29 January 2023

Ibar: segno più per il traffico intercontinentale

[ 0 ]

29815e0c00000578-3115752-image-a-66_1433937693010Traffico intercontinentale in crescita nel terzo trimestre dell’anno: secondo il terzo rapporto Ibar (Italian Board Airline Representatives), che analizza le vendite delle agenzie di viaggio italiane nei primi nove mesi del 2016, l’Asia continua a trainare il mercato. In parallelo prosegue, ininterrotto e nonostante l’aggravio dei costi aeroportuali, il calo delle tariffe medie. Il rapporto Ibar offre un quadro che, seppure con prospettive diverse per le diverse direttrici di traffico, conferma sostanzialmente il consolidamento delle tendenze già emerse nel corso del primo semestre. In un quadro di moderata crescita del traffico intercontinentale (+1,2%) non conosce soste la brillante performance dell’Asia (+6,5%) mentre anche l’andamento positivo dell’Africa (+2,1%) è un dato ormai consolidato. Fra le destinazioni asiatiche con i risultati migliori, si distinguono Cina (+10%) , Giappone (+8%) , Filippine (+ 8,6%) e Thailandia (+5,8%). Tra i Paesi che attraggono volumi di traffico più ridotti notevoli incrementi per Vietnam (+20%) e Sri Lanka (+34%). La performance dell’Iran (+36%) illustra, dopo anni di fermo quasi totale, la ripresa degli scambi turistici e commerciali con questo Paese. Anche l’Africa consolida la tendenza positiva: le performance di Senegal (+23%), Marocco e Sud Africa (entrambe con un +15%) danno i contributi più rilevanti. Per le Americhe (volumi complessivi al -5%), i cui risultati sono parzialmente influenzati dello sfavorevole andamento valutario, le buone notizie arrivano da Canada (+6,3% ) e Cuba (+11,2%). Tra le destinazioni con volumi minori, comincia a delinearsi un fenomeno Cile (+31,7%). Il dato relativo all’Europa, con volumi in calo del 10,5%, riflette ancora una volta le due principali tendenze che impattano sulle vendite in agenzia: la conquista di quote di mercato da parte dei vettori low cost, ormai vicini al 50% per quanto riguarda i collegamenti tra Italia e resto d’Europa, e la sempre maggiore propensione della clientela ad utilizzare i siti delle compagnie (non rilevati da questa analisi) per i propri acquisti. Infine, sostanzialmente rimangono stabili le vendite in agenzia dei voli nazionali (+0,9%).




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta. Un incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio. Un triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta. “Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”.  Una delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”. I numeri e le sfide  Una sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato.  “Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”.  Nel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.   Gli impegni con la distribuzione “La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”.  In merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale".  Le novità di prodotto Sul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.  “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. Tra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”.  Confermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”.  Per valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”.  Tra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code.  Il tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con "Obiettivo X", probabilmente a Roma. I contratti inviati alle agenzie A partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: "Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa".   [post_title] => Ota Viaggi: tutte le novità del 2023 [post_date] => 2023-01-27T14:37:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674830224000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438089 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea amplia il network da Cagliari da dove,  dal 7 aprile, decollerà il volo per Barcellona, mentre dal 27 maggio verranno attivati 2 nuovi collegamenti in esclusiva per Atene e Brindisi. La rotta per Barcellona (con 3 frequenze a settimana nei periodi di più intenso traffico) prevede un’offerta complessiva di oltre 30.200 posti, pari a 168 voli. Le altre 2 tratte avranno entrambe frequenza bisettimanale, con un’offerta di oltre 14.000 posti e circa 80 voli ciascuna. Infine, sempre dal 27 maggio, verrà ripristinato il collegamento dallo scalo cagliaritano alla volta di Ancona, mentre dal 7 aprile sarà riattivata la tratta Cagliari-Torino. Queste novità si affiancheranno ai classici collegamenti Volotea in partenza dal Mameli, per un totale di 16 destinazioni collegate, 7 all’estero e 9 in Italia. Volotea si attesta così come seconda compagnia per numero di collegamenti disponibili a Cagliari e presso lo scalo scende in pista con un totale di 325 mila posti in vendita. “L’apporto di Volotea, che nel 2023 continuerà ad investire su Cagliari, sarà fondamentale per continuare ad ampliare il nostro network, con un importante focus sul segmento internazionale in particolare su Francia, Spagna e Grecia ma anche con le importanti conferme e novità sul segmento domestico” ha commentato David Crognaletti, Chief Commecial Officer di Sogaer, società di gestione dell'aeroporto sardo. [post_title] => Volotea investe su Cagliari con tre novità: Barcellona, Atene e Brindisi [post_date] => 2023-01-27T12:52:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674823942000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438095 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438100" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio di Como[/caption] Prosegue l'espansione dei brand internazionali in Italia. Stando ad alcune fonti, sarebbero in particolare in arrivo un Tribute (Marriott) sul waterfront di Pietrarsa, e un Mama Shelter (Accor) a Como. In Campania, il progetto riguarderebbe un complesso alberghiero in corso di realizzazione, che interessa le strutture edilizie parte dell'antica Villa Monaco. All’interno della tenuta sono già operativi un ristorante, la Casa Colonica, e un bar, Le Cabine, la cui apertura risale a dicembre del 2021. Secondo fonti di bilancio il programma di investimento totale ammonterebbe a 21,9 milioni di euro. Una volta ultimato, il complesso sarebbe quindi destinato a essere brandizzato Tribute Portfolio. Il marchio è sbarcato in Italia nel 2020 con il Regency Rome, 4 stelle da 40 camere; nel triennio 2023-25 sono peraltro in pipeline ulteriori sei alberghi Tribute nella nostra Penisola per un totale di oltre 700 stanze. Alcune indiscrezioni sostengono inoltre che a Como sarebbe in fase di sviluppo un nuovo Mama Shelter. Al momento non sono però ancora note la dimensione della struttura, né l’esatta localizzazione e la presunta data di apertura. Il primo hotel di questo brand lifestyle di casa Accor in Italia è stato il Mama Shelter Roma, aperto a luglio del 2021.   [post_title] => Anticipazioni: in arrivo un Tribute a Pietrarsa e un Mama Shelter a Como [post_date] => 2023-01-27T12:44:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674823487000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438061 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chioggia ospiterà il primo vertiporto dedicato agli airtaxi del Veneto: l'iniziativa, in collaborazione con il comune della città, farà da apripista ad altre che il Sistema aeroportuale del Nord Est ha elaborato, in linea con il Piano Strategico Nazionale “Advanced Air Mobility - AAM (2021-2030)” di Enac La roadmap per la realizzazione del piano di mobilità aerea avanzata del Gruppo Save si snoda su un arco temporale di tre anni e, per lo sviluppo dell'intero progetto, il gruppo partecipa alla società UrbanV, costituita ad ottobre 2021 con gli scali di Roma, Bologna e della Costa Azzurra. L’aeroporto di Venezia, terzo hub intercontinentale italiano, ospiterà due vertiporti: il primo nell’area landside per connettere il Nord Est dell’Italia, il secondo nell’area airside. In grado di collegare l’aeroporto con le principali aree logistiche e di attrazione turistica del territorio lagunare, si prevede possano movimentare intorno ai 340.000 passeggeri all’anno. Ma non sarà solo il territorio lagunare a beneficiare delle nuove tecnologie. Il piano di mobilità aerea avanzata infatti prevederà un sistema di oltre una decina di vertiporti che, partendo da Venezia, collegheranno tutto il Nord Est arrivando a lambire i territori di Cortina, Brescia e Bologna. Un’innovazione che si integrerà, seguendo un modello di intermodalità, con l’attuale rete di trasporti, così da ridurre i tempi di spostamento tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna. L'intero progetto, "è in linea con la nostra strategia di sostenibilità che è volta a favorire non solo la riduzione delle emissioni di CO2, ma anche lo sviluppo di un sistema intermodale di collegamento tra i nostri aeroporti e con i centri urbani - ha dichiarato Monica Scarpa, ad del gruppo Save -. Attraverso la partecipazione nella joint venture UrbanV, diamo concretezza alla volontà di accelerare lo sviluppo dei vertiporti, e avviamo un percorso condiviso per lo studio e la progettazione di infrastrutture di mobilità aerea urbana, in grado di decongestionare il traffico dell’area in cui incide il Marco Polo ad elevato traffico automobilistico”.   [post_title] => Airtaxi: sarà realizzato a Chioggia il primo vertiporto del Veneto [post_date] => 2023-01-27T10:05:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674813907000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438023 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Roma Fiumicino ottiene un nuovo, significativo riconoscimento a ulteriore conferma del percorso di qualità che ha caratterizzato l'evoluzione dello scalo negli ultimi anni. Ecco quindi che dopo essere stato valutato miglior aeroporto europeo per la qualità da 5 anni, ha conquistato le 5 stelle Skytrax, il massimo riconoscimento assegnato dall'organizzazione internazionale di rating del trasporto aereo. La valutazione a 5 stelle riconosce al “Leonardo da Vinci” standard eccellenti nella qualità del servizio erogato ai passeggeri e nell’attività del personale.  Negli ultimi 2 anni, nonostante gli effetti della crisi pandemica, lo scalo di Fiumicino ha costantemente mantenuto elevatissimi standard qualitativi, anche nel periodo di forte ripresa del traffico. Allo stesso tempo, è stata garantita la prosecuzione degli investimenti di sviluppo che hanno consentito, tra l’altro, l'apertura della nuova area di imbarco A per una capacità ulteriore di 6 milioni di passeggeri, il potenziamento dell’offerta di servizi operativi, con nuove zone riservate ai controlli di sicurezza e all’immigrazione, e l’ampliamento dell’offerta commerciale, grazie a nuove aree per lo shopping e la ristorazione. “Questo riconoscimento – ha dichiarato l'ad di Aeroporti di Roma, Marco Troncone – dimostra ancora una volta la determinazione dell'azienda per la effettiva realizzazione dell’aeroporto del futuro con massimo ricorso all’innovazione e nuove tecnologie, ulteriore affidabilità, sicurezza e tanto comfort e servizi a valore aggiunto per i nostri passeggeri, oltre che attenzione all’ambiente e al nostro territorio. Ora che Fiumicino è a pieno titolo nel gotha dei migliori scali mondiali, intendiamo confermare il nostro impegno per lo sviluppo di lungo termine dello scalo della Capitale, affinché Roma e l’Italia consolidino la loro centralità nel panorama internazionale”. Le 5 stelle portano il Leonardo da Vinci all'interno di un gruppo particolarmente esclusivo, a livello mondiale: "Solo dodici hub al mondo e di cui due in Europa sono riusciti a ottenere questo risultato - ha precisato Edward Plaisted, ceo di Skytrax -. L'aeroporto di Fiumicino ha implementato un piano molto chiaro di miglioramento della qualità negli ultimi 6-7 anni, e ora stiamo assistendo a miglioramenti molto tangibili delle strutture per i passeggeri e dell'esperienza del cliente. Il livello di dettaglio nei cambiamenti è encomiabile e l'aeroporto non solo offre un ottimo standard internazionale ma soprattutto contribuisce a valorizzare Roma, e più in generale l'Italia".   [post_title] => L'aeroporto di Roma Fiumicino conquista le 5 stelle Skytrax [post_date] => 2023-01-26T14:52:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674744750000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437953 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è chiuso un buon 2022 per Grandi Navi Veloci che ha movimentato un numero di passeggeri maggiore rispetto al 2019, anno a cui risale il precedente record della compagnia. È stato inoltre registrato un incremento del 46% dei viaggiatori trasportati durante l’arco della stagione rispetto al 2021. Sono cresciute in particolare le destinazioni Sicilia e Sardegna, che messo rispettivamente a segno un +22% e un +45% rispetto all’anno precedente. Per le adv, l’incremento delle prenotazioni è stato del 37%. Per il 2023 Gnv conferma quindi la programmazione del 2022, rinnovando la già capillare presenza sul mercato italiano. Sulla Sardegna la compagnia sarà presente con la linea tra Civitavecchia e Olbia, con sei partenze a settimana da entrambi i porti, oltre ad aumentate l’offerta con quattro navi sulle tratte Genova-Olbia e Genova-Torres, con due partenze al giorno per entrambe le linee; in Sicilia ci saranno i collegamenti giornalieri da e per Palermo con Genova e Napoli, le linee da Civitavecchia per Palermo e Termini Imerese, nonché il collegamento Napoli-Termini Imerese, con un’offerta che consente di collegare l’isola ai porti più importanti dell’arco tirrenico. Confermata inoltre la presenza in Spagna, nelle Baleari con quattro navi con partenze tutti i giorni da e per i porti di Barcellona e Valencia per Minorca, Palma di Maiorca e Ibiza, garantendo così collegamenti quotidiani per tutte le isole, nonché l’operatività in Marocco dove Gnv sarà presente con sei linee da e per Italia, Spagna e Francia, offrendo una rete completa verso tutti i maggiori porti mediterranei con i collegamenti bi e tri settimanali Genova-Tangeri, Civitavecchia-Tangeri, Barcellona-Tangeri e Barcellona-Nador, Sète-Tangeri e Sète-Nador, oltre alla linea Almeria-Nador inaugurata la scorsa estate. Continuano infine gli investimenti nel collegamento giornaliero verso l’Albania, della linea Bari-Durazzo, e vengono confermati anche per il 2023 le partenze dai porti di Genova, Civitavecchia e Palermo per Tunisi. [post_title] => Gnv: nel 2022 il numero di passeggeri ha superato i livelli pre-Covid [post_date] => 2023-01-26T10:49:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674730177000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437945 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850.  Ulteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. "Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi. "La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”. Nel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester. Da Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza. [post_title] => Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione [post_date] => 2023-01-25T15:33:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674660839000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437925 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A partire dall'inizio del 2023, Finnair implementerà gradualmente la continuità dei prezzi nei canali di vendita attraverso Finnair.com e l'App mobile Finnair, nonché i canali Ndc per gli agenti partner. Ciò si traduce in prezzi più competitivi sui canali moderni rispetto a quelli offerti con il precedente sistema Edifact. Inoltre, nell’ottica di accelerare ulteriormente la trasformazione tecnologica del vettore, eliminerà gli itinerari nazionali finlandesi dalla distribuzione Edifact. I voli nazionali saranno disponibili ai clienti da maggio sui canali diretti della compagnia e nei punti vendita abilitati Ndc di Finnair. Questi cambiamenti non influiscono sui viaggi intercontinentali che partono dalla Finlandia verso un altro Paese o sulle rotte che partono all’estero per la Finlandia. Afferma Jenni Suomela, vice president, global sales and channel management del vettore. "Invitiamo i nostri partner b2b a unirsi a questo viaggio, cosicché i nostri clienti possano usufruire di questi vantaggi e siamo pronti a sostenere e aiutare i nostri partner in questa trasformazione". Digitalizzazione Questi cambiamenti sono fondamentali nel percorso dell'azienda verso la modernizzazione dei canali di vendita. Nel settembre 2021, infatti, l'aviolinea ha annunciato di voler adottare una distribuzione digitale entro la fine del 2025, eliminando gradualmente lo standard Edifact utilizzato finora. Dopo aver investito per anni nei canali diretti e nell'Ndc, Finnair aspira a passare alla distribuzione digitale moderna. Nel dicembre 2022, la compagnia ha annunciato un investimento informatico a lungo termine per rafforzare le capacità di vendita al dettaglio attraverso una gestione delle offerte e degli ordini all’avanguardia. Lo scorso anno, inoltre, Finnair ha introdotto il supplemento Edifact per le rotte dall’Europa, in diversi mercati dell'Asia (viaggi in partenza da Hong Kong, India, Giappone, Corea, Singapore, Thailandia e mercati offline) ma anche del Medio Oriente (viaggi che partono da Israele, Qatar ed Emirati Arabi Uniti) e ha rimosso il marchio Finnair Light da Edifact. [post_title] => Finnair rafforza gradualmente le nuove modalità di vendita [post_date] => 2023-01-25T12:10:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674648614000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437898 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_336927" align="alignright" width="300"] Johan Lundgren, ceo di easyJet[/caption] La domanda di viaggio "forte e sostenuta" nonostante la crisi del costo della vita, consente a easyJet di stimare il ritorno all'utile annuale dopo tre anni di pesanti perdite, a causa della pandemia. La compagnia aerea, come riportato dal Financial Times, ha reso noto di aver registrato tre fine settimana da record in termini di ricavi e che i passeggeri sembrano "dare priorità alle spese per le vacanze per l'anno a venire". EasyJet sta di fatto ampliando l'operativo per l'estate e conta di tornare ai livelli di volo precedenti alla pandemia entro i mesi del picco di traffico estivo, tra luglio e settembre. Di conseguenza la compagnia aerea si trova "saldamente posizionata sulla strada del conseguimento di un profitto per l'intero anno" ha dichiarato il ceo, Johan Lundgren. "Abbiamo registrato una domanda di viaggi forte e sostenuta". Il vettore stima che le perdite del primo semestre fiscale,  da ottobre a marzo, saranno "significativamente migliori" rispetto all'anno precedente, quando la compagnia aerea aveva registrato una perdita ante imposte di 557 milioni di sterline proprio a causa delle conseguenze della pandemia sul settore del trasporto aereo. [post_title] => EasyJet vede il ritorno all'utile dopo tre anni: "Domanda di viaggio forte e sostenuta" [post_date] => 2023-01-25T10:32:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674642754000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ibar segno piu per il traffico intercontinentale" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":40,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1721,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta.\r\n\r\nUn incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio.\r\n\r\nUn triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta.\r\n\r\n“Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”. \r\n\r\nUna delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”.\r\n\r\nI numeri e le sfide \r\n\r\nUna sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato. \r\n\r\n“Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”. \r\n\r\nNel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.  \r\n\r\n\r\n\r\nGli impegni con la distribuzione\r\n\r\n“La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”. \r\n\r\nIn merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale\". \r\n\r\nLe novità di prodotto\r\n\r\nSul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.\r\n\r\n “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. \r\n\r\nTra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”. \r\n\r\nConfermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”. \r\n\r\nPer valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”. \r\n\r\nTra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code. \r\n\r\nIl tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con \"Obiettivo X\", probabilmente a Roma.\r\n\r\nI contratti inviati alle agenzie\r\n\r\nA partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: \"Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa\".\r\n\r\n ","post_title":"Ota Viaggi: tutte le novità del 2023","post_date":"2023-01-27T14:37:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674830224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438089","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea amplia il network da Cagliari da dove,  dal 7 aprile, decollerà il volo per Barcellona, mentre dal 27 maggio verranno attivati 2 nuovi collegamenti in esclusiva per Atene e Brindisi. La rotta per Barcellona (con 3 frequenze a settimana nei periodi di più intenso traffico) prevede un’offerta complessiva di oltre 30.200 posti, pari a 168 voli. Le altre 2 tratte avranno entrambe frequenza bisettimanale, con un’offerta di oltre 14.000 posti e circa 80 voli ciascuna. Infine, sempre dal 27 maggio, verrà ripristinato il collegamento dallo scalo cagliaritano alla volta di Ancona, mentre dal 7 aprile sarà riattivata la tratta Cagliari-Torino. Queste novità si affiancheranno ai classici collegamenti Volotea in partenza dal Mameli, per un totale di 16 destinazioni collegate, 7 all’estero e 9 in Italia. Volotea si attesta così come seconda compagnia per numero di collegamenti disponibili a Cagliari e presso lo scalo scende in pista con un totale di 325 mila posti in vendita.\r\n“L’apporto di Volotea, che nel 2023 continuerà ad investire su Cagliari, sarà fondamentale per continuare ad ampliare il nostro network, con un importante focus sul segmento internazionale in particolare su Francia, Spagna e Grecia ma anche con le importanti conferme e novità sul segmento domestico” ha commentato David Crognaletti, Chief Commecial Officer di Sogaer, società di gestione dell'aeroporto sardo.","post_title":"Volotea investe su Cagliari con tre novità: Barcellona, Atene e Brindisi","post_date":"2023-01-27T12:52:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674823942000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438095","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438100\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio di Como[/caption]\r\n\r\nProsegue l'espansione dei brand internazionali in Italia. Stando ad alcune fonti, sarebbero in particolare in arrivo un Tribute (Marriott) sul waterfront di Pietrarsa, e un Mama Shelter (Accor) a Como.\r\n\r\nIn Campania, il progetto riguarderebbe un complesso alberghiero in corso di realizzazione, che interessa le strutture edilizie parte dell'antica Villa Monaco. All’interno della tenuta sono già operativi un ristorante, la Casa Colonica, e un bar, Le Cabine, la cui apertura risale a dicembre del 2021. Secondo fonti di bilancio il programma di investimento totale ammonterebbe a 21,9 milioni di euro. Una volta ultimato, il complesso sarebbe quindi destinato a essere brandizzato Tribute Portfolio. Il marchio è sbarcato in Italia nel 2020 con il Regency Rome, 4 stelle da 40 camere; nel triennio 2023-25 sono peraltro in pipeline ulteriori sei alberghi Tribute nella nostra Penisola per un totale di oltre 700 stanze.\r\n\r\nAlcune indiscrezioni sostengono inoltre che a Como sarebbe in fase di sviluppo un nuovo Mama Shelter. Al momento non sono però ancora note la dimensione della struttura, né l’esatta localizzazione e la presunta data di apertura. Il primo hotel di questo brand lifestyle di casa Accor in Italia è stato il Mama Shelter Roma, aperto a luglio del 2021.\r\n\r\n ","post_title":"Anticipazioni: in arrivo un Tribute a Pietrarsa e un Mama Shelter a Como","post_date":"2023-01-27T12:44:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674823487000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438061","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Chioggia ospiterà il primo vertiporto dedicato agli airtaxi del Veneto: l'iniziativa, in collaborazione con il comune della città, farà da apripista ad altre che il Sistema aeroportuale del Nord Est ha elaborato, in linea con il Piano Strategico Nazionale “Advanced Air Mobility - AAM (2021-2030)” di Enac\r\n\r\nLa roadmap per la realizzazione del piano di mobilità aerea avanzata del Gruppo Save si snoda su un arco temporale di tre anni e, per lo sviluppo dell'intero progetto, il gruppo partecipa alla società UrbanV, costituita ad ottobre 2021 con gli scali di Roma, Bologna e della Costa Azzurra. L’aeroporto di Venezia, terzo hub intercontinentale italiano, ospiterà due vertiporti: il primo nell’area landside per connettere il Nord Est dell’Italia, il secondo nell’area airside. In grado di collegare l’aeroporto con le principali aree logistiche e di attrazione turistica del territorio lagunare, si prevede possano movimentare intorno ai 340.000 passeggeri all’anno.\r\nMa non sarà solo il territorio lagunare a beneficiare delle nuove tecnologie. Il piano di mobilità aerea avanzata infatti prevederà un sistema di oltre una decina di vertiporti che, partendo da Venezia, collegheranno tutto il Nord Est arrivando a lambire i territori di Cortina, Brescia e Bologna. Un’innovazione che si integrerà, seguendo un modello di intermodalità, con l’attuale rete di trasporti, così da ridurre i tempi di spostamento tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.\r\nL'intero progetto, \"è in linea con la nostra strategia di sostenibilità che è volta a favorire non solo la riduzione delle emissioni di CO2, ma anche lo sviluppo di un sistema intermodale di collegamento tra i nostri aeroporti e con i centri urbani - ha dichiarato Monica Scarpa, ad del gruppo Save -. Attraverso la partecipazione nella joint venture UrbanV, diamo concretezza alla volontà di accelerare lo sviluppo dei vertiporti, e avviamo un percorso condiviso per lo studio e la progettazione di infrastrutture di mobilità aerea urbana, in grado di decongestionare il traffico dell’area in cui incide il Marco Polo ad elevato traffico automobilistico”.\r\n ","post_title":"Airtaxi: sarà realizzato a Chioggia il primo vertiporto del Veneto","post_date":"2023-01-27T10:05:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674813907000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438023","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Roma Fiumicino ottiene un nuovo, significativo riconoscimento a ulteriore conferma del percorso di qualità che ha caratterizzato l'evoluzione dello scalo negli ultimi anni. Ecco quindi che dopo essere stato valutato miglior aeroporto europeo per la qualità da 5 anni, ha conquistato le 5 stelle Skytrax, il massimo riconoscimento assegnato dall'organizzazione internazionale di rating del trasporto aereo.\r\nLa valutazione a 5 stelle riconosce al “Leonardo da Vinci” standard eccellenti nella qualità del servizio erogato ai passeggeri e nell’attività del personale. \r\nNegli ultimi 2 anni, nonostante gli effetti della crisi pandemica, lo scalo di Fiumicino ha costantemente mantenuto elevatissimi standard qualitativi, anche nel periodo di forte ripresa del traffico. Allo stesso tempo, è stata garantita la prosecuzione degli investimenti di sviluppo che hanno consentito, tra l’altro, l'apertura della nuova area di imbarco A per una capacità ulteriore di 6 milioni di passeggeri, il potenziamento dell’offerta di servizi operativi, con nuove zone riservate ai controlli di sicurezza e all’immigrazione, e l’ampliamento dell’offerta commerciale, grazie a nuove aree per lo shopping e la ristorazione.\r\n\r\n“Questo riconoscimento – ha dichiarato l'ad di Aeroporti di Roma, Marco Troncone – dimostra ancora una volta la determinazione dell'azienda per la effettiva realizzazione dell’aeroporto del futuro con massimo ricorso all’innovazione e nuove tecnologie, ulteriore affidabilità, sicurezza e tanto comfort e servizi a valore aggiunto per i nostri passeggeri, oltre che attenzione all’ambiente e al nostro territorio. Ora che Fiumicino è a pieno titolo nel gotha dei migliori scali mondiali, intendiamo confermare il nostro impegno per lo sviluppo di lungo termine dello scalo della Capitale, affinché Roma e l’Italia consolidino la loro centralità nel panorama internazionale”.\r\nLe 5 stelle portano il Leonardo da Vinci all'interno di un gruppo particolarmente esclusivo, a livello mondiale: \"Solo dodici hub al mondo e di cui due in Europa sono riusciti a ottenere questo risultato - ha precisato Edward Plaisted, ceo di Skytrax -. L'aeroporto di Fiumicino ha implementato un piano molto chiaro di miglioramento della qualità negli ultimi 6-7 anni, e ora stiamo assistendo a miglioramenti molto tangibili delle strutture per i passeggeri e dell'esperienza del cliente. Il livello di dettaglio nei cambiamenti è encomiabile e l'aeroporto non solo offre un ottimo standard internazionale ma soprattutto contribuisce a valorizzare Roma, e più in generale l'Italia\".\r\n ","post_title":"L'aeroporto di Roma Fiumicino conquista le 5 stelle Skytrax","post_date":"2023-01-26T14:52:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674744750000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437953","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è chiuso un buon 2022 per Grandi Navi Veloci che ha movimentato un numero di passeggeri maggiore rispetto al 2019, anno a cui risale il precedente record della compagnia. È stato inoltre registrato un incremento del 46% dei viaggiatori trasportati durante l’arco della stagione rispetto al 2021. Sono cresciute in particolare le destinazioni Sicilia e Sardegna, che messo rispettivamente a segno un +22% e un +45% rispetto all’anno precedente. Per le adv, l’incremento delle prenotazioni è stato del 37%.\r\n\r\nPer il 2023 Gnv conferma quindi la programmazione del 2022, rinnovando la già capillare presenza sul mercato italiano. Sulla Sardegna la compagnia sarà presente con la linea tra Civitavecchia e Olbia, con sei partenze a settimana da entrambi i porti, oltre ad aumentate l’offerta con quattro navi sulle tratte Genova-Olbia e Genova-Torres, con due partenze al giorno per entrambe le linee; in Sicilia ci saranno i collegamenti giornalieri da e per Palermo con Genova e Napoli, le linee da Civitavecchia per Palermo e Termini Imerese, nonché il collegamento Napoli-Termini Imerese, con un’offerta che consente di collegare l’isola ai porti più importanti dell’arco tirrenico.\r\n\r\nConfermata inoltre la presenza in Spagna, nelle Baleari con quattro navi con partenze tutti i giorni da e per i porti di Barcellona e Valencia per Minorca, Palma di Maiorca e Ibiza, garantendo così collegamenti quotidiani per tutte le isole, nonché l’operatività in Marocco dove Gnv sarà presente con sei linee da e per Italia, Spagna e Francia, offrendo una rete completa verso tutti i maggiori porti mediterranei con i collegamenti bi e tri settimanali Genova-Tangeri, Civitavecchia-Tangeri, Barcellona-Tangeri e Barcellona-Nador, Sète-Tangeri e Sète-Nador, oltre alla linea Almeria-Nador inaugurata la scorsa estate. Continuano infine gli investimenti nel collegamento giornaliero verso l’Albania, della linea Bari-Durazzo, e vengono confermati anche per il 2023 le partenze dai porti di Genova, Civitavecchia e Palermo per Tunisi.","post_title":"Gnv: nel 2022 il numero di passeggeri ha superato i livelli pre-Covid","post_date":"2023-01-26T10:49:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674730177000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437945","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo scatto di Ryanair sul Veneto da dove, per l'estate, decolleranno 22 nuove rotte (85 in totale) dagli aeroporti di Treviso, Venezia e Verona; è previsto anche un aumento delle frequenze su 17 rotte già esistenti. La low cost baserà anche un ulteriore aeromobile a Venezia, con un investimento di 100 milioni di dollari e l'aggiunta di 30 posti di lavoro. Diventano quindi sei i velivoli posizionati sull'area, di cui 4 a Venezia e 2 a Treviso. Per la summer aumenteranno del 10% i voli da Verona e complessivamente i collegamenti settimanali saranno 850. \r\nUlteriori investimenti sul Veneto sono subordinati al fatto che il Comune di Venezia riconsideri il suo progetto di introdurre una nuova tassa di 2,5 euro (per ogni passeggero in partenza) a partire da aprile 2023. \"Il Comune dovrebbe mettere al primo posto l'economia ed il turismo locali, eliminare questa tassa e consentire a Ryanair di continuare a crescere con impatto positivo sui posti di lavoro/sull’occupazione e il turismo - spiega una nota della low cost -. Questa nuova tassa, che si aggiunge all’addizionale comunale pari a 6,5 euro (per ogni passeggero in partenza), non solo renderebbe Venezia non competitiva rispetto ad altre destinazioni Ue, ma impedirebbe alle compagnie aeree, come Ryanair, di investire e crescere ulteriormente; spostando invece la crescita verso altri aeroporti più efficienti dal punto di vista dei costi.\r\n\"La velocità con cui Ryanair ha saputo intercettare la ripresa del mercato in post pandemia è stata determinante per il recupero del traffico degli aeroporti veneti nel 2022, contribuendo per oltre il 30% ai 15 milioni di passeggeri complessivi che hanno utilizzato gli scali di Venezia, Treviso e Verona, ricoprendo la posizione di primo vettore su tutti e tre gli aeroporti - ha sottolineato il direttore commerciale e marketing aviation del Gruppo Save, Camillo Bozzolo -. La potenzialità del nostro territorio ha dimostrato ancora una volta, nonostante il periodo difficile, la sua resilienza e le ampie opportunità di crescita, soprattutto in relazione a nuovi mercati internazionali pronti ad esprimere il loro interesse per il Nord Est”.\r\nNel dettaglio le nuove rotta da Venezia sono: Alghero, Brindisi, Berlino, Birmingham, Bordeaux, Bournemouth, Bristol, Colonia, Dublino, Edinburgo, Lamezia e Manchester.\r\n\r\nDa Verona si volerà anche verso Cork, Crotone, Danzica, Katowice, Marsiglia, Minorca, Santander, Tallin, Tolosa e Saragoza.","post_title":"Ryanair accelera dal Veneto con 22 nuove rotte. Salgono a sei i velivoli basati nella regione","post_date":"2023-01-25T15:33:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674660839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437925","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A partire dall'inizio del 2023, Finnair implementerà gradualmente la continuità dei prezzi nei canali di vendita attraverso Finnair.com e l'App mobile Finnair, nonché i canali Ndc per gli agenti partner. Ciò si traduce in prezzi più competitivi sui canali moderni rispetto a quelli offerti con il precedente sistema Edifact.\r\n\r\nInoltre, nell’ottica di accelerare ulteriormente la trasformazione tecnologica del vettore, eliminerà gli itinerari nazionali finlandesi dalla distribuzione Edifact. I voli nazionali saranno disponibili ai clienti da maggio sui canali diretti della compagnia e nei punti vendita abilitati Ndc di Finnair. Questi cambiamenti non influiscono sui viaggi intercontinentali che partono dalla Finlandia verso un altro Paese o sulle rotte che partono all’estero per la Finlandia.\r\n\r\nAfferma Jenni Suomela, vice president, global sales and channel management del vettore. \"Invitiamo i nostri partner b2b a unirsi a questo viaggio, cosicché i nostri clienti possano usufruire di questi vantaggi e siamo pronti a sostenere e aiutare i nostri partner in questa trasformazione\".\r\nDigitalizzazione\r\nQuesti cambiamenti sono fondamentali nel percorso dell'azienda verso la modernizzazione dei canali di vendita. Nel settembre 2021, infatti, l'aviolinea ha annunciato di voler adottare una distribuzione digitale entro la fine del 2025, eliminando gradualmente lo standard Edifact utilizzato finora. Dopo aver investito per anni nei canali diretti e nell'Ndc, Finnair aspira a passare alla distribuzione digitale moderna. Nel dicembre 2022, la compagnia ha annunciato un investimento informatico a lungo termine per rafforzare le capacità di vendita al dettaglio attraverso una gestione delle offerte e degli ordini all’avanguardia.\r\n\r\nLo scorso anno, inoltre, Finnair ha introdotto il supplemento Edifact per le rotte dall’Europa, in diversi mercati dell'Asia (viaggi in partenza da Hong Kong, India, Giappone, Corea, Singapore, Thailandia e mercati offline) ma anche del Medio Oriente (viaggi che partono da Israele, Qatar ed Emirati Arabi Uniti) e ha rimosso il marchio Finnair Light da Edifact.","post_title":"Finnair rafforza gradualmente le nuove modalità di vendita","post_date":"2023-01-25T12:10:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674648614000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437898","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_336927\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Johan Lundgren, ceo di easyJet[/caption]\r\n\r\nLa domanda di viaggio \"forte e sostenuta\" nonostante la crisi del costo della vita, consente a easyJet di stimare il ritorno all'utile annuale dopo tre anni di pesanti perdite, a causa della pandemia.\r\n\r\nLa compagnia aerea, come riportato dal Financial Times, ha reso noto di aver registrato tre fine settimana da record in termini di ricavi e che i passeggeri sembrano \"dare priorità alle spese per le vacanze per l'anno a venire\".\r\n\r\nEasyJet sta di fatto ampliando l'operativo per l'estate e conta di tornare ai livelli di volo precedenti alla pandemia entro i mesi del picco di traffico estivo, tra luglio e settembre. Di conseguenza la compagnia aerea si trova \"saldamente posizionata sulla strada del conseguimento di un profitto per l'intero anno\" ha dichiarato il ceo, Johan Lundgren. \"Abbiamo registrato una domanda di viaggi forte e sostenuta\".\r\n\r\nIl vettore stima che le perdite del primo semestre fiscale,  da ottobre a marzo, saranno \"significativamente migliori\" rispetto all'anno precedente, quando la compagnia aerea aveva registrato una perdita ante imposte di 557 milioni di sterline proprio a causa delle conseguenze della pandemia sul settore del trasporto aereo.","post_title":"EasyJet vede il ritorno all'utile dopo tre anni: \"Domanda di viaggio forte e sostenuta\"","post_date":"2023-01-25T10:32:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674642754000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti