28 September 2022

Avanspettacolo Venezia: il theatre restaurant ideale per Mice ed eventi

[ 0 ]

Una cena che diventa spettacolo, lo spettacolo che si mescola alla cena in una location – a due passi da Venezia – che è di per sé un palcoscenico unico al mondo. Ecco Avanspettacolo Venezia, il primo “theatre restaurant” italiano che propone l’innovativo concetto della cena spettacolo. Un aperitivo di benvenuto introduce gli ospiti in un’atmosfera onirica che precede la cena di gala e lo spettacolo Grand Show Magic: artisti professionisti, sceneggiature, costumi, luci, colori e performance di alto livello accompagnano gli ospiti attraverso un viaggio sensoriale indimenticabile.

Il progetto, lanciato nel 2014 anche se concepito e ideato molto prima, si rivolge sia alla clientela locale sia a quella turistica, ad un prezzo competitivo. A tour operator e agenzie viaggio viene riconosciuta una commissione del 10% su ciascun biglietto venduto.

La programmazione Cabaret Dinner Show è attiva durante tutto l’anno nei weekend (naturalmente è stata sospesa in questi mesi a seguito del diffondersi del Covid-19, ma ripartirà a settembre 2020), ed è affiancata dagli “Special Grand Galas” in occasione di Capodanno, San Valentino, Carnevale, festa della donna e Premio Cinema Leone di Vetro (un evento organizzato in concomitanza con la Mosta Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia). Negli anni il Cabaret Dinner Show insieme alla sua speciale location si sono rivelati una soluzione ideale per meeting, incentive, conference, convention, eventi privati, anniversari.

Lo spettacolo Grand Show Magic infine, può anche essere “esportato” esternamente alla location, sia a livello nazionale che internazionale, e personalizzato per l’animazione di eventi privati con forme di intrattenimento originali e di classe.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431184 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo capitolo per lo storico treno Venice Simplon - Orient Express che per la prima volta lancia una serie di itinerari nel mese di dicembre, toccando città come Firenze, Parigi, Venezia e Vienna in occasione delle festività. Un'opportunità di scoprire i mercatini di Natale e le tradizioni invernali di ciascuna città. Il convoglio percorrerà l’itinerario classico da Venezia a Parigi il 2 e il 12 dicembre, con ritorno il 20 dicembre. Effettuerà una fermata a Firenze il 7 dicembre (Venezia-Parigi) e l’8 dicembre (Parigi-Venezia), e ripartirà da Parigi in direzione di Vienna il 17 dicembre, per poi ritornare a Parigi il 18 dicembre. Il Venice Simplon-Orient-Express, a Belmond Train è composto da 17 carrozze originali degli anni ‘20 e ‘30, ognuna con il proprio fascino e la propria storia. Il treno si fregia di caratteristiche cabine storiche e di sei Grand suite, quintessenza di eleganza e stravaganza, i cui nomi omaggiano le città che ne hanno ispirato il décor, tra cui le stesse Parigi, Vienna e Venezia. A partire da giugno 2023, saranno inoltre aggiunte otto nuove suite alle due categorie già esistenti a bordo. Queste disporranno tra le altre cose di un bagno privato in marmo e di uno spazio lounge diurno convertibile in letti matrimoniali o singoli durante la notte. [post_title] => La prima volta d'inverno del Venice Simplon-Orient Express a Firenze, Parigi, Venezia e Vienna [post_date] => 2022-09-27T12:18:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664281086000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431152 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Nel giugno del 2022 la compagnia di bandiera del Bahrain, Gulf Air, è tornata operativa in Italia con voli diretti da Roma e da Milano. Si è così aperta una nuova prospettiva per il mercato italiano - afferma Andrea Mele, presidente e a.d. di Viaggi del Mappamondo -. Il Bahrain è una destinazione “nuova” per il nostro mercato: un luogo piacevole, caldo e soleggiato d’inverno. Una terra con una storia antica. Gli alberghi sono belli, i prezzi sono interessanti ed è a sole 5 ore di volo». La ricca offerta turistica dell’arcipelago, composto da 33 isole e affacciato sul Golfo Arabico, è fatta di storia, cultura, sport e natura. La popolazione è etnicamente eterogenea e pratica numerose religioni. Tre sono i siti Unesco: le rovine di un forte portoghese del ‘500, il percorso della pesca e della lavorazione delle perle (che sono state la ricchezza del Bahrain prima della scoperta del petrolio) e un misterioso cimitero composto da circa 12mila tumuli risalente al periodo tra il 2200 e il 1750 a.C.. Interessante, poi, il sito del primo pozzo estrattivo dell’area del Golfo, attivo nel 1932. Mappamondo ha selezionato con cura 4 hotel per i suoi clienti, strutture eleganti con piscina e spiaggia: The Grove Hotel indicato per il turismo cittadino o mice, The Ritz-Carlton adatto ai viaggiatori edonisti ma anche ai bambini, The Art Hotel & Resort per le famiglie e il sontuoso Sofitel Bahrain Zallaq Thalassa Sea&Spa per chi ama la tradizione locale e il relax. L’ospite sceglierà tra la vita in spiaggia, le escursioni - anche nel deserto - e la possibilità di seguire eventi velici come le finali della SSL Golden Cup - in programma dal 28 ottobre al 20 novembre prossimi – o il Gran Premio di Formula 1, che si svolge ogni anno nel mese di marzo nel colossale Circuito Sakhir, costruito nel deserto nel 2004. E non bisogna dimenticare i souk e il divertimento. Il Bahrain è abitato da un popolo amichevole ed è amato dai turisti, come testimoniano i dati raccolti dalla Baharain Tourism & Exhibitions Authority: nel secondo trimestre del 2022 l’incremento dei visitatori in arrivo ha infatti raggiunto il 38%, mentre si attesta all’82% il dato delle presenze rispetto al 2019. L’obiettivo è raggiungere il 100% entro la fine dell’anno. Frattanto Mappamondo si prende cura dei propri clienti: «Stiamo preparando una campagna, anche digitale, che prevede diverse proposte di viaggio: - conclude infatti il presidente Mele – abbiamo pensato a un long-weekend o 6 notti in Bahrain e ad altre combinazioni, come lo stop di 2 notti in Bahrain per poi proseguire verso Dubai dove fermarsi o continuare in direzione delle Maldive o della Thailandia. Mappamondo farà tutto il possibile per lanciare questa nuova destinazione». [gallery ids="431154,431153,431157"] [post_title] => Il Bahrain con Mappamondo: un arcipelago dove la storia incontra il relax [post_date] => 2022-09-27T10:23:15+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664274195000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431127 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riprendere le attività di promozione del Giappone, insieme al trade e spingere maggiormente alcuni segmenti di turismo come quelli legati a sostenibilità ambientale, avventura, lusso e Mice. Queste alcune delle priorità nel breve termine indicate da Satoshi Seino, presidente della Japan National Tourism Organization (Jnto), in seguito all'annuncio da parte del governo del Giappone della riapertura dei confini anche ai turisti individuali.  “Dopo più di due anni di immensi sacrifici da parte dei partner del settore è stato finalmente annunciato il ripristino dei viaggi individuali a scopo turistico – ha commentato Seino -. Anche nel corso della pandemia Jnto ha continuato a lavorare a stretto contatto con gli enti locali, i dmo, le compagnie aeree domestiche e internazionali per prepararsi alla riapertura dei flussi inbound. Sulla scia della rimozione del divieto ai viaggi individuali, del ripristino dell’esenzione dal visto e della rimozione del tetto giornaliero agli arrivi intendiamo riprendere a pieno regime le attività promozionali congiunte con compagnie aeree e agenzie di viaggi. Intendiamo poi affiancare turismo sostenibile, d’avventura, luxury e Mice alla promozione di quelli che sono stati, finora, i punti di forza dell’offerta giapponese come cultura, storia, natura e cucina per accogliere al più presto e in tutto il Giappone i visitatori internazionali". Questa riapertura " rappresenta un nuovo inizio per il Giappone e permetterà a numerosi turisti stranieri di visitare il nostro Paese, con una conseguente rivitalizzazione delle aree rurali". Dal prossimo 11 ottobre, quindi, ai viaggiatori individuali sarà semplicemente richiesto di presentare il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese. [post_title] => Giappone, Jnto: "Riprendiamo la promozione con il trade. Dal turismo green, a lusso e Mice" [post_date] => 2022-09-27T09:00:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664269236000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431091 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato inaugurato lo scorso sabato, dopo un importante operazione di restauro, il Mandarin Oriental Palace, Luzern. La proprietà dispone di 136 camere, incluse 48 suite tra le più grandi di Lucerna, nonché quattro ristoranti e bar sotto la direzione dello chef stellato Gilad Peled, una spa e spazi per eventi. General manager dell'hotel è Christian Wildhaber. Dietro l’elaborata ristrutturazione ci sono gli architetti locali Iwan Bühler Architekten e gli interior designer londinesi Jestico + Whiles, che hanno creato un design contemporaneo, ispirato alla bellezza dei paesaggi svizzeri, pur preservando la storia dell’edificio. Per celebrare l'apertura, l'hotel offre due pacchetti di benvenuto per gli ospiti. A partire da  700 franchi svizzeri a notte, le proposte includono un soggiorno nelle camere con vista lago oppure nelle suite, una ricca colazione per due, un credito di 100 franchi (150 per le suite) per il servizio f&b, nonché una gamma di esperienze per scoprire la destinazione. [post_title] => Ha aperto i propri battenti il Mandarin Oriental Palace, Luzern [post_date] => 2022-09-26T11:49:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664192957000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431076 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La sinergia fra Svizzera Turismo e Fiavet Piemonte, siglata con un accordo nel 2021, ha portato a un primo risultato concreto. «Negli ultimi 2 anni abbiamo dovuto ripensare alla nostra strategia verso tour operator e agenzie di viaggi – ha dichiarato Laura Zancolò, Key Account Manager per Svizzera Turismo in Italia - per questo abbiamo pensato di stringere accordi con le associazioni di categoria del settore con l’obiettivo di far conoscere il territorio e promuovere il turismo di prossimità». Grazie alla collaborazione con Gabriella Aires, presidente Fiavet Piemonte, sono stati realizzati dieci itinerari che esplorano altrettante aree di grande fascino del Paese. «Un primo, importante, passo concreto per promuovere questo bel territorio e offrire ai nostri associati una serie di itinerari – afferma Gabriella Aires - programmi per uno o più giorni fruibili per tutti gli associati alla Fiavet, a livello naziionale». Negli scorsi due anni Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo hanno organizzato in stretta collaborazione una serie di tre eductour in Svizzera, nel più rigoroso rispetto delle norme sanitarie, utilizzando i periodi di sospensione del lockdown. Un manuale d’uso creato da agenzie e fornitori Spiega inoltre Aires: «Insieme ai colleghi che hanno partecipato ai tour, e ai fornitori che ci hanno accolti, abbiamo elaborato un vero e proprio manuale d’uso del Paese, con i servizi testati sui nostri percorsi, quotati per gruppi in treno e in bus, famiglie e individuali, su una decina di itinerari. La nostra segreteria ha fatto gran parte del lavoro di assemblaggio». Il manuale si intitola appunto ‘La Svizzera di Fiavet Piemonte: «C’è tutta la materia prima necessaria per rispondere a richieste di ogni gusto e per diverse fasce di spesa – chiarisce ancora Aires – tutto destinato all’uso libero, esclusivo e gratuito di tutte le agenzie Fiavet. Per rilanciare ora abbiamo tutti bisogno di prodotto di qualità che ci consenta di valorizzare la nostra professione, offrendo al cliente qualcosa di unico e speciale. Per questo Fiavet Piemonte si è fatta promotrice, grazie alla collaborazione fondamentale di Svizzera Turismo, di un’iniziativa interamente costruita dalle agenzie insieme ai fornitori. E non ci fermeremo qui». 10 itinerari a soggetto, pronti per le agenzie La Svizzera di Fiavet Piemonte presenta dieci itinerari base, per viaggi da una giornata a quattro giorni/tre notti. I pacchetti sono calibrati per partenze in treno o in bus dalle città del Nord, ma ogni agenzia può inserire le partenze da qualsiasi città in Italia, stazioni o aeroporti. Ecco cosa c’è nel manuale: - Zurigo tra arte e cultura (due giorni, in treno) - Berna, il Trenino Verde e il mondo di Kambly, il biscotto più amato (due giorni, in treno da Domodossola) - Zurigo per grandi e piccini (due giorni da Milano, per individuali) - La Lucerna di Guglielmo Tell e il Pilatus (tre giorni da Milano - Berna e la Festa della Cipolla: il 28 novembre, viaggio in giornata, in pullman da Torino. - Lugano, i borghi storici del lago e le funicolari (due giorni, in bus) - Lucerna e il Museo dei Trasporti, con navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni (due giorni, in bus o treno) - Lugano e il Monte Generoso (gita di un giorno) - Lugano per gli eventi e le mostre d’arte (due giorni in treno da Milano, programma secondo il programma di eventi in corso) - Zurigo, Berna e Lucerna, le meravigliose città svizzere (quattro giorni, in treno da Milano) [post_title] => Accordo strategico fra Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo [post_date] => 2022-09-26T10:57:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664189857000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431071 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”. Continuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”. Tra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos. Per il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.   [post_title] => Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali [post_date] => 2022-09-26T10:56:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664189766000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431066 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_431069" align="alignleft" width="300"] Francesco e Riccardo Lazzarini con la director of sales and marketing, Daniela Baldelli[/caption] Dal Donna Laura Palace, il villino affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati che ha appena completato i lavori della facciata e del giardino interno, fino all’hotel Imperiale che darà nuovo lustro a via Veneto, con la facciata totalmente restaurata in fase di ultimazione. Il tutto passando anche dal Rose Garden Palace, il boutique hotel di via Boncompagni, che oltre ai lavori per riportare a nuova luce la facciata, verrà completamente rinnovato negli arredi e nel design, attraverso diverse fasi che interesseranno sia le camere per gli ospiti sia le aree comuni, con una particolare attenzione al giardino interno. Omnia Hotels continua a investire su Roma, nonostante le criticità degli anni recenti, quando la compagnia ha dato peraltro vita pure a una nuova apertura. Da segnalare anche i lavori allo Shangri La Roma Eur che, dopo aver completato la ristrutturazione delle camere e delle aree comuni, ora avvia lo sviluppo dell’area congressuale, con una prima realizzazione di una sala modulare di circa 200 metri quadrati, fruibile per riunioni ed eventi o addirittura come estensione del ristorante, che verrà completata entro metà ottobre. A questa seguirà poi la realizzazione del centro congressi di 1.500 metri quadrati, con piscina e aree esterne per gli ospiti, che vedrà la luce nel 2023. Un ulteriore sviluppo sarà portato avanti nel 2024: prevede un incremento di 70 camere per gli ospiti e la realizzazione del nuovo ristorante Shangri La. “Il nostro gruppo è nato pochi mesi prima del lock down ma non per questo abbiamo smesso di crederci – sottolinea il ceo Francesco Lazzarini, che insieme al fratello Riccardo ha creato Omnia Hotels da un’impresa di famiglia -. Nel 2021 abbiamo aperto un albergo, il St. Martin, a seguito della completa ristrutturazione di un edificio in disuso, riqualificando così anche la zona. Ci siamo impegnati nelle collaborazioni con alcuni dei grandi eventi della città di Roma e ora continuiamo nel nostro percorso di crescita e sviluppo, con una particolare attenzione alla formazione dei collaboratori, fulcro dell’ospitalità, e alla valorizzazione del patrimonio edilizio". Attualmente il portfolio della compagnia comprende sette strutture totali, tutte situate a Roma. [post_title] => Prosegue l'impegno di Omnia Hotels su Roma: quattro gli indirizzi in fase di restyling [post_date] => 2022-09-26T10:14:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664187261000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione 2022 con un deciso segno più per CdsHotels che ha registrato un incremento delle prenotazioni del 35% rispetto sia al 2021, sia al 2019. La Puglia e la Sicilia, in particolare, sono state nuovamente premiate dal mercato estero: rispetto al 2019, anno in cui CdsHotels aveva raggiunto il picco di presenze provenienti dall’estero, si è riscontrato infatti un aumento di fatturato del 30 %, con una concentrazione nella prima parte della stagione. “Mentre un’altra stagione si appresta a chiudersi, è il momento di guardarsi indietro e fare un primo bilancio su questa prima parte del 2022 che, se sotto molti aspetti (rincaro dei prezzi delle materie prime e delle forniture, incertezza generale dovuta alla situazione geopolitica internazionale e a due anni di pandemia) è stata piuttosto difficile e preannuncia un futuro ancora più arduo, sotto molti altri aspetti è stata invece decisamente positiva - spiega il direttore commerciale della compagnia, Ada Miraglia -. Ciò ci permette di supporre che il mercato comincia a premiare con un gradimento sempre più elevato l’impegno che il nostro gruppo dedica al miglioramento e all’ampliamento dell’offerta". Dopo due anni di pandemia, che hanno modificato le abitudini dei consumatori portando a un incremento delle prenotazioni last minute, CdsHotels rileva inoltre un’inversione di tendenza con un ritorno dell’early booking, grazie a un picco di conferme giunte entro il 31 marzo. Anche il settore mice si è rimesso in moto e le presenze di gruppi sono aumentate rispetto al 2019, portando a un incremento di fatturato del segmento pari al 63%. Le proiezioni per l’autunno sono infine altrettanto positive: alla data del 21 settembre si registra un aumento di fatturato, rispetto alla stesso periodo del 2021, di circa il 35%, che va a confermare i trend registrati finora. “Tutti questi numeri ci fanno ben sperare – prosegue Ada Miraglia – per un futuro in crescita. Ma purtroppo bisogna essere onesti e non possiamo vedere il bicchiere del tutto pieno: insieme alla crescita dei risultati abbiamo, infatti, registrato anche un aumento esponenziale dei costi. Le nostre politiche aziendali sono da sempre orientate alla riduzione degli sprechi, anche in un’ottica di risparmio ecologico e facciamo molti sforzi per sensibilizzare i nostri ospiti verso queste necessità; gli ospiti dal canto loro si dimostrano sempre molto sensibili, ma ciò non basta ed è necessario che qualcosa si muova a livello europeo affinché il caro-prezzi venga in qualche modo contenuto e vengano impedite eventuali speculazioni in tale direzione”. [post_title] => CdsHotels: prenotazioni a +35% sul 2019. Ed è tornato anche l'early booking [post_date] => 2022-09-26T10:02:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664186565000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431029 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo i primi rumours che davano l'inaugurazione per il quarto trimestre di quest'anno, arriva ora la comunicazione ufficiale che situa in realtà a inizio 2023 il debutto del nuovissimo Six Senses Rome (le prenotazioni sono peraltro già aperte, ndr). L'urban resort capitolino sarà la prima struttura del brand in Italia: un'oasi verde nella frenesia di via del Corso ricavata dalla conversione di palazzo Salviati Cesi Mellini, un edificio del quindicesimo secolo. L'hotel disporrà di 96 camere e suite decorate con la tecnica del cocciopesto: uno speciale intonaco usato nell’antica Roma, con Travertino di origine locale e con elementi grafici che richiamano la natura. Gli spazi ventilati, le terrazze soleggiate, i soffitti alti e le ampie vetrate pongono poi l’accento sul benessere e sulla convivialità. I lavori di restauro dell’hotel hanno quindi portato agli antichi splendori la facciata originale del palazzo e la scala monumentale. Anche il fronte dell’adiacente chiesa di San Marcello al Corso, uno dei migliori esempi del Barocco italiano, è stata recentemente restaurata e rappresenta il primo progetto di sostenibilità di Six Senses Rome, in un’ottica di riqualificazione della zona. Gli interni hanno uno stile contemporaneo caratterizzato da elementi architettonici sostenibili e di design; il tutto arricchito da piante ornamentali e luce naturale in spazi aperti e ariosi. Il concept dell’hotel è frutto della visione di Patricia Urquiola. La strutture includerà pure, al piano terra, il Bivium Restaurant-Café-Bar con cucina a vista, grill Josper e il forno a legna. Curato dall’executive chef Nadia Frisina, il menu proporrà piatti tipici locali e ingredienti rigorosamente stagionali. All’ultimo piano, il Notos Rooftop consente di gustare assaggi e drink con vista a 360 gradi sulla città. La spa interna offrirà poi l'esperienza delle antiche terme romane con tanto di calidarium, tepidarium e frigidarium in un percorso di 60 minuti. Presenti pure un Hammam, aree biohacking e meditazione, sauna, terrazza per yoga all’aperto, fitness center e cinque sale per trattamenti, di cui una per coppie. Grazie all’Alchemy bar ci sarà pure la possibilità di conoscere il potere terapeutico di erbe e piante. Six Senses Rome sta infine preparando per i suoi ospiti delle esperienze esclusive behind-the-scene, alla scoperta di luoghi magici della città come Palazzo Colonna, Galleria Borghese e Doria Pamphilj. A disposizione persino una masterclass di pittura. “Sono onorata per l’opportunità e orgogliosa che il debutto di Six Senses in Italia avvenga proprio nella mia città - sottolinea Francesca Tozzi, general manager della struttura capitolina -. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare una nuova concezione di lusso nella città, fatto di esperienze fuori dall'ordinario, nel rispetto e nella valorizzazione della comunità locale, con un approccio divertente e fuori dagli schemi”. [post_title] => Sarà a inizio 2023 il debutto italiano di Six Senses: 96 camere e suite nel centro di Roma [post_date] => 2022-09-23T13:28:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663939706000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "avanspettacolo venezia il theatre restaurant ideale per mice ed eventi" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":70,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2098,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431184","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo capitolo per lo storico treno Venice Simplon - Orient Express che per la prima volta lancia una serie di itinerari nel mese di dicembre, toccando città come Firenze, Parigi, Venezia e Vienna in occasione delle festività. Un'opportunità di scoprire i mercatini di Natale e le tradizioni invernali di ciascuna città. Il convoglio percorrerà l’itinerario classico da Venezia a Parigi il 2 e il 12 dicembre, con ritorno il 20 dicembre. Effettuerà una fermata a Firenze il 7 dicembre (Venezia-Parigi) e l’8 dicembre (Parigi-Venezia), e ripartirà da Parigi in direzione di Vienna il 17 dicembre, per poi ritornare a Parigi il 18 dicembre.\r\n\r\nIl Venice Simplon-Orient-Express, a Belmond Train è composto da 17 carrozze originali degli anni ‘20 e ‘30, ognuna con il proprio fascino e la propria storia. Il treno si fregia di caratteristiche cabine storiche e di sei Grand suite, quintessenza di eleganza e stravaganza, i cui nomi omaggiano le città che ne hanno ispirato il décor, tra cui le stesse Parigi, Vienna e Venezia. A partire da giugno 2023, saranno inoltre aggiunte otto nuove suite alle due categorie già esistenti a bordo. Queste disporranno tra le altre cose di un bagno privato in marmo e di uno spazio lounge diurno convertibile in letti matrimoniali o singoli durante la notte.","post_title":"La prima volta d'inverno del Venice Simplon-Orient Express a Firenze, Parigi, Venezia e Vienna","post_date":"2022-09-27T12:18:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664281086000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431152","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Nel giugno del 2022 la compagnia di bandiera del Bahrain, Gulf Air, è tornata operativa in Italia con voli diretti da Roma e da Milano. Si è così aperta una nuova prospettiva per il mercato italiano - afferma Andrea Mele, presidente e a.d. di Viaggi del Mappamondo -. Il Bahrain è una destinazione “nuova” per il nostro mercato: un luogo piacevole, caldo e soleggiato d’inverno. Una terra con una storia antica. Gli alberghi sono belli, i prezzi sono interessanti ed è a sole 5 ore di volo».\r\n\r\nLa ricca offerta turistica dell’arcipelago, composto da 33 isole e affacciato sul Golfo Arabico, è fatta di storia, cultura, sport e natura. La popolazione è etnicamente eterogenea e pratica numerose religioni. Tre sono i siti Unesco: le rovine di un forte portoghese del ‘500, il percorso della pesca e della lavorazione delle perle (che sono state la ricchezza del Bahrain prima della scoperta del petrolio) e un misterioso cimitero composto da circa 12mila tumuli risalente al periodo tra il 2200 e il 1750 a.C.. Interessante, poi, il sito del primo pozzo estrattivo dell’area del Golfo, attivo nel 1932. Mappamondo ha selezionato con cura 4 hotel per i suoi clienti, strutture eleganti con piscina e spiaggia: The Grove Hotel indicato per il turismo cittadino o mice, The Ritz-Carlton adatto ai viaggiatori edonisti ma anche ai bambini, The Art Hotel & Resort per le famiglie e il sontuoso Sofitel Bahrain Zallaq Thalassa Sea&Spa per chi ama la tradizione locale e il relax.\r\n\r\nL’ospite sceglierà tra la vita in spiaggia, le escursioni - anche nel deserto - e la possibilità di seguire eventi velici come le finali della SSL Golden Cup - in programma dal 28 ottobre al 20 novembre prossimi – o il Gran Premio di Formula 1, che si svolge ogni anno nel mese di marzo nel colossale Circuito Sakhir, costruito nel deserto nel 2004. E non bisogna dimenticare i souk e il divertimento. Il Bahrain è abitato da un popolo amichevole ed è amato dai turisti, come testimoniano i dati raccolti dalla Baharain Tourism & Exhibitions Authority: nel secondo trimestre del 2022 l’incremento dei visitatori in arrivo ha infatti raggiunto il 38%, mentre si attesta all’82% il dato delle presenze rispetto al 2019.\r\n\r\nL’obiettivo è raggiungere il 100% entro la fine dell’anno. Frattanto Mappamondo si prende cura dei propri clienti: «Stiamo preparando una campagna, anche digitale, che prevede diverse proposte di viaggio: - conclude infatti il presidente Mele – abbiamo pensato a un long-weekend o 6 notti in Bahrain e ad altre combinazioni, come lo stop di 2 notti in Bahrain per poi proseguire verso Dubai dove fermarsi o continuare in direzione delle Maldive o della Thailandia. Mappamondo farà tutto il possibile per lanciare questa nuova destinazione».\r\n\r\n[gallery ids=\"431154,431153,431157\"]","post_title":"Il Bahrain con Mappamondo: un arcipelago dove la storia incontra il relax","post_date":"2022-09-27T10:23:15+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664274195000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431127","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riprendere le attività di promozione del Giappone, insieme al trade e spingere maggiormente alcuni segmenti di turismo come quelli legati a sostenibilità ambientale, avventura, lusso e Mice. Queste alcune delle priorità nel breve termine indicate da Satoshi Seino, presidente della Japan National Tourism Organization (Jnto), in seguito all'annuncio da parte del governo del Giappone della riapertura dei confini anche ai turisti individuali. \r\n\r\n“Dopo più di due anni di immensi sacrifici da parte dei partner del settore è stato finalmente annunciato il ripristino dei viaggi individuali a scopo turistico – ha commentato Seino -. Anche nel corso della pandemia Jnto ha continuato a lavorare a stretto contatto con gli enti locali, i dmo, le compagnie aeree domestiche e internazionali per prepararsi alla riapertura dei flussi inbound. Sulla scia della rimozione del divieto ai viaggi individuali, del ripristino dell’esenzione dal visto e della rimozione del tetto giornaliero agli arrivi intendiamo riprendere a pieno regime le attività promozionali congiunte con compagnie aeree e agenzie di viaggi. Intendiamo poi affiancare turismo sostenibile, d’avventura, luxury e Mice alla promozione di quelli che sono stati, finora, i punti di forza dell’offerta giapponese come cultura, storia, natura e cucina per accogliere al più presto e in tutto il Giappone i visitatori internazionali\".\r\n\r\nQuesta riapertura \" rappresenta un nuovo inizio per il Giappone e permetterà a numerosi turisti stranieri di visitare il nostro Paese, con una conseguente rivitalizzazione delle aree rurali\".\r\n\r\nDal prossimo 11 ottobre, quindi, ai viaggiatori individuali sarà semplicemente richiesto di presentare il certificato vaccinale con indicazione delle tre dosi effettuate o, in alternativa, un tampone negativo ad almeno 72 ore dall’ingresso nel Paese.","post_title":"Giappone, Jnto: \"Riprendiamo la promozione con il trade. Dal turismo green, a lusso e Mice\"","post_date":"2022-09-27T09:00:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664269236000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431091","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' stato inaugurato lo scorso sabato, dopo un importante operazione di restauro, il Mandarin Oriental Palace, Luzern. La proprietà dispone di 136 camere, incluse 48 suite tra le più grandi di Lucerna, nonché quattro ristoranti e bar sotto la direzione dello chef stellato Gilad Peled, una spa e spazi per eventi. General manager dell'hotel è Christian Wildhaber.\r\n\r\nDietro l’elaborata ristrutturazione ci sono gli architetti locali Iwan Bühler Architekten e gli interior designer londinesi Jestico + Whiles, che hanno creato un design contemporaneo, ispirato alla bellezza dei paesaggi svizzeri, pur preservando la storia dell’edificio. Per celebrare l'apertura, l'hotel offre due pacchetti di benvenuto per gli ospiti. A partire da  700 franchi svizzeri a notte, le proposte includono un soggiorno nelle camere con vista lago oppure nelle suite, una ricca colazione per due, un credito di 100 franchi (150 per le suite) per il servizio f&b, nonché una gamma di esperienze per scoprire la destinazione.","post_title":"Ha aperto i propri battenti il Mandarin Oriental Palace, Luzern","post_date":"2022-09-26T11:49:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664192957000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431076","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La sinergia fra Svizzera Turismo e Fiavet Piemonte, siglata con un accordo nel 2021, ha portato a un primo risultato concreto.\r\n\r\n«Negli ultimi 2 anni abbiamo dovuto ripensare alla nostra strategia verso tour operator e agenzie di viaggi – ha dichiarato Laura Zancolò, Key Account Manager per Svizzera Turismo in Italia - per questo abbiamo pensato di stringere accordi con le associazioni di categoria del settore con l’obiettivo di far conoscere il territorio e promuovere il turismo di prossimità».\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Gabriella Aires, presidente Fiavet Piemonte, sono stati realizzati dieci itinerari che esplorano altrettante aree di grande fascino del Paese.\r\n\r\n«Un primo, importante, passo concreto per promuovere questo bel territorio e offrire ai nostri associati una serie di itinerari – afferma Gabriella Aires - programmi per uno o più giorni fruibili per tutti gli associati alla Fiavet, a livello naziionale».\r\n\r\nNegli scorsi due anni Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo hanno organizzato in stretta collaborazione una serie di tre eductour in Svizzera, nel più rigoroso rispetto delle norme sanitarie, utilizzando i periodi di sospensione del lockdown.\r\n\r\nUn manuale d’uso creato da agenzie e fornitori\r\n\r\nSpiega inoltre Aires: «Insieme ai colleghi che hanno partecipato ai tour, e ai fornitori che ci hanno accolti, abbiamo elaborato un vero e proprio manuale d’uso del Paese, con i servizi testati sui nostri percorsi, quotati per gruppi in treno e in bus, famiglie e individuali, su una decina di itinerari. La nostra segreteria ha fatto gran parte del lavoro di assemblaggio».\r\n\r\nIl manuale si intitola appunto ‘La Svizzera di Fiavet Piemonte: «C’è tutta la materia prima necessaria per rispondere a richieste di ogni gusto e per diverse fasce di spesa – chiarisce ancora Aires – tutto destinato all’uso libero, esclusivo e gratuito di tutte le agenzie Fiavet. Per rilanciare ora abbiamo tutti bisogno di prodotto di qualità che ci consenta di valorizzare la nostra professione, offrendo al cliente qualcosa di unico e speciale. Per questo Fiavet Piemonte si è fatta promotrice, grazie alla collaborazione fondamentale di Svizzera Turismo, di un’iniziativa interamente costruita dalle agenzie insieme ai fornitori. E non ci fermeremo qui».\r\n\r\n10 itinerari a soggetto, pronti per le agenzie\r\n\r\nLa Svizzera di Fiavet Piemonte presenta dieci itinerari base, per viaggi da una giornata a quattro giorni/tre notti. I pacchetti sono calibrati per partenze in treno o in bus dalle città del Nord, ma ogni agenzia può inserire le partenze da qualsiasi città in Italia, stazioni o aeroporti.\r\n\r\nEcco cosa c’è nel manuale:\r\n\r\n- Zurigo tra arte e cultura (due giorni, in treno)\r\n\r\n- Berna, il Trenino Verde e il mondo di Kambly, il biscotto più amato (due giorni, in treno da Domodossola)\r\n\r\n- Zurigo per grandi e piccini (due giorni da Milano, per individuali)\r\n\r\n- La Lucerna di Guglielmo Tell e il Pilatus (tre giorni da Milano\r\n\r\n- Berna e la Festa della Cipolla: il 28 novembre, viaggio in giornata, in pullman da Torino.\r\n\r\n- Lugano, i borghi storici del lago e le funicolari (due giorni, in bus)\r\n\r\n- Lucerna e il Museo dei Trasporti, con navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni (due giorni, in bus o treno)\r\n\r\n- Lugano e il Monte Generoso (gita di un giorno)\r\n\r\n- Lugano per gli eventi e le mostre d’arte (due giorni in treno da Milano, programma secondo il programma di eventi in corso)\r\n\r\n- Zurigo, Berna e Lucerna, le meravigliose città svizzere (quattro giorni, in treno da Milano)","post_title":"Accordo strategico fra Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo","post_date":"2022-09-26T10:57:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664189857000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431071","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovi investimenti, progetti e aperture, nonché il restyling di alcune delle strutture esistenti. Saranno questi i temi della partecipazione di Sandals Resorts International al prossimo Ttg di Rimini dal 12 al 14 ottobre (pad C3, stand 012). “Ci fa molto piacere rinnovare la nostra presenza a Rimini, uno dei momenti b2b più importanti per il settore – conferma Christian Casagrande, sales manager Southern Europe di Sri –. E per noi un’opportunità d’incontro e confronto irrinunciabile con gli addetti ai lavori, nonché occasione preziosa per promuovere il nostro brand”.\r\n\r\nContinuano, inoltre, i festeggiamenti per i 40 anni di attività nell’ambito dell’ospitalità del brand. “La regione caraibica sta facendo registrare numeri davvero inaspettati, a ritmi più elevati addirittura rispetto al periodo pre-pandemico – continua Casagrande –. Con grande soddisfazione possiamo perciò annunciare che il 2022 sarà per noi un anno record di vendite globali e il 2023 sta già facendo registrare un buon numero di prenotazioni”.\r\n\r\nTra i principali progetti di Sri nell’area caraibica, segnaliamo l’aumento del numero di camere, sia attraverso l’apertura di nuovissimi resort come il Sandals Royal Curaçao, inaugurato lo scorso 1° giugno, primo resort del brand nei Caraibi olandesi, e il Sandals Dunn’s River in Giamaica (apertura prevista per il 24 maggio 2023), sia investendo nelle proprietà esistenti come per il Sandals Royal Bahamian riaperto a gennaio 2022 dopo un restyling completo. Sono inoltre previsti altri due resort in Giamaica (un Sandals Resorts e un Beaches Resorts) ed è stata presentata di recente la campagna di investimento prevista per febbraio 2023 sull’isola di St. Lucia, dove Sri già possiede tre resort all-inclusive di lusso (Sandals Regency La Toc, Sandals Grande St. Lucian e Sandals Halcyon Beach). Non da ultimo, nel 2023 la società presenterà un nuovo resort con il brand Beaches Resorts a St. Vincent. Struttura che va ad aggiungersi ai tre resort già esistenti con questo brand dedicato alle famiglie in Giamaica e alle Turks&Caicos.\r\n\r\nPer il 2023, Sandals Resorts ha inoltre in programma numerose attività di marketing e partnership con tour operator italiani e altri protagonisti del settore per la promozione del proprio prodotto: “Vorrei ringraziare i nostri partner per il loro impeccabile supporto durante il picco della pandemia. Sono felice di confermare che stiamo collaborando nuovamente con i principali tour operator italiani che programmano i Caraibi e che le nostre partnership sono le stesse del 2019”, conclude Casagrande. Nuove sessioni di formazione, partecipazioni a eventi, attività di co-marketing e supporto ai partner sono tra i principali focus per il 2023 per promuovere il brand alle agenzie di viaggio e aiutarli ad aumentare la vendita dei Sandals Resorts e dei Beaches Resorts.\r\n\r\n ","post_title":"Casagrande, Sandals: il 2022 anno record per le vendite globali","post_date":"2022-09-26T10:56:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664189766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431066","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_431069\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco e Riccardo Lazzarini con la director of sales and marketing, Daniela Baldelli[/caption]\r\n\r\nDal Donna Laura Palace, il villino affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati che ha appena completato i lavori della facciata e del giardino interno, fino all’hotel Imperiale che darà nuovo lustro a via Veneto, con la facciata totalmente restaurata in fase di ultimazione. Il tutto passando anche dal Rose Garden Palace, il boutique hotel di via Boncompagni, che oltre ai lavori per riportare a nuova luce la facciata, verrà completamente rinnovato negli arredi e nel design, attraverso diverse fasi che interesseranno sia le camere per gli ospiti sia le aree comuni, con una particolare attenzione al giardino interno. Omnia Hotels continua a investire su Roma, nonostante le criticità degli anni recenti, quando la compagnia ha dato peraltro vita pure a una nuova apertura.\r\n\r\nDa segnalare anche i lavori allo Shangri La Roma Eur che, dopo aver completato la ristrutturazione delle camere e delle aree comuni, ora avvia lo sviluppo dell’area congressuale, con una prima realizzazione di una sala modulare di circa 200 metri quadrati, fruibile per riunioni ed eventi o addirittura come estensione del ristorante, che verrà completata entro metà ottobre. A questa seguirà poi la realizzazione del centro congressi di 1.500 metri quadrati, con piscina e aree esterne per gli ospiti, che vedrà la luce nel 2023. Un ulteriore sviluppo sarà portato avanti nel 2024: prevede un incremento di 70 camere per gli ospiti e la realizzazione del nuovo ristorante Shangri La.\r\n\r\n“Il nostro gruppo è nato pochi mesi prima del lock down ma non per questo abbiamo smesso di crederci – sottolinea il ceo Francesco Lazzarini, che insieme al fratello Riccardo ha creato Omnia Hotels da un’impresa di famiglia -. Nel 2021 abbiamo aperto un albergo, il St. Martin, a seguito della completa ristrutturazione di un edificio in disuso, riqualificando così anche la zona. Ci siamo impegnati nelle collaborazioni con alcuni dei grandi eventi della città di Roma e ora continuiamo nel nostro percorso di crescita e sviluppo, con una particolare attenzione alla formazione dei collaboratori, fulcro dell’ospitalità, e alla valorizzazione del patrimonio edilizio\". Attualmente il portfolio della compagnia comprende sette strutture totali, tutte situate a Roma.","post_title":"Prosegue l'impegno di Omnia Hotels su Roma: quattro gli indirizzi in fase di restyling","post_date":"2022-09-26T10:14:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664187261000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione 2022 con un deciso segno più per CdsHotels che ha registrato un incremento delle prenotazioni del 35% rispetto sia al 2021, sia al 2019. La Puglia e la Sicilia, in particolare, sono state nuovamente premiate dal mercato estero: rispetto al 2019, anno in cui CdsHotels aveva raggiunto il picco di presenze provenienti dall’estero, si è riscontrato infatti un aumento di fatturato del 30 %, con una concentrazione nella prima parte della stagione.\r\n\r\n“Mentre un’altra stagione si appresta a chiudersi, è il momento di guardarsi indietro e fare un primo bilancio su questa prima parte del 2022 che, se sotto molti aspetti (rincaro dei prezzi delle materie prime e delle forniture, incertezza generale dovuta alla situazione geopolitica internazionale e a due anni di pandemia) è stata piuttosto difficile e preannuncia un futuro ancora più arduo, sotto molti altri aspetti è stata invece decisamente positiva - spiega il direttore commerciale della compagnia, Ada Miraglia -. Ciò ci permette di supporre che il mercato comincia a premiare con un gradimento sempre più elevato l’impegno che il nostro gruppo dedica al miglioramento e all’ampliamento dell’offerta\".\r\n\r\nDopo due anni di pandemia, che hanno modificato le abitudini dei consumatori portando a un incremento delle prenotazioni last minute, CdsHotels rileva inoltre un’inversione di tendenza con un ritorno dell’early booking, grazie a un picco di conferme giunte entro il 31 marzo. Anche il settore mice si è rimesso in moto e le presenze di gruppi sono aumentate rispetto al 2019, portando a un incremento di fatturato del segmento pari al 63%. Le proiezioni per l’autunno sono infine altrettanto positive: alla data del 21 settembre si registra un aumento di fatturato, rispetto alla stesso periodo del 2021, di circa il 35%, che va a confermare i trend registrati finora.\r\n\r\n“Tutti questi numeri ci fanno ben sperare – prosegue Ada Miraglia – per un futuro in crescita. Ma purtroppo bisogna essere onesti e non possiamo vedere il bicchiere del tutto pieno: insieme alla crescita dei risultati abbiamo, infatti, registrato anche un aumento esponenziale dei costi. Le nostre politiche aziendali sono da sempre orientate alla riduzione degli sprechi, anche in un’ottica di risparmio ecologico e facciamo molti sforzi per sensibilizzare i nostri ospiti verso queste necessità; gli ospiti dal canto loro si dimostrano sempre molto sensibili, ma ciò non basta ed è necessario che qualcosa si muova a livello europeo affinché il caro-prezzi venga in qualche modo contenuto e vengano impedite eventuali speculazioni in tale direzione”.","post_title":"CdsHotels: prenotazioni a +35% sul 2019. Ed è tornato anche l'early booking","post_date":"2022-09-26T10:02:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664186565000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431029","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo i primi rumours che davano l'inaugurazione per il quarto trimestre di quest'anno, arriva ora la comunicazione ufficiale che situa in realtà a inizio 2023 il debutto del nuovissimo Six Senses Rome (le prenotazioni sono peraltro già aperte, ndr). L'urban resort capitolino sarà la prima struttura del brand in Italia: un'oasi verde nella frenesia di via del Corso ricavata dalla conversione di palazzo Salviati Cesi Mellini, un edificio del quindicesimo secolo.\r\n\r\nL'hotel disporrà di 96 camere e suite decorate con la tecnica del cocciopesto: uno speciale intonaco usato nell’antica Roma, con Travertino di origine locale e con elementi grafici che richiamano la natura. Gli spazi ventilati, le terrazze soleggiate, i soffitti alti e le ampie vetrate pongono poi l’accento sul benessere e sulla convivialità.\r\n\r\nI lavori di restauro dell’hotel hanno quindi portato agli antichi splendori la facciata originale del palazzo e la scala monumentale. Anche il fronte dell’adiacente chiesa di San Marcello al Corso, uno dei migliori esempi del Barocco italiano, è stata recentemente restaurata e rappresenta il primo progetto di sostenibilità di Six Senses Rome, in un’ottica di riqualificazione della zona. Gli interni hanno uno stile contemporaneo caratterizzato da elementi architettonici sostenibili e di design; il tutto arricchito da piante ornamentali e luce naturale in spazi aperti e ariosi. Il concept dell’hotel è frutto della visione di Patricia Urquiola.\r\n\r\nLa strutture includerà pure, al piano terra, il Bivium Restaurant-Café-Bar con cucina a vista, grill Josper e il forno a legna. Curato dall’executive chef Nadia Frisina, il menu proporrà piatti tipici locali e ingredienti rigorosamente stagionali. All’ultimo piano, il Notos Rooftop consente di gustare assaggi e drink con vista a 360 gradi sulla città. La spa interna offrirà poi l'esperienza delle antiche terme romane con tanto di calidarium, tepidarium e frigidarium in un percorso di 60 minuti. Presenti pure un Hammam, aree biohacking e meditazione, sauna, terrazza per yoga all’aperto, fitness center e cinque sale per trattamenti, di cui una per coppie. Grazie all’Alchemy bar ci sarà pure la possibilità di conoscere il potere terapeutico di erbe e piante. Six Senses Rome sta infine preparando per i suoi ospiti delle esperienze esclusive behind-the-scene, alla scoperta di luoghi magici della città come Palazzo Colonna, Galleria Borghese e Doria Pamphilj. A disposizione persino una masterclass di pittura.\r\n\r\n“Sono onorata per l’opportunità e orgogliosa che il debutto di Six Senses in Italia avvenga proprio nella mia città - sottolinea Francesca Tozzi, general manager della struttura capitolina -. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare una nuova concezione di lusso nella città, fatto di esperienze fuori dall'ordinario, nel rispetto e nella valorizzazione della comunità locale, con un approccio divertente e fuori dagli schemi”.","post_title":"Sarà a inizio 2023 il debutto italiano di Six Senses: 96 camere e suite nel centro di Roma","post_date":"2022-09-23T13:28:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663939706000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti