2 October 2022

1587

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

DIRETTORE TECNICO NEL SETTORE DAL 1999.
REGOLARMENTE ISCRITTA ALBO PROFESSIONALE LOMBARDIA: VALIDITA’ OPERATIVA SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE.
IN POSSESSO DI EFFETTIVI REQUISITI PROFESSIONALI, TEORICO-PRATICI, A SEGUITO SUPERAMENTO CONCORSO DIRIGENTI CON OTTIMA VOTAZIONE IN TUTTE LE PROVE SOSTENUTE E COMPLIMENTI DELLA COMMISSIONE D’ESAME, COME DA CERTIFICATO SCRITTO.
DIPLOMA PARAUNIVERSITARIO TURISMO.
LAUREA LINGUE STRANIERE – SPEC. MEDIAZIONE LINGUISTICA.
MASTER DI SPECIALIZZAZIONE, TOUR LEADER TOURIST MANAGER, CONSEGUITI CON PROF. GIORGIO CASTOLDI, UNIVERSITA’ IULM, BICOCCA MILANO. CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PROFESSIONALE CERTIFICATI.
AGENTE CERTIFICATO IATA.
GESTIONE-PRENOTAZIONE-RENDICONTAZIONE AEREI-NAVI-TRENI.
GESTIONE-PRENOTAZIONE-RENDICONTAZIONE VIAGGI DA CATALOGO-TAILOR-MADE. PROGRAMMAZIONE-ACCOMPAGNAMENTO GRUPPI. ESPERTO CONSULENTE ASSOCIAZIONE SOCIO-CULTURALE DAL 1999 AL 2008
PREZZI RAGIONEVOLI E MASSIMA FLESSIBILITA’
PREFERENZA PROVINCE: MI-LO-PV.
DISPONIBILITA’ IMMEDIATA
RAFFAELLA: direttoretecnicolom@libero.it; tel. 346 3025738.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430664 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Veste completamente rinnovata per l'Unahotels Malpensa che riapre le porte dopo un'operazione di restyling che ha riguardato tutte le 157 camere dell'albergo. A cominciare dai letti rinnovati con nuovi cuscini, piumini e una combinazione di topper e materasso appositamente realizzata da Dorelan per Gruppo Una nell’ambito del progetto Made for Una. In aggiunta, ogni camera è stata dotata di smart tv Samsung 55 pollici, mentre nei bagni sono stati eseguiti interventi di ammodernamento. Il nono e il decimo piano sono stati poi interessati da un generale ripensamento degli spazi camere, convertite tutte in executive attrezzate con coffee maker e bollitore. Il restyling ha incrementato anche le soluzioni di alloggio a disposizione degli ospiti, arricchite con due bilocali con angolo cottura a induzione. Per garantire una maggiore flessibilità dell’offerta residence, un appartamento può essere trasformato in trilocale grazie all’unione con una camera comunicante adiacente. Per quanto riguarda le aree comuni, la hall e il Volare Bar & Restaurant by Una cucina presentano un look totalmente rinnovato grazie al nuovo arredamento e all’uso di verde da interni. Gli interventi hanno interessato anche il centro congressi dell’hotel: le quattro sale meeting inserite in un ambiente elegante e funzionale presentano ammodernamenti tecnologici delle attrezzature, con nuovi video proiettori e tv 65 pollici nelle sale più piccole. Una novità assoluta è infine l’area fitness al primo piano, che va a completare i servizi della struttura, con una proposta dedicata a tutti coloro che desiderano allenarsi anche durante le trasferte di lavoro o i viaggi di piacere. L'Unahotels Malpensa è aperto al pubblico e nelle prossime settimane vedrà il completamento degli ultimi dettagli dei lavori di ristrutturazione al decimo piano. [post_title] => Riapre l'Unahotels Malpensa completamente rinnovato negli spazi camere e nelle aree comuni [post_date] => 2022-09-19T10:38:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663583922000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430561 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aegean è tornata all'utile nel secondo trimestre 2022, dopo aver triplicato i ricavi sulla scia della significativa ripresa della domanda. I ricavi sono saliti a 327 milioni di euro, +201% rispetto all'analogo periodo del 2021.  Il traffico passeggeri è cresciuto del +171% raggiungendo quota 3,3 milioni, con un load factor del 79,2%, 23 punti percentuali in più rispetto al secondo trimestre del 2021. Nei tre mesi da aprile a giugno, Aegean ha operato con livelli di capacità all'86% dei livelli pre-pandemia. Nonostante il costo del carburante più che raddoppiato (rispetto al 2019), il Gruppo ha registrato un utile prima delle imposte di 17,7 milioni di euro e un profitto netto di 10,8 milioni di euro. Complessivamente, nel primo semestre dell'anno, i ricavi consolidati sono aumentati del 193%, il traffico passeggeri del 187% e i posti disponibili del 101% rispetto al primo semestre del 2021. Nel primo semestre del 2022 le perdite al netto delle imposte sono state pari a 27,7 milioni di euro. Commentando i dati del trimestre, il ceo della compagnia Dimitris Gerogiannis, ha sottolineato che "Questo trend positivo è proseguito durante i mesi estivi, dove abbiamo offerto il 98% del numero di posti pre-pandemia e abbiamo raggiunto load factor dell'84% e 3,2 milioni di passeggeri nei due mesi di luglio e agosto, supportando ulteriormente le nostre previsioni di redditività per l'esercizio 2022". [post_title] => Aegean torna all'utile nel secondo trimestre. Oltre 3,2 mln di passeggeri fra luglio e agosto [post_date] => 2022-09-16T09:06:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663319188000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430105 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Pieter Elbers, ex numero uno di Klm, è ufficialmente il nuovo ceo in carica di IndiGo. Il manager, che raccoglie il testimone da Ronojoy Dutta, era stato nominato alla guida della compagnia lo scorso 18 maggio.  Elbers ha militato nelle fila di Klm per quasi 30 anni ed è stato presidente e amministratore delegato del vettore olandese da ottobre 2014 a luglio 2022. Precedentemente ha lavorato all'aeroporto di Amsterdam Schiphol, tra pianificazione del network delle rotte e altri ruoli esecutivi. IndiGo, che oggi detiene una quota di mercato domestico indiano del 60%, deve ancora tornare a una redditività costante dopo i due anni segnati dalla pandemia; nei tre mesi fino al 30 giugno - il primo trimestre dell'esercizio finanziario 2023 - ha subito una perdita netta di 10,6 miliardi di rupie (187 milioni di dollari), in miglioramento rispetto a quella di 31,7 miliardi di rupie dell'anno precedente.  La compagnia opera con una flotta di 276 aeromobili oltre 1.500 voli giornalieri e, allo scorso marzo, contava oltre 26.000 dipendenti.     [post_title] => Pieter Elbers è ufficialmente in carica quale ceo di IndiGo [post_date] => 2022-09-08T09:00:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662627618000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430046 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli Stati Uniti mantengono la leadership mondiale di principale mercato turistico, malgrado il contributo del settore al Pil nazionale sia diminuito di 700 miliardi di dollari nel 2019, scendendo a  poco meno di 1.300 miliardi di dollari l'anno scorso.   I dati sono quelli di una ricerca condotta da Oxford Economics per il Wttc, che evidenzia poi come non ci siano stati cambiamenti nella classifica dei primi tre Paesi, con la Cina al secondo posto e la Germania al terzo. Ma la classifica è illusoria, poiché le economie più importanti hanno rafforzato i loro numeri grazie ai viaggi interni, mentre il numero di visitatori internazionali è crollato. Gli Stati Uniti sono stati scalzati dalla prima posizione pre-pandemia per quanto riguarda la spesa dei viaggiatori internazionali. "Il rapporto mostra la resilienza del settore viaggi e turismo, nonostante l'impatto delle restrizioni ai viaggi in tutto il mondo - ha dichiarato la presidente e ceo del Wttc, Julia Simpson -. Malgrado un contesto macro difficile, il settore si è ripreso. Il mondo, con alcune eccezioni, sta tornando a viaggiare. E stiamo assistendo a una ripresa dei viaggi d'affari. Nei prossimi 10 anni, la crescita del turismo supererà quella dell'economia globale". Il Regno Unito è scivolato drasticamente dal quinto posto nel 2019 al nono nel 2021, con un contributo di poco più di 157 miliardi di dollari, il più grande declino tra i primi 10 Paesi. In termini di spesa dei viaggiatori internazionali, la Francia, che prima della pandemia era al quarto posto, ha superato Spagna, Cina e Stati Uniti per conquistare il primo posto. In tutta l'Asia-Pacifico, i principali mercati del turismo e dei viaggi, come la Thailandia e il Giappone, hanno registrato enormi perdite nella spesa internazionale, che hanno fatto sì che entrambi i mercati - rispettivamente al quinto e all'ottavo posto prima della pandemia - uscissero completamente dalla top 20 nel 2021. [post_title] => Gli Stati Uniti restano il primo mercato turistico mondiale, i dati del Wttc [post_date] => 2022-09-07T09:52:23+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662544343000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trieste Airport celebra il sodalizio con Lufthansa, al giro di boa dei primi 35 anni fa. Una storia cominciata il 31 agosto 1987 con il decollo del primo volo da Trieste per Monaco: oggi la compagnia aerea tedesca è leader di mercato e lo scalo friulano gestisce 11 voli settimanali da/per Francoforte.  L'anniversario "è il segnale della presenza costante di Lufthansa in Friuli Venezia Giulia - ha dichiarato Gabriella Galantis, senior director sales Southern Europe Lufthansa Group - grazie ad un collegamento giornaliero con il nostro principale hub che favorisce gli scambi commerciali con la Germania e il resto del mondo ed incentiva ulteriormente il traffico turistico verso questa splendida regione". “Quella con Lufthansa è una partnership da sempre fondamentale per il nostro territorio che propone collegamenti fondamentali sia per il traffico business che turistico - ha sottolineato Marco Consalvo, amministratore delegato di Trieste Airport -. Il nostro auspicio è continuare a crescere insieme per potenziare ulteriormente il collegamento con Francoforte e reintrodurre quanto prima quello storico da/per Monaco di Baviera, particolarmente apprezzato e richiesto dalla clientela regionale.” [post_title] => Trieste Airport e Lufthansa: un sodalizio lungo 35 anni [post_date] => 2022-09-05T10:03:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662372227000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429006 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Atlanta Hartsfield-Jackson ha riconquistato il primo gradino del podio nella classifica degli scali più trafficati al mondo per traffico di passeggeri. Classifica che vede primeggiare gli aeroporti statunitensi nelle prime 10 posizioni. I dati sono quelli elaborati da Aci World, che evidenziano come l'aeroporto della Georgia abbia movimentato 75,7 milioni di passeggeri nel 2021, con un aumento del 76,4% rispetto ai 42,9 milioni del 2020. Atlanta ha scalzato dal vertice Guangzhou, mentre l'aeroporto cinese è scivolato all'ottavo posto. "Il 2021 rappresenta l'inizio della ripresa dell'industria aeronautica - ha dichiarato il direttore generale di Aci World, Luis Felipe de Oliveira -. Mentre alcuni tra gli aeroporti da sempre più trafficati sono rientrati nei ranghi superiori, quelli di altre regioni faticano a riprendersi, portando a nuovi ingressi nella top 20". In seconda posizione si trova Dallas Forth Worth (62,5 milioni di passeggeri, +58,7%) e alla terza Denver (58,8 milioni di passeggeri, +74,4%). Altri cinque aeroporti statunitensi sono entrati nella top 10: Chicago O'Hare si è piazzato al quarto posto con 54 milioni di passeggeri; Los Angeles al quinto con 48 milioni; Charlotte al sesto con 43,3 milioni; Orlando al settimo con 40,4 milioni e Las Vegas al decimo con 39,8 milioni. Dalla classifica dei primi 20, quasi tutti gli aeroporti hanno un traffico nazionale significativo che rappresenta dal 65% al 100% dei loro passeggeri totali. L'unica eccezione è Istanbul, che ha una quota di traffico internazionale maggiore, pari al 72%. Complessivamente, gli aeroporti mondiali hanno movimentato 4,6 miliardi di passeggeri nel 2021, con un aumento del 28,3% rispetto al 2020 e un calo del 49,5% rispetto ai risultati del 2019. I primi 20 aeroporti, che rappresentano il 19% del traffico globale o 863 milioni di passeggeri, hanno registrato una crescita del 42,9% rispetto al 2020, ma un calo del 31,9% rispetto ai risultati del 2019, pari a 1,27 miliardi di passeggeri. [post_title] => Atlanta Hartsfield è di nuovo lo scalo più trafficato al mondo: i dati Aci World [post_date] => 2022-07-28T08:50:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658998208000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428414 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Portogallo ha registrato lo scorso maggio un numero di turisti stranieri in aumento di quasi sei volte rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, anche se ancora inferiore di circa il 9% rispetto ai livelli precedenti alla pandemia. Secondi i dati resi noti dall'Istituto nazionale di statistica (Ine), i turisti sono stati più di 1,58 milioni, rispetto ai circa 274.000 di un anno fa, quando il Paese era ancora soggetto alle restrizioni di viaggio a causa del Covid-19. Nel maggio 2019, invece, il numero si era attestato a 1,73 milioni. Il settore turistico portoghese rappresentava quasi il 15% del prodotto interno lordo prima della pandemia. Quanto alla provenienza dei turisti, è la Gran Bretagna a detenere il primo posto con la quota maggiore degli arrivi a maggio (16%), seguita dalla Francia (11,5%); gli Stati Uniti hanno condiviso il terzo posto con Spagna e Germania, ciascuna con il 10% degli arrivi. L'Ine ha evidenziato che il settore alberghiero nel suo complesso ha registrato 2,5 milioni di ospiti nel mese di maggio e il fatturato totale degli hotel è aumentato di 3,6 volte, raggiungendo 456,1 milioni di euro (456,7 milioni di dollari). Il mercato nazionale ha contribuito con 1,8 milioni di pernottamenti e i mercati esterni con 4,7 milioni.     [post_title] => Portogallo: il numero dei turisti stranieri cresce in modo significativo [post_date] => 2022-07-15T13:04:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1657890260000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' pari a 31 il saldo netto del numero di hotel di catena in Italia, tra entrate e uscite registrate nel primo semestre dell'anno. Lo rivela il consueto rapporto trimestrale Chains Monitor Italy, realizzato dalla società di consulenza riminese Thrends. In particolare,  gli alberghi brandizzati nel periodo gennaio – giugno di questo anno sono stati 102, di cui il 67% appartenenti al segmento upscale. D’altra parte, sono stati 71 gli hotel che hanno cessato la propria affiliazione a una catena nel corso dello stesso semestre, la maggior parte dei quali appartenenti anch’essi al segmento upscale (76%), nonché a un brand domestico (66%). Nei prossimi anni (2022-2025) è poi in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 158 hotel, di cui il 73,4% appartenenti a gruppi internazionali. Tra le nuove aperture in pipeline, cinque hotel apparterranno al segmento economy, 13 al midscale, 72 all'upscale, 63 al luxury. A questi si aggiungeranno infine cinque strutture, il cui segmento di appartenenza non è al momento noto. Il 26,6% delle novità è poi rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 73,4% saranno legate a brand internazionali, tra cui il 26,6% americani, il 12,7% francesi e il 6,3% inglesi. Le regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono il Lazio (22,8%), la Lombardia (20,3%), il Veneto (15,2%) e la Toscana (10,1%). Le prime cinque mete per volume della pipeline sono quindi Roma (21,5%), Milano (12,7%), Venezia (9,5%), Firenze (5,1%) e Napoli (3,2%). Per quanto riguarda infine il tipo di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 20% in location business, l’8% in mete leisure e l’11% in aree sun & beach. [post_title] => Thrends: prosegue la crescita degli hotel di catena in Italia. Focus su Roma [post_date] => 2022-07-13T11:43:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1657712619000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 427006 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nessuno scossone nella tradizionale top 10 dedicata ai più grandi gruppi alberghieri globali stilata da Mkg Group. La classifica 2021 vede infatti ancora Marriott ben saldo in prima posizione con quasi 1,5 milioni di camere, per un +3,9% rispetto all'anno precedente. A seguire il colosso cinese Jin Jiang (che però ha appena venduto Radisson Americas con le sue circa 68 mila camere a Choice Hotels, ndr) con oltre 1,2 milioni di stanze (+9,9%) e poi Hilton con 1,07 milioni di camere (+5,5%). A livello generale, se l'offerta ricettiva globale si stima ammontare complessivamente a circa 17 milioni di camere, le compagnie incluse nella top 10 pesano per circa la metà di tale dato. A crescere maggiormente, nel corso del 2021, sono stati in particolare gli operatori cinesi. Oltre a Jin Jiang (+9.9%) si segnala infatti l'espansione di Huazhu (+15,5% per un totale di 753 mila camere) e Bth Hotels (+7,7% a quota 466 mila stanze). Continua invece il crollo della start-up indiana Oyo, che l'anno scorso ha perso  oltre il 21% del proprio portfolio camere, dopo aver già subito un'erosione del 54,3% nel 2020. La compagnia fondata da Ritesh Agarwal, considerata fino a poco tempo fa il vero astro nascente dell'ospitalità mondiale, ha infatti subito pesantemente i contraccolpi della crisi pandemica, tanto da essere andata incontro a un piano di ristrutturazione che ha previsto il taglio del personale e un ingente piano di razionalizzazione dei costi. A causa di tali difficoltà è stato anche cancellato il previsto sbarco in Borsa dell'operatore indiano, controllato per il 47% dal conglomerato high-tech giapponese Softbank. La top 10 Mkg        Gruppo Numero Hotel Numero camere  Differenza Media camere per hotel 2022   2021  2022  2021   1. Marriott  7.989  7.642 1.479.179 1.423.044 +3,9%  185   2. Jin Jiang 11.716 10.392 1.203.170 1.094.388  +9,9%  103   3. Hilton  6.777  6.422 1.065.413 1.010.257  +5,5%  157   4. Ihg  5.991  5.694  880.327  886.036 -0,6%  147   5. Wyndham  8.950  8.941  810.051  795.909  +1,8%   91   6. Accor  5.298  5.139  777.714  753.344  +3,2%  147   7. Huazhu  7.830  6.789  753.216  652.162 +15,5%   96   8. Choice  7.030  7.147  579.746  597.797 -3,0%   82   9. Bth Hotels  5.624  4.895  465.588  432.453  +7,7%   83  10.  Oyo 17.605 20.591  431.613  549.000 -21,4%   25   [post_title] => Marriott continua a guidare la top 10 dei gruppi alberghieri globale [post_date] => 2022-06-21T14:57:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1655823456000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1587" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":71,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430664","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Veste completamente rinnovata per l'Unahotels Malpensa che riapre le porte dopo un'operazione di restyling che ha riguardato tutte le 157 camere dell'albergo. A cominciare dai letti rinnovati con nuovi cuscini, piumini e una combinazione di topper e materasso appositamente realizzata da Dorelan per Gruppo Una nell’ambito del progetto Made for Una. In aggiunta, ogni camera è stata dotata di smart tv Samsung 55 pollici, mentre nei bagni sono stati eseguiti interventi di ammodernamento. Il nono e il decimo piano sono stati poi interessati da un generale ripensamento degli spazi camere, convertite tutte in executive attrezzate con coffee maker e bollitore.\r\n\r\nIl restyling ha incrementato anche le soluzioni di alloggio a disposizione degli ospiti, arricchite con due bilocali con angolo cottura a induzione. Per garantire una maggiore flessibilità dell’offerta residence, un appartamento può essere trasformato in trilocale grazie all’unione con una camera comunicante adiacente. Per quanto riguarda le aree comuni, la hall e il Volare Bar & Restaurant by Una cucina presentano un look totalmente rinnovato grazie al nuovo arredamento e all’uso di verde da interni.\r\n\r\nGli interventi hanno interessato anche il centro congressi dell’hotel: le quattro sale meeting inserite in un ambiente elegante e funzionale presentano ammodernamenti tecnologici delle attrezzature, con nuovi video proiettori e tv 65 pollici nelle sale più piccole. Una novità assoluta è infine l’area fitness al primo piano, che va a completare i servizi della struttura, con una proposta dedicata a tutti coloro che desiderano allenarsi anche durante le trasferte di lavoro o i viaggi di piacere.\r\n\r\nL'Unahotels Malpensa è aperto al pubblico e nelle prossime settimane vedrà il completamento degli ultimi dettagli dei lavori di ristrutturazione al decimo piano.","post_title":"Riapre l'Unahotels Malpensa completamente rinnovato negli spazi camere e nelle aree comuni","post_date":"2022-09-19T10:38:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663583922000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430561","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aegean è tornata all'utile nel secondo trimestre 2022, dopo aver triplicato i ricavi sulla scia della significativa ripresa della domanda. I ricavi sono saliti a 327 milioni di euro, +201% rispetto all'analogo periodo del 2021. \r\n\r\nIl traffico passeggeri è cresciuto del +171% raggiungendo quota 3,3 milioni, con un load factor del 79,2%, 23 punti percentuali in più rispetto al secondo trimestre del 2021. Nei tre mesi da aprile a giugno, Aegean ha operato con livelli di capacità all'86% dei livelli pre-pandemia.\r\n\r\nNonostante il costo del carburante più che raddoppiato (rispetto al 2019), il Gruppo ha registrato un utile prima delle imposte di 17,7 milioni di euro e un profitto netto di 10,8 milioni di euro. Complessivamente, nel primo semestre dell'anno, i ricavi consolidati sono aumentati del 193%, il traffico passeggeri del 187% e i posti disponibili del 101% rispetto al primo semestre del 2021. Nel primo semestre del 2022 le perdite al netto delle imposte sono state pari a 27,7 milioni di euro.\r\n\r\nCommentando i dati del trimestre, il ceo della compagnia Dimitris Gerogiannis, ha sottolineato che \"Questo trend positivo è proseguito durante i mesi estivi, dove abbiamo offerto il 98% del numero di posti pre-pandemia e abbiamo raggiunto load factor dell'84% e 3,2 milioni di passeggeri nei due mesi di luglio e agosto, supportando ulteriormente le nostre previsioni di redditività per l'esercizio 2022\".","post_title":"Aegean torna all'utile nel secondo trimestre. Oltre 3,2 mln di passeggeri fra luglio e agosto","post_date":"2022-09-16T09:06:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663319188000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430105","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Pieter Elbers, ex numero uno di Klm, è ufficialmente il nuovo ceo in carica di IndiGo. Il manager, che raccoglie il testimone da Ronojoy Dutta, era stato nominato alla guida della compagnia lo scorso 18 maggio. \r\n\r\nElbers ha militato nelle fila di Klm per quasi 30 anni ed è stato presidente e amministratore delegato del vettore olandese da ottobre 2014 a luglio 2022. Precedentemente ha lavorato all'aeroporto di Amsterdam Schiphol, tra pianificazione del network delle rotte e altri ruoli esecutivi.\r\n\r\nIndiGo, che oggi detiene una quota di mercato domestico indiano del 60%, deve ancora tornare a una redditività costante dopo i due anni segnati dalla pandemia; nei tre mesi fino al 30 giugno - il primo trimestre dell'esercizio finanziario 2023 - ha subito una perdita netta di 10,6 miliardi di rupie (187 milioni di dollari), in miglioramento rispetto a quella di 31,7 miliardi di rupie dell'anno precedente. \r\n\r\nLa compagnia opera con una flotta di 276 aeromobili oltre 1.500 voli giornalieri e, allo scorso marzo, contava oltre 26.000 dipendenti.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Pieter Elbers è ufficialmente in carica quale ceo di IndiGo","post_date":"2022-09-08T09:00:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1662627618000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430046","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli Stati Uniti mantengono la leadership mondiale di principale mercato turistico, malgrado il contributo del settore al Pil nazionale sia diminuito di 700 miliardi di dollari nel 2019, scendendo a  poco meno di 1.300 miliardi di dollari l'anno scorso.\r\n\r\n \r\n\r\nI dati sono quelli di una ricerca condotta da Oxford Economics per il Wttc, che evidenzia poi come non ci siano stati cambiamenti nella classifica dei primi tre Paesi, con la Cina al secondo posto e la Germania al terzo. Ma la classifica è illusoria, poiché le economie più importanti hanno rafforzato i loro numeri grazie ai viaggi interni, mentre il numero di visitatori internazionali è crollato. Gli Stati Uniti sono stati scalzati dalla prima posizione pre-pandemia per quanto riguarda la spesa dei viaggiatori internazionali.\r\n\r\n\"Il rapporto mostra la resilienza del settore viaggi e turismo, nonostante l'impatto delle restrizioni ai viaggi in tutto il mondo - ha dichiarato la presidente e ceo del Wttc, Julia Simpson -. Malgrado un contesto macro difficile, il settore si è ripreso. Il mondo, con alcune eccezioni, sta tornando a viaggiare. E stiamo assistendo a una ripresa dei viaggi d'affari. Nei prossimi 10 anni, la crescita del turismo supererà quella dell'economia globale\".\r\n\r\nIl Regno Unito è scivolato drasticamente dal quinto posto nel 2019 al nono nel 2021, con un contributo di poco più di 157 miliardi di dollari, il più grande declino tra i primi 10 Paesi. In termini di spesa dei viaggiatori internazionali, la Francia, che prima della pandemia era al quarto posto, ha superato Spagna, Cina e Stati Uniti per conquistare il primo posto.\r\n\r\nIn tutta l'Asia-Pacifico, i principali mercati del turismo e dei viaggi, come la Thailandia e il Giappone, hanno registrato enormi perdite nella spesa internazionale, che hanno fatto sì che entrambi i mercati - rispettivamente al quinto e all'ottavo posto prima della pandemia - uscissero completamente dalla top 20 nel 2021.","post_title":"Gli Stati Uniti restano il primo mercato turistico mondiale, i dati del Wttc","post_date":"2022-09-07T09:52:23+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1662544343000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429896","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trieste Airport celebra il sodalizio con Lufthansa, al giro di boa dei primi 35 anni fa. Una storia cominciata il 31 agosto 1987 con il decollo del primo volo da Trieste per Monaco: oggi la compagnia aerea tedesca è leader di mercato e lo scalo friulano gestisce 11 voli settimanali da/per Francoforte. \r\n\r\nL'anniversario \"è il segnale della presenza costante di Lufthansa in Friuli Venezia Giulia - ha dichiarato Gabriella Galantis, senior director sales Southern Europe Lufthansa Group - grazie ad un collegamento giornaliero con il nostro principale hub che favorisce gli scambi commerciali con la Germania e il resto del mondo ed incentiva ulteriormente il traffico turistico verso questa splendida regione\".\r\n\r\n“Quella con Lufthansa è una partnership da sempre fondamentale per il nostro territorio che propone collegamenti fondamentali sia per il traffico business che turistico - ha sottolineato Marco Consalvo, amministratore delegato di Trieste Airport -. Il nostro auspicio è continuare a crescere insieme per potenziare ulteriormente il collegamento con Francoforte e reintrodurre quanto prima quello storico da/per Monaco di Baviera, particolarmente apprezzato e richiesto dalla clientela regionale.”","post_title":"Trieste Airport e Lufthansa: un sodalizio lungo 35 anni","post_date":"2022-09-05T10:03:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1662372227000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429006","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Atlanta Hartsfield-Jackson ha riconquistato il primo gradino del podio nella classifica degli scali più trafficati al mondo per traffico di passeggeri. Classifica che vede primeggiare gli aeroporti statunitensi nelle prime 10 posizioni.\r\n\r\nI dati sono quelli elaborati da Aci World, che evidenziano come l'aeroporto della Georgia abbia movimentato 75,7 milioni di passeggeri nel 2021, con un aumento del 76,4% rispetto ai 42,9 milioni del 2020. Atlanta ha scalzato dal vertice Guangzhou, mentre l'aeroporto cinese è scivolato all'ottavo posto.\r\n\r\n\"Il 2021 rappresenta l'inizio della ripresa dell'industria aeronautica - ha dichiarato il direttore generale di Aci World, Luis Felipe de Oliveira -. Mentre alcuni tra gli aeroporti da sempre più trafficati sono rientrati nei ranghi superiori, quelli di altre regioni faticano a riprendersi, portando a nuovi ingressi nella top 20\".\r\n\r\nIn seconda posizione si trova Dallas Forth Worth (62,5 milioni di passeggeri, +58,7%) e alla terza Denver (58,8 milioni di passeggeri, +74,4%). Altri cinque aeroporti statunitensi sono entrati nella top 10: Chicago O'Hare si è piazzato al quarto posto con 54 milioni di passeggeri; Los Angeles al quinto con 48 milioni; Charlotte al sesto con 43,3 milioni; Orlando al settimo con 40,4 milioni e Las Vegas al decimo con 39,8 milioni.\r\n\r\nDalla classifica dei primi 20, quasi tutti gli aeroporti hanno un traffico nazionale significativo che rappresenta dal 65% al 100% dei loro passeggeri totali. L'unica eccezione è Istanbul, che ha una quota di traffico internazionale maggiore, pari al 72%.\r\n\r\nComplessivamente, gli aeroporti mondiali hanno movimentato 4,6 miliardi di passeggeri nel 2021, con un aumento del 28,3% rispetto al 2020 e un calo del 49,5% rispetto ai risultati del 2019. I primi 20 aeroporti, che rappresentano il 19% del traffico globale o 863 milioni di passeggeri, hanno registrato una crescita del 42,9% rispetto al 2020, ma un calo del 31,9% rispetto ai risultati del 2019, pari a 1,27 miliardi di passeggeri.","post_title":"Atlanta Hartsfield è di nuovo lo scalo più trafficato al mondo: i dati Aci World","post_date":"2022-07-28T08:50:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1658998208000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428414","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Portogallo ha registrato lo scorso maggio un numero di turisti stranieri in aumento di quasi sei volte rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, anche se ancora inferiore di circa il 9% rispetto ai livelli precedenti alla pandemia.\r\n\r\nSecondi i dati resi noti dall'Istituto nazionale di statistica (Ine), i turisti sono stati più di 1,58 milioni, rispetto ai circa 274.000 di un anno fa, quando il Paese era ancora soggetto alle restrizioni di viaggio a causa del Covid-19. Nel maggio 2019, invece, il numero si era attestato a 1,73 milioni. Il settore turistico portoghese rappresentava quasi il 15% del prodotto interno lordo prima della pandemia.\r\n\r\nQuanto alla provenienza dei turisti, è la Gran Bretagna a detenere il primo posto con la quota maggiore degli arrivi a maggio (16%), seguita dalla Francia (11,5%); gli Stati Uniti hanno condiviso il terzo posto con Spagna e Germania, ciascuna con il 10% degli arrivi.\r\n\r\nL'Ine ha evidenziato che il settore alberghiero nel suo complesso ha registrato 2,5 milioni di ospiti nel mese di maggio e il fatturato totale degli hotel è aumentato di 3,6 volte, raggiungendo 456,1 milioni di euro (456,7 milioni di dollari). Il mercato nazionale ha contribuito con 1,8 milioni di pernottamenti e i mercati esterni con 4,7 milioni.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Portogallo: il numero dei turisti stranieri cresce in modo significativo","post_date":"2022-07-15T13:04:20+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1657890260000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428223","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' pari a 31 il saldo netto del numero di hotel di catena in Italia, tra entrate e uscite registrate nel primo semestre dell'anno. Lo rivela il consueto rapporto trimestrale Chains Monitor Italy, realizzato dalla società di consulenza riminese Thrends. In particolare,  gli alberghi brandizzati nel periodo gennaio – giugno di questo anno sono stati 102, di cui il 67% appartenenti al segmento upscale. D’altra parte, sono stati 71 gli hotel che hanno cessato la propria affiliazione a una catena nel corso dello stesso semestre, la maggior parte dei quali appartenenti anch’essi al segmento upscale (76%), nonché a un brand domestico (66%).\r\n\r\nNei prossimi anni (2022-2025) è poi in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 158 hotel, di cui il 73,4% appartenenti a gruppi internazionali. Tra le nuove aperture in pipeline, cinque hotel apparterranno al segmento economy, 13 al midscale, 72 all'upscale, 63 al luxury. A questi si aggiungeranno infine cinque strutture, il cui segmento di appartenenza non è al momento noto. Il 26,6% delle novità è poi rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 73,4% saranno legate a brand internazionali, tra cui il 26,6% americani, il 12,7% francesi e il 6,3% inglesi.\r\n\r\nLe regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono il Lazio (22,8%), la Lombardia (20,3%), il Veneto (15,2%) e la Toscana (10,1%). Le prime cinque mete per volume della pipeline sono quindi Roma (21,5%), Milano (12,7%), Venezia (9,5%), Firenze (5,1%) e Napoli (3,2%). Per quanto riguarda infine il tipo di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 20% in location business, l’8% in mete leisure e l’11% in aree sun & beach.","post_title":"Thrends: prosegue la crescita degli hotel di catena in Italia. Focus su Roma","post_date":"2022-07-13T11:43:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1657712619000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"427006","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nessuno scossone nella tradizionale top 10 dedicata ai più grandi gruppi alberghieri globali stilata da Mkg Group. La classifica 2021 vede infatti ancora Marriott ben saldo in prima posizione con quasi 1,5 milioni di camere, per un +3,9% rispetto all'anno precedente. A seguire il colosso cinese Jin Jiang (che però ha appena venduto Radisson Americas con le sue circa 68 mila camere a Choice Hotels, ndr) con oltre 1,2 milioni di stanze (+9,9%) e poi Hilton con 1,07 milioni di camere (+5,5%).\r\n\r\nA livello generale, se l'offerta ricettiva globale si stima ammontare complessivamente a circa 17 milioni di camere, le compagnie incluse nella top 10 pesano per circa la metà di tale dato. A crescere maggiormente, nel corso del 2021, sono stati in particolare gli operatori cinesi. Oltre a Jin Jiang (+9.9%) si segnala infatti l'espansione di Huazhu (+15,5% per un totale di 753 mila camere) e Bth Hotels (+7,7% a quota 466 mila stanze). Continua invece il crollo della start-up indiana Oyo, che l'anno scorso ha perso  oltre il 21% del proprio portfolio camere, dopo aver già subito un'erosione del 54,3% nel 2020. La compagnia fondata da Ritesh Agarwal, considerata fino a poco tempo fa il vero astro nascente dell'ospitalità mondiale, ha infatti subito pesantemente i contraccolpi della crisi pandemica, tanto da essere andata incontro a un piano di ristrutturazione che ha previsto il taglio del personale e un ingente piano di razionalizzazione dei costi. A causa di tali difficoltà è stato anche cancellato il previsto sbarco in Borsa dell'operatore indiano, controllato per il 47% dal conglomerato high-tech giapponese Softbank.\r\nLa top 10 Mkg       \r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nGruppo\r\n\r\nNumero Hotel\r\n\r\nNumero camere \r\nDifferenza\r\n\r\nMedia camere per hotel\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n2022 \r\n\r\n 2021\r\n 2022\r\n\r\n 2021\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n  1.\r\nMarriott\r\n\r\n 7.989\r\n\r\n 7.642\r\n1.479.179\r\n1.423.044\r\n+3,9%\r\n\r\n 185\r\n\r\n\r\n\r\n  2.\r\nJin Jiang\r\n\r\n11.716\r\n\r\n10.392\r\n1.203.170\r\n1.094.388\r\n +9,9%\r\n\r\n 103\r\n\r\n\r\n\r\n  3.\r\nHilton\r\n\r\n 6.777\r\n\r\n 6.422\r\n1.065.413\r\n1.010.257\r\n +5,5%\r\n\r\n 157\r\n\r\n\r\n\r\n  4.\r\nIhg\r\n\r\n 5.991\r\n\r\n 5.694\r\n 880.327\r\n 886.036\r\n-0,6%\r\n\r\n 147\r\n\r\n\r\n\r\n  5.\r\nWyndham\r\n\r\n 8.950\r\n\r\n 8.941\r\n 810.051\r\n 795.909\r\n +1,8%\r\n\r\n  91\r\n\r\n\r\n\r\n  6.\r\nAccor\r\n\r\n 5.298\r\n\r\n 5.139\r\n 777.714\r\n 753.344\r\n +3,2%\r\n\r\n 147\r\n\r\n\r\n\r\n  7.\r\nHuazhu\r\n\r\n 7.830\r\n\r\n 6.789\r\n 753.216\r\n 652.162\r\n+15,5%\r\n\r\n  96\r\n\r\n\r\n\r\n  8.\r\nChoice\r\n\r\n 7.030\r\n\r\n 7.147\r\n 579.746\r\n 597.797\r\n-3,0%\r\n\r\n  82\r\n\r\n\r\n\r\n  9.\r\nBth Hotels\r\n\r\n 5.624\r\n\r\n 4.895\r\n 465.588\r\n 432.453\r\n +7,7%\r\n\r\n  83\r\n\r\n\r\n\r\n 10.\r\n Oyo\r\n\r\n17.605\r\n\r\n20.591\r\n 431.613\r\n 549.000\r\n-21,4%\r\n\r\n  25\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Marriott continua a guidare la top 10 dei gruppi alberghieri globale","post_date":"2022-06-21T14:57:36+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1655823456000]}]}}

Lascia un commento