16 April 2024

1480

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Cedesi agenzia di viaggi in Roma zona Acilia Centrale, licenza "B" Ottimo fatturato, doppia vetrina, arredamento nuovo.
Tel. 06 5257272 – 338 2249919.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’apertura a Firenze dell’Anglo American Hotel Florence, lo scorso 31 marzo, ha segnato il debutto nella città del Giglio del brand Curio Collection, con un design ispirato ai movimenti artistici di inizio ‘900. "L’Italia è per noi un paese importante - afferma Alan Mantin, vicepresidente sviluppo Sud Europa del gruppo Hilton -. Volevamo essere presenti in centro città a Firenze e, dopo aver avviato i lavori nel difficile periodo del Covid, siamo fieri della nuova veste dell’Anglo American: un hotel che ha una propria storia, un’identità che è stata recuperata in ottica moderna. Crediamo che sia stato fatto un lavoro assolutamente puntuale e ora questo gioiello riapre le sue porte alla città e a una clientela internazionale che cerca esperienze uniche. Siamo certi che l’Anglo American sarà un grande successo: lo vediamo dal riscontro della clientela degli alberghi di collezione che abbiamo aperto negli ultimi anni in Italia". Oggi Hilton ha tre marchi di collezione (soft brand, ndr): "Curio Collection si posiziona nel segmento upper upscale ed è rappresentata in Italia da sette hotel: insieme con l’Anglo American a Firenze abbiamo il Britannique a Napoli, l’Aleph a Roma, Villa Torretta a Sesto e poi, in Sardegna, il Baia Sardinia a Chia e il Sulià a Porto Rotondo, con il Mangia’s Santa Teresa che aprirà a breve. Per il segmento upscale, abbiamo cinque strutture a marchio Tapestry Collection: due sono già aperte, il Cosmopolite di Roma e l’Ambasciatori di Venezia-Mestre, mentre le altre tre saranno Palazzo Caracciolo a Napoli (della stessa proprietà del Curio Britannique), la Spring House a Roma, a ridosso dei musei Vaticani, che aprirà all’inizio dell’anno prossimo e il riposizionamento dell’hotel La Rosetta, in pieno centro a Perugia. L’Umbria è una delle destinazioni emergenti per il mercato internazionale, capace di attirare turisti stranieri che hanno già soggiornato a Firenze, Roma e Milano e cercano nuove destinazioni in Italia. C’è poi il nuovo marchio nel segmento lusso, Lxr: a ottobre abbiamo annunciato la prima struttura in Italia con il riposizionamento dell’hotel Gardone sul lago di Garda, che aprirà nel 2026 dopo una ristrutturazione molto importante". "L’ospite chiede un soggiorno di qualità, ma vuole soprattutto vivere all’interno della struttura un’esperienza che sia integrata con il territorio e la destinazione - conclude Mantin -. Abbiamo queste informazioni attraverso il nostro strumento di comunicazione e di relazione con la clientela fidelizzata: il programma Hilton Honors, che oggi conta 180 milioni di iscritti. E’ un numero importante, ma la cosa più importante è che a livello mondiale il 61% delle notti occupate nei 7.500 del nostro gruppo attualmente attivi è occupata da clienti parte del nostro programma fedeltà". [post_title] => Mantin, Hilton: è il momento dei brand collezione [post_date] => 2024-04-09T12:37:22+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712666242000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile. «Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. 1000 merchant «Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. «Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo. «Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. Democratico accesso al credito «Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. Chi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. «Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda .  l’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!   ».    [post_title] => Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali [post_date] => 2024-04-08T10:56:33+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712573793000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New entry elbana per Th Resorts che raddoppia la propria presenza sull'isola con il Th Capoliveri Grand Hotel Elba International. Situata ai confini del parco nazionale dell’Arcipelago toscano, la struttura dispone di 120 camere, spiaggia privata, due piscine, due ristoranti, tre bar, centro benessere, area fitness e sala meeting. Il gruppo padovano era già presente all'Elba con un complesso composto dal residence Th Ortano Mare da 100 appartamenti, nonché dal 4 stelle da 128 camere Th Ortano Mare – Village. In Toscana la compagnia opera pure un altro 4 stelle da 148 camere: il Th Tirrenia Green Park Resort di Calambrone, nel pisano. Con questa new entry il portfolio Th sale ora a 31 proprietà, per un totale di circa 5.700 camere.  [post_title] => Th Resorts raddoppia all'Elba con il Capoliveri [post_date] => 2024-04-08T10:32:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712572345000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways ha aperto ieri il nuovo collegamento da Roma Fiumicino a Chicago O’Hare, operato da un Airbus A330neo: sei le frequenze settimanali previste, che diventeranno 7 a partire da giugno. La compagnia, con l'avvio anche della Roma-Toronto che sarò attiva dal prossimo 10 maggio, proporrà così 140 voli settimanali tra l’Italia e il Nord America. L’apertura del collegamento per Chicago, il settimo verso il Nord America, conferma la strategicità della destinazione Stati Uniti per il vettore italiano: gli Usa sono infatti il primo mercato dopo l’Italia e la nuova rotta consentirà a Ita di aggiungere un ulteriore punto di accesso strategico non solo per il traffico point to point, ma anche per le prosecuzioni verso altre destinazioni all’interno del Paese, combinando flussi di traffico leisure e business. «Questa nuova destinazione, la settima in Nord America, arricchisce ulteriormente il network intercontinentale di ItaAirways e consolida la nostra espansione verso gli Stati Uniti, primo mercato internazionale per la nostra compagnia - ha ricordato Emiliana Limosani, chief commercial officer di Ita Airways e ceo di Volare -. I molteplici collegamenti da Roma Fiumicino con New York, Boston, Washington, Miami, Los Angeles, San Francisco a cui si aggiunge la nuova Chicago rafforzano la nostra presenza sul mercato Usa, al centro della nostra strategia commerciale, aggiungendo un ulteriore punto di accesso non solo per il traffico point to point, ma anche per le prosecuzioni verso altre destinazioni all’interno del Paese». «L’inaugurazione di una nuova rotta del nostro hub carrier per gli Stati Uniti è un ottimo motivo per festeggiare – dichiara Ivan Bassato, chief aviation officer di Aeroporti di Roma - L’ingresso di Ita Airways su Chicago incrementa ulteriormente l’offerta di lungo raggio sul Nord America che, dopo i numeri record registrati lo scorso anno, continua il trend di sviluppo: quest’estate Roma sarà collegata a 18 scali tra Stati Uniti, Canada e Messico, arrivando ad offrire fino a 39 partenze al giorno, ben 5 in più rispetto ai livelli già molto alti della scorsa estate, a conferma del ruolo di Fiumicino quale hub di riferimento per il Paese». L'operativo estivo di Ita include 57 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 15 intercontinentali. Nord America, Africa e Medio Oriente saranno i mercati in cui la compagnia inaugurerà voli diretti dal suo hub di Roma Fiumicino. In particolare, a maggio, oltre a Toronto, verrà lanciato il collegamento diretto con Riyadh. A giugno sarà la volta dei voli diretti per Accra e Kuwait City, a luglio di Dakar e ad agosto di Gedda. Inoltre, nel picco della stagione estiva, ITA Airways aggiungerà 11 collegamenti stagionali nel Mediterraneo. [post_title] => Ita Airways operativa sulla Roma-Chicago sei volte a settimana. Voli giornalieri da giugno [post_date] => 2024-04-08T09:32:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712568756000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464840 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inizia l'anno col giusto passo Aegean che ha chiuso il primo trimestre 2024 con numeri significativamente positivi nel traffico passeggeri: una crescita dell'11% sia nel network domestico che in quello internazionale. Nel trimestre tradizionalmente più debole dell'anno, la compagnia aerea greca ha trasportato circa 2,9 milioni di passeggeri, 278 mila in più rispetto al 2023, a fronte di una capacità offerta di 3,5 milioni di posti. La crescita è stata altrettanto equilibrata rispetto al 2023, sia per le operazioni del network internazionale di Atene (+10%) che per quelle di Salonicco (+10%), a conferma dell'impegno del vettore a sviluppare ulteriormente il potenziale di crescita di entrambi i principali aeroporti greci con un significativo traffico internazionale durante l'inverno. La rete invernale di Aegean comprende 85 collegamenti diretti con destinazioni internazionali, 10 dei quali operati per la prima volta durante l'inverno, tra cui Bilbao, Bratislava, Tallinn e Barcellona da Salonicco, oltre alla nuova rotta per Dubai. Da sottolineare come l'aumento del traffico passeggeri internazionale abbia superato il 27% per Atene e il 32% per Salonicco rispetto al corrispondente periodo del 2019, registrando i primi risultati significativamente positivi per la compagnia e per il turismo greco, derivanti dal continuo investimento di Aegean nel mantenimento della rete, dell'interconnettività e delle frequenze del Paese durante il periodo invernale. L'anno scorso il vettore ha offerto più di 18,5 milioni di posti, con 11,1 milioni di posti internazionali, 2 milioni in più rispetto al 2022 e 800.000 in più rispetto al 2019. La rete della compagnia ha coperto un totale di 180 destinazioni in 49 Paesi con 307 rotte operate con 76 aeromobili, a seguito anche di 9 nuove consegne di aeromobili Airbus 320/321 neo. [post_title] => Aegean: passeggeri a +11% nel primo trimestre. Forte crescita del traffico internazionale [post_date] => 2024-04-04T10:07:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712225238000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464837 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono il Tenuta Primero Resort in Friuli Venezia-Giulia, le Mimose nelle Marche e l'Adriatico in Emilia-Romagna, le tre novità del 2024 di Club del Sole. Immediatamente dopo la notizia del prossimo aumento di capitale, il gruppo open-air forlivese annuncia una serie di new entry, parte di una politica di sviluppo ambiziosa che mira a raddoppiare i ricavi consolidati in quattro anni. “Siamo fiduciosi sulla strategia di crescita che abbiamo pianificato e che ci auguriamo ci permetterà di raggiungere importanti obiettivi nel prossimo quadriennio – dichiara Francesco Giondi, amministratore delegato di Club del Sole -. Il 2023 si è chiuso con ricavi consolidati pari a 100 milioni di euro, mentre la nostra stima per il 2024 parla di una crescita attesa superiore al 10%. Numeri che vanno di pari passo con un significativo aumento di presenze. Vogliamo contribuire a corroborare il tessuto economico del Paese anche attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro: nel 2028 puntiamo infatti ad avere in organico 2 mila risorse (1.300 nel 2023). Il nostro piano di sviluppo vedrà nei prossimi mesi ulteriori traguardi: l’acquisizione di nuove strutture in Trentino Alto-Adige ci consentirà di presidiare un territorio inedito per noi, rendendo, nel contempo, la nostra offerta valida per tutto l’anno. È in previsione, inoltre, il consolidamento della nostra presenza in Abruzzo”. In Friuli-Venezia Giulia, per quest'anno si aggiunge quindi al già noto Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone (Gorizia) il Tenuta Primero Resort incastonato nella laguna di Grado, con le sue opzioni di alloggio che spaziano dai bungalow fino ad arrivare ai lodge di design recentemente installati, distribuiti su una superficie di ben 120 ettari. Oltre a uno yatch club, il villaggio vanta anche un golf club con percorso a 18 buche. Nelle Marche, precisamente a Porto Sant’Elpidio, dove il gruppo è già presente con la Risacca Family Camping Village, è stato poi acquisito il villaggio le Mimose. Affacciato direttamente sul mare, la struttura dispone di diverse amenities: oltre a vantare una piscina semi-olimpionica e una vasca dedicata ai piccoli ospiti, ci sono ben 140 lodge, di cui dieci recentemente rinnovati, e una sala convegni. La proprietà dà il benvenuto anche agli amici a quattro zampe, con servizi e attività dedicate. I nuovi ingressi non potevano non includere l’Emilia-Romagna, regione in cui il gruppo conta già ben 12 proprietà. Qui, a pochi passi dal centro e dalle saline di Cervia, si aggiunge al portfolio l’Adriatico, che propone un’offerta dedicata soprattutto alle famiglie. Una piscina semi-olimpionica e una con scivoli sono gli elementi che connotano la proprietà, sviluppata su un’area di 35 mila mq e dotata di 40 alloggi e 250 piazzole. Grazie a queste acquisizioni, il portfolio di Club del Sole raggiunge una maggior eterogeneità a livello di prodotto e tocca quota 23 strutture per un totale di più di 9 mila soluzioni abitative. Ma le novità 2024 non si fermano qua e comprendono anche un ampio progetto di rinnovamento: fra gli interventi in corso si annoverano infatti  il completo restyling del Pineta Beach Village a Milano Marittima, nonché l’installazione di nuovi lodge di design e parchi gioco in varie strutture del gruppo. Novità in termini di spazi gastronomici interesseranno inoltre il Rimini Family Village, il cui stabilimento balneare farà da cornice all’inaugurazione di un nuovo ristorante, e l’Orbetello Family Camping Village, che vedrà un nuovo spazio ristorativo nell’area a bordo piscina.     [post_title] => Club del Sole: tre nuovi villaggi per il 2024. Obiettivo raddoppiare i ricavi in quattro anni [post_date] => 2024-04-04T10:06:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712225176000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464314 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Internazionalizzare la domanda, fino al 2022 generata per il 95% esclusivamente dal mercato domestico, e allungare le stagionalità. Sono questi i due principali obiettivi dell'attuale fase di sviluppo del gruppo Bluserena. Lo ha raccontato in occasione dell’Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano, il ceo del gruppo con base a Pescara, Marcello Cicalò: "Quando sono approdato qui a fine 2022, dopo che la compagnia era stata acquisita l'anno precedente dal fondo Azora, mi hanno conferito un mandato preciso: riposizionare e affinare il prodotto, mantenendo l'identità Bluserena pur in un contesto di espansione dell'offerta". La prima mossa è stata dunque quelle di investire 55 milioni di euro per la ristrutturazione di cinque dei 13 hotel in portfolio. "E quest'anno abbiamo già in programma ulteriori impegni per una trentina di milioni. Proprio in questi giorni stiamo inoltre lanciando il nostro nuovo sito corporate. Il tutto con l'idea di estendere, tra le altre cose, il nostro appeal verso gli ospiti internazionali, che sino a due anni fa pesavano appena per il 5% dei nostri arrivi". Altro tema caldo è quindi quello dell'allungamento della stagionalità: "Al momento del mio arrivo i nostri resort rimanevano aperti in media per 130 giorni all'anno. Ora vogliamo renderli operativi almeno per 150 giorni, raggiungendo in alcuni contesti come per esempio la Sicilia anche i 180 giorni di attività". A livello di nuovi sviluppi il focus è poi piuttosto vario: si va dalle coste ai laghi, passando anche per le mete ski resort, dove la compagnia possiede già oggi un indirizzo proprio. "Attualmente abbiamo due o tre operazioni particolarmente calde", ha rivelato Cicalò, che non esclude un domani neppure la possibilità di un'eventuale espansione in destinazioni urbane. "I fondi normalmente pensano a un exit strategy dopo un periodo di cinque - sette anni  - ha aggiunto il ceo -. Ma a volte si possono fare travasi tra un fondo e e un altro gestito dalla medesima società. Credo quindi che il progetto Bluserena corrente abbia un respiro di almeno dieci anni". La compagnia ha chiuso il 2023 a quasi 108 milioni di euro di fatturato, rispetto ai 96 milioni di un anno prima, quando i margini operativi lordi (ebidta) avevano raggiunto i 24 milioni, per una marginalità pari al 25,3%. "Anche in questo primo scorcio di 2024 i trend sono buoni - ha concluso Cicalò - Ci definiamo quindi cautamente ottimisti per il prosieguo dell'anno". [post_title] => Bluserena: obiettivo internazionalizzare la domanda e allungare le stagionalità [post_date] => 2024-03-26T14:06:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711461976000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. "Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani". I WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale". Bwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia. [post_title] => Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione [post_date] => 2024-03-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711367702000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fraport ha registrato fatturato ed ebitda da record per l'anno fiscale 2023, grazie alla ripresa del traffico passeggeri, in particolare negli aeroporti del gruppo al di fuori della Germania. Grazie a questo trend positivo l'utile netto ha raggiunto i 430,5 milioni di euro. «Il traffico ha continuato a svilupparsi in modo dinamico per tutto il 2023 - ha commentato Stefan Schulte, ceo di Fraport AG -. Fraport ha beneficiato di questa tendenza soprattutto grazie al suo ampio portafoglio internazionale. I nostri aeroporti nei mercati greco e turco hanno addirittura raggiunto nuovi record di passeggeri nel 2023. La nostra base, l'aeroporto di Francoforte, ha continuato a registrare la ripresa più forte di tutti i principali aeroporti tedeschi. Tuttavia, con un livello di passeggeri pari all'84% dei livelli pre-crisi, Francoforte è ancora in netto ritardo rispetto agli altri competitor europei. «Il principale fattore frenante sono stati gli elevati costi legati alla posizione, con la percentuale di tasse e tariffe imposte dalle autorità di regolamentazione che è raddoppiata dal 2019. Se le tasse sull'aviazione civile e i diritti per la sicurezza dell'aviazione saranno ulteriormente aumentati, come previsto dal governo, gli operatori aeroportuali in Germania dovranno affrontare condizioni ancora più difficili che esulano dalla loro diretta sfera di influenza. Il governo dovrebbe cambiare rotta e sostenere il nostro settore nel passaggio a operazioni senza emissioni di carbonio e in altre importanti iniziative». L'aumento del volume dei passeggeri ha fatto crescere i ricavi annuali del Gruppo del 25,2%, raggiungendo un nuovo record di 4 miliardi di euro (2022: 3,19 miliardi di euro); il risultato operativo del gruppo è salito al nuovo livello record di 1,20 miliardi di euro, quasi il +17% rispetto al 2022. Nel 2023 il numero di passeggeri ha continuato a crescere nella maggior parte degli aeroporti del Gruppo Fraport con A Francoforte che ha totalizzato 59,4 milioni di passeggeri (+21%); gli aeroporti affiliati al di fuori della Germania sono cresciuti ancora di più. I gateway greci si sono distinti in modo particolare, registrando un incremento dell'11,8% rispetto ai livelli del 2019 e superando così nettamente i numeri pre-crisi. Anche l'aeroporto di Antalya ha raggiunto un nuovo record di 35,7 milioni di passeggeri. [post_title] => Ricavi record a quota 4 miliardi di euro per gli aeroporti del gruppo Fraport [post_date] => 2024-03-20T09:15:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710926145000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1480" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":259,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465028","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’apertura a Firenze dell’Anglo American Hotel Florence, lo scorso 31 marzo, ha segnato il debutto nella città del Giglio del brand Curio Collection, con un design ispirato ai movimenti artistici di inizio ‘900. \"L’Italia è per noi un paese importante - afferma Alan Mantin, vicepresidente sviluppo Sud Europa del gruppo Hilton -. Volevamo essere presenti in centro città a Firenze e, dopo aver avviato i lavori nel difficile periodo del Covid, siamo fieri della nuova veste dell’Anglo American: un hotel che ha una propria storia, un’identità che è stata recuperata in ottica moderna. Crediamo che sia stato fatto un lavoro assolutamente puntuale e ora questo gioiello riapre le sue porte alla città e a una clientela internazionale che cerca esperienze uniche. Siamo certi che l’Anglo American sarà un grande successo: lo vediamo dal riscontro della clientela degli alberghi di collezione che abbiamo aperto negli ultimi anni in Italia\". \r\nOggi Hilton ha tre marchi di collezione (soft brand, ndr): \"Curio Collection si posiziona nel segmento upper upscale ed è rappresentata in Italia da sette hotel: insieme con l’Anglo American a Firenze abbiamo il Britannique a Napoli, l’Aleph a Roma, Villa Torretta a Sesto e poi, in Sardegna, il Baia Sardinia a Chia e il Sulià a Porto Rotondo, con il Mangia’s Santa Teresa che aprirà a breve. Per il segmento upscale, abbiamo cinque strutture a marchio Tapestry Collection: due sono già aperte, il Cosmopolite di Roma e l’Ambasciatori di Venezia-Mestre, mentre le altre tre saranno Palazzo Caracciolo a Napoli (della stessa proprietà del Curio Britannique), la Spring House a Roma, a ridosso dei musei Vaticani, che aprirà all’inizio dell’anno prossimo e il riposizionamento dell’hotel La Rosetta, in pieno centro a Perugia. L’Umbria è una delle destinazioni emergenti per il mercato internazionale, capace di attirare turisti stranieri che hanno già soggiornato a Firenze, Roma e Milano e cercano nuove destinazioni in Italia. C’è poi il nuovo marchio nel segmento lusso, Lxr: a ottobre abbiamo annunciato la prima struttura in Italia con il riposizionamento dell’hotel Gardone sul lago di Garda, che aprirà nel 2026 dopo una ristrutturazione molto importante\". \r\n\"L’ospite chiede un soggiorno di qualità, ma vuole soprattutto vivere all’interno della struttura un’esperienza che sia integrata con il territorio e la destinazione - conclude Mantin -. Abbiamo queste informazioni attraverso il nostro strumento di comunicazione e di relazione con la clientela fidelizzata: il programma Hilton Honors, che oggi conta 180 milioni di iscritti. E’ un numero importante, ma la cosa più importante è che a livello mondiale il 61% delle notti occupate nei 7.500 del nostro gruppo attualmente attivi è occupata da clienti parte del nostro programma fedeltà\".","post_title":"Mantin, Hilton: è il momento dei brand collezione","post_date":"2024-04-09T12:37:22+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712666242000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile.\r\n«Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. \r\n\r\n1000 merchant\r\n«Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. \r\n«Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo.\r\n«Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. \r\n\r\nDemocratico accesso al credito\r\n«Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. \r\nChi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. \r\n«Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda . \r\nl’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!\r\n\r\n \r\n». \r\n\r\n ","post_title":"Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali","post_date":"2024-04-08T10:56:33+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712573793000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New entry elbana per Th Resorts che raddoppia la propria presenza sull'isola con il Th Capoliveri Grand Hotel Elba International. Situata ai confini del parco nazionale dell’Arcipelago toscano, la struttura dispone di 120 camere, spiaggia privata, due piscine, due ristoranti, tre bar, centro benessere, area fitness e sala meeting.\r\n\r\nIl gruppo padovano era già presente all'Elba con un complesso composto dal residence Th Ortano Mare da 100 appartamenti, nonché dal 4 stelle da 128 camere Th Ortano Mare – Village. In Toscana la compagnia opera pure un altro 4 stelle da 148 camere: il Th Tirrenia Green Park Resort di Calambrone, nel pisano. Con questa new entry il portfolio Th sale ora a 31 proprietà, per un totale di circa 5.700 camere. ","post_title":"Th Resorts raddoppia all'Elba con il Capoliveri","post_date":"2024-04-08T10:32:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712572345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways ha aperto ieri il nuovo collegamento da Roma Fiumicino a Chicago O’Hare, operato da un Airbus A330neo: sei le frequenze settimanali previste, che diventeranno 7 a partire da giugno. La compagnia, con l'avvio anche della Roma-Toronto che sarò attiva dal prossimo 10 maggio, proporrà così 140 voli settimanali tra l’Italia e il Nord America.\r\nL’apertura del collegamento per Chicago, il settimo verso il Nord America, conferma la strategicità della destinazione Stati Uniti per il vettore italiano: gli Usa sono infatti il primo mercato dopo l’Italia e la nuova rotta consentirà a Ita di aggiungere un ulteriore punto di accesso strategico non solo per il traffico point to point, ma anche per le prosecuzioni verso altre destinazioni all’interno del Paese, combinando flussi di traffico leisure e business.\r\n«Questa nuova destinazione, la settima in Nord America, arricchisce ulteriormente il network intercontinentale di ItaAirways e consolida la nostra espansione verso gli Stati Uniti, primo mercato internazionale per la nostra compagnia - ha ricordato Emiliana Limosani, chief commercial officer di Ita Airways e ceo di Volare -. I molteplici collegamenti da Roma Fiumicino con New York, Boston, Washington, Miami, Los Angeles, San Francisco a cui si aggiunge la nuova Chicago rafforzano la nostra presenza sul mercato Usa, al centro della nostra strategia commerciale, aggiungendo un ulteriore punto di accesso non solo per il traffico point to point, ma anche per le prosecuzioni verso altre destinazioni all’interno del Paese».\r\n«L’inaugurazione di una nuova rotta del nostro hub carrier per gli Stati Uniti è un ottimo motivo per festeggiare – dichiara Ivan Bassato, chief aviation officer di Aeroporti di Roma - L’ingresso di Ita Airways su Chicago incrementa ulteriormente l’offerta di lungo raggio sul Nord America che, dopo i numeri record registrati lo scorso anno, continua il trend di sviluppo: quest’estate Roma sarà collegata a 18 scali tra Stati Uniti, Canada e Messico, arrivando ad offrire fino a 39 partenze al giorno, ben 5 in più rispetto ai livelli già molto alti della scorsa estate, a conferma del ruolo di Fiumicino quale hub di riferimento per il Paese».\r\nL'operativo estivo di Ita include 57 destinazioni, di cui 16 nazionali, 26 internazionali e 15 intercontinentali. Nord America, Africa e Medio Oriente saranno i mercati in cui la compagnia inaugurerà voli diretti dal suo hub di Roma Fiumicino. In particolare, a maggio, oltre a Toronto, verrà lanciato il collegamento diretto con Riyadh. A giugno sarà la volta dei voli diretti per Accra e Kuwait City, a luglio di Dakar e ad agosto di Gedda. Inoltre, nel picco della stagione estiva, ITA Airways aggiungerà 11 collegamenti stagionali nel Mediterraneo.","post_title":"Ita Airways operativa sulla Roma-Chicago sei volte a settimana. Voli giornalieri da giugno","post_date":"2024-04-08T09:32:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712568756000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464840","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inizia l'anno col giusto passo Aegean che ha chiuso il primo trimestre 2024 con numeri significativamente positivi nel traffico passeggeri: una crescita dell'11% sia nel network domestico che in quello internazionale. Nel trimestre tradizionalmente più debole dell'anno, la compagnia aerea greca ha trasportato circa 2,9 milioni di passeggeri, 278 mila in più rispetto al 2023, a fronte di una capacità offerta di 3,5 milioni di posti.\r\n\r\nLa crescita è stata altrettanto equilibrata rispetto al 2023, sia per le operazioni del network internazionale di Atene (+10%) che per quelle di Salonicco (+10%), a conferma dell'impegno del vettore a sviluppare ulteriormente il potenziale di crescita di entrambi i principali aeroporti greci con un significativo traffico internazionale durante l'inverno. La rete invernale di Aegean comprende 85 collegamenti diretti con destinazioni internazionali, 10 dei quali operati per la prima volta durante l'inverno, tra cui Bilbao, Bratislava, Tallinn e Barcellona da Salonicco, oltre alla nuova rotta per Dubai.\r\n\r\nDa sottolineare come l'aumento del traffico passeggeri internazionale abbia superato il 27% per Atene e il 32% per Salonicco rispetto al corrispondente periodo del 2019, registrando i primi risultati significativamente positivi per la compagnia e per il turismo greco, derivanti dal continuo investimento di Aegean nel mantenimento della rete, dell'interconnettività e delle frequenze del Paese durante il periodo invernale.\r\n\r\nL'anno scorso il vettore ha offerto più di 18,5 milioni di posti, con 11,1 milioni di posti internazionali, 2 milioni in più rispetto al 2022 e 800.000 in più rispetto al 2019. La rete della compagnia ha coperto un totale di 180 destinazioni in 49 Paesi con 307 rotte operate con 76 aeromobili, a seguito anche di 9 nuove consegne di aeromobili Airbus 320/321 neo.","post_title":"Aegean: passeggeri a +11% nel primo trimestre. Forte crescita del traffico internazionale","post_date":"2024-04-04T10:07:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712225238000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464837","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono il Tenuta Primero Resort in Friuli Venezia-Giulia, le Mimose nelle Marche e l'Adriatico in Emilia-Romagna, le tre novità del 2024 di Club del Sole. Immediatamente dopo la notizia del prossimo aumento di capitale, il gruppo open-air forlivese annuncia una serie di new entry, parte di una politica di sviluppo ambiziosa che mira a raddoppiare i ricavi consolidati in quattro anni.\r\n\r\n“Siamo fiduciosi sulla strategia di crescita che abbiamo pianificato e che ci auguriamo ci permetterà di raggiungere importanti obiettivi nel prossimo quadriennio – dichiara Francesco Giondi, amministratore delegato di Club del Sole -. Il 2023 si è chiuso con ricavi consolidati pari a 100 milioni di euro, mentre la nostra stima per il 2024 parla di una crescita attesa superiore al 10%. Numeri che vanno di pari passo con un significativo aumento di presenze. Vogliamo contribuire a corroborare il tessuto economico del Paese anche attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro: nel 2028 puntiamo infatti ad avere in organico 2 mila risorse (1.300 nel 2023). Il nostro piano di sviluppo vedrà nei prossimi mesi ulteriori traguardi: l’acquisizione di nuove strutture in Trentino Alto-Adige ci consentirà di presidiare un territorio inedito per noi, rendendo, nel contempo, la nostra offerta valida per tutto l’anno. È in previsione, inoltre, il consolidamento della nostra presenza in Abruzzo”.\r\n\r\nIn Friuli-Venezia Giulia, per quest'anno si aggiunge quindi al già noto Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone (Gorizia) il Tenuta Primero Resort incastonato nella laguna di Grado, con le sue opzioni di alloggio che spaziano dai bungalow fino ad arrivare ai lodge di design recentemente installati, distribuiti su una superficie di ben 120 ettari. Oltre a uno yatch club, il villaggio vanta anche un golf club con percorso a 18 buche.\r\n\r\nNelle Marche, precisamente a Porto Sant’Elpidio, dove il gruppo è già presente con la Risacca Family Camping Village, è stato poi acquisito il villaggio le Mimose. Affacciato direttamente sul mare, la struttura dispone di diverse amenities: oltre a vantare una piscina semi-olimpionica e una vasca dedicata ai piccoli ospiti, ci sono ben 140 lodge, di cui dieci recentemente rinnovati, e una sala convegni. La proprietà dà il benvenuto anche agli amici a quattro zampe, con servizi e attività dedicate.\r\n\r\nI nuovi ingressi non potevano non includere l’Emilia-Romagna, regione in cui il gruppo conta già ben 12 proprietà. Qui, a pochi passi dal centro e dalle saline di Cervia, si aggiunge al portfolio l’Adriatico, che propone un’offerta dedicata soprattutto alle famiglie. Una piscina semi-olimpionica e una con scivoli sono gli elementi che connotano la proprietà, sviluppata su un’area di 35 mila mq e dotata di 40 alloggi e 250 piazzole.\r\n\r\nGrazie a queste acquisizioni, il portfolio di Club del Sole raggiunge una maggior eterogeneità a livello di prodotto e tocca quota 23 strutture per un totale di più di 9 mila soluzioni abitative. Ma le novità 2024 non si fermano qua e comprendono anche un ampio progetto di rinnovamento: fra gli interventi in corso si annoverano infatti  il completo restyling del Pineta Beach Village a Milano Marittima, nonché l’installazione di nuovi lodge di design e parchi gioco in varie strutture del gruppo. Novità in termini di spazi gastronomici interesseranno inoltre il Rimini Family Village, il cui stabilimento balneare farà da cornice all’inaugurazione di un nuovo ristorante, e l’Orbetello Family Camping Village, che vedrà un nuovo spazio ristorativo nell’area a bordo piscina.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Club del Sole: tre nuovi villaggi per il 2024. Obiettivo raddoppiare i ricavi in quattro anni","post_date":"2024-04-04T10:06:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712225176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464314","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Internazionalizzare la domanda, fino al 2022 generata per il 95% esclusivamente dal mercato domestico, e allungare le stagionalità. Sono questi i due principali obiettivi dell'attuale fase di sviluppo del gruppo Bluserena. Lo ha raccontato in occasione dell’Hotellerie Summit di Pambianco alla Borsa di Milano, il ceo del gruppo con base a Pescara, Marcello Cicalò: \"Quando sono approdato qui a fine 2022, dopo che la compagnia era stata acquisita l'anno precedente dal fondo Azora, mi hanno conferito un mandato preciso: riposizionare e affinare il prodotto, mantenendo l'identità Bluserena pur in un contesto di espansione dell'offerta\".\r\n\r\nLa prima mossa è stata dunque quelle di investire 55 milioni di euro per la ristrutturazione di cinque dei 13 hotel in portfolio. \"E quest'anno abbiamo già in programma ulteriori impegni per una trentina di milioni. Proprio in questi giorni stiamo inoltre lanciando il nostro nuovo sito corporate. Il tutto con l'idea di estendere, tra le altre cose, il nostro appeal verso gli ospiti internazionali, che sino a due anni fa pesavano appena per il 5% dei nostri arrivi\".\r\n\r\nAltro tema caldo è quindi quello dell'allungamento della stagionalità: \"Al momento del mio arrivo i nostri resort rimanevano aperti in media per 130 giorni all'anno. Ora vogliamo renderli operativi almeno per 150 giorni, raggiungendo in alcuni contesti come per esempio la Sicilia anche i 180 giorni di attività\".\r\n\r\nA livello di nuovi sviluppi il focus è poi piuttosto vario: si va dalle coste ai laghi, passando anche per le mete ski resort, dove la compagnia possiede già oggi un indirizzo proprio. \"Attualmente abbiamo due o tre operazioni particolarmente calde\", ha rivelato Cicalò, che non esclude un domani neppure la possibilità di un'eventuale espansione in destinazioni urbane. \"I fondi normalmente pensano a un exit strategy dopo un periodo di cinque - sette anni  - ha aggiunto il ceo -. Ma a volte si possono fare travasi tra un fondo e e un altro gestito dalla medesima società. Credo quindi che il progetto Bluserena corrente abbia un respiro di almeno dieci anni\".\r\n\r\nLa compagnia ha chiuso il 2023 a quasi 108 milioni di euro di fatturato, rispetto ai 96 milioni di un anno prima, quando i margini operativi lordi (ebidta) avevano raggiunto i 24 milioni, per una marginalità pari al 25,3%. \"Anche in questo primo scorcio di 2024 i trend sono buoni - ha concluso Cicalò - Ci definiamo quindi cautamente ottimisti per il prosieguo dell'anno\".","post_title":"Bluserena: obiettivo internazionalizzare la domanda e allungare le stagionalità","post_date":"2024-03-26T14:06:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711461976000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. \"Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani\". \r\nI WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale\". \r\nBwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia.\r\n","post_title":"Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione","post_date":"2024-03-25T11:55:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711367702000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fraport ha registrato fatturato ed ebitda da record per l'anno fiscale 2023, grazie alla ripresa del traffico passeggeri, in particolare negli aeroporti del gruppo al di fuori della Germania. Grazie a questo trend positivo l'utile netto ha raggiunto i 430,5 milioni di euro.\r\n\r\n«Il traffico ha continuato a svilupparsi in modo dinamico per tutto il 2023 - ha commentato Stefan Schulte, ceo di Fraport AG -. Fraport ha beneficiato di questa tendenza soprattutto grazie al suo ampio portafoglio internazionale. I nostri aeroporti nei mercati greco e turco hanno addirittura raggiunto nuovi record di passeggeri nel 2023. La nostra base, l'aeroporto di Francoforte, ha continuato a registrare la ripresa più forte di tutti i principali aeroporti tedeschi. Tuttavia, con un livello di passeggeri pari all'84% dei livelli pre-crisi, Francoforte è ancora in netto ritardo rispetto agli altri competitor europei.\r\n\r\n«Il principale fattore frenante sono stati gli elevati costi legati alla posizione, con la percentuale di tasse e tariffe imposte dalle autorità di regolamentazione che è raddoppiata dal 2019. Se le tasse sull'aviazione civile e i diritti per la sicurezza dell'aviazione saranno ulteriormente aumentati, come previsto dal governo, gli operatori aeroportuali in Germania dovranno affrontare condizioni ancora più difficili che esulano dalla loro diretta sfera di influenza. Il governo dovrebbe cambiare rotta e sostenere il nostro settore nel passaggio a operazioni senza emissioni di carbonio e in altre importanti iniziative».\r\n\r\nL'aumento del volume dei passeggeri ha fatto crescere i ricavi annuali del Gruppo del 25,2%, raggiungendo un nuovo record di 4 miliardi di euro (2022: 3,19 miliardi di euro); il risultato operativo del gruppo è salito al nuovo livello record di 1,20 miliardi di euro, quasi il +17% rispetto al 2022.\r\n\r\nNel 2023 il numero di passeggeri ha continuato a crescere nella maggior parte degli aeroporti del Gruppo Fraport con A Francoforte che ha totalizzato 59,4 milioni di passeggeri (+21%); gli aeroporti affiliati al di fuori della Germania sono cresciuti ancora di più. I gateway greci si sono distinti in modo particolare, registrando un incremento dell'11,8% rispetto ai livelli del 2019 e superando così nettamente i numeri pre-crisi. Anche l'aeroporto di Antalya ha raggiunto un nuovo record di 35,7 milioni di passeggeri.","post_title":"Ricavi record a quota 4 miliardi di euro per gli aeroporti del gruppo Fraport","post_date":"2024-03-20T09:15:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710926145000]}]}}

Lascia un commento