21 May 2024

Federalberghi: il 52,2% degli italiani utilizzerà il “buono vacanza”

[ 0 ]

L’Agenzia delle Entrate ha fornito le indicazioni per richiedere e utilizzare il bonus vacanze, il contributo previsto dal decreto “Rilancio” per le famiglie che intendono trascorrere le vacanze in Italia. Federalberghi, con il supporto dell’Istituto ACS Marketing Solutions, ha realizzato un’indagine su un campione rappresentativo della popolazione italiana*, per sondare gli umori del mercato, che sembra aver apprezzato la novità.

L’80% degli italiani conosce o almeno ha sentito parlare del «bonus vacanze». La percentuale sale al 91,6% se si considerano coloro che intendono fare una vacanza quest’estate.

Il 52,2% degli italiani che andranno in vacanza nel 2020 ha intenzione di richiedere il bonus vacanze. Di questi, il 57% intende utilizzare il bonus entro settembre, mentre il 16,7% guarda ai mesi successivi. Infine, il 26,2% è ancora indeciso.

Sul fronte di coloro che andranno in vacanza senza richiedere il bonus, la motivazione principale (38,3%) è costituita dalla mancanza dei requisiti di reddito (il contributo spetta solo a chi ha un Isee inferiore a 40.000 euro), ma ben più ampia e la quota di coloro che, pur avendo diritto a beneficiarne, è esitante per vari motivi.

Il sistema Federalberghi sta attivando due filoni di iniziative volte a colmare questo gap, per promuovere l’utilizzo del bonus.

Sul portale di Federalberghi (www.italyhotels.it) sarà disponibile a breve l’elenco delle strutture turistico ricettive italiane disponibili ad accettare i bonus. Proprio oggi è stata lanciata una grande indagine online, per intervistare oltre 28.000 soci.

Sono inoltre allo studio accordi con il sistema bancario, per agevolare la conoscenza del nuovo istituto e delle procedure che gli albergatori dovranno seguire per ottenere il rimborso dei buoni da parte del sistema bancario.

«Non è un mistero che avremmo preferito un approccio diverso, che privilegiasse gli aiuti diretti alle imprese – dice Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi -. E speriamo ancora che il Parlamento migliori le caratteristiche del tax credit vacanze, ad esempio elevando la soglia Isee e facilitando la possibilità di incasso da parte degli albergatori. Ma in questo momento, con l’estate alle porte e un mercato a dir poco asfittico, è imperativo spingere sull’acceleratore per sfruttare al massimo le potenzialità offerte da questa misura, per la quale sono stati stanziati oltre 2,4 miliardi di euro»

«Oggi pomeriggio – conclude Bocca – nell’ambito degli Stati generali dell’economia, rammenteremo al Governo la necessità di irrobustire le misure di sostegno previste dal decreto Rilancio, anche recependo con urgenza alcune misure previste dal Piano redatto dal Comitato degli esperti. Le nostre priorità spaziano dalla proroga della cassa integrazione alla riduzione del costo del lavoro per le imprese che ripartono, passando per le peculiarità delle imprese in affitto e per la riduzione della pressione fiscale sugli immobili strumentali, senza dimenticare le problematiche connesse alla riqualificazione delle strutture ricettive, alla concorrenza sleale esercitata delle centinaia di migliaia di appartamenti abusivi che inquinano il mercato ed all’abuso di potere dominante dei portali di prenotazione che vessano sistematicamente gli hotel».

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467678 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467679" align="aligncenter" width="512"] Mangia's Brucoli, Sicily, Autograph Collection - Kaigan Sushi Bar[/caption] E’ online il nuovo Reportage firmato Mangia’s Resorts & Clubs. Un approfondimento per conoscere meglio i 13 resorts Mangia’s in Sicilia e in Sardegna, i valori che guidano il brand, gli eventi e le proposte gastronomiche. Un focus speciale è stato dedicato alla ristorazione.  Il Mediterra è il ristorante del Mangia’s Brucoli, Sicily, del Mangia’s Santa Teresa Sardinia, del Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e del Mangia’s Favignana Resort.  [caption id="attachment_467680" align="aligncenter" width="522"] Mediterra[/caption] Il Donna Floriana Bistrot al Mangia’s Brucoli, Sicily, al Mangia’s Santa Teresa Sardinia, al Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e al Mangia’s Pollina Resort. [caption id="attachment_467683" align="aligncenter" width="506"] Donna Floriana Bistrot[/caption] La pizzeria italiana Al Grano si trova invece al Mangia’s Brucoli Sicily, al Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e al Mangia’s Pollina Resort. [caption id="attachment_467681" align="aligncenter" width="510"] Pizzeria Al Grano[/caption] Scausu Grill per gli amanti della o del pesce alla griglia, ma ideale anche per pasti vegetariani presente al Mangia’s Brucoli Sicily, al Mangia’s Pollina Resort e al Mangia’s Selinunte Resort. [caption id="attachment_467682" align="aligncenter" width="497"] Kaigan Sushi Bar[/caption] Il Kaigan Sushi Bar, per chi sceglie cibo giapponese si trova al Mangia’s Brucoli Sicily, al Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e al Mangia’s Pollina Resort.  Scopri sul Reportage anche le attività sportive, le degustazioni ed gli eventi musicali. Leggi il Reportage [post_title] => L’autentica vacanza italiana firmata Mangia’s. Il nuovo Reportage [post_date] => 2024-05-20T13:28:48+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => donna-floriana-bistrot [1] => in-evidenza [2] => kaigan-sushi-bar [3] => mangias-brucoli [4] => mangias-favignana-resort [5] => mangias-pollina-resort [6] => mangias-resorts-clubs [7] => mangias-resorts-clubs-sicilia [8] => mangias-santa-teresa-sardinia [9] => mangias-selinunte-resort [10] => mangias-torre-del-barone-resort-spa [11] => mediterra-ristorante [12] => pizzeria-al-grano [13] => reportage-mangias-resorts-clubs [14] => resort-mangias-resorts-clubs-sardegna [15] => scausu-grill [16] => sicily ) [post_tag_name] => Array ( [0] => donna floriana bistrot [1] => In evidenza [2] => kaigan sushi bar [3] => Mangia’s Brucoli [4] => Mangia’s Favignana Resort [5] => Mangia’s Pollina Resort [6] => Mangia’s Resorts & Clubs [7] => Mangia’s Resorts & Clubs sicilia [8] => Mangia’s Santa Teresa Sardinia [9] => Mangia’s Selinunte Resort [10] => Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA [11] => mediterra ristorante [12] => pizzeria al grano [13] => reportage Mangia’s Resorts & Clubs [14] => resort Mangia’s Resorts & Clubs sardegna [15] => scausu grill [16] => Sicily ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716211728000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fincantieri ha chiuso il primo trimestre dell'anno con ricavi stabili a 1.767 milioni di euro (+0,2% rispetto al 1 trimestre 2023). Carico di lavoro complessivo a livelli record pari a euro 39,3 miliardi, circa 5,1 volte i ricavi realizzati nel corso del 2023, a conferma di un forte sviluppo commerciale in tutte le aree di business con un soft backlog pari a 17,3 miliardi. L'Ebitda è pari a euro 100 milioni, in aumento anno su anno di circa il 16% (da 87 milioni). Ebitda margin al 5,7%, con un significativo miglioramento rispetto al 4,9% del primo trimestre 2023 e al 5,2% di fine 2023 La Posizione finanziaria netta (PFN) è negativa pari a euro 2.413 milioni, in deciso miglioramento rispetto al pari periodo 2023 (euro 2.922 milioni) e sostanzialmente in linea rispetto a euro 2.271 milioni a fine 2023. Fincantieri conferma la guidance 2024, che vede ricavi a circa euro 8 miliardi, in crescita di circa il 4,5%, una marginalità intorno al 6% e in crescita di un punto percentuale rispetto al 2023 ed un rapporto di indebitamento [post_title] => Fincantieri: primo trimestre con ricavi stabili. Sale la redditività [post_date] => 2024-05-17T09:37:09+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715938629000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467445 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In posizione strategica, sul lungomare che collega Portorose e Pirano, il St. Bernardin Resort Portorož è immerso in un parco di 25 ettari tra oleandri, palme, rosmarini, allori e altre piante mediterranee. Gli hotel del complesso sloveno anche quest’anno sono stati oggetto di lavori di ristrutturazione e ammodernamento e così rinnovano la propria offerta per la stagione 2024, puntando sempre su elevati standard di servizio, accompagnati dall’ospitalità slovena. La scelta delle strutture dove alloggiare spazia dal Grand Hotel Bernardin, all’hotel Histrion completamente ristrutturato, fino al rinnovato hotel Vile Park Premium e l’hotel Vile Park. «A partire dallo scorso ponte del 1° maggio la nuova offerta include già le ville rinnovate dell’hotel Vile Park. Nel 2023 abbiamo completato la ristrutturazione di 66 camere di Villa Galeja e della piscina scoperta, ispirandoci alle caratteristiche dell’Istria - dichiarano dalla direzione -. E nel 2024 proseguiremo con la ristrutturazione di Villa Ninfa e Villa Orada per un totale di 122 camere. La ristrutturazione delle ville segue il filo conduttore che aveva caratterizzato anche quella dell’hotel Histrion: le camere ripropongono i temi del mare, del sale, delle olive e della lavanda, ispirandosi dunque ai prodotti e alle tradizioni del luogo». Tutti gli hotel del resort dispongono di spiagge attrezzate e ben curate, piscine esterne e coperte, centri wellness e un porto turistico. Inoltre la cucina istriana contaminata con quella mediterranea e i panorami mozzafiato sono il leit motiv che caratterizza l’offerta dei numerosi ristoranti e bar presenti nelle strutture. Dal Grand Restaurant con vista sul mare al ristorante Pečina con piatti prelibati e vini pregiati. Il St. Bernardin Resort Portorož punta quindi a diversi target. Con piscine, parchi giochi e mini club le strutture del Vile Park sono perfette per una vacanza in famiglia con bambini. E invece, in particolar modo il Grand Hotel Bernardin e l’hotel Histrion sono più adatti alle coppie che desiderano unire il relax in spiaggia a trattamenti benessere esclusivi della Paradise spa o del Wellness Benedicta. Le strutture del complesso sono molto richieste anche da gruppi di amici che amano vacanze active in bicicletta, alla scoperta del territorio e delle tradizioni locali. Per terminare poi la giornata rilassandosi presso il parco acquatico Termaris, immersi in piscine di acqua marina. Congressi e matrimoni Anche il settore mice si conferma un target importante per il resort. Il Grand Hotel Bernardin infatti ospita al proprio interno il più grande centro congressuale della Slovenia. Con la sua sala Europa in grado di ospitare fino a 1.100 partecipanti, è la location ideale per qualsiasi tipo di evento: congressi, seminari, presentazioni, sfilate di moda, serate di gala e molto altro ancora. Sempre più spesso il grand hotel è scelto anche come location per matrimoni, sia da coloro che sognano un matrimonio romantico sulla spiaggia, sia da chi sogna un matrimonio più tradizionale in chiesa, grazie alla presenza della chiesetta di San Bernardino nella piazza davanti all’hotel Histrion che può essere utilizzata sia per celebrazioni religiose che civili. Sostenibilità e servizi all'avanguardia Per i viaggiatori eco-sostenibili  il St. Bernardin ha presso ogni struttura stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Servizio che ha contribuito a ottenere il certificato Slovenia Green, marchio che raccoglie le strutture turistiche sostenibili. «Da gennaio ad aprile 2024 abbiamo registrato presso le nostre strutture il 59% di ospiti di nazionalità straniera e il 41% di ospiti locali. E le prenotazioni per la stagione estiva mostrano un’occupazione molto buona, leggermente in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In questo scenario, il mercato italiano si conferma essere estremamente importante per noi, grazie anche alle positive collaborazioni con le agenzie di viaggio, gli operatori del settore, l’organizzazione turistica slovena, e l’ufficio di rappresentanza in Italia» hanno commentato dalla direzione del St. Bernardin Resort Portorož. [gallery ids="467450,467449,467452,467454,467453,467451"] [post_title] => Active, sostenibilità e benessere: l'offerta del resort sloveno St. Bernardin per la stagione 2024 [post_date] => 2024-05-16T12:01:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => istria [1] => istria-slovena ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Istria [1] => Istria Slovena ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715860872000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467291 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' in arrivo a breve un nuovo hotel Felix Hotels in Sardegna. Le trattative sarebbero infatti alle battute finali, con l'annuncio ufficiale atteso a giorni. La new entry porterebbe a 500 le camere totali del gruppo e chiuderebbe la prima fase di sviluppo del business plan della compagnia. Poi si vedrà, ha dichiarato l'amministratore delegato Paolo Manca, a margine dell'assemblea generale Federalberghi di Viareggio. "L'anno è partito fortissimo per la nostra regione, con incrementi nelle prenotazioni on-the-book di gennaio e febbraio fino al 25%-30% rispetto allo stesso periodo del 2023 - spiega lo stesso Manca, che è anche presidente regionale e vicepresidente nazionale Federalberghi -. Il tasso di crescita è calato un po' a marzo, mentre ad aprile il dato è stato sostanzialmente in linea con quello dell'anno scorso. Dal 25 aprile, registriamo infine un certo stallo. Ma tutto considerato, al momento siamo ancora sopra del 15% ai livelli di 12 mesi fa. E per quanto riguarda Felix, stiamo persino performando sopra la media". A trainare il momento felice della Sardegna, c'è anche il ritorno della domanda dei tour operator internazionali, soprattutto di quelli tedeschi, che nel 2023 erano invece rimasti un po' sottotono. Altro fenomeno interessante riguarda la domanda domestica, che pare non più focalizzarsi esclusivamente sul mese di agosto: "I numeri degli italiani crescono dalla seconda metà di giugno (prima ci sono le elezioni) sino a tutto luglio. Il mese successivo rimangono in linea con il 2023, per poi riprendersi nuovamente da settembre. Si tratta di una tendenza significativa, visto che ad agosto il 90% della domanda è domestica, mentre per il resto della stagione il 51% degli ospiti è internazionale". Le tariffe, infine, sono un tema delicato per la stagione in arrivo: "Credo che più o meno si confermeranno i livelli dell'anno scorso - conclude Manca -. La questione riguarda soprattutto il mese di agosto. Bisogna capire quanto reggerà la domanda. E non è solo una questione economica. Gli ospiti cominciano a valutare alternative alle tradizionali settimane di picco anche a seguito del diffondersi dei sistemi di contingentamento delle entrate alle spiagge più famose della nostra isola: un fenomeno che inevitabilmente comporterà una redistribuzione del carico antropico". [post_title] => Felix Hotels: in arrivo presto un altro hotel in Sardegna [post_date] => 2024-05-14T11:56:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715687805000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467203 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => No, questa volta la questione femminile non c'entra. Piuttosto si tratta di uno sgarbo politico, questo sì. Ma il tema della parità di genere decisamente no. Troppo intelligente lei per crederlo davvero. Troppo sensibile il governatore della Toscana, Eugenio Giani, per aver anche solo pensato una cosa simile. Ma cosa è successo all'assemblea generale Federalberghi, per aver acceso ancora una volta il ministro Daniela Santanchè? Tema dell'evento organizzato dall'associazione degli albergatori quest'anno era il rapporto tra turismo e sport. Tra gli invitati, a succedersi sul palco del Principino Eventi di Viareggio, ecco allora l'ex allenatore della nazionale Marcello Lippi, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nonché i ministri dei dicasteri del Turismo e dello Sport, Daniela Santanchè e Andrea Abodi. A introdurre la conferenza, il padrone di casa, il governatore Giani, che ha salutato e ringraziato tutti i presenti. Tutti, tranne appunto Daniela Santanchè. Sgarbo istituzionale? Piccata dallo sgarbo istituzionale ecco quindi la reazione della ministra che ha trovato nella questione di genere la spiegazione della dimenticanza: "Ha salutato solo gli uomini. Ma nel nostro governo ci sono anche le donne. A cominciare dal presidente del Consiglio". Difficile davvero però pensare che Giani abbia commesso un errore simile. Piuttosto verrebbe da immaginare che lo abbia fatto perché in qualche modo riteneva poco opportuna la presenza di Daniela Santanché all'evento. Le notizie che circolano in questi giorni, relative al caso Visibilia, le conosciamo tutti. La presunzione di innocenza è certo sacra. E anzi noi ci auguriamo con tutto il cuore che l'eventuale equivoco si risolva presto. Però una questione di opportunità politica rimane. Opportunità di continuare a svolgere con serenità un incarico importante, come quello di ministro del Turismo, in un contesto di polemiche costanti. Non vorremmo in altre parole che la situazione contingente distraesse la ministra dai suoi compiti. Magari spingendola a confondere una platea di esperti di outgoing per campioni dell'incoming, come ha sfortunatamente fatto all'ultima convention di Welcome Travel. Massimiliano Sarti [post_title] => Ministro Santanchè questa volta la questione femminile non c'entra [post_date] => 2024-05-13T12:59:55+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715605195000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Pagare tutti per pagare meno". Sembra uno slogan da manifestazione di piazza. Invece è stato lanciato dal solitamente pacato Bernabò Bocca, in occasione della settantaquattresima assemblea nazionale di Federalberghi. Obiettivo degli strali del presidente dell'associazione una misura contenuta nell'ultima legge di bilancio: quella che, in occasione del Giubileo, consente ai comuni di incrementare imposta e contributo di soggiorno fino a due euro per notte, permettendo inoltre in via permanente di destinare il gettito così ottenuto a finanziare anche i costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. "Tutti i discorsi, i ragionamenti, le promesse vanno a finire qui - ha chiosato Bocca a Viareggio -: la nostra attività è vista come un bancomat da molti amministratori che non riescono a garantire equilibrio alla finanza locale". A chi ha la responsabilità di definire la politica nazionale, Federalberghi chiede quindi "di imporre una corretta disciplina di bilancio al territorio, anziché di fornirgli gli strumenti per peggiorare la situazione. Nel corso di una recente audizione, abbiamo sottolineato come, a nostro avviso, sarebbe più corretto finanziare le funzioni svolte dagli enti locali in campo turistico con modalità diverse dall’imposta di soggiorno, per esempio mediante la compartecipazione degli stessi enti locali al gettito Iva di tutte le attività produttive che traggono beneficio dall'economia turistica o tramite l’istituzione di una city tax (il riferimento, in questo caso, è a quanto già avviene  a New York, dove l'imposta di soggiorno è distribuita tra molte attività produttive della destinazione, ndr)". La ripresa c'è stata ma non per tutti: bene le città d'arte, meno le località balneari D'altronde, nonostante i dati provvisori Istat relativi al 2023 delineino una situazione in ripresa per i flussi turistici, che sono finalmente tornati sopra ai livelli pre-Covid, è altrettanto vero che "il ritorno dei grandi flussi turistici dal Nordamerica ha beneficiato soprattutto le destinazioni naturali per questo segmento di mercato: le nostre grandi città d’arte. Per contro, gli ormai consolidati problemi legati alla domanda interna, unitamente al recupero di appetibilità delle mete straniere per i turisti italiani, hanno determinato una performance delle nostre mete marine al di sotto delle aspettative". Non mancano quindi le preoccupazioni per il futuro dell'ospitalità: "Lo scenario politico internazionale, in primis: le guerre, le minacce di instabilità che in brevissimo tempo potrebbero riportarci a scenari catastrofici. Ma anche l’andamento economico generale e quello in particolare del nostro Paese, poiché la domanda interna, seppur in discesa, rappresenta pur sempre la metà del giro d’affari del settore. E poi la concorrenza, quella attuale e quella potenziale derivante anche dalle innovazioni tecnologiche, che hanno dimostrato in questi anni di poter avere effetti dirompenti sugli equilibri economici". Le richieste di Federalberghi Federalberghi ritiene perciò prioritaria "una riduzione della pressione fiscale, in particolare attraverso la diminuzione delle tasse sugli immobili, al fine di alleviare il carico sulle imprese, specialmente quando sono chiuse o operano a capacità ridotta; l’incentivazione degli investimenti, mediante il potenziamento del credito di imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive, con l'obiettivo di renderlo uno strumento strutturale e più efficace; la revisione delle norme obsolete che limitano la capacità degli alberghi di ampliare l'offerta, per esempio riguardo alla ristorazione per clienti non alloggiati, alla direttiva sui pacchetti turistici e alle concessioni demaniali prospicienti le strutture ricettive; il contrasto dell’abusivismo nel settore turistico, implementando misure efficaci per prevenire e reprimere pratiche illegali che danneggiano il mercato e compromettono la qualità dell'offerta turistica; il potenziamento infine e la modernizzazione delle reti e delle infrastrutture, al fine di garantire che l'intero territorio nazionale sia facilmente accessibile e fruibile, favorendo così lo sviluppo equilibrato del turismo in tutte le regioni". [post_title] => Bocca, Federalberghi: pagare tutti per pagare meno. Serve la city tax [post_date] => 2024-05-13T12:40:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715604018000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467052 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Subito dopo la partenza dalla Versilia della sesta tappa del Giro d’Italia, sono arrivati a Viareggio i delegati della settantaquattresima assemblea nazionale di Federalberghi, che si svolgerà dal 10 al 12 maggio. Si tratta di una felice coincidenza, che porta il mondo delle due ruote e il mondo del turismo a incrociare il proprio percorso a ridosso della ciclovia Puccini, che nel 2023 ha vinto l’Oscar italiano del cicloturismo. “Il cicloturismo - sottolinea il presidente dell'associazione legata a Confcommercio, Bernabò Bocca,  - è un universo molto ampio, che non è abitato solo da agonisti e cicloamatori, ma anche da pedalatori occasionali e semplici spettatori. Persone certamente diverse tra loro, ma tutte rese egualmente speciali dall’attenzione per uno stile di vita sostenibile, responsabile, inclusivo. La bicicletta può perciò costituire un potente strumento, grazie al quale integrare le opportunità già esistenti sul mercato o generare nuove proposte di viaggio”. A testimoniare lo stretto legame che intercorre tra turismo e ciclismo, nel corso dell’assemblea sarà quindi presentato in anteprima un manuale che offre all’albergatore informazioni e consigli utili per accogliere al meglio gli amici della bicicletta. “Federalberghi e il Centro di formazione management del terziario pongono questo lavoro al servizio delle imprese e delle destinazioni turistiche – conclude Bocca – con l’auspicio di aiutarle ad attirare nuovi clienti e, soprattutto, a soddisfare al meglio le esigenze dei propri ospiti”. A partire dal 15 maggio, i soci di Federalberghi potranno ottenere gratuitamente copia della versione e-book del manuale, facendone richiesta alle associazioni territoriali degli albergatori. [post_title] => Federalberghi pubblica un manuale per hotel bike-friendly [post_date] => 2024-05-10T10:01:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715335319000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466559 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Confcommercio La Spezia punta sul turismo esperienziale come chiave di volta per il futuro del territorio, guardando non solo alla Provincia della Spezia, ma a un’area vasta che coinvolge Liguria, Toscana, Piemonte ed Emilia Romagna. Per lavorare in tale direzione si è costituito ufficialmente il gruppo di lavoro di imprenditori, associati a Confcommercio La Spezia, che il 4 aprile scorso aveva deciso di presentarsi unito al primo workshop B2b sul turismo esperienziale, promosso da BITESP presso il Terminal Crociere. Il gruppo è suddiviso in macro settori di interesse i cui referenti sono: Mireille Duchamp, tour operator; Martina Riolino, ristoratrice e presidente del gruppo giovani FIPE Confcommercio, Giacomo Aguiari, gruppo nautica Confcommercio La Spezia; Valerio Beghè, albergatore e presidente di Federalberghi La Spezia; Riccardo Vernazzani, presidente Federalberghi Extra Confcommercio La Spezia; Massimo Conti, imprenditore turismo di lusso. L’obiettivo principale di questo nuovo gruppo di lavoro sarà la selezione di nuove eccellenze con il fine di produrre servizi per l’ospitalità offerta dalle strutture ricettive, oltre alla creazione e all’implementazione di nuove strategie di marketing. Tali strategie mirano a migliorare l’immagine del nostro territorio e ad attrarre flussi di turisti individuali e gruppi, privilegiando soggiorni prolungati. «Nei prossimi mesi - dichiarano gli imprenditori aderenti al gruppo della Confcommercio - ci impegneremo attivamente per mettere in pratica le idee emerse durante il workshop, collaborando con le altre realtà del territorio e con le istituzioni locali al fine di rendere La Spezia e tutti i comuni che fanno parte dell’area vasta una destinazione turistica sempre più attrattiva e inclusiva. Parteciperemo a importanti fiere internazionali promuovendo il nostro territorio e le sue esperienze uniche. Inoltre, sono in fase di progettazione e realizzazione una serie di iniziative volte a promuovere il nostro territorio come meta turistica di eccellenza». [post_title] => Confcommercio La Spezia, obiettivo promuovere il turismo esperienziale all'interno dell'Area Vasta [post_date] => 2024-05-02T10:27:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714645662000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466179 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per l'Osservatorio Emma Villas è record di prenotazioni per i weekend lunghi del 25 aprile e del 1° maggio che segnano un incremento nel numero delle prenotazioni delle ville del 76% sul 2022 (+44% sul 2023).  25 Aprile è il week end lungo più amato, con un aumento delle prenotazioni del +122% vs 2022 (e del +81% rispetto al 2023) battendo così il Primo Maggio, che registra un +48% rispetto alle prenotazioni del 2022 e del +21% rispetto al 2023. A scegliere la soluzione della villa di pregio sono gli italiani, ma spicca la presenza di turisti stranieri: primi in classifica gli olandesi, seguiti dagli statunitensi, polacchi (questi ultimi con un +144% di presenze sul 2023) e tedeschi. Le regioni con la crescita più marcata per questo periodo sono le Marche, Toscana e Sicilia, con una crescita rispettivamente del +120%, +61% e +45% di prenotazioni rispetto allo scorso anno. Emma Villas registra risultati positivi anche per quanto concerne il bilancio aziendale, che nel 2023 ha registrato ricavi in aumento del +15%, e con la recente acquisizione della società Marche Holiday Villas che ha portato a un incremento del portfolio di Emma Villas nelle Marche, regione molto richiesta dai turisti stranieri, di 23 proprietà in gestione esclusiva. In particolare, rispetto al 2022, le prenotazioni per ville e casali di pregio sono cresciute passando da 5.692 del 2022 a 6.015 nel 2023 (+5,7%), con un aumento anche del numero di settimane prenotate (passate da 7.390 del 2022 a 7.633 settimane nel 2023). «La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale per vivere esperienze uniche e autentiche anche per delle fughe dalla quotidianità, scelte sia dai nostri connazionali che dai turisti stranieri – afferma Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas – Un trend, quello della scelta di una dimora di pregio per le proprie vacanze, testimoniato anche dai nostri risultati in forte crescita, sia annuali che stagionali. Infatti, solo in questo periodo abbiamo registrato un +76% nel numero di prenotazioni rispetto al 2022, con picchi regionali di importante crescita. Rispetto allo scorso anno le regioni che per il periodo hanno registrato una crescita più marcata sono state le Marche, per le quali abbiamo assistito ad un +120% nel numero delle prenotazioni, ma anche la Toscana e la Sicilia. I dati registrati nelle Marche ci hanno spinto a confermare la strategia di crescita dell’azienda anche per linee esterne e ad acquisire la società Marche Holidays, operatore molto interessante del territorio che porta in dote 23 nuove proprietà di pregio in esclusiva nella regione».     [post_title] => Osservatorio Emma Villas, record di prenotazioni per i Ponti su Marche, Toscana e Sicilia [post_date] => 2024-04-26T08:37:57+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714120677000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "federalberghi il 522 italiani buono vacanza" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":49,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":229,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467678","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467679\" align=\"aligncenter\" width=\"512\"] Mangia's Brucoli, Sicily, Autograph Collection - Kaigan Sushi Bar[/caption]\r\n\r\nE’ online il nuovo Reportage firmato Mangia’s Resorts & Clubs. Un approfondimento per conoscere meglio i 13 resorts Mangia’s in Sicilia e in Sardegna, i valori che guidano il brand, gli eventi e le proposte gastronomiche.\r\n\r\nUn focus speciale è stato dedicato alla ristorazione. \r\n\r\nIl Mediterra è il ristorante del Mangia’s Brucoli, Sicily, del Mangia’s Santa Teresa Sardinia, del Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e del Mangia’s Favignana Resort. \r\n\r\n[caption id=\"attachment_467680\" align=\"aligncenter\" width=\"522\"] Mediterra[/caption]\r\n\r\nIl Donna Floriana Bistrot al Mangia’s Brucoli, Sicily, al Mangia’s Santa Teresa Sardinia, al Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e al Mangia’s Pollina Resort.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_467683\" align=\"aligncenter\" width=\"506\"] Donna Floriana Bistrot[/caption]\r\n\r\nLa pizzeria italiana Al Grano si trova invece al Mangia’s Brucoli Sicily, al Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e al Mangia’s Pollina Resort.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_467681\" align=\"aligncenter\" width=\"510\"] Pizzeria Al Grano[/caption]\r\n\r\nScausu Grill per gli amanti della o del pesce alla griglia, ma ideale anche per pasti vegetariani presente al Mangia’s Brucoli Sicily, al Mangia’s Pollina Resort e al Mangia’s Selinunte Resort.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_467682\" align=\"aligncenter\" width=\"497\"] Kaigan Sushi Bar[/caption]\r\n\r\nIl Kaigan Sushi Bar, per chi sceglie cibo giapponese si trova al Mangia’s Brucoli Sicily, al Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA e al Mangia’s Pollina Resort. \r\n\r\nScopri sul Reportage anche le attività sportive, le degustazioni ed gli eventi musicali.\r\n\r\nLeggi il Reportage","post_title":"L’autentica vacanza italiana firmata Mangia’s. Il nuovo Reportage","post_date":"2024-05-20T13:28:48+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["donna-floriana-bistrot","in-evidenza","kaigan-sushi-bar","mangias-brucoli","mangias-favignana-resort","mangias-pollina-resort","mangias-resorts-clubs","mangias-resorts-clubs-sicilia","mangias-santa-teresa-sardinia","mangias-selinunte-resort","mangias-torre-del-barone-resort-spa","mediterra-ristorante","pizzeria-al-grano","reportage-mangias-resorts-clubs","resort-mangias-resorts-clubs-sardegna","scausu-grill","sicily"],"post_tag_name":["donna floriana bistrot","In evidenza","kaigan sushi bar","Mangia’s Brucoli","Mangia’s Favignana Resort","Mangia’s Pollina Resort","Mangia’s Resorts & Clubs","Mangia’s Resorts & Clubs sicilia","Mangia’s Santa Teresa Sardinia","Mangia’s Selinunte Resort","Mangia’s Torre del Barone Resort & SPA","mediterra ristorante","pizzeria al grano","reportage Mangia’s Resorts & Clubs","resort Mangia’s Resorts & Clubs sardegna","scausu grill","Sicily"]},"sort":[1716211728000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fincantieri ha chiuso il primo trimestre dell'anno con ricavi stabili a 1.767 milioni di euro (+0,2% rispetto al 1 trimestre 2023). Carico di lavoro complessivo a livelli record pari a euro 39,3 miliardi, circa 5,1 volte i ricavi realizzati nel corso del 2023, a conferma di un forte sviluppo commerciale in tutte le aree di business con un soft backlog pari a 17,3 miliardi.\r\n\r\nL'Ebitda è pari a euro 100 milioni, in aumento anno su anno di circa il 16% (da 87 milioni). Ebitda margin al 5,7%, con un significativo miglioramento rispetto al 4,9% del primo trimestre 2023 e al 5,2% di fine 2023\r\n\r\nLa Posizione finanziaria netta (PFN) è negativa pari a euro 2.413 milioni, in deciso miglioramento rispetto al pari periodo 2023 (euro 2.922 milioni) e sostanzialmente in linea rispetto a euro 2.271 milioni a fine 2023.\r\n\r\nFincantieri conferma la guidance 2024, che vede ricavi a circa euro 8 miliardi, in crescita di circa il 4,5%, una marginalità intorno al 6% e in crescita di un punto percentuale rispetto al 2023 ed un rapporto di indebitamento","post_title":"Fincantieri: primo trimestre con ricavi stabili. Sale la redditività","post_date":"2024-05-17T09:37:09+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715938629000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467445","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In posizione strategica, sul lungomare che collega Portorose e Pirano, il St. Bernardin Resort Portorož è immerso in un parco di 25 ettari tra oleandri, palme, rosmarini, allori e altre piante mediterranee. Gli hotel del complesso sloveno anche quest’anno sono stati oggetto di lavori di ristrutturazione e ammodernamento e così rinnovano la propria offerta per la stagione 2024, puntando sempre su elevati standard di servizio, accompagnati dall’ospitalità slovena. La scelta delle strutture dove alloggiare spazia dal Grand Hotel Bernardin, all’hotel Histrion completamente ristrutturato, fino al rinnovato hotel Vile Park Premium e l’hotel Vile Park.\r\n\r\n«A partire dallo scorso ponte del 1° maggio la nuova offerta include già le ville rinnovate dell’hotel Vile Park. Nel 2023 abbiamo completato la ristrutturazione di 66 camere di Villa Galeja e della piscina scoperta, ispirandoci alle caratteristiche dell’Istria - dichiarano dalla direzione -. E nel 2024 proseguiremo con la ristrutturazione di Villa Ninfa e Villa Orada per un totale di 122 camere. La ristrutturazione delle ville segue il filo conduttore che aveva caratterizzato anche quella dell’hotel Histrion: le camere ripropongono i temi del mare, del sale, delle olive e della lavanda, ispirandosi dunque ai prodotti e alle tradizioni del luogo».\r\n\r\nTutti gli hotel del resort dispongono di spiagge attrezzate e ben curate, piscine esterne e coperte, centri wellness e un porto turistico. Inoltre la cucina istriana contaminata con quella mediterranea e i panorami mozzafiato sono il leit motiv che caratterizza l’offerta dei numerosi ristoranti e bar presenti nelle strutture. Dal Grand Restaurant con vista sul mare al ristorante Pečina con piatti prelibati e vini pregiati.\r\nIl St. Bernardin Resort Portorož punta quindi a diversi target. Con piscine, parchi giochi e mini club le strutture del Vile Park sono perfette per una vacanza in famiglia con bambini. E invece, in particolar modo il Grand Hotel Bernardin e l’hotel Histrion sono più adatti alle coppie che desiderano unire il relax in spiaggia a trattamenti benessere esclusivi della Paradise spa o del Wellness Benedicta. Le strutture del complesso sono molto richieste anche da gruppi di amici che amano vacanze active in bicicletta, alla scoperta del territorio e delle tradizioni locali. Per terminare poi la giornata rilassandosi presso il parco acquatico Termaris, immersi in piscine di acqua marina.\r\n\r\nCongressi e matrimoni\r\n\r\n\r\nAnche il settore mice si conferma un target importante per il resort. Il Grand Hotel Bernardin infatti ospita al proprio interno il più grande centro congressuale della Slovenia. Con la sua sala Europa in grado di ospitare fino a 1.100 partecipanti, è la location ideale per qualsiasi tipo di evento: congressi, seminari, presentazioni, sfilate di moda, serate di gala e molto altro ancora.\r\n\r\nSempre più spesso il grand hotel è scelto anche come location per matrimoni, sia da coloro che sognano un matrimonio romantico sulla spiaggia, sia da chi sogna un matrimonio più tradizionale in chiesa, grazie alla presenza della chiesetta di San Bernardino nella piazza davanti all’hotel Histrion che può essere utilizzata sia per celebrazioni religiose che civili.\r\n\r\nSostenibilità e servizi all'avanguardia\r\n\r\n\r\nPer i viaggiatori eco-sostenibili  il St. Bernardin ha presso ogni struttura stazioni di ricarica per veicoli elettrici. Servizio che ha contribuito a ottenere il certificato Slovenia Green, marchio che raccoglie le strutture turistiche sostenibili.\r\n\r\n«Da gennaio ad aprile 2024 abbiamo registrato presso le nostre strutture il 59% di ospiti di nazionalità straniera e il 41% di ospiti locali. E le prenotazioni per la stagione estiva mostrano un’occupazione molto buona, leggermente in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In questo scenario, il mercato italiano si conferma essere estremamente importante per noi, grazie anche alle positive collaborazioni con le agenzie di viaggio, gli operatori del settore, l’organizzazione turistica slovena, e l’ufficio di rappresentanza in Italia» hanno commentato dalla direzione del St. Bernardin Resort Portorož.\r\n\r\n[gallery ids=\"467450,467449,467452,467454,467453,467451\"]","post_title":"Active, sostenibilità e benessere: l'offerta del resort sloveno St. Bernardin per la stagione 2024","post_date":"2024-05-16T12:01:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["istria","istria-slovena"],"post_tag_name":["Istria","Istria Slovena"]},"sort":[1715860872000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467291","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' in arrivo a breve un nuovo hotel Felix Hotels in Sardegna. Le trattative sarebbero infatti alle battute finali, con l'annuncio ufficiale atteso a giorni. La new entry porterebbe a 500 le camere totali del gruppo e chiuderebbe la prima fase di sviluppo del business plan della compagnia. Poi si vedrà, ha dichiarato l'amministratore delegato Paolo Manca, a margine dell'assemblea generale Federalberghi di Viareggio.\r\n\r\n\"L'anno è partito fortissimo per la nostra regione, con incrementi nelle prenotazioni on-the-book di gennaio e febbraio fino al 25%-30% rispetto allo stesso periodo del 2023 - spiega lo stesso Manca, che è anche presidente regionale e vicepresidente nazionale Federalberghi -. Il tasso di crescita è calato un po' a marzo, mentre ad aprile il dato è stato sostanzialmente in linea con quello dell'anno scorso. Dal 25 aprile, registriamo infine un certo stallo. Ma tutto considerato, al momento siamo ancora sopra del 15% ai livelli di 12 mesi fa. E per quanto riguarda Felix, stiamo persino performando sopra la media\".\r\n\r\nA trainare il momento felice della Sardegna, c'è anche il ritorno della domanda dei tour operator internazionali, soprattutto di quelli tedeschi, che nel 2023 erano invece rimasti un po' sottotono. Altro fenomeno interessante riguarda la domanda domestica, che pare non più focalizzarsi esclusivamente sul mese di agosto: \"I numeri degli italiani crescono dalla seconda metà di giugno (prima ci sono le elezioni) sino a tutto luglio. Il mese successivo rimangono in linea con il 2023, per poi riprendersi nuovamente da settembre. Si tratta di una tendenza significativa, visto che ad agosto il 90% della domanda è domestica, mentre per il resto della stagione il 51% degli ospiti è internazionale\".\r\n\r\nLe tariffe, infine, sono un tema delicato per la stagione in arrivo: \"Credo che più o meno si confermeranno i livelli dell'anno scorso - conclude Manca -. La questione riguarda soprattutto il mese di agosto. Bisogna capire quanto reggerà la domanda. E non è solo una questione economica. Gli ospiti cominciano a valutare alternative alle tradizionali settimane di picco anche a seguito del diffondersi dei sistemi di contingentamento delle entrate alle spiagge più famose della nostra isola: un fenomeno che inevitabilmente comporterà una redistribuzione del carico antropico\".","post_title":"Felix Hotels: in arrivo presto un altro hotel in Sardegna","post_date":"2024-05-14T11:56:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715687805000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467203","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"No, questa volta la questione femminile non c'entra. Piuttosto si tratta di uno sgarbo politico, questo sì. Ma il tema della parità di genere decisamente no.\r\n\r\nTroppo intelligente lei per crederlo davvero. Troppo sensibile il governatore della Toscana, Eugenio Giani, per aver anche solo pensato una cosa simile. Ma cosa è successo all'assemblea generale Federalberghi, per aver acceso ancora una volta il ministro Daniela Santanchè?\r\n\r\nTema dell'evento organizzato dall'associazione degli albergatori quest'anno era il rapporto tra turismo e sport. Tra gli invitati, a succedersi sul palco del Principino Eventi di Viareggio, ecco allora l'ex allenatore della nazionale Marcello Lippi, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nonché i ministri dei dicasteri del Turismo e dello Sport, Daniela Santanchè e Andrea Abodi. A introdurre la conferenza, il padrone di casa, il governatore Giani, che ha salutato e ringraziato tutti i presenti. Tutti, tranne appunto Daniela Santanchè.\r\nSgarbo istituzionale?\r\nPiccata dallo sgarbo istituzionale ecco quindi la reazione della ministra che ha trovato nella questione di genere la spiegazione della dimenticanza: \"Ha salutato solo gli uomini. Ma nel nostro governo ci sono anche le donne. A cominciare dal presidente del Consiglio\".\r\n\r\nDifficile davvero però pensare che Giani abbia commesso un errore simile. Piuttosto verrebbe da immaginare che lo abbia fatto perché in qualche modo riteneva poco opportuna la presenza di Daniela Santanché all'evento. Le notizie che circolano in questi giorni, relative al caso Visibilia, le conosciamo tutti. La presunzione di innocenza è certo sacra. E anzi noi ci auguriamo con tutto il cuore che l'eventuale equivoco si risolva presto.\r\n\r\nPerò una questione di opportunità politica rimane. Opportunità di continuare a svolgere con serenità un incarico importante, come quello di ministro del Turismo, in un contesto di polemiche costanti. Non vorremmo in altre parole che la situazione contingente distraesse la ministra dai suoi compiti. Magari spingendola a confondere una platea di esperti di outgoing per campioni dell'incoming, come ha sfortunatamente fatto all'ultima convention di Welcome Travel.\r\n\r\nMassimiliano Sarti","post_title":"Ministro Santanchè questa volta la questione femminile non c'entra","post_date":"2024-05-13T12:59:55+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1715605195000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467187","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Pagare tutti per pagare meno\". Sembra uno slogan da manifestazione di piazza. Invece è stato lanciato dal solitamente pacato Bernabò Bocca, in occasione della settantaquattresima assemblea nazionale di Federalberghi. Obiettivo degli strali del presidente dell'associazione una misura contenuta nell'ultima legge di bilancio: quella che, in occasione del Giubileo, consente ai comuni di incrementare imposta e contributo di soggiorno fino a due euro per notte, permettendo inoltre in via permanente di destinare il gettito così ottenuto a finanziare anche i costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. \"Tutti i discorsi, i ragionamenti, le promesse vanno a finire qui - ha chiosato Bocca a Viareggio -: la nostra attività è vista come un bancomat da molti amministratori che non riescono a garantire equilibrio alla finanza locale\".\r\n\r\nA chi ha la responsabilità di definire la politica nazionale, Federalberghi chiede quindi \"di imporre una corretta disciplina di bilancio al territorio, anziché di fornirgli gli strumenti per peggiorare la situazione. Nel corso di una recente audizione, abbiamo sottolineato come, a nostro avviso, sarebbe più corretto finanziare le funzioni svolte dagli enti locali in campo turistico con modalità diverse dall’imposta di soggiorno, per esempio mediante la compartecipazione degli stessi enti locali al gettito Iva di tutte le attività produttive che traggono beneficio dall'economia turistica o tramite l’istituzione di una city tax (il riferimento, in questo caso, è a quanto già avviene  a New York, dove l'imposta di soggiorno è distribuita tra molte attività produttive della destinazione, ndr)\".\r\n\r\nLa ripresa c'è stata ma non per tutti: bene le città d'arte, meno le località balneari\r\n\r\nD'altronde, nonostante i dati provvisori Istat relativi al 2023 delineino una situazione in ripresa per i flussi turistici, che sono finalmente tornati sopra ai livelli pre-Covid, è altrettanto vero che \"il ritorno dei grandi flussi turistici dal Nordamerica ha beneficiato soprattutto le destinazioni naturali per questo segmento di mercato: le nostre grandi città d’arte. Per contro, gli ormai consolidati problemi legati alla domanda interna, unitamente al recupero di appetibilità delle mete straniere per i turisti italiani, hanno determinato una performance delle nostre mete marine al di sotto delle aspettative\".\r\n\r\nNon mancano quindi le preoccupazioni per il futuro dell'ospitalità: \"Lo scenario politico internazionale, in primis: le guerre, le minacce di instabilità che in brevissimo tempo potrebbero riportarci a scenari catastrofici. Ma anche l’andamento economico generale e quello in particolare del nostro Paese, poiché la domanda interna, seppur in discesa, rappresenta pur sempre la metà del giro d’affari del settore. E poi la concorrenza, quella attuale e quella potenziale derivante anche dalle innovazioni tecnologiche, che hanno dimostrato in questi anni di poter avere effetti dirompenti sugli equilibri economici\".\r\n\r\nLe richieste di Federalberghi\r\n\r\nFederalberghi ritiene perciò prioritaria \"una riduzione della pressione fiscale, in particolare attraverso la diminuzione delle tasse sugli immobili, al fine di alleviare il carico sulle imprese, specialmente quando sono chiuse o operano a capacità ridotta; l’incentivazione degli investimenti, mediante il potenziamento del credito di imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive, con l'obiettivo di renderlo uno strumento strutturale e più efficace; la revisione delle norme obsolete che limitano la capacità degli alberghi di ampliare l'offerta, per esempio riguardo alla ristorazione per clienti non alloggiati, alla direttiva sui pacchetti turistici e alle concessioni demaniali prospicienti le strutture ricettive; il contrasto dell’abusivismo nel settore turistico, implementando misure efficaci per prevenire e reprimere pratiche illegali che danneggiano il mercato e compromettono la qualità dell'offerta turistica; il potenziamento infine e la modernizzazione delle reti e delle infrastrutture, al fine di garantire che l'intero territorio nazionale sia facilmente accessibile e fruibile, favorendo così lo sviluppo equilibrato del turismo in tutte le regioni\".","post_title":"Bocca, Federalberghi: pagare tutti per pagare meno. Serve la city tax","post_date":"2024-05-13T12:40:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715604018000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467052","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Subito dopo la partenza dalla Versilia della sesta tappa del Giro d’Italia, sono arrivati a Viareggio i delegati della settantaquattresima assemblea nazionale di Federalberghi, che si svolgerà dal 10 al 12 maggio. Si tratta di una felice coincidenza, che porta il mondo delle due ruote e il mondo del turismo a incrociare il proprio percorso a ridosso della ciclovia Puccini, che nel 2023 ha vinto l’Oscar italiano del cicloturismo.\r\n\r\n“Il cicloturismo - sottolinea il presidente dell'associazione legata a Confcommercio, Bernabò Bocca,  - è un universo molto ampio, che non è abitato solo da agonisti e cicloamatori, ma anche da pedalatori occasionali e semplici spettatori. Persone certamente diverse tra loro, ma tutte rese egualmente speciali dall’attenzione per uno stile di vita sostenibile, responsabile, inclusivo. La bicicletta può perciò costituire un potente strumento, grazie al quale integrare le opportunità già esistenti sul mercato o generare nuove proposte di viaggio”.\r\n\r\nA testimoniare lo stretto legame che intercorre tra turismo e ciclismo, nel corso dell’assemblea sarà quindi presentato in anteprima un manuale che offre all’albergatore informazioni e consigli utili per accogliere al meglio gli amici della bicicletta. “Federalberghi e il Centro di formazione management del terziario pongono questo lavoro al servizio delle imprese e delle destinazioni turistiche – conclude Bocca – con l’auspicio di aiutarle ad attirare nuovi clienti e, soprattutto, a soddisfare al meglio le esigenze dei propri ospiti”. A partire dal 15 maggio, i soci di Federalberghi potranno ottenere gratuitamente copia della versione e-book del manuale, facendone richiesta alle associazioni territoriali degli albergatori.","post_title":"Federalberghi pubblica un manuale per hotel bike-friendly","post_date":"2024-05-10T10:01:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715335319000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466559","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Confcommercio La Spezia punta sul turismo esperienziale come chiave di volta per il futuro del territorio, guardando non solo alla Provincia della Spezia, ma a un’area vasta che coinvolge Liguria, Toscana, Piemonte ed Emilia Romagna. Per lavorare in tale direzione si è costituito ufficialmente il gruppo di lavoro di imprenditori, associati a Confcommercio La Spezia, che il 4 aprile scorso aveva deciso di presentarsi unito al primo workshop B2b sul turismo esperienziale, promosso da BITESP presso il Terminal Crociere.\r\n\r\nIl gruppo è suddiviso in macro settori di interesse i cui referenti sono: Mireille Duchamp, tour operator; Martina Riolino, ristoratrice e presidente del gruppo giovani FIPE Confcommercio, Giacomo Aguiari, gruppo nautica Confcommercio La Spezia; Valerio Beghè, albergatore e presidente di Federalberghi La Spezia; Riccardo Vernazzani, presidente Federalberghi Extra Confcommercio La Spezia; Massimo Conti, imprenditore turismo di lusso.\r\n\r\nL’obiettivo principale di questo nuovo gruppo di lavoro sarà la selezione di nuove eccellenze con il fine di produrre servizi per l’ospitalità offerta dalle strutture ricettive, oltre alla creazione e all’implementazione di nuove strategie di marketing. Tali strategie mirano a migliorare l’immagine del nostro territorio e ad attrarre flussi di turisti individuali e gruppi, privilegiando soggiorni prolungati.\r\n\r\n«Nei prossimi mesi - dichiarano gli imprenditori aderenti al gruppo della Confcommercio - ci impegneremo attivamente per mettere in pratica le idee emerse durante il workshop, collaborando con le altre realtà del territorio e con le istituzioni locali al fine di rendere La Spezia e tutti i comuni che fanno parte dell’area vasta una destinazione turistica sempre più attrattiva e inclusiva. Parteciperemo a importanti fiere internazionali promuovendo il nostro territorio e le sue esperienze uniche. Inoltre, sono in fase di progettazione e realizzazione una serie di iniziative volte a promuovere il nostro territorio come meta turistica di eccellenza».","post_title":"Confcommercio La Spezia, obiettivo promuovere il turismo esperienziale all'interno dell'Area Vasta","post_date":"2024-05-02T10:27:42+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1714645662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466179","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per l'Osservatorio Emma Villas è record di prenotazioni per i weekend lunghi del 25 aprile e del 1° maggio che segnano un incremento nel numero delle prenotazioni delle ville del 76% sul 2022 (+44% sul 2023).  25 Aprile è il week end lungo più amato, con un aumento delle prenotazioni del +122% vs 2022 (e del +81% rispetto al 2023) battendo così il Primo Maggio, che registra un +48% rispetto alle prenotazioni del 2022 e del +21% rispetto al 2023.\r\n\r\nA scegliere la soluzione della villa di pregio sono gli italiani, ma spicca la presenza di turisti stranieri: primi in classifica gli olandesi, seguiti dagli statunitensi, polacchi (questi ultimi con un +144% di presenze sul 2023) e tedeschi. Le regioni con la crescita più marcata per questo periodo sono le Marche, Toscana e Sicilia, con una crescita rispettivamente del +120%, +61% e +45% di prenotazioni rispetto allo scorso anno.\r\n\r\nEmma Villas registra risultati positivi anche per quanto concerne il bilancio aziendale, che nel 2023 ha registrato ricavi in aumento del +15%, e con la recente acquisizione della società Marche Holiday Villas che ha portato a un incremento del portfolio di Emma Villas nelle Marche, regione molto richiesta dai turisti stranieri, di 23 proprietà in gestione esclusiva. In particolare, rispetto al 2022, le prenotazioni per ville e casali di pregio sono cresciute passando da 5.692 del 2022 a 6.015 nel 2023 (+5,7%), con un aumento anche del numero di settimane prenotate (passate da 7.390 del 2022 a 7.633 settimane nel 2023).\r\n\r\n«La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale per vivere esperienze uniche e autentiche anche per delle fughe dalla quotidianità, scelte sia dai nostri connazionali che dai turisti stranieri – afferma Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas – Un trend, quello della scelta di una dimora di pregio per le proprie vacanze, testimoniato anche dai nostri risultati in forte crescita, sia annuali che stagionali. Infatti, solo in questo periodo abbiamo registrato un +76% nel numero di prenotazioni rispetto al 2022, con picchi regionali di importante crescita. Rispetto allo scorso anno le regioni che per il periodo hanno registrato una crescita più marcata sono state le Marche, per le quali abbiamo assistito ad un +120% nel numero delle prenotazioni, ma anche la Toscana e la Sicilia. I dati registrati nelle Marche ci hanno spinto a confermare la strategia di crescita dell’azienda anche per linee esterne e ad acquisire la società Marche Holidays, operatore molto interessante del territorio che porta in dote 23 nuove proprietà di pregio in esclusiva nella regione».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Osservatorio Emma Villas, record di prenotazioni per i Ponti su Marche, Toscana e Sicilia","post_date":"2024-04-26T08:37:57+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1714120677000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti