1 March 2024

894

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

PROMOTER , AREA ROMA E LAZIO, PLURIENNALE ESPERIENZA , OTTIMA CONOSCENZA RETE AGENZIE DI VIAGGI, OFFRESI PER PROPOSTA DI COLLABORAZIONE DA PARTE DI TOUR OPERATOR — TELEFONARE A MARCO : 328 7963874.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_415903" align="alignleft" width="300"] Salvatore Ombra[/caption] L'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali. Tra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia. “Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.  “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”. [post_title] => L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer [post_date] => 2024-02-29T09:23:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709198628000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il mese di febbraio celebra il Capodanno cinese: il vero inizio del nuovo anno per i cinesi nonché della primavera! Le giornate sono più calde, i fiori sbocciano e si comincia a uscire e viaggiare. Dove? Magari in una ricca e tranquilla cittadina nel Sud-est della Cina che ben rappresenta il turismo rurale cinese di alta qualità. Il suo nome è Gaoyou e si trova alla provincia dello Jiangsu, vicino a Shanghai. Qui la primavera è luminosa e colorata, attraversata anche dal profumo intenso dei fuochi d'artificio cinesi. Ecco due itinerari di viaggio di qualità che ci sentiamo di consigliarvi!    TOUR CULTURALE DELLA CITTA' ANTICA: "FIREWORKS TOWN" Yuchengyi→ Strada tematica della via Nanmen→ Tempio Zhenguo→ Terrazza Wenyou→ Banco dei pegni di Tongxing Questo percorso consente ai turisti di sperimentare il romanticismo unico di Gaoyou, visitare edifici storici e assaggiare cibi locali. È il percorso culturale ed enogastronomico più profondo, artistico ed elegante. Yuchengyi: la postazione Yucheng fu costruita nell'ottavo anno di Hongwu, durante la dinastia Ming (1375) ed è la stazione di posta antica più grande e meglio conservata della Cina. La Sala Huanghua e la Sala Zhujie sono gli edifici principali della stazione Yucheng. Nel 2003, il Museo dell'Ufficio Postale è stato riconosciuto dall'Amministrazione Statale dei Beni Culturali della Cina come uno dei 100 musei più caratteristici del paese. La strada tematica di Nanmen Street: situata fuori dalla porta sud della città di Gaoyou, fu il centro di canali più prospero della Cina dal XVI al XVIII secolo. Ora è anche un'area di ritrovo per la vita culturale notturna, dove i turisti possono vivere esperienze gastronomiche autentiche e apprezzare il patrimonio culturale locale. [caption id="attachment_460523" align="aligncenter" width="300"] Il tempio Zhenguo fu costruito nell'874. È conosciuto come la " città buddista sul canale " ed è un luogo prezioso per la preghiera[/caption] Wenyou: la terrazza Wenyou fu costruita tra il X e il XII secolo e per centinaia di anni poeti famosi di diverse dinastie cinesi amavano riunirsi su questo palco: molte poesie famose sono state scritte qui e tramandate fino ai giorni nostri. Banco dei pegni di Tongxing: il banco fu aperto a metà del XVIII secolo e all'epoca era uno tra i principali del paese.   TOUR DELLA CITTA' SELVAGGIA "SHUIYUN GAOYOU"  Villaggio musulmano di Lingtang → Zhuhu Xiaozhen → Yuchengyi → Qingshuitan → Linze Resort Questo percorso accompagna i turisti nel sole del mattino lungo il lago Gaoyou, tra i riflessi della neve e il volteggiare di migliaia di uccelli. Lungo il percorso, si attraversa la città fra scorci antichi e moderni, mentre flotte di chiatte scivolano lungo le acque del Canal Grande. Un paesaggio da vivere e scoprire nel segno dell'acqua, senza tralasciare il cibo delizioso. Zhuhu Xiaozhen è situato sulla riva del lago Gaoyou ed è un grande parco paludoso in Cina che integra diverse zone umide e b&b. [gallery ids="460528,460527,460529"] Piscina di acqua limpida: il resort di Qingshuitan è inserito in un contesto paesaggistico naturale di zone umide, habitat prescelto dalle anatre selvatiche che ogni anno attraggono qui numerosi turisti cinesi e stranieri. Qui è possibile trascorrere un soggiorno all'insegna del relax, effettuare sport acquatici e apprezzare anche il cibo locale. Pur essendo piccola, la città di Gaoyou propone una vasta gamma di soluzioni alberghiere in grado di soddisfare le esigenze di differenti tipologie di turisti. L'offerta spazia dal Bosideng International Hotel, che conta 850 lussuose camere di diverse tipologie; sono inoltre presenti diversi express hotel e b&b. Ma, a prescindere dall'opzione scelta, lo scenario naturale del lago Gaoyou è garanzia di una vacanza di totale comfort e libertà.  La primavera, con la sua brezza gentile, vi aspetta a Gaoyun per raccontarvi le sue storie più belle in questo nuovo anno! Charm of Jiangsu ti dà il benvenuto!         [post_title] => Gaoyou, provincia di Jiangsu: due tour lungo il Canal Grande della Cina [post_date] => 2024-02-05T09:30:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707125441000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460477 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è chiuso con risultati record il 2023 del gruppo Blu Hotels, che ha visto il proprio fatturato crescere di 10 milioni rispetto all'anno precedente, toccando quota 80 milioni di euro. Bene pure i margini operativi lordi (ebitda) della compagnia, che hanno raggiunto gli 11 milioni. Prestazioni, queste, frutto di ricavi medi per camera disponibile (total revpar) pari a 136,8 euro, corrispondenti a una tariffa media di 194 euro e a un'occupazione del 70,7% (contro il 66,8% dell'esercizio 2022). A far da traino si conferma il mare, con il Salento destinazione più apprezzata. Positivi pure i risultati di Sardegna e Toscana, così come del lago di Garda e della montagna. Quest'ultima, in particolare, grazie alla sua ritrovata capacità di offrire una doppia stagionalità, assume un'importanza strategica per il gruppo. Una valenza confermata dalle previsioni per l'inverno 2023/2024, che indicano già un +20% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. “I risultati testimoniano la validità del nostro modello di business, con un portfolio diversificato, sia per destinazioni sia per tipologia di offerta - sottolinea il presidente di Blu Hotels, Nicola Risatti -. A differenza di quanto emerso a livello nazionale, abbiamo avuto molti italiani sia nelle destinazioni mare sia in montagna. Sicuramente anche il grande lavoro di fidelizzazione della clientela svolto in questi 30 anni ha fatto molto”. A conferma del successo di questo anno, in occasione del Natale, Blu Hotels ha voluto riconoscere ai propri dipendenti un premio welfare di mille euro, spendibile in buoni spesa, buoni carburante e buoni e-commerce, rimborsi bollette, viaggi, benessere e svago. Questo gesto si unisce a nuove politiche retributive e a incentivazioni implementate dal gruppo, come la possibilità di un giorno di smartworking alla settimana nella sede amministrativa. Inoltre, anche ai dipendenti stagionali sarà riconosciuto un premio welfare a fine contratto. “Per noi la soddisfazione e il benessere dei nostri collaboratori sono basilari - conclude Risatti -. Pertanto è altrettanto fondamentale creare un ambiente di lavoro in cui il dipendente si senta valorizzato nelle proprie inclinazioni, con l’obiettivo di garantire l’esperienza professionale migliore, ogni giorno”. [post_title] => Il gruppo Blu Hotels chiude un 2023 record toccando gli 80 mln di fatturato [post_date] => 2024-01-31T11:43:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706701409000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459654 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una pietra di colore viola, personalizzata con 22 simboli strani e con un messaggio da decifrare. E' un mistero che si svelerà nelle prossime settimane la nuova attrazione 2024 di Gardaland. La pietra, segno dell'inizio dei lavori di costruzione, è stata simbolicamente posata al centro del cantiere. Quello che si sa, al momento, è che sarà una novità avventurosa: un’attrazione per gli amanti del brivido a partire dalla generazione X a quella Z fino alla gen Alpha e potrà trasportare circa 350 persone all’ora, con un’altezza superiore ai 120 centimetri. Posizionata in un’area di 494 metri quadrati, prenderà il posto del Sequoia Magic Loop, accanto alle attrazioni Shaman e Colorado Boat. Ricca di effetti speciali e con un alto impatto scenografico la nuova attrazione, della quale non è stato ancora svelato il nome, saprà dunque accogliere più generazioni diverse fra loro. La pietra, realizzata dal reparto creativo di Gardaland Resort in circa dieci step per un totale di 100 ore di lavoro, al termine del cantiere verrà posizionata nella nuova attrazione. “Non vediamo l’ora di accogliere i nostri ospiti per la nuova stagione, certi che la futura attrazione li sorprenderà e li farà immergere in un nuovo magico scenario” sottolinea la ceo del parco, Sabrina de Carvalho. [post_title] => Gardaland: al via i lavori per una nuova, misteriosa attrazione [post_date] => 2024-01-18T12:36:11+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705581371000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459362 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022. In termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019. Particolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019. Sulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019. Per quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019. Il confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019. È importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.   [post_title] => Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale [post_date] => 2024-01-15T10:30:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705314630000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457574 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Profitti e Iata. La Iata rivede al rialzo le aspettative di profitto delle compagnie aeree per il 2023. E stima un piccolo aumento anche per il 2024. L'associazione delle compgnie aeree prevede che il settore registrerà un utile netto collettivo di 23,3 miliardi di dollari per il 2023, più che raddoppiando le sue aspettative per l'anno in corso rispetto a sei mesi fa. A giugno la Iata aveva infatti previsto un profitto di poco inferiore ai 10 miliardi di dollari per l'anno in corso. Per il 2024 viene poi stimato un ulteriore, lieve aumento dei profitti del settore a 25,7 miliardi di dollari.  Si tratta di un ritorno al profitto per il settore nel suo complesso, dopo tre anni consecutivi di perdite durante la pandemia. Il negativo del 2022 era stato di 3,8 miliardi di dollari. «La velocità della ripresa è stata straordinaria, ma sembra anche che la pandemia sia costata all'aviazione circa quattro anni di crescita. A partire dal 2024 le prospettive indicano che possiamo aspettarci modelli di crescita normali sia per i passeggeri che per le merci» ha commentato il direttore generale, Willie Walsh. 100 miliardi di dollari Il miglioramento delle proiezioni di profitto deriva dall'aggiornamento di quasi 100 miliardi di dollari nelle aspettative di fatturato: nelle previsioni di giugno, veniva citato un fatturato del settore di poco superiore agli 800 miliardi di dollari, ma ora si punta ad un fatturato complessivo delle compagnie aeree di 896 miliardi di dollari. In particolare, viene prevista una performance particolarmente positiva per l'Asia-Pacifico: le compagnie aeree di questa regione raggiungano quasi il pareggio quest'anno e un piccolo profitto - 1,1 miliardi di dollari - per l'anno prossimo. Resteranno invece complessivamente in rosso nel 2024 le compagnie aeree africane e latinoamericane. Le compagnie aeree nordamericane continuano a trainare i profitti del settore, con stime di utile per il 2023 di 14,3 miliardi di dollari - 3 miliardi in più rispetto alle previsioni di giugno - e un profitto simile anche nel 2024. In Europa si prevedono infine utili per 7,7 miliardi di dollari, mentre per la regione del Medio Oriente il profitto collettivo si attesterà quest'anno sui 2,6 miliardi di dollari. [post_title] => Profitti al rialzo per le compagnie aeree, quest'anno e nel 2024 [post_date] => 2023-12-06T11:40:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701862816000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Cina, ancora in attesa di un recupero significativo degli arrivi turistici post pandemia, lancia una nuova iniziativa per incentivare i flussi internazionali: dal prossimo 1° dicembre il Paese consentirà l'ingresso senza visto ai viaggiatori provenienti da Italia, Francia, Germania, Paesi Bassi, Spagna e Malesia. I cittadini di questi Paesi potranno soggiornare in Cina per un massimo di 15 giorni. Il programma sperimentale sarà in vigore per un anno, con l'obiettivo di «facilitare lo sviluppo di qualità degli scambi di personale cinese e straniero e l'apertura ad alto livello verso il mondo esterno", ha dichiarato il portavoce del Ministero degli Esteri Mao Ning durante un briefing. Le statistiche ufficiali sull'immigrazione mostrano che nei primi sei mesi dell'anno la Cina ha registrato 8,4 milioni di arrivi internazionali, dato si confronta con i 977 milioni di tutto il 2019, l'ultimo anno prima della pandemia. Attualmente possono già entrare in Cina senza visto i cittadini del Brunei e di Singapore, non quelli del Giappone come accadeva invece prima della pandemia. [post_title] => Cina: dal 1° dicembre niente visto per i cittadini italiani e di altri 4 paesi europei [post_date] => 2023-11-27T12:37:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701088652000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456164 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel terzo trimestre dell'anno l'aeroporto dell'Umbria sale al secondo posto della classifica stilata da Aci Europe che valuta il tasso di crescita del traffico passeggeri tra gli scali europei, nella categoria sotto i 5 milioni di passeggeri annui. Classifica che nel primo semestre del 2023 vedeva lo scalo di Perugia già posizionato sul terzo gradino del podio. Lo scalo ha infatti realizzato "una crescita del +194% rispetto allo stesso periodo del 2019" sottolinea una nota del San Francesco d'Assisi. Nel periodo di picco per i voli aerei in Europa il traffico passeggeri è cresciuto del +12,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Questo aumento, nonostante le tariffe dei voli aerei più elevate e le pressioni inflazionistiche, evidenzia una performance di crescita negli aeroporti europei complessivamente solida, secondo Aci Europe. Riguardo agli aeroporti regionali viene sottolineato che quelli che servono destinazioni turistiche e si affidano a vettori low cost hanno registrato volumi di passeggeri superiori rispetto ai livelli pre-pandemia (terzo trimestre 2019). [post_title] => L'aeroporto Perugia scala la classifica Aci Europe per la maggior crescita del traffico [post_date] => 2023-11-16T10:04:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700129050000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455598 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per l’industria turistica italiana il 2023 è l’anno della definitiva ripartenza. Il ritorno in massa dei turisti internazionali e il recupero del business travel stanno delineando una performance che entro la fine dell’anno dovrebbe portare al pieno recupero dei flussi pre-pandemia. Soprattutto in quelle destinazioni dove più elevata è la quota del movimento turistico internazionale: oltre ai nordamericani, il 2023 sta infatti registrando il ritorno dei viaggiatori sudamericani e di quelli asiatici. Secondo gli indicatori dell'Italian Hotel Monitor, elaborato da Trademark Italia, ai primi due positivi trimestri dell’anno ha fatto in particolare seguito un terzo trimestre 2023 che va in archivio con un risultato in crescita rispetto al 2022 per l’industria alberghiera italiana, sia in termini di occupazione camere (+2,7 punti percentuali), sia di prezzo medio camera (+10,4%). Si tratta di dati che, rispetto ai valori medi rilevati da Ihm nei primi sei mesi, si contraggono in virtù di una frenata del movimento turistico nazionale nei mesi più importanti dell’estate (luglio e agosto), cui ha fatto comunque seguito una decisa ripresa a settembre. Si conferma d’altra parte la tendenza positiva del movimento turistico business e ancor più di quello leisure internazionale che, stando alle prime indicazioni del mese di ottobre, continua ad affollare le principali città d’arte e d’affari italiane. La buona performance del terzo trimestre 2023 consente di superare i numeri pre-Covid del 2019 anche in termini di occupazione camere per il periodo (+2,3 punti), mentre il prezzo medio camera, che era già da tempo oltre i livelli pre-pandemici, a causa anche della crescita dell’inflazione, ora si attesta al +10,4% rispetto al 2022 e al +27,7% rispetto al 2019. I dati confermano un buon andamento in tutte le tipologie ricettive, con il settore luxury (5 stelle) in crescita rispetto al 2022 per adr (+11%) e tassi di occupazione (+0,7 punti), il settore upscale (4 stelle) che cresce per adr (+8,4%) e toc (+3 punti) e il settore midscale (3 stelle) in crescita di +2,7 punti del toc e +11% di prezzo medio camera. Analizzando l’andamento dei toc su scala nazionale, emerge che tutte le 39 città monitorate superano la simbolica quota (in termini gestionali) del 60%, con 29 location al di sopra del 70% di occupazione camere e cinque di queste attestate addirittura oltre l’80%: Rimini (89%), Como (84,6%), Pescara (81,7%), Roma (81,5%) e Pesaro (80,6%). Seguono Napoli con il 79,8%, San Marino con il 79,4%, Firenze con il 78%, Genova (76,7%), Cagliari (76,2%), Milano (76,1%) e Verona (76%). Al vertice della top 10 in termini di prezzo medio di vendita si conferma Venezia, con un adr 245,89 euro (+15% rispetto al 2022), davanti a Firenze (194,64 euro, +12,8%), Milano (188,76 euro, +9,7%), Roma (166,62 euro, +9,5%), Como (150,67 euro, +12,5%), Genova (117,03 euro, +8%), Napoli (116,26 euro, +9,8%), Bologna (109,98 euro, +7,1%), Palermo (107,98 euro, +12,7%), Bari (105,60 euro, +12,5%) e Bergamo (100,35 euro, +6,9%). [post_title] => Trademark: il 2023 anno della definitiva ripartenza per l'hotellerie italiana [post_date] => 2023-11-07T14:42:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1699368124000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "894" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":41,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_415903\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Salvatore Ombra[/caption]\r\n\r\nL'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali.\r\n\r\nTra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia.\r\n\r\n“Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.\r\n\r\n “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”.","post_title":"L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer","post_date":"2024-02-29T09:23:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709198628000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il mese di febbraio celebra il Capodanno cinese: il vero inizio del nuovo anno per i cinesi nonché della primavera! Le giornate sono più calde, i fiori sbocciano e si comincia a uscire e viaggiare. Dove? Magari in una ricca e tranquilla cittadina nel Sud-est della Cina che ben rappresenta il turismo rurale cinese di alta qualità. Il suo nome è Gaoyou e si trova alla provincia dello Jiangsu, vicino a Shanghai.\r\n\r\nQui la primavera è luminosa e colorata, attraversata anche dal profumo intenso dei fuochi d'artificio cinesi. Ecco due itinerari di viaggio di qualità che ci sentiamo di consigliarvi!\r\n\r\n \r\n\r\n \t TOUR CULTURALE DELLA CITTA' ANTICA: \"FIREWORKS TOWN\"\r\n\r\nYuchengyi→ Strada tematica della via Nanmen→ Tempio Zhenguo→ Terrazza Wenyou→ Banco dei pegni di Tongxing\r\n\r\nQuesto percorso consente ai turisti di sperimentare il romanticismo unico di Gaoyou, visitare edifici storici e assaggiare cibi locali. È il percorso culturale ed enogastronomico più profondo, artistico ed elegante.\r\n\r\n\r\n\r\nYuchengyi: la postazione Yucheng fu costruita nell'ottavo anno di Hongwu, durante la dinastia Ming (1375) ed è la stazione di posta antica più grande e meglio conservata della Cina. La Sala Huanghua e la Sala Zhujie sono gli edifici principali della stazione Yucheng. Nel 2003, il Museo dell'Ufficio Postale è stato riconosciuto dall'Amministrazione Statale dei Beni Culturali della Cina come uno dei 100 musei più caratteristici del paese.\r\n\r\n\r\n\r\nLa strada tematica di Nanmen Street: situata fuori dalla porta sud della città di Gaoyou, fu il centro di canali più prospero della Cina dal XVI al XVIII secolo. Ora è anche un'area di ritrovo per la vita culturale notturna, dove i turisti possono vivere esperienze gastronomiche autentiche e apprezzare il patrimonio culturale locale.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_460523\" align=\"aligncenter\" width=\"300\"] Il tempio Zhenguo fu costruito nell'874. È conosciuto come la \" città buddista sul canale \" ed è un luogo prezioso per la preghiera[/caption]\r\n\r\n\r\n\r\nWenyou: la terrazza Wenyou fu costruita tra il X e il XII secolo e per centinaia di anni poeti famosi di diverse dinastie cinesi amavano riunirsi su questo palco: molte poesie famose sono state scritte qui e tramandate fino ai giorni nostri.\r\n\r\n\r\n\r\nBanco dei pegni di Tongxing: il banco fu aperto a metà del XVIII secolo e all'epoca era uno tra i principali del paese.\r\n\r\n \r\n\r\n \tTOUR DELLA CITTA' SELVAGGIA \"SHUIYUN GAOYOU\" \r\n\r\nVillaggio musulmano di Lingtang → Zhuhu Xiaozhen → Yuchengyi → Qingshuitan → Linze Resort\r\n\r\nQuesto percorso accompagna i turisti nel sole del mattino lungo il lago Gaoyou, tra i riflessi della neve e il volteggiare di migliaia di uccelli. Lungo il percorso, si attraversa la città fra scorci antichi e moderni, mentre flotte di chiatte scivolano lungo le acque del Canal Grande. Un paesaggio da vivere e scoprire nel segno dell'acqua, senza tralasciare il cibo delizioso.\r\n\r\n\r\n\r\nZhuhu Xiaozhen è situato sulla riva del lago Gaoyou ed è un grande parco paludoso in Cina che integra diverse zone umide e b&b.\r\n\r\n[gallery ids=\"460528,460527,460529\"]\r\n\r\nPiscina di acqua limpida: il resort di Qingshuitan è inserito in un contesto paesaggistico naturale di zone umide, habitat prescelto dalle anatre selvatiche che ogni anno attraggono qui numerosi turisti cinesi e stranieri. Qui è possibile trascorrere un soggiorno all'insegna del relax, effettuare sport acquatici e apprezzare anche il cibo locale.\r\n\r\nPur essendo piccola, la città di Gaoyou propone una vasta gamma di soluzioni alberghiere in grado di soddisfare le esigenze di differenti tipologie di turisti. L'offerta spazia dal Bosideng International Hotel, che conta 850 lussuose camere di diverse tipologie; sono inoltre presenti diversi express hotel e b&b. Ma, a prescindere dall'opzione scelta, lo scenario naturale del lago Gaoyou è garanzia di una vacanza di totale comfort e libertà. \r\n\r\nLa primavera, con la sua brezza gentile, vi aspetta a Gaoyun per raccontarvi le sue storie più belle in questo nuovo anno!\r\nCharm of Jiangsu ti dà il benvenuto!\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Gaoyou, provincia di Jiangsu: due tour lungo il Canal Grande della Cina","post_date":"2024-02-05T09:30:41+00:00","category":["estero","informazione-pr"],"category_name":["Estero","Informazione PR"],"post_tag":[]},"sort":[1707125441000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460477","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è chiuso con risultati record il 2023 del gruppo Blu Hotels, che ha visto il proprio fatturato crescere di 10 milioni rispetto all'anno precedente, toccando quota 80 milioni di euro. Bene pure i margini operativi lordi (ebitda) della compagnia, che hanno raggiunto gli 11 milioni. Prestazioni, queste, frutto di ricavi medi per camera disponibile (total revpar) pari a 136,8 euro, corrispondenti a una tariffa media di 194 euro e a un'occupazione del 70,7% (contro il 66,8% dell'esercizio 2022).\r\n\r\nA far da traino si conferma il mare, con il Salento destinazione più apprezzata. Positivi pure i risultati di Sardegna e Toscana, così come del lago di Garda e della montagna. Quest'ultima, in particolare, grazie alla sua ritrovata capacità di offrire una doppia stagionalità, assume un'importanza strategica per il gruppo. Una valenza confermata dalle previsioni per l'inverno 2023/2024, che indicano già un +20% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\n“I risultati testimoniano la validità del nostro modello di business, con un portfolio diversificato, sia per destinazioni sia per tipologia di offerta - sottolinea il presidente di Blu Hotels, Nicola Risatti -. A differenza di quanto emerso a livello nazionale, abbiamo avuto molti italiani sia nelle destinazioni mare sia in montagna. Sicuramente anche il grande lavoro di fidelizzazione della clientela svolto in questi 30 anni ha fatto molto”.\r\n\r\nA conferma del successo di questo anno, in occasione del Natale, Blu Hotels ha voluto riconoscere ai propri dipendenti un premio welfare di mille euro, spendibile in buoni spesa, buoni carburante e buoni e-commerce, rimborsi bollette, viaggi, benessere e svago. Questo gesto si unisce a nuove politiche retributive e a incentivazioni implementate dal gruppo, come la possibilità di un giorno di smartworking alla settimana nella sede amministrativa. Inoltre, anche ai dipendenti stagionali sarà riconosciuto un premio welfare a fine contratto. “Per noi la soddisfazione e il benessere dei nostri collaboratori sono basilari - conclude Risatti -. Pertanto è altrettanto fondamentale creare un ambiente di lavoro in cui il dipendente si senta valorizzato nelle proprie inclinazioni, con l’obiettivo di garantire l’esperienza professionale migliore, ogni giorno”.","post_title":"Il gruppo Blu Hotels chiude un 2023 record toccando gli 80 mln di fatturato","post_date":"2024-01-31T11:43:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706701409000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459654","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una pietra di colore viola, personalizzata con 22 simboli strani e con un messaggio da decifrare. E' un mistero che si svelerà nelle prossime settimane la nuova attrazione 2024 di Gardaland. La pietra, segno dell'inizio dei lavori di costruzione, è stata simbolicamente posata al centro del cantiere.\r\n\r\nQuello che si sa, al momento, è che sarà una novità avventurosa: un’attrazione per gli amanti del brivido a partire dalla generazione X a quella Z fino alla gen Alpha e potrà trasportare circa 350 persone all’ora, con un’altezza superiore ai 120 centimetri. Posizionata in un’area di 494 metri quadrati, prenderà il posto del Sequoia Magic Loop, accanto alle attrazioni Shaman e Colorado Boat.\r\n\r\nRicca di effetti speciali e con un alto impatto scenografico la nuova attrazione, della quale non è stato ancora svelato il nome, saprà dunque accogliere più generazioni diverse fra loro. La pietra, realizzata dal reparto creativo di Gardaland Resort in circa dieci step per un totale di 100 ore di lavoro, al termine del cantiere verrà posizionata nella nuova attrazione. “Non vediamo l’ora di accogliere i nostri ospiti per la nuova stagione, certi che la futura attrazione li sorprenderà e li farà immergere in un nuovo magico scenario” sottolinea la ceo del parco, Sabrina de Carvalho.","post_title":"Gardaland: al via i lavori per una nuova, misteriosa attrazione","post_date":"2024-01-18T12:36:11+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1705581371000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459362","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il mercato Italia di Tap Air Portugal nel 2023 ha registrato una crescita del traffico del 31,8% per oltre 1,1 milioni di passeggeri trasportati sulle sei rotte operate. Una crescita maggiore di quella media globale per il vettore lusitano, che con 15,9 milioni di passeggeri ha archiviato l’anno scorso con un incremento del +15,2% sul 2022.\r\n\r\nIn termini di load factor a livello globale la compagnia ha segnato un riempimento dell'80,8%, 0,8 punti percentuali in più rispetto al 2022 e già in crescita di 0,7% p.p. rispetto al 2019, l'ultimo anno pre-pandemico. L’Rpk è aumentato del 16% rispetto al 2022 e dell'1,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nParticolarmente positiva la performance sul network di lungo raggio, con un totale di 4,6 milioni di passeggeri trasportati, vale a dire il 15,1% in più rispetto al 2022, e il 9,8% in più rispetto al 2019. Sulle rotte di Stati Uniti e Canada i passeggeri trasportati sono stati 1,46 milioni, il 18,4% in più rispetto al 2022 e il 39,5% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nSulle rotte verso il Brasile il numero totale di passeggeri trasportati è stato di oltre 1,9 milioni, con un incremento del 20,3% rispetto al 2022 e dell'8,4% rispetto al 2019.\r\n\r\nPer quanto riguarda le rotte verso le regioni autonome delle Azzorre e di Madeira, lo scorso anno TAP ha trasportato 1,5 milioni di passeggeri, vale a dire il 13,2% in più rispetto al 2022 e il 5,7% in più rispetto al 2019.\r\n\r\nIl confronto globale sul 2019 vede Tap ancora in difetto sui livelli di traffico che deteneva sulle rotte del Portogallo continentale, dell'Europa e dell'Africa, registrando, in termini di numeri totali, -7 % rispetto al numero totale di passeggeri trasportati nel 2019.\r\n\r\nÈ importante sottolineare che il piano di ristrutturazione definito dalla Commissione europea e a cui Tap sarà soggetta fino al 2025 le impongono di operare con un numero minore di aeromobili e un numero minore di slot all’aeroporto di Lisbona rispetto al 2019.  ","post_title":"Tap centra una crescita del traffico sulle rotte italiane (+31,8%) maggiore di quella globale","post_date":"2024-01-15T10:30:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1705314630000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457574","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Profitti e Iata. La Iata rivede al rialzo le aspettative di profitto delle compagnie aeree per il 2023. E stima un piccolo aumento anche per il 2024.\r\n\r\nL'associazione delle compgnie aeree prevede che il settore registrerà un utile netto collettivo di 23,3 miliardi di dollari per il 2023, più che raddoppiando le sue aspettative per l'anno in corso rispetto a sei mesi fa. A giugno la Iata aveva infatti previsto un profitto di poco inferiore ai 10 miliardi di dollari per l'anno in corso. Per il 2024 viene poi stimato un ulteriore, lieve aumento dei profitti del settore a 25,7 miliardi di dollari. \r\n\r\nSi tratta di un ritorno al profitto per il settore nel suo complesso, dopo tre anni consecutivi di perdite durante la pandemia. Il negativo del 2022 era stato di 3,8 miliardi di dollari.\r\n\r\n«La velocità della ripresa è stata straordinaria, ma sembra anche che la pandemia sia costata all'aviazione circa quattro anni di crescita. A partire dal 2024 le prospettive indicano che possiamo aspettarci modelli di crescita normali sia per i passeggeri che per le merci» ha commentato il direttore generale, Willie Walsh.\r\n100 miliardi di dollari\r\nIl miglioramento delle proiezioni di profitto deriva dall'aggiornamento di quasi 100 miliardi di dollari nelle aspettative di fatturato: nelle previsioni di giugno, veniva citato un fatturato del settore di poco superiore agli 800 miliardi di dollari, ma ora si punta ad un fatturato complessivo delle compagnie aeree di 896 miliardi di dollari.\r\n\r\nIn particolare, viene prevista una performance particolarmente positiva per l'Asia-Pacifico: le compagnie aeree di questa regione raggiungano quasi il pareggio quest'anno e un piccolo profitto - 1,1 miliardi di dollari - per l'anno prossimo. Resteranno invece complessivamente in rosso nel 2024 le compagnie aeree africane e latinoamericane.\r\n\r\nLe compagnie aeree nordamericane continuano a trainare i profitti del settore, con stime di utile per il 2023 di 14,3 miliardi di dollari - 3 miliardi in più rispetto alle previsioni di giugno - e un profitto simile anche nel 2024.\r\n\r\nIn Europa si prevedono infine utili per 7,7 miliardi di dollari, mentre per la regione del Medio Oriente il profitto collettivo si attesterà quest'anno sui 2,6 miliardi di dollari.","post_title":"Profitti al rialzo per le compagnie aeree, quest'anno e nel 2024","post_date":"2023-12-06T11:40:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1701862816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456896","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Cina, ancora in attesa di un recupero significativo degli arrivi turistici post pandemia, lancia una nuova iniziativa per incentivare i flussi internazionali: dal prossimo 1° dicembre il Paese consentirà l'ingresso senza visto ai viaggiatori provenienti da Italia, Francia, Germania, Paesi Bassi, Spagna e Malesia.\r\n\r\nI cittadini di questi Paesi potranno soggiornare in Cina per un massimo di 15 giorni. Il programma sperimentale sarà in vigore per un anno, con l'obiettivo di «facilitare lo sviluppo di qualità degli scambi di personale cinese e straniero e l'apertura ad alto livello verso il mondo esterno\", ha dichiarato il portavoce del Ministero degli Esteri Mao Ning durante un briefing.\r\n\r\nLe statistiche ufficiali sull'immigrazione mostrano che nei primi sei mesi dell'anno la Cina ha registrato 8,4 milioni di arrivi internazionali, dato si confronta con i 977 milioni di tutto il 2019, l'ultimo anno prima della pandemia.\r\n\r\nAttualmente possono già entrare in Cina senza visto i cittadini del Brunei e di Singapore, non quelli del Giappone come accadeva invece prima della pandemia.","post_title":"Cina: dal 1° dicembre niente visto per i cittadini italiani e di altri 4 paesi europei","post_date":"2023-11-27T12:37:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1701088652000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456164","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel terzo trimestre dell'anno l'aeroporto dell'Umbria sale al secondo posto della classifica stilata da Aci Europe che valuta il tasso di crescita del traffico passeggeri tra gli scali europei, nella categoria sotto i 5 milioni di passeggeri annui. Classifica che nel primo semestre del 2023 vedeva lo scalo di Perugia già posizionato sul terzo gradino del podio.\r\n\r\nLo scalo ha infatti realizzato \"una crescita del +194% rispetto allo stesso periodo del 2019\" sottolinea una nota del San Francesco d'Assisi. Nel periodo di picco per i voli aerei in Europa il traffico passeggeri è cresciuto del +12,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\nQuesto aumento, nonostante le tariffe dei voli aerei più elevate e le pressioni inflazionistiche, evidenzia una performance di crescita negli aeroporti europei complessivamente solida, secondo Aci Europe. Riguardo agli aeroporti regionali viene sottolineato che quelli che servono destinazioni turistiche e si affidano a vettori low cost hanno registrato volumi di passeggeri superiori rispetto ai livelli pre-pandemia (terzo trimestre 2019).","post_title":"L'aeroporto Perugia scala la classifica Aci Europe per la maggior crescita del traffico","post_date":"2023-11-16T10:04:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1700129050000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455598","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per l’industria turistica italiana il 2023 è l’anno della definitiva ripartenza. Il ritorno in massa dei turisti internazionali e il recupero del business travel stanno delineando una performance che entro la fine dell’anno dovrebbe portare al pieno recupero dei flussi pre-pandemia. Soprattutto in quelle destinazioni dove più elevata è la quota del movimento turistico internazionale: oltre ai nordamericani, il 2023 sta infatti registrando il ritorno dei viaggiatori sudamericani e di quelli asiatici.\r\n\r\nSecondo gli indicatori dell'Italian Hotel Monitor, elaborato da Trademark Italia, ai primi due positivi trimestri dell’anno ha fatto in particolare seguito un terzo trimestre 2023 che va in archivio con un risultato in crescita rispetto al 2022 per l’industria alberghiera italiana, sia in termini di occupazione camere (+2,7 punti percentuali), sia di prezzo medio camera (+10,4%). Si tratta di dati che, rispetto ai valori medi rilevati da Ihm nei primi sei mesi, si contraggono in virtù di una frenata del movimento turistico nazionale nei mesi più importanti dell’estate (luglio e agosto), cui ha fatto comunque seguito una decisa ripresa a settembre. Si conferma d’altra parte la tendenza positiva del movimento turistico business e ancor più di quello leisure internazionale che, stando alle prime indicazioni del mese di ottobre, continua ad affollare le principali città d’arte e d’affari italiane.\r\n\r\nLa buona performance del terzo trimestre 2023 consente di superare i numeri pre-Covid del 2019 anche in termini di occupazione camere per il periodo (+2,3 punti), mentre il prezzo medio camera, che era già da tempo oltre i livelli pre-pandemici, a causa anche della crescita dell’inflazione, ora si attesta al +10,4% rispetto al 2022 e al +27,7% rispetto al 2019. I dati confermano un buon andamento in tutte le tipologie ricettive, con il settore luxury (5 stelle) in crescita rispetto al 2022 per adr (+11%) e tassi di occupazione (+0,7 punti), il settore upscale (4 stelle) che cresce per adr (+8,4%) e toc (+3 punti) e il settore midscale (3 stelle) in crescita di +2,7 punti del toc e +11% di prezzo medio camera.\r\n\r\nAnalizzando l’andamento dei toc su scala nazionale, emerge che tutte le 39 città monitorate superano la simbolica quota (in termini gestionali) del 60%, con 29 location al di sopra del 70% di occupazione camere e cinque di queste attestate addirittura oltre l’80%: Rimini (89%), Como (84,6%), Pescara (81,7%), Roma (81,5%) e Pesaro (80,6%). Seguono Napoli con il 79,8%, San Marino con il 79,4%, Firenze con il 78%, Genova (76,7%), Cagliari (76,2%), Milano (76,1%) e Verona (76%). Al vertice della top 10 in termini di prezzo medio di vendita si conferma Venezia, con un adr 245,89 euro (+15% rispetto al 2022), davanti a Firenze (194,64 euro, +12,8%), Milano (188,76 euro, +9,7%), Roma (166,62 euro, +9,5%), Como (150,67 euro, +12,5%), Genova (117,03 euro, +8%), Napoli (116,26 euro, +9,8%), Bologna (109,98 euro, +7,1%), Palermo (107,98 euro, +12,7%), Bari (105,60 euro, +12,5%) e Bergamo (100,35 euro, +6,9%).","post_title":"Trademark: il 2023 anno della definitiva ripartenza per l'hotellerie italiana","post_date":"2023-11-07T14:42:04+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1699368124000]}]}}

Lascia un commento