie ha realizzato nel 2022 il suo primo utile dal 2014, anno di avvio delle operazioni: 1 milione di euro circa, su ricavi di 70 milioni di euro, il 7% in meno rispetto al 2019. Sono stati 49.000 i passeggeri trasportati nell'anno chiuso lo scorso 31 ottobre, al di sotto quindi dei 76.000 pre-Covid. Ma per l'esercizio in corso l'asticella viene alzata e si punta ad un fatturato di 100 milioni di euro, con utili in crescita.\r\n\r\nI piani di crescita includono in primis l'ampliamento della flotta: due nuovi aeromobili in arrivo, uno nella prima metà del 2024 e l'altro a inizio 2025, che andranno ad affiancarsi ai due A321neo Lr attualmente in servizio sulle rotte transatlantiche fra Europa e Stati Uniti.\r\n\r\nRotte che, \"Dopo la tanto attesa riapertura delle frontiere statunitensi l'8 novembre 2021 e l'immediata ripresa del traffico sulla rotta Parigi-New York - ha spiegato il ceo del vettore, Christian Vernet, ripreso da Air Journal - seguita a fine novembre dalla comparsa di Omicron, che ha portato a un'ulteriore stagnazione del traffico sulla rotta, dalla primavera del 2022 hanno registrato una forte accelerazione del numero di passeggeri sui nostri voli, che è proseguita fino all'autunno\".\r\n\r\nIl ceo segnala load factor medi del 75% sulla rotta storica Parigi-New York (con un picco dell'80% da maggio a settembre) come pure il lancio riuscito della Milano-New York inaugurata lo scorso aprile, e il grande successo del volo stagionale Nizza-New York, che ha registrato un load factor medio dell'85%, abbiamo chiuso l'anno fiscale 2021-2022 con un significativo risultato netto positivo, il primo dall'inizio delle nostre operazioni nel 2014\".\r\n\r\nNei piani di Vernet ci sono il consolidamento delle tre attuali rotte per New York ma anche \"l'apertura di una nuova rotta da una nuova città europea entro i prossimi due anni\". Attualmente La Compagnie opera collegamenti giornalieri tra Parigi-Orly e New York/Newark, tre voli settimanali sulla rotta stagionale Nizza-New York e quattro frequenze settimanali sulla Milano Malpensa-New York che, visti i risultati, potrebbero diventare giornaliere entro la fine del 2023.","post_title":"La Compagnie centra il suo primo utile annuale. Pronta al raddoppio della flotta","post_date":"2023-02-03T09:48:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675417692000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438468","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2022 si consolida come l'anno della ripresa del turismo dopo la pandemia. Secondo le previsioni del Ministero di Industria, Commercio e Turismo spagnolo, nel 2022 i turisti internazionali che avranno visitato la Spagna supereranno i 71,5 milioni e la spesa totale raggiungerà gli 87.100 milioni di euro. C’è molto ottimismo per il 2023.\r\n\r\n«La gastronomia, i nostri prodotti storico-culturali unici e il nostro patrimonio naturale – spiega  Isabel Garaña, Direttrice Ente Spagnolo del Turismo a Milano - sono attivi fondamentali e grazie all’eccellente connettività aerea con la Spagna, tutti facilmente raggiungibili dall’Italia. Nel 2023 promuoveremo esperienze, prodotti e servizi turistici che includano sempre criteri di sostenibilità, asse centrale delle politiche del turismo spagnolo. Nel 2023 continueremo attuando il Piano Nazionale del Turismo per l'Enogastronomia 2022-2023 che pone il turismo enogastronomico come esperienza per posizionare la Spagna come destinazione turistica e come strumento di competitività internazionale».\r\n\r\nQuest’anno si celebra il 50º anniversario della morte di Picasso. Il programma \"Picasso Celebracion 1973-2023\" comprende una cinquantina di mostre in tutto il mondo, 16 in Spagna, in città strettamente legate all'artista: Malaga, Madrid, Barcellona, ​​A Coruña e Bilbao. L'evento è sostenuto da una campagna pubblicitaria che verrà lanciata nel primo trimestre del 2023 e più di 40 azioni in 21 paesi organizzate dalle diverse sedi dell’Ente spagnolo del turismo all'estero. L'obiettivo è rafforzare la posizione della Spagna come destinazione leader del turismo culturale.\r\n\r\nNel 2022 sono state attuate le azioni previste dal Piano per la Modernizzazione e la competitività del settore turistico spagnolo, finanziato con 3.400 milioni di euro a carico dei fondi Next Generation EU, per veicolare il modello verso un turismo sostenibile, digitale, accessibile, inclusivo e sicuro per migliorare la competitività del settore turistico spagnolo.\r\n\r\nLa Spagna continuerà a collaborare con i tour operator e gli agenti di viaggio con un occhio di riguardo alla formazione.\r\n\r\n«Nello specifico promuoviamo – conclude Isabel Garaña - lo “Spain Specialist Programma SPP”, la nostra piattaforma online di formazione per gli agenti di viaggio, dov’è possibile completare un percorso formativo gratuito e di qualità sulla destinazione Spagna e che è stato arricchito ultimamente con nuovi contenuti. In questo momento stiamo lavorando nel disegno della nuova edizione del Roadshow Spagna, il nostro workshop itinerante, che vedrà la nostra presenza in diverse città italiane, continueremo con la programmazione di nuove puntate di webinars della serie “WebinSpain” e con la collaborazione di tour operator e rete di agenzie attraverso giornate di formazione e presentazione di destinazione agli operatori».\r\n\r\n ","post_title":"Spagna, promuovere esperienze e servizi turistici che includano criteri di sostenibilità","post_date":"2023-02-03T09:03:43+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675415023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438543","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il turismo del wedding premia l'Italia: nel 2022 è stata scenario di oltre 11 mila matrimoni stranieri. La Toscana si conferma la regione italiana più richiesta, col 21% del totale: la seguono Lombardia, Campania, Puglia, Sicilia, Lazio.\r\n\r\nE' quanto emerge dall'Osservatorio Destination Weddings in Italy, condotto da Centro Studi Turistici, finanziato dal ministero del Turismo e presentato da Enit e Convention Bureau Italia.\r\nFatturati alti\r\nIn base alla durata del soggiorno delle coppie e degli invitati alla cerimonia, per il 2022 si stimano 619mila arrivi e oltre 2 milioni di presenze turistiche, producendo un fatturato stimato di 599 milioni di euro, circa l'11% in più rispetto ai livelli stimati nel 2019.\r\n\r\nNel 2022 gli Stati Uniti sono stati il principale paese di provenienza delle coppie straniere che hanno deciso di celebrare il matrimonio in Italia (29,2%), ma oltre il 57% degli eventi sono stati generati da coppie di sposi residenti in Paesi europei.\r\n\r\nE' rilevante anche il movimento turistico generato dagli sposi italiani all'interno dei confini: si stima che nel 2022 siano stati più di 7.000 i matrimoni di coppie italiane celebrati in una regione diversa dalla propria.","post_title":"Matrimoni stranieri in Italia: nel 2022 il fatturato è di 599 milioni","post_date":"2023-02-02T12:31:47+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1675341107000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’associazione internazionale delle compagnie crocieristiche Clia e Sea Europe chiedono alla Commissione europea che il comparto industriale che sviluppa tecnologie marittime diventi parte integrante del “Green Deal Industrial Plan”.\r\n\r\nCon il “Fit for 55” l’Ue ha fissato un ambizioso piano di riduzione delle emissioni generate dal trasporto marittimo. Grazie a tale approccio, inoltre, l’Europa può mantenere la leadership mondiale nella cantieristica navale. Le navi da crociera rappresentano circa l’80% del portafoglio ordini complessivo di tutti i cantieri europei e, con oltre 78 nuove navi da crociera in costruzione nei prossimi cinque anni, ciò equivale a investimenti diretti pari a 45 miliardi di euro.\r\n\r\n«L'industria navale è al centro dei processi di sviluppo di tecnologie pulite e, come tale, deve essere inclusa nella strategia della Commissione - dice Marie-Caroline Laurent, direttrice Clia Europa -. Oltre il 93% delle navi da crociera viene costruito in Europa e le compagnie stanno effettuando investimenti significativi affinché le navi siano dotate di tutte le più moderne tecnologie».\r\nI punti del Green Deal\r\n«L’industria che sviluppa le tecnologie marittime si impegna nel raggiungere gli obiettivi che l’Unione europea ha fissato con il Green Deal e per la Blue Economy. Includere questo settore nel piano produrrebbe benefici non solo per la competitività del comparto, ma per tutto ciò che riguarda i mari europei» dice Christophe Tytgat segretario generale Sea Europe.\r\n\r\nIl Green Deal Industrial Plan si articola su quattro pilastri: contesto normativo, finanziamenti, abilità e mercato. Poiché i nuovi sistemi di propulsione navale e i carburanti alternativi rappresentano una delle maggiori opportunità per la decarbonizzazione del trasporto marittimo, Clia e Sea Europe chiedono che il comparto venga incluso nel Temporary Crisis and Transition Framework (TCTF) e nel sistema “EU Fundings”.","post_title":"Clia e Sea Europe: l'obbiettivo comune è emissioni zero","post_date":"2023-02-02T12:11:13+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675339873000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Corsica dà fiducia al mercato Italia e investe nuovamente su Roma Fiumicino con una nuova rotta estiva per Bastia, che si aggiungerà a quella per Ajaccio operata già la scorsa estate.\r\n\r\nDal 1° luglio al 3 settembre 2023, la compagnia aerea corsa opererà due collegamenti settimanali tra la sua base di Bastia-Poretta e Fiumicino, operati da Atr 72-500 da 70 posti; le partenze sono previste il lunedì e il venerdì alle 15.05 con arrivo alle 16.00, mentre i voli di ritorno partono dall'Italia alle 13.40 e atterrano alle 14.35. Entrambe le rotte sono effettuate in codeshare da Ita Airways.\r\n\r\nL'operativo di mezzogiorno da e per la Corsica consentirà ai passeggeri di beneficiare delle coincidenze operate da Ita Airways dallo scalo romano, sia sul network domestico sia su quello di lungo raggio, sottolinea una nota di Air Corsica che prevede di raggiungere un \"load factor medio dell'80%, equivalente a quello raggiunto ad Ajaccio durante l'estate del 2022\".\r\n\r\n\"Con questa nuova rotta estiva, Air Corsica prosegue la sua strategia di sviluppo volta a collegare la Corsica all'Europa con voli diretti - ha dichiarato Marie-Hélène Casanova-Servais, presidente del Consiglio di sorveglianza della compagnia aerea -. Il nostro obiettivo è continuare ad affermarci in Italia, che è un mercato molto interessante. Sulla scia del successo della rotta Ajaccio-Roma inaugurata nel 2022, siamo convinti che la nuova rotta Bastia-Roma soddisferà le aspettative degli isolani che desiderano trascorrere qualche giorno a Roma o approfittare dei numerosi collegamenti offerti dall'aeroporto di Fiumicino, in particolare dal nostro partner Ita Airways\".","post_title":"Air Corsica raddoppia su Roma: arriva anche il volo per Bastia","post_date":"2023-02-02T11:57:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675339029000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438426","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tus Airways ha scelto Aviareps quale gsa nei suoi principali mercati europei di Italia, Germania e Francia. Con effetto immediato la società specializza nella rappresentanza, nel marketing e nella comunicazione per i brand dell'aviazione, del turismo, dell'ospitalità e del food & beverage, fornirà a Tus Airways una gamma completa di servizi di vendita, prenotazione e biglietteria, supportando la crescita della compagnia aerea in tutti e tre i mercati.\r\n\r\nLa compagnia aerea cipriota, sin dalla sua fondazione nel 2015, opera servizi di linea e charter con una nuova flotta di Airbus A320 da 180 posti che volano da Cipro e dal Mediterraneo orientale verso Israele, Grecia, Europa e Medio Oriente. I collegamenti verso Germania, Francia e Italia sono operati sia da Larnaca sia da Tel Aviv e già nel 2023 è previsto un ampliamento del network europeo.\r\n\r\n“Germania, Francia e Italia sono mercati chiave per noi, dove prevediamo una crescita significativa nei prossimi anni man mano che incrementiamo il numero di voli e rotte verso il Mediterraneo orientale - afferma Ahmed Aly, ceo del vettore -. Siamo certi che l'esperienza e la competenza di Aviareps consentiranno alla nostra compagnia aerea di offrire ai propri ospiti un servizio senza precedenti, supportandola nell’espandersi ulteriormente in Europa occidentale\". ","post_title":"Tus Airways nomina Aviareps gsa per Italia, Francia e Germania","post_date":"2023-02-01T11:29:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675250950000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438423","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio al vertice di Brussels Airlines: l'attuale ceo, Peter Gerber, si è dimesso ieri e lascerà il Gruppo Lufthansa. Gerber ha guidato la compagnia aerea belga dal 1° marzo 2021, oltre a ricoprire la posizione di rappresentante capo del Gruppo Lufthansa per gli affari europei.\r\n\r\nAd assumere la guida della compagnia, ad interim, è Christina Foerster, membro del Comitato esecutivo del Gruppo Lufthansa e già chief commercial officer di Brussels Airlines (dal 2016) e ceo tra il 2018 e il 2020. \r\n\r\nPeter Gerber ha iniziato la sua carriera nel Gruppo Lufthansa nel 1992 e dal 1997 in poi è stato responsabile dell'area Group Accounting, Fees and Charges. Tra il 2001 e il 2004, Gerber è stato il project manager responsabile del programma \"D-Check\" a livello di gruppo per la salvaguardia degli utili. In seguito ha assunto responsabilità nell'ambito della politica di contrattazione collettiva e della sicurezza sociale del Gruppo Lufthansa. Nel giugno 2009, Gerber è stato nominato membro del Comitato esecutivo di Lufthansa Cargo AG e responsabile delle Finanze e delle Risorse umane. Nel giugno 2012 Gerber è passato al Comitato esecutivo di Lufthansa Passage Airlines ed è stato responsabile delle Risorse umane, dell'IT e dei Servizi. Da maggio 2014, Peter Gerber è presidente del Comitato esecutivo di Lufthansa Cargo AG.","post_title":"Brussels Airlines, Gerber lascia e Christina Foerster è la nuova ceo ad interim","post_date":"2023-02-01T11:07:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675249625000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438420","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Qatar Airways aumenta da oggi, 1° febbraio, la frequenza dei voli per la Thailandia, con l'introduzione di un terzo volo giornaliero per Phuket. La nuova frequenza si somma ai quattro voli giornalieri per Bangkok, e porta quindi il numero totale di collegamenti per la Thailandia a sette al giorno.\r\nIl significativo ampliamento dei voli per la Thailandia garantirà una maggiore comodità e connettività ai viaggiatori, offrendo loro più opzioni di viaggio verso oltre 150 destinazioni della rete globale di Qatar Airways, tra cui Roma, Milano, Londra, Manchester, Francoforte, Parigi, Zurigo e New York.\r\n\"Questo è un significativo passo avanti verso il nostro continuo impegno nel mercato thailandese e siamo orgogliosi di servire i nostri passeggeri con sicurezza e un grande network globale\" dichiara Bennet Stephens, regional manager di Qatar Airways per l'Indocina. \r\nI passeggeri a bordo di Qatar Airways hanno a disposizione 4.000 opzioni di intrattenimento; i titolari di carta Visa possono inoltre usufruire di uno sconto fino al 10% sulle prenotazioni e i nuovi utenti che si iscrivono al programma di fidelizzazione Privilege Club, entro il 31 dicembre 2023, possono utilizzare il codice PCSEA23 per guadagnare fino a 4.000 Avios bonus per viaggiare entro il 30 giugno 2024.\r\n ","post_title":"Qatar Airways rilancia sulla Thailandia con il terzo volo giornaliero su Phuket","post_date":"2023-02-01T10:51:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675248691000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti