9 December 2022

Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano

[ 0 ]

Francesco Calia

Rimane forte l’interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell’ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l’esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena.

Lusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda

E’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%.

Tariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale 

A livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%).

Oltre alle grandi città bene anche il segmento resort

“In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese – commenta l’head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.”




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435555 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha recentemente aperto a Roma l'Umiltà 36, dopo un importante intervento a cura dell’interior contractor valtellinese Concreta, che ha realizzato l'arredo delle 47 chiavi della struttura distribuite su quattro piani tra camere e suite, a cui si aggiungono due piani di appartamenti con metrature importanti, tutte diverse tra loro. La proprietà si colloca all'interno di un palazzo storico che aveva precedentemente ospitato uffici direzionali e spazi commerciali e che rivela il suo tratto elegante fin dall'ingresso, dove un portone in legno si apre in un alto androne con volta a botte. La direzione dei lavori è stata affidata allo studio CaberlonCaroppi, che ha progettato il concept, disegnato gli interni e coadiuvato gli interventi strutturali, proponendo un ritorno al progetto originale dello stabile, enfatizzando maggiormente le altezze e ripristinando la doppia altezza del piano che negli anni, attraverso le varie destinazioni d’uso, era stata ribassata in un piano ammezzato. L'offerta dell'Umiltà 36 è completata dal Dandy Cafè, The Unexpected Place in Rome, mentre all'ultimo piano, la terrazza Flores panoramica con affaccio sul Quirinale e sul Vittoriano è pensata per ospitare il ristorante all'aperto in versione lounge e cocktail bar. Parte del piano terra è infine stato destinato al ristorante El Porteño Gourmet di ispirazione argentina e gestito dagli ideatori del Porteño di Milano. Aperto a settembre 2022, con i suoi 120 posti a sedere accoglie gli ospiti sette giorni su sette, a pranzo e a cena. Umiltà 36 fa parte della Shedir Collection, controllata da Eduardo Safdie, che è anche socio del gruppo alberghiero fiorentino JK Place. Al momento gestisce quattro strutture, due di proprietà (il Maalot di Roma e il Capri Tiberio Palace) e altrettante in affitto (il Vilòn e lo stesso Umiltà 36, entrambi situati nella città Eterna). Un'ulteriore apertura capitolina è attesa per il prossimo aprile, quando è in calendario l'inaugurazione di Palazzo Roma. Stando a quanto dichiarato dal ceo della compagnia, Claudio Ceccherelli, a Pambianco Hotellerie, la Shedir Collection dovrebbe chiudere l'anno con un fatturato di 28 milioni di euro. [post_title] => Concreta e CaberlonCaroppi a monte del progetto capitolino Umiltà 36 della Shedir Collection [post_date] => 2022-12-09T13:40:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670593251000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435610 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435611" align="alignleft" width="300"] L'amministratore delegato dell'Enit, Ivana Jelinic[/caption] In un’intervista all’Ansa, il neo amministratore delegato dell’Enit, Ivana Jelinic, spiega quali saranno le sue prossime mosse per far sì che il turismo italiano acceleri nella sua funzione di traino dell’economia. Il lavoro che l’aspetta all’Enit è duro e senza sosta e Jelinic ha già iniziato non perdendo un minuto: «Il primo passo è la riorganizzazione. Al netto degli errori del passato, che non spetta a me giudicare, sicuramente un approccio metodologico differente al lavoro corporate e all’attività di promozione dell’incoming consente di ottenere risultati che prima non sono stati così evidenti. Fare della valorizzazione del brand Italia un’impresa vera e propria che sia di supporto alla società e all’economia. Accelerare l’operatività e liberare il potenziale della Penisola anche ricorrendo a nuovi linguaggi comunicativi e promozionali per portare il brand Italia e l’Italia ad un livello di accoglienza sempre più performante. È fondamentale applicare una strategia lineare e armonizzata all’ospitalità». L’altra mossa determinante secondo Jelinic sarà coinvolgere sempre di più le imprese, anche le più piccole, che finora sono state meno considerate dalle politiche programmatiche del turismo. «Quando si parla di Sistema Italia – fa notare – si parla di un sistema che è ancora incompleto e che bisogna implementare e integrare, coinvolgendo sempre di più per invitare soggetti e operatori del comparto a entrare realmente a farne parte». Molte le preoccupazioni e le cose da cambiare: «Mi preoccupano il tessuto imprenditoriale in primis, ma anche il futuro dei lavoratori del settore e degli operatori e la qualità delle performance e dell’offerta turistica. Mi preoccupano le imprese che sono state ferite da due anni di pandemia, così come la necessità di fare davvero rete e di allineare il settore a nuovi trend di mercato senza lasciare indietro nessuno e senza permettere che competitor internazionali ci superino in offerta turistica». Secondo Jelinic poi le performance dell’Italia possono migliorare solo uscendo dai confini, «non solo esportando l’Italia e facendola conoscere meglio – chiarisce – ma anche non arroccandosi dietro la straordinarietà delle meraviglie che le appartengono e lasciandole al corso degli eventi e delle scelte turistiche, ma imparando anche ad emulare i competitor in capacità di programmazione, di commercializzazione del brand, di promozione dell’offerta». Tra i Paesi da cui prendere spunti o esempi, l’ad di Enit pensa alla Spagna che è il nostro principale competitor ed è partita in vantaggio: «Quando in Italia non ci si era strutturati ancora con un ministero dedicato al settore, la Spagna – spiega – operava già con una programmazione e con istituzioni operanti all’unisono. Anche la Croazia ha saputo crescere in tempi rapidi creando un sistema di promozione efficiente e di raccolta dati aggiornato in tempo reale». [post_title] => Ivana Jelinic (ad Enit): «Il primo passo è riorganizzare» [post_date] => 2022-12-09T07:23:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670570617000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto. A supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons. L'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori "top di gamma" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting). Per i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights. Nei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana. Il settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili. Con un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani. “Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%". Nel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%.  Tradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic. “Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi   [post_title] => I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022 [post_date] => 2022-12-07T10:49:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670410167000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel. In particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%. Il capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro. Per quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia. Lo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli. Un’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità. Sono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale. È questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta. [post_title] => Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping [post_date] => 2022-12-07T10:30:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409034000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435503 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre. "È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire verso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il turismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per stimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più recenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro. "Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore efficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto". [post_title] => Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente [post_date] => 2022-12-06T11:46:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670327169000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435434 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435435" align="alignleft" width="200"] Andrea Moscardini[/caption] Sono in corso in queste settimane gli appuntamenti del percorso formativo “WeTraining crm” e “TRAINING 4you” dedicato a oltre 1.200 agenti di viaggio, equamente distribuiti tra Welcome Travel e Geo Travel Network, per approfondire la conoscenza del nuovo crm, cuore pulsante delle due piattaforme  WE hub e Geo space, uno strumento di lavoro ormai  imprescindibile per profilare e fidelizzare il cliente finale. 96 le sessioni di lavoro previste in totale, ognuna composta da piccoli gruppi di lavoro di massimo 12 agenti di viaggio proprio per rendere gli incontri totalmente interattivi e dare la possibilità a tutti di testare in tempo reale le funzionalità e le potenzialità dei portali. La formazione viene effettuata direttamente dai 16 Network Manager coordinati da 2 responsabili di Area e dalla direzione del Network. «In questo momento, è più che mai importante investire sulla formazione degli Agenti per dare loro ancora più valore, professionalità e strumenti di lavoro adatti alle nuove dinamiche commerciali, di vendita e di comunicazione di un prodotto che in questi ultimi due anni è notevolmente cambiato – dichiara Andrea Moscardini, direttore Network –. Durante gli incontri, quindi, non solo insegniamo, ascoltiamo e ci confrontiamo, ma cerchiamo di stimolare le Agenzie a effettuare quel cambio di passo necessario per allinearsi all’evoluzione tecnologica, un processo che oramai non è più possibile  rimandare. Noi, come Network, abbiamo cominciato a farlo da oltre un anno, ora cerchiamo di trasmettere anche agli Agenti nostri partner questa opportunità di miglioramento». Partito da Roma a novembre, la prima fase del roadshow  terminerà a Cagliari il 13 dicembre con la quarantottesima tappa, per poi riprendere con il nuovo anno e ulteriori sessioni di lavoro. [post_title] => Welcome Travel Group in roadshow formativo sul crm per 1200 adv [post_date] => 2022-12-05T13:15:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670246109000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435403 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435409" align="alignleft" width="300"] Una foto di Riad[/caption] L'Arabia Saudita si sta lanciando in una serie di macro progetti per incrementare la sua crescita turistica nei prossimi dieci anni.  Pertanto, intende costruire il più grande aeroporto del mondo, che potrebbe avere fino a quattro piste. Inoltre, investirà nel settore alberghiero con la costruzione di quasi mezzo milione di camere, oltre a un centro di sostenibilità globale dove verrà misurata l'impronta di carbonio. Con questo, cerca di raggiungere 100 milioni di turisti nel 2030 per garantire che il turismo rappresenti circa il 10% del Prodotto interno lordo (Pil) nazionale. Generalmente prevede anche quasi un milione di nuovi posti di lavoro. Il primo ministro e presidente del Consiglio per gli affari economici e di sviluppo dell'Arabia Saudita, Mohamed bin Salman bin Abdulaziz, ha sottolineato che questo «è il primo passo del nostro viaggio verso un futuro migliore e più luminoso per il nostro Paese e le nostre città. Abbiamo una visione completa e ambiziosa per l'Arabia Saudita fino al 2030». [post_title] => L'Arabia Saudita rilancia sul turismo. Vuole costruire l'aeroporto più grande del mondo [post_date] => 2022-12-05T10:29:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236187000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435383 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Solo 15 tende di lusso circondate da 19 ettari di foresta sul bordo di una penisola privata. Ha aperto i propri battenti giovedì scorso a Punta Mita, in Messico, il primo resort adults-only griffato Four Seasons nelle Americhe, nonché la struttura di debutto del nuovo format Naviva, La proprietà è stata concepita con l'obiettivo di dialogare con la natura, per creare un ambiente che promuova la comunità, la crescita personale e l'apprezzamento per il patrimonio locale. Secondo i parametri del design biofilico e della biomimetica, il mondo naturale è l'influenza trainante per le soluzioni di design. La bellezza naturale del Messico è stata quindi la fonte d'ispirazione principale di Luxury Frontiers nel concepire Naviva: studio di design pluripremiato con una radicata expertise nel settore delle soluzioni residenziali alternative, ha puntato a fare in modo che tutte le forme dell'edificio, il design degli interni e le esperienze degli ospiti si rifacessero a un fenomeno naturale. Il team ha inoltre collaborato con artisti, artigiani e produttori messicani durante tutto il processo di progettazione e costruzione, non solo per sostenere le imprese locali, ma anche per creare spazi con un legame autentico con la cultura messicana. Tra gli elementi di spicco figurano i mobili personalizzati di Taracea e Baufaktory, le opere d'arte di Emma Boomkamp, i giochi in legno di recupero di Rasttro e i tessuti di Anora Casa. Naviva dispone inoltre di due spa nascoste nella foresta, un temazcal, una terrazza sulla scogliera, una palestra all'aperto e tanti sentieri immersi nella natura. Ogni area promuove la connessione con l’ambiente, nei suoi aspetti tangibili e intangibili. Il temazcal la Casa del Calore invita in particolare a un viaggio personalizzato guidato da un curandero dedicato, per produrre un risveglio mente-corpo. Gli ospiti possono scegliere tra diverse aree di interesse, come la gratitudine o la devozione, per guidare la loro esperienza. Gli ospiti di Naviva potranno anche scoprire esperienze di benessere radicate nell'ambiente presso la Risco terrace, dove le pratiche di yoga includono vinyasas e flussi ristorativi, nonché la Mar gym all'aperto con vista sul Pacifico, dove gli allenamenti di forza incorporano formazioni esistenti come massi e alberi. [post_title] => Naviva by Four Seasons: 15 tende di lusso per un soggiorno olistico nella natura messicana [post_date] => 2022-12-05T10:24:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670235877000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435354 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per la Repubblica Dominicana il 2022 è stato l'anno della ripartenza, tanto che le stime ormai parlano di una chiusura dei 12 mesi a quota 7 milioni di visitatori. Un trend che, grazie ai collegamenti di linea e charter con la nostra Penisola, nonché all'opera di tour operator e agenzie, riguarda pure l'Italia, coinvolgendo nella crescita tra gli altri il gruppo alberghiero Hm Hotels, che sulla destinazione opera con il brand Whala!. “Siamo sicuri che il trend positivo registrato in questa destinazione per tutto il 2022 si incrementerà notevolmente, soprattutto dal mercato italiano - racconta infatti il direttore commerciale Italia della compagnia, Ramon Parisi -. Una stima, la mia, che trova già conferma nei volumi di prenotazioni anticipate che stiamo registrando per il 2023". Whala!Hotels è presente in Repubblica Dominicana con quasi mille camere suddivise fra quattro strutture: il Whala!Bahayibe, il Whala!Bavaro, il Whala!Bocachica e il Whala!Puntacana, Sono tutti di categoria 4 stelle, all inclusive, destinati a un pubblico giovane che ricerca nella propria vacanza una struttura vicino ai centri di vita notturna e allo shopping, godendo appieno del mare Caraibico.   [post_title] => Il gruppo Whala! pronto a sfruttare la ripresa della Repubblica Dominicana insieme alle adv italiane [post_date] => 2022-12-05T09:54:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670234093000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "cbre roma e milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":94,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":805,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435555","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha recentemente aperto a Roma l'Umiltà 36, dopo un importante intervento a cura dell’interior contractor valtellinese Concreta, che ha realizzato l'arredo delle 47 chiavi della struttura distribuite su quattro piani tra camere e suite, a cui si aggiungono due piani di appartamenti con metrature importanti, tutte diverse tra loro. La proprietà si colloca all'interno di un palazzo storico che aveva precedentemente ospitato uffici direzionali e spazi commerciali e che rivela il suo tratto elegante fin dall'ingresso, dove un portone in legno si apre in un alto androne con volta a botte. La direzione dei lavori è stata affidata allo studio CaberlonCaroppi, che ha progettato il concept, disegnato gli interni e coadiuvato gli interventi strutturali, proponendo un ritorno al progetto originale dello stabile, enfatizzando maggiormente le altezze e ripristinando la doppia altezza del piano che negli anni, attraverso le varie destinazioni d’uso, era stata ribassata in un piano ammezzato.\r\n\r\nL'offerta dell'Umiltà 36 è completata dal Dandy Cafè, The Unexpected Place in Rome, mentre all'ultimo piano, la terrazza Flores panoramica con affaccio sul Quirinale e sul Vittoriano è pensata per ospitare il ristorante all'aperto in versione lounge e cocktail bar. Parte del piano terra è infine stato destinato al ristorante El Porteño Gourmet di ispirazione argentina e gestito dagli ideatori del Porteño di Milano. Aperto a settembre 2022, con i suoi 120 posti a sedere accoglie gli ospiti sette giorni su sette, a pranzo e a cena.\r\n\r\nUmiltà 36 fa parte della Shedir Collection, controllata da Eduardo Safdie, che è anche socio del gruppo alberghiero fiorentino JK Place. Al momento gestisce quattro strutture, due di proprietà (il Maalot di Roma e il Capri Tiberio Palace) e altrettante in affitto (il Vilòn e lo stesso Umiltà 36, entrambi situati nella città Eterna). Un'ulteriore apertura capitolina è attesa per il prossimo aprile, quando è in calendario l'inaugurazione di Palazzo Roma. Stando a quanto dichiarato dal ceo della compagnia, Claudio Ceccherelli, a Pambianco Hotellerie, la Shedir Collection dovrebbe chiudere l'anno con un fatturato di 28 milioni di euro.","post_title":"Concreta e CaberlonCaroppi a monte del progetto capitolino Umiltà 36 della Shedir Collection","post_date":"2022-12-09T13:40:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670593251000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435610","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435611\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'amministratore delegato dell'Enit, Ivana Jelinic[/caption]\r\n\r\nIn un’intervista all’Ansa, il neo amministratore delegato dell’Enit, Ivana Jelinic, spiega quali saranno le sue prossime mosse per far sì che il turismo italiano acceleri nella sua funzione di traino dell’economia.\r\n\r\nIl lavoro che l’aspetta all’Enit è duro e senza sosta e Jelinic ha già iniziato non perdendo un minuto: «Il primo passo è la riorganizzazione. Al netto degli errori del passato, che non spetta a me giudicare, sicuramente un approccio metodologico differente al lavoro corporate e all’attività di promozione dell’incoming consente di ottenere risultati che prima non sono stati così evidenti. Fare della valorizzazione del brand Italia un’impresa vera e propria che sia di supporto alla società e all’economia. Accelerare l’operatività e liberare il potenziale della Penisola anche ricorrendo a nuovi linguaggi comunicativi e promozionali per portare il brand Italia e l’Italia ad un livello di accoglienza sempre più performante. È fondamentale applicare una strategia lineare e armonizzata all’ospitalità».\r\n\r\nL’altra mossa determinante secondo Jelinic sarà coinvolgere sempre di più le imprese, anche le più piccole, che finora sono state meno considerate dalle politiche programmatiche del turismo. «Quando si parla di Sistema Italia – fa notare – si parla di un sistema che è ancora incompleto e che bisogna implementare e integrare, coinvolgendo sempre di più per invitare soggetti e operatori del comparto a entrare realmente a farne parte».\r\n\r\nMolte le preoccupazioni e le cose da cambiare: «Mi preoccupano il tessuto imprenditoriale in primis, ma anche il futuro dei lavoratori del settore e degli operatori e la qualità delle performance e dell’offerta turistica. Mi preoccupano le imprese che sono state ferite da due anni di pandemia, così come la necessità di fare davvero rete e di allineare il settore a nuovi trend di mercato senza lasciare indietro nessuno e senza permettere che competitor internazionali ci superino in offerta turistica».\r\n\r\nSecondo Jelinic poi le performance dell’Italia possono migliorare solo uscendo dai confini, «non solo esportando l’Italia e facendola conoscere meglio – chiarisce – ma anche non arroccandosi dietro la straordinarietà delle meraviglie che le appartengono e lasciandole al corso degli eventi e delle scelte turistiche, ma imparando anche ad emulare i competitor in capacità di programmazione, di commercializzazione del brand, di promozione dell’offerta». Tra i Paesi da cui prendere spunti o esempi, l’ad di Enit pensa alla Spagna che è il nostro principale competitor ed è partita in vantaggio: «Quando in Italia non ci si era strutturati ancora con un ministero dedicato al settore, la Spagna – spiega – operava già con una programmazione e con istituzioni operanti all’unisono. Anche la Croazia ha saputo crescere in tempi rapidi creando un sistema di promozione efficiente e di raccolta dati aggiornato in tempo reale».","post_title":"Ivana Jelinic (ad Enit): «Il primo passo è riorganizzare»","post_date":"2022-12-09T07:23:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670570617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto.\r\n\r\nA supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons.\r\n\r\nL'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori \"top di gamma\" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting).\r\n\r\nPer i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights.\r\n\r\nNei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana.\r\n\r\nIl settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili.\r\n\r\nCon un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani.\r\n\r\n“Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%\".\r\n\r\nNel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%. \r\n\r\nTradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic.\r\n\r\n“Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi\r\n\r\n ","post_title":"I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022","post_date":"2022-12-07T10:49:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670410167000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel.\r\n\r\nIn particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%.\r\n\r\nIl capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro.\r\n\r\nPer quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia.\r\n\r\nLo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli.\r\n\r\nUn’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità.\r\n\r\nSono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale.\r\n\r\nÈ questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta.","post_title":"Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping","post_date":"2022-12-07T10:30:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670409034000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435503","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"“È stata un’esperienza incredibile poterla vivere di persona, rappresentando l’Italia a un evento che ha coinvolto mille delegati da tantissimi Paesi. E ci riempie di orgoglio\". Così il product manager di Travel World Escape, Federico Bora, commenta la propria partecipazione in qualità di delegato alla sesta conferenza Mondiale del turismo, organizzata dalla Unwto a Kota Kinabalu in Malaysia. Dopo essere stato accolto lo scorso giugno tra i membri dell'Organizzazione mondiale del turismo, l'operatore mestrino aveva infatti annunciato la propria partecipazione alla Wtc malese di fine novembre.\r\n\r\n\"È stato stimolante confrontarsi e insieme provare a capire alcuni percorsi da iniziare o su cui proseguire\r\nverso un futuro più resiliente, capace non solo di reagire, ma in grado di prevenire immaginando già ora il\r\nturismo verrà - prosegue Bora -. Tutte le sessioni, gli interventi e discussioni, hanno trattato argomenti, nuovi approcci e intuizioni che hanno rafforzato la volontà a proseguire nella nostra mission I Care”. Il tema di quest'anno è stato in particolare Tourism Futures Reimagined e ha offerto un approccio interdisciplinare per\r\nstimolare e ispirare i responsabili politici, gli esperti e i leader mondiali nel turismo presentando le più\r\nrecenti innovazioni, tendenze, sfide pratiche e soluzioni per il futuro.\r\n\r\n\"Nelle varie sessioni - aggiunge Bora - è spiccata soprattutto la fondamentale importanza dell’educazione delle nuove generazioni: ho incontrato e parlato con alcuni insegnanti e studenti presenti; una bella opportunità di conoscere un po’ come la Malesia stia formando il suo futuro nel turismo. Allo stesso tempo incontrare molte persone coinvolte nel turismo, a partire dai lavoratori, per esempio guide locali o nuove piccole realtà di accoglienza, come boutique hotel, sino alle proprietà di grandi catene, ma anche gli abitanti locali impegnati nel portare avanti e far crescere i progetti di turismo basato sulle comunità in Malesia. Il forte messaggio che è stato lanciato a tutti i livelli è stato quello di valorizzare la forte interconnessione di ogni ambito (governativo, educazione, imprese private, singoli operatori e comunità). Questo crea conoscenza e può orientare l’impegno di ciascuno verso gli stessi obiettivi con maggiore\r\nefficacia, come ha ricordato nel suo messaggio di chiusura Harry Hwang, il direttore per l’Asia e il Pacifico dell’Unwto\".","post_title":"Bora, Travel World Escape: la Wtc un'occasione per scoprire nuovi percorsi per un futuro più resiliente","post_date":"2022-12-06T11:46:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670327169000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435434","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435435\" align=\"alignleft\" width=\"200\"] Andrea Moscardini[/caption]\r\n\r\nSono in corso in queste settimane gli appuntamenti del percorso formativo “WeTraining crm” e “TRAINING 4you” dedicato a oltre 1.200 agenti di viaggio, equamente distribuiti tra Welcome Travel e Geo Travel Network, per approfondire la conoscenza del nuovo crm, cuore pulsante delle due piattaforme  WE hub e Geo space, uno strumento di lavoro ormai  imprescindibile per profilare e fidelizzare il cliente finale.\r\n\r\n96 le sessioni di lavoro previste in totale, ognuna composta da piccoli gruppi di lavoro di massimo 12 agenti di viaggio proprio per rendere gli incontri totalmente interattivi e dare la possibilità a tutti di testare in tempo reale le funzionalità e le potenzialità dei portali.\r\n\r\nLa formazione viene effettuata direttamente dai 16 Network Manager coordinati da 2 responsabili di Area e dalla direzione del Network.\r\n\r\n«In questo momento, è più che mai importante investire sulla formazione degli Agenti per dare loro ancora più valore, professionalità e strumenti di lavoro adatti alle nuove dinamiche commerciali, di vendita e di comunicazione di un prodotto che in questi ultimi due anni è notevolmente cambiato – dichiara Andrea Moscardini, direttore Network –. Durante gli incontri, quindi, non solo insegniamo, ascoltiamo e ci confrontiamo, ma cerchiamo di stimolare le Agenzie a effettuare quel cambio di passo necessario per allinearsi all’evoluzione tecnologica, un processo che oramai non è più possibile  rimandare. Noi, come Network, abbiamo cominciato a farlo da oltre un anno, ora cerchiamo di trasmettere anche agli Agenti nostri partner questa opportunità di miglioramento».\r\n\r\nPartito da Roma a novembre, la prima fase del roadshow  terminerà a Cagliari il 13 dicembre con la quarantottesima tappa, per poi riprendere con il nuovo anno e ulteriori sessioni di lavoro.","post_title":"Welcome Travel Group in roadshow formativo sul crm per 1200 adv","post_date":"2022-12-05T13:15:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670246109000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435403","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435409\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Una foto di Riad[/caption]\r\n\r\nL'Arabia Saudita si sta lanciando in una serie di macro progetti per incrementare la sua crescita turistica nei prossimi dieci anni. \r\n\r\nPertanto, intende costruire il più grande aeroporto del mondo, che potrebbe avere fino a quattro piste. Inoltre, investirà nel settore alberghiero con la costruzione di quasi mezzo milione di camere, oltre a un centro di sostenibilità globale dove verrà misurata l'impronta di carbonio.\r\n\r\nCon questo, cerca di raggiungere 100 milioni di turisti nel 2030 per garantire che il turismo rappresenti circa il 10% del Prodotto interno lordo (Pil) nazionale. Generalmente prevede anche quasi un milione di nuovi posti di lavoro.\r\n\r\nIl primo ministro e presidente del Consiglio per gli affari economici e di sviluppo dell'Arabia Saudita, Mohamed bin Salman bin Abdulaziz, ha sottolineato che questo «è il primo passo del nostro viaggio verso un futuro migliore e più luminoso per il nostro Paese e le nostre città. Abbiamo una visione completa e ambiziosa per l'Arabia Saudita fino al 2030».","post_title":"L'Arabia Saudita rilancia sul turismo. Vuole costruire l'aeroporto più grande del mondo","post_date":"2022-12-05T10:29:47+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1670236187000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435383","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Solo 15 tende di lusso circondate da 19 ettari di foresta sul bordo di una penisola privata. Ha aperto i propri battenti giovedì scorso a Punta Mita, in Messico, il primo resort adults-only griffato Four Seasons nelle Americhe, nonché la struttura di debutto del nuovo format Naviva, La proprietà è stata concepita con l'obiettivo di dialogare con la natura, per creare un ambiente che promuova la comunità, la crescita personale e l'apprezzamento per il patrimonio locale.\r\n\r\nSecondo i parametri del design biofilico e della biomimetica, il mondo naturale è l'influenza trainante per le soluzioni di design. La bellezza naturale del Messico è stata quindi la fonte d'ispirazione principale di Luxury Frontiers nel concepire Naviva: studio di design pluripremiato con una radicata expertise nel settore delle soluzioni residenziali alternative, ha puntato a fare in modo che tutte le forme dell'edificio, il design degli interni e le esperienze degli ospiti si rifacessero a un fenomeno naturale. Il team ha inoltre collaborato con artisti, artigiani e produttori messicani durante tutto il processo di progettazione e costruzione, non solo per sostenere le imprese locali, ma anche per creare spazi con un legame autentico con la cultura messicana. Tra gli elementi di spicco figurano i mobili personalizzati di Taracea e Baufaktory, le opere d'arte di Emma Boomkamp, i giochi in legno di recupero di Rasttro e i tessuti di Anora Casa.\r\n\r\nNaviva dispone inoltre di due spa nascoste nella foresta, un temazcal, una terrazza sulla scogliera, una palestra all'aperto e tanti sentieri immersi nella natura. Ogni area promuove la connessione con l’ambiente, nei suoi aspetti tangibili e intangibili. Il temazcal la Casa del Calore invita in particolare a un viaggio personalizzato guidato da un curandero dedicato, per produrre un risveglio mente-corpo. Gli ospiti possono scegliere tra diverse aree di interesse, come la gratitudine o la devozione, per guidare la loro esperienza. Gli ospiti di Naviva potranno anche scoprire esperienze di benessere radicate nell'ambiente presso la Risco terrace, dove le pratiche di yoga includono vinyasas e flussi ristorativi, nonché la Mar gym all'aperto con vista sul Pacifico, dove gli allenamenti di forza incorporano formazioni esistenti come massi e alberi.","post_title":"Naviva by Four Seasons: 15 tende di lusso per un soggiorno olistico nella natura messicana","post_date":"2022-12-05T10:24:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670235877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435354","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per la Repubblica Dominicana il 2022 è stato l'anno della ripartenza, tanto che le stime ormai parlano di una chiusura dei 12 mesi a quota 7 milioni di visitatori. Un trend che, grazie ai collegamenti di linea e charter con la nostra Penisola, nonché all'opera di tour operator e agenzie, riguarda pure l'Italia, coinvolgendo nella crescita tra gli altri il gruppo alberghiero Hm Hotels, che sulla destinazione opera con il brand Whala!.\r\n\r\n“Siamo sicuri che il trend positivo registrato in questa destinazione per tutto il 2022 si incrementerà notevolmente, soprattutto dal mercato italiano - racconta infatti il direttore commerciale Italia della compagnia, Ramon Parisi -. Una stima, la mia, che trova già conferma nei volumi di prenotazioni anticipate che stiamo registrando per il 2023\".\r\n\r\nWhala!Hotels è presente in Repubblica Dominicana con quasi mille camere suddivise fra quattro strutture: il Whala!Bahayibe, il Whala!Bavaro, il Whala!Bocachica e il Whala!Puntacana, Sono tutti di categoria 4 stelle, all inclusive, destinati a un pubblico giovane che ricerca nella propria vacanza una struttura vicino ai centri di vita notturna e allo shopping, godendo appieno del mare Caraibico.\r\n\r\n ","post_title":"Il gruppo Whala! pronto a sfruttare la ripresa della Repubblica Dominicana insieme alle adv italiane","post_date":"2022-12-05T09:54:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670234093000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti