18 June 2024

1827

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Responsabile commerciale per tutto il Centro Nord Italia con base Milano, pluriennale esperienza, ottima conoscenza rete adv, valuta proposte di collaborazione di tour operator. Contattare 349 5062506.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469178 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Genova chiude il 2023 con una perdita di esercizio di 3,5 milioni di euro: il consiglio di amministrazione ha approvato il bilancio nei giorni scorsi e convocato l’assemblea ordinaria dei soci per il 28 giugno. Durante lo scorso anno sono transitati dal Colombo 1,27 milioni di passeggeri, in crescita del 4,6% rispetto al 2022; il fatturato è stato pari a 28,8 milioni di euro in aumento del 5,1% rispetto all'anno precedente. Non mancano quindi i segnali positivi, anche se i conti per ora sono in rosso, a differenza del 2022 che si era chiuso con un sostanziale pareggio. C'è attesa ora per l’assemblea dei soci che sarà chiamata a votare l’aumento di capitale necessario per far fronte alle perdite degli ultimi anni, in linea anche il piano economico-finanziario per il quinquennio 2024-2029. Sul 2023 hanno gravato negativamente alcune voci di costo straordinarie, dovute principalmente al venir meno delle misure legislative di contenimento degli effetti Covid. Inoltre, è stato sottoscritto un contratto di espansione che ha comportato un aumento di 1,7 milioni di euro per il costo del personale “ma che avrà effetti positivi negli anni a venire grazie ai prepensionamenti concordati”. La svolta attesa dal Cristoforo Colombo è però la privatizzazione, percorso iniziato con le manifestazioni di interesse inviate da cinque soggetti privati che, nonostante l’intenzione di mantenere il controllo in mano pubblica, avranno voce in capitolo sulla gestione operativa e maggiori quote di capitale. [post_title] => Aeroporto Genova: aumentano passeggeri e ricavi, ma il bilancio 2023 è in rosso [post_date] => 2024-06-10T12:40:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718023250000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467571 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_467574" align="alignleft" width="300"] Alberto Piantoni[/caption] Una sala gremita presso l’ambasciata italiana a Pechino ha ospitato ieri la presentazione della prima edizione di 1000 Miglia Experience China: l'evento che dal 14 al 17 novembre 2024 porterà per la prima volta la Freccia Rossa nel Paese del Dragone. Alla presenza del primo consigliere dell’ambasciata, Marco Midolo, l’amministratore delegato e il direttore generale di 1000 Miglia, Alberto Piantoni e Francesca Parolin, hanno siglato l’accordo di licenza con i rappresentanti della Federation Classic Car China che organizzerà la manifestazione per i prossimi due anni. La 1000 Miglia Experience China 2024 si svilupperà nella provincia di Guangdong, la prima regione cinese ad avere relazioni commerciali con l’Europa, e più precisamente nell’area di Canton (o Guangzhou), e sarà aperta a sei diverse classi di auto, a partire da quelle appartenenti alla classe 1000 Miglia Era che comprende gli esemplari e i modelli che hanno preso parte alla 1000 Miglia di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. In occasione della presentazione, e per i prossimi due giorni, uno degli edifici più rappresentativi di Canton rimarrà illuminato con i simboli della 1000 Miglia e dell'evento, le cui iscrizioni apriranno a breve. [post_title] => La 1000 Miglia sbarca in Cina: la corsa si terrà a novembre nel Guangdong [post_date] => 2024-05-17T10:56:52+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715943412000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467192 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volano alto i profitti del gruppo Emirates che negli ultimi due anni ha addirittura superato le perdite accumulate durante il periodo della pandemia. Per l'intero anno, chiuso lo scorso 31 marzo, il gruppo ha totalizzato utili per 18,7 miliardi di Dhs (5,1 miliardi di dollari), dei quali ben 17,2 miliardi di Dhs (4,7 miliardi di dollari) imputabili alla sola Emirates Airline, con un aumento di oltre il 60%. La compagnia aerea ha trasportato 51,9 milioni di passeggeri, con una capacità posti cresciuta del 21,4%; il load factor è salito al 79,9% rispetto al 79,5% dell'anno scorso. «Le prospettive di business sono positive, con proiezioni di una domanda forte e sostenuta per il trasporto aereo e i viaggi internazionali» ha affermato il presidente e amministratore delegato Ahmed bin Saeed Al Maktoum. «Emirates riceverà 10 nuovi aeromobili A350 nel 2024-25, che andranno ad arricchire la nostra flotta e a sostenere la prossima fase di crescita del suo network. dnata continuerà a sfruttare le sinergie e a espandersi tra le sue divisioni di business per far crescere la sua presenza e le sue capacità. Parallelamente, stiamo investendo risorse per ridurre al minimo il nostro impatto ambientale, accrescere il nostro personale, prenderci cura dei nostri clienti e delle comunità che serviamo».  Il portfolio ordini di Emirates ammonta a 310 aeromobili, dopo aver annunciato al Dubai Airshow del 2023 ordini per un valore complessivo di 58 miliardi di dollari, per l’acquisto di 110 unità aggiuntive di Boeing 777, 787 e Airbus A350.  [post_title] => Emirates Group vola più alto che mai con profitti per oltre 5,1 miliardi di dollari [post_date] => 2024-05-13T12:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715603463000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani. In termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.   “Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari. [post_title] => Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection [post_date] => 2024-04-10T12:23:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712751830000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464874 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una crescita della domanda globale di passeggeri del 21,5% (misurata in Rpk): i dati della Iata dello scorso febbraio confermano la parabola positiva del trasporto aereo rispetto allo stesso mese del 2023. La capacità totale, misurata in chilometri di posti disponibili (Ask), è aumentata del 18,7% rispetto all'anno precedente e il load factor di febbraio è stato dell'80,6% (+1,9 punti percentuali rispetto a febbraio 2023). «Il forte inizio del 2024 è proseguito a febbraio, con tutti i mercati ad eccezione del Nord America che hanno registrato una crescita a due cifre del traffico passeggeri - osserva il direttore generale, Willie Walsh -. Ci sono buone ragioni per essere ottimisti sulle prospettive del settore nel 2024, dato che le compagnie aeree accelerano gli investimenti nella decarbonizzazione e la domanda dei passeggeri mostra una certa resistenza di fronte alle incertezze geopolitiche ed economiche. È fondamentale che i politici resistano alla tentazione di fare cassa con nuove tasse che potrebbero destabilizzare questa traiettoria positiva e rendere i viaggi più costosi. In particolare, l'Europa è preoccupante perché sembra determinata a bloccare la sua lenta ripresa economica con proposte fiscali non competitive». In particolare, la domanda internazionale è aumentata del 26,3% rispetto all'anno scorso e la capacità è aumentata del 25,5%; il load factor è migliorato al 79,3% (+0,5 punti percentuali su febbraio 2023). La domanda nazionale è aumentata del 15,0% rispetto a febbraio 2023 a fronte di una crescita della capacità del 9,4% su base annua e il load factor è stato dell'82,6% (+4 punti percentuali rispetto a febbraio 2023). La nota dell'associazione delle compagnie aeree ricorda comunque che il 2024 è un anno bisestile e dunque febbraio contava un giorno in più rispetto al febbraio 2023: «Ciò amplifica leggermente la crescita della domanda e della capacità».     [post_title] => Iata: i dati di febbraio confermano il trend positivo, domanda di viaggio a +21,5% [post_date] => 2024-04-04T12:25:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712233530000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463824 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lo aveva già anticipato il direttore commerciale e marketing Stefano Maria Simei lo scorso giugno, quando la struttura era ancora in soft opening, ma ora arriva l'annuncio ufficiale: il prossimo maggio aprirà a Marsa Alam la prima proprietà a marchio Th Group in Egitto. Lo ha rivelato, nel corso della seconda edizione dell’Hotellerie Summit organizzato da Pambianco nella sede della Borsa di Milano, Graziano Debellini: "Portare all'estero le nostre gestioni è da tempo tra i nostri obiettivi. E in questo ci sta dando una mano anche il nostro tour operator Baobab", ha spiegato il presidente della compagnia. Th è il infatti già il gruppo leader della montagna italiana, con un fatturato che nel segmento genera più di 50 milioni di euro all'anno. Buona anche la presenza sul mare. "Ora vogliamo perciò espanderci soprattutto nelle città d'arte italiane ed europee, con il piano di sviluppare a breve anche un prodotto a 5 stelle. Presto faremo dei nuovi annunci". L'espansione del gruppo è ovviamente supportata dalla presenza di un partner finanziario come Cdp, entrato nella compagine padovana nel 2017: "Si tratta di un sostegno importante - ha raccontato sempre Debellini -. Fino agli anni 2000 avevamo infatti una buona marginalità. In seguito, prima l'arrivo dell'euro e poi la crisi globale innescata dal fallimento Lehman Brothers ci hanno messo in difficoltà. Abbiamo quindi deciso di aprire il nostro capitale: nel 2011 è arrivo il gruppo Isa di Trento e sei anni più tardi Cdp: un fondo paziente che mira a valorizzare il territorio e che rimarrà sicuramente con noi almeno fino alle Olimpiadi invernali del 2026. Una prospettiva temporale che ci garantisce una certa sicurezza, al contrario di quello che avviene a volte con alcuni fondi internazionali che vengono da noi più da padroni che da partner". Oltra alla ristrutturazione e industrializzazione dei processi interni, l'apertura del capitale ha garantito a Th anche una crescita sostanziale dei volumi, passati dai circa 30 milioni di fatturato di inizio millennio ai 187 milioni di euro del 2023 con una marginalità del 4,7% (ebitda margin). La reddittività c'è, insomma, ma non è ancora elevatissima, "anche se chi consulta i nostri bilanci può vedere moltissimi ammortamenti - ha sottolineato Debellini -. Questo vuol dire che stiamo investendo e crescendo. Sono convinto che nel 2024 assisteremo a delle ottime sorprese. Mi aspetto un ebidta di almeno 10 milioni di euro. In fondo, negli Usa sono abituati ad aspettare cinque o sei anni prima di tirare le somme su una start-up. E noi siamo in linea da questa prospettiva". [post_title] => Debellini, Th: Cdp garantisce una stabilità sconosciuta a molti fondi stranieri [post_date] => 2024-03-19T12:55:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710852934000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463386 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Svizzera ha una grande tradizione di eventi musicali e culturali che, negli anni, si sono imposti sul panorama della scena internazionale. E sono numerosi gli artisti che hanno contribuito a disegnare il volto delle città svizzere. Sul lungolago di Montreux, ad esempio, spicca la statua di Freddie Mercury che con i Queen registrò tra il 1978 e il 1995 ben 6 album nei Mountain Studios, all’interno del Casinò. Oppure David Bowie, che ha vissuto sul Lago di Ginevra per 20 anni e in seguito nel Château du Signal, un castello a Epalinges, sopra Losanna. Con l’evento The sound of Swiss cities che si è svolto a Milano, Svizzera turismo ha presentato il ricco calendario di eventi musicali e culturali che animeranno le principali città svizzere nei prossimi mesi.  Che sia classica, pop, rock o blues la musica riveste un ruolo importante nell'offerta turistica delle città svizzere sia per gli eventi di richiamo internazionale sia per l’architettura delle sale concerto di recente apertura o per il legame che questo territorio ha con alcuni artisti che qui hanno vissuto o tratto ispirazione. Come dichiarato da Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo «ciò che stupisce è l’abbondanza di proposte artistico-culturali in rapporto alla superficie territoriale e al numero di abitanti. Con 1081 musei - di cui il 15% dedicato ad arte, design e fotografia - la Svizzera vanta la più alta densità di musei al mondo. Collezioni pubbliche e private hanno permesso l’apertura dei musei su tutto il territorio e conservano ed espongono a rotazione 77,1 milioni di oggetti. Luoghi che nel tempo hanno aperto le porte anche ad eventi artistici legati alla musica e alla danza. E oggi vogliamo sottolineare dunque la ricchezza dell’offerta musicale delle nostre città per questo anno appena iniziato».  Basilea, capitale dell’arte e dell’architettura, si prepara ad un'annata ricca di sonorità con un calendario di eventi musicali imperdibili per la stagione 2024. Dagli appassionati di musica classica agli amanti del jazz e del rock, fino ad arrivare alla techno: l’agenda dei prossimi mesi per la città di Basilea è davvero ricca di concerti, festival e manifestazioni musicali. Dagli aperitivi musicali nei bar alle rassegne di musica da camera nei musei, la città offre un'esperienza sonora unica e indimenticabile. Solo per citarne alcuni, tra giungo e luglio Basilea si animerà con il Festival Musik Basel, un'esplosione di musica contemporanea con artisti di fama internazionale. A settembre invece sarà la volta della Biennale di musica antica: un viaggio nel tempo attraverso le epoche musicali più affascinanti. Oppure per gli amanti del Jazz un appuntamento da segnare in agenda è Off Beat Basel a maggio, dedicato al jazz emergente con un'atmosfera intima e accogliente. Senza dimenticare il Basel Tattoo, il ritrovo delle bande musicali militari più spettacolari del mondo. Il 2024 segna anche l’anniversario dei 200 anni dello Stadtcasino Basel fondato nel 1824 come associazione senza scopo di lucro con lo scopo di promuovere la cultura e diventato negli anni il centro per la musica classica.  Ad aprile inoltre verrà inaugurato il nuovo Baselland Kunsthaus, il principale spazio espositivo per l'arte contemporanea nella regione di Basilea. Una città da vivere e da scoprire, Berna è il luogo dove musica e cultura si intrecciano creando un'atmosfera unica e indimenticabile. Gli eventi e i festival che si susseguono durante l'anno animano la città con musica, teatro, cinema e gastronomia. Il Casinò di Berna è il palco principale dell’Orchestra Sinfonica della città e ospita non solo concerti di musica classica ma anche spettacoli di cabaret. Anche il Zentrum Paul Klee realizzato da Renzo Piano, ospita nei suoi spazi concerti, eventi gastronomici, e altre manifestazioni. Oltre ovviamente ad esporre le opere dell'omonimo artista, e mostre d’arte di artisti contemporanei di fama internazionale. Danza, opera e balletto hanno invece come location il teatro comunale di Berna. Altra location degna di nota è la Dampfzentrale, una vecchia centrale elettrica situata lungo il fiume e oggi riconvertita a luogo culturale per spettacoli di danza e musica. Tra gli appuntamenti da non perdere, la 49° edizione del festival internazionale di jazz da marzo a maggio, il Buskers Bern festival con artisti di strada provenienti da tutti il mondo, e l’Offbeat Bern, un festival che celebra la diversità del jazz con artisti emergenti e leggende viventi. Un'altra meta interessante non solo per i grandi eventi, è Losanna, la cui scena musicale è in costante fermento grazie ai numerosi club dal vivo, concerti gratuiti nei bar, jam session e manifestazioni dedicate alla musica in ogni sua forma. Dagli storici palazzi ai moderni locali, la città offre un'esperienza sonora unica e variegata. Tappe obbligate prima o dopo un concerto la pasticceria Sweet Sage, o un pranzo alla Buvette Vaudoise, il punto di ristoro del Grand Conseil Vaudois, una volta riservato ai deputati e oggi aperto anche al pubblico. La scena musicale contemporanea trova spazio al Jumeaux jazz club, inaugurato lo scorso gennaio e diventato già un centro di creazione musicale di altissimo livello. Anche il Museo Olimpico, che ospita adesso una mostra dedicata ai giochi olimpici di Parigi, è un’altra tappa per eventi culturali e musicali. Losanna ospita inoltre il Capitole, il più grande cinema della Svizzera presso un affascinante palazzo art déco con all’interno anche la Cineteca svizzera, dove si organizzano non solo proiezioni di film ma anche appuntamenti culturali e cine-concerti. Con una scena culturale davvero molto dinamica, all’altezza delle più grandi capitale europee, Ginevra è una città a misura d’uomo, divisa tra lago e montagne. Facilmente raggiungibile da Milano in sole 4 ore di treno, conta oltre 130 gli alberghi e numerosi parchi pubblici. La città offre numerosi spazi dedicati all’arte, ai concerti e agli eventi ogni genere. Tra questi, il Grand Theatre de Genève, un palcoscenico di fama mondiale che rappresenta la più grande scena artistica della Svizzera ed è sede delle compagnie di opera e balletto della città. Ospita inoltre sperimentazioni e festival legati ai nuovi generi musicali e culturali con l'obiettivo di avvicinare le nuove generazioni e nuovi target di pubblico a questa istituzione. «La Svizzera è la patria degli eventi open-air. Nelle piazze cittadine o su piattaforme galleggianti sui laghi e sui fiumi si svolgono concerti e spettacoli teatrali durante tutta l’estate. Fra le sale concerto di recente costruzione meritano una menzione il Centro Cultura e Congressi (KKL) a Lucerna, disegnato da Jean Nouvel, e lo Stadtcasino di Basilea ampliato e rinnovato dal duo Herzog & de Meuron in cima alle classifiche per l’acustica. Di tendenza, inoltre, sono gli eventi all’interno degli spazi museali. Il parco della Fondazione Beyeler a Basilea, il Centro Paul Klee a Berna o il vecchio maneggio di Aarau diventano “venue” per concerti e dj set» - ha dichiarato Francesca Rovati, Media Manager Northern Italy, al termine della conferenza stampa. [post_title] => Il suono delle città svizzere, tra musica, arte ed eventi [post_date] => 2024-03-14T09:15:10+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => svizzera [1] => svizzera-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Svizzera [1] => Svizzera Turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710407710000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1827" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":70,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469178","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Genova chiude il 2023 con una perdita di esercizio di 3,5 milioni di euro: il consiglio di amministrazione ha approvato il bilancio nei giorni scorsi e convocato l’assemblea ordinaria dei soci per il 28 giugno.\r\n\r\nDurante lo scorso anno sono transitati dal Colombo 1,27 milioni di passeggeri, in crescita del 4,6% rispetto al 2022; il fatturato è stato pari a 28,8 milioni di euro in aumento del 5,1% rispetto all'anno precedente.\r\n\r\nNon mancano quindi i segnali positivi, anche se i conti per ora sono in rosso, a differenza del 2022 che si era chiuso con un sostanziale pareggio. C'è attesa ora per l’assemblea dei soci che sarà chiamata a votare l’aumento di capitale necessario per far fronte alle perdite degli ultimi anni, in linea anche il piano economico-finanziario per il quinquennio 2024-2029.\r\n\r\nSul 2023 hanno gravato negativamente alcune voci di costo straordinarie, dovute principalmente al venir meno delle misure legislative di contenimento degli effetti Covid. Inoltre, è stato sottoscritto un contratto di espansione che ha comportato un aumento di 1,7 milioni di euro per il costo del personale “ma che avrà effetti positivi negli anni a venire grazie ai prepensionamenti concordati”.\r\n\r\nLa svolta attesa dal Cristoforo Colombo è però la privatizzazione, percorso iniziato con le manifestazioni di interesse inviate da cinque soggetti privati che, nonostante l’intenzione di mantenere il controllo in mano pubblica, avranno voce in capitolo sulla gestione operativa e maggiori quote di capitale.","post_title":"Aeroporto Genova: aumentano passeggeri e ricavi, ma il bilancio 2023 è in rosso","post_date":"2024-06-10T12:40:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718023250000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467571","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_467574\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Piantoni[/caption]\r\n\r\nUna sala gremita presso l’ambasciata italiana a Pechino ha ospitato ieri la presentazione della prima edizione di 1000 Miglia Experience China: l'evento che dal 14 al 17 novembre 2024 porterà per la prima volta la Freccia Rossa nel Paese del Dragone. Alla presenza del primo consigliere dell’ambasciata, Marco Midolo, l’amministratore delegato e il direttore generale di 1000 Miglia, Alberto Piantoni e Francesca Parolin, hanno siglato l’accordo di licenza con i rappresentanti della Federation Classic Car China che organizzerà la manifestazione per i prossimi due anni.\r\n\r\nLa 1000 Miglia Experience China 2024 si svilupperà nella provincia di Guangdong, la prima regione cinese ad avere relazioni commerciali con l’Europa, e più precisamente nell’area di Canton (o Guangzhou), e sarà aperta a sei diverse classi di auto, a partire da quelle appartenenti alla classe 1000 Miglia Era che comprende gli esemplari e i modelli che hanno preso parte alla 1000 Miglia di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. In occasione della presentazione, e per i prossimi due giorni, uno degli edifici più rappresentativi di Canton rimarrà illuminato con i simboli della 1000 Miglia e dell'evento, le cui iscrizioni apriranno a breve.","post_title":"La 1000 Miglia sbarca in Cina: la corsa si terrà a novembre nel Guangdong","post_date":"2024-05-17T10:56:52+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1715943412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467192","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volano alto i profitti del gruppo Emirates che negli ultimi due anni ha addirittura superato le perdite accumulate durante il periodo della pandemia. Per l'intero anno, chiuso lo scorso 31 marzo, il gruppo ha totalizzato utili per 18,7 miliardi di Dhs (5,1 miliardi di dollari), dei quali ben 17,2 miliardi di Dhs (4,7 miliardi di dollari) imputabili alla sola Emirates Airline, con un aumento di oltre il 60%.\r\n\r\nLa compagnia aerea ha trasportato 51,9 milioni di passeggeri, con una capacità posti cresciuta del 21,4%; il load factor è salito al 79,9% rispetto al 79,5% dell'anno scorso.\r\n\r\n«Le prospettive di business sono positive, con proiezioni di una domanda forte e sostenuta per il trasporto aereo e i viaggi internazionali» ha affermato il presidente e amministratore delegato Ahmed bin Saeed Al Maktoum.\r\n\r\n«Emirates riceverà 10 nuovi aeromobili A350 nel 2024-25, che andranno ad arricchire la nostra flotta e a sostenere la prossima fase di crescita del suo network. dnata continuerà a sfruttare le sinergie e a espandersi tra le sue divisioni di business per far crescere la sua presenza e le sue capacità. Parallelamente, stiamo investendo risorse per ridurre al minimo il nostro impatto ambientale, accrescere il nostro personale, prenderci cura dei nostri clienti e delle comunità che serviamo». \r\n\r\nIl portfolio ordini di Emirates ammonta a 310 aeromobili, dopo aver annunciato al Dubai Airshow del 2023 ordini per un valore complessivo di 58 miliardi di dollari, per l’acquisto di 110 unità aggiuntive di Boeing 777, 787 e Airbus A350. ","post_title":"Emirates Group vola più alto che mai con profitti per oltre 5,1 miliardi di dollari","post_date":"2024-05-13T12:31:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715603463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani.\r\n\r\nIn termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.\r\n\r\n \r\n\r\n“Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti\", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari.","post_title":"Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection","post_date":"2024-04-10T12:23:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712751830000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464874","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una crescita della domanda globale di passeggeri del 21,5% (misurata in Rpk): i dati della Iata dello scorso febbraio confermano la parabola positiva del trasporto aereo rispetto allo stesso mese del 2023. La capacità totale, misurata in chilometri di posti disponibili (Ask), è aumentata del 18,7% rispetto all'anno precedente e il load factor di febbraio è stato dell'80,6% (+1,9 punti percentuali rispetto a febbraio 2023).\r\n\r\n«Il forte inizio del 2024 è proseguito a febbraio, con tutti i mercati ad eccezione del Nord America che hanno registrato una crescita a due cifre del traffico passeggeri - osserva il direttore generale, Willie Walsh -. Ci sono buone ragioni per essere ottimisti sulle prospettive del settore nel 2024, dato che le compagnie aeree accelerano gli investimenti nella decarbonizzazione e la domanda dei passeggeri mostra una certa resistenza di fronte alle incertezze geopolitiche ed economiche. È fondamentale che i politici resistano alla tentazione di fare cassa con nuove tasse che potrebbero destabilizzare questa traiettoria positiva e rendere i viaggi più costosi. In particolare, l'Europa è preoccupante perché sembra determinata a bloccare la sua lenta ripresa economica con proposte fiscali non competitive».\r\n\r\nIn particolare, la domanda internazionale è aumentata del 26,3% rispetto all'anno scorso e la capacità è aumentata del 25,5%; il load factor è migliorato al 79,3% (+0,5 punti percentuali su febbraio 2023).\r\n\r\nLa domanda nazionale è aumentata del 15,0% rispetto a febbraio 2023 a fronte di una crescita della capacità del 9,4% su base annua e il load factor è stato dell'82,6% (+4 punti percentuali rispetto a febbraio 2023).\r\n\r\nLa nota dell'associazione delle compagnie aeree ricorda comunque che il 2024 è un anno bisestile e dunque febbraio contava un giorno in più rispetto al febbraio 2023: «Ciò amplifica leggermente la crescita della domanda e della capacità».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Iata: i dati di febbraio confermano il trend positivo, domanda di viaggio a +21,5%","post_date":"2024-04-04T12:25:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712233530000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463824","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lo aveva già anticipato il direttore commerciale e marketing Stefano Maria Simei lo scorso giugno, quando la struttura era ancora in soft opening, ma ora arriva l'annuncio ufficiale: il prossimo maggio aprirà a Marsa Alam la prima proprietà a marchio Th Group in Egitto. Lo ha rivelato, nel corso della seconda edizione dell’Hotellerie Summit organizzato da Pambianco nella sede della Borsa di Milano, Graziano Debellini: \"Portare all'estero le nostre gestioni è da tempo tra i nostri obiettivi. E in questo ci sta dando una mano anche il nostro tour operator Baobab\", ha spiegato il presidente della compagnia. Th è il infatti già il gruppo leader della montagna italiana, con un fatturato che nel segmento genera più di 50 milioni di euro all'anno. Buona anche la presenza sul mare. \"Ora vogliamo perciò espanderci soprattutto nelle città d'arte italiane ed europee, con il piano di sviluppare a breve anche un prodotto a 5 stelle. Presto faremo dei nuovi annunci\".\r\n\r\nL'espansione del gruppo è ovviamente supportata dalla presenza di un partner finanziario come Cdp, entrato nella compagine padovana nel 2017: \"Si tratta di un sostegno importante - ha raccontato sempre Debellini -. Fino agli anni 2000 avevamo infatti una buona marginalità. In seguito, prima l'arrivo dell'euro e poi la crisi globale innescata dal fallimento Lehman Brothers ci hanno messo in difficoltà. Abbiamo quindi deciso di aprire il nostro capitale: nel 2011 è arrivo il gruppo Isa di Trento e sei anni più tardi Cdp: un fondo paziente che mira a valorizzare il territorio e che rimarrà sicuramente con noi almeno fino alle Olimpiadi invernali del 2026. Una prospettiva temporale che ci garantisce una certa sicurezza, al contrario di quello che avviene a volte con alcuni fondi internazionali che vengono da noi più da padroni che da partner\".\r\n\r\nOltra alla ristrutturazione e industrializzazione dei processi interni, l'apertura del capitale ha garantito a Th anche una crescita sostanziale dei volumi, passati dai circa 30 milioni di fatturato di inizio millennio ai 187 milioni di euro del 2023 con una marginalità del 4,7% (ebitda margin). La reddittività c'è, insomma, ma non è ancora elevatissima, \"anche se chi consulta i nostri bilanci può vedere moltissimi ammortamenti - ha sottolineato Debellini -. Questo vuol dire che stiamo investendo e crescendo. Sono convinto che nel 2024 assisteremo a delle ottime sorprese. Mi aspetto un ebidta di almeno 10 milioni di euro. In fondo, negli Usa sono abituati ad aspettare cinque o sei anni prima di tirare le somme su una start-up. E noi siamo in linea da questa prospettiva\".","post_title":"Debellini, Th: Cdp garantisce una stabilità sconosciuta a molti fondi stranieri","post_date":"2024-03-19T12:55:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1710852934000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463386","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Svizzera ha una grande tradizione di eventi musicali e culturali che, negli anni, si sono imposti sul panorama della scena internazionale. E sono numerosi gli artisti che hanno contribuito a disegnare il volto delle città svizzere. Sul lungolago di Montreux, ad esempio, spicca la statua di Freddie Mercury che con i Queen registrò tra il 1978 e il 1995 ben 6 album nei Mountain Studios, all’interno del Casinò. Oppure David Bowie, che ha vissuto sul Lago di Ginevra per 20 anni e in seguito nel Château du Signal, un castello a Epalinges, sopra Losanna.\r\n\r\nCon l’evento The sound of Swiss cities che si è svolto a Milano, Svizzera turismo ha presentato il ricco calendario di eventi musicali e culturali che animeranno le principali città svizzere nei prossimi mesi. \r\n\r\nChe sia classica, pop, rock o blues la musica riveste un ruolo importante nell'offerta turistica delle città svizzere sia per gli eventi di richiamo internazionale sia per l’architettura delle sale concerto di recente apertura o per il legame che questo territorio ha con alcuni artisti che qui hanno vissuto o tratto ispirazione. Come dichiarato da Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo «ciò che stupisce è l’abbondanza di proposte artistico-culturali in rapporto alla superficie territoriale e al numero di abitanti. Con 1081 musei - di cui il 15% dedicato ad arte, design e fotografia - la Svizzera vanta la più alta densità di musei al mondo. Collezioni pubbliche e private hanno permesso l’apertura dei musei su tutto il territorio e conservano ed espongono a rotazione 77,1 milioni di oggetti. Luoghi che nel tempo hanno aperto le porte anche ad eventi artistici legati alla musica e alla danza. E oggi vogliamo sottolineare dunque la ricchezza dell’offerta musicale delle nostre città per questo anno appena iniziato». \r\n\r\nBasilea, capitale dell’arte e dell’architettura, si prepara ad un'annata ricca di sonorità con un calendario di eventi musicali imperdibili per la stagione 2024. Dagli appassionati di musica classica agli amanti del jazz e del rock, fino ad arrivare alla techno: l’agenda dei prossimi mesi per la città di Basilea è davvero ricca di concerti, festival e manifestazioni musicali. Dagli aperitivi musicali nei bar alle rassegne di musica da camera nei musei, la città offre un'esperienza sonora unica e indimenticabile. Solo per citarne alcuni, tra giungo e luglio Basilea si animerà con il Festival Musik Basel, un'esplosione di musica contemporanea con artisti di fama internazionale. A settembre invece sarà la volta della Biennale di musica antica: un viaggio nel tempo attraverso le epoche musicali più affascinanti. Oppure per gli amanti del Jazz un appuntamento da segnare in agenda è Off Beat Basel a maggio, dedicato al jazz emergente con un'atmosfera intima e accogliente. Senza dimenticare il Basel Tattoo, il ritrovo delle bande musicali militari più spettacolari del mondo.\r\nIl 2024 segna anche l’anniversario dei 200 anni dello Stadtcasino Basel fondato nel 1824 come associazione senza scopo di lucro con lo scopo di promuovere la cultura e diventato negli anni il centro per la musica classica.  Ad aprile inoltre verrà inaugurato il nuovo Baselland Kunsthaus, il principale spazio espositivo per l'arte contemporanea nella regione di Basilea.\r\n\r\nUna città da vivere e da scoprire, Berna è il luogo dove musica e cultura si intrecciano creando un'atmosfera unica e indimenticabile. Gli eventi e i festival che si susseguono durante l'anno animano la città con musica, teatro, cinema e gastronomia. Il Casinò di Berna è il palco principale dell’Orchestra Sinfonica della città e ospita non solo concerti di musica classica ma anche spettacoli di cabaret.\r\nAnche il Zentrum Paul Klee realizzato da Renzo Piano, ospita nei suoi spazi concerti, eventi gastronomici, e altre manifestazioni. Oltre ovviamente ad esporre le opere dell'omonimo artista, e mostre d’arte di artisti contemporanei di fama internazionale. Danza, opera e balletto hanno invece come location il teatro comunale di Berna. Altra location degna di nota è la Dampfzentrale, una vecchia centrale elettrica situata lungo il fiume e oggi riconvertita a luogo culturale per spettacoli di danza e musica. Tra gli appuntamenti da non perdere, la 49° edizione del festival internazionale di jazz da marzo a maggio, il Buskers Bern festival con artisti di strada provenienti da tutti il mondo, e l’Offbeat Bern, un festival che celebra la diversità del jazz con artisti emergenti e leggende viventi.\r\n\r\nUn'altra meta interessante non solo per i grandi eventi, è Losanna, la cui scena musicale è in costante fermento grazie ai numerosi club dal vivo, concerti gratuiti nei bar, jam session e manifestazioni dedicate alla musica in ogni sua forma. Dagli storici palazzi ai moderni locali, la città offre un'esperienza sonora unica e variegata.\r\nTappe obbligate prima o dopo un concerto la pasticceria Sweet Sage, o un pranzo alla Buvette Vaudoise, il punto di ristoro del Grand Conseil Vaudois, una volta riservato ai deputati e oggi aperto anche al pubblico.\r\nLa scena musicale contemporanea trova spazio al Jumeaux jazz club, inaugurato lo scorso gennaio e diventato già un centro di creazione musicale di altissimo livello.\r\nAnche il Museo Olimpico, che ospita adesso una mostra dedicata ai giochi olimpici di Parigi, è un’altra tappa per eventi culturali e musicali.\r\nLosanna ospita inoltre il Capitole, il più grande cinema della Svizzera presso un affascinante palazzo art déco con all’interno anche la Cineteca svizzera, dove si organizzano non solo proiezioni di film ma anche appuntamenti culturali e cine-concerti.\r\n\r\nCon una scena culturale davvero molto dinamica, all’altezza delle più grandi capitale europee, Ginevra è una città a misura d’uomo, divisa tra lago e montagne. Facilmente raggiungibile da Milano in sole 4 ore di treno, conta oltre 130 gli alberghi e numerosi parchi pubblici. La città offre numerosi spazi dedicati all’arte, ai concerti e agli eventi ogni genere. Tra questi, il Grand Theatre de Genève, un palcoscenico di fama mondiale che rappresenta la più grande scena artistica della Svizzera ed è sede delle compagnie di opera e balletto della città. Ospita inoltre sperimentazioni e festival legati ai nuovi generi musicali e culturali con l'obiettivo di avvicinare le nuove generazioni e nuovi target di pubblico a questa istituzione.\r\n\r\n«La Svizzera è la patria degli eventi open-air. Nelle piazze cittadine o su piattaforme galleggianti sui laghi e sui fiumi si svolgono concerti e spettacoli teatrali durante tutta l’estate. Fra le sale concerto di recente costruzione meritano una menzione il Centro Cultura e Congressi (KKL) a Lucerna, disegnato da Jean Nouvel, e lo Stadtcasino di Basilea ampliato e rinnovato dal duo Herzog & de Meuron in cima alle classifiche per l’acustica. Di tendenza, inoltre, sono gli eventi all’interno degli spazi museali. Il parco della Fondazione Beyeler a Basilea, il Centro Paul Klee a Berna o il vecchio maneggio di Aarau diventano “venue” per concerti e dj set» - ha dichiarato Francesca Rovati, Media Manager Northern Italy, al termine della conferenza stampa.","post_title":"Il suono delle città svizzere, tra musica, arte ed eventi","post_date":"2024-03-14T09:15:10+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["svizzera","svizzera-turismo"],"post_tag_name":["Svizzera","Svizzera Turismo"]},"sort":[1710407710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]}]}}

Lascia un commento