16 April 2024

1100

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Promotore commerciale, esperienza decennale nella vendita nelle zone Emilia Romagna e Nord Italia, ottima conoscenza ed entratura nelle agenzie di viaggio e network, valuta proposte di collaborazione. Se interessati vi porto a conoscenza che saro’ presso il Ttg di Rimini per un eventuale incontro.
Tel. 347 3214828.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465562 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="" align="alignright" width="300"] Luigi Bordoni, general manager, e Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly[/caption] «Offrire una supervisione totale sotto un aeromobile, da quando atterra a quando decolla e trasmettere la nostra professionalità a servizio dei tour operator e agenzie di viaggio, rappresentando le compagnie aeree di cui siamo gsa»: Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly, fotografa così la mission della società. «La nostra marcia in più è quella di essere il trait d'union fra la compagnia aerea e il tour operator, facendoci carico totalmente delle esigenze dei nostri clienti, cercando di arrivare a una soluzione direttamente con la sede laddove non riusciamo da soli, anche se questi casi sono veramente rari».   Attualmente Edograf rappresenta «una decina di compagnie, ma vorrei sottolineare con orgoglio anche la collaborazione con Wizz Air, per la quale curiamo le inspection per la supervisione dei voli.  La low cost che ha come obiettivo principale la puntualità, affida a noi il lavoro di capire meglio dove ci possano essere eventuali situazioni di stallo, che non permettano di raggiungere il 100% della puntualità, senza mai trascurare i tecnicismi sotto un aeromobile, il controllo totale dal check-in al gate, al monitoraggio della qualità servizi».   La società romana è anche gsa di Air Cairo, «he opera in diverse località egiziane, con un traffico in gran parte charterizzato su Sharm el Sheikh e Marsa Alam con molti tour operator. Zoccolo duro della nostra azienda ormai da anni è poi costituito dalla collaborazione con Air Albania che collega molte città italiane con Tirana e con la quale lavoriamo da numerosi aeroporti internazionali: per noi è un fiore all'occhiello  rappresentare questa compagnia aerea».   Ultima new entry è quella di «Turkmenistan Airlines, che ha affidato a noi lo sviluppo e la commercializzazione dei voli in partenza dall'Italia, a prezzi molto interessanti con buone coincidenze su alcune destinazioni del Sud-est asiatico. Un mercato diverso e di nicchia: a noi il compito di individuare i tour operator specializzati per questa tipologia di traffico».   Edograf, conclude la sales manager, «è presente in quasi in tutti gli aeroporti italiani con propri uffici, biglietterie e un call center a Pisa, operativo dalle 06.00 alle 23.00, che copre tutte le richieste dei nostri clienti». (q.f.)   [post_title] => Edograf: «Il nostro plus? Essere trait d'union fra le compagnie aeree e i tour operator» [post_date] => 2024-04-15T14:19:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713190759000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465409 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto). Il forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti. Il forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania. [post_title] => Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita [post_date] => 2024-04-12T11:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712919620000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465396 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Impiego del biocarburante Hvo (olio vegetale idrotrattato); riduzione dell’uso della plastica grazie al filtro Uv installato sulle houseboat; pompa dell’acqua per gestire le risorse naturali in modo più responsabile. Sono le nuove misure introdotte da Le Boat, specialista delle vacanza in barca lungo fiumi, laghi e canali d’Europa e Canada, per migliorare ulteriormente la sostenibilità ambientale della propria offerta. Le novità saranno inizialmente lanciate nella base di Douelle, nel dipartimento del Lot della regione francese dell'Occitania. L'olio vegetale idrotrattato è in particolare un combustibile rinnovabile e biodegradabile al 100%, sintetizzato da grassi riutilizzati e scarti vegetali, che riduce le emissioni di carbonio del 90%. Il filtro Uv consente invece di avere a disposizione acqua purificata e sicura a bordo per l’intera durata del viaggio. La funzionalità del sistema viene controllata durante la preparazione della barca prima di ogni noleggio, attività che si integra con la disinfezione completa dell'intero impianto idrico prima all’inizio di ogni stagione. In considerazione dei problemi di siccità e di scarsità dell’acqua dettati dai cambiamenti climatici e con l’obiettivo di gestire le risorse idriche il modo più responsabile, Le Boat ha infine installato nella base di Douelle una pompa per utilizzare l’acqua del fiume nelle operazioni di pulizia delle houseboat. [post_title] => Le Boat sempre più green: nuovi biocarburanti e sistemi per la riduzione dell'uso di acqua e plastica [post_date] => 2024-04-12T10:36:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712918197000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C. Località che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città. È a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979.  Baltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York. Lancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti. Princeton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York. New York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia. [gallery ids="465124,465127,465126"] [post_title] => Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York [post_date] => 2024-04-09T10:54:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712660068000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464996 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile. «Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. 1000 merchant «Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. «Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo. «Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. Democratico accesso al credito «Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. Chi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. «Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda .  l’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!   ».    [post_title] => Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali [post_date] => 2024-04-08T10:56:33+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712573793000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464800 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cinque personaggi, cinque approcci, cinque filosofie per 35 itinerari unici, per cui è prevista una sola partenza, che si snodano lungo sei rotte geografiche, dedicati a piccoli gruppi di 10-15 partecipanti. Turisanda svela finalmente i dettagli dei propri viaggi limited edition Signature – Once in a Lifetime annunciati in occasione della Bit per festeggiare i primi 100 anni del brand. Le proposte sono raccolte in un coffee table book, che racconta spedizioni geografiche, storiche e naturalistiche capaci di ripercorrere le vie tracciate dai pionieri. Sfogliando le pagine del nuovo catalogo sarà così possibile farsi trasportare dalle parole di Christian Greco, egittologo e direttore del museo Egizio di Torino, Stefania Andreoli, psicoterapeuta e scrittrice, Mario Tozzi, geologo, divulgatore scientifico, saggista, autore e conduttore televisivo, Pablo Trincia, giornalista, autore e personaggio televisivo, e Filippa Lagerbäck, conduttrice televisiva e showgirl. Partendo dal Nord Europa per scoprire il fascino delle aurore e delle magie del Nord, gli itinerari passano dal Nord Africa alla penisola Arabica attraverso Tunisia, Egitto, Giordania, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Oman; dall’Outback alla spiritualità dell’India tra gli spazi sconfinati dell’Australia, il Sud-Est asiatico e i colori del subcontinente indiano; dal Capo a Mombasa, alla scoperta del continente africano percorrendo il Tropico del Capricorno e la linea dell’Equatore; dal Sol Levante alla rotta Panamericana, passando per Giappone, Canada, Stati Uniti e America Latina, paesi caratterizzati da climi, panorami e storie che non potrebbero essere più lontane né più affascinanti, fino alla possibilità di conoscere i sapori d’Oriente partendo dall’Italia verso la penisola Balcanica e il Caucaso, dove in passato si scambiavano merci e si incontravano culture e storie di cui oggi rimangono i profumi e i sapori di un viaggio da vivere con tutti i cinque sensi. Per ognuno degli itinerari proposti gli hotel e i resort sono stati selezionati per vivere al meglio la destinazione, senza rinunciare alle migliori opportunità di relax, con guide professionali parlanti italiano che ben conoscono i luoghi da visitare e capaci di coinvolgere al meglio i singoli partecipanti, a cui si aggiunge la possibilità di vivere esperienze autentiche: dalle visite private a siti e musei dopo la chiusura al pubblico, al trekking notturno nella giungla, fino alle crociere romantiche al tramonto, alle cene nel deserto sotto le stelle e agli incontri di personaggi che hanno fatto la storia. Inoltre, per sei tour, uno per ciascuna delle sei rotte geografiche che compongono la collezione, all’esperienza firmata Turisanda, si unisce la possibilità di viverla insieme a dei compagni di viaggio speciali: fotografi, travel blogger, esperti di avventure on the road, scrittori, storyteller che, insieme alla guida, accompagneranno i viaggiatori in queste sei spedizioni, che racconteranno anche sui loro profili social. [post_title] => Disponibile il catalogo dei viaggi Signature - Once in a Lifetime per i 100 anni di Turisanda [post_date] => 2024-04-03T12:29:21+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712147361000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air ha ufficialmente firmato l'ordine fermo con Airbus per 33 nuovi aeromobili della famiglia A350 anticipato lo scorso marzo e precisamente 27 A350-1000 e sei A350-900.  Grazie all’autonomia maggiore rispetto a qualsiasi altro aeromobile, l'A350 sarà in grado di operare tutte le attuali rotte intercontinentali della compagnia aerea con una riduzione del 25% dei consumi di carburante e delle emissioni di carbonio rispetto agli aeromobili della generazione precedente. L'autonomia aggiuntiva dell'A350 consentirà inoltre al vettore di valutare nuove destinazioni a lungo raggio.   «L'eccezionale autonomia, l'efficienza dei consumi e il comfort dei passeggeri rendono l'A350 particolarmente adatto al nostro network globale - ha commentato Jason Yoo, chief safety and operating officer ed evp della compagnia aerea della Corea del Sud -. Siamo certi che l'introduzione dell'A350 nella nostra flotta favorirà l'efficienza operativa e migliorerà l'esperienza di viaggio complessiva dei nostri passeggeri». A fine febbraio la Famiglia A350 aveva registrato 1.240 ordini da parte di 59 clienti in tutto il mondo.   [post_title] => Korean Air ha firmato l'accordo con Airbus per l'acquisto di 33 nuovi A350 [post_date] => 2024-04-02T12:02:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712059346000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464545 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Jet2.com ha sceltol'aeroporto di Bournemouth come dodicesima base nel Regno Unito: dall'estate 2025 la compagnia aerea collegherà lo scalo del Dorset con 16 destinazioni in Europa, tra le Isole Canarie e il Mediterraneo, cominciando con 27 voli settimanali e due mete - Fuerteventura e Madeira - che saranno un'esclusiva da Bournemouth. Due aeromobili inizialmente basati, che opereranno dalla città per tutta l'estate: il primo volo è programmato alla volta di Tenerife il 1° aprile 2025. La compagnia stima di creare più di 100 posti di lavoro, con posizioni disponibili tra il personale di volo, l'equipaggio di cabina, l'ingegneria e le operazioni a terra. «Passeggeri e agenti di viaggio ci hanno chiesto a lungo di fare questo investimento - ha dichiarato Steve Heapy, ceo di Jet2.com e Jet2holidays - quindi siamo assolutamente felici di annunciare che l'aeroporto di Bournemouth diventerà il nostro 12° aeroporto di base nel Regno Unito. Quest'ultima espansione è un'ulteriore dimostrazione della nostra fiducia e riflette la nostra strategia a lungo termine di essere il leader del Regno Unito per i viaggi leisure. «Questa novità rappresenta un enorme voto di fiducia nell'aeroporto di Bournemouth da parte di Jet2.com e Jet2holidays, che hanno scelto lo scalo come loro nuovo aeroporto di base in quella che è un'importante espansione delle loro operazioni nel sud dell'Inghilterra - ha aggiunto Andrew Bell, ceo di Regional and City Airports, che possiede l'aeroporto di Bournemouth -. Creerà nuovi posti di lavoro a livello locale, aggiungerà 16 nuove destinazioni  al nostro network, fino a 27 voli in più a settimana e si stima che altri 300.000 passeggeri utilizzeranno l'aeroporto». [post_title] => Jet2.com ha scelto Bournemouth come 12esima base nel Regno Unito, dal 2025 [post_date] => 2024-03-29T09:15:32+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711703732000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tante sono le novità firmate Guiness per la programmazione 2024-2025. L’offerta del tour operator è di 240 itinerari e più di 1000 partenze lungo tutto l'arco dell’anno verso oltre 100 destinazioni in tutto il mondo. Partendo dall’Asia Orientale, una esclusiva new entry è il Bhutan (Gran Tour Bhutan & Nepal Prestige) , uno dei paesi meno accessibili al turismo e allo stesso tempo depositario di una grande ricchezza naturale e spirituale. In Thailandia, gli itinerari proposti sono aumentati a 5, coniugando le attrazioni più belle della capitale e del nord del paese con le meraviglie dell’arcipelago thailandese (Gran Tour Thailandia, Thailandia & Phuket, Bangkok & Ko Samui, Bangkok e Khao Lak, Meraviglie della Natura). Anche nella vicina Indonesia la programmazione ha visto ampliare il numero di itinerari: Gran Tour Indonesia - Java & Bali, Amazing Bali -, l’isola degli Dei e la novità Bali & Lombok. Grande rientro la Cina, presente anche in un combinato con il Tibet. Spostandoci in America Latina, le Galapagos impreziosiscono un nuovo tour in Ecuador, mentre il Cile si allarga a comprendere anche l’Isola di Pasqua, una delle destinazioni più remote del pianeta. In Africa e nel Vicino Oriente, le novità sono rispettivamente l’Algeria e l’Arabia Saudita. I primi mesi dell’anno sono più che promettenti e confermano in larga parte le proiezioni di fine 2023: il mercato è sicuramente in netta ripresa, con alcune destinazioni in particolare sulla cresta dell’onda. Il Giappone continua a registrare numeri da sold-out, gli Usa sono in costante ascesa e l’Europa attira sempre con i suoi evergreen. [post_title] => In casa Guiness tante novità sulle destinazioni Mondo nel 2024-2025 [post_date] => 2024-03-28T15:57:24+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711641444000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1100" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":19,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":328,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465562","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Luigi Bordoni, general manager, e Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly[/caption]\r\n\r\n«Offrire una supervisione totale sotto un aeromobile, da quando atterra a quando decolla e trasmettere la nostra professionalità a servizio dei tour operator e agenzie di viaggio, rappresentando le compagnie aeree di cui siamo gsa»: Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly, fotografa così la mission della società.\r\n«La nostra marcia in più è quella di essere il trait d'union fra la compagnia aerea e il tour operator, facendoci carico totalmente delle esigenze dei nostri clienti, cercando di arrivare a una soluzione direttamente con la sede laddove non riusciamo da soli, anche se questi casi sono veramente rari».\r\n \r\nAttualmente Edograf rappresenta «una decina di compagnie, ma vorrei sottolineare con orgoglio anche la collaborazione con Wizz Air, per la quale curiamo le inspection per la supervisione dei voli.  La low cost che ha come obiettivo principale la puntualità, affida a noi il lavoro di capire meglio dove ci possano essere eventuali situazioni di stallo, che non permettano di raggiungere il 100% della puntualità, senza mai trascurare i tecnicismi sotto un aeromobile, il controllo totale dal check-in al gate, al monitoraggio della qualità servizi».\r\n \r\nLa società romana è anche gsa di Air Cairo, «he opera in diverse località egiziane, con un traffico in gran parte charterizzato su Sharm el Sheikh e Marsa Alam con molti tour operator. Zoccolo duro della nostra azienda ormai da anni è poi costituito dalla collaborazione con Air Albania che collega molte città italiane con Tirana e con la quale lavoriamo da numerosi aeroporti internazionali: per noi è un fiore all'occhiello  rappresentare questa compagnia aerea».\r\n \r\nUltima new entry è quella di «Turkmenistan Airlines, che ha affidato a noi lo sviluppo e la commercializzazione dei voli in partenza dall'Italia, a prezzi molto interessanti con buone coincidenze su alcune destinazioni del Sud-est asiatico. Un mercato diverso e di nicchia: a noi il compito di individuare i tour operator specializzati per questa tipologia di traffico».\r\n \r\nEdograf, conclude la sales manager, «è presente in quasi in tutti gli aeroporti italiani con propri uffici, biglietterie e un call center a Pisa, operativo dalle 06.00 alle 23.00, che copre tutte le richieste dei nostri clienti». (q.f.)\r\n ","post_title":"Edograf: «Il nostro plus? Essere trait d'union fra le compagnie aeree e i tour operator»","post_date":"2024-04-15T14:19:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713190759000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465409","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto).\r\n\r\nIl forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti.\r\n\r\nIl forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania.","post_title":"Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita","post_date":"2024-04-12T11:00:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712919620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465396","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Impiego del biocarburante Hvo (olio vegetale idrotrattato); riduzione dell’uso della plastica grazie al filtro Uv installato sulle houseboat; pompa dell’acqua per gestire le risorse naturali in modo più responsabile. Sono le nuove misure introdotte da Le Boat, specialista delle vacanza in barca lungo fiumi, laghi e canali d’Europa e Canada, per migliorare ulteriormente la sostenibilità ambientale della propria offerta. Le novità saranno inizialmente lanciate nella base di Douelle, nel dipartimento del Lot della regione francese dell'Occitania.\r\n\r\nL'olio vegetale idrotrattato è in particolare un combustibile rinnovabile e biodegradabile al 100%, sintetizzato da grassi riutilizzati e scarti vegetali, che riduce le emissioni di carbonio del 90%. Il filtro Uv consente invece di avere a disposizione acqua purificata e sicura a bordo per l’intera durata del viaggio. La funzionalità del sistema viene controllata durante la preparazione della barca prima di ogni noleggio, attività che si integra con la disinfezione completa dell'intero impianto idrico prima all’inizio di ogni stagione. In considerazione dei problemi di siccità e di scarsità dell’acqua dettati dai cambiamenti climatici e con l’obiettivo di gestire le risorse idriche il modo più responsabile, Le Boat ha infine installato nella base di Douelle una pompa per utilizzare l’acqua del fiume nelle operazioni di pulizia delle houseboat.","post_title":"Le Boat sempre più green: nuovi biocarburanti e sistemi per la riduzione dell'uso di acqua e plastica","post_date":"2024-04-12T10:36:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712918197000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465117","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C.\r\n\r\nLocalità che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città.\r\n\r\nÈ a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979. \r\n\r\nBaltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York.\r\n\r\nLancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti.\r\n\r\nPrinceton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York.\r\n\r\nNew York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia.\r\n\r\n[gallery ids=\"465124,465127,465126\"]","post_title":"Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York","post_date":"2024-04-09T10:54:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712660068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464996","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La piattaforma leader del buy now pay later sta cambiando il mondo dei viaggi: quello che Matteo Ciccalè definisce: “l’unicorno nell’unicorno”. Il nuovo vice president strategic growth di Scalapay assume oggi un ruolo strategico in diversi segmenti dopo aver sviluppato con successo la divisione travel. Un settore che, inizialmente, sembrava impossibile.\r\n«Scalapay è stata fondata nel 2019 da Simone Mancini - racconta Ciccalè - Partita da settori come il fashion e il mondo della casa, nel 2021 ha iniziato un percorso nella travel industry, con la creazione di un vertical dedicato. Per la prima volta un’azienda europea si è concentrata sul mondo dei viaggi. Oggi l’indotto del settore turistico equivale a circa il 10% delle transizioni che Scalapay ha registrato nel 2023, confermandosi come segmento che ha maggiormente contribuito alla crescita della società. Infatti sono 200mila le persone che sono andate in vacanza con Scalapay nel 2023 e siamo in continua crescita. \r\n\r\n1000 merchant\r\n«Lavoriamo con circa 1000 merchant: hotel, tour operator, parchi di divertimento e trasporti. Ad oggi dalla nostra app abbiamo portato agli esercenti che lavorano con noi oltre 1.6mln di utenti da raggiungere con notifiche, email profilate o pop-up informativi. Questo ci rende un alleato di primo piano per le aziende turistiche, favorendo l’ottimizzazione degli investimenti in operazioni di marketing. Abbiamo infatti fino a 200 spazi presidiabili e oltre 50 gruppi di utenti divisi per comportamento di acquisto. La crescita che abbiamo registrato è del 250%. Una persona su 10 che ha acquistato su Scalapay nel 2023 ha acquistato un servizio viaggi. \r\n«Questo per noi è molto importante. Oggi abbiamo raggiunto 5.5mln di clienti e 8mila aziende partner, abbiamo una crescita annuale di clienti del 60% e siamo disponibili in tutta Europa. Cosa ci differenzia dalle altre aziende? - prosegue il vice-president – Innanzitutto siamo italiani. Poi « ci concentriamo su tre mercati del Mediterraneo: Italia, Francia e Spagna. E lo facciamo molto bene, perché abbiamo compreso le abitudini del consumatore Mediterraneo, che perlopiù utilizza le carte di debito. Scalapay è l’unica piattaforma del buy now, pay later ad accettare le carte di debito prepagate e, per farlo, utilizza un particolare algoritmo.\r\n«Inoltre siamo stati capaci di creare una community. Non siamo semplicemente un metodo di pagamento, ma aiutiamo i consumatori a godere delle esperienze e dei prodotti che desiderano creando un rapporto di fiducia reciproca. Infatti i consumatori utilizzano la nostra app anche per trovare suggerimenti su quali esercenti, prodotti o servizi poter acquistare. Abbiamo visto che il 70% degli utenti Scalapay è fedele al nostro servizio e ai brand che proponiamo, quindi la piattaforma fa da catalizzatore. \r\n\r\nDemocratico accesso al credito\r\n«Scalapay vuole rendere democratico l’accesso al credito non imponendo una rateizzazione fissa su tutte le spese ma lasciando al consumatore la possibilità di accedere a un credito maggiore nel momento in cui ne ha più bisogno, per le spese che pensa siano in linea con le sue necessità. \r\nChi è il viaggiatore Scalapay? - prosegue Ciccalè - È un consumatore che non acquista solamente viaggi ma anche prodotti di bellezza, abbigliamento, prodotti farmaceutici e anche esperienze. Per il 48% è costituito da nuclei famigliari con bambini e millennials, che hanno oggi tra i 35 e i 45 anni. Equamente diviso tra uomini e donne, risiede soprattutto a: Milano, Torino, Roma, Napoli e Palermo. Ed è un consumatore medio/alto spendente, che non rinuncia alla qualità della vacanza. È un cliente che prenota in anticipo e viaggia anche nei periodi di bassa stagione. \r\n«Scalapay ora vuole rendere sempre più personalizzate le sue soluzioni dedicate al mondo dei viaggi, per consolidare il proprio ruolo di leader del mercato Tra le soluzioni in arrivo per i partner già attivi ci sono l’incremento dei limiti di credito fino a 5000 euro e la rateizzzazione di acconto e saldo fino a 8 rate totali. Per Scalapay lavorano 140 persone in Italia e 250 nel mondo. Se l’head quarter della società è in Italia, è molto importante la sede di Sidney con un team di sviluppatori, perché - come aggiunge Gabriele Senatore, marketing manager travel dell'azienda . \r\nl’Australia è la patria del buy-now pay-later, un pagamento rateale senza interessi e senza busta paga. Quindi abbiamo preso le menti migliori che l’hanno messo a punto per la prima volta, le abbiamo portate in Scalapay e abbiamo costruito qualcosa di unico per il mercato europeo: uno strumento per l’e-commerce, per il mondo digital, che oggi va sempre più nella direzione del travel, delle esperienze e della vendita fisica». In chiusura le parole di Simone Mancini, ceo di Scalapay: «Celebriamo un incredibile 2023 nel turismo. Il travel è e resterà uno dei focus principali del futuro di Scalapay!\r\n\r\n \r\n». \r\n\r\n ","post_title":"Scalapay: la crescita nel Travel della fintech che guida a una nuova gestione delle finanze personali","post_date":"2024-04-08T10:56:33+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712573793000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464800","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cinque personaggi, cinque approcci, cinque filosofie per 35 itinerari unici, per cui è prevista una sola partenza, che si snodano lungo sei rotte geografiche, dedicati a piccoli gruppi di 10-15 partecipanti. Turisanda svela finalmente i dettagli dei propri viaggi limited edition Signature – Once in a Lifetime annunciati in occasione della Bit per festeggiare i primi 100 anni del brand. Le proposte sono raccolte in un coffee table book, che racconta spedizioni geografiche, storiche e naturalistiche capaci di ripercorrere le vie tracciate dai pionieri.\r\n\r\nSfogliando le pagine del nuovo catalogo sarà così possibile farsi trasportare dalle parole di Christian Greco, egittologo e direttore del museo Egizio di Torino, Stefania Andreoli, psicoterapeuta e scrittrice, Mario Tozzi, geologo, divulgatore scientifico, saggista, autore e conduttore televisivo, Pablo Trincia, giornalista, autore e personaggio televisivo, e Filippa Lagerbäck, conduttrice televisiva e showgirl.\r\n\r\nPartendo dal Nord Europa per scoprire il fascino delle aurore e delle magie del Nord, gli itinerari passano dal Nord Africa alla penisola Arabica attraverso Tunisia, Egitto, Giordania, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Oman; dall’Outback alla spiritualità dell’India tra gli spazi sconfinati dell’Australia, il Sud-Est asiatico e i colori del subcontinente indiano; dal Capo a Mombasa, alla scoperta del continente africano percorrendo il Tropico del Capricorno e la linea dell’Equatore; dal Sol Levante alla rotta Panamericana, passando per Giappone, Canada, Stati Uniti e America Latina, paesi caratterizzati da climi, panorami e storie che non potrebbero essere più lontane né più affascinanti, fino alla possibilità di conoscere i sapori d’Oriente partendo dall’Italia verso la penisola Balcanica e il Caucaso, dove in passato si scambiavano merci e si incontravano culture e storie di cui oggi rimangono i profumi e i sapori di un viaggio da vivere con tutti i cinque sensi.\r\n\r\nPer ognuno degli itinerari proposti gli hotel e i resort sono stati selezionati per vivere al meglio la destinazione, senza rinunciare alle migliori opportunità di relax, con guide professionali parlanti italiano che ben conoscono i luoghi da visitare e capaci di coinvolgere al meglio i singoli partecipanti, a cui si aggiunge la possibilità di vivere esperienze autentiche: dalle visite private a siti e musei dopo la chiusura al pubblico, al trekking notturno nella giungla, fino alle crociere romantiche al tramonto, alle cene nel deserto sotto le stelle e agli incontri di personaggi che hanno fatto la storia.\r\n\r\nInoltre, per sei tour, uno per ciascuna delle sei rotte geografiche che compongono la collezione, all’esperienza firmata Turisanda, si unisce la possibilità di viverla insieme a dei compagni di viaggio speciali: fotografi, travel blogger, esperti di avventure on the road, scrittori, storyteller che, insieme alla guida, accompagneranno i viaggiatori in queste sei spedizioni, che racconteranno anche sui loro profili social.","post_title":"Disponibile il catalogo dei viaggi Signature - Once in a Lifetime per i 100 anni di Turisanda","post_date":"2024-04-03T12:29:21+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712147361000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Korean Air ha ufficialmente firmato l'ordine fermo con Airbus per 33 nuovi aeromobili della famiglia A350 anticipato lo scorso marzo e precisamente 27 A350-1000 e sei A350-900. \r\n\r\nGrazie all’autonomia maggiore rispetto a qualsiasi altro aeromobile, l'A350 sarà in grado di operare tutte le attuali rotte intercontinentali della compagnia aerea con una riduzione del 25% dei consumi di carburante e delle emissioni di carbonio rispetto agli aeromobili della generazione precedente. L'autonomia aggiuntiva dell'A350 consentirà inoltre al vettore di valutare nuove destinazioni a lungo raggio.  \r\n\r\n«L'eccezionale autonomia, l'efficienza dei consumi e il comfort dei passeggeri rendono l'A350 particolarmente adatto al nostro network globale - ha commentato Jason Yoo, chief safety and operating officer ed evp della compagnia aerea della Corea del Sud -. Siamo certi che l'introduzione dell'A350 nella nostra flotta favorirà l'efficienza operativa e migliorerà l'esperienza di viaggio complessiva dei nostri passeggeri».\r\n\r\nA fine febbraio la Famiglia A350 aveva registrato 1.240 ordini da parte di 59 clienti in tutto il mondo.\r\n\r\n ","post_title":"Korean Air ha firmato l'accordo con Airbus per l'acquisto di 33 nuovi A350","post_date":"2024-04-02T12:02:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712059346000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464545","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Jet2.com ha sceltol'aeroporto di Bournemouth come dodicesima base nel Regno Unito: dall'estate 2025 la compagnia aerea collegherà lo scalo del Dorset con 16 destinazioni in Europa, tra le Isole Canarie e il Mediterraneo, cominciando con 27 voli settimanali e due mete - Fuerteventura e Madeira - che saranno un'esclusiva da Bournemouth.\r\n\r\nDue aeromobili inizialmente basati, che opereranno dalla città per tutta l'estate: il primo volo è programmato alla volta di Tenerife il 1° aprile 2025. La compagnia stima di creare più di 100 posti di lavoro, con posizioni disponibili tra il personale di volo, l'equipaggio di cabina, l'ingegneria e le operazioni a terra.\r\n\r\n«Passeggeri e agenti di viaggio ci hanno chiesto a lungo di fare questo investimento - ha dichiarato Steve Heapy, ceo di Jet2.com e Jet2holidays - quindi siamo assolutamente felici di annunciare che l'aeroporto di Bournemouth diventerà il nostro 12° aeroporto di base nel Regno Unito. Quest'ultima espansione è un'ulteriore dimostrazione della nostra fiducia e riflette la nostra strategia a lungo termine di essere il leader del Regno Unito per i viaggi leisure.\r\n\r\n«Questa novità rappresenta un enorme voto di fiducia nell'aeroporto di Bournemouth da parte di Jet2.com e Jet2holidays, che hanno scelto lo scalo come loro nuovo aeroporto di base in quella che è un'importante espansione delle loro operazioni nel sud dell'Inghilterra - ha aggiunto Andrew Bell, ceo di Regional and City Airports, che possiede l'aeroporto di Bournemouth -. Creerà nuovi posti di lavoro a livello locale, aggiungerà 16 nuove destinazioni  al nostro network, fino a 27 voli in più a settimana e si stima che altri 300.000 passeggeri utilizzeranno l'aeroporto».","post_title":"Jet2.com ha scelto Bournemouth come 12esima base nel Regno Unito, dal 2025","post_date":"2024-03-29T09:15:32+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711703732000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tante sono le novità firmate Guiness per la programmazione 2024-2025.\r\n\r\nL’offerta del tour operator è di 240 itinerari e più di 1000 partenze lungo tutto l'arco dell’anno verso oltre 100 destinazioni in tutto il mondo.\r\n\r\nPartendo dall’Asia Orientale, una esclusiva new entry è il Bhutan (Gran Tour Bhutan & Nepal Prestige) , uno dei paesi meno accessibili al turismo e allo stesso tempo depositario di una grande ricchezza naturale e spirituale. In Thailandia, gli itinerari proposti sono aumentati a 5, coniugando le attrazioni più belle della capitale e del nord del paese con le meraviglie dell’arcipelago thailandese (Gran Tour Thailandia, Thailandia & Phuket, Bangkok & Ko Samui, Bangkok e Khao Lak, Meraviglie della Natura).\r\n\r\nAnche nella vicina Indonesia la programmazione ha visto ampliare il numero di itinerari: Gran Tour Indonesia - Java & Bali, Amazing Bali -, l’isola degli Dei e la novità Bali & Lombok. Grande rientro la Cina, presente anche in un combinato con il Tibet.\r\n\r\nSpostandoci in America Latina, le Galapagos impreziosiscono un nuovo tour in Ecuador, mentre il Cile si allarga a comprendere anche l’Isola di Pasqua, una delle destinazioni più remote del pianeta.\r\n\r\nIn Africa e nel Vicino Oriente, le novità sono rispettivamente l’Algeria e l’Arabia Saudita.\r\n\r\nI primi mesi dell’anno sono più che promettenti e confermano in larga parte le proiezioni di fine 2023: il mercato è sicuramente in netta ripresa, con alcune destinazioni in particolare sulla cresta dell’onda. Il Giappone continua a registrare numeri da sold-out, gli Usa sono in costante ascesa e l’Europa attira sempre con i suoi evergreen.","post_title":"In casa Guiness tante novità sulle destinazioni Mondo nel 2024-2025","post_date":"2024-03-28T15:57:24+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711641444000]}]}}

Lascia un commento