28 May 2024

1447

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

T.O.
Seleziona risorse per le zone:
Lombardia, Triveneto,Toscana, Emilia Romagna/ Marche, Lazio.
Richiesta esperienza nel settore.
Offresi plurimandato in regime enasarco.
Inviare curriculum e foto a:
commerciale@siramani.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467715 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Saudia (Saudia e la divisione low cost (flyadeal) ha siglato un ordine fermo per altri 105 aeromobili della Famiglia A320neo, di cui 12 A320neo e 93 A321neo, che porta il totale a quota 144 velivoli. «Saudia ha obiettivi operativi ambiziosi per soddisfare la domanda in crescita - ha commentato Ibrahim Al-Omar, direttore generale del Gruppo Saudia -. Stiamo incrementando i voli e la capacità in termini di posti per le nostre oltre 100 destinazioni offerte in quattro continenti, e pianifichiamo un'ulteriore espansione. I progressi della "Saudi Vision 2030" attirano ogni anno un numero maggiore di visitatori, turisti, imprenditori e pellegrini. Questo ha motivato la nostra decisione di assicurarci questo importante accordo, che creerà posti di lavoro, incrementerà il contenuto locale e contribuirà all'economia nazionale».  «I nuovi aeromobili consentiranno alla strategia del Gruppo Saudia di far progredire le capacità aeronautiche del Regno, permettendo al contempo a entrambe le compagnie aeree di beneficiare dell'eccezionale efficienza e performance economica, dei massimi livelli di comfort per i passeggeri e della riduzione dei consumi di carburante e delle emissioni della Famiglia A320neo» ha aggiuntoBenoît de Saint-Exupéry, executive vice president sales della divisione Commercial Aircraft. L'Arabia Saudita sta creando opportunità senza precedenti per l'aviazione globale grazie alla Strategia Nazionale Saudita per il Turismo, che ha come obiettivo oltre 150 milioni di turisti entro il 2030.  [post_title] => Gruppo Saudia: nuovo ordine per 105 velivoli della famiglia A320neo [post_date] => 2024-05-21T09:34:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716284043000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La decisione era nell'aria da settimane ma ora arriva la conferma ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere. Nelle informazioni aggiuntive alla trimestrale chiusa lo scorso 31 marzo, Tamburi Investment Partners, azionista di riferimento del più grande operatore del turismo italiano, sottolinea come nel periodo in esame sia "proseguita l’attività mirata alla valorizzazione del gruppo Alpitour che, come noto, abbiamo previsto di rallentare vista la bontà dei risultati in corso e il rafforzamento delle prospettive positive". Il gruppo torinese ha in particolare migliorato ulteriormente i propri margini operativi lordi (ebitda), dopo aver registrato nel 2023, per la prima volta nella sua storia, un primo trimestre finanziario positivo a livello di ebitda, confermando il trend estremamente positivo che consente di dimostrare come il salto di redditività registrato di recente possa essere considerato strutturale". La nota prosegue inoltre con una serie di considerazioni sul contesto attuale, nel quale le operazioni "di mergers and acquisitions continuano, seppur piano, a scendere", nonostante i mercati finanziari proseguano invece a macinare record. Due trend apparentemente antitetici che, secondo Tip, possono essere fatti risalire a cinque concause concomitanti: "Le banche centrali fanno molta fatica ad avviare il pur previsto piano di easing per evitare, con l’inflazione, di fare sbagli ancor più grandi; l’economia reale è in chiaro rallentamento quasi ovunque, ma in pochi realizzano che, dopo la fortissima crescita del 21/22, era normale e sano un consolidamento. Liquidità L’enorme liquidità riversata sui mercati nel post Covid sta chiaramente drogando un po' tutte le asset class, creando un forte disorientamento nella maggior parte degli operatori; in un contesto storicamente meno volatile, quello delle mergers and acquisitions, si nota innanzitutto una forte carenza di deals in uscita da parte dei fondi di private equity, che evidentemente non riescono a realizzare quanto previsto e preferiscono attendere. A fronte, l’enorme liquidità delle società industriali sta facendo aumentare il desiderio di add on e fusioni con contenuto strategico e si sta delineando un chiaro trend di combinazioni societarie basate sulle sinergie; i fenomeni di cui sopra stanno quindi dando vita a un sensibile, ancorché graduale, ridimensionamento delle valutazioni, a partire da quei multipli tanto citati e presi a esempio come parametri effettivamente validi per stabilire sia valori sia prezzi delle aziende". A livello consolidato Tip ha peraltro chiuso i primi tre mesi del 2024 con un utile netto consolidato pro forma di 29,4 milioni di euro, che cresce di oltre il 50% rispetto ai 19,6 milioni di un anno prima. Il patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2024 è di circa 1,48 miliardi, rispetto agli 1,44 miliardi dello scorso 31 dicembre. "In questo contesto - conclude la nota - in Tip vediamo aumentare il numero dei dossier di potenziale investimento, ma continuiamo a non vedere urgenza di concretizzare operazioni, se non di particolare interesse". [post_title] => Tamburi, ora è ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere [post_date] => 2024-05-16T15:27:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715873232000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Toscana Promozione Turistica ha pubblicato il terzo numero del report su arrivi e presenze, curato dal Dipartimento di Economia dell’Università Cà Foscari. L’analisi (che per la prima volta è ottenuta integrando vari strumenti) si articola in varie categorie: arrivi e presenze turistiche 2022 e 2023 a confronto, sentiment medio, suddiviso per i comparti di attrazioni, ristorazione, ricettività e affitti brevi, tariffe e saturazione dei comparti ricettivi, sempre a confronto con il 2022. Tra le novità l'analisi  delle presenze per ambito sulla base delle celle telefoniche e un focus sull‘andamento degli arrivi da alcuni specifici paesi di provenienza - in particolare Stati Uniti, Francia e Germania. I dati puntano a delineare l’andamento dei flussi in regione e di compiere un bilancio complessivo per il 2023 e confrontarlo con quello dell’anno precedente. Arrivi e presenze. Viene evidenziato anzitutto un aumento medio degli arrivi del 21% rispetto al 2022, marcato soprattutto nei mesi invernali (+67% a gennaio). Riguardo alle presenze l’aumento medio si attesta a quasi il 18%, con punte nel trimestre gennaio-marzo. Il periodo estivo resta quello col maggior afflusso di visitatori. Rispetto alla provenienza, il turismo domestico ha evidenziato lievi aumenti sia degli arrivi (+3,09%) che delle presenze (+3,32%) in confronto al 2022 con punte nel primo quadrimestre ed una diminuzione a partire dal mese di      maggio. Il dato di quello internazionale è sensibilmente più elevato: +56% gli arrivi e +42% le presenze con un aumento costante a partire da aprile. Una mappa con differenti colorazioni indica la distribuzione media annuale dei punti di interesse per provincia rispetto ai comparti  ricettività, affitti brevi, attrazioni e ristorazione. La provincia con la maggior densità è Firenze. Seguono Pisa, Siena e Livorno.  Il report fa poi un’analisi più dettagliata per gli ambiti turistici più popolari. Dati celle telefoniche. Consentono di tracciare i movimenti dei telefoni cellulari ed essere utilizzati per analizzare i flussi dei turisti, identificare le rotte di viaggio preferite e comprendere i comportamenti di movimento dei visitatori in determinate aree turistiche. Il report indica aumenti da aprile a settembre e picchi di ricezione durante la stagione estiva, in particolare nei mesi di luglio e agosto. Gli arrivi del 2023 mostrano come le provenienze degli arrivi e delle presenze sono in gran parte Statunitensi (16,1 e 14,7), a seguire Tedeschi (12,3 e 18,6) e Francesi (6,9 e 6,2). [post_title] => Toscana, focus sui arrivi e presenze: una nuova analisi che integra vari strumenti [post_date] => 2024-05-16T11:33:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715859238000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466228 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il nuovo Bio Nature Pool nel Parco delle Terme di Merano (15 maggio la riapertura) offre un’esperienza di benessere tutta naturale.  Con una superficie d'acqua di quasi 1.200 mq e una profondità compresa tra 1,40 e 2 metri, il Bio Nature Pool è una piscina naturale ideale per il nuoto. A bordo vasca si trovano piattaforme in legno per il relax e tutt’intorno quasi 6.000 piante ripariali, tra cui iris di palude, salcerella ed erba della Pampas che favoriscono l’ecosistema acquatico realizzato attraverso un sistema complesso di filtraggio biologico. A vantaggio sicuramente dell’ambiente, visto che non c’è bisogno di cambiare l'acqua, ma anche della pelle dei bagnanti. L'acqua dolce e delicata infatti è inodore, senza disinfettanti e per questo adatta anche a chi soffre di allergie. Ai confini con il Bio Nature Pool si trova il laghetto ricoperto di ninfee e più in là le altre piscine immerse nel parco, a completare l’esperienza di benessere nella natura.  Il parco non ospita solamente il Bio Nature Pool, sono molte le piscine a disposizione degli ospiti con la bella stagione. Dalla piscina sportiva di 33 metri ideale per il nuoto alle vasche con acqua fredda e calda, dal bagno con acqua di sorgente al percorso Kneipp. Il relax è assicurato grazie al prato curato, con lettini per l’abbronzatura e zone d’ombra, alberi secolari e aiuole fiorite, il tutto contornato dalla vista sulle cime del gruppo del Tessa.  Distribuite nel parco si trovano anche 8 Relax Lounge con lettino di design per una coccola di lusso in più e uno spazio di intimità garantito.  65 attrezzature, 50 ore settimanali di corsi, 712 mq di area training. Sono questi i numeri del Fitness Center delle Terme Merano. Perdere peso, aumentare la massa muscolare, migliorare la condizione atletica, potenziare mobilità, resistenza ed equilibrio: qualsiasi sia l’obiettivo, qui è a portata di mano grazie ad attrezzature e programmi all’avanguardia, ai numerosi corsi organizzati, alla passione e professionalità dei trainer. Con la bella stagione gli sportivi hanno una possibilità in più: l’allenamento outdoor nella piattaforma fitness situata nel Parco termale. Una spazio pensato appositamente per i corsi di gruppo da svolgere all’aria aperta a contatto con la natura.  A Maia Alta di Merano l’Hotel Juliane****, partner delle Terme Merano, propone il pacchetto “Magica fioritura e benessere” comprensivo di: 5 pernottamenti in mezza pensione, 1 biglietto d’ingresso ai Giardini di Castel Trauttmansdorff e 1 ingresso alle Terme Merano. Costo a partire da 718 euro a persona.    ­ [post_title] => Parco delle Terme Merano riapre il 15 maggio con il nuovo Bio Nature Pool [post_date] => 2024-04-26T09:54:15+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714125255000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466179 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per l'Osservatorio Emma Villas è record di prenotazioni per i weekend lunghi del 25 aprile e del 1° maggio che segnano un incremento nel numero delle prenotazioni delle ville del 76% sul 2022 (+44% sul 2023).  25 Aprile è il week end lungo più amato, con un aumento delle prenotazioni del +122% vs 2022 (e del +81% rispetto al 2023) battendo così il Primo Maggio, che registra un +48% rispetto alle prenotazioni del 2022 e del +21% rispetto al 2023. A scegliere la soluzione della villa di pregio sono gli italiani, ma spicca la presenza di turisti stranieri: primi in classifica gli olandesi, seguiti dagli statunitensi, polacchi (questi ultimi con un +144% di presenze sul 2023) e tedeschi. Le regioni con la crescita più marcata per questo periodo sono le Marche, Toscana e Sicilia, con una crescita rispettivamente del +120%, +61% e +45% di prenotazioni rispetto allo scorso anno. Emma Villas registra risultati positivi anche per quanto concerne il bilancio aziendale, che nel 2023 ha registrato ricavi in aumento del +15%, e con la recente acquisizione della società Marche Holiday Villas che ha portato a un incremento del portfolio di Emma Villas nelle Marche, regione molto richiesta dai turisti stranieri, di 23 proprietà in gestione esclusiva. In particolare, rispetto al 2022, le prenotazioni per ville e casali di pregio sono cresciute passando da 5.692 del 2022 a 6.015 nel 2023 (+5,7%), con un aumento anche del numero di settimane prenotate (passate da 7.390 del 2022 a 7.633 settimane nel 2023). «La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale per vivere esperienze uniche e autentiche anche per delle fughe dalla quotidianità, scelte sia dai nostri connazionali che dai turisti stranieri – afferma Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas – Un trend, quello della scelta di una dimora di pregio per le proprie vacanze, testimoniato anche dai nostri risultati in forte crescita, sia annuali che stagionali. Infatti, solo in questo periodo abbiamo registrato un +76% nel numero di prenotazioni rispetto al 2022, con picchi regionali di importante crescita. Rispetto allo scorso anno le regioni che per il periodo hanno registrato una crescita più marcata sono state le Marche, per le quali abbiamo assistito ad un +120% nel numero delle prenotazioni, ma anche la Toscana e la Sicilia. I dati registrati nelle Marche ci hanno spinto a confermare la strategia di crescita dell’azienda anche per linee esterne e ad acquisire la società Marche Holidays, operatore molto interessante del territorio che porta in dote 23 nuove proprietà di pregio in esclusiva nella regione».     [post_title] => Osservatorio Emma Villas, record di prenotazioni per i Ponti su Marche, Toscana e Sicilia [post_date] => 2024-04-26T08:37:57+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714120677000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465694 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’aeroporto di Olbia è saldamente alla guida della crescita degli scali sardi: nel 2023 ha infatti registrato un incremento del 10,9% dei passeggeri rispetto al 2019. E’ l’unico aeroporto della Sardegna a registrare un valore così positivo in termini percentuali rispetto al periodo pre-Covid. A Cagliari la crescita rispetto al 2019 è stata del +2,6%, ma il dato è molto positivo nel confronto fra 2022 e 2023, dove l’incremento è stato del 10,4%. In Sardegna si è passati da 4,7 milioni di passeggeri a quasi 4,9 milioni nel 2023. Olbia aveva registrato nel 2019 2,9 milioni di passeggeri mentre lo scorso anno il numero degli arrivi è salito a 3,2 milioni di persone; dal 2022 al 2023 a Olbia l’incremento è stato più contenuto, cioè del 3,7%, mentre è Cagliari ha mostrare il dato più alto (10,4%). Cala invece Alghero, con meno di 1,5 milioni di passeggeri nel 2023 e una riduzione del 2,3% degli arrivi rispetto al 2022, mentre rispetto al 2019 ha segnato una crescita del 7,7%. Da evidenziare la performance particolarmente positiva delle rotte internazionali: a Olbia sono arrivati a 1,42 milioni di passeggeri (13,9% nel 2023) superando Cagliari, mentre risulta in calo il dato domestico (-3%). Ad Alghero la situazione è inversa, in quanto il traffico internazionale ha registrato una decrescita del 10% sui collegamenti. [post_title] => Sardegna: il traffico internazionale dell'aeroporto di Olbia cresce a doppia cifra sul 2019 [post_date] => 2024-04-17T09:43:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713346981000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465188 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali. E' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni. In crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari. "Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi". Le previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore. Si stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.   [post_title] => Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019 [post_date] => 2024-04-10T09:39:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712741973000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464693 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019. Se confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro. Secondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia. La recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022. Gli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19. Gli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%). Performance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022. Infine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro. Dai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro).  [post_title] => Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico [post_date] => 2024-04-02T11:40:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712058005000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bilancio 2023 positivo per l'aeroporto Marconi di Bologna che archivia il 2023 con ricavi consolidati per 145,1 milioni di euro, +7,8% rispetto al 2022, e pari ad una crescita del +15,9% se confrontati con il 2019. L'ebit del Marconi si è attestato a 25,8 milioni di euro contro un risultato di 36 milioni del 2022 (14,7 milioni al netto del Contributo Covid) e di 31,1 milioni di euro nell’ultimo anno pre-Covid. L'esercizio si chiude con un utile consolidato di 16,7 milioni di euro contro 31,1 milioni del 2022 (di cui 21,1 milioni dovuti al contributo derivante dal Fondo di compensazione). Al netto di tale contributo straordinario, l’utile del 2022 con cui confrontare il risultato dello stesso periodo del 2023 ammonta a 10 milioni di euro e la crescita è quindi del 67,5%. «Possiamo definire il 2023 come l’anno della definitiva ripresa delle attività, con oltre un anno di anticipo sulle previsioni, pur in uno scenario globale caratterizzato da una profonda incertezza e volatilità - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna -. In tale contesto siamo stati in grado di gestire il ritorno a pieno regime del traffico nel nostro aeroporto, seppur in un contesto caratterizzato dalla presenza di diversi cantieri, che ci accompagneranno anche nei prossimi anni e che hanno lo scopo di migliorare ulteriormente, nel breve e nel lungo termine, le nostre infrastrutture e, di conseguenza, l’esperienza di viaggio». Nel 2023 sono stati complessivamente 9.970.284 i passeggeri registrati, in crescita del 17,4% rispetto al 2022, 78.658 i movimenti (+11,0%) e 50.994 le tonnellate di merce trasportata (-7,6%). Prendendo invece a riferimento il 2019, ultimo anno pre-Covid, il traffico passeggeri è stato nell’ultimo anno superiore del 6%, con luglio come il miglior mese di sempre nella storia dello scalo. Numeri che hanno permesso allo scalo bolognese di confermarsi al settimo posto in Italia per numero di passeggeri. l traffico low cost ha fatto registrare una variazione positiva dei volumi rispetto sia al 2022, con un +11,4%, che al 2019 con un +23,6%, mentre il traffico legacy ha mostrato un recupero più lento: +32,7% rispetto al 2022 ma -17,2% rispetto al 2019, oltre ad una contrazione dei movimenti sempre rispetto al 2019. Analizzando le performance dei vettori, Ryanair si conferma la prima compagnia sullo scalo con il 53,3% del traffico totale, seguita da Wizz Air con il 9,7%, in crescita rispetto al 5,4% del 2019 e da Air France con il 2,9%. [post_title] => L'Aeroporto Bologna archivia il 2023 con profitti per 16,7 milioni di euro [post_date] => 2024-03-15T09:51:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710496316000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1447" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":61,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467715","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Saudia (Saudia e la divisione low cost (flyadeal) ha siglato un ordine fermo per altri 105 aeromobili della Famiglia A320neo, di cui 12 A320neo e 93 A321neo, che porta il totale a quota 144 velivoli. «Saudia ha obiettivi operativi ambiziosi per soddisfare la domanda in crescita - ha commentato Ibrahim Al-Omar, direttore generale del Gruppo Saudia -. Stiamo incrementando i voli e la capacità in termini di posti per le nostre oltre 100 destinazioni offerte in quattro continenti, e pianifichiamo un'ulteriore espansione. I progressi della \"Saudi Vision 2030\" attirano ogni anno un numero maggiore di visitatori, turisti, imprenditori e pellegrini. Questo ha motivato la nostra decisione di assicurarci questo importante accordo, che creerà posti di lavoro, incrementerà il contenuto locale e contribuirà all'economia nazionale». \r\n\r\n«I nuovi aeromobili consentiranno alla strategia del Gruppo Saudia di far progredire le capacità aeronautiche del Regno, permettendo al contempo a entrambe le compagnie aeree di beneficiare dell'eccezionale efficienza e performance economica, dei massimi livelli di comfort per i passeggeri e della riduzione dei consumi di carburante e delle emissioni della Famiglia A320neo» ha aggiuntoBenoît de Saint-Exupéry, executive vice president sales della divisione Commercial Aircraft.\r\n\r\nL'Arabia Saudita sta creando opportunità senza precedenti per l'aviazione globale grazie alla Strategia Nazionale Saudita per il Turismo, che ha come obiettivo oltre 150 milioni di turisti entro il 2030. ","post_title":"Gruppo Saudia: nuovo ordine per 105 velivoli della famiglia A320neo","post_date":"2024-05-21T09:34:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716284043000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La decisione era nell'aria da settimane ma ora arriva la conferma ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere. Nelle informazioni aggiuntive alla trimestrale chiusa lo scorso 31 marzo, Tamburi Investment Partners, azionista di riferimento del più grande operatore del turismo italiano, sottolinea come nel periodo in esame sia \"proseguita l’attività mirata alla valorizzazione del gruppo Alpitour che, come noto, abbiamo previsto di rallentare vista la bontà dei risultati in corso e il rafforzamento delle prospettive positive\".\r\n\r\nIl gruppo torinese ha in particolare migliorato ulteriormente i propri margini operativi lordi (ebitda), dopo aver registrato nel 2023, per la prima volta nella sua storia, un primo trimestre finanziario positivo a livello di ebitda, confermando il trend estremamente positivo che consente di dimostrare come il salto di redditività registrato di recente possa essere considerato strutturale\".\r\n\r\nLa nota prosegue inoltre con una serie di considerazioni sul contesto attuale, nel quale le operazioni \"di mergers and acquisitions continuano, seppur piano, a scendere\", nonostante i mercati finanziari proseguano invece a macinare record. Due trend apparentemente antitetici che, secondo Tip, possono essere fatti risalire a cinque concause concomitanti: \"Le banche centrali fanno molta fatica ad avviare il pur previsto piano di easing per evitare, con l’inflazione, di fare sbagli ancor più grandi; l’economia reale è in chiaro rallentamento quasi ovunque, ma in pochi realizzano che, dopo la fortissima crescita del 21/22, era normale e sano un consolidamento.\r\nLiquidità\r\nL’enorme liquidità riversata sui mercati nel post Covid sta chiaramente drogando un po' tutte le asset class, creando un forte disorientamento nella maggior parte degli operatori; in un contesto storicamente meno volatile, quello delle mergers and acquisitions, si nota innanzitutto una forte carenza di deals in uscita da parte dei fondi di private equity, che evidentemente non riescono a realizzare quanto previsto e preferiscono attendere.\r\n\r\nA fronte, l’enorme liquidità delle società industriali sta facendo aumentare il desiderio di add on e fusioni con contenuto strategico e si sta delineando un chiaro trend di combinazioni societarie basate sulle sinergie; i fenomeni di cui sopra stanno quindi dando vita a un sensibile, ancorché graduale, ridimensionamento delle valutazioni, a partire da quei multipli tanto citati e presi a esempio come parametri effettivamente validi per stabilire sia valori sia prezzi delle aziende\".\r\n\r\nA livello consolidato Tip ha peraltro chiuso i primi tre mesi del 2024 con un utile netto consolidato pro forma di 29,4 milioni di euro, che cresce di oltre il 50% rispetto ai 19,6 milioni di un anno prima. Il patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2024 è di circa 1,48 miliardi, rispetto agli 1,44 miliardi dello scorso 31 dicembre. \"In questo contesto - conclude la nota - in Tip vediamo aumentare il numero dei dossier di potenziale investimento, ma continuiamo a non vedere urgenza di concretizzare operazioni, se non di particolare interesse\".","post_title":"Tamburi, ora è ufficiale: la vendita di Alpitour può attendere","post_date":"2024-05-16T15:27:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1715873232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Toscana Promozione Turistica ha pubblicato il terzo numero del report su arrivi e presenze, curato dal Dipartimento di Economia dell’Università Cà Foscari.\r\n\r\nL’analisi (che per la prima volta è ottenuta integrando vari strumenti) si articola in varie categorie: arrivi e presenze turistiche 2022 e 2023 a confronto, sentiment medio, suddiviso per i comparti di attrazioni, ristorazione, ricettività e affitti brevi, tariffe e saturazione dei comparti ricettivi, sempre a confronto con il 2022. Tra le novità l'analisi  delle presenze per ambito sulla base delle celle telefoniche e un focus sull‘andamento degli arrivi da alcuni specifici paesi di provenienza - in particolare Stati Uniti, Francia e Germania.\r\nI dati puntano a delineare l’andamento dei flussi in regione e di compiere un bilancio complessivo per il 2023 e confrontarlo con quello dell’anno precedente.\r\n\r\nArrivi e presenze. Viene evidenziato anzitutto un aumento medio degli arrivi del 21% rispetto al 2022, marcato soprattutto nei mesi invernali (+67% a gennaio). Riguardo alle presenze l’aumento medio si attesta a quasi il 18%, con punte nel trimestre gennaio-marzo. Il periodo estivo resta quello col maggior afflusso di visitatori. Rispetto alla provenienza, il turismo domestico ha evidenziato lievi aumenti sia degli arrivi (+3,09%) che delle presenze (+3,32%) in confronto al 2022 con punte nel primo quadrimestre ed una diminuzione a partire dal mese di      maggio. Il dato di quello internazionale è sensibilmente più elevato: +56% gli arrivi e +42% le presenze con un aumento costante a partire da aprile.\r\n\r\nUna mappa con differenti colorazioni indica la distribuzione media annuale dei punti di interesse per provincia rispetto ai comparti  ricettività, affitti brevi, attrazioni e ristorazione. La provincia con la maggior densità è Firenze. Seguono Pisa, Siena e Livorno.  Il report fa poi un’analisi più dettagliata per gli ambiti turistici più popolari.\r\n\r\nDati celle telefoniche. Consentono di tracciare i movimenti dei telefoni cellulari ed essere utilizzati per analizzare i flussi dei turisti, identificare le rotte di viaggio preferite e comprendere i comportamenti di movimento dei visitatori in determinate aree turistiche. Il report indica aumenti da aprile a settembre e picchi di ricezione durante la stagione estiva, in particolare nei mesi di luglio e agosto.\r\n\r\nGli arrivi del 2023 mostrano come le provenienze degli arrivi e delle presenze sono in gran parte Statunitensi (16,1 e 14,7), a seguire Tedeschi (12,3 e 18,6) e Francesi\r\n(6,9 e 6,2).","post_title":"Toscana, focus sui arrivi e presenze: una nuova analisi che integra vari strumenti","post_date":"2024-05-16T11:33:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715859238000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466228","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il nuovo Bio Nature Pool nel Parco delle Terme di Merano (15 maggio la riapertura) offre un’esperienza di benessere tutta naturale. \r\n\r\nCon una superficie d'acqua di quasi 1.200 mq e una profondità compresa tra 1,40 e 2 metri, il Bio Nature Pool è una piscina naturale ideale per il nuoto. A bordo vasca si trovano piattaforme in legno per il relax e tutt’intorno quasi 6.000 piante ripariali, tra cui iris di palude, salcerella ed erba della Pampas che favoriscono l’ecosistema acquatico realizzato attraverso un sistema complesso di filtraggio biologico.\r\n\r\nA vantaggio sicuramente dell’ambiente, visto che non c’è bisogno di cambiare l'acqua, ma anche della pelle dei bagnanti. L'acqua dolce e delicata infatti è inodore, senza disinfettanti e per questo adatta anche a chi soffre di allergie. Ai confini con il Bio Nature Pool si trova il laghetto ricoperto di ninfee e più in là le altre piscine immerse nel parco, a completare l’esperienza di benessere nella natura. \r\n\r\nIl parco non ospita solamente il Bio Nature Pool, sono molte le piscine a disposizione degli ospiti con la bella stagione. Dalla piscina sportiva di 33 metri ideale per il nuoto alle vasche con acqua fredda e calda, dal bagno con acqua di sorgente al percorso Kneipp. Il relax è assicurato grazie al prato curato, con lettini per l’abbronzatura e zone d’ombra, alberi secolari e aiuole fiorite, il tutto contornato dalla vista sulle cime del gruppo del Tessa. \r\n\r\nDistribuite nel parco si trovano anche 8 Relax Lounge con lettino di design per una coccola di lusso in più e uno spazio di intimità garantito. \r\n\r\n65 attrezzature, 50 ore settimanali di corsi, 712 mq di area training. Sono questi i numeri del Fitness Center delle Terme Merano. Perdere peso, aumentare la massa muscolare, migliorare la condizione atletica, potenziare mobilità, resistenza ed equilibrio: qualsiasi sia l’obiettivo, qui è a portata di mano grazie ad attrezzature e programmi all’avanguardia, ai numerosi corsi organizzati, alla passione e professionalità dei trainer.\r\n\r\nCon la bella stagione gli sportivi hanno una possibilità in più: l’allenamento outdoor nella piattaforma fitness situata nel Parco termale. Una spazio pensato appositamente per i corsi di gruppo da svolgere all’aria aperta a contatto con la natura. \r\n\r\nA Maia Alta di Merano l’Hotel Juliane****, partner delle Terme Merano, propone il pacchetto “Magica fioritura e benessere” comprensivo di: 5 pernottamenti in mezza pensione, 1 biglietto d’ingresso ai Giardini di Castel Trauttmansdorff e 1 ingresso alle Terme Merano. Costo a partire da 718 euro a persona. \r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Parco delle Terme Merano riapre il 15 maggio con il nuovo Bio Nature Pool","post_date":"2024-04-26T09:54:15+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1714125255000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466179","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per l'Osservatorio Emma Villas è record di prenotazioni per i weekend lunghi del 25 aprile e del 1° maggio che segnano un incremento nel numero delle prenotazioni delle ville del 76% sul 2022 (+44% sul 2023).  25 Aprile è il week end lungo più amato, con un aumento delle prenotazioni del +122% vs 2022 (e del +81% rispetto al 2023) battendo così il Primo Maggio, che registra un +48% rispetto alle prenotazioni del 2022 e del +21% rispetto al 2023.\r\n\r\nA scegliere la soluzione della villa di pregio sono gli italiani, ma spicca la presenza di turisti stranieri: primi in classifica gli olandesi, seguiti dagli statunitensi, polacchi (questi ultimi con un +144% di presenze sul 2023) e tedeschi. Le regioni con la crescita più marcata per questo periodo sono le Marche, Toscana e Sicilia, con una crescita rispettivamente del +120%, +61% e +45% di prenotazioni rispetto allo scorso anno.\r\n\r\nEmma Villas registra risultati positivi anche per quanto concerne il bilancio aziendale, che nel 2023 ha registrato ricavi in aumento del +15%, e con la recente acquisizione della società Marche Holiday Villas che ha portato a un incremento del portfolio di Emma Villas nelle Marche, regione molto richiesta dai turisti stranieri, di 23 proprietà in gestione esclusiva. In particolare, rispetto al 2022, le prenotazioni per ville e casali di pregio sono cresciute passando da 5.692 del 2022 a 6.015 nel 2023 (+5,7%), con un aumento anche del numero di settimane prenotate (passate da 7.390 del 2022 a 7.633 settimane nel 2023).\r\n\r\n«La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale per vivere esperienze uniche e autentiche anche per delle fughe dalla quotidianità, scelte sia dai nostri connazionali che dai turisti stranieri – afferma Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas – Un trend, quello della scelta di una dimora di pregio per le proprie vacanze, testimoniato anche dai nostri risultati in forte crescita, sia annuali che stagionali. Infatti, solo in questo periodo abbiamo registrato un +76% nel numero di prenotazioni rispetto al 2022, con picchi regionali di importante crescita. Rispetto allo scorso anno le regioni che per il periodo hanno registrato una crescita più marcata sono state le Marche, per le quali abbiamo assistito ad un +120% nel numero delle prenotazioni, ma anche la Toscana e la Sicilia. I dati registrati nelle Marche ci hanno spinto a confermare la strategia di crescita dell’azienda anche per linee esterne e ad acquisire la società Marche Holidays, operatore molto interessante del territorio che porta in dote 23 nuove proprietà di pregio in esclusiva nella regione».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Osservatorio Emma Villas, record di prenotazioni per i Ponti su Marche, Toscana e Sicilia","post_date":"2024-04-26T08:37:57+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1714120677000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465694","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’aeroporto di Olbia è saldamente alla guida della crescita degli scali sardi: nel 2023 ha infatti registrato un incremento del 10,9% dei passeggeri rispetto al 2019. E’ l’unico aeroporto della Sardegna a registrare un valore così positivo in termini percentuali rispetto al periodo pre-Covid.\r\n\r\nA Cagliari la crescita rispetto al 2019 è stata del +2,6%, ma il dato è molto positivo nel confronto fra 2022 e 2023, dove l’incremento è stato del 10,4%. In Sardegna si è passati da 4,7 milioni di passeggeri a quasi 4,9 milioni nel 2023.\r\n\r\nOlbia aveva registrato nel 2019 2,9 milioni di passeggeri mentre lo scorso anno il numero degli arrivi è salito a 3,2 milioni di persone; dal 2022 al 2023 a Olbia l’incremento è stato più contenuto, cioè del 3,7%, mentre è Cagliari ha mostrare il dato più alto (10,4%). Cala invece Alghero, con meno di 1,5 milioni di passeggeri nel 2023 e una riduzione del 2,3% degli arrivi rispetto al 2022, mentre rispetto al 2019 ha segnato una crescita del 7,7%.\r\n\r\nDa evidenziare la performance particolarmente positiva delle rotte internazionali: a Olbia sono arrivati a 1,42 milioni di passeggeri (13,9% nel 2023) superando Cagliari, mentre risulta in calo il dato domestico (-3%). Ad Alghero la situazione è inversa, in quanto il traffico internazionale ha registrato una decrescita del 10% sui collegamenti.","post_title":"Sardegna: il traffico internazionale dell'aeroporto di Olbia cresce a doppia cifra sul 2019","post_date":"2024-04-17T09:43:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713346981000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465188","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'industria del turismo statunitense ha centrato un nuovo record nel 2023, con un contributo al Pil Paese che è stato il più elevato di sempre e questo malgrado il rallentamento della spesa dei visitatori internazionali.\r\n\r\nE' quanto emerge dalla recente analisi del Wttc, secondo la quale lo scorso anno l'incidenza del turismo sul Pil degli Stati Uniti è cresciuto del 7% per un totale di 2,36 trilioni di dollari, superando il precedente record di 100 trilioni. I posti di lavoro del settore sono aumentati di 656.000 unità, raggiungendo i 18 milioni in tutto il Paese, superando il precedente record di 17,4 milioni.\r\n\r\nIn crescita la spesa dei viaggiatori nazionali, salita a 1,37 milioni di dollari, pari ad un aumento di oltre il 9% rispetto al precedente picco del 2019; per contro, la spesa dei visitatori internazionali è rimasta indietro di oltre il 25% rispetto allo stesso picco del 2019, pari a 156,1 milioni di dollari.\r\n\r\n\"Il governo statunitense ha sostenuto i viaggi e il turismo, ma la spesa dei visitatori internazionali è ancora inferiore ai numeri del 2019 - sottolinea Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc -. E' necessario concentrarsi sulla semplificazione dei visti, sulle code alle frontiere e sulla ricerca di nuovo personale che darebbe al settore un impulso vitale in vista della Coppa del Mondo Fifa e delle Olimpiadi\".\r\n\r\nLe previsioni per il 2024 indicano che il settore aumenterà il suo contributo al Pil  degli Stati Uniti fino a oltre 2,5 milioni di dollari, pari a una quota del 9%, impiegando 18,8 milioni di persone in tutto il Paese, con un americano su nove che lavora nel settore.\r\nSi stima che la spesa dei visitatori nazionali continuerà a crescere, raggiungendo 1,43, trilioni e battendo il record del 2019 di quasi il 14%, ma si prevede che la spesa dei visitatori internazionali resti ancora inferiore ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Stati Uniti: la spesa dei turisti internazionali è ancora a -25% rispetto al 2019","post_date":"2024-04-10T09:39:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712741973000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464693","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019.\r\n\r\nSe confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro.\r\n\r\nSecondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia.\r\n\r\nLa recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022.\r\nGli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19.\r\n\r\nGli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%).\r\n\r\nPerformance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022.\r\n\r\nInfine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro.\r\nDai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro). ","post_title":"Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico","post_date":"2024-04-02T11:40:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712058005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bilancio 2023 positivo per l'aeroporto Marconi di Bologna che archivia il 2023 con ricavi consolidati per 145,1 milioni di euro, +7,8% rispetto al 2022, e pari ad una crescita del +15,9% se confrontati con il 2019.\r\n\r\nL'ebit del Marconi si è attestato a 25,8 milioni di euro contro un risultato di 36 milioni del 2022 (14,7 milioni al netto del Contributo Covid) e di 31,1 milioni di euro nell’ultimo anno pre-Covid. L'esercizio si chiude con un utile consolidato di 16,7 milioni di euro contro 31,1 milioni del 2022 (di cui 21,1 milioni dovuti al contributo derivante dal Fondo di compensazione). Al netto di tale contributo straordinario, l’utile del 2022 con cui confrontare il risultato dello stesso periodo del 2023 ammonta a 10 milioni di euro e la crescita è quindi del 67,5%.\r\n\r\n«Possiamo definire il 2023 come l’anno della definitiva ripresa delle attività, con oltre un anno di anticipo sulle previsioni, pur in uno scenario globale caratterizzato da una profonda incertezza e volatilità - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna -. In tale contesto siamo stati in grado di gestire il ritorno a pieno regime del traffico nel nostro aeroporto, seppur in un contesto caratterizzato dalla presenza di diversi cantieri, che ci accompagneranno anche nei prossimi anni e che hanno lo scopo di migliorare ulteriormente, nel breve e nel lungo termine, le nostre infrastrutture e, di conseguenza, l’esperienza di viaggio».\r\n\r\nNel 2023 sono stati complessivamente 9.970.284 i passeggeri registrati, in crescita del 17,4% rispetto al 2022, 78.658 i movimenti (+11,0%) e 50.994 le tonnellate di merce trasportata (-7,6%). Prendendo invece a riferimento il 2019, ultimo anno pre-Covid, il traffico passeggeri è stato nell’ultimo anno superiore del 6%, con luglio come il miglior mese di sempre nella storia dello scalo. Numeri che hanno permesso allo scalo bolognese di confermarsi al settimo posto in Italia per numero di passeggeri.\r\nl traffico low cost ha fatto registrare una variazione positiva dei volumi rispetto sia al 2022, con un +11,4%, che al 2019 con un +23,6%, mentre il traffico legacy ha mostrato un recupero più lento: +32,7% rispetto al 2022 ma -17,2% rispetto al 2019, oltre ad una contrazione dei movimenti sempre rispetto al 2019.\r\nAnalizzando le performance dei vettori, Ryanair si conferma la prima compagnia sullo scalo con il 53,3% del traffico totale, seguita da Wizz Air con il 9,7%, in crescita rispetto al 5,4% del 2019 e da Air France con il 2,9%.","post_title":"L'Aeroporto Bologna archivia il 2023 con profitti per 16,7 milioni di euro","post_date":"2024-03-15T09:51:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710496316000]}]}}

Lascia un commento