22 February 2024

CaboVerdeTime chiude il 2023 oltre i 5 milioni di euro: +18% sull’anno pre-Covid 2019

[ 0 ]

CaboVerdeTime chiude il 2023 con il vento in poppa, raggiungendo un fatturato sopra ai 5 milioni di euro, una quota superiore del 18% ai livelli del 2019, ultimo anno di programmazione completa prima del Covid. Osservando nel dettaglio le cifre, si riscontra in particolare un ottimo andamento delle vendite a partire dalla seconda metà del 2023, tra maggio e dicembre, con risultati superiori alle aspettative. Il tutto frutto anche di un’occupazione media del 95% su 52 partenze, dato considerevolmente migliore di quello previsionale, tarato sul 90% di occupazione annua dei voli.

Interessante anche l’analisi delle scelte dei 5.342 clienti che hanno viaggiato con CaboVerdeTime: la loro preferenza è andata alla struttura di proprietà Clubhotel Halos Casa Resort, che ha ospitato l’80% dei viaggiatori, seguito, con il 6%, dall’altra struttura in capo al gruppo lombardo, Sobrado Boutique Hotel. In forte crescita, ha beneficiato degli investimenti effettuati nell’area ristorazione, con un nuovo buffet, e dell’inedita formula di soggiorno, caratterizzata dal trattamento di full board plus: pensione completa con bevande, a cui si somma l’all inclusive presso la Halos Beach, raggiunta con un comodo servizio navetta.

“Capo Verde è tornata a esprimere tutto il suo potenziale e siamo molto contenti del bilancio appena chiuso, contraddistinto da numeri che aspettavamo da tempo, risultato di un lavoro corale e di scelte di lungo periodo che hanno portato i frutti sperati – spiega il responsabile commerciale e vendite della compagnia, Pietro Dusi -. Abbiamo investito in risorse e servizi da offrire alla clientela, che la distribuzione ha immediatamente recepito e che sono state importanti per far crescere le cifre. Il 2024 è partito bene e proseguiamo con il lavoro messo in campo per valorizzare tutto il potenziale di una destinazione ricca di risorse e di un rapporto qualità-prezzo pressoché ineguagliabile e che può essere vissuta tutto l’anno”.

Completano le percentuali, le strutture del gruppo Meliá, Meliá Llana, 5 stelle adults only, e Meliá Dunas, 5 stelle family resort, con il 4% di clienti, e il 5 stelle Hilton Cabo Verde Sal Resort, scelto da una nicchia, costituita dal 2% amante del prodotto upscale. Il restante 8% dei viaggiatori ha scelto di prenotare il solo volo, fetta comunque importante del mercato, vista la rilevanza della comunità italiana che vive sull’isola per lavoro o per soggiorni di lungo periodo di carattere leisure. “Nell’ambito di una valutazione macro di cifre e andamenti, sono risultate premianti e in linea con le attese le forti collaborazioni con i brand Bluvacanze e Gattinoni – conclude Dusi -, partner centrali nell’attività congiunta di promozione della destinazione”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462053 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tra febbraio e marzo oriente e occidente si incontrano in Toscana, a Prato, per il Capodanno cinese, con un appuntamento speciale che unisce la comunità pratese a quella cinese. In particolare il 2 e 3 marzo 2024 tornano il corteo e la festa in centro storico, con la tradizionale sfilata del Drago e la danza del Leone. La dinamica città toscana capitale del tessile, giovane e multietnica, si prepara ai festeggiamenti del Capodanno cinese che attira migliaia di turisti per il colorato corteo e la grande festa. Le celebrazioni a Prato erano iniziate il 9 febbraio, alle 17, la mezzanotte di Pechino, con il suono della campana al tempio buddista Pu Hua il primo giorno del nuovo anno del Drago (10 febbraio). Sabato 2 e domenica 3 marzo saranno dedicati alle sfilate (inizialmente programmate il 17 e 18 febbraio e rinviate a marzo in segno di rispetto per i gravi lutti sul lavoro nella vicina Firenze). Il 2 marzo, in particolare, il corteo si muoverà nel quartiere Macrolotto 1, con un’iniziativa rivolta principalmente alle tante aziende tessili in attività in questa zona dinamica e vivace della città. Domenica 3 marzo sarà la volta della consueta sfilata del Drago, che per tre ore attraverserà l’area del Macrolotto Zero, per arrivare in centro tra i danzatori. Nel cuore della città, sullo sfondo del Palazzo Pretorio, si terranno le esibizioni più emozionanti, sotto alla statua di Marco Datini, storico mercante trecentesco e nume tutelare della città di Prato. Il Capodanno cinese (o Festa della Primavera) è festeggiato da milioni di persone in tutto il mondo. Non ha un giorno fisso, perché l’inizio dell’anno deve coincidere con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno, una data che, seguendo il calendario gregoriano, cade tra il 21 gennaio e il 19 febbraio.           [post_title] => Prato, attesi migliaia di turisti per gli Eventi del Capodanno Cinese [post_date] => 2024-02-22T10:48:10+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598890000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Come avevamo ampiamente previsto tutte le norme, le normette, le ideuzze i proclami delle istituzioni che affermavano di aver risolto o in via di risoluzione il problema dei passaporti sono falliti. I tempi non si sono ridotti, anzi. Per questo il turismo organizzato ha scritto al ministro dell'interno per sollecitare il dossier, per evidenziare il mancato guadagno da questa incomprensibile questione, e per capire i moti. Vediamo cosa risponderà il ministero dell'interno e se risponderà.  Ecco la nota del turismo organizzato. Sono stati eliminati i contributi di tutti i presidenti delle associazioni perché sostanzialmente dicevano tutti la stessa cosa. «Non sono bastati servizi di Striscia la notizia e Report, centinaia di articoli sulla carta stampata, scandali su truffe ai danni dei cittadini, comunicazioni accorate di appello per trovare una soluzione a una burocrazia che fa male ai cittadini e alle imprese dei viaggi, rimaste inascoltate. Il nodo dei tempi di rilascio o rinnovo dei passaporti italiani, a due anni dall'uscita dell'emergenza Covid, rimane purtroppo scandalosamente inaccettabile. Come se non bastasse, anche per l’emissione delle carte di identità elettroniche si verificano problemi analoghi. Piantedosi Il turismo organizzato, già proiettato sulla vendita delle vacanze estive, a nome dei presidenti delle principali associazioni di categoria, chiede ancora una volta al ministro dell’interno, Matteo Piantedosi, a cui ha inviato due giorni fa una ulteriore lettera sollecitando un incontro, di intervenire per tutelare il diritto degli italiani di viaggiare e a difesa degli imprenditori del comparto che continuano a perdere fatturato a causa della burocrazia. Secondo una stima effettuata, i tempi lunghi o lunghissimi per ottenere o rinnovare un passaporto hanno, infatti, mandato in fumo nel biennio 2022-2023 167mila viaggi internazionali per un giro d'affari di 300 milioni di euro. Purtroppo, anche la soluzione “Polis”, che riguarda esclusivamente i comuni con meno di 15mila abitanti, rischia di essere una ulteriore comunicazione priva di efficacia reale e rappresentare solo una proroga di questa agonia legata alla pubblica amministrazione».     [post_title] => Passaporti: i tempi sono ancora scandalosamente inaccettabili [post_date] => 2024-02-22T10:36:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598210000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aumento di capitale e nuovo socio per Terme di Chianciano che entra in questo modo nella fase due del suo programma di rilancio. Il fondo Salvaguardia Imprese, promosso dal ministero delle Imprese e del made in Italy e gestito da Invitalia, è infatti da poco entrato nel capitale sociale di Terme di Chianciano, nell’ambito del piano di risanamento della società, a fianco dell’azionista Terme Italia che ha lavorato per due anni alla ristrutturazione dell’azienda. L'operazione è stata accompagna da un aumento di capitale per circa 6 milioni di euro, di cui circa 3,1 milioni immessi da parte di Terme Italia e 2,9 milioni da parte di Invitalia. I nuovi fondi saranno destinati, in parte, alla chiusura del concordato in continuità omologato a luglio 2023 e per oltre 3 milioni di euro alla riqualificazione dei complessi. Terme di Chianciano ha potuto inoltre beneficiare della misura destinata anche ai marchi storici, in quanto è stato classificato Marchio storico nazionale, grazie anche al lavoro del nuovo azionista Terme Italia. Il disegno di sviluppo futuro del complesso toscano presta particolare attenzione alla filiera di produzione e distribuzione nazionale delle sue acque, allo sviluppo dell’attività leisure e alla razionalizzazione dell’offerta sanitaria integrata, anche grazie all’acquisto del ramo di azienda ex-Upmc. [post_title] => Invitalia nuovo socio di Terme di Chianciano: aumento di capitale per 6 mln [post_date] => 2024-02-22T10:33:43+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598023000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462049 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vietjet Air ha siglato un Memorandum of Understanding con Airbus per l'acquisto di 20 aeromobili A330-900: una volta finalizzato, questo sarà il primo ordine di widebody del vettore asiatico. Gli aeromobili saranno impiegati sul crescente network di lungo raggio del vettore e sui servizi regionali ad alta capacità, inclusa la potenziale apertura di nuove rotte verso Europa e Stati Uniti, destinazioni attualmente non servite dalla compagnia. I nuovi velivoli andranno a sostituire la flotta di A330-300 in leasing. «Il nuovo A330neo è un'aggiunta strategica per modernizzare completamente la flotta di Vietjet, migliorandone le capacità operative per sostenere il piano di espansione della rete di voli globale - ha affermato il ceo di Vietjet, Dinh Viet Phuong -. Il suo design di nuova generazione, efficiente dal punto di vista dei consumi, è in linea con la nostra strategia di sviluppo sostenibile e con i nostri obiettivi Esg, che mirano all'azzeramento delle emissioni entro il 2050. Con l'introduzione dell'A330neo, i passeggeri potranno contare su voli a più lungo raggio, ben equipaggiati e con servizi eccellenti a tariffe più competitive». «Siamo entusiasti di collaborare con Vietjet nella prossima fase di espansione del vettore - ha dichiarato Christian Scherer, ceo della divisione Commercial Aircraft di Airbus -. L'A330neo consentirà alla compagnia aerea di ottenere i più bassi costi operativi per posto a sedere e di continuare a offrire ai suoi clienti il miglior valore possibile ovunque volino. Sarà anche il complemento perfetto per gli A321Xlr già ordinati dalla compagnia aerea, che sta espandendo le sue ali verso destinazioni più lontane».   [post_title] => VietJet: accordo con Airbus per un ordine da 20 A330-900. Nel mirino l'apertura di rotte verso Europa e Usa [post_date] => 2024-02-22T10:18:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708597092000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462038 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => United Airlines ripristinerà da marzo i voli diretti dagli Stati Uniti verso Israele, diventando così la prima compagnia aerea americana a riprendere i collegamenti dopo lo scoppio del conflitto tra Hamas e Israele, lo scorso 7 ottobre. United riprenderà i voli tra New York (Newark) e Tel Aviv il 6 marzo, con un Boeing 787-10 ma, come riferisce Reuters, non prevede di riavviare i servizi da altre città statunitensi almeno fino al prossimo autunno. Il vettore, prima del 7 ottobre, operava infatti quattro voli diretti al giorno per Tel Aviv da Newark, San Francisco, Washington e Chicago.  La ripresa dei voli dei vettori statunitensi per Israele rappresenta un potenziale punto di svolta per i viaggi verso il Paese, che hanno subito una brusca interruzione da ottobre a oggi. Il 2 e il 4 marzo, la compagnia aerea ha dichiarato che opererà voli da Newark a Tel Aviv con scalo a Monaco, in Germania, con voli di ritorno da Israele a Newark il 3 e il 5 marzo. Il vettore ha precisato di aver "condotto un'analisi dettagliata della sicurezza prima di prendere questa decisione, anche in stretta collaborazione con esperti di sicurezza e funzionari governativi negli Stati Uniti e in Israele". La compagnia "continuerà a monitorare la situazione a Tel Aviv e ad adeguare l'operativo in base alle esigenze, comprese eventuali modifiche al collegamento".   [post_title] => United Airlines sarà il primo vettore Usa a ripristinare i voli tra New York e Israele, dal 6 marzo [post_date] => 2024-02-22T09:56:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708595783000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462037 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abruzzo, Puglia e Lazio negli ultimi giorni di febbraio. E poi Lombardia, Veneto, Marche e ancora Puglia a marzo. Sono queste le prime tappe del roadshow organizzato da Mapo Travel per incontrare le agenzie di viaggio sul territorio. “Il tratto distintivo dei nostri viaggi è l’artigianalità: la sartorialità con cui il prodotto viene cucito sulle esigenze e sui desideri del cliente finale - sottolinea la general manager dell'operatore pugliese, Barbara Marangi -. E questo è possibile solo attraverso la condivisione tra i nostri esperti che pensano e costruiscono il prodotto e gli agenti di viaggio che incontrano fisicamente i clienti”. Nel dettaglio, il calendario del roadshow Mapo prevede tappe il 26 febbraio a Montesilvano, in Abruzzo, il 27 e 28 in Puglia, per la Btm di Bari, il 29 a Roma, il 5 marzo un workshop all’aeroporto di Milano Bergamo, e poi sempre a marzo gli appuntamenti in varie location in Lombardia, Veneto, Marche e Puglia. “Vogliamo rafforzare i rapporti interpersonali con gli agenti, presentare il progetto e le novità sul lungo raggio di Mapo World, consolidare destinazioni come Egitto Classico, Turchia e il Mare Italia che ci hanno dato tante soddisfazioni nel 2023. Tutto – spiega il direttore commerciale, Fabrizio Celeghin - con la nostra rete sales che con gli ultimi inserimenti copre capillarmente tutte le regioni italiane”. Tra gli appuntamenti del tour operator in giro per l’Italia anche un aperitivo esclusivo con le agenzie partner per presentare le novità di prodotto durante la Btm di Bari. “Il 2024  si è aperto sulla scia degli ottimi risultati dello scorso anno – conclude Barbara Marangi -. Stiamo inoltre concentrando la nostra attenzione su acquisizioni e gestioni dirette di nuove strutture alberghiere. Presto avremo importanti novità in questo senso”. [post_title] => Mapo Travel in tour per l'Italia a incontrare le adv. Presto in arrivo nuove gestioni dirette [post_date] => 2024-02-22T09:52:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708595545000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462034 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'estate 2024 di Klm decolla attraverso un network di 155 destinazioni, di cui 92 in Europa e 63 intercontinentali. La compagnia aerea aumenterà la capacità dei posti disponibili di circa il 7% rispetto all’estate del 2023, quasi eguagliando i livelli pre-Covid con l'operativo che entrerà in vigore il prossimo 31 marzo 2024 per poi concludersi il successivo 26 ottobre 2024. Sulla rete di lungo raggio saranno aumentati i collegamenti per Giakarta, in combinazione con Kuala Lumpur, e per Denpasar in combinazione con Singapore. Klm, che ha già ripreso i voli diretti per Osaka, riprenderà anche il servizio giornaliero per Tokyo Narita. La frequenza dei voli verrà aumentata anche verso Taipei, Hong Kong, Montreal, Toronto e Los Angeles. Complessivamente la capacità offerta verso le destinazioni del Nord America è oggi superiore ai livelli del 2019. Questo aumento di frequenze fa parte di un processo continuo messo in atto dalla compagnia, al fine di adattare la propria rete in base alle condizioni del mercato e a differenti esigenze operative. Il vettore olandese riprenderà il servizio giornaliero per Tel Aviv da lunedì 1° aprile: il collegamento sarà operato con scalo a Larnaca fino al 19 maggio, mentre la compagnia continuerà a monitorare la situazione in Israele. Crescita anche su diverse rotte in Europa: in Scandinavia, ci sarà un volo giornaliero per Billund (Danimarca) e Stavanger (Norvegia). In Gran Bretagna la frequenza dei voli sarà aumentata verso Edimburgo, Newcastle, Glasgow e Southampton. Come avvenuto quest'inverno, Klm continuerà a servire Marsiglia in estate e opererà un servizio giornaliero per Nizza. In Polonia, la frequenza sarà aumentata a Cracovia, Danzica e Wroclaw. In aumento anche le frequenze dei voli per Praga. In Italia, Klm aumenterà la frequenza o capacità su diverse città tra cui Bologna, Firenze, Genova - dove verrà introdotto un secondo volo giornaliero.   [post_title] => Klm: capacità a +7% per l'estate 2024. Più voli anche su Bologna, Firenze e Genova [post_date] => 2024-02-22T09:34:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708594476000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462003 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo. Con il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali. Con strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali. Nel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva. «Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia». [gallery ids="462006,462007,462005"]   [post_title] => Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport [post_date] => 2024-02-22T09:15:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708593352000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462015 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462020" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption] Towns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività). Fondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%. "Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti". La neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area aziendale all’interno di Towns of Italy. [post_title] => A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel [post_date] => 2024-02-21T15:38:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708529887000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "caboverdetime chiude 2023 oltre 5 milioni euro 18 sullanno precedente" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":72,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":7930,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462053","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tra febbraio e marzo oriente e occidente si incontrano in Toscana, a Prato, per il Capodanno cinese, con un appuntamento speciale che unisce la comunità pratese a quella cinese. In particolare il 2 e 3 marzo 2024 tornano il corteo e la festa in centro storico, con la tradizionale sfilata del Drago e la danza del Leone.\r\n\r\nLa dinamica città toscana capitale del tessile, giovane e multietnica, si prepara ai festeggiamenti del Capodanno cinese che attira migliaia di turisti per il colorato corteo e la grande festa.\r\n\r\nLe celebrazioni a Prato erano iniziate il 9 febbraio, alle 17, la mezzanotte di Pechino, con il suono della campana al tempio buddista Pu Hua il primo giorno del nuovo anno del Drago (10 febbraio). Sabato 2 e domenica 3 marzo saranno dedicati alle sfilate (inizialmente programmate il 17 e 18 febbraio e rinviate a marzo in segno di rispetto per i gravi lutti sul lavoro nella vicina Firenze).\r\n\r\nIl 2 marzo, in particolare, il corteo si muoverà nel quartiere Macrolotto 1, con un’iniziativa rivolta principalmente alle tante aziende tessili in attività in questa zona dinamica e vivace della città. Domenica 3 marzo sarà la volta della consueta sfilata del Drago, che per tre ore attraverserà l’area del Macrolotto Zero, per arrivare in centro tra i danzatori. Nel cuore della città, sullo sfondo del Palazzo Pretorio, si terranno le esibizioni più emozionanti, sotto alla statua di Marco Datini, storico mercante trecentesco e nume tutelare della città di Prato.\r\n\r\nIl Capodanno cinese (o Festa della Primavera) è festeggiato da milioni di persone in tutto il mondo. Non ha un giorno fisso, perché l’inizio dell’anno deve coincidere con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno, una data che, seguendo il calendario gregoriano, cade tra il 21 gennaio e il 19 febbraio.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Prato, attesi migliaia di turisti per gli Eventi del Capodanno Cinese","post_date":"2024-02-22T10:48:10+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708598890000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Come avevamo ampiamente previsto tutte le norme, le normette, le ideuzze i proclami delle istituzioni che affermavano di aver risolto o in via di risoluzione il problema dei passaporti sono falliti. I tempi non si sono ridotti, anzi. Per questo il turismo organizzato ha scritto al ministro dell'interno per sollecitare il dossier, per evidenziare il mancato guadagno da questa incomprensibile questione, e per capire i moti. Vediamo cosa risponderà il ministero dell'interno e se risponderà. \r\nEcco la nota del turismo organizzato. Sono stati eliminati i contributi di tutti i presidenti delle associazioni perché sostanzialmente dicevano tutti la stessa cosa.\r\n«Non sono bastati servizi di Striscia la notizia e Report, centinaia di articoli sulla carta stampata, scandali su truffe ai danni dei cittadini, comunicazioni accorate di appello per trovare una soluzione a una burocrazia che fa male ai cittadini e alle imprese dei viaggi, rimaste inascoltate. Il nodo dei tempi di rilascio o rinnovo dei passaporti italiani, a due anni dall'uscita dell'emergenza Covid, rimane purtroppo scandalosamente inaccettabile. Come se non bastasse, anche per l’emissione delle carte di identità elettroniche si verificano problemi analoghi.\r\n\r\nPiantedosi\r\nIl turismo organizzato, già proiettato sulla vendita delle vacanze estive, a nome dei presidenti delle principali associazioni di categoria, chiede ancora una volta al ministro dell’interno, Matteo Piantedosi, a cui ha inviato due giorni fa una ulteriore lettera sollecitando un incontro, di intervenire per tutelare il diritto degli italiani di viaggiare e a difesa degli imprenditori del comparto che continuano a perdere fatturato a causa della burocrazia.\r\nSecondo una stima effettuata, i tempi lunghi o lunghissimi per ottenere o rinnovare un passaporto hanno, infatti, mandato in fumo nel biennio 2022-2023 167mila viaggi internazionali per un giro d'affari di 300 milioni di euro.\r\nPurtroppo, anche la soluzione “Polis”, che riguarda esclusivamente i comuni con meno di 15mila abitanti, rischia di essere una ulteriore comunicazione priva di efficacia reale e rappresentare solo una proroga di questa agonia legata alla pubblica amministrazione».\r\n \r\n ","post_title":"Passaporti: i tempi sono ancora scandalosamente inaccettabili","post_date":"2024-02-22T10:36:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1708598210000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAumento di capitale e nuovo socio per Terme di Chianciano che entra in questo modo nella fase due del suo programma di rilancio. Il fondo Salvaguardia Imprese, promosso dal ministero delle Imprese e del made in Italy e gestito da Invitalia, è infatti da poco entrato nel capitale sociale di Terme di Chianciano, nell’ambito del piano di risanamento della società, a fianco dell’azionista Terme Italia che ha lavorato per due anni alla ristrutturazione dell’azienda.\r\n\r\nL'operazione è stata accompagna da un aumento di capitale per circa 6 milioni di euro, di cui circa 3,1 milioni immessi da parte di Terme Italia e 2,9 milioni da parte di Invitalia. I nuovi fondi saranno destinati, in parte, alla chiusura del concordato in continuità omologato a luglio 2023 e per oltre 3 milioni di euro alla riqualificazione dei complessi.\r\n\r\nTerme di Chianciano ha potuto inoltre beneficiare della misura destinata anche ai marchi storici, in quanto è stato classificato Marchio storico nazionale, grazie anche al lavoro del nuovo azionista Terme Italia. Il disegno di sviluppo futuro del complesso toscano presta particolare attenzione alla filiera di produzione e distribuzione nazionale delle sue acque, allo sviluppo dell’attività leisure e alla razionalizzazione dell’offerta sanitaria integrata, anche grazie all’acquisto del ramo di azienda ex-Upmc.","post_title":"Invitalia nuovo socio di Terme di Chianciano: aumento di capitale per 6 mln","post_date":"2024-02-22T10:33:43+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708598023000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462049","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vietjet Air ha siglato un Memorandum of Understanding con Airbus per l'acquisto di 20 aeromobili A330-900: una volta finalizzato, questo sarà il primo ordine di widebody del vettore asiatico.\r\n\r\nGli aeromobili saranno impiegati sul crescente network di lungo raggio del vettore e sui servizi regionali ad alta capacità, inclusa la potenziale apertura di nuove rotte verso Europa e Stati Uniti, destinazioni attualmente non servite dalla compagnia. I nuovi velivoli andranno a sostituire la flotta di A330-300 in leasing.\r\n\r\n«Il nuovo A330neo è un'aggiunta strategica per modernizzare completamente la flotta di Vietjet, migliorandone le capacità operative per sostenere il piano di espansione della rete di voli globale - ha affermato il ceo di Vietjet, Dinh Viet Phuong -. Il suo design di nuova generazione, efficiente dal punto di vista dei consumi, è in linea con la nostra strategia di sviluppo sostenibile e con i nostri obiettivi Esg, che mirano all'azzeramento delle emissioni entro il 2050. Con l'introduzione dell'A330neo, i passeggeri potranno contare su voli a più lungo raggio, ben equipaggiati e con servizi eccellenti a tariffe più competitive».\r\n\r\n«Siamo entusiasti di collaborare con Vietjet nella prossima fase di espansione del vettore - ha dichiarato Christian Scherer, ceo della divisione Commercial Aircraft di Airbus -. L'A330neo consentirà alla compagnia aerea di ottenere i più bassi costi operativi per posto a sedere e di continuare a offrire ai suoi clienti il miglior valore possibile ovunque volino. Sarà anche il complemento perfetto per gli A321Xlr già ordinati dalla compagnia aerea, che sta espandendo le sue ali verso destinazioni più lontane».\r\n\r\n ","post_title":"VietJet: accordo con Airbus per un ordine da 20 A330-900. Nel mirino l'apertura di rotte verso Europa e Usa","post_date":"2024-02-22T10:18:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708597092000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462038","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"United Airlines ripristinerà da marzo i voli diretti dagli Stati Uniti verso Israele, diventando così la prima compagnia aerea americana a riprendere i collegamenti dopo lo scoppio del conflitto tra Hamas e Israele, lo scorso 7 ottobre.\r\n\r\nUnited riprenderà i voli tra New York (Newark) e Tel Aviv il 6 marzo, con un Boeing 787-10 ma, come riferisce Reuters, non prevede di riavviare i servizi da altre città statunitensi almeno fino al prossimo autunno. Il vettore, prima del 7 ottobre, operava infatti quattro voli diretti al giorno per Tel Aviv da Newark, San Francisco, Washington e Chicago. \r\n\r\nLa ripresa dei voli dei vettori statunitensi per Israele rappresenta un potenziale punto di svolta per i viaggi verso il Paese, che hanno subito una brusca interruzione da ottobre a oggi.\r\n\r\nIl 2 e il 4 marzo, la compagnia aerea ha dichiarato che opererà voli da Newark a Tel Aviv con scalo a Monaco, in Germania, con voli di ritorno da Israele a Newark il 3 e il 5 marzo.\r\nIl vettore ha precisato di aver \"condotto un'analisi dettagliata della sicurezza prima di prendere questa decisione, anche in stretta collaborazione con esperti di sicurezza e funzionari governativi negli Stati Uniti e in Israele\". La compagnia \"continuerà a monitorare la situazione a Tel Aviv e ad adeguare l'operativo in base alle esigenze, comprese eventuali modifiche al collegamento\".\r\n\r\n ","post_title":"United Airlines sarà il primo vettore Usa a ripristinare i voli tra New York e Israele, dal 6 marzo","post_date":"2024-02-22T09:56:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708595783000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462037","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abruzzo, Puglia e Lazio negli ultimi giorni di febbraio. E poi Lombardia, Veneto, Marche e ancora Puglia a marzo. Sono queste le prime tappe del roadshow organizzato da Mapo Travel per incontrare le agenzie di viaggio sul territorio. “Il tratto distintivo dei nostri viaggi è l’artigianalità: la sartorialità con cui il prodotto viene cucito sulle esigenze e sui desideri del cliente finale - sottolinea la general manager dell'operatore pugliese, Barbara Marangi -. E questo è possibile solo attraverso la condivisione tra i nostri esperti che pensano e costruiscono il prodotto e gli agenti di viaggio che incontrano fisicamente i clienti”.\r\n\r\nNel dettaglio, il calendario del roadshow Mapo prevede tappe il 26 febbraio a Montesilvano, in Abruzzo, il 27 e 28 in Puglia, per la Btm di Bari, il 29 a Roma, il 5 marzo un workshop all’aeroporto di Milano Bergamo, e poi sempre a marzo gli appuntamenti in varie location in Lombardia, Veneto, Marche e Puglia. “Vogliamo rafforzare i rapporti interpersonali con gli agenti, presentare il progetto e le novità sul lungo raggio di Mapo World, consolidare destinazioni come Egitto Classico, Turchia e il Mare Italia che ci hanno dato tante soddisfazioni nel 2023. Tutto – spiega il direttore commerciale, Fabrizio Celeghin - con la nostra rete sales che con gli ultimi inserimenti copre capillarmente tutte le regioni italiane”.\r\n\r\nTra gli appuntamenti del tour operator in giro per l’Italia anche un aperitivo esclusivo con le agenzie partner per presentare le novità di prodotto durante la Btm di Bari. “Il 2024  si è aperto sulla scia degli ottimi risultati dello scorso anno – conclude Barbara Marangi -. Stiamo inoltre concentrando la nostra attenzione su acquisizioni e gestioni dirette di nuove strutture alberghiere. Presto avremo importanti novità in questo senso”.","post_title":"Mapo Travel in tour per l'Italia a incontrare le adv. Presto in arrivo nuove gestioni dirette","post_date":"2024-02-22T09:52:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708595545000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462034","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'estate 2024 di Klm decolla attraverso un network di 155 destinazioni, di cui 92 in Europa e 63 intercontinentali. La compagnia aerea aumenterà la capacità dei posti disponibili di circa il 7% rispetto all’estate del 2023, quasi eguagliando i livelli pre-Covid con l'operativo che entrerà in vigore il prossimo 31 marzo 2024 per poi concludersi il successivo 26 ottobre 2024.\r\n\r\nSulla rete di lungo raggio saranno aumentati i collegamenti per Giakarta, in combinazione con Kuala Lumpur, e per Denpasar in combinazione con Singapore. Klm, che ha già ripreso i voli diretti per Osaka, riprenderà anche il servizio giornaliero per Tokyo Narita. La frequenza dei voli verrà aumentata anche verso Taipei, Hong Kong, Montreal, Toronto e Los Angeles.\r\n\r\nComplessivamente la capacità offerta verso le destinazioni del Nord America è oggi superiore ai livelli del 2019. Questo aumento di frequenze fa parte di un processo continuo messo in atto dalla compagnia, al fine di adattare la propria rete in base alle condizioni del mercato e a differenti esigenze operative.\r\n\r\nIl vettore olandese riprenderà il servizio giornaliero per Tel Aviv da lunedì 1° aprile: il collegamento sarà operato con scalo a Larnaca fino al 19 maggio, mentre la compagnia continuerà a monitorare la situazione in Israele.\r\n\r\nCrescita anche su diverse rotte in Europa: in Scandinavia, ci sarà un volo giornaliero per Billund (Danimarca) e Stavanger (Norvegia). In Gran Bretagna la frequenza dei voli sarà aumentata verso Edimburgo, Newcastle, Glasgow e Southampton. Come avvenuto quest'inverno, Klm continuerà a servire Marsiglia in estate e opererà un servizio giornaliero per Nizza. In Polonia, la frequenza sarà aumentata a Cracovia, Danzica e Wroclaw. In aumento anche le frequenze dei voli per Praga.\r\n\r\nIn Italia, Klm aumenterà la frequenza o capacità su diverse città tra cui Bologna, Firenze, Genova - dove verrà introdotto un secondo volo giornaliero.\r\n\r\n ","post_title":"Klm: capacità a +7% per l'estate 2024. Più voli anche su Bologna, Firenze e Genova","post_date":"2024-02-22T09:34:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708594476000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462003","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Abu Dhabi International Airport cambia nome e diventa Zayed International Airport, in onore del padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan. Il nuovo nome racchiude la ricchezza della cultura emiratina e del patrimonio arabo.\r\nCon il Terminal A, Zayed International Airport dispone di uno dei terminal più grandi al mondo in grado di accogliere fino a 45 milioni di passeggeri all’anno e di segnare una nuova era per i trasporti e le infrastrutture aeronautiche di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti. Nei primi 60 giorni dalla piena operatività del Terminal A, lo scalo ha accolto 4,48 milioni di passeggeri con 1,21 milioni di arrivi, 1,22 milioni di partenze, 2 milioni di trasferimenti e oltre 24.000 voli. L'aeroporto ha proposto un network di 117 destinazioni nel dicembre 2023 con un aumento del 20% rispetto alle 100 città del 2022, grazie a una rete di compagnie aeree in rapida crescita composta da 28 vettori internazionali.\r\nCon strutture all'avanguardia a livello mondiale, tra cui la tecnologia biometrica per snellire il processo di screening e imbarco, 35.000 metri quadrati di spazio per la vendita al dettaglio e f&b e 163 punti vendita per i passeggeri per fare acquisti, cenare e divertirsi, il Terminal A pone l'esperienza dei passeggeri al centro delle operazioni. Dall'apertura del terminal nel novembre 2023 sono stati raggiunti numerosi traguardi operativi, tra cui la fornitura di un certo livello di servizio per i viaggiatori e l'attrazione di un gruppo crescente di compagnie aeree internazionali.\r\nNel complesso, i risultati del traffico passeggeri di Abu Dhabi Airports per il 2023 mostrano un aumento significativo della domanda di passeggeri. Un totale di 22.935.316 passeggeri ha volato attraverso uno dei cinque aeroporti commerciali di Abu Dhabi tra il 1° gennaio e il 31 dicembre, per un aumento della domanda del 44,5% rispetto al 2022. Per il 2024 e oltre, Abu Dhabi Airports prevede un'ulteriore crescita del traffico passeggeri e merci, con l'offerta di aviazione potenziata di Zayed International Airport al centro di questa prospettiva positiva.\r\n«Zayed International Airport è la porta d’accesso alla condivisione di Abu Dhabi e il suo patrimonio con il mondo, accogliendo i viaggiatori all’insegna dei valori di connettività, innovazione e sostenibilità - ha sottolineato Elena Sorlini, managing director e ceo di Abu Dhabi Airports -. Grazie al lavoro e alla dedizione dei nostri dipendenti, dei nostri partner e di tutti coloro che sono stati coinvolti, il 2023 è stato un anno estremamente positivo per Abu Dhabi Airports. Sono particolarmente orgogliosa del fatto che, sin dalla sua apertura, le operazioni del Terminal A abbiano avuto un grande successo. Ai passeggeri viene offerta un’esperienza di viaggio autentica, inclusiva e continua radicata nel patrimonio culturale emiratino dell’ospitalità e alimentata da una tecnologia all’avanguardia».\r\n[gallery ids=\"462006,462007,462005\"]\r\n ","post_title":"Abu Dhabi: lo scalo cambia nome e diventa Zayed International Airport","post_date":"2024-02-22T09:15:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708593352000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462015","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462020\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption]\r\n\r\nTowns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività).\r\n\r\nFondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%.\r\n\r\n\"Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti\".\r\n\r\nLa neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area\r\naziendale all’interno di Towns of Italy.","post_title":"A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel","post_date":"2024-02-21T15:38:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708529887000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti