24 February 2024

Il messicano Riu Palace Pacifico riapre come adults-only dopo una ristrutturazione completa

[ 0 ]

Dopo una completa ristrutturazione di tutti i suoi impianti, ha riaperto da poco i propri battenti come struttura adults-only il Riu Palace Pacifico, situato sulla Playa Flamingos di Nayarit, in Messico. Il restyling di questo hotel, costruito nel 2008, è stato accompagnato dall’inaugurazione di nuovi servizi per gli ospiti, con un aumento delle opzioni di ristorazione, un miglioramento delle esperienze e l’aggiunta dell’Elite Club by Riu. Gli spazi comuni, come la lobby e la reception, hanno quindi guadagnato in spaziosità e funzionalità. Ma anche le 445 camere del resort sono state completamente rinnovate e ora presentano toni morbidi e spazi con luce naturale.

Gli ospiti che acquistano il servizio Elite Club avranno invece accesso a zone esclusive dell’hotel, come un’area privata sulla spiaggia con letti balinesi e un bar dove verranno servite bevande Premium, che potranno gustare nello Sports Bar e nel nuovo Elite Club Lounge Bar, dove sarà pure possibile effettuare il check-in in uno spazio riservato. Non solo: una delle nuove opzioni di ristorazione dell’hotel è esclusivamente riservata agli ospiti Elite, che potranno accedere al ristorante Elite Club sia per la colazione à la carte sia per la cena. Il servizio Elite Club comprende inoltre 62 camere con vista, dotate di dispenser di liquori con bevande Premium; minibar con snack e bottiglia di vino; late check-out confermato fino alle 13 e possibilità di early check-in; regalo di benvenuto e aromaterapia in camera; possibilità di prenotare nei ristoranti a tema con priorità.

Per quanto riguarda la gastronomia, il Riu Palace Pacifico ha aggiunto un ristorante italiano, mentre il giapponese adesso offre una vasta gamma di piatti asiatici in stile Asian Street Food. Altre novità importanti sono l’aggiunta di due nuovi snack bar nell’area della piscina: il Pepe’s Food, che offre piatti alla griglia, e il Tiki Tako, dove gli ospiti possono gustare una varietà di tacos in stile messicano. Anche lo Sports Bar fa un salto di qualità con il concept All American Favorites, espandendo la propria offerta gastronomica con piatti come le costine o i mac and cheese. Presente infine anche una nuova caffetteria Capuchino.

 

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462129 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un compleanno speciale per Le Vie del Nord che, oltre a festeggiare i propri primi dieci anni di attività, si regala per l'occasione il restyling di sito e loghi, nonché una nuova collaborazione con TrustForce. Era infatti il febbraio del 2014 quando si incontrarono due mondi: quello della Enterprise, agenzia attiva fin dal 1966, e quello di Maria Teresa Omedè, profonda conoscitrice sia del mercato Italia sia delle destinazioni nordeuropee. Una fusione da cui nacque, appunto, Le Vie del Nord. Ora l'operatore pesarese si presente con un sito dall'interfaccia utente completamente rinnovata: nuova la forma grafica, nuovo il logo, nuove le possibilità di ricerca e scoperta dei tanti prodotti presenti e degli altri servizi che completano l’offerta e il viaggio. "Il restyling del portale - spiega Maria Teresa Omedè - faciliterà l’esperienza di chi si approccia al nostro mondo. Il sito è un biglietto da visita per i nostri partner commerciali e anche per i clienti finali, che avranno così modo di farsi un’idea completa e articolata della nostra proposta”. L'inedito set di loghi è stato invece sviluppato grazie a un progetto firmato dalla web agency torinese Vg59: “Parliamo di un’immagine più moderna, facile, lineare e adatta sia alla comunicazione sia alla presenza in rete. I nuovi loghi riprendono le caratteristiche cromatiche di quello storico, per mantenere intatta la riconoscibilità del brand sul mercato”. Infine, Le Vie del Nord, in collaborazione con TrustForce, ha ampliato da gennaio 2024 il proprio team di promotori commerciali inserendo in organico, accanto ad Annalisa Cianfanelli, responsabile per Lazio, Abruzzo e Umbria, anche Marco Comelli, attivo sulla Lombardia, e Luca Scagliotti, per Piemonte e Liguria. “Dopo gli anni difficili della pandemia - conclude Maria Teresa Omedè - è importante per noi rilanciare la nostra presenza sul mercato, investendo su risorse umane di valore, consolidando e ampliando le nostre reti commerciali. In questo, i nuovi promotori ci daranno un grosso aiuto”. [post_title] => Le Vie del Nord: per i primi dieci anni restyling di sito e loghi e nuova collaborazione con TrustForce [post_date] => 2024-02-23T10:02:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708682535000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462039 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte. La manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri. Il clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta. Le compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina. Le novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.   [post_title] => Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore [post_date] => 2024-02-23T09:12:34+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708679554000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462061 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Due eventi esperienziali organizzati nella Galleria d'arte moderna di Milano (Gam) e a Pompei, nonché altrettanti incontri esclusivi con i top partner realizzati a Roma e a Torino. Con quattro appuntamenti dedicati alle agenzie Trident Club in una serie di città italiane che hanno coinvolto circa 70 partecipanti, Club Med si è preparata all'apertura delle vendite per l'inverno 2024-2025, che si terrà dal 5 all’8 marzo. Il momento è particolarmente importante perché come vuole tradizione consente di prenotare una vacanza bloccando il prezzo con la migliore tariffa garantita della stagione su tutte le date di partenza e con riduzioni di prezzo: del 20% sulle Premium room (deluxe & suite) e del 15% per tutte le altre camere, anche a Natale e Capodanno. “Ogni anno che passa notiamo un’anticipazione delle prenotazioni dei clienti italiani. Durante l'ultima apertura vendite inverno 23-24 abbiamo registrato il numero di vendite più alto degli ultimi dieci anni (+76% rispetto all’anno precedente); la crescita record del +154% è stata realizzata dal segmento montagna - commenta Rabeea Ansari, managing director Southern Europe & emerging markets di Club Med -. Il nostro premium all inclusive è forte: in montagna, oltre a un’offerta completa che comprende anche skipass e lezioni di sci, offriamo la garanzia neve per tutelare i nostri clienti in caso di impianti chiusi”. La stagione invernale appena trascorsa ha in particolare registrato risultati più che positivi, facendo segnare per i soggiorni in montagna una crescita del 12%. In particolare, i resort di Pragelato Sestriere, nel comprensorio sciistico della Vialattea in Italia, e La Rosière, con il suo nuovissimo spazio di suite Exclusive Collection, hanno attirato l’attenzione di molti turisti italiani. La novità è Serre-Chevalier, nel cuore delle soleggiate Alpi del Sud e facilmente raggiungibile dall’Italia (a sole 3 ore e 30 minuti di auto da Milano), che riapre quest’anno completamente rinnovato. Anche il lungo raggio è stato particolarmente apprezzato dai clienti italiani. In particolare nei resort che possono essere definiti gli evergreen di Club Med. A partire dalle Maldive, la destinazione perfetta per una fuga romantica nelle Ville di Finolhu o nello spazio Exclusive Collection Manta del resort di Kani, fino alle Mauritius o alla Repubblica Dominicana, dove sorge il resort Michès Playa Esmeralda, che nel 2023 ha avuto una crescita globale del +236% rispetto all’anno precedente. O ancora, dalle Bahamas fino alle Antille Francesi, che ospitano i resort La Caravelle (Guadalupa) e Les Boucaniers (Martinica), immersi nella natura e nel blu del mar dei Caraibi. E sempre in tema di mete di lungo raggio, da menzionare anche il Club Med Phuket, tra i templi buddisti e le verdi montagne della Thailandia, che di recente è stato ampliato e rinnovato completamente. Novità anche per gli amanti del padel, per i quali Club Med ha investito in tredici dei propri resort predisponendo in tutto 44 campi da gioco.   [post_title] => Club Med: si avvicina l'apertura delle vendite invernali; incentivi e sconti dal 5 all'8 marzo [post_date] => 2024-02-22T11:52:55+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708602775000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumento di capitale e nuovo socio per Terme di Chianciano che entra in questo modo nella fase due del suo programma di rilancio. Il fondo Salvaguardia Imprese, promosso dal ministero delle Imprese e del made in Italy e gestito da Invitalia, è infatti da poco entrato nel capitale sociale di Terme di Chianciano, nell’ambito del piano di risanamento della società, a fianco dell’azionista Terme Italia che ha lavorato per due anni alla ristrutturazione dell’azienda. L'operazione è stata accompagna da un aumento di capitale per circa 6 milioni di euro, di cui circa 3,1 milioni immessi da parte di Terme Italia e 2,9 milioni da parte di Invitalia. I nuovi fondi saranno destinati, in parte, alla chiusura del concordato in continuità omologato a luglio 2023 e per oltre 3 milioni di euro alla riqualificazione dei complessi. Terme di Chianciano ha potuto inoltre beneficiare della misura destinata anche ai marchi storici, in quanto è stato classificato Marchio storico nazionale, grazie anche al lavoro del nuovo azionista Terme Italia. Il disegno di sviluppo futuro del complesso toscano presta particolare attenzione alla filiera di produzione e distribuzione nazionale delle sue acque, allo sviluppo dell’attività leisure e alla razionalizzazione dell’offerta sanitaria integrata, anche grazie all’acquisto del ramo di azienda ex-Upmc. [post_title] => Invitalia nuovo socio di Terme di Chianciano: aumento di capitale per 6 mln [post_date] => 2024-02-22T10:33:43+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598023000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462015 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462020" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption] Towns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività). Fondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%. "Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti". La neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area aziendale all’interno di Towns of Italy. [post_title] => A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel [post_date] => 2024-02-21T15:38:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708529887000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare. "Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare". Un modo nuove di interagire con gli ospiti A fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. "Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo". Il primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. "Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana". La questione recensioni, la formazione e l'housekeeping Altro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. "Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti". Ma l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: "Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio. Inutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard". Rivoluzione revenue management Infine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. "Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker". [post_title] => Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale [post_date] => 2024-02-21T13:36:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708522597000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462001 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto). Secondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo "non ha presentato alcuna prova" che dimostri la rimozione delle "non conformità". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e "non soddisfa i requisiti minimi" per detenere un Coa. L'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca "inevitabile", afferma l'autorità. "Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali". [post_title] => Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi [post_date] => 2024-02-21T12:58:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708520318000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461963 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Londra Heathrow prevede un numero record di passeggeri per quest'anno, dopo che il boom della domanda di viaggi sulle redditizie rotte transatlantiche ha riportato in profitto lo scalo, per la prima volta dopo la pandemia. Secondo quanto riferito dal Financial Times, nel mirino ci sono 81,4 milioni di passeggeri, in aumento rispetto ai 79,2 milioni del 2023. Il bilancio dell'anno scorso, che visto anche il dicembre più trafficato di sempre, ha registrato un utile ante imposte rettificato di 38 milioni di sterline per il 2023, rispetto alla perdita di 684 milioni di sterline dell'anno precedente e dopo tre anni consecutivi di perdite. Le rotte transatlantiche sono andate "particolarmente bene", ha sottolineato una nota della società di gestione di Heathrow, sottolineando anche una "significativa ripresa" del mercato dell'Asia e del Pacifico.   L'aeroporto ha dichiarato che potrebbe "plausibilmente" pagare ai suoi proprietari un dividendo quest'anno, anche se non è previsto. Heathrow è nel bel mezzo del più grande cambiamento di proprietà dalla sua privatizzazione negli anni '90, dopo che il gruppo infrastrutturale spagnolo Ferrovial lo scorso novembre ha deciso di vendere la propria quota del 25% al fondo sovrano dell'Arabia Saudita (Pif) e al gruppo francese Ardian per 2,4 miliardi di sterline. [post_title] => Londra Heathrow: lo scalo torna a fare utili, per la prima volta dopo la pandemia [post_date] => 2024-02-21T10:06:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509993000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prima regione d’Italia per presenze (73 milioni, pari a un fatturato di 18 milioni di euro) il Veneto supera i risultati pre–pandemia e punta sempre di più sul grande patrimonio naturale, paesaggistico, culturale, artistico e architettonico che tramanda da secoli: ricchezze inestimabili che, associate a una governance turistica efficace, delineano le sfide del turismo del futuro, sempre più attento e consapevole. I nove siti Unesco del Veneto saranno infatti l’anello di congiunzione di un’esperienza completa, dalle Dolomiti Bellunesi a Verona, da Padova a Vicenza e le sue ville palladiane, solo per citarne alcuni. Lo ha affermato l’assessore al Turismo della regione, Federico Caner, introducendo i temi chiave di un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità: “La prima edizione della Borsa internazionale dei siti Patrimonio mondiale, tenutasi la scorsa primavera a Castelbrando, ci ha dato spunti per elaborare idee inedite e rinnovare un’offerta allineata con le nuove tendenze di viaggio, nell’ottica di una sostenibilità a 360 gradi”. I gioielli Unesco, la loro salvaguardia e i grandi appuntamenti del 2024 saranno al centro della seconda edizione della Borsa e oggetto di educational tour per i to italiani e stranieri, nonché per la stampa specializzata, alla scoperta del territorio veneto e di prodotti turistici integrati, accessibili e fruibili. In grande risalto, oltre ai siti Unesco, le aree che ospiteranno le Olimpiadi Invernali del 2026, permettendo così agli operatori e ai giornalisti di vivere in anteprima l’atmosfera di attesa del grande evento sportivo. [post_title] => Veneto: un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità [post_date] => 2024-02-21T09:38:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708508334000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "il messicano riu palace pacifico riapre come adults only dopo una ristrutturazione completa" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":68,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1238,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462129","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un compleanno speciale per Le Vie del Nord che, oltre a festeggiare i propri primi dieci anni di attività, si regala per l'occasione il restyling di sito e loghi, nonché una nuova collaborazione con TrustForce. Era infatti il febbraio del 2014 quando si incontrarono due mondi: quello della Enterprise, agenzia attiva fin dal 1966, e quello di Maria Teresa Omedè, profonda conoscitrice sia del mercato Italia sia delle destinazioni nordeuropee. Una fusione da cui nacque, appunto, Le Vie del Nord.\r\n\r\nOra l'operatore pesarese si presente con un sito dall'interfaccia utente completamente rinnovata: nuova la forma grafica, nuovo il logo, nuove le possibilità di ricerca e scoperta dei tanti prodotti presenti e degli altri servizi che completano l’offerta e il viaggio. \"Il restyling del portale - spiega Maria Teresa Omedè - faciliterà l’esperienza di chi si approccia al nostro mondo. Il sito è un biglietto da visita per i nostri partner commerciali e anche per i clienti finali, che avranno così modo di farsi un’idea completa e articolata della nostra proposta”.\r\n\r\nL'inedito set di loghi è stato invece sviluppato grazie a un progetto firmato dalla web agency torinese Vg59: “Parliamo di un’immagine più moderna, facile, lineare e adatta sia alla comunicazione sia alla presenza in rete. I nuovi loghi riprendono le caratteristiche cromatiche di quello storico, per mantenere intatta la riconoscibilità del brand sul mercato”.\r\n\r\nInfine, Le Vie del Nord, in collaborazione con TrustForce, ha ampliato da gennaio 2024 il proprio team di promotori commerciali inserendo in organico, accanto ad Annalisa Cianfanelli, responsabile per Lazio, Abruzzo e Umbria, anche Marco Comelli, attivo sulla Lombardia, e Luca Scagliotti, per Piemonte e Liguria. “Dopo gli anni difficili della pandemia - conclude Maria Teresa Omedè - è importante per noi rilanciare la nostra presenza sul mercato, investendo su risorse umane di valore, consolidando e ampliando le nostre reti commerciali. In questo, i nuovi promotori ci daranno un grosso aiuto”.","post_title":"Le Vie del Nord: per i primi dieci anni restyling di sito e loghi e nuova collaborazione con TrustForce","post_date":"2024-02-23T10:02:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708682535000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462039","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La festa del mandorlo in fiore è una festa cultural popolare della città di Agrigento la Città dei templi, che si ripete ogni anno con l'obiettivo di festeggiare l'arrivo della primavera con il rifiorire dei mandorli e di gioire per il ritorno della vita. Numerosi gruppi folkloristici e bambini arrivano da ogni parte del mondo nella Capitale italiana della Cultura 2025 per prenderne parte.\r\n\r\nLa manifestazione rappresenta l’evento più importante del palinsesto artistico della città e ogni anno rinnova l’incontro di popoli da tutto il mondo in un’ottica di pace e fratellanza. L’edizione 2024 si svolgerà in particolare dal 9 al 17 marzo. Come di consueto vedrà i gruppi folk presenti, sia adulti sia bambini, esibirsi nelle piazze cittadine e nei principali teatri.\r\n\r\nIl clou è in calendario domenica 17 marzo, quando gruppi folkloristici e carretti siciliani dipinti sfileranno per la città allo scopo di celebrare l’arrivo della primavera. Nell’attesa è possibile passeggiare tra i templi, e scoprire casa Barbadoro, il casale recuperato all’interno della valle, il museo vivente del Mandorlo, il giardino che il parco archeologico della Valle dei templi ha dedicato alla cura di questa antica e preziosa pianta.\r\n\r\nLe compagini folk internazionali che quest’anno, nell’ambito del sessantaseiesimo festival internazionale del Folklore, si contenderanno l’ambito premio del Tempio d’oro dinanzi al maestoso tempio della Concordia provengono da ben 26 Paesi: Albania, Brasile, Bulgaria, Colombia, Corea, Croazia, Giappone, Grecia, India, Italia, Lettonia, Macedonia, Messico, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovacchia, Spagna, Turchia e Ucraina. I gruppi invece partecipanti al ventunesimo festival i Bambini del mondo provengono da Bulgaria, Costarica, Germania, Honduras, Kirghizistan, Korea, Polonia, Serbia, Turchia e Ucraina.\r\n\r\nLe novità dell’edizione del 2024 del Mandorlo in fiore non sono poche, ma la più importante è quella relativa a un ritorno alla tradizione con la Fiaccolata dell’amicizia, che terminerà allo stadio Esseneto coinvolgendo l’intero tessuto cittadino e i turisti. Ad aprire la kermesse il concerto per la pace con la cantante israeliana Noa sabato 9 marzo al teatro Pirandello. Quest’anno, inoltre, ad aprire le parate dei gruppi folk, tornati a essere numerosi per le vie cittadine, ci sarà un carro allestito con una scenografia dedicata alla primavera nella valle, esattamente come si faceva negli anni 50. Primo fondamentale appuntamento sarà l’accensione del tripode dell’Amicizia, martedì 12, con sfilata dei gruppi che partendo dal museo archeologico Griffo raggiungeranno il tempio attraverso il decumano. Tra gli eventi collaterali si registra infine MandorloinTavola - i menù della sagra, che si pone l’obiettivo di valorizzare la mandorla e promuovere la ristorazione del territorio. L’iniziativa prevede, a cura dei diversi ristoranti della città, la possibilità di degustare menu a base di mandorla.\r\n\r\n ","post_title":"Agrigento città dei templi: tutti gli eventi per la festa del Mandorlo in fiore","post_date":"2024-02-23T09:12:34+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708679554000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462061","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Due eventi esperienziali organizzati nella Galleria d'arte moderna di Milano (Gam) e a Pompei, nonché altrettanti incontri esclusivi con i top partner realizzati a Roma e a Torino. Con quattro appuntamenti dedicati alle agenzie Trident Club in una serie di città italiane che hanno coinvolto circa 70 partecipanti, Club Med si è preparata all'apertura delle vendite per l'inverno 2024-2025, che si terrà dal 5 all’8 marzo.\r\n\r\nIl momento è particolarmente importante perché come vuole tradizione consente di prenotare una vacanza bloccando il prezzo con la migliore tariffa garantita della stagione su tutte le date di partenza e con riduzioni di prezzo: del 20% sulle Premium room (deluxe & suite) e del 15% per tutte le altre camere, anche a Natale e Capodanno.\r\n\r\n“Ogni anno che passa notiamo un’anticipazione delle prenotazioni dei clienti italiani. Durante l'ultima apertura vendite inverno 23-24 abbiamo registrato il numero di vendite più alto degli ultimi dieci anni (+76% rispetto all’anno precedente); la crescita record del +154% è stata realizzata dal segmento montagna - commenta Rabeea Ansari, managing director Southern Europe & emerging markets di Club Med -. Il nostro premium all inclusive è forte: in montagna, oltre a un’offerta completa che comprende anche skipass e lezioni di sci, offriamo la garanzia neve per tutelare i nostri clienti in caso di impianti chiusi”.\r\n\r\nLa stagione invernale appena trascorsa ha in particolare registrato risultati più che positivi, facendo segnare per i soggiorni in montagna una crescita del 12%. In particolare, i resort di Pragelato Sestriere, nel comprensorio sciistico della Vialattea in Italia, e La Rosière, con il suo nuovissimo spazio di suite Exclusive Collection, hanno attirato l’attenzione di molti turisti italiani. La novità è Serre-Chevalier, nel cuore delle soleggiate Alpi del Sud e facilmente raggiungibile dall’Italia (a sole 3 ore e 30 minuti di auto da Milano), che riapre quest’anno completamente rinnovato.\r\n\r\nAnche il lungo raggio è stato particolarmente apprezzato dai clienti italiani. In particolare nei resort che possono essere definiti gli evergreen di Club Med. A partire dalle Maldive, la destinazione perfetta per una fuga romantica nelle Ville di Finolhu o nello spazio Exclusive Collection Manta del resort di Kani, fino alle Mauritius o alla Repubblica Dominicana, dove sorge il resort Michès Playa Esmeralda, che nel 2023 ha avuto una crescita globale del +236% rispetto all’anno precedente. O ancora, dalle Bahamas fino alle Antille Francesi, che ospitano i resort La Caravelle (Guadalupa) e Les Boucaniers (Martinica), immersi nella natura e nel blu del mar dei Caraibi. E sempre in tema di mete di lungo raggio, da menzionare anche il Club Med Phuket, tra i templi buddisti e le verdi montagne della Thailandia, che di recente è stato ampliato e rinnovato completamente. Novità anche per gli amanti del padel, per i quali Club Med ha investito in tredici dei propri resort predisponendo in tutto 44 campi da gioco.\r\n\r\n ","post_title":"Club Med: si avvicina l'apertura delle vendite invernali; incentivi e sconti dal 5 all'8 marzo","post_date":"2024-02-22T11:52:55+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708602775000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAumento di capitale e nuovo socio per Terme di Chianciano che entra in questo modo nella fase due del suo programma di rilancio. Il fondo Salvaguardia Imprese, promosso dal ministero delle Imprese e del made in Italy e gestito da Invitalia, è infatti da poco entrato nel capitale sociale di Terme di Chianciano, nell’ambito del piano di risanamento della società, a fianco dell’azionista Terme Italia che ha lavorato per due anni alla ristrutturazione dell’azienda.\r\n\r\nL'operazione è stata accompagna da un aumento di capitale per circa 6 milioni di euro, di cui circa 3,1 milioni immessi da parte di Terme Italia e 2,9 milioni da parte di Invitalia. I nuovi fondi saranno destinati, in parte, alla chiusura del concordato in continuità omologato a luglio 2023 e per oltre 3 milioni di euro alla riqualificazione dei complessi.\r\n\r\nTerme di Chianciano ha potuto inoltre beneficiare della misura destinata anche ai marchi storici, in quanto è stato classificato Marchio storico nazionale, grazie anche al lavoro del nuovo azionista Terme Italia. Il disegno di sviluppo futuro del complesso toscano presta particolare attenzione alla filiera di produzione e distribuzione nazionale delle sue acque, allo sviluppo dell’attività leisure e alla razionalizzazione dell’offerta sanitaria integrata, anche grazie all’acquisto del ramo di azienda ex-Upmc.","post_title":"Invitalia nuovo socio di Terme di Chianciano: aumento di capitale per 6 mln","post_date":"2024-02-22T10:33:43+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708598023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462015","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462020\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption]\r\n\r\nTowns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività).\r\n\r\nFondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%.\r\n\r\n\"Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti\".\r\n\r\nLa neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area\r\naziendale all’interno di Towns of Italy.","post_title":"A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel","post_date":"2024-02-21T15:38:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708529887000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un moltiplicatore di potenza. L'intelligenza artificiale è il tema centrale del dibattito sul digitale di oggi. Un'evoluzione che tutti concordano sarà destinata presto a cambiare il mondo. In quali modalità è ancora difficile da capire fino in fondo, ma del potere dirompente dell'Ai sono davvero in pochi a dubitare.\r\n\r\n\"Anche perché al momento stiamo vivendo solamente la fase due della rivoluzione. Quella che sfrutta il cosiddetto Large language model (Llm), che mette in grado applicazioni come ChatGpt di interpretare linguaggi ed espressioni diverse - spiega il presidente di Federalberghi Lombardia, Fabio Primerano, intervenuto in occasione del seminario sul digital organizzato a Milano da Travel Open Village Hospitality -. Nel futuro ci aspetta ancora lo step della Theory of mind, per cui l'intelligenza artificiale sarà capace di comprendere le emozioni. Infine si potrà forse arrivare alla self-awareness degli strumenti digitali. Una prospettiva per certi versi inquietante, che tuttavia è molto meno remota di quanto si possa comunemente pensare\".\r\nUn modo nuove di interagire con gli ospiti\r\nA fronte di tanti e tali cambiamenti è chiaro quindi che anche il piccolo mondo dell'ospitalità non può sottrarsi dal confronto con le nuove prospettive dell'intelligenza artificiale. \"Occorre andare là dove la domanda si dirige - osserva semplicemente Primerano -. E ormai tutti gli ospiti, compresi quelli delle generazioni più mature, si servono degli strumenti digitali in modo sempre più pervasivo\".\r\n\r\nIl primo contesto in cui l'Ai può quindi rivoluzionare gli approcci tradizionali dell'ospitalità è quello delle interazioni con i clienti. Pre, post e durante il soggiorno. \"Fino a oggi siamo stati abituati a confrontarci con bot pre-registrati, dotati di una ridotta capacità di relazione con gli utenti. Ora esistono strumenti estremamente flessibili, in grado di imparare dal confronto con il cliente e con lo stesso hotel di cui sono al servizio. I nuovi software possono elaborare in pochi minuti una quantità pressoché infinita di dati provenienti dalle fonti più disparate (pdf, power point, video, immagini...). Restituendo poi all'utente informazioni puntuali, persino con un tono di voce e uno stile difficilmente distinguibile da quello di una classica interazione umana\".\r\nLa questione recensioni, la formazione e l'housekeeping\r\nAltro aspetto chiave su cui l'Ai può già essere di grande supporto agli hotelier è poi la questione recensioni. \"Il vantaggio in questo caso è sia la capacità dell'intelligenza artificiale di analizzare una mole di dati molto più elevata rispetto a qualsiasi altro strumento sino a oggi disponibile, sia di garantire repliche adeguate al contesto di riferimento di ogni singolo cliente. A partire magari dal paese di origine di ciascun ospite, che impone stili di risposta e toni di relazione differenti\".\r\n\r\nMa l'Ai potrà aiutare anche in ambito formativo, mettendo per esempio gli allievi nelle condizioni di affrontare simulazioni realistiche con ospiti virtuali. Non mancano neppure possibili applicazioni nel comparto housekeeping: \"Le regole dell'hotellerie dicono che la governante dovrebbe ogni giorno controllare a fondo tutte le stanze, per assicurarsi che gli standard di pulizia siano rispettati nel minimo dettaglio.\r\n\r\nInutile nascondere che, salvo rarissime eccezioni, questo è praticamente impossibile, solitamente le visite limitandosi a delle camere a campione. Ebbene, oggi da una semplice foto o da un video di cellulare l'Ai è in grado di fare un check completo di ogni stanza in tempi ridotti, assicurando in questo modo il pieno rispetto degli standard\".\r\nRivoluzione revenue management\r\nInfine c'è il capitolo forse più intuitivo, che è il tema del revenue management. Ancora una volta è la capacità di analizzare grandi volumi di dati a fare la differenza. \"Soprattutto perché oggi l'offerta alberghiera si articola su sempre più variabili - conclude Primerano -. Non solo le tipologie di camere si sono moltiplicate, ma anche lo stesso prodotto hotel si declina in tantissime proposte differenti: con o senza colazioni, per numero di persone, per durata del soggiorno e con o senza pensione, mezza o completa che sia... Il tutto senza dimenticare che il confronto con il benchmark di riferimento, in base al quale stabilire di volta in volta il prezzo più adatto, non può più limitarsi a un pugno di hotel competitor di categoria simile. Ma deve includere anche le strutture extralberghiere, che nello scenario contemporaneo della ricettività sono spesso i veri market maker\".","post_title":"Primerano, Federalberghi: il futuro dell'hotellerie è nell'intelligenza artificiale","post_date":"2024-02-21T13:36:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708522597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462001","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto).\r\n\r\nSecondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo \"non ha presentato alcuna prova\" che dimostri la rimozione delle \"non conformità\". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e \"non soddisfa i requisiti minimi\" per detenere un Coa.\r\n\r\nL'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca \"inevitabile\", afferma l'autorità. \"Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali\".","post_title":"Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi","post_date":"2024-02-21T12:58:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708520318000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461963","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Londra Heathrow prevede un numero record di passeggeri per quest'anno, dopo che il boom della domanda di viaggi sulle redditizie rotte transatlantiche ha riportato in profitto lo scalo, per la prima volta dopo la pandemia.\r\n\r\nSecondo quanto riferito dal Financial Times, nel mirino ci sono 81,4 milioni di passeggeri, in aumento rispetto ai 79,2 milioni del 2023. Il bilancio dell'anno scorso, che visto anche il dicembre più trafficato di sempre, ha registrato un utile ante imposte rettificato di 38 milioni di sterline per il 2023, rispetto alla perdita di 684 milioni di sterline dell'anno precedente e dopo tre anni consecutivi di perdite.\r\n\r\nLe rotte transatlantiche sono andate \"particolarmente bene\", ha sottolineato una nota della società di gestione di Heathrow, sottolineando anche una \"significativa ripresa\" del mercato dell'Asia e del Pacifico.\r\n\r\n \r\n\r\nL'aeroporto ha dichiarato che potrebbe \"plausibilmente\" pagare ai suoi proprietari un dividendo quest'anno, anche se non è previsto.\r\n\r\nHeathrow è nel bel mezzo del più grande cambiamento di proprietà dalla sua privatizzazione negli anni '90, dopo che il gruppo infrastrutturale spagnolo Ferrovial lo scorso novembre ha deciso di vendere la propria quota del 25% al fondo sovrano dell'Arabia Saudita (Pif) e al gruppo francese Ardian per 2,4 miliardi di sterline.","post_title":"Londra Heathrow: lo scalo torna a fare utili, per la prima volta dopo la pandemia","post_date":"2024-02-21T10:06:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708509993000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461943","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prima regione d’Italia per presenze (73 milioni, pari a un fatturato di 18 milioni di euro) il Veneto supera i risultati pre–pandemia e punta sempre di più sul grande patrimonio naturale, paesaggistico, culturale, artistico e architettonico che tramanda da secoli: ricchezze inestimabili che, associate a una governance turistica efficace, delineano le sfide del turismo del futuro, sempre più attento e consapevole.\r\n\r\nI nove siti Unesco del Veneto saranno infatti l’anello di congiunzione di un’esperienza completa, dalle Dolomiti Bellunesi a Verona, da Padova a Vicenza e le sue ville palladiane, solo per citarne alcuni. Lo ha affermato l’assessore al Turismo della regione, Federico Caner, introducendo i temi chiave di un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità: “La prima edizione della Borsa internazionale dei siti Patrimonio mondiale, tenutasi la scorsa primavera a Castelbrando, ci ha dato spunti per elaborare idee inedite e rinnovare un’offerta allineata con le nuove tendenze di viaggio, nell’ottica di una sostenibilità a 360 gradi”.\r\n\r\nI gioielli Unesco, la loro salvaguardia e i grandi appuntamenti del 2024 saranno al centro della seconda edizione della Borsa e oggetto di educational tour per i to italiani e stranieri, nonché per la stampa specializzata, alla scoperta del territorio veneto e di prodotti turistici integrati, accessibili e fruibili. In grande risalto, oltre ai siti Unesco, le aree che ospiteranno le Olimpiadi Invernali del 2026, permettendo così agli operatori e ai giornalisti di vivere in anteprima l’atmosfera di attesa del grande evento sportivo.","post_title":"Veneto: un’offerta turistica incentrata su attrattività e sostenibilità","post_date":"2024-02-21T09:38:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708508334000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti