28 May 2024

Kel 12 rinnova l’offerta Namibia, che diventa Unique

[ 0 ]

Sabina Migliori

Novità in casa Kel 12 per il prodotto Namibia, che si arricchisce di nuove proposte dal taglio esperienziale. “La nostra offerta sulla destinazione, già molto ampia e capillare, è stata rinnovata puntando sull’unicità delle esperienze offerte – spiega la head of product manager del to, Sabina Migliori -. Per tutti gli itinerari proposti sono state introdotte escursioni nuove e inconsuete, come l’incontro con i maestosi rinoceronti. Novità clou è l’itinerario Unique, che attraversa dune color rosa e arancio, depressioni desertiche, oasi verdi, distese di lava, canyon e coste battute dalle onde dell’oceano. Un itinerario di 13 giorni per ammirare centinaia di animali radunati attorno alle grandi pozze d’acqua nel parco Etosha, le colonie di otarie di Cape Cross e i fenicotteri e i pellicani di Walvis Bay. Il tutto abbinato a pernottamenti in hotel e lodge esclusivi dallo charme africano, dove potersi abbandonare al relax”.

Daniela Di Berardino

Kel 12 ha inoltre scelto di volare con Ethiopian Airlines, tra le poche compagnie che consentono di arrivare direttamente a Windhoek senza passare da Johannesburg, velocizzando così i collegamenti. Focus pure sulla formazione, prima di tutto rivolta alle guide ma con un occhio di riguardo anche per le agenzie. “Conoscere come è costruito un nostro tour, quali sono i plus e i servizi è essenziale per capire il valore della nostra offerta – aggiunge la trade manager Kel 12 Group, Daniela Di Berardino -. Oltre ai roadshow e agli incontri divulgativi tematici, che promuoviamo con assidua frequenza con Parole in Viaggio, abbiamo perciò investito nell’organizzazione di un fam trip in partnership con Ethiopian Airlines: due gruppi di agenti di viaggio selezionati hanno potuto vivere in prima persona l’emozionante tour Unique Namibia”.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468267 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Scoprire il Nord Sardegna dal mare, raggiungere le piccole calette della Costa Smeralda o dell’Arcipelago di La Maddalena fino al sud della Corsica con prestigiosi yacht e gommoni in esclusiva guidati da comandanti esperti. Con un incremento del 20% negli ultimi due anni, cresce la domanda di servizi charter esclusivi nel Nord Sardegna: è quanto emerge da un’analisi delle richieste registrate da Poseidon Charter che da oltre 20 anni opera nel settore del noleggio di imbarcazioni da diporto nel Nord Sardegna.   Una flotta di sei tra imbarcazioni e maxi rib ormeggiati nella marina di Cala Capra, approdo turistico privato a soli 3 chilometri da Palau, con possibilità di imbarco da tutti i porti della Gallura. Una posizione strategica, incastonata nel golfo naturale di Cala Capra, sotto la famosa Roccia dell’Orso, ideale per partire alla scoperta dell’Arcipelago di La Maddalena e della Costa Smeralda. La Marina di Cala Capra è a meno di 15 minuti di navigazione dall’Isola di Caprera e dalla cittadina di La Maddalena a nord, mentre a sud dista 10 minuti da Baja Sardinia e Poltu Quatu, 20 minuti da Porto Cervo. Nuove soluzioni Novità 2024, il Joker Boat Clubman 35 della lunghezza di 10,70 m con ampie aree prendisole nella zona giorno, sia a prua che a poppa, adatto ad ospitare comodamente un gruppo composto da 8/10 persone. Un gommone di grandi dimensioni che arricchisce una flotta di prestigiose imbarcazioni a motore, a partire dal Riviera 4000 off-shore di 40 piedi concepita dal rinomato cantiere australiano, dal design sportivo ed elegante con ampi tendalini, un salottino esterno e il pozzetto attrezzato con comode sedute. La soluzione ideale per noleggi di una giornata per escursioni verso la Corsica e le isole dell’Arcipelago di La Maddalena.   La collezione di gommoni a noleggio con comandante di Poseidon Charter comprende anche un Joker Boat Clubman 30, gommone walkaround che sfiora i 10 metri con consolle centrale, ideale per lunghe giornate in mare tra l’Arcipelago di La Maddalena, la Corsica e la Costa Smeralda, un BWA 33 GTO di oltre 10 metri che unisce lusso e confort, pensato per ottimizzare al massimo il piacere della vita a bordo e un BWA 26 GTO che unisce praticità e eleganza, varati nel 2022. Completano la flotta 8 gommoni Ribmarine 40 cavalli per la guida senza patente varati nel 2022 che permettono alla clientela più autonoma di vivere le emozioni che solo l’Arcipelago di La Maddalena sa regalare.   Soluzioni per la navigazione che, rispetto alle grandi imbarcazioni, offrono la possibilità di avvicinarsi più facilmente alle piccole baie e navigare lungo tratti di costa con fondali più bassi, non raggiungibili da grandi yacht e barche a vela, senza rinunciare al comfort e alla sicurezza. [post_title] => Nord Sardegna: Poseidon incrementa l'offerta dei gommoni luxury a noleggio [post_date] => 2024-05-28T12:01:55+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716897715000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468239 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468261" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, il vice governatore Billy Nungesser e il console Douglass Benning[/caption] «La Louisiana non è 'solo' il Paese della musica, ma anche della cultura e dei sapori. È una destinazione piena di colori - ha sottolineato Douglass Benning, console generale, che evidenzia l’importanza di questa risorsa da preservare -. La nostra offerta turistica è davvero composita. E ci sono molte similitudini con l’Italia. Il carnevale del martedì grasso di New Orleans, ad esempio, ricorda quello di Venezia. Parchi e città da esplorare e una natura da vivere tra le numerose riserve naturali». Il mercato Italia occupa il quarto posto in termini di arrivi tra i principali Paesi europei e il nono a livello mondiale. «Il prodotto migliore della Louisiana è però la sua gente. L’accoglienza è speciale: puoi farti un amico per sempre – aggiunge Billy Nungesser, vice governatore della Louisiana -. La cucina ha diverse sfaccettature, ricca di sapori e sensazioni, con una grande varietà, di cui molti piatti a base di pesce». E sono ben 400 le fiere gastronomiche da aggiungere come tappa in un itinerario di viaggio. Oltre 400 feste in tutto l’anno, dal jazz, alla cultura, storia e colore che raccontano un pezzo di storia del Paese. La destinazione è patria di famosi musicisti, da Elvis Presley a Louis Armstrong, Jerry Lee Lewis. Tra jazz e blues, la musica permea ogni angolo del Paese, nelle sale da concerto come nei bar: «E' qualcosa di unico». Le tre le aree turistiche distinguono in un Sud con i Bayou nel delta del Mississippi e la natura. Il Centro con le immense piantagioni e le sgranatrici di cotone. Il Nord meno conosciuto con il Lago Black Bayou, il Giardino della Rosa Americana, Poverty Point, il Museo militare e dell’aviazione di Chennault. [post_title] => La Louisiana si presenta in Italia, fra musica, cultura e sapori [post_date] => 2024-05-28T11:44:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716896683000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468237 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Preannunciato lo scorso febbraio è arrivato finalmente il nuovo portale di prenotazione b2b di King Holidays: un'interfaccia unica, pensata  per essere semplice da utilizzare, a disposizione degli agenti di viaggio per realizzare pacchetti dinamici, anche multi-destinazione, confermare le proposte a disponibilità garantita e accedere alla programmazione da catalogo, modificandola sulla base delle richieste del cliente. “La grande novità è l’utilizzo innovativo di una piattaforma già conosciuta dal mercato (Travel Compositor, ndr), che abbiamo arricchito con tutte le nostre esperienze esclusive - spiega il direttore commerciale del to, Roberto Minardi -: un lavoro lungo e complesso che ci permette oggi di offrire alle agenzie uno strumento altamente performante. I nostri clienti, del resto, spesso cercano attività e proposte ritagliate su misura che, per ovvie ragioni, non possono trovare spazio nei programmi standard da catalogo”. Dopo una fase di sperimentazione con una selezione di agenzie partner, la piattaforma è stata rilasciata in questo mese di maggio ed è accessibile da qualsiasi device attraverso il sito del tour operator, cliccando su Dynamic Booking, oppure direttamente dal link https://bookingonline.kingholidays.it/ “Siamo sicuri di offrire uno strumento molto competitivo anche dal punto di vista economico – prosegue Minardi – non solo in virtù delle sinergie con Mapa Group Travel e le altre società della holding Wamos Group, ma anche perché abbiamo scelto di ridurre sensibilmente i nostri margini a favore dei dettaglianti. L’obiettivo è duplice: aumentare i volumi delle agenzie già fidelizzate e ampliare la penetrazione sul territorio in diverse regioni, contando anche sul supporto dei nuovi area manager. Stimiamo entro la fine dell’anno un incremento di fatturato del 20%”. Il lancio del dynamic booking si inserisce peraltro in un periodo di grandi cambiamenti per l'operatore, che recentemente ha spostato la sede operativa di Roma in nuovi uffici più funzionali, moderni e spaziosi. [post_title] => King Holidays rinnova il portale di prenotazione b2b. Obiettivo 2024: +20% di fatturato [post_date] => 2024-05-28T11:21:38+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716895298000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468184 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il sodalizio tra Emirates e l'Italia si esplicita anche attraverso prodotti e cibi che contraddistinguono l'offerta di bordo della compagnia aerea di Dubai.  Emirates celebra l’italianità, mettendo in risalto il gusto unico del Paese nel cibo e nei vini che vengono serviti sui propri voli verso oltre 130 destinazioni. Dagli amenity kit di Bulgari al caffè Lavazza, dall'olio d'oliva e aceto balsamico di Monte Vibiano ai vini italiani: l'esperienza a bordo degli aerei Emirates è all'insegna del lusso Made in Italy. I numeri? Sono 3,2 milioni gli amenity kit Bulgari che, solo nel 2023, sono stati distribuiti a bordo dei voli del vettore; tra la selezioni di vini serviti a bordo, 11 sono italiani: i soli vini italiani hanno un valore complessivo di circa 1,6 milioni di euro nel solo 2023nel 2023, sono state . Complessivamente nel 2023 sono state utilizzate oltre 560.000 confezioni da 70 gr di caffè Lavazza e sono state servite a bordo poco più di 3,7 milioni di cialde (tra caffè espresso e decaffeinato). Ogni anno, la compagnia aerea serve circa 3,5 milioni di bottiglie monodose di olio d'oliva e aceto balsamico Monte Vibiano ai suoi passeggeri di First e Business Class. Emirates vola in Italia da oltre trent’anni, favorendo gli spostamenti di migliaia di passeggeri ogni anno tra i quattro gateway principali di Roma, Milano, Bologna e Venezia e Dubai. Solo lo scorso anno, il vettore ha trasportato oltre 1,4 milioni di passeggeri su più di 1.400 voli di andata e ritorno da e per l'Italia.  “L'Italia ed Emirates condividono un legame profondo - ha dichiarato Flavio Ghiringhelli, country manager di Emirates in Italia -. Il nostro Paese, con il suo impareggiabile patrimonio culturale e la sua bellezza paesaggistica, è un mercato strategico per Emirates, ma allo stesso tempo è anche il partner ideale: la compagnia aerea e il Belpaese sono, infatti, uniti da un insieme di valori che li rendono distintivi e apprezzati in tutto il mondo. Entrambi offrono i migliori prodotti, dispongono di servizi di altissima qualità e regalano esperienze di viaggio uniche. Ad oggi abbiamo partnership attive con prestigiosi marchi italiani come Bulgari, Monte Vibiano, Lavazza e con alcune delle migliori etichette di vino, e ci auguriamo che questo percorso di reciproca collaborazione continui per molti anni a venire”. [post_title] => Emirates: il sodalizio con l'Italia passa anche da prodotti e cibi Made in Italy [post_date] => 2024-05-28T10:10:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716891022000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468229 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea conquista quote di mercato in Francia dove diventa la compagnia aerea con la maggiore presenza per numero di rotte. Il vettore spagnolo conta infatti 270 rotte domestiche, dato che lo porta a superare Air France in un mercato che già rappresenta il 60% del suo business totale. Come evidenzia Preferente.com, Volotea oggi dispone di nove basi nel paese d'Oltralpe - Bordeaux, Lille, Lione, Lourdes, Marsiglia, Nantes, Strasburgo, Tolosa e Brest - e il 55% di tutte le rotte operate sono in esclusiva.  "In Europa, un terzo della popolazione vive in grandi città con più di 2 milioni di abitanti, ma i restanti due terzi vivono in città di piccole o medie dimensioni. Tuttavia, queste rappresentano solo il 29% dell'offerta di traffico aereo, rispetto al 71% delle grandi città. Siamo nati con questa vocazione e ora abbiamo 450 rotte che prima non esistevano e su cui abbiamo pochissima concorrenza. Siamo gli unici sulla maggior parte di esse", ha dichiarato il fondatore Carlos Muñoz. Per quest'anno Volotea ha previsto un totale di 7,5 milioni di posti in vendita in Francia e conta di operare 45.000 voli, collegando fino a 84 città europee e atterrando in 17 paesi diversi.  [post_title] => Volotea protagonista sul mercato domestico francese con un network di 270 rotte [post_date] => 2024-05-28T09:33:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716888788000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468173 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2024 dai grandi numeri per l’aeroporto di Olbia che si appresta a superare il proprio record di passeggeri movimentati, superando quota 3,5 milioni. Il nuovo primato – come evidenzia La Nuova Sardegna – è figlio del boom del turismo post pandemia, ma soprattutto delle strategie portate avanti dalla Geasar, la società di gestione che è passata nelle mani del fondo infrastrutturale F2I. «Le prospettive sono ottime, sotto il profilo del volume complessivo dei transiti del 2024 ci aspettiamo circa 3,5 milioni di passeggeri, in aumento di circa il 10% rispetto all’anno scorso, che già era stato un anno record per il Costa Smeralda – sottolinea Mario Garau, responsabile sviluppo rotte di Geasar –. Il dato di assoluto rilievo è quello che la stagione ha avuto inizio molto prima rispetto al passato e siamo in crescita di circa il 45% rispetto al maggio del 2023:tutte le nostre compagnie partner, da quelle low cost, come easyjet, Volotea e Wizz Air, ma anche Lufthansa a Iag, con British Airways e Iberia, hanno deciso di anticipare le operazioni con prodotti turistici anche nella cosiddetta stagione di spalla». Nord Sardegna avanti tutta Dallo scorso 31 marzo e fino al 26 ottobre 2024, il network degli aeroporti di Alghero e Olbia è stato ampliato grazie all’aggiunta di 14 novità, per un totale di 149 collegamenti, di cui cento internazionali e quarantanove domestici, operati da quaranta compagnie aeree che collegheranno il Nord Sardegna con ventiquattro Paesi. Nei due scali saranno messi in vendita 5,8 milioni di posti offerti, il 14% in più rispetto allo scorso anno. Per l’aeroporto di Alghero si prospetta una delle migliori stagioni di sempre. L’aeroporto Costa Smeralda si arricchisce di 13 nuovi destinazioni e di due nuove compagnie aree: Ryanair, che inaugura 10 collegamenti (Bergamo, Bologna, Bruxelles Charleroi, Copenaghen, Cracovia, Londra Stansted, Parigi Beauvais, Trieste e Vienna), la compagnia BA City Flyer, sussidiaria di British Airways, che collegherà Olbia con Edimburgo. Tra le novità, Volotea amplia l’offerta dei voli con la Francia, aggiungendo Brest, ed Eurowings attiva il collegamento con Hannover. Altra ottima notizia per Olbia è poi l’avanzamento del progetto per il collegamento ferroviario che unirà il Costa Smeralda con la rete dell'Isola, del valore di 231 milioni di euro. Intervento che rientra fra le opere comprese nel perimetro del Pnrr. Rete Ferroviaria Italiana ha concluso le procedure di valutazione per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori. Il piano prevede la realizzazione di un nuovo tracciato di circa 3,4 chilometri che, partendo dalla linea Golfo Aranci - Macomer, attraverso la stazione Olbia Terranova, arriva presso l'aeroporto Costa Smeralda dove verrà realizzata una nuova stazione di testa a due binari. Il progetto prevede inoltre il collegamento alla linea in direzione sud, verso Chilivani/Macomer, mediante un collegamento ferroviario di circa 1 chilometro. All'attuale individuazione del migliore offerente farà seguito l'avvio della progettazione esecutiva segnando così un importante traguardo nello sviluppo dell'opera la cui attivazione è prevista entro il 2026. [post_title] => Olbia verso i 3,5 mln di passeggeri. E nel 2026 arriva il collegamento ferroviario [post_date] => 2024-05-28T09:25:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716888309000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468192 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Servizi speciali per i più piccoli, un grande parco piscina, la scelta tra camere e appartamenti, menù speciali, accoglienza pet-friendly e spiaggia privata: all’hotel Sport, Family Resort dei Ricci Hotels in una posizione riservata e silenziosa a 100 metri dal mare bandiera Blu di Cesenatico le proposte per le famiglie sono tantissime. Una grande struttura dallo stile e design mediterraneo. Da un lato, ci sono le camere e le suite dell’albergo, dall’altro gli appartamenti della residenza, in modo che ognuno possa scegliere la tipologia di vacanza che preferisce. Le camere sono spaziose (almeno 25 mq) e ci sono Junior e Family suite con cucina e soggiorno di 40 mq, ideali per ospitare tutta la combriccola. Gli appartamenti si dividono tra ampi monolocali di 31 mq con più ambienti e loggia vista piscina, bilocali di 40 mq con grandi terrazzi, trilocali di 48 mq con due balconi per famiglie numerose. I servizi sono accurati, anche per i piccolissimi, così i genitori non hanno bisogno di caricarsi troppo prima di partire: lettini con sponde, seggiolini, culle, il servizio lavanderia a disposizione, una baby sitter professionale e un pediatra su richiesta, e tantissime attenzioni. Oltre a quelle di fronte alla struttura, l’hotel Sport ha una spiaggia privata: la Ricci Beach, dove nel 2022 è stata ripiantata la vegetazione autoctona, ricreando il contesto naturale originario di questa tipica zona marina, e dove gli ombrelloni sono molto distanziati tra loro. Una navetta elettrica accompagna gli ospiti che qui trovano servizi all’avanguardia, nuove cabine, il campo da beach volley e da beach tennis, i giochi in legno per i bambini e la palestra open air. Al ritorno dalla spiaggia, la piscina di 280 mq dell’albergo diventa l’oasi del relax e del divertimento. Per loro che sono sempre alla ricerca di nuove attività c’è, oltre all’angolo giochi all’aperto, il mini club della mascotte Marino Granchio Bagnino, con uno staff di animazione pronto a organizzare ogni giorno esperienze diverse, come i corsi per preparare la piadina romagnola, divertimenti in spiaggia e tante sorprese. L’hotel Sport è pet-friendly: le camere sono ideali per gli amici a quattro zampe, al lido trovano una dog sdraio e in struttura il servizio di dog sitting su richiesta. I menu del ristorante dell’albergo, sempre à la carte, sono ideati anche per i bambini che hanno a disposizione menu speciali studiati per loro, in base al giusto equilibrio nutrizionale e gli stimoli del gioco e delle fiabe. Le materie prime della cucina sono selezionate sul territorio: la pasta, i dolci e il pane sono fatti in casa, l’olio, il vino e il miele provengono dal podere la Fattoria dei Ricci Hotels a Santarcangelo di Romagna, il pesce azzurro è appena pescato nell’Adriatico, i salumi provengono da Cesena, così come il latte, gli yogurt, il formaggio di fossa, lo squacquerone, la frutta, gli ingredienti del gelato fatto in casa. La Fattoria è meta di feste sull’aia con tutta la famiglia una volta a settimana, per un’esperienza in campagna a un passo dai borghi romagnoli.     ­ ­ ­ [post_title] => Ricci Hotels, proposte e novità al Family Resort Hotel Sport di Cesenatico [post_date] => 2024-05-28T09:15:04+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716887704000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468206 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viaggiando dal sud del Marocco verso Marrakech si raggiunge Ouarzazate, punto di passaggio delle carovane che attraversano il deserto del Sahara. È una città ricca di sorprese, dove la storia e le tradizioni del Marocco più antico incontrano una contemporaneità inaspettata che ha al suo centro il mondo del cinema e pellicole molto famose. Alle porte del centro abitato si trova il vasto alveo dove in passato si incontravano due fiumi - il Dades e del Draa. Oggi è completamente asciutto, perché in Marocco non piove in modo significativo da 7 anni. La confluenza delle acque creava una barriera difensiva intorno ad Ait-Ben-Haddou, una “ksar” o città fortificata costruita lungo la rotta carovaniera che dal Sahara portava ai rilievi dell’Atlante e poi al mare. Dal 1987 è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Le sue prime costruzioni in terracotta risalgono all’XI secolo, ma le attuali torri, decorate con fregi geometrici, sono più tarde, del XVII secolo. È un luogo incantato, ricco di fascino e silenzio, oggi abitato solo da poche famiglie e segnato dal terremoto del 2023. Da Ait-Ben-Haddou si raggiunge Ouarzazate, cresciuta negli anni ‘20, quando i francesi ne fecero un centro militare e amministrativo. Al centro della città si trova lo stupefacente complesso della Kasbah Taourirt, il “castello della collina”. Costruita nel 1754 da una tribù berbera è una delle meglio conservate del paese. La kasbah del Marocco corrisponde al nostro castello. Vi abitava il pascià, ovvero il feudatario che coordinava il caravanserraglio riscuotendo le tasse di passaggio e controllando il lavoro dei suoi vassalli: i califfi. La kasbah, costruita in mattoni di fango essiccato al sole ricoperti di un composto isolante di paglia e fango, è quasi un labirinto di stanze di tutte le dimensioni, un tempo adornate da tappeti e vasi. Nella kasbah Taourirt ha vissuto fino al 1930 l'ultimo pascià, che aveva 19 mogli: la favorita - madre del primo maschio - 4 mogli ufficiali e 14 concubine. La costruzione viene regolarmente restaurata per preservare le mura dal passare del tempo e per accogliere i numerosi turisti. Oltre a tanti ricordi storici e a un artigianato fatto di tappeti, gioielli berberi e una ricca offerta d’accoglienza turistica fatta di infrastrutture, hotel, e guest house, Ouarzazate offre al visitatore un tuffo nel mondo dei sogni: il cinema. Sin dagli anni ‘50 i cineasti di Hollywood furono conquistati dalla luce e dalla bellezza di una terra dove era possibile girare tutto l'anno. Nel 1954 fu realizzato “Alì Babà e i 40 ladroni” con Fernandel, data invece 1962 “Lawrence d’Arabia” con Omar Sharif e, da allora sono stati girati grandi film, capolavori della storia del cinema. Il territorio offre infatti deserto, oasi, alture, città antiche, kasbah ... Tra le pellicole girate: “L’uomo che volle farsi re”, “L’uomo che sapeva troppo”, “Il gioiello del Nilo”, “007 - Zona pericolo”, “L’ultima tentazione di Cristo”, “Il té nel deserto” e anche “La Mummia”, “Il Gladiatore” I e II, “Alexander”, “Le Crociate”, “Sahara”, “Babel” e “Inception”. Inoltre le Kasbah e i paesaggi desertici hanno permesso di riprodurre l'immaginario regno di Westeros della serie “Game of Thrones” e del prequel “House of Dragon”. Nel 2007 è stato aperto di fronte alla kasbah un interessante museo che racconta la storia del cinema a Ouarzazate e testimonia il successo di un settore che ha portato ricchezza all’area con la nascita di istituti specializzati, oltre alla richiesta di accoglienza e anche di tante comparse! Sin dal 2001 queste pellicole vengono celebrate nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema di Marrakech, creato dal Re Mohammed VI. [gallery ids="468208,468214,468213"] [post_title] => Marocco, Ouarzazate: dove la storia più antica incontra il mondo del cinema [post_date] => 2024-05-28T08:58:51+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716886731000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468219 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sembra destinato ad arenarsi lungo le sponde dell'Atlantico il matrimonio fra Ita Airways e Lufthansa. Ad oggi, almeno, il decollo dell'acquisizione del 41% del capitale della compagnia aerea italiana da parte dei tedeschi rimane bloccato dalle obiezioni delle autorità antitrust europee sotto la guida di Margrethe Vestager. Non sono stati ritenuti sufficienti neppure gli ultimi rimedi presentati dalle due parti, che prevedono la separazione per due anni delle attività di Ita Airways sul Nord Atlantico da quelle di Francoforte; e l'offerta di convogliare passeggeri in viaggio tra l’Italia e Usa/Canada sugli hub di compagnie competitor - come Air France, Klm, Iberia, British Airways - siglando con loro accordi commerciali. Richieste Dalla Commissione Ue la richiesta a questo punto sarebbe andata ben oltre: come riferisce Il Corriere della Sera, Ita dovrebbe restare fuori, per sempre, dalla joint venture transatlantica A++ (quella che accomuna Lufthansa con United Airlines ed Air Canada), anche quando il gruppo tedesco avrà rilevato il 100% del capitale del vettore italiano. Richiesta difficile da comprendere anche secondo gli esperti consultati dal quotidiano, che viene giudicata addirittura di poco senso sia dal punto di vista industriale sia per la tutela del consumatore. Una barriera non da poco quella che si trova davanti al ceo di Lufthansa, Carsten Spohr, ammesso che il colosso tedesco si sempre disposto a volerla superare o - come affermato settimane fa -, "ci sono linee rosse che non supereremo". [post_title] => Ita-Lufthansa e il muro dell'Ue sull'Atlantico: le rotte della discordia [post_date] => 2024-05-28T08:45:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716885933000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "kel 12 rinnova lofferta namibia che diventa unique" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":39,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2353,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468267","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Scoprire il Nord Sardegna dal mare, raggiungere le piccole calette della Costa Smeralda o dell’Arcipelago di La Maddalena fino al sud della Corsica con prestigiosi yacht e gommoni in esclusiva guidati da comandanti esperti. Con un incremento del 20% negli ultimi due anni, cresce la domanda di servizi charter esclusivi nel Nord Sardegna: è quanto emerge da un’analisi delle richieste registrate da Poseidon Charter che da oltre 20 anni opera nel settore del noleggio di imbarcazioni da diporto nel Nord Sardegna.\r\n\r\n \r\nUna flotta di sei tra imbarcazioni e maxi rib ormeggiati nella marina di Cala Capra, approdo turistico privato a soli 3 chilometri da Palau, con possibilità di imbarco da tutti i porti della Gallura. Una posizione strategica, incastonata nel golfo naturale di Cala Capra, sotto la famosa Roccia dell’Orso, ideale per partire alla scoperta dell’Arcipelago di La Maddalena e della Costa Smeralda. La Marina di Cala Capra è a meno di 15 minuti di navigazione dall’Isola di Caprera e dalla cittadina di La Maddalena a nord, mentre a sud dista 10 minuti da Baja Sardinia e Poltu Quatu, 20 minuti da Porto Cervo.\r\n\r\nNuove soluzioni\r\nNovità 2024, il Joker Boat Clubman 35 della lunghezza di 10,70 m con ampie aree prendisole nella zona giorno, sia a prua che a poppa, adatto ad ospitare comodamente un gruppo composto da 8/10 persone. Un gommone di grandi dimensioni che arricchisce una flotta di prestigiose imbarcazioni a motore, a partire dal Riviera 4000 off-shore di 40 piedi concepita dal rinomato cantiere australiano, dal design sportivo ed elegante con ampi tendalini, un salottino esterno e il pozzetto attrezzato con comode sedute. La soluzione ideale per noleggi di una giornata per escursioni verso la Corsica e le isole dell’Arcipelago di La Maddalena.\r\n\r\n \r\nLa collezione di gommoni a noleggio con comandante di Poseidon Charter comprende anche un Joker Boat Clubman 30, gommone walkaround che sfiora i 10 metri con consolle centrale, ideale per lunghe giornate in mare tra l’Arcipelago di La Maddalena, la Corsica e la Costa Smeralda, un BWA 33 GTO di oltre 10 metri che unisce lusso e confort, pensato per ottimizzare al massimo il piacere della vita a bordo e un BWA 26 GTO che unisce praticità e eleganza, varati nel 2022. Completano la flotta 8 gommoni Ribmarine 40 cavalli per la guida senza patente varati nel 2022 che permettono alla clientela più autonoma di vivere le emozioni che solo l’Arcipelago di La Maddalena sa regalare.\r\n\r\n \r\nSoluzioni per la navigazione che, rispetto alle grandi imbarcazioni, offrono la possibilità di avvicinarsi più facilmente alle piccole baie e navigare lungo tratti di costa con fondali più bassi, non raggiungibili da grandi yacht e barche a vela, senza rinunciare al comfort e alla sicurezza.","post_title":"Nord Sardegna: Poseidon incrementa l'offerta dei gommoni luxury a noleggio","post_date":"2024-05-28T12:01:55+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1716897715000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468239","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468261\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, il vice governatore Billy Nungesser e il console Douglass Benning[/caption]\r\n\r\n«La Louisiana non è 'solo' il Paese della musica, ma anche della cultura e dei sapori. È una destinazione piena di colori - ha sottolineato Douglass Benning, console generale, che evidenzia l’importanza di questa risorsa da preservare -. La nostra offerta turistica è davvero composita. E ci sono molte similitudini con l’Italia. Il carnevale del martedì grasso di New Orleans, ad esempio, ricorda quello di Venezia. Parchi e città da esplorare e una natura da vivere tra le numerose riserve naturali».\r\n\r\nIl mercato Italia occupa il quarto posto in termini di arrivi tra i principali Paesi europei e il nono a livello mondiale.\r\n\r\n«Il prodotto migliore della Louisiana è però la sua gente. L’accoglienza è speciale: puoi farti un amico per sempre – aggiunge Billy Nungesser, vice governatore della Louisiana -. La cucina ha diverse sfaccettature, ricca di sapori e sensazioni, con una grande varietà, di cui molti piatti a base di pesce». E sono ben 400 le fiere gastronomiche da aggiungere come tappa in un itinerario di viaggio.\r\n\r\nOltre 400 feste in tutto l’anno, dal jazz, alla cultura, storia e colore che raccontano un pezzo di storia del Paese. La destinazione è patria di famosi musicisti, da Elvis Presley a Louis Armstrong, Jerry Lee Lewis. Tra jazz e blues, la musica permea ogni angolo del Paese, nelle sale da concerto come nei bar: «E' qualcosa di unico».\r\n\r\nLe tre le aree turistiche distinguono in un Sud con i Bayou nel delta del Mississippi e la natura. Il Centro con le immense piantagioni e le sgranatrici di cotone. Il Nord meno conosciuto con il Lago Black Bayou, il Giardino della Rosa Americana, Poverty Point, il Museo militare e dell’aviazione di Chennault.","post_title":"La Louisiana si presenta in Italia, fra musica, cultura e sapori","post_date":"2024-05-28T11:44:43+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716896683000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468237","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Preannunciato lo scorso febbraio è arrivato finalmente il nuovo portale di prenotazione b2b di King Holidays: un'interfaccia unica, pensata  per essere semplice da utilizzare, a disposizione degli agenti di viaggio per realizzare pacchetti dinamici, anche multi-destinazione, confermare le proposte a disponibilità garantita e accedere alla programmazione da catalogo, modificandola sulla base delle richieste del cliente.\r\n\r\n“La grande novità è l’utilizzo innovativo di una piattaforma già conosciuta dal mercato (Travel Compositor, ndr), che abbiamo arricchito con tutte le nostre esperienze esclusive - spiega il direttore commerciale del to, Roberto Minardi -: un lavoro lungo e complesso che ci permette oggi di offrire alle agenzie uno strumento altamente performante. I nostri clienti, del resto, spesso cercano attività e proposte ritagliate su misura che, per ovvie ragioni, non possono trovare spazio nei programmi standard da catalogo”. Dopo una fase di sperimentazione con una selezione di agenzie partner, la piattaforma è stata rilasciata in questo mese di maggio ed è accessibile da qualsiasi device attraverso il sito del tour operator, cliccando su Dynamic Booking, oppure direttamente dal link https://bookingonline.kingholidays.it/\r\n\r\n“Siamo sicuri di offrire uno strumento molto competitivo anche dal punto di vista economico – prosegue Minardi – non solo in virtù delle sinergie con Mapa Group Travel e le altre società della holding Wamos Group, ma anche perché abbiamo scelto di ridurre sensibilmente i nostri margini a favore dei dettaglianti. L’obiettivo è duplice: aumentare i volumi delle agenzie già fidelizzate e ampliare la penetrazione sul territorio in diverse regioni, contando anche sul supporto dei nuovi area manager. Stimiamo entro la fine dell’anno un incremento di fatturato del 20%”. Il lancio del dynamic booking si inserisce peraltro in un periodo di grandi cambiamenti per l'operatore, che recentemente ha spostato la sede operativa di Roma in nuovi uffici più funzionali, moderni e spaziosi.","post_title":"King Holidays rinnova il portale di prenotazione b2b. Obiettivo 2024: +20% di fatturato","post_date":"2024-05-28T11:21:38+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716895298000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468184","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il sodalizio tra Emirates e l'Italia si esplicita anche attraverso prodotti e cibi che contraddistinguono l'offerta di bordo della compagnia aerea di Dubai. \r\nEmirates celebra l’italianità, mettendo in risalto il gusto unico del Paese nel cibo e nei vini che vengono serviti sui propri voli verso oltre 130 destinazioni. Dagli amenity kit di Bulgari al caffè Lavazza, dall'olio d'oliva e aceto balsamico di Monte Vibiano ai vini italiani: l'esperienza a bordo degli aerei Emirates è all'insegna del lusso Made in Italy.\r\nI numeri? Sono 3,2 milioni gli amenity kit Bulgari che, solo nel 2023, sono stati distribuiti a bordo dei voli del vettore; tra la selezioni di vini serviti a bordo, 11 sono italiani: i soli vini italiani hanno un valore complessivo di circa 1,6 milioni di euro nel solo 2023nel 2023, sono state . Complessivamente nel 2023 sono state utilizzate oltre 560.000 confezioni da 70 gr di caffè Lavazza e sono state servite a bordo poco più di 3,7 milioni di cialde (tra caffè espresso e decaffeinato). Ogni anno, la compagnia aerea serve circa 3,5 milioni di bottiglie monodose di olio d'oliva e aceto balsamico Monte Vibiano ai suoi passeggeri di First e Business Class.\r\nEmirates vola in Italia da oltre trent’anni, favorendo gli spostamenti di migliaia di passeggeri ogni anno tra i quattro gateway principali di Roma, Milano, Bologna e Venezia e Dubai. Solo lo scorso anno, il vettore ha trasportato oltre 1,4 milioni di passeggeri su più di 1.400 voli di andata e ritorno da e per l'Italia. \r\n“L'Italia ed Emirates condividono un legame profondo - ha dichiarato Flavio Ghiringhelli, country manager di Emirates in Italia -. Il nostro Paese, con il suo impareggiabile patrimonio culturale e la sua bellezza paesaggistica, è un mercato strategico per Emirates, ma allo stesso tempo è anche il partner ideale: la compagnia aerea e il Belpaese sono, infatti, uniti da un insieme di valori che li rendono distintivi e apprezzati in tutto il mondo. Entrambi offrono i migliori prodotti, dispongono di servizi di altissima qualità e regalano esperienze di viaggio uniche. Ad oggi abbiamo partnership attive con prestigiosi marchi italiani come Bulgari, Monte Vibiano, Lavazza e con alcune delle migliori etichette di vino, e ci auguriamo che questo percorso di reciproca collaborazione continui per molti anni a venire”.","post_title":"Emirates: il sodalizio con l'Italia passa anche da prodotti e cibi Made in Italy","post_date":"2024-05-28T10:10:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716891022000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468229","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea conquista quote di mercato in Francia dove diventa la compagnia aerea con la maggiore presenza per numero di rotte. Il vettore spagnolo conta infatti 270 rotte domestiche, dato che lo porta a superare Air France in un mercato che già rappresenta il 60% del suo business totale.\r\n\r\nCome evidenzia Preferente.com, Volotea oggi dispone di nove basi nel paese d'Oltralpe - Bordeaux, Lille, Lione, Lourdes, Marsiglia, Nantes, Strasburgo, Tolosa e Brest - e il 55% di tutte le rotte operate sono in esclusiva. \r\n\r\n\"In Europa, un terzo della popolazione vive in grandi città con più di 2 milioni di abitanti, ma i restanti due terzi vivono in città di piccole o medie dimensioni. Tuttavia, queste rappresentano solo il 29% dell'offerta di traffico aereo, rispetto al 71% delle grandi città. Siamo nati con questa vocazione e ora abbiamo 450 rotte che prima non esistevano e su cui abbiamo pochissima concorrenza. Siamo gli unici sulla maggior parte di esse\", ha dichiarato il fondatore Carlos Muñoz.\r\n\r\nPer quest'anno Volotea ha previsto un totale di 7,5 milioni di posti in vendita in Francia e conta di operare 45.000 voli, collegando fino a 84 città europee e atterrando in 17 paesi diversi. ","post_title":"Volotea protagonista sul mercato domestico francese con un network di 270 rotte","post_date":"2024-05-28T09:33:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716888788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468173","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2024 dai grandi numeri per l’aeroporto di Olbia che si appresta a superare il proprio record di passeggeri movimentati, superando quota 3,5 milioni. Il nuovo primato – come evidenzia La Nuova Sardegna – è figlio del boom del turismo post pandemia, ma soprattutto delle strategie portate avanti dalla Geasar, la società di gestione che è passata nelle mani del fondo infrastrutturale F2I.\r\n\r\n«Le prospettive sono ottime, sotto il profilo del volume complessivo dei transiti del 2024 ci aspettiamo circa 3,5 milioni di passeggeri, in aumento di circa il 10% rispetto all’anno scorso, che già era stato un anno record per il Costa Smeralda – sottolinea Mario Garau, responsabile sviluppo rotte di Geasar –. Il dato di assoluto rilievo è quello che la stagione ha avuto inizio molto prima rispetto al passato e siamo in crescita di circa il 45% rispetto al maggio del 2023:tutte le nostre compagnie partner, da quelle low cost, come easyjet, Volotea e Wizz Air, ma anche Lufthansa a Iag, con British Airways e Iberia, hanno deciso di anticipare le operazioni con prodotti turistici anche nella cosiddetta stagione di spalla».\r\n\r\nNord Sardegna avanti tutta\r\n\r\nDallo scorso 31 marzo e fino al 26 ottobre 2024, il network degli aeroporti di Alghero e Olbia è stato ampliato grazie all’aggiunta di 14 novità, per un totale di 149 collegamenti, di cui cento internazionali e quarantanove domestici, operati da quaranta compagnie aeree che collegheranno il Nord Sardegna con ventiquattro Paesi. Nei due scali saranno messi in vendita 5,8 milioni di posti offerti, il 14% in più rispetto allo scorso anno.\r\n\r\nPer l’aeroporto di Alghero si prospetta una delle migliori stagioni di sempre. L’aeroporto Costa Smeralda si arricchisce di 13 nuovi destinazioni e di due nuove compagnie aree: Ryanair, che inaugura 10 collegamenti (Bergamo, Bologna, Bruxelles Charleroi, Copenaghen, Cracovia, Londra Stansted, Parigi Beauvais, Trieste e Vienna), la compagnia BA City Flyer, sussidiaria di British Airways, che collegherà Olbia con Edimburgo. Tra le novità, Volotea amplia l’offerta dei voli con la Francia, aggiungendo Brest, ed Eurowings attiva il collegamento con Hannover.\r\n\r\nAltra ottima notizia per Olbia è poi l’avanzamento del progetto per il collegamento ferroviario che unirà il Costa Smeralda con la rete dell'Isola, del valore di 231 milioni di euro. Intervento che rientra fra le opere comprese nel perimetro del Pnrr. Rete Ferroviaria Italiana ha concluso le procedure di valutazione per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori. Il piano prevede la realizzazione di un nuovo tracciato di circa 3,4 chilometri che, partendo dalla linea Golfo Aranci - Macomer, attraverso la stazione Olbia Terranova, arriva presso l'aeroporto Costa Smeralda dove verrà realizzata una nuova stazione di testa a due binari. Il progetto prevede inoltre il collegamento alla linea in direzione sud, verso Chilivani/Macomer, mediante un collegamento ferroviario di circa 1 chilometro.\r\nAll'attuale individuazione del migliore offerente farà seguito l'avvio della progettazione esecutiva segnando così un importante traguardo nello sviluppo dell'opera la cui attivazione è prevista entro il 2026.","post_title":"Olbia verso i 3,5 mln di passeggeri. E nel 2026 arriva il collegamento ferroviario","post_date":"2024-05-28T09:25:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716888309000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468192","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Servizi speciali per i più piccoli, un grande parco piscina, la scelta tra camere e appartamenti, menù speciali, accoglienza pet-friendly e spiaggia privata: all’hotel Sport, Family Resort dei Ricci Hotels in una posizione riservata e silenziosa a 100 metri dal mare bandiera Blu di Cesenatico le proposte per le famiglie sono tantissime.\r\n\r\nUna grande struttura dallo stile e design mediterraneo. Da un lato, ci sono le camere e le suite dell’albergo, dall’altro gli appartamenti della residenza, in modo che ognuno possa scegliere la tipologia di vacanza che preferisce. Le camere sono spaziose (almeno 25 mq) e ci sono Junior e Family suite con cucina e soggiorno di 40 mq, ideali per ospitare tutta la combriccola. Gli appartamenti si dividono tra ampi monolocali di 31 mq con più ambienti e loggia vista piscina, bilocali di 40 mq con grandi terrazzi, trilocali di 48 mq con due balconi per famiglie numerose.\r\n\r\nI servizi sono accurati, anche per i piccolissimi, così i genitori non hanno bisogno di caricarsi troppo prima di partire: lettini con sponde, seggiolini, culle, il servizio lavanderia a disposizione, una baby sitter professionale e un pediatra su richiesta, e tantissime attenzioni. Oltre a quelle di fronte alla struttura, l’hotel Sport ha una spiaggia privata: la Ricci Beach, dove nel 2022 è stata ripiantata la vegetazione autoctona, ricreando il contesto naturale originario di questa tipica zona marina, e dove gli ombrelloni sono molto distanziati tra loro. Una navetta elettrica accompagna gli ospiti che qui trovano servizi all’avanguardia, nuove cabine, il campo da beach volley e da beach tennis, i giochi in legno per i bambini e la palestra open air. Al ritorno dalla spiaggia, la piscina di 280 mq dell’albergo diventa l’oasi del relax e del divertimento. Per loro che sono sempre alla ricerca di nuove attività c’è, oltre all’angolo giochi all’aperto, il mini club della mascotte Marino Granchio Bagnino, con uno staff di animazione pronto a organizzare ogni giorno esperienze diverse, come i corsi per preparare la piadina romagnola, divertimenti in spiaggia e tante sorprese. L’hotel Sport è pet-friendly: le camere sono ideali per gli amici a quattro zampe, al lido trovano una dog sdraio e in struttura il servizio di dog sitting su richiesta.\r\n\r\nI menu del ristorante dell’albergo, sempre à la carte, sono ideati anche per i bambini che hanno a disposizione menu speciali studiati per loro, in base al giusto equilibrio nutrizionale e gli stimoli del gioco e delle fiabe. Le materie prime della cucina sono selezionate sul territorio: la pasta, i dolci e il pane sono fatti in casa, l’olio, il vino e il miele provengono dal podere la Fattoria dei Ricci Hotels a Santarcangelo di Romagna, il pesce azzurro è appena pescato nell’Adriatico, i salumi provengono da Cesena, così come il latte, gli yogurt, il formaggio di fossa, lo squacquerone, la frutta, gli ingredienti del gelato fatto in casa. La Fattoria è meta di feste sull’aia con tutta la famiglia una volta a settimana, per un’esperienza in campagna a un passo dai borghi romagnoli.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Ricci Hotels, proposte e novità al Family Resort Hotel Sport di Cesenatico","post_date":"2024-05-28T09:15:04+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716887704000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468206","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Viaggiando dal sud del Marocco verso Marrakech si raggiunge Ouarzazate, punto di passaggio delle carovane che attraversano il deserto del Sahara. È una città ricca di sorprese, dove la storia e le tradizioni del Marocco più antico incontrano una contemporaneità inaspettata che ha al suo centro il mondo del cinema e pellicole molto famose.\r\n\r\nAlle porte del centro abitato si trova il vasto alveo dove in passato si incontravano due fiumi - il Dades e del Draa. Oggi è completamente asciutto, perché in Marocco non piove in modo significativo da 7 anni. La confluenza delle acque creava una barriera difensiva intorno ad Ait-Ben-Haddou, una “ksar” o città fortificata costruita lungo la rotta carovaniera che dal Sahara portava ai rilievi dell’Atlante e poi al mare. Dal 1987 è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Le sue prime costruzioni in terracotta risalgono all’XI secolo, ma le attuali torri, decorate con fregi geometrici, sono più tarde, del XVII secolo.\r\n\r\nÈ un luogo incantato, ricco di fascino e silenzio, oggi abitato solo da poche famiglie e segnato dal terremoto del 2023. Da Ait-Ben-Haddou si raggiunge Ouarzazate, cresciuta negli anni ‘20, quando i francesi ne fecero un centro militare e amministrativo. Al centro della città si trova lo stupefacente complesso della Kasbah Taourirt, il “castello della collina”. Costruita nel 1754 da una tribù berbera è una delle meglio conservate del paese.\r\n\r\nLa kasbah del Marocco corrisponde al nostro castello. Vi abitava il pascià, ovvero il feudatario che coordinava il caravanserraglio riscuotendo le tasse di passaggio e controllando il lavoro dei suoi vassalli: i califfi. La kasbah, costruita in mattoni di fango essiccato al sole ricoperti di un composto isolante di paglia e fango, è quasi un labirinto di stanze di tutte le dimensioni, un tempo adornate da tappeti e vasi. Nella kasbah Taourirt ha vissuto fino al 1930 l'ultimo pascià, che aveva 19 mogli: la favorita - madre del primo maschio - 4 mogli ufficiali e 14 concubine. La costruzione viene regolarmente restaurata per preservare le mura dal passare del tempo e per accogliere i numerosi turisti. \r\n\r\nOltre a tanti ricordi storici e a un artigianato fatto di tappeti, gioielli berberi e una ricca offerta d’accoglienza turistica fatta di infrastrutture, hotel, e guest house, Ouarzazate offre al visitatore un tuffo nel mondo dei sogni: il cinema. Sin dagli anni ‘50 i cineasti di Hollywood furono conquistati dalla luce e dalla bellezza di una terra dove era possibile girare tutto l'anno. Nel 1954 fu realizzato “Alì Babà e i 40 ladroni” con Fernandel, data invece 1962 “Lawrence d’Arabia” con Omar Sharif e, da allora sono stati girati grandi film, capolavori della storia del cinema. Il territorio offre infatti deserto, oasi, alture, città antiche, kasbah ... Tra le pellicole girate: “L’uomo che volle farsi re”, “L’uomo che sapeva troppo”, “Il gioiello del Nilo”, “007 - Zona pericolo”, “L’ultima tentazione di Cristo”, “Il té nel deserto” e anche “La Mummia”, “Il Gladiatore” I e II, “Alexander”, “Le Crociate”, “Sahara”, “Babel” e “Inception”. Inoltre le Kasbah e i paesaggi desertici hanno permesso di riprodurre l'immaginario regno di Westeros della serie “Game of Thrones” e del prequel “House of Dragon”.\r\n\r\nNel 2007 è stato aperto di fronte alla kasbah un interessante museo che racconta la storia del cinema a Ouarzazate e testimonia il successo di un settore che ha portato ricchezza all’area con la nascita di istituti specializzati, oltre alla richiesta di accoglienza e anche di tante comparse! Sin dal 2001 queste pellicole vengono celebrate nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema di Marrakech, creato dal Re Mohammed VI.\r\n\r\n[gallery ids=\"468208,468214,468213\"]","post_title":"Marocco, Ouarzazate: dove la storia più antica incontra il mondo del cinema","post_date":"2024-05-28T08:58:51+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716886731000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468219","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sembra destinato ad arenarsi lungo le sponde dell'Atlantico il matrimonio fra Ita Airways e Lufthansa. Ad oggi, almeno, il decollo dell'acquisizione del 41% del capitale della compagnia aerea italiana da parte dei tedeschi rimane bloccato dalle obiezioni delle autorità antitrust europee sotto la guida di Margrethe Vestager.\r\n\r\nNon sono stati ritenuti sufficienti neppure gli ultimi rimedi presentati dalle due parti, che prevedono la separazione per due anni delle attività di Ita Airways sul Nord Atlantico da quelle di Francoforte; e l'offerta di convogliare passeggeri in viaggio tra l’Italia e Usa/Canada sugli hub di compagnie competitor - come Air France, Klm, Iberia, British Airways - siglando con loro accordi commerciali.\r\nRichieste\r\nDalla Commissione Ue la richiesta a questo punto sarebbe andata ben oltre: come riferisce Il Corriere della Sera, Ita dovrebbe restare fuori, per sempre, dalla joint venture transatlantica A++ (quella che accomuna Lufthansa con United Airlines ed Air Canada), anche quando il gruppo tedesco avrà rilevato il 100% del capitale del vettore italiano. Richiesta difficile da comprendere anche secondo gli esperti consultati dal quotidiano, che viene giudicata addirittura di poco senso sia dal punto di vista industriale sia per la tutela del consumatore.\r\n\r\nUna barriera non da poco quella che si trova davanti al ceo di Lufthansa, Carsten Spohr, ammesso che il colosso tedesco si sempre disposto a volerla superare o - come affermato settimane fa -, \"ci sono linee rosse che non supereremo\".","post_title":"Ita-Lufthansa e il muro dell'Ue sull'Atlantico: le rotte della discordia","post_date":"2024-05-28T08:45:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1716885933000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti