9 December 2022

direzione tecnica ofresi

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: grecchim@hotmail.com
Provincia: • 
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Direzione tecnica agenzia viaggi milano e lombardia offresi. disponibilità’ immediata.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435607 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Milano Malpensa è il primo aeroporto in Italia a introdurre la nuova procedura di Fast Transfer Doganale – obiettivo del Fast Transfer è quello di snellire, delocalizzando e automatizzando il processo di trasferimento della merce in arrivo da un Paese extra-Ue, i tempi di giacenza, permettendo al proprietario o responsabile della merce di spostare la merce dall’hub aeroportuale di arrivo ad altro luogo di sdoganamento esterno, ottimizzando i tempi, i costi di giacenza e la logistica di magazzino.   “L’aeroporto di Milano Malpensa è il primo scalo merci italiano dove viene applicata la nuova procedura di Fast Transfer Doganale – ha dichiarato Paolo Dallanoce, Head of Cargo Management di Sea Aeroporti di Milano – Una rivoluzione digitale sviluppata insieme all’Agenzia delle Dogane che permette una gestione dei flussi di merce in import più efficiente, veloce, integrata e digitalizzata, incrementando così la capacità di ricezione della merce per rendere lo scalo di Malpensa più attrattivo e competitivo a livello internazionale”. "In ambito del programma di digitalizzazione aeroporti vede luce una prima linea di lavoro che fa da apripista verso una digitalizzazione volta a semplificare e velocizzare i processi di sdoganamento e movimentazione delle merci - ha precisato Laura Castellani, direttore della Direzione Centrale Organizzazione e Digital Transformation Adm -. Tutti i processi disegnati e realizzati da ADM, in collaborazione con il partner tecnologico Sogei, prevedono sistemi perfettamente integrati con quelli degli stackeholder e delle amministrazioni coinvolte.  [post_title] => Malpensa è il primo aeroporto in Italia a introdurre il 'Fast transfer' per le merci [post_date] => 2022-12-09T09:55:06+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670579706000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435542 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_411317" align="alignleft" width="300"] Valentina Corrado, assessore turismo, regione lazio[/caption] Prorogata fino al 15 marzo 2023 «Più notti, più sogni. + Experience», l’iniziativa promossa dall’assessorato al turismo della regione Lazio che offre, a chi sceglie di trascorrere le proprie vacanze nel Lazio, fino a due notti gratuite e forti sconti su diverse attività per vivere un’esperienza di viaggio a 360 gradi Con la misura, la regione regala - a tutti i turisti italiani e stranieri, nonché ai residenti del Lazio - un pernottamento in più, se ne vengono prenotati e utilizzati due o tre nella stessa struttura ricettiva, o due notti di soggiorno in più, se ne vengono prenotate e utilizzate cinque. Inoltre, viene offerta la possibilità di vivere un'esperienza di viaggio unica e personalizzata, attraverso le experience, attività e servizi turistici, i cui costi sono finanziati in modo rilevante dalla nostra Regione generando uno sconto significativo ai viaggiatori. “La risposta positiva dei turisti rispetto all’iniziativa che ho voluto promuovere «Più notti, più sogni. + Experience» ci ha spinti a prorogare la misura così da favorire gli arrivi e la permanenza dei viaggiatori nell’imminente periodo natalizio e invernale, stimolando la destagionalizzazione dei flussi” - ha dichiarato Valentina Corrado, assessore al turismo ed enti locali della regione Lazio. “Il comparto turistico sta registrando una notevole ripresa e, come emerso durante l’evento «Trentennale dell’Ente Bilaterale Turismo del Lazio», gli esercizi ricettivi di Roma Capitale hanno registrato oltre 27milioni di presenze nel periodo gennaio-ottobre 2022. Inoltre, come risultato da una ricerca condotta da GPF su un campione di 600 strutture ricettive presenti nel Lazio, è stato rilevato un incremento di pernottamenti di circa 253% nel periodo agosto-settembre 2022 rispetto all’anno precedente; quest’ultimo è un dato fortemente incoraggiante, considerando che - secondo dati Istat - l’Italia ha registrato una variazione positiva del 75% nello stesso periodo». «Con l’estensione di questa misura continuiamo a rilanciare la nostra regione come destinazione turistica seguendo una linea programmatica tesa a contrastare l’overtourism - e quindi il sovraffollamento turistico - che risulta dannoso tanto per l’ambiente quanto per i cittadini, nonché a offrire un sostegno reale e un’ulteriore boccata d’aria ai nostri operatori, fortemente colpiti dalla crisi pandemica, e che corrono nuovi rischi a causa della crisi energetica, anche in un periodo in cui tendenzialmente si registrano presenze meno cospicue. Il Lazio, vantando mete turistiche caratterizzate da straordinari fattori attrattivi, è un’eterna scoperta di meraviglie che abbracciano Roma. Realizzare simili iniziative di rilancio di portata internazionale, affiancandole ad importanti attività di promozione e comunicazione, significa credere nel potenziale del territorio e continuare a voler affermare l’industria turistica e il suo indotto come volano di crescita economica. Ringrazio tutte le associazioni di categoria, le strutture ricettive, agenzie di viaggi e tour operator aderenti, la Direzione regionale del Turismo e Lazio Crea per il costante impegno nel lavoro realizzato congiuntamente” - ha concluso Corrado. [post_title] => Lazio: allungata la proposta "Più notti, più sogni. + Experience" [post_date] => 2022-12-09T09:18:26+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670577506000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435528 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alla riunione dell'Ectaa a Salonicco, le associazioni nazionali, i tour operator e le agenzie di viaggio hanno espresso gravi preoccupazioni sulla direzione delle misure legislative prese in considerazione dalla Commissione europea. In effetti, la Commissione europea sta attualmente conducendo consultazioni in vista della revisione della direttiva sui pacchetti turistici e del miglioramento dei diritti dei passeggeri. Tuttavia, le opzioni in esame mostrano uno scarso allineamento tra le misure imposte ai tour operator e quelle alle compagnie aeree. Il Commissario Reynders, il cui portafoglio comprende la protezione dei consumatori, ha chiaramente espresso l'intenzione di limitare i pagamenti anticipati ai tour operator e agenzie di viaggio nella revisione della direttiva sui pacchetti turistici. Tuttavia, non vi è alcun interesse apparente a limitare i pagamenti anticipati alle compagnie aeree nell'ambito della revisione dei diritti dei passeggeri, che è di competenza del Commissario Valean. Due pesi e due misure Ciò sta dimostrando un'ovvia mancanza di comprensione su come funziona l'industria dei viaggi. I tour operator non trattengono i soldi dei clienti; devono pagare i loro fornitori, in particolare le compagnie aeree, che nella maggior parte dei casi richiedono il pagamento anticipato per intero. Allo stesso modo, mentre la Commissione sta valutando di regolamentare ulteriormente la protezione in caso di insolvenza degli organizzatori di pacchetti, non ci sono opzioni concrete in esame per regolamentare efficacemente la protezione in caso di insolvenza delle compagnie aeree, nonostante la raccomandazione della Corte dei conti europea del giugno 2021 di estendere la protezione in caso di insolvenza offerta dalla direttiva sui pacchetti turistici, compresi i costi di rimpatrio, alle compagnie aeree ai sensi del regolamento 261/2004. Frank Oostdam, presidente di Ectaa, ha dichiarato: «Limitare i pagamenti anticipati e imporre la protezione dall'insolvenza solo su una parte della catena del valore a scapito delle agenzie e dei tour operator, che sono per lo più pmi, li spingerà fuori dal mercato. Priverà i consumatori di un prodotto di viaggio essenziale, poiché i pacchetti turistici offrono un elevato livello di protezione - ha aggiunto -. Invitiamo i Commissari Reynders e Valean ad allineare le misure attraverso l'intera catena del valore dei viaggi, se il loro obiettivo è davvero migliorare la protezione dei consumatori». [post_title] => Ectaa contro la limitazione dei depositi cauzionali voluti dall'Europa [post_date] => 2022-12-09T08:35:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670574928000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435491 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Genova è stata designata European Capital of Christmas (insieme alla spagnola San Sebastian): i giurati che hanno votato all’unanimità le città vincitrici di questa edizione del Premio, hanno espresso grande apprezzamento «per l’alto livello tecnico dei progetti presentati, per le proposte e l'impegno nel perseguire i valori europei del Natale, un momento di speciale significato in cui si rivelano i valori profondi dell'integrazione, della tolleranza, della convivenza e della pace che sono al centro e all'origine del progetto europeo». La designazione verrà celebrata il 12 dicembre con un collegamento con San Sebastian, l’altra Capitale 2022, attraverso un maxischermo che resterà attivo per tutte le Feste, e con un concerto di Beppe Barra; mentre il 17 dicembre avrà luogo la cerimonia istituzionale di lancio della Capitale del Natale 2023, annunciata alla presenza dei rappresentanti dell’Award, delle delegazioni della città di San Sebastian e della Commissione che ha valutato le candidature, con il Patrocinio del Parlamento Europeo. Nel 2022 la città offrirà quindi un’immersione nel più autentico spirito natalizio, anche grazie alle sue suggestive tradizioni. Appuntamento fondamentale l’8 dicembre, con l’accensione del grande Albero di Natale a Piazza De Ferrari, accompagnata da una giornata di festa, esibizioni, musica e luci. Tra le tradizioni più particolari e tipicamente genovesi c’è il Confeugo, rito dall’origine molto antica, che si celebra il sabato che precede il Natale (nel 2022 il 17 dicembre). Un aspetto affascinante e poco noto del Natale genovese riguarda il presepe: Genova dalla prima metà del XVI secolo fino ai primi decenni del XIX secolo ha rivaleggiato con Napoli nella produzione di figure e sculture dedicate alla Natività Molto particolari i presepi del Settecento, con figurine di legno vestite di preziosi abiti d’epoca. Abili intagliatori hanno creato opere d’arte che si possono ammirare ancora oggi, ad esempio presso il santuario di Nostra Signora Assunta di Carbonara detto “della Madonnetta”, che ospita un presepe popolato da espressivi personaggi, popolani e soldati, contadini e mercanti e reso speciale dal fondale che riproduce scorci di Genova. Il Museo dei Beni Culturali Cappuccini propone una affascinante mostra che va dalle statuine sette-ottocentesche ai tipici “macachi” di Albisola, alle statuine in carta incollata tipiche dell’entroterra ligure, oltre al suo storico presepe meccanico, realizzato da Franco Curti ad inizio Novecento: sette motori azionano oltre 150 personaggi che si animano tra musica e luci. Molti altri Presepi storici di grande bellezza vengono allestiti in chiese e oratori nel periodo di Natale e potranno essere visitati nei giorni di festa, anche con itinerari condotti da guide turistiche. Ai grandi eventi e agli appuntamenti tradizionali si aggiungono le sorprese dei suggestivi mercatini natalizi in tutta la città, a partire da quello tradizionale di San Nicola, all’insegna della solidarietà, e dal suggestivo Mercatale, attorno a Piazza De Ferrari. Senza dimenticare il villaggio di Babbo Natale a Cornigliano, meta imperdibile per i bimbi, e tanti appuntamenti a cura dei Municipi e dei CIV in tutta la città. Culmine degli eventi per le Feste sarà il grande Capodanno di Piazza De Ferrari, con musica ed artisti di rilievo, che verrà trasmesso in diretta nazionale da Canale 5. Sono inoltre previste altre due serate di festa per il 29 e 30 dicembre al Porto Antico. Il Capodanno si potrà festeggiare anche nei Palazzi dei Rolli, patrimonio UNESCO, che si affacciano lungo la splendida Strada Nuova, oggi Via Garibaldi, cuore del centro storico genovese. Via Garibaldi ospiterà inoltre “Liguria Transatlantica festival” con uno spettacolo di musica, tra arte e djset, e brindisi finale a Palazzo Tursi. L’amore per Genova di Rubens, protagonista delle proposte culturali genovesi del 2022/2023, verrà celebrato anche con la nuova edizione di “Le Chiese dei Palazzi dei Rolli”, il ciclo di visite guidate condotte dai Divulgatori Scientifici che dal 5 all’8 gennaio, come ogni anno esplorano le più fastose chiese genovesi. Musica di qualità scandirà le Feste dal Teatro Carlo Felice, con un “Concerto di Natale” sabato 17 dicembre, il Concerto “Mozart l’Italiano” domenica 18 dicembre, “Die Fledermaus”, la più celebre operetta di Johann Strauss (31 dicembre 2022 – 1 Gennaio 2023), e il “Concerto di Capodanno” presso Basilica Santissima Annunziata del Vastato di Genova (31 dicembre). Per tutto il periodo delle Feste, un densissimo calendario di visite guidate a tema permetterà ai visitatori e ai genovesi di esplorare in ogni aspetto le tradizioni e l’arte ispirati al periodo, per immergersi fino in fondo nel clima della Capitale Europea del Natale. E poi c’è la ricchissima offerta di mostre nei Musei genovesi. A Palazzo Ducale “Rubens a Genova”, a 400 anni dalla pubblicazione del libro del fiammingo “I Palazzi di Genova”; il mondo fatato di “Disney - L’arte di raccontare storie senza tempo”, e le fotografie di “Sabine Weiss – La poesia dell’istante”.   [post_title] => Genova Capitale Europea del Natale, eventi, spettacoli e tradizioni [post_date] => 2022-12-07T11:17:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670411841000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435535 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina finalmente l'apertura del tanto atteso Hilton Rome Eur la Lama, prevista per il prossimo gennaio, e cominciano a essere svelati alcuni dettagli dei suoi interni. Dietro i 130 metri di vetro nero trasparente, che si sviluppa in altezza per 16 piani e con una fiancata elegante e sottile, si cela infatti la nuova struttura capitolina: spazi regolari e al tempo stesso maestosi, caratterizzati dalle forme semplici e lineari che l’architetto Fuksas ha riportato anche all’interno, dove la storia di Roma e la forte connotazione contemporanea hanno dato vita al concept dell’interior design curato dallo studio Lorenzo Bellini. La grande hall, affacciata su viale Europa, darà il benvenuto agli ospiti in tutta la sua imponenza: lo sguardo si perde fino al sedicesimo piano, un immenso volume vuoto alto 60 metri, su cui affacciano i ballatoi dei piani come fossero sospesi, tutto da ammirare anche dai sei ascensori panoramici in vetro. Ai diversi piani, la luce radente colpisce le pareti in tinta carta da zucchero e la moquette realizzata a bande intrecciate di colori alterni, creando un effetto di luce indiretta molto riposante. Gli ingressi delle camere sono scanditi da carabottini appositamente disegnati, realizzati in essenza di noce americano, con un pattern a intreccio che omaggia il design italiano dei primi del Novecento; gli imbotti delle porte, anche queste in essenza noce americano fiammato, sono stai pensati e realizzati in metallo nero opaco e la lamiera forata scandisce i numeri delle camere dei diversi piani, grazie a un sistema di retroilluminazione. Nella progettazione delle 439 camere è stata privilegiata la forte trasparenza tra gli ambienti. L’obiettivo è rendere il più possibile permeabili le aree interne, enfatizzando la forte comunicazione tra camera da letto e bagno, creando in un unico ambiente una soluzione di continuità tra l’esterno che permea dalle grandi vetrate e l’interno del comfort domestico. Il colore è il leit motiv di tutte le stanze dell’Hilton Rome Eur La Lama, guidando la definizione degli ambienti, con richiami policromi agli affreschi pompeiani e alle scale cromatiche della pittura dei grandi maestri italiani del secolo scorso (Sironi, Donghi, Campigli, Casorati e molti altri), secondo il metodo cromatico del color block: è la più antica tecnica di abbinamento cromatico, che combina un attento utilizzo di singoli colori in diverse tonalità, miscelandoli in contrasto tra loro in un ensemble armonioso e unico; un linguaggio compositivo che prende le mosse dal mondo dell’arte classica con gli affreschi pompeiani, passando attraverso le sacre rappresentazioni medievali, per raggiungere la sua massima espressione nell’arte contemporanea della prima metà del Novecento. Al piano terra, lo spazio della hall è la zona di filtro che permette di accedere a tutti gli ambienti comuni: proprio di fronte all’ingresso si nota il lounge bar, dall’atmosfera calda e conviviale, grazie ai toni caldi del parquet a spina ungherese in noce scuro e alla scatola blu notte delle pareti e del soffitto, realizzato in cassettoni e tempestato di sfere luminose cristalline dalle sfumature ocra e bronzo. All’interno del lounge la Library, uno spazio caratterizzato da una grande libreria lignea in finitura nera, che crea una parziale divisione tra gli ambienti e accompagna l’ospite verso il ristorante: da un portale in marmo nero marquinia si accede all’ambiente dal colore verde profondo, con soffitto a cassettoni e sfere luminose cristalline in ocra e bronzo, con un imponente pavimento realizzato in un gioco di sei marmi spinati posati sfalzati. Importante, l’area dedicata a riunioni ed eventi, con business center, executive lounge e sale modulari dotate delle più moderne tecnologie: dal lato opposto del ristorante, passando per la hall, si attraversano nuovi spazi comuni, primo fra tutti il grande disimpegno della scala monumentale a sbalzo rivestita in marmo verde Alpi, che collega il piano terra al foyer del piano sottostante e alle quattro meeting room affacciate sul dehor della Nuvola, da ammirare grazie alle ampie vetrate. Al piano inferiore, il foyer del centro congressi è caratterizzato da un pavimento a bande rigate con posa diagonal, con effetto marmo verde e bianco. Al quindicesimo piano, infine, la sorpresa di un ristorante con bar, in fase di realizzazione, con vista a perdita d’occhio e, dall’altro lato, la spa con fitness center e una terrazza. [post_title] => I primi dettagli degli interni del nuovo Hilton Rome Eur la Lama [post_date] => 2022-12-07T09:30:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670405412000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435481 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_338791" align="alignleft" width="300"] Andrea Incondi[/caption] In vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio. L’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente. Grazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima. Grazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km. Con «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia. Così, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa. «La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia. Le scelte personali contano Nonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque. Ciononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose. La ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti. Iniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più. Del resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale. [post_title] => Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas [post_date] => 2022-12-06T10:37:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670323040000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un fam trip per entrare in sintonia con la destinazione e apprezzare la varietà di programmi e la  qualità dei servizi offerti: guide, trasporti, ristorazione e hotels. A chiusura di un anno di forte ripresa, Kuda Tour Operator ha ospitato in Marocco un selezionato numero di agenti provenienti da varie regioni italiane. Dal 24 al 29 novembre 2022, l'itinerario si è sviluppato tra Casablanca, Rabat e Marrakech "ed è stato impreziosito da esperienze accolte con grande interesse ed entusiasmo da tutti i partecipanti", racconta una nota dell'operatore capitolino. Oltre alla visita di alcuni alberghi, gli agenti hanno sperimentato il deserto di Agafay, osservato le tecniche di cucina dei principali piatti marocchini con una cooking class ad hoc e, infine, per consolidare l'amicizia tra i nostri Paesi, hanno fatto visita all’associazione Atlas Kinder, che accoglie bambini abbandonati, per la consegna dei doni: "Un momento molto toccante e condiviso da tutti". "Ad accompagnare gli agenti per tutto il viaggio - prosegue la nota - erano presenti il direttore commerciale, Giancarlo Brunamonti, e il responsabile vendite, Angelo Massimetti, che si sono impegnati a rendere indimenticabile l'evento sotto ogni punto di vista. Siamo altresì soddisfatti, in quanto il clima di amicizia e condivisione tra tutti i partecipanti è stata un’altra importante compagna di viaggio. Un grazie a tutti i meravigliosi colleghi/e agenti e ai partner Royal Air Maroc e Visit Morocco". [post_title] => Kuda: fam trip in Marocco per chiudere un anno di grande ripresa [post_date] => 2022-12-06T09:44:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670319846000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435434 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435435" align="alignleft" width="200"] Andrea Moscardini[/caption] Sono in corso in queste settimane gli appuntamenti del percorso formativo “WeTraining crm” e “TRAINING 4you” dedicato a oltre 1.200 agenti di viaggio, equamente distribuiti tra Welcome Travel e Geo Travel Network, per approfondire la conoscenza del nuovo crm, cuore pulsante delle due piattaforme  WE hub e Geo space, uno strumento di lavoro ormai  imprescindibile per profilare e fidelizzare il cliente finale. 96 le sessioni di lavoro previste in totale, ognuna composta da piccoli gruppi di lavoro di massimo 12 agenti di viaggio proprio per rendere gli incontri totalmente interattivi e dare la possibilità a tutti di testare in tempo reale le funzionalità e le potenzialità dei portali. La formazione viene effettuata direttamente dai 16 Network Manager coordinati da 2 responsabili di Area e dalla direzione del Network. «In questo momento, è più che mai importante investire sulla formazione degli Agenti per dare loro ancora più valore, professionalità e strumenti di lavoro adatti alle nuove dinamiche commerciali, di vendita e di comunicazione di un prodotto che in questi ultimi due anni è notevolmente cambiato – dichiara Andrea Moscardini, direttore Network –. Durante gli incontri, quindi, non solo insegniamo, ascoltiamo e ci confrontiamo, ma cerchiamo di stimolare le Agenzie a effettuare quel cambio di passo necessario per allinearsi all’evoluzione tecnologica, un processo che oramai non è più possibile  rimandare. Noi, come Network, abbiamo cominciato a farlo da oltre un anno, ora cerchiamo di trasmettere anche agli Agenti nostri partner questa opportunità di miglioramento». Partito da Roma a novembre, la prima fase del roadshow  terminerà a Cagliari il 13 dicembre con la quarantottesima tappa, per poi riprendere con il nuovo anno e ulteriori sessioni di lavoro. [post_title] => Welcome Travel Group in roadshow formativo sul crm per 1200 adv [post_date] => 2022-12-05T13:15:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670246109000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "direzione tecnica ofresi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":22,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":740,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435607","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Milano Malpensa è il primo aeroporto in Italia a introdurre la nuova procedura di Fast Transfer Doganale – obiettivo del Fast Transfer è quello di snellire, delocalizzando e automatizzando il processo di trasferimento della merce in arrivo da un Paese extra-Ue, i tempi di giacenza, permettendo al proprietario o responsabile della merce di spostare la merce dall’hub aeroportuale di arrivo ad altro luogo di sdoganamento esterno, ottimizzando i tempi, i costi di giacenza e la logistica di magazzino.\r\n \r\n“L’aeroporto di Milano Malpensa è il primo scalo merci italiano dove viene applicata la nuova procedura di Fast Transfer Doganale – ha dichiarato Paolo Dallanoce, Head of Cargo Management di Sea Aeroporti di Milano – Una rivoluzione digitale sviluppata insieme all’Agenzia delle Dogane che permette una gestione dei flussi di merce in import più efficiente, veloce, integrata e digitalizzata, incrementando così la capacità di ricezione della merce per rendere lo scalo di Malpensa più attrattivo e competitivo a livello internazionale”.\r\n\"In ambito del programma di digitalizzazione aeroporti vede luce una prima linea di lavoro che fa da apripista verso una digitalizzazione volta a semplificare e velocizzare i processi di sdoganamento e movimentazione delle merci - ha precisato Laura Castellani, direttore della Direzione Centrale Organizzazione e Digital Transformation Adm -. Tutti i processi disegnati e realizzati da ADM, in collaborazione con il partner tecnologico Sogei, prevedono sistemi perfettamente integrati con quelli degli stackeholder e delle amministrazioni coinvolte. ","post_title":"Malpensa è il primo aeroporto in Italia a introdurre il 'Fast transfer' per le merci","post_date":"2022-12-09T09:55:06+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670579706000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435542","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_411317\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Valentina Corrado, assessore turismo, regione lazio[/caption]\r\nProrogata fino al 15 marzo 2023 «Più notti, più sogni. + Experience», l’iniziativa promossa dall’assessorato al turismo della regione Lazio che offre, a chi sceglie di trascorrere le proprie vacanze nel Lazio, fino a due notti gratuite e forti sconti su diverse attività per vivere un’esperienza di viaggio a 360 gradi\r\nCon la misura, la regione regala - a tutti i turisti italiani e stranieri, nonché ai residenti del Lazio - un pernottamento in più, se ne vengono prenotati e utilizzati due o tre nella stessa struttura ricettiva, o due notti di soggiorno in più, se ne vengono prenotate e utilizzate cinque. Inoltre, viene offerta la possibilità di vivere un'esperienza di viaggio unica e personalizzata, attraverso le experience, attività e servizi turistici, i cui costi sono finanziati in modo rilevante dalla nostra Regione generando uno sconto significativo ai viaggiatori.\r\n\r\n“La risposta positiva dei turisti rispetto all’iniziativa che ho voluto promuovere «Più notti, più sogni. + Experience» ci ha spinti a prorogare la misura così da favorire gli arrivi e la permanenza dei viaggiatori nell’imminente periodo natalizio e invernale, stimolando la destagionalizzazione dei flussi” - ha dichiarato Valentina Corrado, assessore al turismo ed enti locali della regione Lazio.\r\n\r\n“Il comparto turistico sta registrando una notevole ripresa e, come emerso durante l’evento «Trentennale dell’Ente Bilaterale Turismo del Lazio», gli esercizi ricettivi di Roma Capitale hanno registrato oltre 27milioni di presenze nel periodo gennaio-ottobre 2022. Inoltre, come risultato da una ricerca condotta da GPF su un campione di 600 strutture ricettive presenti nel Lazio, è stato rilevato un incremento di pernottamenti di circa 253% nel periodo agosto-settembre 2022 rispetto all’anno precedente; quest’ultimo è un dato fortemente incoraggiante, considerando che - secondo dati Istat - l’Italia ha registrato una variazione positiva del 75% nello stesso periodo».\r\n\r\n«Con l’estensione di questa misura continuiamo a rilanciare la nostra regione come destinazione turistica seguendo una linea programmatica tesa a contrastare l’overtourism - e quindi il sovraffollamento turistico - che risulta dannoso tanto per l’ambiente quanto per i cittadini, nonché a offrire un sostegno reale e un’ulteriore boccata d’aria ai nostri operatori, fortemente colpiti dalla crisi pandemica, e che corrono nuovi rischi a causa della crisi energetica, anche in un periodo in cui tendenzialmente si registrano presenze meno cospicue. Il Lazio, vantando mete turistiche caratterizzate da straordinari fattori attrattivi, è un’eterna scoperta di meraviglie che abbracciano Roma. Realizzare simili iniziative di rilancio di portata internazionale, affiancandole ad importanti attività di promozione e comunicazione, significa credere nel potenziale del territorio e continuare a voler affermare l’industria turistica e il suo indotto come volano di crescita economica. Ringrazio tutte le associazioni di categoria, le strutture ricettive, agenzie di viaggi e tour operator aderenti, la Direzione regionale del Turismo e Lazio Crea per il costante impegno nel lavoro realizzato congiuntamente” - ha concluso Corrado.","post_title":"Lazio: allungata la proposta \"Più notti, più sogni. + Experience\"","post_date":"2022-12-09T09:18:26+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670577506000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435528","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Alla riunione dell'Ectaa a Salonicco, le associazioni nazionali, i tour operator e le agenzie di viaggio hanno espresso gravi preoccupazioni sulla direzione delle misure legislative prese in considerazione dalla Commissione europea.\r\n\r\nIn effetti, la Commissione europea sta attualmente conducendo consultazioni in vista della revisione della direttiva sui pacchetti turistici e del miglioramento dei diritti dei passeggeri. Tuttavia, le opzioni in esame mostrano uno scarso allineamento tra le misure imposte ai tour operator e quelle alle compagnie aeree.\r\n\r\nIl Commissario Reynders, il cui portafoglio comprende la protezione dei consumatori, ha chiaramente espresso l'intenzione di limitare i pagamenti anticipati ai tour operator e agenzie di viaggio nella revisione della direttiva sui pacchetti turistici.\r\n\r\nTuttavia, non vi è alcun interesse apparente a limitare i pagamenti anticipati alle compagnie aeree nell'ambito della revisione dei diritti dei passeggeri, che è di competenza del Commissario Valean.\r\nDue pesi e due misure\r\nCiò sta dimostrando un'ovvia mancanza di comprensione su come funziona l'industria dei viaggi. I tour operator non trattengono i soldi dei clienti; devono pagare i loro fornitori, in particolare le compagnie aeree, che nella maggior parte dei casi richiedono il pagamento anticipato per intero.\r\n\r\nAllo stesso modo, mentre la Commissione sta valutando di regolamentare ulteriormente la protezione in caso di insolvenza degli organizzatori di pacchetti, non ci sono opzioni concrete in esame per regolamentare efficacemente la protezione in caso di insolvenza delle compagnie aeree, nonostante la raccomandazione della Corte dei conti europea del giugno 2021 di estendere la protezione in caso di insolvenza offerta dalla direttiva sui pacchetti turistici, compresi i costi di rimpatrio, alle compagnie aeree ai sensi del regolamento 261/2004.\r\n\r\nFrank Oostdam, presidente di Ectaa, ha dichiarato: «Limitare i pagamenti anticipati e imporre la protezione dall'insolvenza solo su una parte della catena del valore a scapito delle agenzie e dei tour operator, che sono per lo più pmi, li spingerà fuori dal mercato. Priverà i consumatori di un prodotto di viaggio essenziale, poiché i pacchetti turistici offrono un elevato livello di protezione - ha aggiunto -. Invitiamo i Commissari Reynders e Valean ad allineare le misure attraverso l'intera catena del valore dei viaggi, se il loro obiettivo è davvero migliorare la protezione dei consumatori».","post_title":"Ectaa contro la limitazione dei depositi cauzionali voluti dall'Europa","post_date":"2022-12-09T08:35:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1670574928000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435491","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Genova è stata designata European Capital of Christmas (insieme alla spagnola San Sebastian): i giurati che hanno votato all’unanimità le città vincitrici di questa edizione del Premio, hanno espresso grande apprezzamento «per l’alto livello tecnico dei progetti presentati, per le proposte e l'impegno nel perseguire i valori europei del Natale, un momento di speciale significato in cui si rivelano i valori profondi dell'integrazione, della tolleranza, della convivenza e della pace che sono al centro e all'origine del progetto europeo». La designazione verrà celebrata il 12 dicembre con un collegamento con San Sebastian, l’altra Capitale 2022, attraverso un maxischermo che resterà attivo per tutte le Feste, e con un concerto di Beppe Barra; mentre il 17 dicembre avrà luogo la cerimonia istituzionale di lancio della Capitale del Natale 2023, annunciata alla presenza dei rappresentanti dell’Award, delle delegazioni della città di San Sebastian e della Commissione che ha valutato le candidature, con il Patrocinio del Parlamento Europeo.\r\n\r\nNel 2022 la città offrirà quindi un’immersione nel più autentico spirito natalizio, anche grazie alle sue suggestive tradizioni. Appuntamento fondamentale l’8 dicembre, con l’accensione del grande Albero di Natale a Piazza De Ferrari, accompagnata da una giornata di festa, esibizioni, musica e luci.\r\n\r\nTra le tradizioni più particolari e tipicamente genovesi c’è il Confeugo, rito dall’origine molto antica, che si celebra il sabato che precede il Natale (nel 2022 il 17 dicembre).\r\n\r\nUn aspetto affascinante e poco noto del Natale genovese riguarda il presepe: Genova dalla prima metà del XVI secolo fino ai primi decenni del XIX secolo ha rivaleggiato con Napoli nella produzione di figure e sculture dedicate alla Natività Molto particolari i presepi del Settecento, con figurine di legno vestite di preziosi abiti d’epoca. Abili intagliatori hanno creato opere d’arte che si possono ammirare ancora oggi, ad esempio presso il santuario di Nostra Signora Assunta di Carbonara detto “della Madonnetta”, che ospita un presepe popolato da espressivi personaggi, popolani e soldati, contadini e mercanti e reso speciale dal fondale che riproduce scorci di Genova.\r\nIl Museo dei Beni Culturali Cappuccini propone una affascinante mostra che va dalle statuine sette-ottocentesche ai tipici “macachi” di Albisola, alle statuine in carta incollata tipiche dell’entroterra ligure, oltre al suo storico presepe meccanico, realizzato da Franco Curti ad inizio Novecento: sette motori azionano oltre 150 personaggi che si animano tra musica e luci.\r\nMolti altri Presepi storici di grande bellezza vengono allestiti in chiese e oratori nel periodo di Natale e potranno essere visitati nei giorni di festa, anche con itinerari condotti da guide turistiche.\r\n\r\nAi grandi eventi e agli appuntamenti tradizionali si aggiungono le sorprese dei suggestivi mercatini natalizi in tutta la città, a partire da quello tradizionale di San Nicola, all’insegna della solidarietà, e dal suggestivo Mercatale, attorno a Piazza De Ferrari.\r\nSenza dimenticare il villaggio di Babbo Natale a Cornigliano, meta imperdibile per i bimbi, e tanti appuntamenti a cura dei Municipi e dei CIV in tutta la città.\r\n\r\nCulmine degli eventi per le Feste sarà il grande Capodanno di Piazza De Ferrari, con musica ed artisti di rilievo, che verrà trasmesso in diretta nazionale da Canale 5.\r\nSono inoltre previste altre due serate di festa per il 29 e 30 dicembre al Porto Antico.\r\nIl Capodanno si potrà festeggiare anche nei Palazzi dei Rolli, patrimonio UNESCO, che si affacciano lungo la splendida Strada Nuova, oggi Via Garibaldi, cuore del centro storico genovese. Via Garibaldi ospiterà inoltre “Liguria Transatlantica festival” con uno spettacolo di musica, tra arte e djset, e brindisi finale a Palazzo Tursi.\r\n\r\nL’amore per Genova di Rubens, protagonista delle proposte culturali genovesi del 2022/2023, verrà celebrato anche con la nuova edizione di “Le Chiese dei Palazzi dei Rolli”, il ciclo di visite guidate condotte dai Divulgatori Scientifici che dal 5 all’8 gennaio, come ogni anno esplorano le più fastose chiese genovesi.\r\n\r\nMusica di qualità scandirà le Feste dal Teatro Carlo Felice, con un “Concerto di Natale” sabato 17 dicembre, il Concerto “Mozart l’Italiano” domenica 18 dicembre, “Die Fledermaus”, la più celebre operetta di Johann Strauss (31 dicembre 2022 – 1 Gennaio 2023), e il “Concerto di Capodanno” presso Basilica Santissima Annunziata del Vastato di Genova (31 dicembre).\r\n\r\nPer tutto il periodo delle Feste, un densissimo calendario di visite guidate a tema permetterà ai visitatori e ai genovesi di esplorare in ogni aspetto le tradizioni e l’arte ispirati al periodo, per immergersi fino in fondo nel clima della Capitale Europea del Natale.\r\n\r\nE poi c’è la ricchissima offerta di mostre nei Musei genovesi. A Palazzo Ducale “Rubens a Genova”, a 400 anni dalla pubblicazione del libro del fiammingo “I Palazzi di Genova”; il mondo fatato di “Disney - L’arte di raccontare storie senza tempo”, e le fotografie di “Sabine Weiss – La poesia dell’istante”.\r\n\r\n ","post_title":"Genova Capitale Europea del Natale, eventi, spettacoli e tradizioni","post_date":"2022-12-07T11:17:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670411841000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435535","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina finalmente l'apertura del tanto atteso Hilton Rome Eur la Lama, prevista per il prossimo gennaio, e cominciano a essere svelati alcuni dettagli dei suoi interni. Dietro i 130 metri di vetro nero trasparente, che si sviluppa in altezza per 16 piani e con una fiancata elegante e sottile, si cela infatti la nuova struttura capitolina: spazi regolari e al tempo stesso maestosi, caratterizzati dalle forme semplici e lineari che l’architetto Fuksas ha riportato anche all’interno, dove la storia di Roma e la forte connotazione contemporanea hanno dato vita al concept dell’interior design curato dallo studio Lorenzo Bellini.\r\n\r\nLa grande hall, affacciata su viale Europa, darà il benvenuto agli ospiti in tutta la sua imponenza: lo sguardo si perde fino al sedicesimo piano, un immenso volume vuoto alto 60 metri, su cui affacciano i ballatoi dei piani come fossero sospesi, tutto da ammirare anche dai sei ascensori panoramici in vetro. Ai diversi piani, la luce radente colpisce le pareti in tinta carta da zucchero e la moquette realizzata a bande intrecciate di colori alterni, creando un effetto di luce indiretta molto riposante. Gli ingressi delle camere sono scanditi da carabottini appositamente disegnati, realizzati in essenza di noce americano, con un pattern a intreccio che omaggia il design italiano dei primi del Novecento; gli imbotti delle porte, anche queste in essenza noce americano fiammato, sono stai pensati e realizzati in metallo nero opaco e la lamiera forata scandisce i numeri delle camere dei diversi piani, grazie a un sistema di retroilluminazione.\r\n\r\nNella progettazione delle 439 camere è stata privilegiata la forte trasparenza tra gli ambienti. L’obiettivo è rendere il più possibile permeabili le aree interne, enfatizzando la forte comunicazione tra camera da letto e bagno, creando in un unico ambiente una soluzione di continuità tra l’esterno che permea dalle grandi vetrate e l’interno del comfort domestico. Il colore è il leit motiv di tutte le stanze dell’Hilton Rome Eur La Lama, guidando la definizione degli ambienti, con richiami policromi agli affreschi pompeiani e alle scale cromatiche della pittura dei grandi maestri italiani del secolo scorso (Sironi, Donghi, Campigli, Casorati e molti altri), secondo il metodo cromatico del color block: è la più antica tecnica di abbinamento cromatico, che combina un attento utilizzo di singoli colori in diverse tonalità, miscelandoli in contrasto tra loro in un ensemble armonioso e unico; un linguaggio compositivo che prende le mosse dal mondo dell’arte classica con gli affreschi pompeiani, passando attraverso le sacre rappresentazioni medievali, per raggiungere la sua massima espressione nell’arte contemporanea della prima metà del Novecento.\r\n\r\nAl piano terra, lo spazio della hall è la zona di filtro che permette di accedere a tutti gli ambienti comuni: proprio di fronte all’ingresso si nota il lounge bar, dall’atmosfera calda e conviviale, grazie ai toni caldi del parquet a spina ungherese in noce scuro e alla scatola blu notte delle pareti e del soffitto, realizzato in cassettoni e tempestato di sfere luminose cristalline dalle sfumature ocra e bronzo. All’interno del lounge la Library, uno spazio caratterizzato da una grande libreria lignea in finitura nera, che crea una parziale divisione tra gli ambienti e accompagna l’ospite verso il ristorante: da un portale in marmo nero marquinia si accede all’ambiente dal colore verde profondo, con soffitto a cassettoni e sfere luminose cristalline in ocra e bronzo, con un imponente pavimento realizzato in un gioco di sei marmi spinati posati sfalzati.\r\n\r\nImportante, l’area dedicata a riunioni ed eventi, con business center, executive lounge e sale modulari dotate delle più moderne tecnologie: dal lato opposto del ristorante, passando per la hall, si attraversano nuovi spazi comuni, primo fra tutti il grande disimpegno della scala monumentale a sbalzo rivestita in marmo verde Alpi, che collega il piano terra al foyer del piano sottostante e alle quattro meeting room affacciate sul dehor della Nuvola, da ammirare grazie alle ampie vetrate. Al piano inferiore, il foyer del centro congressi è caratterizzato da un pavimento a bande rigate con posa diagonal, con effetto marmo verde e bianco. Al quindicesimo piano, infine, la sorpresa di un ristorante con bar, in fase di realizzazione, con vista a perdita d’occhio e, dall’altro lato, la spa con fitness center e una terrazza.","post_title":"I primi dettagli degli interni del nuovo Hilton Rome Eur la Lama","post_date":"2022-12-07T09:30:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670405412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435481","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_338791\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Andrea Incondi[/caption]\r\n\r\nIn vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio.\r\n\r\nL’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente.\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima.\r\n\r\nGrazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km.\r\n\r\nCon «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia.\r\n\r\nCosì, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa.\r\n\r\n«La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia.\r\nLe scelte personali contano\r\nNonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque.\r\n\r\nCiononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose.\r\n\r\nLa ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti.\r\n\r\nIniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più.\r\n\r\nDel resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale.","post_title":"Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas","post_date":"2022-12-06T10:37:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670323040000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435471","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un fam trip per entrare in sintonia con la destinazione e apprezzare la varietà di programmi e la  qualità dei servizi offerti: guide, trasporti, ristorazione e hotels. A chiusura di un anno di forte ripresa, Kuda Tour Operator ha ospitato in Marocco un selezionato numero di agenti provenienti da varie regioni italiane.\r\n\r\nDal 24 al 29 novembre 2022, l'itinerario si è sviluppato tra Casablanca, Rabat e Marrakech \"ed è stato impreziosito da esperienze accolte con grande interesse ed entusiasmo da tutti i partecipanti\", racconta una nota dell'operatore capitolino. Oltre alla visita di alcuni alberghi, gli agenti hanno sperimentato il deserto di Agafay, osservato le tecniche di cucina dei principali piatti marocchini con una cooking class ad hoc e, infine, per consolidare l'amicizia tra i nostri Paesi, hanno fatto visita all’associazione Atlas Kinder, che accoglie bambini abbandonati, per la consegna dei doni: \"Un momento molto toccante e condiviso da tutti\".\r\n\r\n\"Ad accompagnare gli agenti per tutto il viaggio - prosegue la nota - erano presenti il direttore commerciale, Giancarlo Brunamonti, e il responsabile vendite, Angelo Massimetti, che si sono impegnati a rendere indimenticabile l'evento sotto ogni punto di vista. Siamo altresì soddisfatti, in quanto il clima di amicizia e condivisione tra tutti i partecipanti è stata un’altra importante compagna di viaggio. Un grazie a tutti i meravigliosi colleghi/e agenti e ai partner Royal Air Maroc e Visit Morocco\".","post_title":"Kuda: fam trip in Marocco per chiudere un anno di grande ripresa","post_date":"2022-12-06T09:44:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670319846000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435434","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435435\" align=\"alignleft\" width=\"200\"] Andrea Moscardini[/caption]\r\n\r\nSono in corso in queste settimane gli appuntamenti del percorso formativo “WeTraining crm” e “TRAINING 4you” dedicato a oltre 1.200 agenti di viaggio, equamente distribuiti tra Welcome Travel e Geo Travel Network, per approfondire la conoscenza del nuovo crm, cuore pulsante delle due piattaforme  WE hub e Geo space, uno strumento di lavoro ormai  imprescindibile per profilare e fidelizzare il cliente finale.\r\n\r\n96 le sessioni di lavoro previste in totale, ognuna composta da piccoli gruppi di lavoro di massimo 12 agenti di viaggio proprio per rendere gli incontri totalmente interattivi e dare la possibilità a tutti di testare in tempo reale le funzionalità e le potenzialità dei portali.\r\n\r\nLa formazione viene effettuata direttamente dai 16 Network Manager coordinati da 2 responsabili di Area e dalla direzione del Network.\r\n\r\n«In questo momento, è più che mai importante investire sulla formazione degli Agenti per dare loro ancora più valore, professionalità e strumenti di lavoro adatti alle nuove dinamiche commerciali, di vendita e di comunicazione di un prodotto che in questi ultimi due anni è notevolmente cambiato – dichiara Andrea Moscardini, direttore Network –. Durante gli incontri, quindi, non solo insegniamo, ascoltiamo e ci confrontiamo, ma cerchiamo di stimolare le Agenzie a effettuare quel cambio di passo necessario per allinearsi all’evoluzione tecnologica, un processo che oramai non è più possibile  rimandare. Noi, come Network, abbiamo cominciato a farlo da oltre un anno, ora cerchiamo di trasmettere anche agli Agenti nostri partner questa opportunità di miglioramento».\r\n\r\nPartito da Roma a novembre, la prima fase del roadshow  terminerà a Cagliari il 13 dicembre con la quarantottesima tappa, per poi riprendere con il nuovo anno e ulteriori sessioni di lavoro.","post_title":"Welcome Travel Group in roadshow formativo sul crm per 1200 adv","post_date":"2022-12-05T13:15:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670246109000]}]}}