29 January 2023

Air Transat, offerta voli per il Canada fino al 30 gennaio

[ 0 ]

Air Transat 2015PlaneGround_HRL’estate prossima Air Transat offrirà sei destinazioni canadesi e fino a 17 voli a settimana per il Canada da Roma, Venezia e Lamezia. Con i suoi voli non-stop per Toronto e Montréal e i voli in connessione per Vancouver, Calgary, Ottawa e Québec City, Air Transat offre ai viaggiatori provenienti da Italia più opzioni e flessibilità per esplorare il Canada. La compagnia offre anche opzioni di volo multi-destinazione, che consentono di atterrare in una città canadese e ripartire da un’altra senza alcun costo aggiuntivo. Ad esempio, una vacanza a Montréal può essere combinata con una visita al Banff National Park, vicino Calgary, in Canada dell’Ovest. Inoltre, tutti i passeggeri usufruiranno a bordo di sistema di intrattenimento personale accessibile tramite touch-screen individuali o le app CinePlus di Air Transat, e la franchigia bagaglio gratuita. E con Vendita Flash, Air Transat offre le tariffe migliori a chi prenota entro il 30 gennaio 2017:
Roma – Montreal da € 468 a/r tasse incluse
Roma – Toronto da € 443 a/r tasse incluse
Venezia – Montreal da € 475 a/r tasse incluse
Venezia – Toronto da € 475 a/r tasse incluse
Lamezia – Toronto da € 650 a/r tasse incluse
Per ulteriori informazioni sulla Vendita Flash e per un elenco completo dei voli, è possibile consultare il sito della compagnia




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438116 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi. Focus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel. A marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale. “L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.” [post_title] => La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade [post_date] => 2023-01-27T15:04:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674831844000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta. Un incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio. Un triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta. “Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”.  Una delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”. I numeri e le sfide  Una sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato.  “Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”.  Nel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.   Gli impegni con la distribuzione “La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”.  In merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale".  Le novità di prodotto Sul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.  “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. Tra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”.  Confermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”.  Per valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”.  Tra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code.  Il tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con "Obiettivo X", probabilmente a Roma. I contratti inviati alle agenzie A partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: "Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa".   [post_title] => Ota Viaggi: tutte le novità del 2023 [post_date] => 2023-01-27T14:37:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674830224000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438079 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è tenuto presso il Mercato Centrale di Firenze del gruppo Human Company il primo roadshow dedicato alla selezione delle startup che prenderanno parte al progetto Argo: un acceleratore per startup e pmi innovative che sviluppano soluzioni o servizi dedicati a turismo e l’ospitalità. Parte della Rete nazionale acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, Argo è stato lanciato a dicembre da Cdp Venture Capital in collaborazione con il ministero del Turismo. Il programma è gestito da Lventure Group, tra i principali acceleratori di startup in Europa (che co-investe assieme a Cdp Venture Capital nelle imprese selezionate) e VeniSia, l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari Venezia. Assieme a Human Company, Argo è sostenuto dai main partner Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center mentre la Scuola italiana di ospitalità è il partner tecnico: si tratta di un network specificatamente creato per lo sviluppo di startup specializzate in un mercato, quello del turismo, a maggior potenziale di crescita. Lo scopo del programma è individuare e selezionare le più promettenti startup traveltech italiane o internazionali che intendano aprire una sede operativa sul mercato tricolore. Ogni anno, per i prossimi tre, verranno scelte dieci startup e pmi con prodotti o servizi: queste realtà riceveranno un investimento pre-seed di circa 75 mila euro per un’equity dal 3% all’8%, con possibilità di accedere a successivi finanziamenti post-selezione, tra cui un contributo a fondo perduto di 25 mila euro erogato dal dicastero del Turismo. “Il supporto a tutte quelle startup e pmi che stanno muovendo i primi passi nel settore del turismo, in particolare open-air ma non solo, è una questione di primaria importanza per noi, impegnati come siamo oggi in un importante percorso di digital transformation dell’azienda - spiega il ceo di Human Company, Luca Belenghi -. Crediamo nello sviluppo di un ecosistema di nuove imprese innovative a livello nazionale per la crescita di un turismo sostenibile, in grado di accogliere le sfide di un settore in grande trasformazione: nuove esigenze dei turisti, nuove tecnologie e nuove opportunità. Individuare le soluzioni più innovative in un comparto così centrale per il nostro paese, dal punto di vista sia economico, sia occupazionale, permette infatti a tutti i player di crescere di conseguenza”. La fase di selezione del progetto Argo si svilupperà attraverso tre roadshow: momenti di incontro dedicati in cui verranno approfondite le 30 proposte più interessanti con ulteriori colloqui da parte del team dell’acceleratore. Il primo di questi si è tenuto dunque a Firenze il 25 gennaio; ne seguiranno altri due, rispettivamente il 1° e l’8 febbraio. Solamente 16 startup verranno poi invitate a partecipare al Selection day: l’ultimo step che si terrà il 20 marzo di fronte a un’audience di partner del programma. Il programma permetterà infine alle 10 startup selezionate, a partire da aprile e per i successivi cinque mesi,  di crescere attraverso un percorso di formazione con esperti del settore, nonché di validare il prodotto e il modello di business per il go-to-market. [post_title] => Human Company ha ospitato a Firenze il primo roadshow Argo per le startup del turismo [post_date] => 2023-01-27T11:49:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674820173000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438080 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al giro di boa del primo anno sotto l'egida del Tata Group, Air India scatta in avanti con un ulteriore, storico ordine di nuovi aeromobili e investimenti per migliorare il prodotto sui voli a lungo raggio. Secondo quanto riportato da Reuters, la compagnia siglerà oggi la metà di un ordine per circa 495 aeromobili con Boeing e con i fornitori di motori General Electric e CFM International; dopo mesi di trattative Air India è pronta a piazzare un ordine per 190 aerei a fusoliera stretta Boeing 737 Max, oltre a circa 20 Boeing 787 e 10 Boeing 777X. La seconda metà dell'ordine, che secondo fonti Reuters comprende circa 235 jet a corridoio singolo di Airbus (AIR.PA) e circa 40 aerei widebody di Airbus A350, dovrebbe essere formalizzata nei prossimi giorni. "Nel complesso, i progressi compiuti negli ultimi 12 mesi sono stati a dir poco sbalorditivi - ha affermato il ceo Campbell Wilson in una comunicazione inviata ai dipendenti - anche se gran parte del lavoro svolto si è svolto dietro le quinte, costruendo piattaforme e capacità per far decollare le nostre ambizioni future. Naturalmente c'è ancora molto da fare". Wilson ha sottolineato che il numero di aeromobili operativi nell'ultimo anno è aumentato del 27% ed è ora di 100 unità. "Il numero dei voli giornalieri è aumentato del 30% e i collegamenti settimanali internazionali sono aumentati del 63%. Abbiamo aperto - o stiamo per farlo - 16 nuove rotte internazionali e potenziato le frequenze su nove tratte già operative".   [post_title] => Air India pronta a siglare un ordine storico per centinaia di aeromobili [post_date] => 2023-01-27T11:46:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674820002000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438074 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_331279" align="alignleft" width="300"] Sebastian Ebel[/caption] Prosegue il progetto Ota di Tui. Già lanciato da qualche mese nei Paesi di lingua tedesca (Dach), il sistema di prenotazioni online b2c del più grande tour operator europeo si sta ora progressivamente espandendo anche nell'area scandinava. Lo scorso venerdì, il ceo Sebastian Ebel e la Northern Europe manager, Jessica Enbacka, hanno annunciato la novità a Stoccolma. Il prodotto è già disponibile dal mese di dicembre in Svezia e sarà successivamente esteso in Norvegia, Danimarca e Finlandia a partire dal prossimo febbraio. Il portale svedese include in particolare a oggi 15 mila hotel in 50 destinazioni differenti, senza tuttavia coinvolgere ancora alcuna struttura a marchio Tui. Ma il catalogo online è in continua evoluzione. Nei Paesi di lingua tedesca attualmente comprende circa 100 mila indirizzi, tra cui alcune proprietà brandizzate con le catene di proprietà della compagnia tedesca. Nonostante l'offerta online di Tui includa al momento esclusivamente hotel, il gruppo ha tutte le intenzioni di sviluppare presto anche il prodotto dei noleggi auto, dei voli e degli eventi. L'idea è quella di spingere sulla proposta dynamick packaging online, che nelle previsioni di lungo periodo della compagnia dovrebbe raggiungere i volumi dei pacchetti tour operating più tradizionali. [post_title] => Tui spinge sul progetto Ota ed espande l'offerta ai Paesi scandinavi [post_date] => 2023-01-27T11:05:51+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674817551000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438067 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => SunExpress corre verso l'estate italiana con i collegamenti da Milano Malpensa e Venezia verso la Turchia, operati cinque volte alla settimana.  Il vettore, joint venture tra Lufthansa e Turkish Airlines, opererà da Milano tre voli settimanali per Izimir e Antalya ogni lunedì, giovedì e sabato. Bodrum è servita con un collegamento settimanale operativo il giovedì. Inoltre, per la prima volta, SunExpress volerà da Venezia a Smirne con due voli settimanali, a rotazione il mercoledì e la domenica. "Anche quest'anno siamo lieti di poter offrire ai nostri passeggeri in Italia una vasta gamma di voli - ha affermato Peter Glade, direttore commerciale della compagnia -. Stiamo aggiungendo nuove connessioni, consentendo agli ospiti di conoscere la Turchia e tutto ciò che essa ha da offrire, come le infinite attività per il tempo libero, l'ottima cucina, l’affascinante cultura e le sue calde temperature".   [post_title] => L'estate di SunExpress da Milano e Venezia: voli per Izimir, Antalya e Smirne [post_date] => 2023-01-27T10:34:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674815647000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438061 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chioggia ospiterà il primo vertiporto dedicato agli airtaxi del Veneto: l'iniziativa, in collaborazione con il comune della città, farà da apripista ad altre che il Sistema aeroportuale del Nord Est ha elaborato, in linea con il Piano Strategico Nazionale “Advanced Air Mobility - AAM (2021-2030)” di Enac La roadmap per la realizzazione del piano di mobilità aerea avanzata del Gruppo Save si snoda su un arco temporale di tre anni e, per lo sviluppo dell'intero progetto, il gruppo partecipa alla società UrbanV, costituita ad ottobre 2021 con gli scali di Roma, Bologna e della Costa Azzurra. L’aeroporto di Venezia, terzo hub intercontinentale italiano, ospiterà due vertiporti: il primo nell’area landside per connettere il Nord Est dell’Italia, il secondo nell’area airside. In grado di collegare l’aeroporto con le principali aree logistiche e di attrazione turistica del territorio lagunare, si prevede possano movimentare intorno ai 340.000 passeggeri all’anno. Ma non sarà solo il territorio lagunare a beneficiare delle nuove tecnologie. Il piano di mobilità aerea avanzata infatti prevederà un sistema di oltre una decina di vertiporti che, partendo da Venezia, collegheranno tutto il Nord Est arrivando a lambire i territori di Cortina, Brescia e Bologna. Un’innovazione che si integrerà, seguendo un modello di intermodalità, con l’attuale rete di trasporti, così da ridurre i tempi di spostamento tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna. L'intero progetto, "è in linea con la nostra strategia di sostenibilità che è volta a favorire non solo la riduzione delle emissioni di CO2, ma anche lo sviluppo di un sistema intermodale di collegamento tra i nostri aeroporti e con i centri urbani - ha dichiarato Monica Scarpa, ad del gruppo Save -. Attraverso la partecipazione nella joint venture UrbanV, diamo concretezza alla volontà di accelerare lo sviluppo dei vertiporti, e avviamo un percorso condiviso per lo studio e la progettazione di infrastrutture di mobilità aerea urbana, in grado di decongestionare il traffico dell’area in cui incide il Marco Polo ad elevato traffico automobilistico”.   [post_title] => Airtaxi: sarà realizzato a Chioggia il primo vertiporto del Veneto [post_date] => 2023-01-27T10:05:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674813907000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è conclusa ieri la stagione di debutto di Norwegian Cruise Line in Sudafrica: la Jade è stata la prima delle 18 navi della flotta Ncl ad avere Città del Capo come home port, da cui è salpata per una serie di itinerari di 12 giorni lungo le coste del Paese di Mandela e della Namibia. Una proposta di successo, visto che la compagnia ha recentemente annunciato l'arrivo nella regione della Norwegian Dawn nell'inverno del 2024. Con scalo sempre a Città del Capo, nonché a Port Louis, a Mauritius, la nave da 2.340 passeggeri offrirà una serie di viaggi tra gennaio e marzo 2024 Kevin Bubolz, Managing "Nell'ambito della nostra filosofia Guest first, ci siamo focalizzati sul miglioramento della nostra offerta di destinazioni, fornendo ai nostri ospiti itinerari più coinvolgenti - spiega il managing director continental Europe, Israel, Middle East & Africa, Kevin Bubolz -. I nostri nuovi viaggi in Africa ne sono la prova, combinando località da non perdere come Città del Capo e Mauritius, con gemme nascoste quali Pomene e Maputo in Mozambico o Fort Dauphin in Madagascar. Con una media di quasi 12 ore in ogni porto, che consente di avere più tempo per vivere appieno queste destinazioni, i nuovi viaggi sono già tra le nostre crociere più vendute per il 2024 e stanno attirando ospiti da quasi 60 Paesi in tutto il mondo". Il 3 gennaio 2024, la Norwegian Dawn partirà quindi per una crociera di riposizionamento di 17 giorni, navigando per la prima volta nei 56 anni di storia della compagnia da Doha a Mauritius. L'itinerario prevede una combinazione di scali negli Emirati Arabi, Oman, Seychelles, Kenya, Tanzania e Madagascar. Successivamente, il 20 gennaio, la nave effettuerà un itinerario di 12 giorni da Port Louis, Mauritius, con scali a Pointe des Galets, Réunion; Fort Dauphin (Toalagnaro), Madagascar; Pomene e Maputo, Mozambico; Richard's Bay, Port Elizabeth (Gqeberha), Mossel Bay e Cape Town, Sudafrica. Il 1° febbraio e l'8 marzo, la Dawn salperà per viaggi di andata e ritorno di 12 giorni attraverso il Sudafrica e la Namibia con scali a Mossel Bay e Durban in Sudafrica e a Luderitz e Walvis Bay in Namibia, prima di intraprendere il suo itinerario più lungo, il 20 marzo, navigando da Città del Capo, Sudafrica, a Barcellona, Spagna. Il viaggio di 21 giorni lungo la costa occidentale dell'Africa toccherà porti in Namibia, Angola, Sao Tomé e Principe, Costa d'Avorio, Gambia, Senegal, Capo Verde, Isole Canarie e Marocco. [post_title] => Ncl conferma il proprio impegno sul Sudafrica. Nel 2024 sarà la volta della Dawn [post_date] => 2023-01-27T10:00:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674813617000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438056 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Rotta sulla Cina per Air France che, progressivamente, aumenta i collegamenti operativi da Parigi-Charles de Gaulle, in seguito alla decisione della Cina di rimuovere le restrizioni ai viaggi. Attualmente la compagnia aerea francese vola a Pechino (aeroporto di Pechino-Capitale), una volta alla settimana; a Shanghai (aeroporto di Shanghai Pudong), due volte a settimana, che saliranno a tre dal prossimo 3 febbraio; a Hong Kong, voli ripresi il 9 gennaio, tre volte a settimana. Dal prossimo 1° luglio, invece, ogni destinazione sarà servita da Parigi con collegamenti quotidiani.   I voli per Shanghai saranno effettuati con un Boeing 777-300er equipaggiato con le più recenti cabine di lungo raggio di Air France e dotato di 369 posti (48 in Business, 48 in Premium Economy, 273 in Economy); i collegamenti per Pechino e Hong Kong saranno effettuati con un Boeing 787-9 dotato di 279 posti (30 in Business, 21 in Premium Economy, 228 in Economy). Air France opera in Cina dal 1966, volando da e per il Paese fino a 32 volte a settimana prima della pandemia.   La compagnia invita i propri passeggeri a verificare i requisiti di ingresso e di documentazione in vigore nel luogo di destinazione. Ai voli da/per la Cina si applicano misure speciali, tra cui l'obbligo di indossare la mascherina per tutti i passeggeri dai 6 anni in su e un test Pcr negativo prima della partenza. [post_title] => Air France accelera sulla Cina: dal 1° luglio voli giornalieri su Pechino, Shanghai e Hong Kong [post_date] => 2023-01-27T09:42:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674812577000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "air transat offerta voli canada al 30 gennaio" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":58,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":4667,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438116","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Slovenia rilancia la promozione sul mercato italiano per il 2023, per una diffusione della propria offerta turistica ancora più capillare, attraverso una serie di appuntamenti in tutta Italia, volti a consolidare i rapporti con gli operatori e a crearne di nuovi. Proprio il nostro paese nel 2022 si è posizionato al secondo posto per numero di arrivi in Slovenia, con un totale di 434.000 visitatori, pari all'11% del totale degli arrivi internazionali per circa 920.000 pernottamenti complessivi. La Germania si conferma primo mercato, con il 19% degli arrivi esteri, seguita da Austria e Paesi Bassi.\r\n\r\nFocus quindi su hospitality, ma anche su benessere e outdoor, fiori all’occhiello di una destinazione che ha saputo fare della sostenibilità il proprio marchio di fabbrica senza però rinunciare al luxury e all’innovazione. Nei mesi di febbraio e marzo l’Ente per il Turismo organizzerà 3 workshop: a Venezia (2 febbraio), Bologna (23 febbraio) e Roma (14 marzo) rivolti ad agenzie di viaggio e operatori. Evento principe di questo inizio anno sarà sicuramente, poi, la Bit di Milano, dove l'ente parteciperà con cinque co-espositori: Terme Čatež,  Jeruzalem Slovenia, Rimske terme, Alpinia Hotels - Lago di Bohinj e  Atlantida Boutique hotel.\r\n\r\nA marzo, invece, sarà la volta della Bmt di Napoli (16-18 marzo). Mentre l’evento più atteso dell’anno per gli operatori dell’incoming sloveno è lo Slovenian Incoming Workshop - SIW (8-12 maggio), in cui come ogni anno l’intera industria turistica del paese si presenterà a tutto il mondo del turismo internazionale.\r\n\r\n“L’Italia è un mercato chiave per il turismo in Slovenia – precisa il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo in Italia, Aljoša Ota - per noi è indispensabile collaborare con gli operatori italiani, perché siano sempre ricettivi e al corrente di quanto il nostro Paese è in grado di offrire. Non c’è modo migliore di fare rete se non attraverso un rapporto one-to-one, in presenza: in questo gli eventi trade costituiscono un’ottima occasione.”","post_title":"La Slovenia marca stretta l'Italia: dalla Bit ai workshop di formazione al trade","post_date":"2023-01-27T15:04:04+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674831844000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta.\r\n\r\nUn incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio.\r\n\r\nUn triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta.\r\n\r\n“Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”. \r\n\r\nUna delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”.\r\n\r\nI numeri e le sfide \r\n\r\nUna sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato. \r\n\r\n“Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”. \r\n\r\nNel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.  \r\n\r\n\r\n\r\nGli impegni con la distribuzione\r\n\r\n“La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”. \r\n\r\nIn merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale\". \r\n\r\nLe novità di prodotto\r\n\r\nSul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.\r\n\r\n “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. \r\n\r\nTra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”. \r\n\r\nConfermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”. \r\n\r\nPer valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”. \r\n\r\nTra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code. \r\n\r\nIl tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con \"Obiettivo X\", probabilmente a Roma.\r\n\r\nI contratti inviati alle agenzie\r\n\r\nA partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: \"Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa\".\r\n\r\n ","post_title":"Ota Viaggi: tutte le novità del 2023","post_date":"2023-01-27T14:37:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674830224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438079","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è tenuto presso il Mercato Centrale di Firenze del gruppo Human Company il primo roadshow dedicato alla selezione delle startup che prenderanno parte al progetto Argo: un acceleratore per startup e pmi innovative che sviluppano soluzioni o servizi dedicati a turismo e l’ospitalità. Parte della Rete nazionale acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, Argo è stato lanciato a dicembre da Cdp Venture Capital in collaborazione con il ministero del Turismo. Il programma è gestito da Lventure Group, tra i principali acceleratori di startup in Europa (che co-investe assieme a Cdp Venture Capital nelle imprese selezionate) e VeniSia, l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari Venezia.\r\n\r\nAssieme a Human Company, Argo è sostenuto dai main partner Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center mentre la Scuola italiana di ospitalità è il partner tecnico: si tratta di un network specificatamente creato per lo sviluppo di startup specializzate in un mercato, quello del turismo, a maggior potenziale di crescita. Lo scopo del programma è individuare e selezionare le più promettenti startup traveltech italiane o internazionali che intendano aprire una sede operativa sul mercato tricolore. Ogni anno, per i prossimi tre, verranno scelte dieci startup e pmi con prodotti o servizi: queste realtà riceveranno un investimento pre-seed di circa 75 mila euro per un’equity dal 3% all’8%, con possibilità di accedere a successivi finanziamenti post-selezione, tra cui un contributo a fondo perduto di 25 mila euro erogato dal dicastero del Turismo.\r\n\r\n“Il supporto a tutte quelle startup e pmi che stanno muovendo i primi passi nel settore del turismo, in particolare open-air ma non solo, è una questione di primaria importanza per noi, impegnati come siamo oggi in un importante percorso di digital transformation dell’azienda - spiega il ceo di Human Company, Luca Belenghi -. Crediamo nello sviluppo di un ecosistema di nuove imprese innovative a livello nazionale per la crescita di un turismo sostenibile, in grado di accogliere le sfide di un settore in grande trasformazione: nuove esigenze dei turisti, nuove tecnologie e nuove opportunità. Individuare le soluzioni più innovative in un comparto così centrale per il nostro paese, dal punto di vista sia economico, sia occupazionale, permette infatti a tutti i player di crescere di conseguenza”.\r\n\r\nLa fase di selezione del progetto Argo si svilupperà attraverso tre roadshow: momenti di incontro dedicati in cui verranno approfondite le 30 proposte più interessanti con ulteriori colloqui da parte del team dell’acceleratore. Il primo di questi si è tenuto dunque a Firenze il 25 gennaio; ne seguiranno altri due, rispettivamente il 1° e l’8 febbraio. Solamente 16 startup verranno poi invitate a partecipare al Selection day: l’ultimo step che si terrà il 20 marzo di fronte a un’audience di partner del programma. Il programma permetterà infine alle 10 startup selezionate, a partire da aprile e per i successivi cinque mesi,  di crescere attraverso un percorso di formazione con esperti del settore, nonché di validare il prodotto e il modello di business per il go-to-market.","post_title":"Human Company ha ospitato a Firenze il primo roadshow Argo per le startup del turismo","post_date":"2023-01-27T11:49:33+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674820173000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438080","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al giro di boa del primo anno sotto l'egida del Tata Group, Air India scatta in avanti con un ulteriore, storico ordine di nuovi aeromobili e investimenti per migliorare il prodotto sui voli a lungo raggio.\r\n\r\nSecondo quanto riportato da Reuters, la compagnia siglerà oggi la metà di un ordine per circa 495 aeromobili con Boeing e con i fornitori di motori General Electric e CFM International; dopo mesi di trattative Air India è pronta a piazzare un ordine per 190 aerei a fusoliera stretta Boeing 737 Max, oltre a circa 20 Boeing 787 e 10 Boeing 777X. La seconda metà dell'ordine, che secondo fonti Reuters comprende circa 235 jet a corridoio singolo di Airbus (AIR.PA) e circa 40 aerei widebody di Airbus A350, dovrebbe essere formalizzata nei prossimi giorni.\r\n\r\n\"Nel complesso, i progressi compiuti negli ultimi 12 mesi sono stati a dir poco sbalorditivi - ha affermato il ceo Campbell Wilson in una comunicazione inviata ai dipendenti - anche se gran parte del lavoro svolto si è svolto dietro le quinte, costruendo piattaforme e capacità per far decollare le nostre ambizioni future. Naturalmente c'è ancora molto da fare\".\r\n\r\nWilson ha sottolineato che il numero di aeromobili operativi nell'ultimo anno è aumentato del 27% ed è ora di 100 unità. \"Il numero dei voli giornalieri è aumentato del 30% e i collegamenti settimanali internazionali sono aumentati del 63%. Abbiamo aperto - o stiamo per farlo - 16 nuove rotte internazionali e potenziato le frequenze su nove tratte già operative\".\r\n\r\n ","post_title":"Air India pronta a siglare un ordine storico per centinaia di aeromobili","post_date":"2023-01-27T11:46:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674820002000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438074","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_331279\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sebastian Ebel[/caption]\r\n\r\nProsegue il progetto Ota di Tui. Già lanciato da qualche mese nei Paesi di lingua tedesca (Dach), il sistema di prenotazioni online b2c del più grande tour operator europeo si sta ora progressivamente espandendo anche nell'area scandinava. Lo scorso venerdì, il ceo Sebastian Ebel e la Northern Europe manager, Jessica Enbacka, hanno annunciato la novità a Stoccolma. Il prodotto è già disponibile dal mese di dicembre in Svezia e sarà successivamente esteso in Norvegia, Danimarca e Finlandia a partire dal prossimo febbraio.\r\nIl portale svedese include in particolare a oggi 15 mila hotel in 50 destinazioni differenti, senza tuttavia coinvolgere ancora alcuna struttura a marchio Tui. Ma il catalogo online è in continua evoluzione. Nei Paesi di lingua tedesca attualmente comprende circa 100 mila indirizzi, tra cui alcune proprietà brandizzate con le catene di proprietà della compagnia tedesca.\r\n\r\nNonostante l'offerta online di Tui includa al momento esclusivamente hotel, il gruppo ha tutte le intenzioni di sviluppare presto anche il prodotto dei noleggi auto, dei voli e degli eventi. L'idea è quella di spingere sulla proposta dynamick packaging online, che nelle previsioni di lungo periodo della compagnia dovrebbe raggiungere i volumi dei pacchetti tour operating più tradizionali.","post_title":"Tui spinge sul progetto Ota ed espande l'offerta ai Paesi scandinavi","post_date":"2023-01-27T11:05:51+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674817551000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438067","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"SunExpress corre verso l'estate italiana con i collegamenti da Milano Malpensa e Venezia verso la Turchia, operati cinque volte alla settimana. \r\n\r\nIl vettore, joint venture tra Lufthansa e Turkish Airlines, opererà da Milano tre voli settimanali per Izimir e Antalya ogni lunedì, giovedì e sabato. Bodrum è servita con un collegamento settimanale operativo il giovedì. Inoltre, per la prima volta, SunExpress volerà da Venezia a Smirne con due voli settimanali, a rotazione il mercoledì e la domenica.\r\n\"Anche quest'anno siamo lieti di poter offrire ai nostri passeggeri in Italia una vasta gamma di voli - ha affermato Peter Glade, direttore commerciale della compagnia -. Stiamo aggiungendo nuove connessioni, consentendo agli ospiti di conoscere la Turchia e tutto ciò che essa ha da offrire, come le infinite attività per il tempo libero, l'ottima cucina, l’affascinante cultura e le sue calde temperature\".\r\n ","post_title":"L'estate di SunExpress da Milano e Venezia: voli per Izimir, Antalya e Smirne","post_date":"2023-01-27T10:34:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674815647000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438061","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Chioggia ospiterà il primo vertiporto dedicato agli airtaxi del Veneto: l'iniziativa, in collaborazione con il comune della città, farà da apripista ad altre che il Sistema aeroportuale del Nord Est ha elaborato, in linea con il Piano Strategico Nazionale “Advanced Air Mobility - AAM (2021-2030)” di Enac\r\n\r\nLa roadmap per la realizzazione del piano di mobilità aerea avanzata del Gruppo Save si snoda su un arco temporale di tre anni e, per lo sviluppo dell'intero progetto, il gruppo partecipa alla società UrbanV, costituita ad ottobre 2021 con gli scali di Roma, Bologna e della Costa Azzurra. L’aeroporto di Venezia, terzo hub intercontinentale italiano, ospiterà due vertiporti: il primo nell’area landside per connettere il Nord Est dell’Italia, il secondo nell’area airside. In grado di collegare l’aeroporto con le principali aree logistiche e di attrazione turistica del territorio lagunare, si prevede possano movimentare intorno ai 340.000 passeggeri all’anno.\r\nMa non sarà solo il territorio lagunare a beneficiare delle nuove tecnologie. Il piano di mobilità aerea avanzata infatti prevederà un sistema di oltre una decina di vertiporti che, partendo da Venezia, collegheranno tutto il Nord Est arrivando a lambire i territori di Cortina, Brescia e Bologna. Un’innovazione che si integrerà, seguendo un modello di intermodalità, con l’attuale rete di trasporti, così da ridurre i tempi di spostamento tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.\r\nL'intero progetto, \"è in linea con la nostra strategia di sostenibilità che è volta a favorire non solo la riduzione delle emissioni di CO2, ma anche lo sviluppo di un sistema intermodale di collegamento tra i nostri aeroporti e con i centri urbani - ha dichiarato Monica Scarpa, ad del gruppo Save -. Attraverso la partecipazione nella joint venture UrbanV, diamo concretezza alla volontà di accelerare lo sviluppo dei vertiporti, e avviamo un percorso condiviso per lo studio e la progettazione di infrastrutture di mobilità aerea urbana, in grado di decongestionare il traffico dell’area in cui incide il Marco Polo ad elevato traffico automobilistico”.\r\n ","post_title":"Airtaxi: sarà realizzato a Chioggia il primo vertiporto del Veneto","post_date":"2023-01-27T10:05:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674813907000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è conclusa ieri la stagione di debutto di Norwegian Cruise Line in Sudafrica: la Jade è stata la prima delle 18 navi della flotta Ncl ad avere Città del Capo come home port, da cui è salpata per una serie di itinerari di 12 giorni lungo le coste del Paese di Mandela e della Namibia. Una proposta di successo, visto che la compagnia ha recentemente annunciato l'arrivo nella regione della Norwegian Dawn nell'inverno del 2024. Con scalo sempre a Città del Capo, nonché a Port Louis, a Mauritius, la nave da 2.340 passeggeri offrirà una serie di viaggi tra gennaio e marzo 2024\r\n\r\nKevin Bubolz, Managing\r\n\r\n\"Nell'ambito della nostra filosofia Guest first, ci siamo focalizzati sul miglioramento della nostra offerta di destinazioni, fornendo ai nostri ospiti itinerari più coinvolgenti - spiega il managing director continental Europe, Israel, Middle East & Africa, Kevin Bubolz -. I nostri nuovi viaggi in Africa ne sono la prova, combinando località da non perdere come Città del Capo e Mauritius, con gemme nascoste quali Pomene e Maputo in Mozambico o Fort Dauphin in Madagascar. Con una media di quasi 12 ore in ogni porto, che consente di avere più tempo per vivere appieno queste destinazioni, i nuovi viaggi sono già tra le nostre crociere più vendute per il 2024 e stanno attirando ospiti da quasi 60 Paesi in tutto il mondo\".\r\n\r\nIl 3 gennaio 2024, la Norwegian Dawn partirà quindi per una crociera di riposizionamento di 17 giorni, navigando per la prima volta nei 56 anni di storia della compagnia da Doha a Mauritius. L'itinerario prevede una combinazione di scali negli Emirati Arabi, Oman, Seychelles, Kenya, Tanzania e Madagascar. Successivamente, il 20 gennaio, la nave effettuerà un itinerario di 12 giorni da Port Louis, Mauritius, con scali a Pointe des Galets, Réunion; Fort Dauphin (Toalagnaro), Madagascar; Pomene e Maputo, Mozambico; Richard's Bay, Port Elizabeth (Gqeberha), Mossel Bay e Cape Town, Sudafrica. Il 1° febbraio e l'8 marzo, la Dawn salperà per viaggi di andata e ritorno di 12 giorni attraverso il Sudafrica e la Namibia con scali a Mossel Bay e Durban in Sudafrica e a Luderitz e Walvis Bay in Namibia, prima di intraprendere il suo itinerario più lungo, il 20 marzo, navigando da Città del Capo, Sudafrica, a Barcellona, Spagna. Il viaggio di 21 giorni lungo la costa occidentale dell'Africa toccherà porti in Namibia, Angola, Sao Tomé e Principe, Costa d'Avorio, Gambia, Senegal, Capo Verde, Isole Canarie e Marocco.","post_title":"Ncl conferma il proprio impegno sul Sudafrica. Nel 2024 sarà la volta della Dawn","post_date":"2023-01-27T10:00:17+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674813617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438056","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Rotta sulla Cina per Air France che, progressivamente, aumenta i collegamenti operativi da Parigi-Charles de Gaulle, in seguito alla decisione della Cina di rimuovere le restrizioni ai viaggi. Attualmente la compagnia aerea francese vola a Pechino (aeroporto di Pechino-Capitale), una volta alla settimana; a Shanghai (aeroporto di Shanghai Pudong), due volte a settimana, che saliranno a tre dal prossimo 3 febbraio; a Hong Kong, voli ripresi il 9 gennaio, tre volte a settimana.\r\nDal prossimo 1° luglio, invece, ogni destinazione sarà servita da Parigi con collegamenti quotidiani.\r\n \r\nI voli per Shanghai saranno effettuati con un Boeing 777-300er equipaggiato con le più recenti cabine di lungo raggio di Air France e dotato di 369 posti (48 in Business, 48 in Premium Economy, 273 in Economy); i collegamenti per Pechino e Hong Kong saranno effettuati con un Boeing 787-9 dotato di 279 posti (30 in Business, 21 in Premium Economy, 228 in Economy).\r\nAir France opera in Cina dal 1966, volando da e per il Paese fino a 32 volte a settimana prima della pandemia.\r\n \r\nLa compagnia invita i propri passeggeri a verificare i requisiti di ingresso e di documentazione in vigore nel luogo di destinazione. Ai voli da/per la Cina si applicano misure speciali, tra cui l'obbligo di indossare la mascherina per tutti i passeggeri dai 6 anni in su e un test Pcr negativo prima della partenza.","post_title":"Air France accelera sulla Cina: dal 1° luglio voli giornalieri su Pechino, Shanghai e Hong Kong","post_date":"2023-01-27T09:42:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674812577000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti