24 February 2024

Siglato un nuovo accordo fra Travelport e Virgin Atlantic

[ 0 ]

Virgin Atlantic e Travelport hanno annunciato un nuovo accordo. L’accordo prevede la distribuzione di tutti i contenuti di Virgin Atlantic, compresa la futura distribuzione di NDC, soggetta ad implementazione, attraverso la piattaforma Travelport+.  

Questo rinnovato accordo rafforza la relazione in corso tra Travelport e Virgin Atlantic nell’ambito del retail dei viaggi, assicurando alle agenzie collegate a Travelport l’accesso continuo ai contenuti più solidi e arricchiti di Virgin nella piattaforma Travelport+. Inoltre, Virgin Atlantic sta utilizzando la soluzione completa di branding di Travelport per migliorare il modo in cui i prodotti e gli accessori vengono visualizzati sugli schermi degli agenti con una grafica ricca e descrizioni dettagliate, in modo che gli agenti possano acquistare, confrontare e personalizzare le opzioni per i viaggiatori in maniera fluida. 

“Il nostro accordo rinnovato con Travelport, insieme alla futura fornitura dei contenuti NDC di Virgin Atlantic, illustra il nostro impegno a creare valore e a offrire moderne esperienze di vendita al dettaglio alla comunità delle agenzie e ai nostri viaggiatori”, ha dichiarato Juha Jarvinen, Chief Commercial Officer di Virgin Atlantic. “Travelport+ offre capacità di vendita al dettaglio e di merchandising che garantiscono ai rivenditori di viaggi di offrire ai nostri clienti più scelte e le migliori opzioni di Virgin Atlantic”. 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462042 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Canarie tornano protagoniste della programmazione Msc. Per il prossimo inverno, dal 3 novembre 2024 al 16 marzo 2025, la compagnia posizionerà infatti la Opera nell'arcipelago atlantico: la nave salperà dal porto di Santa Cruz de Tenerife, per poi dirigersi verso Las Palmas a Gran Canaria, Puerto del Rosario a Fuerteventura, Funchal a Madeira, Santa Cruz de la Palma a Las Palmas e infine Arrecife a Lanzarote, prima di fare ritorno a Tenerife. Le prenotazioni sono già aperte. Gli ospiti potranno partire dall’Italia con voli diretti da Roma o Milano per Santa Cruz de Tenerife con partenza la domenica. “Sono sempre più numerose quelle persone che, pur di evitare di trovarsi in luoghi eccessivamente affollati, preferiscono anticipare o posticipare la loro vacanza in primavera, autunno, o anche in inverno - spiega il vice president Southern Europe divisione crociere gruppo Msc, Leonardo Massa -. Viaggiare in nave in inverno nei mesi meno caldi è sempre più cool. Si aggiunge poi la nuova ritrovata tendenza dell’advanced booking: un trend ben evidente nel settore crocieristico, dove le prenotazioni per l’inverno del 2024 si presentano già con dei numeri molto soddisfacenti".   [post_title] => Msc torna nelle Canarie il prossimo inverno con la Opera [post_date] => 2024-02-22T09:59:35+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708595975000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461882 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018. Con 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato. L'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali. Lo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori. Va sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi. Tokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).   [post_title] => L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023 [post_date] => 2024-02-20T10:54:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426448000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461775 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’anno scorso abbiamo avuto 260.000 pernottamenti e quest’anno puntiamo a raggiungerne 350.000» così Clive McCoy, direttore del turismo de The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission, traccia gli obiettivi 2024 dell'arcipelago caraibico la cui filosofia è racchiusa nel claim “When life gets too loud, turn down the noise and turn up what matters”. «Il maggior numero di ospiti - prosegue McCoy - arriva dal mercato americano, gli italiani sono circa il 2% e speriamo aumentino. Crediamo che le BVI siano un’ottima opzione di viaggio per il turista europeo che ama i Caraibi. Molti italiani e francesi raggiungono l'arcipelago e si fermano per 10 giorni sostando negli eleganti hotel o navigando tra le isole». Numerose le connessioni. «Si raggiungono le BVI volando da Parigi a Saint Maarten e da lì proseguendo per Tortola su un piccolo velivolo. Oppure dal Regno Unito: si atterra ad Antigua, da dove si vola verso le Isole Vergini. Dallo scorso giugno American Airlines garantisce 2 voli al giorno da Miami durante la settimana e uno in più al sabato fino al prossimo 3 aprile. Tortola è l’isola principale dell'arcipelago, perfetta per iniziare un “island hopping” tra isole a solo 30’ di navigazione l’una dall’altra. La prima a est è Virgin Gorda, che proprio Colombo descrisse come una “vergine grassa sdraiata”. È famosa per “The Baths National Park”, una zona costiera dove formazioni granitiche danno origine a vasche e grotte. A nord c’è Anegada, che non è di origine vulcanica ed è circondata da quasi 50 km di spiaggia. È famosa per le sue aragoste, tra le migliori dei Caraibi, celebrate ogni anno a fine novembre nel Lobster Festival. Andando a ovest si trova la party-island Jost Van Dyke: dopo Time Square e Trafalgar Square è il posto più famoso al mondo per celebrare l’arrivo del Nuovo Anno insieme con star mondiali». Tante le novità del ricettivo delle Isole Vergini, come il rinnovo completo della proprietà del Peter Island Resort, che era stata danneggiata dall’uragano Maria nel 2017; le prenotazioni saranno aperte dal prossimo 3 ottobre. In continua crescita anche l’offerta del Long Bay Beach Resort, con ville e camere che guardano il mare e una proposta sportiva sempre più ricca. Verranno infine completati in questi mesi i lavori del luxury Scrub Island Resort, Spa&Marina: dallo scorso agosto la struttura è tornata indipendente dopo 11 anni di affiliazione al gruppo Marriott. Novità anche per gli amanti della navigazione con lo sviluppo di The Moorings: il più grande approdo privato dedicato alle vacanze su yacht, che dispone di una flotta di 254 yacht e catamarani. Si potrà affittare uno yacht con personale di bordo e chef e navigare tra le isole o seguire il ricco programma di regate e trofei che si apre a gennaio con il Latitude 18 Halyard Challenge e si conclude a dicembre con l’O’Neal & Mundy Commodore’s Race. E tanti sono i momenti di festa che si succedono nel corso dell’anno, celebrando la natura, la danza, il ritmo, la cucina e quell’armonia che avvolge ogni cosa alle British Virgin Islands. [gallery ids="461780,461779,461777"] [post_title] => British Virgin Islands, McCoy: «Mercato italiano nel mirino» [post_date] => 2024-02-19T10:52:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708339950000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461649 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EDreams Odigeo e Travelport hanno ampliato la loro partnership strategica segnando una tappa significativa nell'evoluzione e nell'adozione globale della tecnologia New Distribution Capability. Entrambe le parti sono infatti impegnate nello sviluppare congiuntamente la piattaforma Ndc più avanzata sul mercato, incorporando funzionalità retail uniche, una suite completa di servizi accessori e funzioni di post-prenotazione di alto livello. Le principali compagnie aeree sono già attivamente coinvolte nella distribuzione Ndc. Quest'ultima consente alle compagnie aeree di essere presenti sul mercato dei viaggi proponendo offerte più competitive e flessibili, a vantaggio di tutti i consumatori. Come parte dell'accordo ampliato, Travelport continuerà a supportare la piattaforma di vendita al dettaglio di viaggi leader di eDreams Odigeo, consentendo l'accesso a una vasta gamma di contenuti, tariffe e offerte che miglioreranno l'esperienza dei 20 milioni di clienti che prenotano attraverso i marchi di agenzie di viaggio leader di eDreams Odigeo: eDreams, Opodo, GO Voyages, Travellink. "La nostra collaborazione è stata fondamentale per migliorare l'esperienza di vendita al dettaglio di viaggi per i 20 milioni di clienti che scelgono i nostri principali marchi di agenzie di viaggio - afferma Javier Bellido, Air Content Strategies director di eDreams Odigeo -. Ci avventuriamo in questa nuova fase con funzionalità ampliate, inclusi i contenuti Ndc e siamo entusiasti delle opportunità con Travelport". "L'ampliamento della nostra partnership è una testimonianza dell’efficacia del nostro piano Ndc e della nostra tecnologia all'avanguardia nel settore - aggiunge Jason Toothman, cco - Agency di Travelport, ha dichiarato: Siamo onorati di essere stati selezionati come uno dei partner principali da eDreams ODIGEO dopo un confronto approfondito con altri fornitori tecnologici globali. La fiducia di una delle principali agenzie di viaggi online al mondo è una prova del nostro impegno nel focalizzarci sull'innovazione mantenendo una vasta scelta." [post_title] => EDreams Odigeo amplia la partnership con Travelport sul fronte Ndc [post_date] => 2024-02-16T10:00:23+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708077623000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461457 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non è solo il romanzo di Stevenson a ispirare la rotta Star Flyer più piratesca dell’anno: partendo da St. Maarten, in sette notti di navigazione si esplorano, a bordo del veliero Star Flyer, le isole di Anguilla, Jost van Dyke, che prende il nome dal famoso corsaro olandese che qui aveva rifugio. Le curve dell’isola vulcanica di Tortola, affacciata sul Sir Francis Drake Channel, accompagnano l’attraversamento del canale dedicato al corsaro della regina Elisabetta I, che osò sfidare l’impero spagnolo nel sedicesimo secolo. Ed ecco Norman Island, l'isola del tesoro per eccellenza, quella che ha ispirato allo scrittore scozzese Stevenson forse il suo romanzo più famoso e amato. Prima del rientro a St. Martin, si passa dai "the baths" di Virgin Gorda, da St. Kitts e St. Barth (Isole del tesoro - imbarco e sbarco a St. Maarten - 24 febbraio, 9 e 23 marzo, sette notti) Prima della traversata oceanica e del rientro in Europa, ci sono ancora molte occasioni per sentire la forza dei venti d’Oltreoceano: da queste parti, i velieri Star Clippers utilizzano, infatti, le vele fino al 70% del tempo. A bordo non c'è trucco: l’unica magia è quella della natura, che si manifesta a ogni onda che increspa il mare su una tavola blu luccicante. Oltre all'itinerario verso le isole del tesoro la compagnia propone pure la natura selvaggia e indomita di Costa Rica e Panama a fare da sfondo alle rotte del quattro alberi Star Clipper. Il veliero, infatti, sarà a largo della costa pacifica centroamericana fino a marzo, tra le barriere coralline che lo rendono il paradiso dello snorkeling e le foreste di mangrovie appena oltre la spiaggia (Costa Rica e Panama - Puerto Caldera, Costa Rica – Balboa, Panama - 16 marzo, sette notti; Panama e Caraibi - Balboa, Panama – St. John’s, Antigua -, 23 marzo, 14 notti) [post_title] => Costa Rica, Panama e Caraibi protagonisti dell'inverno Star Clippers [post_date] => 2024-02-14T10:49:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707907797000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461353 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Arriverà a breve il nuovo gestionale b2b di King Holidays per la preventivazione e la prenotazione delle pratiche in tempo reale, così come la programmazione estiva 2024, basata su inedite strategie di prodotto. Entrambe le novità sono il frutto del supporto constante del socio di riferimento dell'operatore capitolino, quel Mapa Group Travel a sua volta facente capo al al colosso Wamos Group, che ha confermato gli investimenti su King Holidays e King Holidays Dmc, come presidio ed espansione della holding spagnola sul mercato italiano. Mapa Group Travel ha in particolare chiuso il 2023 con un volume di affari di circa 200 milioni di euro, su un livello dell'8%-9% superiore rispetto al 2019; Wamos fattura in media 1,2 miliardi di euro l’anno e integra verticalmente tutte le linee di business del settore: tour operator, agenzie di viaggio, vettori e dmc. Oltre Mapa Travel Group – con King Holidays e King Holidays Dmc, nonché con gli operatori iberici Mapa Tours a Mapa Mundi, fanno parte di Wamos noti player del mercato iberico, quali Pullmantur, Wamos Air, Top Atlantico, Nautalia Viajes, Geostar e Pegatur, per un totale di oltre 3 milioni di passeggeri movimentati ogni anno e 1.800 collaboratori in 10 Paesi. “Siamo parte della holding Wamos Group dal 2015 - sottolinea il direttore commerciale di King Holidays, Roberto Minardi -. Il gruppo sta lavorando anche sulla competitività, valorizzando le alleanze progettuali con corrispondenti, partner tecnologici e fornitori di prodotto. Per quanto concerne noi e il mercato italiano, questo ci permetterà di essere ancora più vicini agli agenti di viaggio, con nuovi strumenti di vendita e una proposta di prodotto straordinaria”. [post_title] => Nuovo gestionale b2b e cambio di strategia di prodotto. Il gruppo Wamos investe su King Holidays [post_date] => 2024-02-13T11:04:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822286000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461324 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo.  La compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica. «Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili». Le entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.   «Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività». Play ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che "un diverso profilo di aeromobile è più adatto" per la crescita futura. «Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.   [post_title] => Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento [post_date] => 2024-02-13T09:15:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707815751000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460820 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Se il Giappone è stata la meta del 2023 la Cina sarà quella del 2024. Almeno è questo l'auspicio di molti tour operatore, Idee per Viaggiare compreso, forte quest'ultimo della recente acquisizione di Chinasia. "L'interesse è davvero molto forte. L'abolizione del visto per motivi turistici è poi destinata a dare una spinta consistente alla domanda - spiega la marketing manager, Paola Schiavone -. Per quanto ci riguarda noi pensiamo di sfruttare sicuramente il prodotto core di Chinasia, aggiungendo però al contempo una serie di combinati insoliti, come per esempio le Maldive o la Thailandia, nel solco del nostro nuovo format IdeeMix". Un prodotto che il tour operator capitolino pensa di abbinare anche ai viaggi di nozze, da sempre segmento di punta di Idee per Viaggiare,  tanto da pesare attorno al 40% del giro d'affari complessivo. Il momento è peraltro positivo per tutte le linee di business: "E' dallo scorso fine settembre, inizi di ottobre che viaggiamo su numeri record. L'unico dubbio che ci resta a questo punto - aggiunge scaramanticamente Paolo Schiavone -, è che tutto l'advance booking accumulato fino a oggi possa in qualche modo essere controbilanciato da un bimestre febbraio - marzo un po' più sottotono. Almeno rispetto ai numeri eccezionali del 2023". Una nota a parte merita infine la business unit biglietteria aerea, che da poco più di un anno si è dotata di una nuova piattaforma by Travelport: "Nel 2023 siamo cresciuti di quasi il 50% rispetto ai 12 mesi precedenti - conclude la marketing manager -. E la tendenza si sta confermando pure in questo primo scorcio di 2024. Dopo aver raddoppiato l'anno scorso le risorse dedicate, si tratta di un'area su cui abbiamo tutte le intenzioni di investire ancora molto". [post_title] => Idee per Viaggiare: Cina e format IdeeMix al centro delle strategie 2024 [post_date] => 2024-02-06T08:38:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707208703000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460621 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Taglio del nastro per la nuova lounge di Tap Air Portugal all'aeroporto di Lisbona, dedicata ai passeggeri che viaggiano con voli al di fuori dell'area Schengen. Aperta tutti i giorni, dalle 5 del mattino alla mezzanotte, può ospitare circa cento persone in un'area di 380 mq.   La nuova lounge si trova subito dopo l'area di controllo passaporti dell'aeroporto Humberto Delgado. Progettata da Alma Design, la Tap Premium Lounge “Atlântico” offre ai passeggeri uno spazio per riunirsi, rilassarsi e prepararsi al resto del viaggio che celebra il patrimonio culturale portoghese e riflette la strategia di sostenibilità della compagnia aerea, anche attraverso la scelta di materiali locali, sostenibili e autentici.   «Il comfort dei clienti è una priorità per Tap, così come la varietà di soluzioni, di ambienti per il lavoro o per il relax e la diversità dell’offerta culinaria. La compagnia è costantemente focalizzata sul miglioramento della qualità del servizio ai passeggeri, era questo l’obiettivo della nuova lounge e ora che lo abbiamo raggiunto riteniamo che costituirà sicuramente una buona opzione per i nostri clienti con voli per il Sud e il Nord America, l'Africa o il Regno Unito» sottolinea Sofia Lufinha, chief customer officer del vettore lusitano.   Con materiali portoghesi in primo piano, come il sughero, il burel - un tessuto artigianale portoghese - e le ceramiche, che riprendono le facciate tipiche delle case portoghesi, i passeggeri troveranno ambienti per lavorare o rilassarsi, così come un’area ristorazione. La società Ambaar si occupa della gestione, mentre Cateringpor collabora alla realizzazione dell'area buffet, che offre pasti caldi e freddi ispirati alla cucina portoghese in ogni momento della giornata.   Il calore dell’ospitalità portoghese e degli abbracci che precedono ogni viaggio è rafforzato anche dalle esposizioni temporanee di artisti portoghesi curate da Underdogs, la piattaforma culturale di arte urbana con sede a Lisbona.  [post_title] => Tap Air Portugal: la premium lounge 'Atlantico' ha aperto i battenti all'aeroporto di Lisbona [post_date] => 2024-02-02T09:15:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706865302000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "travelport virgin atlantic" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":22,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":268,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462042","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Canarie tornano protagoniste della programmazione Msc. Per il prossimo inverno, dal 3 novembre 2024 al 16 marzo 2025, la compagnia posizionerà infatti la Opera nell'arcipelago atlantico: la nave salperà dal porto di Santa Cruz de Tenerife, per poi dirigersi verso Las Palmas a Gran Canaria, Puerto del Rosario a Fuerteventura, Funchal a Madeira, Santa Cruz de la Palma a Las Palmas e infine Arrecife a Lanzarote, prima di fare ritorno a Tenerife. Le prenotazioni sono già aperte. Gli ospiti potranno partire dall’Italia con voli diretti da Roma o Milano per Santa Cruz de Tenerife con partenza la domenica.\r\n\r\n“Sono sempre più numerose quelle persone che, pur di evitare di trovarsi in luoghi eccessivamente affollati, preferiscono anticipare o posticipare la loro vacanza in primavera, autunno, o anche in inverno - spiega il vice president Southern Europe divisione crociere gruppo Msc, Leonardo Massa -. Viaggiare in nave in inverno nei mesi meno caldi è sempre più cool. Si aggiunge poi la nuova ritrovata tendenza dell’advanced booking: un trend ben evidente nel settore crocieristico, dove le prenotazioni per l’inverno del 2024 si presentano già con dei numeri molto soddisfacenti\".\r\n\r\n ","post_title":"Msc torna nelle Canarie il prossimo inverno con la Opera","post_date":"2024-02-22T09:59:35+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708595975000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461882","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nNel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018.\r\n\r\nCon 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato.\r\n\r\nL'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali.\r\n\r\nLo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori.\r\n\r\nVa sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi.\r\n\r\nTokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).\r\n\r\n ","post_title":"L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023","post_date":"2024-02-20T10:54:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708426448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461775","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«L’anno scorso abbiamo avuto 260.000 pernottamenti e quest’anno puntiamo a raggiungerne 350.000» così Clive McCoy, direttore del turismo de The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission, traccia gli obiettivi 2024 dell'arcipelago caraibico la cui filosofia è racchiusa nel claim “When life gets too loud, turn down the noise and turn up what matters”.\r\n\r\n«Il maggior numero di ospiti - prosegue McCoy - arriva dal mercato americano, gli italiani sono circa il 2% e speriamo aumentino. Crediamo che le BVI siano un’ottima opzione di viaggio per il turista europeo che ama i Caraibi. Molti italiani e francesi raggiungono l'arcipelago e si fermano per 10 giorni sostando negli eleganti hotel o navigando tra le isole».\r\n\r\nNumerose le connessioni. «Si raggiungono le BVI volando da Parigi a Saint Maarten e da lì proseguendo per Tortola su un piccolo velivolo. Oppure dal Regno Unito: si atterra ad Antigua, da dove si vola verso le Isole Vergini. Dallo scorso giugno American Airlines garantisce 2 voli al giorno da Miami durante la settimana e uno in più al sabato fino al prossimo 3 aprile. Tortola è l’isola principale dell'arcipelago, perfetta per iniziare un “island hopping” tra isole a solo 30’ di navigazione l’una dall’altra. La prima a est è Virgin Gorda, che proprio Colombo descrisse come una “vergine grassa sdraiata”. È famosa per “The Baths National Park”, una zona costiera dove formazioni granitiche danno origine a vasche e grotte. A nord c’è Anegada, che non è di origine vulcanica ed è circondata da quasi 50 km di spiaggia. È famosa per le sue aragoste, tra le migliori dei Caraibi, celebrate ogni anno a fine novembre nel Lobster Festival. Andando a ovest si trova la party-island Jost Van Dyke: dopo Time Square e Trafalgar Square è il posto più famoso al mondo per celebrare l’arrivo del Nuovo Anno insieme con star mondiali».\r\n\r\nTante le novità del ricettivo delle Isole Vergini, come il rinnovo completo della proprietà del Peter Island Resort, che era stata danneggiata dall’uragano Maria nel 2017; le prenotazioni saranno aperte dal prossimo 3 ottobre. In continua crescita anche l’offerta del Long Bay Beach Resort, con ville e camere che guardano il mare e una proposta sportiva sempre più ricca. Verranno infine completati in questi mesi i lavori del luxury Scrub Island Resort, Spa&Marina: dallo scorso agosto la struttura è tornata indipendente dopo 11 anni di affiliazione al gruppo Marriott.\r\n\r\nNovità anche per gli amanti della navigazione con lo sviluppo di The Moorings: il più grande approdo privato dedicato alle vacanze su yacht, che dispone di una flotta di 254 yacht e catamarani. Si potrà affittare uno yacht con personale di bordo e chef e navigare tra le isole o seguire il ricco programma di regate e trofei che si apre a gennaio con il Latitude 18 Halyard Challenge e si conclude a dicembre con l’O’Neal & Mundy Commodore’s Race. E tanti sono i momenti di festa che si succedono nel corso dell’anno, celebrando la natura, la danza, il ritmo, la cucina e quell’armonia che avvolge ogni cosa alle British Virgin Islands.\r\n\r\n[gallery ids=\"461780,461779,461777\"]","post_title":"British Virgin Islands, McCoy: «Mercato italiano nel mirino»","post_date":"2024-02-19T10:52:30+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708339950000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461649","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EDreams Odigeo e Travelport hanno ampliato la loro partnership strategica segnando una tappa significativa nell'evoluzione e nell'adozione globale della tecnologia New Distribution Capability.\r\nEntrambe le parti sono infatti impegnate nello sviluppare congiuntamente la piattaforma Ndc più avanzata sul mercato, incorporando funzionalità retail uniche, una suite completa di servizi accessori e funzioni di post-prenotazione di alto livello. Le principali compagnie aeree sono già attivamente coinvolte nella distribuzione Ndc. Quest'ultima consente alle compagnie aeree di essere presenti sul mercato dei viaggi proponendo offerte più competitive e flessibili, a vantaggio di tutti i consumatori.\r\nCome parte dell'accordo ampliato, Travelport continuerà a supportare la piattaforma di vendita al dettaglio di viaggi leader di eDreams Odigeo, consentendo l'accesso a una vasta gamma di contenuti, tariffe e offerte che miglioreranno l'esperienza dei 20 milioni di clienti che prenotano attraverso i marchi di agenzie di viaggio leader di eDreams Odigeo: eDreams, Opodo, GO Voyages, Travellink.\r\n\"La nostra collaborazione è stata fondamentale per migliorare l'esperienza di vendita al dettaglio di viaggi per i 20 milioni di clienti che scelgono i nostri principali marchi di agenzie di viaggio - afferma Javier Bellido, Air Content Strategies director di eDreams Odigeo -. Ci avventuriamo in questa nuova fase con funzionalità ampliate, inclusi i contenuti Ndc e siamo entusiasti delle opportunità con Travelport\".\r\n\"L'ampliamento della nostra partnership è una testimonianza dell’efficacia del nostro piano Ndc e della nostra tecnologia all'avanguardia nel settore - aggiunge Jason Toothman, cco - Agency di Travelport, ha dichiarato: Siamo onorati di essere stati selezionati come uno dei partner principali da eDreams ODIGEO dopo un confronto approfondito con altri fornitori tecnologici globali. La fiducia di una delle principali agenzie di viaggi online al mondo è una prova del nostro impegno nel focalizzarci sull'innovazione mantenendo una vasta scelta.\"","post_title":"EDreams Odigeo amplia la partnership con Travelport sul fronte Ndc","post_date":"2024-02-16T10:00:23+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1708077623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461457","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non è solo il romanzo di Stevenson a ispirare la rotta Star Flyer più piratesca dell’anno: partendo da St. Maarten, in sette notti di navigazione si esplorano, a bordo del veliero Star Flyer, le isole di Anguilla, Jost van Dyke, che prende il nome dal famoso corsaro olandese che qui aveva rifugio. Le curve dell’isola vulcanica di Tortola, affacciata sul Sir Francis Drake Channel, accompagnano l’attraversamento del canale dedicato al corsaro della regina Elisabetta I, che osò sfidare l’impero spagnolo nel sedicesimo secolo. Ed ecco Norman Island, l'isola del tesoro per eccellenza, quella che ha ispirato allo scrittore scozzese Stevenson forse il suo romanzo più famoso e amato. Prima del rientro a St. Martin, si passa dai \"the baths\" di Virgin Gorda, da St. Kitts e St. Barth (Isole del tesoro - imbarco e sbarco a St. Maarten - 24 febbraio, 9 e 23 marzo, sette notti)\r\n\r\nPrima della traversata oceanica e del rientro in Europa, ci sono ancora molte occasioni per sentire la forza dei venti d’Oltreoceano: da queste parti, i velieri Star Clippers utilizzano, infatti, le vele fino al 70% del tempo. A bordo non c'è trucco: l’unica magia è quella della natura, che si manifesta a ogni onda che increspa il mare su una tavola blu luccicante.\r\n\r\nOltre all'itinerario verso le isole del tesoro la compagnia propone pure la natura selvaggia e indomita di Costa Rica e Panama a fare da sfondo alle rotte del quattro alberi Star Clipper. Il veliero, infatti, sarà a largo della costa pacifica centroamericana fino a marzo, tra le barriere coralline che lo rendono il paradiso dello snorkeling e le foreste di mangrovie appena oltre la spiaggia (Costa Rica e Panama - Puerto Caldera, Costa Rica – Balboa, Panama - 16 marzo, sette notti; Panama e Caraibi - Balboa, Panama – St. John’s, Antigua -, 23 marzo, 14 notti)","post_title":"Costa Rica, Panama e Caraibi protagonisti dell'inverno Star Clippers","post_date":"2024-02-14T10:49:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707907797000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461353","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Arriverà a breve il nuovo gestionale b2b di King Holidays per la preventivazione e la prenotazione delle pratiche in tempo reale, così come la programmazione estiva 2024, basata su inedite strategie di prodotto. Entrambe le novità sono il frutto del supporto constante del socio di riferimento dell'operatore capitolino, quel Mapa Group Travel a sua volta facente capo al al colosso Wamos Group, che ha confermato gli investimenti su King Holidays e King Holidays Dmc, come presidio ed espansione della holding spagnola sul mercato italiano.\r\n\r\nMapa Group Travel ha in particolare chiuso il 2023 con un volume di affari di circa 200 milioni di euro, su un livello dell'8%-9% superiore rispetto al 2019; Wamos fattura in media 1,2 miliardi di euro l’anno e integra verticalmente tutte le linee di business del settore: tour operator, agenzie di viaggio, vettori e dmc. Oltre Mapa Travel Group – con King Holidays e King Holidays Dmc, nonché con gli operatori iberici Mapa Tours a Mapa Mundi, fanno parte di Wamos noti player del mercato iberico, quali Pullmantur, Wamos Air, Top Atlantico, Nautalia Viajes, Geostar e Pegatur, per un totale di oltre 3 milioni di passeggeri movimentati ogni anno e 1.800 collaboratori in 10 Paesi.\r\n\r\n“Siamo parte della holding Wamos Group dal 2015 - sottolinea il direttore commerciale di King Holidays, Roberto Minardi -. Il gruppo sta lavorando anche sulla competitività, valorizzando le alleanze progettuali con corrispondenti, partner tecnologici e fornitori di prodotto. Per quanto concerne noi e il mercato italiano, questo ci permetterà di essere ancora più vicini agli agenti di viaggio, con nuovi strumenti di vendita e una proposta di prodotto straordinaria”.","post_title":"Nuovo gestionale b2b e cambio di strategia di prodotto. Il gruppo Wamos investe su King Holidays","post_date":"2024-02-13T11:04:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707822286000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461324","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Un anno di immensa crescita e progressi»: il ceo Birgir Jonsson definisce così il 2023 di Play, che ha visto i ricavi della compagnia raddoppiare, i costi unitari diminuire e l'Ebit migliorare in modo significativo. \r\n\r\nLa compagnia punta a rafforzare il proprio patrimonio netto attraverso il passaggio al mercato azionario principale dell'Islanda, nel tentativo di creare una riserva finanziaria e alimentare la crescita futura dopo una fine del 2023 difficile, quando la domanda di viaggi in Islanda è diminuita a causa delle preoccupazioni legate all'aumento dell'attività sismica.\r\n\r\n«Il 2023 è stato per molti versi un anno molto positivo per Play - prosegue il ceo - e ha dimostrato ancora una volta la resilienza e la flessibilità del nostro modello di business e del nostro team. Abbiamo ottenuto solidi risultati finanziari, raggiungendo il primo utile netto di sempre, nonostante fossimo nel mezzo di una curva di crescita molto ripida, dopo aver aggiunto centinaia di dipendenti, 13 nuove destinazioni e quattro nuovi aeromobili».\r\n\r\nLe entrate per l'intero anno 2023 sono raddoppiate passando da 140 milioni di dollari nel 2022 a 282 milioni di dollari nel 2023. I passeggeri trasportati sono stati 1,5 milioni nell'intero anno, di cui 376.000 nel solo quarto trimestre, con un load factor dell'83,4%.\r\n\r\n \r\n\r\n«Non è un segreto che questa performance sia inferiore alle nostre aspettative. Ma il trend per i prossimi mesi è positivo. Nel quarto trimestre sono entrati in gioco fattori esterni molto impegnativi: il periodo è stato influenzato negativamente dall'attività sismica - o dovrei dire da una copertura giornalistica molto imprecisa dell'attività sismica in Islanda a novembre e dicembre. Ciò ha condizionato la nostra attività».\r\n\r\nPlay ha chiuso l'anno con una flotta di 10 aeromobili della famiglia Airbus A320neo, e stava potenzialmente cercando di ampliarla fino a 14 aeromobili entro il 2025. Tuttavia, ha cancellato le lettere d'intenti per altri due A320neo che sarebbero dovuti entrare in servizio nel 2025, affermando che \"un diverso profilo di aeromobile è più adatto\" per la crescita futura.\r\n\r\n«Quest'anno opereremo con 10 aeromobili e, come già anticipato, sarà l'anno in cui ottimizzeremo l'attività e la stabilizzeremo dopo l'enorme crescita che abbiamo avuto e ci prepareremo per la prossima fase di sviluppo. Aggiungeremo capacità nel 2025\". Nel lungo termine la flotta arriverà a contare 18-20 aeromobili entro il 2029, generando ricavi per 750 milioni di dollari e un margine Ebit di almeno il 10%.\r\n\r\n ","post_title":"Play: dopo un 2023 di ricavi raddoppiati, il 2024 sarà un anno di consolidamento","post_date":"2024-02-13T09:15:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707815751000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460820","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Se il Giappone è stata la meta del 2023 la Cina sarà quella del 2024. Almeno è questo l'auspicio di molti tour operatore, Idee per Viaggiare compreso, forte quest'ultimo della recente acquisizione di Chinasia. \"L'interesse è davvero molto forte. L'abolizione del visto per motivi turistici è poi destinata a dare una spinta consistente alla domanda - spiega la marketing manager, Paola Schiavone -. Per quanto ci riguarda noi pensiamo di sfruttare sicuramente il prodotto core di Chinasia, aggiungendo però al contempo una serie di combinati insoliti, come per esempio le Maldive o la Thailandia, nel solco del nostro nuovo format IdeeMix\".\r\n\r\nUn prodotto che il tour operator capitolino pensa di abbinare anche ai viaggi di nozze, da sempre segmento di punta di Idee per Viaggiare,  tanto da pesare attorno al 40% del giro d'affari complessivo. Il momento è peraltro positivo per tutte le linee di business: \"E' dallo scorso fine settembre, inizi di ottobre che viaggiamo su numeri record. L'unico dubbio che ci resta a questo punto - aggiunge scaramanticamente Paolo Schiavone -, è che tutto l'advance booking accumulato fino a oggi possa in qualche modo essere controbilanciato da un bimestre febbraio - marzo un po' più sottotono. Almeno rispetto ai numeri eccezionali del 2023\".\r\n\r\nUna nota a parte merita infine la business unit biglietteria aerea, che da poco più di un anno si è dotata di una nuova piattaforma by Travelport: \"Nel 2023 siamo cresciuti di quasi il 50% rispetto ai 12 mesi precedenti - conclude la marketing manager -. E la tendenza si sta confermando pure in questo primo scorcio di 2024. Dopo aver raddoppiato l'anno scorso le risorse dedicate, si tratta di un'area su cui abbiamo tutte le intenzioni di investire ancora molto\".","post_title":"Idee per Viaggiare: Cina e format IdeeMix al centro delle strategie 2024","post_date":"2024-02-06T08:38:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1707208703000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460621","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Taglio del nastro per la nuova lounge di Tap Air Portugal all'aeroporto di Lisbona, dedicata ai passeggeri che viaggiano con voli al di fuori dell'area Schengen. Aperta tutti i giorni, dalle 5 del mattino alla mezzanotte, può ospitare circa cento persone in un'area di 380 mq.\r\n \r\n\r\nLa nuova lounge si trova subito dopo l'area di controllo passaporti dell'aeroporto Humberto Delgado. Progettata da Alma Design, la Tap Premium Lounge “Atlântico” offre ai passeggeri uno spazio per riunirsi, rilassarsi e prepararsi al resto del viaggio che celebra il patrimonio culturale portoghese e riflette la strategia di sostenibilità della compagnia aerea, anche attraverso la scelta di materiali locali, sostenibili e autentici.\r\n \r\n«Il comfort dei clienti è una priorità per Tap, così come la varietà di soluzioni, di ambienti per il lavoro o per il relax e la diversità dell’offerta culinaria. La compagnia è costantemente focalizzata sul miglioramento della qualità del servizio ai passeggeri, era questo l’obiettivo della nuova lounge e ora che lo abbiamo raggiunto riteniamo che costituirà sicuramente una buona opzione per i nostri clienti con voli per il Sud e il Nord America, l'Africa o il Regno Unito» sottolinea Sofia Lufinha, chief customer officer del vettore lusitano.\r\n \r\n\r\n\r\n\r\nCon materiali portoghesi in primo piano, come il sughero, il burel - un tessuto artigianale portoghese - e le ceramiche, che riprendono le facciate tipiche delle case portoghesi, i passeggeri troveranno ambienti per lavorare o rilassarsi, così come un’area ristorazione. La società Ambaar si occupa della gestione, mentre Cateringpor collabora alla realizzazione dell'area buffet, che offre pasti caldi e freddi ispirati alla cucina portoghese in ogni momento della giornata.\r\n \r\nIl calore dell’ospitalità portoghese e degli abbracci che precedono ogni viaggio è rafforzato anche dalle esposizioni temporanee di artisti portoghesi curate da Underdogs, la piattaforma culturale di arte urbana con sede a Lisbona. \r\n\r\n","post_title":"Tap Air Portugal: la premium lounge 'Atlantico' ha aperto i battenti all'aeroporto di Lisbona","post_date":"2024-02-02T09:15:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706865302000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti