9 December 2022

Guiness Travel: la stagione invernale segna il ritorno delle città mitteleuropee

[ 0 ]

Focus su ponti e festività per il prodotto autunno – inverno di Guiness Travel. “Gli italiani hanno sempre più voglia di viaggiare e, nonostante l’estate si sia appena conclusa, pensano già ai prossimi tour, da ottobre fino a Capodanno”, spiega Michele Mosca, product manager del to. Tante le possibilità già dal ponte di Ognissanti: da viaggi più brevi a soggiorni più lunghi, con particolare attenzione alle capitali o agli itinerari Gran tour in Italia, Europa o mondo. Da registrare un ritorno di interesse sulle città mitteleuropee come Vienna, Praga e Budapest, in rialzo dopo una prolungata flessione. Continua invece il trend positivo sul Portogallo e la Francia. Sul versante mondo, si riaffaccia inoltre l’India e si riconfermano gli Emirati Arabi e soprattutto la Giordania, destinazione regina del medio raggio, a metà strada tra Mediterraneo e Medioriente.

“Abbiamo puntato molto sulla programmazione mondo, anche in virtù dei contingenti allotment di cui disponiamo e che permettono una vasta vendibilità da tutta Italia”, aggiunge la sales manager Elvira D’Aversa. Ottimi riscontri anche per gli itinerari in programmazione a dicembre, in promozione advanced booking fino al 30 settembre. I mercatini di Natale catalizzano l’attenzione della prima parte del mese, oltre agli evergreen rappresentati dalle città europee e i tour in Trentino e Alto Adige in formula bus.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435555 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha recentemente aperto a Roma l'Umiltà 36, dopo un importante intervento a cura dell’interior contractor valtellinese Concreta, che ha realizzato l'arredo delle 47 chiavi della struttura distribuite su quattro piani tra camere e suite, a cui si aggiungono due piani di appartamenti con metrature importanti, tutte diverse tra loro. La proprietà si colloca all'interno di un palazzo storico che aveva precedentemente ospitato uffici direzionali e spazi commerciali e che rivela il suo tratto elegante fin dall'ingresso, dove un portone in legno si apre in un alto androne con volta a botte. La direzione dei lavori è stata affidata allo studio CaberlonCaroppi, che ha progettato il concept, disegnato gli interni e coadiuvato gli interventi strutturali, proponendo un ritorno al progetto originale dello stabile, enfatizzando maggiormente le altezze e ripristinando la doppia altezza del piano che negli anni, attraverso le varie destinazioni d’uso, era stata ribassata in un piano ammezzato. L'offerta dell'Umiltà 36 è completata dal Dandy Cafè, The Unexpected Place in Rome, mentre all'ultimo piano, la terrazza Flores panoramica con affaccio sul Quirinale e sul Vittoriano è pensata per ospitare il ristorante all'aperto in versione lounge e cocktail bar. Parte del piano terra è infine stato destinato al ristorante El Porteño Gourmet di ispirazione argentina e gestito dagli ideatori del Porteño di Milano. Aperto a settembre 2022, con i suoi 120 posti a sedere accoglie gli ospiti sette giorni su sette, a pranzo e a cena. Umiltà 36 fa parte della Shedir Collection, controllata da Eduardo Safdie, che è anche socio del gruppo alberghiero fiorentino JK Place. Al momento gestisce quattro strutture, due di proprietà (il Maalot di Roma e il Capri Tiberio Palace) e altrettante in affitto (il Vilòn e lo stesso Umiltà 36, entrambi situati nella città Eterna). Un'ulteriore apertura capitolina è attesa per il prossimo aprile, quando è in calendario l'inaugurazione di Palazzo Roma. Stando a quanto dichiarato dal ceo della compagnia, Claudio Ceccherelli, a Pambianco Hotellerie, la Shedir Collection dovrebbe chiudere l'anno con un fatturato di 28 milioni di euro. [post_title] => Concreta e CaberlonCaroppi a monte del progetto capitolino Umiltà 36 della Shedir Collection [post_date] => 2022-12-09T13:40:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670593251000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435637 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo lo stop imposto dalla pandemia, anche quest’anno al Giardino Inglese torna l’appuntamento più atteso da bambini e famiglie. Da giovedì 8 dicembre, parte la nuova edizione di “Palermo on Ice”, la pista di pattinaggio su ghiaccio che da undici edizioni si conferma l’evento natalizio per eccellenza. Aperto fino al prossimo sabato 7 gennaio, il pattinodromo al civico 3 di via Duca della Verdura colorerà non solo le feste ma l’inverno in città. Taglio del nastro l’8 dicembre, nel giorno dell’Immacolata. Dalla mattina alla sera, dal lunedì alla domenica, bambini e adulti potranno indossare calzini monouso, cuffietta, pattini e casco per pattinare sul ghiaccio. Ad accompagnarli un pattinatore professionista, nel pieno rispetto della sicurezza. Tutti i pattini saranno igienizzati prima e dopo l’uso e avranno lame su misura. All’interno della tensostruttura - realizzata con materiali ecosostenibili il cui ghiaccio viene posato su una superficie di polistirolo espanso che preserva la manutenzione del pavimento esistente - da quest’anno le zone destinate al cambio pattini saranno ancora più confortevoli. Saranno infatti installati alcuni armadietti (a codice univoco, senza lucchetto) che agevoleranno le attese dei pattinatori, resi per il primo anno indipendenti. La pista quest’anno supera gli 800 metri quadrati di ghiaccio. Interamente al coperto, sonorizzata grazie alla filodiffusione, addobbata a festa, è la prima pista palermitana di pattinaggio formato extralarge. In questo periodo di caro bollette, in cui la sostenibilità la fa da padrone, “Palermo on Ice” strizza l’occhio al risparmio e all’efficienza energetica. All’interno della struttura un chiller ad alta tecnologia, di ultima generazione, molto silenzioso. Una scelta green, a cui la Big Ice, la società che da anni organizza l’evento, non ha rinunciato. Babbo Natale di “Palermo on Ice”, inoltre, porterà i suoi doni ai bambini di una casa-famiglia. Saranno 1.000 i biglietti gratuiti per l’accesso alla pista del Giardino Inglese. La pista rimarrà aperta ogni giorno fino a sabato 7 gennaio 2023, dal lunedì al giovedì dalle 9 a mezzanotte (il venerdì, il sabato, la domenica e i festivi, apertura estesa fino all’una di notte). L’ingresso costa 7 euro per chi vorrà pattinare mezz’ora, 9 euro invece per un’ora. Il costo include il noleggio di pattini, calze monouso, igienizzazione dei pattini e posto armadietto per le scarpe. Con 1 euro in più si può contare sull’aiuto-pattino. [post_title] => Palermo on ice, riprende l'appuntamento dopo lo stop del Covid [post_date] => 2022-12-09T11:00:14+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670583614000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435543 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per oltre 40 giorni la città di Cortona offrirà appuntamenti, iniziative culturali e di intrattenimento, all'insegna del divertimento e della solidarietà. Fino all’8 di gennaio, intorno al centro storico, saranno presenti i mercatini artigianali e gastronomici. Piazza Signorelli, grazie alla «copertura crystal», sarà il luogo degli spettacoli e degli eventi, piazza della Repubblica sarà protagonista con esibizioni, videomapping e nevicata. Ricco il cartellone degli eventi, come quelli letterari con Laura Delli Colli (11 dicembre) e Gabriella Genisi (6 gennaio). Giovedì 8 lo spettacolo Girlesque Street Band e alle 18 «Artificial Intelligence Videomapping» che sarà di scena anche venerdì 9, seguito dal concerto di Arezzo Flute Ensemble. Domenica 11 appuntamento dedicato al gemellaggio fra la Compagnia Il Cilindro e il Gruppo Folkloristico di Amatrice. Martedì 13 alle 21 il concerto «Le 4 stagioni» al Teatro Signorelli. Venerdì 16 lo spettacolo di Riccardo Listìni dedicato ad Aldo Moro. Sabato 17 alle 18 torna il videomapping e alle 21,30 «Un Natale per la ricerca» cena di gala con spettacolo e donazione all'istituto Besta con l'attrice Angelica Cacciapaglia e Walter Sterbini. Domenica 18 alle 17,30 è di scena la nevicata artificiale e a seguire lo spettacolo di videomapping. Lunedì 19 al Teatro Signorelli il «Concerto di Natale» con l’Orchestra regionale della Toscana. Per la vigilia, il giorno di Natale e il 26 dicembre torna il videomapping alle 18 in piazza della Repubblica. A Santo Stefano alle 17.30 al Duomo si terrà il Concerto “I bambini cantano il Natale" diretto da Raffaello Bruni, con l’organista Massimiliano Rossi, alle 18 il videomapping che torna anche il 5, 6 e 7 gennaio. Da segnalare gli eventi di fine anno con la Cena gourmet di San Silvestro, il Capodanno in piazza Signorelli, la Colazione al Museo e il Concerto di Capodanno della Cor Orchestra. Per l’Epifania la Befana arriva in Zipline, in piazza della Repubblica è in programma il corteo dei Re Magi. Tutto il programma è consultabile su www.cortonanatale.it   [post_title] => Natale di Stelle a Cortona: tutti gli eventi [post_date] => 2022-12-09T10:59:31+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670583571000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435669 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lentamente il settore si sta riprendendo da due anni di crisi nera. Infatti il turismo è in crescita per il Ponte dell'Immacolata, anche se senza "tutto esaurito", soprattutto per le località di montagna e per molte città d'arte. I risultati sono complessivamente positivi, anche se ancora sotto i livelli pre-pandemia. In generale, la saturazione dell'offerta ricettiva tra il 7 e l'11 dicembre dovrebbe attestarsi al 71%, per un totale di circa 4,5 milioni di pernottamenti. Emerge da un'analisi condotta da Cst - Centri Studi Turistici per Assoturismo Confesercenti sulla disponibilità di camere e altre sistemazioni sui vari portali delle Online Travel Agencies.  Il movimento di turisti per il ponte dell'Immacolata è atteso per tutte le tipologie di destinazione, anche se località montane e mete culturale rimangono le più gettonate. In particolare, il tasso di occupazione delle strutture delle aree montane si attesta all'82%, mentre quello delle città d'arte è al 78% con punte di oltre il 90% per alcune realtà. Al di sotto della media, invece, le prenotazioni nelle strutture delle località marine, termali e dei laghi. I risultati, inoltre, indicherebbero un trend abbastanza diversificato tra le macroaree del Paese. In assoluto, le regioni che presentano un maggior dinamismo sono quelle del Nord Italia e del Centro.  Potrebbe trattarsi di un rallentamento fisiologico della domanda prima delle vacanze natalizie, ma ad oggi resta il dato rilevante di un 2022 che ha registrato una significativa crescita del mercato. Secondo i dati provvisori relativi ai primi 8 mesi dell'anno (gennaio-agosto 2022), il numero dei pernottamenti in Italia è aumentato del +46,2%, avvicinandosi ai livelli del 2019 (-11,5%). Le presenze dei turisti stranieri, rispetto al 2021, sono cresciute del +110,8%, anche se la distanza con i valori del 2019 segna ancora il -15,5%. Invece, le presenze degli italiani sono aumentate del +14,9%, con una differenza rispetto al 2019 del -7,6% Nei prossimi mesi si avrà un quadro più preciso della movimentazione del mercato, ma i dati provvisori tendono a confermare il consolidamento della ripresa, sostenuta soprattutto dalla crescita del turismo internazionale.   [post_title] => Assoturismo: settore in crescita nel ponte dell'Immacolata. Ma senza il "tutto esaurito" [post_date] => 2022-12-09T10:23:09+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670581389000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435601 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I lavori di preparazione delle piste e di set up degli impianti a Domobianca365 sono già in corso e dopo tre settimane di lavoro finalmente è arrivata la neve. Circa 80 centimetri in quota e 20 alla partenza degli impianti. Neve che consente al team di Domobianca365 di pianificare l’imminente partenza della stagione invernale 22/23.  Il 16 dicembre le seggiovie e le sciovie di Domobianca365 saranno in funzione per portare in quota e sulle piste gli appassionati, le famiglie e chi vorrà passare giornate di sci, divertimento e gusto nel comprensorio a soli 15 minuti dal centro di Domodossola.  I motori della macchina operativa stanno girando alla massima potenza e tutto lo staff è impegnato nelle operazioni di preparazione dei 21 km di piste e dei tre punti ristoro: LuseBar, Baita Motti e Skibar pronti ad accogliere gli ospiti con i loro piatti e le loro prelibatezze.  Nelle prossime ore sono attese basse temperature, utilissime per completare con l’innevamento artificiale la preparazione della pista Prati, e ulteriori nevicate attese per il prossimo fine settimana potranno rendere ancora migliore il manto nevoso preparato in maniera impeccabile come usa nella stazione sciistica di Domodossola da sempre ricercata per la qualità delle sue piste.  Per la stagione 2022/23 il costo dello skipass giornaliero a Domobianca365 sarà di 36 euro nei giorni festivi e di 29 euro nei giorni feriali. Lo skipass ridotto costa rispettivamente 29 euro e 23 euro. [post_title] => Domobianca365: tutto pronto per iniziare la stagione invernale [post_date] => 2022-12-09T10:01:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670580098000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian ha archiviato novembre con 1,4 milioni di passeggeri trasportati, pari ad un aumento del 37% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il load factor è stato del 79,5% e le rotte verso le destinazioni balneari dell'Europa meridionale sono state particolarmente apprezzate con un load factor vicino al 90%, dalla Norvegia. "Anche se siamo in bassa stagione, la domanda di viaggi aerei continua ad essere persistente, in particolare verso le più popolari destinazioni balneari - ha dichiarato Geir Karlsen, ceo del vettore -. A novembre, il load factor sulle rotte verso le destinazioni più soleggiate ha sfiorato il 90% dalla Norvegia. Sono particolarmente soddisfatto della puntualità di questo mese, che si è rivelata la migliore di quest'anno ed è il risultato dell'impegno dei nostri numerosi colleghi che fanno del loro meglio per servire i nostri clienti ogni giorno". Sempre a novembre la compagnia ha operato con una media di 64 aeromobili e il 99,7% dei voli programmati è stato completato. La puntualità, misurata dal numero di voli in partenza entro 15 minuti dall'orario previsto, è stata del 90,3% a novembre. "Siamo ben posizionati per rispondere alle variazioni stagionali. Abbiamo adattato la nostra capacità per soddisfare la minore domanda durante la stagione invernale e abbiamo coperto un totale del 15% del nostro consumo di carburante stimato per il 2023. Guardando al futuro, continuiamo a vedere una domanda repressa di viaggi aerei, soprattutto verso destinazioni leisure. Di recente abbiamo lanciato diverse nuove rotte verso destinazioni in tutta Europa e prevediamo un'estate 2023 molto intensa". [post_title] => Norwegian, Karlsen: "Prevediamo un'estate 2023 molto intensa" [post_date] => 2022-12-09T09:35:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670578543000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435491 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Genova è stata designata European Capital of Christmas (insieme alla spagnola San Sebastian): i giurati che hanno votato all’unanimità le città vincitrici di questa edizione del Premio, hanno espresso grande apprezzamento «per l’alto livello tecnico dei progetti presentati, per le proposte e l'impegno nel perseguire i valori europei del Natale, un momento di speciale significato in cui si rivelano i valori profondi dell'integrazione, della tolleranza, della convivenza e della pace che sono al centro e all'origine del progetto europeo». La designazione verrà celebrata il 12 dicembre con un collegamento con San Sebastian, l’altra Capitale 2022, attraverso un maxischermo che resterà attivo per tutte le Feste, e con un concerto di Beppe Barra; mentre il 17 dicembre avrà luogo la cerimonia istituzionale di lancio della Capitale del Natale 2023, annunciata alla presenza dei rappresentanti dell’Award, delle delegazioni della città di San Sebastian e della Commissione che ha valutato le candidature, con il Patrocinio del Parlamento Europeo. Nel 2022 la città offrirà quindi un’immersione nel più autentico spirito natalizio, anche grazie alle sue suggestive tradizioni. Appuntamento fondamentale l’8 dicembre, con l’accensione del grande Albero di Natale a Piazza De Ferrari, accompagnata da una giornata di festa, esibizioni, musica e luci. Tra le tradizioni più particolari e tipicamente genovesi c’è il Confeugo, rito dall’origine molto antica, che si celebra il sabato che precede il Natale (nel 2022 il 17 dicembre). Un aspetto affascinante e poco noto del Natale genovese riguarda il presepe: Genova dalla prima metà del XVI secolo fino ai primi decenni del XIX secolo ha rivaleggiato con Napoli nella produzione di figure e sculture dedicate alla Natività Molto particolari i presepi del Settecento, con figurine di legno vestite di preziosi abiti d’epoca. Abili intagliatori hanno creato opere d’arte che si possono ammirare ancora oggi, ad esempio presso il santuario di Nostra Signora Assunta di Carbonara detto “della Madonnetta”, che ospita un presepe popolato da espressivi personaggi, popolani e soldati, contadini e mercanti e reso speciale dal fondale che riproduce scorci di Genova. Il Museo dei Beni Culturali Cappuccini propone una affascinante mostra che va dalle statuine sette-ottocentesche ai tipici “macachi” di Albisola, alle statuine in carta incollata tipiche dell’entroterra ligure, oltre al suo storico presepe meccanico, realizzato da Franco Curti ad inizio Novecento: sette motori azionano oltre 150 personaggi che si animano tra musica e luci. Molti altri Presepi storici di grande bellezza vengono allestiti in chiese e oratori nel periodo di Natale e potranno essere visitati nei giorni di festa, anche con itinerari condotti da guide turistiche. Ai grandi eventi e agli appuntamenti tradizionali si aggiungono le sorprese dei suggestivi mercatini natalizi in tutta la città, a partire da quello tradizionale di San Nicola, all’insegna della solidarietà, e dal suggestivo Mercatale, attorno a Piazza De Ferrari. Senza dimenticare il villaggio di Babbo Natale a Cornigliano, meta imperdibile per i bimbi, e tanti appuntamenti a cura dei Municipi e dei CIV in tutta la città. Culmine degli eventi per le Feste sarà il grande Capodanno di Piazza De Ferrari, con musica ed artisti di rilievo, che verrà trasmesso in diretta nazionale da Canale 5. Sono inoltre previste altre due serate di festa per il 29 e 30 dicembre al Porto Antico. Il Capodanno si potrà festeggiare anche nei Palazzi dei Rolli, patrimonio UNESCO, che si affacciano lungo la splendida Strada Nuova, oggi Via Garibaldi, cuore del centro storico genovese. Via Garibaldi ospiterà inoltre “Liguria Transatlantica festival” con uno spettacolo di musica, tra arte e djset, e brindisi finale a Palazzo Tursi. L’amore per Genova di Rubens, protagonista delle proposte culturali genovesi del 2022/2023, verrà celebrato anche con la nuova edizione di “Le Chiese dei Palazzi dei Rolli”, il ciclo di visite guidate condotte dai Divulgatori Scientifici che dal 5 all’8 gennaio, come ogni anno esplorano le più fastose chiese genovesi. Musica di qualità scandirà le Feste dal Teatro Carlo Felice, con un “Concerto di Natale” sabato 17 dicembre, il Concerto “Mozart l’Italiano” domenica 18 dicembre, “Die Fledermaus”, la più celebre operetta di Johann Strauss (31 dicembre 2022 – 1 Gennaio 2023), e il “Concerto di Capodanno” presso Basilica Santissima Annunziata del Vastato di Genova (31 dicembre). Per tutto il periodo delle Feste, un densissimo calendario di visite guidate a tema permetterà ai visitatori e ai genovesi di esplorare in ogni aspetto le tradizioni e l’arte ispirati al periodo, per immergersi fino in fondo nel clima della Capitale Europea del Natale. E poi c’è la ricchissima offerta di mostre nei Musei genovesi. A Palazzo Ducale “Rubens a Genova”, a 400 anni dalla pubblicazione del libro del fiammingo “I Palazzi di Genova”; il mondo fatato di “Disney - L’arte di raccontare storie senza tempo”, e le fotografie di “Sabine Weiss – La poesia dell’istante”.   [post_title] => Genova Capitale Europea del Natale, eventi, spettacoli e tradizioni [post_date] => 2022-12-07T11:17:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670411841000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel. In particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%. Il capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro. Per quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia. Lo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli. Un’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità. Sono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale. È questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta. [post_title] => Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping [post_date] => 2022-12-07T10:30:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670409034000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "guiness travel la stagione invernale segna il ritorno delle citta mitteleuropee" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":85,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3307,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435555","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha recentemente aperto a Roma l'Umiltà 36, dopo un importante intervento a cura dell’interior contractor valtellinese Concreta, che ha realizzato l'arredo delle 47 chiavi della struttura distribuite su quattro piani tra camere e suite, a cui si aggiungono due piani di appartamenti con metrature importanti, tutte diverse tra loro. La proprietà si colloca all'interno di un palazzo storico che aveva precedentemente ospitato uffici direzionali e spazi commerciali e che rivela il suo tratto elegante fin dall'ingresso, dove un portone in legno si apre in un alto androne con volta a botte. La direzione dei lavori è stata affidata allo studio CaberlonCaroppi, che ha progettato il concept, disegnato gli interni e coadiuvato gli interventi strutturali, proponendo un ritorno al progetto originale dello stabile, enfatizzando maggiormente le altezze e ripristinando la doppia altezza del piano che negli anni, attraverso le varie destinazioni d’uso, era stata ribassata in un piano ammezzato.\r\n\r\nL'offerta dell'Umiltà 36 è completata dal Dandy Cafè, The Unexpected Place in Rome, mentre all'ultimo piano, la terrazza Flores panoramica con affaccio sul Quirinale e sul Vittoriano è pensata per ospitare il ristorante all'aperto in versione lounge e cocktail bar. Parte del piano terra è infine stato destinato al ristorante El Porteño Gourmet di ispirazione argentina e gestito dagli ideatori del Porteño di Milano. Aperto a settembre 2022, con i suoi 120 posti a sedere accoglie gli ospiti sette giorni su sette, a pranzo e a cena.\r\n\r\nUmiltà 36 fa parte della Shedir Collection, controllata da Eduardo Safdie, che è anche socio del gruppo alberghiero fiorentino JK Place. Al momento gestisce quattro strutture, due di proprietà (il Maalot di Roma e il Capri Tiberio Palace) e altrettante in affitto (il Vilòn e lo stesso Umiltà 36, entrambi situati nella città Eterna). Un'ulteriore apertura capitolina è attesa per il prossimo aprile, quando è in calendario l'inaugurazione di Palazzo Roma. Stando a quanto dichiarato dal ceo della compagnia, Claudio Ceccherelli, a Pambianco Hotellerie, la Shedir Collection dovrebbe chiudere l'anno con un fatturato di 28 milioni di euro.","post_title":"Concreta e CaberlonCaroppi a monte del progetto capitolino Umiltà 36 della Shedir Collection","post_date":"2022-12-09T13:40:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670593251000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435637","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo lo stop imposto dalla pandemia, anche quest’anno al Giardino Inglese torna l’appuntamento più atteso da bambini e famiglie. Da giovedì 8 dicembre, parte la nuova edizione di “Palermo on Ice”, la pista di pattinaggio su ghiaccio che da undici edizioni si conferma l’evento natalizio per eccellenza. Aperto fino al prossimo sabato 7 gennaio, il pattinodromo al civico 3 di via Duca della Verdura colorerà non solo le feste ma l’inverno in città. Taglio del nastro l’8 dicembre, nel giorno dell’Immacolata.\r\n\r\nDalla mattina alla sera, dal lunedì alla domenica, bambini e adulti potranno indossare calzini monouso, cuffietta, pattini e casco per pattinare sul ghiaccio. Ad accompagnarli un pattinatore professionista, nel pieno rispetto della sicurezza. Tutti i pattini saranno igienizzati prima e dopo l’uso e avranno lame su misura. All’interno della tensostruttura - realizzata con materiali ecosostenibili il cui ghiaccio viene posato su una superficie di polistirolo espanso che preserva la manutenzione del pavimento esistente - da quest’anno le zone destinate al cambio pattini saranno ancora più confortevoli. Saranno infatti installati alcuni armadietti (a codice univoco, senza lucchetto) che agevoleranno le attese dei pattinatori, resi per il primo anno indipendenti.\r\n\r\nLa pista quest’anno supera gli 800 metri quadrati di ghiaccio. Interamente al coperto, sonorizzata grazie alla filodiffusione, addobbata a festa, è la prima pista palermitana di pattinaggio formato extralarge. In questo periodo di caro bollette, in cui la sostenibilità la fa da padrone, “Palermo on Ice” strizza l’occhio al risparmio e all’efficienza energetica. All’interno della struttura un chiller ad alta tecnologia, di ultima generazione, molto silenzioso. Una scelta green, a cui la Big Ice, la società che da anni organizza l’evento, non ha rinunciato. Babbo Natale di “Palermo on Ice”, inoltre, porterà i suoi doni ai bambini di una casa-famiglia. Saranno 1.000 i biglietti gratuiti per l’accesso alla pista del Giardino Inglese.\r\n\r\nLa pista rimarrà aperta ogni giorno fino a sabato 7 gennaio 2023, dal lunedì al giovedì dalle 9 a mezzanotte (il venerdì, il sabato, la domenica e i festivi, apertura estesa fino all’una di notte). L’ingresso costa 7 euro per chi vorrà pattinare mezz’ora, 9 euro invece per un’ora. Il costo include il noleggio di pattini, calze monouso, igienizzazione dei pattini e posto armadietto per le scarpe. Con 1 euro in più si può contare sull’aiuto-pattino.","post_title":"Palermo on ice, riprende l'appuntamento dopo lo stop del Covid","post_date":"2022-12-09T11:00:14+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670583614000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435543","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per oltre 40 giorni la città di Cortona offrirà appuntamenti, iniziative culturali e di intrattenimento, all'insegna del divertimento e della solidarietà.\r\n\r\nFino all’8 di gennaio, intorno al centro storico, saranno presenti i mercatini artigianali e gastronomici. Piazza Signorelli, grazie alla «copertura crystal», sarà il luogo degli spettacoli e degli eventi, piazza della Repubblica sarà protagonista con esibizioni, videomapping e nevicata.\r\n\r\nRicco il cartellone degli eventi, come quelli letterari con Laura Delli Colli (11 dicembre) e Gabriella Genisi (6 gennaio). Giovedì 8 lo spettacolo Girlesque Street Band e alle 18 «Artificial Intelligence Videomapping» che sarà di scena anche venerdì 9, seguito dal concerto di Arezzo Flute Ensemble. Domenica 11 appuntamento dedicato al gemellaggio fra la Compagnia Il Cilindro e il Gruppo Folkloristico di Amatrice. Martedì 13 alle 21 il concerto «Le 4 stagioni» al Teatro Signorelli. Venerdì 16 lo spettacolo di Riccardo Listìni dedicato ad Aldo Moro. Sabato 17 alle 18 torna il videomapping e alle 21,30 «Un Natale per la ricerca» cena di gala con spettacolo e donazione all'istituto Besta con l'attrice Angelica Cacciapaglia e Walter Sterbini. Domenica 18 alle 17,30 è di scena la nevicata artificiale e a seguire lo spettacolo di videomapping. Lunedì 19 al Teatro Signorelli il «Concerto di Natale» con l’Orchestra regionale della Toscana.\r\n\r\nPer la vigilia, il giorno di Natale e il 26 dicembre torna il videomapping alle 18 in piazza della Repubblica. A Santo Stefano alle 17.30 al Duomo si terrà il Concerto “I bambini cantano il Natale\" diretto da Raffaello Bruni, con l’organista Massimiliano Rossi, alle 18 il videomapping che torna anche il 5, 6 e 7 gennaio. Da segnalare gli eventi di fine anno con la Cena gourmet di San Silvestro, il Capodanno in piazza Signorelli, la Colazione al Museo e il Concerto di Capodanno della Cor Orchestra.\r\nPer l’Epifania la Befana arriva in Zipline, in piazza della Repubblica è in programma il corteo dei Re Magi.\r\n\r\nTutto il programma è consultabile su www.cortonanatale.it\r\n\r\n ","post_title":"Natale di Stelle a Cortona: tutti gli eventi","post_date":"2022-12-09T10:59:31+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670583571000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435669","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lentamente il settore si sta riprendendo da due anni di crisi nera. Infatti il turismo è in crescita per il Ponte dell'Immacolata, anche se senza \"tutto esaurito\", soprattutto per le località di montagna e per molte città d'arte. I risultati sono complessivamente positivi, anche se ancora sotto i livelli pre-pandemia. In generale, la saturazione dell'offerta ricettiva tra il 7 e l'11 dicembre dovrebbe attestarsi al 71%, per un totale di circa 4,5 milioni di pernottamenti. Emerge da un'analisi condotta da Cst - Centri Studi Turistici per Assoturismo Confesercenti sulla disponibilità di camere e altre sistemazioni sui vari portali delle Online Travel Agencies.\r\n\r\n Il movimento di turisti per il ponte dell'Immacolata è atteso per tutte le tipologie di destinazione, anche se località montane e mete culturale rimangono le più gettonate. In particolare, il tasso di occupazione delle strutture delle aree montane si attesta all'82%, mentre quello delle città d'arte è al 78% con punte di oltre il 90% per alcune realtà. Al di sotto della media, invece, le prenotazioni nelle strutture delle località marine, termali e dei laghi. I risultati, inoltre, indicherebbero un trend abbastanza diversificato tra le macroaree del Paese. In assoluto, le regioni che presentano un maggior dinamismo sono quelle del Nord Italia e del Centro.\r\n\r\n Potrebbe trattarsi di un rallentamento fisiologico della domanda prima delle vacanze natalizie, ma ad oggi resta il dato rilevante di un 2022 che ha registrato una significativa crescita del mercato. Secondo i dati provvisori relativi ai primi 8 mesi dell'anno (gennaio-agosto 2022), il numero dei pernottamenti in Italia è aumentato del +46,2%, avvicinandosi ai livelli del 2019 (-11,5%).\r\n\r\nLe presenze dei turisti stranieri, rispetto al 2021, sono cresciute del +110,8%, anche se la distanza con i valori del 2019 segna ancora il -15,5%. Invece, le presenze degli italiani sono aumentate del +14,9%, con una differenza rispetto al 2019 del -7,6% Nei prossimi mesi si avrà un quadro più preciso della movimentazione del mercato, ma i dati provvisori tendono a confermare il consolidamento della ripresa, sostenuta soprattutto dalla crescita del turismo internazionale.\r\n ","post_title":"Assoturismo: settore in crescita nel ponte dell'Immacolata. Ma senza il \"tutto esaurito\"","post_date":"2022-12-09T10:23:09+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670581389000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435601","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I lavori di preparazione delle piste e di set up degli impianti a Domobianca365 sono già in corso e dopo tre settimane di lavoro finalmente è arrivata la neve. Circa 80 centimetri in quota e 20 alla partenza degli impianti. Neve che consente al team di Domobianca365 di pianificare l’imminente partenza della stagione invernale 22/23. \r\nIl 16 dicembre le seggiovie e le sciovie di Domobianca365 saranno in funzione per portare in quota e sulle piste gli appassionati, le famiglie e chi vorrà passare giornate di sci, divertimento e gusto nel comprensorio a soli 15 minuti dal centro di Domodossola. \r\nI motori della macchina operativa stanno girando alla massima potenza e tutto lo staff è impegnato nelle operazioni di preparazione dei 21 km di piste e dei tre punti ristoro: LuseBar, Baita Motti e Skibar pronti ad accogliere gli ospiti con i loro piatti e le loro prelibatezze. \r\nNelle prossime ore sono attese basse temperature, utilissime per completare con l’innevamento artificiale la preparazione della pista Prati, e ulteriori nevicate attese per il prossimo fine settimana potranno rendere ancora migliore il manto nevoso preparato in maniera impeccabile come usa nella stazione sciistica di Domodossola da sempre ricercata per la qualità delle sue piste. \r\nPer la stagione 2022/23 il costo dello skipass giornaliero a Domobianca365 sarà di 36 euro nei giorni festivi e di 29 euro nei giorni feriali. Lo skipass ridotto costa rispettivamente 29 euro e 23 euro.","post_title":"Domobianca365: tutto pronto per iniziare la stagione invernale","post_date":"2022-12-09T10:01:38+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670580098000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian ha archiviato novembre con 1,4 milioni di passeggeri trasportati, pari ad un aumento del 37% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il load factor è stato del 79,5% e le rotte verso le destinazioni balneari dell'Europa meridionale sono state particolarmente apprezzate con un load factor vicino al 90%, dalla Norvegia.\r\n\r\n\"Anche se siamo in bassa stagione, la domanda di viaggi aerei continua ad essere persistente, in particolare verso le più popolari destinazioni balneari - ha dichiarato Geir Karlsen, ceo del vettore -. A novembre, il load factor sulle rotte verso le destinazioni più soleggiate ha sfiorato il 90% dalla Norvegia. Sono particolarmente soddisfatto della puntualità di questo mese, che si è rivelata la migliore di quest'anno ed è il risultato dell'impegno dei nostri numerosi colleghi che fanno del loro meglio per servire i nostri clienti ogni giorno\".\r\n\r\nSempre a novembre la compagnia ha operato con una media di 64 aeromobili e il 99,7% dei voli programmati è stato completato. La puntualità, misurata dal numero di voli in partenza entro 15 minuti dall'orario previsto, è stata del 90,3% a novembre.\r\n\r\n\"Siamo ben posizionati per rispondere alle variazioni stagionali. Abbiamo adattato la nostra capacità per soddisfare la minore domanda durante la stagione invernale e abbiamo coperto un totale del 15% del nostro consumo di carburante stimato per il 2023. Guardando al futuro, continuiamo a vedere una domanda repressa di viaggi aerei, soprattutto verso destinazioni leisure. Di recente abbiamo lanciato diverse nuove rotte verso destinazioni in tutta Europa e prevediamo un'estate 2023 molto intensa\".","post_title":"Norwegian, Karlsen: \"Prevediamo un'estate 2023 molto intensa\"","post_date":"2022-12-09T09:35:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670578543000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435491","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Genova è stata designata European Capital of Christmas (insieme alla spagnola San Sebastian): i giurati che hanno votato all’unanimità le città vincitrici di questa edizione del Premio, hanno espresso grande apprezzamento «per l’alto livello tecnico dei progetti presentati, per le proposte e l'impegno nel perseguire i valori europei del Natale, un momento di speciale significato in cui si rivelano i valori profondi dell'integrazione, della tolleranza, della convivenza e della pace che sono al centro e all'origine del progetto europeo». La designazione verrà celebrata il 12 dicembre con un collegamento con San Sebastian, l’altra Capitale 2022, attraverso un maxischermo che resterà attivo per tutte le Feste, e con un concerto di Beppe Barra; mentre il 17 dicembre avrà luogo la cerimonia istituzionale di lancio della Capitale del Natale 2023, annunciata alla presenza dei rappresentanti dell’Award, delle delegazioni della città di San Sebastian e della Commissione che ha valutato le candidature, con il Patrocinio del Parlamento Europeo.\r\n\r\nNel 2022 la città offrirà quindi un’immersione nel più autentico spirito natalizio, anche grazie alle sue suggestive tradizioni. Appuntamento fondamentale l’8 dicembre, con l’accensione del grande Albero di Natale a Piazza De Ferrari, accompagnata da una giornata di festa, esibizioni, musica e luci.\r\n\r\nTra le tradizioni più particolari e tipicamente genovesi c’è il Confeugo, rito dall’origine molto antica, che si celebra il sabato che precede il Natale (nel 2022 il 17 dicembre).\r\n\r\nUn aspetto affascinante e poco noto del Natale genovese riguarda il presepe: Genova dalla prima metà del XVI secolo fino ai primi decenni del XIX secolo ha rivaleggiato con Napoli nella produzione di figure e sculture dedicate alla Natività Molto particolari i presepi del Settecento, con figurine di legno vestite di preziosi abiti d’epoca. Abili intagliatori hanno creato opere d’arte che si possono ammirare ancora oggi, ad esempio presso il santuario di Nostra Signora Assunta di Carbonara detto “della Madonnetta”, che ospita un presepe popolato da espressivi personaggi, popolani e soldati, contadini e mercanti e reso speciale dal fondale che riproduce scorci di Genova.\r\nIl Museo dei Beni Culturali Cappuccini propone una affascinante mostra che va dalle statuine sette-ottocentesche ai tipici “macachi” di Albisola, alle statuine in carta incollata tipiche dell’entroterra ligure, oltre al suo storico presepe meccanico, realizzato da Franco Curti ad inizio Novecento: sette motori azionano oltre 150 personaggi che si animano tra musica e luci.\r\nMolti altri Presepi storici di grande bellezza vengono allestiti in chiese e oratori nel periodo di Natale e potranno essere visitati nei giorni di festa, anche con itinerari condotti da guide turistiche.\r\n\r\nAi grandi eventi e agli appuntamenti tradizionali si aggiungono le sorprese dei suggestivi mercatini natalizi in tutta la città, a partire da quello tradizionale di San Nicola, all’insegna della solidarietà, e dal suggestivo Mercatale, attorno a Piazza De Ferrari.\r\nSenza dimenticare il villaggio di Babbo Natale a Cornigliano, meta imperdibile per i bimbi, e tanti appuntamenti a cura dei Municipi e dei CIV in tutta la città.\r\n\r\nCulmine degli eventi per le Feste sarà il grande Capodanno di Piazza De Ferrari, con musica ed artisti di rilievo, che verrà trasmesso in diretta nazionale da Canale 5.\r\nSono inoltre previste altre due serate di festa per il 29 e 30 dicembre al Porto Antico.\r\nIl Capodanno si potrà festeggiare anche nei Palazzi dei Rolli, patrimonio UNESCO, che si affacciano lungo la splendida Strada Nuova, oggi Via Garibaldi, cuore del centro storico genovese. Via Garibaldi ospiterà inoltre “Liguria Transatlantica festival” con uno spettacolo di musica, tra arte e djset, e brindisi finale a Palazzo Tursi.\r\n\r\nL’amore per Genova di Rubens, protagonista delle proposte culturali genovesi del 2022/2023, verrà celebrato anche con la nuova edizione di “Le Chiese dei Palazzi dei Rolli”, il ciclo di visite guidate condotte dai Divulgatori Scientifici che dal 5 all’8 gennaio, come ogni anno esplorano le più fastose chiese genovesi.\r\n\r\nMusica di qualità scandirà le Feste dal Teatro Carlo Felice, con un “Concerto di Natale” sabato 17 dicembre, il Concerto “Mozart l’Italiano” domenica 18 dicembre, “Die Fledermaus”, la più celebre operetta di Johann Strauss (31 dicembre 2022 – 1 Gennaio 2023), e il “Concerto di Capodanno” presso Basilica Santissima Annunziata del Vastato di Genova (31 dicembre).\r\n\r\nPer tutto il periodo delle Feste, un densissimo calendario di visite guidate a tema permetterà ai visitatori e ai genovesi di esplorare in ogni aspetto le tradizioni e l’arte ispirati al periodo, per immergersi fino in fondo nel clima della Capitale Europea del Natale.\r\n\r\nE poi c’è la ricchissima offerta di mostre nei Musei genovesi. A Palazzo Ducale “Rubens a Genova”, a 400 anni dalla pubblicazione del libro del fiammingo “I Palazzi di Genova”; il mondo fatato di “Disney - L’arte di raccontare storie senza tempo”, e le fotografie di “Sabine Weiss – La poesia dell’istante”.\r\n\r\n ","post_title":"Genova Capitale Europea del Natale, eventi, spettacoli e tradizioni","post_date":"2022-12-07T11:17:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670411841000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È cresciuto l’interesse da parte dei turisti nei confronti della città di Milano. Una conferma che arriva da Global Blue, società leader nel settore del Tax Free Shopping, e Lybra Tech, azienda italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui big data, per destinazioni turistiche, aziende ed hotel.\r\n\r\nIn particolare, Global Blue conferma che tra agosto e ottobre 2022 Milano è la città con il più alto livello di spesa Tax Free in Italia (33%), superando così la performance legata al tax free shopping del pre-pandemia, con un tasso di recovery del 110%.\r\n\r\nIl capoluogo meneghino batte anche le altre realtà italiane per quanto riguarda lo scontrino medio che si attesta a 1.366 euro, confermandosi il valore più alto sulla penisola con una variazione positiva (+17%) rispetto al 2019. Inoltre, guidano la ripresa della città le aree del centro e del quadrilatero della moda con un tasso di recovery rispettivamente del 112% e il 110% se confrontati con il 2019. Ed è proprio nel quadrilatero che si registra il 51% delle spese totali da parte dei turisti, con uno scontrino medio di 2.121 euro.\r\n\r\nPer quanto riguarda le nazionalità in ingresso, rispetto alle altre destinazioni predilette per lo shopping come Roma, Firenze e Venezia, Milano gode di un mix più diversificato: sono i turisti provenienti dagli Stati Uniti a rappresentare il primo mercato estero in termini di spesa tax free (25%), seguiti dai Paesi Arabi (16%) e del sud-est asiatico (11%). Assente la Russia.\r\n\r\nLo studio di Global Blue ha permesso anche di fotografare un particolare segmento di nuovi arrivi che hanno scelto Milano per i propri acquisti e che comprende l’area dei Paesi del Golfo. Nel dettaglio, i turisti arabi che hanno fatto shopping in Italia nel terzo trimestre del 2022 hanno concentrato quasi la metà dei loro acquisti proprio a Milano (47%), raddoppiando i livelli di spesa pre-pandemia fino a raggiungere il 197%, con uno scontrino medio pari a 1.390 euro, in aumento del 26% rispetto al 2019. Acquisti che per l’83% interessano il settore del Fashion & Clothing e per il 14% orologi e gioielli.\r\n\r\nUn’ulteriore chiave di lettura in prospettiva futura è fornita da Lybra Tech, secondo cui la domanda da parte dei turisti arabi verso la città di Milano è cresciuta in maniera considerevole durante gli ultimi tre mesi e, in particolare, nelle ultime settimane. Un trend positivo e che procede a un tasso medio del 3,9%. Forte è anche la richiesta di prenotazioni per il terzo weekend di dicembre, mentre non risulta che ci sia particolare interesse per le festività natalizie. Infine, dal punto di vista della permanenza sul territorio, Lybra Tech ha individuato una media di circa quattro notti per le persone provenienti dalle aree del Golfo, un valore molto più elevato rispetto a tutte le altre nazionalità.\r\n\r\nSono i dati salienti del report trimestrale “The Next”, frutto della recente partnership tra Global Blue e Lybra Tech. L’analisi è basata sull'allineamento di due diverse fonti dati, una consuntiva e l'altra previsionale, che consente di valutare le performance Tax-Free Shopping (TFS) e di confrontarle con il mercato di riferimento. I turisti, infatti, rappresentano un bacino di inestimabile valore per ogni azienda, ma i mutevoli bisogni ed i repentini cambiamenti delle dinamiche di mercato hanno reso la loro comprensione ancora più importante per la strategia aziendale.\r\n\r\nÈ questa ragione che ha portato alla nascita di The Next, che costituisce uno strumento unico per rendere i brand consapevoli e protagonisti delle trasformazioni del mercato turistico sempre più in rapida evoluzione. Il tutto per dare alle imprese del settore l'opportunità di pianificare scelte di business data-driven attraverso la lettura e l'interpretazione della domanda turistica futura. Domande come quale sarà il trend del futuro, quali sono le aree della città più ricercate, come posso organizzare al meglio il mio negozio, insieme a molte altre, avranno ora una risposta.","post_title":"Milano: regina del turismo e centro internazionale di shopping","post_date":"2022-12-07T10:30:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670409034000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti