6 February 2023

Federturismo: seguiamo la Francia per le clausole di parity rate

[ 0 ]
Renzo Iorio«La notizia che l’Assemblea nazionale francese ha votato per adottare una normativa che elimini le clausole di parity rate dai contratti con le agenzie di viaggio online è un passo importante – sostiene Renzo Iorio, presidente di Federturismo Confindustria -. Il voto, che dovrà essere convalidato dal Senato, consentirà ai viaggiatori in Francia di valutare il miglior prezzo offerto degli alberghi sui vari canali piuttosto che vedere un unico prezzo su tutti i siti, posto che la parity rate limita attualmente la possibilità dell’hotel di offrire direttamente un prezzo al pubblico più basso rispetto alla tariffa delle olta. Non si rimette in discussione il valore creato dalle adv online, tuttavia la nuova legge francese consente all’operatore alberghiero di meglio far leva sul fatturato che potrebbe ottenere direttamente attraverso le proprie offerte, i programmi di fidelizzazione, i risultati di ricerca, raccomandazioni e recensioni, ecc., salvaguardando una quota significativa di costi sulla commissione di intermediazione da reinvestire in ammodernamento del prodotto e qualità del servizio o minor prezzo per  il cliente finale. E’ quindi importante che analogo approccio sia preso anche negli altri paesi europei».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438705 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Le prospettive sono rosee e la voglia di viaggiare continua a crescere". Domenico Staffelli, responsabile vendite di Gb Viaggi, commenta così questo inizio di 2023 per il to capitolino: "In questi primi due mesi dell'anno abbiamo registrato un incremento del 31,74% delle prenotazioni rispetto allo stesso periodo del 2022. Il mare Italia  si riconferma in particolare la meta più gettonata per l’estate, in quanto riesce a soddisfare il desiderio dei viaggiatori, che non devono far fronte a un eccessivo aumento dei prezzi". Dati importanti, che aumentano le aspirazioni aziendali alzando l’asticella a 40 milioni di euro di fatturato per il 2023. Traguardo ambizioso, che mira di fatto a raddoppiare l'ammontare complessivo delle vendite rispetto allo scorso anno. Per raggiungere quest’importante proposito, Gb Viaggi ha quindi messo in campo una serie di novità, con un ampliamento della sfera prodotto che prevede oltre al portfolio mare Italia, anche l'apertura del settore tour e crociere, inclusi pacchetti di volo + hotel verso le principali destinazioni del mondo. Tra le mete estere più apprezzate, ecco allora oltre all’Egitto anche Paesi a lungo raggio come le Maldive o Zanzibar. «La programmazione 2023 si mantiene in continuità con quella dello scorso anno, con alcune novità di prodotto con l’ingresso dei tour, che si sta già rivelando un successo, e la prossima apertura anche al mercato delle crociere – conclude il Staffelli –. Inoltre abbiamo riconfermato in toto la politica commerciale del 2022, che prevede una serie di vantaggi e promozioni come il Prima prenoti e più risparmi tanto apprezzato dagli utenti che possono approfittare di sconti fino al 25% sul prezzo di listino ufficiale, oltre che tutto il panorama di offerte, dai Bimbi gratis all’assicurazione inclusa, fino a organizzare delle vacanze flessibili con la possibilità di modificare gratuitamente e senza penali le date del soggiorno o all’opportunità di pagare la vacanza a rate a partire da 49 euro al mese». [post_title] => Gb Viaggi: nuovi prodotti tour e crociere. E nel 2023 l'obiettivo è il raddoppio del fatturato [post_date] => 2023-02-06T09:46:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675676799000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438367 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438368" align="alignleft" width="300"] Neal McMahon[/caption] Ryanair ha chiesto ancora una volta alla Commissione europea di agire immediatamente per proteggere i sorvoli durante l'ennesimo sciopero dei controllori del traffico aereo francese che si terrà dalle 17 del 30 gennaio alle 06 del 1° febbraio, come già avvenuto in Grecia e in Italia, e per evitare inutili disagi ai piani di viaggio dei cittadini europei provenienti da Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna e Regno Unito. Secondo Ryanair "La Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen ha ripetutamente fallito nel proteggere il mercato unico europeo dei viaggi aerei, consentendo che i voli che sorvolano la Francia venissero dirottati di volta in volta dai piccoli sindacati francesi dei controllori di volo, i quali chiudono i cieli sopra la Francia per i passeggeri dell'Ue che viaggiano da/verso Paesi al di fuori della Francia, mentre proteggono i voli dei cittadini francesi e i voli nazionali francesi. Centinaia di migliaia di passeggeri delle compagnie aeree hanno subito ritardi l'estate scorsa a causa degli scioperi dell'ATC francese, un problema che potrebbe essere facilmente risolto con l'intervento della Commissione europea per proteggere i sorvoli quando l'ATC dei singoli Stati membri sciopera, come già accade in Grecia e in Italia, e impedire che gli inutili disagi per i passeggeri dell'UE dell'estate scorsa si ripetano nell'estate 2023". «È inspiegabile che la Commissione europea continui a starsene con le mani in mano e a ignorare l'impatto diffuso che questi scioperi degli ATC francesi hanno sui passeggeri dell'Ue che non viaggiano nemmeno da/per la Francia, mentre il governo francese utilizza la sua politica di servizi minimi per proteggere i voli nazionali francesi per i cittadini francesi - ha commentato Neal McMahon, director of operation di Ryanair. Ryanair invita ancora una volta la Commissione Europea guidata da Ursula Von Der Leyen ad agire immediatamente per proteggere i cittadini europei che viaggiano da Irlanda, Italia, Spagna, Portogallo e Regno Unito, i cui piani di viaggio saranno inutilmente interrotti oggi (31 gennaio) a causa della ripetuta inazione della Commissione Europea per proteggere i sorvoli quando i controllori del traffico aereo francesi scioperano». Ryanair ha confermato di essere stata costretta a cancellare un piccolo numero di voli da/per la Francia oggi (31 gennaio) a causa di questo sciopero ingiustificato degli ATC e consiglia ai passeggeri che viaggiano da/per la Francia in questo periodo di controllare il sito web o l'app di Ryanair per gli aggiornamenti sullo stato dei voli prima di recarsi in aeroporto.     [post_title] => Ryanair: l'Ue intervenga per proteggere i sorvoli sui cieli francesi [post_date] => 2023-02-01T10:05:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675245918000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438393 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Notizie da Ita Airways. Il brand Alitalia potrebbe tornare a volare: una volta siglato l'ingresso di Lufthansa nella compagine del vettore italiano, una volta avviato il piano di rilancio e quando finalmente Ita inizierà a fare utili. Il ritorno del marchio storico sarebbe in effetti nel piano che sta prendendo forma e verrebbe riservato ai soli voli intercontinentali della compagnia aerea, che manterrebbe quindi la livrea azzurra sui collegamenti domestici ed europei.  L'indiscrezione - nulla è stato ancora deciso - viene riportata oggi da Il Corriere della Sera, a seguito dell'incontro che si è svolto ieri tra i sindacati e l'ad di Ita Airways Fabio Lazzerini: incontro che vede rimanere in stallo la vertenza sull'aumento delle retribuzioni dei dipendenti del vettore. La compagnia aerea, in realtà, ammette che un cambiamento sarebbe necessario, ma spiega però che serviranno dei "passaggi interni" - anche con l'azionista unico, il ministero dell'Economia - per decidere quando concedere i ritocchi salariali e in quale misura. Contratto preliminare La tabella di marcia della trattativa in esclusiva con i tedeschi avviata lo scorso 27 gennaio, punterebbe alla metà di marzo per la sigla del contratto preliminare tra il Mef e Lufthansa: spetterà poi all’Antitrust europeo dare il via libera in un arco di tempo di almeno 40 giorni se nessun altro soggetto presenterà obiezioni. Qualora ci fossero richieste di revisione da parte dei competitor la tempistica potrebbe allungarsi di qualche mese, per arrivare al closing non prima di fine luglio, inizio agosto. [post_title] => Ita Airways: il brand Alitalia potrebbe tornare a volare, sul lungo raggio [post_date] => 2023-02-01T09:59:11+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675245551000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438359 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438360" align="alignleft" width="300"] Leonardo Marras[/caption] Ventotto progetti, uno ciascuno per gli ambiti turistici omogenei della Toscana, per dare impulso e rilanciare il turismo toscano. Sono quelli elaborati dagli ambiti stessi a seguito del bando aperto nella primavera 2022 e per il quale sono stati messi a disposizione cinque milioni di euro. Oggi la presentazione, avvenuta nel corso di un incontro tra l’assessore al turismo Leonardo Marras ed i rappresentanti dei ventotto ambiti. La cifra messa a disposizione dei territori serve per promuovere e valorizzare le proprie specificità, per finanziare eventi e manifestazioni, per consentire loro di fare investimenti destinati ad ampliare l’offerta turistica e migliorare la capacità di accoglienza. “Il fatto che molti progetti hanno punti in comune – ha detto Marras - significa che in Toscana stiamo costruendo un sistema turistico. Un processo innovativo che presuppone conoscenza di ciò che fanno gli altri e collaborazione. Condividere tutti i progetti è importantissimo perché mette ancor più in evidenza questo sistema orizzontale e stimola la creazione di un patrimonio comune di competenze. L’incontro – ha concluso l’assessore - è servito per conoscere i progetti, ma anche per coordinare le proposte con le strategie regionali che vogliamo realizzare insieme a Toscana Promozione Turistica e farci trovare pronti, tra 18 mesi, ad affrontare nuovi scenari”. Ricordiamo che scopo dell’organizzazione in ventotto ambiti turistici omogenei, avvenuta nel 2018 con una modifica al Testo Unico in materia di Turismo, è l'esercizio associato delle funzioni di informazione e accoglienza a livello sovra-comunale puntando sulle specificità dei territori stessi. Il bando emanato nell’aprile 2022 prevedeva una distribuzione dei 5 milioni per metà in quota fissa e per il resto tenendo conto delle presenze registrate sul territorio nel 2019 (prima dunque della pandemia), con il confinanziamento di almeno il 30 per cento dei costi ammissibili dell’intervento. Tutti i progetti riguardano promozione, informazione turistica, ospitalità ed animazione. Gli ambiti hanno adesso 18 mesi di tempo per attuare le proposte. [post_title] => Toscana: ecco i 28 progetti per rilanciare il turismo della regione [post_date] => 2023-02-01T09:30:49+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675243849000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438373 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un portale aggiornato, ancora più ricco di immagini e video, per iniziare l'anno italiano di Avalon Waterways, che inaugura il 2023 del mercato tricolore puntando su un concept slow tourism, supportato da incentivi e policy ad hoc dedicate alla catena distributiva nazionale. “Con il nostro prodotto di itinerari su Reno, Danubio e Mosella, nonché sui canali tra Olanda e Belgio, intendiamo rispondere a un’esigenza che, via via, è andata affiorando in questo ultimo anno, soprattutto a seguito di quanto abbiamo vissuto con la pandemia. Ovvero la voglia di ritmi più lenti, di assaporare appieno quanto si sta vivendo, di un luogo cui abbandonarsi perché sono gli altri a prendersi cura di noi. Ecco, una crociera fluviale con noi è tutto questo – spiega Barbara Baldini, product manager and sales European markets di Avalon Waterways –: un calmo fluire di piaceri alla scoperta degli angoli più affascinanti d’Europa. La nostra parola d’ordine è relax: tutto scorre lentamente per permettere ai nostri ospiti di vivere intensamente ogni momento”. Dal punto di vista commerciale, è quindi già partita la campagna Early booking, che prevede uno sconto di 750 euro a persona su tutte le partenze 2023, prenotando entro il prossimo 31 marzo. “E’ importante che gli agenti sappiano che avremo cinque partenze tra Reno e Danubio tutte in lingua italiana (sul Reno: 10 giugno, 08 luglio, 05 agosto, mentre sul Danubio 15 agosto e 30 ottobre). A queste se ne aggiungono altre 15, che sono un mix italiano/inglese", sottolinea sempre Barbara Baldini. Ma crescono anche i numeri di chi viaggia da solo e, a questo proposito, Avalon Waterways in Italia ha deciso di ridurre al 30% il supplemento singola, al contempo rilanciando una politica gruppi ben precisa. "Si tratta – conclude Barbara Baldini – della 20-20-20: commissione al 20%, ogni 20 paganti il 21esimo è free; infine, supplemento singola al 20% se l’individuale è parte del gruppo. In questa maniera, da un lato, agevoliamo le vendite individuali, offrendo un prezzo adeguato a chi sta in cabina da solo e, dall’altro, proponiamo le nostre crociere anche a piccoli gruppi incentive, al business travel o a gruppi familiari estesi”. [post_title] => Avalon Waterways: concept slow tourism per conquistare il mercato italiano [post_date] => 2023-02-01T09:25:53+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675243553000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438328 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_437301" align="alignleft" width="300"] Dina Ravera[/caption] Destination Italia, leader nel turismo incoming esperienziale nel segmento Luxury B2B, e Portale Sardegna, specializzata nel settore incoming turistico nella destinazione Sardegna ed anche Puglia, Sicilia e resto d’Italia, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, annunciano che i rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L’operazione è stata approvata in esecuzione dell’accordo vincolante sottoscritto dalle parti in data 25 novembre 2022. L’obiettivo dell’operazione è quello di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C con i principali big player in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala, la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà. Da un punto di vista del mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross-selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (tour operator internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. Da un punto di vista tecnologico, il portafoglio delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentiranno di intermediare e gestire prenotazioni massive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle migliaia di fornitori di servizi turistici sul territorio italiano. Con l’operazione, Portale Sardegna apporterà tecnologie e competenze complementari al patrimonio tecnologico di Destination Italia. Dina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia, ha ricordato che la business combinatio è «un’idea nata circa un anno fa con due obiettivi primari; da un lato offrire una soluzione al problema della frammentazione del mercato degli operatori turistici, dall’altro far crescere il turismo verso il nostro Paese forti di una struttura e di una dimensione in grado di affrontare i mercati internazionali ed i grandi player di settore operanti worldwide». Per Massimiliano Cossu, amministratore delegato di Portale Sardegna, «le due aziende per percorsi diversi maturati nel corso del tempo presentano una complementarietà che di fatto rende questa fusione un matrimonio perfetto in grado di creare benefici per tutti gli stakeholder a partire dai nostri azionisti». La stipula dell’atto di fusione, essendosi verificate tutte le condizioni necessarie al proseguimento dell’operazione, è prevista entro la prima metà del mese di giugno 2023, previo decorso del termine per l’opposizione da parte dei creditori sociali delle due società, ed è subordinata all’approvazione del progetto comune di fusione da parte delle rispettive Assemblee dei soci, previste indicativamente entro il mese di marzo 2023. A seguito del perfezionamento dell’operazione, quindi, il capitale sociale di Destination Italia, come risultante dalla fusione, sarà detenuto per circa il 75% dagli attuali azionisti di Destination Italia e per circa il 25% dagli attuali azionisti di Portale Sardegna, fatto salvo quanto riportato al successivo punto. Gli attuali soci di Portale Sardegna Massimiliano Cossu, Marco Demurtas, Acacia Travel Holding e Flexagon contestualmente alla stipula dell’atto di fusione, si obbligheranno a sottoscrivere un accordo di lock-up avente ad oggetto il 90% delle azioni di Destination Italia che saranno assegnate ai medesimi per effetto del perfezionamento dell’Operazione. Tale impegno sarà valido sino alla data dell’Assemblea dei soci di Destination Italia, quale società risultante dall’Operazione, chiamata a deliberare sul bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2025. [post_title] => Destination Italia-Portale Sardegna: i cda approvano la fusione [post_date] => 2023-01-31T11:58:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675166291000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438323 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quest’anno fra le grandi novità dell’offerta del Gruppo Travel trova un posto preminente il Travel Open Village Party, che si svolgerà nella serata del 13 febbraio alla Maison Milano. L’evento avrà come partner I Grandi Viaggi, la Repubblica Dominicana ed ETOA, l’associazione europea dei tour operator, che ha 1100 membri e fa un lavoro di forte presenza e di supporto all’interno delle istituzioni europee. L’idea di fondo di questo aggancio con il mondo dell’entertainment, nasce dalla volontà di dare anche una forma di leggerezza al lavoro dell’agente di viaggio e perché no?, anche al nostro e a quello di tutti i partner della serata.. Ed è proprio per l’adv che nasce l’idea del party. Per consentire loro di continuare a fare networking, di lavorare con i partner della serata, anche in un clima disteso e divertente. Da segnalare infine che per ETOA sarà presente il segretario generale, Tim Fairhurst e Danja Nebuloni, country representative Italy. [post_title] => Travel Open Village Party: alla Maison Milano il 13 febbraio [post_date] => 2023-01-31T11:13:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675163591000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438292 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli aeroporti italiani hanno centrato una ripresa importante nel 2022, con 164,6 milioni di passeggeri, pari all'85% del dato 2019 e più del doppio rispetto al 2021, anno ancora segnato della pandemia e dalle restrizioni alla circolazione. A trainare la ripresa del traffico aereo, come si evince dall'analisi di Assaeroporti, sono stati gli aeroporti medi e piccoli, molti dei quali hanno messo a segno performance eccellenti, superando i livelli del 2019. Tra questi spiccano gli scali di Milano Linate, Bari, Palermo e Napoli per la fascia tra i 5 e i 15 milioni di passeggeri; gli aeroporti di Brindisi, Alghero, Olbia e Torino per la categoria tra 1 e 5 milioni di passeggeri; gli scali di Foggia, Bolzano, Trapani, Grosseto, Cuneo, Perugia, Parma, Taranto, Lampedusa, Comiso, Pescara e Crotone per la classe con meno di 1 milione di passeggeri annui. Proprio il dettaglio dei piccoli scali, con meno di un milione di passeggeri, mostra un vero e proprio boom di traffico: +1.721% per Foggia; + 513,9% per Bolzano; + 116,7 per Trapani; +81,6% per Grosseto e +73,4% per Cuneo. A livello geografico, il 2022 ha premiato gli aeroporti del Sud Italia: oltre a Milano Linate, infatti, Palermo, Bari e Napoli sono gli unici tra i dieci aeroporti di maggiori dimensioni in Italia ad aver registrato un incremento rispetto al 2019. Bari ha segnato una crescita dell'11,9%, con 6,205 milioni di passeggeri; Palermo ha registrato un aumento dell'1,4%, a quota 7,117 milioni. Milano Linate ha avuto un'impennata del 17,5%, a quota 7,719 milioni. La top ten 2022 è dunque la seguente: Roma Fiumicino con 29.360.613, Milano Malpensa con 21.347.652, Milano Bergamo con 13.155.806, Napoli con 10.918.234, Catania con 10.099.441, Venezia con 9.319.156, Bologna con 8.496.000, Milano Linate con 7.719.977, Palermo con 7.117.822 e Bari con 6.205.461. Gli aeroporti con un traffico superiore ai 15 milioni di passeggeri sono caratterizzati da tassi di incremento meno marcati, penalizzati dal recupero più tardivo del lungo raggio: "Il divario sul 2019 - spiega la nota di Assaeroporti - è attribuibile principalmente al segmento intercontinentale che, dopo due anni di pandemia, ha ricominciato a crescere in maniera strutturale solo a partire dai mesi estivi del 2022”. Il recupero del traffico durante il 2022, rispetto ai 193 milioni di passeggeri pre-Covid, è stato progressivo: il gap si è ridotto passando dal -39% del primo trimestre al -12% del secondo, fino al record dei mesi estivi, -7%, seguito dal -9% degli ultimi tre mesi dell'anno. [post_title] => Aeroporti italiani: traffico raddoppiato nel 2022. Exploit dei piccoli scali [post_date] => 2023-01-31T09:48:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675158480000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438242 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La piattaforma Adv Overview, lanciata lo scorso luglio 2022, è nata con lo scopo di diventare la base anagrafica di Astoi.  I soci Astoi, infatti, hanno conferito formale mandato all’Associazione per raccogliere, in nome e per conto degli stessi, informazioni sul possesso dei requisiti per svolgere l’attività di agenzia di viaggio. Il conferimento di tale mandato ad Astoi, attribuisce all’Associazione la legittimità a reperire le informazioni nel pieno rispetto delle norme e ciò lo si evidenzia anche in risposta ad alcune affermazioni, prive di fondamento, sulla presunta mancanza di titolarità dell’Associazione stessa. Si tratta quindi di un’attività demandata dai tour operator soci ad Astoi, allo scopo di ottenere 2 vantaggi fondamentali: per le agenzie di viaggio, la possibilità di inviare ad un unico interlocutore -  in modo semplice e intuitivo - le suddette informazioni, anziché doverle trasmettere singolarmente a ciascun associato. Per i to, la certezza di poter distribuire il proprio prodotto solo attraverso realtà in linea con i requisiti di legge, semplificando tutte le procedure di raccolta interna di questi documenti. Il meccanismo, come detto, è molto semplice: una volta che l’agenzia si sia iscritta sulla piattaforma all’indirizzo https://area-agenzie.astoi.com/signup/ ed abbia caricato quanto richiesto - ovvero autorizzazione amministrativa, polizza RC e copertura per fallimento e insolvenza - i documenti vengono sottoposti a verifica e, qualora gli stessi risultino formalmente corretti, l’Agenzia ottiene lo status di “Compliant”. Ovviamente, alla scadenza di uno dei documenti (es. polizza RC o copertura fallimento e insolvenza), sarà necessario aggiornare nuovamente il documento e rinnovare lo status di Compliant. Va inoltre precisato che tale status dipende solo dalla correttezza di questi 3 documenti e non da altre informazioni, che possono essere inserite facoltativamente nella piattaforma a fini statistici, come ad esempio l’adesione a un Network o ad una determinata Associazione. Per quanto riguarda i to, tali informazioni vengono rese pubbliche nella scheda tecnica delle Condizioni Generali di Contratto presenti sui siti e nei cataloghi. L’importanza di uno strumento come Adv Overview, che consente di reperire elementi imprescindibili per la scelta di partner commerciali che dispongano di tutti i requisiti di legge per operare, è testimoniata dal fatto che i Tour Operator aderenti al progetto hanno provveduto - o provvederanno - ad inserire nei contratti stipulati con la propria rete di Agenzie di Viaggio una clausola che preveda l’iscrizione e la Compliance ottenuta sulla piattaforma Adv Overview. Gli associati Astoi metteranno inoltre in campo specifiche azioni di comunicazione a supporto del progetto.  Al fine di far comprendere in modo più puntale ed esaustivo scopi, meccanismi e funzionalità della piattaforma, è stato previsto un “Info point Adv Overview” all’interno del “Villaggio Astoi” in Bit e in Bmt e, nel mese di febbraio, sono stati organizzati  in collaborazione con i principali Network  - Welcome Travel Group, Uvet Travel System, Blunet, Gattinoni - una serie di webinar dedicati alle agenzie di viaggio, nel corso dei quali le stesse potranno avere evidenza del valore del progetto e della facilità di utilizzo della piattaforma, diventando così parte attiva di un meccanismo virtuoso che ha il solo scopo di tutelare consumatori ed operatori del settore. Si tratta quindi dell’avvio di un percorso che si protrarrà nel tempo e che prevede il coinvolgimento anche di altre realtà - come ad esempio altri player della distribuzione, associazioni, etc. - oltre a quelle la cui collaborazione è stata già definita.   [post_title] => Astoi/Adv Overview: info point alla Bit e alla Bmt [post_date] => 2023-01-30T13:34:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675085683000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "federturismo seguiamo la francia le clausole parity rate" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":55,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":591,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438705","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Le prospettive sono rosee e la voglia di viaggiare continua a crescere\". Domenico Staffelli, responsabile vendite di Gb Viaggi, commenta così questo inizio di 2023 per il to capitolino: \"In questi primi due mesi dell'anno abbiamo registrato un incremento del 31,74% delle prenotazioni rispetto allo stesso periodo del 2022. Il mare Italia  si riconferma in particolare la meta più gettonata per l’estate, in quanto riesce a soddisfare il desiderio dei viaggiatori, che non devono far fronte a un eccessivo aumento dei prezzi\".\r\n\r\nDati importanti, che aumentano le aspirazioni aziendali alzando l’asticella a 40 milioni di euro di fatturato per il 2023. Traguardo ambizioso, che mira di fatto a raddoppiare l'ammontare complessivo delle vendite rispetto allo scorso anno. Per raggiungere quest’importante proposito, Gb Viaggi ha quindi messo in campo una serie di novità, con un ampliamento della sfera prodotto che prevede oltre al portfolio mare Italia, anche l'apertura del settore tour e crociere, inclusi pacchetti di volo + hotel verso le principali destinazioni del mondo.\r\n\r\nTra le mete estere più apprezzate, ecco allora oltre all’Egitto anche Paesi a lungo raggio come le Maldive o Zanzibar. «La programmazione 2023 si mantiene in continuità con quella dello scorso anno, con alcune novità di prodotto con l’ingresso dei tour, che si sta già rivelando un successo, e la prossima apertura anche al mercato delle crociere – conclude il Staffelli –. Inoltre abbiamo riconfermato in toto la politica commerciale del 2022, che prevede una serie di vantaggi e promozioni come il Prima prenoti e più risparmi tanto apprezzato dagli utenti che possono approfittare di sconti fino al 25% sul prezzo di listino ufficiale, oltre che tutto il panorama di offerte, dai Bimbi gratis all’assicurazione inclusa, fino a organizzare delle vacanze flessibili con la possibilità di modificare gratuitamente e senza penali le date del soggiorno o all’opportunità di pagare la vacanza a rate a partire da 49 euro al mese».","post_title":"Gb Viaggi: nuovi prodotti tour e crociere. E nel 2023 l'obiettivo è il raddoppio del fatturato","post_date":"2023-02-06T09:46:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675676799000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438367","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438368\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Neal McMahon[/caption]\r\n\r\nRyanair ha chiesto ancora una volta alla Commissione europea di agire immediatamente per proteggere i sorvoli durante l'ennesimo sciopero dei controllori del traffico aereo francese che si terrà dalle 17 del 30 gennaio alle 06 del 1° febbraio, come già avvenuto in Grecia e in Italia, e per evitare inutili disagi ai piani di viaggio dei cittadini europei provenienti da Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna e Regno Unito.\r\nSecondo Ryanair \"La Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen ha ripetutamente fallito nel proteggere il mercato unico europeo dei viaggi aerei, consentendo che i voli che sorvolano la Francia venissero dirottati di volta in volta dai piccoli sindacati francesi dei controllori di volo, i quali chiudono i cieli sopra la Francia per i passeggeri dell'Ue che viaggiano da/verso Paesi al di fuori della Francia, mentre proteggono i voli dei cittadini francesi e i voli nazionali francesi.\r\nCentinaia di migliaia di passeggeri delle compagnie aeree hanno subito ritardi l'estate scorsa a causa degli scioperi dell'ATC francese, un problema che potrebbe essere facilmente risolto con l'intervento della Commissione europea per proteggere i sorvoli quando l'ATC dei singoli Stati membri sciopera, come già accade in Grecia e in Italia, e impedire che gli inutili disagi per i passeggeri dell'UE dell'estate scorsa si ripetano nell'estate 2023\".\r\n«È inspiegabile che la Commissione europea continui a starsene con le mani in mano e a ignorare l'impatto diffuso che questi scioperi degli ATC francesi hanno sui passeggeri dell'Ue che non viaggiano nemmeno da/per la Francia, mentre il governo francese utilizza la sua politica di servizi minimi per proteggere i voli nazionali francesi per i cittadini francesi - ha commentato Neal McMahon, director of operation di Ryanair.\r\n\r\nRyanair invita ancora una volta la Commissione Europea guidata da Ursula Von Der Leyen ad agire immediatamente per proteggere i cittadini europei che viaggiano da Irlanda, Italia, Spagna, Portogallo e Regno Unito, i cui piani di viaggio saranno inutilmente interrotti oggi (31 gennaio) a causa della ripetuta inazione della Commissione Europea per proteggere i sorvoli quando i controllori del traffico aereo francesi scioperano».\r\nRyanair ha confermato di essere stata costretta a cancellare un piccolo numero di voli da/per la Francia oggi (31 gennaio) a causa di questo sciopero ingiustificato degli ATC e consiglia ai passeggeri che viaggiano da/per la Francia in questo periodo di controllare il sito web o l'app di Ryanair per gli aggiornamenti sullo stato dei voli prima di recarsi in aeroporto.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ryanair: l'Ue intervenga per proteggere i sorvoli sui cieli francesi","post_date":"2023-02-01T10:05:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675245918000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438393","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Notizie da Ita Airways. Il brand Alitalia potrebbe tornare a volare: una volta siglato l'ingresso di Lufthansa nella compagine del vettore italiano, una volta avviato il piano di rilancio e quando finalmente Ita inizierà a fare utili. Il ritorno del marchio storico sarebbe in effetti nel piano che sta prendendo forma e verrebbe riservato ai soli voli intercontinentali della compagnia aerea, che manterrebbe quindi la livrea azzurra sui collegamenti domestici ed europei. \r\nL'indiscrezione - nulla è stato ancora deciso - viene riportata oggi da Il Corriere della Sera, a seguito dell'incontro che si è svolto ieri tra i sindacati e l'ad di Ita Airways Fabio Lazzerini: incontro che vede rimanere in stallo la vertenza sull'aumento delle retribuzioni dei dipendenti del vettore. La compagnia aerea, in realtà, ammette che un cambiamento sarebbe necessario, ma spiega però che serviranno dei \"passaggi interni\" - anche con l'azionista unico, il ministero dell'Economia - per decidere quando concedere i ritocchi salariali e in quale misura.\r\nContratto preliminare\r\nLa tabella di marcia della trattativa in esclusiva con i tedeschi avviata lo scorso 27 gennaio, punterebbe alla metà di marzo per la sigla del contratto preliminare tra il Mef e Lufthansa: spetterà poi all’Antitrust europeo dare il via libera in un arco di tempo di almeno 40 giorni se nessun altro soggetto presenterà obiezioni. Qualora ci fossero richieste di revisione da parte dei competitor la tempistica potrebbe allungarsi di qualche mese, per arrivare al closing non prima di fine luglio, inizio agosto.","post_title":"Ita Airways: il brand Alitalia potrebbe tornare a volare, sul lungo raggio","post_date":"2023-02-01T09:59:11+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1675245551000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438359","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438360\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Leonardo Marras[/caption]\r\n\r\nVentotto progetti, uno ciascuno per gli ambiti turistici omogenei della Toscana, per dare impulso e rilanciare il turismo toscano. Sono quelli elaborati dagli ambiti stessi a seguito del bando aperto nella primavera 2022 e per il quale sono stati messi a disposizione cinque milioni di euro. Oggi la presentazione, avvenuta nel corso di un incontro tra l’assessore al turismo Leonardo Marras ed i rappresentanti dei ventotto ambiti.\r\n\r\nLa cifra messa a disposizione dei territori serve per promuovere e valorizzare le proprie specificità, per finanziare eventi e manifestazioni, per consentire loro di fare investimenti destinati ad ampliare l’offerta turistica e migliorare la capacità di accoglienza.\r\n\r\n“Il fatto che molti progetti hanno punti in comune – ha detto Marras - significa che in Toscana stiamo costruendo un sistema turistico. Un processo innovativo che presuppone conoscenza di ciò che fanno gli altri e collaborazione. Condividere tutti i progetti è importantissimo perché mette ancor più in evidenza questo sistema orizzontale e stimola la creazione di un patrimonio comune di competenze. L’incontro – ha concluso l’assessore - è servito per conoscere i progetti, ma anche per coordinare le proposte con le strategie regionali che vogliamo realizzare insieme a Toscana Promozione Turistica e farci trovare pronti, tra 18 mesi, ad affrontare nuovi scenari”.\r\n\r\nRicordiamo che scopo dell’organizzazione in ventotto ambiti turistici omogenei, avvenuta nel 2018 con una modifica al Testo Unico in materia di Turismo, è l'esercizio associato delle funzioni di informazione e accoglienza a livello sovra-comunale puntando sulle specificità dei territori stessi. Il bando emanato nell’aprile 2022 prevedeva una distribuzione dei 5 milioni per metà in quota fissa e per il resto tenendo conto delle presenze registrate sul territorio nel 2019 (prima dunque della pandemia), con il confinanziamento di almeno il 30 per cento dei costi ammissibili dell’intervento. Tutti i progetti riguardano promozione, informazione turistica, ospitalità ed animazione. Gli ambiti hanno adesso 18 mesi di tempo per attuare le proposte.","post_title":"Toscana: ecco i 28 progetti per rilanciare il turismo della regione","post_date":"2023-02-01T09:30:49+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675243849000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438373","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un portale aggiornato, ancora più ricco di immagini e video, per iniziare l'anno italiano di Avalon Waterways, che inaugura il 2023 del mercato tricolore puntando su un concept slow tourism, supportato da incentivi e policy ad hoc dedicate alla catena distributiva nazionale.\r\n\r\n“Con il nostro prodotto di itinerari su Reno, Danubio e Mosella, nonché sui canali tra Olanda e Belgio, intendiamo rispondere a un’esigenza che, via via, è andata affiorando in questo ultimo anno, soprattutto a seguito di quanto abbiamo vissuto con la pandemia. Ovvero la voglia di ritmi più lenti, di assaporare appieno quanto si sta vivendo, di un luogo cui abbandonarsi perché sono gli altri a prendersi cura di noi. Ecco, una crociera fluviale con noi è tutto questo – spiega Barbara Baldini, product manager and sales European markets di Avalon Waterways –: un calmo fluire di piaceri alla scoperta degli angoli più affascinanti d’Europa. La nostra parola d’ordine è relax: tutto scorre lentamente per permettere ai nostri ospiti di vivere intensamente ogni momento”.\r\n\r\nDal punto di vista commerciale, è quindi già partita la campagna Early booking, che prevede uno sconto di 750 euro a persona su tutte le partenze 2023, prenotando entro il prossimo 31 marzo. “E’ importante che gli agenti sappiano che avremo cinque partenze tra Reno e Danubio tutte in lingua italiana (sul Reno: 10 giugno, 08 luglio, 05 agosto, mentre sul Danubio 15 agosto e 30 ottobre). A queste se ne aggiungono altre 15, che sono un mix italiano/inglese\", sottolinea sempre Barbara Baldini.\r\n\r\nMa crescono anche i numeri di chi viaggia da solo e, a questo proposito, Avalon Waterways in Italia ha deciso di ridurre al 30% il supplemento singola, al contempo rilanciando una politica gruppi ben precisa. \"Si tratta – conclude Barbara Baldini – della 20-20-20: commissione al 20%, ogni 20 paganti il 21esimo è free; infine, supplemento singola al 20% se l’individuale è parte del gruppo. In questa maniera, da un lato, agevoliamo le vendite individuali, offrendo un prezzo adeguato a chi sta in cabina da solo e, dall’altro, proponiamo le nostre crociere anche a piccoli gruppi incentive, al business travel o a gruppi familiari estesi”.","post_title":"Avalon Waterways: concept slow tourism per conquistare il mercato italiano","post_date":"2023-02-01T09:25:53+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675243553000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438328","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_437301\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dina Ravera[/caption]\r\n\r\nDestination Italia, leader nel turismo incoming esperienziale nel segmento Luxury B2B, e Portale Sardegna, specializzata nel settore incoming turistico nella destinazione Sardegna ed anche Puglia, Sicilia e resto d’Italia, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, annunciano che i rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L’operazione è stata approvata in esecuzione dell’accordo vincolante sottoscritto dalle parti in data 25 novembre 2022.\r\n\r\nL’obiettivo dell’operazione è quello di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C con i principali big player in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala, la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà.\r\n\r\nDa un punto di vista del mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross-selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (tour operator internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. Da un punto di vista tecnologico, il portafoglio delle due società è fortemente sinergico.\r\n\r\nDa parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentiranno di intermediare e gestire prenotazioni massive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle migliaia di fornitori di servizi turistici sul territorio italiano. Con l’operazione, Portale Sardegna apporterà tecnologie e competenze complementari al patrimonio tecnologico di Destination Italia.\r\n\r\nDina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia, ha ricordato che la business combinatio è «un’idea nata circa un anno fa con due obiettivi primari; da un lato offrire una soluzione al problema della frammentazione del mercato degli operatori turistici, dall’altro far crescere il turismo verso il nostro Paese forti di una struttura e di una dimensione in grado di affrontare i mercati internazionali ed i grandi player di settore operanti worldwide».\r\n\r\nPer Massimiliano Cossu, amministratore delegato di Portale Sardegna, «le due aziende per percorsi diversi maturati nel corso del tempo presentano una complementarietà che di fatto rende questa fusione un matrimonio perfetto in grado di creare benefici per tutti gli stakeholder a partire dai nostri azionisti».\r\n\r\nLa stipula dell’atto di fusione, essendosi verificate tutte le condizioni necessarie al proseguimento dell’operazione, è prevista entro la prima metà del mese di giugno 2023, previo decorso del termine per l’opposizione da parte dei creditori sociali delle due società, ed è subordinata all’approvazione del progetto comune di fusione da parte delle rispettive Assemblee dei soci, previste indicativamente entro il mese di marzo 2023.\r\n\r\nA seguito del perfezionamento dell’operazione, quindi, il capitale sociale di Destination Italia, come risultante dalla fusione, sarà detenuto per circa il 75% dagli attuali azionisti di Destination Italia e per circa il 25% dagli attuali azionisti di Portale Sardegna, fatto salvo quanto riportato al successivo punto.\r\n\r\nGli attuali soci di Portale Sardegna Massimiliano Cossu, Marco Demurtas, Acacia Travel Holding e Flexagon contestualmente alla stipula dell’atto di fusione, si obbligheranno a sottoscrivere un accordo di lock-up avente ad oggetto il 90% delle azioni di Destination Italia che saranno assegnate ai medesimi per effetto del perfezionamento dell’Operazione. Tale impegno sarà valido sino alla data dell’Assemblea dei soci di Destination Italia, quale società risultante dall’Operazione, chiamata a deliberare sul bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2025.","post_title":"Destination Italia-Portale Sardegna: i cda approvano la fusione","post_date":"2023-01-31T11:58:11+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1675166291000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438323","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quest’anno fra le grandi novità dell’offerta del Gruppo Travel trova un posto preminente il Travel Open Village Party, che si svolgerà nella serata del 13 febbraio alla Maison Milano. L’evento avrà come partner I Grandi Viaggi, la Repubblica Dominicana ed ETOA, l’associazione europea dei tour operator, che ha 1100 membri e fa un lavoro di forte presenza e di supporto all’interno delle istituzioni europee.\r\n\r\nL’idea di fondo di questo aggancio con il mondo dell’entertainment, nasce dalla volontà di dare anche una forma di leggerezza al lavoro dell’agente di viaggio e perché no?, anche al nostro e a quello di tutti i partner della serata..\r\n\r\nEd è proprio per l’adv che nasce l’idea del party. Per consentire loro di continuare a fare networking, di lavorare con i partner della serata, anche in un clima disteso e divertente.\r\n\r\n\r\n\r\nDa segnalare infine che per ETOA sarà presente il segretario generale, Tim Fairhurst e Danja Nebuloni, country representative Italy.","post_title":"Travel Open Village Party: alla Maison Milano il 13 febbraio","post_date":"2023-01-31T11:13:11+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1675163591000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438292","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli aeroporti italiani hanno centrato una ripresa importante nel 2022, con 164,6 milioni di passeggeri, pari all'85% del dato 2019 e più del doppio rispetto al 2021, anno ancora segnato della pandemia e dalle restrizioni alla circolazione.\r\n\r\nA trainare la ripresa del traffico aereo, come si evince dall'analisi di Assaeroporti, sono stati gli aeroporti medi e piccoli, molti dei quali hanno messo a segno performance eccellenti, superando i livelli del 2019. Tra questi spiccano gli scali di Milano Linate, Bari, Palermo e Napoli per la fascia tra i 5 e i 15 milioni di passeggeri; gli aeroporti di Brindisi, Alghero, Olbia e Torino per la categoria tra 1 e 5 milioni di passeggeri; gli scali di Foggia, Bolzano, Trapani, Grosseto, Cuneo, Perugia, Parma, Taranto, Lampedusa, Comiso, Pescara e Crotone per la classe con meno di 1 milione di passeggeri annui.\r\n\r\nProprio il dettaglio dei piccoli scali, con meno di un milione di passeggeri, mostra un vero e proprio boom di traffico: +1.721% per Foggia; + 513,9% per Bolzano; + 116,7 per Trapani; +81,6% per Grosseto e +73,4% per Cuneo.\r\n\r\nA livello geografico, il 2022 ha premiato gli aeroporti del Sud Italia: oltre a Milano Linate, infatti, Palermo, Bari e Napoli sono gli unici tra i dieci aeroporti di maggiori dimensioni in Italia ad aver registrato un incremento rispetto al 2019. Bari ha segnato una crescita dell'11,9%, con 6,205 milioni di passeggeri; Palermo ha registrato un aumento dell'1,4%, a quota 7,117 milioni. Milano Linate ha avuto un'impennata del 17,5%, a quota 7,719 milioni.\r\n\r\nLa top ten 2022 è dunque la seguente: Roma Fiumicino con 29.360.613, Milano Malpensa con 21.347.652, Milano Bergamo con 13.155.806, Napoli con 10.918.234, Catania con 10.099.441, Venezia con 9.319.156, Bologna con 8.496.000, Milano Linate con 7.719.977, Palermo con 7.117.822 e Bari con 6.205.461.\r\n\r\nGli aeroporti con un traffico superiore ai 15 milioni di passeggeri sono caratterizzati da tassi di incremento meno marcati, penalizzati dal recupero più tardivo del lungo raggio: \"Il divario sul 2019 - spiega la nota di Assaeroporti - è attribuibile principalmente al segmento intercontinentale che, dopo due anni di pandemia, ha ricominciato a crescere in maniera strutturale solo a partire dai mesi estivi del 2022”.\r\n\r\nIl recupero del traffico durante il 2022, rispetto ai 193 milioni di passeggeri pre-Covid, è stato progressivo: il gap si è ridotto passando dal -39% del primo trimestre al -12% del secondo, fino al record dei mesi estivi, -7%, seguito dal -9% degli ultimi tre mesi dell'anno.","post_title":"Aeroporti italiani: traffico raddoppiato nel 2022. Exploit dei piccoli scali","post_date":"2023-01-31T09:48:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675158480000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438242","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La piattaforma Adv Overview, lanciata lo scorso luglio 2022, è nata con lo scopo di diventare la base anagrafica di Astoi.  I soci Astoi, infatti, hanno conferito formale mandato all’Associazione per raccogliere, in nome e per conto degli stessi, informazioni sul possesso dei requisiti per svolgere l’attività di agenzia di viaggio. Il conferimento di tale mandato ad Astoi, attribuisce all’Associazione la legittimità a reperire le informazioni nel pieno rispetto delle norme e ciò lo si evidenzia anche in risposta ad alcune affermazioni, prive di fondamento, sulla presunta mancanza di titolarità dell’Associazione stessa.\r\n\r\nSi tratta quindi di un’attività demandata dai tour operator soci ad Astoi, allo scopo di ottenere 2 vantaggi fondamentali: per le agenzie di viaggio, la possibilità di inviare ad un unico interlocutore -  in modo semplice e intuitivo - le suddette informazioni, anziché doverle trasmettere singolarmente a ciascun associato. Per i to, la certezza di poter distribuire il proprio prodotto solo attraverso realtà in linea con i requisiti di legge, semplificando tutte le procedure di raccolta interna di questi documenti.\r\n\r\nIl meccanismo, come detto, è molto semplice: una volta che l’agenzia si sia iscritta sulla piattaforma all’indirizzo https://area-agenzie.astoi.com/signup/ ed abbia caricato quanto richiesto - ovvero autorizzazione amministrativa, polizza RC e copertura per fallimento e insolvenza - i documenti vengono sottoposti a verifica e, qualora gli stessi risultino formalmente corretti, l’Agenzia ottiene lo status di “Compliant”.\r\n\r\nOvviamente, alla scadenza di uno dei documenti (es. polizza RC o copertura fallimento e insolvenza), sarà necessario aggiornare nuovamente il documento e rinnovare lo status di Compliant. Va inoltre precisato che tale status dipende solo dalla correttezza di questi 3 documenti e non da altre informazioni, che possono essere inserite facoltativamente nella piattaforma a fini statistici, come ad esempio l’adesione a un Network o ad una determinata Associazione.\r\n\r\nPer quanto riguarda i to, tali informazioni vengono rese pubbliche nella scheda tecnica delle Condizioni Generali di Contratto presenti sui siti e nei cataloghi. L’importanza di uno strumento come Adv Overview, che consente di reperire elementi imprescindibili per la scelta di partner commerciali che dispongano di tutti i requisiti di legge per operare, è testimoniata dal fatto che i Tour Operator aderenti al progetto hanno provveduto - o provvederanno - ad inserire nei contratti stipulati con la propria rete di Agenzie di Viaggio una clausola che preveda l’iscrizione e la Compliance ottenuta sulla piattaforma Adv Overview.\r\n\r\nGli associati Astoi metteranno inoltre in campo specifiche azioni di comunicazione a supporto del progetto.\r\n\r\n Al fine di far comprendere in modo più puntale ed esaustivo scopi, meccanismi e funzionalità della piattaforma, è stato previsto un “Info point Adv Overview” all’interno del “Villaggio Astoi” in Bit e in Bmt e, nel mese di febbraio, sono stati organizzati  in collaborazione con i principali Network  - Welcome Travel Group, Uvet Travel System, Blunet, Gattinoni - una serie di webinar dedicati alle agenzie di viaggio, nel corso dei quali le stesse potranno avere evidenza del valore del progetto e della facilità di utilizzo della piattaforma, diventando così parte attiva di un meccanismo virtuoso che ha il solo scopo di tutelare consumatori ed operatori del settore. Si tratta quindi dell’avvio di un percorso che si protrarrà nel tempo e che prevede il coinvolgimento anche di altre realtà - come ad esempio altri player della distribuzione, associazioni, etc. - oltre a quelle la cui collaborazione è stata già definita.\r\n\r\n ","post_title":"Astoi/Adv Overview: info point alla Bit e alla Bmt","post_date":"2023-01-30T13:34:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675085683000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti