2 March 2024

Uvet Analytics: economia italiana in stallo ma nel 2020 ci sarà il rimbalzo

[ 0 ]

Cresce il numero dei viaggiatori business travel ma diminuisce la spesa: un trend che rispecchia fedelmente l’andamento flat dell’economia italiana, come peraltro è avvenuto anche nei due anni precedenti. E’ la principale evidenza che emerge da Uvet Analytics: la ricerca realizzata dal gruppo Uvet in collaborazione con The European House – Ambrosetti, che mette a confronto i dati sui viaggi d’affari con i numeri macroeconomici del sistema Paese e le cui cifre complete sul 2019 saranno presentate in occasione del prossimo BizTravel Forum, in programma a Milano dal 20 al 21 novembre. Evento di cui Travel Quotidiano è media partner.

Uno scenario di stagnazione che però, rivela il Sole 24 Ore, dovrebbe cambiare già nel 2020, quando la ricerca Uvet Analytics prevede una crescita del numero dei viaggi d’affari di circa il 5%, supportata questa volta anche da un seppur lieve incremento della spesa complessiva (+1%). Per Luca Patanè, presidente del gruppo Uvet, si tratta però di una controtendenza dovuta soprattutto alla positiva congiuntura internazionale, mentre nel nostro Paese non si intravedono ancora segnali concreti di ripresa. Il tutto in un contesto di mercato dei viaggi che richiede tecnologie sempre più avanzate, elevata qualità dei servizi e un’estrema personalizzazione del servizio. Da qui il suggerimento di Patanè al governo per aiutare il settore travel italiano: più infrastrutture e qualche agevolazioni fiscale.

Per quanto riguarda il dettaglio sulle cifre del 2019, a soffrire di più quest’anno sarebbero stati soprattutto il segmento del noleggio auto e il trasporto aereo. Stabile invece l’hotellerie, mentre unico comparto con il segno più è stato quello delle linee ferroviarie, le cui performance sono state peraltro favorite dalla chiusura temporanea dello scalo di Linate, che ha di fatto ridotto sensibilmente la concorrenza dei voli sulla tratta business travel più redditizia d’Italia, tra Milano e Roma.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462610 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi». La crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico. «Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano». Jnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari. Il Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino. [gallery ids="462614,462615,462613"]   [post_title] => Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno [post_date] => 2024-03-01T11:55:38+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709294138000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Arabia Saudita ha registrato il record di oltre 100 milioni di turisti nel 2023, ricevendo il plauso e il riconoscimento di prestigio internazionale del Un Tourism – l’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite – e del World Travel & Tourism Council (Wttc). Secondo quanto evidenziato dal Ministero del Turismo, la destinazione ha raggiunto questo traguardo con sette anni di anticipo rispetto all’obiettivo iniziale e, di conseguenza, ora c'è un nuovo e ambizioso obiettivo da centrare: accogliere 150 milioni di turisti entro il 2030. Il turismo ha dimostrato di contribuire in modo significativo all’economia del Paese, con una spesa stimata di oltre 250 miliardi di riyal da parte dei turisti nazionali e internazionali nel 2023. In particolare, questa cifra contribuisce per il 4% al Pil e per il 7% al Pil non derivante dall’industria petrolifera, riflettendo il ruolo cruciale del turismo nella diversificazione dell’economia dell'Arabia Saudita. “Questo traguardo testimonia la portata della nostra trasformazione, avviata cinque anni fa con il lancio della Strategia Nazionale per il Turismo - ha osservato il Ministro Ahmed Al Khateeb -. Il turismo è un pilastro fondamentale della transizione economica del Paese nell’ambito del programma Vision 2030, in quanto in grado di creare posti di lavoro e di generare profitti per il Regno. Rivolgiamo un ringraziamento sia a Un Tourism che a Wttc come partner di grande valore nel nostro percorso, per il loro impegno comune a favore di un settore turistico prospero e sostenibile.” “L’ecosistema turistico continua a operare in linea con la strategia nazionale, attraverso la realizzazione di destinazioni diversificate. Il nostro obiettivo è quello di arricchire l’esperienza dei turisti, diversificare le offerte per i visitatori locali e internazionali e migliorare le strutture di accoglienza, così come l’insieme dei servizi offerti. Il nostro impegno ad allinearci all’offerta di eccellenza sulla scena turistica internazionale contribuisce a plasmare un solido futuro per il nostro settore turistico, migliorando la qualità della vita e rafforzando la posizione del Regno sulla mappa del turismo globale”. Il settore turistico del Regno ha visto una crescita considerevole, con il numero dei turisti – sia nazionali che internazionali – che ha raggiunto i 106,2 milioni nel 2023: un dato che corrisponde ad un aumento del 56% rispetto al 2019 e ad un’impennata del 12% rispetto al 2022. Tra questi, il numero di visitatori inbound ha raggiunto i 27,4 milioni, segnando una crescita del 56% rispetto al 2019 e di un impressionante 65% rispetto al 2022.   [post_title] => Arabia Saudita: diversificare l'offerta per centrare nuovi, ambiziosi traguardi [post_date] => 2024-03-01T10:34:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709289288000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462385 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che "un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio". Un rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana. La tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, "mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione". Il rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea. [post_title] => Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione [post_date] => 2024-02-28T10:43:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709117038000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462239 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si svolgerà a Genova il 23 marzo la finale del X° Campionato mondiale di pesto genovese al mortaio® con una gara aperta al pubblico a Palazzo Ducale. In 17 anni Il Campionato è riuscito ad affermarsi in tutto il mondo attraverso eventi e comunicazione, ha disegnato il perimetro di “cosa è o non è Pesto Genovese” (la ricetta ufficiale del Campionato é diventata il modello di riferimento a livello globale), ha contribuito ad una maggiore consapevolezza dei consumatori e quindi alla affermazione delle DOP liguri e infine ha causato un “effetto grilletto” riuscendo a dare voce e immagine all’intero territorio e alle sue eccellenze. Così la finale del Campionato del 23 marzo 2024 sarà la festa che è sempre stata ma anche la riconferma del suo presidio di identità culturale ed economica cui punta la Camera di Commercio di Genova e l’occasione di guardare al futuro (IGP, Sostenibilità, Marketing). Il copione è quello consolidato: in 100 si sfidano al mattino e in 10 nel pomeriggio per la superfinalissima che eleggerà il Campione del mondo di turno. 30 giudici fra giornalisti, esperti e opinion leader del settore. Le attività collaterali sono confermate con il Campionato dei Bambini, l’esposizione delle DOP liguri nel Salone del Minor Consiglio, la settimana dei ristoratori che avranno l’occasione di proporre ricette con l’uso del pesto oltre al condimento della pasta (fenomeno che si sta diffondendo in tutto il mondo), l’incontro nella “sala della trasparenza” della Regione in piazza De Ferrari su IGP, sostenibilità e marketing  internazionale, e tutte le altre iniziative grandi e piccole (visita all’orto botanico, corsi di Pesto al mortaio “last minute”, una esposizione di pesti “diversi”, la mostra dei mortai antichi, il consuetudinario annullo postale, la visita guidata del Centro storico e delle botteghe artigiane). Ancora il “Pesto Party” organizzato da Genova Gourmet chiuderà in bellezza e bontà la finalissima del prossimo 23 marzo. E poi c’è il tour itinerante rappresentato da un grosso mortaio su una chiatta galleggiante per promuovere il pesto nelle principali città d’Europa, a partire dalla prima tappa di Londra, ha attraversato il Tamigi nel novembre scorso. La presenza di Roberto Panizza e del Campionato Mondiale a Londra e la diffusione capillare del pesto genovese confermano la costante dedizione della Liguria nel promuovere il territorio e la ricchezza culturale della regione e incentivare il turismo. L’entusiasmo e l’accoglienza dimostrate sottolineano ulteriormente l’importanza della collaborazione internazionale nell’incoraggiare e promuovere l’identità culturale e gastronomica delle regioni italiane, sottolineando la Liguria come una destinazione di spicco per gli appassionati di cibo e cultura in ogni angolo del mondo. Il Campionato del Pesto è un marchio della Camera di Commercio di Genova per la promozione del territorio, ed è organizzato dall'Associazione Culturale Palatifini, ed è promossa dalla Regione Liguria e dal Comune di Genova. [post_title] => Genova, X° Campionato Mondiale del Pesto tra gare, eventi e mostre [post_date] => 2024-02-26T12:39:16+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708951156000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462160 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Spagna e Booking. Booking verrà multato dalla Commissione nazionale per i mercati e la concorrenza spagnola con 486 milioni di euro. La multa è la più alta nella storia di tale organizzazione. Ed è già stata provvisoriamente comunicata al gruppo, come rivelato dalla stessa società nel suo rapporto annuale. Tutto fa pensare che la sanzione, che sarà contestata dall'ota, diventerà ufficiale il prossimo luglio. Booking ha scelto di accantonare l'importo di cui sopra nei propri conti nonostante tenterà di annullare la multa in tribunale. Nel rapporto Booking sottolinea che la sanzione comporta anche una serie di restrizioni su alcune pratiche commerciali esercitate dalla piattaforma. Il gruppo si limita a dire che “non è d’accordo con la giustificazione esposta nella bozza e continua a collaborare con la Cnmc prima che la decisione venga finalizzata”. Fascicolo La Commissione ha aperto il fascicolo sanzionatorio contro Booking nell'ottobre 2022. Ha compiuto questo passo dopo aver individuato possibili "pratiche restrittive della concorrenza" che violano la legge 15/2007 e l'articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell'Ue. Più nello specifico, Cnmc ha indagato azioni che potrebbero comportare un abuso di posizione dominante da parte di Booking, quali l'imposizione di condizioni ingiuste ad alberghi situati in Spagna e l'attuazione di politiche commerciali con possibili effetti escludenti su altri canali di vendita on-line. Altro punto chiave sono le pratiche che sfrutterebbero la situazione di dipendenza economica che gli hotel situati in Spagna avrebbero rispetto a Booking. Per la Cnmc “questo fatto costituirebbe un atto di concorrenza sleale che potrebbe distorcere la libera concorrenza, ledendo l’interesse pubblico”. [post_title] => La Spagna fa sul serio: multa di 486 milioni di euro a Booking [post_date] => 2024-02-23T10:41:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708684862000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461875 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni. Diversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio. Per la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.   [post_title] => Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024 [post_date] => 2024-02-20T10:08:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708423725000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2023 di Malta ha regalato alla destinazione ben 3 milioni di turisti internazionali, il numero più elevato mai raggiunto prima, che rappresenta un aumento di oltre l’8% rispetto al precedente record stabilito nel 2019 (2,8 milioni di turisti). Mentre i numeri relativi al turismo mondiale sono ancora lontani dai livelli pre-pandemia, con l’88% dei dati relativi al 2019, Malta ottiene risultati storici. Da sottolineare inoltre come i turisti internazionali abbiano speso un totale di 2,7 miliardi di euro a Malta nel 2023, con una media di 132 euro al giorno per turista, segnando un aumento di un quinto rispetto al 2019. Da record anche i risultati relativi al mercato italiano, che nel 2023 è stato il principale per numero di arrivi, con un market share del 18,4%, seguito da quello del Regno Unito. I turisti italiani totali arrivati a Malta lo scorso anno sono stati 547.991, esattamente 37,6% in più del 2022 e 14,3% in più rispetto al 2019. Con una media pro-capite di 5,7 notti, il totale delle notti relativo al mercato italiano è di 3.127.294 (+26% sul 2022), mentre la spesa totale è di 335.586€ (+35% rispetto l’anno precedente) e quella pro-capite è di 612€. Ciascuno di questi traguardi, è stato il migliore mai raggiunto dal mercato italiano. «Il 2023 è stato un anno straordinario in cui abbiamo letteralmente fatto insieme la storia con i migliori numeri di sempre - commenta Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Molti investimenti si sono concentrati sull’ampliamento delle fasce di età del turista tradizionale così come sull’aumento delle possibili motivazioni che portano a scegliere Malta per una vacanza. Nonostante i numerosi e repentini cambiamenti del mercato, il nostro team ha sempre risposto in maniera immediata alle nuove esigenze del consumatore, utilizzando strumenti che potessero raccontare l’offerta di prodotti sempre attuali ed in linea alle tendenze di viaggio.” «Malta si è impegnata affinché il turismo tornasse ad essere uno dei pilastri fondamentali della propria economia. Allo stesso tempo, per il rispetto e le necessità del territorio, si è lavorato al frazionamento dei flussi turistici lungo tutto l’arco dell’anno e ampliando le aree geografiche in cui indirizzare il turista, mettendo quindi in luce nuove zone dell’arcipelago, con una precisa strategia che mira a rendere tutto il comparto turistico più sostenibile. Attualmente il mix di prodotti che presenta la destinazione è il risultato di un proficuo lavoro di posizionamento che ci accompagnerà in un 2024 che punta ad un turismo di maggiore qualità. Al momento c’è molta attenzione al segmento luxury, inteso anche come possibilità di vivere un’esperienza unica, in un luogo autentico come è Malta.”   [post_title] => Malta: gli arrivi internazionali superano per la prima volta i 3 milioni. Italiani in pole position [post_date] => 2024-02-20T09:32:00+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708421520000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461810 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461814" align="alignleft" width="300"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption] Volotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom). «Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda». «Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea". Con una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento. [post_title] => Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia [post_date] => 2024-02-19T12:23:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708345423000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Simone Farci il nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace di via Veneto. Con una laurea in economia, la certificazione Cha ottenuta dall'American hotel lodging educational institute, nonché un master in hospitality management e un gmp presso la Cornell university school of hotel administration, Farci vanta oltre otto anni di esperienza nello stesso gruppo Ihg, per cui ha guidato diverse proprietà di fascia alta, business hotel e resort in tutto il mondo. Nel 2023 ha in particolare curato ai Caraibi il processo di rebranding del resort di lusso Kempinski Dominica Cabrits in InterContinental Dominica Cabrits. “Sono entusiasta di assumere la guida dell'InterContinental Rome Ambasciatori Palace - commenta Farci -. Il mio impegno sarà quello di mantenere gli elevati standard di eccellenza per cui questo hotel è rinomato e di guidare il team verso sempre nuovi e ambiziosi traguardi. Tutti i nostri sforzi saranno finalizzati a consolidare l’immagine dell'albergo come una struttura alberghiera d’élite nel panorama dell’hôtellerie romana”. [post_title] => Simone Farci nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace [post_date] => 2024-02-19T11:20:11+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708341611000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "uvet analytics economia italiana in stallo ma nel 2020 ci sara il rimbalzo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":58,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":717,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462610","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n«L’Expo Osaka 2025 sarà l’occasione per scoprire le meravigliose regioni che compongono il Giappone – sottolinea Yoshiyuki Mizuuchi, direttore esecutivo del Jnto, l’Ente del turismo giapponese - I turisti italiani stanno tornando numerosi in Giappone. L’anno scorso sono stati 152mila, il 23% in meno del 2019. Ma i voli erano ridotti. Ora stanno aumentando e credo ci sia il potenziale per un’ulteriore espansione della domanda. Mi auguro che nel 2024 il numero dei turisti italiani raddoppi».\r\n\r\nLa crescita sarà possibile per l’aumento delle connessioni aeree con scalo operate da diverse compagnie, grazie al volo Ita Airways diretto Roma Fiumicino-Tokyo Haneda operato quotidianamente a partire dal 4 marzo e a quello diretto giornaliero Milano Malpensa-Tokyo Haneda che Ana renderà operativo nella prossima stagione invernale. L’Expo, in programma dal 13 aprile al 13 ottobre del 2025, rivelerà il fascino della regione del Kansai con esperienze ricche di tradizione e di fascino culturale e spirituale, senza dimenticare l’aspetto gastronomico.\r\n\r\n«Il Kansai è la culla della civiltà giapponese. - ricordano gli specialisti del Giappone e autori Stefania Viti e Patrik Colgan - Osaka viene chiamata “la cucina del Giappone” perché da qui già nell’anno mille partivano i carichi di pesce conservato nel riso che servivano la corte imperiale. Intorno a Kyoto ci sono le colline sulle quali sono state piantate le prime piante di té verde, arrivate nell’800 dalla Cina. È una terra ricca di tradizioni, sogno e spiritualità, che ben risponde all’idea del Giappone del turista italiano».\r\n\r\nJnto propone due itinerari di scoperta a chi visiterà l’Expo e il Kansai. La regione si trova al centro del Giappone e Osaka è la seconda città del paese per grandezza e importanza economica. Gli itinerari portano a ovest, seguendo un percorso culturale e spirituale nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji , oppure est, verso le prefetture di Nara. Mie e Shima, dove si vivranno esperienze culturali e gastronomiche. Sono previste visite a edifici storici, pagode e ricchi musei, ma anche immersioni nella natura. Muovendosi con l’auto o un bus si potrà pernottare nelle case tradizionali o in un tempio, visitare una distilleria di sake, vivere una tipica esperienza di tintura con l’indaco (popolare sin dal XVII secolo), ma anche visitare antiche residenze o percorrere parte del noto “Pellegrinaggio degli 88 templi” in una coinvolgente atmosfera spirituale. Sono possibili diverse esperienze di benessere immersive, ma anche percorsi di trekking e in bicicletta. Magari nella verde valle di Asuka, dove sorse la città che fu la capitale del Giappone tra il VI e il VII secolo: un luogo da scoprire, tra terrazzamenti coltivati a riso e gigli rossi. Chi desidera incontrare la spiritualità locale potrà visitare la prefettura di Mie, uno dei luoghi più sacri del Giappone, raggiungendo il santuario di Ise: l’importante santuario costruito tra il V e il VI secolo in onore della dea Amaterasu e Kami, fondatrice della famiglia imperiale. Nella zona ci sono altri 123 santuari.\r\n\r\nIl Kansai è una regione ricca di cultura alimentare, ideale per scoprire nuovi sapori e specialità della tradizione come il tonno affumicato con un metodo che risale al 1600. Si può trovare anche tanta natura: a est di Ise si entra nel Parco Nazionale di Ise-Shima, dove nel 2016 si è tenuto il G7. Nell’area di Ise-Shima è possibile un’ulteriore incontro con la tradizione millenaria del Giappone entrando nel mondo delle Ama: le 1300 donne pescatrici subacquee che da 3000 anni pescano in apnea. Il Giappone è una terra bella e ricca in tutte le stagioni, di cui è possibile scoprire le diverse sfaccettature tornando più volte. È, soprattutto, un paese da avvicinare con rispetto e attenzione. Parlando piano, tenendo il cellulare in tasca - in treno è vietato usarlo - e preservando quell’atmosfera di “delicato silenzio” che ne ha costruito nei secoli la magia e il fascino.\r\n\r\n[gallery ids=\"462614,462615,462613\"]\r\n ","post_title":"Expo Osaka 2025: partire dal Kansai per scoprire il Giappone moderno","post_date":"2024-03-01T11:55:38+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709294138000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Arabia Saudita ha registrato il record di oltre 100 milioni di turisti nel 2023, ricevendo il plauso e il riconoscimento di prestigio internazionale del Un Tourism – l’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite – e del World Travel & Tourism Council (Wttc).\r\n\r\nSecondo quanto evidenziato dal Ministero del Turismo, la destinazione ha raggiunto questo traguardo con sette anni di anticipo rispetto all’obiettivo iniziale e, di conseguenza, ora c'è un nuovo e ambizioso obiettivo da centrare: accogliere 150 milioni di turisti entro il 2030.\r\n\r\nIl turismo ha dimostrato di contribuire in modo significativo all’economia del Paese, con una spesa stimata di oltre 250 miliardi di riyal da parte dei turisti nazionali e internazionali nel 2023. In particolare, questa cifra contribuisce per il 4% al Pil e per il 7% al Pil non derivante dall’industria petrolifera, riflettendo il ruolo cruciale del turismo nella diversificazione dell’economia dell'Arabia Saudita.\r\n\r\n“Questo traguardo testimonia la portata della nostra trasformazione, avviata cinque anni fa con il lancio della Strategia Nazionale per il Turismo - ha osservato il Ministro Ahmed Al Khateeb -. Il turismo è un pilastro fondamentale della transizione economica del Paese nell’ambito del programma Vision 2030, in quanto in grado di creare posti di lavoro e di generare profitti per il Regno. Rivolgiamo un ringraziamento sia a Un Tourism che a Wttc come partner di grande valore nel nostro percorso, per il loro impegno comune a favore di un settore turistico prospero e sostenibile.”\r\n\r\n“L’ecosistema turistico continua a operare in linea con la strategia nazionale, attraverso la realizzazione di destinazioni diversificate. Il nostro obiettivo è quello di arricchire l’esperienza dei turisti, diversificare le offerte per i visitatori locali e internazionali e migliorare le strutture di accoglienza, così come l’insieme dei servizi offerti. Il nostro impegno ad allinearci all’offerta di eccellenza sulla scena turistica internazionale contribuisce a plasmare un solido futuro per il nostro settore turistico, migliorando la qualità della vita e rafforzando la posizione del Regno sulla mappa del turismo globale”.\r\n\r\nIl settore turistico del Regno ha visto una crescita considerevole, con il numero dei turisti – sia nazionali che internazionali – che ha raggiunto i 106,2 milioni nel 2023: un dato che corrisponde ad un aumento del 56% rispetto al 2019 e ad un’impennata del 12% rispetto al 2022. Tra questi, il numero di visitatori inbound ha raggiunto i 27,4 milioni, segnando una crescita del 56% rispetto al 2019 e di un impressionante 65% rispetto al 2022.\r\n\r\n ","post_title":"Arabia Saudita: diversificare l'offerta per centrare nuovi, ambiziosi traguardi","post_date":"2024-03-01T10:34:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709289288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462385","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Airlines for Europe, european regions airline association, Italian board airline representatives e l'Associazione italiana compagnie aeree low fares – alcune delle principali associazioni di categoria delle compagnie aeree – hanno affermato che \"un nuovo rapporto dimostra che l'introduzione di una tassa sul carburante per l'aviazione a livello europeo ridurrà la spesa turistica, inciderà sulla crescita economica e diminuirà i posti di lavoro in Italia e in Lazio\".\r\n\r\nUn rapporto commissionato alla società di consulenza economica globale Steer ha calcolato che una tassa sul carburante per l'aviazione porterebbe a una riduzione del pil del Lazio di 640 milioni di euro e a una riduzione più ampia di 4,1 miliardi di euro nell'economia italiana.\r\n\r\nLa tassa avrebbe anche un impatto sull'occupazione, con una perdita di 39.200 posti di lavoro in tutta Italia. Il rapporto, proseguono i vettori, \"mette in evidenza come una tassa sul cherosene per l'aviazione non contribuirà in alcun modo agli sforzi di sostenibilità delle compagnie aeree, in quanto il denaro raccolto non sarà destinato alla decarbonizzazione dell'aviazione\".\r\n\r\nIl rapporto rileva inoltre che l'introduzione di una tassa sui carburanti per l'aviazione porterebbe a una riduzione del 6,1% della domanda di passeggeri, a una diminuzione di 5,4 miliardi di euro della spesa turistica e a una riduzione del PIL di 4,1 miliardi di euro in tutta Italia. Nella regione Lazio, ciò si tradurrà in una riduzione del PIL di 640 milioni di euro. Le associazioni chiedono che l'UE si concentri sull'attuazione di misure direttamente legate alla riduzione dell'impatto ambientale dell'aviazione e che preservino la competitività economica e i benefici sociali dell'aviazione europea.","post_title":"Trasporto aereo: la tassa sul carburante danneggia l'aviazione","post_date":"2024-02-28T10:43:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709117038000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462239","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si svolgerà a Genova il 23 marzo la finale del X° Campionato mondiale di pesto genovese al mortaio® con una gara aperta al pubblico a Palazzo Ducale.\r\n\r\nIn 17 anni Il Campionato è riuscito ad affermarsi in tutto il mondo attraverso eventi e comunicazione, ha disegnato il perimetro di “cosa è o non è Pesto Genovese” (la ricetta ufficiale del Campionato é diventata il modello di riferimento a livello globale), ha contribuito ad una maggiore consapevolezza dei consumatori e quindi alla affermazione delle DOP liguri e infine ha causato un “effetto grilletto” riuscendo a dare voce e immagine all’intero territorio e alle sue eccellenze.\r\n\r\nCosì la finale del Campionato del 23 marzo 2024 sarà la festa che è sempre stata ma anche la riconferma del suo presidio di identità culturale ed economica cui punta la Camera di Commercio di Genova e l’occasione di guardare al futuro (IGP, Sostenibilità, Marketing).\r\n\r\nIl copione è quello consolidato: in 100 si sfidano al mattino e in 10 nel pomeriggio per la superfinalissima che eleggerà il Campione del mondo di turno. 30 giudici fra giornalisti, esperti e opinion leader del settore. Le attività collaterali sono confermate con il Campionato dei Bambini, l’esposizione delle DOP liguri nel Salone del Minor Consiglio, la settimana dei ristoratori che avranno l’occasione di proporre ricette con l’uso del pesto oltre al condimento della pasta (fenomeno che si sta diffondendo in tutto il mondo), l’incontro nella “sala della trasparenza” della Regione in piazza De Ferrari su IGP, sostenibilità e marketing  internazionale, e tutte le altre iniziative grandi e piccole (visita all’orto botanico, corsi di Pesto al mortaio “last minute”, una esposizione di pesti “diversi”, la mostra dei mortai antichi, il consuetudinario annullo postale, la visita guidata del Centro storico e delle botteghe artigiane). Ancora il “Pesto Party” organizzato da Genova Gourmet chiuderà in bellezza e bontà la finalissima del prossimo 23 marzo.\r\n\r\nE poi c’è il tour itinerante rappresentato da un grosso mortaio su una chiatta galleggiante per promuovere il pesto nelle principali città d’Europa, a partire dalla prima tappa di Londra, ha attraversato il Tamigi nel novembre scorso.\r\n\r\nLa presenza di Roberto Panizza e del Campionato Mondiale a Londra e la diffusione capillare del pesto genovese confermano la costante dedizione della Liguria nel promuovere il territorio e la ricchezza culturale della regione e incentivare il turismo. L’entusiasmo e l’accoglienza dimostrate sottolineano ulteriormente l’importanza della collaborazione internazionale nell’incoraggiare e promuovere l’identità culturale e gastronomica delle regioni italiane, sottolineando la Liguria come una destinazione di spicco per gli appassionati di cibo e cultura in ogni angolo del mondo.\r\n\r\nIl Campionato del Pesto è un marchio della Camera di Commercio di Genova per la promozione del territorio, ed è organizzato dall'Associazione Culturale Palatifini, ed è promossa dalla Regione Liguria e dal Comune di Genova.","post_title":"Genova, X° Campionato Mondiale del Pesto tra gare, eventi e mostre","post_date":"2024-02-26T12:39:16+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708951156000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462160","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Spagna e Booking. Booking verrà multato dalla Commissione nazionale per i mercati e la concorrenza spagnola con 486 milioni di euro. La multa è la più alta nella storia di tale organizzazione. Ed è già stata provvisoriamente comunicata al gruppo, come rivelato dalla stessa società nel suo rapporto annuale.\r\n\r\nTutto fa pensare che la sanzione, che sarà contestata dall'ota, diventerà ufficiale il prossimo luglio. Booking ha scelto di accantonare l'importo di cui sopra nei propri conti nonostante tenterà di annullare la multa in tribunale.\r\n\r\nNel rapporto Booking sottolinea che la sanzione comporta anche una serie di restrizioni su alcune pratiche commerciali esercitate dalla piattaforma. Il gruppo si limita a dire che “non è d’accordo con la giustificazione esposta nella bozza e continua a collaborare con la Cnmc prima che la decisione venga finalizzata”.\r\nFascicolo\r\nLa Commissione ha aperto il fascicolo sanzionatorio contro Booking nell'ottobre 2022. Ha compiuto questo passo dopo aver individuato possibili \"pratiche restrittive della concorrenza\" che violano la legge 15/2007 e l'articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell'Ue.\r\n\r\nPiù nello specifico, Cnmc ha indagato azioni che potrebbero comportare un abuso di posizione dominante da parte di Booking, quali l'imposizione di condizioni ingiuste ad alberghi situati in Spagna e l'attuazione di politiche commerciali con possibili effetti escludenti su altri canali di vendita on-line.\r\n\r\nAltro punto chiave sono le pratiche che sfrutterebbero la situazione di dipendenza economica che gli hotel situati in Spagna avrebbero rispetto a Booking. Per la Cnmc “questo fatto costituirebbe un atto di concorrenza sleale che potrebbe distorcere la libera concorrenza, ledendo l’interesse pubblico”.","post_title":"La Spagna fa sul serio: multa di 486 milioni di euro a Booking","post_date":"2024-02-23T10:41:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708684862000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461875","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni.\r\n\r\nDiversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio.\r\n\r\nPer la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.\r\n\r\n ","post_title":"Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024","post_date":"2024-02-20T10:08:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708423725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2023 di Malta ha regalato alla destinazione ben 3 milioni di turisti internazionali, il numero più elevato mai raggiunto prima, che rappresenta un aumento di oltre l’8% rispetto al precedente record stabilito nel 2019 (2,8 milioni di turisti).\r\nMentre i numeri relativi al turismo mondiale sono ancora lontani dai livelli pre-pandemia, con l’88% dei dati relativi al 2019, Malta ottiene risultati storici. Da sottolineare inoltre come i turisti internazionali abbiano speso un totale di 2,7 miliardi di euro a Malta nel 2023, con una media di 132 euro al giorno per turista, segnando un aumento di un quinto rispetto al 2019.\r\nDa record anche i risultati relativi al mercato italiano, che nel 2023 è stato il principale per numero di arrivi, con un market share del 18,4%, seguito da quello del Regno Unito. I turisti italiani totali arrivati a Malta lo scorso anno sono stati 547.991, esattamente 37,6% in più del 2022 e 14,3% in più rispetto al 2019.\r\nCon una media pro-capite di 5,7 notti, il totale delle notti relativo al mercato italiano è di 3.127.294 (+26% sul 2022), mentre la spesa totale è di 335.586€ (+35% rispetto l’anno precedente) e quella pro-capite è di 612€. Ciascuno di questi traguardi, è stato il migliore mai raggiunto dal mercato italiano.\r\n«Il 2023 è stato un anno straordinario in cui abbiamo letteralmente fatto insieme la storia con i migliori numeri di sempre - commenta Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Molti investimenti si sono concentrati sull’ampliamento delle fasce di età del turista tradizionale così come sull’aumento delle possibili motivazioni che portano a scegliere Malta per una vacanza. Nonostante i numerosi e repentini cambiamenti del mercato, il nostro team ha sempre risposto in maniera immediata alle nuove esigenze del consumatore, utilizzando strumenti che potessero raccontare l’offerta di prodotti sempre attuali ed in linea alle tendenze di viaggio.”\r\n«Malta si è impegnata affinché il turismo tornasse ad essere uno dei pilastri fondamentali della propria economia. Allo stesso tempo, per il rispetto e le necessità del territorio, si è lavorato al frazionamento dei flussi turistici lungo tutto l’arco dell’anno e ampliando le aree geografiche in cui indirizzare il turista, mettendo quindi in luce nuove zone dell’arcipelago, con una precisa strategia che mira a rendere tutto il comparto turistico più sostenibile. Attualmente il mix di prodotti che presenta la destinazione è il risultato di un proficuo lavoro di posizionamento che ci accompagnerà in un 2024 che punta ad un turismo di maggiore qualità. Al momento c’è molta attenzione al segmento luxury, inteso anche come possibilità di vivere un’esperienza unica, in un luogo autentico come è Malta.”\r\n ","post_title":"Malta: gli arrivi internazionali superano per la prima volta i 3 milioni. Italiani in pole position","post_date":"2024-02-20T09:32:00+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708421520000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461810","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461814\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption]\r\nVolotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom).\r\n«Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda».\r\n«Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea\".\r\nCon una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento.","post_title":"Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia","post_date":"2024-02-19T12:23:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708345423000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Simone Farci il nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace di via Veneto. Con una laurea in economia, la certificazione Cha ottenuta dall'American hotel lodging educational institute, nonché un master in hospitality management e un gmp presso la Cornell university school of hotel administration, Farci vanta oltre otto anni di esperienza nello stesso gruppo Ihg, per cui ha guidato diverse proprietà di fascia alta, business hotel e resort in tutto il mondo. Nel 2023 ha in particolare curato ai Caraibi il processo di rebranding del resort di lusso Kempinski Dominica Cabrits in InterContinental Dominica Cabrits.\r\n\r\n“Sono entusiasta di assumere la guida dell'InterContinental Rome Ambasciatori Palace - commenta Farci -. Il mio impegno sarà quello di mantenere gli elevati standard di eccellenza per cui questo hotel è rinomato e di guidare il team verso sempre nuovi e ambiziosi traguardi. Tutti i nostri sforzi saranno finalizzati a consolidare l’immagine dell'albergo come una struttura alberghiera d’élite nel panorama dell’hôtellerie romana”.","post_title":"Simone Farci nuovo general manager dell’InterContinental Rome Ambasciatori Palace","post_date":"2024-02-19T11:20:11+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708341611000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti