7 December 2022

Blu Hotels cambia logo in vista della riapertura estiva. New entry a Bormio per l’inverno

[ 0 ]

Nuovo Logo per Blu Hotels, che rinnova l’immagine del brand in attesa della riapertura estiva “per adeguarla al meglio al canale digitale, ormai di primaria importanza – spiega il presidente del gruppo, Nicola Risatti -. E’ questa infatti la motivazione principale che ci ha portati a cambiare logo nel 2021, dopo ben 18 anni”.

Pur mantenendo i caratteri distintivi come il colore, le onde e il payoff  “le Vacanze Italiane”, la nuova grafica riflette quindi la voglia di rinnovamento. “Quella stessa voglia che ha portato anche a una radicale rivisitazione dei siti delle singole strutture e del portale Blu Hotels, che sarà pronto per la prossima estate – riprende Risatti -. La nostra B, riconoscibile tra tante, ammoderna le proprie forme con uno stile più innovativo e smart, pur mantenendo gli stessi colori peculiari, presenti sin dal principio, che rimandano al blu intenso del mare e all’azzurro terso del cielo di montagna e dei laghi, agli spettacolari scenari italiani in cui le nostre strutture sono inserite”.

Entro la fine di giugno è quindi prevista l’apertura di tutti gli hotel del gruppo con alcune strutture che si presenteranno all’estate 2021 totalmente rinnovate. Al Grand Hotel Misurina, che Blu Hotels continuerà a gestire per i prossimi nove anni, verranno in particolare ampliate le sale ristorazione e gli spazi di accoglienza. Ma riapre ai propri ospiti anche il Park Hotel Casimiro sul Lago di Garda, che ha concluso i lavori di restyling delle camere. Novità del 2021 sono le bellissime junior suite, completamente rimodernate, nonché le Sky e Panoramic suite fronte lago. Queste ultime vantano l’accesso privato al nuovissimo Skyview solarium: un’esclusiva terrazza fronte lago con vista panoramica, gazebo e piscina idromassaggio.

Lavori di restyling hanno poi interessato le camere e gli spazi comuni del Grand Hotel di Forte dei Marmi, anch’esso fresco di rinnovo contrattuale per ulteriori nove anni. Quest’anno la struttura potrà inoltre beneficiare appieno del bagno ristorante Marechiaro, location cult della Versilia sin dagli anni Sessanta e gestito da Blu Hotels dalla stagione 2020.

“Per la prossima stagione invernale apriremo le porte anche dell’hotel Rezia di Bormio, new entry della famiglia Blu Hotels e storica struttura dell’ospitalità valtellinese – conclude Risatti -. E per il 2022, anno in cui contiamo di poter tornare a performare come negli anni pre-pandemia, sono previste altre importanti novità”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel. In particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%. Il capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro. Per quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia. Lo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli. Un’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità. Sono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale. È questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta. [post_title] => Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping [post_date] => 2022-12-07T10:30:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409034000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435535 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina finalmente l'apertura del tanto atteso Hilton Rome Eur la Lama, prevista per il prossimo gennaio, e cominciano a essere svelati alcuni dettagli dei suoi interni. Dietro i 130 metri di vetro nero trasparente, che si sviluppa in altezza per 16 piani e con una fiancata elegante e sottile, si cela infatti la nuova struttura capitolina: spazi regolari e al tempo stesso maestosi, caratterizzati dalle forme semplici e lineari che l’architetto Fuksas ha riportato anche all’interno, dove la storia di Roma e la forte connotazione contemporanea hanno dato vita al concept dell’interior design curato dallo studio Lorenzo Bellini. La grande hall, affacciata su viale Europa, darà il benvenuto agli ospiti in tutta la sua imponenza: lo sguardo si perde fino al sedicesimo piano, un immenso volume vuoto alto 60 metri, su cui affacciano i ballatoi dei piani come fossero sospesi, tutto da ammirare anche dai sei ascensori panoramici in vetro. Ai diversi piani, la luce radente colpisce le pareti in tinta carta da zucchero e la moquette realizzata a bande intrecciate di colori alterni, creando un effetto di luce indiretta molto riposante. Gli ingressi delle camere sono scanditi da carabottini appositamente disegnati, realizzati in essenza di noce americano, con un pattern a intreccio che omaggia il design italiano dei primi del Novecento; gli imbotti delle porte, anche queste in essenza noce americano fiammato, sono stai pensati e realizzati in metallo nero opaco e la lamiera forata scandisce i numeri delle camere dei diversi piani, grazie a un sistema di retroilluminazione. Nella progettazione delle 439 camere è stata privilegiata la forte trasparenza tra gli ambienti. L’obiettivo è rendere il più possibile permeabili le aree interne, enfatizzando la forte comunicazione tra camera da letto e bagno, creando in un unico ambiente una soluzione di continuità tra l’esterno che permea dalle grandi vetrate e l’interno del comfort domestico. Il colore è il leit motiv di tutte le stanze dell’Hilton Rome Eur La Lama, guidando la definizione degli ambienti, con richiami policromi agli affreschi pompeiani e alle scale cromatiche della pittura dei grandi maestri italiani del secolo scorso (Sironi, Donghi, Campigli, Casorati e molti altri), secondo il metodo cromatico del color block: è la più antica tecnica di abbinamento cromatico, che combina un attento utilizzo di singoli colori in diverse tonalità, miscelandoli in contrasto tra loro in un ensemble armonioso e unico; un linguaggio compositivo che prende le mosse dal mondo dell’arte classica con gli affreschi pompeiani, passando attraverso le sacre rappresentazioni medievali, per raggiungere la sua massima espressione nell’arte contemporanea della prima metà del Novecento. Al piano terra, lo spazio della hall è la zona di filtro che permette di accedere a tutti gli ambienti comuni: proprio di fronte all’ingresso si nota il lounge bar, dall’atmosfera calda e conviviale, grazie ai toni caldi del parquet a spina ungherese in noce scuro e alla scatola blu notte delle pareti e del soffitto, realizzato in cassettoni e tempestato di sfere luminose cristalline dalle sfumature ocra e bronzo. All’interno del lounge la Library, uno spazio caratterizzato da una grande libreria lignea in finitura nera, che crea una parziale divisione tra gli ambienti e accompagna l’ospite verso il ristorante: da un portale in marmo nero marquinia si accede all’ambiente dal colore verde profondo, con soffitto a cassettoni e sfere luminose cristalline in ocra e bronzo, con un imponente pavimento realizzato in un gioco di sei marmi spinati posati sfalzati. Importante, l’area dedicata a riunioni ed eventi, con business center, executive lounge e sale modulari dotate delle più moderne tecnologie: dal lato opposto del ristorante, passando per la hall, si attraversano nuovi spazi comuni, primo fra tutti il grande disimpegno della scala monumentale a sbalzo rivestita in marmo verde Alpi, che collega il piano terra al foyer del piano sottostante e alle quattro meeting room affacciate sul dehor della Nuvola, da ammirare grazie alle ampie vetrate. Al piano inferiore, il foyer del centro congressi è caratterizzato da un pavimento a bande rigate con posa diagonal, con effetto marmo verde e bianco. Al quindicesimo piano, infine, la sorpresa di un ristorante con bar, in fase di realizzazione, con vista a perdita d’occhio e, dall’altro lato, la spa con fitness center e una terrazza. [post_title] => I primi dettagli degli interni del nuovo Hilton Rome Eur la Lama [post_date] => 2022-12-07T09:30:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670405412000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435525 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce in tutta Europa l'interesse per lo student housing, che anche in Italia presente ampi margini di sviluppo grazie alla domanda potenziale e all’interesse mostrato da parte degli investitori. È quanto emerge dall’ultimo report di Jll. Lo slancio positivo del settore si riflette infatti nell'attività dei volumi di investimento: i primi nove mesi del 2022 hanno registrato 7,1 miliardi euro di iniziative legate al segmento in Europa (+10% rispetto allo stesso periodo del 2021 e +17% rispetto alla media degli ultimi cinque anni). Il Regno Unito si conferma il Paese con il maggior numero di investimenti, seguito da Spagna e Danimarca. In Italia, il settore degli alloggi per studenti è un’asset class in via di sviluppo, con un grande potenziale di investimento e diversificazione geografica, soprattutto a causa della mancanza di un'offerta adeguata nelle vicinanze delle grandi università e del costante aumento di studenti, in particolare della componente internazionale. Nel dettaglio, negli ultimi anni il settore ha attirato investimenti in questo settore soprattutto a Torino, Milano, Roma e Firenze. Per quanto riguarda i volumi di investimento capital markets in student housing del 2022 si segnala un forward purchase a Torino, mentre potrebbero concretizzarsi nei prossimi mesi due operazioni su Milano e Firenze, che darebbero una ulteriore spinta agli investimenti nel settore. L'attuale offerta di posti letto in Italia in alloggi per studenti è stimata in oltre 60 mila unità: la maggior parte di essi (66%) è gestita da strutture regionali nell'ambito del Dsu (Diritto allo studio universitario), il 15% da operatori privati, l'11% direttamente dalle università, mentre il restante 8% è gestito da strutture private o pubbliche di student housing. Confrontando il dato relativo al numero di studenti fuori sede con l’offerta di posti letto in alloggi per studenti emerge come in Europa ci sia una domanda potenziale a cui non corrisponde un’offerta di questa tipologia per circa 2,2 milioni di posti letto. In Italia, in particolare, l’offerta di alloggi risponde attualmente a circa il 20% della domanda potenziale, con circa 260 mila posti letto che servirebbero per soddisfarla completamente. Da considerare poi l’eterogeneità dell’offerta che vede nella Penisola un numero limitato di studentati moderni, comparabili con quelli di altri mercati maturi a livello europeo. Considerando poi le principali città universitarie monitorate, Firenze presenta il dato di copertura più elevato (47%), mentre le città con una minore copertura, a fronte anche dell’elevato numero di studenti, sono Bologna (22%) e Roma (10%). Padova, Torino e Milano presentano una domanda soddisfatta poco al di sotto del 30%. In particolare, il caso del capoluogo lombardo va ponderato anche alla luce di un numero maggiore di studenti fuori sede e internazionali e dell’attrattività della città dal punto di vista universitario, elemento che ha favorito lo sviluppo di una pipeline significativa per i prossimi anni. Si stima che entro il 2025 verranno completati quasi 20 mila posti letto in tutte le principali città italiane: Milano e Torino registrano il più alto numero in pipeline, circa 7 mila a Milano e 4.100 a Torino, seguiti da Roma (2.700) e Firenze (circa 2.050). La futura disponibilità di alloggi per studenti entro il 2025 nelle principali città è stimata in quasi 49 mila posti letto: circa il 60% è già esistente, il 26% è pianificato, il 14% è in costruzione e una piccola parte in fase di ristrutturazione. “Rispetto al panorama internazionale il mercato dello student housing italiano è ancora giovane, ma con grandi potenzialità” commenta Antonio Fuoco, head of living capital markets di Jll Italia -. I posti letto che si prevede di aggiungere al mercato entro il 2025 sono quasi 20 mila, di cui il 34% già in costruzione. Più della metà della pipeline è concentrata a Milano e Torino, ma anche in altre città sono previsti diversi progetti entro i prossimi tre anni. Il gap tra la domanda e l'offerta offerta rimane ampio, soprattutto in località come Roma e Bologna, che presentano significative opportunità di sviluppo del settore. Sul fronte capital markets, il settore dello student housing è ancora agli inizi, anche se ci aspettiamo che la domanda degli investitori aumenti nei prossimi mesi. Tra le ragioni principali, la sua capacità di resistere a un'inflazione più elevata e il fatto di essere meno ciclica di altre asset class immobiliari, la crescita dei canoni e la maggiore facilità di implementazione di strategie esg. Infine, la crescita di questo mercato è estremamente importante in momenti di difficoltà dei mercati finanziari per la sua natura difensiva". [post_title] => Cresce lo student housing in Italia: in arrivo 20 mila nuovi posti letto entro il 2025 [post_date] => 2022-12-06T12:47:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670330878000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435481 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_338791" align="alignleft" width="300"] Andrea Incondi[/caption] In vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio. L’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente. Grazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima. Grazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km. Con «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia. Così, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa. «La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia. Le scelte personali contano Nonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque. Ciononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose. La ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti. Iniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più. Del resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale. [post_title] => Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas [post_date] => 2022-12-06T10:37:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670323040000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un fam trip per entrare in sintonia con la destinazione e apprezzare la varietà di programmi e la  qualità dei servizi offerti: guide, trasporti, ristorazione e hotels. A chiusura di un anno di forte ripresa, Kuda Tour Operator ha ospitato in Marocco un selezionato numero di agenti provenienti da varie regioni italiane. Dal 24 al 29 novembre 2022, l'itinerario si è sviluppato tra Casablanca, Rabat e Marrakech "ed è stato impreziosito da esperienze accolte con grande interesse ed entusiasmo da tutti i partecipanti", racconta una nota dell'operatore capitolino. Oltre alla visita di alcuni alberghi, gli agenti hanno sperimentato il deserto di Agafay, osservato le tecniche di cucina dei principali piatti marocchini con una cooking class ad hoc e, infine, per consolidare l'amicizia tra i nostri Paesi, hanno fatto visita all’associazione Atlas Kinder, che accoglie bambini abbandonati, per la consegna dei doni: "Un momento molto toccante e condiviso da tutti". "Ad accompagnare gli agenti per tutto il viaggio - prosegue la nota - erano presenti il direttore commerciale, Giancarlo Brunamonti, e il responsabile vendite, Angelo Massimetti, che si sono impegnati a rendere indimenticabile l'evento sotto ogni punto di vista. Siamo altresì soddisfatti, in quanto il clima di amicizia e condivisione tra tutti i partecipanti è stata un’altra importante compagna di viaggio. Un grazie a tutti i meravigliosi colleghi/e agenti e ai partner Royal Air Maroc e Visit Morocco". [post_title] => Kuda: fam trip in Marocco per chiudere un anno di grande ripresa [post_date] => 2022-12-06T09:44:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670319846000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' arrivata a New York in vista della cerimonia di battesimo prevista per domani presso il Manhattan Cruise Terminal la Seascape, nuova ammiraglia della flotta Msc. L'unità sarà la prima nave della compagnia a essere battezzata nella grande Mela, rendendo così omaggio al nuovo importante ruolo di New York quale homeport di Msc Crociere negli Stati Uniti, a partire da aprile 2023. La Seascape per i suoi itinerari non farà tuttavia base nella grande Mela. Offrirà invece due diversi itinerari di sette notti nei Caraibi con partenza da Miami: Caraibi orientali, con scalo a Ocean Cay Msc Marine Reserve e Nassau alle Bahamas, San Juan a Porto Rico e Puerto Plata nella Repubblica Dominicana; Caraibi occidentali, con scalo a Ocean Cay Msc Marine Reserve, Cozumel in Messico, George Town nelle isole Cayman e Ocho Rios in Giamaica. [post_title] => La Msc Seascape è arrivata a New York in vista della cerimonia di battesimo di domani [post_date] => 2022-12-06T09:34:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670319263000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435454 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo poker di Air Serbia sull'Italia che aprirà quattro nuove destinazioni per l'estate 2023: la compagnia collegherà Belgrado con Catania, Napoli, Firenze e Palermo arrivando ad un totale di 10 destinazioni nel nostro Paese. Tutte e quattro le città saranno servite con 2 voli alla settimana - i biglietti sono già in vendita -, operati da Airbus A319 e A320. "Stiamo continuamente introducendo nuove destinazioni per la stagione estiva - ha dichiarato Boško Rupić, general manager commercial and strategy di Air Serbia -. La nostra presenza in Italia aumenterà ancora grazie a 4 nuove destinazioni che offriranno ai nostri passeggeri la possibilità di godere di diverse tipologie di vacanza. Questo è solo l'inizio e ci saranno altre ottime notizie da Air Serbia nei prossimi giorni".  La rotta per Catania decollerà il 14, seguita da quelle verso Napoli il 19 maggio, Firenze dal 20 maggio e infine Palermo dal 14 giugno. Intanto, lo scorso novembre, Air Serbia ha trasportato più di 200.000 passeggeri sui voli di linea e charter, il numero di passeggeri più altro per quel mese dal 2013, quando la compagnia ha iniziato ad operare con il nome attuale. Si tratta di una crescita del 15% del numero di passeggeri trasportati rispetto al novembre 2019. "Nei primi 11 mesi di quest'anno, abbiamo trasportato più di 2.500.000 passeggeri, 1 milione in più rispetto allo scorso anno. Se guardiamo indietro, l'anno di maggior successo per Air Serbia fu il 2019 quando, nel periodo tra gennaio e novembre, avevamo trasportato solo il 4% di passeggeri in più rispetto a quest'anno. Stiamo continuamente monitorando i trend e ci auguriamo che i buoni risultati del 2022 siano l'inizio di un 2023 ancora migliore". [post_title] => Air Serbia aggiunge quattro nuove destinazioni in Italia per l'estate 2023 [post_date] => 2022-12-06T09:15:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670318154000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435429 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce ancora la "famiglia" di Inside Marche Live, l'Associazione dei tour operator incoming delle Marche, che si è ritrovata ad Ancona per la sua Assemblea di fine anno. Superato il periodo più difficile di sempre per il turismo a livello internazionale, gli operatori marchigiani dell'incoming si sono incontrati per una riunione operativa con il direttore dell’Agenzia regionale del turismo Marco Bruschini, per fare il punto sulla stagione e programmare le attività del 2023. Dieci punti sul tavolo delle istituzioni regionali, alle quali è stato chiesto a gran voce in prima battuta una concertazione delle azioni da svolgere per il comparto e una forte collaborazione alle istituzioni, per salvaguardare aziende dotate di professionalità che devono prepararsi per la prossima stagione, superando le varie crisi di questi anni, da quella pandemica a quella energetica ed economica ed in particolare nelle Marche con i vari accadimenti (dall'alluvione al terremoto). INSIDE MARCHE LIVE CRESCE Nel frattempo si programmano le azioni future e il numero di aziende associate ad Inside Marche Live cresce ancora, con l'ingresso di 2 nuovi soci qualificati: entrano infatti i tour operator Rurally di Maiolati Spontini (AN) specializzato nel turismo rurale ed outdoor e GISMI di Monteurano (FM) specializzato nel luxury travel, superando quota 30 associati e contribuendo a confermare l'Associazione Inside Marche Live quale la più rappresentativa del mondo del turismo organizzato marchigiano nonché interlocutore privilegiato per le istituzioni regionali e nazionali. Gli operatori stanno già lavorando per definire le azioni promozionali che andranno a svolgere nel 2023 e hanno iniziato per questo un confronto con l'Agenzia del turismo alla Regione Marche per definire e condividere insieme il Piano Promozionale. Il ruolo della nuova Agenzia Regionale del turismo e dell'internazionalizzazione è il tema principale del confronto con la Regione Marche ed i soci di Inside Marche Live sono impegnati per elaborare proposte e suggerimenti. LE PROPOSTE ALLA REGIONE MARCHE Tra le proposte si segnalano queste: si chiede un aumento delle risorse nei bandi dedicati al settore sia per la promozione che per incentivare i flussi turistici in bassa stagione, si propone una collaborazione per l'organizzazione di fiere e workshop, promuovendo più eventi promozionali, si chiede inoltre di stanziare risorse cospicue per riqualificare le strutture ricettive nel territorio delle Marche che necessitano di ammodernamento, si chiede di aprire un tavolo con Aeroporto di Ancona per stabilire quali siano le rotte da attivare per incentivare il turismo in entrata e di definire un vero piano strategico del turismo a medio lungo termine, in modo da poter lavorare in sinergia programmando per tempo le azioni e gli interventi. IL COLLOQUIO CON LA REGIONE Il Direttore Marco Bruschini si è detto disponibile al confronto ed ha definito gli operatori incoming «un interlocutore fondamentale per tutta la filiera del turismo regionale e non solo, perché le istituzioni devono lavorare nell'interesse delle imprese». Nelle prossime settimane Inside Marche live parteciperà al confronto sul piano annuale del turismo, e contribuirà grazie all'esperienza dei propri associati a presentare un "position paper" di proposte relative al comparto del turismo organizzato, che rimane ancora oggi uno dei più colpiti dalla pandemia, ma anche tra quelli con maggiori potenzialità di sviluppo. Il futuro del turismo delle Marche è già iniziato. [post_title] => Inside Marche Live: nuovi soci e progetti in vista del confronto con la Regione sul piano promozionale 2023 [post_date] => 2022-12-05T15:30:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670254218000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435439 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435440" align="alignleft" width="300"] Il Blu Hotel Acquaseria[/caption] Il periodo del ponte dell'Immacolata è il tradizionale appuntamento con la riapertura delle strutture neve. Non fa eccezione Blu Hotels che, dopo un'estate con presenze record, riparte per la stagione invernale. Il 3 dicembre il Blu Hotel Natura & Spa di Folgaria è stato quindi il primo ad accogliere i propri ospiti. La struttura, da quest’anno adults only, è rinomata per la ricca proposta di trattamenti dedicata a chi desidera concedersi, dopo una giornata sulla neve, momenti di relax nell’atmosfera calda e avvolgente della My Vitalis Wellness & Spa.  Novità dell’inverno 2022/2023, l’ampliamento dell’area esterna con sauna e vasche idromassaggio. Dal 7 dicembre sarà invece la volta dell’hotel Rezia situato in pieno centro a Bormio. A disposizione degli ospiti anche un ristorante à la carte con piatti tipici valtellinesi e una private spa con sauna finlandese, bagno turco, docce sensoriali e una piacevole area relax. Sempre il 7 dicembre aprirà poi alla stagione invernale il Blu Hotel Acquaseria, situato a pochi metri dal centro storico di Ponte di Legno che, grazie alla posizione strategica, permette agli ospiti di trascorrere le loro giornate sulle piste della ski area Ponte di Legno-Tonale comprese tra i 1.121 metri e i 3 mila metri, per poi rilassarsi nella spa dell'albergo. A tu per tu con il ghiacciaio, la vacanza ad alta quota è garantita pure al Blu Hotel Senales: Zirm-Cristal di Maso Corto. Con accesso diretto agli impianti di risalita della val Senales, l’albergo è già pronto a ricevere i propri ospiti, garantendo loro una vacanza in Alto Adige, fra sci, escursioni e tanto benessere nella Blu Aqua Wellness & Spa. Il Linta Hotel Wellness & Spa di Asiago, il Golf Hotel di Folgaria, il Grand Hotel Misurina dell’omonima località e il Grand Hotel del Parco di Pescasseroli, a poca distanza dal parco Nazionale degli Abruzzi, apriranno infine la loro stagione invernale il prossimo 23 dicembre. [post_title] => Con il ponte dell'Immacolata riparte la stagione invernale firmata Blu Hotels [post_date] => 2022-12-05T13:55:14+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670248514000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "blu hotels cambia logo in vista della riapertura estiva new entry a bormio per linverno" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":85,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2911,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel.\r\n\r\nIn particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%.\r\n\r\nIl capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro.\r\n\r\nPer quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia.\r\n\r\nLo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli.\r\n\r\nUn’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità.\r\n\r\nSono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale.\r\n\r\nÈ questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta.","post_title":"Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping","post_date":"2022-12-07T10:30:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670409034000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435535","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina finalmente l'apertura del tanto atteso Hilton Rome Eur la Lama, prevista per il prossimo gennaio, e cominciano a essere svelati alcuni dettagli dei suoi interni. Dietro i 130 metri di vetro nero trasparente, che si sviluppa in altezza per 16 piani e con una fiancata elegante e sottile, si cela infatti la nuova struttura capitolina: spazi regolari e al tempo stesso maestosi, caratterizzati dalle forme semplici e lineari che l’architetto Fuksas ha riportato anche all’interno, dove la storia di Roma e la forte connotazione contemporanea hanno dato vita al concept dell’interior design curato dallo studio Lorenzo Bellini.\r\n\r\nLa grande hall, affacciata su viale Europa, darà il benvenuto agli ospiti in tutta la sua imponenza: lo sguardo si perde fino al sedicesimo piano, un immenso volume vuoto alto 60 metri, su cui affacciano i ballatoi dei piani come fossero sospesi, tutto da ammirare anche dai sei ascensori panoramici in vetro. Ai diversi piani, la luce radente colpisce le pareti in tinta carta da zucchero e la moquette realizzata a bande intrecciate di colori alterni, creando un effetto di luce indiretta molto riposante. Gli ingressi delle camere sono scanditi da carabottini appositamente disegnati, realizzati in essenza di noce americano, con un pattern a intreccio che omaggia il design italiano dei primi del Novecento; gli imbotti delle porte, anche queste in essenza noce americano fiammato, sono stai pensati e realizzati in metallo nero opaco e la lamiera forata scandisce i numeri delle camere dei diversi piani, grazie a un sistema di retroilluminazione.\r\n\r\nNella progettazione delle 439 camere è stata privilegiata la forte trasparenza tra gli ambienti. L’obiettivo è rendere il più possibile permeabili le aree interne, enfatizzando la forte comunicazione tra camera da letto e bagno, creando in un unico ambiente una soluzione di continuità tra l’esterno che permea dalle grandi vetrate e l’interno del comfort domestico. Il colore è il leit motiv di tutte le stanze dell’Hilton Rome Eur La Lama, guidando la definizione degli ambienti, con richiami policromi agli affreschi pompeiani e alle scale cromatiche della pittura dei grandi maestri italiani del secolo scorso (Sironi, Donghi, Campigli, Casorati e molti altri), secondo il metodo cromatico del color block: è la più antica tecnica di abbinamento cromatico, che combina un attento utilizzo di singoli colori in diverse tonalità, miscelandoli in contrasto tra loro in un ensemble armonioso e unico; un linguaggio compositivo che prende le mosse dal mondo dell’arte classica con gli affreschi pompeiani, passando attraverso le sacre rappresentazioni medievali, per raggiungere la sua massima espressione nell’arte contemporanea della prima metà del Novecento.\r\n\r\nAl piano terra, lo spazio della hall è la zona di filtro che permette di accedere a tutti gli ambienti comuni: proprio di fronte all’ingresso si nota il lounge bar, dall’atmosfera calda e conviviale, grazie ai toni caldi del parquet a spina ungherese in noce scuro e alla scatola blu notte delle pareti e del soffitto, realizzato in cassettoni e tempestato di sfere luminose cristalline dalle sfumature ocra e bronzo. All’interno del lounge la Library, uno spazio caratterizzato da una grande libreria lignea in finitura nera, che crea una parziale divisione tra gli ambienti e accompagna l’ospite verso il ristorante: da un portale in marmo nero marquinia si accede all’ambiente dal colore verde profondo, con soffitto a cassettoni e sfere luminose cristalline in ocra e bronzo, con un imponente pavimento realizzato in un gioco di sei marmi spinati posati sfalzati.\r\n\r\nImportante, l’area dedicata a riunioni ed eventi, con business center, executive lounge e sale modulari dotate delle più moderne tecnologie: dal lato opposto del ristorante, passando per la hall, si attraversano nuovi spazi comuni, primo fra tutti il grande disimpegno della scala monumentale a sbalzo rivestita in marmo verde Alpi, che collega il piano terra al foyer del piano sottostante e alle quattro meeting room affacciate sul dehor della Nuvola, da ammirare grazie alle ampie vetrate. Al piano inferiore, il foyer del centro congressi è caratterizzato da un pavimento a bande rigate con posa diagonal, con effetto marmo verde e bianco. Al quindicesimo piano, infine, la sorpresa di un ristorante con bar, in fase di realizzazione, con vista a perdita d’occhio e, dall’altro lato, la spa con fitness center e una terrazza.","post_title":"I primi dettagli degli interni del nuovo Hilton Rome Eur la Lama","post_date":"2022-12-07T09:30:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670405412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435525","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce in tutta Europa l'interesse per lo student housing, che anche in Italia presente ampi margini di sviluppo grazie alla domanda potenziale e all’interesse mostrato da parte degli investitori. È quanto emerge dall’ultimo report di Jll. Lo slancio positivo del settore si riflette infatti nell'attività dei volumi di investimento: i primi nove mesi del 2022 hanno registrato 7,1 miliardi euro di iniziative legate al segmento in Europa (+10% rispetto allo stesso periodo del 2021 e +17% rispetto alla media degli ultimi cinque anni). Il Regno Unito si conferma il Paese con il maggior numero di investimenti, seguito da Spagna e Danimarca. In Italia, il settore degli alloggi per studenti è un’asset class in via di sviluppo, con un grande potenziale di investimento e diversificazione geografica, soprattutto a causa della mancanza di un'offerta adeguata nelle vicinanze delle grandi università e del costante aumento di studenti, in particolare della componente internazionale.\r\n\r\nNel dettaglio, negli ultimi anni il settore ha attirato investimenti in questo settore soprattutto a Torino, Milano, Roma e Firenze. Per quanto riguarda i volumi di investimento capital markets in student housing del 2022 si segnala un forward purchase a Torino, mentre potrebbero concretizzarsi nei prossimi mesi due operazioni su Milano e Firenze, che darebbero una ulteriore spinta agli investimenti nel settore. L'attuale offerta di posti letto in Italia in alloggi per studenti è stimata in oltre 60 mila unità: la maggior parte di essi (66%) è gestita da strutture regionali nell'ambito del Dsu (Diritto allo studio universitario), il 15% da operatori privati, l'11% direttamente dalle università, mentre il restante 8% è gestito da strutture private o pubbliche di student housing.\r\n\r\nConfrontando il dato relativo al numero di studenti fuori sede con l’offerta di posti letto in alloggi per studenti emerge come in Europa ci sia una domanda potenziale a cui non corrisponde un’offerta di questa tipologia per circa 2,2 milioni di posti letto. In Italia, in particolare, l’offerta di alloggi risponde attualmente a circa il 20% della domanda potenziale, con circa 260 mila posti letto che servirebbero per soddisfarla completamente. Da considerare poi l’eterogeneità dell’offerta che vede nella Penisola un numero limitato di studentati moderni, comparabili con quelli di altri mercati maturi a livello europeo. Considerando poi le principali città universitarie monitorate, Firenze presenta il dato di copertura più elevato (47%), mentre le città con una minore copertura, a fronte anche dell’elevato numero di studenti, sono Bologna (22%) e Roma (10%). Padova, Torino e Milano presentano una domanda soddisfatta poco al di sotto del 30%. In particolare, il caso del capoluogo lombardo va ponderato anche alla luce di un numero maggiore di studenti fuori sede e internazionali e dell’attrattività della città dal punto di vista universitario, elemento che ha favorito lo sviluppo di una pipeline significativa per i prossimi anni. Si stima che entro il 2025 verranno completati quasi 20 mila posti letto in tutte le principali città italiane: Milano e Torino registrano il più alto numero in pipeline, circa 7 mila a Milano e 4.100 a Torino, seguiti da Roma (2.700) e Firenze (circa 2.050). La futura disponibilità di alloggi per studenti entro il 2025 nelle principali città è stimata in quasi 49 mila posti letto: circa il 60% è già esistente, il 26% è pianificato, il 14% è in costruzione e una piccola parte in fase di ristrutturazione.\r\n\r\n“Rispetto al panorama internazionale il mercato dello student housing italiano è ancora giovane, ma con grandi potenzialità” commenta Antonio Fuoco, head of living capital markets di Jll Italia -. I posti letto che si prevede di aggiungere al mercato entro il 2025 sono quasi 20 mila, di cui il 34% già in costruzione. Più della metà della pipeline è concentrata a Milano e Torino, ma anche in altre città sono previsti diversi progetti entro i prossimi tre anni. Il gap tra la domanda e l'offerta offerta rimane ampio, soprattutto in località come Roma e Bologna, che presentano significative opportunità di sviluppo del settore. Sul fronte capital markets, il settore dello student housing è ancora agli inizi, anche se ci aspettiamo che la domanda degli investitori aumenti nei prossimi mesi. Tra le ragioni principali, la sua capacità di resistere a un'inflazione più elevata e il fatto di essere meno ciclica di altre asset class immobiliari, la crescita dei canoni e la maggiore facilità di implementazione di strategie esg. Infine, la crescita di questo mercato è estremamente importante in momenti di difficoltà dei mercati finanziari per la sua natura difensiva\".","post_title":"Cresce lo student housing in Italia: in arrivo 20 mila nuovi posti letto entro il 2025","post_date":"2022-12-06T12:47:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670330878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435481","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_338791\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Andrea Incondi[/caption]\r\n\r\nIn vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio.\r\n\r\nL’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente.\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima.\r\n\r\nGrazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km.\r\n\r\nCon «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia.\r\n\r\nCosì, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa.\r\n\r\n«La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia.\r\nLe scelte personali contano\r\nNonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque.\r\n\r\nCiononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose.\r\n\r\nLa ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti.\r\n\r\nIniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più.\r\n\r\nDel resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale.","post_title":"Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas","post_date":"2022-12-06T10:37:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670323040000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435471","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un fam trip per entrare in sintonia con la destinazione e apprezzare la varietà di programmi e la  qualità dei servizi offerti: guide, trasporti, ristorazione e hotels. A chiusura di un anno di forte ripresa, Kuda Tour Operator ha ospitato in Marocco un selezionato numero di agenti provenienti da varie regioni italiane.\r\n\r\nDal 24 al 29 novembre 2022, l'itinerario si è sviluppato tra Casablanca, Rabat e Marrakech \"ed è stato impreziosito da esperienze accolte con grande interesse ed entusiasmo da tutti i partecipanti\", racconta una nota dell'operatore capitolino. Oltre alla visita di alcuni alberghi, gli agenti hanno sperimentato il deserto di Agafay, osservato le tecniche di cucina dei principali piatti marocchini con una cooking class ad hoc e, infine, per consolidare l'amicizia tra i nostri Paesi, hanno fatto visita all’associazione Atlas Kinder, che accoglie bambini abbandonati, per la consegna dei doni: \"Un momento molto toccante e condiviso da tutti\".\r\n\r\n\"Ad accompagnare gli agenti per tutto il viaggio - prosegue la nota - erano presenti il direttore commerciale, Giancarlo Brunamonti, e il responsabile vendite, Angelo Massimetti, che si sono impegnati a rendere indimenticabile l'evento sotto ogni punto di vista. Siamo altresì soddisfatti, in quanto il clima di amicizia e condivisione tra tutti i partecipanti è stata un’altra importante compagna di viaggio. Un grazie a tutti i meravigliosi colleghi/e agenti e ai partner Royal Air Maroc e Visit Morocco\".","post_title":"Kuda: fam trip in Marocco per chiudere un anno di grande ripresa","post_date":"2022-12-06T09:44:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670319846000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435468","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' arrivata a New York in vista della cerimonia di battesimo prevista per domani presso il Manhattan Cruise Terminal la Seascape, nuova ammiraglia della flotta Msc. L'unità sarà la prima nave della compagnia a essere battezzata nella grande Mela, rendendo così omaggio al nuovo importante ruolo di New York quale homeport di Msc Crociere negli Stati Uniti, a partire da aprile 2023.\r\n\r\nLa Seascape per i suoi itinerari non farà tuttavia base nella grande Mela. Offrirà invece due diversi itinerari di sette notti nei Caraibi con partenza da Miami: Caraibi orientali, con scalo a Ocean Cay Msc Marine Reserve e Nassau alle Bahamas, San Juan a Porto Rico e Puerto Plata nella Repubblica Dominicana; Caraibi occidentali, con scalo a Ocean Cay Msc Marine Reserve, Cozumel in Messico, George Town nelle isole Cayman e Ocho Rios in Giamaica.","post_title":"La Msc Seascape è arrivata a New York in vista della cerimonia di battesimo di domani","post_date":"2022-12-06T09:34:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670319263000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435454","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Nuovo poker di Air Serbia sull'Italia che aprirà quattro nuove destinazioni per l'estate 2023: la compagnia collegherà Belgrado con Catania, Napoli, Firenze e Palermo arrivando ad un totale di 10 destinazioni nel nostro Paese. Tutte e quattro le città saranno servite con 2 voli alla settimana - i biglietti sono già in vendita -, operati da Airbus A319 e A320.\r\n\"Stiamo continuamente introducendo nuove destinazioni per la stagione estiva - ha dichiarato Boško Rupić, general manager commercial and strategy di Air Serbia -. La nostra presenza in Italia aumenterà ancora grazie a 4 nuove destinazioni che offriranno ai nostri passeggeri la possibilità di godere di diverse tipologie di vacanza. Questo è solo l'inizio e ci saranno altre ottime notizie da Air Serbia nei prossimi giorni\". \r\nLa rotta per Catania decollerà il 14, seguita da quelle verso Napoli il 19 maggio, Firenze dal 20 maggio e infine Palermo dal 14 giugno.\r\nIntanto, lo scorso novembre, Air Serbia ha trasportato più di 200.000 passeggeri sui voli di linea e charter, il numero di passeggeri più altro per quel mese dal 2013, quando la compagnia ha iniziato ad operare con il nome attuale. Si tratta di una crescita del 15% del numero di passeggeri trasportati rispetto al novembre 2019.\r\n\"Nei primi 11 mesi di quest'anno, abbiamo trasportato più di 2.500.000 passeggeri, 1 milione in più rispetto allo scorso anno. Se guardiamo indietro, l'anno di maggior successo per Air Serbia fu il 2019 quando, nel periodo tra gennaio e novembre, avevamo trasportato solo il 4% di passeggeri in più rispetto a quest'anno. Stiamo continuamente monitorando i trend e ci auguriamo che i buoni risultati del 2022 siano l'inizio di un 2023 ancora migliore\".","post_title":"Air Serbia aggiunge quattro nuove destinazioni in Italia per l'estate 2023","post_date":"2022-12-06T09:15:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670318154000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435429","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce ancora la \"famiglia\" di Inside Marche Live, l'Associazione dei tour operator incoming delle Marche, che si è ritrovata ad Ancona per la sua Assemblea di fine anno. Superato il periodo più difficile di sempre per il turismo a livello internazionale, gli operatori marchigiani dell'incoming si sono incontrati per una riunione operativa con il direttore dell’Agenzia regionale del turismo Marco Bruschini, per fare il punto sulla stagione e programmare le attività del 2023.\r\n\r\nDieci punti sul tavolo delle istituzioni regionali, alle quali è stato chiesto a gran voce in prima battuta una concertazione delle azioni da svolgere per il comparto e una forte collaborazione alle istituzioni, per salvaguardare aziende dotate di professionalità che devono prepararsi per la prossima stagione, superando le varie crisi di questi anni, da quella pandemica a quella energetica ed economica ed in particolare nelle Marche con i vari accadimenti (dall'alluvione al terremoto).\r\n\r\nINSIDE MARCHE LIVE CRESCE\r\n\r\nNel frattempo si programmano le azioni future e il numero di aziende associate ad Inside Marche Live cresce ancora, con l'ingresso di 2 nuovi soci qualificati: entrano infatti i tour operator Rurally di Maiolati Spontini (AN) specializzato nel turismo rurale ed outdoor e GISMI di Monteurano (FM) specializzato nel luxury travel, superando quota 30 associati e contribuendo a confermare l'Associazione Inside Marche Live quale la più rappresentativa del mondo del turismo organizzato marchigiano nonché interlocutore privilegiato per le istituzioni regionali e nazionali.\r\n\r\nGli operatori stanno già lavorando per definire le azioni promozionali che andranno a svolgere nel 2023 e hanno iniziato per questo un confronto con l'Agenzia del turismo alla Regione Marche per definire e condividere insieme il Piano Promozionale.\r\n\r\nIl ruolo della nuova Agenzia Regionale del turismo e dell'internazionalizzazione è il tema principale del confronto con la Regione Marche ed i soci di Inside Marche Live sono impegnati per elaborare proposte e suggerimenti.\r\n\r\nLE PROPOSTE ALLA REGIONE MARCHE\r\n\r\nTra le proposte si segnalano queste: si chiede un aumento delle risorse nei bandi dedicati al settore sia per la promozione che per incentivare i flussi turistici in bassa stagione, si propone una collaborazione per l'organizzazione di fiere e workshop, promuovendo più eventi promozionali, si chiede inoltre di stanziare risorse cospicue per riqualificare le strutture ricettive nel territorio delle Marche che necessitano di ammodernamento, si chiede di aprire un tavolo con Aeroporto di Ancona per stabilire quali siano le rotte da attivare per incentivare il turismo in entrata e di definire un vero piano strategico del turismo a medio lungo termine, in modo da poter lavorare in sinergia programmando per tempo le azioni e gli interventi.\r\n\r\nIL COLLOQUIO CON LA REGIONE\r\n\r\nIl Direttore Marco Bruschini si è detto disponibile al confronto ed ha definito gli operatori incoming «un interlocutore fondamentale per tutta la filiera del turismo regionale e non solo, perché le istituzioni devono lavorare nell'interesse delle imprese».\r\n\r\nNelle prossime settimane Inside Marche live parteciperà al confronto sul piano annuale del turismo, e contribuirà grazie all'esperienza dei propri associati a presentare un \"position paper\" di proposte relative al comparto del turismo organizzato, che rimane ancora oggi uno dei più colpiti dalla pandemia, ma anche tra quelli con maggiori potenzialità di sviluppo. Il futuro del turismo delle Marche è già iniziato.","post_title":"Inside Marche Live: nuovi soci e progetti in vista del confronto con la Regione sul piano promozionale 2023","post_date":"2022-12-05T15:30:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670254218000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435439","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435440\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Blu Hotel Acquaseria[/caption]\r\n\r\nIl periodo del ponte dell'Immacolata è il tradizionale appuntamento con la riapertura delle strutture neve. Non fa eccezione Blu Hotels che, dopo un'estate con presenze record, riparte per la stagione invernale. Il 3 dicembre il Blu Hotel Natura & Spa di Folgaria è stato quindi il primo ad accogliere i propri ospiti. La struttura, da quest’anno adults only, è rinomata per la ricca proposta di trattamenti dedicata a chi desidera concedersi, dopo una giornata sulla neve, momenti di relax nell’atmosfera calda e avvolgente della My Vitalis Wellness & Spa.  Novità dell’inverno 2022/2023, l’ampliamento dell’area esterna con sauna e vasche idromassaggio.\r\n\r\nDal 7 dicembre sarà invece la volta dell’hotel Rezia situato in pieno centro a Bormio. A disposizione degli ospiti anche un ristorante à la carte con piatti tipici valtellinesi e una private spa con sauna finlandese, bagno turco, docce sensoriali e una piacevole area relax. Sempre il 7 dicembre aprirà poi alla stagione invernale il Blu Hotel Acquaseria, situato a pochi metri dal centro storico di Ponte di Legno che, grazie alla posizione strategica, permette agli ospiti di trascorrere le loro giornate sulle piste della ski area Ponte di Legno-Tonale comprese tra i 1.121 metri e i 3 mila metri, per poi rilassarsi nella spa dell'albergo.\r\n\r\nA tu per tu con il ghiacciaio, la vacanza ad alta quota è garantita pure al Blu Hotel Senales: Zirm-Cristal di Maso Corto. Con accesso diretto agli impianti di risalita della val Senales, l’albergo è già pronto a ricevere i propri ospiti, garantendo loro una vacanza in Alto Adige, fra sci, escursioni e tanto benessere nella Blu Aqua Wellness & Spa. Il Linta Hotel Wellness & Spa di Asiago, il Golf Hotel di Folgaria, il Grand Hotel Misurina dell’omonima località e il Grand Hotel del Parco di Pescasseroli, a poca distanza dal parco Nazionale degli Abruzzi, apriranno infine la loro stagione invernale il prossimo 23 dicembre.","post_title":"Con il ponte dell'Immacolata riparte la stagione invernale firmata Blu Hotels","post_date":"2022-12-05T13:55:14+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670248514000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti