16 April 2024

Ryanair versus ota: la Corte d’appello di Milano dà ragione alla low cost

[ 0 ]

Punto a favore di Ryanair nell’annosa vertenza con le ota: la Corte d’Appello di Milano dà ragione alla low cost e respinge  le affermazioni di Lastminute e Viaggiare secondo cui il modello di distribuzione online esclusiva di Ryanair costituisce un abuso di posizione dominante. 

La Corte, riporta una nota della compagnia irlandese, ha confermato che il modello di distribuzione in esclusiva online di Ryanair era giustificato “in termini di contenimento dei costi operativi ed eliminazione dei costi legati all’intermediazione nella vendita dei biglietti. Ciò ha contribuito all’applicazione di tariffe competitive – che indubbiamente vanno a vantaggio anche dei consumatori – e alla possibilità di avere con essi un canale di comunicazione diretto per ogni eventuale necessità di informazioni e aggiornamenti sui voli. Non è stato accertato alcun danno per gli utenti…”. 

“Questa storica sentenza della Corte – ha commentato Dara Brady – ha rafforzato la determinazione di Ryanair nel perseguire giustizia per i nostri clienti e garantire che abbiano accesso alle tariffe più basse, che non subiscano sovrapprezzi da parte delle ota e che abbiano accesso diretto per gestire le loro prenotazioni e ricevere informazioni aggiornate sui voli. 

Incoraggiamo i nostri clienti a prenotare direttamente con noi. Ryanair si oppone fermamente alle ota che vendono abusivamente i nostri voli e fanno pagare prezzi eccessivi ai consumatori, ma è disposta a trattare con qualsiasi ota che si impegna a non sovraccaricare e ingannare i nostri passeggeri, come dimostrato dai nostri recenti accordi con Love Holidays e Kiwi”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465662 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_452071" align="alignright" width="300"] Pierluigi Di Palma, presidente Enac[/caption] Un 2023 da record per il traffico aereo in Italia: con oltre 197 milioni di passeggeri, lo scorso anno ha di fatto superato del 2% i numeri del 2019 e centrato una crescita del +20% rispetto al 2022. I numeri sono quelli del nuovo rapporto Enac: “La voglia di tornare a volare e superare le criticità economiche e sociali del periodo pandemico – commenta il presidente, Pierluigi Di Palma – è ulteriormente confermata dall’aumento del numero dei passeggeri e dalla ripresa del traffico aereo nel 2023, tendenza consolidata anche nei primi mesi di quest’anno. Il trasporto aereo è in asset sempre più importante per il Paese e si inserisce in un trend di crescita e innovazione tecnologica, sostenibile e green, della nuova mobilità aerea avanzata, il presente e il futuro del trasporto aereo”. L’aeroporto di Roma Fiumicino si conferma al primo posto per traffico passeggeri con circa 40,3 milioni e una quota del 20,4%. Il traffico domestico, con i suoi 68,6 milioni di passeggeri (pari al 35% del traffico passeggeri complessivo), ha registrato un incremento del +6% rispetto al 2022; il traffico internazionale, con 128,5 milioni di passeggeri (pari al 65% del traffico passeggeri complessivo), è cresciuto del +28% rispetto al 2022. La composizione del traffico per tipologia di vettore mostra come i voli low cost abbiano trasportato il 56% del totale passeggeri, pari a 110,2 milioni, sebbene risulti una flessione del -10% rispetto al 2022. Il traffico su vettori tradizionali si è, invece, attestato al 44%, pari a 86,8 milioni di passeggeri, con un incremento del +10% rispetto all’anno precedente. [post_title] => Enac: il 2023 ha superato i livelli pre-Covid con 197 mln di passeggeri in Italia [post_date] => 2024-04-16T15:08:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713280111000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465633 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_223023" align="alignleft" width="300"] Luca Zaia[/caption] "Il Veneto rappresenta ancora oggi la prima regione in Italia per produzione di vino, con 11 milioni di ettolitri su un dato nazionale di circa 56 milioni di ettolitri, ma soprattutto questo Veneto della viticoltura e dell'enologia copre il 36% dell'export nazionale, con 2,8 miliardi di euro, il vigneto oggi vale circa 100mila ettari, con una piccola flessione di superficie a vite, assolutamente fisiologico". Lo ha sottolineato il presidente del Veneto, Luca Zaia, all'inaugurazione del Vinitaly a Verona. Cosa sarebbe l'Italia e cosa sarebbe il Veneto "senza vino ?" "l vino - ha risposto ai cronisti Zaia - è da un lato produzione, dall'altro è paesaggio, dall'altro ancora è tutela del paesaggio, ma, fondamentale, il vino è identità. "E questo, per quanto riguarda questa regione, ci permette di dire che le due grandi industrie del Veneto, il turismo, l'enogastronomia in generale, e il vino, ne fanno la prima regione turistica d'Italia: 72 milioni di presenze, 18 miliardi di fatturato, tutte le destinazioni turistiche che crescono, e con un 70% di ospiti stranieri. La morale allora qual è: che dove si mangia e si beve male non si fa turismo". [post_title] => Luca Zaia: "Il vino, l'enogastronomia e il turismo vanno insieme" [post_date] => 2024-04-16T12:18:43+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713269923000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465595 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si svolgerà a La Spezia il 10, 11 e 12 maggio “DePortibus - Il festival dei porti che collegano il mondo”, grande evento europeo dedicato alla portualità. Il festival, ideato da RES Comunicazione, è organizzato da IBG e ADSP, con il patrocinio e il sostegno del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il patrocinio e il supporto di RAM, Comune della Spezia, Regione Liguria, Fondazione Carispezia, Marina Militare. Protagonista del festival, una tre giorni di incontri pubblici, sarà dunque la realtà portuale in tutte le sue sfaccettature e avrà luogo proprio nella città dove ha sede il secondo porto container gateway in Italia per accesso diretto ai mercati, sempre più di rilevanza internazionale. Tra gli obiettivi dell’evento, quello di riposizionare il “Porto” nel luogo che gli spetta di diritto, una realtà fondamentale nella determinazione della geografia del mondo. Il ricco programma di appuntamenti di DePortibus mostra le due anime della rassegna: una più tecnica, dedicata agli addetti ai lavori che affronteranno, tra gli altri, argomenti legati a porti verdi e sostenibilità, digitalizzazione, integrazione dei servizi, smart logistics e smart city, cyber security, shipping cities, rotte europee e molto altro; e una seconda anima più pop, con proposte culturali aperte a tutta la cittadinanza, tra spettacoli, concerti, cinema, laboratori, incontri con autori, arte e regate, che avranno come protagonisti i migliori interpreti della scena artistica, letteraria, musicale e d’informazione italiana. «La connessione tra porti e difesa è cruciale - spiega il viceministro Edoardo Rixi - per garantire la sicurezza delle rotte commerciali, la protezione delle infrastrutture portuali e la gestione delle minacce emergenti. Deportibus sarà l’occasione per affrontare temi chiave come la protezione delle infrastrutture critiche, la cooperazione internazionale per contrastare il traffico illegale e il terrorismo marittimo, nonché l'impiego di tecnologie avanzate per migliorare la sicurezza e l'efficienza portuale. Un'opportunità di scambio su conoscenze, esperienze e migliori pratiche per affrontare le sfide attuali e future nel settore marittimo».   «II porto riveste un ruolo da protagonista per La Spezia, la sua storia, la sua ricchezza e “De Portibus” rappresenta un'importante opportunità per la nostra città, che per tre giorni diventerà il punto di riferimento per affrontare svariate tematiche portuali con i principali protagonisti del mondo istituzionale, economico, scientifico, ambientale e culturale – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini –. Si tratta di un evento che abbiamo fortemente condiviso e che sarà anche l'occasione per approfondire». «L’Autorità di Sistema Portuale ha sposato appieno l’idea di questo evento - commenta Federica Montaresi, segretario generale dell'AdSP -  che affronta temi che stiamo sviluppando in modo incisivo nei nostri scali della Spezia e Marina di Carrara. È tangibile il nostro interesse per l’innovazione, la sostenibilità ambientale, la sicurezza, la formazione in ambito portuale, ecc. Tutti i nostri progetti e le nostre iniziative giocano a favore dei traffici e dello sviluppo dei porti, ma molti degli interventi che stiamo portando avanti vanno anche a favore delle città che ci ospitano. Per questo DePortibus avrà anche un programma trasversale che coinvolgerà la comunità urbana, i giovani, gli appassionati di arte, musica, letteratura». «DePortibus ha l’ambizione di raccontare il ruolo strategico dei porti nel mondo - conclude Cristiana Pagni, presidente di Italian Blue Growth -  Si parla troppo poco di portualità nel nostro Paese pur essendo un settore economico importante e trainante. Non puó esserci crescita senza shipping e specialmente senza il confronto con altre grandi realtà internazionali. DePortibus vuole essere questo: un punto di partenza nella scoperta e nel racconto di una realtà fondamentale, quella portuale nella determinazione della geografia del mondo».     [post_title] => De Portibus, a La Spezia dal 10 al 12 maggio Il "Festival dei Porti che collegano il mondo" [post_date] => 2024-04-16T11:54:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713268484000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465616 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel Relais Borgo Campello, struttura diffusa nel borgo medievale di Campello Alto (PG), si coniugano relax, natura e fascino dell’antico. Affacciato sulla valle spoletana e a pochi chilometri dalle suggestive Fonti del Clitunno, vicino alle principali città d’arte dell’Umbria, è anche luogo ideale per una vacanza undertourism, alla scoperta dei percorsi meno conosciuti dell’Umbria. Al Il Relais comprende le suite, minimal chic e dotate di ogni comfort, sono ricavate nelle antiche celle dei monaci e negli appartamenti del maniero. La Private Spa è un luogo riservato e intimo per concedersi un momento di relax dove la mente e il corpo riconquistano armonia ed equilibrio tra trattamenti estetici, sauna, cromoterapia e massaggi. Imperdibile la Soft-Hub, una mini piscina idromassaggio sulla grande terrazza, dove è possibile gustare un aperitivo di fronte al panorama unico della valle di Spoleto. Il ristorante Sapori nel Borgo: affacciato sulla vallata, propone un’esperienza gourmet indimenticabile, un viaggio tra antichi sapori e ricette locali tutte da gustare mentre si ammira il panorama mozzafiato dalla terrazza giardino. Per gli appassionati del food il relais organizza Chef per un giorno, corsi di cucina con le eccellenze tipiche come tartufi, salumi e formaggi, cioccolato; ma anche pic-nic con le prelibatezze locali e degustazioni dell’olio di oliva. D’estate sono molte le attività che si possono praticare, dai corsi di yoga e meditazione fra ulivi, querce, tigli e ippocastani, fino al barefooting con percorsi a piedi scalzi per ritrovare l’equilibrio di corpo e mente. Ma anche andare alla scoperta di pievi e borghi disseminati tra le colline seguendo ritmi slow mentre chi ama gli sport adrenalinici, a pochi chilometri scorre impetuoso il fiume Nera: con l’avventura del rafting si vivono emozioni fra ripide, suggestive gole, boschi e immense piane dai mille colori, esplorando angoli di natura altrimenti inaccessibili.     [post_title] => Relais Borgo Campello, vacanza slow nel cuore dell'Umbria [post_date] => 2024-04-16T11:36:41+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713267401000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465587 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea ha inaugurato la nuova rotta da Verona a Bordeaux, con due frequenze alla settimana, il mercoledì e il sabato, e un’offerta complessiva di più di 14.000 posti in vendita. Dopo i recenti nuovi voli inaugurati tre settimane fa – Comiso, Madrid, Praga, Copenaghen e Valencia - il vettore spagnolo rilancia dalla storica base veneta. «Con l’avvio del collegamento in esclusiva per Bordeaux mettiamo a segno un nuovo importante traguardo per la nostra base operativa di Verona – ha dichiarato Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. Attraverso queste nuove rotte, non solo accorciamo le distanze tra la città veneta e il resto d’Europa, ma supportiamo concretamente questo splendido territorio, incrementando i flussi di turisti incoming e sviluppando nuovo traffico. Infatti, non va dimenticato che a partire da settembre collegheremo Verona con il nuovissimo scalo di Salerno». Per festeggiare l’avvio della nuova rotta, durante il volo inaugurale di sabato scorso, i passeggeri hanno avuto l’opportunità di degustare a bordo l’elegante Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, apprezzando la tipologia Extra Dry mentre volavano verso la rinomata regione vinicola di Bordeaux. Questa esperienza unica si inserisce nel contesto della sponsorizzazione da parte del vettore del progetto “Via Sensoria”, che vede il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg e la Cité du Vin di Bordeaux insieme nella promozione delle eccellenze enologiche dei due territori. Per il 2024, presso lo scalo aeroportuale scaligero, l’offerta di Volotea comprende un totale di 20 rotte, 9 verso l’Italia (Alghero, Cagliari, Catania, Comiso, Lampedusa, Olbia, Palermo, Pantelleria e Salerno, quest'ultima da settembre prossimo) e 11 verso l’estero, 3 in Spagna (Barcellona, Madrid e Valencia), 3 in Grecia (Atene, Heraklion/Creta e Zante), 2 in Francia (Parigi Orly e Bordeaux), 1 in Germania (Berlino), 1 in Danimarca (Copenaghen) e 1 in Repubblica Ceca (Praga). [post_title] => Volotea operativa sulla Verona-Bordeaux con due voli alla settimana [post_date] => 2024-04-16T09:15:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713258930000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465563 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sfoggia un sorriso a 32 denti Riccardo Fantoni quando racconta i risultati del primo trimestre fiscale del momento Jump: una delle novità introdotte nell'ultimo contratto Costa, che permette alle agenzie di viaggio di scalare più rapidamente gli step delle commissioni base senza dover aspettare un intero anno prima di salire di livello. D'altronde il direttore commerciale Italia di Costa Crociere ha ottime ragioni per essere contento, visto che sono state "diverse decine la adv ad aver già superato la soglia annuale, in appena tre mesi di vendite". Un dato che ben testimonia di un inizio 2024 partito a gonfie vele per Costa, grazie a una domanda sostenuta. Anche le finestre di prenotazione sono tornate a registrare gli anticipi che tradizionalmente hanno sempre caratterizzato il settore. Trend in salita, insomma, supportati tra le altre cose dalla promozione massiccia lanciata lo scorso gennaio dedicata alla proposta all inclusive, accompagnata da una campagna mediatica ambiziosa, seguita dalla presenza a Sanremo con la Costa Smeralda. Un'iniziativa replicata in maniera simile pure ad aprile, tramite incentivi b2b e b2c con scadenza 13 maggio, per quella che Fantoni considera "la tariffa a maggior valore: quella che garantisce i migliori livelli di soddisfazione per i clienti finali". Bene anche le prime reazioni alla grande novità dell'anno: le Sea Destinations, ossia esperienze nelle quali il mare non è solo il mezzo attraverso cui si raggiungono le tappe della crociera, ma diventa un punto di vista privilegiato per vivere momenti suggestivi, che raccontano luoghi speciali compresi nella rotta della nave: "Gli ospiti le cominceranno a sperimentare direttamente dal prossimo mese di maggio, ma già oggi arrivano segnali estremamente positivi dal mercato - racconta Fantoni -. Le agenzie hanno fame di contenuti e, alla nostra rete commerciale sul territorio richiedono con un entusiasmo mai visto prima notizie e approfondimento sulla novità". Oltre alle Sea Destinations, il 2024 vedrà quindi il consolidamento soprattutto nei mesi di spalla delle Costa Voyages: crociere di durata lunga dedicate all'approfondimento delle destinazioni con soste più lunghe e scali anche in mete insolite. "Ma ci sarà pure la novità di Atene nuovo home port della Costa Fortuna, per itinerari verso Istanbul attraverso le isole greche di Mykonos, Santorini, Rodi e Creta. Continuiamo inoltre a monitorare le aree di nostra competenza, all'interno delle strategie del gruppo Carnival, per non lasciarci sfuggire alcuna opportunità futura".   [post_title] => Fantoni, Costa: inizio d’anno molto promettente [post_date] => 2024-04-16T08:02:38+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713254558000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465562 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="" align="alignright" width="300"] Luigi Bordoni, general manager, e Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly[/caption] «Offrire una supervisione totale sotto un aeromobile, da quando atterra a quando decolla e trasmettere la nostra professionalità a servizio dei tour operator e agenzie di viaggio, rappresentando le compagnie aeree di cui siamo gsa»: Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly, fotografa così la mission della società. «La nostra marcia in più è quella di essere il trait d'union fra la compagnia aerea e il tour operator, facendoci carico totalmente delle esigenze dei nostri clienti, cercando di arrivare a una soluzione direttamente con la sede laddove non riusciamo da soli, anche se questi casi sono veramente rari».   Attualmente Edograf rappresenta «una decina di compagnie, ma vorrei sottolineare con orgoglio anche la collaborazione con Wizz Air, per la quale curiamo le inspection per la supervisione dei voli.  La low cost che ha come obiettivo principale la puntualità, affida a noi il lavoro di capire meglio dove ci possano essere eventuali situazioni di stallo, che non permettano di raggiungere il 100% della puntualità, senza mai trascurare i tecnicismi sotto un aeromobile, il controllo totale dal check-in al gate, al monitoraggio della qualità servizi».   La società romana è anche gsa di Air Cairo, «he opera in diverse località egiziane, con un traffico in gran parte charterizzato su Sharm el Sheikh e Marsa Alam con molti tour operator. Zoccolo duro della nostra azienda ormai da anni è poi costituito dalla collaborazione con Air Albania che collega molte città italiane con Tirana e con la quale lavoriamo da numerosi aeroporti internazionali: per noi è un fiore all'occhiello  rappresentare questa compagnia aerea».   Ultima new entry è quella di «Turkmenistan Airlines, che ha affidato a noi lo sviluppo e la commercializzazione dei voli in partenza dall'Italia, a prezzi molto interessanti con buone coincidenze su alcune destinazioni del Sud-est asiatico. Un mercato diverso e di nicchia: a noi il compito di individuare i tour operator specializzati per questa tipologia di traffico».   Edograf, conclude la sales manager, «è presente in quasi in tutti gli aeroporti italiani con propri uffici, biglietterie e un call center a Pisa, operativo dalle 06.00 alle 23.00, che copre tutte le richieste dei nostri clienti». (q.f.)   [post_title] => Edograf: «Il nostro plus? Essere trait d'union fra le compagnie aeree e i tour operator» [post_date] => 2024-04-15T14:19:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713190759000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465497 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tal Aviation Group investe sul Sud-est asiatico con l'apertura di quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore, pronti a fornire la rappresentanza di compagnie aeree passeggeri e merci, compagnie di crociere, marchi di ospitalità e turismo, nonché società di tecnologia di viaggio. Una mossa che va a completare la rete globale della società e fornisce una base strategica per la crescita e lo sviluppo futuri nella regione. «L'apertura di questi nuovi uffici testimonia il nostro impegno nel fornire rappresentanza e supporto di alto livello ai nostri clienti in tutto il mondo. Siamo entusiasti delle opportunità in questa regione attiva e in rapida crescita» ha commentato  Ilan Bar Moshe, evp e cfo di Tal Aviation Group. «La regione è nota per la sua vivace cultura, paesaggi meravigliosi e un'industria del turismo in crescita - ha aggiunto  Vichita Ratanachinda, area manager per il Sud-est asiatico della società di rappresentanza -. Siamo fiduciosi che con la nostra esperienza e dedizione saremo in grado di aggiungere un valore significativo ai clienti e ai partner nella regione». [post_title] => Tal Aviation Group apre quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore [post_date] => 2024-04-15T10:08:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713175724000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ryanair versus ota la corte dappello di milano da ragione alla low cost" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":231,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1792,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465662","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_452071\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Pierluigi Di Palma, presidente Enac[/caption]\r\n\r\nUn 2023 da record per il traffico aereo in Italia: con oltre 197 milioni di passeggeri, lo scorso anno ha di fatto superato del 2% i numeri del 2019 e centrato una crescita del +20% rispetto al 2022.\r\n\r\nI numeri sono quelli del nuovo rapporto Enac: “La voglia di tornare a volare e superare le criticità economiche e sociali del periodo pandemico – commenta il presidente, Pierluigi Di Palma – è ulteriormente confermata dall’aumento del numero dei passeggeri e dalla ripresa del traffico aereo nel 2023, tendenza consolidata anche nei primi mesi di quest’anno. Il trasporto aereo è in asset sempre più importante per il Paese e si inserisce in un trend di crescita e innovazione tecnologica, sostenibile e green, della nuova mobilità aerea avanzata, il presente e il futuro del trasporto aereo”.\r\n\r\nL’aeroporto di Roma Fiumicino si conferma al primo posto per traffico passeggeri con circa 40,3 milioni e una quota del 20,4%.\r\n\r\nIl traffico domestico, con i suoi 68,6 milioni di passeggeri (pari al 35% del traffico passeggeri complessivo), ha registrato un incremento del +6% rispetto al 2022; il traffico internazionale, con 128,5 milioni di passeggeri (pari al 65% del traffico passeggeri complessivo), è cresciuto del +28% rispetto al 2022.\r\n\r\nLa composizione del traffico per tipologia di vettore mostra come i voli low cost abbiano trasportato il 56% del totale passeggeri, pari a 110,2 milioni, sebbene risulti una flessione del -10% rispetto al 2022. Il traffico su vettori tradizionali si è, invece, attestato al 44%, pari a 86,8 milioni di passeggeri, con un incremento del +10% rispetto all’anno precedente.","post_title":"Enac: il 2023 ha superato i livelli pre-Covid con 197 mln di passeggeri in Italia","post_date":"2024-04-16T15:08:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1713280111000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465633","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_223023\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Zaia[/caption]\r\n\r\n\"Il Veneto rappresenta ancora oggi la prima regione in Italia per produzione di vino, con 11 milioni di ettolitri su un dato nazionale di circa 56 milioni di ettolitri, ma soprattutto questo Veneto della viticoltura e dell'enologia copre il 36% dell'export nazionale, con 2,8 miliardi di euro, il vigneto oggi vale circa 100mila ettari, con una piccola flessione di superficie a vite, assolutamente fisiologico\". Lo ha sottolineato il presidente del Veneto, Luca Zaia, all'inaugurazione del Vinitaly a Verona.\r\n\r\nCosa sarebbe l'Italia e cosa sarebbe il Veneto \"senza vino ?\" \"l vino - ha risposto ai cronisti Zaia - è da un lato produzione, dall'altro è paesaggio, dall'altro ancora è tutela del paesaggio, ma, fondamentale, il vino è identità.\r\n\r\n\"E questo, per quanto riguarda questa regione, ci permette di dire che le due grandi industrie del Veneto, il turismo, l'enogastronomia in generale, e il vino, ne fanno la prima regione turistica d'Italia: 72 milioni di presenze, 18 miliardi di fatturato, tutte le destinazioni turistiche che crescono, e con un 70% di ospiti stranieri. La morale allora qual è: che dove si mangia e si beve male non si fa turismo\".","post_title":"Luca Zaia: \"Il vino, l'enogastronomia e il turismo vanno insieme\"","post_date":"2024-04-16T12:18:43+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713269923000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465595","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si svolgerà a La Spezia il 10, 11 e 12 maggio “DePortibus - Il festival dei porti che collegano il mondo”, grande evento europeo dedicato alla portualità.\r\n\r\nIl festival, ideato da RES Comunicazione, è organizzato da IBG e ADSP, con il patrocinio e il sostegno del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il patrocinio e il supporto di RAM, Comune della Spezia, Regione Liguria, Fondazione Carispezia, Marina Militare.\r\n\r\nProtagonista del festival, una tre giorni di incontri pubblici, sarà dunque la realtà portuale in tutte le sue sfaccettature e avrà luogo proprio nella città dove ha sede il secondo porto container gateway in Italia per accesso diretto ai mercati, sempre più di rilevanza internazionale. Tra gli obiettivi dell’evento, quello di riposizionare il “Porto” nel luogo che gli spetta di diritto, una realtà fondamentale nella determinazione della geografia del mondo.\r\n\r\nIl ricco programma di appuntamenti di DePortibus mostra le due anime della rassegna: una più tecnica, dedicata agli addetti ai lavori che affronteranno, tra gli altri, argomenti legati a porti verdi e sostenibilità, digitalizzazione, integrazione dei servizi, smart logistics e smart city, cyber security, shipping cities, rotte europee e molto altro; e una seconda anima più pop, con proposte culturali aperte a tutta la cittadinanza, tra spettacoli, concerti, cinema, laboratori, incontri con autori, arte e regate, che avranno come protagonisti i migliori interpreti della scena artistica, letteraria, musicale e d’informazione italiana.\r\n\r\n«La connessione tra porti e difesa è cruciale - spiega il viceministro Edoardo Rixi - per garantire la sicurezza delle rotte commerciali, la protezione delle infrastrutture portuali e la gestione delle minacce emergenti. Deportibus sarà l’occasione per affrontare temi chiave come la protezione delle infrastrutture critiche, la cooperazione internazionale per contrastare il traffico illegale e il terrorismo marittimo, nonché l'impiego di tecnologie avanzate per migliorare la sicurezza e l'efficienza portuale. Un'opportunità di scambio su conoscenze, esperienze e migliori pratiche per affrontare le sfide attuali e future nel settore marittimo».\r\n\r\n \r\n\r\n«II porto riveste un ruolo da protagonista per La Spezia, la sua storia, la sua ricchezza e “De Portibus” rappresenta un'importante opportunità per la nostra città, che per tre giorni diventerà il punto di riferimento per affrontare svariate tematiche portuali con i principali protagonisti del mondo istituzionale, economico, scientifico, ambientale e culturale – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini –. Si tratta di un evento che abbiamo fortemente condiviso e che sarà anche l'occasione per approfondire».\r\n\r\n«L’Autorità di Sistema Portuale ha sposato appieno l’idea di questo evento - commenta Federica Montaresi, segretario generale dell'AdSP -  che affronta temi che stiamo sviluppando in modo incisivo nei nostri scali della Spezia e Marina di Carrara. È tangibile il nostro interesse per l’innovazione, la sostenibilità ambientale, la sicurezza, la formazione in ambito portuale, ecc. Tutti i nostri progetti e le nostre iniziative giocano a favore dei traffici e dello sviluppo dei porti, ma molti degli interventi che stiamo portando avanti vanno anche a favore delle città che ci ospitano. Per questo DePortibus avrà anche un programma trasversale che coinvolgerà la comunità urbana, i giovani, gli appassionati di arte, musica, letteratura».\r\n\r\n«DePortibus ha l’ambizione di raccontare il ruolo strategico dei porti nel mondo - conclude Cristiana Pagni, presidente di Italian Blue Growth -  Si parla troppo poco di portualità nel nostro Paese pur essendo un settore economico importante e trainante. Non puó esserci crescita senza shipping e specialmente senza il confronto con altre grandi realtà internazionali. DePortibus vuole essere questo: un punto di partenza nella scoperta e nel racconto di una realtà fondamentale, quella portuale nella determinazione della geografia del mondo».\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"De Portibus, a La Spezia dal 10 al 12 maggio Il \"Festival dei Porti che collegano il mondo\"","post_date":"2024-04-16T11:54:44+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713268484000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465616","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel Relais Borgo Campello, struttura diffusa nel borgo medievale di Campello Alto (PG), si coniugano relax, natura e fascino dell’antico.\r\n\r\nAffacciato sulla valle spoletana e a pochi chilometri dalle suggestive Fonti del Clitunno, vicino alle principali città d’arte dell’Umbria, è anche luogo ideale per una vacanza undertourism, alla scoperta dei percorsi meno conosciuti dell’Umbria. Al\r\n\r\nIl Relais comprende le suite, minimal chic e dotate di ogni comfort, sono ricavate nelle antiche celle dei monaci e negli appartamenti del maniero.\r\n\r\nLa Private Spa è un luogo riservato e intimo per concedersi un momento di relax dove la mente e il corpo riconquistano armonia ed equilibrio tra trattamenti estetici, sauna, cromoterapia e massaggi. Imperdibile la Soft-Hub, una mini piscina idromassaggio sulla grande terrazza, dove è possibile gustare un aperitivo di fronte al panorama unico della valle di Spoleto.\r\n\r\nIl ristorante Sapori nel Borgo: affacciato sulla vallata, propone un’esperienza gourmet indimenticabile, un viaggio tra antichi sapori e ricette locali tutte da gustare mentre si ammira il panorama mozzafiato dalla terrazza giardino. Per gli appassionati del food il relais organizza Chef per un giorno, corsi di cucina con le eccellenze tipiche come tartufi, salumi e formaggi, cioccolato; ma anche pic-nic con le prelibatezze locali e degustazioni dell’olio di oliva.\r\n\r\nD’estate sono molte le attività che si possono praticare, dai corsi di yoga e meditazione fra ulivi, querce, tigli e ippocastani, fino al barefooting con percorsi a piedi scalzi per ritrovare l’equilibrio di corpo e mente. Ma anche andare alla scoperta di pievi e borghi disseminati tra le colline seguendo ritmi slow mentre chi ama gli sport adrenalinici, a pochi chilometri scorre impetuoso il fiume Nera: con l’avventura del rafting si vivono emozioni fra ripide, suggestive gole, boschi e immense piane dai mille colori, esplorando angoli di natura altrimenti inaccessibili.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Relais Borgo Campello, vacanza slow nel cuore dell'Umbria","post_date":"2024-04-16T11:36:41+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1713267401000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465587","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea ha inaugurato la nuova rotta da Verona a Bordeaux, con due frequenze alla settimana, il mercoledì e il sabato, e un’offerta complessiva di più di 14.000 posti in vendita. Dopo i recenti nuovi voli inaugurati tre settimane fa – Comiso, Madrid, Praga, Copenaghen e Valencia - il vettore spagnolo rilancia dalla storica base veneta.\r\n«Con l’avvio del collegamento in esclusiva per Bordeaux mettiamo a segno un nuovo importante traguardo per la nostra base operativa di Verona – ha dichiarato Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. Attraverso queste nuove rotte, non solo accorciamo le distanze tra la città veneta e il resto d’Europa, ma supportiamo concretamente questo splendido territorio, incrementando i flussi di turisti incoming e sviluppando nuovo traffico. Infatti, non va dimenticato che a partire da settembre collegheremo Verona con il nuovissimo scalo di Salerno».\r\nPer festeggiare l’avvio della nuova rotta, durante il volo inaugurale di sabato scorso, i passeggeri hanno avuto l’opportunità di degustare a bordo l’elegante Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, apprezzando la tipologia Extra Dry mentre volavano verso la rinomata regione vinicola di Bordeaux. Questa esperienza unica si inserisce nel contesto della sponsorizzazione da parte del vettore del progetto “Via Sensoria”, che vede il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg e la Cité du Vin di Bordeaux insieme nella promozione delle eccellenze enologiche dei due territori.\r\nPer il 2024, presso lo scalo aeroportuale scaligero, l’offerta di Volotea comprende un totale di 20 rotte, 9 verso l’Italia (Alghero, Cagliari, Catania, Comiso, Lampedusa, Olbia, Palermo, Pantelleria e Salerno, quest'ultima da settembre prossimo) e 11 verso l’estero, 3 in Spagna (Barcellona, Madrid e Valencia), 3 in Grecia (Atene, Heraklion/Creta e Zante), 2 in Francia (Parigi Orly e Bordeaux), 1 in Germania (Berlino), 1 in Danimarca (Copenaghen) e 1 in Repubblica Ceca (Praga).","post_title":"Volotea operativa sulla Verona-Bordeaux con due voli alla settimana","post_date":"2024-04-16T09:15:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713258930000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465563","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sfoggia un sorriso a 32 denti Riccardo Fantoni quando racconta i risultati del primo trimestre fiscale del momento Jump: una delle novità introdotte nell'ultimo contratto Costa, che permette alle agenzie di viaggio di scalare più rapidamente gli step delle commissioni base senza dover aspettare un intero anno prima di salire di livello. D'altronde il direttore commerciale Italia di Costa Crociere ha ottime ragioni per essere contento, visto che sono state \"diverse decine la adv ad aver già superato la soglia annuale, in appena tre mesi di vendite\". Un dato che ben testimonia di un inizio 2024 partito a gonfie vele per Costa, grazie a una domanda sostenuta. Anche le finestre di prenotazione sono tornate a registrare gli anticipi che tradizionalmente hanno sempre caratterizzato il settore.\r\n\r\nTrend in salita, insomma, supportati tra le altre cose dalla promozione massiccia lanciata lo scorso gennaio dedicata alla proposta all inclusive, accompagnata da una campagna mediatica ambiziosa, seguita dalla presenza a Sanremo con la Costa Smeralda. Un'iniziativa replicata in maniera simile pure ad aprile, tramite incentivi b2b e b2c con scadenza 13 maggio, per quella che Fantoni considera \"la tariffa a maggior valore: quella che garantisce i migliori livelli di soddisfazione per i clienti finali\".\r\n\r\nBene anche le prime reazioni alla grande novità dell'anno: le Sea Destinations, ossia esperienze nelle quali il mare non è solo il mezzo attraverso cui si raggiungono le tappe della crociera, ma diventa un punto di vista privilegiato per vivere momenti suggestivi, che raccontano luoghi speciali compresi nella rotta della nave: \"Gli ospiti le cominceranno a sperimentare direttamente dal prossimo mese di maggio, ma già oggi arrivano segnali estremamente positivi dal mercato - racconta Fantoni -. Le agenzie hanno fame di contenuti e, alla nostra rete commerciale sul territorio richiedono con un entusiasmo mai visto prima notizie e approfondimento sulla novità\".\r\n\r\nOltre alle Sea Destinations, il 2024 vedrà quindi il consolidamento soprattutto nei mesi di spalla delle Costa Voyages: crociere di durata lunga dedicate all'approfondimento delle destinazioni con soste più lunghe e scali anche in mete insolite. \"Ma ci sarà pure la novità di Atene nuovo home port della Costa Fortuna, per itinerari verso Istanbul attraverso le isole greche di Mykonos, Santorini, Rodi e Creta. Continuiamo inoltre a monitorare le aree di nostra competenza, all'interno delle strategie del gruppo Carnival, per non lasciarci sfuggire alcuna opportunità futura\".\r\n\r\n ","post_title":"Fantoni, Costa: inizio d’anno molto promettente","post_date":"2024-04-16T08:02:38+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713254558000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465562","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Luigi Bordoni, general manager, e Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly[/caption]\r\n\r\n«Offrire una supervisione totale sotto un aeromobile, da quando atterra a quando decolla e trasmettere la nostra professionalità a servizio dei tour operator e agenzie di viaggio, rappresentando le compagnie aeree di cui siamo gsa»: Rossella Sgobba, sales manager di Edograf Helpfly, fotografa così la mission della società.\r\n«La nostra marcia in più è quella di essere il trait d'union fra la compagnia aerea e il tour operator, facendoci carico totalmente delle esigenze dei nostri clienti, cercando di arrivare a una soluzione direttamente con la sede laddove non riusciamo da soli, anche se questi casi sono veramente rari».\r\n \r\nAttualmente Edograf rappresenta «una decina di compagnie, ma vorrei sottolineare con orgoglio anche la collaborazione con Wizz Air, per la quale curiamo le inspection per la supervisione dei voli.  La low cost che ha come obiettivo principale la puntualità, affida a noi il lavoro di capire meglio dove ci possano essere eventuali situazioni di stallo, che non permettano di raggiungere il 100% della puntualità, senza mai trascurare i tecnicismi sotto un aeromobile, il controllo totale dal check-in al gate, al monitoraggio della qualità servizi».\r\n \r\nLa società romana è anche gsa di Air Cairo, «he opera in diverse località egiziane, con un traffico in gran parte charterizzato su Sharm el Sheikh e Marsa Alam con molti tour operator. Zoccolo duro della nostra azienda ormai da anni è poi costituito dalla collaborazione con Air Albania che collega molte città italiane con Tirana e con la quale lavoriamo da numerosi aeroporti internazionali: per noi è un fiore all'occhiello  rappresentare questa compagnia aerea».\r\n \r\nUltima new entry è quella di «Turkmenistan Airlines, che ha affidato a noi lo sviluppo e la commercializzazione dei voli in partenza dall'Italia, a prezzi molto interessanti con buone coincidenze su alcune destinazioni del Sud-est asiatico. Un mercato diverso e di nicchia: a noi il compito di individuare i tour operator specializzati per questa tipologia di traffico».\r\n \r\nEdograf, conclude la sales manager, «è presente in quasi in tutti gli aeroporti italiani con propri uffici, biglietterie e un call center a Pisa, operativo dalle 06.00 alle 23.00, che copre tutte le richieste dei nostri clienti». (q.f.)\r\n ","post_title":"Edograf: «Il nostro plus? Essere trait d'union fra le compagnie aeree e i tour operator»","post_date":"2024-04-15T14:19:19+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713190759000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465497","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tal Aviation Group investe sul Sud-est asiatico con l'apertura di quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore, pronti a fornire la rappresentanza di compagnie aeree passeggeri e merci, compagnie di crociere, marchi di ospitalità e turismo, nonché società di tecnologia di viaggio.\r\n\r\nUna mossa che va a completare la rete globale della società e fornisce una base strategica per la crescita e lo sviluppo futuri nella regione.\r\n\r\n«L'apertura di questi nuovi uffici testimonia il nostro impegno nel fornire rappresentanza e supporto di alto livello ai nostri clienti in tutto il mondo. Siamo entusiasti delle opportunità in questa regione attiva e in rapida crescita» ha commentato  Ilan Bar Moshe, evp e cfo di Tal Aviation Group.\r\n\r\n«La regione è nota per la sua vivace cultura, paesaggi meravigliosi e un'industria del turismo in crescita - ha aggiunto  Vichita Ratanachinda, area manager per il Sud-est asiatico della società di rappresentanza -. Siamo fiduciosi che con la nostra esperienza e dedizione saremo in grado di aggiungere un valore significativo ai clienti e ai partner nella regione».","post_title":"Tal Aviation Group apre quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore","post_date":"2024-04-15T10:08:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713175724000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti