9 December 2022

La Malta di Shiruq si racconta con immagini e parole

[ 0 ]

Il percorso di Shiruq prosegue con entusiasmo. Il mercato del turismo riconosce non solo il coraggio di un brand nato nell’ottobre del 2021 definendosi “una startup con vent’anni di esperienza”, ma anche la competenza di un to che offre viaggi in sintonia con le richieste di un mercato in trasformazione. «Abbiamo voluto portare un’alba nuova (Shiruq in arabo significa proprio alba) organizzando viaggi diversi con un brand di turismo culturale più innovativo e contemporaneo che segua i trend del mercato – spiega Valentina Rubbi, marketing & communication manager di Shiruq -. La nicchia del turismo culturale ha una serie di caratteristiche che noi indaghiamo cercando nuove letture».

Uno sguardo che caratterizza la bella campagna dedicata all’arcipelago di Malta: “Beyond Clichés. Malta, caleidoscopio di storie, oltre i luoghi comuni”. «Stiamo lavorando insieme con VisitMalta e l’Istituto italiano di fotografia, per raccontare l’arcipelago in tutte le sue sfaccettature. A partire da questa mostra, realizzata insieme con la fotografa Sara Peccianti – La Sullivan e la video-maker Carlotta Zamboni, entrambe dell’Iif. E’ uno degli aspetti di un concept che porteremo avanti tutto l’anno usando proprio l’immagine e la parola: i primi strumenti con cui l’uomo ha narrato il mondo».

Shiruq ha messo a punto tre tour particolari, realizzati anche con l’Iif, con diverse date di partenza da adesso a fine anno: Malta, esperienze di charme nel cuore del Mediterraneo, Malta, oltre il mare – l’isola che non ti aspetti e Malta, nelle isole della luce – laboratorio di fotografia. «Per noi le adv sono dei partner importantissimi – conclude Valentina Rubbi –. Offriamo loro tutto il supporto possibile anche con Shiruq Lab, il programma di formazione per gli agenti di viaggio che prevede una piattaforma dedicata legata al nostro sito che verrà lanciata in Bit. Inoltre abbiamo una newsletter con delle pillole di formazione non solo sulle destinazioni, ma anche su tutto l’aspetto del marketing e della comunicazione nei suoi aspetti più innovativi, come il neuromarketing e il neuroselling».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435632 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un monitoraggio multidisciplinare con l’obiettivo di conoscere e tutelare l’habitat naturale di cetacei e tartarughe marine, che tra le specie protette del mare Nostrum sono quelle che hanno maggior bisogno di strategie di conservazione. E’ questo il fulcro del progetto Life Conceptu Maris, promosso da Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e supportato da Grimaldi Lines. “Partecipiamo con entusiasmo a questo progetto per la tutela del mar Mediterraneo e delle sue specie protette - racconta la passenger department manager,  Francesca Marino -. L’ambiente, e in particolare gli ecosistemi marini, sono per noi un valore irrinunciabile. Le caratteristiche della nostra flotta, che solca le acque del Mediterraneo promuovendo lo scambio e il confronto tra culture, tradizioni e paesaggi così diversi tra di loro, sono il frutto di una ricerca continua in termini di innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale. Navighiamo con navi che ci consentono di ridurre significativamente le emissioni inquinanti in mare e nell’atmosfera, grazie alle pitture siliconiche che non rilasciano sostanze nocive, al regolare filtraggio delle acque di zavorra, al trattamento dei gas di scarico e a speciali progetti di efficientamento energetico”. L’attività di monitoraggio viene svolta direttamente a bordo dei traghetti della compagnia sulla tratta circolare Salerno-Palermo, Palermo-Tunisi e Tunisi-Civitavecchia, per un totale di circa 2 mila miglia nautiche analizzate in soli cinque giorni. E’ così possibile osservare una vasta area del Tirreno Meridionale, compresa tra il canale di Sardegna e quello di Sicilia, molto interessante ma a oggi poco conosciuta, poiché non raggiungibile con le tipologie di imbarcazioni tradizionalmente adibite alla ricerca. La nave viene allestita come un vero e proprio laboratorio: vengono ospitati macchinari di filtraggio e stoccaggio e attrezzature per raccogliere campioni di acqua marina. Alla semplice osservazione dei cetacei e delle tartarughe all’interno del loro ecosistema e delle minacce che mettono a rischio la conservazione di queste specie protette, il progetto affiancherà infatti la raccolta di dati utili alla ricerca, tramite il dna ambientale, gli isotopi e i parametri fisici. [post_title] => Grimaldi Lines insieme all'Ispra per monitorare l'habitat naturale di cetacei e tartarughe marine [post_date] => 2022-12-09T10:32:10+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670581930000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435610 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435611" align="alignleft" width="300"] L'amministratore delegato dell'Enit, Ivana Jelinic[/caption] In un’intervista all’Ansa, il neo amministratore delegato dell’Enit, Ivana Jelinic, spiega quali saranno le sue prossime mosse per far sì che il turismo italiano acceleri nella sua funzione di traino dell’economia. Il lavoro che l’aspetta all’Enit è duro e senza sosta e Jelinic ha già iniziato non perdendo un minuto: «Il primo passo è la riorganizzazione. Al netto degli errori del passato, che non spetta a me giudicare, sicuramente un approccio metodologico differente al lavoro corporate e all’attività di promozione dell’incoming consente di ottenere risultati che prima non sono stati così evidenti. Fare della valorizzazione del brand Italia un’impresa vera e propria che sia di supporto alla società e all’economia. Accelerare l’operatività e liberare il potenziale della Penisola anche ricorrendo a nuovi linguaggi comunicativi e promozionali per portare il brand Italia e l’Italia ad un livello di accoglienza sempre più performante. È fondamentale applicare una strategia lineare e armonizzata all’ospitalità». L’altra mossa determinante secondo Jelinic sarà coinvolgere sempre di più le imprese, anche le più piccole, che finora sono state meno considerate dalle politiche programmatiche del turismo. «Quando si parla di Sistema Italia – fa notare – si parla di un sistema che è ancora incompleto e che bisogna implementare e integrare, coinvolgendo sempre di più per invitare soggetti e operatori del comparto a entrare realmente a farne parte». Molte le preoccupazioni e le cose da cambiare: «Mi preoccupano il tessuto imprenditoriale in primis, ma anche il futuro dei lavoratori del settore e degli operatori e la qualità delle performance e dell’offerta turistica. Mi preoccupano le imprese che sono state ferite da due anni di pandemia, così come la necessità di fare davvero rete e di allineare il settore a nuovi trend di mercato senza lasciare indietro nessuno e senza permettere che competitor internazionali ci superino in offerta turistica». Secondo Jelinic poi le performance dell’Italia possono migliorare solo uscendo dai confini, «non solo esportando l’Italia e facendola conoscere meglio – chiarisce – ma anche non arroccandosi dietro la straordinarietà delle meraviglie che le appartengono e lasciandole al corso degli eventi e delle scelte turistiche, ma imparando anche ad emulare i competitor in capacità di programmazione, di commercializzazione del brand, di promozione dell’offerta». Tra i Paesi da cui prendere spunti o esempi, l’ad di Enit pensa alla Spagna che è il nostro principale competitor ed è partita in vantaggio: «Quando in Italia non ci si era strutturati ancora con un ministero dedicato al settore, la Spagna – spiega – operava già con una programmazione e con istituzioni operanti all’unisono. Anche la Croazia ha saputo crescere in tempi rapidi creando un sistema di promozione efficiente e di raccolta dati aggiornato in tempo reale». [post_title] => Ivana Jelinic (ad Enit): «Il primo passo è riorganizzare» [post_date] => 2022-12-09T07:23:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670570617000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435479 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424179" align="alignleft" width="300"] Joe Mason, chief marketing officer - travel di Allianz Partners,[/caption] La richiesta di maggiore flessibilità da parte dei viaggiatori sta definendo i viaggi post-pandemia, con i clienti che cercano di gestire una gamma più ampia di potenziali problemi. Questa una delle tendenze chiave evidenziate nello States of Mind Travel Report pubblicato da Allianz Partners, leader mondiale nei servizi di assicurazione e assistenza, che indaga sullo stato attuale e sul futuro dell'industria dei viaggi e del turismo. Il report, che si basa sull’analisi di esperti del settore - Joe Mason, chief marketing officer di Allianz Partners per il settore Travel e Luís Araújo, Presidente dell’European Travel Commission - nonché sui dati relativi alle tendenze dei clienti di Allianz Partners, evidenzia l'aumento dei fattori di attenzione che oggigiorno i viaggiatori devono affrontare. Oltre alle preoccupazioni correlate alla salute, i viaggiatori devono affrontare turbolenze geopolitiche, inflazione elevata e incertezza economica crescente. Questa situazione determina un nuovo atteggiamento nei confronti dei viaggi, in cui la flessibilità e la protezione integrate contro il “cosa succede se” svolgono un ruolo ancora più importante. I dati di Allianz Partners rivelano che nei cinque principali mercati europei (Belgio, Francia, Germania, Italia, Regno Unito) le intenzioni dei clienti di acquistare un'assicurazione viaggio sono aumentate sostanzialmente, dal 21% nel 2019 al 55% nel 2022 per i viaggi internazionali e dal 12% al 26% per i viaggi nazionali. In linea con la crescente domanda, Allianz Partners ha registrato nel 2022 il livello più alto di richieste di prestazioni post-partenza. La ricerca evidenzia inoltre: È sempre più diffusa la tendenza a “lavorare da qualsiasi luogo”: la crescita del lavoro da remoto e ibrido significa che sempre più viaggiatori di tutte le età coniugano attività lavorativa e tempo libero, determinando un aumento dei viaggi “Bleisure”. Inoltre, il report evidenzia gli adeguamenti richiesti dall'industria dei viaggi per soddisfare questa esigenza come, ad esempio, la necessità di una regolamentazione aggiornata, la risoluzione dei problemi di residenza fiscale e la necessità di ulteriori investimenti nelle destinazioni più popolari. I modelli di lavoro ibridi continueranno probabilmente a esistere e sempre più viaggiatori prevedono di lavorare dall'estero o da un'altra residenza. La ricerca del Customer Lab di Allianz Partners ha rilevato che il 28% dei viaggiatori di età compresa tra i 18 e i 25 anni prevede in futuro di lavorare più frequentemente dall'estero o da una residenza secondaria o di famiglia. La flessibilità è fondamentale: il 58% delle famiglie più giovani prevede di effettuare prenotazioni di viaggio flessibili per far fronte a circostanze impreviste. Il 2022 è stato contrassegnato da un aumento dei viaggi di gruppi familiari più grandi e intergenerazionali, che ha comportato un cambiamento significativo nel settore. Gli hotel e i resort devono quindi soddisfare una gamma più ampia di ospiti e adattarsi maggiormente a una clientela diversificata. Il 41% dei consumatori è consapevole dell'impatto ambientale dei viaggi, anche se la sostenibilità rimane un fattore di importanza relativamente minore nei processi decisionali. «Nel 2022 il desiderio di tornare a viaggiare è stato evidente ha  commentato Joe Mason - . Basti pensare alle immagini che abbiamo visto quest’estate di sale d’attesa e resort affollati. Tuttavia, gli effetti della pandemia sulle esigenze e sulle aspettative dei viaggiatori sono ancora presenti. Oggi il settore assicurativo fornisce servizi a un consumatore più esigente e meglio informato, maggiormente consapevole sia di un buon servizio sia di un eventuale disservizio. Il settore dei viaggi risente di una pressione maggiore che spinge a offrire soluzioni flessibili e complete per coprire tutte le evenienze»     [post_title] => Allianz Partners: più flessibilità per i viaggi post-pandemia [post_date] => 2022-12-06T10:32:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670322767000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435475 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una lunga stagione piena di soddisfazioni, così la definisce il nuovo amministratore delegato di Gardaland, Sabrina De Carvalho, che si appresta a chiudersi con la Gardaland Magic Winter: “Nel 2022 abbiamo raggiunto i dati di affluenza registrati nel 2019. E ora concludiamo con la ventesima edizione dell'appuntamento invernale del parco, che proseguirà fino al prossimo 8 gennaio”. Tante le novità di queste festività. A partire dagli allestimenti in ottica green: molte infatti le aree impreziosite con decorazioni naturali. E non mancano neppure i classici alberi di Natale, tutti rigorosamente veri e destinati, alla fine dell’evento, a essere ricollocati e accuditi per arrivare al Natale prossimo ancora più rigogliosi. L’ingresso al parco è poi caratterizzato dalla foresta di Ghiaccio: un tunnel di 30 metri creato con rami di salice sbiancati e illuminati con effetti di luce, che conduce i visitatori dall’orologio floreale fino alla piazza Medievale. Da non perdere anche la rivisitazione della foresta Incantata, che per l’occorrenza è diventata il bosco degli Gnomi: un percorso interattivo ed educativo nato con l’idea di trasmettere, tramite l’esperienza, il gioco e la magia il valore del rispetto della natura. Le novità continuano pure al cinema 4D con The Polar Express 4D Experience, il celebre film natalizio targato Warner Bros  che racconta l’avventuroso viaggio verso il regno di Babbo Natale. Durante Gardaland Magic Winter, inoltre, i visitatori presenti potranno scoprire, primi fra tutti, dove sorgerà Jumanji -The Labyrinth: la novità 2023 basata sulla popolare serie cinematografica. Anche nel periodo natalizio, i più coraggiosi avranno comunque la possibilità di godere del brivido di una corsa su Raptor, su Oblivion e sulle altre attrazioni adrenaliniche del parco. I chioschi proporranno invece i tipici sapori del Natale, con biscotti natalizi, candy mallow e cioccolate calde. Imperdibile, durante Gardaland Magic Winter, l’incontro con Babbo Natale. Appuntamento al Magico Villaggio, una baita di montagna ricca di sorprese, profumi ed esperienze ad hoc, che permetterà naturalmente la classica consegna della letterina personalizzata. Torna anche per quest'anno quindi l’appuntamento presso Gardaland Theatre con l'Emporio di Natale, il live musical condotto da un’orchestra dal vivo di 16 persone. E non finisce qui: da segnalare i Meet & Greet con la mascotte Prezzemolo e i suoi amici al teatro della Fantasia e con la maialina Peppa Pig nella sua colorata casa. Gran finale della giornata, allo scoccare delle ore 18, è l’appuntamento in piazza Jumanji, in cui è stato posizionato un albero naturale del peso di oltre 4 mila chili sotto il quale sorge il palco dello show Santa Claus is coming to Gardaland. Gardaland Magic Winter proseguirà nel lungo ponte dell’Immacolata dall’8 all’11 dicembre, il 17 e il 18 dicembre, il 24 dicembre e poi ininterrottamente dal 26 dicembre all’8 gennaio e sarà aperto dalle 10:30 alle 18. Per tutto il periodo natalizio un biglietto combinato permetterà l’accesso al Parco, a Gardaland Sea Life Aquarium e alla Miniland di Legoland. Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel offrono al contempo fino al 20% di sconto su un pacchetto che comprende soggiorno presso uno degli hotel del resort e un biglietto di un giorno a Gardaland Park. L’offerta è valida per soggiorni fino al 7 gennaio 2023, escluse le date del 30 e 31 dicembre 2022. [post_title] => A Gardaland inizia la Magic Winter, in calendario fino al prossimo 8 gennaio [post_date] => 2022-12-06T10:09:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670321346000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un fam trip per entrare in sintonia con la destinazione e apprezzare la varietà di programmi e la  qualità dei servizi offerti: guide, trasporti, ristorazione e hotels. A chiusura di un anno di forte ripresa, Kuda Tour Operator ha ospitato in Marocco un selezionato numero di agenti provenienti da varie regioni italiane. Dal 24 al 29 novembre 2022, l'itinerario si è sviluppato tra Casablanca, Rabat e Marrakech "ed è stato impreziosito da esperienze accolte con grande interesse ed entusiasmo da tutti i partecipanti", racconta una nota dell'operatore capitolino. Oltre alla visita di alcuni alberghi, gli agenti hanno sperimentato il deserto di Agafay, osservato le tecniche di cucina dei principali piatti marocchini con una cooking class ad hoc e, infine, per consolidare l'amicizia tra i nostri Paesi, hanno fatto visita all’associazione Atlas Kinder, che accoglie bambini abbandonati, per la consegna dei doni: "Un momento molto toccante e condiviso da tutti". "Ad accompagnare gli agenti per tutto il viaggio - prosegue la nota - erano presenti il direttore commerciale, Giancarlo Brunamonti, e il responsabile vendite, Angelo Massimetti, che si sono impegnati a rendere indimenticabile l'evento sotto ogni punto di vista. Siamo altresì soddisfatti, in quanto il clima di amicizia e condivisione tra tutti i partecipanti è stata un’altra importante compagna di viaggio. Un grazie a tutti i meravigliosi colleghi/e agenti e ai partner Royal Air Maroc e Visit Morocco". [post_title] => Kuda: fam trip in Marocco per chiudere un anno di grande ripresa [post_date] => 2022-12-06T09:44:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670319846000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435422 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435430" align="alignleft" width="300"] I protagonisti del fam trip del 7-14 novembre[/caption] Doppio fam trip per Azemar alle Maldive, con focus sui resort a marchio proprietario Cocoon Collection, nonché sulle strutture Sun Siyam. "In entrambi i casi abbiamo avuto il piacere di volare Emirates e di soggiornare nei due nostri meravigliosi resort, il Cocoon Maldives e lo You&Me Maldives - racconta il key account, Loris Giusti - Per quanto riguarda le soluzioni Sun Siyam, nel viaggio del 7-14 novembre abbiamo poi avuto la possibilità di provare il nuovissimo Siyam World, con l'opportunità di visitare la vicina isola Sun Siyam Iru Fushi, mentre durante il fam trip del 21-28 novembre siamo stati all'Iru Veli, con visita all'isola Sun Siyam Vilu Reef. Nel complesso tutti gli agenti di viaggio coinvolti sono rimasti entusiasti dalla bellezza dei resort visitati". Nel dettaglio, al viaggio del 7-14 novembre hanno partecipato Chiara Ciresa dell’Enterprise Viaggi di Lecco, Mara Vicentini della Jojoba Tour di Saronno, Maria Grazia Fazari della Farfalla Viaggi di Torino, Elisa Valentini della Cocoon Travels di Todi, Erika Facchin della Salvanstours di Azzano Decimo, Giulia Moleri del le Petit Atelier du Voyage di Palazzolo sull’Oglio, Monica Bozzetto della Farold Viaggi di Motta di Livenza, Nadia Porrini della Italvie di Teramo, Valeria Negrini della Pevero Viaggi di Cento e Simone Schena della Savio e Simone di Bari. Al fam trip 21-28 novembre erano invece presenti Elena Catta della Roxteam Viaggi di Bergamo, Eugenia Colombo della Camuna Viaggi di San Giorgio su Legnano, Nicoletta Zarulli della Rose Line Viaggi di La Spezia, Anastasia Cirulli della P3 Trips di Anagni, Marinella Alvisi del Salotto del Viaggio di Bologna, MariaGrazia Gargiulo della Aritur di Napoli, Emilia Giorgi della Teem Viaggi di Napoli, Francesco Nania della Pianamondo Viaggi di Taurianova, [caption id="attachment_435431" align="alignright" width="300"] E quelli del viaggio del 21-28 novembre[/caption] Vincenzo Santangelo della Volare Together di Palermo, Luigi Lanotte della a Proposito di Viaggi di Bisceglie ed Enrico Baldini della Zoom in Earth di San Miniato. Nel primo caso, insieme a Loris Giusti, che ha viaggiato su entrambe le date, ad accompagnare il gruppo c'era anche il neoacquisto di casa Azemar, Franco Baroni, area sales Emilia-Romagna, Marche e San Marino.   [post_title] => Azemar: doppio fam trip alle Maldive. Protagonisti i resort Cocoon Collection e Sun Siyam [post_date] => 2022-12-05T12:58:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670245123000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435397 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. La mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre. La curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004. La mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia. All’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Tra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604. Oggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”. La Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023. [post_title] => Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte [post_date] => 2022-12-05T10:30:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236232000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435354 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per la Repubblica Dominicana il 2022 è stato l'anno della ripartenza, tanto che le stime ormai parlano di una chiusura dei 12 mesi a quota 7 milioni di visitatori. Un trend che, grazie ai collegamenti di linea e charter con la nostra Penisola, nonché all'opera di tour operator e agenzie, riguarda pure l'Italia, coinvolgendo nella crescita tra gli altri il gruppo alberghiero Hm Hotels, che sulla destinazione opera con il brand Whala!. “Siamo sicuri che il trend positivo registrato in questa destinazione per tutto il 2022 si incrementerà notevolmente, soprattutto dal mercato italiano - racconta infatti il direttore commerciale Italia della compagnia, Ramon Parisi -. Una stima, la mia, che trova già conferma nei volumi di prenotazioni anticipate che stiamo registrando per il 2023". Whala!Hotels è presente in Repubblica Dominicana con quasi mille camere suddivise fra quattro strutture: il Whala!Bahayibe, il Whala!Bavaro, il Whala!Bocachica e il Whala!Puntacana, Sono tutti di categoria 4 stelle, all inclusive, destinati a un pubblico giovane che ricerca nella propria vacanza una struttura vicino ai centri di vita notturna e allo shopping, godendo appieno del mare Caraibico.   [post_title] => Il gruppo Whala! pronto a sfruttare la ripresa della Repubblica Dominicana insieme alle adv italiane [post_date] => 2022-12-05T09:54:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670234093000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la malta di shiruq si racconta con immagini e parole" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":47,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1216,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435632","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un monitoraggio multidisciplinare con l’obiettivo di conoscere e tutelare l’habitat naturale di cetacei e tartarughe marine, che tra le specie protette del mare Nostrum sono quelle che hanno maggior bisogno di strategie di conservazione. E’ questo il fulcro del progetto Life Conceptu Maris, promosso da Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e supportato da Grimaldi Lines.\r\n\r\n“Partecipiamo con entusiasmo a questo progetto per la tutela del mar Mediterraneo e delle sue specie protette - racconta la passenger department manager,  Francesca Marino -. L’ambiente, e in particolare gli ecosistemi marini, sono per noi un valore irrinunciabile. Le caratteristiche della nostra flotta, che solca le acque del Mediterraneo promuovendo lo scambio e il confronto tra culture, tradizioni e paesaggi così diversi tra di loro, sono il frutto di una ricerca continua in termini di innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale. Navighiamo con navi che ci consentono di ridurre significativamente le emissioni inquinanti in mare e nell’atmosfera, grazie alle pitture siliconiche che non rilasciano sostanze nocive, al regolare filtraggio delle acque di zavorra, al trattamento dei gas di scarico e a speciali progetti di efficientamento energetico”.\r\n\r\nL’attività di monitoraggio viene svolta direttamente a bordo dei traghetti della compagnia sulla tratta circolare Salerno-Palermo, Palermo-Tunisi e Tunisi-Civitavecchia, per un totale di circa 2 mila miglia nautiche analizzate in soli cinque giorni. E’ così possibile osservare una vasta area del Tirreno Meridionale, compresa tra il canale di Sardegna e quello di Sicilia, molto interessante ma a oggi poco conosciuta, poiché non raggiungibile con le tipologie di imbarcazioni tradizionalmente adibite alla ricerca. La nave viene allestita come un vero e proprio laboratorio: vengono ospitati macchinari di filtraggio e stoccaggio e attrezzature per raccogliere campioni di acqua marina. Alla semplice osservazione dei cetacei e delle tartarughe all’interno del loro ecosistema e delle minacce che mettono a rischio la conservazione di queste specie protette, il progetto affiancherà infatti la raccolta di dati utili alla ricerca, tramite il dna ambientale, gli isotopi e i parametri fisici.","post_title":"Grimaldi Lines insieme all'Ispra per monitorare l'habitat naturale di cetacei e tartarughe marine","post_date":"2022-12-09T10:32:10+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670581930000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435610","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435611\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'amministratore delegato dell'Enit, Ivana Jelinic[/caption]\r\n\r\nIn un’intervista all’Ansa, il neo amministratore delegato dell’Enit, Ivana Jelinic, spiega quali saranno le sue prossime mosse per far sì che il turismo italiano acceleri nella sua funzione di traino dell’economia.\r\n\r\nIl lavoro che l’aspetta all’Enit è duro e senza sosta e Jelinic ha già iniziato non perdendo un minuto: «Il primo passo è la riorganizzazione. Al netto degli errori del passato, che non spetta a me giudicare, sicuramente un approccio metodologico differente al lavoro corporate e all’attività di promozione dell’incoming consente di ottenere risultati che prima non sono stati così evidenti. Fare della valorizzazione del brand Italia un’impresa vera e propria che sia di supporto alla società e all’economia. Accelerare l’operatività e liberare il potenziale della Penisola anche ricorrendo a nuovi linguaggi comunicativi e promozionali per portare il brand Italia e l’Italia ad un livello di accoglienza sempre più performante. È fondamentale applicare una strategia lineare e armonizzata all’ospitalità».\r\n\r\nL’altra mossa determinante secondo Jelinic sarà coinvolgere sempre di più le imprese, anche le più piccole, che finora sono state meno considerate dalle politiche programmatiche del turismo. «Quando si parla di Sistema Italia – fa notare – si parla di un sistema che è ancora incompleto e che bisogna implementare e integrare, coinvolgendo sempre di più per invitare soggetti e operatori del comparto a entrare realmente a farne parte».\r\n\r\nMolte le preoccupazioni e le cose da cambiare: «Mi preoccupano il tessuto imprenditoriale in primis, ma anche il futuro dei lavoratori del settore e degli operatori e la qualità delle performance e dell’offerta turistica. Mi preoccupano le imprese che sono state ferite da due anni di pandemia, così come la necessità di fare davvero rete e di allineare il settore a nuovi trend di mercato senza lasciare indietro nessuno e senza permettere che competitor internazionali ci superino in offerta turistica».\r\n\r\nSecondo Jelinic poi le performance dell’Italia possono migliorare solo uscendo dai confini, «non solo esportando l’Italia e facendola conoscere meglio – chiarisce – ma anche non arroccandosi dietro la straordinarietà delle meraviglie che le appartengono e lasciandole al corso degli eventi e delle scelte turistiche, ma imparando anche ad emulare i competitor in capacità di programmazione, di commercializzazione del brand, di promozione dell’offerta». Tra i Paesi da cui prendere spunti o esempi, l’ad di Enit pensa alla Spagna che è il nostro principale competitor ed è partita in vantaggio: «Quando in Italia non ci si era strutturati ancora con un ministero dedicato al settore, la Spagna – spiega – operava già con una programmazione e con istituzioni operanti all’unisono. Anche la Croazia ha saputo crescere in tempi rapidi creando un sistema di promozione efficiente e di raccolta dati aggiornato in tempo reale».","post_title":"Ivana Jelinic (ad Enit): «Il primo passo è riorganizzare»","post_date":"2022-12-09T07:23:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670570617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435479","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424179\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Joe Mason, chief marketing officer - travel di Allianz Partners,[/caption]\r\n\r\nLa richiesta di maggiore flessibilità da parte dei viaggiatori sta definendo i viaggi post-pandemia, con i clienti che cercano di gestire una gamma più ampia di potenziali problemi. Questa una delle tendenze chiave evidenziate nello States of Mind Travel Report pubblicato da Allianz Partners, leader mondiale nei servizi di assicurazione e assistenza, che indaga sullo stato attuale e sul futuro dell'industria dei viaggi e del turismo.\r\n\r\nIl report, che si basa sull’analisi di esperti del settore - Joe Mason, chief marketing officer di Allianz Partners per il settore Travel e Luís Araújo, Presidente dell’European Travel Commission - nonché sui dati relativi alle tendenze dei clienti di Allianz Partners, evidenzia l'aumento dei fattori di attenzione che oggigiorno i viaggiatori devono affrontare.\r\n\r\nOltre alle preoccupazioni correlate alla salute, i viaggiatori devono affrontare turbolenze geopolitiche, inflazione elevata e incertezza economica crescente. Questa situazione determina un nuovo atteggiamento nei confronti dei viaggi, in cui la flessibilità e la protezione integrate contro il “cosa succede se” svolgono un ruolo ancora più importante.\r\n\r\nI dati di Allianz Partners rivelano che nei cinque principali mercati europei (Belgio, Francia, Germania, Italia, Regno Unito) le intenzioni dei clienti di acquistare un'assicurazione viaggio sono aumentate sostanzialmente, dal 21% nel 2019 al 55% nel 2022 per i viaggi internazionali e dal 12% al 26% per i viaggi nazionali. In linea con la crescente domanda, Allianz Partners ha registrato nel 2022 il livello più alto di richieste di prestazioni post-partenza.\r\n\r\nLa ricerca evidenzia inoltre: È sempre più diffusa la tendenza a “lavorare da qualsiasi luogo”: la crescita del lavoro da remoto e ibrido significa che sempre più viaggiatori di tutte le età coniugano attività lavorativa e tempo libero, determinando un aumento dei viaggi “Bleisure”. Inoltre, il report evidenzia gli adeguamenti richiesti dall'industria dei viaggi per soddisfare questa esigenza come, ad esempio, la necessità di una regolamentazione aggiornata, la risoluzione dei problemi di residenza fiscale e la necessità di ulteriori investimenti nelle destinazioni più popolari.\r\n\r\nI modelli di lavoro ibridi continueranno probabilmente a esistere e sempre più viaggiatori prevedono di lavorare dall'estero o da un'altra residenza. La ricerca del Customer Lab di Allianz Partners ha rilevato che il 28% dei viaggiatori di età compresa tra i 18 e i 25 anni prevede in futuro di lavorare più frequentemente dall'estero o da una residenza secondaria o di famiglia.\r\n\r\nLa flessibilità è fondamentale: il 58% delle famiglie più giovani prevede di effettuare prenotazioni di viaggio flessibili per far fronte a circostanze impreviste. Il 2022 è stato contrassegnato da un aumento dei viaggi di gruppi familiari più grandi e intergenerazionali, che ha comportato un cambiamento significativo nel settore. Gli hotel e i resort devono quindi soddisfare una gamma più ampia di ospiti e adattarsi maggiormente a una clientela diversificata.\r\n\r\nIl 41% dei consumatori è consapevole dell'impatto ambientale dei viaggi, anche se la sostenibilità rimane un fattore di importanza relativamente minore nei processi decisionali.\r\n\r\n«Nel 2022 il desiderio di tornare a viaggiare è stato evidente ha  commentato Joe Mason - . Basti pensare alle immagini che abbiamo visto quest’estate di sale d’attesa e resort affollati. Tuttavia, gli effetti della pandemia sulle esigenze e sulle aspettative dei viaggiatori sono ancora presenti. Oggi il settore assicurativo fornisce servizi a un consumatore più esigente e meglio informato, maggiormente consapevole sia di un buon servizio sia di un eventuale disservizio. Il settore dei viaggi risente di una pressione maggiore che spinge a offrire soluzioni flessibili e complete per coprire tutte le evenienze»\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Allianz Partners: più flessibilità per i viaggi post-pandemia","post_date":"2022-12-06T10:32:47+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670322767000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435475","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una lunga stagione piena di soddisfazioni, così la definisce il nuovo amministratore delegato di Gardaland, Sabrina De Carvalho, che si appresta a chiudersi con la Gardaland Magic Winter: “Nel 2022 abbiamo raggiunto i dati di affluenza registrati nel 2019. E ora concludiamo con la ventesima edizione dell'appuntamento invernale del parco, che proseguirà fino al prossimo 8 gennaio”.\r\n\r\nTante le novità di queste festività. A partire dagli allestimenti in ottica green: molte infatti le aree impreziosite con decorazioni naturali. E non mancano neppure i classici alberi di Natale, tutti rigorosamente veri e destinati, alla fine dell’evento, a essere ricollocati e accuditi per arrivare al Natale prossimo ancora più rigogliosi. L’ingresso al parco è poi caratterizzato dalla foresta di Ghiaccio: un tunnel di 30 metri creato con rami di salice sbiancati e illuminati con effetti di luce, che conduce i visitatori dall’orologio floreale fino alla piazza Medievale.\r\n\r\nDa non perdere anche la rivisitazione della foresta Incantata, che per l’occorrenza è diventata il bosco degli Gnomi: un percorso interattivo ed educativo nato con l’idea di trasmettere, tramite l’esperienza, il gioco e la magia il valore del rispetto della natura. Le novità continuano pure al cinema 4D con The Polar Express 4D Experience, il celebre film natalizio targato Warner Bros  che racconta l’avventuroso viaggio verso il regno di Babbo Natale. Durante Gardaland Magic Winter, inoltre, i visitatori presenti potranno scoprire, primi fra tutti, dove sorgerà Jumanji -The Labyrinth: la novità 2023 basata sulla popolare serie cinematografica. Anche nel periodo natalizio, i più coraggiosi avranno comunque la possibilità di godere del brivido di una corsa su Raptor, su Oblivion e sulle altre attrazioni adrenaliniche del parco. I chioschi proporranno invece i tipici sapori del Natale, con biscotti natalizi, candy mallow e cioccolate calde.\r\n\r\nImperdibile, durante Gardaland Magic Winter, l’incontro con Babbo Natale. Appuntamento al Magico Villaggio, una baita di montagna ricca di sorprese, profumi ed esperienze ad hoc, che permetterà naturalmente la classica consegna della letterina personalizzata. Torna anche per quest'anno quindi l’appuntamento presso Gardaland Theatre con l'Emporio di Natale, il live musical condotto da un’orchestra dal vivo di 16 persone. E non finisce qui: da segnalare i Meet & Greet con la mascotte Prezzemolo e i suoi amici al teatro della Fantasia e con la maialina Peppa Pig nella sua colorata casa. Gran finale della giornata, allo scoccare delle ore 18, è l’appuntamento in piazza Jumanji, in cui è stato posizionato un albero naturale del peso di oltre 4 mila chili sotto il quale sorge il palco dello show Santa Claus is coming to Gardaland. \r\n\r\nGardaland Magic Winter proseguirà nel lungo ponte dell’Immacolata dall’8 all’11 dicembre, il 17 e il 18 dicembre, il 24 dicembre e poi ininterrottamente dal 26 dicembre all’8 gennaio e sarà aperto dalle 10:30 alle 18. Per tutto il periodo natalizio un biglietto combinato permetterà l’accesso al Parco, a Gardaland Sea Life Aquarium e alla Miniland di Legoland. Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel offrono al contempo fino al 20% di sconto su un pacchetto che comprende soggiorno presso uno degli hotel del resort e un biglietto di un giorno a Gardaland Park. L’offerta è valida per soggiorni fino al 7 gennaio 2023, escluse le date del 30 e 31 dicembre 2022.","post_title":"A Gardaland inizia la Magic Winter, in calendario fino al prossimo 8 gennaio","post_date":"2022-12-06T10:09:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670321346000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435471","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un fam trip per entrare in sintonia con la destinazione e apprezzare la varietà di programmi e la  qualità dei servizi offerti: guide, trasporti, ristorazione e hotels. A chiusura di un anno di forte ripresa, Kuda Tour Operator ha ospitato in Marocco un selezionato numero di agenti provenienti da varie regioni italiane.\r\n\r\nDal 24 al 29 novembre 2022, l'itinerario si è sviluppato tra Casablanca, Rabat e Marrakech \"ed è stato impreziosito da esperienze accolte con grande interesse ed entusiasmo da tutti i partecipanti\", racconta una nota dell'operatore capitolino. Oltre alla visita di alcuni alberghi, gli agenti hanno sperimentato il deserto di Agafay, osservato le tecniche di cucina dei principali piatti marocchini con una cooking class ad hoc e, infine, per consolidare l'amicizia tra i nostri Paesi, hanno fatto visita all’associazione Atlas Kinder, che accoglie bambini abbandonati, per la consegna dei doni: \"Un momento molto toccante e condiviso da tutti\".\r\n\r\n\"Ad accompagnare gli agenti per tutto il viaggio - prosegue la nota - erano presenti il direttore commerciale, Giancarlo Brunamonti, e il responsabile vendite, Angelo Massimetti, che si sono impegnati a rendere indimenticabile l'evento sotto ogni punto di vista. Siamo altresì soddisfatti, in quanto il clima di amicizia e condivisione tra tutti i partecipanti è stata un’altra importante compagna di viaggio. Un grazie a tutti i meravigliosi colleghi/e agenti e ai partner Royal Air Maroc e Visit Morocco\".","post_title":"Kuda: fam trip in Marocco per chiudere un anno di grande ripresa","post_date":"2022-12-06T09:44:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670319846000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435422","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435430\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] I protagonisti del fam trip del 7-14 novembre[/caption]\r\n\r\nDoppio fam trip per Azemar alle Maldive, con focus sui resort a marchio proprietario Cocoon Collection, nonché sulle strutture Sun Siyam. \"In entrambi i casi abbiamo avuto il piacere di volare Emirates e di soggiornare nei due nostri meravigliosi resort, il Cocoon Maldives e lo You&Me Maldives - racconta il key account, Loris Giusti - Per quanto riguarda le soluzioni Sun Siyam, nel viaggio del 7-14 novembre abbiamo poi avuto la possibilità di provare il nuovissimo Siyam World, con l'opportunità di visitare la vicina isola Sun Siyam Iru Fushi, mentre durante il fam trip del 21-28 novembre siamo stati all'Iru Veli, con visita all'isola Sun Siyam Vilu Reef. Nel complesso tutti gli agenti di viaggio coinvolti sono rimasti entusiasti dalla bellezza dei resort visitati\".\r\n\r\nNel dettaglio, al viaggio del 7-14 novembre hanno partecipato Chiara Ciresa dell’Enterprise Viaggi di Lecco, Mara Vicentini della Jojoba Tour di Saronno, Maria Grazia Fazari della Farfalla Viaggi di Torino, Elisa Valentini della Cocoon Travels di Todi, Erika Facchin della Salvanstours di Azzano Decimo, Giulia Moleri del le Petit Atelier du Voyage di Palazzolo sull’Oglio, Monica Bozzetto della Farold Viaggi di Motta di Livenza, Nadia Porrini della Italvie di Teramo, Valeria Negrini della Pevero Viaggi di Cento e Simone Schena della Savio e Simone di Bari. Al fam trip 21-28 novembre erano invece presenti Elena Catta della Roxteam Viaggi di Bergamo, Eugenia Colombo della Camuna Viaggi di San Giorgio su Legnano, Nicoletta Zarulli della Rose Line Viaggi di La Spezia, Anastasia Cirulli della P3 Trips di Anagni, Marinella Alvisi del Salotto del Viaggio di Bologna, MariaGrazia Gargiulo della Aritur di Napoli, Emilia Giorgi della Teem Viaggi di Napoli, Francesco Nania della Pianamondo Viaggi di Taurianova,\r\n\r\n[caption id=\"attachment_435431\" align=\"alignright\" width=\"300\"] E quelli del viaggio del 21-28 novembre[/caption]\r\n\r\nVincenzo Santangelo della Volare Together di Palermo, Luigi Lanotte della a Proposito di Viaggi di Bisceglie ed Enrico Baldini della Zoom in Earth di San Miniato. Nel primo caso, insieme a Loris Giusti, che ha viaggiato su entrambe le date, ad accompagnare il gruppo c'era anche il neoacquisto di casa Azemar, Franco Baroni, area sales Emilia-Romagna, Marche e San Marino.\r\n\r\n ","post_title":"Azemar: doppio fam trip alle Maldive. Protagonisti i resort Cocoon Collection e Sun Siyam","post_date":"2022-12-05T12:58:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670245123000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435397","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città.\r\n\r\nLa mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre.\r\n\r\nLa curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004.\r\n\r\nLa mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia.\r\n\r\nAll’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nTra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604.\r\n\r\nOggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”.\r\n\r\nLa Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023.","post_title":"Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte","post_date":"2022-12-05T10:30:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670236232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435354","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per la Repubblica Dominicana il 2022 è stato l'anno della ripartenza, tanto che le stime ormai parlano di una chiusura dei 12 mesi a quota 7 milioni di visitatori. Un trend che, grazie ai collegamenti di linea e charter con la nostra Penisola, nonché all'opera di tour operator e agenzie, riguarda pure l'Italia, coinvolgendo nella crescita tra gli altri il gruppo alberghiero Hm Hotels, che sulla destinazione opera con il brand Whala!.\r\n\r\n“Siamo sicuri che il trend positivo registrato in questa destinazione per tutto il 2022 si incrementerà notevolmente, soprattutto dal mercato italiano - racconta infatti il direttore commerciale Italia della compagnia, Ramon Parisi -. Una stima, la mia, che trova già conferma nei volumi di prenotazioni anticipate che stiamo registrando per il 2023\".\r\n\r\nWhala!Hotels è presente in Repubblica Dominicana con quasi mille camere suddivise fra quattro strutture: il Whala!Bahayibe, il Whala!Bavaro, il Whala!Bocachica e il Whala!Puntacana, Sono tutti di categoria 4 stelle, all inclusive, destinati a un pubblico giovane che ricerca nella propria vacanza una struttura vicino ai centri di vita notturna e allo shopping, godendo appieno del mare Caraibico.\r\n\r\n ","post_title":"Il gruppo Whala! pronto a sfruttare la ripresa della Repubblica Dominicana insieme alle adv italiane","post_date":"2022-12-05T09:54:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670234093000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti