23 March 2023

Ana archivia con un utile netto di 445 milioni di euro i primi nove mesi dell’anno fiscale

[ 0 ]

All Nippon Airways ha registrato un utile netto di circa 445 milioni di euro nei primi nove mesi dell’esercizio 2022-23: grazie alla ripresa della domanda dei passeggeri, all’alleggerimento delle restrizioni di viaggio sui voli domestici e alla riduzione delle restrizioni di ingresso in vari Paesi per i voli internazionali la compagnia ha raggiunto un fatturato di 8,9 miliardi di euro. Il gruppo ha rivisto le previsioni per l’intero anno fiscale che si concluderà a fine marzo e prevede ora un fatturato di 1.710 miliardi di yen (circa 12.1 miliardi di euro) e un utile un operativo di 95 miliardi di yen (circa 675 milioni di euro).

“Con l’allentamento delle restrizioni ai viaggi nell’ultimo trimestre, siamo stati in grado di offrire il nostro servizio di alta qualità a un maggior numero di passeggeri e di collegare altre destinazioni, come dimostra la nostra performance finanziaria positiva”, ha dichiarato Kimihiko Nakahori, executive vice president e group chief financial officer di Ana HD -. Il raggiungimento di questo obiettivo è una vittoria dei nostri dipendenti che hanno perseverato negli ultimi anni e hanno collaborato per posizionare il Gruppo Ana il futuro”.

Il numero di passeggeri internazionali è quintuplicato rispetto all’anno precedente e i ricavi sono aumentati di sei volte, grazie alla forte domanda di collegamenti tra il Nord America e l’Asia e alla domanda commerciale proveniente dal Giappone, dovuta all’allentamento delle restrizioni all’ingresso in vari Paesi.

La domanda di passeggeri è cresciuta costantemente sulle rotte domestiche: da ottobre, la domanda leisure è stata stimolata dal programma governativo di sostegno ai viaggi, e sia il volume dei passeggeri che i ricavi sono stati 1,9 volte superiori rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

 sue previsioni per l’anno finanziario che si concluderà a marzo 2023, alla luce dei risultati e utile raggiunto nei primi nove mesi dell’anno finanziario in corso, e prevede un fatturato di 1.710 miliardi di yen (circa 12.1 miliardi di €) e un utile un operativo di 95 miliardi di yen (circa 675 milioni di €).




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 442187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => RwandAir amplia la flotta di lungo raggio con l'ingresso di un nuovo Airbus A330-200, basato all'hub di Kigali. L'aeromobile consentirà al vettore ruandese - rappresentato in Italia da Tal Aviation - di espandere ulteriormente le sue operazioni long haul, con ulteriori voli operativi tra Europa, Medio Oriente e Africa. Il velivolo è configurato con 30 posti in Business Class e 222 posti in Economy Class e verrà impiegato verso le sue principali destinazioni in Europa, Africa e Medio Oriente, tra cui Londra, Bruxelles, Lagos e Dubai. Con questo ingresso la flotta di RwandAir salirà a quota 13 aeromobili, di cui tre aerei a lungo raggio, uno destinato al cargo e nove al corto raggio. Lo scorso novembre, la compagnia aerea ruandese ha ricevuto il suo primo aereo cargo dedicato, in quanto il vettore ha sottolineato l'importanza sempre crescente del carico in Ruanda e dell'industria aeronautica nel suo complesso. RwandAir attualmente opera verso una varietà di destinazioni in Africa orientale, centrale, occidentale e meridionale, Medio Oriente, Europa e Asia. [post_title] => RwandAir accoglie in flotta il terzo Airbus A330-200 [post_date] => 2023-03-23T11:15:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679570127000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 442115 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Polonia festeggia il ritorno, dopo 5 anni, del collegamento diretto Roma-Varsavia operato da Lot che coincide anche con l'apertura del nuovo aeroporto Varsavia-Radom, ottima alternativa per raggiungere la capitale del Paese e ulteriore hub che va ad ampliare la capacità ricettiva in termini di volato. “Di recente la nostra capitale, Varsavia, è stata eletta European Best Destination 2023 facendo convergere su di sé una crescente attenzione da parte dei viaggiatori italiani ed europei in generale – ha dichiarato Barbara Minczewa, direttore dell’Ente nazionale Polacco per il Turismo in occasione della presentazione che si è svolta a Roma con stampa e operatori trade italiani – per questo l’apertura del nuovo aeroporto, posto a circa un’ora dal centro cittadino, permetterà l’incremento dei collegamenti con le principali città europee, favorendo chi vorrà raggiungerla in ogni momento della settimana e da ogni parte di Italia”. Situato a 100 km a sud di Varsavia, lo scalo di Radom permetterà di decongestionare gli altri scali polacchi, riducendo il carico sull’aeroporto principale della capitale, Varsavia-Chopin. “Non vediamo l’ora di aggiungere Roma alla nostra rete globale e di aumentare così la nostra presenza in questo importante mercato – afferma Amit Ray, direttore per Italia/Dach/India Lot Polish Airlines -. I nuovi voli per Radom offrono ai clienti italiani in partenza, che viaggiano individualmente o in gruppo, un'opzione in più per esplorare la Polonia”. “La nostra forza sta nei numerosi collegamenti aerei – ha concluso Barbara Minczewa – che permettono a molti italiani di raggiungere il nostro paese facilmente in ogni stagione dell’anno e il nuovo aeroporto Varsavia-Radom va a favorire ulteriormente la possibilità anche per gli italiani del Centro-sud Italia di raggiungere il nostro paese da Roma con voli diretti e organizzare long weekend, ponti di primavera o soggiorni di più giorni”. Da ricordare come Varsavia offra il maggior potenziale politico e commerciale del Paese, grazie anche alla presenza di un’ampia offerta di strutture alberghiere ed extralberghiere e di un significativo pool di fornitori professionali che la rendono una destinazione coinvolgente, anche per il Mice. La capitale ha un’esperienza nell’organizzazione di eventi su larga scala, da Euro 2012, al Climate Change Conference COP-19 nel 2013 al Vertice Nato nel 2016 e, solo nel 2022 ha ospitato oltre 9.00 eventi e conferenze per un totale complessivo di oltre 1.200.000 partecipanti. [post_title] => La Polonia celebra il ritorno del volo Roma-Varsavia e l'apertura del nuovo scalo Radom [post_date] => 2023-03-23T09:28:21+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679563701000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 442104 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_423991" align="alignleft" width="300"] Luca Patanè[/caption] Il gruppo Uvet ha realizzato con il Centro studi promotor una raccolta mensile sui dati del business travel in Italia. L’esperienza maturata in precedenza con Uvet Travel Index, ha portato il gruppo a decidere di collaborare con il Centro studi promotor per realizzare, analizzare e divulgare una raccolta dati con cadenza mensile.  L’obiettivo è quello di fornire un servizio utile agli operatori del business travel. Il gruppo ha deciso di lanciare il Business travel trend (Btt), un indice numerico che rappresenta l’andamento mensile del Business Travel. L’indice si rapporta ai dati del 2019 considerando quest’ultima come il punto da raggiungere. L’attribuzione di obbiettivo ai dati 2019 rappresenterà un punto di partenza convenzionale, una sorta di unità di misura che Btt adotta per esprimere gli andamenti mensili attuali e per il prossimo futuro. La raccolta dati «Con questo Osservatorio e con il Business travel trend che sarà divulgato ogni mese contiamo di avere uno strumento ancora più accurato, preciso e puntuale sui numeri e le tendenze di un settore importante dell’economia italiana come quello del turismo – ha commentato Luca Patanè, presidente del gruppo Uvet – Grazie al supporto del Centro studi promotor saremo in grado di individuare le variazioni mese su mese, oltre a prevedere nel medio periodo tendenze e scenari del mercato». A febbraio il valore registrato dal Btt è molto vicino a quello registrato nel 2019. L’indicazione periodica del Btt, nel tempo, si prefissa di delineare un trend strettamente correlato all’andamento dell’economia. Ma soprattutto l’abitudine alla sua consultazione ci potrà dire in qualsiasi momento se il business travel sta andando meglio o peggio. [post_title] => Il gruppo Uvet lancia l'Osservatorio sul business travel [post_date] => 2023-03-22T14:01:35+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679493695000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 442042 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anticipata dalla versione primaverile, che già dallo scorso gennaio ha dato il via alle vendite per il 2023 , la versione completa del tradizionale catalogo Viaggi Guidati Special di Caldana Europe Travel è ora disponibile sul sito www.caldana.it. Anche quest'anno l’operatore di Toscolano Maderno offre quindi una programmazione vasta e ricca di contenuti, idee, suggerimenti: nuovi itinerari, luoghi magici ed emozionanti, che combinano destinazioni classiche ma anche innovative, in un ventaglio di proposte che conta ben 30 itinerari in Italia e 82 in Europa. Il tutto visionabile in una comoda edizione sfogliabile online e riassunto in un pieghevole che sarà presto in distribuzione nelle agenzie di viaggi (la validità delle offerte si estende fino alla fine dell'anno). Nel dettaglio, per quanto riguarda la destinazione Italia, in affiancamento ai programmi più tradizionali, che vedono come protagonisti le città d'arte, le montagne, le campagne di Toscana, Umbria e Marche, il Sud in tutte le sue declinazioni e le isole, troviamo il nuovo itinerario dedicato a Brescia e Bergamo, nell'anno che le vede città della Cultura. In Europa, si arricchisce invece la già ampia programmazione dedicata alla Francia con tre nuovi itinerari: Il Gran Tour Parigi e Normandia, le Terre di Provenza, e il Grande Sud Ovest. Si riconfermano inoltre Spagna e Portogallo con varie proposte e si accende un focus su Scandinavia, Amsterdam e i Paesi Bassi, sinonimo di un turismo green e sempre più attento alla sostenibilità. Germania, Austria, Slovenia e Croazia, da sempre destinazioni di Caldana Europe Travel, ci conducono infine nell'area mitteleuropea, specializzazione storica dell'operatore, con programmi in Romania, Repubblica Ceca e Ungheria rivisitati all'insegna del rinnovato interesse verso una parte del Vecchio continente che ha molto da offrire, sia come arte, storia e cultura, sia come bellezze naturali. Protagonisti assoluti del catalogo: servizi di qualità, contenuti sempre al passo coi tempi e grande versatilità nelle formule di viaggio: dal tutto bus al volo+tour, fino al solo tour. [post_title] => Caldana Europe Travel: online il catalogo Viaggi Guidati Special con oltre 110 itinerari tra Italia ed Europa [post_date] => 2023-03-22T10:10:10+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679479810000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 442063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ritorno all'utile per Tap Air Portugal nel 2022, in anticipo rispetto a quanto previsto dal piano di ristrutturazione, grazie all'aumento dei ricavi e alla riduzione dei costi del personale che hanno compensato l'impennata dei prezzi del carburante. La compagnia aerea portoghese ha quindi realizzato lo scorso anno un utile netto di 65,6 milioni di euro, rispetto al rosso di 1,6 miliardi di euro dell'anno precedente, quando aveva subito gli effetti della pandemia. I ricavi si sono attestati a 3,5 miliardi di euro (1,39 miliardi di euro nel 2021). Sempre nel 2022 Tap ha trasportato 13,8 milioni di passeggeri, pari a circa l'81% dei livelli pre-pandemia, mentre nel 2021 erano stati soltanto 5,8 milioni. Il vettore è in piena fase di ristrutturazione nell'ambito di un piano di salvataggio da 3,2 miliardi di euro approvato dall'Ue che prevede il ridimensionamento della flotta, il taglio di migliaia di posti di lavoro e la riduzione degli stipendi della maggior parte dei lavoratori. Il piano prevedeva che Tap raggiungesse risultati operativi positivi nel 2023 e un utile netto annuale nel 2025. "Durante il primo anno completo del piano di ristrutturazione, Tap ha generato un utile operativo che rappresenta un record assoluto per la compagnia", ha dichiarato in un comunicato il ceo uscente Christine Ourmieres-Widener. Non resta che attendere gli sviluppi della trattativa di privatizzazione - totale o parziale -: in lizza come potenziali acquirenti ci sono il Gruppo Lufthansa, Air France-Klm e il gruppo Iag. [post_title] => Tap Air Portugal torna a fare profitti nel 2022, in anticipo rispetto a quanto previsto [post_date] => 2023-03-22T10:07:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679479645000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 442026 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_442029" align="alignright" width="300"] Il direttore di Austria Turismo, Herwig Kolzer, con Kathrin Ploder-Augurusa, responsabile trade marketing[/caption] L'Austria conferma la sua corsa verso la ripresa. Il 2022 registra complessivamente un aumento dell’80% per numero di arrivi con un totale di quasi 40 milioni e 140 milioni di pernottamenti rispetto al 2021. Il mercato italiano riconferma la sua importanza con un +145% di arrivi sul 2021 per complessivi 800.000 visitatori e 2 milioni di pernottamenti. L’Italia è il quinto mercato di provenienza estero dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera e Cechia. “Siamo felici di questo risultato e vogliamo proseguire in questa direzione - spiega il direttore dell’Ente nazionale austriaco per il turismo in Italia, Herwig Kolzer – Anche nei primi mesi del 2023 i viaggiatori italiani hanno mostrato l’interesse crescente per il nostro Paese. Quest’anno è in previsione il raggiungimento del livello del 2019.” E l’Austria si rilancia in Italia con nuove proposte, un’offerta diversificata e sostenibilità e punta sul ruolo importante degli agenti di viaggio e tour operator per far conoscere la destinazione ai potenziali clienti. Si parte con un workshop per incontrare 13 partner austriaci tra città regioni e istituzioni culturali, a sottolineare l’importanza per l’Austria del mercato italiano. A maggio un gruppo di 17 to parteciperanno inoltre all'Atb, fiera dell’incoming austriaco, dove incontreranno circa 150 espositori austriaci e 300 buyer da tutto il mondo. In programma due campagne, la prima già avviata con il workshop, “Città e Cultura” per sottolineare i punti di forza dell'offerta culturale; la seconda partirà a maggio con focus sull’estate, “le montagne e il rigenerarsi nella natura” e i viaggi itineranti per promuovere anche l’Austria meno conosciuta. La comunicazione promozionale punta al digitale oltre che su iniziative sulle metropolitane di Milano e Brescia. Ricco il calendario degli eventi 2023, a cominciare da Vienna: il Belvedere, celebra i 300 anni con mostre speciali. L’Esposizione Universale festeggia i 150 anni . A fine anno è prevista l’apertura di un nuovo edificio al Wien Museum per raccontare la storia della città dal 1500 in poi. Le ferrovie austriache, Öbb, quest’anno festeggiano i 100 anni e da settembre 2023 verranno rinnovate le carrozze del Nightjet rendendole ultramoderne. Per il 2024, Bad Ischl, (località di villeggiatura estiva degli Asburgo, caratterizzata da un paesaggio molto pittoresco, regione storica-culturale nel centro dell’Austria) e 22 comuni del Salzkammergut saranno Capitale Europea della Cultura 2024. La regione del Salzkammergut con una storia lunga 7 mila anni, guarda al futuro con il motto: “La cultura è il nuovo sale”. Nel 2024 a Vienna si terra la prima biennale del clima. [post_title] => Austria, Kolzer: "La crescita dei flussi dall’Italia continua anche nei primi mesi 2023" [post_date] => 2023-03-21T15:18:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679411909000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 441998 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inizio 2023 tutto nel segno della crescita per Malta: a gennaio la destinazione ha totalizzato poco meno di 125.000 turisti e sia il numero di visitatori sia la spesa totale hanno superato i livelli pre-pandemia. Complessivamente, come riferito dal Times of Malta, nel primo mese dell'anno Malta ha accolto 136.167 visitatori, di cui 124.151 vacanzieri e 7.764 viaggiatori d'affari. Hanno trascorso un totale di poco più di un milione di notti nel Paese (1.031.718). La spesa turistica totale ha superato i 99,1 milioni di euro, con ogni turista che ha speso in media 96,1 euro a notte. Nel gennaio 2019 Malta aveva ospitato 127.723 turisti che avevano speso un totale di 84,7 milioni di euro, cioè 92,8 euro a notte. I visitatori di età compresa tra i 25 e i 44 anni hanno rappresentato la quota maggiore di turisti in entrata (41,1%), seguiti da quelli di età compresa tra i 45 e i 65 anni (31,2%). Italia, Regno Unito e Polonia sono stati i principali paesi di provenienza dei visitatori di questo inizio 2023, rappresentando una quota del 42,2% del totale dei turisti in entrata. [post_title] => Malta avanti tutta: i dati di gennaio superano quelli pre-pandemia, per arrivi e spesa [post_date] => 2023-03-21T13:19:18+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679404758000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 441951 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numeri record per la prima settimana di prenotazioni Club Med riferite alla prossima stagione invernale. Le vendite hanno infatti registrato un aumento del 76% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ma soprattutto hanno raggiunto il livello più elevati da dieci anni a questa parte. Aumenta anche il numero dei clienti, che cresce del 65% rispetto al 2022. Per quanto riguarda le scelte dei viaggiatori italiani, dai dati di Club Med emerge inoltre in modo chiaro il ritorno delle mete a lungo raggio. Le Maldive si confermano in particolare la meta preferita dai nostri connazionali, posizionandosi al primo posto con i resort di Kani e Le Ville di Finolhu. Seguono la Repubblica Dominicana, con il resort Punta Cana e l'eco-chic Michès Playa Esmeralda della gamma Exclusive Collection, nonché Guadalupa, con il Club Med La Caravelle, e infine il Club Med Seychelles. La vera novità è però la forte richiesta verso le destinazioni di montagna, che vedono un aumento delle prenotazioni del 154% rispetto all’anno precedente. Tra i top resort si posiziona quindi al primo posto il Club Med Tignes, struttura sulle Alpi francesi aperta nel 2022, che conferma il successo della formula Premium all inclusive sulla neve. L’85% delle prenotazioni effettuate riguardano infine il periodo natalizio e Capodanno: un dato che conferma la ritrovata voglia di viaggiare degli italiani durante le festività. “Siamo al di sopra del livello del 2019, che è già stato un anno storico - commenta la managing director Sud Europa e mercati emergenti, Rabeea Ansari -. Si tratta di un record di vendite nella storia di Club Med sul mercato italiano. A dimostrazione che il nostro prodotto e le nostre destinazioni si adattano alle attuali esigenze degli italiani. Quello che ci dicono i clienti tricolori è che l'offerta Premium all inclusive rassicura”.   [post_title] => Club Med: prima settimana da record per le prenotazioni inverno 2023-2024 [post_date] => 2023-03-21T11:27:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679398070000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 441891 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Partenze dei primi due mesi dell'anno tutte sold out per le proposte sull'isola di Sal di Caboverdetime. E le previsioni sono più che buone anche per il prossimo futuro, grazie ai ponti primaverili che hanno dato un’ottima spinta alle vendite di aprile e maggio. “I viaggiatori hanno ricominciato a prenotare anche in anticipo - spiega il responsabile commerciale dell'operatore bresciano, Pietro Dusi -. Avevamo già visto tornare questa tendenza e ora posso affermare che, così come era prima del Covid, l’advance booking è nuovamente una prassi diffusa". La programmazione dell’operatore punta ora non solo a far conoscere Sal, sulla quale è situato il loro prodotto di punta, il clubhotel Casa Halos Resort, ma anche altre isole: in particolare Sao Vicente e Sant’Antao, molto apprezzate dai viaggiatori che desiderano combinare una vacanza relax e sole con itinerari naturalistici. "Si tratta di una soluzione perfetta, che unisce la vacanza mare, tipica di Sal, con trekking e passeggiate a Sao Vicente e a Sant’Antao - conclude Dusi -. L'isola di Sal, nota in passato per le sue saline, è infatti oggi famosa per le sue spiagge di sabbia finissima. São Vicente è invece rinomata per la vivacità e il carattere cosmopolita della città di Mindelo. Santo Antão alterna infine alte montagne a profonde vallate, boschi a zone aride e pietrose: un vero paradiso per gli amanti del trekking. Siamo perciò molto contenti di poter offrire questi combinati, che sono sempre più apprezzati dalla nostra clientela e che ci permettono anche di raggiungere e farci apprezzare da un pubblico più ampio". [post_title] => Caboverdetime: grande partenza per il 2023 sull'isola di Sal e non solo [post_date] => 2023-03-20T13:47:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1679320029000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ana archivia con un utile netto di 445 milioni di euro i primi nove mesi dellanno fiscale" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":62,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1670,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"442187","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"RwandAir amplia la flotta di lungo raggio con l'ingresso di un nuovo Airbus A330-200, basato all'hub di Kigali. L'aeromobile consentirà al vettore ruandese - rappresentato in Italia da Tal Aviation - di espandere ulteriormente le sue operazioni long haul, con ulteriori voli operativi tra Europa, Medio Oriente e Africa.\r\n\r\nIl velivolo è configurato con 30 posti in Business Class e 222 posti in Economy Class e verrà impiegato verso le sue principali destinazioni in Europa, Africa e Medio Oriente, tra cui Londra, Bruxelles, Lagos e Dubai.\r\n\r\nCon questo ingresso la flotta di RwandAir salirà a quota 13 aeromobili, di cui tre aerei a lungo raggio, uno destinato al cargo e nove al corto raggio.\r\n\r\nLo scorso novembre, la compagnia aerea ruandese ha ricevuto il suo primo aereo cargo dedicato, in quanto il vettore ha sottolineato l'importanza sempre crescente del carico in Ruanda e dell'industria aeronautica nel suo complesso.\r\n\r\nRwandAir attualmente opera verso una varietà di destinazioni in Africa orientale, centrale, occidentale e meridionale, Medio Oriente, Europa e Asia.","post_title":"RwandAir accoglie in flotta il terzo Airbus A330-200","post_date":"2023-03-23T11:15:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1679570127000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"442115","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Polonia festeggia il ritorno, dopo 5 anni, del collegamento diretto Roma-Varsavia operato da Lot che coincide anche con l'apertura del nuovo aeroporto Varsavia-Radom, ottima alternativa per raggiungere la capitale del Paese e ulteriore hub che va ad ampliare la capacità ricettiva in termini di volato.\r\n\r\n“Di recente la nostra capitale, Varsavia, è stata eletta European Best Destination 2023 facendo convergere su di sé una crescente attenzione da parte dei viaggiatori italiani ed europei in generale – ha dichiarato Barbara Minczewa, direttore dell’Ente nazionale Polacco per il Turismo in occasione della presentazione che si è svolta a Roma con stampa e operatori trade italiani – per questo l’apertura del nuovo aeroporto, posto a circa un’ora dal centro cittadino, permetterà l’incremento dei collegamenti con le principali città europee, favorendo chi vorrà raggiungerla in ogni momento della settimana e da ogni parte di Italia”.\r\n\r\nSituato a 100 km a sud di Varsavia, lo scalo di Radom permetterà di decongestionare gli altri scali polacchi, riducendo il carico sull’aeroporto principale della capitale, Varsavia-Chopin. “Non vediamo l’ora di aggiungere Roma alla nostra rete globale e di aumentare così la nostra presenza in questo importante mercato – afferma Amit Ray, direttore per Italia/Dach/India Lot Polish Airlines -. I nuovi voli per Radom offrono ai clienti italiani in partenza, che viaggiano individualmente o in gruppo, un'opzione in più per esplorare la Polonia”.\r\n\r\n“La nostra forza sta nei numerosi collegamenti aerei – ha concluso Barbara Minczewa – che permettono a molti italiani di raggiungere il nostro paese facilmente in ogni stagione dell’anno e il nuovo aeroporto Varsavia-Radom va a favorire ulteriormente la possibilità anche per gli italiani del Centro-sud Italia di raggiungere il nostro paese da Roma con voli diretti e organizzare long weekend, ponti di primavera o soggiorni di più giorni”.\r\n\r\nDa ricordare come Varsavia offra il maggior potenziale politico e commerciale del Paese, grazie anche alla presenza di un’ampia offerta di strutture alberghiere ed extralberghiere e di un significativo pool di fornitori professionali che la rendono una destinazione coinvolgente, anche per il Mice. La capitale ha un’esperienza nell’organizzazione di eventi su larga scala, da Euro 2012, al Climate Change Conference COP-19 nel 2013 al Vertice Nato nel 2016 e, solo nel 2022 ha ospitato oltre 9.00 eventi e conferenze per un totale complessivo di oltre 1.200.000 partecipanti.","post_title":"La Polonia celebra il ritorno del volo Roma-Varsavia e l'apertura del nuovo scalo Radom","post_date":"2023-03-23T09:28:21+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1679563701000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"442104","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_423991\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Patanè[/caption]\r\n\r\nIl gruppo Uvet ha realizzato con il Centro studi promotor una raccolta mensile sui dati del business travel in Italia.\r\n\r\nL’esperienza maturata in precedenza con Uvet Travel Index, ha portato il gruppo a decidere di collaborare con il Centro studi promotor per realizzare, analizzare e divulgare una raccolta dati con cadenza mensile.  L’obiettivo è quello di fornire un servizio utile agli operatori del business travel.\r\n\r\nIl gruppo ha deciso di lanciare il Business travel trend (Btt), un indice numerico che rappresenta l’andamento mensile del Business Travel. L’indice si rapporta ai dati del 2019 considerando quest’ultima come il punto da raggiungere. L’attribuzione di obbiettivo ai dati 2019 rappresenterà un punto di partenza convenzionale, una sorta di unità di misura che Btt adotta per esprimere gli andamenti mensili attuali e per il prossimo futuro.\r\nLa raccolta dati\r\n«Con questo Osservatorio e con il Business travel trend che sarà divulgato ogni mese contiamo di avere uno strumento ancora più accurato, preciso e puntuale sui numeri e le tendenze di un settore importante dell’economia italiana come quello del turismo – ha commentato Luca Patanè, presidente del gruppo Uvet – Grazie al supporto del Centro studi promotor saremo in grado di individuare le variazioni mese su mese, oltre a prevedere nel medio periodo tendenze e scenari del mercato».\r\n\r\nA febbraio il valore registrato dal Btt è molto vicino a quello registrato nel 2019. L’indicazione periodica del Btt, nel tempo, si prefissa di delineare un trend strettamente correlato all’andamento dell’economia. Ma soprattutto l’abitudine alla sua consultazione ci potrà dire in qualsiasi momento se il business travel sta andando meglio o peggio.","post_title":"Il gruppo Uvet lancia l'Osservatorio sul business travel","post_date":"2023-03-22T14:01:35+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1679493695000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"442042","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anticipata dalla versione primaverile, che già dallo scorso gennaio ha dato il via alle vendite per il 2023 , la versione completa del tradizionale catalogo Viaggi Guidati Special di Caldana Europe Travel è ora disponibile sul sito www.caldana.it. Anche quest'anno l’operatore di Toscolano Maderno offre quindi una programmazione vasta e ricca di contenuti, idee, suggerimenti: nuovi itinerari, luoghi magici ed emozionanti, che combinano destinazioni classiche ma anche innovative, in un ventaglio di proposte che conta ben 30 itinerari in Italia e 82 in Europa. Il tutto visionabile in una comoda edizione sfogliabile online e riassunto in un pieghevole che sarà presto in distribuzione nelle agenzie di viaggi (la validità delle offerte si estende fino alla fine dell'anno).\r\n\r\nNel dettaglio, per quanto riguarda la destinazione Italia, in affiancamento ai programmi più tradizionali, che vedono come protagonisti le città d'arte, le montagne, le campagne di Toscana, Umbria e Marche, il Sud in tutte le sue declinazioni e le isole, troviamo il nuovo itinerario dedicato a Brescia e Bergamo, nell'anno che le vede città della Cultura. In Europa, si arricchisce invece la già ampia programmazione dedicata alla Francia con tre nuovi itinerari: Il Gran Tour Parigi e Normandia, le Terre di Provenza, e il Grande Sud Ovest. Si riconfermano inoltre Spagna e Portogallo con varie proposte e si accende un focus su Scandinavia, Amsterdam e i Paesi Bassi, sinonimo di un turismo green e sempre più attento alla sostenibilità.\r\n\r\nGermania, Austria, Slovenia e Croazia, da sempre destinazioni di Caldana Europe Travel, ci conducono infine nell'area mitteleuropea, specializzazione storica dell'operatore, con programmi in Romania, Repubblica Ceca e Ungheria rivisitati all'insegna del rinnovato interesse verso una parte del Vecchio continente che ha molto da offrire, sia come arte, storia e cultura, sia come bellezze naturali. Protagonisti assoluti del catalogo: servizi di qualità, contenuti sempre al passo coi tempi e grande versatilità nelle formule di viaggio: dal tutto bus al volo+tour, fino al solo tour. ","post_title":"Caldana Europe Travel: online il catalogo Viaggi Guidati Special con oltre 110 itinerari tra Italia ed Europa","post_date":"2023-03-22T10:10:10+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1679479810000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"442063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ritorno all'utile per Tap Air Portugal nel 2022, in anticipo rispetto a quanto previsto dal piano di ristrutturazione, grazie all'aumento dei ricavi e alla riduzione dei costi del personale che hanno compensato l'impennata dei prezzi del carburante.\r\n\r\nLa compagnia aerea portoghese ha quindi realizzato lo scorso anno un utile netto di 65,6 milioni di euro, rispetto al rosso di 1,6 miliardi di euro dell'anno precedente, quando aveva subito gli effetti della pandemia. I ricavi si sono attestati a 3,5 miliardi di euro (1,39 miliardi di euro nel 2021).\r\n\r\nSempre nel 2022 Tap ha trasportato 13,8 milioni di passeggeri, pari a circa l'81% dei livelli pre-pandemia, mentre nel 2021 erano stati soltanto 5,8 milioni.\r\n\r\nIl vettore è in piena fase di ristrutturazione nell'ambito di un piano di salvataggio da 3,2 miliardi di euro approvato dall'Ue che prevede il ridimensionamento della flotta, il taglio di migliaia di posti di lavoro e la riduzione degli stipendi della maggior parte dei lavoratori. Il piano prevedeva che Tap raggiungesse risultati operativi positivi nel 2023 e un utile netto annuale nel 2025. \"Durante il primo anno completo del piano di ristrutturazione, Tap ha generato un utile operativo che rappresenta un record assoluto per la compagnia\", ha dichiarato in un comunicato il ceo uscente Christine Ourmieres-Widener.\r\n\r\nNon resta che attendere gli sviluppi della trattativa di privatizzazione - totale o parziale -: in lizza come potenziali acquirenti ci sono il Gruppo Lufthansa, Air France-Klm e il gruppo Iag.","post_title":"Tap Air Portugal torna a fare profitti nel 2022, in anticipo rispetto a quanto previsto","post_date":"2023-03-22T10:07:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1679479645000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"442026","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_442029\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Il direttore di Austria Turismo, Herwig Kolzer, con Kathrin Ploder-Augurusa, responsabile trade marketing[/caption]\r\n\r\nL'Austria conferma la sua corsa verso la ripresa. Il 2022 registra complessivamente un aumento dell’80% per numero di arrivi con un totale di quasi 40 milioni e 140 milioni di pernottamenti rispetto al 2021. Il mercato italiano riconferma la sua importanza con un +145% di arrivi sul 2021 per complessivi 800.000 visitatori e 2 milioni di pernottamenti. L’Italia è il quinto mercato di provenienza estero dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera e Cechia.\r\n\r\n“Siamo felici di questo risultato e vogliamo proseguire in questa direzione - spiega il direttore dell’Ente nazionale austriaco per il turismo in Italia, Herwig Kolzer – Anche nei primi mesi del 2023 i viaggiatori italiani hanno mostrato l’interesse crescente per il nostro Paese. Quest’anno è in previsione il raggiungimento del livello del 2019.”\r\n\r\nE l’Austria si rilancia in Italia con nuove proposte, un’offerta diversificata e sostenibilità e punta sul ruolo importante degli agenti di viaggio e tour operator per far conoscere la destinazione ai potenziali clienti. Si parte con un workshop per incontrare 13 partner austriaci tra città regioni e istituzioni culturali, a sottolineare l’importanza per l’Austria del mercato italiano. A maggio un gruppo di 17 to parteciperanno inoltre all'Atb, fiera dell’incoming austriaco, dove incontreranno circa 150 espositori austriaci e 300 buyer da tutto il mondo.\r\n\r\nIn programma due campagne, la prima già avviata con il workshop, “Città e Cultura” per sottolineare i punti di forza dell'offerta culturale; la seconda partirà a maggio con focus sull’estate, “le montagne e il rigenerarsi nella natura” e i viaggi itineranti per promuovere anche l’Austria meno conosciuta. La comunicazione promozionale punta al digitale oltre che su iniziative sulle metropolitane di Milano e Brescia.\r\n\r\nRicco il calendario degli eventi 2023, a cominciare da Vienna: il Belvedere, celebra i 300 anni con mostre speciali. L’Esposizione Universale festeggia i 150 anni . A fine anno è prevista l’apertura di un nuovo edificio al Wien Museum per raccontare la storia della città dal 1500 in poi. Le ferrovie austriache, Öbb, quest’anno festeggiano i 100 anni e da settembre 2023 verranno rinnovate le carrozze del Nightjet rendendole ultramoderne.\r\n\r\nPer il 2024, Bad Ischl, (località di villeggiatura estiva degli Asburgo, caratterizzata da un paesaggio molto pittoresco, regione storica-culturale nel centro dell’Austria) e 22 comuni del Salzkammergut saranno Capitale Europea della Cultura 2024. La regione del Salzkammergut con una storia lunga 7 mila anni, guarda al futuro con il motto: “La cultura è il nuovo sale”. Nel 2024 a Vienna si terra la prima biennale del clima.","post_title":"Austria, Kolzer: \"La crescita dei flussi dall’Italia continua anche nei primi mesi 2023\"","post_date":"2023-03-21T15:18:29+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1679411909000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"441998","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inizio 2023 tutto nel segno della crescita per Malta: a gennaio la destinazione ha totalizzato poco meno di 125.000 turisti e sia il numero di visitatori sia la spesa totale hanno superato i livelli pre-pandemia.\r\n\r\nComplessivamente, come riferito dal Times of Malta, nel primo mese dell'anno Malta ha accolto 136.167 visitatori, di cui 124.151 vacanzieri e 7.764 viaggiatori d'affari. Hanno trascorso un totale di poco più di un milione di notti nel Paese (1.031.718). La spesa turistica totale ha superato i 99,1 milioni di euro, con ogni turista che ha speso in media 96,1 euro a notte.\r\n\r\nNel gennaio 2019 Malta aveva ospitato 127.723 turisti che avevano speso un totale di 84,7 milioni di euro, cioè 92,8 euro a notte.\r\n\r\nI visitatori di età compresa tra i 25 e i 44 anni hanno rappresentato la quota maggiore di turisti in entrata (41,1%), seguiti da quelli di età compresa tra i 45 e i 65 anni (31,2%).\r\n\r\nItalia, Regno Unito e Polonia sono stati i principali paesi di provenienza dei visitatori di questo inizio 2023, rappresentando una quota del 42,2% del totale dei turisti in entrata.","post_title":"Malta avanti tutta: i dati di gennaio superano quelli pre-pandemia, per arrivi e spesa","post_date":"2023-03-21T13:19:18+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1679404758000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"441951","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numeri record per la prima settimana di prenotazioni Club Med riferite alla prossima stagione invernale. Le vendite hanno infatti registrato un aumento del 76% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ma soprattutto hanno raggiunto il livello più elevati da dieci anni a questa parte. Aumenta anche il numero dei clienti, che cresce del 65% rispetto al 2022.\r\n\r\nPer quanto riguarda le scelte dei viaggiatori italiani, dai dati di Club Med emerge inoltre in modo chiaro il ritorno delle mete a lungo raggio. Le Maldive si confermano in particolare la meta preferita dai nostri connazionali, posizionandosi al primo posto con i resort di Kani e Le Ville di Finolhu. Seguono la Repubblica Dominicana, con il resort Punta Cana e l'eco-chic Michès Playa Esmeralda della gamma Exclusive Collection, nonché Guadalupa, con il Club Med La Caravelle, e infine il Club Med Seychelles.\r\n\r\nLa vera novità è però la forte richiesta verso le destinazioni di montagna, che vedono un aumento delle prenotazioni del 154% rispetto all’anno precedente. Tra i top resort si posiziona quindi al primo posto il Club Med Tignes, struttura sulle Alpi francesi aperta nel 2022, che conferma il successo della formula Premium all inclusive sulla neve. L’85% delle prenotazioni effettuate riguardano infine il periodo natalizio e Capodanno: un dato che conferma la ritrovata voglia di viaggiare degli italiani durante le festività.\r\n\r\n“Siamo al di sopra del livello del 2019, che è già stato un anno storico - commenta la managing director Sud Europa e mercati emergenti, Rabeea Ansari -. Si tratta di un record di vendite nella storia di Club Med sul mercato italiano. A dimostrazione che il nostro prodotto e le nostre destinazioni si adattano alle attuali esigenze degli italiani. Quello che ci dicono i clienti tricolori è che l'offerta Premium all inclusive rassicura”.\r\n\r\n ","post_title":"Club Med: prima settimana da record per le prenotazioni inverno 2023-2024","post_date":"2023-03-21T11:27:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1679398070000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"441891","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Partenze dei primi due mesi dell'anno tutte sold out per le proposte sull'isola di Sal di Caboverdetime. E le previsioni sono più che buone anche per il prossimo futuro, grazie ai ponti primaverili che hanno dato un’ottima spinta alle vendite di aprile e maggio. “I viaggiatori hanno ricominciato a prenotare anche in anticipo - spiega il responsabile commerciale dell'operatore bresciano, Pietro Dusi -. Avevamo già visto tornare questa tendenza e ora posso affermare che, così come era prima del Covid, l’advance booking è nuovamente una prassi diffusa\".\r\n\r\nLa programmazione dell’operatore punta ora non solo a far conoscere Sal, sulla quale è situato il loro prodotto di punta, il clubhotel Casa Halos Resort, ma anche altre isole: in particolare Sao Vicente e Sant’Antao, molto apprezzate dai viaggiatori che desiderano combinare una vacanza relax e sole con itinerari naturalistici. \"Si tratta di una soluzione perfetta, che unisce la vacanza mare, tipica di Sal, con trekking e passeggiate a Sao Vicente e a Sant’Antao - conclude Dusi -. L'isola di Sal, nota in passato per le sue saline, è infatti oggi famosa per le sue spiagge di sabbia finissima. São Vicente è invece rinomata per la vivacità e il carattere cosmopolita della città di Mindelo. Santo Antão alterna infine alte montagne a profonde vallate, boschi a zone aride e pietrose: un vero paradiso per gli amanti del trekking. Siamo perciò molto contenti di poter offrire questi combinati, che sono sempre più apprezzati dalla nostra clientela e che ci permettono anche di raggiungere e farci apprezzare da un pubblico più ampio\".","post_title":"Caboverdetime: grande partenza per il 2023 sull'isola di Sal e non solo","post_date":"2023-03-20T13:47:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1679320029000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti