13 June 2024

894

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

PROMOTER , AREA ROMA E LAZIO, PLURIENNALE ESPERIENZA , OTTIMA CONOSCENZA RETE AGENZIE DI VIAGGI, OFFRESI PER PROPOSTA DI COLLABORAZIONE DA PARTE DI TOUR OPERATOR — TELEFONARE A MARCO : 328 7963874.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468301 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un comparto ricettivo in costante fermento quello che caratterizza Dubai sia in termini di nuove aperture sia a livello di peculiarità delle singole strutture. Nei primi tre mesi del 2024 gli hotel dell'emirato hanno registrato un tasso di occupazione media delle camere dell'83%, un risultato significativo considerando l'aumento del 2% anno su anno dell'offerta complessiva di camere, arrivata oggi a più di 152.000 unità. Complessivamente il numero delle strutture alla fine del primo trimestre si è attestato a quota 832 rispetto alle 814 dello stesso periodo dell'anno scorso. Particolarmente significativa la quota di strutture a 4 e 5 stelle: 96.484 camere, che rappresentano il 64% delle camere d'albergo presenti in città.  Ecco alcune delle più recenti novità dell'offerta alberghiera della destinazione. Siro One Za'abeel  Inaugurato lo scorso febbraio, è il primo hotel del nuovo marchio (Siro, appunto) di Kerzner International, che propone esperienze di soggiorno focalizzate sul fitness e il recupero fisico, la cui espansione nei prossimi anni toccherà destinazioni tra cui Boka Place (Montenegro), Tokyo e Cabo (Messico). Ospitato all’interno del complesso architettonico One Za'abeel a Dubai, Siro combina una proposta benessere trasformativa, strategia digitale integrata e consulenze personalizzate di esperti del settore, fissando nuovi standard per i viaggiatori internazionali alla ricerca di soluzioni complete per l’allenamento e il mantenimento. L’impegno verso l’ottimizzazione di un benessere fisico e mentale si sviluppa nella fusione di scienza e tecnologia che abbraccia i 5 pilasti fondamentali del biohacking: nutrizione, fitness, sonno, recupero e mindfulness. Con un Recovery Lab dedicato a pratiche mindfulness e trattamenti avanzati, e un Fitness Lab dotato di attrezzature di ultima generazione, la struttura offre programmi completamente personalizzati in base alle esigenze specifiche degli ospiti grazie al supporto di professionisti del settore e a strumentazioni avanzate per l'analisi corporea. Sono 120 le camere, caratterizzate da un design minimalista e toni neutri che creano un'atmosfera rilassante. [gallery ids="468392,468393,468391"] Bab Al Shams Desert Resort La struttura, anch'essa operativa dallo scorso febbraio, è parte della Rare Finds di Kerzner International, che celebra il carattere distintivo di ogni proprietà esaltandone l’unicità, la posizione e l’eccellenza del servizio, il resort conserva la sua eredità come il più longevo rifugio nel deserto degli Emirati Arabi Uniti. L'architettura e il design degli interni di Bab Al Shams Desert Resort, che in arabo significa "Porta del Sole", si ispirano alle tonalità del deserto integrandosi perfettamente con l’ambiente circostante. Con 115 camere e suite ospitate in 16 edifici a due piani, il resort è una vera e propria oasi moderna, ripensato come un rifugio rilassante con un sottile accento moresco. La proposta gastronomica si articola attraverso il ristorante Al Hadheerah, con un'esperienza culinaria multisensoriale e un vivace intrattenimento: al suo interno si trovano infatti un souk, una cucina a vista e danzatori e musicisti che intratterranno gli ospiti durante la cena. Il ristorante d'autore del resort, Zala, che significa "baldacchino", riprende i dettagli architettonici del resort e trasporta gli ospiti in un ambiente contemporaneo, di ispirazione ottomana e greca. Infine, il cigar bar Ya Hala e Anwā Sunset Lounge, che, con un’ambientazione panoramica sul deserto, fonde diverse tradizioni culinarie dell'estremo Oriente e del Sud-est asiatico. [gallery ids="468389,468388,468387"] One&Only One Za'abeel Lo scorso dicembre ha invece aperto i battenti, a pochi passi dal World Trade Center e a soli 10 minuti di auto dal centro di Dubai, il primo resort urbano verticale del gruppo One&Only: il One&Only One Za'abeel rappresenta un luogo in cui l’indescrivibile fascino di Dubai incontra l'energia vibrante della città più futuristica della Terra, dove il giardino incontra il cielo e dove il tradizionale resort orizzontale viene reinventato un capolavoro architettonico verticale. Le ampie camere, le suite e l'attico sono tra le soluzioni di soggiorno più ampie disponibili a Dubai. Gli interni, progettati da Jean-Michel Gathy, sono ispirati alla località di Za'abeel – che nel dialetto locale degli Emirati significa "sabbia bianca" – e caratterizzati da una palette di colori neutri e rilassanti corredata da leggeri motivi che richiamano la sabbia nei tessuti, nelle opere d'arte e nell'illuminazione. L'offerta culinaria include il moderno The Link, ispira alle vivaci strade di New York e Hong Kong, il bar Tapasake, il ristorante StreetXO dello chef Dabiz Muñoz e uno di cucina indonesiana di alto livello firmata Andaliman.  Non manca naturalmente una Spa Clinic Clinic, un centro fitness all'avanguardia, un KidsOnly Club per intrattenere gli ospiti più giovani e sale meeting. (q.f.) [gallery ids="468381,468379,468380"]   [post_title] => Dubai: le ultime novità del ricettivo firmate Kerzner International [post_date] => 2024-05-30T09:45:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717062304000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466627 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprile nel segno della crescita per l'aeroporto di Trapani: lo scorso mese i passeggeri movimentati sono stati oltre 110.000 e 874 i movimenti registrati. In altri termini più 180%, +261% e +281% è l’aumento percentuale dei passeggeri registrati ad aprile rispetto ai precedenti mesi di gennaio, febbraio e marzo. Leggermente in calo il traffico rispetto ad aprile 2023, con solo un -9%, già messo in conto considerato il minore numero di voli (-2%) rispetto alla stagione estiva dello stesso anno. Non tutte le rotte previste hanno preso il via. Tra quelle già operative, le internazionali Riga, Stansted, Manchester, Siviglia, Malta, Billund, Bratislava, Katowice, Baden- Baden, Dusseldorf, Charleroi e Tolosa. È previsto a giugno l’avvio delle tratte per Porto e Bordeaux. Alto anche il coefficiente di riempimento dei voli: 87% per Charleroi, Katowice e Siviglia; 86%  quello per Riga e 84% quello per Baden-Baden. Nelle tratte nazionali il load factor maggiore si registra nei voli per Treviso (89%), Malpensa (88%) e Torino (87%). “Siamo soddisfatti di questo ottimo inizio di stagione che conferma la centralità del Vincenzo Florio nella mobilità da e per la Sicilia occidentale – ha commentato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra -. Abbiamo registrato dati che si distaccano di poco da quelli grandiosi del 2023 a cui contiamo di avvicinarci. I coefficienti di riempimento così alti sono un’attrattiva per le compagnie aeree che possono decidere di fare ulteriori investimenti sullo scalo trapanese”. [post_title] => L'aeroporto di Trapani archivia un aprile da oltre 110.000 passeggeri [post_date] => 2024-05-03T10:19:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714731592000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465624 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465632" align="alignleft" width="300"] Il comitato organizzatore del general meeting Ehma con il presidente Almyrantis e il delegato nazionale Ezio Indiani[/caption] La difficoltà nella ricerca di nuovi talenti, il valore dell’atteggiamento del candidato nel processo di selezione del personale (motivazione, voglia di imparare e interesse a migliorarsi) e la rilevanza della remunerazione per trattenere le risorse nelle strutture. Sono i punti principali che emergono da the Challenges of human capital in the hospitality sector: la nuova indagine realizzata da Risposte Turismo presentate in occasione del cinquantesimo general meeting annuale della European Hotel Managers Association (Ehma), svoltosi recentemente presso l'Excelsior Venice Lido Resort. La ricerca ha evidenziato come il reperire candidati qualificati sia la sfida più impegnativa per i general manager intervistati (62% del campione). Di questi, il 75% afferma che le strutture di minori dimensioni (meno di 50 camere) trovano difficile o molto difficile assumere personale qualificato. La percentuale scende al 64% in riferimento alle realtà di medie dimensioni (50-200) e al 54% nel caso delle grandi strutture (più di 200). Con uno sguardo agli specifici ruoli, lo studio sottolinea come le figure professionali con compiti operativi ma già dotate di una buona esperienza siano le più difficili da trovare (confermato dal 74% degli intervistati), seguite dai profili di middle management (62%), dalle risorse junior o alla prima esperienza lavorativa in ruoli operativi (49%) e dal senior/top management (44%). "Siamo felici di aver potuto contribuire al cinquantesimo general meeting Ehma con uno studio specifico sulla gestione del capitale umano nell’hotellerie di lusso - sottolinea Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo -. L’acquisizione di nuovo personale è un aspetto strategico per il settore dal momento che le risorse umane, interagendo con il cliente finale, hanno un enorme impatto sulle performance complessive delle strutture alberghiere". "I risultati della ricerca forniscono preziose indicazioni sulle sfide relative al personale nel settore alberghiero europeo - gli fa eco il presidente Ehma, Panos Almyrantis – . Lo studio evidenzia problemi persistenti, che riflettono una diffusa carenza di talenti nei vari ruoli del settore". Per quanto riguarda il processo di assunzione, i general manager intervistati hanno affermato di tenere maggiormente in considerazione l’atteggiamento (motivazione, voglia di imparare e interesse a migliorarsi) del candidato (30%), prima ancora dell’esperienza che ha maturato (25%) e dei propri valori personali (20%). Solo il 4% ha affermato di valutare le qualifiche accademiche e nessuno ha menzionato l’età. A dimostrazione di quanto il comparto sia capace di assorbire personale con background formativo, competenze e anzianità differenti.   La ricerca prosegue con un’analisi delle complessità relative alla fidelizzazione dei professionisti già inseriti in azienda. Dal focus sugli specifici elementi che spingono il personale a rimanere all’interno della stessa struttura risulta che gli aspetti materiali del rapporto di lavoro sono i più rilevanti. Rispetto a dieci anni fa, infatti, i rispondenti hanno riscontrato la maggiore attenzione dei dipendenti al compenso annuo lordo (82%), al welfare aziendale, ai benefit (71%) e alle opportunità di carriera (61%). Per quanto riguarda, invece, le specifiche categorie professionali, emerge che le figure più difficili da trattenere sono quelle junior o alla prima esperienza con ruoli operativi (65% dei rispondenti), per le quali il periodo medio di permanenza in struttura è di circa 2,4 anni. A seguire, i ruoli operativi con maggiore esperienza (47%, per una permanenza media pari a 5,2 anni), il middle management (26%, permanenza media 6,6 anni), e infine il senior/top management (11%, permanenza media 8,4 anni). In base ai risultati dell’indagine, inoltre, Risposte Turismo ha rilevato un’alta mobilità dei professionisti internamente al settore. Il 53% degli intervistati, infatti, conferma un forte scambio di personale tra hotel diversi. Il 28%, invece, riscontra spostamenti dall’hotellerie ad altri settori che appartengono alla macro-industria turistica (agenzie di viaggi, tour operator…). Bassa, invece, la mobilità all’interno della stessa struttura (10% degli intervistati) come anche la ricollocazione dal settore hotellerie ad altri comparti (9%). [post_title] => La sfida del capitale umano: un problema persistente. L'analisi Ehma - Risposte Turismo [post_date] => 2024-04-16T12:45:48+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713271548000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_457993" align="alignleft" width="300"] Michele Diamantini[/caption] Nel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni. Nel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience. “Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”. [post_title] => Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso [post_date] => 2024-04-16T11:26:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713266762000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465244 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sessanta milioni di passeggeri trasportati dal 2012 - anno dell'avvio dell'attività - ad oggi: Volotea celebra un traguardo significativo nella sua giovane storia, dopo un 2023 chiuso con un fatturato di 694 milioni di euro (+24,6% rispetto all’anno precedente) e un margine Ebitda migliore di 22 punti percentuali rispetto al 2022 (Ebitda da 96 milioni di euro). Il 2024 della compagnia aerea spagnola sarà un altro anno record in termini di attività: oltre 450 rotte (di cui più della metà in esclusiva) e un’offerta di 12,5 milioni di posti (il 10% in più rispetto al 2023) e di circa 80.000 voli. Non solo: all'inizio di quest'anno, la compagnia aerea ha anche aggiunto tre nuovi Airbus A320 alla sua flotta, che ora conta 44 aeromobili (20 Airbus A319 e 24 A320). Di conseguenza, l'asticella delle previsioni si alza ancora, con una stima di fatturato che per il 2024 che supererà gli 800 milioni di euro, diventando l'anno più redditizio nella storia della compagnia. “I sessanta milioni di passeggeri sono una pietra miliare nella nostra storia che rafforza la nostra posizione come vero punto di riferimento per i collegamenti tra città europee di piccole e medie dimensioni – ha commentato Carlos Muñoz, presidente e fondatore del vettore – Traguardi significativi che dimostrano la nostra capacità di continuare a crescere. Abbiamo, infatti, registrato importanti risultati finanziari nel 2023 e margini storici per un’azienda che ha poco più di 10 anni. Il 2023 è stato un anno di svolta grazie a una strategia flessibile ed efficiente con la quale siamo riusciti a trarre vantaggio dalla riattivazione della domanda”. Anche in Italia Volotea conferma per il 2024 i piani di sviluppo: l’apertura della base di Firenze ad aprile 2023, i collegamenti in continuità territoriale da e per la Sardegna e l’annuncio dell’ottava base italiana a Bari rappresentano al meglio lo stretto legame con il Bel Paese, dove tutto è iniziato dodici anni fa con l’apertura in assoluto della prima base Volotea a Venezia. Per quest'anno è prevista l’apertura di più di 20 nuove rotte, aumenterà del 10% la capacità operativa rispetto al 2023, attraverso un’offerta di oltre 4 milioni di posti in vendita, e raggiungerà nel periodo di alta stagione circa 450 posti di lavoro su tutto il territorio nazionale.   [post_title] => Volotea taglia il traguardo dei 60 mln di passeggeri e punta agli 800 mln di fatturato [post_date] => 2024-04-10T15:24:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712762694000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464914 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono quattro gli Airbus di nuova generazione che hanno debuttato nella flotta di Ita Airways in una sola settimana, portando il totale a 44 NewGen su un totale di 87 aeromobili. I velivoli sono entrati in servizio nell’ultima settimana di marzo: si tratta, nello specifico, di un A330-900 di proprietà Ita, un A321neo, un A320neo e un A220-100, questi ultimi in leasing. “L’investimento sulla flotta, cresciuta di oltre il 60% dalla nostra nascita, è al centro della nostra strategia e oggi annunciare l’entrata in servizio di quattro Airbus di nuova generazione in una sola settimana ci rende estremamente orgogliosi – ha dichiarato Francesco Presicce, accountable manager & chief of technology officer della compagnia aerea -. Abbiamo implementato procedure di Entry Into Service tali da garantire la piena produttività dei velivoli acquisiti nel minor tempo possibile, sempre nel rispetto dei requisiti di sicurezza e di compliance regolamentare. "Avevamo degli obiettivi ambiziosi e vedere che in poco più di due anni l'età media dei nostri aerei è scesa da 12,5 a 8,4 anni, con più del 50% di Airbus di ultima generazione, testimonia il grande sforzo della compagnia nelle attività di Entry Into Service e ci fa capire che stiamo facendo le scelte giuste. Il nostro target 2024 è l’entrata in flotta di 26 nuovi aeromobili, per arrivare a fine anno ad un totale di 96 aeromobili, di cui il 67% di nuova generazione, percentuale più che doppia rispetto alla media di aeromobili Airbus di nuova generazione presenti nella flotta di altri vettori europei che si attesta al 32%”.     [post_title] => Ita Airways: in flotta 4 nuovi Airbus; 26 i nuovi ingressi previsti nel 2024 [post_date] => 2024-04-05T10:18:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712312305000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464789 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United Airlines rafforza il proprio investimento su Milano Malpensa, anticipando di quasi un mese la ripresa del collegamento stagionale verso Chicago O'Hare. «Per l'estate 2024, United opererà il programma estivo transatlantico più ampio nella sua storia, offrendo una maggiore scelta di viaggio e la possibilità, attraverso i nostri hub negli Stati Uniti, di visitare numerose altre destinazioni in tutte le Americhe» afferma  Walter Cianciusi, country sales manager Italy della compagnia statunitense. United è l'unico vettore che vola tra Milano e Chicago e offre più voli dall'Italia a Chicago rispetto a qualsiasi altro vettore. «La scelta che United ha compiuto di servire due gateways così rilevanti negli Stati Uniti va a completamento della strategia del nostro aeroporto e ci rende particolarmente soddisfatti anche in virtù dei risultati di traffico ottenuti  - sottolinea Andrea Tucci, vice president aviation business development Sea Milan Airports -. L’attuale estensione della stagionalità è il risultato della risposta del mercato Milano all’iniezione di capacità diretta su Chicago;  la stimolazione della domanda sulla destinazione ha infatti portato ad una crescita dei volumi passeggeri del +70%  rispetto alla stessa stagione del pre-pandemia». Il collegamento sarà operato con aeromobili Boeing 787-8 Dreamliner configurati con un totale di 243 posti - 28 posti flat-bed, completamente reclinabili, tutti con accesso al corridoio nella classe business United Polaris, 21 posti nella classe United Premium Plus e 194 posti in classe economica, inclusi 36 posti Economy PlusSM con spazio aggiuntivo per le gambe.  Il prolungamento del servizio stagionale tra Milano e Chicago si basa sui collegamenti giornalieri annuali di United da Milano a New York-Newark e tra Roma e New York-Newark, oltre ai voli giornalieri stagionali da Venezia e Napoli a New York-Newark e da Roma a Chicago, Washington Dulles e San Francisco. La compagnia offre fino a undici servizi non-stop giornalieri dall'Italia agli Stati Uniti per l'estate del 2024. [post_title] => United Airlines rilancia da Milano e anticipa di quasi un mese l'apertura dello stagionale per Chicago [post_date] => 2024-04-03T11:44:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712144695000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà il prossimo 1° di aprile a Glasgow il primo indirizzo The Social Hub (ex The Student Hotel) nel Regno Unito. La diciottesima proprietà in Europa della compagnia di ospitalità ibrida fondata da Charlie MacGregor ad Amsterdam è frutto di un investimento di oltre 90 milioni di sterline, pari a più di 105 milioni di euro, ed è dotata di 494 camere. Il concept The Social Hub mira a offrire ai propri ospiti stanze di hotel per soggiorni prolungati e studenti, oltre a luoghi per lavorare e incontrarsi, come ampi spazi di co-working, per riunioni ed eventi, una grande cucina comune, ristoranti, bar e palestre e un ricco calendario di eventi, workshop e incontri. The Social Hub Glasgow si trova in particolare a Merchant City, uno dei luoghi più storici e caratteristici della città, e si sviluppa su una superficie complessiva di 20 mila metri quadrati. La proprietà ospiterà uno dei più grandi rooftop bar di Glasgow, un ristorante dall’atmosfera rilassante che servirà piatti e bevande di ispirazione internazionale e locale per tutto il giorno. Ci sarà pure un punto vendita grab-and-go, dove acquistare alimenti e bevande e una serie di prodotti essenziali oltre che articoli tipici locali e a marchio The Social Hub. Le aree di co-working della struttura potranno inoltre ospitare fino a 222 lavoratori al giorno, con formule che variano da scrivanie dedicate fino a 20 uffici privati. Saranno infine disponibili otto spazi per meeting ed eventi per un totale di 1.500 metri quadrati in grado di ospitare dai piccoli brainstorming a conferenze di grandi dimensioni in un auditorium [post_title] => The Social Hub debutta nel Regno Unito con una proprietà da 494 camere a Glasgow [post_date] => 2024-03-21T12:28:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711024089000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un inizio anno con il vento in poppa per Toscana Aeroporti, che registra il miglior febbraio della sua storia con un totale di oltre 443.000 passeggeri nei due scali di Firenze e Pisa, il 14,7% in più rispetto al 2023. Un traguardo tagliato grazie alla crescita sia dei movimenti totali dei voli (+8,4% su febbraio 2023) sia del load factor che ha visto un incremento di circa 3 punti percentuali rispetto all'anno precedente, passando dall'81,1% all'84%. Nei primi due mesi del 2024, il Sistema Aeroportuale Toscano ha superato i 903.000 passeggeri complessivi, con una crescita del +11,5% rispetto allo stesso periodo del 2023. Nel dettaglio, il Vespucci di Firenze ha registrato un nuovo mese record, con oltre 192.000 passeggeri, segnando il miglior febbraio di sempre con una crescita del +32,2% rispetto al 2023. A febbraio, sia il traffico nazionale (+88,7%) che internazionale (+26,1%) sono in crescita rispetto al 2023. Tra le destinazioni più richieste ci sono Parigi, Londra, Amsterdam, Roma e Madrid. Complessivamente, nei primi due mesi del 2024, entrambi mesi record per l'aeroporto di Firenze, sono transitati 387.000 passeggeri, +32,3% sul 2023. Il Galilei di Pisa ha invece totalizzato più di 250.000 passeggeri, con un incremento del +4,1% rispetto allo stesso mese del 2023, in netta ripresa rispetto al mese precedente di gennaio, in cui si era registrata una diminuzione del 4,1%. Il traffico passeggeri internazionale è in crescita (+12,6%) rispetto alla diminuzione (-10,7%) di quello domestico. Le destinazioni più apprezzate a febbraio 2024 sono state Tirana, Londra, Palermo, Parigi e Catania. Il traffico passeggeri totale dello scalo pisano nei primi due mesi dell’anno ha raggiunto oltre 516.000 passeggeri, in linea (-0,3%) con il traffico dello stesso periodo 2023. [post_title] => Toscana Aeroporti: inizio 2024 con un boom di traffico passeggeri [post_date] => 2024-03-08T10:21:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709893305000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "894" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":46,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468301","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un comparto ricettivo in costante fermento quello che caratterizza Dubai sia in termini di nuove aperture sia a livello di peculiarità delle singole strutture.\r\nNei primi tre mesi del 2024 gli hotel dell'emirato hanno registrato un tasso di occupazione media delle camere dell'83%, un risultato significativo considerando l'aumento del 2% anno su anno dell'offerta complessiva di camere, arrivata oggi a più di 152.000 unità. Complessivamente il numero delle strutture alla fine del primo trimestre si è attestato a quota 832 rispetto alle 814 dello stesso periodo dell'anno scorso. Particolarmente significativa la quota di strutture a 4 e 5 stelle: 96.484 camere, che rappresentano il 64% delle camere d'albergo presenti in città. \r\nEcco alcune delle più recenti novità dell'offerta alberghiera della destinazione.\r\n\r\nSiro One Za'abeel \r\n\r\nInaugurato lo scorso febbraio, è il primo hotel del nuovo marchio (Siro, appunto) di Kerzner International, che propone esperienze di soggiorno focalizzate sul fitness e il recupero fisico, la cui espansione nei prossimi anni toccherà destinazioni tra cui Boka Place (Montenegro), Tokyo e Cabo (Messico). Ospitato all’interno del complesso architettonico One Za'abeel a Dubai, Siro combina una proposta benessere trasformativa, strategia digitale integrata e consulenze personalizzate di esperti del settore, fissando nuovi standard per i viaggiatori internazionali alla ricerca di soluzioni complete per l’allenamento e il mantenimento.\r\n\r\nL’impegno verso l’ottimizzazione di un benessere fisico e mentale si sviluppa nella fusione di scienza e tecnologia che abbraccia i 5 pilasti fondamentali del biohacking: nutrizione, fitness, sonno, recupero e mindfulness. Con un Recovery Lab dedicato a pratiche mindfulness e trattamenti avanzati, e un Fitness Lab dotato di attrezzature di ultima generazione, la struttura offre programmi completamente personalizzati in base alle esigenze specifiche degli ospiti grazie al supporto di professionisti del settore e a strumentazioni avanzate per l'analisi corporea. Sono 120 le camere, caratterizzate da un design minimalista e toni neutri che creano un'atmosfera rilassante.\r\n\r\n[gallery ids=\"468392,468393,468391\"]\r\n\r\nBab Al Shams Desert Resort\r\n\r\nLa struttura, anch'essa operativa dallo scorso febbraio, è parte della Rare Finds di Kerzner International, che celebra il carattere distintivo di ogni proprietà esaltandone l’unicità, la posizione e l’eccellenza del servizio, il resort conserva la sua eredità come il più longevo rifugio nel deserto degli Emirati Arabi Uniti.\r\nL'architettura e il design degli interni di Bab Al Shams Desert Resort, che in arabo significa \"Porta del Sole\", si ispirano alle tonalità del deserto integrandosi perfettamente con l’ambiente circostante. Con 115 camere e suite ospitate in 16 edifici a due piani, il resort è una vera e propria oasi moderna, ripensato come un rifugio rilassante con un sottile accento moresco.\r\n\r\nLa proposta gastronomica si articola attraverso il ristorante Al Hadheerah, con un'esperienza culinaria multisensoriale e un vivace intrattenimento: al suo interno si trovano infatti un souk, una cucina a vista e danzatori e musicisti che intratterranno gli ospiti durante la cena.\r\nIl ristorante d'autore del resort, Zala, che significa \"baldacchino\", riprende i dettagli architettonici del resort e trasporta gli ospiti in un ambiente contemporaneo, di ispirazione ottomana e greca. Infine, il cigar bar Ya Hala e Anwā Sunset Lounge, che, con un’ambientazione panoramica sul deserto, fonde diverse tradizioni culinarie dell'estremo Oriente e del Sud-est asiatico.\r\n\r\n[gallery ids=\"468389,468388,468387\"]\r\n\r\nOne&Only One Za'abeel\r\n\r\nLo scorso dicembre ha invece aperto i battenti, a pochi passi dal World Trade Center e a soli 10 minuti di auto dal centro di Dubai, il primo resort urbano verticale del gruppo One&Only: il One&Only One Za'abeel rappresenta un luogo in cui l’indescrivibile fascino di Dubai incontra l'energia vibrante della città più futuristica della Terra, dove il giardino incontra il cielo e dove il tradizionale resort orizzontale viene reinventato un capolavoro architettonico verticale.\r\n\r\nLe ampie camere, le suite e l'attico sono tra le soluzioni di soggiorno più ampie disponibili a Dubai. Gli interni, progettati da Jean-Michel Gathy, sono ispirati alla località di Za'abeel – che nel dialetto locale degli Emirati significa \"sabbia bianca\" – e caratterizzati da una palette di colori neutri e rilassanti corredata da leggeri motivi che richiamano la sabbia nei tessuti, nelle opere d'arte e nell'illuminazione.\r\n\r\nL'offerta culinaria include il moderno The Link, ispira alle vivaci strade di New York e Hong Kong, il bar Tapasake, il ristorante StreetXO dello chef Dabiz Muñoz e uno di cucina indonesiana di alto livello firmata Andaliman. \r\n\r\nNon manca naturalmente una Spa Clinic Clinic, un centro fitness all'avanguardia, un KidsOnly Club per intrattenere gli ospiti più giovani e sale meeting.\r\n\r\n(q.f.)\r\n\r\n[gallery ids=\"468381,468379,468380\"]\r\n\r\n ","post_title":"Dubai: le ultime novità del ricettivo firmate Kerzner International","post_date":"2024-05-30T09:45:04+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1717062304000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466627","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprile nel segno della crescita per l'aeroporto di Trapani: lo scorso mese i passeggeri movimentati sono stati oltre 110.000 e 874 i movimenti registrati. In altri termini più 180%, +261% e +281% è l’aumento percentuale dei passeggeri registrati ad aprile rispetto ai precedenti mesi di gennaio, febbraio e marzo. Leggermente in calo il traffico rispetto ad aprile 2023, con solo un -9%, già messo in conto considerato il minore numero di voli (-2%) rispetto alla stagione estiva dello stesso anno.\r\n\r\nNon tutte le rotte previste hanno preso il via. Tra quelle già operative, le internazionali Riga, Stansted, Manchester, Siviglia, Malta, Billund, Bratislava, Katowice, Baden- Baden, Dusseldorf, Charleroi e Tolosa. È previsto a giugno l’avvio delle tratte per Porto e Bordeaux.\r\n\r\nAlto anche il coefficiente di riempimento dei voli: 87% per Charleroi, Katowice e Siviglia; 86%  quello per Riga e 84% quello per Baden-Baden. Nelle tratte nazionali il load factor maggiore si registra nei voli per Treviso (89%), Malpensa (88%) e Torino (87%).\r\n\r\n“Siamo soddisfatti di questo ottimo inizio di stagione che conferma la centralità del Vincenzo Florio nella mobilità da e per la Sicilia occidentale – ha commentato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra -. Abbiamo registrato dati che si distaccano di poco da quelli grandiosi del 2023 a cui contiamo di avvicinarci. I coefficienti di riempimento così alti sono un’attrattiva per le compagnie aeree che possono decidere di fare ulteriori investimenti sullo scalo trapanese”.","post_title":"L'aeroporto di Trapani archivia un aprile da oltre 110.000 passeggeri","post_date":"2024-05-03T10:19:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1714731592000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465624","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465632\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il comitato organizzatore del general meeting Ehma con il presidente Almyrantis e il delegato nazionale Ezio Indiani[/caption]\r\n\r\nLa difficoltà nella ricerca di nuovi talenti, il valore dell’atteggiamento del candidato nel processo di selezione del personale (motivazione, voglia di imparare e interesse a migliorarsi) e la rilevanza della remunerazione per trattenere le risorse nelle strutture. Sono i punti principali che emergono da the Challenges of human capital in the hospitality sector: la nuova indagine realizzata da Risposte Turismo presentate in occasione del cinquantesimo general meeting annuale della European Hotel Managers Association (Ehma), svoltosi recentemente presso l'Excelsior Venice Lido Resort.\r\n\r\nLa ricerca ha evidenziato come il reperire candidati qualificati sia la sfida più impegnativa per i general manager intervistati (62% del campione). Di questi, il 75% afferma che le strutture di minori dimensioni (meno di 50 camere) trovano difficile o molto difficile assumere personale qualificato. La percentuale scende al 64% in riferimento alle realtà di medie dimensioni (50-200) e al 54% nel caso delle grandi strutture (più di 200). Con uno sguardo agli specifici ruoli, lo studio sottolinea come le figure professionali con compiti operativi ma già dotate di una buona esperienza siano le più difficili da trovare (confermato dal 74% degli intervistati), seguite dai profili di middle management (62%), dalle risorse junior o alla prima esperienza lavorativa in ruoli operativi (49%) e dal senior/top management (44%).\r\n\r\n\"Siamo felici di aver potuto contribuire al cinquantesimo general meeting Ehma con uno studio specifico sulla gestione del capitale umano nell’hotellerie di lusso - sottolinea Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo -. L’acquisizione di nuovo personale è un aspetto strategico per il settore dal momento che le risorse umane, interagendo con il cliente finale, hanno un enorme impatto sulle performance complessive delle strutture alberghiere\". \"I risultati della ricerca forniscono preziose indicazioni sulle sfide relative al personale nel settore alberghiero europeo - gli fa eco il presidente Ehma, Panos Almyrantis – . Lo studio evidenzia problemi persistenti, che riflettono una diffusa carenza di talenti nei vari ruoli del settore\".\r\n\r\nPer quanto riguarda il processo di assunzione, i general manager intervistati hanno affermato di tenere maggiormente in considerazione l’atteggiamento (motivazione, voglia di imparare e interesse a migliorarsi) del candidato (30%), prima ancora dell’esperienza che ha maturato (25%) e dei propri valori personali (20%). Solo il 4% ha affermato di valutare le qualifiche accademiche e nessuno ha menzionato l’età. A dimostrazione di quanto il comparto sia capace di assorbire personale con background formativo, competenze e anzianità differenti.\r\n\r\n \r\n\r\nLa ricerca prosegue con un’analisi delle complessità relative alla fidelizzazione dei professionisti già inseriti in azienda. Dal focus sugli specifici elementi che spingono il personale a rimanere all’interno della stessa struttura risulta che gli aspetti materiali del rapporto di lavoro sono i più rilevanti. Rispetto a dieci anni fa, infatti, i rispondenti hanno riscontrato la maggiore attenzione dei dipendenti al compenso annuo lordo (82%), al welfare aziendale, ai benefit (71%) e alle opportunità di carriera (61%). Per quanto riguarda, invece, le specifiche categorie professionali, emerge che le figure più difficili da trattenere sono quelle junior o alla prima esperienza con ruoli operativi (65% dei rispondenti), per le quali il periodo medio di permanenza in struttura è di circa 2,4 anni. A seguire, i ruoli operativi con maggiore esperienza (47%, per una permanenza media pari a 5,2 anni), il middle management (26%, permanenza media 6,6 anni), e infine il senior/top management (11%, permanenza media 8,4 anni).\r\n\r\nIn base ai risultati dell’indagine, inoltre, Risposte Turismo ha rilevato un’alta mobilità dei professionisti internamente al settore. Il 53% degli intervistati, infatti, conferma un forte scambio di personale tra hotel diversi. Il 28%, invece, riscontra spostamenti dall’hotellerie ad altri settori che appartengono alla macro-industria turistica (agenzie di viaggi, tour operator…). Bassa, invece, la mobilità all’interno della stessa struttura (10% degli intervistati) come anche la ricollocazione dal settore hotellerie ad altri comparti (9%).","post_title":"La sfida del capitale umano: un problema persistente. L'analisi Ehma - Risposte Turismo","post_date":"2024-04-16T12:45:48+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713271548000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_457993\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michele Diamantini[/caption]\r\n\r\nNel primo trimestre 2024 la richiesta di case vacanze di lusso sale del 20% rispetto al periodo equivalente dell’anno precedente. Oltre ai tradizionali americani e nordici, con l’assenza di russi e ucraini a causa della guerra, avanzano i turisti asiatici, dai coreani agli indiani ai cinesi. Per esperienze particolari, a partire dal food and wine e mete come Roma, Firenze e la Toscana, Venezia e Sardegna, i viaggiatori luxury spendono il 10% in più dell’anno scorso, fino a oltre 2 mila euro al giorno, ma la scelta è più attenta e viene chiesta flessibilità nella durata del soggiorno e nei servizi. E’ quanto emerge da uno studio condotto sulle residenze di lusso gestite da Halldis, del cui gruppo fa parte Windows on Italy che propone quasi 150 proprietà luxury tra ville, palazzi, appartamenti in città, al mare, in campagna o ai laghi in Toscana, Umbria, Sicilia, Sardegna e in altre regioni.\r\n\r\nNel dettaglio, gli ospiti sono disposti a spendere di più, ma prenotano con più ponderazione, in anticipo e manifestano esigenze specifiche. Nel primo trimestre 2024 il booking medio è di 136 giorni rispetto ai 121 dei mesi corrispettivi del 2023. L’adr, sempre circa i primi tre mesi dell’anno, cresce per le ville di Windows on Italy da 803 a 884 euro a notte (+10%), per quelle di Halldis da 1.005 a 1.094 euro (+8,8%) e per quelle di fascia alta di Halldis da 1.900 a 2.025 euro (+9,2%). Il 65% degli ospiti soggiorna una settimana, il 20% oltre una e il 15% meno di una. Tra le dotazioni più richieste: Internet veloce, piscina, view (sea o countryside), pet-friendly (il 17% viaggia con pet); tra le richieste, la più apprezzata è food and wine experience.\r\n\r\n“Osserviamo un aumento della domanda di ville di lusso, ma al contempo una maggiore attenzione alla scelta e alla programmazione: il cliente vuole verificare tutto nei dettagli – afferma Michele Diamantini, ceo di Halldis -. Il primo trimestre 2024 registra un 20% di prenotazioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dei quali la metà è stata relativa ai mesi di bassa e media stagione (marzo-maggio). I viaggiatori del lusso tendono infatti a sfruttare i mesi fuori della stagione alta a prezzi più bassi, approfittando anche delle temperature che in primavera o di primo autunno si avvicinano a quelle dei mesi estivi. Rileviamo pure una domanda di disporre del soggiorno minimo flessibile, non più il tradizionale sabato-sabato, e di tenere libere la giornata di arrivo e partenza. Per il 2025 stiamo registrando prenotazioni in particolare per i viaggi fuori stagione, settembre e maggio, e anche richieste per matrimoni”.","post_title":"Halldis: cresce la domanda di case vacanze per il segmento lusso","post_date":"2024-04-16T11:26:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713266762000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465244","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sessanta milioni di passeggeri trasportati dal 2012 - anno dell'avvio dell'attività - ad oggi: Volotea celebra un traguardo significativo nella sua giovane storia, dopo un 2023 chiuso con un fatturato di 694 milioni di euro (+24,6% rispetto all’anno precedente) e un margine Ebitda migliore di 22 punti percentuali rispetto al 2022 (Ebitda da 96 milioni di euro). \r\n\r\nIl 2024 della compagnia aerea spagnola sarà un altro anno record in termini di attività: oltre 450 rotte (di cui più della metà in esclusiva) e un’offerta di 12,5 milioni di posti (il 10% in più rispetto al 2023) e di circa 80.000 voli. Non solo: all'inizio di quest'anno, la compagnia aerea ha anche aggiunto tre nuovi Airbus A320 alla sua flotta, che ora conta 44 aeromobili (20 Airbus A319 e 24 A320).\r\n\r\nDi conseguenza, l'asticella delle previsioni si alza ancora, con una stima di fatturato che per il 2024 che supererà gli 800 milioni di euro, diventando l'anno più redditizio nella storia della compagnia.\r\n\r\n“I sessanta milioni di passeggeri sono una pietra miliare nella nostra storia che rafforza la nostra posizione come vero punto di riferimento per i collegamenti tra città europee di piccole e medie dimensioni – ha commentato Carlos Muñoz, presidente e fondatore del vettore – Traguardi significativi che dimostrano la nostra capacità di continuare a crescere. Abbiamo, infatti, registrato importanti risultati finanziari nel 2023 e margini storici per un’azienda che ha poco più di 10 anni. Il 2023 è stato un anno di svolta grazie a una strategia flessibile ed efficiente con la quale siamo riusciti a trarre vantaggio dalla riattivazione della domanda”.\r\n\r\nAnche in Italia Volotea conferma per il 2024 i piani di sviluppo: l’apertura della base di Firenze ad aprile 2023, i collegamenti in continuità territoriale da e per la Sardegna e l’annuncio dell’ottava base italiana a Bari rappresentano al meglio lo stretto legame con il Bel Paese, dove tutto è iniziato dodici anni fa con l’apertura in assoluto della prima base Volotea a Venezia.\r\n\r\nPer quest'anno è prevista l’apertura di più di 20 nuove rotte, aumenterà del 10% la capacità operativa rispetto al 2023, attraverso un’offerta di oltre 4 milioni di posti in vendita, e raggiungerà nel periodo di alta stagione circa 450 posti di lavoro su tutto il territorio nazionale.\r\n\r\n ","post_title":"Volotea taglia il traguardo dei 60 mln di passeggeri e punta agli 800 mln di fatturato","post_date":"2024-04-10T15:24:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712762694000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464914","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono quattro gli Airbus di nuova generazione che hanno debuttato nella flotta di Ita Airways in una sola settimana, portando il totale a 44 NewGen su un totale di 87 aeromobili.\r\nI velivoli sono entrati in servizio nell’ultima settimana di marzo: si tratta, nello specifico, di un A330-900 di proprietà Ita, un A321neo, un A320neo e un A220-100, questi ultimi in leasing.\r\n“L’investimento sulla flotta, cresciuta di oltre il 60% dalla nostra nascita, è al centro della nostra strategia e oggi annunciare l’entrata in servizio di quattro Airbus di nuova generazione in una sola settimana ci rende estremamente orgogliosi – ha dichiarato Francesco Presicce, accountable manager & chief of technology officer della compagnia aerea -. Abbiamo implementato procedure di Entry Into Service tali da garantire la piena produttività dei velivoli acquisiti nel minor tempo possibile, sempre nel rispetto dei requisiti di sicurezza e di compliance regolamentare.\r\n\"Avevamo degli obiettivi ambiziosi e vedere che in poco più di due anni l'età media dei nostri aerei è scesa da 12,5 a 8,4 anni, con più del 50% di Airbus di ultima generazione, testimonia il grande sforzo della compagnia nelle attività di Entry Into Service e ci fa capire che stiamo facendo le scelte giuste. Il nostro target 2024 è l’entrata in flotta di 26 nuovi aeromobili, per arrivare a fine anno ad un totale di 96 aeromobili, di cui il 67% di nuova generazione, percentuale più che doppia rispetto alla media di aeromobili Airbus di nuova generazione presenti nella flotta di altri vettori europei che si attesta al 32%”.  \r\n ","post_title":"Ita Airways: in flotta 4 nuovi Airbus; 26 i nuovi ingressi previsti nel 2024","post_date":"2024-04-05T10:18:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712312305000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464789","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United Airlines rafforza il proprio investimento su Milano Malpensa, anticipando di quasi un mese la ripresa del collegamento stagionale verso Chicago O'Hare.\r\n\r\n«Per l'estate 2024, United opererà il programma estivo transatlantico più ampio nella sua storia, offrendo una maggiore scelta di viaggio e la possibilità, attraverso i nostri hub negli Stati Uniti, di visitare numerose altre destinazioni in tutte le Americhe» afferma  Walter Cianciusi, country sales manager Italy della compagnia statunitense.\r\n\r\nUnited è l'unico vettore che vola tra Milano e Chicago e offre più voli dall'Italia a Chicago rispetto a qualsiasi altro vettore.\r\n\r\n«La scelta che United ha compiuto di servire due gateways così rilevanti negli Stati Uniti va a completamento della strategia del nostro aeroporto e ci rende particolarmente soddisfatti anche in virtù dei risultati di traffico ottenuti  - sottolinea Andrea Tucci, vice president aviation business development Sea Milan Airports -. L’attuale estensione della stagionalità è il risultato della risposta del mercato Milano all’iniezione di capacità diretta su Chicago;  la stimolazione della domanda sulla destinazione ha infatti portato ad una crescita dei volumi passeggeri del +70%  rispetto alla stessa stagione del pre-pandemia».\r\n\r\nIl collegamento sarà operato con aeromobili Boeing 787-8 Dreamliner configurati con un totale di 243 posti - 28 posti flat-bed, completamente reclinabili, tutti con accesso al corridoio nella classe business United Polaris, 21 posti nella classe United Premium Plus e 194 posti in classe economica, inclusi 36 posti Economy PlusSM con spazio aggiuntivo per le gambe. \r\n\r\nIl prolungamento del servizio stagionale tra Milano e Chicago si basa sui collegamenti giornalieri annuali di United da Milano a New York-Newark e tra Roma e New York-Newark, oltre ai voli giornalieri stagionali da Venezia e Napoli a New York-Newark e da Roma a Chicago, Washington Dulles e San Francisco. La compagnia offre fino a undici servizi non-stop giornalieri dall'Italia agli Stati Uniti per l'estate del 2024.","post_title":"United Airlines rilancia da Milano e anticipa di quasi un mese l'apertura dello stagionale per Chicago","post_date":"2024-04-03T11:44:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712144695000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464028","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà il prossimo 1° di aprile a Glasgow il primo indirizzo The Social Hub (ex The Student Hotel) nel Regno Unito. La diciottesima proprietà in Europa della compagnia di ospitalità ibrida fondata da Charlie MacGregor ad Amsterdam è frutto di un investimento di oltre 90 milioni di sterline, pari a più di 105 milioni di euro, ed è dotata di 494 camere. Il concept The Social Hub mira a offrire ai propri ospiti stanze di hotel per soggiorni prolungati e studenti, oltre a luoghi per lavorare e incontrarsi, come ampi spazi di co-working, per riunioni ed eventi, una grande cucina comune, ristoranti, bar e palestre e un ricco calendario di eventi, workshop e incontri.\r\n\r\nThe Social Hub Glasgow si trova in particolare a Merchant City, uno dei luoghi più storici e caratteristici della città, e si sviluppa su una superficie complessiva di 20 mila metri quadrati. La proprietà ospiterà uno dei più grandi rooftop bar di Glasgow, un ristorante dall’atmosfera rilassante che servirà piatti e bevande di ispirazione internazionale e locale per tutto il giorno. Ci sarà pure un punto vendita grab-and-go, dove acquistare alimenti e bevande e una serie di prodotti essenziali oltre che articoli tipici locali e a marchio The Social Hub.\r\n\r\nLe aree di co-working della struttura potranno inoltre ospitare fino a 222 lavoratori al giorno, con formule che variano da scrivanie dedicate fino a 20 uffici privati. Saranno infine disponibili otto spazi per meeting ed eventi per un totale di 1.500 metri quadrati in grado di ospitare dai piccoli brainstorming a conferenze di grandi dimensioni in un auditorium","post_title":"The Social Hub debutta nel Regno Unito con una proprietà da 494 camere a Glasgow","post_date":"2024-03-21T12:28:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711024089000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463092","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un inizio anno con il vento in poppa per Toscana Aeroporti, che registra il miglior febbraio della sua storia con un totale di oltre 443.000 passeggeri nei due scali di Firenze e Pisa, il 14,7% in più rispetto al 2023.\r\n\r\nUn traguardo tagliato grazie alla crescita sia dei movimenti totali dei voli (+8,4% su febbraio 2023) sia del load factor che ha visto un incremento di circa 3 punti percentuali rispetto all'anno precedente, passando dall'81,1% all'84%.\r\n\r\nNei primi due mesi del 2024, il Sistema Aeroportuale Toscano ha superato i 903.000 passeggeri complessivi, con una crescita del +11,5% rispetto allo stesso periodo del 2023.\r\n\r\nNel dettaglio, il Vespucci di Firenze ha registrato un nuovo mese record, con oltre 192.000 passeggeri, segnando il miglior febbraio di sempre con una crescita del +32,2% rispetto al 2023. A febbraio, sia il traffico nazionale (+88,7%) che internazionale (+26,1%) sono in crescita rispetto al 2023. Tra le destinazioni più richieste ci sono Parigi, Londra, Amsterdam, Roma e Madrid. Complessivamente, nei primi due mesi del 2024, entrambi mesi record per l'aeroporto di Firenze, sono transitati 387.000 passeggeri, +32,3% sul 2023.\r\n\r\nIl Galilei di Pisa ha invece totalizzato più di 250.000 passeggeri, con un incremento del +4,1% rispetto allo stesso mese del 2023, in netta ripresa rispetto al mese precedente di gennaio, in cui si era registrata una diminuzione del 4,1%. Il traffico passeggeri internazionale è in crescita (+12,6%) rispetto alla diminuzione (-10,7%) di quello domestico. Le destinazioni più apprezzate a febbraio 2024 sono state Tirana, Londra, Palermo, Parigi e Catania. Il traffico passeggeri totale dello scalo pisano nei primi due mesi dell’anno ha raggiunto oltre 516.000 passeggeri, in linea (-0,3%) con il traffico dello stesso periodo 2023.","post_title":"Toscana Aeroporti: inizio 2024 con un boom di traffico passeggeri","post_date":"2024-03-08T10:21:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709893305000]}]}}

Lascia un commento