16 April 2024

913

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Cosenza: vendesi agenzia viaggi tour operator con 02 autobus più locali
di proprietà. Trattativa riservata, per informazioni chiamare al numero 348 2626614.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465263 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mediterraneo sempre più al centro dell’offerta MSC Crociere, che non smette di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica. Si consolida inoltre il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché gli Emirati e l’Estremo Oriente. Uno sviluppo intenso, che vedrà l’introduzione di nuovi scali e nuovi itinerari, e in cui l’MSC Yacht Club giocherà un ruolo fondamentale. Questa area di bordo esclusiva presente su molte unità MSC, vera nave nella nave dedicata all’offerta di crociere di lusso, è infatti l’elemento chiave di proposte sempre più in linea con le esigenze di un pubblico di crocieristi alla ricerca di esperienze uniche ed esclusive. La prima volta di Bari home port Tra le principali novità nella programmazione di quest’anno, ecco allora il ritorno di MSC Crociere nel porto di Cagliari, a cui si aggiungerà la prima volta di Bari home port. Un’operazione che mira a rendere il capoluogo pugliese una vera e propria porta verso l’Oriente. Tra gli scali italiani, così come tra i porti di tutto il mondo, gli ospiti MSC potranno beneficiare della proficua collaborazione instaurata dalla compagnia con le comunità locali di riferimento, che permette ai passeggeri di vivere al meglio alcune delle meraviglie del nostro Paese, incluse Genova, Civitavecchia, Napoli, Palermo, Ancona, Trieste, Messina, Brindisi, La Spezia, Olbia, Livorno e Venezia. Si confermano inoltre importanti scali già serviti nel 2023, tra cui gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa. [caption id="attachment_465266" align="aligncenter" width="513"] MSC Euribia[/caption] Grande attesa, poi, per il debutto in inverno della MSC Euribia negli Emirati Arabi. Così come per la ripresa degli itinerari in Cina con la MSC Bellissima, che opererà dagli home port di Shangai, Keelung e Shenzhen fino a tutta l’estate 2024. La programmazione invernale 2024-25 nella regione prevede successivamente una serie di partenze della Splendida da Shenzhen e Xiamen, da dicembre 2024 fino ad aprile 2025, nonché ancora della Bellissima da Shanghai, a partire da gennaio 2025. [caption id="attachment_465267" align="aligncenter" width="513"] MSC World Europa[/caption] Nel 2025 arriva la nuova ammiraglia Msc World America Ma il momento clou dei prossimi 12 mesi sarà sicuramente l’arrivo della nuova ammiraglia MSC World America: nave che unisce il design europeo al comfort americano. La sua naming ceremony è già in calendario per il 9 aprile 2025 nel nuovo terminal di PortMiami della compagnia. L’unità partirà poi per il suo primo viaggio con tappa presso l’isola privata Ocean Cay MSC Marine Reserve, alle Bahamas. L’itinerario prevede qui un overnight con lo spettacolo serale del faro dell’isola e una festa in spiaggia. Dopo il battesimo, la MSC World America salperà quindi per la sua stagione inaugurale il 12 aprile 2025. La nave effettuerà itinerari alternati di sette notti nell’Est e nell’Ovest dei Caraibi, con tappe a Puerto Plata, in Repubblica Dominicana, San Juan, a Porto Rico, Costa Maya e Cozumel, in Messico, Isla de Roatan, in Honduras, nonché proprio ad Ocean Cay alle Bahamas. [caption id="attachment_465268" align="aligncenter" width="514"] MSC Seascape[/caption] Sempre negli Usa, da novembre 2025 la compagnia aprirà il proprio quarto home port al terminal 16 di Galveston. A fare base nello scalo texano sarà la MSC Seascape, attualmente operativa da Miami. La nave effettuerà crociere verso i porti messicani della costa Maya e di Cozumel, nonché verso l’isola honduregna di Roatan. Le suite MSC Yacht Club fiore all’occhiello della flotta E per godere appieno di una proposta tanto ampia, la soluzione fiore all’occhiello di MSC Crociere è proprio l’MSC Yacht Club. Nelle sue suite un maggiordomo si occuperà di ogni esigenza degli ospiti: dalle escursioni personalizzate all'organizzazione dei servizi a bordo o a terra, dal lustrascarpe allo spuntino alle 3 del mattino… Il tutto sempre con una meticolosa cura dei dettagli. Gli ospiti in MSC Yc godono di lounge privata, check-in e check-out prioritario, esclusivo solarium con piscina e idromassaggio. A disposizione degli ospiti anche la possibilità di organizzare una sessione di shopping su misura, di partecipare a escursioni personalizzate, di gustare una ricca selezione di rinfreschi, nonché di accedere liberamente all’Area Termale di MSC Aurea Spa. Particolarmente vasta anche l’offerta gourmet, arricchita da un vero servizio a 5 stelle in grado di esaltare le proposte di chef di fama mondiale. Numerose, infine, le tipologie di suite MSC Yacht Club tra cui scegliere, comprese le Royal e le Owner’s suite, tutte arredate sontuosamente e progettate con la massima attenzione ai dettagli: dai materassi in Myform Memory alle lenzuola in cotone egiziano, fino al menu dei cuscini Dorelan, nonché ai bagni in marmo e ai minibar, a cui spesso si aggiungono straordinarie viste panoramiche dai balconi privati. [post_title] => Viaggi di lusso ed esperienze esclusive: le crociere MSC Yacht Club [post_date] => 2024-04-11T12:21:23+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => crociere-di-lusso-msc-yacht-club [1] => crociere-msc-crociere [2] => crociere-msc-euribia [3] => crociere-msc-seascape [4] => crociere-msc-world-europa [5] => crociere-msc-yacht-club [6] => msc-crociere [7] => msc-yacht-club [8] => msc-yc [9] => suite-msc-yacht-club [10] => viaggi-di-lusso-msc-crociere ) [post_tag_name] => Array ( [0] => crociere di lusso MSC Yacht Club [1] => crociere MSC Crociere [2] => crociere MSC Euribia [3] => crociere MSC Seascape [4] => crociere MSC World Europa [5] => crociere MSC Yacht Club [6] => msc crociere [7] => MSC Yacht Club [8] => MSC Yc [9] => suite MSC Yacht Club [10] => viaggi di lusso MSC Crociere ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712838083000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464729 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Toscana si conferma come location preferita dagli stranieri che scelgono l’Italia per il fatidico ‘sì’: 2.600 i matrimoni internazionali nel 2023, il 12,5% in più rispetto al 2022, per un giro di affari cresciuto del 29,5%, sfiorando la quota di 170 milioni di euro, per una spesa media di 65 mila euro, ovvero il 15,3% in più rispetto al 2022. I numeri emergono dall’aggiornamento dell’osservatorio Destination weddings in Tuscany effettuato dal Centro studi turistici per Toscana Promozione Turistica e certificano il successo del bando triennale con cui Tuscany for Weddings, divisione di Destination Florence convention & visitors bureau per la promozione dell’offerta wedding della Toscana, ha operato per conto dell’agenzia regionale. Una collaborazione che oggi si rinnova con la firma di un protocollo d’intesa tra i due enti, che amplia ulteriormente l’accordo tra Destination Florence Cvb e Tpt: oltre al wedding, il nuovo protocollo, deliberato dall’assessorato al Turismo della regione Toscana, prevede un lavoro in tandem sul turismo congressuale. «Sale il numero di cittadini stranieri che eleggono la Toscana come destinazione dove celebrare le nozze – commenta il presidente, Eugenio Giani -: un risultato che ci riempie di soddisfazione. La decisione, maturata alcuni anni fa, di creare un progetto ad hoc, Tuscany for Weddings, grazie alla collaborazione tra Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau per promuovere l’offerta wedding, si è rivelata vincente. Ritengo che per lo sviluppo di questo segmento turistico la Toscana abbia tutto quello che occorre: luoghi autentici in scenari suggestivi abbinati a un’organizzazione impeccabile». «Da diversi anni – aggiunge l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras - la Toscana è tra le mete più scelte da cittadini stranieri per celebrare il proprio matrimonio. Il lavoro portato avanti in questi anni con Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau con il progetto Tuscany for Weddings, e che oggi si amplia anche al turismo congressuale, è dunque un punto di forza su cui continuare a puntare. Il costante incremento di coloro che scelgono questa regione per unirsi in matrimonio è la conferma della bontà di questa collaborazione». «Gli ottimi dati sul segmento del wedding – prosegue il direttore di Tpt, Francesco Tapinassi - vanno di pari passo con la necessità di valorizzare il comparto del turismo congressuale. È da qui che nasce un protocollo d’intesa che conferma e amplia il rapporto tra Toscana Promozione Turistica e il Destination Florence convention & visitors bureau, impegnato su entrambi i segmenti wedding e mice. Da considerare, inoltre, il ruolo del Destination Florence Cvb nell’organizzazione della Grand Départ del Tour de France da Firenze a giugno: un ulteriore elemento di connessione tra l’azione del bureau e la nostra agenzia, considerando l’impegno di Tpt nella valorizzazione del comparto cicloturistico». A scegliere la Toscana per sposarsi sono soprattutto coppie provenienti da Stati Uniti e Regno Unito (60%), mentre per quanto riguarda il tipo di celebrazione, il rito simbolico è ancora quello preferito (66,3%), con quello civile e religioso che si attestano rispettivamente al 22,4% e all’11,3%. Il 9,3% dei riti civili e simbolici riguarda inoltre unioni civili celebrate tra persone dello stesso sesso. Quasi una coppia su due, ovvero il 48,2% del totale, si è affidata a un wedding planner per coronare il proprio sogno d’amore (+5% rispetto al 2022), mentre per quanto riguarda il periodo scelto, l’89% delle celebrazioni si sono svolte tra aprile e settembre. Anche se è calata leggermente la durata media della permanenza degli invitati (3,2 notti contro le 3,3 del 2022), i pernottamenti nelle strutture ricettive sono saliti a 496 mila (+14,5%) e il volume di affari complessivo ha raggiunto i 168,7 milioni di euro (+29,5%). È cresciuto anche il numero medio degli invitati (60,6 contro i 56 rilevati nel 2022) ed è aumentato del 25% il numero di celebrazioni con un numero di invitati compreso tra 51 e 100, che rappresentano il 63% del totale. Anche per il 2024 le aspettative del settore sono di un’ulteriore crescita del mercato, con un incremento stimato intorno al 9,1%. I principali arrivi resteranno ancora quelli extra Ue, ma si consoliderà la domanda proveniente da coppie scandinave, tedesche, svizzere, olandesi, austriache, spagnole e francesi. Nel 2023 si sono rivolte alle imprese della filiera anche 630 coppie italiane provenienti da altre regioni, che hanno scelto la Toscana per il fatidico “sì”, generando un fatturato complessivo di 25 milioni di euro. [post_title] => Toscana: in aumento gli stranieri che scelgono la regione per il fatidico "sì" [post_date] => 2024-04-03T09:24:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712136286000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463115 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina a grandi passi il momento del debutto della Queen Anne: la nuova ammiraglia Cunard, quarta nave della flotta, effettuerà il proprio viaggio inaugurale il prossimo 10 maggio da Southampton a Lisbona. L'unità da 113 mila tonnellate e 3 mila passeggeri costruita in Italia da Fincantieri racchiude, nei 14 ponti a disposizione, un’offerta completa. A partire dalle nuove esperienze culinarie e multisensoriali proposte nei 15 ristoranti, molti dei quali con vista, sino alle più disparate attività sportive con campo da padel e golf, bar e punti ritrovo dalle atmosfere britanniche, piscina e idromassaggi da intrattenimenti e attività e un focus prioritario su salute e benessere con un programma olistico dedicato e l’esclusiva collaborazione con Harper’s Bazaar; e ancora l’atmosfera alla James Bond del casinò, il teatro e la collaborazione esclusiva con il pluripremiato produttore teatrale di Broadway, David Pugh. Su una nave Cunard non può inoltre mancare la firma di una vera esperienza britannica: il rito del tè pomeridiano, servito tutti i pomeriggi in guanti bianchi nella scenografica Ball Room; ma la vera punta di diamante sarà la più grande collezione d’arte mai curata in mare: oltre 3 mila artisti e designer sono stati coinvolti nel progetto e verrà esposta una collezione contemporanea di più di 4.300 opere d’arte e sculture. Tra i programmi della Queen Anne spicca anche il Giro del mondo in calendario dal 9 gennaio al 27 aprile che in 107 notti effettuerà la circumnavigazione completa del globo verso ovest (vendibile anche in singole tratte). [post_title] => Si avvicina il debutto della Queen Anne: appuntamento a Southampton il 10 maggio [post_date] => 2024-03-08T11:21:54+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709896914000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462756 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo aver chiuso il 2023 a quota 810 milioni di euro, il gruppo Bluvacanze si prepara a un altro anno in crescita e si avvicina alla soglia del miliardo di euro di volume lordo di travel value. Le previsioni per il 2024 sono state rivelate ieri, in occasione dell'inaugurazione del nuovo flagship store di Milano, e parlano di una realtà che si appresta a raggiungere quota 918 milioni, al netto delle elisioni intercompany. E ciò in un contesto nel quale le agenzie di entrambi i brand del network, Vivere & Viaggiare e Bluvacanze, sono destinate a superare ampiamente i valori pre-pandemici del 2019. Nel dettaglio, i primi due mesi di quest'anno registrano un più 15% sul prenotato pari data del 2023, con l'estate che è già a +35%, grazie a un deciso advance booking.  In merito alle destinazioni, si registra un graduale recupero dell’Egitto, gravemente compromesso dagli eventi di ottobre. Oggi questa destinazione vale “solo” il 30% in meno rispetto a un anno fa. Tra le esperienze di viaggio perdura il boom per le crociere, soprattutto nel Nord Europa (+37%). Nel Mediterraneo, brillano Spagna e Grecia (+74 e + 77%). Sul lungo raggio, ottime le performance per Stati Uniti (+32%) e Giappone (+34%). Ma ovviamente non è tutto rosa e fiori: alcuni nodi critici sono rappresentati dalla conversione dei preventivi, che sconta l’aumento dei prezzi, la minore capacità di spesa delle famiglie e la difficoltà di ottenere in tempo i documenti per l'espatrio. Gli italiani rimangono insomma cauti nel confermare le prenotazioni. L’area mice ed eventi è poi destinata a incrementare il portafoglio di aziende in un contesto sempre più internazionale, mentre il comparto del business travel di Cisalpina Tours si ritiene possa raggiungere un livello record di transazioni. A oggi sono operative le sedi di New York, nonché in Brasile, Turchia, Cipro e in Germania, mentre gli uffici europei di Londra, Parigi, Ginevra e Madrid attendono le ultime formalità. Il piano di sviluppo del gruppo Bluvacanze nel medio termine insisterà sulla trasformazione digitale e sull’internazionalizzazione, con la definitiva apertura di uffici in Sudafrica (Durban). Il Far East costituirà il prossimo capitolo del piano di espansione globale, dal 2025. Infine, il tour operator Going registrerà tassi di crescita a due cifre percentuali, grazie al consolidamento delle linee strategiche dirette, alle esperienze di viaggio su misura, di alto profilo, nonché all'arricchimento delle divisioni Going Resort e Incoming di Going2Italy. [post_title] => Il gruppo Bluvacanze vede la soglia del miliardo di euro di travel value [post_date] => 2024-03-05T10:01:07+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709632867000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di "importanza strategica" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno. «In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio». Partecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia. «Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia». I co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria. Alla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia [post_title] => La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica» [post_date] => 2024-02-26T11:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708947996000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fronte di un mercato real estate globale che mostra segnali poco brillanti ormai da un paio di anni a questa parte, l'asset class hotel pare però andare controtendenza e attirare crescenti interessi da parte degli investitori. Gli alti tassi di interesse e il relativo declino degli investimenti in immobili tradizionali come gli uffici, a seguito del diffondersi delle pratiche di smart working, non incentivano infatti le transazioni, ma gli edifici a uso ricettivo stanno dimostrando una vivacità tale da sembrare poter vincere le reticenze di molti capitali. Lo dimostra anche la recente mossa di un colosso come Covivio, che ha appena siglato un accordo per l'acquisizione della quota dell'8,3% detenuta da Generali nella controllata Covivio Hotels, in cambio di nuove azioni della stessa Covivio. "L'operazione, che equivale all’acquisizione di asset per 500 milioni di euro e a un aumento di capitale di circa 300 milioni - si legge in una nota -, segna un passo importante per il rafforzamento del gruppo quotato all'Euronext di Parigi nel settore alberghiero: un mercato in crescita. A seguito del processo di conferimento, che dovrebbe essere completato entro la fine di aprile, la compagnia deterrà il 52,2% del capitale della controllata Covivio Hotels e lancerà un'offerta pubblica di scambio obbligatoria per la quota restante del capitale". L'offerta, soggetta all'approvazione dell'organismo di vigilanza Amf, dovrà essere approvata dall'assemblea generale di Covivio il 17 aprile 2024. Al momento, Covivio Hotels è controllata al 43,9% da Covivio e al 53,5% da investitori istituzionali di lungo termine: Crédit Agricole Assurances, Bnp Paribas Cardif, Generali, Assurances du Crédit Mutuel, Sogecap e Cdc. "Trainato dalla tendenza a lungo termine dello sviluppo del turismo - prosegue la nota - il settore dell'hospitality offre solide prospettive di crescita. Registrando un amento medio dei prezzi del 10% nel 2023 rispetto al 2022, il settore ha dimostrato ancora una volta il suo pricing power. Dal 2009, il revpar è aumentato in media del 3,4% all'anno, mentre l'inflazione è aumentata del 2,2%. Le prospettive di crescita della domanda sono promettenti grazie allo sviluppo del turismo, sia per i clienti nazionali (crescita media dei pernottamenti prevista del 3,3% annuo entro il 2030), sia per quelli internazionali (crescita annua prevista del 6%). Anche la debolezza dell'offerta futura dovrebbe stimolare l'aumento del revpar: a fronte di una crescita prevista del 5% annuo dei pernottamenti entro il 2030, l'offerta futura rappresenta in media il 3% dello stock esistente in Europa e solo l'1,5% in Francia. Nel frattempo, le pressioni politiche e normative limitano sia lo sviluppo di strutture turistiche di tipo Airbnb, sia l'apertura di nuovi hotel". Con l'acquisizione della partecipazione di Generali in Covivio Hotels, il gruppo rafforza la propria esposizione a un portfolio di 313 hotel, l'89% dei quali situato nelle principali città turistiche europee come Parigi, Berlino, Roma, Londra, Barcellona e Madrid. La quota di alberghi nel portfolio di Covivio salirà al 20% rispetto al 17% alla fine del 2023 (fino al 32% in caso di possesso del 100% delle azioni a seguito dell'offerta), accelerando così il bilanciamento del portafoglio tra uffici, residenziale e hotel. [post_title] => Covivio rafforza la presa sull'alberghiero: un settore "dalle solide prospettive di crescita" [post_date] => 2024-02-22T12:47:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708606073000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461679 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A marzo la Val d’Ega accoglie gli appassionati delle piste con offerte che rendono non solo meraviglioso ma anche conveniente trascorrere una vacanza nel cuore soleggiato delle Dolomiti. “Doppietta sugli sci” in Val d'Ega è la vantaggiosa offerta valida dal 2 al 30 marzo 2024, che comprende 7 pernottamenti; 7 giorni di Guest Pass Val d'Ega (per viaggiare gratuitamente col trasporto pubblico) e skibus gratuito che collega Carezza e Obereggen; 6 giorni skipass Valle Silver; 1 giornata di ski test gratuito a Carezza (Sport Laurin e Ski & Bike Rent) oppure a Obereggen (Ski Siegfried e Skiservice Obereggen); 1 aperitivo al tramonto alla Laurins Lounge a Carezza - la lounge panoramica più alta dell’Alto Adige, ai piedi del Rosengarten Catinaccio - dalle ore 16.30 alle ore 18.00; “Be the first” la possibilità di essere i primi a solcare la pista immacolata Oberholz a Obereggen, dalle ore 07.30 ogni sabato e domenica; sci notturno ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00; slittare di notte ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00 (con noleggio gratuito dello slittino allo Ski Siegfried e allo Skiservice Obereggen). Prezzo a partire da 999 euro per persona. La proposta  “Dolomiti Spring Days”, dal 16 marzo al 1° aprile e dal 2 aprile a fine stagione 2024, regala un giorno di vacanza sulla neve. Dal 16 marzo al 1° aprile 7 pernottamenti al prezzo di 6 (a partire da 915 euro per persona in hotel 3 stelle) e 6 giorni di skipass al prezzo di 5 (a partire da 788 euro per persona), oppure dal 2 aprile fino a fine stagione, soggiorno di 4 giorni e skipass al prezzo di 3, a partire da 434 euro a persona. I prezzi sono validi per lo skipass Fassa-Carezza, oppure Fiemme-Obereggen, oppure Dolomiti Superski.     ­ [post_title] => Val d'Ega, a marzo le offerte per l'ultima neve sulle Dolomiti [post_date] => 2024-02-16T12:18:15+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708085895000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461462 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è anche Alpitour tra i grandi marchi inclusi nella mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands. Voluta dal ministero delle Imprese e del made in Italy, l'esposizione è ospitata a palazzo Piacentini a Roma. L'iniziativa, a cui hanno aderito 100 aziende, per un totale di 113 marchi, del settore abbigliamento e cura della persona, arredamento, automotive e agroalimentare, nasce per celebrare i 140 anni dell’Ufficio italiano brevetti e marchi, che nel 2019 si è arricchito del Registro speciale dei marchi storici di interesse nazionale, contenente i brand iscritti da più di cinquant’anni e ancora attivi. Lo scopo della mostra, curata dai professori Carlo Martino e Francesco Zurlo, docenti di design all’università La Sapienza di Roma e al Politecnico di Milano, disponibile fino al 6 aprile nell’atrio principale di palazzo Piacentini, è quello di valorizzare un patrimonio industriale, progettuale e materiale di inestimabile valore per il Paese, fatto di storie imprenditoriali di successo e di designer che hanno cambiato il modo di comunicare l’immagine aziendale dei prodotti. “Essere stati scelti dal Mimit ci onora e ci rende orgogliosi – sottolinea Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Apitour World – perché significa che Alpitour ha saputo rimanere nel cuore e nella mente di milioni di italiani, crescendo insieme a loro. In questi 75 anni abbiamo raggiunto grandi risultati con impegno, passione e lavoro di squadra. Oggi il brand Alpitour è più vivo che mai e presta il suo nome anche al gruppo, Alpitour World: un’eredità che abbiamo sempre voluto proteggere e celebrare, perché questo marchio ha fatto il turismo italiano”. [post_title] => Alpitour tra i grandi marchi presenti alla mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands [post_date] => 2024-02-14T11:23:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707909792000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460322 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dati ufficiali 2023 per la Slovenia che conquista il primo posto della classifica europea per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con un incremento rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Il secondo dato segna un record nella storia del turismo in Slovenia: mai erano stati così tanti i pernottamenti nel paese, neanche nel 2019. I pernottamenti totali nel 2023 hanno superato, infatti, del 2,2% quelli pre-pandemia. Infine, gli arrivi e i pernottamenti dall’estero, rispettivamente il 75,2 e il 71,6% del totale, si sono rivelati anche per lo scorso anno una risorsa imprescindibile non solo per il comparto turistico sloveno, ma per tutta l’economia del Paese. Il primo mercato è stato, anche per il 2023, la Germania, che ha detenuto un market share pari a circa il 15% del totale degli arrivi e al 16,3% dei pernottamenti esteri. Trainato da un dicembre da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto allo scorso anno), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): complessivamente nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia. Seguono l’Austria (8,6% degli arrivi) e la Croazia (6,1%). «Si tratta di numeri che non possono che inorgoglirci - afferma soddisfatto Aljoša Ota, direttore dell’Ente sloveno per il turismo in Italia – a riconferma della bontà di un lavoro straordinario che da anni portiamo avanti per promuovere la Slovenia in Italia come destinazione privilegiata». [post_title] => Slovenia: l'ottima annata del 2023 consacra l'Italia secondo mercato a livello globale [post_date] => 2024-01-30T09:37:10+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706607430000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "913" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":59,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465263","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mediterraneo sempre più al centro dell’offerta MSC Crociere, che non smette di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica. Si consolida inoltre il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché gli Emirati e l’Estremo Oriente. Uno sviluppo intenso, che vedrà l’introduzione di nuovi scali e nuovi itinerari, e in cui l’MSC Yacht Club giocherà un ruolo fondamentale. Questa area di bordo esclusiva presente su molte unità MSC, vera nave nella nave dedicata all’offerta di crociere di lusso, è infatti l’elemento chiave di proposte sempre più in linea con le esigenze di un pubblico di crocieristi alla ricerca di esperienze uniche ed esclusive.\r\nLa prima volta di Bari home port\r\n\r\nTra le principali novità nella programmazione di quest’anno, ecco allora il ritorno di MSC Crociere nel porto di Cagliari, a cui si aggiungerà la prima volta di Bari home port. Un’operazione che mira a rendere il capoluogo pugliese una vera e propria porta verso l’Oriente. Tra gli scali italiani, così come tra i porti di tutto il mondo, gli ospiti MSC potranno beneficiare della proficua collaborazione instaurata dalla compagnia con le comunità locali di riferimento, che permette ai passeggeri di vivere al meglio alcune delle meraviglie del nostro Paese, incluse Genova, Civitavecchia, Napoli, Palermo, Ancona, Trieste, Messina, Brindisi, La Spezia, Olbia, Livorno e Venezia. Si confermano inoltre importanti scali già serviti nel 2023, tra cui gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465266\" align=\"aligncenter\" width=\"513\"] MSC Euribia[/caption]\r\n\r\nGrande attesa, poi, per il debutto in inverno della MSC Euribia negli Emirati Arabi. Così come per la ripresa degli itinerari in Cina con la MSC Bellissima, che opererà dagli home port di Shangai, Keelung e Shenzhen fino a tutta l’estate 2024. La programmazione invernale 2024-25 nella regione prevede successivamente una serie di partenze della Splendida da Shenzhen e Xiamen, da dicembre 2024 fino ad aprile 2025, nonché ancora della Bellissima da Shanghai, a partire da gennaio 2025.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465267\" align=\"aligncenter\" width=\"513\"] MSC World Europa[/caption]\r\n\r\nNel 2025 arriva la nuova ammiraglia Msc World America\r\n\r\nMa il momento clou dei prossimi 12 mesi sarà sicuramente l’arrivo della nuova ammiraglia MSC World America: nave che unisce il design europeo al comfort americano. La sua naming ceremony è già in calendario per il 9 aprile 2025 nel nuovo terminal di PortMiami della compagnia. L’unità partirà poi per il suo primo viaggio con tappa presso l’isola privata Ocean Cay MSC Marine Reserve, alle Bahamas. L’itinerario prevede qui un overnight con lo spettacolo serale del faro dell’isola e una festa in spiaggia. Dopo il battesimo, la MSC World America salperà quindi per la sua stagione inaugurale il 12 aprile 2025. La nave effettuerà itinerari alternati di sette notti nell’Est e nell’Ovest dei Caraibi, con tappe a Puerto Plata, in Repubblica Dominicana, San Juan, a Porto Rico, Costa Maya e Cozumel, in Messico, Isla de Roatan, in Honduras, nonché proprio ad Ocean Cay alle Bahamas.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465268\" align=\"aligncenter\" width=\"514\"] MSC Seascape[/caption]\r\n\r\nSempre negli Usa, da novembre 2025 la compagnia aprirà il proprio quarto home port al terminal 16 di Galveston. A fare base nello scalo texano sarà la MSC Seascape, attualmente operativa da Miami. La nave effettuerà crociere verso i porti messicani della costa Maya e di Cozumel, nonché verso l’isola honduregna di Roatan.\r\n\r\nLe suite MSC Yacht Club fiore all’occhiello della flotta\r\n\r\nE per godere appieno di una proposta tanto ampia, la soluzione fiore all’occhiello di MSC Crociere è proprio l’MSC Yacht Club. Nelle sue suite un maggiordomo si occuperà di ogni esigenza degli ospiti: dalle escursioni personalizzate all'organizzazione dei servizi a bordo o a terra, dal lustrascarpe allo spuntino alle 3 del mattino… Il tutto sempre con una meticolosa cura dei dettagli.\r\n\r\nGli ospiti in MSC Yc godono di lounge privata, check-in e check-out prioritario, esclusivo solarium con piscina e idromassaggio. A disposizione degli ospiti anche la possibilità di organizzare una sessione di shopping su misura, di partecipare a escursioni personalizzate, di gustare una ricca selezione di rinfreschi, nonché di accedere liberamente all’Area Termale di MSC Aurea Spa. Particolarmente vasta anche l’offerta gourmet, arricchita da un vero servizio a 5 stelle in grado di esaltare le proposte di chef di fama mondiale.\r\n\r\nNumerose, infine, le tipologie di suite MSC Yacht Club tra cui scegliere, comprese le Royal e le Owner’s suite, tutte arredate sontuosamente e progettate con la massima attenzione ai dettagli: dai materassi in Myform Memory alle lenzuola in cotone egiziano, fino al menu dei cuscini Dorelan, nonché ai bagni in marmo e ai minibar, a cui spesso si aggiungono straordinarie viste panoramiche dai balconi privati.","post_title":"Viaggi di lusso ed esperienze esclusive: le crociere MSC Yacht Club","post_date":"2024-04-11T12:21:23+00:00","category":["informazione-pr","tour_operator"],"category_name":["Informazione PR","Tour Operator"],"post_tag":["crociere-di-lusso-msc-yacht-club","crociere-msc-crociere","crociere-msc-euribia","crociere-msc-seascape","crociere-msc-world-europa","crociere-msc-yacht-club","msc-crociere","msc-yacht-club","msc-yc","suite-msc-yacht-club","viaggi-di-lusso-msc-crociere"],"post_tag_name":["crociere di lusso MSC Yacht Club","crociere MSC Crociere","crociere MSC Euribia","crociere MSC Seascape","crociere MSC World Europa","crociere MSC Yacht Club","msc crociere","MSC Yacht Club","MSC Yc","suite MSC Yacht Club","viaggi di lusso MSC Crociere"]},"sort":[1712838083000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464729","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Toscana si conferma come location preferita dagli stranieri che scelgono l’Italia per il fatidico ‘sì’: 2.600 i matrimoni internazionali nel 2023, il 12,5% in più rispetto al 2022, per un giro di affari cresciuto del 29,5%, sfiorando la quota di 170 milioni di euro, per una spesa media di 65 mila euro, ovvero il 15,3% in più rispetto al 2022.\r\n\r\nI numeri emergono dall’aggiornamento dell’osservatorio Destination weddings in Tuscany effettuato dal Centro studi turistici per Toscana Promozione Turistica e certificano il successo del bando triennale con cui Tuscany for Weddings, divisione di Destination Florence convention & visitors bureau per la promozione dell’offerta wedding della Toscana, ha operato per conto dell’agenzia regionale. Una collaborazione che oggi si rinnova con la firma di un protocollo d’intesa tra i due enti, che amplia ulteriormente l’accordo tra Destination Florence Cvb e Tpt: oltre al wedding, il nuovo protocollo, deliberato dall’assessorato al Turismo della regione Toscana, prevede un lavoro in tandem sul turismo congressuale.\r\n\r\n«Sale il numero di cittadini stranieri che eleggono la Toscana come destinazione dove celebrare le nozze – commenta il presidente, Eugenio Giani -: un risultato che ci riempie di soddisfazione. La decisione, maturata alcuni anni fa, di creare un progetto ad hoc, Tuscany for Weddings, grazie alla collaborazione tra Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau per promuovere l’offerta wedding, si è rivelata vincente. Ritengo che per lo sviluppo di questo segmento turistico la Toscana abbia tutto quello che occorre: luoghi autentici in scenari suggestivi abbinati a un’organizzazione impeccabile».\r\n\r\n«Da diversi anni – aggiunge l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras - la Toscana è tra le mete più scelte da cittadini stranieri per celebrare il proprio matrimonio. Il lavoro portato avanti in questi anni con Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau con il progetto Tuscany for Weddings, e che oggi si amplia anche al turismo congressuale, è dunque un punto di forza su cui continuare a puntare. Il costante incremento di coloro che scelgono questa regione per unirsi in matrimonio è la conferma della bontà di questa collaborazione».\r\n\r\n«Gli ottimi dati sul segmento del wedding – prosegue il direttore di Tpt, Francesco Tapinassi - vanno di pari passo con la necessità di valorizzare il comparto del turismo congressuale. È da qui che nasce un protocollo d’intesa che conferma e amplia il rapporto tra Toscana Promozione Turistica e il Destination Florence convention & visitors bureau, impegnato su entrambi i segmenti wedding e mice. Da considerare, inoltre, il ruolo del Destination Florence Cvb nell’organizzazione della Grand Départ del Tour de France da Firenze a giugno: un ulteriore elemento di connessione tra l’azione del bureau e la nostra agenzia, considerando l’impegno di Tpt nella valorizzazione del comparto cicloturistico».\r\n\r\n A scegliere la Toscana per sposarsi sono soprattutto coppie provenienti da Stati Uniti e Regno Unito (60%), mentre per quanto riguarda il tipo di celebrazione, il rito simbolico è ancora quello preferito (66,3%), con quello civile e religioso che si attestano rispettivamente al 22,4% e all’11,3%. Il 9,3% dei riti civili e simbolici riguarda inoltre unioni civili celebrate tra persone dello stesso sesso. Quasi una coppia su due, ovvero il 48,2% del totale, si è affidata a un wedding planner per coronare il proprio sogno d’amore (+5% rispetto al 2022), mentre per quanto riguarda il periodo scelto, l’89% delle celebrazioni si sono svolte tra aprile e settembre.\r\n\r\nAnche se è calata leggermente la durata media della permanenza degli invitati (3,2 notti contro le 3,3 del 2022), i pernottamenti nelle strutture ricettive sono saliti a 496 mila (+14,5%) e il volume di affari complessivo ha raggiunto i 168,7 milioni di euro (+29,5%). È cresciuto anche il numero medio degli invitati (60,6 contro i 56 rilevati nel 2022) ed è aumentato del 25% il numero di celebrazioni con un numero di invitati compreso tra 51 e 100, che rappresentano il 63% del totale.\r\n\r\nAnche per il 2024 le aspettative del settore sono di un’ulteriore crescita del mercato, con un incremento stimato intorno al 9,1%. I principali arrivi resteranno ancora quelli extra Ue, ma si consoliderà la domanda proveniente da coppie scandinave, tedesche, svizzere, olandesi, austriache, spagnole e francesi.\r\n\r\nNel 2023 si sono rivolte alle imprese della filiera anche 630 coppie italiane provenienti da altre regioni, che hanno scelto la Toscana per il fatidico “sì”, generando un fatturato complessivo di 25 milioni di euro.","post_title":"Toscana: in aumento gli stranieri che scelgono la regione per il fatidico \"sì\"","post_date":"2024-04-03T09:24:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712136286000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463115","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina a grandi passi il momento del debutto della Queen Anne: la nuova ammiraglia Cunard, quarta nave della flotta, effettuerà il proprio viaggio inaugurale il prossimo 10 maggio da Southampton a Lisbona. L'unità da 113 mila tonnellate e 3 mila passeggeri costruita in Italia da Fincantieri racchiude, nei 14 ponti a disposizione, un’offerta completa. A partire dalle nuove esperienze culinarie e multisensoriali proposte nei 15 ristoranti, molti dei quali con vista, sino alle più disparate attività sportive con campo da padel e golf, bar e punti ritrovo dalle atmosfere britanniche, piscina e idromassaggi da intrattenimenti e attività e un focus prioritario su salute e benessere con un programma olistico dedicato e l’esclusiva collaborazione con Harper’s Bazaar; e ancora l’atmosfera alla James Bond del casinò, il teatro e la collaborazione esclusiva con il pluripremiato produttore teatrale di Broadway, David Pugh.\r\n\r\nSu una nave Cunard non può inoltre mancare la firma di una vera esperienza britannica: il rito del tè pomeridiano, servito tutti i pomeriggi in guanti bianchi nella scenografica Ball Room; ma la vera punta di diamante sarà la più grande collezione d’arte mai curata in mare: oltre 3 mila artisti e designer sono stati coinvolti nel progetto e verrà esposta una collezione contemporanea di più di 4.300 opere d’arte e sculture. Tra i programmi della Queen Anne spicca anche il Giro del mondo in calendario dal 9 gennaio al 27 aprile che in 107 notti effettuerà la circumnavigazione completa del globo verso ovest (vendibile anche in singole tratte).","post_title":"Si avvicina il debutto della Queen Anne: appuntamento a Southampton il 10 maggio","post_date":"2024-03-08T11:21:54+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709896914000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462756","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo aver chiuso il 2023 a quota 810 milioni di euro, il gruppo Bluvacanze si prepara a un altro anno in crescita e si avvicina alla soglia del miliardo di euro di volume lordo di travel value. Le previsioni per il 2024 sono state rivelate ieri, in occasione dell'inaugurazione del nuovo flagship store di Milano, e parlano di una realtà che si appresta a raggiungere quota 918 milioni, al netto delle elisioni intercompany. E ciò in un contesto nel quale le agenzie di entrambi i brand del network, Vivere & Viaggiare e Bluvacanze, sono destinate a superare ampiamente i valori pre-pandemici del 2019.\r\n\r\nNel dettaglio, i primi due mesi di quest'anno registrano un più 15% sul prenotato pari data del 2023, con l'estate che è già a +35%, grazie a un deciso advance booking.  In merito alle destinazioni, si registra un graduale recupero dell’Egitto, gravemente compromesso dagli eventi di ottobre. Oggi questa destinazione vale “solo” il 30% in meno rispetto a un anno fa. Tra le esperienze di viaggio perdura il boom per le crociere, soprattutto nel Nord Europa (+37%). Nel Mediterraneo, brillano Spagna e Grecia (+74 e + 77%). Sul lungo raggio, ottime le performance per Stati Uniti (+32%) e Giappone (+34%). Ma ovviamente non è tutto rosa e fiori: alcuni nodi critici sono rappresentati dalla conversione dei preventivi, che sconta l’aumento dei prezzi, la minore capacità di spesa delle famiglie e la difficoltà di ottenere in tempo i documenti per l'espatrio. Gli italiani rimangono insomma cauti nel confermare le prenotazioni.\r\n\r\nL’area mice ed eventi è poi destinata a incrementare il portafoglio di aziende in un contesto sempre più internazionale, mentre il comparto del business travel di Cisalpina Tours si ritiene possa raggiungere un livello record di transazioni. A oggi sono operative le sedi di New York, nonché in Brasile, Turchia, Cipro e in Germania, mentre gli uffici europei di Londra, Parigi, Ginevra e Madrid attendono le ultime formalità. Il piano di sviluppo del gruppo Bluvacanze nel medio termine insisterà sulla trasformazione digitale e sull’internazionalizzazione, con la definitiva apertura di uffici in Sudafrica (Durban). Il Far East costituirà il prossimo capitolo del piano di espansione globale, dal 2025. Infine, il tour operator Going registrerà tassi di crescita a due cifre percentuali, grazie al consolidamento delle linee strategiche dirette, alle esperienze di viaggio su misura, di alto profilo, nonché all'arricchimento delle divisioni Going Resort e Incoming di Going2Italy.","post_title":"Il gruppo Bluvacanze vede la soglia del miliardo di euro di travel value","post_date":"2024-03-05T10:01:07+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709632867000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462236","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di \"importanza strategica\" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno.\r\n\r\n«In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio».\r\n\r\nPartecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia.\r\n\r\n«Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia».\r\n\r\nI co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria.\r\n\r\nAlla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia","post_title":"La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica»","post_date":"2024-02-26T11:46:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708947996000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462092","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fronte di un mercato real estate globale che mostra segnali poco brillanti ormai da un paio di anni a questa parte, l'asset class hotel pare però andare controtendenza e attirare crescenti interessi da parte degli investitori. Gli alti tassi di interesse e il relativo declino degli investimenti in immobili tradizionali come gli uffici, a seguito del diffondersi delle pratiche di smart working, non incentivano infatti le transazioni, ma gli edifici a uso ricettivo stanno dimostrando una vivacità tale da sembrare poter vincere le reticenze di molti capitali.\r\n\r\nLo dimostra anche la recente mossa di un colosso come Covivio, che ha appena siglato un accordo per l'acquisizione della quota dell'8,3% detenuta da Generali nella controllata Covivio Hotels, in cambio di nuove azioni della stessa Covivio. \"L'operazione, che equivale all’acquisizione di asset per 500 milioni di euro e a un aumento di capitale di circa 300 milioni - si legge in una nota -, segna un passo importante per il rafforzamento del gruppo quotato all'Euronext di Parigi nel settore alberghiero: un mercato in crescita. A seguito del processo di conferimento, che dovrebbe essere completato entro la fine di aprile, la compagnia deterrà il 52,2% del capitale della controllata Covivio Hotels e lancerà un'offerta pubblica di scambio obbligatoria per la quota restante del capitale\". L'offerta, soggetta all'approvazione dell'organismo di vigilanza Amf, dovrà essere approvata dall'assemblea generale di Covivio il 17 aprile 2024. Al momento, Covivio Hotels è controllata al 43,9% da Covivio e al 53,5% da investitori istituzionali di lungo termine: Crédit Agricole Assurances, Bnp Paribas Cardif, Generali, Assurances du Crédit Mutuel, Sogecap e Cdc.\r\n\r\n\"Trainato dalla tendenza a lungo termine dello sviluppo del turismo - prosegue la nota - il settore dell'hospitality offre solide prospettive di crescita. Registrando un amento medio dei prezzi del 10% nel 2023 rispetto al 2022, il settore ha dimostrato ancora una volta il suo pricing power. Dal 2009, il revpar è aumentato in media del 3,4% all'anno, mentre l'inflazione è aumentata del 2,2%. Le prospettive di crescita della domanda sono promettenti grazie allo sviluppo del turismo, sia per i clienti nazionali (crescita media dei pernottamenti prevista del 3,3% annuo entro il 2030), sia per quelli internazionali (crescita annua prevista del 6%). Anche la debolezza dell'offerta futura dovrebbe stimolare l'aumento del revpar: a fronte di una crescita prevista del 5% annuo dei pernottamenti entro il 2030, l'offerta futura rappresenta in media il 3% dello stock esistente in Europa e solo l'1,5% in Francia. Nel frattempo, le pressioni politiche e normative limitano sia lo sviluppo di strutture turistiche di tipo Airbnb, sia l'apertura di nuovi hotel\".\r\n\r\nCon l'acquisizione della partecipazione di Generali in Covivio Hotels, il gruppo rafforza la propria esposizione a un portfolio di 313 hotel, l'89% dei quali situato nelle principali città turistiche europee come Parigi, Berlino, Roma, Londra, Barcellona e Madrid. La quota di alberghi nel portfolio di Covivio salirà al 20% rispetto al 17% alla fine del 2023 (fino al 32% in caso di possesso del 100% delle azioni a seguito dell'offerta), accelerando così il bilanciamento del portafoglio tra uffici, residenziale e hotel.","post_title":"Covivio rafforza la presa sull'alberghiero: un settore \"dalle solide prospettive di crescita\"","post_date":"2024-02-22T12:47:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708606073000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461679","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A marzo la Val d’Ega accoglie gli appassionati delle piste con offerte che rendono non solo meraviglioso ma anche conveniente trascorrere una vacanza nel cuore soleggiato delle Dolomiti.\r\n\r\n“Doppietta sugli sci” in Val d'Ega è la vantaggiosa offerta valida dal 2 al 30 marzo 2024, che comprende 7 pernottamenti; 7 giorni di Guest Pass Val d'Ega (per viaggiare gratuitamente col trasporto pubblico) e skibus gratuito che collega Carezza e Obereggen; 6 giorni skipass Valle Silver; 1 giornata di ski test gratuito a Carezza (Sport Laurin e Ski & Bike Rent) oppure a Obereggen (Ski Siegfried e Skiservice Obereggen); 1 aperitivo al tramonto alla Laurins Lounge a Carezza - la lounge panoramica più alta dell’Alto Adige, ai piedi del Rosengarten Catinaccio - dalle ore 16.30 alle ore 18.00; “Be the first” la possibilità di essere i primi a solcare la pista immacolata Oberholz a Obereggen, dalle ore 07.30 ogni sabato e domenica; sci notturno ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00; slittare di notte ogni martedì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 22:00 (con noleggio gratuito dello slittino allo Ski Siegfried e allo Skiservice Obereggen). Prezzo a partire da 999 euro per persona.\r\n\r\nLa proposta  “Dolomiti Spring Days”, dal 16 marzo al 1° aprile e dal 2 aprile a fine stagione 2024, regala un giorno di vacanza sulla neve.\r\n\r\nDal 16 marzo al 1° aprile 7 pernottamenti al prezzo di 6 (a partire da 915 euro per persona in hotel 3 stelle) e 6 giorni di skipass al prezzo di 5 (a partire da 788 euro per persona), oppure dal 2 aprile fino a fine stagione, soggiorno di 4 giorni e skipass al prezzo di 3, a partire da 434 euro a persona.\r\n\r\nI prezzi sono validi per lo skipass Fassa-Carezza, oppure Fiemme-Obereggen, oppure Dolomiti Superski.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Val d'Ega, a marzo le offerte per l'ultima neve sulle Dolomiti","post_date":"2024-02-16T12:18:15+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708085895000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461462","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è anche Alpitour tra i grandi marchi inclusi nella mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands. Voluta dal ministero delle Imprese e del made in Italy, l'esposizione è ospitata a palazzo Piacentini a Roma. L'iniziativa, a cui hanno aderito 100 aziende, per un totale di 113 marchi, del settore abbigliamento e cura della persona, arredamento, automotive e agroalimentare, nasce per celebrare i 140 anni dell’Ufficio italiano brevetti e marchi, che nel 2019 si è arricchito del Registro speciale dei marchi storici di interesse nazionale, contenente i brand iscritti da più di cinquant’anni e ancora attivi. Lo scopo della mostra, curata dai professori Carlo Martino e Francesco Zurlo, docenti di design all’università La Sapienza di Roma e al Politecnico di Milano, disponibile fino al 6 aprile nell’atrio principale di palazzo Piacentini, è quello di valorizzare un patrimonio industriale, progettuale e materiale di inestimabile valore per il Paese, fatto di storie imprenditoriali di successo e di designer che hanno cambiato il modo di comunicare l’immagine aziendale dei prodotti.\r\n\r\n“Essere stati scelti dal Mimit ci onora e ci rende orgogliosi – sottolinea Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Apitour World – perché significa che Alpitour ha saputo rimanere nel cuore e nella mente di milioni di italiani, crescendo insieme a loro. In questi 75 anni abbiamo raggiunto grandi risultati con impegno, passione e lavoro di squadra. Oggi il brand Alpitour è più vivo che mai e presta il suo nome anche al gruppo, Alpitour World: un’eredità che abbiamo sempre voluto proteggere e celebrare, perché questo marchio ha fatto il turismo italiano”.","post_title":"Alpitour tra i grandi marchi presenti alla mostra Identitalia - The Iconic Italian Brands","post_date":"2024-02-14T11:23:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707909792000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460322","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dati ufficiali 2023 per la Slovenia che conquista il primo posto della classifica europea per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con un incremento rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022.\r\n\r\nIl secondo dato segna un record nella storia del turismo in Slovenia: mai erano stati così tanti i pernottamenti nel paese, neanche nel 2019. I pernottamenti totali nel 2023 hanno superato, infatti, del 2,2% quelli pre-pandemia.\r\n\r\nInfine, gli arrivi e i pernottamenti dall’estero, rispettivamente il 75,2 e il 71,6% del totale, si sono rivelati anche per lo scorso anno una risorsa imprescindibile non solo per il comparto turistico sloveno, ma per tutta l’economia del Paese. Il primo mercato è stato, anche per il 2023, la Germania, che ha detenuto un market share pari a circa il 15% del totale degli arrivi e al 16,3% dei pernottamenti esteri.\r\n\r\nTrainato da un dicembre da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto allo scorso anno), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): complessivamente nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia. Seguono l’Austria (8,6% degli arrivi) e la Croazia (6,1%).\r\n\r\n«Si tratta di numeri che non possono che inorgoglirci - afferma soddisfatto Aljoša Ota, direttore dell’Ente sloveno per il turismo in Italia – a riconferma della bontà di un lavoro straordinario che da anni portiamo avanti per promuovere la Slovenia in Italia come destinazione privilegiata».","post_title":"Slovenia: l'ottima annata del 2023 consacra l'Italia secondo mercato a livello globale","post_date":"2024-01-30T09:37:10+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706607430000]}]}}

Lascia un commento