4 December 2022

Ed è Subito Viaggi lancia il suo Messico insieme all’ente del turismo

[ 0 ]
subito-viaggi-messicoCon una serata all’insegna dell’allegria, in pieno spirito messicano, Ed è Subito Viaggi ha presentato ieri a Roma le sue proposte di viaggio nell’ultima destinazione entrata in programmazione: il Messico. L’evento formativo dedicato alle agenzie di viaggio e realizzato insieme all’ente del turismo messicano, ha visto la proiezione di alcuni video istituzionali e la spiegazione dettagliata delle tantissime possibilità di viaggio che i 32 stati della federazione offrono. «L’anno prossimo sarà l’anno del Messico – ha annunciato Sarina Alvarez, direttore dell’ente del turismo messicano in Italia -. Già negli ultimi mesi del 2016 il trend del turismo italiano in Messico ha mostrato segni di ripresa dopo la diminuzione del 2015 dovuta al problema delle alghe e il mese di ottobre ha registrato un aumento del 9%. Il Messico è una destinazione con molti punti di forza: abbiamo storia, cultura, archeologia, 31 siti patrimonio Unesco, mare, golf, arte, spa e alberghi di primo livello e un clima ottimo tutto l’anno. Inoltre, ad oggi contiamo 111 “Pueblos Magicos”, il marchio che contraddistingue le località dall’indubbio carattere culturale e tradizionale». Tutti prodotti turistici che Ed è Subito Viaggi propone secondo il suo stile tailor made, con itinerari che partono da un canovaccio comune e vengono poi personalizzati di volta in volta secondo le esigenze del cliente. «Il cliente oggi è più esigente – spiega Stefania Picari, general manager di Ed è Subito Viaggi -, arriva preparato in agenzia e sa quello che vuole. Con la nostra filosofia tailor made, che applichiamo da sempre ad ogni nostra destinazione, offriamo all’agente di viaggio una proposta che si compone come un puzzl, partendo da tour già pronti, con 1-2 partenze garantite al mese, attorno ai quali si costruisce l’itinerario specifico per il cliente. Ci distinguiamo perché offriamo un’alta flessibilità negli alberghi, per cui offriamo ogni categoria, dalla turistica alla deluxe che comprende 5 stelle lusso e dimore storiche. Diamo comunque la possibilità di scegliere e personalizzare il tour anche con un’estensione a fine soggiorno oppure proponiamo tour composti in esclusiva per il cliente: Tra le proposte ricordo il trenino Chepe che attraversa il Barranca del Cobre, il fly and drive in Baja California con l’avvistamento delle balene grigie e dello squalo balena , la visita nella riserva della farfalla monarca in Michoacan, dove tra novembre a mari arrivano milioni di esemplari».



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435307 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una celebrazione della destinazione, attraverso una visita guidata privata alla mostra Machu Picchu e gli Imperi d’Oro del Perù al Mudec di Milano. E' stata un successo la serata dedicata agli agenti di viaggio organizzata da Tour2000AmericaLatina in collaborazione con Promperù Italia. Da sempre il Paese andino è infatti una delle mete più importanti per il tour operator specializzato nell’organizzazione di viaggi in Centro e Sud America, Messico e Caraibi. “Con questo evento organizzato in collaborazione con Promperù Italia, abbiamo voluto offrire, agli agenti di viaggio che collaborano con noi da anni, l’esperienza unica della visita guidata privata alla mostra con un momento conviviale a seguire per scambiarsi gli auguri di Natale”, sottolinea Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina. “Gli adv hanno avuto l’opportunità di conoscere la storia pre-Inca del Perù attraverso 180 pezzi accuratamente custoditi, nonché di visitare Machu Picchu grazie a un'esperienza di realtà virtuale”, aggiunge Joan Barrena, direttore di Promperù Italia. La mostra, attraverso manufatti plurimillenari, video, ricostruzioni immersive 3d, ha permesso insomma agli agenti di viaggio di viaggiare nel tempo per vivere la storia di una civiltà tanto gloriosa quanto antica e remota e di cui spesso si conosce solo l’ultimo tassello, quello più recente e universalmente reso famoso dal ritrovamento dei resti della grande città sacra di Machu Picchu. [post_title] => Tour2000AmericaLatina al Mudec di Milano con le adv per un viaggio virtuale nella destinazione Perù [post_date] => 2022-12-02T10:41:31+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669977691000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435309 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli incendi devastano l’ambiente e modificano anche il paesaggio naturalistico, creando evidenti problemi anche all’offerta turistica di una determinata zona. Il castello del Montiferru, conosciuto come Casteddu Etzu, si trova nel territorio di Cuglieri (Oristano), paese alle pendici dei rilievi del Montiferru, che a causa dell’incendio del 23, 24 e 25 luglio 2021 ha subito una delle più grandi catastrofi ambientali in Italia. Sono andati distrutti circa 12.000 ettari tra bosco e oliveti, che vantavano una tradizione plurisecolare, oltre ad esemplari millenari di oleastri, lecci, corbezzoli e impianti datati che risalivano a oltre 500 anni, divorati dalle fiamme. Un’area di 12.000 mq a Cuglieri, in provincia di Oristano, è stata protagonista di un importante intervento di rigenerazione ambientale, con l’obiettivo di rispristinare il patrimonio naturalistico locale andato distrutto a causa del grave incendio che più di un anno fa ha devastato il territorio in quest’area. Un intervento che rientra nell’iniziativa “Le città che respirano” di Nespresso, nata per sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del patrimonio naturalistico italiano. L’intervento di tutela ambientale realizzato con il progetto di Nespresso è stato quindi volto al recupero dell’area pubblica e alla pulizia del percorso di accesso al manufatto medievale. Alle pendici del maniero e nella parte di accesso allo stesso, si è provveduto alla ripulitura delle zone bruciate e al recupero delle piante sopravvissute alle fiamme, in particolare alcune ceppaie di leccio. Si è poi proceduto contestualmente alla messa a dimora di oltre 400 piante per ri-naturalizzare l’area. «L’intervento che ha coinvolto Cuglieri dimostra che anche i territori dei paesi più piccoli, colpiti da immani catastrofi ambientali come è capitato a noi lo scorso anno, riescono a conquistare la solidarietà di associazioni e aziende, come Nespresso, sensibili alla rigenerazione di boschi, oliveti, pascoli e siti dal forte legame affettivo con i residenti – spiega il sindaco di Cuglieri, Andrea Loche - Casteddu Etzu rappresenta un luogo simbolo di questi territori e delle persone che, con le loro migliaia di storie di vita, li hanno vissuti fin dai secoli più lontani. Il progetto di bonifica dell’area e di ripristino rappresenta per le comunità locali un momento di recupero importante che fa bene alla nostra terra e allo straordinario paesaggio che dalle montagne ci accompagna fino al mare». «L’intervento di ripristino ambientale che abbiamo portato avanti a Cuglieri - aggiunge Silvia Totaro, Sustainability Manager di Nespresso Italiana - ci rende molto orgogliosi e rappresenta per noi la concretizzazione del nostro impegno per tutelare territorio e ambiente e del nostro approccio alla cura, che portiamo avanti attraverso il programma “Nespresso per l’Italia”. Il progetto di rinaturalizzazione che abbiamo presentato oggi è solo l’ultimo di una serie di azioni che abbiamo intrapreso lungo tutto lo Stivale attraverso “Le città che respirano” e con cui vogliamo continuare a portare più verde in Italia, allo stesso tempo difendendo le aree colpite, come quella di Cuglieri, e restituendole alla collettività. Una responsabilità per portare avanti un business responsabile che da sempre è il fulcro del nostro modo di operare e che ci ha portato quest’anno a ottenere la certificazione B Corp e a trasformarci in Italia in Società Benefit». Il progetto “Le città che respirano”, lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra nell’iniziativa “Mosaico Verde”, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici. [post_title] => Sardegna, il progetto Le Città che Respirano per valorizzare Cuglieri devastata dall’incendio del 2021 [post_date] => 2022-12-02T10:35:10+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669977310000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435264 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair amplia la capacità offerta da Torino a distanza di un anno dall'apertura della base di Caselle. La stagione invernale in corso conta infatti 34 rotte, tra cui 6 nuove destinazioni: Stoccolma, Vilnius, Manchester, Billund, Praga e Breslavia. Nell'anno trascorso la low cost ha investito 200 milioni di dollari, con 2 aeromobili basati e creato più di 60 posti di lavoro diretti; 2 milioni i passeggeri trasportati nei primi 12 mesi. "Dopo aver trasportato 2 milioni di passeggeri dall’apertura della base un anno fa e quasi 13 milioni dal primo volo a Torino nel 1999, Ryanair continua a crescere e a offrire più scelta e maggior affidabilità ai suoi clienti italiani - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager di Ryanair per l’Italia -. Per celebrare il primo anniversario della base, abbiamo lanciato una promozione con tariffe a partire da €19,99 a tratta per viaggi fino alla fine di marzo 2023, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di sabato 3 dicembre.” “Il primo anno di operatività della base Ryanair ha portato importanti risultati in termini di crescita di traffico sul nostro scalo; la low cost ha mantenuto la promessa di raddoppiare i volumi di passeggeri pur in un anno che nel primo trimestre ha ancora subito gli impatti pandemici - ha sottolineato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Grazie agli investimenti di Ryanair, l’aeroporto di Torino è ripartito con un numero di destinazioni mai così ampio, che hanno aperto nuove occasioni di mobilità per il territorio e per i flussi di turismo incoming in Piemonte, permettendo allo scalo di registrare il suo record di traffico nel mese di agosto". [post_title] => Ryanair: primo anno a Torino con 2 milioni di passeggeri e 6 nuove destinazioni [post_date] => 2022-12-02T09:03:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669971819000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435211 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeromexico brucia le tappe in vista dell'apertura del collegamento diretto fra Roma e Città del Messico, programmando sin d'ora un aumento delle frequenze durante il picco estivo. "Dato l'eccellente riscontro del mercato italiano - spiega una nota del vettore - la compagnia ha deciso di incrementare ulteriormente le frequenze tra il 16 giugno e il 31 agosto. Durante questo periodo, i voli saliranno da 5 frequenze settimanali a un volo giornaliero". In questo modo Aeromexico opererà 56 voli settimanali tra l’Europa e il Messico durante la stagione estiva 2023. “Le buone notizie continuano - ha dichiarato l'ambasciatore del Messico in Italia, Carlos García de Alba -: riuscire ad avere finalmente un volo diretto Roma-Città del Messico è stato un grande successo, ma ora sapere che le frequenze aumenteranno fino ad un volo giornaliero nel periodo giugno-agosto 2023 è molto significativo. Il potenziale dei flussi turistici bilaterali è ancora tutto da sviluppare. Da parte nostra vogliamo più visitatori dall’Italia e questo ci permetterà di promuovere itinerari che saranno fattibili proprio grazie a questo nuovo volo, che aumenterà non solo le attività economiche ma anche permetterà ai viaggiatori italiani di conoscere maggiormente la ricca cultura e le tradizioni messicane". L'ambasciatore ha inoltre sottolineato come "un trasporto aereo più efficace ed efficiente favorirà uno sviluppo in tempi brevi di un network che intensifichi gli scambi commerciali, culturali e di cooperazione tra il Messico e l’Italia. Garantendo la mobilità delle persone e delle aziende, si possono innescare nuove dinamiche di crescita e di sviluppo economico e sociale”. [post_title] => Aeromexico: voli giornalieri sulla Roma-Città del Messico fra giugno e agosto [post_date] => 2022-12-01T10:40:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669891256000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434957 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Duplice novità in casa Meliá che annuncia l'approdo del brand InnSide in Sicilia con due nuove proprietà in apertura nel 2024 e al contempo avvia una partnership con Logitravel per la realizzazione e la commercializzazione di pacchetti dinamici integrati nel programma fedeltà MeliáRewards. Situato nella zona sud-orientale dell'isola mediterranea, l'InnSide Noto sarà dotato di 146 camere, numerose opzioni f&b, nonché una piscina, un beach club, palestra e spazi per meeting ed eventi. A completare l'offerta un rooftop da 1.500 metri quadrati con vista sul mare. L'InnSide Cala Rossa sorgerà invece nell'area costiera di Terrasini e includerà 114 camere, l'Open Living lounge, una piscina, diversi outlet f&b, una spa, spazi eventi e un beach club. Con l'annuncio delle due strutture siciliane, a cui si aggiungeranno anche il Meliá Taormina e il Meliá Siracusa, sempre previsti per il 2024, sale dunque a 11 il numero di proprietà del gruppo spagnolo attualmente attive o in pipeline in Italia. Più o meno negli stessi giorni, la compagnia iberica ha inoltre lanciato Meliá Escapes che, grazie alla partnership con Logitravel, permetterà ai clienti della società alberghiera di accedere anche a un vasto scaffale dinamico di voli, esperienze, servizi di noleggio auto, transfers, escursioni, attrazioni e altro ancora. Al momento Meliá Escapes è disponibile in nove mercati inclusa l'Italia, oltre che Spagna, Regno Unito, Francia, Germania, Portogallo, Messico, Canada e Stati Uniti. Prossimamente la compagnia ha tuttavia l'intenzione di espandere la proposta anche ad altri Paesi. [post_title] => Il gruppo Meliá porta il brand InnSide in Sicilia e diventa tour operator in partnership con Logitravel [post_date] => 2022-11-28T13:59:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669643998000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434886 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Partenze garantite a conferma immediata con voli e servizi inclusi. Sono le proposte Tour2000AmericaLatina della collezione Viaggi Imperdibili con le ultime opportunità disponibili per scoprire Argentina, Perù, Messico nel periodo di Capodanno. "I prodotti che abbiamo studiato propongono una rosa di tour indimenticabili nelle mete che ogni viaggiatore dovrebbe visitare nella parte centrale e meridionale del Nuovo mondo", afferma Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina. Esplorando l’Argentina è in particolare un viaggio di 13 giorni / dieci notti con partenza 23 dicembre alla scoperta degli incantevoli paesaggi del territorio argentino. Dalla dinamica ed elegante Buenos Aires alla penisola Valdes per incontrare i leoni marini, dalla terra del Fuoco alla navigazione del canale di Beagle per assaggiare la centolla, il granchio gigante tipico di Ushuaia e poi, il Perito Moreno, una delle meraviglie del Mondo, dichiarato nel 1981 Patrimonio dell’umanità dall’Unesco e le maestose cascate di Iguazù. Perù Express 12 giorni / nove notti con partenza 26 dicembre e i Colori del Perù 14giorni /11 notti con partenza 24 dicembre sono due itinerari per visitare Lima, sorvolare le linee di Nazca, conoscere la cultura locale, visitando le isole del Titicaca, il lago navigabile più alto al mondo, scoprire Cusco e la valle Sacra con il coloratissimo mercato di Chinchero, le saline di Maras e i siti archeologici di Pisac e Ollantaytambo e ammirare Machu Picchu, la città perduta degli Incas. Messico El Charro 12 giorni /dieci notti con partenza 26 dicembre è un viaggio in Messico alla ricerca delle sue più antiche tradizioni e dei suoi spettacoli naturali: Città del Messico, San Cristobal de Las Casas, le fantastiche rovine archeologiche di Palenque, Uxmal, Chichen-Itzá ma anche il canyon del Sumidero e le magnifiche cascate di Agua Azul dove l’azzurro dell’acqua e il verde della vegetazione si fondono in uno scenario naturale di grande bellezza. [post_title] => Tour2000AmericaLatina: ancora posti disponibili per un Capodanno tra Argentina, Messico e Perù [post_date] => 2022-11-28T09:32:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669627966000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: "E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta". In effetti il percorso non è stato affatto facile: "Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato". Tante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. "Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio". Ciò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. "A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...". [post_title] => Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato [post_date] => 2022-11-25T09:30:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368623000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar». «Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia". Reset della domanda A faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. "E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'. «Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica». [post_title] => Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid [post_date] => 2022-11-25T09:15:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367726000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434679 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È pronto il catalogo Montagna 2022/2023 firmato Gattinoni Travel a disposizione dei network del Gruppo Gattinoni. Uno strumento a supporto degli agenti di viaggio per sostenerli e agevolare il lavoro in questa stagione frenetica. La scelta di realizzare un catalogo dedicato interamente all’offerta montagna, in formato digitale, proviene dall’ampio apprezzamento degli agenti di viaggio nei confronti del catalogo Mare Italia realizzato a supporto dell’estate scorsa. Uno strumento che si è rivelato utile perché ben organizzato nelle informazioni. Anche il catalogo Montagna ne segue le stesse linee guide, fornendo informazioni dettagliate e chiare sui servizi di ogni singola struttura. All’interno delle 79 pagine, ci sono 61 strutture selezionate da Gattinoni, suddivise in regioni: 25 in Trentino Alto Adige, 12 in Valle D’Aosta, 9 in Piemonte, 7 in Lombardia, 6 in Veneto e 2 negli Appennini in Abruzzo e Toscana. Ogni struttura ricettiva è accompagnata da una didascalia sintetica e chiara che definisce alcuni parametri e servizi, per orientarsi più velocemente in base alle richieste del cliente. In modo intuitivo si può infatti capire se l’hotel offre camere e servizi dedicati alle famiglie, se è presente una spa, se la struttura è adults only e se accetta animali di piccola taglia. E, per i clienti amanti dello sci, l’agente può affidarsi alle descrizioni contenute nel catalogo che riportano la distanza dalle piste, i punti navetta, i servizi noleggio attrezzatura, oltre all’indicazione di sconti dedicati ai bambini per i vari servizi. Le prenotazioni delle strutture all’interno del catalogo comprendono l’assicurazione medico bagaglio gratuita e vantaggiosi sconti per i bambini. Per prenotazioni fino al 15 dicembre si applica alla pratica, che dovrà essere superiore a 1.200 euro, uno sconto di 50 euro.   [post_title] => Gattinoni Travel lancia il catalogo Montagna 2022/2023 [post_date] => 2022-11-23T10:20:50+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669198850000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "ed e subito viaggi lancia il suo messico insieme allente del turismo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":98,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":865,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435307","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una celebrazione della destinazione, attraverso una visita guidata privata alla mostra Machu Picchu e gli Imperi d’Oro del Perù al Mudec di Milano. E' stata un successo la serata dedicata agli agenti di viaggio organizzata da Tour2000AmericaLatina in collaborazione con Promperù Italia. Da sempre il Paese andino è infatti una delle mete più importanti per il tour operator specializzato nell’organizzazione di viaggi in Centro e Sud America, Messico e Caraibi.\r\n\r\n“Con questo evento organizzato in collaborazione con Promperù Italia, abbiamo voluto offrire, agli agenti di viaggio che collaborano con noi da anni, l’esperienza unica della visita guidata privata alla mostra con un momento conviviale a seguire per scambiarsi gli auguri di Natale”, sottolinea Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina. “Gli adv hanno avuto l’opportunità di conoscere la storia pre-Inca del Perù attraverso 180 pezzi accuratamente custoditi, nonché di visitare Machu Picchu grazie a un'esperienza di realtà virtuale”, aggiunge Joan Barrena, direttore di Promperù Italia.\r\n\r\nLa mostra, attraverso manufatti plurimillenari, video, ricostruzioni immersive 3d, ha permesso insomma agli agenti di viaggio di viaggiare nel tempo per vivere la storia di una civiltà tanto gloriosa quanto antica e remota e di cui spesso si conosce solo l’ultimo tassello, quello più recente e universalmente reso famoso dal ritrovamento dei resti della grande città sacra di Machu Picchu.","post_title":"Tour2000AmericaLatina al Mudec di Milano con le adv per un viaggio virtuale nella destinazione Perù","post_date":"2022-12-02T10:41:31+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669977691000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435309","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli incendi devastano l’ambiente e modificano anche il paesaggio naturalistico, creando evidenti problemi anche all’offerta turistica di una determinata zona.\r\n\r\nIl castello del Montiferru, conosciuto come Casteddu Etzu, si trova nel territorio di Cuglieri (Oristano), paese alle pendici dei rilievi del Montiferru, che a causa dell’incendio del 23, 24 e 25 luglio 2021 ha subito una delle più grandi catastrofi ambientali in Italia. Sono andati distrutti circa 12.000 ettari tra bosco e oliveti, che vantavano una tradizione plurisecolare, oltre ad esemplari millenari di oleastri, lecci, corbezzoli e impianti datati che risalivano a oltre 500 anni, divorati dalle fiamme.\r\n\r\nUn’area di 12.000 mq a Cuglieri, in provincia di Oristano, è stata protagonista di un importante intervento di rigenerazione ambientale, con l’obiettivo di rispristinare il patrimonio naturalistico locale andato distrutto a causa del grave incendio che più di un anno fa ha devastato il territorio in quest’area. Un intervento che rientra nell’iniziativa “Le città che respirano” di Nespresso, nata per sostenere e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico italiano e intervenire in aree bisognose da un punto di vista di tutela, ripristino ambientale e sostegno del patrimonio naturalistico italiano.\r\n\r\nL’intervento di tutela ambientale realizzato con il progetto di Nespresso è stato quindi volto al recupero dell’area pubblica e alla pulizia del percorso di accesso al manufatto medievale. Alle pendici del maniero e nella parte di accesso allo stesso, si è provveduto alla ripulitura delle zone bruciate e al recupero delle piante sopravvissute alle fiamme, in particolare alcune ceppaie di leccio. Si è poi proceduto contestualmente alla messa a dimora di oltre 400 piante per ri-naturalizzare l’area.\r\n\r\n«L’intervento che ha coinvolto Cuglieri dimostra che anche i territori dei paesi più piccoli, colpiti da immani catastrofi ambientali come è capitato a noi lo scorso anno, riescono a conquistare la solidarietà di associazioni e aziende, come Nespresso, sensibili alla rigenerazione di boschi, oliveti, pascoli e siti dal forte legame affettivo con i residenti – spiega il sindaco di Cuglieri, Andrea Loche - Casteddu Etzu rappresenta un luogo simbolo di questi territori e delle persone che, con le loro migliaia di storie di vita, li hanno vissuti fin dai secoli più lontani. Il progetto di bonifica dell’area e di ripristino rappresenta per le comunità locali un momento di recupero importante che fa bene alla nostra terra e allo straordinario paesaggio che dalle montagne ci accompagna fino al mare».\r\n\r\n«L’intervento di ripristino ambientale che abbiamo portato avanti a Cuglieri - aggiunge Silvia Totaro, Sustainability Manager di Nespresso Italiana - ci rende molto orgogliosi e rappresenta per noi la concretizzazione del nostro impegno per tutelare territorio e ambiente e del nostro approccio alla cura, che portiamo avanti attraverso il programma “Nespresso per l’Italia”. Il progetto di rinaturalizzazione che abbiamo presentato oggi è solo l’ultimo di una serie di azioni che abbiamo intrapreso lungo tutto lo Stivale attraverso “Le città che respirano” e con cui vogliamo continuare a portare più verde in Italia, allo stesso tempo difendendo le aree colpite, come quella di Cuglieri, e restituendole alla collettività. Una responsabilità per portare avanti un business responsabile che da sempre è il fulcro del nostro modo di operare e che ci ha portato quest’anno a ottenere la certificazione B Corp e a trasformarci in Italia in Società Benefit».\r\n\r\nIl progetto “Le città che respirano”, lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra nell’iniziativa “Mosaico Verde”, la grande campagna nazionale di forestazione di aree urbane ed extraurbane e tutela di boschi ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per coinvolgere aziende ed enti pubblici con l’obiettivo di restituire valore al territorio e contrastare i cambiamenti climatici.","post_title":"Sardegna, il progetto Le Città che Respirano per valorizzare Cuglieri devastata dall’incendio del 2021","post_date":"2022-12-02T10:35:10+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669977310000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435264","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Ryanair amplia la capacità offerta da Torino a distanza di un anno dall'apertura della base di Caselle. La stagione invernale in corso conta infatti 34 rotte, tra cui 6 nuove destinazioni: Stoccolma, Vilnius, Manchester, Billund, Praga e Breslavia. Nell'anno trascorso la low cost ha investito 200 milioni di dollari, con 2 aeromobili basati e creato più di 60 posti di lavoro diretti; 2 milioni i passeggeri trasportati nei primi 12 mesi.\r\n\r\n\"Dopo aver trasportato 2 milioni di passeggeri dall’apertura della base un anno fa e quasi 13 milioni dal primo volo a Torino nel 1999, Ryanair continua a crescere e a offrire più scelta e maggior affidabilità ai suoi clienti italiani - ha dichiarato Mauro Bolla, country manager di Ryanair per l’Italia -. Per celebrare il primo anniversario della base, abbiamo lanciato una promozione con tariffe a partire da €19,99 a tratta per viaggi fino alla fine di marzo 2023, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di sabato 3 dicembre.”\r\n\r\n“Il primo anno di operatività della base Ryanair ha portato importanti risultati in termini di crescita di traffico sul nostro scalo; la low cost ha mantenuto la promessa di raddoppiare i volumi di passeggeri pur in un anno che nel primo trimestre ha ancora subito gli impatti pandemici - ha sottolineato Andrea Andorno, amministratore delegato di Torino Airport -. Grazie agli investimenti di Ryanair, l’aeroporto di Torino è ripartito con un numero di destinazioni mai così ampio, che hanno aperto nuove occasioni di mobilità per il territorio e per i flussi di turismo incoming in Piemonte, permettendo allo scalo di registrare il suo record di traffico nel mese di agosto\".","post_title":"Ryanair: primo anno a Torino con 2 milioni di passeggeri e 6 nuove destinazioni","post_date":"2022-12-02T09:03:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669971819000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435211","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeromexico brucia le tappe in vista dell'apertura del collegamento diretto fra Roma e Città del Messico, programmando sin d'ora un aumento delle frequenze durante il picco estivo. \"Dato l'eccellente riscontro del mercato italiano - spiega una nota del vettore - la compagnia ha deciso di incrementare ulteriormente le frequenze tra il 16 giugno e il 31 agosto. Durante questo periodo, i voli saliranno da 5 frequenze settimanali a un volo giornaliero\". In questo modo Aeromexico opererà 56 voli settimanali tra l’Europa e il Messico durante la stagione estiva 2023.\r\n\r\n“Le buone notizie continuano - ha dichiarato l'ambasciatore del Messico in Italia, Carlos García de Alba -: riuscire ad avere finalmente un volo diretto Roma-Città del Messico è stato un grande successo, ma ora sapere che le frequenze aumenteranno fino ad un volo giornaliero nel\r\nperiodo giugno-agosto 2023 è molto significativo. Il potenziale dei flussi turistici bilaterali è ancora tutto da sviluppare. Da parte nostra vogliamo più visitatori dall’Italia e questo ci permetterà di promuovere itinerari che saranno fattibili proprio grazie a questo nuovo volo, che aumenterà non solo le attività economiche ma anche permetterà ai viaggiatori italiani di conoscere maggiormente la ricca\r\ncultura e le tradizioni messicane\".\r\n\r\nL'ambasciatore ha inoltre sottolineato come \"un trasporto aereo più efficace ed efficiente favorirà uno sviluppo in tempi brevi di un network che intensifichi gli scambi commerciali, culturali e di cooperazione tra il Messico e l’Italia. Garantendo la mobilità delle persone e delle aziende, si possono innescare nuove dinamiche di crescita e di sviluppo economico e sociale”.","post_title":"Aeromexico: voli giornalieri sulla Roma-Città del Messico fra giugno e agosto","post_date":"2022-12-01T10:40:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669891256000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434957","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Duplice novità in casa Meliá che annuncia l'approdo del brand InnSide in Sicilia con due nuove proprietà in apertura nel 2024 e al contempo avvia una partnership con Logitravel per la realizzazione e la commercializzazione di pacchetti dinamici integrati nel programma fedeltà MeliáRewards. Situato nella zona sud-orientale dell'isola mediterranea, l'InnSide Noto sarà dotato di 146 camere, numerose opzioni f&b, nonché una piscina, un beach club, palestra e spazi per meeting ed eventi. A completare l'offerta un rooftop da 1.500 metri quadrati con vista sul mare.\r\n\r\nL'InnSide Cala Rossa sorgerà invece nell'area costiera di Terrasini e includerà 114 camere, l'Open Living lounge, una piscina, diversi outlet f&b, una spa, spazi eventi e un beach club. Con l'annuncio delle due strutture siciliane, a cui si aggiungeranno anche il Meliá Taormina e il Meliá Siracusa, sempre previsti per il 2024, sale dunque a 11 il numero di proprietà del gruppo spagnolo attualmente attive o in pipeline in Italia.\r\n\r\nPiù o meno negli stessi giorni, la compagnia iberica ha inoltre lanciato Meliá Escapes che, grazie alla partnership con Logitravel, permetterà ai clienti della società alberghiera di accedere anche a un vasto scaffale dinamico di voli, esperienze, servizi di noleggio auto, transfers, escursioni, attrazioni e altro ancora. Al momento Meliá Escapes è disponibile in nove mercati inclusa l'Italia, oltre che Spagna, Regno Unito, Francia, Germania, Portogallo, Messico, Canada e Stati Uniti. Prossimamente la compagnia ha tuttavia l'intenzione di espandere la proposta anche ad altri Paesi.","post_title":"Il gruppo Meliá porta il brand InnSide in Sicilia e diventa tour operator in partnership con Logitravel","post_date":"2022-11-28T13:59:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669643998000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434886","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Partenze garantite a conferma immediata con voli e servizi inclusi. Sono le proposte Tour2000AmericaLatina della collezione Viaggi Imperdibili con le ultime opportunità disponibili per scoprire Argentina, Perù, Messico nel periodo di Capodanno. \"I prodotti che abbiamo studiato propongono una rosa di tour indimenticabili nelle mete che ogni viaggiatore dovrebbe visitare nella parte centrale e meridionale del Nuovo mondo\", afferma Marino Pagni, general manager di Tour2000AmericaLatina.\r\n\r\nEsplorando l’Argentina è in particolare un viaggio di 13 giorni / dieci notti con partenza 23 dicembre alla scoperta degli incantevoli paesaggi del territorio argentino. Dalla dinamica ed elegante Buenos Aires alla penisola Valdes per incontrare i leoni marini, dalla terra del Fuoco alla navigazione del canale di Beagle per assaggiare la centolla, il granchio gigante tipico di Ushuaia e poi, il Perito Moreno, una delle meraviglie del Mondo, dichiarato nel 1981 Patrimonio dell’umanità dall’Unesco e le maestose cascate di Iguazù.\r\n\r\nPerù Express 12 giorni / nove notti con partenza 26 dicembre e i Colori del Perù 14giorni /11 notti con partenza 24 dicembre sono due itinerari per visitare Lima, sorvolare le linee di Nazca, conoscere la cultura locale, visitando le isole del Titicaca, il lago navigabile più alto al mondo, scoprire Cusco e la valle Sacra con il coloratissimo mercato di Chinchero, le saline di Maras e i siti archeologici di Pisac e Ollantaytambo e ammirare Machu Picchu, la città perduta degli Incas.\r\n\r\nMessico El Charro 12 giorni /dieci notti con partenza 26 dicembre è un viaggio in Messico alla ricerca delle sue più antiche tradizioni e dei suoi spettacoli naturali: Città del Messico, San Cristobal de Las Casas, le fantastiche rovine archeologiche di Palenque, Uxmal, Chichen-Itzá ma anche il canyon del Sumidero e le magnifiche cascate di Agua Azul dove l’azzurro dell’acqua e il verde della vegetazione si fondono in uno scenario naturale di grande bellezza.","post_title":"Tour2000AmericaLatina: ancora posti disponibili per un Capodanno tra Argentina, Messico e Perù","post_date":"2022-11-28T09:32:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669627966000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio\". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: \"E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta\".\r\n\r\nIn effetti il percorso non è stato affatto facile: \"Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato\".\r\n\r\nTante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. \"Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio\".\r\n\r\nCiò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. \"A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...\".","post_title":"Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato","post_date":"2022-11-25T09:30:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669368623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434785","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar».\r\n\r\n«Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia\".\r\nReset della domanda\r\nA faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. \"E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'.\r\n\r\n«Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica».","post_title":"Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid","post_date":"2022-11-25T09:15:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669367726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434679","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È pronto il catalogo Montagna 2022/2023 firmato Gattinoni Travel a disposizione dei network del Gruppo Gattinoni. Uno strumento a supporto degli agenti di viaggio per sostenerli e agevolare il lavoro in questa stagione frenetica.\r\n\r\nLa scelta di realizzare un catalogo dedicato interamente all’offerta montagna, in formato digitale, proviene dall’ampio apprezzamento degli agenti di viaggio nei confronti del catalogo Mare Italia realizzato a supporto dell’estate scorsa. Uno strumento che si è rivelato utile perché ben organizzato nelle informazioni.\r\n\r\nAnche il catalogo Montagna ne segue le stesse linee guide, fornendo informazioni dettagliate e chiare sui servizi di ogni singola struttura. All’interno delle 79 pagine, ci sono 61 strutture selezionate da Gattinoni, suddivise in regioni: 25 in Trentino Alto Adige, 12 in Valle D’Aosta, 9 in Piemonte, 7 in Lombardia, 6 in Veneto e 2 negli Appennini in Abruzzo e Toscana.\r\n\r\nOgni struttura ricettiva è accompagnata da una didascalia sintetica e chiara che definisce alcuni parametri e servizi, per orientarsi più velocemente in base alle richieste del cliente.\r\n\r\nIn modo intuitivo si può infatti capire se l’hotel offre camere e servizi dedicati alle famiglie, se è presente una spa, se la struttura è adults only e se accetta animali di piccola taglia.\r\n\r\nE, per i clienti amanti dello sci, l’agente può affidarsi alle descrizioni contenute nel catalogo che riportano la distanza dalle piste, i punti navetta, i servizi noleggio attrezzatura, oltre all’indicazione di sconti dedicati ai bambini per i vari servizi.\r\n\r\nLe prenotazioni delle strutture all’interno del catalogo comprendono l’assicurazione medico bagaglio gratuita e vantaggiosi sconti per i bambini.\r\n\r\nPer prenotazioni fino al 15 dicembre si applica alla pratica, che dovrà essere superiore a 1.200 euro, uno sconto di 50 euro. \r\n\r\n ","post_title":"Gattinoni Travel lancia il catalogo Montagna 2022/2023","post_date":"2022-11-23T10:20:50+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669198850000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti