13 June 2024

Musa Lago di Como punta sul Green, obiettivo abbassare le emissioni del 10% rispetto al 2022

[ 0 ]

MUSA Lago di Como, il brand che vuole creare un’esperienza esclusiva e di classe unica nel suo genere, fin dalla sua apertura 1 anno fa ha dato grande importanza alla sinergia con Madre Natura, attraverso piccole attenzioni per rendere la realtà green ed ecosostenibile, nel rispetto dell’ambiente che la circonda.

Oltre ad essere una struttura per quanto possibile plastic free ad esempio, MUSA utilizza energie da fonti rinnovabili, amenities con packaging dai materiali riciclati, detergenti ecofriendly, ha un guest journey totalmente paperless ed è dotata di colonnine di ricarica elettrica per le auto.

Gli Executive Director Matteo Corridori e Robert Moretti per rendere la struttura ancora più ecosostenibile hanno deciso di affidarsi a una azienda per il monitoraggio e il calcolo delle emissioni annuali di CO2.

MUSA ha così contribuito all’ambiente acquistando i crediti di carbonio equivalenti alle emissioni energetiche Scope 1 & 2: tramite un sistema di monitoraggio certificato è stato calcolato l’impatto della struttura sull’ambiente ed è stata rilevata l’esatta quantità di CO2 prodotta. A questo punto MUSA ha deciso di investire nei progetti della foresta pluviale Cikel Brazilian Amazon & Florestal Santa Maria per compensare le emissioni, acquistando 98 crediti di carbonio verificati tc02e.

«Siamo molto orgogliosi di questo progetto – dichiarano Matteo Corridori e Robert Moretti – per noi è un aspetto fondamentale ma si tratta soltanto di un primo passo, il nostro goal è quello di abbassare le emissioni del 10% rispetto al 2022 lavorando sull’utilizzo consapevole di aria condizionata, luci, installando i pannelli solari ecc, fino a ridurre del tutto le emissioni annuali di carbonio il prima possibile».

 

MUSA è il nuovo brand nato sulle sponde del Lago di Como pensato per creare un’esperienza esclusiva e di classe. La prestigiosa offerta, unica nel suo genere, comprende: un luxury boutique hotel 5*, un fine dining restaurant, un cocktail bar e una villa privata.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il "Linate Airport District", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo. L'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac. Per la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione.  Il progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept "ChorusLife" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario "verde e blu" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo. «Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini». [post_title] => Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027 [post_date] => 2024-06-12T10:58:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718189917000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469241 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_469243" align="alignright" width="300"] foto di Kottersteger[/caption] Anche quest’anno le Terme Merano hanno ricevuto la certificazione d'argento per la sostenibilità. Con questo ambito riconoscimento, EarthCheck conferma il costante impegno di Terme Merano che per il secondo anno soddisfa gli standard internazionali di gestione ambientale, responsabilità sociale e sostenibilità economica. «Siamo orgogliosi di essere stati nuovamente certificati da EarthCheck. Questo riconoscimento sottolinea i nostri sforzi per integrare pratiche sostenibili in tutti i settori - afferma Adelheid Stifter, direttrice di Terme Merano - Il nostro obiettivo non è solo quello di offrire ai nostri ospiti un'esperienza di prima classe, ma anche di dare un contributo positivo alla tutela delle nostre risorse naturali». Anche per il futuro, continua il percorso di Terme Merano all’insegna della sostenibilità. Un impegno iniziato anni fa, che ha portato nel 2023 all’importante riconoscimento: il rinomato marchio di sostenibilità EarthCheck, prime terme al mondo. Una tappa fondamentale che ha dato il via ad altri passi per continuare a migliorarsi e a raggiungere livelli sempre più alti.    La passione per la natura, il rispetto per l’ambiente, la valorizzazione del territorio sono priorità che caratterizzano le Terme Merano sin dalla loro nascita. Per questo la decisione di intraprendere, nel 2019, il percorso verso la certificazione è stata una scelta naturale, il logico sviluppo di un cammino iniziato nella realtà molti anni prima. La partnership con EarthCheck, leader mondiale nel benchmarking e nella certificazione, ha permesso di migliorare continuamente le pratiche sostenibilità ambientale e sociale fino al riconocimento, nell’estate 2023, della certificazione d’argento.  Concretamente negli ultimi anni sono stati molti i passi in questa direzione. Il più visibile fra tutti è sicuramente il Bio Nature Pool, inaugurato l’estate scorsa. Un lago balneabile naturale che non necessita di alcun prodotto chimico. Ma tante sono le novità green che toccano i diversi ambiti, meno visibili all’occhio esterno, ma ugualmente di impatto per l’ambiente.     [post_title] => Terme Merano, la certificazione d’argento conferma gli standard di gestione ambientale e sostenibilità economica [post_date] => 2024-06-12T09:31:47+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718184707000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469235 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giorgia e Daniela. Qualche giorno fa La Stampa ha annunciato come imminente un cambio al ministero del turismo. Al posto della Santanchè dovrebbe arrivare Gianluca Caramanna, che, secondo il giornale torinese sarebbe il vero baluardo dei balneari. La decisione sarebbe già stata presa dal presidente del consiglio Girogia Meloni. Ecco, Giorgia, per noi questo cambio sarebbe una iattura. Anzi ti chiedo di non farlo. Perché mai, come in questi quasi due anni, ci siamo tanto divertiti. La Santanchè per noi rappresenta un must. Una che fa sempre notizia appena si mette a parlare. Articoli che si scrivono da sè. Di cosa scriveremo se ci togli la fonte di tutte le nostre invettive e degli sfottò? Abbiamo riempito post e pagine sulle sue interpretazioni del mondo del turismo (tutte sue naturalmente). Ci ha dato spunti meravigliosi durante i momenti più tediosi, che come tu sai, nelle redazioni sono sempre presenti. Bastava leggere una dichiarazione della Santanchè per avere automaticamente un articolo che sollevava il morale a tutti. Come se l'articolo si scrivesse da sè. Allora cara Giorgia, presidente del consiglio dei ministri, non farci questo. Lasciaci Daniela. Lasciala continuare il suo lavoro che è la maggiore fonte del nostro lavoro. Giuseppe Aloe [post_title] => Giorgia, please, lascia la Santanchè al turismo! Se va via ci togli il lavoro [post_date] => 2024-06-11T11:03:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718103801000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469162 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Club del Sole continua la ricerca di nuovi talenti e lancia il 12 giugno un nuovo Recruiting day, dopo il recruiting dello scorso 9 maggio al Romagna Family Village. Cornice della giornata di selezione di nuove risorse sarà lo Spina Family Camping Village a Lido di Spina, villaggio immerso nella natura del parco del Delta del Po. L’evento, che inizierà alle 10, prevede una prima parte istituzionale con la presentazione del gruppo e le testimonianze dello staff del villaggio, a cui seguirà un tour guidato per conoscere da vicino gli spazi e le peculiarità dell’offerta di ospitalità. La mattinata si concluderà con colloqui speed date in cui i candidati avranno la possibilità di raccontarsi e confrontarsi con lo staff Club del Sole. La campagna di selezione è rivolta a tutti i professionisti già affermati nel settore turistico-alberghiero ma anche a profili giovani che si stanno approcciando al mondo del lavoro; Club del Sole si propone, in proposito, come azienda post-diploma per gli allievi delle scuole alberghiere di tutta Italia, che potranno avere un’occasione preziosa di crescita. Il gruppo offre da tre a sette mesi di contratto stagionale in base ai ruoli e alle mansioni, con opportunità di formazione, crescita professionale e stabilizzazione, oltre a formule di contratto con alloggio per la stagione. Sono 700 le figure professionali che saranno inserite nell’organico di tutti i villaggi firmati Club del Sole in Italia. La ricerca di nuovi talenti riguarda i reparti di ristorazione, bar e market (responsabile cucina, capopartita, buffettista, aiuto cuoco, pasticcere, pizzaiolo, aiuto pizzaiolo, responsabile di sala, responsabile bar, barista, lavapiatti); accoglienza e reception (receptionist); spiaggia e manutenzione aree green (bagnino, magazziniere, giardiniere). Per iscriversi all’evento, è sufficiente compilare il form online disponibile a questo link: https://mondoclubdelsole.com/lp/recruiting-day/ [post_title] => Nuovo Recruiting day Club del Sole il 12 giugno allo Spina di Lido di Spina [post_date] => 2024-06-10T12:04:24+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718021064000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469129 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sostenibilità ambientale al centro delle attività di Formentera grazie al nuovo piano promozionale e al lancio di nuovi itinerari ideali per attrarre il mercato italiano che si conferma al secondo posto, dopo il turismo domestico.   "L' isola più piccola delle Baleari  offre da sempre oltre alle spiagge tante altre possibilità di relax e divertimento - ha spiegato Leonardo Metastasio, tourism promotion manager di Formentera, incontrando il trade a Roma - sta lanciando ulteriori iniziative mirate anche ad ampliare la stagione. Si parte da 30 circuiti verdi in bici o a piedi e parchi naturali, alla gastronomia e le visite alle cantine, fino all' astroturismo per l'osservazione di stelle e costellazioni, lo snorkeling anche per il turismo familiare perché fruibile facilmente  a pochi metri dalla riva, e le escursioni. Stiamo investendo molto, e con risultati incoraggianti, sugli eventi e lo sport come Formentera Zen,  Jazz Festival, Flower Power oppure maratone e gare fino ad ottobre".   Impegno anche per riattivare le attività dei tour operator che al momento sono in difficoltà a programmare la destinazione che non conta grandi strutture "l'sola - spiega il manager - accoglie prettamente un turismo individuale e l'amministrazione sta lavorando con le agenzie e la filiera per allungare la stagione e puntare sempre su un target  dai 35 anni in su. Ci saranno ristrutturazioni di hotel come Las Dunas, al momento l'isola conta 8 mila posti letto e se ne apriranno altri 1.000 per due o tre strutture, altri sono congelati. Poi in futuro possiamo aprire altri spazi presso le strutture dei residenti, ma dovremo attendere delle leggi". [post_title] => Formentera si rilancia: turismo green, eventi e destagionalizzazione [post_date] => 2024-06-10T10:03:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718013838000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468995" align="alignleft" width="300"] Massimo D'Eredità[/caption] Conservazione, comunità, commercio. Sono le 3 C su cui poggia l'offerta africana del Diamante. "Il nostro to ha dal 1982 come missione lo sviluppo del turismo in Africa, seguendo coordinate rispettose dell’ambiente e delle persone - ha raccontato nelle serata milanese organizzata dal to del gruppo Quality il general manager Massimo D'Eredità -. La passione, la conoscenza diretta, gli investimenti continui, i valori aziendali hanno portato alle performance positive. Dalla proprietà ai product manager nella sede torinese, fino agli staff africani, tutti sono consapevoli che dietro la commercializzazione siano imprescindibili un atteggiamento di sensibilità verso l’ambiente, il legame con le comunità, l’attenzione allo sviluppo culturale e sociale legato allo scambio con il turismo". Coerentemente con tale visione, Il Diamante ha quindi investito prima nella conservazione di intere aree e successivamente nella costruzione di glamping e campi di proprietà. Una conservazione attiva, dunque, come la dotazione di equipaggiamenti alle unità ranger anti bracconaggio in Namibia, Sudafrica e Botswana. Ma anche una conservazione e una tutela che passa dall'energia pulita, grazie all’installazione di pannelli solari nelle proprietà e ai fuoristrada elettrici per i fotosafari. Il tutto accompagnato, non da ultimo, dall’accantonamento di una green fee per sostenere gli stessi progetti. Relativamente alle comunità, l'operatore torinese ha inoltre plasmato intorno al supporto delle popolazioni più bisognose programmi di viaggio e investimenti per realizzare lodge e glamping. In Namibia, il personale del glamping in Damaraland è rimasto tutelato anche durante lo stop legato alla pandemia e nel Mdluli Safari Lodge, dove nel 2023 hanno soggiornato oltre 1.200 italiani, 95 membri dello staff su 110 sono donne. Oltre a garantire lavoro e dignità sociale, Il Diamante agisce sulla scolarizzazione delle generazioni future, sostenendo il futuro di oltre 600 bambini; in Sudafrica la scuola primaria di Makoko è stata riparata, è stata creata un’aula informatica e rifornita la cucina per garantire un vero pasto quotidiano. In Namibia la piccola scuola sul fiume Ugab, con 40 bambini di cui molti orfani, può contare sull’erogazione regolare di pasti caldi. In Botswana è stato acquisito un terzo minivan da adibire al progetto Elephant Express, per condurre in sicurezza alla scuola i bambini dei villaggi periferici della zona nord del delta dell’Okavango, che avevano rinunciato a frequentare perché la presenza degli elefanti lungo le strade ha in passato creato vittime e conflitti. Parlando di commercializzazione, infine, il responsabile sviluppo progetti speciali in Africa, Davide Bomben, figlio dei fondatori del Diamante, sottolinea che l'attività di vendita rappresenta la chiave per sostenere tutti questi progetti di sviluppo. I viaggi esperienziali, veicolati attraverso la rete di agenzie di viaggio che individuano in Quality Group il partner ideale a cui affidare i propri clienti, si trasformano infatti in risorse anche per i territori; “Sentiamo di fare la differenza. Ci occupiamo della formazione delle guide locali, di garantire posti di lavoro, di non sfruttare le risorse del territorio, e parallelamente di offrire a chi ci sceglie dall’Italia esperienze che siano un valore aggiunto. Se i viaggiatori toccano con mano le nostre iniziative, si tratti di entrare in un orfanotrofio o di ammirare gli arredi scolpiti dagli artigiani locali, diventano più consapevoli. Il nostro progetto è ora di creare un quinto lodge: dopo i tre in Namibia e uno in Sudafrica, puntiamo a un glamping nel delta dell’Okavango in Botswana”. [post_title] => Conservazione, comunità, commercio: le 3 C dell'offerta africana del Diamante. [post_date] => 2024-06-06T13:10:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717679414000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È dal 19° secolo che Prato lavora stabilmente con i materiali di scarto. Il tempo poi ha consentito di affinare il prodotto e radicare sul territorio il know how necessario che oggi rende il distretto pratese un modello virtuoso, punto di riferimento per l’intero sistema. Oggi Prato, il distretto tessile più grande d’Europa e seconda città della Toscana per dimensione, è il punto di riferimento internazionale per il riciclo, riuso, recupero e riduzione dei rifiuti tessili, grazie al processo di produzione di filati e tessuti green. Un processo antico e attualissimo che consente un risparmio di circa 60 milioni di kilowatt di energia, 500.000 metri cubi di acqua, 650 tonnellate di ausiliari chimici, 300 tonnellate di coloranti. In più, si evita l’immissione in atmosfera di 18.000 tonnellate di anidride carbonica e 1.000 tonnellate di anidride solforosa ogni anno. E se un tempo parlare di riciclo nell’ambito del tessile e della moda non era conveniente perché spesso lo si accomunava a minore qualità del prodotto, oggi parlare di filati o tessuti rigenerati, provenienti dal riuso di materiale altrimenti destinato alle discariche, è un valore aggiunto per tanti brand, stilisti e case di moda che a Prato trovano aziende eco-friendly capaci di offrire un prodotto riciclato di eccellenza, di alta qualità, tra tradizione, ricerca e innovazione.. Con TIPO - turismo industriale Prato, un progetto nato nel 2021 dalla volontà del Comune di Prato con la collaborazione di altre importanti realtà del territorio, è possibile scoprire il distretto industriale di Prato. Il progetto prevede sia la possibilità di visitare in autonomia i luoghi, grazie all’app TIPO, sia di partecipare alle visite guidate organizzate durante l’anno e in occasione di un Festival dedicato, con lo scopo di conoscere la storia e l’attualità del distretto tessile pratese. TIPO è un vero e proprio viaggio tra i luoghi di produzione in attività, fabbriche storiche, dismesse o riconvertite a nuovi usi e funzioni. È fare un percorso nel cuore delle manifatture della città e della sua provincia, famose a livello internazionale, per toccare con mano il modello di economia circolare, la filosofia green che guida le aziende in una vincente sinergia tra tradizione e innovazione.     [post_title] => Turismo Industriale Prato, alla scoperta delle fabbriche della green fashion [post_date] => 2024-06-06T12:11:48+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717675908000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468927 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' l'Agartha Luxury Resort sul lago Khövsgöl la novità in Mongolia di Allegroitalia Hotel & Condo. La nuova gestione internazionale del gruppo include 32 luxury villa, oltre a bar, ristorante e una spa panoramica sul lago. "Siamo entusiasti di annunciare questa novità in una terra mistica come la Mongolia - sottolinea Piergiorgio Mangialardi, presidente di Allegroitalia. - Questa espansione rappresenta non solo un’importante tappa nella crescita del nostro gruppo, ma anche l’opportunità di portare l’eccellenza dell’ospitalità italiana in una delle destinazioni più suggestive e meno esplorate al mondo. Con il nostro impegno e la nostra passione, siamo pronti a offrire ai nostri ospiti un’esperienza indimenticabile in una location straordinaria”. [post_title] => Novità Allegroitalia in Mongolia: è l'Agartha Luxury Resort sul lago Khövsgöl [post_date] => 2024-06-06T10:10:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717668627000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468895 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel panorama turistico globale, innovazione e tecnologia stanno rivoluzionando il modo in cui le aziende operano e interagiscono con i propri clienti. Tra queste, Qromo si distingue per la sua piattaforma all-in-one che ottimizza l’esperienza dei turisti stranieri, rendendo la loro visita in Italia più agevole e piacevole. Innovazione turistica Un esempio di come la digitalizzazione possa trasformare un’esperienza turistica è rappresentato dall’Isola Bella, situata nel Lago Maggiore. Qui, l’adozione di Qromo ha permesso una completa digitalizzazione dei servizi di biglietteria e ristorazione. I visitatori possono ora ordinare e pagare direttamente dal proprio cellulare, visualizzando i menu nella lingua del loro dispositivo o selezionando una tra le 50 lingue disponibili. Questo non solo facilita l’interazione, ma rende l’esperienza più inclusiva per un pubblico internazionale. L’Isola Bella non è l’unico caso di successo. Il Twiga di Forte dei Marmi ha sfruttato Qromo in vari contesti, dimostrando la versatilità della piattaforma. Sulla spiaggia, i clienti ordinano e pagano comodamente dai propri lettini, ricevendo il servizio direttamente sotto l’ombrellone. Al ristorante, i menu multilingue permettono ai turisti di consultare facilmente le offerte culinarie. In discoteca, la funzione "saltacoda" consente di ordinare e pagare senza fare la fila, aumentando i consumi e, di conseguenza, i profitti del locale. Efficienza operativa e soddisfazione del cliente Questi esempi mostrano come Qromo non si limiti a migliorare l’efficienza, ma anche a incrementare la soddisfazione del cliente e i guadagni delle strutture turistiche. Il Bagno Sirena a Santa Margherita Ligure ha usato la funzione "saltacoda" per gestire un evento con centinaia di persone, dimostrando ancora una volta la capacità di Qromo di adattarsi a diverse esigenze e contesti. Anche il settore alberghiero beneficia di queste soluzioni. Molti hotel permettono ai clienti di ordinare cibo e bevande dalla propria camera, sia per il ristorante dell'hotel che per bar esterni convenzionati. Questo servizio non solo aumenta la comodità per gli ospiti, ma migliora anche l’efficienza del personale e la redditività degli esercizi partner. Qromo si pone quindi come un partner strategico per le realtà turistiche italiane che desiderano offrire un’esperienza moderna e senza intoppi ai loro clienti internazionali. Non solo semplifica le operazioni quotidiane, ma crea anche un ambiente accogliente e user-friendly per i turisti di tutto il mondo. Conclusione Adottare una soluzione come Qromo significa abbracciare il futuro del turismo, dove l’efficienza operativa e la soddisfazione del cliente vanno di pari passo, contribuendo a rendere l’Italia una destinazione sempre più competitiva e amata a livello globale. Iscrivendoti oggi su Qromo potrai usufruire di una prova gratuita. Per chi opera nel settore, investire in innovazioni come questa significa garantire un servizio di alta qualità e un’esperienza memorabile per ogni turista. [post_title] => Come migliorare l’esperienza per i turisti stranieri grazie ad una semplice piattaforma centralizzata [post_date] => 2024-06-06T08:32:29+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717662749000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "musa lago como punta sul green obiettivo abbassare le emissioni del 10 rispetto al 2022" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":66,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1002,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il \"Linate Airport District\", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo.\r\n\r\nL'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac.\r\n\r\nPer la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione. \r\n\r\nIl progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept \"ChorusLife\" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario \"verde e blu\" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo.\r\n\r\n«Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini».","post_title":"Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027","post_date":"2024-06-12T10:58:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718189917000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469241","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_469243\" align=\"alignright\" width=\"300\"] foto di Kottersteger[/caption]\r\n\r\nAnche quest’anno le Terme Merano hanno ricevuto la certificazione d'argento per la sostenibilità. Con questo ambito riconoscimento, EarthCheck conferma il costante impegno di Terme Merano che per il secondo anno soddisfa gli standard internazionali di gestione ambientale, responsabilità sociale e sostenibilità economica.\r\n\r\n«Siamo orgogliosi di essere stati nuovamente certificati da EarthCheck. Questo riconoscimento sottolinea i nostri sforzi per integrare pratiche sostenibili in tutti i settori - afferma Adelheid Stifter, direttrice di Terme Merano - Il nostro obiettivo non è solo quello di offrire ai nostri ospiti un'esperienza di prima classe, ma anche di dare un contributo positivo alla tutela delle nostre risorse naturali».\r\n\r\nAnche per il futuro, continua il percorso di Terme Merano all’insegna della sostenibilità. Un impegno iniziato anni fa, che ha portato nel 2023 all’importante riconoscimento: il rinomato marchio di sostenibilità EarthCheck, prime terme al mondo. Una tappa fondamentale che ha dato il via ad altri passi per continuare a migliorarsi e a raggiungere livelli sempre più alti. \r\n \r\nLa passione per la natura, il rispetto per l’ambiente, la valorizzazione del territorio sono priorità che caratterizzano le Terme Merano sin dalla loro nascita. Per questo la decisione di intraprendere, nel 2019, il percorso verso la certificazione è stata una scelta naturale, il logico sviluppo di un cammino iniziato nella realtà molti anni prima. La partnership con EarthCheck, leader mondiale nel benchmarking e nella certificazione, ha permesso di migliorare continuamente le pratiche sostenibilità ambientale e sociale fino al riconocimento, nell’estate 2023, della certificazione d’argento. \r\n\r\nConcretamente negli ultimi anni sono stati molti i passi in questa direzione. Il più visibile fra tutti è sicuramente il Bio Nature Pool, inaugurato l’estate scorsa. Un lago balneabile naturale che non necessita di alcun prodotto chimico.\r\n\r\nMa tante sono le novità green che toccano i diversi ambiti, meno visibili all’occhio esterno, ma ugualmente di impatto per l’ambiente.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Terme Merano, la certificazione d’argento conferma gli standard di gestione ambientale e sostenibilità economica","post_date":"2024-06-12T09:31:47+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1718184707000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469235","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giorgia e Daniela. Qualche giorno fa La Stampa ha annunciato come imminente un cambio al ministero del turismo. Al posto della Santanchè dovrebbe arrivare Gianluca Caramanna, che, secondo il giornale torinese sarebbe il vero baluardo dei balneari.\r\n\r\nLa decisione sarebbe già stata presa dal presidente del consiglio Girogia Meloni. Ecco, Giorgia, per noi questo cambio sarebbe una iattura. Anzi ti chiedo di non farlo. Perché mai, come in questi quasi due anni, ci siamo tanto divertiti. La Santanchè per noi rappresenta un must. Una che fa sempre notizia appena si mette a parlare.\r\nArticoli che si scrivono da sè.\r\nDi cosa scriveremo se ci togli la fonte di tutte le nostre invettive e degli sfottò? Abbiamo riempito post e pagine sulle sue interpretazioni del mondo del turismo (tutte sue naturalmente). Ci ha dato spunti meravigliosi durante i momenti più tediosi, che come tu sai, nelle redazioni sono sempre presenti. Bastava leggere una dichiarazione della Santanchè per avere automaticamente un articolo che sollevava il morale a tutti. Come se l'articolo si scrivesse da sè.\r\n\r\nAllora cara Giorgia, presidente del consiglio dei ministri, non farci questo. Lasciaci Daniela. Lasciala continuare il suo lavoro che è la maggiore fonte del nostro lavoro.\r\n\r\nGiuseppe Aloe","post_title":"Giorgia, please, lascia la Santanchè al turismo! Se va via ci togli il lavoro","post_date":"2024-06-11T11:03:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718103801000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469162","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Club del Sole continua la ricerca di nuovi talenti e lancia il 12 giugno un nuovo Recruiting day, dopo il recruiting dello scorso 9 maggio al Romagna Family Village. Cornice della giornata di selezione di nuove risorse sarà lo Spina Family Camping Village a Lido di Spina, villaggio immerso nella natura del parco del Delta del Po. L’evento, che inizierà alle 10, prevede una prima parte istituzionale con la presentazione del gruppo e le testimonianze dello staff del villaggio, a cui seguirà un tour guidato per conoscere da vicino gli spazi e le peculiarità dell’offerta di ospitalità. La mattinata si concluderà con colloqui speed date in cui i candidati avranno la possibilità di raccontarsi e confrontarsi con lo staff Club del Sole.\r\n\r\nLa campagna di selezione è rivolta a tutti i professionisti già affermati nel settore turistico-alberghiero ma anche a profili giovani che si stanno approcciando al mondo del lavoro; Club del Sole si propone, in proposito, come azienda post-diploma per gli allievi delle scuole alberghiere di tutta Italia, che potranno avere un’occasione preziosa di crescita. Il gruppo offre da tre a sette mesi di contratto stagionale in base ai ruoli e alle mansioni, con opportunità di formazione, crescita professionale e stabilizzazione, oltre a formule di contratto con alloggio per la stagione.\r\n\r\nSono 700 le figure professionali che saranno inserite nell’organico di tutti i villaggi firmati Club del Sole in Italia. La ricerca di nuovi talenti riguarda i reparti di ristorazione, bar e market (responsabile cucina, capopartita, buffettista, aiuto cuoco, pasticcere, pizzaiolo, aiuto pizzaiolo, responsabile di sala, responsabile bar, barista, lavapiatti); accoglienza e reception (receptionist); spiaggia e manutenzione aree green (bagnino, magazziniere, giardiniere). Per iscriversi all’evento, è sufficiente compilare il form online disponibile a questo link: https://mondoclubdelsole.com/lp/recruiting-day/","post_title":"Nuovo Recruiting day Club del Sole il 12 giugno allo Spina di Lido di Spina","post_date":"2024-06-10T12:04:24+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718021064000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469129","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sostenibilità ambientale al centro delle attività di Formentera grazie al nuovo piano promozionale e al lancio di nuovi itinerari ideali per attrarre il mercato italiano che si conferma al secondo posto, dopo il turismo domestico.\r\n \r\n\"L' isola più piccola delle Baleari  offre da sempre oltre alle spiagge tante altre possibilità di relax e divertimento - ha spiegato Leonardo Metastasio, tourism promotion manager di Formentera, incontrando il trade a Roma - sta lanciando ulteriori iniziative mirate anche ad ampliare la stagione. Si parte da 30 circuiti verdi in bici o a piedi e parchi naturali, alla gastronomia e le visite alle cantine, fino all' astroturismo per l'osservazione di stelle e costellazioni, lo snorkeling anche per il turismo familiare perché fruibile facilmente  a pochi metri dalla riva, e le escursioni. Stiamo investendo molto, e con risultati incoraggianti, sugli eventi e lo sport come Formentera Zen,  Jazz Festival, Flower Power oppure maratone e gare fino ad ottobre\".\r\n\r\n \r\nImpegno anche per riattivare le attività dei tour operator che al momento sono in difficoltà a programmare la destinazione che non conta grandi strutture \"l'sola - spiega il manager - accoglie prettamente un turismo individuale e l'amministrazione sta lavorando con le agenzie e la filiera per allungare la stagione e puntare sempre su un target  dai 35 anni in su. Ci saranno ristrutturazioni di hotel come Las Dunas, al momento l'isola conta 8 mila posti letto e se ne apriranno altri 1.000 per due o tre strutture, altri sono congelati. Poi in futuro possiamo aprire altri spazi presso le strutture dei residenti, ma dovremo attendere delle leggi\".\r\n","post_title":"Formentera si rilancia: turismo green, eventi e destagionalizzazione","post_date":"2024-06-10T10:03:58+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1718013838000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468993","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468995\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimo D'Eredità[/caption]\r\n\r\nConservazione, comunità, commercio. Sono le 3 C su cui poggia l'offerta africana del Diamante. \"Il nostro to ha dal 1982 come missione lo sviluppo del turismo in Africa, seguendo coordinate rispettose dell’ambiente e delle persone - ha raccontato nelle serata milanese organizzata dal to del gruppo Quality il general manager Massimo D'Eredità -. La passione, la conoscenza diretta, gli investimenti continui, i valori aziendali hanno portato alle performance positive. Dalla proprietà ai product manager nella sede torinese, fino agli staff africani, tutti sono consapevoli che dietro la commercializzazione siano imprescindibili un atteggiamento di sensibilità verso l’ambiente, il legame con le comunità, l’attenzione allo sviluppo culturale e sociale legato allo scambio con il turismo\".\r\n\r\nCoerentemente con tale visione, Il Diamante ha quindi investito prima nella conservazione di intere aree e successivamente nella costruzione di glamping e campi di proprietà. Una conservazione attiva, dunque, come la dotazione di equipaggiamenti alle unità ranger anti bracconaggio in Namibia, Sudafrica e Botswana. Ma anche una conservazione e una tutela che passa dall'energia pulita, grazie all’installazione di pannelli solari nelle proprietà e ai fuoristrada elettrici per i fotosafari. Il tutto accompagnato, non da ultimo, dall’accantonamento di una green fee per sostenere gli stessi progetti.\r\n\r\nRelativamente alle comunità, l'operatore torinese ha inoltre plasmato intorno al supporto delle popolazioni più bisognose programmi di viaggio e investimenti per realizzare lodge e glamping. In Namibia, il personale del glamping in Damaraland è rimasto tutelato anche durante lo stop legato alla pandemia e nel Mdluli Safari Lodge, dove nel 2023 hanno soggiornato oltre 1.200 italiani, 95 membri dello staff su 110 sono donne. Oltre a garantire lavoro e dignità sociale, Il Diamante agisce sulla scolarizzazione delle generazioni future, sostenendo il futuro di oltre 600 bambini; in Sudafrica la scuola primaria di Makoko è stata riparata, è stata creata un’aula informatica e rifornita la cucina per garantire un vero pasto quotidiano. In Namibia la piccola scuola sul fiume Ugab, con 40 bambini di cui molti orfani, può contare sull’erogazione regolare di pasti caldi. In Botswana è stato acquisito un terzo minivan da adibire al progetto Elephant Express, per condurre in sicurezza alla scuola i bambini dei villaggi periferici della zona nord del delta dell’Okavango, che avevano rinunciato a frequentare perché la presenza degli elefanti lungo le strade ha in passato creato vittime e conflitti.\r\n\r\nParlando di commercializzazione, infine, il responsabile sviluppo progetti speciali in Africa, Davide Bomben, figlio dei fondatori del Diamante, sottolinea che l'attività di vendita rappresenta la chiave per sostenere tutti questi progetti di sviluppo. I viaggi esperienziali, veicolati attraverso la rete di agenzie di viaggio che individuano in Quality Group il partner ideale a cui affidare i propri clienti, si trasformano infatti in risorse anche per i territori; “Sentiamo di fare la differenza. Ci occupiamo della formazione delle guide locali, di garantire posti di lavoro, di non sfruttare le risorse del territorio, e parallelamente di offrire a chi ci sceglie dall’Italia esperienze che siano un valore aggiunto. Se i viaggiatori toccano con mano le nostre iniziative, si tratti di entrare in un orfanotrofio o di ammirare gli arredi scolpiti dagli artigiani locali, diventano più consapevoli. Il nostro progetto è ora di creare un quinto lodge: dopo i tre in Namibia e uno in Sudafrica, puntiamo a un glamping nel delta dell’Okavango in Botswana”.","post_title":"Conservazione, comunità, commercio: le 3 C dell'offerta africana del Diamante.","post_date":"2024-06-06T13:10:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717679414000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468936","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È dal 19° secolo che Prato lavora stabilmente con i materiali di scarto. Il tempo poi ha consentito di affinare il prodotto e radicare sul territorio il know how necessario che oggi rende il distretto pratese un modello virtuoso, punto di riferimento per l’intero sistema.\r\n\r\nOggi Prato, il distretto tessile più grande d’Europa e seconda città della Toscana per dimensione, è il punto di riferimento internazionale per il riciclo, riuso, recupero e riduzione dei rifiuti tessili, grazie al processo di produzione di filati e tessuti green. Un processo antico e attualissimo che consente un risparmio di circa 60 milioni di kilowatt di energia, 500.000 metri cubi di acqua, 650 tonnellate di ausiliari chimici, 300 tonnellate di coloranti. In più, si evita l’immissione in atmosfera di 18.000 tonnellate di anidride carbonica e 1.000 tonnellate di anidride solforosa ogni anno.\r\n\r\nE se un tempo parlare di riciclo nell’ambito del tessile e della moda non era conveniente perché spesso lo si accomunava a minore qualità del prodotto, oggi parlare di filati o tessuti rigenerati, provenienti dal riuso di materiale altrimenti destinato alle discariche, è un valore aggiunto per tanti brand, stilisti e case di moda che a Prato trovano aziende eco-friendly capaci di offrire un prodotto riciclato di eccellenza, di alta qualità, tra tradizione, ricerca e innovazione..\r\n\r\nCon TIPO - turismo industriale Prato, un progetto nato nel 2021 dalla volontà del Comune di Prato con la collaborazione di altre importanti realtà del territorio, è possibile scoprire il distretto industriale di Prato.\r\n\r\nIl progetto prevede sia la possibilità di visitare in autonomia i luoghi, grazie all’app TIPO, sia di partecipare alle visite guidate organizzate durante l’anno e in occasione di un Festival dedicato, con lo scopo di conoscere la storia e l’attualità del distretto tessile pratese.\r\n\r\nTIPO è un vero e proprio viaggio tra i luoghi di produzione in attività, fabbriche storiche, dismesse o riconvertite a nuovi usi e funzioni. È fare un percorso nel cuore delle manifatture della città e della sua provincia, famose a livello internazionale, per toccare con mano il modello di economia circolare, la filosofia green che guida le aziende in una vincente sinergia tra tradizione e innovazione.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Turismo Industriale Prato, alla scoperta delle fabbriche della green fashion","post_date":"2024-06-06T12:11:48+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1717675908000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468927","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' l'Agartha Luxury Resort sul lago Khövsgöl la novità in Mongolia di Allegroitalia Hotel & Condo. La nuova gestione internazionale del gruppo include 32 luxury villa, oltre a bar, ristorante e una spa panoramica sul lago.\r\n\r\n\"Siamo entusiasti di annunciare questa novità in una terra mistica come la Mongolia - sottolinea Piergiorgio Mangialardi, presidente di Allegroitalia. - Questa espansione rappresenta non solo un’importante tappa nella crescita del nostro gruppo, ma anche l’opportunità di portare l’eccellenza dell’ospitalità italiana in una delle destinazioni più suggestive e meno esplorate al mondo. Con il nostro impegno e la nostra passione, siamo pronti a offrire ai nostri ospiti un’esperienza indimenticabile in una location straordinaria”.","post_title":"Novità Allegroitalia in Mongolia: è l'Agartha Luxury Resort sul lago Khövsgöl","post_date":"2024-06-06T10:10:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717668627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468895","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel panorama turistico globale, innovazione e tecnologia stanno rivoluzionando il modo in cui le aziende operano e interagiscono con i propri clienti.\r\n\r\nTra queste, Qromo si distingue per la sua piattaforma all-in-one che ottimizza l’esperienza dei turisti stranieri, rendendo la loro visita in Italia più agevole e piacevole.\r\nInnovazione turistica\r\nUn esempio di come la digitalizzazione possa trasformare un’esperienza turistica è rappresentato dall’Isola Bella, situata nel Lago Maggiore.\r\n\r\n\r\n\r\nQui, l’adozione di Qromo ha permesso una completa digitalizzazione dei servizi di biglietteria e ristorazione. I visitatori possono ora ordinare e pagare direttamente dal proprio cellulare, visualizzando i menu nella lingua del loro dispositivo o selezionando una tra le 50 lingue disponibili. Questo non solo facilita l’interazione, ma rende l’esperienza più inclusiva per un pubblico internazionale.\r\n\r\nL’Isola Bella non è l’unico caso di successo. Il Twiga di Forte dei Marmi ha sfruttato Qromo in vari contesti, dimostrando la versatilità della piattaforma.\r\n\r\n\r\n\r\nSulla spiaggia, i clienti ordinano e pagano comodamente dai propri lettini, ricevendo il servizio direttamente sotto l’ombrellone. Al ristorante, i menu multilingue permettono ai turisti di consultare facilmente le offerte culinarie. In discoteca, la funzione \"saltacoda\" consente di ordinare e pagare senza fare la fila, aumentando i consumi e, di conseguenza, i profitti del locale.\r\n\r\n\r\nEfficienza operativa e soddisfazione del cliente\r\nQuesti esempi mostrano come Qromo non si limiti a migliorare l’efficienza, ma anche a incrementare la soddisfazione del cliente e i guadagni delle strutture turistiche. Il Bagno Sirena a Santa Margherita Ligure ha usato la funzione \"saltacoda\" per gestire un evento con centinaia di persone, dimostrando ancora una volta la capacità di Qromo di adattarsi a diverse esigenze e contesti.\r\n\r\nAnche il settore alberghiero beneficia di queste soluzioni. Molti hotel permettono ai clienti di ordinare cibo e bevande dalla propria camera, sia per il ristorante dell'hotel che per bar esterni convenzionati. Questo servizio non solo aumenta la comodità per gli ospiti, ma migliora anche l’efficienza del personale e la redditività degli esercizi partner.\r\n\r\n\r\n\r\nQromo si pone quindi come un partner strategico per le realtà turistiche italiane che desiderano offrire un’esperienza moderna e senza intoppi ai loro clienti internazionali. Non solo semplifica le operazioni quotidiane, ma crea anche un ambiente accogliente e user-friendly per i turisti di tutto il mondo.\r\n\r\nConclusione\r\n\r\nAdottare una soluzione come Qromo significa abbracciare il futuro del turismo, dove l’efficienza operativa e la soddisfazione del cliente vanno di pari passo, contribuendo a rendere l’Italia una destinazione sempre più competitiva e amata a livello globale. Iscrivendoti oggi su Qromo potrai usufruire di una prova gratuita. Per chi opera nel settore, investire in innovazioni come questa significa garantire un servizio di alta qualità e un’esperienza memorabile per ogni turista.","post_title":"Come migliorare l’esperienza per i turisti stranieri grazie ad una semplice piattaforma centralizzata","post_date":"2024-06-06T08:32:29+00:00","category":["informazione-pr","mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Informazione PR","Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1717662749000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti