5 February 2023

1671

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

TOUR OPERATOR MARE ITALIA CON SEDE A ROMA CERCA:
ADDETTI PRENOTAZIONI INDIVIDUALI – GRUPPI CON ESPERIENZA MINIMA, STAGISTI SETTORE BOOKING
INVIARE CURRICULUM A: commerciale@emisferovacanze.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438577 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France). Il servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy). La Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero. Anche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa. [post_title] => Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada [post_date] => 2023-02-03T09:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415297000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438428 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. Il sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01. Possiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari. Rispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente. Nei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.   [post_title] => Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari [post_date] => 2023-02-01T11:19:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675250374000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437881 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con la riapertura dei confini internazionali e la ripresa del mercato dei viaggi, migliorano sensibilmente i conti dei Grandi Viaggi, che chiude il bilancio al 31 ottobre 2022 con margini operativi lordi (ebitda) pari a 3,07 milioni di euro, contro i 2,61 milioni dell'esercizio precedente, ma soprattutto con utili ante imposte e interessi (ebit) a quota 0,31 milioni, in netta crescita rispetto al rosso da 1,41 milioni del 2021. Il risultato netto rimane in territorio negativo per 0,14 milioni, ma anche in questo caso il miglioramento è sensibile, se si confronta il dato con il -1,41 milioni dell'anno precedente. Risultati, questi ultimi, resi possibili da un sensibile incremento dei ricavi, passati da 28,9 milioni a 49 milioni (+69,9%).  La ripartizione del fatturato della capogruppo indica in particolare vendite delle destinazioni relative ai villaggi di proprietà, nazionali ed esteri, per l’80,84%, pari a 32,63 milioni di euro, con un incremento rispetto al precedente esercizio del 148%. Il settore tour operator ha invece registrato vendite per 7,58 milioni di euro, con un incremento di 7,26 milioni, rispetto al 2021 (320 mila euro). I villaggi commercializzati hanno infine registrato vendite per 160 mila euro, con un incremento pari a circa 94 mila (+242%). La posizione finanziaria netta consolidata è inoltre positiva per 8,03 milioni di euro, in diminuzione di 10,49 milioni rispetto a quella del precedente esercizio, che risultava positiva per 18,53 milioni, dopo aver rimborsato le quote in scadenza nell’anno dei mutui per 1,95 milioni e aver effettuato investimenti in immobilizzazioni per 1,27 milioni. Inoltre, la diminuzione è correlata alla sottoscrizione di una polizza assicurativa di diritto lussemburghese, denominata Sogelife, sottoscritta dalla capogruppo per una miglior gestione della liquidità, per un ammontare pari a  12 milioni nominali. I dati gestionali, si legge in una nota, evidenziano una fase di ripresa del settore turistico, con un incremento delle vendite sia per quanto riguarda le destinazioni italiane invernali, sia per le vendite inerenti alla maggior parte delle destinazioni estere in area extra Schengen. In considerazione del perdurare delle criticità socioeconomiche e geopolitiche, che condizionano il potere d’acquisto delle famiglie, il gruppo conta di mantenere un sostanziale equilibrio finanziario. [post_title] => Nel 2022 migliorano i conti dei Grandi Viaggi che sfiora il ritorno all'utile [post_date] => 2023-01-25T09:56:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674640583000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines archivia il 2022 con un utile di 1,3 miliardi di dollari, a conferma della ripresa del settore aereo dalla pandemia, nonostante i prezzi elevati del carburante e un complesso contesto operativo. Dopo aver registrato un utile record nel terzo trimestre del 2022, la compagnia ha centrato un quarto trimestre redditizio nonostante le difficoltà delle operazioni invernali. La compagnia aerea ha infatti annunciato un utile ante imposte di 1,2 miliardi di dollari e un margine operativo dell'11,6% per gli ultimi tre mesi dell'anno. I ricavi operativi dell'ultimo trimestre dell'anno hanno addirittura superato il 2019, essendo superiori dell'8% rispetto ai livelli pre-Covid. Nonostante la forte ripresa il risultato netto dell'anno - 1,31 miliardi di dollari - è ancora lontano dall'utile da 4,8 miliardi del 2019. Anche i costi operativi sono aumentati, soprattutto a causa dei prezzi elevati del carburante, che sono cresciuti del 34% tra il 2019 e il 2022, e quest'anno le spese operative sono state superiori di quasi 7 miliardi di dollari. Questi risultati positivi dimostrano la ripresa del settore dalla pandemia. La compagnia aerea spera di continuare ad aumentare gli utili e i ricavi operativi, prevedendo che i ricavi del primo trimestre 2023 "accelereranno ulteriormente rispetto al 2019". "Avvicinandoci al 2023, in un contesto dei viaggi aerei favorevole a livello globale, Delta risulta ben posizionata per offrire guadagni significativi e una crescita del cash flow - ha affermato il ceo Ed Bastian -. Prevediamo un aumento compreso tra il 15 al 20% delle entrate 2023 e di migliorare i costi unitari anno su anno, supportando una prospettiva di utili per l'intero anno da 5 a 6 dollari per azione e tenendoci sulla buona strada per raggiungere più di 7 dollari di utili per azione nel 2024". [post_title] => Delta Air Lines: quarto trimestre oltre le attese. L'outlook resta positivo [post_date] => 2023-01-16T09:55:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673862938000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436884 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti. Secondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione "era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni. Ripresa del turismo La Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni. L'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia. [post_title] => La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione [post_date] => 2023-01-09T10:41:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673260910000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436641 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ras Al Khaimah ha festeggiato l'arrivo del 2023 con uno spettacolare show piro-musicale che è valso all'Emirato la conquista di due nuovi Guinness World Records, che si sommano ai diversi riconoscimenti già ottenuti in passato. Celebre per i suoi fuochi d’artificio, il paese si è assicurato il titolo per il "maggior numero di multirotori/droni telecomandati che lanciano fuochi d'artificio simultaneamente" con il record di 671 droni operanti e ha stabilito il nuovo record mondiale per la “più grande frase aerea formata da multirotori/dron creata con 673 droni".   Lo spettacolo ha coinvolto 600 droni, nano luci e colori per una incredibile coreografia a ritmo di musica. Coprendo un tratto di oltre 4,7 km, lo show ha raggiunto un'altezza di 1.100m battendo inoltre il precedente record che vide l’utilizzo di 458 droni. Culminando con il più alto messaggio di "Happy New Year 2023" per segnalare un nuovo inizio, i droni hanno poi assunto una nuova posizione creando l'iconico logo "RAKashida" dell'Emirato, per ricollegarsi alla destinazione. Ispirandosi al concetto di "kashida" nell’alfabeto arabo - una linea che collega le lettere per formare una parola - il logo rappresenta i tre elementi naturali riconoscibili dell'Emirato: il mare con il suo perpetuo alzarsi e abbassarsi, il deserto con le sue dune ondulate e le montagne con le loro altezze vertiginose.   "Ras Al Khaimah ha dimostrato ancora una volta la sua posizione di destinazione turistica leader che accoglie visitatori da tutto il mondo - ha commentato Raki Phillips, ceo della Ras Al Khaimah Tourism Development Authority -. Non solo abbiamo stabilito due nuovi record per le nostre celebrazioni di #RAKNYE2023, ma soprattutto abbiamo offerto a migliaia di visitatori e residenti uno spettacolo di Capodanno indimenticabile. Questo è un ottimo inizio per quello che sarà un anno emozionante e pieno di impegni che ci vedrà in prima linea per continuare a rafforzare la reputazione di Ras Al Khaimah quale destinazione imperdibile per il 2023". [post_title] => Ras Al Khaimah: lo spettacolo pirotecnico di fine 2022 ottiene altri due Guinness World Records [post_date] => 2023-01-03T09:51:17+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672739477000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434504 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un week end nel cuore delle Marche, nel comune di Genga e dintorni, fra bellezze naturali, storiche e prelibatezze enogastronomiche. Il fam trip organizzato dal Consorzio Frasassi, in collaborazione con il Gruppo Travel Quotidiano, ha portato 20 agenti di viaggio di tutta Italia a scoprire il territorio. Gli agenti hanno avuto l'opportunità di fare la visita alle Grotte di Frasassi, un viaggio nelle viscere della terra. Le grotte dove l’uomo poggiò piede per la prima volta il 29 settembre 1971, si estendono per oltre 30 km, dato che ne fa il terzo complesso per lunghezza in Europa. Al pubblico è aperta solo una piccola parte, circa 1.5 km di percorso turistico che quest'anno ha fatto registrare la cifra record di circa 260.000 visitatori. Dalla natura, il fam trip ha "toccato" la storia di Genga che riporta all'omonima famiglia, di cui faceva parte Papa Leone XII. Un piccolo borgo medioevale sede anche del Comune, con il suo Museo istituito attorno al 1980 che raccoglie opere, suppellettili e oggetti di culto di proprietà della Parrocchia di San Clemente e di altre chiese del comprensorio di Genga. Significativo lo sforzo dell’amministrazione comunale nell’allestire una sala all’interno del Museo attrezzata di materiale didattico di ultima generazione, tra cui la visita tridimensionale del territorio, Grotte incluse, dedicato alle scuole e non solo per una conoscenza approfondita del territorio. Un'altra tappa del tour ha coinvolto la frazione di San Vittore Teme dove gli agenti sono rimasti incantati e sorpresi dalla splendida Abbazia di San Vittore, uno dei migliori esempi di architettura romanica nelle Marche. Questo tuffo nella storia si conclude con un percorso di circa 700 metri a piedi nella natura per ammirare il tempio neoclassico del Valadier e l’Eremo di Santa Maria Infra Saxa, due strutture ricavate all’ingresso di una grotta nella stessa vallata delle Grotte di Frasassi. Un particolare ringraziamento va alla direttrice del Consorzio Frasassi Sara Buonacucina e al sindaco del Comune di Genga, Marco Filipponi, per la collaborazione che ha consentito l’ottima e professionale riuscita dell’evento. [gallery ids="434527,434529,434530"]   [post_title] => Consorzio Frasassi: fam trip nel cuore delle Marche, fra natura ed enogastronomia [post_date] => 2022-11-22T10:05:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669111546000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro. Nei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro. Anche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane "fortemente dipendente" dall'assenza di shock negativi. "La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi". O'Leary ha definito "esagerate" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia "poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi". Nei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.  [post_title] => Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale [post_date] => 2022-11-07T10:40:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667817642000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432288 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come cambiano i “turismi” e quali sono le sfide per le imprese ricettive per affrontare uno scenario che vede 4 aziende su 10 prevedere perdite in bilancio per il 2022, a causa principalmente del drammatico aumento dei costi di gestione. Nuova domanda turistica e nuove professionalità necessarie agli operatori sono stati i temi al centro del convegno Isnart – Unioncamere organizzato al TTG di Rimini con la partecipazione di Roberto Di Vincenzo, Presidente di Isnart, Marco Damiano, Area Formazione e Politiche attive del lavoro di Unioncamere e Annalisa Bonifacio, Head of Talent Acquisition & Sales di Randstad Hr Solutions. Secondo i dati dell’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, elaborati da Isnart-Unioncamere, nell’estate 2022, le imprese ricettive italiane hanno venduto in media il 51,5% delle camere disponibili nel mese di giugno, il 72,6% a luglio e il 78,8% ad agosto, andamento sostenuto anche rispetto al 2019. Il 64,2% dei turisti era italiano e il 35,8% internazionale (componente in decisa ripresa rispetto all’estate 2021). Il turismo è quindi in netta in ripresa ed è da rilevare che le decisioni di viaggio dei cittadini europei non sembrano tanto condizionate dalla guerra in Ucraina, quanto invece da inflazione e aumento dei costi. Dall’indagine emerge infatti un bilancio in chiaroscuro: vendite superiori agli anni passati (2019 compreso), ma crescita dei costi che mette in difficoltà 1 impresa su 2, e per l’Autunno 1 impresa su 3 prevede di aumentare i prezzi. Il Covid-19 è stato un formidabile acceleratore di tendenze già in atto prima della pandemia. Le indagini di Isnart mostrano cambiamenti motivazionali profondi, soprattutto per la ricerca di nuove conoscenze ed esperienze inedite, meglio se in un contesto naturale e con maggiore attenzione verso la sostenibilità ambientale e sociale. Tra le nuove tendenze della domanda: la riservatezza, ricerca di uno spazio riservato per sé stessi o da condividere con poche persone selezionate; il benessere, attenzione verso l’aspetto emotivo e affettivo della vacanza; la libertà, esperienze fuori dagli schemi della «normalità», osare verso nuove dimensioni del turismo; la dimensione “on life”, esperienze immersive e a fisicità aumentata. Le prime 10 motivazioni di visita dei turisti in Italia per la stagione estiva 2022 sono state: posto ideale per riposarsi (18,8%); il risparmio tramite ospitalità da parenti e amici (17%); la natura (16,8%); il desiderio di vedere un posto mai visto (16,1%); la ricchezza del patrimonio artistico/monumentale (15%); balneare: svago e relax (14,8%); il rapporto qualità-prezzo (14,1%); la facilità di raggiungimento (12,6%); la vicinanza della meta (11,8%); la conoscenza della struttura ricettiva (11,7%). La ripresa della domanda nell’Estate 2022 si è scontrata con uno shortage occupazionale: il 60,7 % delle strutture alberghiere e il 14,1% di quelle extra alberghiere hanno incontrato grandi difficoltà a reperire personale stagionale. Il turismo rappresentava un quarto di tutti i nuovi posti di lavoro prima di Covid-19. Nel periodo più acuto della pandemia, i lavoratori del travel si sono spostati in altri settori dell’economia (3 milioni di posti di lavoro in meno in Europa). Il calo dell'occupazione ha colpito soprattutto i giovani e le donne. Il mismatch (difficoltà di reperimento) tra domanda ed offerta di lavoro è ormai un fenomeno strutturale. Il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal stima per il 2022 circa 2 milioni di “assunzioni difficili”, di cui 400mila per figure professionali nel settore del turismo, principalmente a causa della mancanza di candidati (shortage gap) nel 25% dei casi (+9% sul 2019), mentre nel 10% dei casi emerge un disallineamento rispetto alle competenze richieste (skill gap). A questo si aggiunge, secondo Randstad, la necessità di sostenere la riconversione e l’aggiornamento delle competenze per far crescere la massa critica delle opportunità per risorse umane qualificate e per rispondere al fabbisogno delle aziende anche anticipando la domanda di nuovi profili. Tra le nuove figure professionali più richieste: energy manager, social media manager, data analyst, digital marketing manager ed esperti di digital management per prodotti e destinazioni turistiche. La sfida oggi è dunque soprattutto quella delle competenze. Come rileva l’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, oggi per il 51,9 % delle persone Internet rappresenta il principale strumento che influenza la scelta di soggiorno, sopravanzando la conoscenza dei luoghi già visitati (37%) e il passaparola (33%). Sulla rete si costruisce e si condivide il legame soggettivo ed emotivo con i luoghi, si progettano e co-progettano le esperienze, si confrontano offerte e soluzioni. Serve quindi una nuova formazione che tenga il passo con la crescita del settore, laddove oggi le risorse sono concentrate sugli investimenti in infrastrutture e i programmi di formazione sono obsoleti. La competizione tra imprese e tra destinazioni turistiche si giocherà sempre più sulle skill digitali e sulla capacità di applicare e gestire una data governance anche in termini predittivi.   [post_title] => Isnart, la crescita dei costi mette in difficoltà un'impresa su due [post_date] => 2022-10-14T15:11:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665760289000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1671" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":45,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438577","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France).\r\nIl servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy).\r\nLa Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero.\r\n\r\nAnche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa.","post_title":"Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada","post_date":"2023-02-03T09:08:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675415297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438428","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. \r\n\r\nIl sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01.\r\n\r\nPossiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari.\r\n\r\nRispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente.\r\n\r\nNei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.\r\n\r\n ","post_title":"Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari","post_date":"2023-02-01T11:19:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675250374000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437881","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con la riapertura dei confini internazionali e la ripresa del mercato dei viaggi, migliorano sensibilmente i conti dei Grandi Viaggi, che chiude il bilancio al 31 ottobre 2022 con margini operativi lordi (ebitda) pari a 3,07 milioni di euro, contro i 2,61 milioni dell'esercizio precedente, ma soprattutto con utili ante imposte e interessi (ebit) a quota 0,31 milioni, in netta crescita rispetto al rosso da 1,41 milioni del 2021. Il risultato netto rimane in territorio negativo per 0,14 milioni, ma anche in questo caso il miglioramento è sensibile, se si confronta il dato con il -1,41 milioni dell'anno precedente. Risultati, questi ultimi, resi possibili da un sensibile incremento dei ricavi, passati da 28,9 milioni a 49 milioni (+69,9%). \r\n\r\nLa ripartizione del fatturato della capogruppo indica in particolare vendite delle destinazioni relative ai villaggi di proprietà, nazionali ed esteri, per l’80,84%, pari a 32,63 milioni di euro, con un incremento rispetto al precedente esercizio del 148%. Il settore tour operator ha invece registrato vendite per 7,58 milioni di euro, con un incremento di 7,26 milioni, rispetto al 2021 (320 mila euro). I villaggi commercializzati hanno infine registrato vendite per 160 mila euro, con un incremento pari a circa 94 mila (+242%).\r\n\r\nLa posizione finanziaria netta consolidata è inoltre positiva per 8,03 milioni di euro, in diminuzione di 10,49 milioni rispetto a quella del precedente esercizio, che risultava positiva per 18,53 milioni, dopo aver rimborsato le quote in scadenza nell’anno dei mutui per 1,95 milioni e aver effettuato investimenti in immobilizzazioni per 1,27 milioni. Inoltre, la diminuzione è correlata alla sottoscrizione di una polizza assicurativa di diritto lussemburghese, denominata Sogelife, sottoscritta dalla capogruppo per una miglior gestione della liquidità, per un ammontare pari a  12 milioni nominali.\r\n\r\nI dati gestionali, si legge in una nota, evidenziano una fase di ripresa del settore turistico, con un incremento delle vendite sia per quanto riguarda le destinazioni italiane invernali, sia per le vendite inerenti alla maggior parte delle destinazioni estere in area extra Schengen. In considerazione del perdurare delle criticità socioeconomiche e geopolitiche, che\r\ncondizionano il potere d’acquisto delle famiglie, il gruppo conta di mantenere un sostanziale equilibrio finanziario.","post_title":"Nel 2022 migliorano i conti dei Grandi Viaggi che sfiora il ritorno all'utile","post_date":"2023-01-25T09:56:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674640583000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines archivia il 2022 con un utile di 1,3 miliardi di dollari, a conferma della ripresa del settore aereo dalla pandemia, nonostante i prezzi elevati del carburante e un complesso contesto operativo.\r\n\r\nDopo aver registrato un utile record nel terzo trimestre del 2022, la compagnia ha centrato un quarto trimestre redditizio nonostante le difficoltà delle operazioni invernali. La compagnia aerea ha infatti annunciato un utile ante imposte di 1,2 miliardi di dollari e un margine operativo dell'11,6% per gli ultimi tre mesi dell'anno. I ricavi operativi dell'ultimo trimestre dell'anno hanno addirittura superato il 2019, essendo superiori dell'8% rispetto ai livelli pre-Covid.\r\n\r\nNonostante la forte ripresa il risultato netto dell'anno - 1,31 miliardi di dollari - è ancora lontano dall'utile da 4,8 miliardi del 2019. Anche i costi operativi sono aumentati, soprattutto a causa dei prezzi elevati del carburante, che sono cresciuti del 34% tra il 2019 e il 2022, e quest'anno le spese operative sono state superiori di quasi 7 miliardi di dollari.\r\n\r\nQuesti risultati positivi dimostrano la ripresa del settore dalla pandemia. La compagnia aerea spera di continuare ad aumentare gli utili e i ricavi operativi, prevedendo che i ricavi del primo trimestre 2023 \"accelereranno ulteriormente rispetto al 2019\".\r\n\r\n\"Avvicinandoci al 2023, in un contesto dei viaggi aerei favorevole a livello globale, Delta risulta ben posizionata per offrire guadagni significativi e una crescita del cash flow - ha affermato il ceo Ed Bastian -. Prevediamo un aumento compreso tra il 15 al 20% delle entrate 2023 e di migliorare i costi unitari anno su anno, supportando una prospettiva di utili per l'intero anno da 5 a 6 dollari per azione e tenendoci sulla buona strada per raggiungere più di 7 dollari di utili per azione nel 2024\".","post_title":"Delta Air Lines: quarto trimestre oltre le attese. L'outlook resta positivo","post_date":"2023-01-16T09:55:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673862938000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436884","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti.\r\n\r\nSecondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione \"era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti\". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni.\r\nRipresa del turismo\r\nLa Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni.\r\n\r\nL'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia.","post_title":"La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione","post_date":"2023-01-09T10:41:50+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673260910000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436641","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ras Al Khaimah ha festeggiato l'arrivo del 2023 con uno spettacolare show piro-musicale che è valso all'Emirato la conquista di due nuovi Guinness World Records, che si sommano ai diversi riconoscimenti già ottenuti in passato. Celebre per i suoi fuochi d’artificio, il paese si è assicurato il titolo per il \"maggior numero di multirotori/droni telecomandati che lanciano fuochi d'artificio simultaneamente\" con il record di 671 droni operanti e ha stabilito il nuovo record mondiale per la “più grande frase aerea formata da multirotori/dron creata con 673 droni\".\r\n \r\nLo spettacolo ha coinvolto 600 droni, nano luci e colori per una incredibile coreografia a ritmo di musica. Coprendo un tratto di oltre 4,7 km, lo show ha raggiunto un'altezza di 1.100m battendo inoltre il precedente record che vide l’utilizzo di 458 droni. Culminando con il più alto messaggio di \"Happy New Year 2023\" per segnalare un nuovo inizio, i droni hanno poi assunto una nuova posizione creando l'iconico logo \"RAKashida\" dell'Emirato, per ricollegarsi alla destinazione. Ispirandosi al concetto di \"kashida\" nell’alfabeto arabo - una linea che collega le lettere per formare una parola - il logo rappresenta i tre elementi naturali riconoscibili dell'Emirato: il mare con il suo perpetuo alzarsi e abbassarsi, il deserto con le sue dune ondulate e le montagne con le loro altezze vertiginose.\r\n \r\n\"Ras Al Khaimah ha dimostrato ancora una volta la sua posizione di destinazione turistica leader che accoglie visitatori da tutto il mondo - ha commentato Raki Phillips, ceo della Ras Al Khaimah Tourism Development Authority -. Non solo abbiamo stabilito due nuovi record per le nostre celebrazioni di #RAKNYE2023, ma soprattutto abbiamo offerto a migliaia di visitatori e residenti uno spettacolo di Capodanno indimenticabile. Questo è un ottimo inizio per quello che sarà un anno emozionante e pieno di impegni che ci vedrà in prima linea per continuare a rafforzare la reputazione di Ras Al Khaimah quale destinazione imperdibile per il 2023\".","post_title":"Ras Al Khaimah: lo spettacolo pirotecnico di fine 2022 ottiene altri due Guinness World Records","post_date":"2023-01-03T09:51:17+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1672739477000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434504","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Un week end nel cuore delle Marche, nel comune di Genga e dintorni, fra bellezze naturali, storiche e prelibatezze enogastronomiche. Il fam trip organizzato dal Consorzio Frasassi, in collaborazione con il Gruppo Travel Quotidiano, ha portato 20 agenti di viaggio di tutta Italia a scoprire il territorio. Gli agenti hanno avuto l'opportunità di fare la visita alle Grotte di Frasassi, un viaggio nelle viscere della terra. Le grotte dove l’uomo poggiò piede per la prima volta il 29 settembre 1971, si estendono per oltre 30 km, dato che ne fa il terzo complesso per lunghezza in Europa. Al pubblico è aperta solo una piccola parte, circa 1.5 km di percorso turistico che quest'anno ha fatto registrare la cifra record di circa 260.000 visitatori.\r\nDalla natura, il fam trip ha \"toccato\" la storia di Genga che riporta all'omonima famiglia, di cui faceva parte Papa Leone XII. Un piccolo borgo medioevale sede anche del Comune, con il suo Museo istituito attorno al 1980 che raccoglie opere, suppellettili e oggetti di culto di proprietà della Parrocchia di San Clemente e di altre chiese del comprensorio di Genga. Significativo lo sforzo dell’amministrazione comunale nell’allestire una sala all’interno del Museo attrezzata di materiale didattico di ultima generazione, tra cui la visita tridimensionale del territorio, Grotte incluse, dedicato alle scuole e non solo per una conoscenza approfondita del territorio.\r\nUn'altra tappa del tour ha coinvolto la frazione di San Vittore Teme dove gli agenti sono rimasti incantati e sorpresi dalla splendida Abbazia di San Vittore, uno dei migliori esempi di architettura romanica nelle Marche. Questo tuffo nella storia si conclude con un percorso di circa 700 metri a piedi nella natura per ammirare il tempio neoclassico del Valadier e l’Eremo di Santa Maria Infra Saxa, due strutture ricavate all’ingresso di una grotta nella stessa vallata delle Grotte di Frasassi.\r\nUn particolare ringraziamento va alla direttrice del Consorzio Frasassi Sara Buonacucina e al sindaco del Comune di Genga, Marco Filipponi, per la collaborazione che ha consentito l’ottima e professionale riuscita dell’evento.\r\n[gallery ids=\"434527,434529,434530\"]\r\n ","post_title":"Consorzio Frasassi: fam trip nel cuore delle Marche, fra natura ed enogastronomia","post_date":"2022-11-22T10:05:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669111546000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro.\r\n\r\nNei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro.\r\n\r\nAnche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane \"fortemente dipendente\" dall'assenza di shock negativi.\r\n\r\n\"La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi\". O'Leary ha definito \"esagerate\" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia \"poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi\".\r\n\r\nNei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. ","post_title":"Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale","post_date":"2022-11-07T10:40:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1667817642000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432288","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come cambiano i “turismi” e quali sono le sfide per le imprese ricettive per affrontare uno scenario che vede 4 aziende su 10 prevedere perdite in bilancio per il 2022, a causa principalmente del drammatico aumento dei costi di gestione.\r\n\r\nNuova domanda turistica e nuove professionalità necessarie agli operatori sono stati i temi al centro del convegno Isnart – Unioncamere organizzato al TTG di Rimini con la partecipazione di Roberto Di Vincenzo, Presidente di Isnart, Marco Damiano, Area Formazione e Politiche attive del lavoro di Unioncamere e Annalisa Bonifacio, Head of Talent Acquisition & Sales di Randstad Hr Solutions.\r\n\r\nSecondo i dati dell’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, elaborati da Isnart-Unioncamere, nell’estate 2022, le imprese ricettive italiane hanno venduto in media il 51,5% delle camere disponibili nel mese di giugno, il 72,6% a luglio e il 78,8% ad agosto, andamento sostenuto anche rispetto al 2019. Il 64,2% dei turisti era italiano e il 35,8% internazionale (componente in decisa ripresa rispetto all’estate 2021).\r\n\r\nIl turismo è quindi in netta in ripresa ed è da rilevare che le decisioni di viaggio dei cittadini europei non sembrano tanto condizionate dalla guerra in Ucraina, quanto invece da inflazione e aumento dei costi. Dall’indagine emerge infatti un bilancio in chiaroscuro: vendite superiori agli anni passati (2019 compreso), ma crescita dei costi che mette in difficoltà 1 impresa su 2, e per l’Autunno 1 impresa su 3 prevede di aumentare i prezzi.\r\n\r\nIl Covid-19 è stato un formidabile acceleratore di tendenze già in atto prima della pandemia. Le indagini di Isnart mostrano cambiamenti motivazionali profondi, soprattutto per la ricerca di nuove conoscenze ed esperienze inedite, meglio se in un contesto naturale e con maggiore attenzione verso la sostenibilità ambientale e sociale.\r\n\r\nTra le nuove tendenze della domanda: la riservatezza, ricerca di uno spazio riservato per sé stessi o da condividere con poche persone selezionate; il benessere, attenzione verso l’aspetto emotivo e affettivo della vacanza; la libertà, esperienze fuori dagli schemi della «normalità», osare verso nuove dimensioni del turismo; la dimensione “on life”, esperienze immersive e a fisicità aumentata.\r\n\r\nLe prime 10 motivazioni di visita dei turisti in Italia per la stagione estiva 2022 sono state: posto ideale per riposarsi (18,8%); il risparmio tramite ospitalità da parenti e amici (17%); la natura (16,8%); il desiderio di vedere un posto mai visto (16,1%); la ricchezza del patrimonio artistico/monumentale (15%); balneare: svago e relax (14,8%); il rapporto qualità-prezzo (14,1%); la facilità di raggiungimento (12,6%); la vicinanza della meta (11,8%); la conoscenza della struttura ricettiva (11,7%).\r\n\r\nLa ripresa della domanda nell’Estate 2022 si è scontrata con uno shortage occupazionale: il 60,7 % delle strutture alberghiere e il 14,1% di quelle extra alberghiere hanno incontrato grandi difficoltà a reperire personale stagionale. Il turismo rappresentava un quarto di tutti i nuovi posti di lavoro prima di Covid-19. Nel periodo più acuto della pandemia, i lavoratori del travel si sono spostati in altri settori dell’economia (3 milioni di posti di lavoro in meno in Europa). Il calo dell'occupazione ha colpito soprattutto i giovani e le donne. Il mismatch (difficoltà di reperimento) tra domanda ed offerta di lavoro è ormai un fenomeno strutturale. Il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal stima per il 2022 circa 2 milioni di “assunzioni difficili”, di cui 400mila per figure professionali nel settore del turismo, principalmente a causa della mancanza di candidati (shortage gap) nel 25% dei casi (+9% sul 2019), mentre nel 10% dei casi emerge un disallineamento rispetto alle competenze richieste (skill gap).\r\n\r\nA questo si aggiunge, secondo Randstad, la necessità di sostenere la riconversione e l’aggiornamento delle competenze per far crescere la massa critica delle opportunità per risorse umane qualificate e per rispondere al fabbisogno delle aziende anche anticipando la domanda di nuovi profili.\r\n\r\nTra le nuove figure professionali più richieste: energy manager, social media manager, data analyst, digital marketing manager ed esperti di digital management per prodotti e destinazioni turistiche.\r\n\r\nLa sfida oggi è dunque soprattutto quella delle competenze. Come rileva l’Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di commercio, oggi per il 51,9 % delle persone Internet rappresenta il principale strumento che influenza la scelta di soggiorno, sopravanzando la conoscenza dei luoghi già visitati (37%) e il passaparola (33%). Sulla rete si costruisce e si condivide il legame soggettivo ed emotivo con i luoghi, si progettano e co-progettano le esperienze, si confrontano offerte e soluzioni. Serve quindi una nuova formazione che tenga il passo con la crescita del settore, laddove oggi le risorse sono concentrate sugli investimenti in infrastrutture e i programmi di formazione sono obsoleti.\r\n\r\nLa competizione tra imprese e tra destinazioni turistiche si giocherà sempre più sulle skill digitali e sulla capacità di applicare e gestire una data governance anche in termini predittivi.\r\n\r\n ","post_title":"Isnart, la crescita dei costi mette in difficoltà un'impresa su due","post_date":"2022-10-14T15:11:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665760289000]}]}}

Lascia un commento