18 January 2021

Forlì: è di Albastar il primo volo commerciale atterrato al Ridolfi. A bordo c’è la Juventus

[ 0 ]

Albastar protagonista all’aeroporto di Forlì: è infatti della compagnia aerea spagnola il primo volo commerciale della gestione di F.A. atterrato al Ridolfi lo scorso sabato. A bordo viaggiavano i giocatori, lo staff tecnico e i dirigenti della Juventus, atterrata a Forlì alla vigilia del match di campionato che si è disputato ieri  contro lo Spezia all’Orogel Stadium Dino Manuzzi di Cesena.

Il comandante Marcello Calzolaro e la sua crew hanno poi brindato insieme ai dirigenti e allo staff di F.A., festeggiando nel migliore dei modi il primo volo arrivato al Ridolfi.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353717 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gastaldi in formato famiglia . Da New York ai Caraibi:  si parte dall’Italia con volo di linea, poi una volta atterrati, un autista accompagna tutta la famiglia al Riu Plaza di Manhattan. Tra i plus inclusi, la visita degli highlights con il minitour Per mano a New York, che accompagna i viaggiatori nei cinque distretti della città con guida parlante in italiano. Dopo sei giorni si parte per un soggiorno al Beaches Turks & Caicos Resort Village & Spa, sulla spiaggia di Grace Bay, nominata più volte “più bella del mondo” ai Trip Advisor Travellers’ Choice. Un immenso parco acquatico, cinque villaggi, una spiaggia di 12 miglia, 1o piscine di cui due per i bambini, 22 ristoranti gourmet per scegliere ogni sera una cucina diversa, infinite attività divertenti per tutti, dai bambini ai ragazzi adolescenti – come le classi di yoga sulla spiaggia e la spa per il benessere dei più piccoli e agli adulti, poi le cene private a lume di candela sulla spiaggia e fino a due immersioni al giorno per i diver certificati. [post_title] => Vacanza in famiglia con Gastaldi e Beaches Resorts [post_date] => 2019-05-30T11:20:10+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559215210000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352951" align="alignleft" width="225"] Alessandro Azzola[/caption] Lusso, servizio, haute cusine, ospitalità, butler, overwater, mare cristallino, romanticismo, honeymoon, sono tutte parole che ben si sposano ad un resort maldiviano. Ce ne sono più di 120 che occupano isole più o meno piccole in una area enorme dell’Oceano Indiano, ormai divenuta un sogno ad occhi aperti, fatta di grandi distanze e atolli da non crederci. E allora come fare a differenziarsi? Lo ha capito Azemar e lo ha capito la mente imprenditoriale della famiglia Azzola, della quale, Alessandro, rappresenta il motore dell’accoglienza alle Maldive. Cocoon è un resort situato sull’isola di Ookolhufinolhu, atollo di Lhaviyani. Fa parte dell’ampia programmazione Azemar sull’arcipelago (50 resort in commercializzazione più due in comproprietà, Cocoon, appunto e You & Me by Cocoon aperto il 1° marzo). Ci sono delle menti creative che hanno concettualizzato il primo hotel di design delle Maldive. Si tratta di Daniele Lago, Simona Fabini, Tomaso Schiaffino e Gian Luca Innocenzi, insieme a Vito Di Bari, il “core” di designer coinvolti nella formazione e nella costituzione di Cocoon. [caption id="attachment_352952" align="alignright" width="225"] Un particolare del doppio lavabo con fondo in vetro[/caption] «Cocoon Maldives è il frutto di uno sforzo collaborativo - spiega Alessandro Azzola, managing director di Cocoon Maldives – fra Daniele Lago, ceo e chief designer della principale società di design italiana, Lago e me. Il nostro incontro è stato foriero di un concetto che oggi rappresenta un successo imprenditoriale innegabile. Leader creativo, inventivo e innovativo, Daniele Lago ha lanciato il successo del marchio Lago sin dal suo esordio ed oggi è molto affermato e riconosciuto in tutto il mondo, in particolare nel settore del mobile. Il marchio ha anche una forte presenza sui social media, con un milione e mezzo di followers». L'alleanza di Cocoon con un'azienda di design come Lago ha portato ad un connubio vincente, un rapporto “win win” dove Lago ha interpretato l'immagine di Cocoon come un marchio di sostenibilità, leggerezza, ospitalità ed empatia con l'ambiente circostante. «Ogni mobile è selezionato per allinearsi al concetto dell'azienda; letti sospesi su lastre di vetro che danno l’effetto “fluttuante”, lavabi con il sistema di scarico contemporaneo di legno antico con il fondo di vetro, appositamente creati, autentici tavoli in ceramica siciliana dipinta a mano e altalene nelle camere e nelle parti comuni, fanno parte di questo concept - spiega ancora Azzola – Ma c’è anche altro...». [post_title] => Cocoon by Azemar: il primo resort di design alle Maldive. Ma cosa c’è dietro? [post_date] => 2019-05-25T09:15:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558775721000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352733 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Four Seasons Hotels and Resorts ha scelto l'Airbus A321LR come jet privato per i viaggi di lusso intorno al mondo, promuovendo un nuovo ruolo per la famiglia di jet aziendali Airbus. L'aeromobile entrerà in servizio nel 2021. L'Airbus A321LR è uno dei velivoli più nuovi della Famiglia NEO1 ed è dotato di nuovi motori e dispositivi alari sharklet, oltre a serbatoi supplementari nella stiva. Queste caratteristiche conferiscono all’A321LR l'efficienza e l’autonomia per viaggi non stop verso le principali destinazioni turistiche in tutto il mondo, pur mantenendo la capacità di atterrare negli aeroporti più vicini. «L'esperienza del Four Seasons Private Jet ridefinisce la moderna aviazione di lusso, stimolando connessioni significative tra persone e luoghi, offrendo un viaggio senza interruzioni e altamente personalizzato - afferma Christian Clerc, presidente worldwide hotel operations di Four Seasons Hotels and Resorts -. In seguito all'enorme successo che il programma Private Jet ha ottenuto ad oggi, con vendite consistenti, liste di attesa e un altissimo livello di soddisfazione degli ospiti, la nostra spinta a innovare e a spingere continuamente oltre i limiti convenzionali del viaggio, ha portato a questa nuova opportunità per i clienti di sperimentare Four Seasons come mai prima d’ora». La cabina dell’ACJ319 di Four Seasons  è dotata di un ampio salotto, 54 poltrone completamente reclinabili con poggiapiedi, per conversare e cenare l’uno di fronte all’altro, e due ampi bagni. [post_title] => Fuor Seasons sceglie l'Airbus A321LR per i viaggi di lusso in jet privato [post_date] => 2019-05-22T08:50:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558515020000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352613 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352614" align="alignleft" width="225"] Mike Kupier al dive briefing[/caption] Nel nuovissimo resort di Azemar, nell’atollo di Raa il diving, come del resto in tutte le Maldive, è una cosa seria. Il centro di immersione è affidato alle cure di Mike Kupier, olandese, conoscitore dell’area con più di 10 anni di esperienza in queste acque. «Gli sport acquatici - spiega Kupier  - sono tutti presenti al centro nautico, mentre per la subacquea ce ne occupiamo noi di Emperor Divers, azienda con sede in UK, con una buona presenza anche in Egitto in tre località del mar Rosso. Il centro offre la didattica Padi, e rilascia tutti i brevetti a disposizione partendo dall’open water fino al massimo livello, incluso il Nitrox. Disponiamo di 20 set completi per vestire i nostri ospiti che non avessero portato la propria attrezzatura, tutto materiale di prima qualità (Scubapro) e soprattutto nuovissimo. Per le uscite disponiamo di un dhoni da 14 posti con il quale spesso facciamo immersioni doppie, e speedboat per dive privati o per gli sport nautici». L’atollo è ancora abbastanza “unspoiled” e per questo è difficilissimo incontrare altri gruppi di subacquei, ma soprattutto si stanno cercano altri interessanti punti di immersione oltre ai 18 già individuati. Fra questi spiccano 3 spot dedicati all’osservazione delle maestose mante e, proprio in uno di questi abbiamo provato questa emozionante esperienza di persona. «Il sito di Madi Gaa dista solo 5 km dallo You & Me - precisa Mike - circa 20 minuti di dhoni, poi ci si immerge e come per incanto vi troverete circondati da mante che qui vengono a pulirsi l’apparato attraverso il quale ingeriscono il plancton ed aquile di mare, oltre ad una quantità enorme di pesci multicolori». E così è stato, in un’immersione non profonda (massimo 17 metri) con 67 minuti di dive a 12 metri, 55 dei quali nel bel mezzo di un gruppo di mante, talmente tranquille ed a loro agio che pareva eseguissero la loro lenta e maestosa danza solo per noi osservatori, aggrappati al fondale. Mike ha mantenuto la promessa e, se con una sola immersione questo è ciò che abbiamo potuto ammirare, pensate con un’intera settimana a disposizione cosa si potrà incontrare. I diving spot sono molteplici come Broken Rock, un sito che va da 5 a 35 metri in cui si possono ammirare squali grigi del reef, barracuda, razze, o Nino Tila, dove la fanno da padrone piccole cavità ed un canyon che la taglia in due popolato di corallo soffice, oppure Lunboahanoo un po’ più a nord, circa un’ora di barca, che riunisce le caratteristiche dei precedenti. «Potrete immergervi con tre istruttori - conclude Kupier - che vi guideranno in inglese, cinese, russo, olandese, tedesco e, presto, speriamo anche in italiano». Le prossime tappe di sviluppo di Emperor Divers saranno: Emperor Raa, 5 stelle  adults only resort e Emperor Explorer  previsto per l'agosto 2019, ambedue alle Maldive e l' Emperor Harmoni che aprirà nel luglio 2020 in Indonesia. [gallery ids="352626,352625,352624,352623,352622,352621,352620,352619,352618"] [post_title] => Azemar: allo You & Me by Cocoon, il diving alle Maldive secondo Emperor Divers [post_date] => 2019-05-22T08:45:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558514741000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352681 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E’ andata in scena ieri pomeriggio a Milano, presso il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci, la conferenza dedicata al turismo e alla cultura fra Cina e Italia. Tanti i rappresentanti che si sono alternati sul palco a sottolineare l’amicizia e l’ammirazione reciproca tra i due Paesi e tante le iniziative frutto di un attività congiunta ampia e strategica. Gemellaggi tra le regioni, scambi di esposizioni e la Nuova via della Seta sono solo alcuni tra i progetti per promuovere gli scambi in vista del 2020, anno culturale del turismo Italia-Cina. Lo scorso anno 149 milioni 120 mila cinesi si sono mossi verso l’estero, posizionando l’Italia al dodicesimo posto tra le destinazioni scelte. Milano è una delle case più grandi della comunità cinese e si presenta come città aperta da scoprire intimamente, simbolo di integrazione oltre che capitale della moda, del design, del business e dello sport. Se da una parte i turisti cinesi nel nostro Paese sono più esigenti con una spesa media a persona di 1213 euro nel 2018, dall’altra la Cina accoglie la sfida di proporre turismo esperienziale agli abitanti dello Stivale per farli allontanare dagli itinerari più classici. [post_title] => Cina chiama Italia: nuovo slancio ai rapporti turistici tra i due paesi [post_date] => 2019-05-21T11:57:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558439861000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352597 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fto rinnova la richiesta di rivedere la rappresentanza di Apjc Italia, organo pariteticamente composto da rappresentanti delle associazioni degli agenti di viaggio e tour operator e delle compagnie aeree operanti nel Bsp. Per la distribuzione presenziano cinque membri di Fiavet, uno di Astoi, uno Assoviaggi e uno Assotravel. «Dopo oltre un anno dalla prima richiesta inviata ad Apjc Italia, ad oggi nulla si è mosso nonostante i solleciti. Riteniamo che l’attuale composizione dell’organo non rispecchi la reale ripartizione della distribuzione sul mercato italiano -  dichiara Gabriele Milani, direttore nazionale della Federazione Turismo Organizzato (nella foto) -. Numeri alla mano, i soci di Fto sviluppano quasi un quarto del transato complessivo su Bsp, un peso molto significativo che cresce ulteriormente se consideriamo i volumi generati tramite carte di credito o direttamente dalle agenzie Iata affiliate ai network Fto. Alla luce dell’attuale frammentazione del mercato, questo la dice lunga sulla nostra rappresentatività, soprattutto se si tiene in considerazione che il 10% dei codici Iata sviluppa circa l’80% dei volumi complessivi e che alcuni player di rilievo non aderiscono ad alcuna associazione». «Siamo a conoscenza del perimetro di competenze di un organo come Apjc Italia e delle difficoltà di dialogo, problematica che riscontriamo anche sui tavoli europei di cui già facciamo parte. Siamo altresì convinti che un confronto tra gli attori della filiera in Italia sia indispensabile, utile e costruttivo per il bene di tutti soprattutto in un momento di così forti cambiamenti. Basti pensare all’introduzione di NewGen Iss-TIP, dell’Ndc e del passaggio alla frequenza quindicinale del Bsp. Ci aspettiamo un riscontro positivo; è solo questione di volontà dato che si potrebbe allargare a nove la rappresentanza di compagnie aeree e agenti di viaggi oppure fare una veloce verifica del peso di ciascuna associazione». [post_title] => Fto rinnova la richiesta di un posto in Apjc Italia [post_date] => 2019-05-20T15:36:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558366607000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair archivia in positivo l'anno fiscale chiuso lo scorso 31 marzo: i profitti netti raggiungono quota 1,02 miliardi di euro, ma in calo rispetto al risultato dello scorso anno (1.45 miliardi di euro). La forte crescita del traffico - +7% per un totale di 139 milioni di passeggeri - è stata infatti frenata dalla flessione delle tariffe del 6%; la significativa crescita dei ricavi ancillary (+19%), è stata invece penalizzata dall'elevato costo di carburante e personale. I risultati escludono una perdita di 139,5 milioni di euro relativa all'acquisizione di Laudamotion, completata lo scorso gennaio. Includendo quest'ultima operazione i profitti risultano infatti in diminuzione del 30% (948 milioni di euro). «Come anticipato - ha commentato il ceo della low cost Michael O'Leary - l'utile dopo le tasse si è attestato a 1,02 miliardi di euro. L'aumento di capacità sulle rotte di corto raggio e l'assenza delle festività pasquali nel quarto e conclusivo trimestre dell'anno ha portato a una flessione del 6% delle tariffe, che ha stimolato l'aumento del 7% del traffico. Buono l'andamento dei ricavi ancillary - +19% - che hanno raggiunto i 2,4 miliardi di euro e spinto al rialzo i ricavi totali che con un +6% sono saliti a 7,6 miliardi di euro». Le previsioni per l'anno fiscale 2020 rimangono caute sul pricing. Il traffico aumenterà dell'8% a 153 milioni. Supponendo una crescita dei ricavi per passeggero del 3%, stimiamo un andamento lineari dei profitti, che potrebbero essere compresi tra 750 milioni di euro e 950 milioni di euro. I costi aumenteranno mentre la nostra bolletta del carburante per l'intero anno salirà di altri 460 milioni di euro. I costi extra-fuel aumenteranno del 2%, principalmente a causa della sterlina più forte, l'assenza di confronti dei costi dell'anno precedente per Lauda e dei ritardi di consegna degli aerei B737 Max quest'anno». Si tratta di previsione che, precisa la nota Ryanair, dipendono in modo significativo dall'andamento delle tariffe durante il picco estivo, dall'assenza di eventi imprevisti e  da eventuali sviluppi negativi legati a Brexit». [post_title] => Utili in calo per l'esercizio 2018-19 di Ryanair: pesano il calo tariffe e Brexit [post_date] => 2019-05-20T12:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356054000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352327 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Atollo di Lhaviyani si trova a 30 minuti di idrovolante a nord di Male. E’ qui che nella parte meridionale si trova il Cocoon Maldives, immerso in un ambiente naturale fuori dal comune, incontaminato nel bel mezzo dell’Oceano Indiano sull’Isola Ookolhufinolhu. Cocoon è il primo resort di design alle Maldive, fiore all'occhiello della programmazione Azemar e a questo primato ci tengono con molto orgoglio, qui, dove sono stati inseriti arredi contemporanei, appositamente disegnati in un contesto tipicamente tropicale, per un risultato incredibile, unico. Ookhulufinolhu è una delle 54 isole situate nella parte sud dell’atollo di Lhaviyani, a nord dall’aeroporto di Malé in una zona ancora poco battuta dalle rotte abituali. [caption id="attachment_352329" align="alignright" width="300"] La lobby del Cocoon[/caption] La prestigiosa azienda di design Lago (leader nel settore degli arredi d’interni, rigorosamente made in Italy!) ha progettato e concepito 145 camere, il cui fine è trasmettere gioia a chi le abita. Lo stock delle camere vede 50 beach villa, 5 family beach villa, 25 beach suite, 5 beach suite con piscina, 40 lagoon villa e 20 lagoon suite, tute incastonate nella vegetazione, con la peculiarità di mettere l’ospite in costante contatto con il paesaggio che li circonda. Le abitazioni sono tutte dotate di letti king size, poggiate su rialzi in vetro per un effetto “fluttuante nell’aria”, condizionatore, ventilatore a pale, asciugacapelli, telefono con linea diretta, minibar, cassetta di sicurezza, TV a schermo piatto, bollitore per the e caffè, veranda con lettini. Uno dei punti forti del resort è la ristorazione: 3 ristoranti e 2 bar immersi nella natura deliziano gli ospiti con cura e attenzione. Octopus è il ristorante principale a buffet aperto per colazione pranzo e cena dove un “community table di 20 metri by LAGO” abbatte le barriere culturali facilitando le relazioni tra gli ospiti internazionali. Manta è il ristorante à la carte, Palm Grill all’ombra delle palme offre gustare pesce e carne alla griglia, Lobi Lobi, bar principale e Kurumba bar vicino alla kids area completano il quadro. Volendo è possibile cenare nella privacy della propria camera. Il collegamento wi fi è veloce e copre tutta l’isola, ed è gratuito. L’intrattenimento è delicato e offre serate a tema con musica dal vivo, karaoke, crab race, Boduberu. Disponibile una libreria con anche CD e DVD, boutique, servizio lavanderia. La SPA Cocoon è poi il luogo ideale per rigenerare corpo e mente, posta nel rigoglioso giardino propone una vasta gamma di trattamenti tra cui massaggi detox e scrub; le suite private sono disponibili per trattamenti individuali e di coppia. Per i bambini Pupa Kid’s Club con staff sempre disponibile per rendere memorabile la vacanza di grandi e piccoli offre anche il servizio di baby sitting su richiesta a pagamento. Insomma Cocoon è il primo resort di design alle Maldive in un ambiente esclusivo dove ogni elemento, unico nel suo genere, è stato progettato per rendere il soggiorno indimenticabile. La cultura dell’eccellenza, la qualità della vita, i materiali autentici e i dettagli di design mostrano che nulla è stato lasciato al caso. La parola chiave, qui, è “Leggerezza”: leggerezza dei letti sospesi, la leggerezza delle altalene e dei divani in reception, la leggerezza del community table che ci inviterà a entrare in contatto con culture diverse dalla nostra, la leggerezza che il vostro spirito avrà dopo una vacanza rigenerante a Cocoon! [gallery ids="352333,352335,352334,352338,352337,352336,352339,352340,352341,352342,352343,352344,352345,352346,352347,352348,352349,352350"] [post_title] => Cocoon Maldives: fiore all’occhiello della programmazione Maldive di Azemar [post_date] => 2019-05-17T12:44:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558097053000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352216 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si rafforza la collaborazione tra Alitalia e Glamour Tour Operator. Dopo il fam trip a Mauritius, con cui si è aperto il 2019, la compagnia italiana e il to viareggino hanno organizzato un nuovo educational nei giorni scorsi con 10 agenzie di viaggio per lanciare il nuovo volo diretto da Roma a Washington che opererà con una frequenza di 5 voli settimanali. Glamour Tour Operator si distingue nel panorama nazionale per l’inedito approccio della sua offerta e la sua struttura che lo differenzia da ogni altro tour operator. La partnership con Alitalia è consolidata nel tempo e ogni anno si rinsalda grazie ad un team sempre attento che riesce ad anticipare le tendenze del mercato. La collaborazione si è rivelata, d’altra parte, già un grande successo su destinazioni come Mauritius e Maldive. «Una cosa che ci caratterizza è anticipare il mercato: non aspettiamo che la domanda arrivi per andare a cercare la risposta – dichiara Luca Buonpensiere,  titolare di Glamour Tour Operator -. Vogliamo già avere una risposta pronta per la domanda che arriverà». Intuizione che ha avuto riscontro nelle recenti forti spinte sui fatturati con un +300% in soli 3 anni (2014-2017). Con una forte presenza sul lungo raggio, dalle destinazioni tradizionali del Nord America, Glamour dall’anno scorso propone inoltre, con il brand Sneakers, una nuova destinazione: il mar Rosso. Un tipo di viaggio più easy che offre soggiorni dalle tariffe competitive e meno impegnative rispetto a quelle dei tour sartoriali, pur garantendo dei plus esclusivi che distinguono Sneakers sul mercato.                 [post_title] => Glamour cresce e rafforza la partnership con Alitalia [post_date] => 2019-05-16T12:22:36+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558009356000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti