21 April 2024

1659

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico di agenzia di viaggi iscritto albo Regione Lazio,esperienza ventennale in multinazio-nali, t.o. e agenzie di viaggio, vendita pacchetti viaggi, prenotazione alberghiere, tailor made, conoscenza gds: Worldspan e Galileo, ottime capacità organizzative e di comunicazione, maturata e-sperienza di coordinatore e gestione lavoro in team, specializzazione in coaching e master in comunicazione manageriale, ottima predisposizione pubbliche relazioni, offresi per copertura titolo o consulenza o collaborazione.
Ornella Pugliese 3930157720, ornellapugliese@yahoo.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464739 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Wizz Air ha da poco inaugurato sei nuove rotte dall'Italia: il 31 marzo sono partiti i primi voli da Roma verso Amburgo e Berlino, così come da Milano a Parigi. Il giorno successivo, è stata la volta dei collegamenti da Roma ad Alicante e Danzica; ieri, 2 aprile, è decollato invece il primo volo da Milano a Tenerife. Questi ultimi saranno operati tre volte a settimana, mentre il collegamento Milano-Parigi sarà servito cinque volte a settimana, fino ad offrire una frequenza giornaliera a partire da giugno. Le rotte da Roma per Alicante e Danzica saranno servite da tre voli settimanali, che aumenteranno a quattro voli settimanali rispettivamente a partire da agosto e settembre. Il collegamento Roma - Amburgo sarà disponibile con quattro voli di andata e ritorno a settimana, mentre Roma - Berlino avrà una frequenza giornaliera. In aggiunta alle nuove rotte, la low cost si prepara a inaugurare i voli da Roma a Copenaghen a partire da settembre. In totale, durante questa stagione estiva saranno attive oltre 200 rotte dall'Italia verso 40 Paesi in Europa e non solo, grazie agli oltre 13 milioni di posti disponibili per i viaggiatori.  Wizz Air opererà infine voli speciali per i passeggeri italiani in occasione delle partite del Campionato Europeo di Calcio in Germania, mettendo a disposizione anche un servizio esclusivo di navette per i tifosi. I voli per le partite partiranno da Milano e Roma il 15, 20 e 24 giugno: le tariffe in questo caso prevedono un prezzo fisso di 159 euro. [post_title] => Wizz Air: con la stagione estiva decollano sei nuove rotte dall'Italia [post_date] => 2024-04-03T08:45:29+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712133929000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463062 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'estate italiana di Wizz Air conta nel 2024 oltre 200 rotte dall'Italia verso 40 Paesi, incluse sette nuove rotte da Roma verso Alicante, Copenaghen, Amburgo, Berlino e Danzica e da Milano verso Parigi e Tenerife. In vendita ci sono più di 13 milioni di posti. Oltre ai nuovi collegamenti, Wizz Air ha ripreso a volare da Milano, Roma e Venezia verso Chisinau, garantendo un servizio giornaliero per tutta l’estate. L'operativo estivo conta quindi oltre 90 destinazioni. Inoltre, la low cost effettuerà anche voli speciali per i passeggeri italiani in occasione delle partite del Campionato europeo di calcio in Germania, mettendo a disposizione anche un servizio esclusivo di navette per i tifosi. I voli per le partite partiranno da Milano e Roma il 15, 20 e 24 giugno. Per coloro che desiderano sostenere la squadra in loco, i biglietti sono disponibili ad un prezzo fisso di 159 euro. Nella scorsa stagione estiva oltre 10 milioni di passeggeri hanno scelto Wizz Air per i loro viaggi da e verso l'Italia e la maggior ha scelto destinazioni come la Sicilia, la Spagna e il Regno Unito.   [post_title] => Wizz Air plana sull'estate italiana con più di 200 rotte. Sette novità da Roma e Milano [post_date] => 2024-03-08T09:00:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709888437000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462863 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => AirBaltic archivia il 2023 con il profitto più alto della sua storia: 34 milioni di euro, con un significativo aumento di 88 milioni di euro rispetto al risultato dell'anno precedente. Massimo storico anche per i ricavi che hanno raggiunto quota 668 milioni di euro, +34% rispetto al 2022. «Con un fatturato record ben oltre il mezzo miliardo di euro, l'utile più alto nella storia della compagnia, un impressionante Ebitdar da 159 milioni di euro e altri indicatori commerciali positivi, la compagnia ha definitivamente superato i livelli pre-pandemia» ha commentato il ceo della compagnia, Martin Gauss. «AirBaltic ha iniziato il 2024 in crescita e attualmente la nostra attenzione è rivolta a continuare il nostro percorso verso una potenziale offerta pubblica iniziale (Ipo). I nostri obiettivi principali rimangono invariati: garantire la migliore connettività tra i Paesi baltici e il mondo, migliorare l'esperienza dei passeggeri e fornire un contributo fondamentale all'economia». Sempre nel 2023 la compagnia ha trasportato 4,5 milioni di passeggeri, per un incremento del +36%; i voli effettuati sono stati 65,5 mila voli, il 30% in più rispetto al 2022. [post_title] => AirBaltic ha messo a segno risultati storici nel 2023, con ricavi e utili più alti di sempre [post_date] => 2024-03-06T10:36:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709721408000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462669 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni. In un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti. Secondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta "United Next" nonché per la gestione globale dello sviluppo. I ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.   [post_title] => United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024 [post_date] => 2024-03-04T10:14:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709547287000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Turchia chiude ufficialmente un 2023 da record con entrate per 54,3 miliardi di dollari, in crescita del 16,9%, mentre gli arrivi di turisti stranieri sono aumentati di oltre il 10%, raggiungendo i 49,2 milioni. «In linea con le previsioni del programma a medio termine, ci aspettiamo che il numero di visitatori raggiunga quest'anno i 59,4 milioni e le entrate turistiche salgano fino a 59,6 miliardi di dollari» ha dichiarato il Ministro del Tesoro e delle Finanze, Mehmet Şimşek. Mentre le spese individuali hanno costituito 41 miliardi di dollari del totale delle entrate turistiche, altri 13,25 miliardi di dollari provengono dalle spese per i pacchetti turistici, secondo l'Istituto turco di statistica (TÜİK). La spesa media pro capite dei turisti è stata di 952 dollari nel 2023, rispetto ai 905 dollari dell'anno precedente. La spesa media per notte è aumentata di quasi il 12% dal 2022 a 99 dollari. La spesa alimentare dei turisti è aumentata del 33,2% rispetto al 2022, mentre l'aumento della spesa per l'alloggio è stato del 27%. Lo scorso anno, 49,2 milioni di turisti stranieri hanno visitato la Turchia: includendo i cittadini turchi residenti all'estero, la destinazione ha accolto 56,7 milioni di visitatori. I gruppi più numerosi di turisti provengono da Russia e Germania.       [post_title] => Turchia: le entrate turistiche hanno superato quota 54,3 miliardi di euro nel 2023 [post_date] => 2024-02-01T10:11:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706782296000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460173 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435257" align="alignleft" width="300"] Luigi Corradi, ad Trenitalia e capogruppo di settore Polo Passeggeri[/caption] Buone notizie da Ferrovie dello Stato. Il numero dei viaggiatori del Polo Passeggeri del Gruppo FS nel 2023 è cresciuto del 18% rispetto all’anno precedente. Una crescita a doppia cifra, rimarcata da Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia che ai microfoni della trasmissione "Sportello Italia" di Rai Radio 1 ha sottolineato il trend positivo delle persone che in Italia scelgono il treno o i bus di FS per viaggiare. «I passeggeri del 2023 sono stati 648 milioni – ha rimarcato Corradi – di questi circa 470 milioni hanno viaggiato sui treni di Trenitalia, mentre sui mezzi di Busitalia hanno viaggiato oltre 165 milioni di passeggeri e sui treni e i bus di Ferrovie del Sud Est si sono mosse più di 12 milioni di persone». Numeri che evidenziano un andamento positivo, molto vicino a quello degli pre-Covid. In particolare, a trainare questa crescita, come evidenziato dallo stesso Corradi, c’è il settore del turismo. Viaggi di piacere «Sempre più persone scelgono il treno per i propri viaggi di piacere, perché è una scelta comoda e sostenibile. Abbiamo avuto i principali picchi nel periodo estivo e in quello delle festività natalizie», ha detto Corradi. Durante la scorsa estate, infatti, sono stati oltre 100 milioni i passeggeri a bordo dei treni di Trenitalia, mentre solo durante le festività natalizie sono state 18 milioni le persone che hanno viaggiato con i treni di FS, una crescita del 7% rispetto al 2022. [post_title] => Corradi (FS): «Nel 2023 i passeggeri sono stati 648 milioni» [post_date] => 2024-01-26T10:43:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706265839000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460094 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il turismo in Italia continua il suo percorso di rapida ripresa. Il comparto ricettivo ha raggiunto quota 36,6 miliardi di euro nel 2023 e si stima potrà proseguire la sua crescita anche nel 2024, arrivando ad un totale compreso tra i 37,2 e i 41,2 miliardi di euro. Nell'arco di 4 anni l'e-commerce ha aumentato di 12 punti la propria incidenza: nel 2023 il canale digitale vale 20,4 miliardi, ossia il 56% del totale (online + offline) del comparto. Anche i trasporti dimostrano il pieno recupero dalla pandemia, raggiungendo un totale di 23,8 miliardi di euro nel 2023 e una previsione di crescita del 12% (6% nello scenario pessimistico, 18% in quello ottimistico) per il 2024. Anche in questo caso è la componente digitale a trainare il settore: con un totale di 16,9 miliardi di euro, nel 2023 oltre 7 euro su 10 spesi nell'ambito dei trasporti (71%) derivano infatti dall'e-commerce. Questi alcuni dei dati emersi dalla decima edizione dell'Osservatorio travel innovation della school of management del Politecnico di Milano, insieme alla ricerca dell'Osservatorio business travel, svolta in partnership con il Center for advanced studies in tourism dell'Università di Bologna. Anche il turismo organizzato in Italia ha vissuto un forte rimbalzo rispetto al 2022 con i valori che tornano in linea con quelli pre-pandemia. Il comparto del tour operating cresce del 40%, mentre quello delle agenzie di viaggio del 26%. In particolare, prosegue il processo di trasformazione digitale delle agenzie di viaggio: si cominciano a utilizzare strumenti di intelligenza artificiale per creare contenuti, svolgere attività di marketing, gestire la relazione con il cliente e creare nuovi itinerari, sebbene manchi ancora una piena conoscenza di questi strumenti. Le agenzie di viaggio offrono in modo piuttosto diffuso anche soluzioni di flessibilità nei pagamenti come il buy now pay later (18%). A fine 2022 le aziende del turismo organizzato, tramite un capitolo dedicato del Pnrr, hanno avuto la possibilità di presentare domanda per l'accesso al credito d'imposta per la digitalizzazione, con una dotazione finanziaria complessiva di 19 milioni di euro. L'opportunità è stata sfruttata da circa un'agenzia su quattro tra quelle partecipanti all'indagine, principalmente per innovare soluzioni hardware (81%) e software (67%). [post_title] => Turismo: balzo in avanti di agenzie di viaggio e tour operating [post_date] => 2024-01-25T10:32:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706178777000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459975 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città. Il nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore. [post_title] => Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma [post_date] => 2024-01-23T15:21:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706023316000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1659" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":78,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464739","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Wizz Air ha da poco inaugurato sei nuove rotte dall'Italia: il 31 marzo sono partiti i primi voli da Roma verso Amburgo e Berlino, così come da Milano a Parigi. Il giorno successivo, è stata la volta dei collegamenti da Roma ad Alicante e Danzica; ieri, 2 aprile, è decollato invece il primo volo da Milano a Tenerife.\r\n\r\nQuesti ultimi saranno operati tre volte a settimana, mentre il collegamento Milano-Parigi sarà servito cinque volte a settimana, fino ad offrire una frequenza giornaliera a partire da giugno. Le rotte da Roma per Alicante e Danzica saranno servite da tre voli settimanali, che aumenteranno a quattro voli settimanali rispettivamente a partire da agosto e settembre. Il collegamento Roma - Amburgo sarà disponibile con quattro voli di andata e ritorno a settimana, mentre Roma - Berlino avrà una frequenza giornaliera.\r\n\r\nIn aggiunta alle nuove rotte, la low cost si prepara a inaugurare i voli da Roma a Copenaghen a partire da settembre. In totale, durante questa stagione estiva saranno attive oltre 200 rotte dall'Italia verso 40 Paesi in Europa e non solo, grazie agli oltre 13 milioni di posti disponibili per i viaggiatori. \r\n\r\nWizz Air opererà infine voli speciali per i passeggeri italiani in occasione delle partite del Campionato Europeo di Calcio in Germania, mettendo a disposizione anche un servizio esclusivo di navette per i tifosi. I voli per le partite partiranno da Milano e Roma il 15, 20 e 24 giugno: le tariffe in questo caso prevedono un prezzo fisso di 159 euro.","post_title":"Wizz Air: con la stagione estiva decollano sei nuove rotte dall'Italia","post_date":"2024-04-03T08:45:29+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712133929000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463062","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'estate italiana di Wizz Air conta nel 2024 oltre 200 rotte dall'Italia verso 40 Paesi, incluse sette nuove rotte da Roma verso Alicante, Copenaghen, Amburgo, Berlino e Danzica e da Milano verso Parigi e Tenerife. In vendita ci sono più di 13 milioni di posti.\r\nOltre ai nuovi collegamenti, Wizz Air ha ripreso a volare da Milano, Roma e Venezia verso Chisinau, garantendo un servizio giornaliero per tutta l’estate. L'operativo estivo conta quindi oltre 90 destinazioni.\r\nInoltre, la low cost effettuerà anche voli speciali per i passeggeri italiani in occasione delle partite del Campionato europeo di calcio in Germania, mettendo a disposizione anche un servizio esclusivo di navette per i tifosi. I voli per le partite partiranno da Milano e Roma il 15, 20 e 24 giugno. Per coloro che desiderano sostenere la squadra in loco, i biglietti sono disponibili ad un prezzo fisso di 159 euro.\r\nNella scorsa stagione estiva oltre 10 milioni di passeggeri hanno scelto Wizz Air per i loro viaggi da e verso l'Italia e la maggior ha scelto destinazioni come la Sicilia, la Spagna e il Regno Unito.  ","post_title":"Wizz Air plana sull'estate italiana con più di 200 rotte. Sette novità da Roma e Milano","post_date":"2024-03-08T09:00:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709888437000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462863","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"AirBaltic archivia il 2023 con il profitto più alto della sua storia: 34 milioni di euro, con un significativo aumento di 88 milioni di euro rispetto al risultato dell'anno precedente. Massimo storico anche per i ricavi che hanno raggiunto quota 668 milioni di euro, +34% rispetto al 2022.\r\n\r\n«Con un fatturato record ben oltre il mezzo miliardo di euro, l'utile più alto nella storia della compagnia, un impressionante Ebitdar da 159 milioni di euro e altri indicatori commerciali positivi, la compagnia ha definitivamente superato i livelli pre-pandemia» ha commentato il ceo della compagnia, Martin Gauss.\r\n\r\n«AirBaltic ha iniziato il 2024 in crescita e attualmente la nostra attenzione è rivolta a continuare il nostro percorso verso una potenziale offerta pubblica iniziale (Ipo). I nostri obiettivi principali rimangono invariati: garantire la migliore connettività tra i Paesi baltici e il mondo, migliorare l'esperienza dei passeggeri e fornire un contributo fondamentale all'economia».\r\n\r\nSempre nel 2023 la compagnia ha trasportato 4,5 milioni di passeggeri, per un incremento del +36%; i voli effettuati sono stati 65,5 mila voli, il 30% in più rispetto al 2022.","post_title":"AirBaltic ha messo a segno risultati storici nel 2023, con ricavi e utili più alti di sempre","post_date":"2024-03-06T10:36:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709721408000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462669","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni.\r\n\r\nIn un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti.\r\n\r\nSecondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta \"United Next\" nonché per la gestione globale dello sviluppo.\r\n\r\nI ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.\r\n\r\n ","post_title":"United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024","post_date":"2024-03-04T10:14:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709547287000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460564","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Turchia chiude ufficialmente un 2023 da record con entrate per 54,3 miliardi di dollari, in crescita del 16,9%, mentre gli arrivi di turisti stranieri sono aumentati di oltre il 10%, raggiungendo i 49,2 milioni.\r\n\r\n«In linea con le previsioni del programma a medio termine, ci aspettiamo che il numero di visitatori raggiunga quest'anno i 59,4 milioni e le entrate turistiche salgano fino a 59,6 miliardi di dollari» ha dichiarato il Ministro del Tesoro e delle Finanze, Mehmet Şimşek.\r\n\r\nMentre le spese individuali hanno costituito 41 miliardi di dollari del totale delle entrate turistiche, altri 13,25 miliardi di dollari provengono dalle spese per i pacchetti turistici, secondo l'Istituto turco di statistica (TÜİK).\r\n\r\nLa spesa media pro capite dei turisti è stata di 952 dollari nel 2023, rispetto ai 905 dollari dell'anno precedente. La spesa media per notte è aumentata di quasi il 12% dal 2022 a 99 dollari.\r\n\r\nLa spesa alimentare dei turisti è aumentata del 33,2% rispetto al 2022, mentre l'aumento della spesa per l'alloggio è stato del 27%.\r\n\r\nLo scorso anno, 49,2 milioni di turisti stranieri hanno visitato la Turchia: includendo i cittadini turchi residenti all'estero, la destinazione ha accolto 56,7 milioni di visitatori. I gruppi più numerosi di turisti provengono da Russia e Germania.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Turchia: le entrate turistiche hanno superato quota 54,3 miliardi di euro nel 2023","post_date":"2024-02-01T10:11:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706782296000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460173","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435257\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luigi Corradi, ad Trenitalia e capogruppo di settore Polo Passeggeri[/caption]\r\n\r\nBuone notizie da Ferrovie dello Stato. Il numero dei viaggiatori del Polo Passeggeri del Gruppo FS nel 2023 è cresciuto del 18% rispetto all’anno precedente. Una crescita a doppia cifra, rimarcata da Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia che ai microfoni della trasmissione \"Sportello Italia\" di Rai Radio 1 ha sottolineato il trend positivo delle persone che in Italia scelgono il treno o i bus di FS per viaggiare.\r\n\r\n«I passeggeri del 2023 sono stati 648 milioni – ha rimarcato Corradi – di questi circa 470 milioni hanno viaggiato sui treni di Trenitalia, mentre sui mezzi di Busitalia hanno viaggiato oltre 165 milioni di passeggeri e sui treni e i bus di Ferrovie del Sud Est si sono mosse più di 12 milioni di persone».\r\n\r\nNumeri che evidenziano un andamento positivo, molto vicino a quello degli pre-Covid. In particolare, a trainare questa crescita, come evidenziato dallo stesso Corradi, c’è il settore del turismo.\r\nViaggi di piacere\r\n«Sempre più persone scelgono il treno per i propri viaggi di piacere, perché è una scelta comoda e sostenibile. Abbiamo avuto i principali picchi nel periodo estivo e in quello delle festività natalizie», ha detto Corradi. Durante la scorsa estate, infatti, sono stati oltre 100 milioni i passeggeri a bordo dei treni di Trenitalia, mentre solo durante le festività natalizie sono state 18 milioni le persone che hanno viaggiato con i treni di FS, una crescita del 7% rispetto al 2022.","post_title":"Corradi (FS): «Nel 2023 i passeggeri sono stati 648 milioni»","post_date":"2024-01-26T10:43:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706265839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460094","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il turismo in Italia continua il suo percorso di rapida ripresa. Il comparto ricettivo ha raggiunto quota 36,6 miliardi di euro nel 2023 e si stima potrà proseguire la sua crescita anche nel 2024, arrivando ad un totale compreso tra i 37,2 e i 41,2 miliardi di euro. Nell'arco di 4 anni l'e-commerce ha aumentato di 12 punti la propria incidenza: nel 2023 il canale digitale vale 20,4 miliardi, ossia il 56% del totale (online + offline) del comparto.\r\n\r\nAnche i trasporti dimostrano il pieno recupero dalla pandemia, raggiungendo un totale di 23,8 miliardi di euro nel 2023 e una previsione di crescita del 12% (6% nello scenario pessimistico, 18% in quello ottimistico) per il 2024. Anche in questo caso è la componente digitale a trainare il settore: con un totale di 16,9 miliardi di euro, nel 2023 oltre 7 euro su 10 spesi nell'ambito dei trasporti (71%) derivano infatti dall'e-commerce. Questi alcuni dei dati emersi dalla decima edizione dell'Osservatorio travel innovation della school of management del Politecnico di Milano, insieme alla ricerca dell'Osservatorio business travel, svolta in partnership con il Center for advanced studies in tourism dell'Università di Bologna.\r\n\r\nAnche il turismo organizzato in Italia ha vissuto un forte rimbalzo rispetto al 2022 con i valori che tornano in linea con quelli pre-pandemia. Il comparto del tour operating cresce del 40%, mentre quello delle agenzie di viaggio del 26%. In particolare, prosegue il processo di trasformazione digitale delle agenzie di viaggio: si cominciano a utilizzare strumenti di intelligenza artificiale per creare contenuti, svolgere attività di marketing, gestire la relazione con il cliente e creare nuovi itinerari, sebbene manchi ancora una piena conoscenza di questi strumenti.\r\n\r\nLe agenzie di viaggio offrono in modo piuttosto diffuso anche soluzioni di flessibilità nei pagamenti come il buy now pay later (18%). A fine 2022 le aziende del turismo organizzato, tramite un capitolo dedicato del Pnrr, hanno avuto la possibilità di presentare domanda per l'accesso al credito d'imposta per la digitalizzazione, con una dotazione finanziaria complessiva di 19 milioni di euro. L'opportunità è stata sfruttata da circa un'agenzia su quattro tra quelle partecipanti all'indagine, principalmente per innovare soluzioni hardware (81%) e software (67%).","post_title":"Turismo: balzo in avanti di agenzie di viaggio e tour operating","post_date":"2024-01-25T10:32:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706178777000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459975","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Italia è l'ottavo paese europeo in cui si sviluppa il brand tedesco del cosiddetto lusso essenziale, Ruby Hotels. La prima apertura sarà a Firenze ed è prevista per l'inizio del terzo trimestre del 2024. In un palazzo storico nel cuore del capoluogo toscano si sta realizzando, insieme al gruppo Gb Holding, un albergo con 118 camere e un Ruby Workspace con una superficie totale di circa 300 mq. L'edificio ottocentesco avrà anche un bar e una caffetteria, una terrazza nel cortile interno e uno spazio di lavoro dedicato. La proprietà si trova in piazza della Libertà, nella parte settentrionale del centro storico della città.\r\n\r\nIl nuovo Ruby Hotel di Roma aprirà invece nel 2025 e sarà il secondo albergo del gruppo in Italia. Sarà situato in un edificio di ex uffici della polizia con una facciata storica nel centro di Roma, vicino alla Scalinata di Trinità dei Monti. Avrà circa 165 camere, un bar e una caffetteria aperti 24 ore su 24 e una terrazza sul tetto con vista sul centro di Roma. Ruby realizzerà l'hotel insieme a Ece Work & Live come sviluppatore del progetto e investitore.","post_title":"Il brand Ruby Hotels approda in Italia: debutto a Firenze, poi Roma","post_date":"2024-01-23T15:21:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706023316000]}]}}

Lascia un commento