28 September 2022

Visit USA: l’importanza della formazione

[ 0 ]
La platea del Forum di Visit Usa nella giornata conclusiva di Show Case Usa Italy 2017

La platea del Forum di Visit Usa nella giornata conclusiva di Show Case Usa Italy 2017

Il forum del martedì mattina si popola di agenti di viaggio che sempre più desiderano specializzarsi e consolidare la proprio conoscenza sulla destinazione Usa anche attraverso la capacità di interagire con la clientela sia essa reale o potenziale.
Dopo l’assegnazione dei premi dedicati a Cristina Ambrosini, è stato il momento dei “tips” in cui tre professionisti della comunicazione hanno messo a disposizione degli agenti intervenuti, da tutta Italia, le proprie esperienze per stimolare ed aiutare loro a catturare attenzione, traffico sfruttando al meglio le potenzialità dei social network.
In un mondo che nella comunicazione si evolve con una velocità iperbolica ci si deve muovere su molti canali per catturare il massimo delle possibilità attraverso una piccola pianificazione e strategia.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431150 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un nuova strategia di sostenibilità, incentrata su quattro aree tematiche, nove temi materiali e 21 obiettivi conformi agli obiettivi di Carnival Corporation e in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni unite. Costa Crociere presenta la sedicesima edizione del proprio bilancio di sostenibilità, relativo all’anno 2021. “Siamo arrivati alla sedicesima edizione del nostro bilancio: un dato che evidenzia quanto il nostro impegno nella sostenibilità sia consolidato e pionieristico - racconta il direttore generale della compagnia, Mario Zanetti -. In particolare, il 2021 è stato un anno contraddistinto da una profonda e sostanziale evoluzione di Costa. Abbiamo lavorato per offrire un nuovo modo di viaggiare, una proposta di valore del prodotto, che trova nella sostenibilità un asset importante. Questo lavoro proseguirà anche nei prossimi anni, con una strategia che, per quanto riguarda la sostenibilità, si basa sul potere trasformativo del viaggio, the Good power of travel, come indica il titolo del nuovo report. Ovvero un modello di business che continui a soddisfare gli ospiti e allo stesso tempo sia in grado di generare valore sociale, ambientale ed economico”. Nel documento vengono quindi individuate quattro macro-priorità, che esprimono la visione di futuro della compagnia: progredire verso la neutralità climatica; rigenerare le risorse; responsabilizzare le persone; costruire un ecosistema trasformativo. Relativamente alla prima area, la neutralità climatica, l’ambizione di Costa è quella di introdurre una nuova generazione di navi che operino a zero emissioni nette entro il 2050. La compagnia sta inoltre lavorando per migliorare ulteriormente l’efficienza energetica della flotta già in servizio e supportare l’innovazione nelle infrastrutture portuali. Fanno parte di questo ambito il debutto delle prime navi alimentate a gas naturale liquefatto (Costa Toscana e Costa Smeralda), l’installazione dei più moderni sistemi di abbattimento delle emissioni su oltre il 90% delle navi e l’impegno per l’utilizzo dello shore power (alimentazione da terra durante le soste in porto), con circa un terzo delle navi già predisposte e altre cinque in fase di predisposizione. Per quanto riguarda la rigenerazione delle risorse utilizzate, strettamente legata alla salvaguardia degli ecosistemi marini, su tutte le navi viene già effettuato il 100% di raccolta differenziata e il riciclo di materiali quali plastica, carta, vetro e alluminio. Inoltre, il 90% del fabbisogno giornaliero di acqua è soddisfatto trasformando quella del mare tramite l’utilizzo di dissalatori, valore che raggiunge il 100% sulle navi più moderne della flotta. La terza area strategica, responsabilizzare le persone, riguarda sia gli ospiti sia i dipendenti della compagnia. Relativamente agli ospiti, l’obiettivo è quello di sensibilizzarli a essere viaggiatori sempre più responsabili nelle loro scelte, mentre per i dipendenti l’obiettivo è promuovere un ambiente di lavoro equo e inclusivo, nonché di accrescere le competenze. A questo proposito nel 2021 le ore di smart working, o di flexible working,sono state oltre 774 mila, mentre quelle di formazione quasi 120 mila, erogate a una comunità di dipendenti che proviene da 70 Paesi e cinque continenti diversi. L’ultima area strategica, costruire un ecosistema trasformativo, riguarda il valore generato sui territori e sulle comunità che accolgono le navi Costa. Basti pensare che nel 2021, con le unità operative nel solo  Mediterraneo per un periodo ridotto dell’anno, le navi della compagnia hanno visitato ben 31 porti, con 17 itinerari diversi, rimettendo in moto un ecosistema che comprende quasi 16 mila fornitori. [post_title] => Costa: una nuova generazione di navi a zero emissioni tra le priorità del bilancio sostenibile 2021 [post_date] => 2022-09-27T10:06:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664273194000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431131 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Disney Stars Ambassador il nuovo programma lanciato dal parco parigino e dedicato alle migliori agenzie di viaggio, capaci di rappresentare e vendere al meglio la destinazione sul mercato italiano. Le 30 agenzie di viaggio selezionate sono dislocate su tutto il territorio nazionale; grazie al programma potranno usufruire di una serie di vantaggi esclusivi tra cui la messa a disposizione di materiali digitali e fisici per la personalizzazione della propria agenzia, l’aggiornamento in anteprima sulle novità commerciali e di prodotto e la partecipazione a fam trip dedicati. “Il programma Disney Stars Ambassador è stato pensato per premiare le agenzie che hanno supportato attivamente la nostra destinazione negli ultimi due anni - ha commentato Monica Astuti, country head di Disneyland Paris Italia - e che contribuiscono al suo successo in Italia. Nei prossimi anni abbiamo l’obiettivo di raddoppiare il numero degli Ambassador selezionando altre agenzie che si distingueranno per il proprio contributo”. Per le agenzie Ambassador è inoltre previsto un percorso di formazione innovativo, la Disney Stars University, che con l’aiuto di professionisti esterni approfondirà le tecniche di vendita e di proposizione della destinazione stimolando così un approccio basato sull’ascolto e su un’offerta tailor made che possa combinare al meglio le esigenze dei clienti e la varietà dei servizi offerti. [post_title] => Nasce Disney Stars Ambassador, nuovo programma su misura per le agenzie di viaggio [post_date] => 2022-09-27T09:28:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664270885000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431087 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways ha aperto la data room alla cordata Certares: il fondo statunitense e Delta Air Lines sono stati autorizzati ad accedere ai dati più sensibili della compagnia, come anticipato da Il Corriere della Sera, che cita fonti ministeriali. Air France-Klm, per ora, non sarebbe stato approvato "per questioni documentali relative all’accordo di non divulgazione dei numeri". La mossa di Ita arriva su richiesta di Equita, advisor del ministero dell'Economia e delle finanze (Mef), azionista unico dell'aviolinea. L'apertura della data room, a un mese circa di distanza dalla decisione del Tesoro a favore di Certares (a scapito della cordata Msc-Lufthansa) dovrebbe consentire alla cordata vincitrice di perfezionare i dettagli dell'offerta di acquisizione del 50% del vettore. È ipotizzabile che il 28 settembre, giorno dell’"expert session" tra Certares e Ita (con delegati di Delta e Air France - Klm), il fondo Usa chieda la proroga della trattativa: decisione che, nel caso, spetterebbe al nuovo governo.  [post_title] => Ita Airways: aperta la data room al fondo Certares (e Delta Air Lines) [post_date] => 2022-09-26T11:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664192961000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431071 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”. Continuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”. Tra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos. Per il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.   [post_title] => Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali [post_date] => 2022-09-26T10:56:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664189766000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431066 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431069" align="alignleft" width="300"] Francesco e Riccardo Lazzarini con la director of sales and marketing, Daniela Baldelli[/caption] Dal Donna Laura Palace, il villino affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati che ha appena completato i lavori della facciata e del giardino interno, fino all’hotel Imperiale che darà nuovo lustro a via Veneto, con la facciata totalmente restaurata in fase di ultimazione. Il tutto passando anche dal Rose Garden Palace, il boutique hotel di via Boncompagni, che oltre ai lavori per riportare a nuova luce la facciata, verrà completamente rinnovato negli arredi e nel design, attraverso diverse fasi che interesseranno sia le camere per gli ospiti sia le aree comuni, con una particolare attenzione al giardino interno. Omnia Hotels continua a investire su Roma, nonostante le criticità degli anni recenti, quando la compagnia ha dato peraltro vita pure a una nuova apertura. Da segnalare anche i lavori allo Shangri La Roma Eur che, dopo aver completato la ristrutturazione delle camere e delle aree comuni, ora avvia lo sviluppo dell’area congressuale, con una prima realizzazione di una sala modulare di circa 200 metri quadrati, fruibile per riunioni ed eventi o addirittura come estensione del ristorante, che verrà completata entro metà ottobre. A questa seguirà poi la realizzazione del centro congressi di 1.500 metri quadrati, con piscina e aree esterne per gli ospiti, che vedrà la luce nel 2023. Un ulteriore sviluppo sarà portato avanti nel 2024: prevede un incremento di 70 camere per gli ospiti e la realizzazione del nuovo ristorante Shangri La. “Il nostro gruppo è nato pochi mesi prima del lock down ma non per questo abbiamo smesso di crederci – sottolinea il ceo Francesco Lazzarini, che insieme al fratello Riccardo ha creato Omnia Hotels da un’impresa di famiglia -. Nel 2021 abbiamo aperto un albergo, il St. Martin, a seguito della completa ristrutturazione di un edificio in disuso, riqualificando così anche la zona. Ci siamo impegnati nelle collaborazioni con alcuni dei grandi eventi della città di Roma e ora continuiamo nel nostro percorso di crescita e sviluppo, con una particolare attenzione alla formazione dei collaboratori, fulcro dell’ospitalità, e alla valorizzazione del patrimonio edilizio". Attualmente il portfolio della compagnia comprende sette strutture totali, tutte situate a Roma. [post_title] => Prosegue l'impegno di Omnia Hotels su Roma: quattro gli indirizzi in fase di restyling [post_date] => 2022-09-26T10:14:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664187261000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431004 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione. “Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”. In questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”. Tutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi. “A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group. [post_title] => Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga [post_date] => 2022-09-23T10:58:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663930726000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Dopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. "Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times. La svolta Il Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio. Nel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.   [post_title] => Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre [post_date] => 2022-09-23T08:45:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663922724000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner. Rubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina. In mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Disegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova. La mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee. L’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race. La mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia. [post_title] => Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023 [post_date] => 2022-09-22T12:36:01+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663850161000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430932 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuove aperture e restyling importanti per Sandals Resorts che mette a segno anche un traguardo inaspettato raggiungendo gli obiettivi del 2022 già a metà estate. Il tutto, in un anno davvero speciale, visto che la compagnia giamaicana festeggia il suo quarantesimo compleanno. Per quanto riguarda il nostro mercato, gli italiani che raggiungono i Sandals sono solitamente provenienti da un’estensione degli Usa, principalmente da Miami. Virgin con il solo scalo a Londra arricchisce poi l’offerta. Su Curaçao Klm garantisce inoltre il collegamento quotidiano sulla destinazione favorendo il singolo soggiorno balneare dall’Europa. “Il mercato tricolore ha risposto davvero bene – spiega Christian Casagrande, sales manager Southern Europe -. Anche se in termini numerici non si è superato il 2019, poiché è mancata quella parte importante di prenotazioni che va da ottobre a marzo che l’Italia ancora chiusa non poteva effettuare. Malgrado tutto c’è stata una performance inaspettata. In Europa l’Italia è un paese chiave per Sandals; dimostra infatti una capacità di spesa notevole. A oggi i numeri sono incoraggianti”. La preferenza, in generale, è per un soggiorno medio di sei notti dalla spesa media di 4.500 euro per camera. Antigua e Bahamas primeggiano tra i nostri connazionali; Ma sono molto apprezzati anche Turks & Caicos, così come Negril in Giamaica che rimane nell’immaginario italiano. La spiaggia resta l’elemento principale che caratterizza la scelta. Tra i restyling appena effettuati, da segnalare quindi la riapertura lo scorso 27 gennaio del Sandals Royal Bahamian (Bahamas), chiuso per alcuni mesi per un0operazione di rinnovamento multimilionario. Sono state eseguite diverse migliorie, dalle camere ai ristoranti, senza tralasciare il settore delle esperienze per gli ospiti. Sul fronte delle nuove apertura, ci sono il Beaches Resorts a St. Vincent e Grenadine; l’ex Jewel Dunn’s River Beach Resort & Spa a Ocho Rios e il Jewel Runaway Bay Beach Resort & Waterpark. Si aggiungono inoltre 48 nuove suite per il Sandals Royal Caribbean. Il Sandals Royal Curaçao è infine “una curiosa novità: è il primo resort in un’isola non parlante lingua inglese ma è anche il risultato di una scommessa vinta, il resort risulta sempre pieno”, conclude Casagrande. [post_title] => Casagrande, Sandals: l'Italia rimane un mercato chiave dall'elevata capacità di spesa [post_date] => 2022-09-22T11:13:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663845231000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "visit usa limportanza della formazione" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":58,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1978,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431150","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nUn nuova strategia di sostenibilità, incentrata su quattro aree tematiche, nove temi materiali e 21 obiettivi conformi agli obiettivi di Carnival Corporation e in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni unite. Costa Crociere presenta la sedicesima edizione del proprio bilancio di sostenibilità, relativo all’anno 2021. “Siamo arrivati alla sedicesima edizione del nostro bilancio: un dato che evidenzia quanto il nostro impegno nella sostenibilità sia consolidato e pionieristico - racconta il direttore generale della compagnia, Mario Zanetti -. In particolare, il 2021 è stato un anno contraddistinto da una profonda e sostanziale evoluzione di Costa. Abbiamo lavorato per offrire un nuovo modo di viaggiare, una proposta di valore del prodotto, che trova nella sostenibilità un asset importante. Questo lavoro proseguirà anche nei prossimi anni, con una strategia che, per quanto riguarda la sostenibilità, si basa sul potere trasformativo del viaggio, the Good power of travel, come indica il titolo del nuovo report. Ovvero un modello di business che continui a soddisfare gli ospiti e allo stesso tempo sia in grado di generare valore sociale, ambientale ed economico”.\r\n\r\nNel documento vengono quindi individuate quattro macro-priorità, che esprimono la visione di futuro della compagnia: progredire verso la neutralità climatica; rigenerare le risorse; responsabilizzare le persone; costruire un ecosistema trasformativo. Relativamente alla prima area, la neutralità climatica, l’ambizione di Costa è quella di introdurre una nuova generazione di navi che operino a zero emissioni nette entro il 2050. La compagnia sta inoltre lavorando per migliorare ulteriormente l’efficienza energetica della flotta già in servizio e supportare l’innovazione nelle infrastrutture portuali. Fanno parte di questo ambito il debutto delle prime navi alimentate a gas naturale liquefatto (Costa Toscana e Costa Smeralda), l’installazione dei più moderni sistemi di abbattimento delle emissioni su oltre il 90% delle navi e l’impegno per l’utilizzo dello shore power (alimentazione da terra durante le soste in porto), con circa un terzo delle navi già predisposte e altre cinque in fase di predisposizione.\r\n\r\nPer quanto riguarda la rigenerazione delle risorse utilizzate, strettamente legata alla salvaguardia degli ecosistemi marini, su tutte le navi viene già effettuato il 100% di raccolta differenziata e il riciclo di materiali quali plastica, carta, vetro e alluminio. Inoltre, il 90% del fabbisogno giornaliero di acqua è soddisfatto trasformando quella del mare tramite l’utilizzo di dissalatori, valore che raggiunge il 100% sulle navi più moderne della flotta.\r\n\r\nLa terza area strategica, responsabilizzare le persone, riguarda sia gli ospiti sia i dipendenti della compagnia. Relativamente agli ospiti, l’obiettivo è quello di sensibilizzarli a essere viaggiatori sempre più responsabili nelle loro scelte, mentre per i dipendenti l’obiettivo è promuovere un ambiente di lavoro equo e inclusivo, nonché di accrescere le competenze. A questo proposito nel 2021 le ore di smart working, o di flexible working,sono state oltre 774 mila, mentre quelle di formazione quasi 120 mila, erogate a una comunità di dipendenti che proviene da 70 Paesi e cinque continenti diversi.\r\n\r\nL’ultima area strategica, costruire un ecosistema trasformativo, riguarda il valore generato sui territori e sulle comunità che accolgono le navi Costa. Basti pensare che nel 2021, con le unità operative nel solo  Mediterraneo per un periodo ridotto dell’anno, le navi della compagnia hanno visitato ben 31 porti, con 17 itinerari diversi, rimettendo in moto un ecosistema che comprende quasi 16 mila fornitori.","post_title":"Costa: una nuova generazione di navi a zero emissioni tra le priorità del bilancio sostenibile 2021","post_date":"2022-09-27T10:06:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664273194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431131","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Disney Stars Ambassador il nuovo programma lanciato dal parco parigino e dedicato alle migliori agenzie di viaggio, capaci di rappresentare e vendere al meglio la destinazione sul mercato italiano.\r\nLe 30 agenzie di viaggio selezionate sono dislocate su tutto il territorio nazionale; grazie al programma potranno usufruire di una serie di vantaggi esclusivi tra cui la messa a disposizione di materiali digitali e fisici per la personalizzazione della propria agenzia, l’aggiornamento in anteprima sulle novità commerciali e di prodotto e la partecipazione a fam trip dedicati.\r\n“Il programma Disney Stars Ambassador è stato pensato per premiare le agenzie che hanno supportato attivamente la nostra destinazione negli ultimi due anni - ha commentato Monica Astuti, country head di Disneyland Paris Italia - e che contribuiscono al suo successo in Italia. Nei prossimi anni abbiamo l’obiettivo di raddoppiare il numero degli Ambassador selezionando altre agenzie che si distingueranno per il proprio contributo”.\r\nPer le agenzie Ambassador è inoltre previsto un percorso di formazione innovativo, la Disney Stars University, che con l’aiuto di professionisti esterni approfondirà le tecniche di vendita e di proposizione della destinazione stimolando così un approccio basato sull’ascolto e su un’offerta tailor made che possa combinare al meglio le esigenze dei clienti e la varietà dei servizi offerti.","post_title":"Nasce Disney Stars Ambassador, nuovo programma su misura per le agenzie di viaggio","post_date":"2022-09-27T09:28:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664270885000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431087","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways ha aperto la data room alla cordata Certares: il fondo statunitense e Delta Air Lines sono stati autorizzati ad accedere ai dati più sensibili della compagnia, come anticipato da Il Corriere della Sera, che cita fonti ministeriali. Air France-Klm, per ora, non sarebbe stato approvato \"per questioni documentali relative all’accordo di non divulgazione dei numeri\".\r\n\r\nLa mossa di Ita arriva su richiesta di Equita, advisor del ministero dell'Economia e delle finanze (Mef), azionista unico dell'aviolinea. L'apertura della data room, a un mese circa di distanza dalla decisione del Tesoro a favore di Certares (a scapito della cordata Msc-Lufthansa) dovrebbe consentire alla cordata vincitrice di perfezionare i dettagli dell'offerta di acquisizione del 50% del vettore.\r\n\r\nÈ ipotizzabile che il 28 settembre, giorno dell’\"expert session\" tra Certares e Ita (con delegati di Delta e Air France - Klm), il fondo Usa chieda la proroga della trattativa: decisione che, nel caso, spetterebbe al nuovo governo. ","post_title":"Ita Airways: aperta la data room al fondo Certares (e Delta Air Lines)","post_date":"2022-09-26T11:49:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664192961000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431071","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”.\r\n\r\nContinuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”.\r\n\r\nTra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos.\r\n\r\nPer il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.\r\n\r\n ","post_title":"Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali","post_date":"2022-09-26T10:56:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664189766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431066","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431069\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco e Riccardo Lazzarini con la director of sales and marketing, Daniela Baldelli[/caption]\r\n\r\nDal Donna Laura Palace, il villino affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati che ha appena completato i lavori della facciata e del giardino interno, fino all’hotel Imperiale che darà nuovo lustro a via Veneto, con la facciata totalmente restaurata in fase di ultimazione. Il tutto passando anche dal Rose Garden Palace, il boutique hotel di via Boncompagni, che oltre ai lavori per riportare a nuova luce la facciata, verrà completamente rinnovato negli arredi e nel design, attraverso diverse fasi che interesseranno sia le camere per gli ospiti sia le aree comuni, con una particolare attenzione al giardino interno. Omnia Hotels continua a investire su Roma, nonostante le criticità degli anni recenti, quando la compagnia ha dato peraltro vita pure a una nuova apertura.\r\n\r\nDa segnalare anche i lavori allo Shangri La Roma Eur che, dopo aver completato la ristrutturazione delle camere e delle aree comuni, ora avvia lo sviluppo dell’area congressuale, con una prima realizzazione di una sala modulare di circa 200 metri quadrati, fruibile per riunioni ed eventi o addirittura come estensione del ristorante, che verrà completata entro metà ottobre. A questa seguirà poi la realizzazione del centro congressi di 1.500 metri quadrati, con piscina e aree esterne per gli ospiti, che vedrà la luce nel 2023. Un ulteriore sviluppo sarà portato avanti nel 2024: prevede un incremento di 70 camere per gli ospiti e la realizzazione del nuovo ristorante Shangri La.\r\n\r\n“Il nostro gruppo è nato pochi mesi prima del lock down ma non per questo abbiamo smesso di crederci – sottolinea il ceo Francesco Lazzarini, che insieme al fratello Riccardo ha creato Omnia Hotels da un’impresa di famiglia -. Nel 2021 abbiamo aperto un albergo, il St. Martin, a seguito della completa ristrutturazione di un edificio in disuso, riqualificando così anche la zona. Ci siamo impegnati nelle collaborazioni con alcuni dei grandi eventi della città di Roma e ora continuiamo nel nostro percorso di crescita e sviluppo, con una particolare attenzione alla formazione dei collaboratori, fulcro dell’ospitalità, e alla valorizzazione del patrimonio edilizio\". Attualmente il portfolio della compagnia comprende sette strutture totali, tutte situate a Roma.","post_title":"Prosegue l'impegno di Omnia Hotels su Roma: quattro gli indirizzi in fase di restyling","post_date":"2022-09-26T10:14:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664187261000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431004","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Isole Cook più facilmente raggiungibili grazie al nuovo volo di Air Rarotonga che collega direttamente l'arcipelago con Tahiti e lo rende quindi accessibile anche via Parigi. Oltre alle tradizionali rotte che passano da Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Australia. Il nuovo collegamento è frutto di impegni intergovernativi e di partnership fra Air Rarotonga, Air Tahiti Nui e Air Tahiti. Ulteriori pacchetti come estensioni via Usa, sono in lavorazione.\r\n\r\n“Le Isole Cook sono nuovamente aperte. Decadute tutte le restrizioni covid, si viaggia semplicemente con il passaporto – afferma Noeline Mateariki, sales marketing director dell’Ente del turismo delle Cook Islands – e non occorre nessun visto per l’ingresso”.\r\n\r\nIn questi due anni, grazie agli incentivi del governo, il settore turistico è stato protetto. Le strutture turistiche hanno potuto beneficiare di ristori e soprattutto le strutture alberghiere hanno potuto effettuare un salto di qualità, upgrading in categoria superiore e di conseguenza “l’offerta turistica è stata ampliata - spiega Nicholas Costantini, general manager Southern Europe –. Il settore ha continuato a crescere grazie anche al turismo domestico che in questi due anni di pandemia non si è mai fermato”.\r\n\r\nTutte le isole si sono preparate alla riapertura. Oggi insieme ad Aitutaki e Rarotonga, nell’offerta si aggiungono altre isole, quelle del Sud, tutte spettacolari dal punto di vista naturalistico inserendo nuovi tour alla scoperta della natura e gastronomia. Il gruppo delle isole del Nord fino a quest’anno quasi inaccessibili, è stato aperto al turismo con meravigliose lagune e i pochi abitanti. Tutte isole raggiungibili unicamente attraverso voli domestici considerate le distanze, (15 isole sparse su una superficie di 2,2 milioni di kmq) sono inseriti in tour veramente esclusivi.\r\n\r\n“A questo punto abbiamo programmato nuovi tour sulla Coral Route e Island-Hopping anche per pacchetti di pochi giorni” sottolinea Robert Skews managing director della Turama Pacific Travel Group.","post_title":"Isole Cook aperte e più facilmente raggiungibili, grazie ai voli di Air Rarotonga","post_date":"2022-09-23T10:58:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663930726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.\r\n\r\nDopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. \"Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia\", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times.\r\nLa svolta\r\nIl Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio.\r\n\r\nNel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.\r\n\r\n ","post_title":"Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre","post_date":"2022-09-23T08:45:24+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1663922724000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. Il progetto nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). La curatela è di Nils Büttner.\r\n\r\nRubens soggiornò in diverse occasioni a Genova tra il 1600 e il 1607, visitandola anche al seguito del duca di Mantova, Vincenzo I Gonzaga, presso cui ricopriva il ruolo di pittore di corte. Ebbe così modo di intrattenere rapporti diretti e in alcuni casi molto stretti con i più ricchi e influenti aristocratici dell’oligarchia cittadina.\r\n\r\nIn mostra sono presentate più di 150 opere, tra le quali hanno il ruolo di protagonisti oltre venti Rubens provenienti da musei e collezioni europee e italiane, che si sommano a quelli presenti in città, giungendo così a un numero come non vi era dalla fine del Settecento a Genova; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola e Bernardo Castello), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nDisegni, incisioni, arazzi, arredi, volumi antichi, perfino abiti, accessori femminili e gioielli consentono di celebrare la grandiosità di una capitale artistica visitata da uno dei maggiori artisti di tutti i tempi e confermano quell’appellativo di Superba che fu dato a Genova.\r\n\r\nLa mostra gode della collaborazione della città di Anversa e del Centrum Rubenianum di Anversa, dell’ambasciata del Belgio in Italia, del consolato onorario del Belgio a Genova, della città di Mantova, di VisitFlanders, nonché della Camera di commercio di Genova. Il comune sta lavorando ad attivare altre partnership istituzionali con altri enti e città italiane ed europee.\r\n\r\nL’appuntamento espositivo di Palazzo Ducale è l’occasione per attivare un progetto di grande rilievo, dal titolo Rubens 22. A network ideato e curato da Anna Orlando; di fatto la più importante rete culturale mai attivata a Genova intorno a un singolo artista. In città, inoltre, il visitatore potrà seguire un vero e proprio itinerario rubensiano alla scoperta dei capolavori nelle loro sedi permanenti. Il tour in città sarà segnalato con veri e propri focus, a completamento del racconto narrato dalla mostra di Palazzo Ducale e toccherà anche i palazzi cinquecenteschi che Rubens certamente visitò. Nel quadro delle altre iniziative cittadine si segnala, nel giugno del 2023, la finale di Ocean Race, il maggior evento velistico internazionale che prenderà avvio da Alicante nel 2022. La città si prepara a questo importante appuntamento con una serie di eventi che presentano Genova al mondo. Ebbene, Rubens a Genova e il progetto Rubens 22. A Network fanno parte del programma culturale di Ocean Race.\r\n\r\nLa mostra è prodotta dal comune di Genova con fondazione Palazzo Ducale per la vultura e la casa editrice Electa, con il supporto e la partecipazione dello sponsor unico Rimorchiatori Riuniti. Ilgruppo ha voluto sostenere questo importante progetto artistico e cultuale per celebrare, insieme alla città dove è nato e ha sede, i suoi primi 100 anni di storia.","post_title":"Rubens a Genova: 150 opere in mostra nella città ligure dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023","post_date":"2022-09-22T12:36:01+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1663850161000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430932","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuove aperture e restyling importanti per Sandals Resorts che mette a segno anche un traguardo inaspettato raggiungendo gli obiettivi del 2022 già a metà estate. Il tutto, in un anno davvero speciale, visto che la compagnia giamaicana festeggia il suo quarantesimo compleanno. Per quanto riguarda il nostro mercato, gli italiani che raggiungono i Sandals sono solitamente provenienti da un’estensione degli Usa, principalmente da Miami. Virgin con il solo scalo a Londra arricchisce poi l’offerta. Su Curaçao Klm garantisce inoltre il collegamento quotidiano sulla destinazione favorendo il singolo soggiorno balneare dall’Europa.\r\n\r\n“Il mercato tricolore ha risposto davvero bene – spiega Christian Casagrande, sales manager Southern Europe -. Anche se in termini numerici non si è superato il 2019, poiché è mancata quella parte importante di prenotazioni che va da ottobre a marzo che l’Italia ancora chiusa non poteva effettuare. Malgrado tutto c’è stata una performance inaspettata. In Europa l’Italia è un paese chiave per Sandals; dimostra infatti una capacità di spesa notevole. A oggi i numeri sono incoraggianti”. La preferenza, in generale, è per un soggiorno medio di sei notti dalla spesa media di 4.500 euro per camera. Antigua e Bahamas primeggiano tra i nostri connazionali; Ma sono molto apprezzati anche Turks & Caicos, così come Negril in Giamaica che rimane nell’immaginario italiano. La spiaggia resta l’elemento principale che caratterizza la scelta.\r\n\r\nTra i restyling appena effettuati, da segnalare quindi la riapertura lo scorso 27 gennaio del Sandals Royal Bahamian (Bahamas), chiuso per alcuni mesi per un0operazione di rinnovamento multimilionario. Sono state eseguite diverse migliorie, dalle camere ai ristoranti, senza tralasciare il settore delle esperienze per gli ospiti. Sul fronte delle nuove apertura, ci sono il Beaches Resorts a St. Vincent e Grenadine; l’ex Jewel Dunn’s River Beach Resort & Spa a Ocho Rios e il Jewel Runaway Bay Beach Resort & Waterpark. Si aggiungono inoltre 48 nuove suite per il Sandals Royal Caribbean. Il Sandals Royal Curaçao è infine “una curiosa novità: è il primo resort in un’isola non parlante lingua inglese ma è anche il risultato di una scommessa vinta, il resort risulta sempre pieno”, conclude Casagrande.","post_title":"Casagrande, Sandals: l'Italia rimane un mercato chiave dall'elevata capacità di spesa","post_date":"2022-09-22T11:13:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663845231000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti