16 April 2024

1102

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

CEDESI AVVIATA AGENZIA VIAGGI ROMA ZONA MARCONI/S.PAOLO. LICENZA A+B, TRE VETRINE, BIGLIETTERIE, SITO INTERNET, BEN ARREDATA E ACCESSIORIATA FINO A 4 POSTAZIONI DI LAVORO. OFFRESI DIREZIONE TECNICA E OTTIMO AFFITTO.
SOLO SE INTERESSATI, SCRIVERE AD ANTONIO FERRALIS a.ferralis@tiscali.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465662 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_452071" align="alignright" width="300"] Pierluigi Di Palma, presidente Enac[/caption] Un 2023 da record per il traffico aereo in Italia: con oltre 197 milioni di passeggeri, lo scorso anno ha di fatto superato del 2% i numeri del 2019 e centrato una crescita del +20% rispetto al 2022. I numeri sono quelli del nuovo rapporto Enac: “La voglia di tornare a volare e superare le criticità economiche e sociali del periodo pandemico – commenta il presidente, Pierluigi Di Palma – è ulteriormente confermata dall’aumento del numero dei passeggeri e dalla ripresa del traffico aereo nel 2023, tendenza consolidata anche nei primi mesi di quest’anno. Il trasporto aereo è in asset sempre più importante per il Paese e si inserisce in un trend di crescita e innovazione tecnologica, sostenibile e green, della nuova mobilità aerea avanzata, il presente e il futuro del trasporto aereo”. L’aeroporto di Roma Fiumicino si conferma al primo posto per traffico passeggeri con circa 40,3 milioni e una quota del 20,4%. Il traffico domestico, con i suoi 68,6 milioni di passeggeri (pari al 35% del traffico passeggeri complessivo), ha registrato un incremento del +6% rispetto al 2022; il traffico internazionale, con 128,5 milioni di passeggeri (pari al 65% del traffico passeggeri complessivo), è cresciuto del +28% rispetto al 2022. La composizione del traffico per tipologia di vettore mostra come i voli low cost abbiano trasportato il 56% del totale passeggeri, pari a 110,2 milioni, sebbene risulti una flessione del -10% rispetto al 2022. Il traffico su vettori tradizionali si è, invece, attestato al 44%, pari a 86,8 milioni di passeggeri, con un incremento del +10% rispetto all’anno precedente. [post_title] => Enac: il 2023 ha superato i livelli pre-Covid con 197 mln di passeggeri in Italia [post_date] => 2024-04-16T15:08:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713280111000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465162 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà a giugno 2024 il nuovo indirizzo Mama Shelter a Nizza. L’hotel disporrà di 102 camere, rooftop con piscina, bar e forno per la pizza, ristorante, due meeting room, due studio e una breakroom. Con il lancio di questa nuova àncora nel Mediterraneo, il brand lifestyle di Accor arriva a contare 11 proprietà in Francia, per un totale di 18 hotel in tutto il mondo. Situato vicino al vecchio porto, il centro storico, l'hotel occuperà tre edifici, tra cui uno dei primi del ventesimo secolo, del quale è conservata la facciata originale. Facilmente raggiungibile dall'aeroporto e dalla stazione centrale principale, il Mama Shelter si inserirà tra i vari parchi dedicati alle bocce del quartiere Riquier. Per la struttura nizzarda l'architetto e responsabile dello studio di design Mama Shelter, Benjamin El Doghaïli, ha abbracciato il patrimonio artistico della città e ha progettato l'hotel come un tutt'uno con l'ambiente circostante. Sulle pareti bianche della hall, affreschi dipinti a mano renderanno così omaggio alla tradizione artistica locale, illuminati da grandi specchi, insieme a gigantografie di Kate Mary. In tutta la proprietà, El Doghaïli' esprime il suo amore per le tonalità luminose e vibranti, sposando il giallo zafferano, l'ocra rossa, il blu oltremare e il verde oliva di Nizza, ispirandosi alle palette di colori dei pittori impressionisti. Il ristorante al piano terra offre un'ampia sala con cucina a vista e tavoli comuni che riempiono lo spazio e donano all’ambiente un tono conviviale, amichevole e rilassato. A pranzo e a cena, gli ospiti possono scegliere il menù Mama di ispirazione mediterranea, dai piatti da condividere alle gustose insalate, od optare per la specialità del giorno. Al ristorante sul rooftop, carne, pesce e verdure sono preparati su un barbecue Big Green Egg per esaltarne il sapore, o sono grigliati in un forno a carbone Josper per un tocco di affumicatura. Le pizze sono servite al taglio ed esposte su un bancone, da gustare con un bicchiere di rosé. Le meeting room, i funzionali ma giocosi atelier di Mama Shelter Nice, offriranno uno spazio per seminari personalizzati, lanci di prodotti, riunioni aziendali ed eventi. [post_title] => Mama Shelter sbarca a Nizza, nel quartiere Riquier [post_date] => 2024-04-09T13:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712668097000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464524 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La primavera dei Travel Open Day si è aperta a Torino, il 21 marzo scorso, con un atteso b2b che ha visto la presenza di oltre 30 espositori. “Torino è una città che risponde sempre bene”, dichiara Laura Zancolò, key account manager di Svizzera Turismo, accanto a Levente Gyorgy, da pochi mesi responsabile dei mercati per Vaud Promotion, che dichiara: “Da due anni, il canton Vaud punta alla multi-settorialità e coinvolge settori diversi: turismo, economia, prodotti tipici, imprese… Tutti ambasciatori del Cantone. Per il 2024 il focus è su gastronomia e vini, su musei e la frizzante city-life di Losanna, sulla riviera di Montreaux e i paesaggi Unesco del Lavaux, Glacier 3000 e le piste di Villars sur Ollons. Ma anche sulle terme e la Vallée du Joux, culla dell’orologeria Svizzera”. Primo Tod per Asatours, to britannico attivo da 35 anni, specializzato in Gran Bretagna e Irlanda per individuali, gruppi e mice: “Approccio più che positivo – afferma Sara Lasca – ho colto interesse per la versatilità del nostro prodotto, classico ma che contempla percorsi meno battuti, esperienze e autentiche chicche. Come la Battersea Power Station di Londra, ex centrale a carbone eternata da un lp dei Pink Floyd, ora fulcro di un’area trendy molto vivace, o Belfast capitale nordirlandese che ha ancora molto da esprimere”. Rappresentata sul mercato italiano da poco più di un anno da JoyCò, Ayada è la nuova frontiera delle Maldive.“Per noi questo confronto con il trade è fondamentale - dichiara Gioja Tresoldi, managing director di JoyCò -. Ayada, nelle Maldive del Sud, dista 60 chilometri dall’isola più vicina, aspetto che ne garantisce privacy e relax. Riporta alle Maldive delle origini, ma con confort e servizi all’avanguardia, sistemazioni, 112 in tutto, di varia tipologia, attività per ospiti di ogni età. La proprietà è di una famiglia che sta investendo molto in Europa e ora guarda con interesse all’Italia” A due passi da Trieste, Lipica è una meta slovena di grande appeal. “Per noi l’Italia è una priorità e il 2024 dà già segnali di ulteriore crescita - afferma Kristina Mamić Mikša -. Sempre più apprezzata, e non solo dagli sportivi, è immersa in 300 ettari di verde, con un maneggio appena rinnovato, allevamento di 30 cavalli, golf a 9 buche, hotel in piena sintonia con l’ambiente, centro congressi... Di certo il treno diretto Milano – Lubjana, che fermerà anche a Lipica, segnerà una svolta”. Novità anche per il Girasole, con una “Islanda in versione fly and drive - dichiara Claudio Parisi –, a cui si aggiungeranno mete insolite. In uscita pure il nuovo catalogo Azzorre, tour per Madeira e la Rota Vicentina, in Portogallo, il cammino dei Fari e quello di Santiago, in Spagna. In tema ferroviario, da segnalare i viaggi a bordo dei treni spagnoli di lusso e la grande ripresa dell’Interrail: formula per anni dimenticata e oggi molto richiesta dagli agenti di viaggi per l’utenza più giovane”. [gallery ids="464528,464529,464530,464531"] [post_title] => Al Travel Open Day di Torino molti debutti e tante novità [post_date] => 2024-03-28T12:18:39+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711628319000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464112 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Antitrust e Booking. Forse qualcuno se lo aspettava, ma ora è ufficiale: l’Antitrust ha avviato un procedimento istruttorio nei confronti di Booking.com (Italia), Booking.com B.V. e Booking.com International B.V. per accertare un presunto abuso di posizione dominante nel mercato dei servizi online di intermediazione e prenotazione di strutture alberghiere, in violazione dell’art. 102 del Tfue. Booking ha emesso una nota che afferma: "Possiamo confermare che stiamo pienamente collaborando con la Guardia di Finanza e l'Autorità garante della concorrenza e del mercato, che ieri hanno svolto delle ispezioni nei nostri uffici in Italia!. In particolare, spiega l'autorità, Booking conferirebbe alle strutture alberghiere che fanno parte del Programma Partner Preferiti (e della sua estensione Preferiti Plus) vantaggi in termini di visibilità della propria offerta nei risultati di ricerca, a fronte di commissioni più elevate e dell’impegno a offrire su booking.com prezzi “competitivi”, ovvero non più elevati di quelli che le strutture applicano sul proprio sito o sulle piattaforme di altre agenzie di viaggio online. Ostacolare la concorrenza Al contempo, quando riscontra, all’esito di un monitoraggio capillare e sofisticato, che una struttura offre prezzi migliori su altri siti online, Booking si riserva la possibilità di applicare, senza il consenso delle strutture, uno sconto per allineare l’offerta di booking.com alla migliore tra quelle disponibili online. Nel suo insieme, questa strategia sembra idonea a ostacolare lo svolgimento di una concorrenza effettiva nel mercato, quantomeno nazionale, dei servizi online di intermediazione e prenotazione alberghiera, a danno di altre ota con effetti negativi sulle strutture ricettive e, in ultima analisi, sui consumatori in termini di maggiori prezzi e minore scelta nei servizi di intermediazione e prenotazione online. Nella giornata di ieri, i funzionari dell’Autorità hanno svolto ispezioni nelle sedi di Booking.com (Italia) S.r.l., con l’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza [post_title] => L' Antitrust apre un procedimento istruttorio contro Booking.com [post_date] => 2024-03-22T11:57:31+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711108651000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi.  Secondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi). A centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto). Si tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa. Intanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.   [post_title] => Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023 [post_date] => 2024-03-22T10:11:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711102312000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463914 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un'estate tutta nel segno del lungo raggio per Air France che opererà un network di 85 destinazioni a lungo raggio in 74 Paesi del mondo, con una crescita del 9% rispetto al 2023. La compagnia, che si prepara a trasportare decine di migliaia di visitatori in più in Francia in occasione dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi, pone grande enfasi sui collegamenti da e per il Nord America: nei soli Stati Uniti, Air France volerà più di 210 volte a settimana, servendo un totale di 17 destinazioni. Inoltre, opererà quasi 60 voli settimanali verso cinque città canadesi (Montreal, Quebec City, Ottawa, Toronto e Vancouver). Il vettore aprirà nuove rotte dall'hub di Parigi-Charles De Gaulle verso Phoenix, con tre frequenze a settimana utilizzando Boeing 787-9 e riprenderà il servizio giornaliero verso l'aeroporto di Minneapolis-St Paul; saranno poi rafforzati i collegamenti verso Raleigh-Durham: i voli settimanali saliranno da tre a sette alla settimana nella winter 2024/25. Intanto, a maggio, in occasione del Festival di Cannes, Air France opererà due voli speciali tra Los Angeles e Nizza con un Airbus A350-900. La compagnia aerea potenzierà poi il collegamento giornaliero per Abu Dhabi da Parigi-Charles de Gaulle, introdotto nell'inverno del 2023 e attivo per tutta l'estate del 2024. Riprenderà inoltre il servizio diretto da Dar Es Salam, Tanzania inaugurato nell'estate del 2023, con tre voli settimanali in prosecuzione da Zanzibar. A oriente, Air France offrirà più voli per il Giappone, tra cui due voli giornalieri tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda, che si affiancheranno ai servizi per Tokyo-Narita, attivi quattro volte a settimana; aumenteranno anche le frequenze sulle principali rotte africane e dell'oceano Indiano. Il corto raggio Per quanto riguarda il corto raggio, la compagnia francese servirà 102 destinazioni, tra cui 45 rotte stagionali sia in Francia che in Europa. Tre nuove rotte saranno introdotte da Paris-Charles de Gaulle verso Verona, Narvik-Lofoten in Norvegia e Kalamata in Grecia. I voli per Verona saranno attivi tre volte a settimana a partire dal prossimo 2 aprile, mentre i servizi per Narvik-Lofoten saranno attivi solo il sabato dal 15 giugno al 31 agosto. I voli per Kalamata saranno settimanali dal 6 luglio al 31 agosto. I voli per Tromsø, finora disponibili solo in inverno, saranno estesi al periodo estivo, con un massimo di due voli settimanali da Parigi con Airbus A319. Infine, Transavia France, volerà verso 116 destinazioni in 33 Paesi attraverso 206 rotte.   [post_title] => Air France aumenta del 9% la capacità sul network di lungo raggio [post_date] => 2024-03-20T10:46:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710931600000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463361 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Austria entra di gran carriera nel 2024 con il lancio della nuova campagna di comunicazione globale che fa perno su un'unica parola chiave: “Lebensgefühl”.  Termine che è stato «volutamente mantenuto in lingua tedesca su tutti i mercati - spiega Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, in occasione del workshop per agenzie e tour operator che si è svolto ieri a Milano e farà tappa oggi a Verona, per poi terminare a Roma - e identifica lo stile di vita austriaco: in altre parole, apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Sensazioni che condividiamo con i nostri ospiti quando sono in vacanza in Austria». La campagna, presentata alla recente Itb di Berlino, coinvolge 11 paesi, in collaborazione con 77 partner austriaci «e da aprile sarà visibile attraverso smart tv, out of home a Milano, anche con un tram brandizzato, e Brescia». Intanto, il consuntivo 2023 registra un trend positivo per i flussi dall'Italia: «Gli arrivi sono stati 1,01 milioni, per una crescita del 24% e il numero di pernottamenti è aumentato del 20% rispetto al 2022, per un totale di 2,6 milioni». Dati che non riportano ancora ai numeri del 2019 «siamo in difetto di un 7%» ma che posizionano comunque il nostro Paese «al quinto posto tra i principali mercati di provenienza in termini di arrivi, dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera, e Cechia e al 7° posto a livello di pernottamenti». Un turista italiano che predilige ancora una volta la ricca offerta culturale delle città austriache: «Parliamo in gran parte di coppie, che visitano il nostro Paese tra maggio e ottobre nel 65% dei casi, per periodi che in città si aggirano sui tre giorni mentre nelle regioni di Carinzia e Tirolo fino alla settimana; il restante 35% si reca in Austria in inverno, complice l'elevata attrattività dei mecatini di Natale». I nostri connazionali si affidano «nel 35% dei casi alla consulenza di agenzie e to per raggiungere l'Austria e anche per questo continuiamo a investire sulla formazione al trade, innanzitutto con i workshop e i webinar». Proprio il 2023 è stato caratterizzato da un significativo aumento del turismo in città e del turismo culturale: a Vienna, ad esempio, il numero di ospiti provenienti dall'Italia è aumentato del 45% rispetto al 2022. Oltre a Vienna, anche l’offerta culturale nelle altre capitali delle nove regioni è stata molto richiesta durante tutto l'anno. «Il 52% degli arrivi di ospiti italiani avviene oggi nei capoluoghi di provincia dell'Austria e di questi, i due terzi scelgono Vienna».   Cultura, sostenibilità e gastronomia   Nel 2024 in cui spicca il ruolo della cittadina storica di Bad Ischl che con altri 22 comuni rurali del territorio del Salzkammergut è Capitale Europea della Cultura (190 progetti per un totale di 300 eventi), i focus di Austria Turismo si concentrano poi oltre che sulle città, «sulla sostenibilità, con l'obiettivo di diventare una destinazione leader a livello mondiale in questo ambito».  A questo proposito, la capitale austriaca ospiterà dal 5 aprile al 14 luglio 2024 la prima Biennale del Clima: un programma interdisciplinare e interattivo ruoterà intorno all’arte e all’ecologia, e coinvolgerà tutta la città con l'obiettivo di trovare risposte comuni alla crisi climatica e lanciare nuove idee il futuro. Riflettori puntati anche sulla musica, con numerosi eventi legati a diversi anniversari: Nel 2024 il mondo della musica festeggia i 200 anni di Anton Bruckner, il poliedrico Arnold Schönberg fu il pioniere del metodo dodecafonico: a Vienna e a Mödling molte istituzioni parteciperanno all’anniversario dei 150 anni dalla sua nascita. Uno sguardo al 2025 porta invece al grande appuntamento a Vienna per i 200 anni dalla nascita di Johann Strauss. Infine, spazio alla gastronomia: «La Guida Michelin torna in Austria nel 2025, in collaborazione con Austria Turismo e otto enti regionali per la nuova selezione di ristoranti per l'Austria. La guida verrà pubblicata nel gennaio 2025».     [post_title] => Austria Turismo vara la nuova campagna 'Lebensgefühl'. Arrivi dall'Italia a +24% [post_date] => 2024-03-13T11:07:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710328074000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462722 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462724" align="alignleft" width="300"] Il Place of Charme, Borgo di Contefreda[/caption] Il brand dell'ospitalità del gruppo SoGes, Place of Charme, approda all'Itb di Berlino, in programma da domani sino al 7 marzo (stand 110, hall 1.2). “Il target nordeuropeo rappresenta più del 70% della nostra clientela - spiega Leonardo Bocciolini, revenue manager della catena - L'Itb per noi è da sempre una finestra su un pubblico di viaggiatori che apprezza il nostro Paese e che ricerca delle esperienze autentiche nella campagna toscana o in altre destinazioni". Il consolidamento del turismo nordeuropeo e dei gruppi leisure in arrivo in autobus è quindi tra i principali obiettivi della partecipazione alla manifestazione, che ha portato a un aumento del 7% di queste prenotazioni negli hotel del distretto verde rispetto al 2023. Si tratta di un segmento strategico per le strutture Place of Charme della zona, Borgo di Cortefreda, Boccioleto Resort&Spa, la Certosa di Pontignano e l’ultima acquisizione della catena, il Podere Mezzastrada. Una tendenza motivata appunto dalle preferenze dei visitatori, più concentrati sull’entroterra toscano che nelle città, perché in cerca di natura ed enogastronomia. "In quest’ottica è essenziale il contatto con i tour operator e le agenzie specializzate sul territorio, alcune delle quali rappresentano partner storici - aggiunge una nota dell'operatore -. La diversificazione dei canali si è rivelata infatti importante per dialogare con il segmento dei viaggi di gruppo; basti pensare che a oggi la metà del fatturato del gruppo SoGes viene generata grazie alle sinergie con agenzie offline e più della metà del fatturato proveniente dall’offline deriva a sua volta dai gruppi leisure". Place of Charme include sette delle strutture del gruppo SoGes. La clientela è composta per oltre l’80% da turisti leisure, mentre il 20% circa dei visitatori è afferente al segmento mice. Più del 70% degli ospiti, inoltre, proviene dall’area Emea (principalmente Germania, Svizzera, Francia) e circa il 30% dal Nord America. SoGes si inserisce nella gestione autonoma di strutture ricettive del comparto 4 stelle con meno di 100 camere e punta a crescere ulteriormente [post_title] => Place of Charme all'Itb di Berlino: dal Nord Europa il 70% degli ospiti del brand [post_date] => 2024-03-04T13:03:41+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709557421000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462669 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni. In un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti. Secondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta "United Next" nonché per la gestione globale dello sviluppo. I ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.   [post_title] => United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024 [post_date] => 2024-03-04T10:14:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709547287000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1102" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":149,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465662","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_452071\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Pierluigi Di Palma, presidente Enac[/caption]\r\n\r\nUn 2023 da record per il traffico aereo in Italia: con oltre 197 milioni di passeggeri, lo scorso anno ha di fatto superato del 2% i numeri del 2019 e centrato una crescita del +20% rispetto al 2022.\r\n\r\nI numeri sono quelli del nuovo rapporto Enac: “La voglia di tornare a volare e superare le criticità economiche e sociali del periodo pandemico – commenta il presidente, Pierluigi Di Palma – è ulteriormente confermata dall’aumento del numero dei passeggeri e dalla ripresa del traffico aereo nel 2023, tendenza consolidata anche nei primi mesi di quest’anno. Il trasporto aereo è in asset sempre più importante per il Paese e si inserisce in un trend di crescita e innovazione tecnologica, sostenibile e green, della nuova mobilità aerea avanzata, il presente e il futuro del trasporto aereo”.\r\n\r\nL’aeroporto di Roma Fiumicino si conferma al primo posto per traffico passeggeri con circa 40,3 milioni e una quota del 20,4%.\r\n\r\nIl traffico domestico, con i suoi 68,6 milioni di passeggeri (pari al 35% del traffico passeggeri complessivo), ha registrato un incremento del +6% rispetto al 2022; il traffico internazionale, con 128,5 milioni di passeggeri (pari al 65% del traffico passeggeri complessivo), è cresciuto del +28% rispetto al 2022.\r\n\r\nLa composizione del traffico per tipologia di vettore mostra come i voli low cost abbiano trasportato il 56% del totale passeggeri, pari a 110,2 milioni, sebbene risulti una flessione del -10% rispetto al 2022. Il traffico su vettori tradizionali si è, invece, attestato al 44%, pari a 86,8 milioni di passeggeri, con un incremento del +10% rispetto all’anno precedente.","post_title":"Enac: il 2023 ha superato i livelli pre-Covid con 197 mln di passeggeri in Italia","post_date":"2024-04-16T15:08:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1713280111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465162","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà a giugno 2024 il nuovo indirizzo Mama Shelter a Nizza. L’hotel disporrà di 102 camere, rooftop con piscina, bar e forno per la pizza, ristorante, due meeting room, due studio e una breakroom. Con il lancio di questa nuova àncora nel Mediterraneo, il brand lifestyle di Accor arriva a contare 11 proprietà in Francia, per un totale di 18 hotel in tutto il mondo.\r\n\r\nSituato vicino al vecchio porto, il centro storico, l'hotel occuperà tre edifici, tra cui uno dei primi del ventesimo secolo, del quale è conservata la facciata originale. Facilmente raggiungibile dall'aeroporto e dalla stazione centrale principale, il Mama Shelter si inserirà tra i vari parchi dedicati alle bocce del quartiere Riquier.\r\n\r\nPer la struttura nizzarda l'architetto e responsabile dello studio di design Mama Shelter, Benjamin El Doghaïli, ha abbracciato il patrimonio artistico della città e ha progettato l'hotel come un tutt'uno con l'ambiente circostante. Sulle pareti bianche della hall, affreschi dipinti a mano renderanno così omaggio alla tradizione artistica locale, illuminati da grandi specchi, insieme a gigantografie di Kate Mary. In tutta la proprietà, El Doghaïli' esprime il suo amore per le tonalità luminose e vibranti, sposando il giallo zafferano, l'ocra rossa, il blu oltremare e il verde oliva di Nizza, ispirandosi alle palette di colori dei pittori impressionisti.\r\n\r\nIl ristorante al piano terra offre un'ampia sala con cucina a vista e tavoli comuni che riempiono lo spazio e donano all’ambiente un tono conviviale, amichevole e rilassato. A pranzo e a cena, gli ospiti possono scegliere il menù Mama di ispirazione mediterranea, dai piatti da condividere alle gustose insalate, od optare per la specialità del giorno. Al ristorante sul rooftop, carne, pesce e verdure sono preparati su un barbecue Big Green Egg per esaltarne il sapore, o sono grigliati in un forno a carbone Josper per un tocco di affumicatura. Le pizze sono servite al taglio ed esposte su un bancone, da gustare con un bicchiere di rosé. Le meeting room, i funzionali ma giocosi atelier di Mama Shelter Nice, offriranno uno spazio per seminari personalizzati, lanci di prodotti, riunioni aziendali ed eventi.","post_title":"Mama Shelter sbarca a Nizza, nel quartiere Riquier","post_date":"2024-04-09T13:08:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712668097000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464524","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La primavera dei Travel Open Day si è aperta a Torino, il 21 marzo scorso, con un atteso b2b che ha visto la presenza di oltre 30 espositori. “Torino è una città che risponde sempre bene”, dichiara Laura Zancolò, key account manager di Svizzera Turismo, accanto a Levente Gyorgy, da pochi mesi responsabile dei mercati per Vaud Promotion, che dichiara: “Da due anni, il canton Vaud punta alla multi-settorialità e coinvolge settori diversi: turismo, economia, prodotti tipici, imprese… Tutti ambasciatori del Cantone. Per il 2024 il focus è su gastronomia e vini, su musei e la frizzante city-life di Losanna, sulla riviera di Montreaux e i paesaggi Unesco del Lavaux, Glacier 3000 e le piste di Villars sur Ollons. Ma anche sulle terme e la Vallée du Joux, culla dell’orologeria Svizzera”.\r\n\r\nPrimo Tod per Asatours, to britannico attivo da 35 anni, specializzato in Gran Bretagna e Irlanda per individuali, gruppi e mice: “Approccio più che positivo – afferma Sara Lasca – ho colto interesse per la versatilità del nostro prodotto, classico ma che contempla percorsi meno battuti, esperienze e autentiche chicche. Come la Battersea Power Station di Londra, ex centrale a carbone eternata da un lp dei Pink Floyd, ora fulcro di un’area trendy molto vivace, o Belfast capitale nordirlandese che ha ancora molto da esprimere”.\r\n\r\nRappresentata sul mercato italiano da poco più di un anno da JoyCò, Ayada è la nuova frontiera delle Maldive.“Per noi questo confronto con il trade è fondamentale - dichiara Gioja Tresoldi, managing director di JoyCò -. Ayada, nelle Maldive del Sud, dista 60 chilometri dall’isola più vicina, aspetto che ne garantisce privacy e relax. Riporta alle Maldive delle origini, ma con confort e servizi all’avanguardia, sistemazioni, 112 in tutto, di varia tipologia, attività per ospiti di ogni età. La proprietà è di una famiglia che sta investendo molto in Europa e ora guarda con interesse all’Italia”\r\n\r\nA due passi da Trieste, Lipica è una meta slovena di grande appeal. “Per noi l’Italia è una priorità e il 2024 dà già segnali di ulteriore crescita - afferma Kristina Mamić Mikša -. Sempre più apprezzata, e non solo dagli sportivi, è immersa in 300 ettari di verde, con un maneggio appena rinnovato, allevamento di 30 cavalli, golf a 9 buche, hotel in piena sintonia con l’ambiente, centro congressi... Di certo il treno diretto Milano – Lubjana, che fermerà anche a Lipica, segnerà una svolta”. Novità anche per il Girasole, con una “Islanda in versione fly and drive - dichiara Claudio Parisi –, a cui si aggiungeranno mete insolite. In uscita pure il nuovo catalogo Azzorre, tour per Madeira e la Rota Vicentina, in Portogallo, il cammino dei Fari e quello di Santiago, in Spagna. In tema ferroviario, da segnalare i viaggi a bordo dei treni spagnoli di lusso e la grande ripresa dell’Interrail: formula per anni dimenticata e oggi molto richiesta dagli agenti di viaggi per l’utenza più giovane”.\r\n\r\n[gallery ids=\"464528,464529,464530,464531\"]","post_title":"Al Travel Open Day di Torino molti debutti e tante novità","post_date":"2024-03-28T12:18:39+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711628319000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464112","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Antitrust e Booking. Forse qualcuno se lo aspettava, ma ora è ufficiale: l’Antitrust ha avviato un procedimento istruttorio nei confronti di Booking.com (Italia), Booking.com B.V. e Booking.com International B.V. per accertare un presunto abuso di posizione dominante nel mercato dei servizi online di intermediazione e prenotazione di strutture alberghiere, in violazione dell’art. 102 del Tfue.\r\n\r\nBooking ha emesso una nota che afferma: \"Possiamo confermare che stiamo pienamente collaborando con la Guardia di Finanza e l'Autorità garante della concorrenza e del mercato, che ieri hanno svolto delle ispezioni nei nostri uffici in Italia!.\r\nIn particolare, spiega l'autorità, Booking conferirebbe alle strutture alberghiere che fanno parte del Programma Partner Preferiti (e della sua estensione Preferiti Plus) vantaggi in termini di visibilità della propria offerta nei risultati di ricerca, a fronte di commissioni più elevate e dell’impegno a offrire su booking.com prezzi “competitivi”, ovvero non più elevati di quelli che le strutture applicano sul proprio sito o sulle piattaforme di altre agenzie di viaggio online.\r\n\r\nOstacolare la concorrenza\r\nAl contempo, quando riscontra, all’esito di un monitoraggio capillare e sofisticato, che una struttura offre prezzi migliori su altri siti online, Booking si riserva la possibilità di applicare, senza il consenso delle strutture, uno sconto per allineare l’offerta di booking.com alla migliore tra quelle disponibili online.\r\nNel suo insieme, questa strategia sembra idonea a ostacolare lo svolgimento di una concorrenza effettiva nel mercato, quantomeno nazionale, dei servizi online di intermediazione e prenotazione alberghiera, a danno di altre ota con effetti negativi sulle strutture ricettive e, in ultima analisi, sui consumatori in termini di maggiori prezzi e minore scelta nei servizi di intermediazione e prenotazione online. Nella giornata di ieri, i funzionari dell’Autorità hanno svolto ispezioni nelle sedi di Booking.com (Italia) S.r.l., con l’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza","post_title":"L' Antitrust apre un procedimento istruttorio contro Booking.com","post_date":"2024-03-22T11:57:31+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711108651000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi. \r\n\r\nSecondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi).\r\n\r\nA centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto).\r\n\r\nSi tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa.\r\n\r\nIntanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023","post_date":"2024-03-22T10:11:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711102312000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463914","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un'estate tutta nel segno del lungo raggio per Air France che opererà un network di 85 destinazioni a lungo raggio in 74 Paesi del mondo, con una crescita del 9% rispetto al 2023.\r\n\r\nLa compagnia, che si prepara a trasportare decine di migliaia di visitatori in più in Francia in occasione dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi, pone grande enfasi sui collegamenti da e per il Nord America: nei soli Stati Uniti, Air France volerà più di 210 volte a settimana, servendo un totale di 17 destinazioni. Inoltre, opererà quasi 60 voli settimanali verso cinque città canadesi (Montreal, Quebec City, Ottawa, Toronto e Vancouver).\r\n\r\nIl vettore aprirà nuove rotte dall'hub di Parigi-Charles De Gaulle verso Phoenix, con tre frequenze a settimana utilizzando Boeing 787-9 e riprenderà il servizio giornaliero verso l'aeroporto di Minneapolis-St Paul; saranno poi rafforzati i collegamenti verso Raleigh-Durham: i voli settimanali saliranno da tre a sette alla settimana nella winter 2024/25.\r\n\r\nIntanto, a maggio, in occasione del Festival di Cannes, Air France opererà due voli speciali tra Los Angeles e Nizza con un Airbus A350-900.\r\nLa compagnia aerea potenzierà poi il collegamento giornaliero per Abu Dhabi da Parigi-Charles de Gaulle, introdotto nell'inverno del 2023 e attivo per tutta l'estate del 2024. Riprenderà inoltre il servizio diretto da Dar Es Salam, Tanzania inaugurato nell'estate del 2023, con tre voli settimanali in prosecuzione da Zanzibar.\r\n\r\nA oriente, Air France offrirà più voli per il Giappone, tra cui due voli giornalieri tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda, che si affiancheranno ai servizi per Tokyo-Narita, attivi quattro volte a settimana; aumenteranno anche le frequenze sulle principali rotte africane e dell'oceano Indiano.\r\n\r\nIl corto raggio\r\n\r\nPer quanto riguarda il corto raggio, la compagnia francese servirà 102 destinazioni, tra cui 45 rotte stagionali sia in Francia che in Europa.\r\nTre nuove rotte saranno introdotte da Paris-Charles de Gaulle verso Verona, Narvik-Lofoten in Norvegia e Kalamata in Grecia. I voli per Verona saranno attivi tre volte a settimana a partire dal prossimo 2 aprile, mentre i servizi per Narvik-Lofoten saranno attivi solo il sabato dal 15 giugno al 31 agosto. I voli per Kalamata saranno settimanali dal 6 luglio al 31 agosto.\r\n\r\nI voli per Tromsø, finora disponibili solo in inverno, saranno estesi al periodo estivo, con un massimo di due voli settimanali da Parigi con Airbus A319.\r\nInfine, Transavia France, volerà verso 116 destinazioni in 33 Paesi attraverso 206 rotte.\r\n\r\n ","post_title":"Air France aumenta del 9% la capacità sul network di lungo raggio","post_date":"2024-03-20T10:46:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710931600000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463361","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Austria entra di gran carriera nel 2024 con il lancio della nuova campagna di comunicazione globale che fa perno su un'unica parola chiave: “Lebensgefühl”. \r\n\r\nTermine che è stato «volutamente mantenuto in lingua tedesca su tutti i mercati - spiega Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, in occasione del workshop per agenzie e tour operator che si è svolto ieri a Milano e farà tappa oggi a Verona, per poi terminare a Roma - e identifica lo stile di vita austriaco: in altre parole, apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Sensazioni che condividiamo con i nostri ospiti quando sono in vacanza in Austria».\r\n\r\nLa campagna, presentata alla recente Itb di Berlino, coinvolge 11 paesi, in collaborazione con 77 partner austriaci «e da aprile sarà visibile attraverso smart tv, out of home a Milano, anche con un tram brandizzato, e Brescia».\r\n\r\nIntanto, il consuntivo 2023 registra un trend positivo per i flussi dall'Italia: «Gli arrivi sono stati 1,01 milioni, per una crescita del 24% e il numero di pernottamenti è aumentato del 20% rispetto al 2022, per un totale di 2,6 milioni». Dati che non riportano ancora ai numeri del 2019 «siamo in difetto di un 7%» ma che posizionano comunque il nostro Paese «al quinto posto tra i principali mercati di provenienza in termini di arrivi, dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera, e Cechia e al 7° posto a livello di pernottamenti».\r\n\r\nUn turista italiano che predilige ancora una volta la ricca offerta culturale delle città austriache: «Parliamo in gran parte di coppie, che visitano il nostro Paese tra maggio e ottobre nel 65% dei casi, per periodi che in città si aggirano sui tre giorni mentre nelle regioni di Carinzia e Tirolo fino alla settimana; il restante 35% si reca in Austria in inverno, complice l'elevata attrattività dei mecatini di Natale». I nostri connazionali si affidano «nel 35% dei casi alla consulenza di agenzie e to per raggiungere l'Austria e anche per questo continuiamo a investire sulla formazione al trade, innanzitutto con i workshop e i webinar».\r\nProprio il 2023 è stato caratterizzato da un significativo aumento del turismo in città e del turismo culturale: a Vienna, ad esempio, il numero di ospiti provenienti dall'Italia è aumentato del 45% rispetto al 2022. Oltre a Vienna, anche l’offerta culturale nelle altre capitali delle nove regioni è stata molto richiesta durante tutto l'anno. «Il 52% degli arrivi di ospiti italiani avviene oggi nei capoluoghi di provincia dell'Austria e di questi, i due terzi scelgono Vienna».\r\n \r\nCultura, sostenibilità e gastronomia\r\n \r\nNel 2024 in cui spicca il ruolo della cittadina storica di Bad Ischl che con altri 22 comuni rurali del territorio del Salzkammergut è Capitale Europea della Cultura (190 progetti per un totale di 300 eventi), i focus di Austria Turismo si concentrano poi oltre che sulle città, «sulla sostenibilità, con l'obiettivo di diventare una destinazione leader a livello mondiale in questo ambito». \r\n\r\n\r\nA questo proposito, la capitale austriaca ospiterà dal 5 aprile al 14 luglio 2024 la prima Biennale del Clima: un programma interdisciplinare e interattivo ruoterà intorno all’arte e all’ecologia, e coinvolgerà tutta la città con l'obiettivo di trovare risposte comuni alla crisi climatica e lanciare nuove idee il futuro.\r\n\r\n\r\nRiflettori puntati anche sulla musica, con numerosi eventi legati a diversi anniversari: Nel 2024 il mondo della musica festeggia i 200 anni di Anton Bruckner, il poliedrico Arnold Schönberg fu il pioniere del metodo dodecafonico: a Vienna e a Mödling molte istituzioni parteciperanno all’anniversario dei 150 anni dalla sua nascita. Uno sguardo al 2025 porta invece al grande appuntamento a Vienna per i 200 anni dalla nascita di Johann Strauss.\r\n\r\n\r\nInfine, spazio alla gastronomia: «La Guida Michelin torna in Austria nel 2025, in collaborazione con Austria Turismo e otto enti regionali per la nuova selezione di ristoranti per l'Austria. La guida verrà pubblicata nel gennaio 2025».\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n ","post_title":"Austria Turismo vara la nuova campagna 'Lebensgefühl'. Arrivi dall'Italia a +24%","post_date":"2024-03-13T11:07:54+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710328074000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462722","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462724\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Place of Charme, Borgo di Contefreda[/caption]\r\n\r\nIl brand dell'ospitalità del gruppo SoGes, Place of Charme, approda all'Itb di Berlino, in programma da domani sino al 7 marzo (stand 110, hall 1.2). “Il target nordeuropeo rappresenta più del 70% della nostra clientela - spiega Leonardo Bocciolini, revenue manager della catena - L'Itb per noi è da sempre una finestra su un pubblico di viaggiatori che apprezza il nostro Paese e che ricerca delle esperienze autentiche nella campagna toscana o in altre destinazioni\".\r\nIl consolidamento del turismo nordeuropeo e dei gruppi leisure in arrivo in autobus è quindi tra i principali obiettivi della partecipazione alla manifestazione, che ha portato a un aumento del 7% di queste prenotazioni negli hotel del distretto verde rispetto al 2023. Si tratta di un segmento strategico per le strutture Place of Charme della zona, Borgo di Cortefreda, Boccioleto Resort&Spa, la Certosa di Pontignano e l’ultima acquisizione della catena, il Podere Mezzastrada. Una tendenza motivata appunto dalle preferenze dei visitatori, più concentrati sull’entroterra toscano che nelle città, perché in cerca di natura ed enogastronomia.\r\n\r\n\"In quest’ottica è essenziale il contatto con i tour operator e le agenzie specializzate sul territorio, alcune delle quali rappresentano partner storici - aggiunge una nota dell'operatore -. La diversificazione dei canali si è rivelata infatti importante per dialogare con il segmento dei viaggi di gruppo; basti pensare che a oggi la metà del fatturato del gruppo SoGes viene generata grazie alle sinergie con agenzie offline e più della metà del fatturato proveniente dall’offline deriva a sua volta dai gruppi leisure\".\r\n\r\nPlace of Charme include sette delle strutture del gruppo SoGes. La clientela è composta per oltre l’80% da turisti leisure, mentre il 20% circa dei visitatori è afferente al segmento mice. Più del 70% degli ospiti, inoltre, proviene dall’area Emea (principalmente Germania, Svizzera, Francia) e circa il 30% dal Nord America. SoGes si inserisce nella gestione autonoma di strutture ricettive del comparto 4 stelle con meno di 100 camere e punta a crescere ulteriormente","post_title":"Place of Charme all'Itb di Berlino: dal Nord Europa il 70% degli ospiti del brand","post_date":"2024-03-04T13:03:41+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709557421000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462669","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United prevede di ricevere da Boeing 102 nuovi aeromobili in meno nel 2024 rispetto a quanto stabilito dal contratto: un ritardo che costringe la compagnia aerea a ricalcolare il piano della flotta e le aspettative di rinnovo per i prossimi anni.\r\n\r\nIn un documento depositato il 29 febbraio presso la Securities and Exchange Commission (Sec) degli Stati Uniti, il vettore ha dichiarato di contare sul fatto che il costruttore statunitense gli consegnerà 63 aerei nel 2024, anziché i 165 originariamente previsti.\r\n\r\nSecondo United, i ritardi nelle consegne rappresentano un rischio importante per la capacità di realizzare il piano di trasformazione della flotta \"United Next\" nonché per la gestione globale dello sviluppo.\r\n\r\nI ritardi arrivano mentre Boeing si occupa di numerosi problemi di qualità relativi al 737 Max, per i quali la Federal Aviation Administration ha messo in mora il produttore. United, da parte sua, ha dichiarato di essere alla ricerca di soluzioni per evitare conseguenze negative dai ritardi, ad esempio facendo maggiore affidamento su altri tipi di aeromobili e ritardando il ritiro di quelli più datati.\r\n\r\n ","post_title":"United Airlines prevede di ricevere da Boeing 102 aeromobili in meno nel 2024","post_date":"2024-03-04T10:14:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709547287000]}]}}

Lascia un commento