30 May 2024

1075

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Genova – Avviata agenzia viaggi/tour operator (1.500.000 di fatturato annuo, leader nel settore online), ricerca socio per sostituzione di una persona anziana nella compagine societaria. Per informazioni e dettagli telefonare allo 340 1558030.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467715 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Saudia (Saudia e la divisione low cost (flyadeal) ha siglato un ordine fermo per altri 105 aeromobili della Famiglia A320neo, di cui 12 A320neo e 93 A321neo, che porta il totale a quota 144 velivoli. «Saudia ha obiettivi operativi ambiziosi per soddisfare la domanda in crescita - ha commentato Ibrahim Al-Omar, direttore generale del Gruppo Saudia -. Stiamo incrementando i voli e la capacità in termini di posti per le nostre oltre 100 destinazioni offerte in quattro continenti, e pianifichiamo un'ulteriore espansione. I progressi della "Saudi Vision 2030" attirano ogni anno un numero maggiore di visitatori, turisti, imprenditori e pellegrini. Questo ha motivato la nostra decisione di assicurarci questo importante accordo, che creerà posti di lavoro, incrementerà il contenuto locale e contribuirà all'economia nazionale».  «I nuovi aeromobili consentiranno alla strategia del Gruppo Saudia di far progredire le capacità aeronautiche del Regno, permettendo al contempo a entrambe le compagnie aeree di beneficiare dell'eccezionale efficienza e performance economica, dei massimi livelli di comfort per i passeggeri e della riduzione dei consumi di carburante e delle emissioni della Famiglia A320neo» ha aggiuntoBenoît de Saint-Exupéry, executive vice president sales della divisione Commercial Aircraft. L'Arabia Saudita sta creando opportunità senza precedenti per l'aviazione globale grazie alla Strategia Nazionale Saudita per il Turismo, che ha come obiettivo oltre 150 milioni di turisti entro il 2030.  [post_title] => Gruppo Saudia: nuovo ordine per 105 velivoli della famiglia A320neo [post_date] => 2024-05-21T09:34:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716284043000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467675 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la "revisione" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana.  Ennesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio. La trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita). Cessione Come anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%. In altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow).  [post_title] => Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte [post_date] => 2024-05-20T12:59:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716209966000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467182 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Catania-Fontanarossa compie i suoi primi 100 anni e viene celebrato anche dal miinistero delle Imprese e del Made in Italy con l'emissione di un francobollo ordinario da 1,25 euro appartenente alla serie "le Eccellenze del sistema produttivo ed economico". Da campo di volo per scopi militari nei primi anni del Novecento, il 'Vincenzo Bellini' dagli anni '20 è destinato anche ad uso civile ed oggi è uno dei principali scali del Sud Italia.  «In questi primi cento anni di storia, l'aeroporto di Catania, che nel 2023 ha superato quota 10 milioni di passeggeri, ha saputo crescere e potenziare la mobilità e la continuità territoriale della Regione Sicilia, con voli nazionali ed internazionali, creando posti di lavoro ed incentivando il turismo - ha dichiarato il presidente Enac, Pierluigi Di Palma, in occasione della cerimonia che ha celebrato il centenario dalla fondazione dello scalo siciliano -. Questa storica base logistica favorita dal processo di privatizzazione e liberalizzazione del trasporto aereo è già oggi proiettata verso il futuro e predisposta ad un crescente volume di traffico. Importanti interventi infrastrutturali, di ampliamento dello scalo e di integrazione intermodale con la linea ferroviaria, consolideranno infatti la sua vocazione quale polo strategico nel cuore del Mediterraneo». Sul sito del Mimit è stata pubblicata l'immagine del francobollo che raffigura, in grafica stilizzata, una delle prospettive più rappresentative dell'aeroporto, osservabile dalla pista di decollo, in particolare la struttura del nuovo Terminal A. In primo piano, la coda di un aereo e sullo sfondo la presenza dell'Etna che domina la scena. In alto, a destra, è riprodotto il logo del centenario dell'aeroporto. Completano il francobollo la legenda "Centenario aeroporto Fontanarossa di Catania", la scritta "Italia' e l'indicazione tariffaria "B". Il bozzetto è stato realizzato a cura della Sac, Società aeroporto Catania Spa, e ottimizzato dal Centro filatelico della produzione dell'istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Spa.   [post_title] => L'aeroporto di Catania compie 100 anni e un francobollo festeggia la ricorrenza [post_date] => 2024-05-13T11:44:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715600679000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466964 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mezza rivoluzione ai vertici delle strutture Starhotels. Chiuso il 2023 con il nuovo record di 304 milioni di euro di fatturato (+25% rispetto al 2022) e margini operativi lordi (ebitda) per 105 milioni (35% dei ricavi), la compagnia ha infatti conferito in questo primo scorcio di 2024 ben cinque nuovi incarichi ad altrettanti general manager. Dopo aver guidato il Rosa Grand di Milano, Mauro Polmonari assume in particolare il ruolo di complex general manager degli Starhotels Michelangelo, Tuscany e Vespucci di Firenze con il proposito di riposizionare queste proprietà. A Milano, Marco Pratolongo ha ricevuto l’incarico di general manager dello stesso Rosa Grand, hotel di riferimento del gruppo con le sue 330 camere e suite a cui si aggiungono i 24 Duomo Luxury Apartments all’ombra della cattedrale meneghina. Nel suo nuovo ruolo, si occuperà della guida strategica dell'albergo mettendo a frutto la propria esperienza e attitudine commerciale per raggiungere gli obiettivi dei prossimi anni. Nel capoluogo lombardo, a dirigere Echo e Anderson è arrivata poi Lucia Basile, che qui ha iniziato la propria carriera in Starhotels. Con il suo entusiasmo e il forte orientamento al risultato, Lucia porta il valore aggiunto della leadership femminile perseguendo gli obiettivi che il gruppo si è posto per il futuro. In particolare Echo, dopo essersi guadagnato la certificazione Green Globe, continua a portare avanti il proprio impegno quotidiano nel ridurre il proprio impatto di emissioni. Sempre a Milano, un’altra donna, Cristina Cubeddu, direttrice di grande esperienza, assume un nuovo incarico aggiungendo la direzione dello Starhotels Business Palace a quella dello Starhotels Tourist, di cui già rivestiva il ruolo di general manager. Infine, a Vicenza Tomas De Martin Deppo è stato nominato gm dell’Hotel Villa Michelangelo: dopo una decennale esperienza in ambito f&b, De Martin Deppo ha diretto importanti strutture alberghiere a Cortina e a Venezia, nonché in contesti di ville storiche analoghe a Villa Michelangelo, situata tra i colli Berici. [gallery ids="466966,466967,466968,466970"] [post_title] => Vorticoso giro di poltrone in casa Starhotels: nominati cinque nuovi general manager [post_date] => 2024-05-09T10:20:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715250012000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466850 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono il Jk Place Capri, il San Pietro di Positano, il Corte Della Maestà, boutique hotel di sole quattro camere a Civita di Bagnoregio, nonché l'umbro Castello di Reschio di Lisciano Niccone, il Casa Maria Luigia di Modena, progetto dello chef già tristellato Massimo Bottura, il Rosewood Castiglion Del Bosco di Montalcino, l'Aman Venice e il Cipriani, a Belmond Hotel i magnifici otto d'Italia: le strutture che sono riuscite a conquistare le tre chiavi della prima Guida Michelin dedicata agli alberghi della Penisola. Il volume, presentato ieri ufficialmente a Milano, include circa 500 strutture, sulle 6 mila selezionate a livello globale: 107 hanno una chiave, 31 ne hanno due e appunto otto ne possono vantare tre. La Toscana è la regione con più strutture insignite del riconoscimento: 32, di cui una con tre chiavi, sette con due e 24 con una. A seguire, la Campania a quota 18 (due, cinque e undici rispettivamente), il Lazio a 17 (una, due e 14), nonché a 16 la Lombardia (sette due chiavi e nove una) e il Trentino - Alto Adige (quattro due chiavi e 12 una). La guida italiana segue quelle francesi, Usa e spagnole, con la Penisola che vanta una quarantina di strutture con chiavi in meno del paese transalpino e altrettanti ma in più rispetto alla destinazione iberica. Il Giappone seguirà il prossimo 4 luglio e successivamente verranno presentati i volumi di altre mete. [post_title] => I magnifici otto della prima Guida Michelin hotel Italia. Tutte le strutture con tre chiavi [post_date] => 2024-05-08T10:03:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715162587000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466843 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E dopo le stelle vennero le chiavi. La Guida Michelin ha presentato ieri ufficialmente a Milano il proprio primo volume dedicato agli hotel italiani: un compendio delle eccellenze dell'hotellerie made in Italy che, sulle orme di quanto già fatto nella ristorazione, mira a racchiudere il meglio in termini di unicità, qualità e creatività che la Penisola ha da offrire in termini di ospitalità. La guida racchiude circa 500 indirizzi sulle 6 mila proprietà selezionate a livello globale. Di queste, non diversamente da quanto avviene per i ristoranti con le stelle, 107 possono vantare una chiave, 31 due chiavi e otto ne hanno tre. "Il format valutativo è simile a quello che applichiamo al mondo f&b ma naturalmente con criteri differenti - spiega il direttore internazionale della guida Michelin, Gwendal Poullennec -. L'approccio è quindi esperienziale, attento agli elementi qualitativi piuttosto che a quelli quantitativi, con una metodologia lontana dalla tradizione dell'industria ricettiva. I criteri sono universali, certo, ma attenti alla specificità delle differenti culture dell'ospitalità internazionale". In sintesi, gli hotel con il potenziale di essere inclusi nella guida devono rispettare cinque differenti parametri: essere degli hub aperti sul territorio; vantare un livello di eccellenza in termini architettonici e di interior design; avere un'ottima qualità dell'accoglienza e del servizio; porre attenzione al rapporto value for money; essere unici e autentici. Ogni selezione è poi il frutto di un lavoro collettivo di più ispettori di provenienza differente, che visitano gli hotel in forma assolutamente anonima e poi confrontano tra di loro le singole valutazioni. "Per rafforzare la nostra presenza sul territorio, abbiamo reclutato una serie di esperti di ospitalità che affiancheranno i nostri ispettori della ristorazione", aggiunge Poullennec. Gli hotel inseriti nella guida sono inoltre tutti prenotabili sul sito Michelin: "Nel 2018 abbiamo acquisito il sito Tablet Hotel per metterci nelle condizioni di gestire l'intero processo di booking online. La differenza con altri soft brand dell'ospitalità risiede nella nostra libertà di giudizio. In altre parole, noi non adottiamo modello pay to play  e siamo sempre pronti e modificare la lista delle strutture incluse nelle nostre selezioni". Come in tutti i portali di prenotazione, gli hotel pagano comunque una fee commerciale su ciascuna transazione. [post_title] => Chiavi al posto di stelle. Nasce la Guida Michelin dedicata agli hotel [post_date] => 2024-05-08T09:23:43+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715160223000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466537 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Evoluzione continua, perfezione tecnologica e la creazione di un ambiente unico. Sono solo alcuni degli ingredienti che caratterizzano Europa Park: il più grande parco tematico della Germania dedicato ai paesi dell’Europa e alla loro magia, che si trova alle porte della Foresta Nera. Ben 95 ettari di meraviglia, allegria e divertimento con esperienze per tutti i sensi, da quelle adrenaliniche a quelle gastronomiche. Un parco creato nel 1975 dalla famiglia Mack che, professionalmente impegnata nella realizzazione di ottovolanti, gestisce il parco da 8 generazioni. «L’Europa Park non è solo un parco di divertimenti: è un resort - spiegano Dieter e Leah Borer, che si occupano della vendita e della comunicazione del parco in Italia -. Ci sono 6 hotel 4 stelle plus tematici e ne costruiremo altri due 3 stelle e poi abbiamo camping con teepee indiani per i bambini e spettacoli con cavalli, oltre a uno spazio per i caravan che l’anno prossimo verrà ampliato. Quest’offerta ci rende adatti a ogni tipo di viaggiatore. Europa Park attrae oltre 6 milioni di ospiti all’anno: prima del Covid erano 5,7 mln. Il 45,5% è costituito da famiglie con figli. Il 50% dei visitatori arriva dalla Germania, il 23% dalla Svizzera e il 19% dalla Francia. Nel 2023 abbiamo avuto circa 20mila italiani». «Il parco continua a crescere e vogliamo raccontare un’Europa senza confini e senza guerre. - sottolinea Leah Borer - In questi giorni abbiamo aperto la Croazia, che è la 17esima area tematica. L’estate scorsa abbiamo occupato il 98% della capacità del parco e abbiamo l’80% di repeaters. Per 8 anni consecutivi siamo stati premiati con il Golden Ticket Award come miglior parco di divertimenti del mondo. Competiamo con Disneyland - prosegue Borer - L’universo dell’Europa Park ha sempre nuove sfaccettature. Pochi giorni fa è stata inaugurato un nuovo ottovolante: si chiama Voltron Nevera e offre un’esperienza senza uguali realizzata in partnership con Rimax, una compagnia croata che costruisce le macchine elettriche più veloci al mondo». «Per noi è molto importante anche l’f&b. - prosegue Dieter Borer - In ogni area tematica del parco si possono gustare i piatti tipici dl luogo: la pizza in Italia, i kyros in Grecia, la shepherd’s pie in Irlanda… La grande novità del momento è l’“Eatrenalin”: un pasto di nove portate da gustare su sedili che galleggiano tra stanze con tematiche enogastronomiche diverse. È un viaggio culinario per tutti i sensi, frutto della visione di Thomas Mack, managing partner di Europa Park, e di Oliver Altherr, esperto di gastronomia e ceo di Marché International. Un concept che ora aprirà anche a Las Vegas e Singapore. Inoltre accanto al parco c’è anche un ristorante due stelle Michelin. Non lontano dall’Europa Park si trova poi il parco acquatico Rulantica, che è stato aperto dietro richiesta dei visitatori ed è accessibile anche nei mesi invernali. Stiamo espandendo l’area wellness perché i nostri ospiti cercano l’azione, ma anche momenti di relax». Oltre all’impegno nel realizzare numerose attrazioni e spettacoli in un’atmosfera unica, per la famiglia Mack è molto importante il tema della sostenibilità: «Intendiamo installare dei pannelli solari nell’area del parco per utilizzare energia autoprodotta in estate, quando splende il sole» afferma infatti Dieter Borer, che parla di stagionalità a Europa Park: «Apriamo alla fine di marzo. Aprile e maggio sono tranquilli e gli ospiti arrivano in gran numero dalla metà di giugno, quando iniziano le vacanze in Francia. Diminuiscono dal 15 di settembre alla fine di ottobre, quindi arrivano le vacanze in Svizzera. Da quest’anno saremo aperti dalla fine di ottobre fino a dicembre, anche grazie alle temperature più elevate. Nel nostro “Hallowinter” - con allestimenti da Halloween in certe zone e natalizi in altre - il numero degli ospiti è più contenuto». Per raggiungere Europa Park dall’Italia si può viaggiare in treno fino a Basilea, dove si prende una connessione diretta per la stazione di Ringsheim. Da qui, con un bus, si raggiunge in 5’ Rust, dove si trova il parco di divertimenti. Sono disponibili anche diverse connessioni dalla Germania - da Strasburgo e Karlsruhe - e da questo mese di maggio fino al termine di ottobre sarà operativo ogni lunedì e giovedì un volo tra Bergamo Orio al Serio e Karlsruhe/Baden Baden. [gallery ids="466543,466538,466541"]     [post_title] => Germania, l'Europa Park cresce: nuove aree tematiche, hotel e apertura invernale [post_date] => 2024-05-02T09:07:55+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714640875000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465780 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà l’elegante Venaria Reale, gioiello nel cuore del Piemonte, la protagonista della grande partenza della 107° edizione del Giro d’Italia 2024 il prossimo 4 maggio. La città, che nel 2025 sarà anche Capitale europea dello sport, offre una combinazione unica di patrimonio culturale e natura, da scoprire in occasione del grande appuntamento sportivo (e non solo) con itinerari da percorrere a piedi o in bici. Si parte all’esplorazione della città dalla Reggia di Venaria Reale, grandioso complesso che con i suoi 80mila metri quadrati di edificio monumentale e 60 ettari di giardini, è uno dei luoghi iconici del nostro Paese. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1997, è aperta al pubblico dal 2007 dopo essere stata il cantiere di restauro più rilevante d’Europa per i beni culturali. La Reggia vanta alcune delle più alte espressioni del barocco universale: l'incantevole scenario della Sala di Diana progettato da Amedeo di Castellamonte, la solennità della Galleria Grande e della Cappella di Sant’Uberto con l’immenso complesso delle Scuderie, opere settecentesche di Filippo Juvarra, le fastose decorazioni, il celebre Bucintoro e la spettacolare Fontana del Cervo nella Corte d’onore rappresentano la cornice ideale del Teatro di Storia e Magnificenza, il percorso espositivo dedicato ai Savoia che accompagna il visitatore lungo quasi 2.000 metri, tra piano interrato e piano nobile della Reggia. In occasione della partenza del Giro d’Italia la Reggia di Venaria propone per la visita delle tariffe speciali. La visita prosegue nel centro storico: uscendo dalla Torre dell’orologio della Reggia, si attraversa Piazza a Esedra (oggi Piazza della Repubblica) e ci si incammina lungo via Mensa, animata da locali e caffè dove sostare per uno spuntino o assaggiare i prodotti enogastronomici del territorio. Da qui si giunge nella Piazza della SS. Annunziata, elegante piazza e cuore del seicentesco borgo di Venaria Reale. La piazza è dedicata all’Annunciazione di Maria, rappresentata dalle due statue, opera di Giuseppe Maria e Giovanni Domenico Carlone (1678), scultori luganesi, autori anche delle statue dei quattro Evangelisti collocate sempre sulla piazza. Sulla piazza un tempo si affacciavano due locali: Nuova Cernaia (tutt’oggi in attività) e Vecchia Cernaia (ora scomparso), denominati così in ricordo della guerra di Crimea, poiché l'artiglieria impegnata nel conflitto era partita proprio da Venaria. E' possibile spingersi alla scoperta delle vie che si snodano dal centro, cercando i molti scorsi ancora autentici della cittadina. In particolare Via Boglione, che era la sede di alcune attività artigianali com il maniscalco, la tipografia e l’erboristeria, e Via Pavesio, dove ci si immerge ancora una volta nel tempo passato camminando lungo l’edificio delle Corte pagliere, le scuderie e la Cavallerizza Lamarmora. In alternativa chi ama passeggiare nel verde urbano può percorrere i sentieri lungo la Ceronda, l’ampio torrente affluente della Stura che bagna Venaria. Un’esperienza totally green è il Parco della Mandria, un vasto parco naturale che offre splendide opportunità per escursioni, e osservazione della fauna selvatica e rappresenta il principale polmone verde dell’area torinese. Si tratta del più antico e conservato esempio di bosco planiziale (cioè in pianura) del Piemonte. Per la sera non mancano le proposte, tra cui spicca il Teatro della Concordia, cuore culturale dell’intero territorio nord ovest di Torino che compie venti anni di attività proprio nel 2024. Il suo cartellone spazia dalla stand up comedy alla grande prosa, dagli spettacoli per famiglie ai concerti. Ma non manca una tappa per i più golosi. Impossibile partire da Venaria Reale senza aver assaggiato il Canestrello di Altessano, dolce povero ma saporito che già un secolo fa faceva parlare di sé politici e letterati come Michele Lessona, venariese doc e senatore del Regno.         [post_title] => Venaria Reale, meta insolita da scoprire sulla scia del Giro d'Italia [post_date] => 2024-04-18T10:58:22+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713437902000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1075" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":113,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467715","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Saudia (Saudia e la divisione low cost (flyadeal) ha siglato un ordine fermo per altri 105 aeromobili della Famiglia A320neo, di cui 12 A320neo e 93 A321neo, che porta il totale a quota 144 velivoli. «Saudia ha obiettivi operativi ambiziosi per soddisfare la domanda in crescita - ha commentato Ibrahim Al-Omar, direttore generale del Gruppo Saudia -. Stiamo incrementando i voli e la capacità in termini di posti per le nostre oltre 100 destinazioni offerte in quattro continenti, e pianifichiamo un'ulteriore espansione. I progressi della \"Saudi Vision 2030\" attirano ogni anno un numero maggiore di visitatori, turisti, imprenditori e pellegrini. Questo ha motivato la nostra decisione di assicurarci questo importante accordo, che creerà posti di lavoro, incrementerà il contenuto locale e contribuirà all'economia nazionale». \r\n\r\n«I nuovi aeromobili consentiranno alla strategia del Gruppo Saudia di far progredire le capacità aeronautiche del Regno, permettendo al contempo a entrambe le compagnie aeree di beneficiare dell'eccezionale efficienza e performance economica, dei massimi livelli di comfort per i passeggeri e della riduzione dei consumi di carburante e delle emissioni della Famiglia A320neo» ha aggiuntoBenoît de Saint-Exupéry, executive vice president sales della divisione Commercial Aircraft.\r\n\r\nL'Arabia Saudita sta creando opportunità senza precedenti per l'aviazione globale grazie alla Strategia Nazionale Saudita per il Turismo, che ha come obiettivo oltre 150 milioni di turisti entro il 2030. ","post_title":"Gruppo Saudia: nuovo ordine per 105 velivoli della famiglia A320neo","post_date":"2024-05-21T09:34:03+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716284043000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467675","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Domani, 21 maggio, è il termine ultimo fissato dall'Ue affinché Ita Airways e Lufthansa inoltrino la \"revisione\" del pacchetto di rimedi volto a ottenere il via libera all'acquisizione dei tedeschi del 41% del capitale della compagnia italiana. \r\n\r\nEnnesimo aggiustamento che è successivo ai rimedi inviati dalle due parti lo scorso 6 maggio e che era stato giudicato insufficiente dalla Commissione europea, il cui responso definitivo è atteso entro il 4 luglio.\r\n\r\nLa trattativa con le autorità Antitrust europee è aperta su più fronti: da quello sulle rotte transatlantiche (con un passo indietro sui redditizi collegamenti verso il Nord America e verso il Giappone) a quello sui collegamenti intra-europei, al tema caldissimo della cessione di slot negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate. Sul city airport milanese, in particolare, si concentrano gli interessi maggiori: qui, il sacrificio richiesto dall'Ue non collima affatto - almeno finora - con quanto proposto dai tedeschi e dal Tesoro (principale azionista di Ita).\r\nCessione\r\nCome anticipato da Il Corriere della Sera, la richiesta di Bruxelles vedrebbe la cessione del 30% degli slot che Ita Airways e Lufthansa detengono oggi a Linate: in pratica una sessantina di slot al giorno, cioè 30 coppie, rispetto alla cessione di 11-12 coppie prevista dai rimedi inviati da tedeschi e italiani. In questo modo la quota dei diritti di decollo e atterraggio su Linate di Lh e Ita scenderebbe dal 64% al 45%.\r\n\r\nIn altre parole, alle due parti viene chiesto di rinunciare a 175 milioni di euro all'anno di ricavi - sempre secondo le stime del Corriere, che cita i report di analisti, perizie e dati economici dello scalo milanese. Attualmente infatti gli slot di Linate sono i più preziosi all’interno dell’Unione europea e i secondi più cari, considerando l’intero continente (dopo quelli di Londra Heathrow). \r\n\r\n","post_title":"Ita-Lh: L'Ue attende per domani la revisione su cessione slot e tagli rotte","post_date":"2024-05-20T12:59:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1716209966000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467182","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Catania-Fontanarossa compie i suoi primi 100 anni e viene celebrato anche dal miinistero delle Imprese e del Made in Italy con l'emissione di un francobollo ordinario da 1,25 euro appartenente alla serie \"le Eccellenze del sistema produttivo ed economico\".\r\n\r\nDa campo di volo per scopi militari nei primi anni del Novecento, il 'Vincenzo Bellini' dagli anni '20 è destinato anche ad uso civile ed oggi è uno dei principali scali del Sud Italia. \r\n\r\n«In questi primi cento anni di storia, l'aeroporto di Catania, che nel 2023 ha superato quota 10 milioni di passeggeri, ha saputo crescere e potenziare la mobilità e la continuità territoriale della Regione Sicilia, con voli nazionali ed internazionali, creando posti di lavoro ed incentivando il turismo - ha dichiarato il presidente Enac, Pierluigi Di Palma, in occasione della cerimonia che ha celebrato il centenario dalla fondazione dello scalo siciliano -. Questa storica base logistica favorita dal processo di privatizzazione e liberalizzazione del trasporto aereo è già oggi proiettata verso il futuro e predisposta ad un crescente volume di traffico. Importanti interventi infrastrutturali, di ampliamento dello scalo e di integrazione intermodale con la linea ferroviaria, consolideranno infatti la sua vocazione quale polo strategico nel cuore del Mediterraneo».\r\n\r\nSul sito del Mimit è stata pubblicata l'immagine del francobollo che raffigura, in grafica stilizzata, una delle prospettive più rappresentative dell'aeroporto, osservabile dalla pista di decollo, in particolare la struttura del nuovo Terminal A. In primo piano, la coda di un aereo e sullo sfondo la presenza dell'Etna che domina la scena. In alto, a destra, è riprodotto il logo del centenario dell'aeroporto. Completano il francobollo la legenda \"Centenario aeroporto Fontanarossa di Catania\", la scritta \"Italia' e l'indicazione tariffaria \"B\". Il bozzetto è stato realizzato a cura della Sac, Società aeroporto Catania Spa, e ottimizzato dal Centro filatelico della produzione dell'istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Spa.\r\n\r\n ","post_title":"L'aeroporto di Catania compie 100 anni e un francobollo festeggia la ricorrenza","post_date":"2024-05-13T11:44:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715600679000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466964","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mezza rivoluzione ai vertici delle strutture Starhotels. Chiuso il 2023 con il nuovo record di 304 milioni di euro di fatturato (+25% rispetto al 2022) e margini operativi lordi (ebitda) per 105 milioni (35% dei ricavi), la compagnia ha infatti conferito in questo primo scorcio di 2024 ben cinque nuovi incarichi ad altrettanti general manager.\r\n\r\nDopo aver guidato il Rosa Grand di Milano, Mauro Polmonari assume in particolare il ruolo di complex general manager degli Starhotels Michelangelo, Tuscany e Vespucci di Firenze con il proposito di riposizionare queste proprietà. A Milano, Marco Pratolongo ha ricevuto l’incarico di general manager dello stesso Rosa Grand, hotel di riferimento del gruppo con le sue 330 camere e suite a cui si aggiungono i 24 Duomo Luxury Apartments all’ombra della cattedrale meneghina. Nel suo nuovo ruolo, si occuperà della guida strategica dell'albergo mettendo a frutto la propria esperienza e attitudine commerciale per raggiungere gli obiettivi dei prossimi anni.\r\n\r\nNel capoluogo lombardo, a dirigere Echo e Anderson è arrivata poi Lucia Basile, che qui ha iniziato la propria carriera in Starhotels. Con il suo entusiasmo e il forte orientamento al risultato, Lucia porta il valore aggiunto della leadership femminile perseguendo gli obiettivi che il gruppo si è posto per il futuro. In particolare Echo, dopo essersi guadagnato la certificazione Green Globe, continua a portare avanti il proprio impegno quotidiano nel ridurre il proprio impatto di emissioni. Sempre a Milano, un’altra donna, Cristina Cubeddu, direttrice di grande esperienza, assume un nuovo incarico aggiungendo la direzione dello Starhotels Business Palace a quella dello Starhotels Tourist, di cui già rivestiva il ruolo di general manager.\r\n\r\nInfine, a Vicenza Tomas De Martin Deppo è stato nominato gm dell’Hotel Villa Michelangelo: dopo una decennale esperienza in ambito f&b, De Martin Deppo ha diretto importanti strutture alberghiere a Cortina e a Venezia, nonché in contesti di ville storiche analoghe a Villa Michelangelo, situata tra i colli Berici.\r\n\r\n[gallery ids=\"466966,466967,466968,466970\"]","post_title":"Vorticoso giro di poltrone in casa Starhotels: nominati cinque nuovi general manager","post_date":"2024-05-09T10:20:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715250012000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466850","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono il Jk Place Capri, il San Pietro di Positano, il Corte Della Maestà, boutique hotel di sole quattro camere a Civita di Bagnoregio, nonché l'umbro Castello di Reschio di Lisciano Niccone, il Casa Maria Luigia di Modena, progetto dello chef già tristellato Massimo Bottura, il Rosewood Castiglion Del Bosco di Montalcino, l'Aman Venice e il Cipriani, a Belmond Hotel i magnifici otto d'Italia: le strutture che sono riuscite a conquistare le tre chiavi della prima Guida Michelin dedicata agli alberghi della Penisola.\r\n\r\nIl volume, presentato ieri ufficialmente a Milano, include circa 500 strutture, sulle 6 mila selezionate a livello globale: 107 hanno una chiave, 31 ne hanno due e appunto otto ne possono vantare tre. La Toscana è la regione con più strutture insignite del riconoscimento: 32, di cui una con tre chiavi, sette con due e 24 con una. A seguire, la Campania a quota 18 (due, cinque e undici rispettivamente), il Lazio a 17 (una, due e 14), nonché a 16 la Lombardia (sette due chiavi e nove una) e il Trentino - Alto Adige (quattro due chiavi e 12 una).\r\n\r\nLa guida italiana segue quelle francesi, Usa e spagnole, con la Penisola che vanta una quarantina di strutture con chiavi in meno del paese transalpino e altrettanti ma in più rispetto alla destinazione iberica. Il Giappone seguirà il prossimo 4 luglio e successivamente verranno presentati i volumi di altre mete.","post_title":"I magnifici otto della prima Guida Michelin hotel Italia. Tutte le strutture con tre chiavi","post_date":"2024-05-08T10:03:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715162587000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466843","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E dopo le stelle vennero le chiavi. La Guida Michelin ha presentato ieri ufficialmente a Milano il proprio primo volume dedicato agli hotel italiani: un compendio delle eccellenze dell'hotellerie made in Italy che, sulle orme di quanto già fatto nella ristorazione, mira a racchiudere il meglio in termini di unicità, qualità e creatività che la Penisola ha da offrire in termini di ospitalità. La guida racchiude circa 500 indirizzi sulle 6 mila proprietà selezionate a livello globale. Di queste, non diversamente da quanto avviene per i ristoranti con le stelle, 107 possono vantare una chiave, 31 due chiavi e otto ne hanno tre.\r\n\r\n\"Il format valutativo è simile a quello che applichiamo al mondo f&b ma naturalmente con criteri differenti - spiega il direttore internazionale della guida Michelin, Gwendal Poullennec -. L'approccio è quindi esperienziale, attento agli elementi qualitativi piuttosto che a quelli quantitativi, con una metodologia lontana dalla tradizione dell'industria ricettiva. I criteri sono universali, certo, ma attenti alla specificità delle differenti culture dell'ospitalità internazionale\".\r\n\r\nIn sintesi, gli hotel con il potenziale di essere inclusi nella guida devono rispettare cinque differenti parametri: essere degli hub aperti sul territorio; vantare un livello di eccellenza in termini architettonici e di interior design; avere un'ottima qualità dell'accoglienza e del servizio; porre attenzione al rapporto value for money; essere unici e autentici. Ogni selezione è poi il frutto di un lavoro collettivo di più ispettori di provenienza differente, che visitano gli hotel in forma assolutamente anonima e poi confrontano tra di loro le singole valutazioni. \"Per rafforzare la nostra presenza sul territorio, abbiamo reclutato una serie di esperti di ospitalità che affiancheranno i nostri ispettori della ristorazione\", aggiunge Poullennec.\r\n\r\nGli hotel inseriti nella guida sono inoltre tutti prenotabili sul sito Michelin: \"Nel 2018 abbiamo acquisito il sito Tablet Hotel per metterci nelle condizioni di gestire l'intero processo di booking online. La differenza con altri soft brand dell'ospitalità risiede nella nostra libertà di giudizio. In altre parole, noi non adottiamo modello pay to play  e siamo sempre pronti e modificare la lista delle strutture incluse nelle nostre selezioni\". Come in tutti i portali di prenotazione, gli hotel pagano comunque una fee commerciale su ciascuna transazione.","post_title":"Chiavi al posto di stelle. Nasce la Guida Michelin dedicata agli hotel","post_date":"2024-05-08T09:23:43+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1715160223000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466537","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Evoluzione continua, perfezione tecnologica e la creazione di un ambiente unico. Sono solo alcuni degli ingredienti che caratterizzano Europa Park: il più grande parco tematico della Germania dedicato ai paesi dell’Europa e alla loro magia, che si trova alle porte della Foresta Nera.\r\n\r\nBen 95 ettari di meraviglia, allegria e divertimento con esperienze per tutti i sensi, da quelle adrenaliniche a quelle gastronomiche. Un parco creato nel 1975 dalla famiglia Mack che, professionalmente impegnata nella realizzazione di ottovolanti, gestisce il parco da 8 generazioni.\r\n\r\n«L’Europa Park non è solo un parco di divertimenti: è un resort - spiegano Dieter e Leah Borer, che si occupano della vendita e della comunicazione del parco in Italia -. Ci sono 6 hotel 4 stelle plus tematici e ne costruiremo altri due 3 stelle e poi abbiamo camping con teepee indiani per i bambini e spettacoli con cavalli, oltre a uno spazio per i caravan che l’anno prossimo verrà ampliato. Quest’offerta ci rende adatti a ogni tipo di viaggiatore. Europa Park attrae oltre 6 milioni di ospiti all’anno: prima del Covid erano 5,7 mln. Il 45,5% è costituito da famiglie con figli. Il 50% dei visitatori arriva dalla Germania, il 23% dalla Svizzera e il 19% dalla Francia. Nel 2023 abbiamo avuto circa 20mila italiani».\r\n\r\n«Il parco continua a crescere e vogliamo raccontare un’Europa senza confini e senza guerre. - sottolinea Leah Borer - In questi giorni abbiamo aperto la Croazia, che è la 17esima area tematica. L’estate scorsa abbiamo occupato il 98% della capacità del parco e abbiamo l’80% di repeaters. Per 8 anni consecutivi siamo stati premiati con il Golden Ticket Award come miglior parco di divertimenti del mondo. Competiamo con Disneyland - prosegue Borer - L’universo dell’Europa Park ha sempre nuove sfaccettature. Pochi giorni fa è stata inaugurato un nuovo ottovolante: si chiama Voltron Nevera e offre un’esperienza senza uguali realizzata in partnership con Rimax, una compagnia croata che costruisce le macchine elettriche più veloci al mondo».\r\n\r\n«Per noi è molto importante anche l’f&b. - prosegue Dieter Borer - In ogni area tematica del parco si possono gustare i piatti tipici dl luogo: la pizza in Italia, i kyros in Grecia, la shepherd’s pie in Irlanda… La grande novità del momento è l’“Eatrenalin”: un pasto di nove portate da gustare su sedili che galleggiano tra stanze con tematiche enogastronomiche diverse. È un viaggio culinario per tutti i sensi, frutto della visione di Thomas Mack, managing partner di Europa Park, e di Oliver Altherr, esperto di gastronomia e ceo di Marché International. Un concept che ora aprirà anche a Las Vegas e Singapore. Inoltre accanto al parco c’è anche un ristorante due stelle Michelin.\r\n\r\nNon lontano dall’Europa Park si trova poi il parco acquatico Rulantica, che è stato aperto dietro richiesta dei visitatori ed è accessibile anche nei mesi invernali. Stiamo espandendo l’area wellness perché i nostri ospiti cercano l’azione, ma anche momenti di relax». Oltre all’impegno nel realizzare numerose attrazioni e spettacoli in un’atmosfera unica, per la famiglia Mack è molto importante il tema della sostenibilità: «Intendiamo installare dei pannelli solari nell’area del parco per utilizzare energia autoprodotta in estate, quando splende il sole» afferma infatti Dieter Borer, che parla di stagionalità a Europa Park: «Apriamo alla fine di marzo. Aprile e maggio sono tranquilli e gli ospiti arrivano in gran numero dalla metà di giugno, quando iniziano le vacanze in Francia. Diminuiscono dal 15 di settembre alla fine di ottobre, quindi arrivano le vacanze in Svizzera. Da quest’anno saremo aperti dalla fine di ottobre fino a dicembre, anche grazie alle temperature più elevate. Nel nostro “Hallowinter” - con allestimenti da Halloween in certe zone e natalizi in altre - il numero degli ospiti è più contenuto».\r\n\r\nPer raggiungere Europa Park dall’Italia si può viaggiare in treno fino a Basilea, dove si prende una connessione diretta per la stazione di Ringsheim. Da qui, con un bus, si raggiunge in 5’ Rust, dove si trova il parco di divertimenti. Sono disponibili anche diverse connessioni dalla Germania - da Strasburgo e Karlsruhe - e da questo mese di maggio fino al termine di ottobre sarà operativo ogni lunedì e giovedì un volo tra Bergamo Orio al Serio e Karlsruhe/Baden Baden.\r\n\r\n[gallery ids=\"466543,466538,466541\"]\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Germania, l'Europa Park cresce: nuove aree tematiche, hotel e apertura invernale","post_date":"2024-05-02T09:07:55+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1714640875000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465780","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà l’elegante Venaria Reale, gioiello nel cuore del Piemonte, la protagonista della grande partenza della 107° edizione del Giro d’Italia 2024 il prossimo 4 maggio.\r\n\r\nLa città, che nel 2025 sarà anche Capitale europea dello sport, offre una combinazione unica di patrimonio culturale e natura, da scoprire in occasione del grande appuntamento sportivo (e non solo) con itinerari da percorrere a piedi o in bici.\r\n\r\nSi parte all’esplorazione della città dalla Reggia di Venaria Reale, grandioso complesso che con i suoi 80mila metri quadrati di edificio monumentale e 60 ettari di giardini, è uno dei luoghi iconici del nostro Paese. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1997, è aperta al pubblico dal 2007 dopo essere stata il cantiere di restauro più rilevante d’Europa per i beni culturali. La Reggia vanta alcune delle più alte espressioni del barocco universale: l'incantevole scenario della Sala di Diana progettato da Amedeo di Castellamonte, la solennità della Galleria Grande e della Cappella di Sant’Uberto con l’immenso complesso delle Scuderie, opere settecentesche di Filippo Juvarra, le fastose decorazioni, il celebre Bucintoro e la spettacolare Fontana del Cervo nella Corte d’onore rappresentano la cornice ideale del Teatro di Storia e Magnificenza, il percorso espositivo dedicato ai Savoia che accompagna il visitatore lungo quasi 2.000 metri, tra piano interrato e piano nobile della Reggia. In occasione della partenza del Giro d’Italia la Reggia di Venaria propone per la visita delle tariffe speciali.\r\n\r\nLa visita prosegue nel centro storico: uscendo dalla Torre dell’orologio della Reggia, si attraversa Piazza a Esedra (oggi Piazza della Repubblica) e ci si incammina lungo via Mensa, animata da locali e caffè dove sostare per uno spuntino o assaggiare i prodotti enogastronomici del territorio.\r\n\r\nDa qui si giunge nella Piazza della SS. Annunziata, elegante piazza e cuore del seicentesco borgo di Venaria Reale. La piazza è dedicata all’Annunciazione di Maria, rappresentata dalle due statue, opera di Giuseppe Maria e Giovanni Domenico Carlone (1678), scultori luganesi, autori anche delle statue dei quattro Evangelisti collocate sempre sulla piazza. Sulla piazza un tempo si affacciavano due locali: Nuova Cernaia (tutt’oggi in attività) e Vecchia Cernaia (ora scomparso), denominati così in ricordo della guerra di Crimea, poiché l'artiglieria impegnata nel conflitto era partita proprio da Venaria.\r\n\r\nE' possibile spingersi alla scoperta delle vie che si snodano dal centro, cercando i molti scorsi ancora autentici della cittadina. In particolare Via Boglione, che era la sede di alcune attività artigianali com il maniscalco, la tipografia e l’erboristeria, e Via Pavesio, dove ci si immerge ancora una volta nel tempo passato camminando lungo l’edificio delle Corte pagliere, le scuderie e la Cavallerizza Lamarmora.\r\n\r\nIn alternativa chi ama passeggiare nel verde urbano può percorrere i sentieri lungo la Ceronda, l’ampio torrente affluente della Stura che bagna Venaria.\r\n\r\nUn’esperienza totally green è il Parco della Mandria, un vasto parco naturale che offre splendide opportunità per escursioni, e osservazione della fauna selvatica e rappresenta il principale polmone verde dell’area torinese. Si tratta del più antico e conservato esempio di bosco planiziale (cioè in pianura) del Piemonte.\r\n\r\nPer la sera non mancano le proposte, tra cui spicca il Teatro della Concordia, cuore culturale dell’intero territorio nord ovest di Torino che compie venti anni di attività proprio nel 2024. Il suo cartellone spazia dalla stand up comedy alla grande prosa, dagli spettacoli per famiglie ai concerti.\r\n\r\nMa non manca una tappa per i più golosi. Impossibile partire da Venaria Reale senza aver assaggiato il Canestrello di Altessano, dolce povero ma saporito che già un secolo fa faceva parlare di sé politici e letterati come Michele Lessona, venariese doc e senatore del Regno.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Venaria Reale, meta insolita da scoprire sulla scia del Giro d'Italia","post_date":"2024-04-18T10:58:22+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713437902000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]}]}}

Lascia un commento