22 February 2024

Federturismo, Iorio: il rilancio dell’Expo un gesto importante per il Paese

[ 0 ]

renzo iorioIn relazione all’intervento del primo ministro Enrico Letta sul deciso rilancio dell’Expo 2015, Renzo Iorio, presidente di Federturismo Confindustria, riconoscendone l’importanza per l’Italia in questo momento, dichiara: «E’ un segnale molto importante, che il neo primo ministro Enrico Letta abbia immediatamente affrontato il tema Expo, ribadendo la portata nazionale dell’evento e la necessità di un suo sostegno coerente nell’azione di governo. Expo 2015 rappresenta una grande opportunità per l’economia del nostro Paese, la sua attrattività turistica e la nostra immagine nel mondo. L’iniziativa, conclude Iorio, costituisce una reale occasione sulla quale dobbiamo investire per creare opportunità di lavoro per i giovani diffusa sui territori, per portare la cultura e l’eccellenza italiana nel mondo e per generare sviluppo nei prossimi anni».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumento di capitale e nuovo socio per Terme di Chianciano che entra in questo modo nella fase due del suo programma di rilancio. Il fondo Salvaguardia Imprese, promosso dal ministero delle Imprese e del made in Italy e gestito da Invitalia, è infatti da poco entrato nel capitale sociale di Terme di Chianciano, nell’ambito del piano di risanamento della società, a fianco dell’azionista Terme Italia che ha lavorato per due anni alla ristrutturazione dell’azienda. L'operazione è stata accompagna da un aumento di capitale per circa 6 milioni di euro, di cui circa 3,1 milioni immessi da parte di Terme Italia e 2,9 milioni da parte di Invitalia. I nuovi fondi saranno destinati, in parte, alla chiusura del concordato in continuità omologato a luglio 2023 e per oltre 3 milioni di euro alla riqualificazione dei complessi. Terme di Chianciano ha potuto inoltre beneficiare della misura destinata anche ai marchi storici, in quanto è stato classificato Marchio storico nazionale, grazie anche al lavoro del nuovo azionista Terme Italia. Il disegno di sviluppo futuro del complesso toscano presta particolare attenzione alla filiera di produzione e distribuzione nazionale delle sue acque, allo sviluppo dell’attività leisure e alla razionalizzazione dell’offerta sanitaria integrata, anche grazie all’acquisto del ramo di azienda ex-Upmc. [post_title] => Invitalia nuovo socio di Terme di Chianciano: aumento di capitale per 6 mln [post_date] => 2024-02-22T10:33:43+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598023000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461909 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2024 nel segno dello sport e per la Germania che dal prossimo 14 giugno sarà teatro dei Campionati Europei di calcio. Per le 51 partite sono attesi 2,7 milioni di spettatori negli stadi e circa sette milioni di ospiti nelle zone riservate ai tifosi e alle aree dedicate accessibili al pubblico. Nei 22 giorni delle partite, le dieci città tedesche ospitanti Berlino, Colonia, Monaco, Francoforte, Amburgo, Dortmund, Lipsia, Gelsenkirchen, Stoccarda e Düsseldorf offriranno agli appassionati di calcio e ai visitatori internazionali un ampio programma. L'Ente Nazionale Germanico per il Turismo stima che i Campionati Europei genereranno un volume aggiuntivo di pernottamenti fino al 4% per il turismo incoming tedesco. Allo stesso tempo, l'evento sportivo offre un grande potenziale per promuovere ulteriormente l'immagine positiva della Germania come destinazione turistica.  «La Germania celebra una festa del calcio. Soprattutto in tempi di tensioni internazionali, questo grande evento sportivo offre l'opportunità di presentare la Germania come una destinazione di viaggio cosmopolita, pacifica e sostenibile, dando così un esempio di comprensione e tolleranza internazionale - afferma Petra Hedorfer, presidente del consiglio direttivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo -. Ci aspettiamo anche un ulteriore impatto sul turismo incoming. Secondo i dati finora disponibili, sia le prenotazioni anticipate di camere d'albergo sui principali portali online, che le prenotazioni dei voli per i mesi di giugno e luglio 2024, sono ben al di sopra delle medie. In particolare, stiamo assistendo a una crescita superiore alla media da parte dei Paesi che partecipano ai Campionati europei, il che conferma le nostre aspettative. Allo stato attuale, prevediamo un aumento fino al 4% dei pernottamenti internazionali grazie all'evento. Nell'anno dell'indimenticabile dei Mondiali 2006, il numero di pernottamenti di ospiti internazionali era aumentato di 4,7 milioni rispetto all'anno precedente, dando al contempo un rilancio sostenibile all'immagine della Germania». L'evento sarà un'occasione utile per presentare «la nostra variegata offerta turistica e rafforzare così la reputazione della Germania come destinazione di viaggio». Per l'occasione è stato creato anche un microsito dedicato al calcio sul portale dell’Ente Germanico che raccoglie contenuti tematici sulle città ospitanti. Il sito fornirà inoltre notizie e informazioni sulla passione per il calcio tedesco e sulla cultura dei tifosi tedeschi. [post_title] => La Germania stima un +4% di pernottamenti grazie agli Europei di calcio [post_date] => 2024-02-20T11:23:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708428197000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461802 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Francia e scioperi. Il Senato francese sta valutando una proposta per vietare gli scioperi in alcuni periodi dell'anno. L'intenzione è che nei giorni in cui ci sono viaggi massicci non ci possano essere scioperi. La proposta firmata da Hervé Marsiglia, senatore degli Hauts-de-Seine, e da Charles Matin, mira a garantire che i sindacati non prendano in ostaggio i cittadini. Il testo presentato alla Camera inizierà ad essere studiato nella prossima conferenza dei presidenti delle province tra circa un mese. Per contrasto L'iniziativa risponde fondamentalmente al fatto che in questi giorni in Francia i vari sindacati del mondo dei trasporti e del turismo francese hanno indetto degli scioperi. Che rovinano in gran parte i giorni di vacanza di innumerevoli famiglie durante le vacanze scolastiche. La SNCF, ad esempio, ha invitato i suoi dipendenti a lavorare normalmente perché non vede la possibilità che gli stipendi possano essere aumentati come è avvenuto, a tempo indeterminato. La legge si chiama “Legge per la difesa della libertà di movimento” e mira a risolvere questo tipo di scioperi, molto frequenti nelle compagnie ferroviarie o nel controllo del traffico aereo del Paese. Considerate che per un periodo, 60 giorni, i sindacati non potranno fermare il turismo come hanno fatto negli ultimi tempi. Se posso dire la mia spero che questa proposta non passi. Perché il diritto allo sciopero ottenuto con anni di battaglie e di morti è sacrosanto, in qualsiasi periodo dell'anno venga proclamato. Basta con questi corporativismi di ritorno. [post_title] => La Francia vuole abolire gli scioperi durante l'alta stagione [post_date] => 2024-02-19T11:52:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708343566000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote. Diversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano. Non mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro. È uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi.  La Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po.  Per i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo. Si chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto. Arte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia. Pedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.         [post_title] => Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France [post_date] => 2024-02-16T09:45:37+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708076737000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461637 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il comune di Venezia e il Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazionale presentano "Titizé. A Venetian Dream", lo spettacolo ufficiale della Città di Venezia realizzato insieme alla Compagnia Finzi Pasca. "Abbiamo investito per ristrutturare il Teatro Goldoni oltre 1 milione e 700 mila euro - spiega il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro -: si tratta di un grande sforzo per dare alla città un teatro rinnovato, con impianti moderni e sicuri, che ora è gestito da una fondazione che è partecipata anche dalle altre città, Treviso e Padova, oltre alla Regione Veneto, in un'ottica metropolitana". L'intenzione è quella di continuare a investire nella cultura per rendere Venezia una città sempre più attraente. "Questo, secondo me, è un modo per dimostrare che Venezia è aperta - continua il sindaco -, con un palinsesto ampio di attività, che vanno dai teatri alla musica sino alle manifestazioni di alto livello che prendono vita all'Arsenale, come il Salone Nautico e il Salone dell'Alto Artigianato Italiano che hanno riscosso un grande successo di pubblico". [gallery ids="461639,461640,461641"] Lo spettacolo acrobatico è stato pensato per il rilancio internazionale del Teatro Goldoni di Venezia, il più antico tra i teatri moderni tutt’ora in attività in Italia, ed è stato presentato agli operatori turistici nelle principali fiere italiane ed europee. Concluse le repliche al Teatro Goldoni di Venezia, dove resterà in scena dal 18 luglio al 13 ottobre 2024 tutte le settimane dal giovedì alla domenica, Titizé. A Venetian Dream continuerà la sua tournée in Italia e in Europa, per tornare poi sul palcoscenico veneziano per l’estate 2025.     [post_title] => La Città di Venezia presenta il suo spettacolo ufficiale "Titizè. A Venetian Dream" [post_date] => 2024-02-14T17:30:20+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707931820000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461367 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Consolidare, da un lato, i numeri del 2019 (quando si erano registrati arrivi per oltre 600.000 italiani), rafforzando, dall’altro, il supporto al settore e alla catena distributiva: questa la rotta 2024 della Polonia che, attraverso l’Ente Nazionale Polacco per il Turismo definisce un fitto calendario di iniziative. Si comincia da numerosi workshop b2b, organizzati sia negli aeroporti (Bergamo, Venezia, Verona, Torino – quelli al momento presi in considerazione, ma che potrebbero aumentare), sia in altri contesti noti, come il workshop dedicato al turismo culturale TourismA di Firenze. Saranno due, inoltre, i workshop espressamente dedicati al comparto Mice. «Non mancheranno anche presentazioni e campagne realizzate in co-marketing con alcuni dei principali tour operator italiani attivi sulla nostra destinazione - precisa Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente in Italia - con l’intento di far conoscere località meno battute dal turismo di massa, ma altrettanto affascinanti per storia, cultura e natura e che, grazie ai numerosi collegamenti dall’Italia, possono essere raggiunte oggi facilmente». Come per le passate edizioni, verrà organizzato un fam trip in occasione del workshop Buy Poland in autunno, ma l’Ente ha in previsione altri viaggi dedicati ad agenti e operatori per far conoscere da vicino l’eterogenea offerta turistica polacca, cui va a sommarsi un viaggio previsto in tarda primavera e dedicato ai media trade. La Polonia conferma anche la partecipazione alle principali fiere ed eventi di settore, insieme ai dmc polacchi, tra cui, tra i primi appuntamenti, ricordiamo la Bmt di Napoli dove sarà presente in uno stand condiviso con altri rappresentanti Adutei e, naturalmente, immancabile, ad ottobre, l’appuntamento a Rimini con il Ttg Travel Experience. Non da ultimo - anche se in via di definizione e non ancora confermato - a novembre potrebbe svolgersi il primo roadshow Mitteleuropa, organizzato con i colleghi di Ungheria, Cechia e Slovenia. «In questo 2024 puntiamo molto alla promozione sul mercato italiano di una Polonia meno scontata e più intima e ci auguriamo che i dati relativi agli ultimi tre mesi del 2023 vadano a confermare un trend in ulteriore crescita, essendo le festività natalizie un periodo che attrae numerosi visitatori provenienti sia dall’Italia che dal resto dell’Unione europea».     [post_title] => Polonia: fitto calendario di iniziative per la promozione sul mercato Italia [post_date] => 2024-02-13T11:36:16+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707824176000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza. «C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi». «Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».   [post_title] => La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione [post_date] => 2024-02-13T11:11:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822662000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461331 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento "Together, beyond flying": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura. «Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale». Dalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti. «Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».   [post_title] => Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo [post_date] => 2024-02-13T09:00:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707814800000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Happy Hour by creo il format di eventi aziendali del to pesarese nato dalla necessità di incontrare gli agenti di viaggio di persona e di condividere con loro racconti, esperienze di viaggio e nuove mete in un contesto informale e immersivo. Un momento di confronto con la distribuzione accompagnato da danze e cocktail a tema con le destinazioni che stuzzicano il gusto e la vista, oltre all’immaginazione. Il successo riscosso dall’edizione 2022 ha quindi portato l’azienda a rinnovare la programmazione anche per l’anno commerciale corrente, che si è aperta a Reggio Emilia nel novembre scorso e si concluderà a Napoli domani, con l’ultimo Happy Hour previsto dal calendario, dopo aver incontrato per ogni appuntamento circa 30 agenzie di viaggio nelle date di Roma, Torino, Milano e Pesaro. “Quando abbiamo pensato a come impostare i nostri eventi, ci siamo chiesti cosa potesse unire la formazione al piacere di chiacchierare e vedere visi che quotidianamente ascoltiamo al telefono – spiega Anya Bracci, direttrice marketing e commerciale di creo -. Creare relazioni, confrontarsi sulla bellezza delle esperienze che si possono vivere in un luogo sorseggiando un drink ai sapori di quel luogo, ci è sembrata la soluzione più semplice e incisiva. La partecipazione degli agenti è sempre maggiore e quest’anno, oltre ai quattro cocktail che descrivono le diverse destinazioni e ai racconti dei nostri esperti product manager, ci accompagnano delle ballerine con coreografie tipiche dei luoghi che visitiamo durante la serata. In questo modo ci immergiamo nei suoni, colori e sapori del Paese ancora più profondamente, regalando ai nostri agenti di viaggio una serata da ricordare". [post_title] => Si conclude domani a Napoli il secondo ciclo di incontri con le adv Happy Hour by creo [post_date] => 2024-02-12T11:12:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707736337000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "federturismo iorio il rilancio dellexpo un gesto importante per il paese" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":68,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":696,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAumento di capitale e nuovo socio per Terme di Chianciano che entra in questo modo nella fase due del suo programma di rilancio. Il fondo Salvaguardia Imprese, promosso dal ministero delle Imprese e del made in Italy e gestito da Invitalia, è infatti da poco entrato nel capitale sociale di Terme di Chianciano, nell’ambito del piano di risanamento della società, a fianco dell’azionista Terme Italia che ha lavorato per due anni alla ristrutturazione dell’azienda.\r\n\r\nL'operazione è stata accompagna da un aumento di capitale per circa 6 milioni di euro, di cui circa 3,1 milioni immessi da parte di Terme Italia e 2,9 milioni da parte di Invitalia. I nuovi fondi saranno destinati, in parte, alla chiusura del concordato in continuità omologato a luglio 2023 e per oltre 3 milioni di euro alla riqualificazione dei complessi.\r\n\r\nTerme di Chianciano ha potuto inoltre beneficiare della misura destinata anche ai marchi storici, in quanto è stato classificato Marchio storico nazionale, grazie anche al lavoro del nuovo azionista Terme Italia. Il disegno di sviluppo futuro del complesso toscano presta particolare attenzione alla filiera di produzione e distribuzione nazionale delle sue acque, allo sviluppo dell’attività leisure e alla razionalizzazione dell’offerta sanitaria integrata, anche grazie all’acquisto del ramo di azienda ex-Upmc.","post_title":"Invitalia nuovo socio di Terme di Chianciano: aumento di capitale per 6 mln","post_date":"2024-02-22T10:33:43+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708598023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461909","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2024 nel segno dello sport e per la Germania che dal prossimo 14 giugno sarà teatro dei Campionati Europei di calcio. Per le 51 partite sono attesi 2,7 milioni di spettatori negli stadi e circa sette milioni di ospiti nelle zone riservate ai tifosi e alle aree dedicate accessibili al pubblico.\r\nNei 22 giorni delle partite, le dieci città tedesche ospitanti Berlino, Colonia, Monaco, Francoforte, Amburgo, Dortmund, Lipsia, Gelsenkirchen, Stoccarda e Düsseldorf offriranno agli appassionati di calcio e ai visitatori internazionali un ampio programma.\r\nL'Ente Nazionale Germanico per il Turismo stima che i Campionati Europei genereranno un volume aggiuntivo di pernottamenti fino al 4% per il turismo incoming tedesco. Allo stesso tempo, l'evento sportivo offre un grande potenziale per promuovere ulteriormente l'immagine positiva della Germania come destinazione turistica. \r\n«La Germania celebra una festa del calcio. Soprattutto in tempi di tensioni internazionali, questo grande evento sportivo offre l'opportunità di presentare la Germania come una destinazione di viaggio cosmopolita, pacifica e sostenibile, dando così un esempio di comprensione e tolleranza internazionale - afferma Petra Hedorfer, presidente del consiglio direttivo dell'Ente Nazionale Germanico per il Turismo -. Ci aspettiamo anche un ulteriore impatto sul turismo incoming. Secondo i dati finora disponibili, sia le prenotazioni anticipate di camere d'albergo sui principali portali online, che le prenotazioni dei voli per i mesi di giugno e luglio 2024, sono ben al di sopra delle medie. In particolare, stiamo assistendo a una crescita superiore alla media da parte dei Paesi che partecipano ai Campionati europei, il che conferma le nostre aspettative. Allo stato attuale, prevediamo un aumento fino al 4% dei pernottamenti internazionali grazie all'evento. Nell'anno dell'indimenticabile dei Mondiali 2006, il numero di pernottamenti di ospiti internazionali era aumentato di 4,7 milioni rispetto all'anno precedente, dando al contempo un rilancio sostenibile all'immagine della Germania».\r\nL'evento sarà un'occasione utile per presentare «la nostra variegata offerta turistica e rafforzare così la reputazione della Germania come destinazione di viaggio». Per l'occasione è stato creato anche un microsito dedicato al calcio sul portale dell’Ente Germanico che raccoglie contenuti tematici sulle città ospitanti. Il sito fornirà inoltre notizie e informazioni sulla passione per il calcio tedesco e sulla cultura dei tifosi tedeschi.","post_title":"La Germania stima un +4% di pernottamenti grazie agli Europei di calcio","post_date":"2024-02-20T11:23:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708428197000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461802","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Francia e scioperi. Il Senato francese sta valutando una proposta per vietare gli scioperi in alcuni periodi dell'anno. L'intenzione è che nei giorni in cui ci sono viaggi massicci non ci possano essere scioperi.\r\n\r\nLa proposta firmata da Hervé Marsiglia, senatore degli Hauts-de-Seine, e da Charles Matin, mira a garantire che i sindacati non prendano in ostaggio i cittadini. Il testo presentato alla Camera inizierà ad essere studiato nella prossima conferenza dei presidenti delle province tra circa un mese.\r\nPer contrasto\r\nL'iniziativa risponde fondamentalmente al fatto che in questi giorni in Francia i vari sindacati del mondo dei trasporti e del turismo francese hanno indetto degli scioperi. Che rovinano in gran parte i giorni di vacanza di innumerevoli famiglie durante le vacanze scolastiche.\r\n\r\nLa SNCF, ad esempio, ha invitato i suoi dipendenti a lavorare normalmente perché non vede la possibilità che gli stipendi possano essere aumentati come è avvenuto, a tempo indeterminato. La legge si chiama “Legge per la difesa della libertà di movimento” e mira a risolvere questo tipo di scioperi, molto frequenti nelle compagnie ferroviarie o nel controllo del traffico aereo del Paese. Considerate che per un periodo, 60 giorni, i sindacati non potranno fermare il turismo come hanno fatto negli ultimi tempi.\r\n\r\nSe posso dire la mia spero che questa proposta non passi. Perché il diritto allo sciopero ottenuto con anni di battaglie e di morti è sacrosanto, in qualsiasi periodo dell'anno venga proclamato. Basta con questi corporativismi di ritorno.","post_title":"La Francia vuole abolire gli scioperi durante l'alta stagione","post_date":"2024-02-19T11:52:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708343566000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sabato 27 e domenica 28 aprile 2024, Parma, cuore della Food Valley, vedrà due giorni di festa, di cibo e di ciclismo, giornate che consentiranno a tutti gli appassionati – ciclisti professionisti o amatoriali – di partecipare ad un evento unico e di esplorare sui pedali, un territorio ricco di itinerari e ciclabili ideali per le due ruote.\r\n\r\nDiversi i percorsi de L’Étape Parma by Tour de France: il 27 aprile la cicloturistica per famiglie e bambini di 25 km, oppure l’itinerario di 60 km lungo la Food Valley Bike, ciclovia della Bassa Parmense che unisce Parma a Busseto (PR), seguendo le piste ciclabili lungo il Grande Fiume, con soste dedicate al gusto. Il 28 aprile, invece, la scelta è tra due percorsi competitivi: la Granfondo gourmet di 74 km e la gara agonistica di 140 km, su un dislivello di 2.800 metri, un tragitto ondulato e panoramico che toccherà Rivalta, Passo del Crocione, Schia Monte Caio, la Pineta di Cozzano e Barbiano.\r\n\r\nNon mancheranno ristori gustosi. Un’occasione per sperimentare i tanti e variegati itinerari cicloturistici, che fanno di Parma e del suo territorio un reticolato ideale per gli amanti della bicicletta, che dalla città d’arte si inoltrano nelle atmosfere di pianura del fiume Po, nelle terre care a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, per risalire verso le colline costellate di borghi e di castelli, fino a toccare le cime del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, scoprendo i luoghi in cui nascono celebri prodotti tipici, dal Prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano, dalla pasta al pomodoro.\r\n\r\nÈ uno dei percorsi de L’Étape Parma by Tour de France, ma anche la ciclovia più appetitosa d’Italia: la Food Valley Bike, che per 80 km attraversa i luoghi del cibo. Da Parma si prosegue verso Mezzani, per esplorare l’Oasi Naturale Parma Morta, si continua per Colorno, dove si può visitare la splendida Reggia di Colorno, e si prosegue in direzione di Sissa Trecasali, per degustare la Spalla Cruda di Palasone, salume risalente al Medioevo. Altra tappa è Roccabianca con il suo castello e Zibello, dove addentare il prelibato Culatello di Zibello. L’arrivo è a Busseto, nella cui frazione Roncole è nato il maestro Giuseppe Verdi. \r\n\r\nLa Food Valley Bike unisce anche Parma a Mantova, attraverso un itinerario di piste ciclabili e fluviali all’insegna del turismo slow e sostenibile, che collega il sito UNESCO Mantova e Sabbioneta, che è parte della Ciclovia Tirreno Brennero, con Parma City of Gastronomy. Snodo cruciale il porto turistico di Mezzani e Casalmaggiore, sul fiume Po. \r\n\r\nPer i ciclisti di buona forchetta, curiosi di scoprire la storia dell’enogastronomia italiana, ci sono i percorsi bike che uniscono gli 8 Musei del Cibo.\r\n\r\nSi chiama Sentiero d’Arte perché si snoda tra meraviglie artistiche e parte proprio da una di esse: la Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara con i suoi affreschi barocchi, il refettorio, il belvedere e il chiostro. Si pedala lungo il Canale di San Michele fino al borgo e al romantico Castello di Torrechiara, teatro della storia d’amore fra Pier Maria Rossi e Bianca Pellegrini, per poi giungere a Langhirano, sede del Museo del Prosciutto.\r\n\r\nArte e mobilità sostenibile sono le parole chiave dei 19 percorsi cicloturistici di Pedalart, che coprono 1.200 km nel territorio di Parma e dell’Emilia.\r\n\r\nPedalare nel territorio di Parma, infatti, è anche vivere le vicende di castelli straordinari. Un itinerario consigliato in bici è quello attraverso i Castelli della Bassa.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Parma meta del cicloturismo con L'étape Parma by Tour de France","post_date":"2024-02-16T09:45:37+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708076737000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461637","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il comune di Venezia e il Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazionale presentano \"Titizé. A Venetian Dream\", lo spettacolo ufficiale della Città di Venezia realizzato insieme alla Compagnia Finzi Pasca.\r\n\r\n\"Abbiamo investito per ristrutturare il Teatro Goldoni oltre 1 milione e 700 mila euro - spiega il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro -: si tratta di un grande sforzo per dare alla città un teatro rinnovato, con impianti moderni e sicuri, che ora è gestito da una fondazione che è partecipata anche dalle altre città, Treviso e Padova, oltre alla Regione Veneto, in un'ottica metropolitana\".\r\n\r\nL'intenzione è quella di continuare a investire nella cultura per rendere Venezia una città sempre più attraente. \"Questo, secondo me, è un modo per dimostrare che Venezia è aperta - continua il sindaco -, con un palinsesto ampio di attività, che vanno dai teatri alla musica sino alle manifestazioni di alto livello che prendono vita all'Arsenale, come il Salone Nautico e il Salone dell'Alto Artigianato Italiano che hanno riscosso un grande successo di pubblico\".\r\n\r\n[gallery ids=\"461639,461640,461641\"]\r\n\r\nLo spettacolo acrobatico è stato pensato per il rilancio internazionale del Teatro Goldoni di Venezia, il più antico tra i teatri moderni tutt’ora in attività in Italia, ed è stato presentato agli operatori turistici nelle principali fiere italiane ed europee. Concluse le repliche al Teatro Goldoni di Venezia, dove resterà in scena dal 18 luglio al 13 ottobre 2024 tutte le settimane dal giovedì alla domenica, Titizé. A Venetian Dream continuerà la sua tournée in Italia e in Europa, per tornare poi sul palcoscenico veneziano per l’estate 2025.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"La Città di Venezia presenta il suo spettacolo ufficiale \"Titizè. A Venetian Dream\"","post_date":"2024-02-14T17:30:20+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707931820000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461367","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Consolidare, da un lato, i numeri del 2019 (quando si erano registrati arrivi per oltre 600.000 italiani), rafforzando, dall’altro, il supporto al settore e alla catena distributiva: questa la rotta 2024 della Polonia che, attraverso l’Ente Nazionale Polacco per il Turismo definisce un fitto calendario di iniziative.\r\n\r\nSi comincia da numerosi workshop b2b, organizzati sia negli aeroporti (Bergamo, Venezia, Verona, Torino – quelli al momento presi in considerazione, ma che potrebbero aumentare), sia in altri contesti noti, come il workshop dedicato al turismo culturale TourismA di Firenze. Saranno due, inoltre, i workshop espressamente dedicati al comparto Mice.\r\n\r\n«Non mancheranno anche presentazioni e campagne realizzate in co-marketing con alcuni dei principali tour operator italiani attivi sulla nostra destinazione - precisa Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente in Italia - con l’intento di far conoscere località meno battute dal turismo di massa, ma altrettanto affascinanti per storia, cultura e natura e che, grazie ai numerosi collegamenti dall’Italia, possono essere raggiunte oggi facilmente».\r\n\r\nCome per le passate edizioni, verrà organizzato un fam trip in occasione del workshop Buy Poland in autunno, ma l’Ente ha in previsione altri viaggi dedicati ad agenti e operatori per far conoscere da vicino l’eterogenea offerta turistica polacca, cui va a sommarsi un viaggio previsto in tarda primavera e dedicato ai media trade.\r\n\r\nLa Polonia conferma anche la partecipazione alle principali fiere ed eventi di settore, insieme ai dmc polacchi, tra cui, tra i primi appuntamenti, ricordiamo la Bmt di Napoli dove sarà presente in uno stand condiviso con altri rappresentanti Adutei e, naturalmente, immancabile, ad ottobre, l’appuntamento a Rimini con il Ttg Travel Experience.\r\n\r\nNon da ultimo - anche se in via di definizione e non ancora confermato - a novembre potrebbe svolgersi il primo roadshow Mitteleuropa, organizzato con i colleghi di Ungheria, Cechia e Slovenia.\r\n\r\n«In questo 2024 puntiamo molto alla promozione sul mercato italiano di una Polonia meno scontata e più intima e ci auguriamo che i dati relativi agli ultimi tre mesi del 2023 vadano a confermare un trend in ulteriore crescita, essendo le festività natalizie un periodo che attrae numerosi visitatori provenienti sia dall’Italia che dal resto dell’Unione europea».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Polonia: fitto calendario di iniziative per la promozione sul mercato Italia","post_date":"2024-02-13T11:36:16+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707824176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.\r\n\r\n«C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi».\r\n\r\n«Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».\r\n\r\n ","post_title":"La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione","post_date":"2024-02-13T11:11:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707822662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461331","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAeroporti di Roma taglia il traguardo dei primi 50 anni: la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino ha celebrato l'anniversario con la presentazione del nuovo logo, lanciato durante l'evento \"Together, beyond flying\": un claim che riflette l’attenzione verso le persone e un nuovo logo che, tendendo visivamente verso l’alto, simboleggia il costante impegno dell’azienda per delineare l’aeroporto del futuro, un luogo attento al benessere di tutti dove, per mantenere ed elevare i livelli di eccellenza dei servizi offerti ai passeggeri, lo sviluppo si coniuga con la sostenibilità, l’innovazione, la qualità, l’arte e la cultura.\r\n\r\n«Oggi (ieri per chi legge, ndr) celebriamo mezzo secolo di storia aziendale. In questi cinquant’anni di attività la società ha saputo accompagnare i cambiamenti epocali che hanno caratterizzato la storia del Paese, si è adeguata ai mutamenti sociali e culturali in corso e ha talvolta anche anticipato i grandi cambiamenti globali - ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Roma, Vincenzo Nunziata durante l'evento che ha visto anche la partecipazione del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi -. Sviluppando gli aeroporti della Capitale, ha riportato Roma nella sua giusta collocazione, ridandole centralità e protagonismo e facendone un hub intercontinentale per il trasporto aereo. È con questo spirito che ci accingiamo ad affrontare gli anni a venire, confermando il nostro impegno nel raggiungimento di nuovi traguardi, innovando, lavorando con e per il nostro territorio e sostenendo le future generazioni, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti della società e della nostra comunità aeroportuale».\r\n\r\nDalla costituzione della società, il 12 febbraio 1974, gli aeroporti della Capitale sono cresciuti al punto che durante il 2023 hanno visto transitare 44,4 milioni di passeggeri, con una programmazione che ha coinvolto circa 100 compagnie aeree in volo attraverso 230 rotte in oltre 70 Paesi, collegando così la città di Roma con tutti i continenti.\r\n\r\n«Aeroporti di Roma celebra i suoi primi cinquant’anni di gestione guardando avanti con ottimismo e determinazione, in particolare rispetto alle sfide cruciali per il futuro del trasporto aereo, sulle quali dovranno focalizzarsi sia i player industriali sia quelli istituzionali: la transizione ambientale, la competitività del sistema trasportistico nazionale e gli investimenti a supporto della crescita - ha sottolineato Marco Troncone, ad di Aeroporti di Roma -. Connettività significa progresso sociale ed economico, promozione della cultura, esportazione del Made in Italy e del nostro ‘know-how’; attraverso il nostro sviluppo sostenibile a 360 gradi, grazie a tutte le nostre persone, continueremo ad operare come alleati delle nostre istituzioni per guidare l’Italia verso le prossime occasioni di posizionamento e rilancio internazionale, rappresentando un valore aggiunto per i cittadini e per i nostri territori di riferimento».\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporti di Roma celebra i suoi primi 50 anni con un nuovo logo","post_date":"2024-02-13T09:00:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707814800000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461293","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Happy Hour by creo il format di eventi aziendali del to pesarese nato dalla necessità di incontrare gli agenti di viaggio di persona e di condividere con loro racconti, esperienze di viaggio e nuove mete in un contesto informale e immersivo. Un momento di confronto con la distribuzione accompagnato da danze e cocktail a tema con le destinazioni che stuzzicano il gusto e la vista, oltre all’immaginazione. Il successo riscosso dall’edizione 2022 ha quindi portato l’azienda a rinnovare la programmazione anche per l’anno commerciale corrente, che si è aperta a Reggio Emilia nel novembre scorso e si concluderà a Napoli domani, con l’ultimo Happy Hour previsto dal calendario, dopo aver incontrato per ogni appuntamento circa 30 agenzie di viaggio nelle date di Roma, Torino, Milano e Pesaro.\r\n\r\n“Quando abbiamo pensato a come impostare i nostri eventi, ci siamo chiesti cosa potesse unire la formazione al piacere di chiacchierare e vedere visi che quotidianamente ascoltiamo al telefono – spiega Anya Bracci, direttrice marketing e commerciale di creo -. Creare relazioni, confrontarsi sulla bellezza delle esperienze che si possono vivere in un luogo sorseggiando un drink ai sapori di quel luogo, ci è sembrata la soluzione più semplice e incisiva. La partecipazione degli agenti è sempre maggiore e quest’anno, oltre ai quattro cocktail che descrivono le diverse destinazioni e ai racconti dei nostri esperti product manager, ci accompagnano delle ballerine con coreografie tipiche dei luoghi che visitiamo durante la serata. In questo modo ci immergiamo nei suoni, colori e sapori del Paese ancora più profondamente, regalando ai nostri agenti di viaggio una serata da ricordare\".","post_title":"Si conclude domani a Napoli il secondo ciclo di incontri con le adv Happy Hour by creo","post_date":"2024-02-12T11:12:17+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707736337000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti