13 June 2024

Baia Holiday cresce sul Garda con il campeggio Gasparina

[ 0 ]

Il campeggio Gasparina di Castelnuovo del Garda è l’ultima new entry griffata Baia Holiday, che in questo modo raddoppia la propria offerta nell’area in cui si trova anche il proprio quartier generale, nel centro storico di Salò. Unico camping nella località, il Gasparina si trova letteralmente a un passo da Gardaland. Il complesso va quindi ad affiancare lo storico concept village Piccola Gardiola di San Felice del Benaco, collocato sul tratto più a sud della costa orientale.

“Da tempo ambivamo ad avere una nuova struttura in un’area come il lago di Garda che per noi è estremamente importante, sia per la nostra storia e sia per la nostra attività – spiega l’amministratore delegato di Baia Holiday, Valerio Vezzola -. Il campeggio Gasparina è perfetto per la nostra formula di ospitalità che, oltre ai servizi di eccellente livello, prevede l’inserimento in un bel contesto naturalistico e molto verde. Non vediamo l’ora di declinarla al meglio anche in questa struttura e di creare per gli ospiti magnifiche occasioni per scoprire un territorio letteralmente unico. Avere questo campeggio nel nostro portfolio di strutture ci permetterà, inoltre, di creare nuove e strategiche sinergie con la sponda veneta del Benaco”.

Tra gli asset, figura la disponibilità di maxicaravan che affiancano le piazzole e di un comodo accesso diretto alla spiaggia sul lago. Da un punto di vista delle dotazioni, che includono il bar La Barchetta con vista sul lago, il ristorante-pizzeria Oasi e un market, spicca il parco acquatico con piscina semi-olimpionica, area idromassaggio e piscina per bambini. Tra le caratteristiche interessanti da sottolineare anche il suo essere pet-friendly.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469185 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte bene la nuova stagione di Gardaland, che si è aperta con una crescita degli abbonamenti per il parco del 20% rispetto al 2023. "L'anno scorso abbiamo finalmente superato i livelli pre-Covid del 2019 - racconta il direttore operativo del resort gardesano, Alessandra Zanoni, in occasione dell'evento di presentazione della nuova attrazione Wolf Legend -. E anche il 2024 è cominciato sotto i migliori auspici, anche se il maltempo ha rallentato un po' i flussi. Ciononostante siamo comunque in linea con le aspettative. Speriamo quindi che con il miglioramento del meteo si riesca ad andare persino oltre le previsioni". Le novità 2024 non si fermano peraltro alla drop and twist tower che ha preso il posto del Sequoia Magic Loop: "Abbiamo inserito pure una serie di nuovi show, tra cui uno spettacolo di magia chiamato Impossible!. Ed è stata rinforzata la street animation, per venire incontro a una precisa richiesta del nostro pubblico". [caption id="attachment_469196" align="alignright" width="300"] Sabrina de Carvalho. Dietro si scorge Wolf Legend, novità 2024 del parco[/caption] Tra gli obiettivi di quest'anno c'è quindi quello di incrementare ulteriormente la quota di visitatori internazionali, che nel 2023 sono già cresciuti di quasi il 20% e oggi arrivano a pesare per il 30% dei circa 3 milioni di visitatori annuali di Gardaland. "Oltre all'area dei paesi di lingua tedesca, la cosiddetta regione Dach da sempre attratta dalla destinazione Garda  - aggiunge l’amministratore delegato, Sabrina de Carvalho -, stiamo registrando un aumento dei flussi dalla Francia, dall'Inghilterra e dalla Croazia". La quota estera è molto importante soprattutto per la parte hospitality del resort. Nei tre alberghi del parco circa il 46% degli ospiti proviene infatti da oltre confine. "Per rafforzare ulteriormente i flussi dall'estero, abbiamo anche recentemente assunto un nuovo international sales manager, che sta lavorando molto con i tour operator stranieri. Fortunatamente non siamo stati però toccati dal fallimento di Fti Touristik". Ma il futuro di Gardaland passa pure da piani particolarmente ambiziosi, con l'obiettivo di diventare un punto di riferimento del mercato dei parchi d'intrattenimento europei. Come già rivelato l'anno scorso, il masterplan del resort, data la  scarsa disponibilità di terreni edificabili nelle immediate adiacenze, prevede una serie di ulteriori sviluppi in zone separate rispetto al nucleo originario: "Prevediamo di poter annunciare la prima novità nel 2028", anticipa in conclusione di intervista Sabrina de Carvalho. [post_title] => Parte bene il 2024 di Gardaland. Focus sui mercati internazionali [post_date] => 2024-06-10T15:14:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718032479000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469148 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la presenza  di limehome in Italia. L'operatore tedesco ibrido-digitale di hotel e appartamenti si espande a Verona e a Roma, dopo Milano, Lecce e la stessa capitale. La strutture scaligera si trova in particolare in via XX Settembre e viene chiamata la Vigna in Città, perché ospita nel cortile interno appunto una vigna che ha più di 100 anni, nel cuore del quartiere Veronetta. Le 14 unità dispongono di due balconi e cinque parcheggi a uso privato e saranno operative dopo l’estate. L’edificio di Roma è situato in via Fortebraccio, a due minuti di distanza a piedi dalla stazione Pigneto e a 20 minuti di metro da tutte le maggiori attrazioni storico-artistiche del centro città. All’interno del palazzo sono previsti 11 serviced apartments in un contesto residenziale che vanta cinque giardini interni privati e quattro ampi balconi a uso degli ospiti. Anche questi saranno operativi dopo l’estate. “Siamo entusiasti di annunciare queste nuove aperture e vogliamo proseguire il nostro percorso di crescita sul mercato italiano. Il nostro è un modello molto flessibile, che ci permette di adottare la modalità di gestione più opportuna a seconda della città, dell’immobile e del tipo di domanda, spaziando dai serviced apartments, fino a residenze turistico alberghiere e hotel, valutando quindi interi edifici dotati di accesso indipendente di varie dimensioni e proponendo un abito su misura - spiega Alessandro Giuffrè, country manager Italia di limehome -. Siamo quindi sempre alla ricerca di immobili e studiamo attivamente diverse opportunità lungo tutto lo Stivale, sia in città principali, sia nelle cosiddette secondarie con grande potenziale, dove miriamo a portare un prodotto a gestione professionale che possa soddisfare le esigenze sia del businessman, sia del turista che viaggia con la propria famiglia”. La rapida espansione in Italia va di pari passo con l’ampliamento del portfolio europeo, aumentato di quasi il 14% nel primo trimestre del 2024. La maggior parte dei nuovi contratti di locazione è stata stipulata in Austria, Portogallo, Spagna e Italia e ha permesso a limehome di raggiungere 6.800 appartamenti in dieci Paesi. [post_title] => Cresce la presenza limehome in Italia: new entry a Verona e a Roma [post_date] => 2024-06-10T11:45:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718019937000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469077 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il brand One&Only raddoppia in Grecia con l'apertura ufficiale del Kéa Island alle Cicladi, nel cuore dell'Egeo, a soli 45 minuti di speedboat da Atene. La novità segue il One&Only Aesthesis, ad Atene, aperto nel 2023. Posizionato su un promontorio e su una spiaggia di 65 ettari lungo la costa occidentale dell’isola di Kéa, il complesso comprende 63 Cliff villa da una o due camere da letto con viste sul paesaggio dell’isola e sul mare. Sul versante opposto della baia, si trova una selezione di 40 One&Only private homes disponibili per l’acquisto. Tutte le soluzioni di soggiorno sono state progettate dall'architetto John Heah, rispettando lo stile tradizionale di Kéa, utilizzando pietra locale e marmo greco. Il resort mira a valorizzare la cucina locale collaborando con artigiani, agricoltori e pescatori per offrire prodotti stagionali e tradizioni dell'isola. Il ristorante Atria offre piatti greci sofisticati, mentre il lounge Kosmos serve bevande e cocktail con vista sul mare. Al bar a bordo piscina Kaiki, gli ospiti possono gustare snack e cocktail con vista sull'Egeo; al wine bar Èpicora vengono proposti formaggi, salumi e una selezione di vini pregiati. Il bar speakeasy Incognito, inoltre, offre una selezione esclusiva di rum e whisky. Il Bond Beach Club regala poi agli ospiti un'atmosfera vivace sulla spiaggia, con una varietà di sapori mediterranei, cocktail, musica curata e dj set. Il resort organizza anche serate Panigiri all'aperto, ispirate alle tradizionali feste estive greche, con musica dal vivo e specialità di carne alla griglia. La One&Only Spa, in collaborazione con Subtle Energies, propone poi una vasta gamma di servizi, tra cui vasche per la terapia watsu, piscine fredde, saune e una piscina con vista sul mare, con la possibilità di scegliere anche tra numerosi trattamenti ispirati alla mitologia greca. Per i soggiorni attivi, il Club One offre servizi fitness, campi da tennis e padel, mentre il KidsOnly Club organizza attività creative per i giovani ispirate alle leggende dell'isola. [post_title] => One&Only raddoppia in Grecia con il Kéa Island alle Cicladi [post_date] => 2024-06-07T12:22:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717762920000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469017 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' l'hotel Shelley e delle Palme Bw Signature Collection di Lerici l'ultima new entry ligure di Bwh Hotels Italia & Malta. La struttura, che dispone di 45 camere, metà delle quali interamente riqualificate nel mese di aprile 2024, è affacciata sul golfo dei Poeti. «Lerici e i suoi dintorni sono una eccezionale integrazione alle nostre destinazioni – dichiara Fabrizio Doria, chief development officer del gruppo –. Siamo estremamente soddisfatti dello sviluppo dell’offerta leisure del nostro network con strutture localizzate in mete strategiche e di grande richiamo». La struttura è pet-friendly e dispone del ristorante Delle Palme dotato di terrazza per la bella stagione. L'offerta è alla carta, con pescato fresco. Le spiagge distano pochi passi con accesso diretto tramite la terrazza panoramica. A disposizione pure un solarium riservato, un bar, un garage coperto con 13 posti auto situato a 200 metri di distanza dall’albergo. Oltre che sulla terrazza, meeting, matrimoni ed eventi privati possono essere organizzati anche in un salone con vista sul golfo e nella mansarda dell'hotel dominante la baia.  A soli cinque minuti a piedi si raggiunge infine il porto dal quale partono i traghetti per Portofino e Portovenere.   [post_title] => Cresce la presenza Bwh in Liguria con l'hotel Shelley e delle Palme Bw Signature Collection di Lerici [post_date] => 2024-06-07T09:54:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717754053000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nella Terra dello Slow Mix,  con Visit Emilia, tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, un itinerario unico nel regno del libro, si può percorrere un itinerario a tappe nel mondo dell’editoria tra antico e contemporaneo, ammirando biblioteche storiche, musei che svelano gli albori della stampa, collezioni di editori illuminati, arti tipografiche, codici medievali ma anche innovative produzioni editoriali moderne. A Parma, il viaggio nell’editoria può cominciare dal Complesso Monumentale della Pilotta, dove il Museo Bodoniano vanta di essere il più antico museo della stampa in Italia. È intitolato al tipografo Giambattista Bodoni ed ospita una fabbrica del libro con strumenti da lavoro dell’officina tipografica originali, edizioni uniche e rare anche in seta e pergamena, un carteggio di 12mila lettere, 80mila pezzi della stamperia Bodoni, e tantissimi documenti. Sempre alla Pilotta c’è un altro luogo straordinario: la Biblioteca Palatina, dove Franco Maria Ricci (1937-2020), celebre editore e collezionista d’arte, incontrò Giambattista Bodoni, innamorandosi della sua arte, a cui rese omaggio con la ristampa del Manuale tipografico, l’abbecedario sublime che inaugurerà il catalogo della casa editrice sognata. Oggi le sue opere sono custodite in un monumento unico nel suo genere: il Labirinto della Masone, il più grande labirinto al mondo che si trova a Fontanellato. Ancora a Parma, bisogna visitare la splendida Biblioteca monumentale benedettina dell’Abbazia di San Giovanni. La sala principale offre alla vista affreschi cinquecenteschi sulle volte, ritraenti un complesso panorama della sapienza umana e della giustizia. Le pitture parietali riproducono carte geografiche tra cui una del Ducato di Parma e Piacenza celebrativa della Signoria dei Farnese. Spostandosi a Noceto (PR) si scopre un altro tesoro: il Museo della Tipografia Fernando Libassi, dove ammirare antiche attrezzature, macchine da stampa solo italiane (una particolarità per il periodo) costruite artigianalmente. A Piacenza, l’itinerario nel mondo dell’editoria può proseguire al Museo della Stampa del quotidiano Libertà, giornale piacentino tra i più antichi d’Italia, con gli strumenti tipografici utilizzati fino agli anni ’80 e poi caduti in disuso, fra cui le storiche macchine compositrici, come Linotypes, Nebitype, Ludlow e tante chicche. Un vero e proprio gioiello editoriale si trova nella storica Biblioteca Passerini Landi di Piacenza: il Codice Landiano 190, considerato il manoscritto più antico di data certa della Divina Commedia di Dante. Un’ altra perla rara è il Codice 65 o Libro del Maestro, da scoprire nel bellissimo Museo Kronos della Cattedrale di Piacenza, seguendo il percorso che conduce verso la cupola affrescata da Guercino. Si tratta di un manoscritto pergamenaceo del XII secolo, tra i più importanti d’Europa e noto per la liturgia a livello internazionale.  Nel borgo di Bobbio (PC), uno dei Borghi più Belli d’Italia, l’Abbazia di San Colombano espone antichi codici e un nuovo Scriptorium, ricostruito sull'impronta di quelli originali e la digitalizzazione di 15 codici trascritti da monaci bobbiensi e collocati nella biblioteca Ambrosiana di Milano, che si possono “sfogliare” in un’ottima risoluzione. Tra i piacentini che si sono distinti in ambito editoriale, Giana Anguissola è sicuramente tra le scrittrici contemporanee più amate. A lei è dedicato il concorso letterario nazionale omonimo a Travo, in Val Trebbia, incentrato sulla letteratura per ragazzi, ed anche la biblioteca comunale per ragazzi di Piacenza. A Reggio Emilia, dove il contemporaneo è in continuo dialogo con la storia, la Biblioteca comunale dedicata ad Antonio Panizzi, esule reggiano che attorno alla metà del secolo scorso organizzò la prestigiosa biblioteca del British Museum a Londra, si rivela non solo come luogo molto amato dagli abitanti della città, ma anche location di eventi, esposizioni ed incontri. A Luzzara (RE) sulle rive del fiume Po, c’è il Centro Culturale Zavattini, che dal 2015 ha preso il testimone della biblioteca comunale, nata grazie ad una importante donazione, oggi Fondo Zavattini. Dedicato al celebre scrittore, pittore e motivatore culturale Cesare Zavattini, considerato il maggior rappresentante del Neorealismo italiano, il Centro Culturalepromuove una vasta serie di rassegne ed eventi culturali, percorsi e laboratori didattici, progetti espositivi, pubblicazioni, oltre al servizio di biblioteca. La diffusione dell’opera di Cesare Zavattini è uno dei principali obiettivi di Fondazione Un Paese, che consapevole dell’importanza della conservazione storica, riflette sulla contemporaneità.   ­ [post_title] => Visit Emilia, tour alla scoperta del mondo dell'editoria nella Terra dello Slow Mix [post_date] => 2024-06-07T08:44:35+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717749875000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468987 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una destinazione in salute, che cresce di anno in anno con ritmi persino sorprendenti. Nell'era post-Covid l'Africa si sta rivelando come una delle mete più gettonate del portfolio Quality. "E' l'area che si è ripresa più velocemente - ha spiegato il direttore commerciale del consorzio torinese, Marco Peci, in occasione di un evento milanese dedicato alla programmazione del to di casa, Il Diamante -. E non solo per noi: i dati Unwto dicono che nel 2022 i flussi verso l'Africa avevano già raggiunto l'83% dei volumi pre-pandemia, quando la media globale si fermava al 75%. L'anno successivo si è quindi giunti al 96% con alcuni Paesi che hanno persino superato i livelli del 2019: l'Etiopia era per esempio sopra del 30%, il Marocco del 12%, la Tanzania del 20%". I motivi alla base di tanto successo sono molteplici. A cominciare dal vastissimo patrimonio naturalistico del continente: un tema, quello della natura, che dopo l'esperienza pandemica è diventato uno dei driver principali della domanda turistica a livello mondiale. E poi c'è la questione della percezione di pericolo: durante gli anni del Covid, infatti, le notizie negative sull'Africa sono state relativamente limitate, garantendo alla destinazione una sensazione di maggior tranquillità rispetto ad altre aree del globo più colpite dal virus. “È interessante notare – ha concluso Peci – come quest’anno abbia ripreso piede anche la tendenza di abbinare il soggiorno balneare nell’oceano Indiano agli itinerari sul continente. Un segnale importante, perché significa che la destinazione sta ritornando ad avere una popolarità a 360 gradi, estesa pure alla domanda più prettamente leisure e non solo a quella collegata ai viaggiatori più motivati, Nei primi cinque mesi dell’anno i tour e safari da noi organizzati sono infatti aumentati dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2023, ma tale percentuale sale al 68% se parliamo di combinati con estensioni alle Seychelles o a Mauritius”. La programmazione del Diamante tocca la maggior parte delle nazioni, tanto nell’Africa Australe quanto in quella Equatoriale. In generale, le prenotazioni relative alle partenze da gennaio a luglio 2024 sono aumentate del 20% rispetto al pari periodo del 2023, mentre i passeggeri in viaggio negli stessi sette mesi dell'anno mostrano un + 14%. [post_title] => Quality - Il Diamante: l'Africa protagonista dei viaggi post-Covid [post_date] => 2024-06-06T12:55:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717678507000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468890 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce l’interesse dei turisti per La Spezia e le sue bellezze. I dati lo confermano, evidenziando un aumento degli incassi derivanti dalla Tassa di Soggiorno per il Comune del 33% nei mesi da gennaio ad aprile del 2024, ma che avevano già registrato una significativa crescita anche nel 2023, riconfermata dai dati dell’anno corrente.  «Questo significativo aumento degli incassi - spiega il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini - conferma la crescita del turismo della nostra città, già avvenuto significativamente nel 2023, ed è un altro passo avanti verso la destagionalizzazione del flusso turistico. La Spezia, anno dopo anno, sta diventando una meta scelta dai turisti e non più una città di passaggio, grazie alle sue bellezze naturali, al patrimonio culturale e ai numerosi eventi organizzati durante tutto l’anno. Questo risultato è soprattutto il frutto di un progetto portato avanti nel corso dei due mandati, che ha visto il recupero della nostra storia con il progetto 'La Spezia Forte', il potenziamento dei Servizi Culturali e dei Musei Civici, e al turismo nautico, a quello esperienziale, l’outdoor e molto altro. I dati positivi di questi primi mesi del 2024 ci motivano a continuare su questa strada, migliorando ulteriormente i servizi offerti ai visitatori, promuovendo le eccellenze del nostro territorio e continuando a lavorare per un turismo di Area Vasta, portando avanti il progetto dell’Area Ligure-Apuana, in sinergia con gli altri comuni della Lunigiana e della Garfagnana».   [post_title] => La Spezia, turismo in crescita: +33% dalla Tassa di Soggiorno [post_date] => 2024-06-06T11:36:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717673798000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468945 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Amareclub Baia dei Turchi il nuovo 4 stelle che ha aperto lo scorso 1° giugno sulla spiaggia della località salentina omonima, situata a tre chilometri da Otranto. Sostravel si è infatti aggiudicata, attraverso il suo brand Amare.travel, la commercializzazione in esclusiva worldwide delle 78 camere del resort per i prossimi tre anni. La proprietà rimarrà aperta sino al 21 settembre è riservata a una clientela over 18. A soli 1.500 metri dal resort, si trova la spiaggia parte dell’oasi protetta laghi di Alimini, attrezzata con ombrelloni e lettini dedicati agli ospiti dell’hotel. E grazie al servizio navetta incluso nella club card, gli ospiti possono raggiungere comodamente la spiaggia in pochi minuti. Le stanze sono arredate in stile etnico-minimalista e possono accomodare fino a tre persone. Il ristorante Pascià offre colazione e cena a buffet, proponendo una cucina mediterranea variegata e ricercata. Una volta alla settimana gli ospiti possono gustare una cena a tema, tipica salentina. Inoltre, è possibile scegliere di aggiungere anche il beach lunch, un pranzo con scelta da menù, servito direttamente in spiaggia. Bar, pool bar, area lettura, angolo tisaneria e parcheggio interno recintato completano l'offerta, insieme a un'area relax, per massaggi e trattamenti estetici. [post_title] => Ad Amare.travel la commercializzazione del nuovo resort salentino Baia dei Turchi [post_date] => 2024-06-06T10:59:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717671577000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468876 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Questo articolo con il turismo ha poco a che fare se non il fatto che si parla del ministro del turismo Daniela Santanchè. Allora i fatti sono questi: ieri quando abbiamo avuto la notizia che Jannik Sinner è il nuovo numero uno del tennis mondiale, la Santanchè ha fatto un post di questa natura. Ha riportato un'immagine della Gazzetta dello sport aggiungendo la scritta: Orgoglio tricolore.  Ma non l'è bastato e ha continuato: "Avviso tutti quelli che parlano male dell'Italia, record di turisti, Sinner numero uno. Sarà un caso ma si respira un'aria nuova". Insomma se Sinner è numero uno lo si deve anche a quest'aria nuova. Allora che dire dell'Atalanta e di Gasperini che hanno vinto l'Europa League? Anche lì c'era l'aria nuova, anzi nuovissima. E la Fiorentina che è stata finalista della Conference League? Bagnaia E Pecco Bagnaia dove lo vogliamo mettere? Dicono che ad ogni soprasso ringrazia quest'aria nuova. E di sorpassi ne fa tanti. Ogni sorpasso, un'aria nuova. Per non parlare della pallavolo femminile che si sta facendo valere proprio grazie a tutta questa aria nuovissima. Si figuri, il ministro, che Paola Egonu ha battuto il record di schiacciate mandando il pallone a 116 km all'ora. E a proposito di questa aria, devo dire la verità, anche io, che di solito in primavera soffro di parecchi malanni, quest'anno sto benissimo. Niente mal di testa, niente allergia. Che meraviglia. Tutti noi conoscevamo l'acqua di Lourdes, ma ora c'è anche l'aria nuova della Santanchè. [post_title] => Santanchè e l'aria nuova che fa vincere l'Italia e gli sportivi [post_date] => 2024-06-05T12:51:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717591898000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "baia holiday cresce sul garda con il campeggio gasparina" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":41,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":744,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469185","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte bene la nuova stagione di Gardaland, che si è aperta con una crescita degli abbonamenti per il parco del 20% rispetto al 2023. \"L'anno scorso abbiamo finalmente superato i livelli pre-Covid del 2019 - racconta il direttore operativo del resort gardesano, Alessandra Zanoni, in occasione dell'evento di presentazione della nuova attrazione Wolf Legend -. E anche il 2024 è cominciato sotto i migliori auspici, anche se il maltempo ha rallentato un po' i flussi. Ciononostante siamo comunque in linea con le aspettative. Speriamo quindi che con il miglioramento del meteo si riesca ad andare persino oltre le previsioni\".\r\n\r\nLe novità 2024 non si fermano peraltro alla drop and twist tower che ha preso il posto del Sequoia Magic Loop: \"Abbiamo inserito pure una serie di nuovi show, tra cui uno spettacolo di magia chiamato Impossible!. Ed è stata rinforzata la street animation, per venire incontro a una precisa richiesta del nostro pubblico\".\r\n\r\n[caption id=\"attachment_469196\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Sabrina de Carvalho. Dietro si scorge Wolf Legend, novità 2024 del parco[/caption]\r\n\r\nTra gli obiettivi di quest'anno c'è quindi quello di incrementare ulteriormente la quota di visitatori internazionali, che nel 2023 sono già cresciuti di quasi il 20% e oggi arrivano a pesare per il 30% dei circa 3 milioni di visitatori annuali di Gardaland. \"Oltre all'area dei paesi di lingua tedesca, la cosiddetta regione Dach da sempre attratta dalla destinazione Garda  - aggiunge l’amministratore delegato, Sabrina de Carvalho -, stiamo registrando un aumento dei flussi dalla Francia, dall'Inghilterra e dalla Croazia\".\r\n\r\nLa quota estera è molto importante soprattutto per la parte hospitality del resort. Nei tre alberghi del parco circa il 46% degli ospiti proviene infatti da oltre confine. \"Per rafforzare ulteriormente i flussi dall'estero, abbiamo anche recentemente assunto un nuovo international sales manager, che sta lavorando molto con i tour operator stranieri. Fortunatamente non siamo stati però toccati dal fallimento di Fti Touristik\".\r\n\r\nMa il futuro di Gardaland passa pure da piani particolarmente ambiziosi, con l'obiettivo di diventare un punto di riferimento del mercato dei parchi d'intrattenimento europei. Come già rivelato l'anno scorso, il masterplan del resort, data la  scarsa disponibilità di terreni edificabili nelle immediate adiacenze, prevede una serie di ulteriori sviluppi in zone separate rispetto al nucleo originario: \"Prevediamo di poter annunciare la prima novità nel 2028\", anticipa in conclusione di intervista Sabrina de Carvalho.","post_title":"Parte bene il 2024 di Gardaland. Focus sui mercati internazionali","post_date":"2024-06-10T15:14:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1718032479000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469148","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce la presenza  di limehome in Italia. L'operatore tedesco ibrido-digitale di hotel e appartamenti si espande a Verona e a Roma, dopo Milano, Lecce e la stessa capitale. La strutture scaligera si trova in particolare in via XX Settembre e viene chiamata la Vigna in Città, perché ospita nel cortile interno appunto una vigna che ha più di 100 anni, nel cuore del quartiere Veronetta. Le 14 unità dispongono di due balconi e cinque parcheggi a uso privato e saranno operative dopo l’estate.\r\n\r\nL’edificio di Roma è situato in via Fortebraccio, a due minuti di distanza a piedi dalla stazione Pigneto e a 20 minuti di metro da tutte le maggiori attrazioni storico-artistiche del centro città. All’interno del palazzo sono previsti 11 serviced apartments in un contesto residenziale che vanta cinque giardini interni privati e quattro ampi balconi a uso degli ospiti. Anche questi saranno operativi dopo l’estate.\r\n\r\n“Siamo entusiasti di annunciare queste nuove aperture e vogliamo proseguire il nostro percorso di crescita sul mercato italiano. Il nostro è un modello molto flessibile, che ci permette di adottare la modalità di gestione più opportuna a seconda della città, dell’immobile e del tipo di domanda, spaziando dai serviced apartments, fino a residenze turistico alberghiere e hotel, valutando quindi interi edifici dotati di accesso indipendente di varie dimensioni e proponendo un abito su misura - spiega Alessandro Giuffrè, country manager Italia di limehome -. Siamo quindi sempre alla ricerca di immobili e studiamo attivamente diverse opportunità lungo tutto lo Stivale, sia in città principali, sia nelle cosiddette secondarie con grande potenziale, dove miriamo a portare un prodotto a gestione professionale che possa soddisfare le esigenze sia del businessman, sia del turista che viaggia con la propria famiglia”.\r\n\r\nLa rapida espansione in Italia va di pari passo con l’ampliamento del portfolio europeo, aumentato di quasi il 14% nel primo trimestre del 2024. La maggior parte dei nuovi contratti di locazione è stata stipulata in Austria, Portogallo, Spagna e Italia e ha permesso a limehome di raggiungere 6.800 appartamenti in dieci Paesi.","post_title":"Cresce la presenza limehome in Italia: new entry a Verona e a Roma","post_date":"2024-06-10T11:45:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718019937000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469077","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il brand One&Only raddoppia in Grecia con l'apertura ufficiale del Kéa Island alle Cicladi, nel cuore dell'Egeo, a soli 45 minuti di speedboat da Atene. La novità segue il One&Only Aesthesis, ad Atene, aperto nel 2023. Posizionato su un promontorio e su una spiaggia di 65 ettari lungo la costa occidentale dell’isola di Kéa, il complesso comprende 63 Cliff villa da una o due camere da letto con viste sul paesaggio dell’isola e sul mare. Sul versante opposto della baia, si trova una selezione di 40 One&Only private homes disponibili per l’acquisto. Tutte le soluzioni di soggiorno sono state progettate dall'architetto John Heah, rispettando lo stile tradizionale di Kéa, utilizzando pietra locale e marmo greco.\r\n\r\nIl resort mira a valorizzare la cucina locale collaborando con artigiani, agricoltori e pescatori per offrire prodotti stagionali e tradizioni dell'isola. Il ristorante Atria offre piatti greci sofisticati, mentre il lounge Kosmos serve bevande e cocktail con vista sul mare. Al bar a bordo piscina Kaiki, gli ospiti possono gustare snack e cocktail con vista sull'Egeo; al wine bar Èpicora vengono proposti formaggi, salumi e una selezione di vini pregiati. Il bar speakeasy Incognito, inoltre, offre una selezione esclusiva di rum e whisky.\r\n\r\nIl Bond Beach Club regala poi agli ospiti un'atmosfera vivace sulla spiaggia, con una varietà di sapori mediterranei, cocktail, musica curata e dj set. Il resort organizza anche serate Panigiri all'aperto, ispirate alle tradizionali feste estive greche, con musica dal vivo e specialità di carne alla griglia. La One&Only Spa, in collaborazione con Subtle Energies, propone poi una vasta gamma di servizi, tra cui vasche per la terapia watsu, piscine fredde, saune e una piscina con vista sul mare, con la possibilità di scegliere anche tra numerosi trattamenti ispirati alla mitologia greca. Per i soggiorni attivi, il Club One offre servizi fitness, campi da tennis e padel, mentre il KidsOnly Club organizza attività creative per i giovani ispirate alle leggende dell'isola.","post_title":"One&Only raddoppia in Grecia con il Kéa Island alle Cicladi","post_date":"2024-06-07T12:22:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717762920000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469017","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" E' l'hotel Shelley e delle Palme Bw Signature Collection di Lerici l'ultima new entry ligure di Bwh Hotels Italia & Malta. La struttura, che dispone di 45 camere, metà delle quali interamente riqualificate nel mese di aprile 2024, è affacciata sul golfo dei Poeti.\r\n\r\n«Lerici e i suoi dintorni sono una eccezionale integrazione alle nostre destinazioni – dichiara Fabrizio Doria, chief development officer del gruppo –. Siamo estremamente soddisfatti dello sviluppo dell’offerta leisure del nostro network con strutture localizzate in mete strategiche e di grande richiamo».\r\n\r\nLa struttura è pet-friendly e dispone del ristorante Delle Palme dotato di terrazza per la bella stagione. L'offerta è alla carta, con pescato fresco. Le spiagge distano pochi passi con accesso diretto tramite la terrazza panoramica. A disposizione pure un solarium riservato, un bar, un garage coperto con 13 posti auto situato a 200 metri di distanza dall’albergo. Oltre che sulla terrazza, meeting, matrimoni ed eventi privati possono essere organizzati anche in un salone con vista sul golfo e nella mansarda dell'hotel dominante la baia.  A soli cinque minuti a piedi si raggiunge infine il porto dal quale partono i traghetti per Portofino e Portovenere.\r\n\r\n ","post_title":"Cresce la presenza Bwh in Liguria con l'hotel Shelley e delle Palme Bw Signature Collection di Lerici","post_date":"2024-06-07T09:54:13+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717754053000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468988","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nella Terra dello Slow Mix,  con Visit Emilia, tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, un itinerario unico nel regno del libro, si può percorrere un itinerario a tappe nel mondo dell’editoria tra antico e contemporaneo, ammirando biblioteche storiche, musei che svelano gli albori della stampa, collezioni di editori illuminati, arti tipografiche, codici medievali ma anche innovative produzioni editoriali moderne.\r\n\r\nA Parma, il viaggio nell’editoria può cominciare dal Complesso Monumentale della Pilotta, dove il Museo Bodoniano vanta di essere il più antico museo della stampa in Italia. È intitolato al tipografo Giambattista Bodoni ed ospita una fabbrica del libro con strumenti da lavoro dell’officina tipografica originali, edizioni uniche e rare anche in seta e pergamena, un carteggio di 12mila lettere, 80mila pezzi della stamperia Bodoni, e tantissimi documenti. Sempre alla Pilotta c’è un altro luogo straordinario: la Biblioteca Palatina, dove Franco Maria Ricci (1937-2020), celebre editore e collezionista d’arte, incontrò Giambattista Bodoni, innamorandosi della sua arte, a cui rese omaggio con la ristampa del Manuale tipografico, l’abbecedario sublime che inaugurerà il catalogo della casa editrice sognata. Oggi le sue opere sono custodite in un monumento unico nel suo genere: il Labirinto della Masone, il più grande labirinto al mondo che si trova a Fontanellato.\r\n\r\n Ancora a Parma, bisogna visitare la splendida Biblioteca monumentale benedettina dell’Abbazia di San Giovanni. La sala principale offre alla vista affreschi cinquecenteschi sulle volte, ritraenti un complesso panorama della sapienza umana e della giustizia. Le pitture parietali riproducono carte geografiche tra cui una del Ducato di Parma e Piacenza celebrativa della Signoria dei Farnese. Spostandosi a Noceto (PR) si scopre un altro tesoro: il Museo della Tipografia Fernando Libassi, dove ammirare antiche attrezzature, macchine da stampa solo italiane (una particolarità per il periodo) costruite artigianalmente.\r\n\r\nA Piacenza, l’itinerario nel mondo dell’editoria può proseguire al Museo della Stampa del quotidiano Libertà, giornale piacentino tra i più antichi d’Italia, con gli strumenti tipografici utilizzati fino agli anni ’80 e poi caduti in disuso, fra cui le storiche macchine compositrici, come Linotypes, Nebitype, Ludlow e tante chicche. Un vero e proprio gioiello editoriale si trova nella storica Biblioteca Passerini Landi di Piacenza: il Codice Landiano 190, considerato il manoscritto più antico di data certa della Divina Commedia di Dante.\r\n\r\nUn’ altra perla rara è il Codice 65 o Libro del Maestro, da scoprire nel bellissimo Museo Kronos della Cattedrale di Piacenza, seguendo il percorso che conduce verso la cupola affrescata da Guercino. Si tratta di un manoscritto pergamenaceo del XII secolo, tra i più importanti d’Europa e noto per la liturgia a livello internazionale. \r\n\r\n Nel borgo di Bobbio (PC), uno dei Borghi più Belli d’Italia, l’Abbazia di San Colombano espone antichi codici e un nuovo Scriptorium, ricostruito sull'impronta di quelli originali e la digitalizzazione di 15 codici trascritti da monaci bobbiensi e collocati nella biblioteca Ambrosiana di Milano, che si possono “sfogliare” in un’ottima risoluzione. Tra i piacentini che si sono distinti in ambito editoriale, Giana Anguissola è sicuramente tra le scrittrici contemporanee più amate. A lei è dedicato il concorso letterario nazionale omonimo a Travo, in Val Trebbia, incentrato sulla letteratura per ragazzi, ed anche la biblioteca comunale per ragazzi di Piacenza.\r\n\r\nA Reggio Emilia, dove il contemporaneo è in continuo dialogo con la storia, la Biblioteca comunale dedicata ad Antonio Panizzi, esule reggiano che attorno alla metà del secolo scorso organizzò la prestigiosa biblioteca del British Museum a Londra, si rivela non solo come luogo molto amato dagli abitanti della città, ma anche location di eventi, esposizioni ed incontri.\r\n\r\nA Luzzara (RE) sulle rive del fiume Po, c’è il Centro Culturale Zavattini, che dal 2015 ha preso il testimone della biblioteca comunale, nata grazie ad una importante donazione, oggi Fondo Zavattini. Dedicato al celebre scrittore, pittore e motivatore culturale Cesare Zavattini, considerato il maggior rappresentante del Neorealismo italiano, il Centro Culturalepromuove una vasta serie di rassegne ed eventi culturali, percorsi e laboratori didattici, progetti espositivi, pubblicazioni, oltre al servizio di biblioteca. La diffusione dell’opera di Cesare Zavattini è uno dei principali obiettivi di Fondazione Un Paese, che consapevole dell’importanza della conservazione storica, riflette sulla contemporaneità.\r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Visit Emilia, tour alla scoperta del mondo dell'editoria nella Terra dello Slow Mix","post_date":"2024-06-07T08:44:35+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1717749875000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468987","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una destinazione in salute, che cresce di anno in anno con ritmi persino sorprendenti. Nell'era post-Covid l'Africa si sta rivelando come una delle mete più gettonate del portfolio Quality. \"E' l'area che si è ripresa più velocemente - ha spiegato il direttore commerciale del consorzio torinese, Marco Peci, in occasione di un evento milanese dedicato alla programmazione del to di casa, Il Diamante -. E non solo per noi: i dati Unwto dicono che nel 2022 i flussi verso l'Africa avevano già raggiunto l'83% dei volumi pre-pandemia, quando la media globale si fermava al 75%. L'anno successivo si è quindi giunti al 96% con alcuni Paesi che hanno persino superato i livelli del 2019: l'Etiopia era per esempio sopra del 30%, il Marocco del 12%, la Tanzania del 20%\".\r\n\r\nI motivi alla base di tanto successo sono molteplici. A cominciare dal vastissimo patrimonio naturalistico del continente: un tema, quello della natura, che dopo l'esperienza pandemica è diventato uno dei driver principali della domanda turistica a livello mondiale. E poi c'è la questione della percezione di pericolo: durante gli anni del Covid, infatti, le notizie negative sull'Africa sono state relativamente limitate, garantendo alla destinazione una sensazione di maggior tranquillità rispetto ad altre aree del globo più colpite dal virus.\r\n\r\n“È interessante notare – ha concluso Peci – come quest’anno abbia ripreso piede anche la tendenza di abbinare il soggiorno balneare nell’oceano Indiano agli itinerari sul continente. Un segnale importante, perché significa che la destinazione sta ritornando ad avere una popolarità a 360 gradi, estesa pure alla domanda più prettamente leisure e non solo a quella collegata ai viaggiatori più motivati, Nei primi cinque mesi dell’anno i tour e safari da noi organizzati sono infatti aumentati dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2023, ma tale percentuale sale al 68% se parliamo di combinati con estensioni alle Seychelles o a Mauritius”.\r\n\r\nLa programmazione del Diamante tocca la maggior parte delle nazioni, tanto nell’Africa Australe quanto in quella Equatoriale. In generale, le prenotazioni relative alle partenze da gennaio a luglio 2024 sono aumentate del 20% rispetto al pari periodo del 2023, mentre i passeggeri in viaggio negli stessi sette mesi dell'anno mostrano un + 14%.","post_title":"Quality - Il Diamante: l'Africa protagonista dei viaggi post-Covid","post_date":"2024-06-06T12:55:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717678507000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468890","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cresce l’interesse dei turisti per La Spezia e le sue bellezze. I dati lo confermano, evidenziando un aumento degli incassi derivanti dalla Tassa di Soggiorno per il Comune del 33% nei mesi da gennaio ad aprile del 2024, ma che avevano già registrato una significativa crescita anche nel 2023, riconfermata dai dati dell’anno corrente. \r\n\r\n«Questo significativo aumento degli incassi - spiega il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini - conferma la crescita del turismo della nostra città, già avvenuto significativamente nel 2023, ed è un altro passo avanti verso la destagionalizzazione del flusso turistico. La Spezia, anno dopo anno, sta diventando una meta scelta dai turisti e non più una città di passaggio, grazie alle sue bellezze naturali, al patrimonio culturale e ai numerosi eventi organizzati durante tutto l’anno. Questo risultato è soprattutto il frutto di un progetto portato avanti nel corso dei due mandati, che ha visto il recupero della nostra storia con il progetto 'La Spezia Forte', il potenziamento dei Servizi Culturali e dei Musei Civici, e al turismo nautico, a quello esperienziale, l’outdoor e molto altro. I dati positivi di questi primi mesi del 2024 ci motivano a continuare su questa strada, migliorando ulteriormente i servizi offerti ai visitatori, promuovendo le eccellenze del nostro territorio e continuando a lavorare per un turismo di Area Vasta, portando avanti il progetto dell’Area Ligure-Apuana, in sinergia con gli altri comuni della Lunigiana e della Garfagnana».\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia, turismo in crescita: +33% dalla Tassa di Soggiorno","post_date":"2024-06-06T11:36:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1717673798000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468945","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Amareclub Baia dei Turchi il nuovo 4 stelle che ha aperto lo scorso 1° giugno sulla spiaggia della località salentina omonima, situata a tre chilometri da Otranto. Sostravel si è infatti aggiudicata, attraverso il suo brand Amare.travel, la commercializzazione in esclusiva worldwide delle 78 camere del resort per i prossimi tre anni. La proprietà rimarrà aperta sino al 21 settembre è riservata a una clientela over 18.\r\n\r\nA soli 1.500 metri dal resort, si trova la spiaggia parte dell’oasi protetta laghi di Alimini, attrezzata con ombrelloni e lettini dedicati agli ospiti dell’hotel. E grazie al servizio navetta incluso nella club card, gli ospiti possono raggiungere comodamente la spiaggia in pochi minuti.\r\n\r\nLe stanze sono arredate in stile etnico-minimalista e possono accomodare fino a tre persone. Il ristorante Pascià offre colazione e cena a buffet, proponendo una cucina mediterranea variegata e ricercata. Una volta alla settimana gli ospiti possono gustare una cena a tema, tipica salentina. Inoltre, è possibile scegliere di aggiungere anche il beach lunch, un pranzo con scelta da menù, servito direttamente in spiaggia. Bar, pool bar, area lettura, angolo tisaneria e parcheggio interno recintato completano l'offerta, insieme a un'area relax, per massaggi e trattamenti estetici.","post_title":"Ad Amare.travel la commercializzazione del nuovo resort salentino Baia dei Turchi","post_date":"2024-06-06T10:59:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1717671577000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468876","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Questo articolo con il turismo ha poco a che fare se non il fatto che si parla del ministro del turismo Daniela Santanchè. Allora i fatti sono questi: ieri quando abbiamo avuto la notizia che Jannik Sinner è il nuovo numero uno del tennis mondiale, la Santanchè ha fatto un post di questa natura. Ha riportato un'immagine della Gazzetta dello sport aggiungendo la scritta: Orgoglio tricolore.  Ma non l'è bastato e ha continuato: \"Avviso tutti quelli che parlano male dell'Italia, record di turisti, Sinner numero uno. Sarà un caso ma si respira un'aria nuova\".\r\n\r\nInsomma se Sinner è numero uno lo si deve anche a quest'aria nuova. Allora che dire dell'Atalanta e di Gasperini che hanno vinto l'Europa League? Anche lì c'era l'aria nuova, anzi nuovissima. E la Fiorentina che è stata finalista della Conference League?\r\nBagnaia\r\nE Pecco Bagnaia dove lo vogliamo mettere? Dicono che ad ogni soprasso ringrazia quest'aria nuova. E di sorpassi ne fa tanti. Ogni sorpasso, un'aria nuova. Per non parlare della pallavolo femminile che si sta facendo valere proprio grazie a tutta questa aria nuovissima. Si figuri, il ministro, che Paola Egonu ha battuto il record di schiacciate mandando il pallone a 116 km all'ora.\r\n\r\nE a proposito di questa aria, devo dire la verità, anche io, che di solito in primavera soffro di parecchi malanni, quest'anno sto benissimo. Niente mal di testa, niente allergia. Che meraviglia. Tutti noi conoscevamo l'acqua di Lourdes, ma ora c'è anche l'aria nuova della Santanchè.","post_title":"Santanchè e l'aria nuova che fa vincere l'Italia e gli sportivi","post_date":"2024-06-05T12:51:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717591898000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti