22 February 2024

Azemar: un oceano Indiano a 5 stelle da scoprire con The Cocoon Collection

[ 0 ]

Da 30 anni Azemar vende l’oceano Indiano a 360 gradi: destinazioni che il to ha proposto quest’anno distribuendo la sua elegante Travel Collection 2023/24 al suo unico canale di vendita: le agenzie di viaggio, in Italia e nel Canton Ticino. Gli agenti, grazie alla formazione continua realizzata con i roadshow e con i fam trip possono incontrare la realtà di Azemar, fatta di un’offerta a 5 stelle e di grande attenzione alle esigenze del cliente e alla sostenibilità.

«Portiamo i nostri ospiti alla scoperta delle Maldive, dello Sri Lanka, di Zanzibar e della Tanzania, di Mauritius, delle Seychelles, di Dubai e di tutti gli Emirati Arabi – spiega Loris Giusti, key account del to -. Oggi i nostri ospiti amano sperimentare i servizi e le experience offerte dalle strutture e prediligono i viaggi combinati, anche per la luna di miele: noi creiamo delle esperienze su misura tra città, safari e mare”.

Ampia dunque la scelta di prodotto, che comprende pure una serie di resort di proprietà esclusiva. “La nostra The Cocoon Collection comprende The Cocoon Maldives, il primo design hotel alle Maldive con l’arredamento by Lago Design – aggiunge Giusti -. C’è poi lo You & Me Maldives, un resort adults-only che ospita il famoso Underwater Restaurant H2o, il primo ristorante stellato alle Maldive dove il menu è firmato dallo chef due stelle Michelin Andrea Berton. A Zanzibar ci sono il Gold Zanzibar, che si trova nella spettacolare spiaggia di Kendwa, e il The Island Pongwe, l’isola nell’isola, con sole cinque camere. In Sri Lanka, si aggiunge inoltre il boutique hotel Aditya Resort, la cui spa Ayurveda è una delle 25 spa più belle di tutto il sud-est asiatico. Lo scorso 1° settembre 2023 ha infine aperto il Joy Island: l’isola della gioia è la nostra ultima novità, la terza struttura Cocoon Collection alle Maldive aperta a coppie, famiglie e single. Abbiamo già tantissime richieste per il periodo invernale e anche per il 2024, perché gli ospiti programmano da un anno all’altro i loro viaggi e noi offriamo esperienze davvero indimenticabili, come le nuovissime attività di watersport del Siyam World».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461983" align="alignleft" width="300"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption] L'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022. Con gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno). Al Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo. [post_title] => CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu [post_date] => 2024-02-21T10:54:38+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512878000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461877 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali. I numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore. Tra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera. Un evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«. «Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«. Nei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.   ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ ­ [post_title] => Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori [post_date] => 2024-02-21T10:01:59+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708509719000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461948 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Etihad Airways ha lanciato una nuova collezione di amenity kit e loungewear creata in collaborazione con Giorgio Armani e con il marchio di benessere di lusso Espa.  L'incontro tra la raffinata eleganza di Giorgio Armani e la rinomata ospitalità emiratina di Etihad offrirà un'esperienza di volo senza precedenti agli ospiti che volano in classe The Residence, First e Business. La nuova gamma di prodotti di stile comprende amenity kit su misura per ogni cabina premium, oltre a loungewear e pantofole di lusso firmate. I kit saranno progressivamente introdotti a bordo a partire dalla fine di febbraio. La partnership estende la pluripremiata collaborazione di Etihad con Armani/Casa, lanciata a bordo nel 2023 e caratterizzata da stoviglie e arredi morbidi a marchio congiunto nella classe Business di Etihad. «Oltre a offrire comodità, stile e lusso in volo, i nostri ospiti porteranno a casa la propria amenity bag co-brandizzata Giorgio Armani da utilizzare in viaggio o a casa - ha affermato Turky Al Hammadi, head of product and hospitality della compagnia di Abu Dhabi -. Queste ricercate borse sono disponibili in colori e stili da collezione, il che significa che i frequent flyer possono costruire la loro personale collezione 'Giorgio Armani'. Abbiamo anche introdotto una gamma gratuita di tote bag eleganti e funzionali per i nostri ospiti dei voli più lunghi in Economy. Queste borse non solo saranno un pratico regalo, ma ci aiuteranno a ridurre ulteriormente la plastica monouso». [post_title] => Etihad Airways: Giorgio Armani firma il nuovo, lussuoso amenity kit del vettore [post_date] => 2024-02-21T09:30:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708507831000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chi garantisce le caratteristiche di una struttura ricettiva e la sua sostenibilità? Per rispondere a questa domanda è nata in Italia la certificazione dca esg, che è la prima accreditata e riconosciuta a livello mondiale. «Abbiamo avuto l’accreditamento il 22 giugno del 2020, dopo sei anni di lavoro in questo ambito e dopo 15 anni nel settore del turismo», racconta Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme. Una certificazione, quella dca, che è stata conseguita recentemente dall’Hotel Milano Scala che, nato nel capoluogo nel 2010 come primo albergo a emissioni zero. «Siamo autorizzati da Accredia (l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal governo italiano) - prosegue Caire di Lauzet –. Secondo le norme internazionali Iso l’indipendenza e l’imparzialità di una certificazione possono essere garantite solo da una realtà accreditata da un ente nazionale pubblico. Questa regola è contenuta anche nella direttiva del Parlamento europeo del 17 gennaio 2024, che considera le certificazioni di sostenibilità senza accreditamento come pubblicità ingannevole. Noi ne abbiamo creata una con l’obiettivo di dare un supporto concreto e pratico alle strutture ricettive, in modo che dai nostri report emergessero dei miglioramenti reali. Con oltre 32 mila camere in 15 paesi, possiamo contare su ampie statistiche e le best-practice vengono aggiornate ogni settimana; quando, dopo un anno, rivediamo le strutture, portiamo cambiamenti e innovazioni. E questo è un grande valore aggiunto. La nostra certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità, per cui utilizziamo nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 differenti criteri di valutazione. Come accade in ogni struttura che certifichiamo, siamo arrivati all’Hotel Milano Scala con un team composto da diversi auditor». A oggi gli auditor formati da Dream&Charme sono 19 e vengono fatti continui corsi di aggiornamento. «Ci si prepara alla verifica essendo se stessi - sottolinea Caire di Lauzet -, in modo che il report sia il più possibile reale e indichi tutti i punti che possano garantire il concreto inizio di un percorso di sviluppo sostenibile, il mantenimento della certificazione negli anni e la possibilità di portare a un miglioramento concreto dell’attività. Ci mettiamo da uno a due giorni per ogni struttura ricettiva, a seconda delle sue dimensioni. Ogni hotel viene verificato singolarmente, anche se fa parte di una catena. In Italia oltre al Milano Scala abbiamo certificato tutte le strutture Portrait della Lungarno Collection, nonché gli alberghi R Collection, Voi/VRetreats Alpitour, Sina Hotels, Planetaria, Magna Pars, Albereta, Andana, Ca' di Dio a Venezia, il Pellicano, Quisisana a Capri… Ormai sono quasi 150». Un impegno italiano e internazionale che richiede grande dedizione: «Io stesso faccio parte sia del gruppo di lavoro Uni in Italia sul turismo sostenibile, sia del gruppo di lavoro Iso 228 n. 13 mondiale sulle norme per il turismo sostenibile - conclude Caire di Lauzet -. Cerco quindi di dare un apporto italiano alle norme internazionali. Siamo infine pronti per l’estensione di accreditamento Accredia anche per la certificazione Gstc». [post_title] => Dream&Charme: l’ente Italiano che certifica la sostenibilità delle strutture ricettive nel mondo [post_date] => 2024-02-21T09:15:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708506949000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461887 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal mistico romanticismo delle antiche civiltà celtiche alle leggendarie rotte dei vichinghi fino ai paesaggi mozzafiato della Terra del ghiaccio e del fuoco. Swan Hellenic offre tre viaggi di spedizione culturale curati da esperti e progettati per immergere gli ospiti nelle meraviglie storiche, culturali e faunistiche delle isole britanniche e dell'Islanda. Tutte e tre le spedizioni sono a bordo della nave boutique di classe glaciale Vega, appositamente progettata da Swan Hellenic. Il primo viaggio si intitola Spirit of the Celts (11 notti dal 24 maggio al 4 giugno 2024): salpa da Portsmouth, l'unica città insulare dell'Inghilterra, per raggiungere Fowey in Cornovaglia, Tresco nelle isole Scilly, Bantry, Dingle, Galway e Killybegs in Irlanda, poi Iona, Stornoway, Loch Ewe e Oban in Scozia, quindi Portrush e Rathlin Island in Irlanda del Nord, prima di concludere l'odissea a Dublino, in Irlanda. A seguire, In the wake of Celts and Vikings (12 notti dal 4 al 16 giugno 2024). La spedizione parte da Dublino per Iona, tocca Portree sull'isola di Skye, poi Ullapool, Stromness sulle Orcadi, Lerwick sulle Shetland e Tórshavn, capitale portuale delle isole Faroe, prima di intraprendere una semi-circumnavigazione dell'Islanda. Gli scali previsti sono a Djupivogur, all'isola Grimsey, ad Akureyri, a Isafjordur, all'isola Vigur, alla cascata Dynjandi, alle scogliere di Látrabjarg e a Reykjavik. La terza crociera di questa serie è Iceland in depth (otto notti dal 16 al 24 giugno 2024). Si parte da Reykjavik per una circumnavigazione completa dell'isola, esplorando la cascata Dynjandi, Ísafjördur e la regione dei fiordi occidentali, l'isola di Vigur, il paradiso degli uccelli marini di Grimsey, quindi l'isola di Hrisey, famosa per la sua fauna selvatica e l'artigianato tradizionale islandese. Seguono Akureyri, capitale del Nord, con i suoi spettacolari dintorni, il porto d'arte di Seyðisfjörður e il villaggio di pescatori di Djupivogur, quindi Heimaey, che ospita la più grande colonia di pulcinella di mare del mondo. La Vega chiuderà il cerchio facendo ritorno a Reykjavik. "I miti e le leggende dei Celti e dei Vichinghi hanno esercitato a lungo un fascino tanto forte quanto quello dei paesaggi ultraterreni e della ricca fauna selvatica delle regioni in cui hanno vissuto - sottolinea la chief commercial officer di Swan Hellenic, Patrizia Iantorno -. Queste tre crociere di spedizione culturale sono state realizzate dai nostri esperti per offrire un'esperienza coinvolgente sotto ogni aspetto". [post_title] => Swan Hellenic fa rotta verso nord alla scoperta delle terre dei Celti e dei Vichinghi [post_date] => 2024-02-20T10:46:05+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708425965000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461808 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’associazione Austria per l’Italia (che raggruppa gli hotel in Austria dove lo staff parla italiano) propone vacanze pasquali davvero speciali: gli hotel in quota sono immersi ancora in un paesaggio innevato mentre gli hotel affacciati sui laghi hanno già sciolto il ghiaccio e guardano al risveglio della natura dopo l’inverno. L’hotel 5 stelle lusso Schalber di Serfaus-Fiss-Ladis, in Tirolo, invita per esempio a scendere sulle piste innevate baciate dal sole primaverile.  Il comprensorio sciistico di Serfaus-Fiss-Ladis, uno dei più grandi e innevati delle Alpi, promette sole, cielo azzurro e temperature piacevoli. Lo Schalber racchiude il piacere primaverile dello sci in un'esperienza alberghiera speciale: nella spa di 5 mila metri quadrati si trovano la piscina coperta con acqua salina e idromassaggio, la stanza sudatoria tirolese, il bagno turco giapponese, la Lady spa. Pacchetto per Pasqua: dal 23 marzo al 2 aprile, a partire da 2.205 euro. Sempre in Tirolo, a Seefeld, l’hotel Inntalerhof propone per il periodo dal 23 marzo al 2 aprile non solo una notte gratuita ma anche un buono benessere di 30 euro, programma MindBody con yoga, sessioni di rilassamento, allenamento, Pilates, escursioni guidate di mezza giornata intorno a Mösern e il programma a Pasqua con la caccia alle uova e il falò di Pasqua. Cinque notti a partire da 690 euro, in mezza pensione. In Carinzia, esattamente nel paese termale di Bad Kleinkirchheim, l’hotel Die Post offre benessere in una splendida spa di 2.400 metri quadrati, con sei piscine, sauna finlandese, casa sull'albero, spa per donne, bagno turco salino. Il benessere in famiglia è garantito dalla Family spa: una piscina a misura di bambino con acqua piacevolmente calda, sauna soft, bagno di vapore salino. Sempre a Bad Kleinkirchheim l'hotel Gut Trattlerhof & Chalets, da poco premiato con l‘HolidayCheck Award 2024, invita a sciare fino a Pasqua e a vivere il periodo pasquale partecipando alla caccia delle uova nel giardino ancora innevato. Anche l’hotel Eggerhof di Mallnitz, sempre in Carinzia, attende gli ospiti per una Pasqua speciale: la pista da sci più lunga della Carinzia (che percorre 1.370 metri di dislivello) è aperta e offre un perfetto divertimento sugli sci sul versante soleggiato delle Alpi con neve garantita fino a Pasqua. Sciare nella zona degli Alti Tauri, nel comprensorio sciistico Ankogel/Mallnitz e Mölltaler Gletscher (l’unico su ghiacciaio della Carinzia), è un’esperienza primaverile emozionante. Il pacchetto dell’hotel Eggerhof comprende anche lo skipass per sei giorni e varie attività pasquali e primaverili. Sette notti in mezza pensione a partire da 730 euro a persona (per i bambini sono previste riduzioni a seconda dell’età).  Nella regione dell'Alta Austria, sulle sponde del lago Wolfgang, l’hotel Weisses Roessl è inserito in un ambiente idilliaco, circondato dall’acqua e dalle montagne. Per chi non vuole muoversi dal paradiso, può rilassarsi alla spa dell’hotel affacciata sul lago che come highlight offre una piscina riscaldata immersa letteralmente nel lago. Anche l’hotel Karnerhof si affaccia su un paesaggio lacustre incredibilmente bello. Il grande parco che lambisce la costa del lago offre 100 mila mq di giardino, spiaggia e piscina a sfioro. Il pacchetto pasquale prevede il Falò di Pasqua il Sabato Santo, la tradizionale colazione carinziana della domenica di Pasqua, la caccia alle uova per i bambini, buono spa di 25 euro (a partire da euro 424 a persona tre notti).       [post_title] => Austria per l'Italia: le proposte speciali per una pasqua sugli sci [post_date] => 2024-02-20T10:02:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708423347000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461835 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non si ferma lo sviluppo della classe Oasis del gruppo Royal Caribbean, che ha appena messo in ordine una nuova nave, la settima della serie. Nonostante non si tratti più della linea più moderna, visto il recente lancio della Icon con l'unità omonima, la Oasis continua evidentemente a essere molto apprezzata dai crocieristi, a quasi 15 anni dal suo debutto a dicembre 2009. La nave verrà costruita presso gli stabilimenti francesi degli Chantiers de l'Atlantique, mentre l'entrata in vigore dell'accordo appena siglato è come di consueto soggetto al reperimento dei finanziamenti necessari, che Rcl si aspetta di ottenere entro la fine di quest'anno. L'unità dovrebbe essere consegnata nel 2028. Nel frattempo, Rcl è in attesa dall'arrivo della seconda nave della classe Icon, la Star of the Seas, per l'estate del 2025. Il prossimo luglio è invece in calendario la consegna della Utopia of the Seas, sesta unità Oasis. In totale il gruppo ha oggi in pipeline otto navi, oltre che per il brand omonimo anche per Celebrity e Silver Cruises, nonché per la joint venture al 50% che opera le unità Tui Cruises e Hapag-Lloyd. [post_title] => Royal Caribbean: in arrivo la settima nave della classe Oasis [post_date] => 2024-02-19T13:30:36+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708349436000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461744 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Spezia si promuove il 24 e 25 febbraio in occasione dell’edizione 2024 della Giornata Internazionale della Guida Turistica (istituita nel 1990 dalla World Federation of Tourist Guides Association e promossa in Italia da ANGT, Associazione Nazionale Guide Turistiche). «In questi anni abbiamo lavorato per promuovere la nostra città in termini turistici partendo dalla riscoperta del suo ricco patrimonio culturale e della sua storia – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – raggiungendo numeri di presenze importanti e circa un milione di notti passate nel nostro territorio nel 2023. Queste due giornate, promosse dall’Associazione Guide Turistiche Liguria, condurranno alla scoperta delle origini di Palazzo Civico, che è la casa di tutti gli spezzini, e della Cattedrale Cristo Re. Un itinerario turistico inusuale che ruota intorno a Piazza Europa e che sarà interessante sia per i turisti sia per chi vive qui ogni giorno». «Le nostre guide turistiche  - aggiuneg l’assessore al Turismo Maria Grazia Frijia - sono un punto di forza un fiore all’occhiello del nostro sistema turistico la loro competenza e capacità e soprattutto la loro passione che mettono nel loro lavoro rappresentano un importante biglietto da visita per la Città. La Spezia sempre più turistica ha tante storie da raccontare e molta Storia da far scoprire valorizzare il ruolo ed il lavoro delle guide turistiche per l’assessorato al turismo è prioritario e strategico». In particolare l’Associazione Guide Turistiche Liguria sezione della Spezia ha proposto visite guidate gratuite, che saranno dedicate alla zona di piazza Europa. "Intorno a piazza Europa: il Palazzo Comunale e la Cattedrale di Cristo Re” è il titolo della iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune della Spezia e che si svolgerà il fine settimana del 24 e 25 febbraio. Nel corso delle visite si ricostruiranno le vicende che hanno determinato la profonda trasformazione di questa area cittadina, occupata in origine dall’ameno colle dei Cappuccini e divenuta, nel corso del Novecento, sede dei due edifici simbolicamente più significativi della città: il Palazzo del Comune che sarà  oggetto di visita e che si aprirà ancora di più alla città e ai cittadini  e la Cattedrale di Cristo Re. Visto il tema generale della edizione 2024, dedicata al turismo verde, nel corso dell’itinerario si parlerà anche dei Giardini Storici, così importanti nel definire l’immagine del lungomare spezzino, e del Parco delle Mura, il suggestivo percorso escursionistico che segue il tracciato delle mura ottocentesche.   [post_title] => La Spezia, i tour tra i giardini storici e il Parco delle Mura per la Giornata Internazionale della Guida Turistica [post_date] => 2024-02-19T11:41:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708342917000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461784 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’obiettivo per tutto il settore crocieristico e della navigazione è di arrivare al 2050 a utilizzare navi ad emissioni zero. Nel frattempo le compagnie, Costa Crociere in primis, sono impegnate a 360 gradi con grandi investimenti green stanziati e da stanziare, e importanti iniziative. Nel dettaglio, sostenibilità a bordo per la compagnia del gruppo Carnival in primis significa: raccolta differenziata (il 100% dei rifiuti raccolti sulla nave viene separato e differenziato); sempre meno plastica; attenzione al consumo d'acqua (due terzi di quella utilizzata a bordo proviene dal mare: viene desalinizzata e purificata per l’utilizzo a bordo); navi tecnologicamente avanzate (per la Smeralda e la Toscana è stato scelto il sistema a propulsione più innovativo del settore crocieristico, il gas naturale liquefatto: la tecnologia più avanzata attualmente disponibile per garantire le migliori performance ambientali riducendone le emissioni) «Ma rispetto dell’ambiente non significa solo raccolta differenziata, meno plastica e ricircolo a bordo  – specifica Luigi Stefanelli, Southern Europe Region associate vice president Costa Crociere –. Da tempo abbiamo anche avviato un processo che ci consente un risparmio sul cibo, favorendo la stagionalità nei menù e sensibilizzando ospiti ed equipaggio al consumo responsabile. Insieme a Banco Alimentare siamo inoltre presenti in ben 18 porti nel mondo e doniamo i pasti a chi ne ha bisogno». Scendere a terra per Costa Crociere non significa poi semplicemente fare un escursione, ma scoprire i luoghi e le persone che li abitano, in maniere attenta e rispettosa, grazie a guide esperte e professionali. La compagnia promuove un Manifesto per un turismo di valore, ecosostenibile e inclusivo,  che raccoglie i principi che la guidano verso comportamenti virtuosi per l’ambiente delle destinazioni visitate. «Anche quando collaboriamo con gli enti locali – aggiunge Stefanelli – puntiamo a proteggere e valorizzare l’ambiente. La destinazione è un ecosistema. Puntiamo a lasciare un’impronta che va al di là della presenza Costa in quel luogo, quel giorno. Nello specifico, stiamo aiutando alcuni artigiani a trovare eventuali successori e tramite un supporto formativo a fare in modo che quella professione abbia un futuro e non scompaia». E per finire Costa Crociere Foundation: i progetti fatti e in programma integrano il processo di sostenibilità. A cominciare dal Guardiani della Costa, con il quale la compagnia si impegna a formare migliaia di giovani rendendoli consapevoli della fragile bellezza del patrimonio naturalistico delle coste italiane: vengono coinvolti in attività di pulizia dei litorali e nella raccolta dati scientifici. «Collaboriamo infine con uno chef spagnolo, la cui cucina è focalizzata sul mare – conclude Stefanelli –. L’obiettivo, insieme a Costa Foundation, è supportare la coltivazione di un’alga marina che se portata su una scala più estesa potrebbe sopperire a diversi bisogni». [post_title] => Costa Crociere sempre più green: focus su ambiente, persone e territorio [post_date] => 2024-02-19T11:30:28+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708342228000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "azemar un oceano indiano a 5 stelle da scoprire con the cocoon collection" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":87,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1795,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461983\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption]\r\n\r\nL'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022.\r\n\r\nCon gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno).\r\n\r\nAl Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo.","post_title":"CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu","post_date":"2024-02-21T10:54:38+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708512878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461877","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiude con un boom di pubblico la nona edizione di Agri e Slow Travel Expo a Bergamo, con 23 mila visitatori in tre giorni, 180 eventi, 40 buyer italiani e stranieri, oltre 200 espositori. Appuntamento al prossimo anno per un settore che punta su un turismo più sostenibile, in sintonia con la natura e sempre più accessibile a tutti: appassionati, curiosi, sportivi e amanti dei piccoli borghi e delle tradizioni locali.\r\n\r\nI numeri parlano chiaro: ben 23 mila persone hanno visitato la fiera nei tre giorni di esposizione, attratti dall’offerta di oltre 200 realtà presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane. A sostenere la manifestazione fieristica, anche 180 eventi tra spettacoli folkloristici, esibizioni, show cooking, concerti, convegni, talk e approfondimenti su otto temi trainanti di un settore in netta crescita: sostenibilità, enogastronomia, cicloturismo, montagna, cammini, accessibilità, vie d’acqua, folklore.\r\n\r\nTra i momenti clou, il primo Agrigravel 2024, una gara non competitiva dedicata agli amanti delle bici gravel che stanno spopolando per la loro versatilità di utilizzo su più superfici, dalla ghiaia fino al terreno più scosceso. Erano oltre 200 i partecipanti che si sono divertiti su un percorso di 70 chilometri tra le bellezze della bergamasca, testando anche il nuovo tratto nord-est dell’anello ciclopedonale che si collega direttamente con l’aeroporto Bgy, primo scalo bike friendly in Italia e partner della fiera.\r\n\r\nUn evento sostenuto anche da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo italiano da sempre attenta ai temi e ai valori portati avanti di edizione in edizione. «La formula che unisce l’area business riservata agli operatori con quella dedicata al grande pubblico - spiega Luciano Patelli, presidente Promoberg - è un unicum nel panorama delle nostre fiere e più in generale in quello di settore. Il format sta conquistando a ogni edizione sempre più apprezzamenti e ha incoronato anche quest’anno per tre giorni Bergamo quale capitale europea del turismo slow e sostenibile. Se si fa rete con sinergie e obiettivi condivisi, il made in Bergamo può imporsi anche a livello internazionale. Per ultimo, ma di certo non meno importante, desidero ricordare le molteplici ricadute positive per il nostro territorio date dalle nostre manifestazioni, in particolare se internazionali come la stessa Agritravel fiera dei territori. In molti, tra espositori, buyer e visitatori, hanno voluto trovare il tempo per visitare anche la nostra città e il nostro territorio: uno scrigno colmo di arte, storia, cultura e paesaggi di rara bellezza; una meta che riassume splendidamente tutti i temi al centro del nostro progetto. Siamo onorati di contribuire allo sviluppo economico e alla promozione turistica di Bergamo in Italia e nel mondo«.\r\n\r\n«Fiera dei territori – Agri Travel e Slow Travel Expo rappresenta il posizionamento del quartiere fieristico nel settore del turismo sostenibile, slow e outdoor - aggiunge Stefania Pendezza, project manager -. Il turista è sempre più attratto da esperienze autentiche, vuole scoprire e arricchirsi. Fiera dei territori intercetta questo tipo di turismo, favorisce il matching tra domanda e offerta, sostiene e facilita la nascita di sinergie tra le destinazioni, le aziende e le istituzioni di tutto nostro Paese e internazionali. La manifestazione è stata un momento di grandi opportunità e proficui scambi, a partire dal grande successo del b2b di venerdì 16, che ha visto coinvolti numerosi operatori italiani e internazionali che hanno generato 800 incontri business«.\r\n\r\nNei 13 mila metri quadrati della fiera, oltre 200 espositori presenti tra enti pubblici e privati, tour operator, associazioni, consorzi in rappresentanza di 14 regioni italiane (Trentino, Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Abruzzo, Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Puglia) hanno svelato i luoghi e le prelibatezze del palato.\r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Agri e Slow Travel Expo Bergamo: 23 mila visitatori alla fiera dei territori","post_date":"2024-02-21T10:01:59+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708509719000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461948","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Etihad Airways ha lanciato una nuova collezione di amenity kit e loungewear creata in collaborazione con Giorgio Armani e con il marchio di benessere di lusso Espa. \r\n\r\nL'incontro tra la raffinata eleganza di Giorgio Armani e la rinomata ospitalità emiratina di Etihad offrirà un'esperienza di volo senza precedenti agli ospiti che volano in classe The Residence, First e Business. La nuova gamma di prodotti di stile comprende amenity kit su misura per ogni cabina premium, oltre a loungewear e pantofole di lusso firmate. I kit saranno progressivamente introdotti a bordo a partire dalla fine di febbraio.\r\n\r\nLa partnership estende la pluripremiata collaborazione di Etihad con Armani/Casa, lanciata a bordo nel 2023 e caratterizzata da stoviglie e arredi morbidi a marchio congiunto nella classe Business di Etihad.\r\n\r\n«Oltre a offrire comodità, stile e lusso in volo, i nostri ospiti porteranno a casa la propria amenity bag co-brandizzata Giorgio Armani da utilizzare in viaggio o a casa - ha affermato Turky Al Hammadi, head of product and hospitality della compagnia di Abu Dhabi -. Queste ricercate borse sono disponibili in colori e stili da collezione, il che significa che i frequent flyer possono costruire la loro personale collezione 'Giorgio Armani'. Abbiamo anche introdotto una gamma gratuita di tote bag eleganti e funzionali per i nostri ospiti dei voli più lunghi in Economy. Queste borse non solo saranno un pratico regalo, ma ci aiuteranno a ridurre ulteriormente la plastica monouso».","post_title":"Etihad Airways: Giorgio Armani firma il nuovo, lussuoso amenity kit del vettore","post_date":"2024-02-21T09:30:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708507831000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chi garantisce le caratteristiche di una struttura ricettiva e la sua sostenibilità? Per rispondere a questa domanda è nata in Italia la certificazione dca esg, che è la prima accreditata e riconosciuta a livello mondiale. «Abbiamo avuto l’accreditamento il 22 giugno del 2020, dopo sei anni di lavoro in questo ambito e dopo 15 anni nel settore del turismo», racconta Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme. Una certificazione, quella dca, che è stata conseguita recentemente dall’Hotel Milano Scala che, nato nel capoluogo nel 2010 come primo albergo a emissioni zero.\r\n«Siamo autorizzati da Accredia (l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal governo italiano) - prosegue Caire di Lauzet –. Secondo le norme internazionali Iso l’indipendenza e l’imparzialità di una certificazione possono essere garantite solo da una realtà accreditata da un ente nazionale pubblico. Questa regola è contenuta anche nella direttiva del Parlamento europeo del 17 gennaio 2024, che considera le certificazioni di sostenibilità senza accreditamento come pubblicità ingannevole. Noi ne abbiamo creata una con l’obiettivo di dare un supporto concreto e pratico alle strutture ricettive, in modo che dai nostri report emergessero dei miglioramenti reali. Con oltre 32 mila camere in 15 paesi, possiamo contare su ampie statistiche e le best-practice vengono aggiornate ogni settimana; quando, dopo un anno, rivediamo le strutture, portiamo cambiamenti e innovazioni. E questo è un grande valore aggiunto. La nostra certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità, per cui utilizziamo nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 differenti criteri di valutazione. Come accade in ogni struttura che certifichiamo, siamo arrivati all’Hotel Milano Scala con un team composto da diversi auditor».\r\nA oggi gli auditor formati da Dream&Charme sono 19 e vengono fatti continui corsi di aggiornamento. «Ci si prepara alla verifica essendo se stessi - sottolinea Caire di Lauzet -, in modo che il report sia il più possibile reale e indichi tutti i punti che possano garantire il concreto inizio di un percorso di sviluppo sostenibile, il mantenimento della certificazione negli anni e la possibilità di portare a un miglioramento concreto dell’attività. Ci mettiamo da uno a due giorni per ogni struttura ricettiva, a seconda delle sue dimensioni. Ogni hotel viene verificato singolarmente, anche se fa parte di una catena. In Italia oltre al Milano Scala abbiamo certificato tutte le strutture Portrait della Lungarno Collection, nonché gli alberghi R Collection, Voi/VRetreats Alpitour, Sina Hotels, Planetaria, Magna Pars, Albereta, Andana, Ca' di Dio a Venezia, il Pellicano, Quisisana a Capri… Ormai sono quasi 150».\r\nUn impegno italiano e internazionale che richiede grande dedizione: «Io stesso faccio parte sia del gruppo di lavoro Uni in Italia sul turismo sostenibile, sia del gruppo di lavoro Iso 228 n. 13 mondiale sulle norme per il turismo sostenibile - conclude Caire di Lauzet -. Cerco quindi di dare un apporto italiano alle norme internazionali. Siamo infine pronti per l’estensione di accreditamento Accredia anche per la certificazione Gstc».","post_title":"Dream&Charme: l’ente Italiano che certifica la sostenibilità delle strutture ricettive nel mondo","post_date":"2024-02-21T09:15:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708506949000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461887","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal mistico romanticismo delle antiche civiltà celtiche alle leggendarie rotte dei vichinghi fino ai paesaggi mozzafiato della Terra del ghiaccio e del fuoco. Swan Hellenic offre tre viaggi di spedizione culturale curati da esperti e progettati per immergere gli ospiti nelle meraviglie storiche, culturali e faunistiche delle isole britanniche e dell'Islanda.\r\n\r\nTutte e tre le spedizioni sono a bordo della nave boutique di classe glaciale Vega, appositamente progettata da Swan Hellenic. Il primo viaggio si intitola Spirit of the Celts (11 notti dal 24 maggio al 4 giugno 2024): salpa da Portsmouth, l'unica città insulare dell'Inghilterra, per raggiungere Fowey in Cornovaglia, Tresco nelle isole Scilly, Bantry, Dingle, Galway e Killybegs in Irlanda, poi Iona, Stornoway, Loch Ewe e Oban in Scozia, quindi Portrush e Rathlin Island in Irlanda del Nord, prima di concludere l'odissea a Dublino, in Irlanda.\r\n\r\nA seguire, In the wake of Celts and Vikings (12 notti dal 4 al 16 giugno 2024). La spedizione parte da Dublino per Iona, tocca Portree sull'isola di Skye, poi Ullapool, Stromness sulle Orcadi, Lerwick sulle Shetland e Tórshavn, capitale portuale delle isole Faroe, prima di intraprendere una semi-circumnavigazione dell'Islanda. Gli scali previsti sono a Djupivogur, all'isola Grimsey, ad Akureyri, a Isafjordur, all'isola Vigur, alla cascata Dynjandi, alle scogliere di Látrabjarg e a Reykjavik.\r\n\r\nLa terza crociera di questa serie è Iceland in depth (otto notti dal 16 al 24 giugno 2024). Si parte da Reykjavik per una circumnavigazione completa dell'isola, esplorando la cascata Dynjandi, Ísafjördur e la regione dei fiordi occidentali, l'isola di Vigur, il paradiso degli uccelli marini di Grimsey, quindi l'isola di Hrisey, famosa per la sua fauna selvatica e l'artigianato tradizionale islandese. Seguono Akureyri, capitale del Nord, con i suoi spettacolari dintorni, il porto d'arte di Seyðisfjörður e il villaggio di pescatori di Djupivogur, quindi Heimaey, che ospita la più grande colonia di pulcinella di mare del mondo. La Vega chiuderà il cerchio facendo ritorno a Reykjavik.\r\n\r\n\"I miti e le leggende dei Celti e dei Vichinghi hanno esercitato a lungo un fascino tanto forte quanto quello dei paesaggi ultraterreni e della ricca fauna selvatica delle regioni in cui hanno vissuto - sottolinea la chief commercial officer di Swan Hellenic, Patrizia Iantorno -. Queste tre crociere di spedizione culturale sono state realizzate dai nostri esperti per offrire un'esperienza coinvolgente sotto ogni aspetto\".","post_title":"Swan Hellenic fa rotta verso nord alla scoperta delle terre dei Celti e dei Vichinghi","post_date":"2024-02-20T10:46:05+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708425965000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461808","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’associazione Austria per l’Italia (che raggruppa gli hotel in Austria dove lo staff parla italiano) propone vacanze pasquali davvero speciali: gli hotel in quota sono immersi ancora in un paesaggio innevato mentre gli hotel affacciati sui laghi hanno già sciolto il ghiaccio e guardano al risveglio della natura dopo l’inverno. L’hotel 5 stelle lusso Schalber di Serfaus-Fiss-Ladis, in Tirolo, invita per esempio a scendere sulle piste innevate baciate dal sole primaverile.  Il comprensorio sciistico di Serfaus-Fiss-Ladis, uno dei più grandi e innevati delle Alpi, promette sole, cielo azzurro e temperature piacevoli. Lo Schalber racchiude il piacere primaverile dello sci in un'esperienza alberghiera speciale: nella spa di 5 mila metri quadrati si trovano la piscina coperta con acqua salina e idromassaggio, la stanza sudatoria tirolese, il bagno turco giapponese, la Lady spa. Pacchetto per Pasqua: dal 23 marzo al 2 aprile, a partire da 2.205 euro.\r\n\r\nSempre in Tirolo, a Seefeld, l’hotel Inntalerhof propone per il periodo dal 23 marzo al 2 aprile non solo una notte gratuita ma anche un buono benessere di 30 euro, programma MindBody con yoga, sessioni di rilassamento, allenamento, Pilates, escursioni guidate di mezza giornata intorno a Mösern e il programma a Pasqua con la caccia alle uova e il falò di Pasqua. Cinque notti a partire da 690 euro, in mezza pensione.\r\n\r\nIn Carinzia, esattamente nel paese termale di Bad Kleinkirchheim, l’hotel Die Post offre benessere in una splendida spa di 2.400 metri quadrati, con sei piscine, sauna finlandese, casa sull'albero, spa per donne, bagno turco salino. Il benessere in famiglia è garantito dalla Family spa: una piscina a misura di bambino con acqua piacevolmente calda, sauna soft, bagno di vapore salino. Sempre a Bad Kleinkirchheim l'hotel Gut Trattlerhof & Chalets, da poco premiato con l‘HolidayCheck Award 2024, invita a sciare fino a Pasqua e a vivere il periodo pasquale partecipando alla caccia delle uova nel giardino ancora innevato.\r\n\r\nAnche l’hotel Eggerhof di Mallnitz, sempre in Carinzia, attende gli ospiti per una Pasqua speciale: la pista da sci più lunga della Carinzia (che percorre 1.370 metri di dislivello) è aperta e offre un perfetto divertimento sugli sci sul versante soleggiato delle Alpi con neve garantita fino a Pasqua. Sciare nella zona degli Alti Tauri, nel comprensorio sciistico Ankogel/Mallnitz e Mölltaler Gletscher (l’unico su ghiacciaio della Carinzia), è un’esperienza primaverile emozionante. Il pacchetto dell’hotel Eggerhof comprende anche lo skipass per sei giorni e varie attività pasquali e primaverili. Sette notti in mezza pensione a partire da 730 euro a persona (per i bambini sono previste riduzioni a seconda dell’età).\r\n\r\n Nella regione dell'Alta Austria, sulle sponde del lago Wolfgang, l’hotel Weisses Roessl è inserito in un ambiente idilliaco, circondato dall’acqua e dalle montagne. Per chi non vuole muoversi dal paradiso, può rilassarsi alla spa dell’hotel affacciata sul lago che come highlight offre una piscina riscaldata immersa letteralmente nel lago. Anche l’hotel Karnerhof si affaccia su un paesaggio lacustre incredibilmente bello. Il grande parco che lambisce la costa del lago offre 100 mila mq di giardino, spiaggia e piscina a sfioro. Il pacchetto pasquale prevede il Falò di Pasqua il Sabato Santo, la tradizionale colazione carinziana della domenica di Pasqua, la caccia alle uova per i bambini, buono spa di 25 euro (a partire da euro 424 a persona tre notti).\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Austria per l'Italia: le proposte speciali per una pasqua sugli sci","post_date":"2024-02-20T10:02:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708423347000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461835","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non si ferma lo sviluppo della classe Oasis del gruppo Royal Caribbean, che ha appena messo in ordine una nuova nave, la settima della serie. Nonostante non si tratti più della linea più moderna, visto il recente lancio della Icon con l'unità omonima, la Oasis continua evidentemente a essere molto apprezzata dai crocieristi, a quasi 15 anni dal suo debutto a dicembre 2009. La nave verrà costruita presso gli stabilimenti francesi degli Chantiers de l'Atlantique, mentre l'entrata in vigore dell'accordo appena siglato è come di consueto soggetto al reperimento dei finanziamenti necessari, che Rcl si aspetta di ottenere entro la fine di quest'anno.\r\n\r\nL'unità dovrebbe essere consegnata nel 2028. Nel frattempo, Rcl è in attesa dall'arrivo della seconda nave della classe Icon, la Star of the Seas, per l'estate del 2025. Il prossimo luglio è invece in calendario la consegna della Utopia of the Seas, sesta unità Oasis. In totale il gruppo ha oggi in pipeline otto navi, oltre che per il brand omonimo anche per Celebrity e Silver Cruises, nonché per la joint venture al 50% che opera le unità Tui Cruises e Hapag-Lloyd.","post_title":"Royal Caribbean: in arrivo la settima nave della classe Oasis","post_date":"2024-02-19T13:30:36+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708349436000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461744","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Spezia si promuove il 24 e 25 febbraio in occasione dell’edizione 2024 della Giornata Internazionale della Guida Turistica (istituita nel 1990 dalla World Federation of Tourist Guides Association e promossa in Italia da ANGT, Associazione Nazionale Guide Turistiche).\r\n\r\n«In questi anni abbiamo lavorato per promuovere la nostra città in termini turistici partendo dalla riscoperta del suo ricco patrimonio culturale e della sua storia – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – raggiungendo numeri di presenze importanti e circa un milione di notti passate nel nostro territorio nel 2023. Queste due giornate, promosse dall’Associazione Guide Turistiche Liguria, condurranno alla scoperta delle origini di Palazzo Civico, che è la casa di tutti gli spezzini, e della Cattedrale Cristo Re. Un itinerario turistico inusuale che ruota intorno a Piazza Europa e che sarà interessante sia per i turisti sia per chi vive qui ogni giorno».\r\n\r\n«Le nostre guide turistiche  - aggiuneg l’assessore al Turismo Maria Grazia Frijia - sono un punto di forza un fiore all’occhiello del nostro sistema turistico la loro competenza e capacità e soprattutto la loro passione che mettono nel loro lavoro rappresentano un importante biglietto da visita per la Città. La Spezia sempre più turistica ha tante storie da raccontare e molta Storia da far scoprire valorizzare il ruolo ed il lavoro delle guide turistiche per l’assessorato al turismo è prioritario e strategico».\r\n\r\nIn particolare l’Associazione Guide Turistiche Liguria sezione della Spezia ha proposto visite guidate gratuite, che saranno dedicate alla zona di piazza Europa.\r\n\r\n\"Intorno a piazza Europa: il Palazzo Comunale e la Cattedrale di Cristo Re” è il titolo della iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune della Spezia e che si svolgerà il fine settimana del 24 e 25 febbraio. Nel corso delle visite si ricostruiranno le vicende che hanno determinato la profonda trasformazione di questa area cittadina, occupata in origine dall’ameno colle dei Cappuccini e divenuta, nel corso del Novecento, sede dei due edifici simbolicamente più significativi della città: il Palazzo del Comune che sarà  oggetto di visita e che si aprirà ancora di più alla città e ai cittadini  e la Cattedrale di Cristo Re.\r\n\r\nVisto il tema generale della edizione 2024, dedicata al turismo verde, nel corso dell’itinerario si parlerà anche dei Giardini Storici, così importanti nel definire l’immagine del lungomare spezzino, e del Parco delle Mura, il suggestivo percorso escursionistico che segue il tracciato delle mura ottocentesche.\r\n\r\n ","post_title":"La Spezia, i tour tra i giardini storici e il Parco delle Mura per la Giornata Internazionale della Guida Turistica","post_date":"2024-02-19T11:41:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708342917000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461784","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’obiettivo per tutto il settore crocieristico e della navigazione è di arrivare al 2050 a utilizzare navi ad emissioni zero. Nel frattempo le compagnie, Costa Crociere in primis, sono impegnate a 360 gradi con grandi investimenti green stanziati e da stanziare, e importanti iniziative.\r\n\r\nNel dettaglio, sostenibilità a bordo per la compagnia del gruppo Carnival in primis significa: raccolta differenziata (il 100% dei rifiuti raccolti sulla nave viene separato e differenziato); sempre meno plastica; attenzione al consumo d'acqua (due terzi di quella utilizzata a bordo proviene dal mare: viene desalinizzata e purificata per l’utilizzo a bordo); navi tecnologicamente avanzate (per la Smeralda e la Toscana è stato scelto il sistema a propulsione più innovativo del settore crocieristico, il gas naturale liquefatto: la tecnologia più avanzata attualmente disponibile per garantire le migliori performance ambientali riducendone le emissioni)\r\n\r\n«Ma rispetto dell’ambiente non significa solo raccolta differenziata, meno plastica e ricircolo a bordo  – specifica Luigi Stefanelli, Southern Europe Region associate vice president Costa Crociere –. Da tempo abbiamo anche avviato un processo che ci consente un risparmio sul cibo, favorendo la stagionalità nei menù e sensibilizzando ospiti ed equipaggio al consumo responsabile. Insieme a Banco Alimentare siamo inoltre presenti in ben 18 porti nel mondo e doniamo i pasti a chi ne ha bisogno».\r\n\r\nScendere a terra per Costa Crociere non significa poi semplicemente fare un escursione, ma scoprire i luoghi e le persone che li abitano, in maniere attenta e rispettosa, grazie a guide esperte e professionali. La compagnia promuove un Manifesto per un turismo di valore, ecosostenibile e inclusivo,  che raccoglie i principi che la guidano verso comportamenti virtuosi per l’ambiente delle destinazioni visitate. «Anche quando collaboriamo con gli enti locali – aggiunge Stefanelli – puntiamo a proteggere e valorizzare l’ambiente. La destinazione è un ecosistema. Puntiamo a lasciare un’impronta che va al di là della presenza Costa in quel luogo, quel giorno. Nello specifico, stiamo aiutando alcuni artigiani a trovare eventuali successori e tramite un supporto formativo a fare in modo che quella professione abbia un futuro e non scompaia».\r\n\r\nE per finire Costa Crociere Foundation: i progetti fatti e in programma integrano il processo di sostenibilità. A cominciare dal Guardiani della Costa, con il quale la compagnia si impegna a formare migliaia di giovani rendendoli consapevoli della fragile bellezza del patrimonio naturalistico delle coste italiane: vengono coinvolti in attività di pulizia dei litorali e nella raccolta dati scientifici. «Collaboriamo infine con uno chef spagnolo, la cui cucina è focalizzata sul mare – conclude Stefanelli –. L’obiettivo, insieme a Costa Foundation, è supportare la coltivazione di un’alga marina che se portata su una scala più estesa potrebbe sopperire a diversi bisogni».","post_title":"Costa Crociere sempre più green: focus su ambiente, persone e territorio","post_date":"2024-02-19T11:30:28+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708342228000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti