16 July 2024

Stars Be Original, 10 anni insieme ai tour operator per la formazione di animatori professionisti

[ 0 ]

Stars be Original, società che si occupa di recruiting per i più importanti tour operator italiani, ha compiuto 10 anni.

Non solo formazione ma anche informazione, introducendo temi di natura ambientale che mirano a far capire, soprattutto alla generazione Z, di cosa c’è bisogno per un approccio professionale a trecentosessanta gradi. «Il mondo ci sta a cuore, e quello dei nostri bambini e ragazzi ancora di più – spiega il socio fondatore Andrea Skizzo Mulargia -. Da questa premessa nasce un lavoro importante che darà vita ad una collana di libri illustrati dedicati all’infanzia in cui questi temi verranno veicolati da personaggi creati ad hoc. Il primo volume è dedicato al “Cestiguro”, un canguro che si trasforma in cestiguro perché – attraverso il suo marsupio che funge da cestino – aiuta a pulire il mondo”. Un altro aspetto molto importante sul quale la società lavora è quello del “BEN’ESSERE” mentale».

«L’animatore oggi è un professionista a tutti gli effetti, a cui si chiede il massimo rendimento, pertanto deve essere tutelato anche da un punto di vista umano e psicologico, dal momento che il suo ruolo lo porta a stare con i turisti molte ore al giorno regalando buon umore e intrattenimento – precisa la responsabile delle risorse umane Elena Usilla – E’ assolutamente fisiologico che ci siano momenti in cui si ha bisogno di fermarsi e parlare con qualcuno per questo durante gli eventi formativi viene dedicato un ampio spazio di condivisione con il supporto di psicologi professionisti che supportano l’attività».

L’estate 2023 ha registrato ottimi risultati, i ragazzi selezionati e inseriti nei vari villaggi sono stati più di 700 e hanno dimostrato di essere in grado di mettere in campo quelle competenze che vengono trasmesse loro durante le ‘Factory’, le giornate dedicate alla formazione che sono una full immersion in quelle che saranno le attività da svolgere una volta che si entrerà a lavorare in una struttura ricettiva.

«Il mestiere dell’animatore ha attraversato delle evoluzioni negli anni – spiega il socio fondatore Manuel Ricci -, ma di base rimane un lavoro strettamente legato alla sfera emotiva, è impossibile lavorare in un villaggio senza avere umanità e cuore. Diventare delle STARS è l’Animazione del futuro. L’intelligenza artificiale potrà essere un riflettore luminoso, ma la vera luce è e sarà l’ESSENZA UMANA che connetterà sempre le persone».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471421 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tra giugno e settembre più della metà degli italiani farà vacanze sia brevi che lunghe (il 51% contro il 49% dello stesso periodo del 2023), il 34% farà solo vacanze brevi o solo vacanze lunghe, mentre il 16% non andrà in vacanza (quota in diminuzione rispetto al 23% della scorsa estate).  E' quanto emerge dal focus sulle vacanze estive dell’Osservatorio Turismo Confcommercio in collaborazione con Swg. Tra i motivi della non-vacanza, al primo posto, per quasi 1 italiano su 3, la mancanza di disponibilità economica, seguita dalla necessità di risparmiare (23%), ma c’è anche chi deve rimanere a casa per accudire persone non autosufficienti (14%). Per chi, invece, andrà in vacanza nel periodo estivo, tra le principali attività a cui si dedicherà spicca al primo posto il riposo, seguito da altre motivazioni come vedere posti nuovi, stare con i propri cari, degustare prodotti tipici, immergersi nella natura o, comunque, stare all’aperto. Spesa Per quanto riguarda il budget di spesa per le vacanze estive, quasi un terzo delle famiglie (31%) quest’anno ha previsto una quota più elevata rispetto al 2023, mentre per il 18% sarà inferiore soprattutto per l’aumento delle spese famigliari o a causa di altre spese da sostenere nei prossimi mesi. C’è poi un 42% che prevede di spendere come la scorsa estate e un 9% che non ha ancora definito il budget di spesa. In ogni caso, la spesa media complessiva pro capite prevista per le vacanze estive 2024 è pari a 1.190 euro, il 10% in più rispetto alla scorsa estate (1.090 euro). [post_title] => Più della metà di italiani andrà in vacanza. Il 16% rimane a casa [post_date] => 2024-07-15T10:31:35+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721039495000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471418 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un fondo di circa 30 milioni di euro all’anno, destinato al sostegno all’imprenditorialità in chiave green e sostenibile, con l’obiettivo di decarbonizzare completamente l’economia di Bruxelles entro il 2050: questo l'impegno economico della Regione di Bruxelles Capitale, a sostegno delle imprese e associazioni - circa 4.000 - che ogni anno decidono di potenziare la propria attività aprendo una filiale o trasferendosi sulla piazza di Bruxelles. Cuore geografico e istituzionale d’Europa, la Capitale delle Capitali offre notevoli opportunità di networking e favorisce i contatti diretti con gli stakeholder, moltiplicando le occasioni di crescita in tutti i campi. In Italia, il fenomeno nel 2023 ha coinvolto più di un centinaio di imprese: a guidarle verso Bruxelles, agevolando i contatti e le relazioni dirette con il tessuto produttivo e associativo locale è hub.brussels, Agenzia Brussellese per l’Accompagnamento dell’Impresa. Forte di una rete di filiali e corrispondenti in tutto il mondo, hub.brussels offre servizi su misura per start-up e scale-up a Bruxelles, nonché consulenza specializzata in merito a internazionalizzazione, clustering, innovazione e, non ultimo, finanziamenti.  «L’Italia è l’ottavo mercato per importanza a livello di import/export per Bruxelles - osserva Guglielmo Pisana, rappresentante della Regione di Bruxelles Capitale in Italia (nella foto) -. La nostra attività si focalizza anche sull’accompagnamento delle imprese di Bruxelles che desiderano distribuire i propri prodotti  in Italia, o investire con attività di vendita e produzione. Il mercato italiano è senz’altro una terra fertile per le aziende brussellesi: ad oggi, sono già state aperte diverse filiali sul territorio e questo sempre in stretta collaborazione con i nostri partner pubblici e privati italiani». [post_title] => Regione di Bruxelles Capitale: sostegno alle imprese con un fondo da 30 mln all’anno [post_date] => 2024-07-15T10:26:20+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1721039180000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471296 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni. Il risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo. All'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate. La biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale. Lo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette. Le proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante. Valéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.   [post_title] => Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent [post_date] => 2024-07-12T10:49:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720781365000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471251 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Debutterà il prossimo sabato 20 luglio a Leolandia la star della baby-dance Daisy Dot: nel suo evento d’esordio si esibirà due volte sul palco all’aperto di fronte alla Minitalia, cantando i suoi singoli di maggior successo, come Chi chi boo!, Playing with the animals e il tormentone Hickory dickory dock: la canzone dell’orologio che, da sola, vanta già 1,4 milioni di riproduzioni sul web. Dopo aver cantato e ballato, i bambini potranno incontrare Daisy Dot di persona, per scattare una foto ricordo sul palco… rigorosamente in inglese. La nuova stella delle baby-dance aiuta infatti i piccoli a familiarizzare con l’inglese, tra un passo di danza e l’altro. Scozzese di origine, laureata in recitazione a Edimburgo, una grande passione per la musica e i bambini, Daisy Dot è protagonista di un canale Youtube che in poco più di due anni conta già una cinquantina di video e milioni di visualizzazioni, anche grazie alle collaborazioni con Lucilla, la Brigata Canterina e gli altri personaggi della scuderia di Alman Kids, società specializzata nella creazione di contenuti per bambini. “Siamo felici di essere il primo parco a tema in Italia ad accogliere Daisy Dot per uno spettacolo dal vivo - commenta il direttore marketing e vendite di Leolandia, David Tommaso -. È un personaggio di grande successo tra i bambini, compresi i più grandicelli che vanno già a scuola e stanno imparando l’inglese. E ben rappresenta la nostra idea di intrattenimento: un’esperienza coinvolgente che, oltre a divertire, lasci qualcosa di concreto, trasmettendo valori e contenuti che possono essere funzionali al processo di crescita del bambino”. Con l’arrivo delle prime ondate di caldo, si anima anche la nuova area Draghi e Leggende, popolata da dieci draghi, pronti a rinfrescare le giornate degli ospiti con spruzzi, giochi d’acqua e nuvole di vapore. Con un occhio di riguardo verso la costruzione di un domani migliore, si può anche provare la Scuola Guida Futuro: prima attrazione in Italia dedicata alla mobilità elettrica all’interno di un parco a tema per bambini. [gallery ids="471254,471255,471256"] [post_title] => La star della baby-dance Daisy Dot tra le novità 2024 di Leolandia [post_date] => 2024-07-11T12:11:19+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720699879000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471075 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nato dalla ristrutturazione di una storica sede Enel, l’Avani Rio Novo Venice Hotel si distingue, all’interno del quartiere di Dorsoduro, per la struttura che svetta verso l’alto, con una moderna facciata a vetri. Da settembre 2023 è entrato a far parte del brand lifestyle di casa Minor Hotels, i cui valori sono distinguibili fin dal giardino d’ingresso, con arredi esterni dal design minimal e contemporaneo, e il chiosco del bar 8 Millimetri Cicchetti & Wine con richiami iconografici al mondo del cinema. Hotel L'hotel è facilmente raggiungibile a piedi dalla stazione, e si trova a pochi passi da campo Santa Margherita, una delle piazze più vivaci e giovani di Venezia, al centro del quartiere di Dorsoduro, famoso per la sua atmosfera artistica. Nei pressi dell’hotel ci sono importanti musei come la galleria dell'Accademia e la collezione Peggy Guggenheim, oltre a numerose altre gallerie d'arte contemporanea. Con le sue strade tranquille e i canali pittoreschi, soggiornare in questo sestiere permette di conoscere una Venezia diversa, forse più originale rispetto alle zone più turistiche, rendendolo così luogo ideale per una passeggiata tra storia e cultura. «Il 90% della nostra clientela è internazionale, e il primo mercato è americano. Il soggiorno medio è di due o tre notti e l’occupazione media dell’hotel oscilla tra l’80% e il 90% - spiega il general manager Stefano Botteon -.  Ci rivolgiamo al target Millennials-oriented, che è quello più in linea con i valori friendly e dinamici del brand». L’Avani Rio Novo Venice Hotel è dotato di 144 camere e suite, arredate in stile moderno, con elementi dalle tonalità chiare che ampliano la luce che illumina le stanze grazie alle grandi superfici vetrate. A disposizione degli ospiti anche una palestra, il giardino esterno, e il bar ristorante 8 Millimetri Cicchetti & Wine. [caption id="attachment_470929" align="alignright" width="300"] l[/caption] Sostenibilità La sostenibilità è al centro delle politiche del brand Avani, e la struttura è plastic free: le card per accedere alle camere sono in legno, nella zona ristorante sono presenti piccoli cubi in sughero con vari qr che rimandano a notizie e servizi dell’hotel (per ridurre al minimo l’utilizzo di carta), e i prodotti utilizzati al ristorante sono prevalentemente locali. Experience Per connettere al meglio i viaggiatori con la realtà e il tessuto locale della città che li ospita, l’hotel propone una serie di experience legate al territorio: Active tour per i quartieri di Venezia, accompagnati da un personal trainer che abbina attività sportive come corsa, camminata veloce o altro, a racconti sulla storia della città. Artisan mask workshop presso lo studio di Augusto Maurandi, alla Giudecca. Sotto la guida di questo artista internazionale, che ha realizzato maschere per diversi film di Hollywood come Eyes Wide Shut, Spiderman 2, Gossip Girl, il 60° di Playboy e Megalopolis, gli ospiti potranno realizzare la propria maschera. Tour dei bacari, con degustazione dei famosi cicchetti. Tour a Murano con realizzazione di piccoli gioielli in vetro.  Progetti È sempre più evidente anche in Italia la tendenza degli hotel ad aprirsi al pubblico esterno con proposte culturali, gastronomiche e di benessere, superando così il tradizionale concetto di ospitalità per trasformarsi in una  destinazione. Proprio in quest'ottica, l'Avani Rio Novo Venice Hotel continua a distinguersi nel panorama alberghiero veneziano come promotore di esperienze culturali d’eccellenza e, la recente inaugurazione della mostra Endless Venezia dell’artista londinese omonimo è solo la prima di una serie di iniziative che hanno l’obiettivo di trasformare gli spazi dell’hotel in un luogo di incontro aperto anche ai veneziani e ai turisti. [caption id="attachment_471081" align="alignleft" width="300"] alcune delle opere di Endless in mostra presso l'Avanti Rio Novo Venice Hotel[/caption] «La collaborazione con Cris Contini Contemporary in occasione della mostra di Endless è solo l’inizio di un percorso che rappresenta un passo significativo nel valorizzare l’importanza della cultura e dell’arte come parte integrante della nostra offerta: uno dei principali pilastri di un brand lifestyle come Avani» aggiunge Botteon. Con il recente ingresso nel brand Avani, Rio Novo Venice Hotel punta quindi a diventare un riferimento per chi desidera vivere esperienze culturali con comfort e stile, in linea con le esigenze dei viaggiatori del nuovo millennio che amano coniugare lavoro e svago. Tra i progetti futuri, lo sviluppo del servizio di grab & go del ristorante 8 Millimetri Cicchetti & Wine per conciliare le esigenze di mobilità e flessibilità dei clienti senza rinunciare alla cucina di qualità. Avani Hotels & Resorts Lanciato nel 2011, oggi il brand Avani conta oltre 40 proprietà in cinque continenti, tra cui hotel in città, resort tropicali e rifugi nella natura con focus su design all’avanguardia, servizio cordiale e dinamico, oltre a un buon rapporto qualità-prezzo. [gallery columns="4" ids="471076,471077,471078,471080"] [post_title] => L'Avani Rio Novo Venice Hotel guarda ai Millenials e apre al territorio [post_date] => 2024-07-09T14:09:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => art-hotel [1] => avani [2] => venezia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => art hotel [1] => Avani [2] => venezia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720534149000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 471028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Caribbean Airlines ha scelto Aviareps come gsa in sei mercati europei - Italia inclusa - allargando quindi la partnership a 11 mercati in totale. Aviareps fornirà servizi completi di vendita e biglietteria per aumentare la presenza della compagnia aerea e le vendite nei nuovi mercati. La società rappresenta ora Caribbean Airlines in undici mercati, aggiungendo oltre al nostro Paese, Austria, Spagna, Irlanda, Portogallo e Grecia alle preesistenti rappresentanze in Germania, Svizzera, Regno Unito, Benelux e Francia. Caribbean Airlines è la compagnia di bandiera di Trinidad e Tobago ed è stata fondata nel 2006. Con una flotta di 19 aeromobili, il vettore serve principalmente l'area caraibica, ma offre anche collegamenti con Miami, New York, Orlando negli Stati Uniti e Toronto, in Canada. "Caribbean Airlines è stato il nostro prezioso partner per 17 anni e siamo onorati dell'espansione in altri mercati europei - commenta Marcelo Kaiser, coo Aviation di Aviareps -. Il nostro team di esperti professionisti delle compagnie aeree in Europa si impegna a fornire un servizio clienti eccezionale e a rafforzare la consapevolezza del marchio e le vendite della compagnia aerea. Siamo felici di continuare la nostra partnership con Caribbean Airlines per espandere la loro presenza e aumentare la loro quota di mercato". [post_title] => Caribbean Airlines sceglie Aviareps come gsa in altri sei mercati europei, Italia inclusa [post_date] => 2024-07-09T09:25:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720517158000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470864 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da sempre uno dei simboli, iconici, delle Fiandre, la birra e il mondo di tradizioni che vi ruota attorno si conferma uno degli atout di un viaggio in questa regione. E oggi, grazie alla collaborazione con il marketplace specializzato in esperienze enogastronomiche Winedering, Visit Flanders agevola ulteriormente programmazione e prenotazioni per i turisti che seguono le strade della birra. A Bruges i visitatori possono immergersi nel processo di produzione del birrificio Fort Lapin, a pochi passi dal centro medievale patrimonio Unesco, o in quello di Bourgogne Des Flandres, situato nel cuore della città. E non mancano i tour alla scoperta della tradizione birraia locale e gli angoli più belli del luogo, offerti da Queens of Hop e Beer Secret. Quest’ultimo offre i suoi itinerari anche a Gent, mentre a Lovanio, conosciuta come la capitale della birra belga, le degustazioni delle birre del birrificio De Coureur sono l'esperienza da non perdere. Ultima ma non ultima, Bruxelles: qui sono a disposizione la visita al birrificio La Senne con Once in Brussels, le degustazioni di Hoppiness Brussels, la caccia al tesoro birraia organizzata da Beer My Guest e i tour di Beer Secret.  Le esperienze di birra possono inoltre essere l’occasione perfetta per scoprire nuove mete nelle Fiandre. In treno da Bruges si possono raggiungere facilmente sia Ostenda che Kortrijk.  Chi invece ha a disposizione un mezzo proprio per spostarsi, può fare tappa a Wachtebeke, un villaggio non distante da Gent: qui il birrificio Broers offre una degustazione in un contesto unico, all'interno di una chiesa trasformata in birreria. Ancora, nel paesaggio ondulato del Pajottenland, si possono scoprire i segreti del tradizionale processo di fermentazione spontanea del lambic e della geuze presso i birrifici Kestemont e Oud Beersel.  Infine, due esperienze davvero uniche: il beer yoga con Tipsy Tribe a Bruxelles, una combinazione originale di pratica dello yoga e degustazione di birra, e le masterclass e i tour che combinano birra e cioccolato nelle città di Anversa, Lovanio, Mechelen, Gent, Hasselt e Bruxelles con Bierolade.  [post_title] => Fiandre nel segno della birra: tutte le esperienze da prenotare con Winedering [post_date] => 2024-07-05T10:31:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720175469000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470842 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia ha previsto il trasporto gratuito a tutti i passeggeri Dan Air prenotati sul volo improvvisamente cancellato Bergamo Bacau Bergamo, programmato per oggi, 5 luglio - volo numero DN 422/DN421. Il trasporto sarà fornito in base all'ordine della richiesta sul volo Aeroitalia del 5 luglio numero XZ 3014 in partenza da Bergamo alle ore 15.00 con arrivo a Bacau alle ore 17.55 e il volo XZ 3015 in partenza da Bacau alle ore 13.10 e con arrivo a Bergamo alle ore 14.10. "I passeggeri, spiega una nota del vettore italiano, dovranno presentare la loro prenotazione originale con Dan Air per il volo di cui sopra e dovranno pagare solo le tasse aeroportuali e qualsiasi altro costo relativo. La prenotazione può essere effettuata solo tramite il call center al numero 06 9837 9084 entro e non oltre il 05 luglio fino alle ore 18:00. La tariffa di soccorso di zero euro sarà prenotata con la tariffa Basic di Aeroitalia". [post_title] => Aeroitalia in soccorso dei passeggeri Dan Air sulla rotta Bergamo-Bacau [post_date] => 2024-07-05T08:47:04+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720169224000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 470816 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_330414" align="alignright" width="300"] Davide Catania[/caption] «Abbiamo ripreso i livelli 2019 già nel 2023 e quest'anno, ad oggi, registriamo una piccola crescita: c’è stata una buona anticipazione nelle prenotazioni e, benché queste settimane siano più tranquille, una discreta crescita è comunque tangibile. E speriamo prosegua»: Davide Catania, ceo di Alidays, traccia i contorni della stagione in corso. Un 2024 che ha messo in luce - a margine degli Stati Uniti, storica destinazione di punta del to «che performa bene e continua a farlo» - la «sorpresa dell'Oriente e del Giappone in particolare: quest'ultimo, che ha riaperto post-Covid un anno dopo rispetto agli altri, si è presentato con un migliore rapporto qualità-prezzo, grazie al cambio favorevole dello yen». Una domanda decisamente forte quella per il Giappone, che sembra destinata a confermarsi nel tempo, malgrado «vediamo sin d'ora aumenti dei prezzi a due cifre per il 2025», aumenti che possono essere letti anche come un tentativo di contenere il dilagante overtourism. Più in generale, a mostrare segnali positivi è «tutto l'Oriente, ma risponde bene anche il Sudafrica come pure l'oceano Indiano, che mantiene buoni numeri». Glance Sempre più apprezzata Glance, la linea di viaggio high-end che ha debuttato in casa Alidays nel 2018: «L'incidenza di Glance è ancora relativa in termini puramente numerici, ma la linea costituisce una sorta di stella cometa per l’azienda, un vero e proprio punto di riferimento qualitativo nell'ottica di creazione di un viaggio luxury. Un viaggio che debba far stare bene, al quale è necessario aggiungere valore: per questo ci piace sorprendere il cliente, spesso con una vera e propria sorpresa in loco, un'experience - che nasce dalla collaborazione con il consulente di viaggio -, cui si aggiungono chicche inaspettate, che alcune volte non sono materiali ma più di relazione». "Stare Bene" Il viaggio che diventa elemento fondamentale per star bene, un’opportunità di crescita personale: "Un bene che fa stare bene". Questo il tema al centro della giornata di formazione che ieri Alidays ha dedicato ad una selezione di agenzie di viaggio partner, con la partecipazione di diversi relatori tra i quali Emilio Bellini, professor of leadership and innovation School of Management del Politecnico di Milano e Claudia D'Arpizio, senior partner Bain & Company. Osservato speciale quindi il lusso, che abbandona la sua accezione più immediata legata all'eccessivo, al superfluo, al sovrabbondante, per avvicinarsi sempre più al significato dell'aggettivo 'luxos' inteso come 'slogato' e dunque che si stacca, si allontana dal quotidiano, come ricerca di una eccezione. Insomma, il vero lusso diventa la creazione di un benessere più ampiom legato al fare qualcosa di discontinuo e distante rispetto alla quotidianità. [post_title] => Alidays: 2024 positivo, dalla "sorpresa" Giappone alla nuova concezione del lusso [post_date] => 2024-07-04T14:13:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1720102423000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "stars be original 10 anni insieme ai tour operator la formazione animatori professionisti" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":59,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":790,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471421","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tra giugno e settembre più della metà degli italiani farà vacanze sia brevi che lunghe (il 51% contro il 49% dello stesso periodo del 2023), il 34% farà solo vacanze brevi o solo vacanze lunghe, mentre il 16% non andrà in vacanza (quota in diminuzione rispetto al 23% della scorsa estate).  E' quanto emerge dal focus sulle vacanze estive dell’Osservatorio Turismo Confcommercio in collaborazione con Swg.\r\n\r\nTra i motivi della non-vacanza, al primo posto, per quasi 1 italiano su 3, la mancanza di disponibilità economica, seguita dalla necessità di risparmiare (23%), ma c’è anche chi deve rimanere a casa per accudire persone non autosufficienti (14%). Per chi, invece, andrà in vacanza nel periodo estivo, tra le principali attività a cui si dedicherà spicca al primo posto il riposo, seguito da altre motivazioni come vedere posti nuovi, stare con i propri cari, degustare prodotti tipici, immergersi nella natura o, comunque, stare all’aperto.\r\nSpesa\r\nPer quanto riguarda il budget di spesa per le vacanze estive, quasi un terzo delle famiglie (31%) quest’anno ha previsto una quota più elevata rispetto al 2023, mentre per il 18% sarà inferiore soprattutto per l’aumento delle spese famigliari o a causa di altre spese da sostenere nei prossimi mesi.\r\n\r\nC’è poi un 42% che prevede di spendere come la scorsa estate e un 9% che non ha ancora definito il budget di spesa. In ogni caso, la spesa media complessiva pro capite prevista per le vacanze estive 2024 è pari a 1.190 euro, il 10% in più rispetto alla scorsa estate (1.090 euro).","post_title":"Più della metà di italiani andrà in vacanza. Il 16% rimane a casa","post_date":"2024-07-15T10:31:35+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1721039495000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471418","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un fondo di circa 30 milioni di euro all’anno, destinato al sostegno all’imprenditorialità in chiave green e sostenibile, con l’obiettivo di decarbonizzare completamente l’economia di Bruxelles entro il 2050: questo l'impegno economico della Regione di Bruxelles Capitale, a sostegno delle imprese e associazioni - circa 4.000 - che ogni anno decidono di potenziare la propria attività aprendo una filiale o trasferendosi sulla piazza di Bruxelles.\r\n\r\nCuore geografico e istituzionale d’Europa, la Capitale delle Capitali offre notevoli opportunità di networking e favorisce i contatti diretti con gli stakeholder, moltiplicando le occasioni di crescita in tutti i campi.\r\nIn Italia, il fenomeno nel 2023 ha coinvolto più di un centinaio di imprese: a guidarle verso Bruxelles, agevolando i contatti e le relazioni dirette con il tessuto produttivo e associativo locale è hub.brussels, Agenzia Brussellese per l’Accompagnamento dell’Impresa. Forte di una rete di filiali e corrispondenti in tutto il mondo, hub.brussels offre servizi su misura per start-up e scale-up a Bruxelles, nonché consulenza specializzata in merito a internazionalizzazione, clustering, innovazione e, non ultimo, finanziamenti. \r\n«L’Italia è l’ottavo mercato per importanza a livello di import/export per Bruxelles - osserva Guglielmo Pisana, rappresentante della Regione di Bruxelles Capitale in Italia (nella foto) -. La nostra attività si focalizza anche sull’accompagnamento delle imprese di Bruxelles che desiderano distribuire i propri prodotti  in Italia, o investire con attività di vendita e produzione. Il mercato italiano è senz’altro una terra fertile per le aziende brussellesi: ad oggi, sono già state aperte diverse filiali sul territorio e questo sempre in stretta collaborazione con i nostri partner pubblici e privati italiani».","post_title":"Regione di Bruxelles Capitale: sostegno alle imprese con un fondo da 30 mln all’anno","post_date":"2024-07-15T10:26:20+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1721039180000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471296","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un convento dell'ordine di Santa Chiara del 1604, successivamente occupato dall'ordine della Visitazione di Santa Maria dal 1803 agli inizi degli anni '80. Da queste radici originarie ha preso forma la nuova struttura di design Hôtel du Couvent. Situata nel cuore del centro storico di Nizza, la proprietà è stata realizzata da Valéry Grégo, il nome dietro gli hotel di design Les Roches Rouges e La Pigalle, che ne ha curato un restauro durato ben dieci anni. I lavori sono stati realizzati in collaborazione con lo studio Mumbai e lo studio Méditerranée, che ha sua volta lavorato con Festen Architecture per gli interni.\r\n\r\nIl risultato sono 88 camere arredate con un mix di pezzi su misura e di antiquariato d'epoca, con vista sul centro storico, sui giardini terrazzati, sul porto o sulle colline circostanti. Tra le soluzioni disponibili ci sono pure 18 suite, alcune delle quali dotate di cucina, con la possibilità di richiedere uno chef o un maggiordomo.\r\n\r\nAll'interno delle mura esterne del convento, si cela inoltre un giardino segreto di più di 8 mila metri quadrati. In collaborazione con Tom-Stuart Smith, paesaggista, e James Basson di Scape Design, lo spazio è stato ripensato in un’ottica di connessione con lo stesso convento. Nel chiostro centrale rivivrà poi l'antica erboristeria fondata dalle suore, guidata dall'erborista locale Gregory Unrein di Nice Organic. Fornirà agli ospiti consigli personalizzati e rimedi su misura, oltre a tè, tisane e tinture con le erbe del giardino, e, allo stesso tempo, servirà anche la cucina e il bar del convento di erbe essiccate.\r\n\r\nLa biblioteca, dove approfondire la storia della città, mette in luce l'École de Nice: un movimento artistico che si è sviluppato a Nizza a partire dalla fine degli anni Cinquanta e che ha riunito molti artisti riconosciuti a livello internazionale, tra cui Martial Raysse, Ben, Yves Klein, Arman e Alocco, Sosno. Archivio ufficiale di tutto ciò che è stato pubblicato sul movimento, lo spazio si presterà a collaborazioni con scuole d'arte, conferenze e workshop per gli ospiti e la comunità locale.\r\n\r\nLo spazio benessere si ispirerà alle antiche tradizioni balneari romane, incorporando acqua, trattamenti e attività fisica. A disposizione pure una piscina coperta e una piscina relax. Un'area dedicata ai trattamenti offrirà massaggi su misura con oli essenziali selezionati dall'erborista dell'Hôtel du Couvent, mentre i trattamenti viso personalizzati utilizzeranno prodotti naturali. Oltre a una piscina all'aperto, le terme romane del convento propongono anche il Movement Studio: uno spazio dedicato all'esercizio fisico, alla danza e al movimento, sale per trattamenti e un centro culturale per rilassare la mente, per un'esperienza di benessere olistica. All'esterno, i giardini vantano una ulteriore piscina di 20 metri con vista sul Mediterraneo e una all'aperto adiacente al cafè La Guinguette.\r\n\r\nLe proposte f&b dell'hotel saranno guidate dai sapori e dai prodotti provenienti dalla fattoria di proprietà a Touët-sur-Var, che rifornisce il convento di verdure di stagione, frutta e uova delle sue 250 galline, ospitando anche visite di ospiti, cene e laboratori gastronomici. Nel ristorante del chiostro, il refettorio originale, al cafè La Guinguette e nel bistrot di rue des Serruriers sarà possibile gustare quindi piatti tipici. E' presente pure una panetteria, ricavata nell'ex panificio del convento, che preparerà ogni giorno pane fresco, con farina macinata in loco secondo la tradizione centenaria, mentre la cantina offrirà una scelta di 3.500 etichette. Nelle vicinanze, le Bar sarà il luogo ideale in cui trascorrere i propri pomeriggi. Il sabato mattina l'Hôtel du Couvent aprirà infine il proprio cortile al mercato cittadino, in cui gli ospiti e i nizzardi potranno rifornirsi di prodotti locali e della regione circostante.\r\n\r\nValéry Grégo vive a Londra da vent'anni ed è entrato nel mondo dell'ospitalità come si entra in una vecchia libreria: per caso. Nato nella periferia parigina da due ricercatori aerospaziali, ha studiato inizialmente letteratura e materie umanistiche a Parigi, per poi dedicarsi alla finanza. Dopo un primo periodo come imprenditore nel settore finanziario, il suo background letterario e il suo spirito avventuriero lo hanno portato a creare Perseus nel 2010, con l'obiettivo di ribaltare il concetto di viaggio. Le Pigalle, inaugurato nel 2015, gli ha permesso di esprimere questa ospitalità moderna, radicata e consapevole, che si adatta a un mondo in rapida evoluzione. Grégo ha poi fatto rinascere diversi resort in montagna e stabilimenti costieri, tra cui Les Roches Rouges a Saint-Raphaël e Les 3 Vallées a Courchevel 1850, con il marchio Hôtels d'en Haut, che ha venduto nel 2019 per concentrarsi sull'Hôtel du Couvent, l'ultimo di questa generazione di luoghi.\r\n\r\n ","post_title":"Ci sono anche una panetteria e un'erboristeria nel nuovo hotel di design nizzardo du Couvent","post_date":"2024-07-12T10:49:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1720781365000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471251","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Debutterà il prossimo sabato 20 luglio a Leolandia la star della baby-dance Daisy Dot: nel suo evento d’esordio si esibirà due volte sul palco all’aperto di fronte alla Minitalia, cantando i suoi singoli di maggior successo, come Chi chi boo!, Playing with the animals e il tormentone Hickory dickory dock: la canzone dell’orologio che, da sola, vanta già 1,4 milioni di riproduzioni sul web. Dopo aver cantato e ballato, i bambini potranno incontrare Daisy Dot di persona, per scattare una foto ricordo sul palco… rigorosamente in inglese.\r\n\r\nLa nuova stella delle baby-dance aiuta infatti i piccoli a familiarizzare con l’inglese, tra un passo di danza e l’altro. Scozzese di origine, laureata in recitazione a Edimburgo, una grande passione per la musica e i bambini, Daisy Dot è protagonista di un canale Youtube che in poco più di due anni conta già una cinquantina di video e milioni di visualizzazioni, anche grazie alle collaborazioni con Lucilla, la Brigata Canterina e gli altri personaggi della scuderia di Alman Kids, società specializzata nella creazione di contenuti per bambini.\r\n\r\n“Siamo felici di essere il primo parco a tema in Italia ad accogliere Daisy Dot per uno spettacolo dal vivo - commenta il direttore marketing e vendite di Leolandia, David Tommaso -. È un personaggio di grande successo tra i bambini, compresi i più grandicelli che vanno già a scuola e stanno imparando l’inglese. E ben rappresenta la nostra idea di intrattenimento: un’esperienza coinvolgente che, oltre a divertire, lasci qualcosa di concreto, trasmettendo valori e contenuti che possono essere funzionali al processo di crescita del bambino”.\r\n\r\nCon l’arrivo delle prime ondate di caldo, si anima anche la nuova area Draghi e Leggende, popolata da dieci draghi, pronti a rinfrescare le giornate degli ospiti con spruzzi, giochi d’acqua e nuvole di vapore. Con un occhio di riguardo verso la costruzione di un domani migliore, si può anche provare la Scuola Guida Futuro: prima attrazione in Italia dedicata alla mobilità elettrica all’interno di un parco a tema per bambini.\r\n\r\n[gallery ids=\"471254,471255,471256\"]","post_title":"La star della baby-dance Daisy Dot tra le novità 2024 di Leolandia","post_date":"2024-07-11T12:11:19+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1720699879000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471075","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nato dalla ristrutturazione di una storica sede Enel, l’Avani Rio Novo Venice Hotel si distingue, all’interno del quartiere di Dorsoduro, per la struttura che svetta verso l’alto, con una moderna facciata a vetri. Da settembre 2023 è entrato a far parte del brand lifestyle di casa Minor Hotels, i cui valori sono distinguibili fin dal giardino d’ingresso, con arredi esterni dal design minimal e contemporaneo, e il chiosco del bar 8 Millimetri Cicchetti & Wine con richiami iconografici al mondo del cinema.\r\nHotel\r\nL'hotel è facilmente raggiungibile a piedi dalla stazione, e si trova a pochi passi da campo Santa Margherita, una delle piazze più vivaci e giovani di Venezia, al centro del quartiere di Dorsoduro, famoso per la sua atmosfera artistica. Nei pressi dell’hotel ci sono importanti musei come la galleria dell'Accademia e la collezione Peggy Guggenheim, oltre a numerose altre gallerie d'arte contemporanea. Con le sue strade tranquille e i canali pittoreschi, soggiornare in questo sestiere permette di conoscere una Venezia diversa, forse più originale rispetto alle zone più turistiche, rendendolo così luogo ideale per una passeggiata tra storia e cultura.\r\n\r\n\r\n\r\n«Il 90% della nostra clientela è internazionale, e il primo mercato è americano. Il soggiorno medio è di due o tre notti e l’occupazione media dell’hotel oscilla tra l’80% e il 90% - spiega il general manager Stefano Botteon -.  Ci rivolgiamo al target Millennials-oriented, che è quello più in linea con i valori friendly e dinamici del brand».\r\n\r\nL’Avani Rio Novo Venice Hotel è dotato di 144 camere e suite, arredate in stile moderno, con elementi dalle tonalità chiare che ampliano la luce che illumina le stanze grazie alle grandi superfici vetrate. A disposizione degli ospiti anche una palestra, il giardino esterno, e il bar ristorante 8 Millimetri Cicchetti & Wine.\r\n\r\n\r\n\r\n[caption id=\"attachment_470929\" align=\"alignright\" width=\"300\"] l[/caption]\r\n\r\nSostenibilità\r\nLa sostenibilità è al centro delle politiche del brand Avani, e la struttura è plastic free: le card per accedere alle camere sono in legno, nella zona ristorante sono presenti piccoli cubi in sughero con vari qr che rimandano a notizie e servizi dell’hotel (per ridurre al minimo l’utilizzo di carta), e i prodotti utilizzati al ristorante sono prevalentemente locali.\r\nExperience\r\nPer connettere al meglio i viaggiatori con la realtà e il tessuto locale della città che li ospita, l’hotel propone una serie di experience legate al territorio:\r\n\r\n \tActive tour per i quartieri di Venezia, accompagnati da un personal trainer che abbina attività sportive come corsa, camminata veloce o altro, a racconti sulla storia della città.\r\n \tArtisan mask workshop presso lo studio di Augusto Maurandi, alla Giudecca. Sotto la guida di questo artista internazionale, che ha realizzato maschere per diversi film di Hollywood come Eyes Wide Shut, Spiderman 2, Gossip Girl, il 60° di Playboy e Megalopolis, gli ospiti potranno realizzare la propria maschera.\r\n \tTour dei bacari, con degustazione dei famosi cicchetti.\r\n \tTour a Murano con realizzazione di piccoli gioielli in vetro. \r\n\r\nProgetti\r\nÈ sempre più evidente anche in Italia la tendenza degli hotel ad aprirsi al pubblico esterno con proposte culturali, gastronomiche e di benessere, superando così il tradizionale concetto di ospitalità per trasformarsi in una  destinazione. Proprio in quest'ottica, l'Avani Rio Novo Venice Hotel continua a distinguersi nel panorama alberghiero veneziano come promotore di esperienze culturali d’eccellenza e, la recente inaugurazione della mostra Endless Venezia dell’artista londinese omonimo è solo la prima di una serie di iniziative che hanno l’obiettivo di trasformare gli spazi dell’hotel in un luogo di incontro aperto anche ai veneziani e ai turisti.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_471081\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] alcune delle opere di Endless in mostra presso l'Avanti Rio Novo Venice Hotel[/caption]\r\n\r\n«La collaborazione con Cris Contini Contemporary in occasione della mostra di Endless è solo l’inizio di un percorso che rappresenta un passo significativo nel valorizzare l’importanza della cultura e dell’arte come parte integrante della nostra offerta: uno dei principali pilastri di un brand lifestyle come Avani» aggiunge Botteon.\r\n\r\n\r\nCon il recente ingresso nel brand Avani, Rio Novo Venice Hotel punta quindi a diventare un riferimento per chi desidera vivere esperienze culturali con comfort e stile, in linea con le esigenze dei viaggiatori del nuovo millennio che amano coniugare lavoro e svago. Tra i progetti futuri, lo sviluppo del servizio di grab & go del ristorante 8 Millimetri Cicchetti & Wine per conciliare le esigenze di mobilità e flessibilità dei clienti senza rinunciare alla cucina di qualità.\r\nAvani Hotels & Resorts\r\nLanciato nel 2011, oggi il brand Avani conta oltre 40 proprietà in cinque continenti, tra cui hotel in città, resort tropicali e rifugi nella natura con focus su design all’avanguardia, servizio cordiale e dinamico, oltre a un buon rapporto qualità-prezzo.\r\n\r\n[gallery columns=\"4\" ids=\"471076,471077,471078,471080\"]","post_title":"L'Avani Rio Novo Venice Hotel guarda ai Millenials e apre al territorio","post_date":"2024-07-09T14:09:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["art-hotel","avani","venezia"],"post_tag_name":["art hotel","Avani","venezia"]},"sort":[1720534149000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"471028","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Caribbean Airlines ha scelto Aviareps come gsa in sei mercati europei - Italia inclusa - allargando quindi la partnership a 11 mercati in totale. Aviareps fornirà servizi completi di vendita e biglietteria per aumentare la presenza della compagnia aerea e le vendite nei nuovi mercati.\r\n\r\nLa società rappresenta ora Caribbean Airlines in undici mercati, aggiungendo oltre al nostro Paese, Austria, Spagna, Irlanda, Portogallo e Grecia alle preesistenti rappresentanze in Germania, Svizzera, Regno Unito, Benelux e Francia.\r\n\r\nCaribbean Airlines è la compagnia di bandiera di Trinidad e Tobago ed è stata fondata nel 2006. Con una flotta di 19 aeromobili, il vettore serve principalmente l'area caraibica, ma offre anche collegamenti con Miami, New York, Orlando negli Stati Uniti e Toronto, in Canada.\r\n\r\n\"Caribbean Airlines è stato il nostro prezioso partner per 17 anni e siamo onorati dell'espansione in altri mercati europei - commenta Marcelo Kaiser, coo Aviation di Aviareps -. Il nostro team di esperti professionisti delle compagnie aeree in Europa si impegna a fornire un servizio clienti eccezionale e a rafforzare la consapevolezza del marchio e le vendite della compagnia aerea. Siamo felici di continuare la nostra partnership con Caribbean Airlines per espandere la loro presenza e aumentare la loro quota di mercato\".","post_title":"Caribbean Airlines sceglie Aviareps come gsa in altri sei mercati europei, Italia inclusa","post_date":"2024-07-09T09:25:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720517158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470864","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da sempre uno dei simboli, iconici, delle Fiandre, la birra e il mondo di tradizioni che vi ruota attorno si conferma uno degli atout di un viaggio in questa regione. E oggi, grazie alla collaborazione con il marketplace specializzato in esperienze enogastronomiche Winedering, Visit Flanders agevola ulteriormente programmazione e prenotazioni per i turisti che seguono le strade della birra.\r\n\r\nA Bruges i visitatori possono immergersi nel processo di produzione del birrificio Fort Lapin, a pochi passi dal centro medievale patrimonio Unesco, o in quello di Bourgogne Des Flandres, situato nel cuore della città. E non mancano i tour alla scoperta della tradizione birraia locale e gli angoli più belli del luogo, offerti da Queens of Hop e Beer Secret. Quest’ultimo offre i suoi itinerari anche a Gent, mentre a Lovanio, conosciuta come la capitale della birra belga, le degustazioni delle birre del birrificio De Coureur sono l'esperienza da non perdere. Ultima ma non ultima, Bruxelles: qui sono a disposizione la visita al birrificio La Senne con Once in Brussels, le degustazioni di Hoppiness Brussels, la caccia al tesoro birraia organizzata da Beer My Guest e i tour di Beer Secret. \r\n\r\nLe esperienze di birra possono inoltre essere l’occasione perfetta per scoprire nuove mete nelle Fiandre. In treno da Bruges si possono raggiungere facilmente sia Ostenda che Kortrijk. \r\n\r\nChi invece ha a disposizione un mezzo proprio per spostarsi, può fare tappa a Wachtebeke, un villaggio non distante da Gent: qui il birrificio Broers offre una degustazione in un contesto unico, all'interno di una chiesa trasformata in birreria. Ancora, nel paesaggio ondulato del Pajottenland, si possono scoprire i segreti del tradizionale processo di fermentazione spontanea del lambic e della geuze presso i birrifici Kestemont e Oud Beersel. \r\n\r\nInfine, due esperienze davvero uniche: il beer yoga con Tipsy Tribe a Bruxelles, una combinazione originale di pratica dello yoga e degustazione di birra, e le masterclass e i tour che combinano birra e cioccolato nelle città di Anversa, Lovanio, Mechelen, Gent, Hasselt e Bruxelles con Bierolade. ","post_title":"Fiandre nel segno della birra: tutte le esperienze da prenotare con Winedering","post_date":"2024-07-05T10:31:09+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1720175469000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470842","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroitalia ha previsto il trasporto gratuito a tutti i passeggeri Dan Air prenotati sul volo improvvisamente cancellato Bergamo Bacau Bergamo, programmato per oggi, 5 luglio - volo numero DN 422/DN421.\r\n\r\nIl trasporto sarà fornito in base all'ordine della richiesta sul volo Aeroitalia del 5 luglio numero XZ 3014 in partenza da Bergamo alle ore 15.00 con arrivo a Bacau alle ore 17.55 e il volo XZ 3015 in partenza da Bacau alle ore 13.10 e con arrivo a Bergamo alle ore 14.10.\r\n\r\n\"I passeggeri, spiega una nota del vettore italiano, dovranno presentare la loro prenotazione originale con Dan Air per il volo di cui sopra e dovranno pagare solo le tasse aeroportuali e qualsiasi altro costo relativo. La prenotazione può essere effettuata solo tramite il call center al numero 06 9837 9084 entro e non oltre il 05 luglio fino alle ore 18:00. La tariffa di soccorso di zero euro sarà prenotata con la tariffa Basic di Aeroitalia\".","post_title":"Aeroitalia in soccorso dei passeggeri Dan Air sulla rotta Bergamo-Bacau","post_date":"2024-07-05T08:47:04+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1720169224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"470816","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_330414\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Davide Catania[/caption]\r\n\r\n«Abbiamo ripreso i livelli 2019 già nel 2023 e quest'anno, ad oggi, registriamo una piccola crescita: c’è stata una buona anticipazione nelle prenotazioni e, benché queste settimane siano più tranquille, una discreta crescita è comunque tangibile. E speriamo prosegua»: Davide Catania, ceo di Alidays, traccia i contorni della stagione in corso.\r\n\r\nUn 2024 che ha messo in luce - a margine degli Stati Uniti, storica destinazione di punta del to «che performa bene e continua a farlo» - la «sorpresa dell'Oriente e del Giappone in particolare: quest'ultimo, che ha riaperto post-Covid un anno dopo rispetto agli altri, si è presentato con un migliore rapporto qualità-prezzo, grazie al cambio favorevole dello yen». Una domanda decisamente forte quella per il Giappone, che sembra destinata a confermarsi nel tempo, malgrado «vediamo sin d'ora aumenti dei prezzi a due cifre per il 2025», aumenti che possono essere letti anche come un tentativo di contenere il dilagante overtourism.\r\n\r\nPiù in generale, a mostrare segnali positivi è «tutto l'Oriente, ma risponde bene anche il Sudafrica come pure l'oceano Indiano, che mantiene buoni numeri».\r\n\r\nGlance\r\n\r\nSempre più apprezzata Glance, la linea di viaggio high-end che ha debuttato in casa Alidays nel 2018: «L'incidenza di Glance è ancora relativa in termini puramente numerici, ma la linea costituisce una sorta di stella cometa per l’azienda, un vero e proprio punto di riferimento qualitativo nell'ottica di creazione di un viaggio luxury. Un viaggio che debba far stare bene, al quale è necessario aggiungere valore: per questo ci piace sorprendere il cliente, spesso con una vera e propria sorpresa in loco, un'experience - che nasce dalla collaborazione con il consulente di viaggio -, cui si aggiungono chicche inaspettate, che alcune volte non sono materiali ma più di relazione».\r\n\r\n\"Stare Bene\"\r\n\r\nIl viaggio che diventa elemento fondamentale per star bene, un’opportunità di crescita personale: \"Un bene che fa stare bene\". Questo il tema al centro della giornata di formazione che ieri Alidays ha dedicato ad una selezione di agenzie di viaggio partner, con la partecipazione di diversi relatori tra i quali Emilio Bellini, professor of leadership and innovation School of Management del Politecnico di Milano e Claudia D'Arpizio, senior partner Bain & Company.\r\n\r\nOsservato speciale quindi il lusso, che abbandona la sua accezione più immediata legata all'eccessivo, al superfluo, al sovrabbondante, per avvicinarsi sempre più al significato dell'aggettivo 'luxos' inteso come 'slogato' e dunque che si stacca, si allontana dal quotidiano, come ricerca di una eccezione. Insomma, il vero lusso diventa la creazione di un benessere più ampiom legato al fare qualcosa di discontinuo e distante rispetto alla quotidianità.","post_title":"Alidays: 2024 positivo, dalla \"sorpresa\" Giappone alla nuova concezione del lusso","post_date":"2024-07-04T14:13:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1720102423000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti