26 November 2022

Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo

[ 0 ]
Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale.
Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.
Il Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.
La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.
Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.
Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.
Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434858 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.   [gallery ids="434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875"] La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. Per visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino. www.themuseumoftourism.org https://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/ https://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/ [post_title] => Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group [post_date] => 2022-11-25T17:31:03+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669397463000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434775 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => DEDE.CO (Destination Design Conference) torna in Liguria . Nasce sette anni fa come Travel marketing days, con la prima edizione svolta a Finale Ligure, e quest’anno ritorna il 13 e 14 dicembre in presenza all’Auditorium di Santa Caterina di Finalborgo e in live streaming. L’edizione 2022 di DEDE.CO intende concentrarsi e interrogarsi sul ruolo che il turismo - e, in particolare, il destination design - può assumere nelle dinamiche di sviluppo e gestione dei territori più piccoli e marginali. La destinazione sarà al centro degli interventi dei relatori in calendario. Il turismo è leva di sviluppo territoriale, il cambio di passo è ragionare di identità non solo in termini di brand, ma di comunità. Invertire il paradigma in quanto non è la domanda che fa l’offerta, ma il territorio che fa la destinazione (e attrae turisti consapevoli). La destinazione è l’espressione della comunità e delle risorse di un luogo: in un’ottica di sostenibilità, non solo ambientale, sono la comunità e le risorse di un territorio a determinare l’offerta turistica della destinazione. Molti gli obiettivi di Dedeco: avviare un confronto tra i vari decision makers, indagare le tendenze attuali e gli scenari futuri del mercato turistico italiano e internazionale, delineare una visione comune del territorio e delle località prese in esame, elaborare nuove proposte di valore e di prodotto turistico, da presentare a un mercato sempre più esigente e segmentato. [post_title] => Finale Ligure ospita dal 13 al 14 dicembre la Destination Design Conference, focus su turismo e sviluppo dei piccoli territori [post_date] => 2022-11-25T09:54:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370045000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: "E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta". In effetti il percorso non è stato affatto facile: "Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato". Tante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. "Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio". Ciò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. "A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...". [post_title] => Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato [post_date] => 2022-11-25T09:30:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669368623000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434622 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Se c’è da organizzare una vacanza, la parola d’ordine, negli ultimi tempi, specie tra i giovani, è “sostenibilità”. Tematica importante, protagonista indiscussa del progetto Eu Eco-Tandem Programme, cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il programma Cosme, che punta proprio a promuovere lo sviluppo sostenibile nel settore turistico, attraverso un mix di attività di supporto tecnico e finanziario attraverso il volano dell’innovazione, facilitando la nascita di sinergie tra Pmi, startup e innovatori del settore. Stando ai dati emersi durante il Global Travel Summit 2022 di Allianz Partners sul tema “Wonderland” (ricerca condotta in collaborazione con Foresight Factory), in tutto il mondo, le vacanze green sarebbero le più gettonate tra i “millennials” (6 famiglie su 10 – nella fascia 25-40 anni). Trend, che trova riscontro anche in Italia, dove, coppie senza figli, d’età compresa tra i 26 e i 40 anni, ovvero il 52%, hanno dichiarato che per i propri viaggi presteranno maggiore attenzione all’impatto ambientale, rispetto al periodo pre-pandemia. Interesse, che riguarda anche gli spostamenti, preferendo viaggi in treno, camper e roulotte. Risultati interessanti, che ben si sposano con le molteplici attività messe in atto dal progetto Eu Eco-Tandem Programme, avviato nel 2020, e che attualmente vede coinvolte 56 “Tndem”, formati da Pmi e startup o PMI innovative, impegnate a lavorare insieme su cinque sfide del settore Turismo: dal risparmio energetico alla conservazione dell’acqua, dalla gestione dei rifiuti alle misure di gestione della mobilità e alla ripresa e rilancio del settore post COVID 19. Ai migliori Piani di Azione presentati dai Tandem, il progetto erogherà un voucher del valore fino a 13.000 euro, che servirà a trasformare concretamente i progetti più interessanti, che verranno annunciati e celebrati durante il prossimo grande “Awarding Ceremony”, in Italia ad inizio 2023. [post_title] => I millennials preferiscono le vacanze green [post_date] => 2022-11-24T11:35:10+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669289710000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434615 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri.  Oltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.   «Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione».  E proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini».   «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.   Sulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”.  E Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare».    [post_title] => Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini [post_date] => 2022-11-24T10:19:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669285158000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434671 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale. Lab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine. Il Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi. La nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost. Il risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi. Tra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi. Paolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”. [post_title] => Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo [post_date] => 2022-11-24T10:05:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669284321000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434707 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Confermare l’importanza strategica della distribuzione, aumentare le opportunità commerciali per il canale trade, candidarsi come il principale e più innovativo fornitore di servizi per rendere ancora più solida e di valore l’attività della rete distributiva. Sono gli obiettivi ai quali punta C-Value, il nuovo contratto commerciale 2023 che Costa Crociere sta presentando in questi giorni in anteprima a oltre 1500 agenzie divViaggio di tutta Italia in occasione del road show itinerante “Insieme per creare valore”. Valido dal 1° dicembre 2022 e strutturato in continuità con il contratto di valore lanciato nell’aprile 2021, C-Value introduce una serie di innovazioni, a partire da una nuova profilazione dei Partner effettuata sulla base di un’attenta selezione delle agenzie di viaggio. Oltre ai due cluster già presenti – Costa Point, destinato ai punti vendita fidelizzati che esprimono produzioni consistenti, e Costa Dealer, per le Agenzie con volumi di fatturato più contenuti ma con interessante potenziale di crescita – il nuovo contratto prevede un ulteriore terzo cluster, Costa Point Excellence. Ideato ascoltando bisogni ed esigenze dei migliori Partner della distribuzione, è destinato ai punti vendita storicamente legati a Costa e che esprimo volumi di vendita eccellenti. Accordi Valore, reciprocità e innovazione saranno i tre pilastri di C-Value e della nuova segmentazione, grazie alla quale le agenzie disporranno di accordi più solidi e remunerativi e di una gamma di strumenti e servizi ancora più ricca e personalizzata, grazie al nuovo programma  C-Value Servizi. Tra i diversi vantaggi previsti, alcuni significativi benefici deriveranno dai nuovi piani di comunicazione integrata, dalla possibilità di essere più visibili sia sul territorio che online e dall’opportunità di incrementare i volumi delle vendite e la redditività grazie a nuovi, potenti strumenti di comunicazione sui social media. «Il Contratto C-Value 2023 sarà in continuità con l’attuale Contratto di Valore. Ascoltando con attenzione i nostri Partner della distribuzione abbiamo lavorato, però, per renderlo ancora più ricco e personalizzato, con l’obiettivo di migliorare e qualificare ulteriormente il rapporto con le agenzie di viaggio, che rappresentano da sempre il canale distributivo più importante nella strategia di Costa Crociere – spiega Riccardo Fantoni, direttore vendite di Costa Crociere –. Il nuovo programma C-Value Servizi prevederà tantissimi servizi base per tutti e un’ulteriore serie a scelta per i nostri migliori Partner, Costa Point e Costa Point Excellence, con l’obiettivo di rappresentare per le agenzie di viaggio il principale partner di servizi innovativi e di qualità per raggiungere i risultati attesi, a vantaggio di tutta la filiera». Incentivazione Il nuovo Contratto offrirà, inoltre, un programma di incentivazione ricco e ancora più premiante, caratterizzato da un sistema commissionale che remunererà in modo adeguato le vendite di qualità e offrirà guadagni più elevati in base al valore della prenotazione. Ad affiancarlo, ci saranno anche il nuovo Segui-C, che consente ai Partner di guadagnare tutto l’anno a fronte del raggiungimento di obiettivi predefiniti, e il nuovissimo programma loyalty C-Premia. Quest’ultimo, in modo particolare, rappresenta un’importante novità pensata per premiare e  coinvolgere, incentivandoli, i singoli Agenti di Viaggio, che avranno la possibilità di scegliere il proprio premio all’interno di un ricchissimo catalogo. Plus diversificati in base al modello di servizio. Non mancheranno altri importanti plus, diversificati in base al modello di servizio. La novità principale a supporto della comunicazione B2B2C sarà Red Hab, una nuova, potente e innovativa piattaforma di gestione della comunicazione sui social, per essere più efficaci, più organizzati e più veloci. E, poi, ancora il sistema di geolocalizzazione del punto vendita sul sito Costa, il potenziamento dei servizi di formazione erogati attraverso la Costa Academy e dei tool digitali di prenotazione e informazione, oltre al rinnovamento dei materiali per l’allestimento dei punti vendita. Per poter godere dei vantaggi previsti dalla nuova profilazione, alle agenzie di viaggio partner verrà richiesto l’impegno a portare a termine con successo alcune attività fondamentali per sviluppare compiutamente le opportunità commerciali, tra le quali il completamento dei percorsi formativi, la corretta e puntuale esposizione dei materiali promozionali e l’utilizzo dei canali di prenotazione digitali. [post_title] => Costa: dal 1° dicembre scatta il nuovo contratto commerciale per le agenzie [post_date] => 2022-11-23T11:37:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669203427000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434686 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_417880" align="alignleft" width="300"] Massimiliano Biella[/caption] Attento processo di selezione dei candidati, oltre 200 ore di formazione multidisciplinare, test teorico e pratico di fine corso, per arrivare poi all’inserimento in azienda dei migliori talenti. Si è concluso, la scorsa settimana, il percorso di formazione organizzato gratuitamente da ACI blueteam destinato ai ragazzi interessati ad apprendere il lavoro del Business Travel Consultant dai migliori esperti del settore. Lezioni in aula, ma anche simulazioni reali e incontri in azienda, per imparare competenze teoriche e pratiche ed entrare nel vivo del lavoro facendosi contagiare dalla passione e dall’entusiasmo di chi ci lavora. Teoria, dunque, ma anche tanta pratica, con un focus sul Business Travel e approfondimenti su Mice e Turismo leisure: gds e tool per la gestione delle prenotazioni, reportistica, relazione con clienti e fornitori, ma anche altri temi trasversali e molto attuali quali la gestione dei dati e delle informazioni, le certificazioni ISO, la sicurezza sul luogo di lavoro, gli strumenti informatici e l’innovazione tecnologica di settore. Ad arricchire il programma, l’intervento di esperti nei vari ambiti della filiera turistica, partner consolidati di ACI blueteam che hanno proposto approfondimenti verticali portando case histories specifiche,  consentendo ai partecipanti una visione più ampia e completa del settore. «In un momento di grande ripresa del settore, abbiamo voluto puntare sulle competenze perché riteniamo che la formazione professionalizzante e di aggiornamento sia indispensabile in un settore come il nostro, che si trova ad affrontare costantemente nuove modalità di lavoro», spiega Massimiliano Biella, leisure operations director di ACI blueteam e professore presso il corso di laurea in scienze del turismo e comunità locali dell'Università di Milano Bicocca. «Questo principio ci ha guidato nella progettazione del percorso, che mira a far appassionare i giovani al nostro settore e dare loro un futuro professionale», aggiunge Giuseppe Misenta, responsabile formazione ACI blueteam, da sempre in Azienda e che da alcuni anni si dedica in prima persona al training delle nuove leve.   [post_title] => ACI blueteam punta sulle competenze e sulla formazione [post_date] => 2022-11-23T10:33:29+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669199609000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434679 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È pronto il catalogo Montagna 2022/2023 firmato Gattinoni Travel a disposizione dei network del Gruppo Gattinoni. Uno strumento a supporto degli agenti di viaggio per sostenerli e agevolare il lavoro in questa stagione frenetica. La scelta di realizzare un catalogo dedicato interamente all’offerta montagna, in formato digitale, proviene dall’ampio apprezzamento degli agenti di viaggio nei confronti del catalogo Mare Italia realizzato a supporto dell’estate scorsa. Uno strumento che si è rivelato utile perché ben organizzato nelle informazioni. Anche il catalogo Montagna ne segue le stesse linee guide, fornendo informazioni dettagliate e chiare sui servizi di ogni singola struttura. All’interno delle 79 pagine, ci sono 61 strutture selezionate da Gattinoni, suddivise in regioni: 25 in Trentino Alto Adige, 12 in Valle D’Aosta, 9 in Piemonte, 7 in Lombardia, 6 in Veneto e 2 negli Appennini in Abruzzo e Toscana. Ogni struttura ricettiva è accompagnata da una didascalia sintetica e chiara che definisce alcuni parametri e servizi, per orientarsi più velocemente in base alle richieste del cliente. In modo intuitivo si può infatti capire se l’hotel offre camere e servizi dedicati alle famiglie, se è presente una spa, se la struttura è adults only e se accetta animali di piccola taglia. E, per i clienti amanti dello sci, l’agente può affidarsi alle descrizioni contenute nel catalogo che riportano la distanza dalle piste, i punti navetta, i servizi noleggio attrezzatura, oltre all’indicazione di sconti dedicati ai bambini per i vari servizi. Le prenotazioni delle strutture all’interno del catalogo comprendono l’assicurazione medico bagaglio gratuita e vantaggiosi sconti per i bambini. Per prenotazioni fino al 15 dicembre si applica alla pratica, che dovrà essere superiore a 1.200 euro, uno sconto di 50 euro.   [post_title] => Gattinoni Travel lancia il catalogo Montagna 2022/2023 [post_date] => 2022-11-23T10:20:50+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669198850000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lab travel group" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":41,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1313,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434858","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lab Travel Group, operatore della distribuzione turistica che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale,  aderisce Museo del Turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del Turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"434862,434863,434864,434865,434866,434867,434868,434869,434870,434871,434872,434873,434874,434875\"]\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.\r\n\r\nPer visitare la sala è sufficiente fissare un appuntamento presso la filiale di Lab Travel Group di via del Carmine 28 a Torino.\r\n\r\nwww.themuseumoftourism.org\r\n\r\nhttps://www.facebook.com/ILMUSEODELTURISMO/\r\n\r\nhttps://www.instagram.com/ilmuseodelturismo/","post_title":"Museo del Turismo: nuova sala a Torino presso Lab Travel Group","post_date":"2022-11-25T17:31:03+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669397463000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434775","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"DEDE.CO (Destination Design Conference) torna in Liguria . Nasce sette anni fa come Travel marketing days, con la prima edizione svolta a Finale Ligure, e quest’anno ritorna il 13 e 14 dicembre in presenza all’Auditorium di Santa Caterina di Finalborgo e in live streaming.\r\n\r\nL’edizione 2022 di DEDE.CO intende concentrarsi e interrogarsi sul ruolo che il turismo - e, in particolare, il destination design - può assumere nelle dinamiche di sviluppo e gestione dei territori più piccoli e marginali.\r\n\r\nLa destinazione sarà al centro degli interventi dei relatori in calendario. Il turismo è leva di sviluppo territoriale, il cambio di passo è ragionare di identità non solo in termini di brand, ma di comunità. Invertire il paradigma in quanto non è la domanda che fa l’offerta, ma il territorio che fa la destinazione (e attrae turisti consapevoli). La destinazione è l’espressione della comunità e delle risorse di un luogo: in un’ottica di sostenibilità, non solo ambientale, sono la comunità e le risorse di un territorio a determinare l’offerta turistica della destinazione.\r\n\r\nMolti gli obiettivi di Dedeco: avviare un confronto tra i vari decision makers, indagare le tendenze attuali e gli scenari futuri del mercato turistico italiano e internazionale, delineare una visione comune del territorio e delle località prese in esame, elaborare nuove proposte di valore e di prodotto turistico, da presentare a un mercato sempre più esigente e segmentato.","post_title":"Finale Ligure ospita dal 13 al 14 dicembre la Destination Design Conference, focus su turismo e sviluppo dei piccoli territori","post_date":"2022-11-25T09:54:05+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669370045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Certo, c'è da considerare la stagionalità, perché il Giappone è una delle prime destinazioni a partire a primavera e naturalmente manca ancora gran parte dell'estate, ma a oggi il Paese del Sol levante vale poco meno di un terzo del fatturato complessivo del nostro consorzio\". Michele Serra l'aveva già detto in occasione dell'ultima fiera di Rimini che il Giappone sarebbe stata la meta del 2023. Ora però sono le cifre a parlare e a confermare quanto il presidente di Quality Group aveva affermato ormai più di un mese fa: \"E' stata dura, ma ora ci prepariamo a riprenderci con gli interessi quanto abbiamo investito nel 2022 per far ripartire questa meta\".\r\n\r\nIn effetti il percorso non è stato affatto facile: \"Io sono tornato in Giappone con un visto di lavoro ad aprile, quando ancora non si poteva entrare nel Paese per turismo  Ed è stata un'esperienza incredibile - racconta sempre Serra, in occasione della presentazione del prodotto Tokyo d'inverno targato Mistral -. Una volta riaperti i confini, i paletti messi dal governo locale sono però diventati ostacoli quasi impossibili da sormontare. Si poteva viaggiare solamente in gruppo con una guida locale presente 24 ore su 24. Inoltre occorreva il visto, cosa che fino al 2019 non era richiesto. E nelle rappresentanze diplomatiche giapponesi in Italia non c'era personale dedicato; quindi le procedure si sono subito rivelate lunghe e farraginose. Risultato: quando abbiamo fatto partire il nostro primo gruppo lo scorso luglio, unici in Europa, i nostri corrispondenti locali erano talmente stupiti da chiederci come avessimo fatto. In molti, prima di noi, avevano rinunciato\".\r\n\r\nTante e tali complicazioni non potevano inoltre che ricadere sul lato costi. \"Ma ci siamo detti che l'importante, in fondo, era rimettere la macchina in moto - prosegue Serra - Ci siamo quindi sobbarcati noi le maggiori spese e tutti i viaggi verso il Giappone sono stati gestiti in perdita fino al mese di ottobre, quando finalmente la riapertura è diventata completa. Ora ci aspettiamo un 2023 in grado di superare di gran lunga i nostri record di fatturato sulla destinazione. Il tutto con marginalità ottime. E il Giappone, ricordo, per noi è stata a lungo la prima meta in termini di ricavi, superando persino gli Stati Uniti, a cui è dedicato un tour operator ad hoc del consorzio\".\r\n\r\nCiò detto, le sfide non mancheranno neppure l'anno prossimo. \"A partire dai voli, che invece mancano - conclude Serra -. C'è più domanda rispetto alla disponibilità. E poi i prezzi sono altissimi. Tanto che al momento noi lavoriamo quasi esclusivamente con le compagnie emiratine e con la All Nippon Airways via Francoforte. Inoltre c'è la questione risorse umane in loco. I giapponesi non hanno infatti la cassa integrazione, ma le istituzioni durante la pandemia hanno comunque provveduto a pagare loro gli stipendi, impiegandoli in altre attività. Il problema è che un buon numero di persone che lavorava nel turismo non è ancora tornato alle proprie professioni originarie. Tocca perciò a noi svolgere una parte consistente dei compiti che una volta erano di loro competenza. Con uno sforzo che non credo sia difficile immaginare...\".","post_title":"Serra, Quality: il Giappone a oggi vale quasi un terzo del nostro fatturato","post_date":"2022-11-25T09:30:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669368623000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434622","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Se c’è da organizzare una vacanza, la parola d’ordine, negli ultimi tempi, specie tra i giovani, è “sostenibilità”. Tematica importante, protagonista indiscussa del progetto Eu Eco-Tandem Programme, cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il programma Cosme, che punta proprio a promuovere lo sviluppo sostenibile nel settore turistico, attraverso un mix di attività di supporto tecnico e finanziario attraverso il volano dell’innovazione, facilitando la nascita di sinergie tra Pmi, startup e innovatori del settore.\r\n\r\nStando ai dati emersi durante il Global Travel Summit 2022 di Allianz Partners sul tema “Wonderland” (ricerca condotta in collaborazione con Foresight Factory), in tutto il mondo, le vacanze green sarebbero le più gettonate tra i “millennials” (6 famiglie su 10 – nella fascia 25-40 anni). Trend, che trova riscontro anche in Italia, dove, coppie senza figli, d’età compresa tra i 26 e i 40 anni, ovvero il 52%, hanno dichiarato che per i propri viaggi presteranno maggiore attenzione all’impatto ambientale, rispetto al periodo pre-pandemia. Interesse, che riguarda anche gli spostamenti, preferendo viaggi in treno, camper e roulotte.\r\n\r\nRisultati interessanti, che ben si sposano con le molteplici attività messe in atto dal progetto Eu Eco-Tandem Programme, avviato nel 2020, e che attualmente vede coinvolte 56 “Tndem”, formati da Pmi e startup o PMI innovative, impegnate a lavorare insieme su cinque sfide del settore Turismo: dal risparmio energetico alla conservazione dell’acqua, dalla gestione dei rifiuti alle misure di gestione della mobilità e alla ripresa e rilancio del settore post COVID 19. Ai migliori Piani di Azione presentati dai Tandem, il progetto erogherà un voucher del valore fino a 13.000 euro, che servirà a trasformare concretamente i progetti più interessanti, che verranno annunciati e celebrati durante il prossimo grande “Awarding Ceremony”, in Italia ad inizio 2023.","post_title":"I millennials preferiscono le vacanze green","post_date":"2022-11-24T11:35:10+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669289710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434615","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conclude “Roots-in”, la prima borsa internazionale sul turismo delle origini. Diventa un appuntamento annuale il progetto organizzato da regione e apt Basilicata in collaborazione con Enit e la dg per gli italiani all’estero del ministero degli affari esteri. \r\n\r\nOltre 500 partecipanti al centro congressi UnaHotel MH, a borgo Venusio, presenti stakeholder e operatori del mondo del turismo internazionali.  \r\n\r\n«Abbiamo voluto creare – illustra il direttore generale di Apt Basilicata, Antonio Nicoletti - un evento internazionale dedicato a un segmento turistico che esiste da sempre, ma che è ancora troppo poco conosciuto e valorizzato, come il turismo delle origini. Un’intuizione nata nell’ambito del nostro piano strategico del marketing turistico, e attuata grazie al fondamentale supporto di Enit e Maeci. La collaborazione istituzionale e i risultati raggiunti, dimostrano che la volontà di fare sistema su tematiche di rilevanza nazionale può portare risultati significativi per gli operatori e per il posizionamento della nostra piccola-grande regione». \r\n\r\nE proprio il dialogo fra pubblico e privato è stato al centro dell’intervento di Sandro Pappalardo, rappresentante della Conferenza Stato regioni nel cda di Enit. «L’Italia – dichiara – è fra le mete più sognate al mondo. Occorre potenziare il posizionamento strategico della Penisola per tradurlo non solo in un’offerta sempre più performante e personalizzabile declinabile su target diversi di mercato ma anche per implementare il travel purchase del brand italia e consentire all’Italia di essere sempre in cima alle scelte di viaggio internazionali. E' un turismo che potenzieremo ulteriormente anche in vista dell'Anno delle radici nel 2024. Un modo di distribuire i flussi su tutto l'anno (con un piccolo picco ad agosto) coinvolgendo molto i giovani che vogliono riscoprire le proprie origini». \r\n\r\n «I discendenti degli italiani che vivono all’estero rappresentano una grande opportunità per il turismo emozionale, ma dobbiamo considerarli non come un bene economico, ma come uno straordinario patrimonio di relazioni, di storia, di identità. Nell’ambito del progetto Pnrr dedicato al turismo delle radici, vogliamo mettere a disposizione di questo valore una serie di servizi come il Passaporto delle radici, con una serie di incentivi per venire in Italia, o la digitalizzazione delle anagrafi comunali e tanto altro» sostiene Giovanni Maria de Vita, responsabile turismo delle radici Dgit Maeci.  \r\n\r\nSulle opportunità aperte dal Pnrr per il recupero dei borghi interviene Angelantonio Orlando, Ddrettore generale per l’attuazione del Pnrr del Ministero della cultura, che si è soffermato in particolare sui progetti lucani approvati: «La Basilicata è una delle regioni che più di altre ha fornito progettualità sui bandi del Pnrr dedicati ai Borghi. Su circa 40 progetti presentati ben 18 hanno superato la selezione per un investimento complessivo di 30 milioni di euro. Stiamo pensando di aggiungere una quota significativa di risorse nell’ambito del Fsc 2021 – 2027 per far scorrere la graduatoria dei comuni”. \r\n\r\nE Il turismo delle origini si inserisce in modo coerente con la strategia della Basilicata per il recupero dei borghi, come afferma Gianpiero Perri, consigliere scientifico per l’attuazione del Pnrr della Presidenza della giunta regionale. «Gran parte della Basilicata è area interna. I borghi lucani rappresentano una priorità strategica per la giunta regionale. Per questo la dimensione dell’impegno profuso non ha precedenti. La Basilicata è capace di aggiungere bellezza alla bellezza ereditata. In questo cammino è necessario lo sforzo di tutti sapendo che non bisogna avere paura di occhi ed idee che arrivano dall’esterno. La felice esperienza di Matera 2019 è la sintesi perfetta di quello che la Basilicata può fare». \r\n\r\n ","post_title":"Basilicata e Enit: Roots-In, l'evento internazionale per il turismo delle origini","post_date":"2022-11-24T10:19:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669285158000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434671","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non solo vacanze in tutti gli angoli del mondo, ma anche un viaggio indietro nel tempo, alla scoperta del passato dell’aviazione civile: è l’ultima proposta di Lab Travel Group, operatore leader nel settore della distribuzione turistica, che si avvale della collaborazione di oltre 150 agenti di viaggio sul territorio nazionale.\r\n\r\nLab Travel Group ha scelto di aderire al Museo del turismo realizzando una sala dedicata alla storia delle compagnie aeree nella propria filiale di Torino, in via del Carmine.\r\n\r\nIl Museo del turismo è un’iniziativa senza scopo di lucro ideata dallo spagnolo Alberto Bosque Coello che ha l’intento di promuovere la storia del turismo in tutto il mondo. L’Italia fa parte dei 7 paesi che ospitano le quasi 100 sale tematiche ricche di oggetti, tra cui dépliant, gadget, cartoline, timbri, biglietti e souvenir raccolti dai privati nei loro viaggi.\r\n\r\nLa nuova sala, la numero 73, è aperta al pubblico su prenotazione ed è stata allestita con cura e attenzione da Rita La Torre e Paolo Destefanis, agenti di viaggio Lab Travel Group e testimoni diretti della rivoluzione generata da internet nel settore del trasporto aereo, culminata con l’avvento di nuovi sistemi automatizzati per la distribuzione e il calcolo delle tariffe e il successo del modello low-cost.\r\n\r\nIl risultato è un percorso dedicato ai nostalgici dei viaggi d’antan, ma anche ai più giovani appassionati di turismo tra cimeli, memorabilia, aneddoti e oggetti vintage dal fascino senza tempo, come l’apribottiglie in omaggio ai passeggeri del Concorde che volava tra Parigi e New York negli anni ’80, caratterizzato da una forma stilizzata ispirata al profilo dello stesso Concorde e della Tour Eiffel. E ancora, le copie dei menù in First Class di Pan Am, i modellini degli aeromobili del passato, borsette portadocumenti e kit da viaggio. Da segnalare anche la sezione dedicata ai libretti degli orari, semplicemente inimmaginabili per i nativi digitali, che comprende anche una rara testimonianza dell’orario ufficiale di tutte le compagnie del mondo, raggruppato in due libroni, aggiornati e spediti alle agenzie di viaggio ogni 3 mesi.\r\n\r\nTra i percorsi tematici più curiosi, una menzione speciale va sicuramente a quello incentrato sulla storia della biglietteria. All’interno della sala si possono trovare biglietti di ogni tipo e i manuali delle diverse compagnie per il calcolo delle tariffe in base alle miglia. Prima degli anni ’80, un agente di viaggio esperto impiegava circa quindici minuti per calcolare la tariffa di un volo diretto Milano – New York, ma poteva volerci fino a un’ora di tempo per le tratte più complesse comprensive di uno o più scali. Una volta calcolato l’importo e verificata la disponibilità, il biglietto veniva emesso con macchine speciali, che le agenzie abilitate ricevevano direttamente dalla IATA (Associazione Internazionale del Trasporto Aereo) per poi essere etichettato con una targhettatrice che apponeva su di esso il marchio dell’agenzia e il logo della compagnia aerea, rendendolo valido per l’imbarco. Con l’avvento dei primi automatismi basati sui GDS (Global Distribution System), negli anni ’80 il modo di emettere i biglietti cambia completamente: la mostra ripercorre questa evoluzione arrivando fino agli “E-ticket” di oggi.\r\n\r\nPaolo Destefanis, agente di viaggio Lab Travel Group e curatore della Sala, dichiara: “Questa sala è il risultato di un grande lavoro di recupero della memoria storica e offre una retrospettiva completa sull’evoluzione delle compagnie aeree e, conseguentemente, del lavoro degli agenti di viaggio nel corso del Novecento. Molti degli oggetti esposti sono ricordi personali dei colleghi di Lab Travel Group, ma ci siamo avvalsi anche della collaborazione di altri agenti di viaggio e di ex dipendenti delle stesse compagnie, che hanno aperto i loro archivi per noi (un ringraziamento particolare va in questo senso al signor Mimmo Cristofaro, titolare dell’agenzia Contur Srl) e di affezionati e storici clienti, che hanno voluto condividere i loro ricordi di viaggio. In linea con la filosofia che anima il Museo del Turismo, intendiamo tener vivo il passato di una professione profondamente cambiata in seguito all’evoluzione tecnologica, affinché tanto gli appassionati, quanto gli addetti ai lavori di oggi possano comprendere l’impegno e il valore che da sempre caratterizza il mestiere dell’agente di viaggio”.","post_title":"Lab Travel Group apre una sala nel Museo del turismo","post_date":"2022-11-24T10:05:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669284321000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434707","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Confermare l’importanza strategica della distribuzione, aumentare le opportunità commerciali per il canale trade, candidarsi come il principale e più innovativo fornitore di servizi per rendere ancora più solida e di valore l’attività della rete distributiva. Sono gli obiettivi ai quali punta C-Value, il nuovo contratto commerciale 2023 che Costa Crociere sta presentando in questi giorni in anteprima a oltre 1500 agenzie divViaggio di tutta Italia in occasione del road show itinerante “Insieme per creare valore”.\r\nValido dal 1° dicembre 2022 e strutturato in continuità con il contratto di valore lanciato nell’aprile 2021, C-Value introduce una serie di innovazioni, a partire da una nuova profilazione dei Partner effettuata sulla base di un’attenta selezione delle agenzie di viaggio. Oltre ai due cluster già presenti – Costa Point, destinato ai punti vendita fidelizzati che esprimono produzioni consistenti, e Costa Dealer, per le Agenzie con volumi di fatturato più contenuti ma con interessante potenziale di crescita – il nuovo contratto prevede un ulteriore terzo cluster, Costa Point Excellence. Ideato ascoltando bisogni ed esigenze dei migliori Partner della distribuzione, è destinato ai punti vendita storicamente legati a Costa e che esprimo volumi di vendita eccellenti.\r\n\r\nAccordi\r\nValore, reciprocità e innovazione saranno i tre pilastri di C-Value e della nuova segmentazione, grazie alla quale le agenzie disporranno di accordi più solidi e remunerativi e di una gamma di strumenti e servizi ancora più ricca e personalizzata, grazie al nuovo programma  C-Value Servizi. Tra i diversi vantaggi previsti, alcuni significativi benefici deriveranno dai nuovi piani di comunicazione integrata, dalla possibilità di essere più visibili sia sul territorio che online e dall’opportunità di incrementare i volumi delle vendite e la redditività grazie a nuovi, potenti strumenti di comunicazione sui social media.\r\n«Il Contratto C-Value 2023 sarà in continuità con l’attuale Contratto di Valore. Ascoltando con attenzione i nostri Partner della distribuzione abbiamo lavorato, però, per renderlo ancora più ricco e personalizzato, con l’obiettivo di migliorare e qualificare ulteriormente il rapporto con le agenzie di viaggio, che rappresentano da sempre il canale distributivo più importante nella strategia di Costa Crociere – spiega Riccardo Fantoni, direttore vendite di Costa Crociere –. Il nuovo programma C-Value Servizi prevederà tantissimi servizi base per tutti e un’ulteriore serie a scelta per i nostri migliori Partner, Costa Point e Costa Point Excellence, con l’obiettivo di rappresentare per le agenzie di viaggio il principale partner di servizi innovativi e di qualità per raggiungere i risultati attesi, a vantaggio di tutta la filiera».\r\nIncentivazione\r\nIl nuovo Contratto offrirà, inoltre, un programma di incentivazione ricco e ancora più premiante, caratterizzato da un sistema commissionale che remunererà in modo adeguato le vendite di qualità e offrirà guadagni più elevati in base al valore della prenotazione. Ad affiancarlo, ci saranno anche il nuovo Segui-C, che consente ai Partner di guadagnare tutto l’anno a fronte del raggiungimento di obiettivi predefiniti, e il nuovissimo programma loyalty C-Premia. Quest’ultimo, in modo particolare, rappresenta un’importante novità pensata per premiare e  coinvolgere, incentivandoli, i singoli Agenti di Viaggio, che avranno la possibilità di scegliere il proprio premio all’interno di un ricchissimo catalogo.\r\n\r\nPlus diversificati in base al modello di servizio.\r\nNon mancheranno altri importanti plus, diversificati in base al modello di servizio. La novità principale a supporto della comunicazione B2B2C sarà Red Hab, una nuova, potente e innovativa piattaforma di gestione della comunicazione sui social, per essere più efficaci, più organizzati e più veloci. E, poi, ancora il sistema di geolocalizzazione del punto vendita sul sito Costa, il potenziamento dei servizi di formazione erogati attraverso la Costa Academy e dei tool digitali di prenotazione e informazione, oltre al rinnovamento dei materiali per l’allestimento dei punti vendita.\r\nPer poter godere dei vantaggi previsti dalla nuova profilazione, alle agenzie di viaggio partner verrà richiesto l’impegno a portare a termine con successo alcune attività fondamentali per sviluppare compiutamente le opportunità commerciali, tra le quali il completamento dei percorsi formativi, la corretta e puntuale esposizione dei materiali promozionali e l’utilizzo dei canali di prenotazione digitali.\r\n","post_title":"Costa: dal 1° dicembre scatta il nuovo contratto commerciale per le agenzie","post_date":"2022-11-23T11:37:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669203427000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434686","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_417880\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimiliano Biella[/caption]\r\nAttento processo di selezione dei candidati, oltre 200 ore di formazione multidisciplinare, test teorico e pratico di fine corso, per arrivare poi all’inserimento in azienda dei migliori talenti.\r\nSi è concluso, la scorsa settimana, il percorso di formazione organizzato gratuitamente da ACI blueteam destinato ai ragazzi interessati ad apprendere il lavoro del Business Travel Consultant dai migliori esperti del settore. Lezioni in aula, ma anche simulazioni reali e incontri in azienda, per imparare competenze teoriche e pratiche ed entrare nel vivo del lavoro facendosi contagiare dalla passione e dall’entusiasmo di chi ci lavora.\r\nTeoria, dunque, ma anche tanta pratica, con un focus sul Business Travel e approfondimenti su Mice e Turismo leisure: gds e tool per la gestione delle prenotazioni, reportistica, relazione con clienti e fornitori, ma anche altri temi trasversali e molto attuali quali la gestione dei dati e delle informazioni, le certificazioni ISO, la sicurezza sul luogo di lavoro, gli strumenti informatici e l’innovazione tecnologica di settore. Ad arricchire il programma, l’intervento di esperti nei vari ambiti della filiera turistica, partner consolidati di ACI blueteam che hanno proposto approfondimenti verticali portando case histories specifiche,  consentendo ai partecipanti una visione più ampia e completa del settore.\r\n«In un momento di grande ripresa del settore, abbiamo voluto puntare sulle competenze perché riteniamo che la formazione professionalizzante e di aggiornamento sia indispensabile in un settore come il nostro, che si trova ad affrontare costantemente nuove modalità di lavoro», spiega Massimiliano Biella, leisure operations director di ACI blueteam e professore presso il corso di laurea in scienze del turismo e comunità locali dell'Università di Milano Bicocca.\r\n«Questo principio ci ha guidato nella progettazione del percorso, che mira a far appassionare i giovani al nostro settore e dare loro un futuro professionale», aggiunge Giuseppe Misenta, responsabile formazione ACI blueteam, da sempre in Azienda e che da alcuni anni si dedica in prima persona al training delle nuove leve.\r\n ","post_title":"ACI blueteam punta sulle competenze e sulla formazione","post_date":"2022-11-23T10:33:29+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669199609000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434679","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"È pronto il catalogo Montagna 2022/2023 firmato Gattinoni Travel a disposizione dei network del Gruppo Gattinoni. Uno strumento a supporto degli agenti di viaggio per sostenerli e agevolare il lavoro in questa stagione frenetica.\r\n\r\nLa scelta di realizzare un catalogo dedicato interamente all’offerta montagna, in formato digitale, proviene dall’ampio apprezzamento degli agenti di viaggio nei confronti del catalogo Mare Italia realizzato a supporto dell’estate scorsa. Uno strumento che si è rivelato utile perché ben organizzato nelle informazioni.\r\n\r\nAnche il catalogo Montagna ne segue le stesse linee guide, fornendo informazioni dettagliate e chiare sui servizi di ogni singola struttura. All’interno delle 79 pagine, ci sono 61 strutture selezionate da Gattinoni, suddivise in regioni: 25 in Trentino Alto Adige, 12 in Valle D’Aosta, 9 in Piemonte, 7 in Lombardia, 6 in Veneto e 2 negli Appennini in Abruzzo e Toscana.\r\n\r\nOgni struttura ricettiva è accompagnata da una didascalia sintetica e chiara che definisce alcuni parametri e servizi, per orientarsi più velocemente in base alle richieste del cliente.\r\n\r\nIn modo intuitivo si può infatti capire se l’hotel offre camere e servizi dedicati alle famiglie, se è presente una spa, se la struttura è adults only e se accetta animali di piccola taglia.\r\n\r\nE, per i clienti amanti dello sci, l’agente può affidarsi alle descrizioni contenute nel catalogo che riportano la distanza dalle piste, i punti navetta, i servizi noleggio attrezzatura, oltre all’indicazione di sconti dedicati ai bambini per i vari servizi.\r\n\r\nLe prenotazioni delle strutture all’interno del catalogo comprendono l’assicurazione medico bagaglio gratuita e vantaggiosi sconti per i bambini.\r\n\r\nPer prenotazioni fino al 15 dicembre si applica alla pratica, che dovrà essere superiore a 1.200 euro, uno sconto di 50 euro. \r\n\r\n ","post_title":"Gattinoni Travel lancia il catalogo Montagna 2022/2023","post_date":"2022-11-23T10:20:50+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669198850000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti