30 May 2024

603

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

CERCASI SOCIO OPERATIVO CON ESPERIENZA PER BELLISSIMA AGENZIA IN PRIMARIO CENTRO DELLA BRIANZA. INVIARE C.V. A: pantos@tin.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468467 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Crescere in Italia, attestandosi come «terza compagnia aerea sul mercato domestico. Rafforzarci sull’hub di Roma, arrivando almeno a 3 milioni di passeggeri nel 2025 e, da lì in poi, essere in grado di alimentare un network di lungo raggio». Gaetano Intrieri, amministratore delegato di Aeroitalia, non abbandona il progetto alla base del lancio della compagnia aerea. Ma, nel frattempo, aggiusta il tiro, modellando flotta e operativo per l’estate 2024, dopo aver archiviato il 2023 con un fatturato di 131 milioni di euro che quest'anno si punta a portare a quota 200 mln, per almeno due milioni di passeggeri trasportati. Flotta «Durante l'estate 2024 saremo operativi con un totale di 13 aeromobili: sta infatti per fare il suo ingresso il nono B737-800, cui si aggiungono due B737-400 in leasing da 4 Airways e i due Atr 42-600, ex Air Connect» (il vettore rumeno acquisito da Aeroitalia lo scorso novembre, ndr). Meno Sardegna e più Sicilia Grande attenzione andrà alla Sicilia, «dove per certo aumenteremo la capacità su Catania, Comiso e Palermo, scali dove ci sentiamo molto ben strutturati. Sicuramente parteciperemo nuovamente al bando su Comiso, dove già abbiamo un velivolo basato e operiamo per Roma e Milano (oltre agli stagionali estivi, ndr). E non escludo che inizieremo a operare anche da Trapani». La Sicilia «è il nostro primo mercato, e se durante la winter opereremo solo voli domestici, per l’estate successiva apriremo a rotte internazionali». La Sardegna, invece, data inizialmente come terreno ideale per le operazioni di Aeroitalia Regional e i suoi Atr, subisce una frenata: «La Sardegna, purtroppo, ha problematiche legate ai costi che non rendono competitivo per noi l’utilizzo di questi aerei: i due aeroporti del Nord sono peraltro tra i più costosi in Italia». Resta il tema della continuità territoriale: «Dobbiamo decidere se e a quali bandi partecipare. Probabilmente non a quello su Alghero, benché siamo cresciuti molto lì, siamo a +20% (con i voli giornalieri sia su Roma sia su Linate). Ma, come dicevo, i costi aeroportuali sono elevati». Lo sguardo internazionale Ad oggi il solo mercato internazionale servito da Aeroitalia è la Romania: «Sì, un mercato che stiamo curando molto e da subito è partito bene, tanto che oggi proponiamo voli giornalieri da Roma a Bacau (rispetto ai tre iniziali) e anche i 3 settimanali sulla Roma-Bucarest da giugno diventeranno quotidiani; da Milano Bergamo voliamo sempre a Bacau 5 volte a settimana. Ma in un prossimo futuro vorremmo aprire qualche altra destinazione, ad esempio sulla Spagna: dipenderà dagli accordi codeshare che sigleremo da qui all’autunno». [post_title] => Aeroitalia, Intrieri: dal domestico all'internazionale, ecco la roadmap per crescere [post_date] => 2024-05-30T12:29:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717072172000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468132 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 8 italiani su 10 (84,4%) passeranno le vacanze estive in Italia. E indipendentemente che il viaggiatore sia alla ricerca di attività sportive all’aria aperta (75,3%) o del relax per ricaricare le batterie (65,4%), la vacanza dovrà essere green (59,2%), e cresce inoltre il desiderio per una vacanza all’insegna del pregio, sempre più ambita (64,3%). Un trend, quello delle vacanze di pregio, confermato dai dati dell’Osservatorio Emma Villas, che registra per la stagione 2024 un +6,4% delle prenotazioni di ville e casali rispetto a quanto si registrava lo scorso anno alla stessa data per la stagione 2023 (con 6045 prenotazioni già confermate). È questa la fotografia dell’estate degli italiani che emerge dalla ricerca AstraRicerche per Emma Villas - azienda leader del vacation rental (affitti brevi di ville e casali di pregio) con oltre 600 proprietà in Italia e quotata sul segmento Euronext Growth Milan della Borsa Italiana – che mette a fuoco il profilo del viaggiatore italiano, le sue aspettative, le necessità e i suoi programmi di viaggio. «La voglia di viaggiare è ormai tornata fortissima tra gli italiani  - dichiara Giammarco Bisogno, Amministratore Delegato di Emma Villas - e, di pari passo, c’è sempre più voglia di continuare a trattarsi bene e vivere esperienze autentiche. La villa sarà una delle soluzioni più scelte da chi cerca comfort, indipendenza, privacy e relax, ma vuole anche essere vicino a città d'arte o a parchi naturali. Per questa stagione stiamo infatti registrando un incremento del 6,4% di prenotazioni rispetto a quanto registravamo un anno fa per il 2023, con un particolare interesse per le ville situate in Toscana, Umbria e Sicilia». Ma in quale struttura soggiorneranno gli italiani? Sicuramente sarà prioritario che sia una struttura sostenibile per almeno il 50% dei turisti. Secondo i dati dello studio AstraRicerche e dell’Osservatorio Emma Villas, la vacanza in una villa a uso esclusivo da condividere con i propri amici o familiari, è un’opzione di vacanza desiderata da oltre 6 italiani su 10 e che piace sempre di più: aumenta il numero dei vacanzieri che hanno deciso di vivere l’esperienza in villa, opzione che ha registrato un incremento del 48,9% rispetto al 2023 (22,7% vs 33,8%).  Chi sceglie la villa per le proprie vacanze sogna un soggiorno comprensivo di tutti i comfort. Insomma, un sogno per cui quasi un 1 italiano su 2 si dichiara disposto a rinunciare a cene fuori durante l’anno (45,8%), acquistare prodotti gourmet (24,9%) o nuovi vestiti (20,6%), pur di vivere l’esperienza di una vacanza in villa. Eppure, se si pensa che il budget dei connazionali per le vacanze è di circa 1000 euro a settimana[3], a fronte di un costo medio a persona che si attesta sui 500 euro, concedersi una vacanza da sogno in villa diventa chiaramente accessibile. Per quanto riguarda le destinazioni scelte, sul podio il Salento (31,6%), seguito dalla Costiera Amalfitana (28,9%) e il Lago di Garda (23,6%), che superano la Sardegna, le Cinque Terre e la Costiera Romagnola. Non manca, però, chi sceglierà sia l’estero che l’Italia (circa 6 italiani su 10). Tra le mete preferite la Spagna (50%), la Grecia (44,6%), il Portogallo (26,4%) e la Costa Azzurra (20,6%), a queste seguono le Baleari, la Croazia le Alpi Austriache, la Provenza e le Alpi Francesi.     [post_title] => Emma Villas, estate in Italia per 8 italiani su 10: obiettivo vacanze slow, outdoor ed esperienziali [post_date] => 2024-05-27T10:45:50+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716806750000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467948 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Punto di svolta per Wizz Air che ritorna a incassare utili per la prima volta dopo tre anni e, addirittura, prevede profitti più elevanti di quanto stimato finora grazie alla sostenuta domanda di viaggi per l'estate. La compagnia aerea ha beneficiato di una domanda sostenuta anche se ha dovuto affrontare sfide come la cancellazione di voli a causa del conflitto in Medio Oriente, le ispezioni ai motori che hanno bloccato parte della sua flotta e le interruzioni del controllo del traffico aereo. Wizz Air registra quindi un utile netto di 365,9 milioni di euro per l'esercizio chiuso al 31 marzo, rispetto alla perdita netta di 535 milioni di euro dell'anno precedente. Le stime della low cost stessa indicavano invece profitti per 350,8 milioni di euro. Per l'anno fiscale in corso il vettore ungherese punta invece ad un utile netto di 500-600 milioni di euro, con un aumento dei ricavi per ogni posto-chilometro disponibile a due cifre. “Mentre entriamo nell'esercizio 2024-25, la domanda di viaggi aerei rimane robusta e non accenna a diminuire nel breve termine, sostenendo un contesto di rendimenti più elevati mentre la capacità dell'intero settore rimane limitata”, ha dichiarato in una nota il ceo, Jozsef Varadi. [post_title] => Wizz Air torna all'utile dopo tre anni: profitti più elevati di quanto previsto [post_date] => 2024-05-23T13:08:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716469703000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467926 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova partnership tra il gruppo Moby e Sky. L'accordo permetterà ai passeggeri delle navi della flotta omonima e di quella Tirrenia di accedere alla programmazione della pay tv. Sport e intrattenimento saranno a disposizione anche nei viaggi a corto e medio raggio, limitatamente alle acque consentite, nelle tratte verso Sardegna, Sicilia e l’isola d’Elba. Il “menù di bordo” prevede su tutte le principali rotte e navi della flotta, nei bar, nelle lounge e negli spazi comuni, tutti i grandi eventi della Casa dello Sport di Sky. A partire dall’estate azzurra, con tutti i 51 match, dal 14 giugno al 14 luglio, di Uefa Euro 2024 in Germania e i Giochi Olimpici di Parigi 2024, che saranno disponibili sui nove canali Eurosport grazie al recente accordo tra Sky e Warner Bros. Discovery. E per la prossima stagione, tutte le sfide della prossima Serie A, della Premier League inglese e della nuova Uefa Champions League che vedrà in campo cinque squadre italiane, e di cui Sky trasmetterà 185 partite su 203, insieme a tutte le partite dell'Europa League e della Conference League (anche grazie a Diretta Gol). Grande spazio pure per il tennis, con più di 80 tornei ogni anno tra Atp e Wta, oltre al torneo di Wimbledon, le Nitto Atp Finals e la Coppa Davis, per un totale di oltre 4 mila partite. E ancora i motori, con oltre 1.300 ore live a stagione di Formula 1, MotoGp, Superbike, World Rally Championship e tanto altro. Lo spettacolo continua con il basket e il grande show americano della Nba; il rugby, con il Sei Nazioni, lo Uec, il Super Rugby, il Rugby Championship e gli Inbound Matches; il golf, con oltre 35 tornei live a stagione. Infine, da non dimenticare il canale all news Sky Sport 24 e le sue finestre costantemente aperte su tutti i principali eventi sportivi, gli approfondimenti, le rubriche e le produzioni originali, autentico marchio di fabbrica di Sky Sport.   [post_title] => Moby - Tirrenia: accordo con Sky per portare sport e intrattenimento a bordo [post_date] => 2024-05-23T12:18:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716466725000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466578 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bellagio, la perla del Lago di Como, è conosciuta  in tutto il mondo per la sua incantevole posizione tra i due rami del lago, per le antiche e suggestive abitazioni del vecchio borgo, i misteriosi vicoli e caratteristiche scalinate acciottolate dove sfilano eleganti vetrine, tra hotel di gran classe e tipici ristoranti. La navigazione e il Lago di Como sono un binomio imprescindibile per la varietà di itinerari, escursioni, passeggiate e visite ai suoi splendidi tesori dal lago o da terra. Non per niente a  Bellagio, nella pittoresca frazione di San Giovanni, sorge un affascinante museo nautico, che raccoglie una ricchissima collezione di oggetti, reperti, manufatti, documenti che raccontano e certificano la storia e l’evoluzione del “navigato” nelle cristalline acque del Lago (e del mare in generale). Il ‘Museo degli strumenti per la navigazione” è la prestigiosa raccolta di introvabili strumenti e oggetti di navigazione. Per la sua unicità è stata inserita tra i luoghi della cultura del Ministero della Cultura. Insieme a Villa Melzi è uno dei due Musei di Bellagio. Fondato dal grande appassionato di barche d’epoca Gianni Gini (è stato negli anni Settanta proprietario di Bona Fide, un Cutter aurico progettato nel 1899, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Parigi del 1900, nonché dello scafo Victory 83 che ha partecipato all'edizione del 1983 della Coppa America), espone al suo interno una collezione di oltre 600 oggetti e strumenti legati alla navigazione, acquisiti in 40 anni di minuziosa ricerca: strumenti di varie epoche che hanno permesso all’uomo di orientarsi e oggetti legati alla navigazione. Datati a partire dal 1500, non mancano bussole, astrolabi, cannocchiali settecenteschi di produzione veneziana, cronometri di marina, orologi solari, una sfera armillare (un modello della sfera celeste), diari di bordo dell’Ottocento, un planetario in ottone, preziosi manoscritti che testimoniano la vita a bordo di velieri e navi mercantili che hanno fatto la storia della navigazione. La collezione è esposta sui 3 piani di un caratteristico edificio (un’antica abitazione a torre totalmente ristrutturata) con gli oggetti collocati in base alla loro funzione: al primo piano sono trovano posto gli strumenti per la determinazione della latitudine; al secondo piano quelli per la longitudine e al terzo piano i diari di bordo e gli strumenti per il carteggio. Fu il 14 giugno 1968 con l’acquisto di un grafometro veneziano, che ebbe inizio la collezione degli strumenti di marina. Gianni Gini, in vacanza a Cannes. lo vide risplendere in una vetrina sulla Croisette. Da allora la sua passione per gli strumenti nautici l’ha portato a collezionarne oltre 600 custoditi nel museo che ha aperto i battenti Il 21 giugno del 2001 nell’antica casa torre di San Giovanni a Bellagio. Che sia dunque un soggiorno, un weekend o una toccata e fuga al lago, ritagliarsi uno spazio per visitare qualcosa di unico come  il “Museo degli strumenti per la navigazione” è assolutamente consigliato. Il Museo degli Strumenti per la Navigazione è aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 (tranne il lunedì ); visite pomeridiane disponibili solo su prenotazione. 5 euro tariffa intera (previste riduzioni per gruppi)   [post_title] => Bellagio, focus sul Museo degli Strumenti per la Navigazione [post_date] => 2024-05-02T11:49:54+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714650594000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466450 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sky express amplia la flotta che vola con un aumento di capacità del +17% grazie all'entrata in servizio di nuovi velivoli che portano il totale a quota 27 macchine. E con un'età media di 1,6 anni per gli Atr 72-600 e di 3,1 anni per gli Airbusneo, la compagnia aerea privata dispone della flotta più giovane della Grecia e una delle più green in Europa. La flotta Airbus di Sky express è dotata di motori Cfm Leap-1A, che garantiscono il 20% in meno di consumo di carburante e minore produzione di CO2 inquinanti; il 50% in meno di emissioni di NOx e il 50% in meno di emissioni acustiche. Gli Atr offrono la flessibilità necessaria a molti aeroporti regionali del Paese; inoltre, con il 45% in meno di carburante e quindi di sostanze inquinanti, e con emissioni di CO2 inferiori del 45% rispetto ai jet regionali, il vettore collega sia le isole greche che altre destinazioni domestiche in modo moderno e sostenibile. [post_title] => Cresce la flotta di Sky express: 27 velivoli con un'eta media di 1,6 anni [post_date] => 2024-04-30T10:20:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714472438000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466199 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Taglio del nastro per la nuova base Ryanair di Trieste, che vede un nuovo Boeing 737 8-200 posizionato sullo scalo, con un investimento da 100 milioni di dollari. Il Trieste Airport è la 19esima base in Italia della low cost irlandese che da qui servirà per l'estate 2024 un network di 18 rotte, comprese 7 nuove rotte per Berlino, Brindisi, Budapest, Cracovia, Olbia, Parigi e Siviglia. «Ryanair ha risposto prontamente all’iniziativa della regione Friuli Venezia Giulia di abolire l’ingiustificata tassa comunale/turistica assegnando 1 nuovo aereo “Gamechanger” 8-200 - ha sottolineato il ceo della low cost, Eddie Wilson -. La crescita in termini di capacità di Ryanair e le sette nuove rotte potenzieranno la crescita economica della Regione con la creazione di 600 posti di lavoro locali». «La stagione voli estiva, iniziata il 31 marzo 2024, è partita molto bene e sta già registrando un trend positivo anche per quanto riguarda le nuove destinazioni inaugurate grazie all'apertura della base Ryanair - ha sottolineato il ceo di Trieste Airport,Marco Consalvo -. Anche la destinazione Budapest, in partenza dal prossimo 2 giugno, ha ottimi livelli di prenotazione. Grazie a questa operazione con Ryanair, offriamo nuove opportunità di viaggio per i residenti e si rafforza il turismo incoming grazie ai collegamenti su nuovi mercati turistici strategici per il Friuli Venezia Giulia come quello tedesco, polacco, francese e spagnolo». [post_title] => Ryanair, taglio del nastro per la base di Trieste: 7 le nuove destinazioni [post_date] => 2024-04-24T09:55:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713952549000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina sempre di più l'apertura del Bawe Island, il nuovo resort di Zinzibar della Cocoon Collection, e Azemar intensifica gli incontri con gli agenti di viaggi per parlare della novità in arrivo il prossimo giugno. Questa volta l'appuntamento si è svolto a Torino, presso il ristorante Opera. Situato a soli 15 minuti di trasferimento in barca da Stone Town, il Bawe sarà un 5 stelle luxury “one island one resort”, che garantirà agli ospiti massima privacy su un’area di 30 ettari dove sono state realizzate 70 ville di superficie compresa tra i 200 metri quadrati della Beach Villa sino ai 600 mq del Sultan Palace. Per Azemar alla serata erano presenti Alessandro Azzola (managing director Azemar e The Cocoon Collection), Loris Giusti (key account Azemar), nonché Federico Calo’ (area sales Azemar Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta). Tra gli agenti di viaggio di Torino, Elisabetta della Interasse Viaggi, Gabriella della Cercavacanze, Erika della Lumiere Viaggi, Fabrizio della Just Book, Paolo della Smiling Sun Travel, Maria Grazia della Farfalla Viaggi, Linda della Almagestum Viaggi, Giovanni della Saili Viaggi, Federica della Pianeta Gaia, Barbara della Fionda Viaggi, Stefania della Bluvacanze Le Gru, Ilaria della Yeg Viaggi, Tiziana della Gattinoni Sede, Elena della Salmenta Travel, Luca della Travel Quick, Claudia della Viaggi Chiara e Tiziana della Cta Travels. Dal resto della regione si sono inoltre presentati Luca della Ciao Viaggi di Chivasso, Andrea della Gabry e Max di Chieri, Valentina della Melaspasso Viaggi di Collegno, Silvia della Silchy Viaggi di Leinì, Filomena della Bluvacanze di Collegno e Ornella della Wanderlust Viaggi di Rivoli. [post_title] => Azemar a Torino per parlare alle adv del nuovo Bawe Island di Zanzibar [post_date] => 2024-04-22T11:11:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713784294000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465999 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova sala check-in, controlli di sicurezza con macchine radiogene di ultima generazione e ampliamento degli spazi alle partenze dei voli extra-Schengen con la creazione di due nuovi gate di imbarco: l'aeroporto di Milano Bergamo ha presentato i lavori ampliamento del terminal passeggeri e precisamente dell’area partenze. La tabella di marcia prevede che entro la primavera 2025 sarà disponibile la nuova sala check-in con aggiunta di 22 banchi dedicati alle operazioni di accettazione e il completamento delle opere nel novembre 2025. Sacbo, la società di gestione dello scalo bergamasco, ha investito 41 milioni di euro a base d’asta di risorse finanziarie proprie. Al termine dei lavori, la sezione est del terminal passeggeri crescerà di 3.720 mq al piano terra, consentendo l’allargamento della sala check-in e l’ampliamento del sistema di controllo radiogeno dei bagagli da stiva (Bhs). Al primo piano si aggiungeranno 7.400 mq di superficie per ospitare i controlli di sicurezza, con 14 postazioni di tipo C3 per l’analisi del contenuto del bagaglio a mano senza più di tirare fuori il computer o altri strumenti elettronici e i liquidi, una nuova area duty free (che passa dagli attuali 600 a 1.600 mq) e spazi più ampi agli imbarchi extra-Schengen. «Abbiamo scelto uno slogan che riassumesse l’obiettivo degli interventi di adeguamento degli spazi aeroportuali, e dunque “più spazi, più comfort, più veloci, più lontano” – ha dichiarato Giovanni Sanga, presidente di Sacbo – Un investimento importante che permette di guardare al futuro sempre nell’ottica della sostenibilità, tenuto conto che la fine delle opere di ampliamento del terminal passeggeri precederà l’apertura del collegamento ferroviario diretto con l’aeroporto. Oltre a facilitare l’accessibilità, nell’ottica della multimodalità, il nostro obiettivo è rendere il terminal passeggeri sempre più accogliente, funzionale e gradevole, agevolando le operazioni di accettazione e dei controlli di sicurezza e consentendo di godere tutti i servizi nel tempo di permanenza dei passeggeri in aerostazione». [post_title] => Aeroporto Milano Bergamo: i dettagli dell'ampliamento del terminal passeggeri [post_date] => 2024-04-22T08:55:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713776145000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "603" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":240,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468467","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Crescere in Italia, attestandosi come «terza compagnia aerea sul mercato domestico. Rafforzarci sull’hub di Roma, arrivando almeno a 3 milioni di passeggeri nel 2025 e, da lì in poi, essere in grado di alimentare un network di lungo raggio».\r\n\r\nGaetano Intrieri, amministratore delegato di Aeroitalia, non abbandona il progetto alla base del lancio della compagnia aerea. Ma, nel frattempo, aggiusta il tiro, modellando flotta e operativo per l’estate 2024, dopo aver archiviato il 2023 con un fatturato di 131 milioni di euro che quest'anno si punta a portare a quota 200 mln, per almeno due milioni di passeggeri trasportati.\r\n\r\nFlotta\r\n\r\n«Durante l'estate 2024 saremo operativi con un totale di 13 aeromobili: sta infatti per fare il suo ingresso il nono B737-800, cui si aggiungono due B737-400 in leasing da 4 Airways e i due Atr 42-600, ex Air Connect» (il vettore rumeno acquisito da Aeroitalia lo scorso novembre, ndr).\r\n\r\nMeno Sardegna e più Sicilia\r\n\r\nGrande attenzione andrà alla Sicilia, «dove per certo aumenteremo la capacità su Catania, Comiso e Palermo, scali dove ci sentiamo molto ben strutturati. Sicuramente parteciperemo nuovamente al bando su Comiso, dove già abbiamo un velivolo basato e operiamo per Roma e Milano (oltre agli stagionali estivi, ndr). E non escludo che inizieremo a operare anche da Trapani». La Sicilia «è il nostro primo mercato, e se durante la winter opereremo solo voli domestici, per l’estate successiva apriremo a rotte internazionali».\r\n\r\nLa Sardegna, invece, data inizialmente come terreno ideale per le operazioni di Aeroitalia Regional e i suoi Atr, subisce una frenata: «La Sardegna, purtroppo, ha problematiche legate ai costi che non rendono competitivo per noi l’utilizzo di questi aerei: i due aeroporti del Nord sono peraltro tra i più costosi in Italia».\r\n\r\nResta il tema della continuità territoriale: «Dobbiamo decidere se e a quali bandi partecipare. Probabilmente non a quello su Alghero, benché siamo cresciuti molto lì, siamo a +20% (con i voli giornalieri sia su Roma sia su Linate). Ma, come dicevo, i costi aeroportuali sono elevati».\r\n\r\nLo sguardo internazionale\r\n\r\nAd oggi il solo mercato internazionale servito da Aeroitalia è la Romania: «Sì, un mercato che stiamo curando molto e da subito è partito bene, tanto che oggi proponiamo voli giornalieri da Roma a Bacau (rispetto ai tre iniziali) e anche i 3 settimanali sulla Roma-Bucarest da giugno diventeranno quotidiani; da Milano Bergamo voliamo sempre a Bacau 5 volte a settimana. Ma in un prossimo futuro vorremmo aprire qualche altra destinazione, ad esempio sulla Spagna: dipenderà dagli accordi codeshare che sigleremo da qui all’autunno».","post_title":"Aeroitalia, Intrieri: dal domestico all'internazionale, ecco la roadmap per crescere","post_date":"2024-05-30T12:29:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717072172000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468132","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"8 italiani su 10 (84,4%) passeranno le vacanze estive in Italia. E indipendentemente che il viaggiatore sia alla ricerca di attività sportive all’aria aperta (75,3%) o del relax per ricaricare le batterie (65,4%), la vacanza dovrà essere green (59,2%), e cresce inoltre il desiderio per una vacanza all’insegna del pregio, sempre più ambita (64,3%).\r\n\r\nUn trend, quello delle vacanze di pregio, confermato dai dati dell’Osservatorio Emma Villas, che registra per la stagione 2024 un +6,4% delle prenotazioni di ville e casali rispetto a quanto si registrava lo scorso anno alla stessa data per la stagione 2023 (con 6045 prenotazioni già confermate). È questa la fotografia dell’estate degli italiani che emerge dalla ricerca AstraRicerche per Emma Villas - azienda leader del vacation rental (affitti brevi di ville e casali di pregio) con oltre 600 proprietà in Italia e quotata sul segmento Euronext Growth Milan della Borsa Italiana – che mette a fuoco il profilo del viaggiatore italiano, le sue aspettative, le necessità e i suoi programmi di viaggio.\r\n\r\n«La voglia di viaggiare è ormai tornata fortissima tra gli italiani  - dichiara Giammarco Bisogno, Amministratore Delegato di Emma Villas - e, di pari passo, c’è sempre più voglia di continuare a trattarsi bene e vivere esperienze autentiche. La villa sarà una delle soluzioni più scelte da chi cerca comfort, indipendenza, privacy e relax, ma vuole anche essere vicino a città d'arte o a parchi naturali. Per questa stagione stiamo infatti registrando un incremento del 6,4% di prenotazioni rispetto a quanto registravamo un anno fa per il 2023, con un particolare interesse per le ville situate in Toscana, Umbria e Sicilia».\r\n\r\nMa in quale struttura soggiorneranno gli italiani? Sicuramente sarà prioritario che sia una struttura sostenibile per almeno il 50% dei turisti.\r\n\r\nSecondo i dati dello studio AstraRicerche e dell’Osservatorio Emma Villas, la vacanza in una villa a uso esclusivo da condividere con i propri amici o familiari, è un’opzione di vacanza desiderata da oltre 6 italiani su 10 e che piace sempre di più: aumenta il numero dei vacanzieri che hanno deciso di vivere l’esperienza in villa, opzione che ha registrato un incremento del 48,9% rispetto al 2023 (22,7% vs 33,8%).  Chi sceglie la villa per le proprie vacanze sogna un soggiorno comprensivo di tutti i comfort.\r\n\r\nInsomma, un sogno per cui quasi un 1 italiano su 2 si dichiara disposto a rinunciare a cene fuori durante l’anno (45,8%), acquistare prodotti gourmet (24,9%) o nuovi vestiti (20,6%), pur di vivere l’esperienza di una vacanza in villa. Eppure, se si pensa che il budget dei connazionali per le vacanze è di circa 1000 euro a settimana[3], a fronte di un costo medio a persona che si attesta sui 500 euro, concedersi una vacanza da sogno in villa diventa chiaramente accessibile.\r\n\r\nPer quanto riguarda le destinazioni scelte, sul podio il Salento (31,6%), seguito dalla Costiera Amalfitana (28,9%) e il Lago di Garda (23,6%), che superano la Sardegna, le Cinque Terre e la Costiera Romagnola. Non manca, però, chi sceglierà sia l’estero che l’Italia (circa 6 italiani su 10). Tra le mete preferite la Spagna (50%), la Grecia (44,6%), il Portogallo (26,4%) e la Costa Azzurra (20,6%), a queste seguono le Baleari, la Croazia le Alpi Austriache, la Provenza e le Alpi Francesi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Emma Villas, estate in Italia per 8 italiani su 10: obiettivo vacanze slow, outdoor ed esperienziali","post_date":"2024-05-27T10:45:50+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1716806750000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467948","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Punto di svolta per Wizz Air che ritorna a incassare utili per la prima volta dopo tre anni e, addirittura, prevede profitti più elevanti di quanto stimato finora grazie alla sostenuta domanda di viaggi per l'estate.\r\n\r\nLa compagnia aerea ha beneficiato di una domanda sostenuta anche se ha dovuto affrontare sfide come la cancellazione di voli a causa del conflitto in Medio Oriente, le ispezioni ai motori che hanno bloccato parte della sua flotta e le interruzioni del controllo del traffico aereo.\r\n\r\nWizz Air registra quindi un utile netto di 365,9 milioni di euro per l'esercizio chiuso al 31 marzo, rispetto alla perdita netta di 535 milioni di euro dell'anno precedente. Le stime della low cost stessa indicavano invece profitti per 350,8 milioni di euro.\r\n\r\nPer l'anno fiscale in corso il vettore ungherese punta invece ad un utile netto di 500-600 milioni di euro, con un aumento dei ricavi per ogni posto-chilometro disponibile a due cifre.\r\n\r\n“Mentre entriamo nell'esercizio 2024-25, la domanda di viaggi aerei rimane robusta e non accenna a diminuire nel breve termine, sostenendo un contesto di rendimenti più elevati mentre la capacità dell'intero settore rimane limitata”, ha dichiarato in una nota il ceo, Jozsef Varadi.","post_title":"Wizz Air torna all'utile dopo tre anni: profitti più elevati di quanto previsto","post_date":"2024-05-23T13:08:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716469703000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467926","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova partnership tra il gruppo Moby e Sky. L'accordo permetterà ai passeggeri delle navi della flotta omonima e di quella Tirrenia di accedere alla programmazione della pay tv. Sport e intrattenimento saranno a disposizione anche nei viaggi a corto e medio raggio, limitatamente alle acque consentite, nelle tratte verso Sardegna, Sicilia e l’isola d’Elba.\r\n\r\nIl “menù di bordo” prevede su tutte le principali rotte e navi della flotta, nei bar, nelle lounge e negli spazi comuni, tutti i grandi eventi della Casa dello Sport di Sky. A partire dall’estate azzurra, con tutti i 51 match, dal 14 giugno al 14 luglio, di Uefa Euro 2024 in Germania e i Giochi Olimpici di Parigi 2024, che saranno disponibili sui nove canali Eurosport grazie al recente accordo tra Sky e Warner Bros. Discovery. E per la prossima stagione, tutte le sfide della prossima Serie A, della Premier League inglese e della nuova Uefa Champions League che vedrà in campo cinque squadre italiane, e di cui Sky trasmetterà 185 partite su 203, insieme a tutte le partite dell'Europa League e della Conference League (anche grazie a Diretta Gol).\r\n\r\nGrande spazio pure per il tennis, con più di 80 tornei ogni anno tra Atp e Wta, oltre al torneo di Wimbledon, le Nitto Atp Finals e la Coppa Davis, per un totale di oltre 4 mila partite. E ancora i motori, con oltre 1.300 ore live a stagione di Formula 1, MotoGp, Superbike, World Rally Championship e tanto altro. Lo spettacolo continua con il basket e il grande show americano della Nba; il rugby, con il Sei Nazioni, lo Uec, il Super Rugby, il Rugby Championship e gli Inbound Matches; il golf, con oltre 35 tornei live a stagione. Infine, da non dimenticare il canale all news Sky Sport 24 e le sue finestre costantemente aperte su tutti i principali eventi sportivi, gli approfondimenti, le rubriche e le produzioni originali, autentico marchio di fabbrica di Sky Sport.\r\n\r\n ","post_title":"Moby - Tirrenia: accordo con Sky per portare sport e intrattenimento a bordo","post_date":"2024-05-23T12:18:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716466725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466578","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bellagio, la perla del Lago di Como, è conosciuta  in tutto il mondo per la sua incantevole posizione tra i due rami del lago, per le antiche e suggestive abitazioni del vecchio borgo, i misteriosi vicoli e caratteristiche scalinate acciottolate dove sfilano eleganti vetrine, tra hotel di gran classe e tipici ristoranti.\r\n\r\nLa navigazione e il Lago di Como sono un binomio imprescindibile per la varietà di itinerari, escursioni, passeggiate e visite ai suoi splendidi tesori dal lago o da terra.\r\nNon per niente a  Bellagio, nella pittoresca frazione di San Giovanni, sorge un affascinante museo nautico, che raccoglie una ricchissima collezione di oggetti, reperti, manufatti, documenti che raccontano e certificano la storia e l’evoluzione del “navigato” nelle cristalline acque del Lago (e del mare in generale).\r\n\r\nIl ‘Museo degli strumenti per la navigazione” è la prestigiosa raccolta di introvabili strumenti e oggetti di navigazione. Per la sua unicità è stata inserita tra i luoghi della cultura del Ministero della Cultura. Insieme a Villa Melzi è uno dei due Musei di Bellagio.\r\nFondato dal grande appassionato di barche d’epoca Gianni Gini (è stato negli anni Settanta proprietario di Bona Fide, un Cutter aurico progettato nel 1899, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Parigi del 1900, nonché dello scafo Victory 83 che ha partecipato all'edizione del 1983 della Coppa America), espone al suo interno una collezione di oltre 600 oggetti e strumenti legati alla navigazione, acquisiti in 40 anni di minuziosa ricerca: strumenti di varie epoche che hanno permesso all’uomo di orientarsi e oggetti legati alla navigazione.\r\nDatati a partire dal 1500, non mancano bussole, astrolabi, cannocchiali settecenteschi di produzione veneziana, cronometri di marina, orologi solari, una sfera armillare (un modello della sfera celeste), diari di bordo dell’Ottocento, un planetario in ottone, preziosi manoscritti che testimoniano la vita a bordo di velieri e navi mercantili che hanno fatto la storia della navigazione. La collezione è esposta sui 3 piani di un caratteristico edificio (un’antica abitazione a torre totalmente ristrutturata) con gli oggetti collocati in base alla loro funzione: al primo piano sono trovano posto gli strumenti per la determinazione della latitudine; al secondo piano quelli per la longitudine e al terzo piano i diari di bordo e gli strumenti per il carteggio.\r\n\r\nFu il 14 giugno 1968 con l’acquisto di un grafometro veneziano, che ebbe inizio la collezione degli strumenti di marina. Gianni Gini, in vacanza a Cannes. lo vide risplendere in una vetrina sulla Croisette. Da allora la sua passione per gli strumenti nautici l’ha portato a collezionarne oltre 600 custoditi nel museo che ha aperto i battenti Il 21 giugno del 2001 nell’antica casa torre di San Giovanni a Bellagio.\r\n\r\nChe sia dunque un soggiorno, un weekend o una toccata e fuga al lago, ritagliarsi uno spazio per visitare qualcosa di unico come  il “Museo degli strumenti per la navigazione” è assolutamente consigliato.\r\nIl Museo degli Strumenti per la Navigazione è aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 (tranne il lunedì ); visite pomeridiane disponibili solo su prenotazione. 5 euro tariffa intera (previste riduzioni per gruppi)\r\n\r\n ","post_title":"Bellagio, focus sul Museo degli Strumenti per la Navigazione","post_date":"2024-05-02T11:49:54+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1714650594000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466450","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sky express amplia la flotta che vola con un aumento di capacità del +17% grazie all'entrata in servizio di nuovi velivoli che portano il totale a quota 27 macchine.\r\n\r\nE con un'età media di 1,6 anni per gli Atr 72-600 e di 3,1 anni per gli Airbusneo, la compagnia aerea privata dispone della flotta più giovane della Grecia e una delle più green in Europa.\r\n\r\nLa flotta Airbus di Sky express è dotata di motori Cfm Leap-1A, che garantiscono il 20% in meno di consumo di carburante e minore produzione di CO2 inquinanti; il 50% in meno di emissioni di NOx e il 50% in meno di emissioni acustiche.\r\n\r\nGli Atr offrono la flessibilità necessaria a molti aeroporti regionali del Paese; inoltre, con il 45% in meno di carburante e quindi di sostanze inquinanti, e con emissioni di CO2 inferiori del 45% rispetto ai jet regionali, il vettore collega sia le isole greche che altre destinazioni domestiche in modo moderno e sostenibile.\r\n\r\n","post_title":"Cresce la flotta di Sky express: 27 velivoli con un'eta media di 1,6 anni","post_date":"2024-04-30T10:20:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1714472438000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466199","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Taglio del nastro per la nuova base Ryanair di Trieste, che vede un nuovo Boeing 737 8-200 posizionato sullo scalo, con un investimento da 100 milioni di dollari. Il Trieste Airport è la 19esima base in Italia della low cost irlandese che da qui servirà per l'estate 2024 un network di 18 rotte, comprese 7 nuove rotte per Berlino, Brindisi, Budapest, Cracovia, Olbia, Parigi e Siviglia.\r\n\r\n«Ryanair ha risposto prontamente all’iniziativa della regione Friuli Venezia Giulia di abolire l’ingiustificata tassa comunale/turistica assegnando 1 nuovo aereo “Gamechanger” 8-200 - ha sottolineato il ceo della low cost, Eddie Wilson -. La crescita in termini di capacità di Ryanair e le sette nuove rotte potenzieranno la crescita economica della Regione con la creazione di 600 posti di lavoro locali».\r\n\r\n«La stagione voli estiva, iniziata il 31 marzo 2024, è partita molto bene e sta già registrando un trend positivo anche per quanto riguarda le nuove destinazioni inaugurate grazie all'apertura della base Ryanair - ha sottolineato il ceo di Trieste Airport,Marco Consalvo -. Anche la destinazione Budapest, in partenza dal prossimo 2 giugno, ha ottimi livelli di prenotazione. Grazie a questa operazione con Ryanair, offriamo nuove opportunità di viaggio per i residenti e si rafforza il turismo incoming grazie ai collegamenti su nuovi mercati turistici strategici per il Friuli Venezia Giulia come quello tedesco, polacco, francese e spagnolo».","post_title":"Ryanair, taglio del nastro per la base di Trieste: 7 le nuove destinazioni","post_date":"2024-04-24T09:55:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713952549000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466028","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina sempre di più l'apertura del Bawe Island, il nuovo resort di Zinzibar della Cocoon Collection, e Azemar intensifica gli incontri con gli agenti di viaggi per parlare della novità in arrivo il prossimo giugno. Questa volta l'appuntamento si è svolto a Torino, presso il ristorante Opera. Situato a soli 15 minuti di trasferimento in barca da Stone Town, il Bawe sarà un 5 stelle luxury “one island one resort”, che garantirà agli ospiti massima privacy su un’area di 30 ettari dove sono state realizzate 70 ville di superficie compresa tra i 200 metri quadrati della Beach Villa sino ai 600 mq del Sultan Palace.\r\n\r\nPer Azemar alla serata erano presenti Alessandro Azzola (managing director Azemar e The Cocoon Collection), Loris Giusti (key account Azemar), nonché Federico Calo’ (area sales Azemar Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta). Tra gli agenti di viaggio di Torino, Elisabetta della Interasse Viaggi, Gabriella della Cercavacanze, Erika della Lumiere Viaggi, Fabrizio della Just Book, Paolo della Smiling Sun Travel, Maria Grazia della Farfalla Viaggi, Linda della Almagestum Viaggi, Giovanni della Saili Viaggi, Federica della Pianeta Gaia, Barbara della Fionda Viaggi, Stefania della Bluvacanze Le Gru, Ilaria della Yeg Viaggi, Tiziana della Gattinoni Sede, Elena della Salmenta Travel, Luca della Travel Quick, Claudia della Viaggi Chiara e Tiziana della Cta Travels. Dal resto della regione si sono inoltre presentati Luca della Ciao Viaggi di Chivasso, Andrea della Gabry e Max di Chieri, Valentina della Melaspasso Viaggi di Collegno, Silvia della Silchy Viaggi di Leinì, Filomena della Bluvacanze di Collegno e Ornella della Wanderlust Viaggi di Rivoli.","post_title":"Azemar a Torino per parlare alle adv del nuovo Bawe Island di Zanzibar","post_date":"2024-04-22T11:11:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713784294000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465999","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova sala check-in, controlli di sicurezza con macchine radiogene di ultima generazione e ampliamento degli spazi alle partenze dei voli extra-Schengen con la creazione di due nuovi gate di imbarco: l'aeroporto di Milano Bergamo ha presentato i lavori ampliamento del terminal passeggeri e precisamente dell’area partenze.\r\n\r\nLa tabella di marcia prevede che entro la primavera 2025 sarà disponibile la nuova sala check-in con aggiunta di 22 banchi dedicati alle operazioni di accettazione e il completamento delle opere nel novembre 2025.\r\n\r\nSacbo, la società di gestione dello scalo bergamasco, ha investito 41 milioni di euro a base d’asta di risorse finanziarie proprie. Al termine dei lavori, la sezione est del terminal passeggeri crescerà di 3.720 mq al piano terra, consentendo l’allargamento della sala check-in e l’ampliamento del sistema di controllo radiogeno dei bagagli da stiva (Bhs).\r\n\r\nAl primo piano si aggiungeranno 7.400 mq di superficie per ospitare i controlli di sicurezza, con 14 postazioni di tipo C3 per l’analisi del contenuto del bagaglio a mano senza più di tirare fuori il computer o altri strumenti elettronici e i liquidi, una nuova area duty free (che passa dagli attuali 600 a 1.600 mq) e spazi più ampi agli imbarchi extra-Schengen.\r\n\r\n«Abbiamo scelto uno slogan che riassumesse l’obiettivo degli interventi di adeguamento degli spazi aeroportuali, e dunque “più spazi, più comfort, più veloci, più lontano” – ha dichiarato Giovanni Sanga, presidente di Sacbo – Un investimento importante che permette di guardare al futuro sempre nell’ottica della sostenibilità, tenuto conto che la fine delle opere di ampliamento del terminal passeggeri precederà l’apertura del collegamento ferroviario diretto con l’aeroporto. Oltre a facilitare l’accessibilità, nell’ottica della multimodalità, il nostro obiettivo è rendere il terminal passeggeri sempre più accogliente, funzionale e gradevole, agevolando le operazioni di accettazione e dei controlli di sicurezza e consentendo di godere tutti i servizi nel tempo di permanenza dei passeggeri in aerostazione».","post_title":"Aeroporto Milano Bergamo: i dettagli dell'ampliamento del terminal passeggeri","post_date":"2024-04-22T08:55:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713776145000]}]}}

Lascia un commento