28 September 2022

Gli alberghi mare di youtravel.com sbarcano su Galileo Leisure

[ 0 ]

gli_alberghi_mare_di_youtravel_com_sbarcano_su_galileo_leisure_imagelarge

Lo specialista del ricettivo youtravel.com ha firmato un accordo a livello europeo con Travelport Gds per distribuire agli utenti del portale Galileo Leisure la propria gamma di alberghi al mare. Gli utenti di Galileo Leisure sono adesso in grado di effettuare,‭ ‬cancellare e modificare prenotazioni online e utilizzare servizi come l’assistenza all’interno della struttura ricettiva da parte di un corrispondente youtravel.com ed i servizi ai clienti pre-partenza e post-partenza. Laura Capasa,‭ marketing manager Emea di Travelport Gds dichiara:‭ «Nel‭ ‬2005‭ ‬il lancio di Galileo Leisure ha scatenato una piccola rivoluzione nel comportamento degli agenti di viaggio e nel loro modo di lavorare con il gds.‭ ‬Il portale si è rapidamente affermato come una soluzione preferita per la prenotazione di tutti i servizi a terra,‭ ‬soprattutto in città.‭ ‬A questo livello di eccellenza adesso possiamo aggiungere tutta la forza del prodotto mare di youtravel.com:‭ ‬per gli agenti di viaggio vendere e guadagnare diventerà ancora più facile».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà il 5 stelle La Caleta Resort, situato sulla costa Adeje di Tenerife, il primo indirizzo del brand Tivoli Hotels & Resorts in Spagna. La struttura, di proprietà di European Hospitality Opportunities, una joint venture tra fondi gestiti da Santander Asset Management e Signal Capital Partners Limited, era precedentemente gestita da Sheraton. Attualmente è in fase di ristrutturazione, con la sua riapertura prevista nel primavera 2023, quando sarà nuovamente operativo con un totale di 284 camere, incluse 20 suite, oltre a quattro ristoranti, due bar, dieci sale riunioni e ancora tre piscine, un centro fitness, campi da tennis e da paddle. La struttura ospiterà anche una Anantara Spa: uno spazio in cui le antiche tradizioni termali e l’arte del benessere si combinano con le tecniche moderne. Da segnalare pure la collaborazione dello stesso brand Tivoli con lo chef portoghese Olivier da Costa per lo sviluppo e l'implementazione di nuovi concept f&b. Con un portfolio di 16 strutture in quattro Paesi differenti, il marchio Tivoli è di proprietà di Minor Hotels ed è gestito da Nh Hotel Group in Europa. Per il ceo di quest'ultima compagnia, Ramón Aragonés, questa operazione rappresenta un importante salto di qualità per il brand e per l'azienda nel suo complesso: "Nel corso di quest'anno, l'impegno combinato e simultaneo su destinazioni sia leisure sia business ha rafforzato la nostra capacità di ripresa. L'ingresso di Tivoli in Spagna, con un resort caratteristico come La Caleta a Tenerife, ci permette di fare un ulteriore passo strategico in avanti, aggiungendo questa destinazione a quelle già esistenti del brand in Portogallo, Brasile, Qatar e Cina. In futuro, espandere l'impronta di Tivoli attraverso resort di alta qualità sarà per noi una priorità". [post_title] => Il gruppo Nh prepara il debutto spagnolo del brand Tivoli a Tenerife [post_date] => 2022-09-27T12:31:07+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664281867000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430992 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Presenze sopra le aspettative per l'estate e la primavera dei cinque Leonardo Hotels nelle città d'arte italiane: le presenze sono stati migliori delle previsioni sia per quanto riguarda gli individuali (a Roma e a Verona) sia per i gruppi (a Venezia e a Milano dove il gruppo conta due strutture). I tassi di occupazione durante l’estate hanno quindi raggiunto i livelli pre-Covid in tutte le strutture italiane, talvolta superandoli, con il Leonardo Boutique Roma Termini in cima alla lista. Anche la durata del soggiorno , soprattutto nelle destinazioni leisure (principalmente Roma) è aumentata del 50% nella categoria dei soggiorni di quattro notti e del 40% in quella dei soggiorni di cinque notti. Luglio è stato in particolare il mese più performante, con gli hotel che hanno registrato un'occupazione media superiore all'85%. In termini di nazionalità dei visitatori, l’Italia e la Germania sono i mercati principali per tutte le strutture, seguite da Stati Uniti, Inghilterra e Israele (non in quest’ordine per tutte le strutture). C’è anche un buon mix di altri Paesi europei (Francia, Svizzera, Spagna, Olanda). Il Leonardo Milano City Center da questo punto di vista rappresenta un'eccezione, in quanto la Cina è una delle prime tre regioni di provenienza degli ospiti per la struttura. In prospettiva, le previsioni sono molto positive anche per i prossimi mesi autunnali. Si prevede che settembre e ottobre superino gli anni pre-Covid in termini di richieste e prenotazioni, anche per quanto riguarda il business e gli eventi, specialmente per il segmento mice, grazie agli appuntamenti e alle fiere in programma. Il gruppo stima che a settembre e ottobre il tasso di occupazione delle strutture raggiungerà l’88-90% a Milano e l’86% a Mestre e Verona. ‘’È stata davvero un'estate con ottime performance per noi in Italia, e questi risultati confermano la qualità delle nostre scelte strategiche sul mercato; ci aspettiamo che questa performance positiva continui anche in autunno - commenta Yoram Biton, managing director Leonardo Hotels Central Europe -. L'Italia è una destinazione molto attrattiva e per questo motivo abbiamo in programma di espandere il nostro portfolio con nuovi hotel nei prossimi anni, non solo in altre destinazioni in città per il segmento business, ma anche verso mete leisure, al mare o sui laghi nel Nord Italia". I piani della compagnia per la nostra Penisola sono davvero ambiziosi. Già lo scorso maggio il gruppo aveva annunciato la prossima apertura di cinque nuove strutture, a cui dovrebbero farne seguito un'altra quindicina in cinque anni. [post_title] => Leonardo Hotels: in estate l'occupazione in Italia è tornata sopra i livelli pre-Covid [post_date] => 2022-09-23T09:55:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663926900000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430755 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono oltre una sessantina gli sviluppi di hotel di lusso previsti in Italia per i prossimi tre anni. Lo ha rivelato  il direttore di Thrends, Giorgio Ribaudo, in occasione della seconda edizione della Luxury Hospitality Conference, organizzata la settimana scorsa a Milano da Teamwork, in collaborazione con HotelMyPassion. Il dato è un'anticipazione del Luxury Report 2022 realizzato sempre da Thrends, che sarà presentato ufficialmente in occasione della Italian Hospitality Investment Conference (Ithic), in programma a Rimini dal 10 all'11 ottobre. Sul territorio nazionale le strutture a 5 stelle passeranno quindi dalle attuali 652 unità a 682 nel 2023, diventeranno poi 702 nel 2024 e infine 712 nel 2025. Ulteriori tre aperture sono inoltre già previste negli anni successivi, ovvero entro il 2027. Nel dettaglio, sono le destinazioni urbane a concentrare la maggior quota (38%) di nuove aperture del segmento, seguite poi dalle mete leisure non urbane (30%) e da quelle sun & beach (22%). In termini di location, invece, sono Roma (8 hotel in pipeline), Venezia (7) e Milano (6) a catalizzare il maggior numero di aperture, seguite poi da Firenze (4) e Cortina d’Ampezzo (3). [post_title] => Thrends: in arrivo oltre 60 hotel di lusso in Italia nei prossimi tre anni [post_date] => 2022-09-20T11:01:03+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663671663000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430740 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Smart working e flessibilità sul lavoro spingono le performance del gruppo Ho Collection, che questa estate ha beneficiato di una domanda non più concentrata solo ad agosto ma meglio spalmata su tutti i mesi della stagione più calda dell'anno. La compagnia, che gestisce cinque proprietà in Puglia e una a Roma, ha in questo modo registrato una incremento del giro d'affari del 50% a giugno, luglio e settembre, rispetto agli stessi mesi del 2021, nonché del 10% ad agosto. “Siamo molto felici di questo trend – dichiara Mattia De Gennaro, managing director di Ho Hotels Collection – anche perché con la fine dell’anno prevediamo di superare nuovamente i 20 milioni di fatturato complessivo, con un incremento prossimo al 90% rispetto al 2021 e valori di redditività superiori al 2019. Nei mesi scorsi abbiamo investito in modo cospicuo sulle nostre proprietà con importanti restyling. Per il futuro desideriamo continuare a crescere in territorio pugliese ma non solo, includendo nuove destinazioni, con l’obiettivo di arrivare a disporre di 1.500 camere entro il 2025". Molto positivo anche il dato relativo agli arrivi internazionali. Nel 2021 il mercato italiano rappresentava infatti oltre l'80% del totale, con la restante parte europea principalmente francese. Quest'anno invece i mercati esteri sono tornati a occupare una fetta intorno al 50% del fatturato della compagnia, con la presenza importante di americani, inglesi, olandesi e altri arrivi di lungo raggio (Brasile, Australia). “E’ prematuro fare previsioni per l’inverno ma siamo fiduciosi - conclude De Gennaro -. Il tema del pricing rappresenterà una costante nel trade off tra incremento dei costi operativi e pressione sulla potenzialità di spesa di aziende e clienti individuali. Sicuramente ci sarà una fase di transizione complessa fino all'assestamento dell'economia in funzione della crescente inflazione. In tale contesto, il settore del lusso sarà poco coinvolto, mentre corporate e leisure diventeranno mercati più volatili, in cui la qualità e la flessibilità saranno come sempre fattori determinanti”. [post_title] => Ho Collection nuovamente sopra i 20 mln di fatturato. Marginalità superiori al 2019 [post_date] => 2022-09-20T09:53:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663667638000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bernd Bauer sarà il nuovo ceo di Eurowings Discover, dal prossimo 1° ottobre. Il manager, al contempo, manterrà anche la sua attuale posizione di ceo di Edelweiss, l'altra compagnia aerea leisure del gruppo Lufthansa. Wolfgang Raebiger, precedente ceo di Eurowings Discover, assumerà il ruolo di chief operating officer e accountable manager della compagnia; Helmut Woelfel rimarrà come cco. In Edelweiss, David Birrer manterrà la sua posizione di chief operating officer, mentre Patrick Heymann continuerà a lavorare come chief commercial officer. In questo modo, entrambi i vettori amplieranno e rafforzeranno il proprio team di gestione con l'obiettivo di mantenere la propria indipendenza e aumentare l'offerta di servizi nelle destinazioni turistiche più popolari per i cittadini tedeschi e svizzeri. Attualmente, Eurowings Discover ed Edelweiss concentrano le loro attività sui mercati leisure a breve, medio e lungo raggio, andando a integrare l'offerta delle altre compagnie aeree del gruppo Lufthansa nei diversi hub. [post_title] => Bernd Bauer è il nuovo ceo di Eurowings Discover, che manterrà la stessa carica in Edelweiss [post_date] => 2022-09-16T12:56:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663332990000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430377 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà "Planning a sustainable growth" il filo conduttore della quarta edizione dell'Italian Hospitality Investment Conference (Ithic): esperti e professionisti del settore immobiliare e finanziario si incontreranno a Rimini tra il 10 e l'11 ottobre con i leader dell’ospitalità provenienti da dieci Paesi differenti, per due intense giornate di lavori in programma al Grand Hotel e al Palacongressi della città romagnola. Si parlerà dunque di come scegliere, discutere e costruire un percorso di crescita e sviluppo sostenibile nell’hospitality sotto il profilo ambientale, sociale e finanziario. Organizzato da Teamwork Hospitality, con la regia tecnico-scientifica della società di consulenza Thrends,  Ithic è un evento b2b unico nel suo genere, dedicato all’industria alberghiera, al settore immobiliare e alla finanza specializzata, che si rivolge a gruppi alberghieri, fondi d’investimento, banche, sviluppatori immobiliari, società di consulenza, studi legali e operatori del settore. La presenza di un selezionato gruppo di 700 delegati offrirà in particolare preziose opportunità di incontro e di nuovi contatti e sarà al contempo l’occasione di rinnovare relazioni con il mondo professionale degli operatori che si incontreranno a Rimini per affrontare insieme grandi temi sul tappeto, quali lo sviluppo alberghiero del prossimo biennio, la finanza a progetti di riqualificazione urbana, la ricerca di marginalità nel leisure e nel business, le prospettive del mercato nel post-Covid... Fra i nomi di spicco che hanno già confermato la loro presenza sul palco di Ithic ci saranno Sebastien Bazin, ceo di Accor, Ramon Aragones, ceo di Nh Hotel Group, Josh Littman, vicepresident di Sh Hotels & Resorts, Timo Gruenert, ceo di Oetker Collection, Corrado Passera, founder & ceo di illimity Bank, nonché rappresentanti Blackstone, Azora, Bank of America, Boscalt, Cerberus, Kkr, Stoneweg, Goldman Sachs. L’edizione 2022 di Ithic sarà anche una vetrina di proposte e opportunità di investimento specificamente pensata per le istituzioni pubbliche: agenzie governative e pubbliche istituzioni avranno infatti l’occasione di promuovere i loro investimenti e presentare i progetti per la valorizzazione degli asset a un pubblico internazionale di investitori.   [post_title] => Sostenibilità, la parola chiave di Ithic 2022. Appuntamento a Rimini dal 10 all'11 ottobre [post_date] => 2022-09-13T12:23:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663071800000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430355 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si appresta a chiudere un’alta stagione caratterizzata da un evidente segno più Ibiza Project: la dmc italiana con sede sull'isola delle Baleari specializzata in incoming su misura alle Pitiuse si prepara così a rilanciare anche la propria immagine e la comunicazione web. Particolarmente positivo è in particolare il bilancio del segmento mice che su Ibiza, nei mesi di maggio e giugno, ha registrato presenze e fatturato nettamente superiori al 2019, anche grazie alla riprogrammazione degli eventi cancellati causa Covid nel 2020 e nel 2021. Pure il segmento leisure ha peraltro certificato la tanto attesa ripartenza dei flussi turistici dall’Italia, con una domanda che è stata fluida e costante per tutta la stagione. “È stata una stagione decisamente positiva sia su Ibiza sia su Formentera, anch’essa destinazione sempre molto amata dai turisti italiani individuali– commenta Marco Dadone, co-founder di Ibiza Project –. Solamente a partire dalla fine di agosto abbiamo assistito a un rallentamento della domanda, indubbiamente dovuto alla minor disponibilità di voli e al conseguente aumento del costo dei biglietti. Nonostante il caro-prezzi si sia fatto sentire anche qui, grazie all’ottima riuscita dei grandi eventi aziendali di quest’anno stiamo già lavorando su richieste mice per il 2023: è la conferma che Ibiza rimane destinazione molto appetibile”. Un feeling speciale, quello tra l’Italia e le isole Pitiuse, che ha ispirato anche il restyling del logo di Ibiza Project e del suo sito, che sarà accompagnato nei prossimi mesi da un piano di comunicazione e social mirato, rivolto tanto al cliente finale quanto alle agenzie di viaggio partner. A queste ultime, in modo particolare, saranno dedicati gli appuntamenti che vedranno Ibiza Project partecipare alle principali fiere di settore d’autunno e ai road show di formazione in collaborazione con l’Ente del turismo spagnolo. “Abbiamo voluto dare a logo e sito un’immagine più fresca e smart, caratterizzata da colori dai toni più chiari e mediterranei – spiega l'altra co-founder Lara Corsinovi –. È il nostro modo di comunicare, anche visivamente, che continuiamo a presidiare la destinazione puntando su ciò che viene particolarmente apprezzato dai clienti: la conoscenza approfondita della realtà locale e la nostra presenza in loco, che ci permette di garantire un servizio personalizzato e di sempre maggior qualità”.   [post_title] => Ibiza Project chiude un'ottima estate e rilancia sito e comunicazione online [post_date] => 2022-09-13T09:57:37+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663063057000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430321 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al termine di una stagione ricca di risultati positivi, nel corso della quale il dato dell’occupazione ha superato del 7% quello del 2019, raggiungendo il 67% nei primi otto mesi dell'anno e segnando una crescita del 10% sul 2021, il Mercure Rimini Artis ha organizzato il primo Local Day. Ha così offerto ai propri ospiti la possibilità di vivere una narrazione tra storia, cultura, sapori e suoni di una città famosa per le attrattive e la vitalità del suo litorale: la riviera Romagnola. Il tutto, all'insegna del programma Discover Local del gruppo Accor, che coinvolge anche l'altro Mercure locale, il Rimini Lungomare. In entrambi i casi si tratta di strutture eleganti situate vicino al mare, dotate di circa 50 camere ciascuna. Ogni Local Day del Mercure Rimini Artis, dopo il tour della città al seguito di un’abile guida di visitRimini, prevede un buffet a chilometri zero con la master-class di una sfoglina: una cuoca esperta che prepara le piadine davanti agli ospiti, i quali potranno poi gustarle ascoltando un trio musicale, circondati dalle intense immagini della  Rimini in bianco e nero di Pio Sbrighi e Gianni Donati. Un appuntamento di successo che verrà riproposto nei prossimi mesi e che ha avviato l’autunno sia del Mercure Rimini Artis, sia del Mercure Rimini Lungomare. «Il marchio Mercure, nato nel 1975, fa parte della categoria midscale del gruppo Accor, insieme con Ibis e Novotel - spiega Luigi Lima, direttore Mercure Hotels Rimini -.  La segmentazione della clientela degli hotel Mercure, a Rimini da 12 anni, è 50% business e 50% leisure. Mercure, grazie alle sue due sale meeting con tecnologia all’avanguardia, ha un'attenzione particolare per il mice in una città ricca di attività fieristiche e congressuali. L’impegno di Accor, e quindi di Mercure, guarda anche all’ambiente e alla sostenibilità: all’interno del gruppo è nato infatti il programma Gaia, che prevede decine di impegni che ogni l'albergo dovrà rispettare». [post_title] => Mercure Rimini: il Local Day avvia la stagione raccontando il territorio [post_date] => 2022-09-13T09:32:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663061538000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430316 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Conto alla rovescia per il ritorno della sfida all'insegna dello sport firmata SkyTeam: 'Back to Lots' riporta il volley in spiaggia, a Igea Marina, nel fine settimana del 17 e 18 settembre. Protagonisti i partner del trade, sia business sia del leisure, che in questa undicesima edizione della manifestazione sfideranno i rappresentanti delle 18 compagnie aeree dell’alleanza, in gran parte presenti. "Quest’anno  - spiega una nota - ci saranno nuovamente anche manager internazionali che interverranno e che magari giocheranno insieme in quello che si annuncia essere il miglior Lots di sempre!". Le squadre partecipanti portano i nomi di Cisalpina, Gattinoni, ACI Blueteam, Volagratis, Alpitour, BCD Travel, Uvet, Easymarket, LOL, Tour 2000, TRIP.com, Lastminute.com, Top Travel Team e Viaggiovani.it Sarà possibile seguire tutti i momenti clou dell'evento attraverso i canali Facebook e Instagram di SkyTeam Italia.   [post_title] => SkyTeam stringe la mano al trade: torna la sfida volley 'Back to Lots' [post_date] => 2022-09-12T15:34:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662996842000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gli alberghi mare di youtravel com sbarcano su galileo leisure" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":78,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":538,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà il 5 stelle La Caleta Resort, situato sulla costa Adeje di Tenerife, il primo indirizzo del brand Tivoli Hotels & Resorts in Spagna. La struttura, di proprietà di European Hospitality Opportunities, una joint venture tra fondi gestiti da Santander Asset Management e Signal Capital Partners Limited, era precedentemente gestita da Sheraton. Attualmente è in fase di ristrutturazione, con la sua riapertura prevista nel primavera 2023, quando sarà nuovamente operativo con un totale di 284 camere, incluse 20 suite, oltre a quattro ristoranti, due bar, dieci sale riunioni e ancora tre piscine, un centro fitness, campi da tennis e da paddle. La struttura ospiterà anche una Anantara Spa: uno spazio in cui le antiche tradizioni termali e l’arte del benessere si combinano con le tecniche moderne. Da segnalare pure la collaborazione dello stesso brand Tivoli con lo chef portoghese Olivier da Costa per lo sviluppo e l'implementazione di nuovi concept f&b.\r\n\r\nCon un portfolio di 16 strutture in quattro Paesi differenti, il marchio Tivoli è di proprietà di Minor Hotels ed è gestito da Nh Hotel Group in Europa. Per il ceo di quest'ultima compagnia, Ramón Aragonés, questa operazione rappresenta un importante salto di qualità per il brand e per l'azienda nel suo complesso: \"Nel corso di quest'anno, l'impegno combinato e simultaneo su destinazioni sia leisure sia business ha rafforzato la nostra capacità di ripresa. L'ingresso di Tivoli in Spagna, con un resort caratteristico come La Caleta a Tenerife, ci permette di fare un ulteriore passo strategico in avanti, aggiungendo questa destinazione a quelle già esistenti del brand in Portogallo, Brasile, Qatar e Cina. In futuro, espandere l'impronta di Tivoli attraverso resort di alta qualità sarà per noi una priorità\".","post_title":"Il gruppo Nh prepara il debutto spagnolo del brand Tivoli a Tenerife","post_date":"2022-09-27T12:31:07+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664281867000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430992","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Presenze sopra le aspettative per l'estate e la primavera dei cinque Leonardo Hotels nelle città d'arte italiane: le presenze sono stati migliori delle previsioni sia per quanto riguarda gli individuali (a Roma e a Verona) sia per i gruppi (a Venezia e a Milano dove il gruppo conta due strutture). I tassi di occupazione durante l’estate hanno quindi raggiunto i livelli pre-Covid in tutte le strutture italiane, talvolta superandoli, con il Leonardo Boutique Roma Termini in cima alla lista. Anche la durata del soggiorno , soprattutto nelle destinazioni leisure (principalmente Roma) è aumentata del 50% nella categoria dei soggiorni di quattro notti e del 40% in quella dei soggiorni di cinque notti. Luglio è stato in particolare il mese più performante, con gli hotel che hanno registrato un'occupazione media superiore all'85%.\r\n\r\nIn termini di nazionalità dei visitatori, l’Italia e la Germania sono i mercati principali per tutte le strutture, seguite da Stati Uniti, Inghilterra e Israele (non in quest’ordine per tutte le strutture). C’è anche un buon mix di altri Paesi europei (Francia, Svizzera, Spagna, Olanda). Il Leonardo Milano City Center da questo punto di vista rappresenta un'eccezione, in quanto la Cina è una delle prime tre regioni di provenienza degli ospiti per la struttura.\r\n\r\nIn prospettiva, le previsioni sono molto positive anche per i prossimi mesi autunnali. Si prevede che settembre e ottobre superino gli anni pre-Covid in termini di richieste e prenotazioni, anche per quanto riguarda il business e gli eventi, specialmente per il segmento mice, grazie agli appuntamenti e alle fiere in programma. Il gruppo stima che a settembre e ottobre il tasso di occupazione delle strutture raggiungerà l’88-90% a Milano e l’86% a Mestre e Verona.\r\n\r\n‘’È stata davvero un'estate con ottime performance per noi in Italia, e questi risultati confermano la qualità delle nostre scelte strategiche sul mercato; ci aspettiamo che questa performance positiva continui anche in autunno - commenta Yoram Biton, managing director Leonardo Hotels Central Europe -. L'Italia è una destinazione molto attrattiva e per questo motivo abbiamo in programma di espandere il nostro portfolio con nuovi hotel nei prossimi anni, non solo in altre destinazioni in città per il segmento business, ma anche verso mete leisure, al mare o sui laghi nel Nord Italia\". I piani della compagnia per la nostra Penisola sono davvero ambiziosi. Già lo scorso maggio il gruppo aveva annunciato la prossima apertura di cinque nuove strutture, a cui dovrebbero farne seguito un'altra quindicina in cinque anni.","post_title":"Leonardo Hotels: in estate l'occupazione in Italia è tornata sopra i livelli pre-Covid","post_date":"2022-09-23T09:55:00+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663926900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430755","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono oltre una sessantina gli sviluppi di hotel di lusso previsti in Italia per i prossimi tre anni. Lo ha rivelato  il direttore di Thrends, Giorgio Ribaudo, in occasione della seconda edizione della Luxury Hospitality Conference, organizzata la settimana scorsa a Milano da Teamwork, in collaborazione con HotelMyPassion. Il dato è un'anticipazione del Luxury Report 2022 realizzato sempre da Thrends, che sarà presentato ufficialmente in occasione della Italian Hospitality Investment Conference (Ithic), in programma a Rimini dal 10 all'11 ottobre.\r\n\r\nSul territorio nazionale le strutture a 5 stelle passeranno quindi dalle attuali 652 unità a 682 nel 2023, diventeranno poi 702 nel 2024 e infine 712 nel 2025. Ulteriori tre aperture sono inoltre già previste negli anni successivi, ovvero entro il 2027. Nel dettaglio, sono le destinazioni urbane a concentrare la maggior quota (38%) di nuove aperture del segmento, seguite poi dalle mete leisure non urbane (30%) e da quelle sun & beach (22%).\r\nIn termini di location, invece, sono Roma (8 hotel in pipeline), Venezia (7) e Milano (6) a catalizzare il maggior numero di aperture, seguite poi da Firenze (4) e Cortina d’Ampezzo (3).","post_title":"Thrends: in arrivo oltre 60 hotel di lusso in Italia nei prossimi tre anni","post_date":"2022-09-20T11:01:03+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663671663000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430740","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Smart working e flessibilità sul lavoro spingono le performance del gruppo Ho Collection, che questa estate ha beneficiato di una domanda non più concentrata solo ad agosto ma meglio spalmata su tutti i mesi della stagione più calda dell'anno. La compagnia, che gestisce cinque proprietà in Puglia e una a Roma, ha in questo modo registrato una incremento del giro d'affari del 50% a giugno, luglio e settembre, rispetto agli stessi mesi del 2021, nonché del 10% ad agosto.\r\n\r\n“Siamo molto felici di questo trend – dichiara Mattia De Gennaro, managing director di Ho Hotels Collection – anche perché con la fine dell’anno prevediamo di superare nuovamente i 20 milioni di fatturato complessivo, con un incremento prossimo al 90% rispetto al 2021 e valori di redditività superiori al 2019. Nei mesi scorsi abbiamo investito in modo cospicuo sulle nostre proprietà con importanti restyling. Per il futuro desideriamo continuare a crescere in territorio pugliese ma non solo, includendo nuove destinazioni, con l’obiettivo di arrivare a disporre di 1.500 camere entro il 2025\".\r\n\r\nMolto positivo anche il dato relativo agli arrivi internazionali. Nel 2021 il mercato italiano rappresentava infatti oltre l'80% del totale, con la restante parte europea principalmente francese. Quest'anno invece i mercati esteri sono tornati a occupare una fetta intorno al 50% del fatturato della compagnia, con la presenza importante di americani, inglesi, olandesi e altri arrivi di lungo raggio (Brasile, Australia).\r\n\r\n“E’ prematuro fare previsioni per l’inverno ma siamo fiduciosi - conclude De Gennaro -. Il tema del pricing rappresenterà una costante nel trade off tra incremento dei costi operativi e pressione sulla potenzialità di spesa di aziende e clienti individuali. Sicuramente ci sarà una fase di transizione complessa fino all'assestamento dell'economia in funzione della crescente inflazione. In tale contesto, il settore del lusso sarà poco coinvolto, mentre corporate e leisure diventeranno mercati più volatili, in cui la qualità e la flessibilità saranno come sempre fattori determinanti”.","post_title":"Ho Collection nuovamente sopra i 20 mln di fatturato. Marginalità superiori al 2019","post_date":"2022-09-20T09:53:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663667638000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bernd Bauer sarà il nuovo ceo di Eurowings Discover, dal prossimo 1° ottobre. Il manager, al contempo, manterrà anche la sua attuale posizione di ceo di Edelweiss, l'altra compagnia aerea leisure del gruppo Lufthansa.\r\n\r\nWolfgang Raebiger, precedente ceo di Eurowings Discover, assumerà il ruolo di chief operating officer e accountable manager della compagnia; Helmut Woelfel rimarrà come cco. In Edelweiss, David Birrer manterrà la sua posizione di chief operating officer, mentre Patrick Heymann continuerà a lavorare come chief commercial officer.\r\n\r\nIn questo modo, entrambi i vettori amplieranno e rafforzeranno il proprio team di gestione con l'obiettivo di mantenere la propria indipendenza e aumentare l'offerta di servizi nelle destinazioni turistiche più popolari per i cittadini tedeschi e svizzeri. Attualmente, Eurowings Discover ed Edelweiss concentrano le loro attività sui mercati leisure a breve, medio e lungo raggio, andando a integrare l'offerta delle altre compagnie aeree del gruppo Lufthansa nei diversi hub.","post_title":"Bernd Bauer è il nuovo ceo di Eurowings Discover, che manterrà la stessa carica in Edelweiss","post_date":"2022-09-16T12:56:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663332990000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430377","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà \"Planning a sustainable growth\" il filo conduttore della quarta edizione dell'Italian Hospitality Investment Conference (Ithic): esperti e professionisti del settore immobiliare e finanziario si incontreranno a Rimini tra il 10 e l'11 ottobre con i leader dell’ospitalità provenienti da dieci Paesi differenti, per due intense giornate di lavori in programma al Grand Hotel e al Palacongressi della città romagnola. Si parlerà dunque di come scegliere, discutere e costruire un percorso di crescita e sviluppo sostenibile nell’hospitality sotto il profilo ambientale, sociale e finanziario.\r\n\r\nOrganizzato da Teamwork Hospitality, con la regia tecnico-scientifica della società di consulenza Thrends,  Ithic è un evento b2b unico nel suo genere, dedicato all’industria alberghiera, al settore immobiliare e alla finanza specializzata, che si rivolge a gruppi alberghieri, fondi d’investimento, banche, sviluppatori immobiliari, società di consulenza, studi legali e operatori del settore. La presenza di un selezionato gruppo di 700 delegati offrirà in particolare preziose opportunità di incontro e di nuovi contatti e sarà al contempo l’occasione di rinnovare relazioni con il mondo professionale degli operatori che si incontreranno a Rimini per affrontare insieme grandi temi sul tappeto, quali lo sviluppo alberghiero del prossimo biennio, la finanza a progetti di riqualificazione urbana, la ricerca di marginalità nel leisure e nel business, le prospettive del mercato nel post-Covid...\r\n\r\nFra i nomi di spicco che hanno già confermato la loro presenza sul palco di Ithic ci saranno Sebastien Bazin, ceo di Accor, Ramon Aragones, ceo di Nh Hotel Group, Josh Littman, vicepresident di Sh Hotels & Resorts, Timo Gruenert, ceo di Oetker Collection, Corrado Passera, founder & ceo di illimity Bank, nonché rappresentanti Blackstone, Azora, Bank of America, Boscalt, Cerberus, Kkr, Stoneweg, Goldman Sachs.\r\n\r\nL’edizione 2022 di Ithic sarà anche una vetrina di proposte e opportunità di investimento specificamente pensata per le istituzioni pubbliche: agenzie governative e pubbliche istituzioni avranno infatti l’occasione di promuovere i loro investimenti e presentare i progetti per la valorizzazione degli asset a un pubblico internazionale di investitori.\r\n\r\n ","post_title":"Sostenibilità, la parola chiave di Ithic 2022. Appuntamento a Rimini dal 10 all'11 ottobre","post_date":"2022-09-13T12:23:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663071800000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430355","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si appresta a chiudere un’alta stagione caratterizzata da un evidente segno più Ibiza Project: la dmc italiana con sede sull'isola delle Baleari specializzata in incoming su misura alle Pitiuse si prepara così a rilanciare anche la propria immagine e la comunicazione web.\r\n\r\nParticolarmente positivo è in particolare il bilancio del segmento mice che su Ibiza, nei mesi di maggio e giugno, ha registrato presenze e fatturato nettamente superiori al 2019, anche grazie alla riprogrammazione degli eventi cancellati causa Covid nel 2020 e nel 2021. Pure il segmento leisure ha peraltro certificato la tanto attesa ripartenza dei flussi turistici dall’Italia, con una domanda che è stata fluida e costante per tutta la stagione.\r\n\r\n“È stata una stagione decisamente positiva sia su Ibiza sia su Formentera, anch’essa destinazione sempre molto amata dai turisti italiani individuali– commenta Marco Dadone, co-founder di Ibiza Project –. Solamente a partire dalla fine di agosto abbiamo assistito a un rallentamento della domanda, indubbiamente dovuto alla minor disponibilità di voli e al conseguente aumento del costo dei biglietti. Nonostante il caro-prezzi si sia fatto sentire anche qui, grazie all’ottima riuscita dei grandi eventi aziendali di quest’anno stiamo già lavorando su richieste mice per il 2023: è la conferma che Ibiza rimane destinazione molto appetibile”.\r\n\r\nUn feeling speciale, quello tra l’Italia e le isole Pitiuse, che ha ispirato anche il restyling del logo di Ibiza Project e del suo sito, che sarà accompagnato nei prossimi mesi da un piano di comunicazione e social mirato, rivolto tanto al cliente finale quanto alle agenzie di viaggio partner. A queste ultime, in modo particolare, saranno dedicati gli appuntamenti che vedranno Ibiza Project partecipare alle principali fiere di settore d’autunno e ai road show di formazione in collaborazione con l’Ente del turismo spagnolo.\r\n\r\n“Abbiamo voluto dare a logo e sito un’immagine più fresca e smart, caratterizzata da colori dai toni più chiari e mediterranei – spiega l'altra co-founder Lara Corsinovi –. È il nostro modo di comunicare, anche visivamente, che continuiamo a presidiare la destinazione puntando su ciò che viene particolarmente apprezzato dai clienti: la conoscenza approfondita della realtà locale e la nostra presenza in loco, che ci permette di garantire un servizio personalizzato e di sempre maggior qualità”.\r\n\r\n ","post_title":"Ibiza Project chiude un'ottima estate e rilancia sito e comunicazione online","post_date":"2022-09-13T09:57:37+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1663063057000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430321","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nAl termine di una stagione ricca di risultati positivi, nel corso della quale il dato dell’occupazione ha superato del 7% quello del 2019, raggiungendo il 67% nei primi otto mesi dell'anno e segnando una crescita del 10% sul 2021, il Mercure Rimini Artis ha organizzato il primo Local Day. Ha così offerto ai propri ospiti la possibilità di vivere una narrazione tra storia, cultura, sapori e suoni di una città famosa per le attrattive e la vitalità del suo litorale: la riviera Romagnola. Il tutto, all'insegna del programma Discover Local del gruppo Accor, che coinvolge anche l'altro Mercure locale, il Rimini Lungomare. In entrambi i casi si tratta di strutture eleganti situate vicino al mare, dotate di circa 50 camere ciascuna.\r\n\r\nOgni Local Day del Mercure Rimini Artis, dopo il tour della città al seguito di un’abile guida di visitRimini, prevede un buffet a chilometri zero con la master-class di una sfoglina: una cuoca esperta che prepara le piadine davanti agli ospiti, i quali potranno poi gustarle ascoltando un trio musicale, circondati dalle intense immagini della  Rimini in bianco e nero di Pio Sbrighi e Gianni Donati. Un appuntamento di successo che verrà riproposto nei prossimi mesi e che ha avviato l’autunno sia del Mercure Rimini Artis, sia del Mercure Rimini Lungomare.\r\n\r\n«Il marchio Mercure, nato nel 1975, fa parte della categoria midscale del gruppo Accor, insieme con Ibis e Novotel - spiega Luigi Lima, direttore Mercure Hotels Rimini -.  La segmentazione della clientela degli hotel Mercure, a Rimini da 12 anni, è 50% business e 50% leisure. Mercure, grazie alle sue due sale meeting con tecnologia all’avanguardia, ha un'attenzione particolare per il mice in una città ricca di attività fieristiche e congressuali. L’impegno di Accor, e quindi di Mercure, guarda anche all’ambiente e alla sostenibilità: all’interno del gruppo è nato infatti il programma Gaia, che prevede decine di impegni che ogni l'albergo dovrà rispettare».","post_title":"Mercure Rimini: il Local Day avvia la stagione raccontando il territorio","post_date":"2022-09-13T09:32:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663061538000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430316","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Conto alla rovescia per il ritorno della sfida all'insegna dello sport firmata SkyTeam: 'Back to Lots' riporta il volley in spiaggia, a Igea Marina, nel fine settimana del 17 e 18 settembre.\r\nProtagonisti i partner del trade, sia business sia del leisure, che in questa undicesima edizione della manifestazione sfideranno i rappresentanti delle 18 compagnie aeree dell’alleanza, in gran parte presenti. \"Quest’anno  - spiega una nota - ci saranno nuovamente anche manager internazionali che interverranno e che magari giocheranno insieme in quello che si annuncia essere il miglior Lots di sempre!\".\r\nLe squadre partecipanti portano i nomi di Cisalpina, Gattinoni, ACI Blueteam, Volagratis, Alpitour, BCD Travel, Uvet, Easymarket, LOL, Tour 2000, TRIP.com, Lastminute.com, Top Travel Team e Viaggiovani.it\r\nSarà possibile seguire tutti i momenti clou dell'evento attraverso i canali Facebook e Instagram di SkyTeam Italia.\r\n ","post_title":"SkyTeam stringe la mano al trade: torna la sfida volley 'Back to Lots'","post_date":"2022-09-12T15:34:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1662996842000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti