15 April 2024

Ncl: la Viva e la Prima ai Caraibi anche per il prossimo inverno

[ 0 ]

Si conferma la centralità dei Caraibi per i programmi invernali di Norwegian Cruise Line. Anche per il prossimo anno le due navi di debutto della nuovissima classe Prima, l’unità omonima e la Viva, incroceranno infatti al largo della regione centro-americana: dal 30 novembre 2024 al 2 gennaio 2025, la Prima offrirà in particolare crociere di dieci-dodici giorni da New York ai Caraibi orientali, con scalo a Puerto Plata, Repubblica Dominicana, St. Thomas, Isole Vergini americane e Philippsburg, St. Maarteen. Il 17 gennaio tornerà quindi a Galveston, in Texas, e navigherà per itinerari di sette e 14 giorni. La Viva, invece, tornerà a San Juan, Porto Rico, il 15 dicembre 2024, proponendo itinerari di sette giorni, per crociere divertenti sotto il sole sei Caraibi.

Al momento le due unità sono posizionate nella medesima aera, dove offriranno sino ad aprile una serie di itinerari con partenza da San Juan, Porto Rico e Galveston: la Prima propone viaggi di sette giorni verso alcune delle più belle destinazioni tropicali, che comprendono l’isola privata della compagnia, Harvest Caye in Belize, ma anche Costa Maya e Cozumel, in Messico, nonché Roatán (Bay Islands), in Honduras. La Viva, per contro, è basata a San Juan e offre viaggi di sette giorni ricchi di soste nei porti dei Caraibi. Sono inclusi Tortola, Isole Vergini Britanniche, St. John, Antigua, Bridgetown, Barbados, Castries, Santa Lucia, Philipsburg, Saint Martin, e Saint Thomas, Isole Vergini Americane. Ad aprile, infine, la Viva salperà verso il Mediterraneo e le isole greche.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465467 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Cresce l'interesse per le location alternative e per la cultura tricolore: dal food and wine ai motori, passando naturalmente per la storia, l'architettura e l'arte, che rimangono sempre al centro dell'interesse degli americani". A raccontarlo è Guido D'Ugo, titolare di Ciao Italy Tours, operatore newyorchese specializzato da 15 anni nella destinazione Italia, incontrato da noi di Travel Quotidiano in occasione dalla presentazione del digital hub ItaliAbsolutely al Las Vegas Travel Agent Forum. "In tutto questo tempo abbiamo inviato nella Penisola tantissimi clienti, che sono sempre tornati felicissimi della proprie esperienza - prosegue D'Ugo -. Da qualche tempo notiamo però un'evoluzione significativa delle richieste. Un trend inedito che sono convinto sarà destinato a continuare nel tempo. Da sempre infatti sostengo che l'Italia sia una destinazione con tantissime destinazioni al proprio interno. Si può andarci 20 volte e in ogni occasione scoprire qualcosa di completamente diverso". [post_title] => Ciao Italy Tours: cresce l'interesse Usa per le destinazioni alternative della nostra Penisola [post_date] => 2024-04-12T15:19:36+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712935176000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465379 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Cliffhanger e sarà la giostra sospesa sull'acqua in mare presente a bordo di Msc World America, che entrerà in servizio ad aprile 2025. L'altalena si ergerà sopra il ponte superiore della nuova ammiraglia, incastonata nel cuore del distretto Family Aventura della nave. Dalla posizione di partenza, vicina al ponte, Cliffhanger viene sollevato da bracci motorizzati che portano i sedili oltre il bordo esterno della nave. Qui, i passeggeri vengono spinti avanti e indietro a 50 metri sopra l'oceano. La World America sarà battezzata a PortMiami il 9 aprile 2025. Gli ospiti potranno vivere una nuova esperienza crocieristica mentre esplorano sette diverse aree, ognuna con la propria atmosfera, strutture ed esperienze. Durante la sua stagione inaugurale la nave salperà da Miami per itinerari di sette notti verso i Caraibi orientali e occidentali, tutti con soste presso la Ocean Cay Msc Marine Reserve, l'isola privata di Msc alle Bahamas. [post_title] => Msc presenta Cliffhanger: l'altalena sospesa sull'acqua della World America [post_date] => 2024-04-12T10:18:35+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712917115000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465345 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. "Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità. Almeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: "Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità". Diversificare D'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: "Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori". [post_title] => Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale [post_date] => 2024-04-11T14:25:37+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712845537000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465263 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mediterraneo sempre più al centro dell’offerta MSC Crociere, che non smette di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica. Si consolida inoltre il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché gli Emirati e l’Estremo Oriente. Uno sviluppo intenso, che vedrà l’introduzione di nuovi scali e nuovi itinerari, e in cui l’MSC Yacht Club giocherà un ruolo fondamentale. Questa area di bordo esclusiva presente su molte unità MSC, vera nave nella nave dedicata all’offerta di crociere di lusso, è infatti l’elemento chiave di proposte sempre più in linea con le esigenze di un pubblico di crocieristi alla ricerca di esperienze uniche ed esclusive. La prima volta di Bari home port Tra le principali novità nella programmazione di quest’anno, ecco allora il ritorno di MSC Crociere nel porto di Cagliari, a cui si aggiungerà la prima volta di Bari home port. Un’operazione che mira a rendere il capoluogo pugliese una vera e propria porta verso l’Oriente. Tra gli scali italiani, così come tra i porti di tutto il mondo, gli ospiti MSC potranno beneficiare della proficua collaborazione instaurata dalla compagnia con le comunità locali di riferimento, che permette ai passeggeri di vivere al meglio alcune delle meraviglie del nostro Paese, incluse Genova, Civitavecchia, Napoli, Palermo, Ancona, Trieste, Messina, Brindisi, La Spezia, Olbia, Livorno e Venezia. Si confermano inoltre importanti scali già serviti nel 2023, tra cui gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa. [caption id="attachment_465266" align="aligncenter" width="513"] MSC Euribia[/caption] Grande attesa, poi, per il debutto in inverno della MSC Euribia negli Emirati Arabi. Così come per la ripresa degli itinerari in Cina con la MSC Bellissima, che opererà dagli home port di Shangai, Keelung e Shenzhen fino a tutta l’estate 2024. La programmazione invernale 2024-25 nella regione prevede successivamente una serie di partenze della Splendida da Shenzhen e Xiamen, da dicembre 2024 fino ad aprile 2025, nonché ancora della Bellissima da Shanghai, a partire da gennaio 2025. [caption id="attachment_465267" align="aligncenter" width="513"] MSC World Europa[/caption] Nel 2025 arriva la nuova ammiraglia Msc World America Ma il momento clou dei prossimi 12 mesi sarà sicuramente l’arrivo della nuova ammiraglia MSC World America: nave che unisce il design europeo al comfort americano. La sua naming ceremony è già in calendario per il 9 aprile 2025 nel nuovo terminal di PortMiami della compagnia. L’unità partirà poi per il suo primo viaggio con tappa presso l’isola privata Ocean Cay MSC Marine Reserve, alle Bahamas. L’itinerario prevede qui un overnight con lo spettacolo serale del faro dell’isola e una festa in spiaggia. Dopo il battesimo, la MSC World America salperà quindi per la sua stagione inaugurale il 12 aprile 2025. La nave effettuerà itinerari alternati di sette notti nell’Est e nell’Ovest dei Caraibi, con tappe a Puerto Plata, in Repubblica Dominicana, San Juan, a Porto Rico, Costa Maya e Cozumel, in Messico, Isla de Roatan, in Honduras, nonché proprio ad Ocean Cay alle Bahamas. [caption id="attachment_465268" align="aligncenter" width="514"] MSC Seascape[/caption] Sempre negli Usa, da novembre 2025 la compagnia aprirà il proprio quarto home port al terminal 16 di Galveston. A fare base nello scalo texano sarà la MSC Seascape, attualmente operativa da Miami. La nave effettuerà crociere verso i porti messicani della costa Maya e di Cozumel, nonché verso l’isola honduregna di Roatan. Le suite MSC Yacht Club fiore all’occhiello della flotta E per godere appieno di una proposta tanto ampia, la soluzione fiore all’occhiello di MSC Crociere è proprio l’MSC Yacht Club. Nelle sue suite un maggiordomo si occuperà di ogni esigenza degli ospiti: dalle escursioni personalizzate all'organizzazione dei servizi a bordo o a terra, dal lustrascarpe allo spuntino alle 3 del mattino… Il tutto sempre con una meticolosa cura dei dettagli. Gli ospiti in MSC Yc godono di lounge privata, check-in e check-out prioritario, esclusivo solarium con piscina e idromassaggio. A disposizione degli ospiti anche la possibilità di organizzare una sessione di shopping su misura, di partecipare a escursioni personalizzate, di gustare una ricca selezione di rinfreschi, nonché di accedere liberamente all’Area Termale di MSC Aurea Spa. Particolarmente vasta anche l’offerta gourmet, arricchita da un vero servizio a 5 stelle in grado di esaltare le proposte di chef di fama mondiale. Numerose, infine, le tipologie di suite MSC Yacht Club tra cui scegliere, comprese le Royal e le Owner’s suite, tutte arredate sontuosamente e progettate con la massima attenzione ai dettagli: dai materassi in Myform Memory alle lenzuola in cotone egiziano, fino al menu dei cuscini Dorelan, nonché ai bagni in marmo e ai minibar, a cui spesso si aggiungono straordinarie viste panoramiche dai balconi privati. [post_title] => Viaggi di lusso ed esperienze esclusive: le crociere MSC Yacht Club [post_date] => 2024-04-11T12:21:23+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => crociere-di-lusso-msc-yacht-club [1] => crociere-msc-crociere [2] => crociere-msc-euribia [3] => crociere-msc-seascape [4] => crociere-msc-world-europa [5] => crociere-msc-yacht-club [6] => msc-crociere [7] => msc-yacht-club [8] => msc-yc [9] => suite-msc-yacht-club [10] => viaggi-di-lusso-msc-crociere ) [post_tag_name] => Array ( [0] => crociere di lusso MSC Yacht Club [1] => crociere MSC Crociere [2] => crociere MSC Euribia [3] => crociere MSC Seascape [4] => crociere MSC World Europa [5] => crociere MSC Yacht Club [6] => msc crociere [7] => MSC Yacht Club [8] => MSC Yc [9] => suite MSC Yacht Club [10] => viaggi di lusso MSC Crociere ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712838083000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465283 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante traguardo per il gruppo Nicolaus che raggiunge la certificazione per la parità di genere (Uni/PdR 125:2022). Un risultato che va peraltro inquadrato all'interno di un percorso strategico costantemente attento alla responsabilità sociale d’impresa e volto a incontrare i più alti standard di governance nei confronti di temi come la sostenibilità, la qualità, la sicurezza, la protezione dei dati. La certificazione assume, inoltre, particolare rilevanza in un’organizzazione già proiettata al gender balance, con il 49% delle proprie risorse umane costituito da persone di genere femminile. “La soddisfazione per la certificazione della parità di genere è legata forse più ancora di tutte le altre, seppur molto importanti e fondamentali per arrivare anche a questa, al vedere concretizzati un desiderio e un’ambizione - spiega il direttore risorse umane della compagnia, Alessandro Arborio Mella -: quella di creare un ambiente di lavoro inclusivo e regolato dall’uguaglianza di opportunità. Rappresenta quindi un riconoscimento per l’impegno di tutte le colleghe e i colleghi nel cercare di rendere possibile questa condizione ogni giorno. E la certezza che le persone che lavorano all’interno del nostro gruppo lo facciano in un contesto realmente attento alle loro specificità, capacità ed esigenze”. Se traguardata all’interno di questo perimetro progettuale, la nuova certificazione assume una valenza ancora più articolata poiché rappresenta il coronamento di un approccio aziendale olistico che ha visto Nicolaus conseguire altri significativi attestati come le certificazione qualità (Iso 9001), dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (Iso 45001), di sostenibilità (Iso 14001) e per la protezione dei dati personali (Isdp 10003). Per mettere a fuoco il significato di questo risultato per tutti i comparti aziendali è meritevole di attenzione osservare da vicino l’iter che ha comportato, legato all’analisi di sei macro-aree di valutazione: cultura e strategia, governance, processi hr, opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro. “Tra gli aspetti rilevanti dell’attenzione alla sostenibilità sociale di Nicolaus figura il mantenimento dei legami con il nostro territorio anche dal punto di vista della creazione di opportunità di impiego eque - sottolinea la direttrice marketing, Sara Prontera -: la certificazione della parità di genere in un’area come quella pugliese, in cui i dati relativi all’occupazione femminile sono sensibilmente più bassi rispetto alla media nazionale e in un Paese tra i primi in Europa per disparità, non è solo un punto di arrivo cruciale, che garantisce la virtuosità del contesto lavorativo per i colleghi e i collaboratori, e del nostro operato per i nostri partner e per i nostri clienti, ma un nuovo e forte punto di partenza. Nonché la dimostrazione di come, attraverso un impegno costante nel cercare di perseguire una buona governance, la parità di genere non solo sia possibile, ma diventi un requisito minimo per la soddisfazione di tutti i dipendenti e un modello di business efficace, che non può più prescindere dalla qualità della vita delle persone”. [post_title] => Al gruppo Nicolaus la certificazione per la parità di genere [post_date] => 2024-04-11T10:02:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712829720000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465197 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => R Collection, il gruppo italiano con dieci strutture di proprietà (500 camere e  mille dipendenti), punta ai 50 milioni di euro di fatturato. In occasione della presentazione del nuovo Marina di Bardi Beach Club a Rapallo , Riccardo Bortolotti, general manager del Grand Hotel Bristol ha posto l’attenzione sull’obiettivo del gruppo, che ha chiuso il 2023 a 40 milioni, con il 40% del traffico proveniente da to e adv, per la maggior parte stranieri.   «Per noi è importantissima la sostenibilità intesa a 360 gradi – spiega il manager – . Ogni albergo leisure è infatti certificato perché l'impegno deve essere al 100% e deve includere ogni aspetto della vita e dell'attività delle strutture». Nel 2023 il Grand Hotel Bristol ha inoltre conquistato la quinta stella: sono stati fatti importanti interventi sulle camere e il prossimo passo saranno gli ambienti comuni. La struttura punta agli 8 milioni di fatturato. «Il team che lavora in un hotel è fondamentale - conclude Bortolotti -. Per questo lo scegliamo con cura. Il lavoro deve essere una gioia. Il recruiting comprende proprio una ricerca di persone che lavorano per passione, perché servire il cliente è una vera vocazione». [post_title] => R Collection, obiettivo 50 milioni di fatturato nel 2024 [post_date] => 2024-04-10T12:33:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712752417000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani. In termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.   “Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari. [post_title] => Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection [post_date] => 2024-04-10T12:23:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712751830000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465199" align="alignleft" width="300"] Giovanni Giussani[/caption] Indennizzi automatici e gestione dei sinistri semplificata, senza contatti con le compagnie: alle porte della stagione estiva, il mondo del turismo premia i risultati della sempre crescente integrazione tra mondo delle assicurazioni viaggio e intelligenza artificiale.  Una tendenza confermata dai dati dell’intermediario assicurativo I4T, Insurance Travel, che per primo ha introdotto nel turismo le cosiddette polizze “parametriche” e servizi di nuova generazione basati sull’impiego dell’AI.  Christian Garrone, responsabile intermediazione assicurativa I4T, spiega: “Secondo un’indagine che abbiamo condotto su un campione di agenzie di viaggio, a meno di 6 mesi dal lancio il 57% degli operatori conosce già le polizze parametriche, il 98% le ritiene una valida opzione da proporre ai clienti e il 92% pensa che possano essere vendibili come servizio ancillare, in quanto percepite come valore aggiunto dai clienti. Numeri che si sono già concretizzati in più che lusinghiere performance di vendita. Del resto, rispetto al processo classico, che prevede la presentazione di una denuncia documentata, la valutazione soggettiva di un perito, la quantificazione del danno e il successivo rimborso, questo sistema è molto efficiente, perché garantisce un ottimo compromesso tra entità dell’indennizzo e velocità di erogazione”. Unica polizza viaggio parametrica [caption id="attachment_465200" align="alignleft" width="248"] Christian Garrone[/caption] Nello specifico, lo scorso autunno I4T ha presentato in esclusiva l’unica polizza viaggio parametrica in Italia contro il ritardo dei voli: la copertura indennizza l’assicurato con un importo fisso predeterminato in caso di atterraggio del suo volo con più di 3 ore di ritardo rispetto all’orario schedulato. Sulla base dei dati forniti dall’“Oracolo” – ovvero una fonte condivisa presa come termine ufficiale di riferimento – l’algoritmo autorizza automaticamente l’erogazione dell’indennizzo al superamento di una determinata “Soglia”. La polizza, disponibile sul portale agenti di I4T, si può stipulare per coprire fino ad un massimo di 6 voli, senza limite di destinazione, inserendo i dati identificativi del volo e l’indirizzo e-mail a cui il sistema invierà automaticamente la richiesta di IBAN per erogare l’indennizzo al superamento delle 3 ore di ritardo.  Rientra nello stesso principio anche la nuova procedura di rimborso abbinata alla copertura Bagaglio delle polizze Medico/Bagaglio e Medico/Bagaglio/Annullamento della linea Platino, che prevede l’erogazione automatica di un indennizzo il cui importo varia esclusivamente in funzione del tipo di danno subito: perdita parziale del bagaglio per furto o perdita totale per furto, mancata consegna, incendio, scippo o rapina.  “Oggi in Italia esistono ottime polizze viaggio – conclude Giovanni Giussani, direttore commerciale I4T – la differenza è nel servizio. Come intermediario leader di mercato, siamo sempre alla ricerca di soluzioni che, oltre a garantire la sicurezza e la serenità del viaggiatore, semplifichino tutto l’iter burocratico, fino ad arrivare ad azzerarlo: oltre a migliorare la user experience del cliente, questo approccio si traduce in una migliore qualità della vita lavorativa degli agenti di viaggio, che spesso sono direttamente coinvolti nella gestione delle pratiche assicurative per conto dei loro clienti”. [post_title] => I4T: gli operatori riconoscono l'importanza delle polizze parametriche [post_date] => 2024-04-10T10:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712745654000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465101 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo importante ordine per Fincantieri, a cui il gruppo Norwegian Cruise Line Holdings ha commissionato due navi destinate al brand Regent Seven Seas Cruises e altrettante a Oceania Cruises. Le unità Regent, le cui consegne sono previste nel 2026 e nel 2029, avranno una stazza lorda di 77 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 860 passeggeri, mentre le Oceania Cruises, con consegna nel 2027 e nel 2028, avranno una stazza lorda di 85 mila tonnellate e ospiteranno circa 1.450 passeggeri. Il contratto per queste quattro nuove unità è effettivo e già garantito da finanziamento. Il gruppo Usa ha poi firmato una lettera di intenti con lo stesso armatore per lo studio della costruzione di ulteriori quattro unità che saranno le più grandi mai realizzate per il brand Norwegian Cruise Line. Le navi, previste in consegna nel 2030, 2032, 2034 e 2036, avranno una stazza lorda di circa 200 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 5 mila passeggeri. Attraverso questo ordine strategico, per ciascun marchio si progetterà la propria classe di navi nuove. In linea con le politiche di sostenibilità della società, si prevede che i nuovi progetti contribuiranno ad avanzare nel percorso verso la decarbonizzazione. Questa seconda intesa, che è soggetta a finanziamento e ad altri termini e condizioni, apre una nuova fase nella partnership di lungo periodo tra i due gruppi. “Siamo particolarmente orgogliosi di questo nuovo imponente accordo e della partnership con un cliente prestigioso come Ncl Holdings, a conferma di una continuità di rapporti strategici che consideriamo un grande valore industriale - commenta l'amministratore delegato e direttore generale di Fincantieri, Pierroberto Folgiero -. Un traguardo importante per i nostri cantieri e un accordo storico per il gruppo, a conferma della robusta ripartenza del mercato e degli investimenti che avevamo previsto nel nostro nuovo piano industriale”.   [post_title] => Fincantieri: mega ordine dal gruppo Ncl per quattro navi più quattro in opzione [post_date] => 2024-04-09T10:10:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712657437000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ncl la viva e la prima ai caraibi anche per il prossimo inverno" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":57,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1607,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465467","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Cresce l'interesse per le location alternative e per la cultura tricolore: dal food and wine ai motori, passando naturalmente per la storia, l'architettura e l'arte, che rimangono sempre al centro dell'interesse degli americani\". A raccontarlo è Guido D'Ugo, titolare di Ciao Italy Tours, operatore newyorchese specializzato da 15 anni nella destinazione Italia, incontrato da noi di Travel Quotidiano in occasione dalla presentazione del digital hub ItaliAbsolutely al Las Vegas Travel Agent Forum.\r\n\r\n\"In tutto questo tempo abbiamo inviato nella Penisola tantissimi clienti, che sono sempre tornati felicissimi della proprie esperienza - prosegue D'Ugo -. Da qualche tempo notiamo però un'evoluzione significativa delle richieste. Un trend inedito che sono convinto sarà destinato a continuare nel tempo. Da sempre infatti sostengo che l'Italia sia una destinazione con tantissime destinazioni al proprio interno. Si può andarci 20 volte e in ogni occasione scoprire qualcosa di completamente diverso\".","post_title":"Ciao Italy Tours: cresce l'interesse Usa per le destinazioni alternative della nostra Penisola","post_date":"2024-04-12T15:19:36+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1712935176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465379","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Cliffhanger e sarà la giostra sospesa sull'acqua in mare presente a bordo di Msc World America, che entrerà in servizio ad aprile 2025. L'altalena si ergerà sopra il ponte superiore della nuova ammiraglia, incastonata nel cuore del distretto Family Aventura della nave. Dalla posizione di partenza, vicina al ponte, Cliffhanger viene sollevato da bracci motorizzati che portano i sedili oltre il bordo esterno della nave. Qui, i passeggeri vengono spinti avanti e indietro a 50 metri sopra l'oceano.\r\n\r\nLa World America sarà battezzata a PortMiami il 9 aprile 2025. Gli ospiti potranno vivere una nuova esperienza crocieristica mentre esplorano sette diverse aree, ognuna con la propria atmosfera, strutture ed esperienze. Durante la sua stagione inaugurale la nave salperà da Miami per itinerari di sette notti verso i Caraibi orientali e occidentali, tutti con soste presso la Ocean Cay Msc Marine Reserve, l'isola privata di Msc alle Bahamas.","post_title":"Msc presenta Cliffhanger: l'altalena sospesa sull'acqua della World America","post_date":"2024-04-12T10:18:35+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712917115000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465345","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia\". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. \"Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto\". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità.\r\n\r\nAlmeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: \"Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità\".\r\nDiversificare\r\nD'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: \"Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori\".","post_title":"Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale","post_date":"2024-04-11T14:25:37+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712845537000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465263","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Mediterraneo sempre più al centro dell’offerta MSC Crociere, che non smette di crescere anche ai Caraibi, ormai destinazione strategica. Si consolida inoltre il prodotto Nord Europa, Sud America e Sud Africa, nonché gli Emirati e l’Estremo Oriente. Uno sviluppo intenso, che vedrà l’introduzione di nuovi scali e nuovi itinerari, e in cui l’MSC Yacht Club giocherà un ruolo fondamentale. Questa area di bordo esclusiva presente su molte unità MSC, vera nave nella nave dedicata all’offerta di crociere di lusso, è infatti l’elemento chiave di proposte sempre più in linea con le esigenze di un pubblico di crocieristi alla ricerca di esperienze uniche ed esclusive.\r\nLa prima volta di Bari home port\r\n\r\nTra le principali novità nella programmazione di quest’anno, ecco allora il ritorno di MSC Crociere nel porto di Cagliari, a cui si aggiungerà la prima volta di Bari home port. Un’operazione che mira a rendere il capoluogo pugliese una vera e propria porta verso l’Oriente. Tra gli scali italiani, così come tra i porti di tutto il mondo, gli ospiti MSC potranno beneficiare della proficua collaborazione instaurata dalla compagnia con le comunità locali di riferimento, che permette ai passeggeri di vivere al meglio alcune delle meraviglie del nostro Paese, incluse Genova, Civitavecchia, Napoli, Palermo, Ancona, Trieste, Messina, Brindisi, La Spezia, Olbia, Livorno e Venezia. Si confermano inoltre importanti scali già serviti nel 2023, tra cui gli hub di Amburgo, Kiel, Copenaghen e Southampton per il Nord Europa.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465266\" align=\"aligncenter\" width=\"513\"] MSC Euribia[/caption]\r\n\r\nGrande attesa, poi, per il debutto in inverno della MSC Euribia negli Emirati Arabi. Così come per la ripresa degli itinerari in Cina con la MSC Bellissima, che opererà dagli home port di Shangai, Keelung e Shenzhen fino a tutta l’estate 2024. La programmazione invernale 2024-25 nella regione prevede successivamente una serie di partenze della Splendida da Shenzhen e Xiamen, da dicembre 2024 fino ad aprile 2025, nonché ancora della Bellissima da Shanghai, a partire da gennaio 2025.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465267\" align=\"aligncenter\" width=\"513\"] MSC World Europa[/caption]\r\n\r\nNel 2025 arriva la nuova ammiraglia Msc World America\r\n\r\nMa il momento clou dei prossimi 12 mesi sarà sicuramente l’arrivo della nuova ammiraglia MSC World America: nave che unisce il design europeo al comfort americano. La sua naming ceremony è già in calendario per il 9 aprile 2025 nel nuovo terminal di PortMiami della compagnia. L’unità partirà poi per il suo primo viaggio con tappa presso l’isola privata Ocean Cay MSC Marine Reserve, alle Bahamas. L’itinerario prevede qui un overnight con lo spettacolo serale del faro dell’isola e una festa in spiaggia. Dopo il battesimo, la MSC World America salperà quindi per la sua stagione inaugurale il 12 aprile 2025. La nave effettuerà itinerari alternati di sette notti nell’Est e nell’Ovest dei Caraibi, con tappe a Puerto Plata, in Repubblica Dominicana, San Juan, a Porto Rico, Costa Maya e Cozumel, in Messico, Isla de Roatan, in Honduras, nonché proprio ad Ocean Cay alle Bahamas.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465268\" align=\"aligncenter\" width=\"514\"] MSC Seascape[/caption]\r\n\r\nSempre negli Usa, da novembre 2025 la compagnia aprirà il proprio quarto home port al terminal 16 di Galveston. A fare base nello scalo texano sarà la MSC Seascape, attualmente operativa da Miami. La nave effettuerà crociere verso i porti messicani della costa Maya e di Cozumel, nonché verso l’isola honduregna di Roatan.\r\n\r\nLe suite MSC Yacht Club fiore all’occhiello della flotta\r\n\r\nE per godere appieno di una proposta tanto ampia, la soluzione fiore all’occhiello di MSC Crociere è proprio l’MSC Yacht Club. Nelle sue suite un maggiordomo si occuperà di ogni esigenza degli ospiti: dalle escursioni personalizzate all'organizzazione dei servizi a bordo o a terra, dal lustrascarpe allo spuntino alle 3 del mattino… Il tutto sempre con una meticolosa cura dei dettagli.\r\n\r\nGli ospiti in MSC Yc godono di lounge privata, check-in e check-out prioritario, esclusivo solarium con piscina e idromassaggio. A disposizione degli ospiti anche la possibilità di organizzare una sessione di shopping su misura, di partecipare a escursioni personalizzate, di gustare una ricca selezione di rinfreschi, nonché di accedere liberamente all’Area Termale di MSC Aurea Spa. Particolarmente vasta anche l’offerta gourmet, arricchita da un vero servizio a 5 stelle in grado di esaltare le proposte di chef di fama mondiale.\r\n\r\nNumerose, infine, le tipologie di suite MSC Yacht Club tra cui scegliere, comprese le Royal e le Owner’s suite, tutte arredate sontuosamente e progettate con la massima attenzione ai dettagli: dai materassi in Myform Memory alle lenzuola in cotone egiziano, fino al menu dei cuscini Dorelan, nonché ai bagni in marmo e ai minibar, a cui spesso si aggiungono straordinarie viste panoramiche dai balconi privati.","post_title":"Viaggi di lusso ed esperienze esclusive: le crociere MSC Yacht Club","post_date":"2024-04-11T12:21:23+00:00","category":["informazione-pr","tour_operator"],"category_name":["Informazione PR","Tour Operator"],"post_tag":["crociere-di-lusso-msc-yacht-club","crociere-msc-crociere","crociere-msc-euribia","crociere-msc-seascape","crociere-msc-world-europa","crociere-msc-yacht-club","msc-crociere","msc-yacht-club","msc-yc","suite-msc-yacht-club","viaggi-di-lusso-msc-crociere"],"post_tag_name":["crociere di lusso MSC Yacht Club","crociere MSC Crociere","crociere MSC Euribia","crociere MSC Seascape","crociere MSC World Europa","crociere MSC Yacht Club","msc crociere","MSC Yacht Club","MSC Yc","suite MSC Yacht Club","viaggi di lusso MSC Crociere"]},"sort":[1712838083000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465283","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante traguardo per il gruppo Nicolaus che raggiunge la certificazione per la parità di genere (Uni/PdR 125:2022). Un risultato che va peraltro inquadrato all'interno di un percorso strategico costantemente attento alla responsabilità sociale d’impresa e volto a incontrare i più alti standard di governance nei confronti di temi come la sostenibilità, la qualità, la sicurezza, la protezione dei dati. La certificazione assume, inoltre, particolare rilevanza in un’organizzazione già proiettata al gender balance, con il 49% delle proprie risorse umane costituito da persone di genere femminile.\r\n\r\n“La soddisfazione per la certificazione della parità di genere è legata forse più ancora di tutte le altre, seppur molto importanti e fondamentali per arrivare anche a questa, al vedere concretizzati un desiderio e un’ambizione - spiega il direttore risorse umane della compagnia, Alessandro Arborio Mella -: quella di creare un ambiente di lavoro inclusivo e regolato dall’uguaglianza di opportunità. Rappresenta quindi un riconoscimento per l’impegno di tutte le colleghe e i colleghi nel cercare di rendere possibile questa condizione ogni giorno. E la certezza che le persone che lavorano all’interno del nostro gruppo lo facciano in un contesto realmente attento alle loro specificità, capacità ed esigenze”.\r\n\r\nSe traguardata all’interno di questo perimetro progettuale, la nuova certificazione assume una valenza ancora più articolata poiché rappresenta il coronamento di un approccio aziendale olistico che ha visto Nicolaus conseguire altri significativi attestati come le certificazione qualità (Iso 9001), dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (Iso 45001), di sostenibilità (Iso 14001) e per la protezione dei dati personali (Isdp 10003).\r\n\r\nPer mettere a fuoco il significato di questo risultato per tutti i comparti aziendali è meritevole di attenzione osservare da vicino l’iter che ha comportato, legato all’analisi di sei macro-aree di valutazione: cultura e strategia, governance, processi hr, opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, equità remunerativa per genere, tutela della genitorialità e conciliazione vita-lavoro.\r\n\r\n“Tra gli aspetti rilevanti dell’attenzione alla sostenibilità sociale di Nicolaus figura il mantenimento dei legami con il nostro territorio anche dal punto di vista della creazione di opportunità di impiego eque - sottolinea la direttrice marketing, Sara Prontera -: la certificazione della parità di genere in un’area come quella pugliese, in cui i dati relativi all’occupazione femminile sono sensibilmente più bassi rispetto alla media nazionale e in un Paese tra i primi in Europa per disparità, non è solo un punto di arrivo cruciale, che garantisce la virtuosità del contesto lavorativo per i colleghi e i collaboratori, e del nostro operato per i nostri partner e per i nostri clienti, ma un nuovo e forte punto di partenza. Nonché la dimostrazione di come, attraverso un impegno costante nel cercare di perseguire una buona governance, la parità di genere non solo sia possibile, ma diventi un requisito minimo per la soddisfazione di tutti i dipendenti e un modello di business efficace, che non può più prescindere dalla qualità della vita delle persone”.","post_title":"Al gruppo Nicolaus la certificazione per la parità di genere","post_date":"2024-04-11T10:02:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712829720000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465197","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"R Collection, il gruppo italiano con dieci strutture di proprietà (500 camere e  mille dipendenti), punta ai 50 milioni di euro di fatturato. In occasione della presentazione del nuovo Marina di Bardi Beach Club a Rapallo , Riccardo Bortolotti, general manager del Grand Hotel Bristol ha posto l’attenzione sull’obiettivo del gruppo, che ha chiuso il 2023 a 40 milioni, con il 40% del traffico proveniente da to e adv, per la maggior parte stranieri.\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n«Per noi è importantissima la sostenibilità intesa a 360 gradi – spiega il manager – . Ogni albergo leisure è infatti certificato perché l'impegno deve essere al 100% e deve includere ogni aspetto della vita e dell'attività delle strutture». Nel 2023 il Grand Hotel Bristol ha inoltre conquistato la quinta stella: sono stati fatti importanti interventi sulle camere e il prossimo passo saranno gli ambienti comuni. La struttura punta agli 8 milioni di fatturato. «Il team che lavora in un hotel è fondamentale - conclude Bortolotti -. Per questo lo scegliamo con cura. Il lavoro deve essere una gioia. Il recruiting comprende proprio una ricerca di persone che lavorano per passione, perché servire il cliente è una vera vocazione».","post_title":"R Collection, obiettivo 50 milioni di fatturato nel 2024","post_date":"2024-04-10T12:33:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712752417000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani.\r\n\r\nIn termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.\r\n\r\n \r\n\r\n“Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti\", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari.","post_title":"Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection","post_date":"2024-04-10T12:23:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712751830000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465199\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Giovanni Giussani[/caption]\r\n\r\nIndennizzi automatici e gestione dei sinistri semplificata, senza contatti con le compagnie: alle porte della stagione estiva, il mondo del turismo premia i risultati della sempre crescente integrazione tra mondo delle assicurazioni viaggio e intelligenza artificiale. \r\n\r\nUna tendenza confermata dai dati dell’intermediario assicurativo I4T, Insurance Travel, che per primo ha introdotto nel turismo le cosiddette polizze “parametriche” e servizi di nuova generazione basati sull’impiego dell’AI. \r\n\r\nChristian Garrone, responsabile intermediazione assicurativa I4T, spiega: “Secondo un’indagine che abbiamo condotto su un campione di agenzie di viaggio, a meno di 6 mesi dal lancio il 57% degli operatori conosce già le polizze parametriche, il 98% le ritiene una valida opzione da proporre ai clienti e il 92% pensa che possano essere vendibili come servizio ancillare, in quanto percepite come valore aggiunto dai clienti. Numeri che si sono già concretizzati in più che lusinghiere performance di vendita. Del resto, rispetto al processo classico, che prevede la presentazione di una denuncia documentata, la valutazione soggettiva di un perito, la quantificazione del danno e il successivo rimborso, questo sistema è molto efficiente, perché garantisce un ottimo compromesso tra entità dell’indennizzo e velocità di erogazione”.\r\nUnica polizza viaggio parametrica\r\n[caption id=\"attachment_465200\" align=\"alignleft\" width=\"248\"] Christian Garrone[/caption]\r\n\r\nNello specifico, lo scorso autunno I4T ha presentato in esclusiva l’unica polizza viaggio parametrica in Italia contro il ritardo dei voli: la copertura indennizza l’assicurato con un importo fisso predeterminato in caso di atterraggio del suo volo con più di 3 ore di ritardo rispetto all’orario schedulato. Sulla base dei dati forniti dall’“Oracolo” – ovvero una fonte condivisa presa come termine ufficiale di riferimento – l’algoritmo autorizza automaticamente l’erogazione dell’indennizzo al superamento di una determinata “Soglia”. La polizza, disponibile sul portale agenti di I4T, si può stipulare per coprire fino ad un massimo di 6 voli, senza limite di destinazione, inserendo i dati identificativi del volo e l’indirizzo e-mail a cui il sistema invierà automaticamente la richiesta di IBAN per erogare l’indennizzo al superamento delle 3 ore di ritardo. \r\n\r\nRientra nello stesso principio anche la nuova procedura di rimborso abbinata alla copertura Bagaglio delle polizze Medico/Bagaglio e Medico/Bagaglio/Annullamento della linea Platino, che prevede l’erogazione automatica di un indennizzo il cui importo varia esclusivamente in funzione del tipo di danno subito: perdita parziale del bagaglio per furto o perdita totale per furto, mancata consegna, incendio, scippo o rapina. \r\n\r\n“Oggi in Italia esistono ottime polizze viaggio – conclude Giovanni Giussani, direttore commerciale I4T – la differenza è nel servizio. Come intermediario leader di mercato, siamo sempre alla ricerca di soluzioni che, oltre a garantire la sicurezza e la serenità del viaggiatore, semplifichino tutto l’iter burocratico, fino ad arrivare ad azzerarlo: oltre a migliorare la user experience del cliente, questo approccio si traduce in una migliore qualità della vita lavorativa degli agenti di viaggio, che spesso sono direttamente coinvolti nella gestione delle pratiche assicurative per conto dei loro clienti”.","post_title":"I4T: gli operatori riconoscono l'importanza delle polizze parametriche","post_date":"2024-04-10T10:40:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712745654000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465101","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo importante ordine per Fincantieri, a cui il gruppo Norwegian Cruise Line Holdings ha commissionato due navi destinate al brand Regent Seven Seas Cruises e altrettante a Oceania Cruises. Le unità Regent, le cui consegne sono previste nel 2026 e nel 2029, avranno una stazza lorda di 77 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 860 passeggeri, mentre le Oceania Cruises, con consegna nel 2027 e nel 2028, avranno una stazza lorda di 85 mila tonnellate e ospiteranno circa 1.450 passeggeri. Il contratto per queste quattro nuove unità è effettivo e già garantito da finanziamento.\r\n\r\nIl gruppo Usa ha poi firmato una lettera di intenti con lo stesso armatore per lo studio della costruzione di ulteriori quattro unità che saranno le più grandi mai realizzate per il brand Norwegian Cruise Line. Le navi, previste in consegna nel 2030, 2032, 2034 e 2036, avranno una stazza lorda di circa 200 mila tonnellate e saranno in grado di ospitare circa 5 mila passeggeri. Attraverso questo ordine strategico, per ciascun marchio si progetterà la propria classe di navi nuove. In linea con le politiche di sostenibilità della società, si prevede che i nuovi progetti contribuiranno ad avanzare nel percorso verso la decarbonizzazione.\r\n\r\nQuesta seconda intesa, che è soggetta a finanziamento e ad altri termini e condizioni, apre una nuova fase nella partnership di lungo periodo tra i due gruppi. “Siamo particolarmente orgogliosi di questo nuovo imponente accordo e della partnership con un cliente prestigioso come Ncl Holdings, a conferma di una continuità di rapporti strategici che consideriamo un grande valore industriale - commenta l'amministratore delegato e direttore generale di Fincantieri, Pierroberto Folgiero -. Un traguardo importante per i nostri cantieri e un accordo storico per il gruppo, a conferma della robusta ripartenza del mercato e degli investimenti che avevamo previsto nel nostro nuovo piano industriale”.\r\n\r\n ","post_title":"Fincantieri: mega ordine dal gruppo Ncl per quattro navi più quattro in opzione","post_date":"2024-04-09T10:10:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712657437000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti