5 February 2023

I4T: nuova versione di I4Flight per tutti i mezzi di trasporto

[ 0 ]

Giovanni Giussani

I4T lancia una nuova versione di I4Flight destinata a migliorare ulteriormente il supporto garantito a tutti gli organizzatori di pacchetti turistici.

Presentata ufficialmente nel 2019, I4Flight interviene in caso di cancellazione del volo da parte del vettore: nella nuova formulazione, già disponibile nella piattaforma trade del portale I4T, le coperture sono estese a tutti i mezzi, inclusi, a puro titolo di esempio, treni, navi e bus di linea.
 
«Un leader di mercato deve sempre innovare per mantenere il rapporto di fiducia con i suoi partner – dichiara Giovanni Giussani, direttore commerciale I4T -. I4Flight è stata la prima ed è tuttora la più venduta polizza contro la cancellazione dei voli, evento purtroppo sempre più frequente, come dimostrano gli oltre 62.000 passeggeri assicurati nei primi 9 mesi del 2022. Oggi, fedeli alla nostra mission, abbiamo innovato la polizza, mantenendo la formula di successo, ma allargando l’ambito di applicazione e aumentando le garanzie. Questo la rende attualmente il prodotto più competitivo e completo sul mercato della sua categoria: uno strumento fondamentale che tutela gli organizzatori di pacchetti turistici e i loro clienti».
Più in dettaglio, la nuova I4Flight rimborsa i costi di annullamento o modifica del viaggio derivanti dalla cancellazione di un mezzo di trasporto regolarmente prenotato, indipendentemente dal mezzo e dalla causa della cancellazione, compresi quindi scioperi e condizioni meteo.
Al momento della sottoscrizione, inoltre, è possibile scegliere tra la versione “base”, con massimale di 500 euro ad assicurato per i viaggi in Italia e in Europa e 1.000 euro per i viaggi nel resto del mondo, e “plus” con massimale di 1.500 euro per tutti i viaggi, ideale nel caso di pacchetti di fascia alta o sul lungo raggio.



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438614 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438615" align="alignleft" width="267"] Avv. Daniele Romilly, ideatore di Volano Rimborsi[/caption] Quante volte l’agente di viaggio si trova davanti alla scomoda gestione delle pratiche di rimborso per “disagi aerei”? Quante volte le risposte al reclamo da parte di alcune compagnie aeree, specie in assenza di diffide legali, stentano a giungere in tempi ragionevoli, generando malcontento da parte dell’agente e del cliente?Nei casi di ritardo aereo, cancellazione, perdita della coincidenza  o overbooking, che comportino un ritardo pari o superiore alle tre ore, nonché nelle ipotesi di ritardata consegna, danneggiamento e smarrimento definitivo del bagaglio, le agenzie di viaggio possono affidarsi a Volano Rimborsi che offre gratuitamente e senza commissioni un servizio di assistenza legale, fornendo un riscontro entro 48 ore dalla ricezione della segnalazione. L’azienda, nata da un’idea della Flight Services S.r.l.s. e presente online su volanorimborsi.it e con App Ios e Android, ha anche attivato per le agenzie di viaggio un apposito canale di comunicazione: basterà inviare un’email ad agenzie@volanorimborsi.it per poter essere seguiti da un team di legali con esperienza pluridecennale nel diritto del trasporto aereo, dal momento dell’invio del reclamo alla compagnia aerea, fino alla presentazione della causa dinanzi all’autorità giudiziaria competente e all’effettivo recupero delle somme dovute al passeggero. L’agenzia di viaggio, affidando a Volano Rimborsi la gestione legale dell’intera pratica di rimborso, potrà quindi offrire al cliente un servizio post vendita efficiente e gratuito, risparmiando tempo e fatica. «Molte agenzie che ad oggi collaborano con Volano Rimborsi non erano a conoscenza della presenza di un tale servizio di assistenza legale gratuita e, dopo essersi rivolti a noi, hanno manifestato il loro pieno gradimento per il servizio ricevuto – spiega l’avv. Daniele Romilly, ideatore e responsabile dell’area legale di Volano Rimborsi -. Il nostro servizio garantisce alle agenzie di viaggio molti vantaggi ed alcun onere, né sotto il profilo economico, né sotto l'aspetto del dispendio di tempo e potrà certamente aiutarle a fidelizzare maggiormente la clientela». In caso di ritardo nell’arrivo a destinazione pari o superiore alle tre ore, quindi, il passeggero ha diritto di ricevere una compensazione pecuniaria pari a 250 Euro per tratte fino a 1.500 chilometri, a 400 Euro per tratte comprese tra i 1.500 chilometri e 3.500 chilometri e a 600 Euro per tratte superiori a 3.500 chilometri. In caso, invece, di disservizi collegati al bagaglio, il rimborso arriva fino a 1.600 Euro. Il servizio è gratuito e senza commissioni: la società anticiperà tutti i costi necessari per l’eventuale presentazione della causa e gli onorari per l’attività degli avvocati saranno corrisposti direttamente dalla compagnia aerea. Nessuna somma, a titolo di provvigione, verrà poi richiesta al passeggero sul recuperato. [post_title] => Volano Rimborsi, l’assistenza legale gratuita per agenzie in caso di disagi aerei [post_date] => 2023-02-03T11:01:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675422118000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437819 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Karnataka Tourism Board approda in Italia con una promozione a 360 gradi per catalizzare il mercato leisure italiano che affiancherà il già consolidato traffico business. Sulla tabella di marcia, in programma la partecipazione agli eventi di turismo internazionale. “Siamo stati presenti alla Fitur di Madrid, ci saremo all’Itb di Berlino e alterneremo diversi road show in Europa, Emirati Arabi, Mosca, Tokyo per incontrare i professionisti del settore – spiega H. T. Ratnakar, adviser tourism and hospitality del Karnataka tourism board - Lo stato del Karnataka, nel sud dell’India, conta 31 provincie con Bangalore capitale, la Silicon Valley dell’Est, centro dell'industria tecnologica del Paese, rinomata anche per i suoi parchi e la vita notturna. Bangalore è l'hub del back office IT di tutto il mondo che da sola genera il 50% del traffico di turismo business”. La destinazione indiana si presenta come “un altro stato dell’India interessante da visitare” così definito da T. Ajungla Jamir console generale dell'India a Milano. La regione offre un variegato ventaglio di attrazioni turistiche: “È una terra benedetta dalla natura - spiega Kapil Mohan Ias, additional chef secretary tourism of Karnataka -, con la possibilità di vivere innumerevoli esperienze: avventura, natura, cultura, tradizioni, una gustosa cucina; turismo religioso, naturopatia e yoga per un turismo medicale”. I siti Unesco di Hampi, Pattadakal e la catena montuosa dei Ghati occidentali ricche di foreste pluviali, parchi nazionali, 320 km di costa, oltre 6 mila elefanti e più di 524 tigri; queste oltre alle piantagioni del rinomato caffè Coorg, sono solo alcuni dei punti di forza dell'area. E se nel 2019 i visitatori in India si stono attestati attorno ai 6 milioni, le aspettative puntano a superare questa quota per il prossimo anno. Dall’Europa, Londra Francoforte e Parigi collegano direttamente Bangalore. Dall’Italia, voli diretti da Milano a Delhi in connessione per Bangalore sono garantiti da Air India.I 2 aeroporti internazionali di Bangalore - che recentemente ha visto l'apertura del nuovo Terminal 2 - e Mengalore collegano Karnataka al resto del mondo con 29 voli internazionali al giorno; nello stato sono inoltre attivi 6 aeroporti per scali domestici.   [post_title] => L'India accende i riflettori sul Karnataka: nuove opportunità per i flussi leisure [post_date] => 2023-01-24T12:12:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674562321000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437760 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Entra nella fase due il progetto per la transizione digitale nel turismo co-finanziato dal programma Cosme dell’Unione europea (COmpetitiveness of Small and Medium-sized Enterprises). Si sono, infatti, aperte le candidature per il bando di accelerazione e finanziamento promosso da EuDigiTour, che porterà 30 realtà innovative, selezionate tra startup e pmi con sede in Italia, Germania, Croazia e Slovenia, ad accedere a un programma di coaching e mentoring di tre mesi dedicato al modello di business e alla maturità tecnologica, con la possibilità di ricevere un voucher di finanziamento di 10 mila euro. Le candidature si chiudono il 15 febbraio e saranno inizialmente aperte a 45 realtà del turismo nei paesi membri del progetto. Successivamente, solo 30 aziende verranno selezionate, con il duplice vantaggio dell’accelerazione gratuita verso soluzioni innovative e del finanziamento, che consentirà di integrare le tecnologie necessarie. A questo si aggiunge la visibilità e il networking di respiro europeo che apre le porte a nuove opportunità di business. Il progetto EuDigiTour è stato concepito per aiutare la prossima generazione di pmi turistiche dell’Ue a sfruttare le potenzialità del digitale, rafforzando la cooperazione nell’ecosistema turistico per lo sviluppo di soluzioni turistiche nuove, innovative e intelligenti, prodotti, servizi, competenze e nuovi modelli di business: a disposizione delle pmi mentor nazionali e internazionali, esperti nell’uso di intelligenza artificiale (Ai), Internet delle cose (IoT), realtà virtuale e aumentata (vr/ar) e big data, nonché un percorso totalmente gratuito che si articola in diversi step. La prima fase di formazione si è svolta in particolare tra settembre e novembre 2022 con il supporto di X23 (Centro di ricerca coordinatore del progetto), Associazione startup turismo e altri partner europei. In Italia, la Transformation Academy è stata condotta in partnership con Isnart e ha visto la partecipazione di 132 realtà, ben oltre l’obiettivo indicato dall’Unione europea di raggiungere 80 aziende. “Le startup sono un naturale game changer. Ed è stato facile per noi giocare un ruolo attivo in questo progetto, perché è parte integrante della nostra mission supportare la transizione delle pmi del turismo verso la tecnologia digitale", sottolinea Karin Venneri, presidente Associazione startup turismo.   [post_title] => Al via il bando EuDigiTour per le startup del turismo. Si chiuderà il 15 febbraio [post_date] => 2023-01-23T11:19:40+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674472780000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437491 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Neos ha siglato un nuovo accordo di wet lease in con Etf Airways, compagnia aerea croata con cui ha già avviato collaborazioni la scorsa estate. In base all'intesa Etf (Enjoy The Flight) Airways metterà a disposizione di Neos un Boeing 737-800 da 186 posti in Acmi, comprendente perciò tutte le prestazioni accessorie quali assicurazione, equipaggio e manutenzione. L'aeromobile sarà dedicato in particolare alle operazioni con partenza da Milano Bergamo, contribuendo a una maggiore flessibilità operativa e commerciale, garantendo una capacità superiore, necessaria in particolare durante l’alta stagione, e migliorando complessivamente gli operativi delle singole rotazioni. “La collaborazione con Etf Airways che rappresenta un’ulteriore opportunità di crescita per il nostro business e che ci permetterà di garantire ai nostri clienti la stabilità operativa che ci contraddistingue, anche nei periodi di maggior richiesta, continuando ad offrire qualità e servizi di alto livello” afferma Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos   [post_title] => Neos: nuovo accordo di wet lease in con il vettore croato Etf Airways [post_date] => 2023-01-18T10:08:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674036496000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saudi Arabian Airlines investe sul futuro green con una serie di progetti sostenibili e nuove iniziative ecologiche: obiettivo diventare una compagnia aerea leader nel settore che riconosce la propria responsabilità nei confronti dell’ambiente e della società, e che considera il tema della sostenibilità come parte integrante della sua strategia aziendale.  Si parte dal Green Points Program: Saudia è stata la prima ad implementare i Green Points, un programma che premia i passeggeri che si impegnano a proteggere l’ambiente. Il programma è stato implementato su un volo in partenza da Jeddah e diretto a Madrid il 12 maggio durante il Sustainable Flight Challenge presentato da SkyTeam Alliance. Voluntary Carbon Market Initiative vede Saudia quale prima compagnia partner dell’area Mena partecipare all’iniziativa avviata un anno fa. A proposito dell’obiettivo dell'Arabia Saudita di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060 e di ridurre il suo impatto sul cambiamento climatico, il Fondo pubblico per gli investimenti (PIF) ha istituito il mercato volontario del carbonio. Il progetto riflette l’interesse delle compagnie aeree che cercano di ridurre a piccoli passi l’utilizzo di carbonio attraverso iniziative e innovazioni come l'espansione delle energie rinnovabili o la promozione dell'idrogeno verde.  Sustainability Flight Challenge: un’altra iniziativa sostenibile che ha lo scopo di ridurre la produzione di emissioni, è il coinvolgimento attivo dei clienti attraverso un loro feedback. Sul volo SV590 da Jeddah a Dubai dell'8 ottobre 2022, agli ospiti a bordo sono state chieste idee per un viaggio aereo più ecologico, che coprisse i momenti precedenti alla partenza in aeroporto e l'arrivo a destinazione. I passeggeri e i membri del team Saudia hanno raccolto in totale 150 idee interessanti.  eVTOL: in collaborazione con la start-up Lilium di Monaco di Baviera, l'Arabia Saudita sta investendo nel trasporto aereo ad emissioni zero per promuovere l'indipendenza dal petrolio come parte della sua Vision 2030. A tal fine, la compagnia di bandiera saudita ha in programma l'acquisto di 100 taxi aerei a propulsione elettrica Lilium-Jet per servire i collegamenti da punto a punto e con gli hub senza soluzione di continuità per i clienti della classe Business all'interno dell'Arabia Saudita. La Formula E: in qualità di partner ufficiale della prima serie di corse automobilistiche elettriche e partner principale dell'inaugurale Saudia Ad Diriyah E-Prix, il vettore quest’anno ha lanciato una nuova campagna per mettere in contatto i fan della Formula E di tutto il mondo e promuovere uno sport sostenibile. A questo scopo Saudia e i suoi partner SkyTeam voleranno in tutte le città che ospiteranno la gara il prossimo anno. Le città di Roma, Berlino, New York, Londra e Seul saranno presenti nel programma di volo. [post_title] => Saudia rilancia gli investimenti sulla sostenibilità ambientale: ecco i progetti green [post_date] => 2023-01-17T13:12:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673961132000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436956 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà Alessandro Caristo il general manager del Nolinski Venezia, il nuovo hotel luxury lifestyle del gruppo francese Evok in apertura quest'anno. Nato in una famiglia di albergatori, Caristo ne ha ereditato la passione per l’ospitalità e il servizio. Dopo aver conseguito il diploma presso la scuola alberghiera di Stresa e Milano, ha iniziato la propria carriera negli alberghi a 4 e a 5 stelle tra Londra, la Svizzera e l’Italia. Accumulati oltre dieci anni di esperienza maturati fra le attività di front office, il settore food&beverage e le vendite, Caristo ha conseguito il master in economia e gestione del turismo presso l’università Ca’ Foscari di Venezia. Ha successivamente assunto incarichi dirigenziali all’interno di alberghi italiani e svizzeri, tra i quali spicca il suo periodo da direttore dell’hotel Cipriani nel capoluogo veneto, poco prima di entrare a far parte del gruppo Evok e assumere la direzione del Nolinski Venezia. Il suo primo incarico sarà ora quello di scegliere e assumere i 140 impiegati che andranno a costituire il suo team. Di proprietà di Pierre Bastid, il gruppo Evok nasce da un’idea di Romain Yzerman e di Emmanuel Sauvage, direttore generale, nel 2014. L’obiettivo dei tre co-fondatori era quello di creare nuovi approcci al lifestyle e destinazioni turistiche capaci di cambiare le regole del gioco nel campo dell’ospitalità di lusso. Oltre al brand Nolinski, la compagnia vanta anche i marchi Brach e Sinner, nonché altri ristoranti e proprietà indipendenti. Attualmente gestisce sei indirizzi brandizzati. In arrivo, in aggiunta al Nolinski Venezia, ci sono i Brach di Madrid e di Roma, la cui inaugurazione è prevista rispettivamente nel 2024 e nel 2025. [post_title] => L’ex direttore del Cipriani, Alessandro Caristo, nominato gm del nuovo Nolinski Venezia [post_date] => 2023-01-10T10:09:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673345355000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436836 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giungono cattive notizie da Oltreoceano sulle prospettive economiche globale di breve periodo. Dopo i licenziamenti delle scorse settimane di alcune big tech quali Facebook e Twitter ora anche una compagnia It ben nota al mondo del turismo come Salesforce ha annunciato un piano di ristrutturazione del valore compreso tra gli 1,4 e i 2,1 miliardi di dollari. La strategia, racconta il Wall Street Journal, prevede tra le altre cose una riduzione del personale pari al 10% della forza lavoro complessiva della società, insieme a un ridimensionamento delle sedi e alla vendita di alcune proprietà immobiliari. Durante la pandemia, si legge in una lettera inviata ai dipendenti dal co-ceo di Salesforce, Marc Benioff, la compagnia avrebbe assunto troppe persone, mentre l'ambiente oggi rimane impegnativo e i clienti adottano approcci più cauti nelle proprie decisioni d'acquisto. Stando alla documentazione inoltrata all'autorità di Borsa Usa, la Securities and Exchange Commission, il piano di licenziamenti dovrebbe essere implementato nel biennio 2023-2024, mentre la dismissione delle proprietà immobiliari sarebbe destinata a proseguire fino al 2026. Ai dipendenti Usa lasciati a casa, la società intenderebbe offrire un minimo di cinque mensilità di stipendio, l'assicurazione sanitaria, ulteriori risorse per la carriere e altri benefici. Trattamenti simili dovrebbero essere riservati anche al personale coinvolto nelle sedi situate al di fuori del territorio statunitense, compatibilmente con le leggi sul lavoro locali. [post_title] => Salesforce ristruttura e taglia il 10% del personale a livello globale [post_date] => 2023-01-05T11:53:12+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672919592000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Swiss riprenderà nel 2023 il reclutamento e la formazione di nuovi piloti, dopo la sospensione forzata a causa della pandemia. La formazione sarà affidata alla European Flight Academy, gestita da Lufthansa Aviation Training. Il vettore svizzero assumerà anche 80 primi ufficiali che hanno già completato il percorso formativo. L'addestramento si svolgerà in varie località, tra cui Opfikon e Grenchen in Svizzera e Goodyear (Arizona) negli Stati Uniti. Gli allievi piloti potranno inoltre usufruire di un sostegno finanziario per la formazione. I candidati devono aver completato almeno tre anni di formazione professionale di base o avere accesso senza esami all'istruzione universitaria. "Dopo un blocco delle assunzioni durato due anni, possiamo ora offrire a una nuova generazione di piloti Swiss prospettive di lavoro, di carriera e un posto di lavoro attrattivo e possiamo dare il benvenuto a nuovi colleghi nel nostro team di bordo", ha dichiarato il responsabile delle operazioni di volo, Stefan-Kenan Scheib.       [post_title] => Swiss riprenderà la formazione e l'assunzione di nuovi piloti nel 2023 [post_date] => 2022-12-23T12:02:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671796930000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435864 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Emirates Flight Training Academy ha dato il benvenuto a 53 nuovi piloti e, in occasione della cerimonia di qualche giorno fa, ha celebrato anche il superamento di tre traguardi: il riconoscimento di international cadets per la prima volta da quando l’accademia ha aperto le sue porte ai cadetti non emiratini alla fine del 2019; più di 50 cadetti (il doppio di quella degli eventi precedenti); più di 100 cadetti dai primi graduati nel 2020. “Anni fa - ha commentato Ahmed bin Saeed Al Maktoum, presidente e ceo della compagnia aerea e del gruppo Emirates - ci siamo resi conto che ci sarebbe stata un'enorme richiesta di piloti addestrati per supportare le esigenze dell'aviazione commerciale e, in qualità di compagnia aerea globale e leader del settore, ci siamo sentiti obbligati ad agire. Questa cerimonia segna il raggiungimento della nostra visione a lungo termine per la creazione dell'Emirates Flight Training Academy, all'avanguardia per accogliere e coltivare giovani talenti non solo a livello locale, ma globale. La nostra prossima generazione di cadetti altamente qualificati e ben addestrati è una dimostrazione del contributo dell'Accademia all'industria aeronautica". Secondo l'ultima ricerca di Oliver Wyman, l'industria aeronautica sperimenterà un divario globale di 34.000 piloti entro il 2025, che potrebbe aumentare fino a 50.000 dato l'impatto di permessi e pensionamenti. Spinta da un forte aumento della domanda di viaggi aerei, la regione del Medio Oriente potrebbe affrontare una carenza di 3.000 piloti entro il 2023 e 18.000 entro il 2032. Boeing stima che entro il 2041 il divario si allargherà a 602.000 piloti a livello globale e 53.000 in Medio Oriente. [post_title] => Emirates: sono 53 i nuovi piloti formati alla Flight Training Academy di Dubai [post_date] => 2022-12-14T09:20:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671009628000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "i4t i4flight" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":26,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":206,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438614","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438615\" align=\"alignleft\" width=\"267\"] Avv. Daniele Romilly, ideatore di Volano Rimborsi[/caption]\r\n\r\nQuante volte l’agente di viaggio si trova davanti alla scomoda gestione delle pratiche di rimborso per “disagi aerei”? Quante volte le risposte al reclamo da parte di alcune compagnie aeree, specie in assenza di diffide legali, stentano a giungere in tempi ragionevoli, generando malcontento da parte dell’agente e del cliente?Nei casi di ritardo aereo, cancellazione, perdita della coincidenza  o overbooking, che comportino un ritardo pari o superiore alle tre ore, nonché nelle ipotesi di ritardata consegna, danneggiamento e smarrimento definitivo del bagaglio, le agenzie di viaggio possono affidarsi a Volano Rimborsi che offre gratuitamente e senza commissioni un servizio di assistenza legale, fornendo un riscontro entro 48 ore dalla ricezione della segnalazione.\r\n\r\nL’azienda, nata da un’idea della Flight Services S.r.l.s. e presente online su volanorimborsi.it e con App Ios e Android, ha anche attivato per le agenzie di viaggio un apposito canale di comunicazione: basterà inviare un’email ad agenzie@volanorimborsi.it per poter essere seguiti da un team di legali con esperienza pluridecennale nel diritto del trasporto aereo, dal momento dell’invio del reclamo alla compagnia aerea, fino alla presentazione della causa dinanzi all’autorità giudiziaria competente e all’effettivo recupero delle somme dovute al passeggero.\r\n\r\nL’agenzia di viaggio, affidando a Volano Rimborsi la gestione legale dell’intera pratica di rimborso, potrà quindi offrire al cliente un servizio post vendita efficiente e gratuito, risparmiando tempo e fatica.\r\n\r\n«Molte agenzie che ad oggi collaborano con Volano Rimborsi non erano a conoscenza della presenza di un tale servizio di assistenza legale gratuita e, dopo essersi rivolti a noi, hanno manifestato il loro pieno gradimento per il servizio ricevuto – spiega l’avv. Daniele Romilly, ideatore e responsabile dell’area legale di Volano Rimborsi -. Il nostro servizio garantisce alle agenzie di viaggio molti vantaggi ed alcun onere, né sotto il profilo economico, né sotto l'aspetto del dispendio di tempo e potrà certamente aiutarle a fidelizzare maggiormente la clientela».\r\n\r\nIn caso di ritardo nell’arrivo a destinazione pari o superiore alle tre ore, quindi, il passeggero ha diritto di ricevere una compensazione pecuniaria pari a 250 Euro per tratte fino a 1.500 chilometri, a 400 Euro per tratte comprese tra i 1.500 chilometri e 3.500 chilometri e a 600 Euro per tratte superiori a 3.500 chilometri. In caso, invece, di disservizi collegati al bagaglio, il rimborso arriva fino a 1.600 Euro.\r\n\r\nIl servizio è gratuito e senza commissioni: la società anticiperà tutti i costi necessari per l’eventuale presentazione della causa e gli onorari per l’attività degli avvocati saranno corrisposti direttamente dalla compagnia aerea. Nessuna somma, a titolo di provvigione, verrà poi richiesta al passeggero sul recuperato.","post_title":"Volano Rimborsi, l’assistenza legale gratuita per agenzie in caso di disagi aerei","post_date":"2023-02-03T11:01:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675422118000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437819","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Karnataka Tourism Board approda in Italia con una promozione a 360 gradi per catalizzare il mercato leisure italiano che affiancherà il già consolidato traffico business.\r\n\r\nSulla tabella di marcia, in programma la partecipazione agli eventi di turismo internazionale. “Siamo stati presenti alla Fitur di Madrid, ci saremo all’Itb di Berlino e alterneremo diversi road show in Europa, Emirati Arabi, Mosca, Tokyo per incontrare i professionisti del settore – spiega H. T. Ratnakar, adviser tourism and hospitality del Karnataka tourism board - Lo stato del Karnataka, nel sud dell’India, conta 31 provincie con Bangalore capitale, la Silicon Valley dell’Est, centro dell'industria tecnologica del Paese, rinomata anche per i suoi parchi e la vita notturna. Bangalore è l'hub del back office IT di tutto il mondo che da sola genera il 50% del traffico di turismo business”.\r\n\r\nLa destinazione indiana si presenta come “un altro stato dell’India interessante da visitare” così definito da T. Ajungla Jamir console generale dell'India a Milano.\r\n\r\nLa regione offre un variegato ventaglio di attrazioni turistiche: “È una terra benedetta dalla natura - spiega Kapil Mohan Ias, additional chef secretary tourism of Karnataka -, con la possibilità di vivere innumerevoli esperienze: avventura, natura, cultura, tradizioni, una gustosa cucina; turismo religioso, naturopatia e yoga per un turismo medicale”. I siti Unesco di Hampi, Pattadakal e la catena montuosa dei Ghati occidentali ricche di foreste pluviali, parchi nazionali, 320 km di costa, oltre 6 mila elefanti e più di 524 tigri; queste oltre alle piantagioni del rinomato caffè Coorg, sono solo alcuni dei punti di forza dell'area.\r\n\r\nE se nel 2019 i visitatori in India si stono attestati attorno ai 6 milioni, le aspettative puntano a superare questa quota per il prossimo anno. Dall’Europa, Londra Francoforte e Parigi collegano direttamente Bangalore. Dall’Italia, voli diretti da Milano a Delhi in connessione per Bangalore sono garantiti da Air India.I 2 aeroporti internazionali di Bangalore - che recentemente ha visto l'apertura del nuovo Terminal 2 - e Mengalore collegano Karnataka al resto del mondo con 29 voli internazionali al giorno; nello stato sono inoltre attivi 6 aeroporti per scali domestici.\r\n\r\n ","post_title":"L'India accende i riflettori sul Karnataka: nuove opportunità per i flussi leisure","post_date":"2023-01-24T12:12:01+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1674562321000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437760","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Entra nella fase due il progetto per la transizione digitale nel turismo co-finanziato dal programma Cosme dell’Unione europea (COmpetitiveness of Small and Medium-sized Enterprises). Si sono, infatti, aperte le candidature per il bando di accelerazione e finanziamento promosso da EuDigiTour, che porterà 30 realtà innovative, selezionate tra startup e pmi con sede in Italia, Germania, Croazia e Slovenia, ad accedere a un programma di coaching e mentoring di tre mesi dedicato al modello di business e alla maturità tecnologica, con la possibilità di ricevere un voucher di finanziamento di 10 mila euro.\r\n\r\nLe candidature si chiudono il 15 febbraio e saranno inizialmente aperte a 45 realtà del turismo nei paesi membri del progetto. Successivamente, solo 30 aziende verranno selezionate, con il duplice vantaggio dell’accelerazione gratuita verso soluzioni innovative e del finanziamento, che consentirà di integrare le tecnologie necessarie. A questo si aggiunge la visibilità e il networking di respiro europeo che apre le porte a nuove opportunità di business.\r\n\r\nIl progetto EuDigiTour è stato concepito per aiutare la prossima generazione di pmi turistiche dell’Ue a sfruttare le potenzialità del digitale, rafforzando la cooperazione nell’ecosistema turistico per lo sviluppo di soluzioni turistiche nuove, innovative e intelligenti, prodotti, servizi, competenze e nuovi modelli di business: a disposizione delle pmi mentor nazionali e internazionali, esperti nell’uso di intelligenza artificiale (Ai), Internet delle cose (IoT), realtà virtuale e aumentata (vr/ar) e big data, nonché un percorso totalmente gratuito che si articola in diversi step.\r\n\r\nLa prima fase di formazione si è svolta in particolare tra settembre e novembre 2022 con il supporto di X23 (Centro di ricerca coordinatore del progetto), Associazione startup turismo e altri partner europei. In Italia, la Transformation Academy è stata condotta in partnership con Isnart e ha visto la partecipazione di 132 realtà, ben oltre l’obiettivo indicato dall’Unione europea di raggiungere 80 aziende. “Le startup sono un naturale game changer. Ed è stato facile per noi giocare un ruolo attivo in questo progetto, perché è parte integrante della nostra mission supportare la transizione delle pmi del turismo verso la tecnologia digitale\", sottolinea Karin Venneri, presidente Associazione startup turismo.\r\n\r\n ","post_title":"Al via il bando EuDigiTour per le startup del turismo. Si chiuderà il 15 febbraio","post_date":"2023-01-23T11:19:40+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1674472780000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437491","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Neos ha siglato un nuovo accordo di wet lease in con Etf Airways, compagnia aerea croata con cui ha già avviato collaborazioni la scorsa estate. In base all'intesa Etf (Enjoy The Flight) Airways metterà a disposizione di Neos un Boeing 737-800 da 186 posti in Acmi, comprendente perciò tutte le prestazioni accessorie quali assicurazione, equipaggio e manutenzione.\r\nL'aeromobile sarà dedicato in particolare alle operazioni con partenza da Milano Bergamo, contribuendo a una maggiore flessibilità operativa e commerciale, garantendo una capacità superiore, necessaria in particolare durante l’alta stagione, e migliorando complessivamente gli operativi delle singole rotazioni.\r\n“La collaborazione con Etf Airways che rappresenta un’ulteriore opportunità di crescita per il nostro business e che ci permetterà di garantire ai nostri clienti la stabilità operativa che ci contraddistingue, anche nei periodi di maggior richiesta, continuando ad offrire qualità e servizi di alto livello” afferma Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos\r\n ","post_title":"Neos: nuovo accordo di wet lease in con il vettore croato Etf Airways","post_date":"2023-01-18T10:08:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674036496000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saudi Arabian Airlines investe sul futuro green con una serie di progetti sostenibili e nuove iniziative ecologiche: obiettivo diventare una compagnia aerea leader nel settore che riconosce la propria responsabilità nei confronti dell’ambiente e della società, e che considera il tema della sostenibilità come parte integrante della sua strategia aziendale.  Si parte dal Green Points Program: Saudia è stata la prima ad implementare i Green Points, un programma che premia i passeggeri che si impegnano a proteggere l’ambiente. Il programma è stato implementato su un volo in partenza da Jeddah e diretto a Madrid il 12 maggio durante il Sustainable Flight Challenge presentato da SkyTeam Alliance.\r\n\r\nVoluntary Carbon Market Initiative vede Saudia quale prima compagnia partner dell’area Mena partecipare all’iniziativa avviata un anno fa. A proposito dell’obiettivo dell'Arabia Saudita di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060 e di ridurre il suo impatto sul cambiamento climatico, il Fondo pubblico per gli investimenti (PIF) ha istituito il mercato volontario del carbonio. Il progetto riflette l’interesse delle compagnie aeree che cercano di ridurre a piccoli passi l’utilizzo di carbonio attraverso iniziative e innovazioni come l'espansione delle energie rinnovabili o la promozione dell'idrogeno verde. \r\n\r\nSustainability Flight Challenge: un’altra iniziativa sostenibile che ha lo scopo di ridurre la produzione di emissioni, è il coinvolgimento attivo dei clienti attraverso un loro feedback. Sul volo SV590 da Jeddah a Dubai dell'8 ottobre 2022, agli ospiti a bordo sono state chieste idee per un viaggio aereo più ecologico, che coprisse i momenti precedenti alla partenza in aeroporto e l'arrivo a destinazione. I passeggeri e i membri del team Saudia hanno raccolto in totale 150 idee interessanti. \r\n\r\neVTOL: in collaborazione con la start-up Lilium di Monaco di Baviera, l'Arabia Saudita sta investendo nel trasporto aereo ad emissioni zero per promuovere l'indipendenza dal petrolio come parte della sua Vision 2030. A tal fine, la compagnia di bandiera saudita ha in programma l'acquisto di 100 taxi aerei a propulsione elettrica Lilium-Jet per servire i collegamenti da punto a punto e con gli hub senza soluzione di continuità per i clienti della classe Business all'interno dell'Arabia Saudita.\r\n\r\nLa Formula E: in qualità di partner ufficiale della prima serie di corse automobilistiche elettriche e partner principale dell'inaugurale Saudia Ad Diriyah E-Prix, il vettore quest’anno ha lanciato una nuova campagna per mettere in contatto i fan della Formula E di tutto il mondo e promuovere uno sport sostenibile. A questo scopo Saudia e i suoi partner SkyTeam voleranno in tutte le città che ospiteranno la gara il prossimo anno. Le città di Roma, Berlino, New York, Londra e Seul saranno presenti nel programma di volo.","post_title":"Saudia rilancia gli investimenti sulla sostenibilità ambientale: ecco i progetti green","post_date":"2023-01-17T13:12:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673961132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436956","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà Alessandro Caristo il general manager del Nolinski Venezia, il nuovo hotel luxury lifestyle del gruppo francese Evok in apertura quest'anno. Nato in una famiglia di albergatori, Caristo ne ha ereditato la passione per l’ospitalità e il servizio. Dopo aver conseguito il diploma presso la scuola alberghiera di Stresa e Milano, ha iniziato la propria carriera negli alberghi a 4 e a 5 stelle tra Londra, la Svizzera e l’Italia.\r\n\r\nAccumulati oltre dieci anni di esperienza maturati fra le attività di front office, il settore food&beverage e le vendite, Caristo ha conseguito il master in economia e gestione del turismo presso l’università Ca’ Foscari di Venezia. Ha successivamente assunto incarichi dirigenziali all’interno di alberghi italiani e svizzeri, tra i quali spicca il suo periodo da direttore dell’hotel Cipriani nel capoluogo veneto, poco prima di entrare a far parte del gruppo Evok e assumere la direzione del Nolinski Venezia. Il suo primo incarico sarà ora quello di scegliere e assumere i 140 impiegati che andranno a costituire il suo team.\r\n\r\nDi proprietà di Pierre Bastid, il gruppo Evok nasce da un’idea di Romain Yzerman e di Emmanuel Sauvage, direttore generale, nel 2014. L’obiettivo dei tre co-fondatori era quello di creare nuovi approcci al lifestyle e destinazioni turistiche capaci di cambiare le regole del gioco nel campo dell’ospitalità di lusso. Oltre al brand Nolinski, la compagnia vanta anche i marchi Brach e Sinner, nonché altri ristoranti e proprietà indipendenti. Attualmente gestisce sei indirizzi brandizzati. In arrivo, in aggiunta al Nolinski Venezia, ci sono i Brach di Madrid e di Roma, la cui inaugurazione è prevista rispettivamente nel 2024 e nel 2025.","post_title":"L’ex direttore del Cipriani, Alessandro Caristo, nominato gm del nuovo Nolinski Venezia","post_date":"2023-01-10T10:09:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1673345355000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436836","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giungono cattive notizie da Oltreoceano sulle prospettive economiche globale di breve periodo. Dopo i licenziamenti delle scorse settimane di alcune big tech quali Facebook e Twitter ora anche una compagnia It ben nota al mondo del turismo come Salesforce ha annunciato un piano di ristrutturazione del valore compreso tra gli 1,4 e i 2,1 miliardi di dollari. La strategia, racconta il Wall Street Journal, prevede tra le altre cose una riduzione del personale pari al 10% della forza lavoro complessiva della società, insieme a un ridimensionamento delle sedi e alla vendita di alcune proprietà immobiliari.\r\n\r\nDurante la pandemia, si legge in una lettera inviata ai dipendenti dal co-ceo di Salesforce, Marc Benioff, la compagnia avrebbe assunto troppe persone, mentre l'ambiente oggi rimane impegnativo e i clienti adottano approcci più cauti nelle proprie decisioni d'acquisto. Stando alla documentazione inoltrata all'autorità di Borsa Usa, la Securities and Exchange Commission, il piano di licenziamenti dovrebbe essere implementato nel biennio 2023-2024, mentre la dismissione delle proprietà immobiliari sarebbe destinata a proseguire fino al 2026. Ai dipendenti Usa lasciati a casa, la società intenderebbe offrire un minimo di cinque mensilità di stipendio, l'assicurazione sanitaria, ulteriori risorse per la carriere e altri benefici. Trattamenti simili dovrebbero essere riservati anche al personale coinvolto nelle sedi situate al di fuori del territorio statunitense, compatibilmente con le leggi sul lavoro locali.","post_title":"Salesforce ristruttura e taglia il 10% del personale a livello globale","post_date":"2023-01-05T11:53:12+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1672919592000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Swiss riprenderà nel 2023 il reclutamento e la formazione di nuovi piloti, dopo la sospensione forzata a causa della pandemia. La formazione sarà affidata alla European Flight Academy, gestita da Lufthansa Aviation Training. Il vettore svizzero assumerà anche 80 primi ufficiali che hanno già completato il percorso formativo.\r\n\r\nL'addestramento si svolgerà in varie località, tra cui Opfikon e Grenchen in Svizzera e Goodyear (Arizona) negli Stati Uniti.\r\n\r\nGli allievi piloti potranno inoltre usufruire di un sostegno finanziario per la formazione. I candidati devono aver completato almeno tre anni di formazione professionale di base o avere accesso senza esami all'istruzione universitaria.\r\n\r\n\"Dopo un blocco delle assunzioni durato due anni, possiamo ora offrire a una nuova generazione di piloti Swiss prospettive di lavoro, di carriera e un posto di lavoro attrattivo e possiamo dare il benvenuto a nuovi colleghi nel nostro team di bordo\", ha dichiarato il responsabile delle operazioni di volo, Stefan-Kenan Scheib.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Swiss riprenderà la formazione e l'assunzione di nuovi piloti nel 2023","post_date":"2022-12-23T12:02:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1671796930000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435864","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Emirates Flight Training Academy ha dato il benvenuto a 53 nuovi piloti e, in occasione della cerimonia di qualche giorno fa, ha celebrato anche il superamento di tre traguardi: il riconoscimento di international cadets per la prima volta da quando l’accademia ha aperto le sue porte ai cadetti non emiratini alla fine del 2019; più di 50 cadetti (il doppio di quella degli eventi precedenti); più di 100 cadetti dai primi graduati nel 2020.\r\n“Anni fa - ha commentato Ahmed bin Saeed Al Maktoum, presidente e ceo della compagnia aerea e del gruppo Emirates - ci siamo resi conto che ci sarebbe stata un'enorme richiesta di piloti addestrati per supportare le esigenze dell'aviazione commerciale e, in qualità di compagnia aerea globale e leader del settore, ci siamo sentiti obbligati ad agire. Questa cerimonia segna il raggiungimento della nostra visione a lungo termine per la creazione dell'Emirates Flight Training Academy, all'avanguardia per accogliere e coltivare giovani talenti non solo a livello locale, ma globale. La nostra prossima generazione di cadetti altamente qualificati e ben addestrati è una dimostrazione del contributo dell'Accademia all'industria aeronautica\".\r\nSecondo l'ultima ricerca di Oliver Wyman, l'industria aeronautica sperimenterà un divario globale di 34.000 piloti entro il 2025, che potrebbe aumentare fino a 50.000 dato l'impatto di permessi e pensionamenti. Spinta da un forte aumento della domanda di viaggi aerei, la regione del Medio Oriente potrebbe affrontare una carenza di 3.000 piloti entro il 2023 e 18.000 entro il 2032. Boeing stima che entro il 2041 il divario si allargherà a 602.000 piloti a livello globale e 53.000 in Medio Oriente.","post_title":"Emirates: sono 53 i nuovi piloti formati alla Flight Training Academy di Dubai","post_date":"2022-12-14T09:20:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1671009628000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti