6 October 2022

Cathay Pacific: conto alla rovescia per la riapertura su Milano, dove debutterà l’A350-1000

[ 0 ]

E’ partito il countdown per il ritorno di Cathay Pacific nei cieli italiani, dopo la sospensione forzata causa pandemia. «Torniamo a Milano Malpensa e lo facciamo con un nuovo aeromobile – l’A350-1000 – che per la prima volta decollerà da questo scalo. Il tutto mentre celebriamo i 75 anni di attività della compagnia»: Daniele Borgogna, sales & marketing manager Italia della compagnia aerea di Hong Kong, sottolinea il «gran bel segnale» della riapertura del collegamento diretto con il nostro paese, che sarà operativo dal 6 novembre prossimo, con due frequenze alla settimana.

Il volo su Milano (ancora in stand-by quello per Roma Fiumicino, ndr) andrà ad aggiungersi a quelli già ripristinati in Europa sugli aeroporti di Londra, Francoforte, Amsterdam e Parigi Cdg, e a quello su Madrid.

«Siamo ottimisti anche riguardo alla riapertura di altre destinazioni per noi strategiche in termini di proseguimenti beyond Hong Kong: parlo ad esempio delle Filippine, ma speriamo ne arrivino presto altre. La quota di passeggeri che vola beyond è sempre significativa, attorno al 60%».

Significativo anche l’apporto del trade alle vendite della compagnia sul mercato italiano: «Un rapporto oggi più che mai fondamentale, che veicola la maggior parte delle nostre vendite in Italia. A disposizione degli agenti di viaggio c’è la sempre aggiornata versione del portale dedicato, CxAgents».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431797 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412544" align="alignright" width="300"] Roberta Garibaldi, ad Enit[/caption] Enit porta l'offerta congressuale italiana sul palcoscenico di Imex America, in calendario dall’11 al 13 ottobre prossimi. Ottime le performance dell’Europa per numero di meeting internazionali promossi dalle associazioni: nella Top 20 Destination Performance Index di Icca, il 70% dei paesi e l’80% delle città sono destinazioni europee. Seguono i Paesi asiatici (15%) e i Paesi nordamericani (10%), mentre l’Oceania, rappresentata dall'Australia, ha una quota di mercato del 5%. La Spagna balza di 2 posizioni rispetto al 2019 e diventa la seconda destinazione per meeting a livello globale, dopo gli Stati Uniti che restano saldi al primo posto per numero di congressi ospitati. Dopo la Germania al 3° e la Francia al 4°, l'Italia nel 2021 ottiene il 5° posto, scavalcando il Regno Unito che scende di una posizione rispetto al 2019.     Nella classifica delle città, Roma entra nelle prime 20 posizioni e si piazza al 16° posto. Nel 2021 in Italia sono stati realizzati complessivamente 86.438 eventi in presenza o in formato ibrido con una crescita del +23,7% rispetto al 2020, per un totale di 4.585.433 partecipanti (+14,7% sul 2020). Sempre lo scorso anno, la spesa internazionale per viaggi d’affari in Italia nel 2021, circa 4,3 miliardi di euro (+50,8% sul 2020), è cresciuta più di quella per vacanze (+16,8%).  Sono 10,8 milioni i viaggiatori internazionali in Italia per motivi di lavoro/affari nel 2021 (+18,2% sul 2020) per un totale di circa 33 milioni di notti (+16,7%). (Fonte Ufficio Studi su dati Banca d’Italia)    Nei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori dall’estero in Italia per motivi di lavoro spendono quasi 3 miliardi di euro (fonte: Ufficio Studi su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori).     Il settore mice troverà il vigore di un tempo nel 2026. "Il successo dei meeting face to face dovrà essere basato in futuro sulla qualità dei contenuti e l’apporto che la destinazione può dare al raggiungimento degli obiettivi dell’evento, l’affiancamento di elementi virtuali, l’offerta di un’effettiva esperienza di networking, la sostenibilità" dichiara l'ad Enit, Roberta Garibaldi. "Se analizziamo i dati disponibili ci rendiamo conto di quanto sia aumentata la determinazione di fattori come la reputazione, l’accessibilità dei luoghi, i fattori ambientali, il clima, le opportunità extra conferenze, le caratteristiche delle strutture ricettive per qualità e standard di sicurezza e come ci si orienti anche su strutture con meno camere con un’ospitalità più familiare. E’ cresciuto l’interesse per strutture con aree esterne con flessibilità degli spazi, attenzione alla sostenibilità e all’enogastronomia e con avanzata dotazione tecnologica”. [post_title] => Enit porta l'Italia a Imex America: il nostro Paese è la quinta destinazione Mice al mondo [post_date] => 2022-10-06T12:41:01+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665060061000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431721 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fairfield farà il proprio debutto il prossimo anno in Europa e Medio Oriente. Il secondo brand più grande del portfolio di 30 marchi del gruppo Marriott conta oggi 1.230 hotel in attività, a cui si aggiungeranno presto sei nuovi indirizzi nel Vecchio continente e in Arabia Saudita. Qui il design delle proprietà Fairfield è stato pensato in modo da riflettere le caratteristiche locali: quello europeo si ispira allo stile scandinavo, che offre un'estetica leggera e luminosa, mentre per le proprietà in Medio Oriente è prevista una disposizione personalizzata per la regione, che comprende sale di preghiera e segnali che indicano la direzione verso La Mecca. Il concetto di ristorazione del marchio si chiama The Social Market e include una colazione salutare e compresa nel soggiorno, mentre in alcuni hotel, gli ospiti potranno gustare una selezione di piatti freddi e caldi à la carte per la sera. I viaggiatori possono anche servirsi di ciò di cui hanno bisogno presso il comodo market aperto 24/7, che offre snack e bevande. Il marchio debutterà dunque in Europa nel terzo trimestre 2023 con il Fairfield by Marriott Copenhagen North Harbor da 234 camere, parte di uno sviluppo dual-branded che vedrà anche la presenza di un Residence Inn da 81 chiavi per i soggiorni lunghi. Nello stesso periodo aprirà i propri battenti anche il Fairfield by Marriott Amsterdam Schiphol Airport da 175 camere. A seguire, ci saranno anche i Fairfield by Marriott Zug da 123 chiavi (secondo trimestre 2024) e Bordeaux Train Station da 191 camere (quarto trimestre 2024). In Arabia Saudita le inaugurazioni riguarderanno invece i Fairfield by Marriott Makkah Al Naseem da 2.600 chiavi (primo trimestre 2025) e Makkah Ibrahim Al Khalil Road da 1.376 camere (quarto trimestre 2025) [post_title] => Parte da Copenaghen, Amsterdam, Zugo e Bordeaux l'avventura europea del brand Fairfield [post_date] => 2022-10-05T13:37:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664977022000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo 56 anni di storia il gruppo Salentino Caroli Hotels è costretto a gettare la spugna: il caro bollette ha infatti eroso a tal punto le sue marginalità da aver convinto la proprietà a cessare le attività, nonostante il prolungamento della stagione ben oltre i tradizionali confini estivi. Si fermano quindi le cinque strutture del gruppo distribuire tra Gallipoli e Santa Maria di Leuca, mettendo a rischio la posizione dei 275 dipendenti circa della compagnia. Una comunicazione ufficiale, si legge sul Sole 24 Ore, è stata inviata a questo proposito alla prefettura di Lecce dal direttore generale di Caroli Hotels, Attilio Caputo. La sospensione dei servizi alberghieri e di ristorazioni ai nuovi clienti, riporta il documento, è interrotta con decorrenza immediata: "Gli spropositati ed insostenibili costi, che hanno eroso totalmente i margini di profitto, rendono impossibile garantire il prosieguo dell’attività, pur ricorrendo alle opportunità offerte dal sistema creditizio e all’implementazione di impianti fotovoltaici, la cui installazione non è stata ancora autorizzata. Ci auguriamo che un ritorno alla normalità possa far ricreare le condizioni per una riapertura". [post_title] => Il caro bollette fa chiudere il gruppo salentino Caroli Hotels [post_date] => 2022-10-03T10:04:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664791475000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431481 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Grandi aspettative per l'aeroporto di Foggia che, dallo scorso 30 settembre, è di nuovo aperto ai voli civili. Terminata un'attesa lunga 11 anni, "siamo di fronte a una giornata storica" ha dichiarato Antonio Maria Vasile, presidente di Aeroporti di Puglia, la società di gestione degli scali della regione, che non ha mai smesso di credere e investire nel progetto di rilancio del 'Gino Lisa'. Un vero e proprio "riscatto per la città di Foggia e per l'area circostante", un iter lunghissimo che però vede lo scalo "come primo in Europa a beneficiare per un periodo di dieci anni dei fondi messi a disposizione del progetto Sieg (Servizio di interesse economico generale), tanto da essere preso ad esempio come 'best practice'". Il futuro dello scalo punta dritto alla sostenibilità ambientale, "e vorremmo diventare il primo aeroporto auto-sostenibile in termini energetici", oltre che "all'apertura di una base internazionale della Protezione civile". La riapertura di Foggia ha coinciso anche con un bilancio da record per il mese di settembre degli scali di Bari e Brindisi. I passeggeri in transito sugli scali pugliesi sono stati 957.763 (630.200 su Bari e 327.563 su Brindisi), in crescita del 15% rispetto allo stesso periodo del 2019, anno record per Aeroporti di Puglia. La linea internazionale, con numeri che sfiorano i 395.000 passeggeri, fa registrare un +10,1%, mentre il dato riferito al traffico domestico si attesta su 550.240 passeggeri e un +22%. Su base annua i passeggeri su Bari e Brindisi sono stati circa 7,2 milioni, il 12,6% in più rispetto al dato del 2019. [post_title] => Aeroporti di Puglia: decolla il riscatto di Foggia, che ora è una 'best practice' [post_date] => 2022-10-03T09:35:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664789738000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431475 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lumiwings protagonista a Foggia con l’apertura del primo volo diretto a Milano Malpensa, decollo che ha coinciso con la riapertura ai voli civili – dopo 11 anni – del ‘Gino Lisa’. Una scommessa impegnativa quella della compagnia aerea greca, portata avanti con Aeroporti di Puglia, che vede così coronato il sogno mai sopito di completare il network degli scali pugliesi con Foggia. Lumiwings opera sulla Foggia-Milano con un Boeing 737-300 da 139 passeggeri, con quattro frequenze a settimana fino a dicembre, quando saliranno a cinque; a questa prima rotta si affiancano gli altri tre collegamenti per Torino, Catania e Verona “primo step di un futuro ampliamento” dichiara Chiara Rebughini, direttore commerciale del vettore (nella foto, insieme all'equipaggio). Una scommessa che ha preso forma dopo uno “studio mirato sulla potenziale catchement area, che ha evidenziato elevate potenzialità e come l'utenza sia mutata rispetto al passato, privilegiando ora il viaggio in aereo a quello in bus o in treno. Significativo poi l'interesse del segmento business, viste le numerose aziende del Nord Italia che qui hanno una sede secondaria. L'aeroporto è un'alternativa molto interessante non soltanto per il foggiano e la Puglia, ma per il Molise, una parte di Basilicata, Campobasso e Avellino". Traffico Vfr, business, studentesco e, naturalmente leisure per le quattro rotte, tutte annuali, "e già nel periodo dei prossimi ponti e festività notiamo un forte incremento delle prenotazioni”. La stima di passeggeri “che è una proiezione conservativa” punta al "50% in questi primi mesi e al pieno riempimento in tre anni, per tutte le tratte". Ruolo preciso per il trade all’interno dei canali distributivi: “Siamo presenti sui gds tramite Worldticket, con cui abbiamo un agreement commerciale. E contiamo molto sul contributo degli agenti di viaggi che ritengo siano importantissimi, anche per il ruolo di fiducia che sono in grado di instaurare con il cliente finale”. Attualmente gli adv possono aprire il loro account sul sito di Lumiwings “e gestire le loro prenotazioni, ma vogliamo creare un’affiliazione a loro dedicata e stiamo definendo l’offerta da proporre: in base al venduto beneficeranno di agevolazioni esclusive”. [gallery ids="431478,431479,431477"] [post_title] => Lumiwings protagonista della riapertura dell’aeroporto di Foggia con il volo per Milano [post_date] => 2022-10-03T09:30:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664789426000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431459 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giro d'affari in crescita per Destination Italia che nei primi sei mesi dell'anno registra ricavi per 7,1 milioni di euro, pari a un incremento di ben il 692% rispetto allo stesso semestre del 2021 (0,9 milioni), fortemente penalizzato dall'emergenza pandemica. Il risultato è particolarmente significativo perché, pur non tenendo ancora in conto i rilevanti flussi dei turisti propri dell’alta stagione, è paragonabile a quello realizzato in tutto l’esercizio 2021. Ciononostante i margini operativi lordi della compagnia continuano a rimanere in territorio negativo, seppure in lieve miglioramento rispetto al 2021 (ebitda a -0,8 milioni contro i -0,86 mln dell'anno scorso). Il risultato ante imposte segna quindi un saldo negativo per 1,4 milioni di euro (-1,2 milioni al 30 giugno 2021), mentre il risultato netto è pari a -1,4 mln (vs. -1,3 mln). Il gruppo registra infine una posizione finanziaria netta cash positive pari a 0,86 milioni euro, in miglioramento (+155%) rispetto ai 0,34 milioni del 31 dicembre 2021. Secondo il nuovo presidente di Destination Italia, Giulio Valiante "le prospettive per fine anno sono più che confortanti, benché ancora lontane dai valori pre-Covid dato lo stato di emergenza perdurato fino al 31 marzo 2022. La società ha certamente beneficiato delle positive condizioni di mercato derivanti dalle progressive aperture, nel secondo semestre dell’anno, rese possibili dall’attenuarsi del Covid-19. Tuttavia un grosso merito del successo è da attribuire anche alle strategie aziendali messe in campo dal management per fronteggiare l’epidemia prima, e per bilanciare gli effetti del conflitto russo-ucraino dopo; strategie che hanno puntato sull’innovazione tecnologica, sulle partnership strategiche e sull’apertura di nuovi mercati, oltre al potenziamento di quelli già presidiati, con clienti che oggi provengono da oltre 100 Paesi”. A conferma della tendenza positiva di mercato, alla data odierna il portafoglio ordini del gruppo, al lordo Iva, ha superato i 25 milioni di euro complessivi, con un incremento del 331% rispetto ai 5,8 milioni dell’analogo periodo 2021 e con un aumento di 5 milioni rispetto al portafoglio al 31 luglio 2022. Dal punto di vista geografico, l’Europa è la prima regione con il 27% delle prenotazioni, seguita dal Nord America con il 24%. Tra i singoli Paesi di origine spiccano Stati Uniti, Brasile, Spagna, Canada, Australia, Regno Unito e penisola Araba. Anche le prenotazioni Italia su Italia hanno contribuito a bilanciare il portafoglio ordini. Con riferimento alle linee di business, prosegue infine la crescita di Sono Travel Club: il brand che si rivolge al segmento del turismo di lusso, che oggi contribuisce per oltre il 34% del valore delle prenotazioni, con il rimanente 66% generato dalle linee di business Xml (la piattaforma di prenotazione automatica machine-to-machine) e Destination Italia (la linea di business tradizionale del gruppo). [post_title] => Crescono i ricavi ma conti ancora in rosso per Destination Italia [post_date] => 2022-09-30T13:58:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664546289000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431391 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione in ripresa per Le Isole di Tahiti, che hanno accolto nuovamente i turisti italiani sfruttando i collegamenti da Parigi, Los Angeles e San Francisco. "Abbiamo registrato dati interessanti tenendo conto che abbiamo iniziato a lavorare da aprile-maggio e che i dati sono ancora in ribasso ovviamente sul 2019, nonostante tutto i mesi di ottobre e novembre sono andati molto bene - ha commentato  Gabriele Cavallotti, rappresentante in Italia per Tahiti Tourisme, in occasione del roadshow organizzato a Milano e Roma -. La destinazione è trainata dalla Francia e dagli Usa, ma il mercato italiano potrebbe arrivare intorno ai 4.000 ospiti a chiusura anno; siamo senza dubbio ancora distanti dai livelli passati, ma siamo certi dell'alto potenziale". La promozione punta a nuovi segmenti ma anche su nuovi prodotti, "per esempio sull'accoglienza delle guesthouse, le ville e le pensioni familiari, valorizzando anche le isole minore che richiedono una spesa più ridotta. Quindi andremo a lavorare su nuove fasce di clientela, non possiamo più limitarci ai viaggi di nozze, certamente  strategico, ma soprattutto intendiamo allargare la stagione, tranne febbraio e marzo". Per il 2023 gli impegni dell'ente prevedono investimenti  con campagne verso  determinati segmenti di viaggio per valorizzare le differenti esperienze in destinazione verso gli high-end spenders, famiglie, ai senior e ai clienti LGBTQIA, accanto ad un focus per promuovere turismo sostenibile, ma anche charter nautici e crociere. La capacità ricettiva della destinazione si attesta a 71.400 camere che corrisponde al 93% del 2019.  Al momento gli hotel stanno registrando occupazioni medie dell'84%, mentre è tornata a pieno regime la capacità aerea.  Le agenzie e trade restano al centro delle strategie della commercializzazione. "Il  2023 segnerà una stabilità in termini di numeri dal mercato italiano rafforzando il nostro impegno sul trade - spiega Cavallotti- oggi il 60,5% di emissione biglietteria aerea sulla destinazione proviene dalla adv e questo numero conferma l’importanza che riveste il segmento per la nostra destinazione. Infine, con il Tahiti Specialist Program dedicato alle agenzie abbiamo tra l’altro già raggiunto i 400 iscritti e moltissimi hanno ricevuto la certificazione. [post_title] => Tahiti Tourisme punta sul trade per attrarre nuovi target [post_date] => 2022-09-30T09:32:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664530335000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431321 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente. Nel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni. Nel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno. [post_title] => Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente [post_date] => 2022-09-29T10:19:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664446788000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431313 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424188" align="alignleft" width="277"] Beppe Pellegrino[/caption] Sono sette le nuove destinazioni di Amo il Mondo. C'è aria di novità nella programmazione del tour operator tailor made di casa Uvet, che arricchisce la propria offerta con alcune proposte inedite che diversificano ulteriormente il prodotto (India, Giordania, Corea, Islanda, Israele, Laos, Algeria), a cui si aggiunge anche un nuovo catalogo dedicato agli honeymooners.  “La sensibilità di chi, da sempre, lavora al fianco delle agenzie di viaggio, come Amo il Mondo – afferma Beppe Pellegrino, direttore generale di Uvet Viaggi Turismo – serve a soddisfare, e a volte anticipare, le esigenze del trade. L’obiettivo è quello di intercettare i desiderata di un’utenza desiderosa di vivere una vacanza lontana dalle rotte più classiche e dai tour di impostazione tradizionale. Per valorizzare al meglio le novità, frutto di un grande lavoro di squadra, supporteremo strategicamente il lancio con un piano articolato e impattante di azioni che conta una campagna social e cover Facebook dedicata, un pieghevole, webinar tematici, banner, dem e offerte promozionali". “Oltre alle sette novità di prodotto, abbiamo elaborato un nuovo catalogo viaggi di nozze, che continua a essere il target più importante per noi – aggiunge Roberto Servetti, direttore prodotto di Amo il Mondo –. Tra le proposte più caratteristiche il tour del Laos in treno veloce, per ammirare risaie e la foresta pluviale da un altro punto di vista, la visita della Giordania che include il pernottamento nel deserto sotto le stelle, una interessante proposta con visita a Los Angeles e isole Fiji più crociera culturale alla scoperta delle genti e delle tradizioni del Pacifico e, infine, un molto apprezzato itinerario fra Bali, Java e Kura Kura". Oltre alle novità già citate, confermata e rinnovata la programmazione delle altre destinazioni. A fianco a Stati Uniti, Canada, Messico e Caraibi, sempre molto richieste sono Kenya e Tanzania, Sudafrica e Namibia, nonché Seychelles, Mauritius, Maldive, Madagascar e Sri Lanka, oltre alle intramontabili Thailandia, Indonesia, Malesia, Indocina e Indonesia fino ad Australia, Nuova Zelanda, Polinesia, Fiji e Cook. [post_title] => Amo il Mondo amplia l'offerta con sette nuove destinazioni e un catalogo honeymooners inedito [post_date] => 2022-09-29T09:49:27+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664444967000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "cathay pacific conto alla rovescia per la riapertura su milano dove debuttera la350 1000" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":102,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1348,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431797","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412544\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Roberta Garibaldi, ad Enit[/caption]\r\n\r\nEnit porta l'offerta congressuale italiana sul palcoscenico di Imex America, in calendario dall’11 al 13 ottobre prossimi. Ottime le performance dell’Europa per numero di meeting internazionali promossi dalle associazioni: nella Top 20 Destination Performance Index di Icca, il 70% dei paesi e l’80% delle città sono destinazioni europee. Seguono i Paesi asiatici (15%) e i Paesi nordamericani (10%), mentre l’Oceania, rappresentata dall'Australia, ha una quota di mercato del 5%. La Spagna balza di 2 posizioni rispetto al 2019 e diventa la seconda destinazione per meeting a livello globale, dopo gli Stati Uniti che restano saldi al primo posto per numero di congressi ospitati. Dopo la Germania al 3° e la Francia al 4°, l'Italia nel 2021 ottiene il 5° posto, scavalcando il Regno Unito che scende di una posizione rispetto al 2019.  \r\n \r\nNella classifica delle città, Roma entra nelle prime 20 posizioni e si piazza al 16° posto. Nel 2021 in Italia sono stati realizzati complessivamente 86.438 eventi in presenza o in formato ibrido con una crescita del +23,7% rispetto al 2020, per un totale di 4.585.433 partecipanti (+14,7% sul 2020). Sempre lo scorso anno, la spesa internazionale per viaggi d’affari in Italia nel 2021, circa 4,3 miliardi di euro (+50,8% sul 2020), è cresciuta più di quella per vacanze (+16,8%).  Sono 10,8 milioni i viaggiatori internazionali in Italia per motivi di lavoro/affari nel 2021 (+18,2% sul 2020) per un totale di circa 33 milioni di notti (+16,7%). (Fonte Ufficio Studi su dati Banca d’Italia) \r\n \r\nNei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori dall’estero in Italia per motivi di lavoro spendono quasi 3 miliardi di euro (fonte: Ufficio Studi su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori).  \r\n \r\nIl settore mice troverà il vigore di un tempo nel 2026. \"Il successo dei meeting face to face dovrà essere basato in futuro sulla qualità dei contenuti e l’apporto che la destinazione può dare al raggiungimento degli obiettivi dell’evento, l’affiancamento di elementi virtuali, l’offerta di un’effettiva esperienza di networking, la sostenibilità\" dichiara l'ad Enit, Roberta Garibaldi.\r\n\r\n\"Se analizziamo i dati disponibili ci rendiamo conto di quanto sia aumentata la determinazione di fattori come la reputazione, l’accessibilità dei luoghi, i fattori ambientali, il clima, le opportunità extra conferenze, le caratteristiche delle strutture ricettive per qualità e standard di sicurezza e come ci si orienti anche su strutture con meno camere con un’ospitalità più familiare. E’ cresciuto l’interesse per strutture con aree esterne con flessibilità degli spazi, attenzione alla sostenibilità e all’enogastronomia e con avanzata dotazione tecnologica”.","post_title":"Enit porta l'Italia a Imex America: il nostro Paese è la quinta destinazione Mice al mondo","post_date":"2022-10-06T12:41:01+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665060061000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431721","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fairfield farà il proprio debutto il prossimo anno in Europa e Medio Oriente. Il secondo brand più grande del portfolio di 30 marchi del gruppo Marriott conta oggi 1.230 hotel in attività, a cui si aggiungeranno presto sei nuovi indirizzi nel Vecchio continente e in Arabia Saudita. Qui il design delle proprietà Fairfield è stato pensato in modo da riflettere le caratteristiche locali: quello europeo si ispira allo stile scandinavo, che offre un'estetica leggera e luminosa, mentre per le proprietà in Medio Oriente è prevista una disposizione personalizzata per la regione, che comprende sale di preghiera e segnali che indicano la direzione verso La Mecca.\r\n\r\nIl concetto di ristorazione del marchio si chiama The Social Market e include una colazione salutare e compresa nel soggiorno, mentre in alcuni hotel, gli ospiti potranno gustare una selezione di piatti freddi e caldi à la carte per la sera. I viaggiatori possono anche servirsi di ciò di cui hanno bisogno presso il comodo market aperto 24/7, che offre snack e bevande.\r\n\r\nIl marchio debutterà dunque in Europa nel terzo trimestre 2023 con il Fairfield by Marriott Copenhagen North Harbor da 234 camere, parte di uno sviluppo dual-branded che vedrà anche la presenza di un Residence Inn da 81 chiavi per i soggiorni lunghi. Nello stesso periodo aprirà i propri battenti anche il Fairfield by Marriott Amsterdam Schiphol Airport da 175 camere. A seguire, ci saranno anche i Fairfield by Marriott Zug da 123 chiavi (secondo trimestre 2024) e Bordeaux Train Station da 191 camere (quarto trimestre 2024). In Arabia Saudita le inaugurazioni riguarderanno invece i Fairfield by Marriott Makkah Al Naseem da 2.600 chiavi (primo trimestre 2025) e Makkah Ibrahim Al Khalil Road da 1.376 camere (quarto trimestre 2025)","post_title":"Parte da Copenaghen, Amsterdam, Zugo e Bordeaux l'avventura europea del brand Fairfield","post_date":"2022-10-05T13:37:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664977022000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo 56 anni di storia il gruppo Salentino Caroli Hotels è costretto a gettare la spugna: il caro bollette ha infatti eroso a tal punto le sue marginalità da aver convinto la proprietà a cessare le attività, nonostante il prolungamento della stagione ben oltre i tradizionali confini estivi. Si fermano quindi le cinque strutture del gruppo distribuire tra Gallipoli e Santa Maria di Leuca, mettendo a rischio la posizione dei 275 dipendenti circa della compagnia.\r\n\r\nUna comunicazione ufficiale, si legge sul Sole 24 Ore, è stata inviata a questo proposito alla prefettura di Lecce dal direttore generale di Caroli Hotels, Attilio Caputo. La sospensione dei servizi alberghieri e di ristorazioni ai nuovi clienti, riporta il documento, è interrotta con decorrenza immediata: \"Gli spropositati ed insostenibili costi, che hanno eroso totalmente i margini di profitto, rendono impossibile garantire il prosieguo dell’attività, pur ricorrendo alle opportunità offerte dal sistema creditizio e all’implementazione di impianti fotovoltaici, la cui installazione non è stata ancora autorizzata. Ci auguriamo che un ritorno alla normalità possa far ricreare le condizioni per una riapertura\".","post_title":"Il caro bollette fa chiudere il gruppo salentino Caroli Hotels","post_date":"2022-10-03T10:04:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664791475000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431481","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Grandi aspettative per l'aeroporto di Foggia che, dallo scorso 30 settembre, è di nuovo aperto ai voli civili. Terminata un'attesa lunga 11 anni, \"siamo di fronte a una giornata storica\" ha dichiarato Antonio Maria Vasile, presidente di Aeroporti di Puglia, la società di gestione degli scali della regione, che non ha mai smesso di credere e investire nel progetto di rilancio del 'Gino Lisa'.\r\n\r\nUn vero e proprio \"riscatto per la città di Foggia e per l'area circostante\", un iter lunghissimo che però vede lo scalo \"come primo in Europa a beneficiare per un periodo di dieci anni dei fondi messi a disposizione del progetto Sieg (Servizio di interesse economico generale), tanto da essere preso ad esempio come 'best practice'\". Il futuro dello scalo punta dritto alla sostenibilità ambientale, \"e vorremmo diventare il primo aeroporto auto-sostenibile in termini energetici\", oltre che \"all'apertura di una base internazionale della Protezione civile\".\r\n\r\nLa riapertura di Foggia ha coinciso anche con un bilancio da record per il mese di settembre degli scali di Bari e Brindisi. I passeggeri in transito sugli scali pugliesi sono stati 957.763 (630.200 su Bari e 327.563 su Brindisi), in crescita del 15% rispetto allo stesso periodo del 2019, anno record per Aeroporti di Puglia. La linea internazionale, con numeri che sfiorano i 395.000 passeggeri, fa registrare un +10,1%, mentre il dato riferito al traffico domestico si attesta su 550.240 passeggeri e un +22%. Su base annua i passeggeri su Bari e Brindisi sono stati circa 7,2 milioni, il 12,6% in più rispetto al dato del 2019.","post_title":"Aeroporti di Puglia: decolla il riscatto di Foggia, che ora è una 'best practice'","post_date":"2022-10-03T09:35:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664789738000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431475","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Lumiwings protagonista a Foggia con l’apertura del primo volo diretto a Milano Malpensa, decollo che ha coinciso con la riapertura ai voli civili – dopo 11 anni – del ‘Gino Lisa’. Una scommessa impegnativa quella della compagnia aerea greca, portata avanti con Aeroporti di Puglia, che vede così coronato il sogno mai sopito di completare il network degli scali pugliesi con Foggia.\r\n\r\nLumiwings opera sulla Foggia-Milano con un Boeing 737-300 da 139 passeggeri, con quattro frequenze a settimana fino a dicembre, quando saliranno a cinque; a questa prima rotta si affiancano gli altri tre collegamenti per Torino, Catania e Verona “primo step di un futuro ampliamento” dichiara Chiara Rebughini, direttore commerciale del vettore (nella foto, insieme all'equipaggio). Una scommessa che ha preso forma dopo uno “studio mirato sulla potenziale catchement area, che ha evidenziato elevate potenzialità e come l'utenza sia mutata rispetto al passato, privilegiando ora il viaggio in aereo a quello in bus o in treno. Significativo poi l'interesse del segmento business, viste le numerose aziende del Nord Italia che qui hanno una sede secondaria. L'aeroporto è un'alternativa molto interessante non soltanto per il foggiano e la Puglia, ma per il Molise, una parte di Basilicata, Campobasso e Avellino\".\r\n\r\nTraffico Vfr, business, studentesco e, naturalmente leisure per le quattro rotte, tutte annuali, \"e già nel periodo dei prossimi ponti e festività notiamo un forte incremento delle prenotazioni”. La stima di passeggeri “che è una proiezione conservativa” punta al \"50% in questi primi mesi e al pieno riempimento in tre anni, per tutte le tratte\".\r\n\r\nRuolo preciso per il trade all’interno dei canali distributivi: “Siamo presenti sui gds tramite Worldticket, con cui abbiamo un agreement commerciale. E contiamo molto sul contributo degli agenti di viaggi che ritengo siano importantissimi, anche per il ruolo di fiducia che sono in grado di instaurare con il cliente finale”. Attualmente gli adv possono aprire il loro account sul sito di Lumiwings “e gestire le loro prenotazioni, ma vogliamo creare un’affiliazione a loro dedicata e stiamo definendo l’offerta da proporre: in base al venduto beneficeranno di agevolazioni esclusive”.\r\n\r\n[gallery ids=\"431478,431479,431477\"]","post_title":"Lumiwings protagonista della riapertura dell’aeroporto di Foggia con il volo per Milano","post_date":"2022-10-03T09:30:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664789426000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431459","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giro d'affari in crescita per Destination Italia che nei primi sei mesi dell'anno registra ricavi per 7,1 milioni di euro, pari a un incremento di ben il 692% rispetto allo stesso semestre del 2021 (0,9 milioni), fortemente penalizzato dall'emergenza pandemica. Il risultato è particolarmente significativo perché, pur non tenendo ancora in conto i rilevanti flussi dei turisti propri dell’alta stagione, è paragonabile a quello realizzato in tutto l’esercizio 2021. Ciononostante i margini operativi lordi della compagnia continuano a rimanere in territorio negativo, seppure in lieve miglioramento rispetto al 2021 (ebitda a -0,8 milioni contro i -0,86 mln dell'anno scorso). Il risultato ante imposte segna quindi un saldo negativo per 1,4 milioni di euro (-1,2 milioni al 30 giugno 2021), mentre il risultato netto è pari a -1,4 mln (vs. -1,3 mln). Il gruppo registra infine una posizione finanziaria netta cash positive pari a 0,86 milioni euro, in miglioramento (+155%) rispetto ai 0,34 milioni del 31 dicembre 2021.\r\n\r\nSecondo il nuovo presidente di Destination Italia, Giulio Valiante \"le prospettive per fine anno sono più che confortanti, benché ancora lontane dai valori pre-Covid dato lo stato di emergenza perdurato fino al 31 marzo 2022. La società ha certamente beneficiato delle positive condizioni di mercato derivanti dalle progressive aperture, nel secondo semestre dell’anno, rese possibili dall’attenuarsi del Covid-19. Tuttavia un grosso merito del successo è da attribuire anche alle strategie aziendali messe in campo dal management per fronteggiare l’epidemia prima, e per bilanciare gli effetti del conflitto russo-ucraino dopo; strategie che hanno puntato sull’innovazione tecnologica, sulle partnership strategiche e sull’apertura di nuovi mercati, oltre al potenziamento di quelli già presidiati, con clienti che oggi provengono da oltre 100 Paesi”.\r\n\r\nA conferma della tendenza positiva di mercato, alla data odierna il portafoglio ordini del gruppo, al lordo Iva, ha superato i 25 milioni di euro complessivi, con un incremento del 331% rispetto ai 5,8 milioni dell’analogo periodo 2021 e con un aumento di 5 milioni rispetto al portafoglio al 31 luglio 2022. Dal punto di vista geografico, l’Europa è la prima regione con il 27% delle prenotazioni, seguita dal Nord America con il 24%. Tra i singoli Paesi di origine spiccano Stati Uniti, Brasile, Spagna, Canada, Australia, Regno Unito e penisola Araba. Anche le prenotazioni Italia su Italia hanno contribuito a bilanciare il portafoglio ordini. Con riferimento alle linee di business, prosegue infine la crescita di Sono Travel Club: il brand che si rivolge al segmento del turismo di lusso, che oggi contribuisce per oltre il 34% del valore delle prenotazioni, con il rimanente 66% generato dalle linee di business Xml (la piattaforma di prenotazione automatica machine-to-machine) e Destination Italia (la linea di business tradizionale del gruppo).","post_title":"Crescono i ricavi ma conti ancora in rosso per Destination Italia","post_date":"2022-09-30T13:58:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664546289000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431391","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione in ripresa per Le Isole di Tahiti, che hanno accolto nuovamente i turisti italiani sfruttando i collegamenti da Parigi, Los Angeles e San Francisco. \"Abbiamo registrato dati interessanti tenendo conto che abbiamo iniziato a lavorare da aprile-maggio e che i dati sono ancora in ribasso ovviamente sul 2019, nonostante tutto i mesi di ottobre e novembre sono andati molto bene - ha commentato  Gabriele Cavallotti, rappresentante in Italia per Tahiti Tourisme, in occasione del roadshow organizzato a Milano e Roma -. La destinazione è trainata dalla Francia e dagli Usa, ma il mercato italiano potrebbe arrivare intorno ai 4.000 ospiti a chiusura anno; siamo senza dubbio ancora distanti dai livelli passati, ma siamo certi dell'alto potenziale\".\r\n\r\nLa promozione punta a nuovi segmenti ma anche su nuovi prodotti, \"per esempio sull'accoglienza delle guesthouse, le ville e le pensioni familiari, valorizzando anche le isole minore che richiedono una spesa più ridotta. Quindi andremo a lavorare su nuove fasce di clientela, non possiamo più limitarci ai viaggi di nozze, certamente  strategico, ma soprattutto intendiamo allargare la stagione, tranne febbraio e marzo\".\r\n\r\nPer il 2023 gli impegni dell'ente prevedono investimenti  con campagne verso  determinati segmenti di viaggio per valorizzare le differenti esperienze in destinazione verso gli high-end spenders, famiglie, ai senior e ai clienti LGBTQIA, accanto ad un focus per promuovere turismo sostenibile, ma anche charter nautici e crociere.\r\n\r\nLa capacità ricettiva della destinazione si attesta a 71.400 camere che corrisponde al 93% del 2019.  Al momento gli hotel stanno registrando occupazioni medie dell'84%, mentre è tornata a pieno regime la capacità aerea. \r\n\r\nLe agenzie e trade restano al centro delle strategie della commercializzazione. \"Il  2023 segnerà una stabilità in termini di numeri dal mercato italiano rafforzando il nostro impegno sul trade - spiega Cavallotti- oggi il 60,5% di emissione biglietteria aerea sulla destinazione proviene dalla adv e questo numero conferma l’importanza che riveste il segmento per la nostra destinazione. Infine, con il Tahiti Specialist Program dedicato alle agenzie abbiamo tra l’altro già raggiunto i 400 iscritti e moltissimi hanno ricevuto la certificazione.","post_title":"Tahiti Tourisme punta sul trade per attrarre nuovi target","post_date":"2022-09-30T09:32:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664530335000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431321","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente.\r\n\r\nNel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni.\r\n\r\nNel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno.","post_title":"Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente","post_date":"2022-09-29T10:19:48+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664446788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431313","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424188\" align=\"alignleft\" width=\"277\"] Beppe Pellegrino[/caption]\r\n\r\nSono sette le nuove destinazioni di Amo il Mondo. C'è aria di novità nella programmazione del tour operator tailor made di casa Uvet, che arricchisce la propria offerta con alcune proposte inedite che diversificano ulteriormente il prodotto (India, Giordania, Corea, Islanda, Israele, Laos, Algeria), a cui si aggiunge anche un nuovo catalogo dedicato agli honeymooners. \r\n\r\n“La sensibilità di chi, da sempre, lavora al fianco delle agenzie di viaggio, come Amo il Mondo – afferma Beppe Pellegrino, direttore generale di Uvet Viaggi Turismo – serve a soddisfare, e a volte anticipare, le esigenze del trade. L’obiettivo è quello di intercettare i desiderata di un’utenza desiderosa di vivere una vacanza lontana dalle rotte più classiche e dai tour di impostazione tradizionale. Per valorizzare al meglio le novità, frutto di un grande lavoro di squadra, supporteremo strategicamente il lancio con un piano articolato e impattante di azioni che conta una campagna social e cover Facebook dedicata, un pieghevole, webinar tematici, banner, dem e offerte promozionali\".\r\n\r\n“Oltre alle sette novità di prodotto, abbiamo elaborato un nuovo catalogo viaggi di nozze, che continua a essere il target più importante per noi – aggiunge Roberto Servetti, direttore prodotto di Amo il Mondo –. Tra le proposte più caratteristiche il tour del Laos in treno veloce, per ammirare risaie e la foresta pluviale da un altro punto di vista, la visita della Giordania che include il pernottamento nel deserto sotto le stelle, una interessante proposta con visita a Los Angeles e isole Fiji più crociera culturale alla scoperta delle genti e delle tradizioni del Pacifico e, infine, un molto apprezzato itinerario fra Bali, Java e Kura Kura\".\r\n\r\nOltre alle novità già citate, confermata e rinnovata la programmazione delle altre destinazioni. A fianco a Stati Uniti, Canada, Messico e Caraibi, sempre molto richieste sono Kenya e Tanzania, Sudafrica e Namibia, nonché Seychelles, Mauritius, Maldive, Madagascar e Sri Lanka, oltre alle intramontabili Thailandia, Indonesia, Malesia, Indocina e Indonesia fino ad Australia, Nuova Zelanda, Polinesia, Fiji e Cook.","post_title":"Amo il Mondo amplia l'offerta con sette nuove destinazioni e un catalogo honeymooners inedito","post_date":"2022-09-29T09:49:27+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664444967000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti