22 February 2024

O’Leary: “L’indagine dell’Autority italiana? Uno scherzo”

[ 0 ]
Ryanair

Micahel O'Leary, ceo di Ryanair

L’amministratore delegato del gruppo Ryanair, Michael O’Leary, parla con la tipica franchezza della decisione dell’Autorità per la concorrenza italiana di avviare un’indagine per verificare se la sua compagnia stia abusando della sua posizione dominante sul mercato, terza per importanza solo dopo l’Irlanda e Spagna.

Nelle dichiarazioni riportate da Reuters, O’Leary descrive il passo compiuto dalle autorità garanti della concorrenza del paese come uno “scherzo”. “È semplicemente la politica italiana”, sottolinea. Ma non finisce qui. Afferma che “c’è un gruppo di populisti che gira in tondo in Italia”.

Entrando a fondo nell’indagine, avverte che stanno commettendo un errore da manuale analizzando solo gli algoritmi dei telefoni cellulari quando “quasi il 60% dei voli vengono prenotati dai computer”. Insomma, l’azione del governo di Giorgia Meloni non ha senso e, evidentemente, non sembra preoccupare la compagnia aerea numero uno in Europa.

L’indagine è iniziata dopo che l’esecutivo italiano ha revocato il decreto volto a limitare il prezzo dei biglietti aerei per la Sardegna e la Sicilia, con il quale prevedeva che i prezzi non avrebbero mai superato la tariffa media di oltre il 200%. 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461902 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ritorniamo per un momento sui bonus vacanza, criticati aspramente da questo giornale fin dalla nascita, e vediamo cosa sta succedendo. Secondo la Guardia di Finanza di Napoli, vi sarebbe stata una maxitruffa da quasi 800mila euro sui buoni vacanze erogati dal ministero del turismo nel periodo dell'emergenza Covid, tra il 2020 e 2021. «Il flop del bonus vacanze lo abbiamo denunciato subito. Inoltre, già nel luglio del 2020 avevamo rilevato innumerevoli irregolarità e abusi, segnalandoli in un esposto all'Antitrust, chiedendo di accertare se le pratiche commerciali fossero scorrette», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori. «Alcuni albergatori applicavano tariffe differenziate a seconda che uno andasse in vacanza con bonus o senza. Insomma, un meccanismo e una procedura che consentivano troppi spazi di manovra agli albergatori. Un provvedimento nato male e, come dimostra l'indagine di oggi, finito peggio» conclude Dona. [post_title] => Flop bonus vacanza. E ora arriva anche la Guardia di Finanza [post_date] => 2024-02-20T11:02:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426970000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461229 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_458219" align="alignleft" width="300"] Francesco Di Cesare[/caption] Si alza il sipario sulla settima edizione di Shopping Tourism, il forum ideato e organizzato da Risposte Turismo in partnership con Enit. L'evento, in programma venerdì 23 febbraio presso il centro congressi della sede di Confcommercio Milano, torna nel capoluogo lombardo dopo cinque anni e sarà, ancora una volta, occasione di incontro, dibattito e business networking per gli operatori interessati a conoscere dinamiche, opportunità di business e prospettive future di un fenomeno turistico che vede nell’Italia una destinazione dalle grandi potenzialità. "La scelta di riportare a Milano Shopping Tourism è stata naturale perché la città è da sempre in testa, nell’immaginario collettivo e nelle scelte effettive, alla classifica delle mete ideali per una vacanza all’insegna dello shopping - spiega Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo -. L’edizione di quest’anno assume particolare importanza, perché si svolge all’interno della Settimana della moda: un appuntamento che accende i riflettori su un tassello fondamentale del made in Italy e dell’offerta commerciale del Paese". Ricco come sempre il programma del forum, che prevede una serie cospicua di appuntamenti tra presentazioni e tavole rotonde, a cui parteciperanno oltre trenta relatori in rappresentanza del mondo del turismo, del retail e del sistema moda. Dopo i saluti introduttivi, lo stesso di Cesare presenterà la nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor, il report di ricerca di Risposte Turismo, che dal 2016 offre informazioni aggiornate, risultati di indagini ad hoc, esami di casi di studio e ricognizioni di esperienze italiane ed estere di particolare interesse sul fenomeno. L'evento proseguirà con la tavola rotonda di apertura: La moda made In Italy come traino per lo shopping tourism, un momento di confronto e dibattito sulla centralità degli articoli fashion realizzati nel nostro Paese nelle decisioni di acquisto dello shopping tourist estero, che sceglie l’Italia come meta delle proprie vacanze. A seguire, il focus si sposterà sui luoghi dello shopping con la tavola rotonda Un punto fermo per lo shopping tourism: gli outlet. I relatori, al vertice di alcune delle principali realtà retail presenti nel nostro Paese, il secondo in Europa dopo il Regno Unito per numero di outlet (27) e per superficie commerciale (748 mila mq, + 130 mila mq tra il 2011 e il 2024), si confronteranno sulle possibili strategie e azioni per intercettare e soddisfare le esigenze della domanda dei turisti dello shopping. Con la tavola rotonda Le vie dello shopping: attrattori turistici sempre più forti, il forum darà poi voce alle associazioni territoriali delle cinque grandi destinazioni italiane  protagoniste dei flussi turistici internazionali (Firenze, Milano, Napoli, Roma e Venezia), per comprendere quali soluzioni sia possibile adottare con l’obiettivo di attrarre e soddisfare le esigenze dello shopping tourist. Nel pomeriggio, il forum riprenderà con la tavola rotonda Le città accolgono i turisti dello shopping, dove i rappresentanti di alcune città italiane si confronteranno sugli impegni e le azioni volte ad aumentare la capacità di attrazione e soddisfazione dei turisti dello shopping. A seguire, un focus sullo shopping all’aria aperta, con la presentazione di due casi: i mercatini di Natale di Bolzano, da anni tra i principali eventi turistici del nord Italia durante le festività natalizie, e i mercati cittadini, da sempre elemento caratterizzante l’offerta commerciale di tantissime città italiane. Tra i temi al centro del forum anche l’innovazione, con la tavola rotonda Tecnologia e creatività per gli shopping tourist, durante la quale si passeranno in rassegna alcuni degli strumenti che arricchiscono l’attività di shopping rendendola al contempo più divertente, nonché la domanda turistica emiratina, a cui sarà dedicata una presentazione di dati con discussione a seguire. Tra i relatori che hanno già confermato la propria partecipazione, Marco Barbieri, segretario generale Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza; Gabriele Bosi, assessore al Turismo comune di Prato; Pierluigi Cocchini, ceo Rinascente; Donatella Doppio, managing director Italy McArthurGlen; Giuseppe Faraldi, assessore al Turismo comune di Sanremo; Giulio Felloni, presidente Federmoda; Marco Funel, commercial manager Sea Prime – Aeroporti di Milano; Simona Leone, head of marketing, customer journey, ux & phygital Aeroporti di Roma; Barbara Manfredini, assessore al Turismo comune di Cremona; Gabriele Masselli, presidente associazione Esercizi storici fiorentini; Giorgio Motta, general manager The Mall Luxury Outlets; Saverio Mucci, vice president - government engagement lead Mastercard; Luca Nasi, direttore Arcus Real Estate; Carla Palone, assessore allo Sviluppo economico comune di Bari; Maria Letizia Rapetti, presidente associazione Via del Babuino Roma; Stefano Rizzi, managing director Italy Global Blue; Claudio Vernier, presidente associazione Piazza San Marco Venezia.   [post_title] => Al via a Milano il 23 febbraio l'edizione 2024 del forum Shopping Tourism: il programma dell'evento [post_date] => 2024-02-09T13:20:48+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707484848000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460905 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'ultima indagine di Skyscanner sulle  abitudini dei viaggiatori in relazione alle vacanze invernali, rivela che il 59% degli italiani si concede una vacanza d'inverno una volta l'anno. Il 19%, anche per ragioni di costo, sceglie di andare in vacanza nei mesi freddi piuttosto che d'estate, ma quello che sorprende rispetto agli altri Paesi analizzati (Francia, Spagna e Paesi Bassi), è che il 46% degli italiani, in controtendenza, sceglie le città d'arte e i borghi storici; solo il 29% dichiara di voler praticare sport sulla neve e quindi di scegliere la classica settimana bianca (a differenza del 43% europeo).   “Che siano piccole fughe per esplorare città europee o lunghi viaggi alla scoperta di mete e culture lontane, l’interesse degli italiani per i viaggi è in aumento di anno in anno: ad oggi, ad esempio, è cresciuto del 46% rispetto al 2023 - ha commentato Stefano Maglietta, Travel Expert di Skyscanner -. Nonostante le mete sciistiche rimangano un perno per molti turisti, la voglia di vedere città nuove, sfidando le basse temperature o rincorrendo il clima caldo, sta pian piano conquistando anche noi italiani.” Il prezzo rimane il principale fattore di scelta (60%):  il 77% degli intervistati prevede di mantenere o aumentare il budget rispetto all'anno precedente. Il 38% degli italiani preferisce organizzare le vacanze all'ultimo minuto, mentre il 46% pianifica di partire a inizio anno. [post_title] => Skyscanner: d'inverno sempre più italiani scelgono le città d'arte [post_date] => 2024-02-06T14:32:04+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707229924000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460642 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono ben cinque le manifestazioni di interesse arrivate ieri per entrare nell'azionariato dell'aeroporto di Genova: Msc, Costa Crociere, 777 Partners, Levorato Marcevaggi e la cordata Spinelli e Hapag-Lloyd. Tutti nomi di spicco: "L'affollamento di privati che bussano alla porta per avere un ruolo industriale, che sia legato alla logistica, al cargo o ai passeggeri, è segno dell'importanza dello scalo" ha commentato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, sottolineando che quella intrapresa "è la strada giusta". "Sono molto ottimista - ha proseguito Toti -, abbiamo investito molto sullo scalo anche in termini monetari, stiamo costruendo una parte importante della nuova aerostazione, che lo modernizzerà tutto, - evidenzia Toti - io sono certo che con la crescita delle crociere, i nostri porti, l'aeroporto di Genova nel prossimo futuro avrà sicuramente un balzo importante". La strategia del nuovo management punta a rendere il Cristoforo Colombo uno scalo funzionale alle esigenze del porto, sia per le merci sia per i passeggeri, considerando che entrambe le tipologie di traffico sono ancora sotto i livelli del 2019 nonostante la ripresa del turismo a livello globale e nonostante gli aeroporti italiani nel loro complesso abbiano segnato un nuovo record nel 2023. Un legame che si intende concretizzare rappresentando gli interessi specifici col trasferimento di quote azionarie di minoranza. Il controllo della società di gestione, infatti, dovrebbe restare in mano pubblica e in particolare dell’Autorità di sistema portuale che ad oggi ne detiene il 60%. Le manifestazioni di interesse, come chiarito nell’avviso dell’Aeroporto, non danno luogo “ad alcuna procedura selettiva né ad alcuna trattativa” e servono solo ad “acquisire una migliore conoscenza delle opportunità di mercato al fine di successive determinazioni della società”, in particolare la “eventuale successiva indizione di una formale gara tramite bando strutturato“. A quel punto la platea dei concorrenti potrebbe stringersi o allargarsi ulteriormente, a seconda delle condizioni che verranno poste.  [post_title] => L'aeroporto di Genova conquista i privati: 5 manifestazioni di interesse per il rilancio [post_date] => 2024-02-02T10:14:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706868891000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460484 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il segmento open-air pesa oggi per il 7%-8% del mercato italiano dell'ospitalità complessivo, per un valore di poco inferiore ai 3 miliardi di euro. Se si considera, invece, il mercato delle esperienze all’aria aperta (attività sportive e non, tour immersi nella natura e nei borghi), questo si assesta intorno a 1 miliardo di euro. Sono alcune delle evidenze emerse nell'ultima ricerca dell’osservatorio Travel innovation del Politecnico di Milano, giunto alla sua decima edizione, e di cui l'operatore open air Club del Sole è partner. “Ascoltare le esigenze dei consumatori e intercettare nuovi trend, anche grazie a questo tipo di indagini, ci ha permesso di crescere negli anni, attraverso nuovi progetti, un nuovo posizionamento e investimenti in digitalizzazione, nel miglioramento dell’offerta e dei servizi - spiega il direttore generale dell'operatore, Angelo Cartelli -. Nei prossimi anni, prevediamo di arricchire il nostro portfolio, consolidando destinazioni già presidiate e ricercando opportunità di interesse sia per la clientela estera, sia di destagionalizzazione, come il Trentino Alto-Adige, meta perfettamente in linea con la nostra visione.”. Oltre all’arricchimento dell’offerta, il gruppo stima un aumento dei ricavi consolidati, delle presenze e del numero dei dipendenti. Ed è proprio il capitale umano che Club del Sole considera il proprio investimento più significativo. L'obiettivo è creare una cultura aziendale solida e condivisa, migliorare le performance e coinvolgere maggiormente i team nel business del gruppo. Questa volontà si manifesta attraverso la promozione di attività di internal branding, l'istituzione della Club del Sole Academy come ente formativo interno, e il continuo potenziamento dei modelli organizzativi e dei sistemi di performance e comunicazione interna. [post_title] => Cartelli, Club del Sole: open air segmento in salute. Ascoltiamo il mercato per crescere meglio [post_date] => 2024-01-31T12:03:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706702593000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460267 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Brusca frenata dei profitti Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio in corso (chiuso lo scorso 31 dicembre) e successivo taglio delle previsioni di utile per l'intero anno fiscale. L’utile netto del gruppo è sceso del 93% a 14,8 milioni di euro, nonostante un aumento del fatturato del 17% a 2,7 miliardi di euro. Il risultato, chiarisce una nota della low cost irlandese, ha risentito, tra l’altro, dell’aumento dei costi del carburante (+35%) ma anche dell’aumento degli stipendi e delle tasse aeroportuali. «Mentre traffico e tariffe sono aumentati su anno, nel periodo che precede Natale e Capodanno i tassi di occupazione e i rendimenti sono stati inferiori alle aspettative in risposta all’improvviso (ma gradito) ritiro di Ryanair» da «siti online ’pirata’ di agenzie di viaggio» all’inizio di dicembre. Il ceo del gruppo, Michael O'Leary, aveva già avvertito che la mossa, da parte di aziende che aveva definito "pirati", avrebbe danneggiato la redditività del terzo trimestre. Ryanair ha dunque dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1,85 e 1,95 miliardi di euro per i 12 mesi fino alla fine di marzo: la cifra è inferiore rispetto alla precedente previsione di poco più di 2 miliardi di euro.  Sull’andamento del quarto trimestre, «tradizionalmente il più debole», influirà anche l’entrata in vigore di un accordo sull’aumento salariale dei piloti e la fine dei crediti di carbonio gratuiti.  La compagnia si aspetta una forte domanda per la stagione estiva, con tariffe ancora in rialzo, ma meno dello scorso anno. Infine, il ceo ha rimarcato il potenziale rischio residuo per le prospettive di crescita di Ryanair legato alla possibilità di ulteriori ritardi nella consegna dei nuovi aeromobili Boeing 787 Max 8. La low cost che ha un ordine di 300 Boeing, ha ricevuto 12 Boeing 737 8-200 nell’ultimo trimestre e si aspetta di riceverne altri 50 entro giugno, un numero inferiore rispetto alle previsioni di 57 consegne.     [post_title] => Conti in frenata nel trimestre di Ryanair, che taglia le previsioni di utile per l'anno [post_date] => 2024-01-29T11:22:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706527368000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460002 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dieci nuove rotte per l'estate firmata Ryanair da Milano: nel dettaglio, cinque da Bergamo - Beni Mellal, Castellon, Dubrovnik, Sarajevo e Skiathos - e cinque da Malpensa - Atene, Budapest, Parigi, Marrakech e Tallinn. A sottolineare la valenza del bacino di Milano il country manager Italia, Mauro Bolla, insieme al ceo del gruppo, Michael O'Leary. Si comincia da Milano Bergamo dove quest'anno Ryanair posiziona 23 aeromobili e opera un totale di 113 rotte con l'obiettivo di trasportare 15 milioni di passeggeri, il 13% in più rispetto all'anno precedente. Qui sono un migliaio i posti di lavoro diretti e oltre 11.800 quelli nell'indotto. A Malpensa sono otto i velivoli basati, per 36 rotte complessive, incluse le cinque new entry, e nel mirino ci sono 5 milioni di passeggeri, per una crescita di circa il +15%.   Complessivamente, quindi, quest'estate saranno 31 i Boeing 737 basati negli scali di Malpensa e Milano Bergamo con un investimento di circa 3.1 miliardi di dollari; il traffico generato sui due aeroporti sarà di 20 milioni di passeggeri, il 14% in più rispetto allo scorso anno.  [post_title] => Ryanair: dieci nuove rotte da Milano (Bergamo e Malpensa). Obiettivo 20 milioni di passeggeri [post_date] => 2024-01-24T10:23:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706091781000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459989 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair non molla la presa sul mercato italiano, territorio che oggi conta 29 aeroporti serviti dalla low cost, di cui 17 già basi, per un totale di oltre 775 rotte (una settantina quelle nuove) e che si prevede quest'anno generi un movimento di oltre 60 milioni di passeggeri, per una crescita dell'11%. Traguardo che nei prossimi sette anni sarebbe destinato a salire fino a 90 milioni di passeggeri. O forse più, qualora il Governo italiano si muova nella direzione della più volte richiesta "eliminazione dell'addizionale comunale". Quel mercato Italia dove Ryanair si conferma solidamente primo vettore verrà ulteriormente consolidato: "Ci saranno due nuove basi già quest'estate che saranno annunciate a breve" ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair Michael O'Leary, ieri a Milano per la presentazione dei nuovi investimenti su Milano e Roma. I rumors puntano i riflettori su Trieste e Reggio Calabria, ma il ceo non si sbilancia sulla scelta, mentre garantisce che arriveranno altri tasselli da aggiungere al puzzle italiano: le nuove basi saliranno "a cinque nell'arco dei prossimi cinque anni". E sono numeri da capogiro quelli citati da O'Leary a livello globale: nel mirino, al 2034, ci sono ben 300 milioni di passeggeri all'anno rispetto ai 184 milioni preventivati per quest'anno con una flotta di 600 velivoli. Flotta destinata a toccare quota 800 aeromobili, sempre nel 2034, con la sola incognita legata alle tempistiche di consegna da parte di Boeing. [post_title] => Ryanair presidia l'Italia: in arrivo altre quattro-cinque nuove basi [post_date] => 2024-01-24T09:34:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706088871000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459940 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione della conferenza per il lancio dell'operativo estivo di Ryanair, Michael O'Leary è entrato a gamba tesa, come sua consuetudine, su alcune questioni di scenario e di attualità. Le "Ota pirata" Una delle stoccate più importanti, Ryanair la riserva per la distribuzione, le Ota in particolare, che attuerebbero pratiche ingannevoli nei confronti degli utenti. «Abbiamo iniziato una battaglia perché continuano a fare sovrapprezzi importanti sui costi di Ryanair, anche del +300%, e anche costi ingiustificati che il vettore non applica ma che le Ota vendono» spiega il country manager, Mauro Bolla, mostrando una slide dal titolo 'Ota Pirata - esempi di truffa - Gen '24'. All'interno della slide, vengono mostrati i prezzi di portali come Kiwi.com, Opodo, eDreams, Lastminute.com, con i relativi incrementi di prezzo. [gallery columns="2" ids="459960,459961"] Il Governo danneggia la competitività dell'Italia La seconda stoccata è rivolta al Governo, che non aiuterebbe la connettività, «anzi la danneggia con l'addizionale comunale sui diritti d'imbarco - spiega -. L'italia è l'unico Paese dell'Unione europea a proporre questa tassa, che è ingiustificata e rende gli aeroporti non competitivi». Un balzello che ci metterebbe in una situazione di svantaggio rispetto a Paesi come Spagna, Portogallo e Grecia, limitando le prospettive di sviluppo dei posti di lavoro e del turismo. «Vorrei incontrare Giorgia Meloni per parlarle dei nostri progetti e delle possibilità di crescita di questo Paese - continua l'ad -. Ryanair è l'unica compagnia che sta investendo fortemente in Italia, creando posti di lavoro e lanciando nuove rotte». Roma può crescere ancora: togliere vincoli a Ciampino Parlando degli impegni sugli aeroporti di Roma, O'Leary focalizza l'attenzione sulla creazione di 60 nuovi posti di lavoro tra personale di cabina, piloti e engineering, sul posizionamento di 2 nuovi aeromobili B737 e su una stima della crescita annuale del 15%, toccando gli 11 milioni di passeggeri all'anno. L'ad auspica, però, un incremento delle attività su Ciampino: «Roma ha bisogno di due aeroporti per accrescere la sua competitività sulle altre capitali europee - spiega -, ma Ciampino subisce dei vincoli importanti per le restrizioni ambientali: tra atterraggi e decolli sono permessi solo sei voli ogni ora, anche se stiamo utilizzando aerei molto più silenziosi».   [post_title] => O'Leary, Ryanair: "Ota pirata, rincari da truffa. Governo contro competitività" [post_date] => 2024-01-23T12:54:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706014461000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "oleary lindagine dellautority" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":22,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":189,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461902","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ritorniamo per un momento sui bonus vacanza, criticati aspramente da questo giornale fin dalla nascita, e vediamo cosa sta succedendo. Secondo la Guardia di Finanza di Napoli, vi sarebbe stata una maxitruffa da quasi 800mila euro sui buoni vacanze erogati dal ministero del turismo nel periodo dell'emergenza Covid, tra il 2020 e 2021.\r\n\r\n«Il flop del bonus vacanze lo abbiamo denunciato subito. Inoltre, già nel luglio del 2020 avevamo rilevato innumerevoli irregolarità e abusi, segnalandoli in un esposto all'Antitrust, chiedendo di accertare se le pratiche commerciali fossero scorrette», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori.\r\n\r\n«Alcuni albergatori applicavano tariffe differenziate a seconda che uno andasse in vacanza con bonus o senza. Insomma, un meccanismo e una procedura che consentivano troppi spazi di manovra agli albergatori. Un provvedimento nato male e, come dimostra l'indagine di oggi, finito peggio» conclude Dona.","post_title":"Flop bonus vacanza. E ora arriva anche la Guardia di Finanza","post_date":"2024-02-20T11:02:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708426970000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461229","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_458219\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco Di Cesare[/caption]\r\n\r\nSi alza il sipario sulla settima edizione di Shopping Tourism, il forum ideato e organizzato da Risposte Turismo in partnership con Enit. L'evento, in programma venerdì 23 febbraio presso il centro congressi della sede di Confcommercio Milano, torna nel capoluogo lombardo dopo cinque anni e sarà, ancora una volta, occasione di incontro, dibattito e business networking per gli operatori interessati a conoscere dinamiche, opportunità di business e prospettive future di un fenomeno turistico che vede nell’Italia una destinazione dalle grandi potenzialità.\r\n\r\n\"La scelta di riportare a Milano Shopping Tourism è stata naturale perché la città è da sempre in testa, nell’immaginario collettivo e nelle scelte effettive, alla classifica delle mete ideali per una vacanza all’insegna dello shopping - spiega Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo -. L’edizione di quest’anno assume particolare importanza, perché si svolge all’interno della Settimana della moda: un appuntamento che accende i riflettori su un tassello fondamentale del made in Italy e dell’offerta commerciale del Paese\".\r\n\r\nRicco come sempre il programma del forum, che prevede una serie cospicua di appuntamenti tra presentazioni e tavole rotonde, a cui parteciperanno oltre trenta relatori in rappresentanza del mondo del turismo, del retail e del sistema moda. Dopo i saluti introduttivi, lo stesso di Cesare presenterà la nuova edizione di Shopping Tourism Italian Monitor, il report di ricerca di Risposte Turismo, che dal 2016 offre informazioni aggiornate, risultati di indagini ad hoc, esami di casi di studio e ricognizioni di esperienze italiane ed estere di particolare interesse sul fenomeno. L'evento proseguirà con la tavola rotonda di apertura: La moda made In Italy come traino per lo shopping tourism, un momento di confronto e dibattito sulla centralità degli articoli fashion realizzati nel nostro Paese nelle decisioni di acquisto dello shopping tourist estero, che sceglie l’Italia come meta delle proprie vacanze. A seguire, il focus si sposterà sui luoghi dello shopping con la tavola rotonda Un punto fermo per lo shopping tourism: gli outlet. I relatori, al vertice di alcune delle principali realtà retail presenti nel nostro Paese, il secondo in Europa dopo il Regno Unito per numero di outlet (27) e per superficie commerciale (748 mila mq, + 130 mila mq tra il 2011 e il 2024), si confronteranno sulle possibili strategie e azioni per intercettare e soddisfare le esigenze della domanda dei turisti dello shopping.\r\n\r\nCon la tavola rotonda Le vie dello shopping: attrattori turistici sempre più forti, il forum darà poi voce alle associazioni territoriali delle cinque grandi destinazioni italiane  protagoniste dei flussi turistici internazionali (Firenze, Milano, Napoli, Roma e Venezia), per comprendere quali soluzioni sia possibile adottare con l’obiettivo di attrarre e soddisfare le esigenze dello shopping tourist. Nel pomeriggio, il forum riprenderà con la tavola rotonda Le città accolgono i turisti dello shopping, dove i rappresentanti di alcune città italiane si confronteranno sugli impegni e le azioni volte ad aumentare la capacità di attrazione e soddisfazione dei turisti dello shopping. A seguire, un focus sullo shopping all’aria aperta, con la presentazione di due casi: i mercatini di Natale di Bolzano, da anni tra i principali eventi turistici del nord Italia durante le festività natalizie, e i mercati cittadini, da sempre elemento caratterizzante l’offerta commerciale di tantissime città italiane. Tra i temi al centro del forum anche l’innovazione, con la tavola rotonda Tecnologia e creatività per gli shopping tourist, durante la quale si passeranno in rassegna alcuni degli strumenti che arricchiscono l’attività di shopping rendendola al contempo più divertente, nonché la domanda turistica emiratina, a cui sarà dedicata una presentazione di dati con discussione a seguire.\r\n\r\nTra i relatori che hanno già confermato la propria partecipazione, Marco Barbieri, segretario generale Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza; Gabriele Bosi, assessore al Turismo comune di Prato; Pierluigi Cocchini, ceo Rinascente; Donatella Doppio, managing director Italy McArthurGlen; Giuseppe Faraldi, assessore al Turismo comune di Sanremo; Giulio Felloni, presidente Federmoda; Marco Funel, commercial manager Sea Prime – Aeroporti di Milano; Simona Leone, head of marketing, customer journey, ux & phygital Aeroporti di Roma; Barbara Manfredini, assessore al Turismo comune di Cremona; Gabriele Masselli, presidente associazione Esercizi storici fiorentini; Giorgio Motta, general manager The Mall Luxury Outlets; Saverio Mucci, vice president - government engagement lead Mastercard; Luca Nasi, direttore Arcus Real Estate; Carla Palone, assessore allo Sviluppo economico comune di Bari; Maria Letizia Rapetti, presidente associazione Via del Babuino Roma; Stefano Rizzi, managing director Italy Global Blue; Claudio Vernier, presidente associazione Piazza San Marco Venezia.\r\n\r\n ","post_title":"Al via a Milano il 23 febbraio l'edizione 2024 del forum Shopping Tourism: il programma dell'evento","post_date":"2024-02-09T13:20:48+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707484848000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460905","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'ultima indagine di Skyscanner sulle  abitudini dei viaggiatori in relazione alle vacanze invernali, rivela che il 59% degli italiani si concede una vacanza d'inverno una volta l'anno. Il 19%, anche per ragioni di costo, sceglie di andare in vacanza nei mesi freddi piuttosto che d'estate, ma quello che sorprende rispetto agli altri Paesi analizzati (Francia, Spagna e Paesi Bassi), è che il 46% degli italiani, in controtendenza, sceglie le città d'arte e i borghi storici; solo il 29% dichiara di voler praticare sport sulla neve e quindi di scegliere la classica settimana bianca (a differenza del 43% europeo).  \r\n\r\n“Che siano piccole fughe per esplorare città europee o lunghi viaggi alla scoperta di mete e culture lontane, l’interesse degli italiani per i viaggi è in aumento di anno in anno: ad oggi, ad esempio, è cresciuto del 46% rispetto al 2023 - ha commentato Stefano Maglietta, Travel Expert di Skyscanner -. Nonostante le mete sciistiche rimangano un perno per molti turisti, la voglia di vedere città nuove, sfidando le basse temperature o rincorrendo il clima caldo, sta pian piano conquistando anche noi italiani.”\r\n\r\nIl prezzo rimane il principale fattore di scelta (60%):  il 77% degli intervistati prevede di mantenere o aumentare il budget rispetto all'anno precedente. Il 38% degli italiani preferisce organizzare le vacanze all'ultimo minuto, mentre il 46% pianifica di partire a inizio anno.","post_title":"Skyscanner: d'inverno sempre più italiani scelgono le città d'arte","post_date":"2024-02-06T14:32:04+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707229924000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460642","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono ben cinque le manifestazioni di interesse arrivate ieri per entrare nell'azionariato dell'aeroporto di Genova: Msc, Costa Crociere, 777 Partners, Levorato Marcevaggi e la cordata Spinelli e Hapag-Lloyd.\r\n\r\nTutti nomi di spicco: \"L'affollamento di privati che bussano alla porta per avere un ruolo industriale, che sia legato alla logistica, al cargo o ai passeggeri, è segno dell'importanza dello scalo\" ha commentato il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, sottolineando che quella intrapresa \"è la strada giusta\".\r\n\r\n\"Sono molto ottimista - ha proseguito Toti -, abbiamo investito molto sullo scalo anche in termini monetari, stiamo costruendo una parte importante della nuova aerostazione, che lo modernizzerà tutto, - evidenzia Toti - io sono certo che con la crescita delle crociere, i nostri porti, l'aeroporto di Genova nel prossimo futuro avrà sicuramente un balzo importante\".\r\n\r\nLa strategia del nuovo management punta a rendere il Cristoforo Colombo uno scalo funzionale alle esigenze del porto, sia per le merci sia per i passeggeri, considerando che entrambe le tipologie di traffico sono ancora sotto i livelli del 2019 nonostante la ripresa del turismo a livello globale e nonostante gli aeroporti italiani nel loro complesso abbiano segnato un nuovo record nel 2023. \r\n\r\nUn legame che si intende concretizzare rappresentando gli interessi specifici col trasferimento di quote azionarie di minoranza. Il controllo della società di gestione, infatti, dovrebbe restare in mano pubblica e in particolare dell’Autorità di sistema portuale che ad oggi ne detiene il 60%.\r\n\r\nLe manifestazioni di interesse, come chiarito nell’avviso dell’Aeroporto, non danno luogo “ad alcuna procedura selettiva né ad alcuna trattativa” e servono solo ad “acquisire una migliore conoscenza delle opportunità di mercato al fine di successive determinazioni della società”, in particolare la “eventuale successiva indizione di una formale gara tramite bando strutturato“. A quel punto la platea dei concorrenti potrebbe stringersi o allargarsi ulteriormente, a seconda delle condizioni che verranno poste. ","post_title":"L'aeroporto di Genova conquista i privati: 5 manifestazioni di interesse per il rilancio","post_date":"2024-02-02T10:14:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706868891000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460484","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il segmento open-air pesa oggi per il 7%-8% del mercato italiano dell'ospitalità complessivo, per un valore di poco inferiore ai 3 miliardi di euro. Se si considera, invece, il mercato delle esperienze all’aria aperta (attività sportive e non, tour immersi nella natura e nei borghi), questo si assesta intorno a 1 miliardo di euro. Sono alcune delle evidenze emerse nell'ultima ricerca dell’osservatorio Travel innovation del Politecnico di Milano, giunto alla sua decima edizione, e di cui l'operatore open air Club del Sole è partner.\r\n\r\n“Ascoltare le esigenze dei consumatori e intercettare nuovi trend, anche grazie a questo tipo di indagini, ci ha permesso di crescere negli anni, attraverso nuovi progetti, un nuovo posizionamento e investimenti in digitalizzazione, nel miglioramento dell’offerta e dei servizi - spiega il direttore generale dell'operatore, Angelo Cartelli -. Nei prossimi anni, prevediamo di arricchire il nostro portfolio, consolidando destinazioni già presidiate e ricercando opportunità di interesse sia per la clientela estera, sia di destagionalizzazione, come il Trentino Alto-Adige, meta perfettamente in linea con la nostra visione.”.\r\n\r\nOltre all’arricchimento dell’offerta, il gruppo stima un aumento dei ricavi consolidati, delle presenze e del numero dei dipendenti. Ed è proprio il capitale umano che Club del Sole considera il proprio investimento più significativo. L'obiettivo è creare una cultura aziendale solida e condivisa, migliorare le performance e coinvolgere maggiormente i team nel business del gruppo. Questa volontà si manifesta attraverso la promozione di attività di internal branding, l'istituzione della Club del Sole Academy come ente formativo interno, e il continuo potenziamento dei modelli organizzativi e dei sistemi di performance e comunicazione interna.","post_title":"Cartelli, Club del Sole: open air segmento in salute. Ascoltiamo il mercato per crescere meglio","post_date":"2024-01-31T12:03:13+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706702593000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460267","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\nBrusca frenata dei profitti Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio in corso (chiuso lo scorso 31 dicembre) e successivo taglio delle previsioni di utile per l'intero anno fiscale.\r\n\r\nL’utile netto del gruppo è sceso del 93% a 14,8 milioni di euro, nonostante un aumento del fatturato del 17% a 2,7 miliardi di euro. Il risultato, chiarisce una nota della low cost irlandese, ha risentito, tra l’altro, dell’aumento dei costi del carburante (+35%) ma anche dell’aumento degli stipendi e delle tasse aeroportuali. «Mentre traffico e tariffe sono aumentati su anno, nel periodo che precede Natale e Capodanno i tassi di occupazione e i rendimenti sono stati inferiori alle aspettative in risposta all’improvviso (ma gradito) ritiro di Ryanair» da «siti online ’pirata’ di agenzie di viaggio» all’inizio di dicembre.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nIl ceo del gruppo, Michael O'Leary, aveva già avvertito che la mossa, da parte di aziende che aveva definito \"pirati\", avrebbe danneggiato la redditività del terzo trimestre.\r\n\r\nRyanair ha dunque dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1,85 e 1,95 miliardi di euro per i 12 mesi fino alla fine di marzo: la cifra è inferiore rispetto alla precedente previsione di poco più di 2 miliardi di euro. \r\n\r\n\r\n\r\nSull’andamento del quarto trimestre, «tradizionalmente il più debole», influirà anche l’entrata in vigore di un accordo sull’aumento salariale dei piloti e la fine dei crediti di carbonio gratuiti. \r\nLa compagnia si aspetta una forte domanda per la stagione estiva, con tariffe ancora in rialzo, ma meno dello scorso anno. Infine, il ceo ha rimarcato il potenziale rischio residuo per le prospettive di crescita di Ryanair legato alla possibilità di ulteriori ritardi nella consegna dei nuovi aeromobili Boeing 787 Max 8.\r\nLa low cost che ha un ordine di 300 Boeing, ha ricevuto 12 Boeing 737 8-200 nell’ultimo trimestre e si aspetta di riceverne altri 50 entro giugno, un numero inferiore rispetto alle previsioni di 57 consegne.  \r\n\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Conti in frenata nel trimestre di Ryanair, che taglia le previsioni di utile per l'anno","post_date":"2024-01-29T11:22:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706527368000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460002","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dieci nuove rotte per l'estate firmata Ryanair da Milano: nel dettaglio, cinque da Bergamo - Beni Mellal, Castellon, Dubrovnik, Sarajevo e Skiathos - e cinque da Malpensa - Atene, Budapest, Parigi, Marrakech e Tallinn.\r\n\r\nA sottolineare la valenza del bacino di Milano il country manager Italia, Mauro Bolla, insieme al ceo del gruppo, Michael O'Leary. Si comincia da Milano Bergamo dove quest'anno Ryanair posiziona 23 aeromobili e opera un totale di 113 rotte con l'obiettivo di trasportare 15 milioni di passeggeri, il 13% in più rispetto all'anno precedente. Qui sono un migliaio i posti di lavoro diretti e oltre 11.800 quelli nell'indotto.\r\n\r\nA Malpensa sono otto i velivoli basati, per 36 rotte complessive, incluse le cinque new entry, e nel mirino ci sono 5 milioni di passeggeri, per una crescita di circa il +15%.\r\n\r\n \r\n\r\nComplessivamente, quindi, quest'estate saranno 31 i Boeing 737 basati negli scali di Malpensa e Milano Bergamo con un investimento di circa 3.1 miliardi di dollari; il traffico generato sui due aeroporti sarà di 20 milioni di passeggeri, il 14% in più rispetto allo scorso anno. ","post_title":"Ryanair: dieci nuove rotte da Milano (Bergamo e Malpensa). Obiettivo 20 milioni di passeggeri","post_date":"2024-01-24T10:23:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706091781000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459989","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair non molla la presa sul mercato italiano, territorio che oggi conta 29 aeroporti serviti dalla low cost, di cui 17 già basi, per un totale di oltre 775 rotte (una settantina quelle nuove) e che si prevede quest'anno generi un movimento di oltre 60 milioni di passeggeri, per una crescita dell'11%. Traguardo che nei prossimi sette anni sarebbe destinato a salire fino a 90 milioni di passeggeri. O forse più, qualora il Governo italiano si muova nella direzione della più volte richiesta \"eliminazione dell'addizionale comunale\".\r\n\r\nQuel mercato Italia dove Ryanair si conferma solidamente primo vettore verrà ulteriormente consolidato: \"Ci saranno due nuove basi già quest'estate che saranno annunciate a breve\" ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair Michael O'Leary, ieri a Milano per la presentazione dei nuovi investimenti su Milano e Roma. I rumors puntano i riflettori su Trieste e Reggio Calabria, ma il ceo non si sbilancia sulla scelta, mentre garantisce che arriveranno altri tasselli da aggiungere al puzzle italiano: le nuove basi saliranno \"a cinque nell'arco dei prossimi cinque anni\".\r\n\r\nE sono numeri da capogiro quelli citati da O'Leary a livello globale: nel mirino, al 2034, ci sono ben 300 milioni di passeggeri all'anno rispetto ai 184 milioni preventivati per quest'anno con una flotta di 600 velivoli. Flotta destinata a toccare quota 800 aeromobili, sempre nel 2034, con la sola incognita legata alle tempistiche di consegna da parte di Boeing.","post_title":"Ryanair presidia l'Italia: in arrivo altre quattro-cinque nuove basi","post_date":"2024-01-24T09:34:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706088871000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459940","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In occasione della conferenza per il lancio dell'operativo estivo di Ryanair, Michael O'Leary è entrato a gamba tesa, come sua consuetudine, su alcune questioni di scenario e di attualità.\r\nLe \"Ota pirata\"\r\nUna delle stoccate più importanti, Ryanair la riserva per la distribuzione, le Ota in particolare, che attuerebbero pratiche ingannevoli nei confronti degli utenti.\r\n\r\n«Abbiamo iniziato una battaglia perché continuano a fare sovrapprezzi importanti sui costi di Ryanair, anche del +300%, e anche costi ingiustificati che il vettore non applica ma che le Ota vendono» spiega il country manager, Mauro Bolla, mostrando una slide dal titolo 'Ota Pirata - esempi di truffa - Gen '24'. All'interno della slide, vengono mostrati i prezzi di portali come Kiwi.com, Opodo, eDreams, Lastminute.com, con i relativi incrementi di prezzo.\r\n\r\n[gallery columns=\"2\" ids=\"459960,459961\"]\r\nIl Governo danneggia la competitività dell'Italia\r\nLa seconda stoccata è rivolta al Governo, che non aiuterebbe la connettività, «anzi la danneggia con l'addizionale comunale sui diritti d'imbarco - spiega -. L'italia è l'unico Paese dell'Unione europea a proporre questa tassa, che è ingiustificata e rende gli aeroporti non competitivi». Un balzello che ci metterebbe in una situazione di svantaggio rispetto a Paesi come Spagna, Portogallo e Grecia, limitando le prospettive di sviluppo dei posti di lavoro e del turismo.\r\n\r\n«Vorrei incontrare Giorgia Meloni per parlarle dei nostri progetti e delle possibilità di crescita di questo Paese - continua l'ad -. Ryanair è l'unica compagnia che sta investendo fortemente in Italia, creando posti di lavoro e lanciando nuove rotte».\r\nRoma può crescere ancora: togliere vincoli a Ciampino\r\nParlando degli impegni sugli aeroporti di Roma, O'Leary focalizza l'attenzione sulla creazione di 60 nuovi posti di lavoro tra personale di cabina, piloti e engineering, sul posizionamento di 2 nuovi aeromobili B737 e su una stima della crescita annuale del 15%, toccando gli 11 milioni di passeggeri all'anno.\r\n\r\nL'ad auspica, però, un incremento delle attività su Ciampino: «Roma ha bisogno di due aeroporti per accrescere la sua competitività sulle altre capitali europee - spiega -, ma Ciampino subisce dei vincoli importanti per le restrizioni ambientali: tra atterraggi e decolli sono permessi solo sei voli ogni ora, anche se stiamo utilizzando aerei molto più silenziosi».\r\n\r\n ","post_title":"O'Leary, Ryanair: \"Ota pirata, rincari da truffa. Governo contro competitività\"","post_date":"2024-01-23T12:54:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706014461000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti