5 February 2023

1672

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Cercasi impiegato/a madre lingua giapponese per inserimento tour operator, settore incoming, con conoscenza del pacchetto office, esperienza nel turismo; persona motivata e precisa
Inviare curriculum ad : amministrazione@italygoing.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438577 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France). Il servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy). La Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero. Anche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa. [post_title] => Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada [post_date] => 2023-02-03T09:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415297000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438428 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. Il sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01. Possiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari. Rispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente. Nei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.   [post_title] => Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari [post_date] => 2023-02-01T11:19:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675250374000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437971 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'anno migliore di sempre. Il rimbalzo post-pandemia ha fatto particolarmente bene ad ao Hostels, che nel 2022 ha frantumato tutti i propri record storici, registrando 5,55 milioni di pernottamenti totali e un volume d'affari pari a 172 milioni di euro, il migliore di sempre, nonché di 100 milioni superiore ai livelli del 2021. “Abbiamo salutato un 2022 particolarmente dinamico - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. C’è stata un’importante crescita a livello di assunzioni, ampi investimenti nella digitalizzazione e sostenibilità, ma anche tanti premi e riconoscimenti che ci hanno dato energia e motivazione per guardare con ottimismo verso l’anno nuovo.” Nel corso dell'anno appena terminato ao Hostels ha in particolare assunto circa 600 nuovi profili, mentre per il prossimo triennio l'intenzione è quella di investire circa 20 milioni di euro in misure volte alla sostenibilità. Solo ad agosto scorso sono stati peraltro impiegati 4 milioni per la riqualificazione energetica dell’ostello a&o Munich Hackerbrücke. Un altro punto da evidenziare per il 2022 è stata l’acquisizione dell’ostello di Berlino Hauptbahnhof, preso in affitto diversi anni fa. Ma i piani di espansione dell’azienda non si fermano: in programma prossimamente ci sono infatti le aperture del primo ostello a Barcellona e del terzo in Italia, per la precisione a Firenze, nella prima parte del 2024. “Stiamo valutando e studiando la possibilità di aprire i nostri ostelli anche a Roma e Milano, oltre che ad Atene, Lisbona, Glasgow e Stoccolma", aggiunge sempre Winter.   [post_title] => Ao Hostels chiude un 2022 da record. Oltre a Firenze (2024) ora si punta anche su Milano e Roma [post_date] => 2023-01-26T09:52:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674726732000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437597 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Secondo i dati diffusi da Eurostat sul numero di notti passate nel 2022 nelle strutture turistiche in Europa, siamo ancora molto lontani dal 2019, l’anno prima della pandemia. Il valore percentuale, sempre in Europa, di notti prenotate è inferiore del 5,6%. E in Italia siamo sotto quota 11%, praticamente un calo doppio rispetto alla media del Vecchio Continente. In Spagna, invece, il calo sul numero di notti tra 2019 e 2022 è stato inferiore al 5%, quindi sotto la media europea. La Francia ha fatto ancora meglio visto che il dato 2022 è stato solo marginalmente inferiore a quello dell’anno pre Covid. Chi sale e chi scende Ci sono casi come Danimarca e Olanda in cui il numero di notti spese lo scorso anno è perfino aumentato rispetto al livello del 2019, rispettivamente del 12% e del 4% circa. All’opposto, in paesi come Ungheria Slovacchia e Lettonia (che sfiora un -30% di notti nel 2022 rispetto al 2019) si resta su valori molto inferiori a quelli precedenti a lockdown e restrizioni. Eurostat ricorda che nel 2020 le notti spese in strutture turistiche nell’Ue erano collassate a 1,42 miliardi (meno della metà del 2019) e che nel 2021 erano parzialmente risalite, a 1,83 miliardi. [post_title] => Eurostat: Italia turistica ancora indietro. In calo dell'11% rispetto al 2019 [post_date] => 2023-01-19T11:01:53+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674126113000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436884 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti. Secondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione "era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni. Ripresa del turismo La Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni. L'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia. [post_title] => La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione [post_date] => 2023-01-09T10:41:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673260910000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436415 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A gennaio 2023 partirà la seconda edizione dei Blue Marina Awards, il marchio di riconoscimento attribuito alle eccellenze della Nautica rivolto a tutte le marina resort, porti turistici ed approdi che desiderano distinguersi come centri di eccellenza nel mercato in linea con le attuali politiche europee di sostenibilità, innovazione, accoglienza turistica, safety and security. Tutti i marina resort, porti turistici e approdi potranno gratuitamente partecipare entro il 30 giugno 2023. La cerimonia di premiazione si terrà quindi in autunno in occasione di un salone nautico internazionale. I Blue Marina Awards sono promossi da Assonautica Italiana e ASSONAT (Associazione Nazionale Approdi e Porti Turistici) è partner Istituzionale dell’iniziativa. RINA, ente di certificazione internazionale, è l’ente tecnico “super partes” scelto per lo sviluppo del questionario informativo che ogni partecipante dovrà compilare. A patrocinare l’’iniziativa, tra gli altri, la Commissione Europea e l’Enit. «L’Italia ha un bacino di 285 porti turistici e 2.090 accosti, per un totale di oltre 162 mila posti barca - spiega Giovanni Acampora, Presidente Assonautica Italiana - un tesoro che rende il Paese la meta perfetta per il turismo nautico. L’idea è quella di supportare e sensibilizzare i porti turistici e gli approdi ad alzare l’asticella in temi oggi di fondamentale importanza, come l’innovazione, la sostenibilità, l’accoglienza turistica e la sicurezza. Si tratta di un settore che ha enormi potenzialità in Italia come nessun altro. Ricordiamo che un dipendente nell'industria nautica crea 9.2 dipendenti occupati nell'indotto (diretto e indiretto). Inoltre 1 euro investito genera 7.5 euro (indotto diretto e indiretto). Destagionalizzare la nautica, far in modo che i nostri porti turistici siano perfettamente integrati nel tessuto socio-economico dei nostri territori. In questo modo possiamo far sì che il settore della nautica diventi una risorsa aperta a tutti. Avvicinare alla nautica e all’ecosistema di un porto turistico o approdo significa parlare ai 306 milioni di arrivi di turisti in entrata nell’area mediterranea e non più fermarsi solo alle migliaia di diportisti amanti della navigazione. Non è un caso che il Ministero del Turismo abbia inserito il turismo nautico come segmento del turismo esperienziale».         [post_title] => Blue Marina Awards, seconda edizione per il riconoscimento alle eccellenze della nautica [post_date] => 2022-12-22T11:11:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671707494000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435397 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. La mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre. La curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004. La mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia. All’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Tra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604. Oggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”. La Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023. [post_title] => Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte [post_date] => 2022-12-05T10:30:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236232000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434760 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sky express vola alto: il vettore greco, secondo i dati Eurocontrol, è la compagnia europea con il più alto incremento di operazioni di volo nel 2022. Sky express ha registrato quest'anno un aumento del 162% del traffico rispetto al 2019, che la pone al primo posto tra tutte le compagnie aeree europee. Allo stesso tempo, secondo il "Friday network fact" pubblicato il 18/11/2022, Sky express, con 119 voli giornalieri, si colloca al 38° posto nella classifica dei vettori più trafficati in tutto il network europeo. Questo sviluppo conferma il forte potenziale di crescita del vettore, ora riconosciuto a livello internazionale dalle principali organizzazioni del settore dell'aviazione. "Una dinamica basata su una buona preparazione, sull'analisi delle tendenze del mercato, su continui investimenti in sicurezza, innovazione, risorse umane - sottolinea una nota del vettore -. È indicativo il fatto che, nonostante l'impressionante aumento delle operazioni di volo, Sky express non abbia cancellato un solo volo per tutto il periodo estivo, mentre grazie a Skyserv, la società di assistenza a terra del Gruppo Iogr a cui la compagnia appartiene, ha registrato il numero relativamente basso di problemi, in un periodo molto difficile per tutti gli aeroporti europei".   [post_title] => Sky express supera di netto i livelli di traffico del 2019 [post_date] => 2022-11-24T14:55:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669301725000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434302 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting. "Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale". Creata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione. [post_title] => Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe [post_date] => 2022-11-17T12:25:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668687918000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1672" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":58,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438577","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France).\r\nIl servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy).\r\nLa Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero.\r\n\r\nAnche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa.","post_title":"Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada","post_date":"2023-02-03T09:08:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675415297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438428","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. \r\n\r\nIl sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01.\r\n\r\nPossiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari.\r\n\r\nRispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente.\r\n\r\nNei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.\r\n\r\n ","post_title":"Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari","post_date":"2023-02-01T11:19:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675250374000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437971","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'anno migliore di sempre. Il rimbalzo post-pandemia ha fatto particolarmente bene ad ao Hostels, che nel 2022 ha frantumato tutti i propri record storici, registrando 5,55 milioni di pernottamenti totali e un volume d'affari pari a 172 milioni di euro, il migliore di sempre, nonché di 100 milioni superiore ai livelli del 2021.\r\n\r\n“Abbiamo salutato un 2022 particolarmente dinamico - commenta il ceo del gruppo, Oliver Winter -. C’è stata un’importante crescita a livello di assunzioni, ampi investimenti nella digitalizzazione e sostenibilità, ma\r\nanche tanti premi e riconoscimenti che ci hanno dato energia e motivazione per guardare con ottimismo verso l’anno nuovo.”\r\n\r\nNel corso dell'anno appena terminato ao Hostels ha in particolare assunto circa 600 nuovi profili, mentre per il prossimo triennio l'intenzione è quella di investire circa 20 milioni di euro in misure volte alla sostenibilità. Solo ad agosto scorso sono stati peraltro impiegati 4 milioni per la riqualificazione energetica dell’ostello a&o Munich Hackerbrücke. Un altro punto da evidenziare per il 2022 è stata l’acquisizione dell’ostello di Berlino Hauptbahnhof, preso in affitto diversi anni fa. Ma i piani di espansione dell’azienda non si fermano: in programma prossimamente ci sono infatti le aperture del primo ostello a Barcellona e del terzo in Italia, per la precisione a Firenze, nella prima parte del 2024. “Stiamo valutando e studiando la possibilità di aprire i nostri ostelli anche a Roma e Milano, oltre che ad Atene, Lisbona, Glasgow e Stoccolma\", aggiunge sempre Winter.\r\n\r\n ","post_title":"Ao Hostels chiude un 2022 da record. Oltre a Firenze (2024) ora si punta anche su Milano e Roma","post_date":"2023-01-26T09:52:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674726732000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437597","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Secondo i dati diffusi da Eurostat sul numero di notti passate nel 2022 nelle strutture turistiche in Europa, siamo ancora molto lontani dal 2019, l’anno prima della pandemia. Il valore percentuale, sempre in Europa, di notti prenotate è inferiore del 5,6%. E in Italia siamo sotto quota 11%, praticamente un calo doppio rispetto alla media del Vecchio Continente.\r\n\r\nIn Spagna, invece, il calo sul numero di notti tra 2019 e 2022 è stato inferiore al 5%, quindi sotto la media europea.\r\n\r\nLa Francia ha fatto ancora meglio visto che il dato 2022 è stato solo marginalmente inferiore a quello dell’anno pre Covid.\r\nChi sale e chi scende\r\nCi sono casi come Danimarca e Olanda in cui il numero di notti spese lo scorso anno è perfino aumentato rispetto al livello del 2019, rispettivamente del 12% e del 4% circa.\r\n\r\nAll’opposto, in paesi come Ungheria Slovacchia e Lettonia (che sfiora un -30% di notti nel 2022 rispetto al 2019) si resta su valori molto inferiori a quelli precedenti a lockdown e restrizioni.\r\n\r\nEurostat ricorda che nel 2020 le notti spese in strutture turistiche nell’Ue erano collassate a 1,42 miliardi (meno della metà del 2019) e che nel 2021 erano parzialmente risalite, a 1,83 miliardi.","post_title":"Eurostat: Italia turistica ancora indietro. In calo dell'11% rispetto al 2019","post_date":"2023-01-19T11:01:53+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1674126113000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436884","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti.\r\n\r\nSecondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione \"era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti\". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni.\r\nRipresa del turismo\r\nLa Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni.\r\n\r\nL'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia.","post_title":"La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione","post_date":"2023-01-09T10:41:50+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673260910000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436415","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A gennaio 2023 partirà la seconda edizione dei Blue Marina Awards, il marchio di riconoscimento attribuito alle eccellenze della Nautica rivolto a tutte le marina resort, porti turistici ed approdi che desiderano distinguersi come centri di eccellenza nel mercato in linea con le attuali politiche europee di sostenibilità, innovazione, accoglienza turistica, safety and security.\r\n\r\nTutti i marina resort, porti turistici e approdi potranno gratuitamente partecipare entro il 30 giugno 2023. La cerimonia di premiazione si terrà quindi in autunno in occasione di un salone nautico internazionale.\r\n\r\nI Blue Marina Awards sono promossi da Assonautica Italiana e ASSONAT (Associazione Nazionale Approdi e Porti Turistici) è partner Istituzionale dell’iniziativa. RINA, ente di certificazione internazionale, è l’ente tecnico “super partes” scelto per lo sviluppo del questionario informativo che ogni partecipante dovrà compilare. A patrocinare l’’iniziativa, tra gli altri, la Commissione Europea e l’Enit.\r\n\r\n«L’Italia ha un bacino di 285 porti turistici e 2.090 accosti, per un totale di oltre 162 mila posti barca - spiega Giovanni Acampora, Presidente Assonautica Italiana - un tesoro che rende il Paese la meta perfetta per il turismo nautico. L’idea è quella di supportare e sensibilizzare i porti turistici e gli approdi ad alzare l’asticella in temi oggi di fondamentale importanza, come l’innovazione, la sostenibilità, l’accoglienza turistica e la sicurezza. Si tratta di un settore che ha enormi potenzialità in Italia come nessun altro. Ricordiamo che un dipendente nell'industria nautica crea 9.2 dipendenti occupati nell'indotto (diretto e indiretto). Inoltre 1 euro investito genera 7.5 euro (indotto diretto e indiretto). Destagionalizzare la nautica, far in modo che i nostri porti turistici siano perfettamente integrati nel tessuto socio-economico dei nostri territori. In questo modo possiamo far sì che il settore della nautica diventi una risorsa aperta a tutti. Avvicinare alla nautica e all’ecosistema di un porto turistico o approdo significa parlare ai 306 milioni di arrivi di turisti in entrata nell’area mediterranea e non più fermarsi solo alle migliaia di diportisti amanti della navigazione. Non è un caso che il Ministero del Turismo abbia inserito il turismo nautico come segmento del turismo esperienziale».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Blue Marina Awards, seconda edizione per il riconoscimento alle eccellenze della nautica","post_date":"2022-12-22T11:11:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1671707494000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435397","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città.\r\n\r\nLa mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre.\r\n\r\nLa curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004.\r\n\r\nLa mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia.\r\n\r\nAll’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nTra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604.\r\n\r\nOggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”.\r\n\r\nLa Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023.","post_title":"Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte","post_date":"2022-12-05T10:30:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670236232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434760","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sky express vola alto: il vettore greco, secondo i dati Eurocontrol, è la compagnia europea con il più alto incremento di operazioni di volo nel 2022. Sky express ha registrato quest'anno un aumento del 162% del traffico rispetto al 2019, che la pone al primo posto tra tutte le compagnie aeree europee.\r\nAllo stesso tempo, secondo il \"Friday network fact\" pubblicato il 18/11/2022, Sky express, con 119 voli giornalieri, si colloca al 38° posto nella classifica dei vettori più trafficati in tutto il network europeo.\r\n\r\nQuesto sviluppo conferma il forte potenziale di crescita del vettore, ora riconosciuto a livello internazionale dalle principali organizzazioni del settore dell'aviazione. \"Una dinamica basata su una buona preparazione, sull'analisi delle tendenze del mercato, su continui investimenti in sicurezza, innovazione, risorse umane - sottolinea una nota del vettore -. È indicativo il fatto che, nonostante l'impressionante aumento delle operazioni di volo, Sky express non abbia cancellato un solo volo per tutto il periodo estivo, mentre grazie a Skyserv, la società di assistenza a terra del Gruppo Iogr a cui la compagnia appartiene, ha registrato il numero relativamente basso di problemi, in un periodo molto difficile per tutti gli aeroporti europei\".\r\n\r\n ","post_title":"Sky express supera di netto i livelli di traffico del 2019","post_date":"2022-11-24T14:55:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669301725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434302","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting.\r\n\r\n\"Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale\".\r\n\r\nCreata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione.","post_title":"Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe","post_date":"2022-11-17T12:25:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1668687918000]}]}}

Lascia un commento