5 February 2023

Aci blueteam a fianco delle agenzie di viaggio con WonderMiles

[ 0 ]

Massimo Gardini, industry relations director di Aci blueteam e capo progetto dell’operazione in Italia

WonderMiles si conferma strumento di lavoro per le agenzie di viaggio. La piattaforma di selfbooking focalizzata sul corporate travel, della quale Aci blueteam è distributore in esclusiva per l’Italia, ha oggi raggiunto un ulteriore livello di funzionalità che non solo facilita, velocizzandolo, il lavoro degli agenti, ma permette loro di fidelizzare nuovi clienti, potenziando così il proprio business nel segmento corporate.

«Il riscontro su WonderMiles che stiamo avendo dalle agenzie di viaggio della nostra rete di affiliati è senza dubbio strabiliante – spiega Massimo Gardini, industry relations director di Aci blueteam e capo progetto dell’operazione in Italia –. Il lavoro che abbiamo fatto nell’ultimo anno, a quattro mani con WonderMiles, ci ha permesso di rendere ancora più incisivo il perfetto connubio tra la competenza tecnica degli ingegneri che lavorano alla piattaforma e la nostra consolidata esperienza nel corporate travel, a servizio degli agenti di viaggio. Essere i distributori esclusivi sul mercato Italia di WonderMiles ci pone oggi in una posizione di sicuro appeal, ma soprattutto ci ha dato, e sicuramente continuerà a darci, grandi soddisfazioni”.

Con un’interfaccia grafica efficace e leggera, WonderMiles è caratterizzata da una rapidità di configurazione senza pari sul mercato, che rende la piattaforma molto competitiva per i contenuti e le funzionalità necessarie a far vivere alle aziende un’esperienza di selfbooking davvero efficace, senza rinunciare, al contempo, alla consulenza e alla professionalità delle agenzie di viaggio, che possono intervenire in qualunque momento nel processo di prenotazione. Inoltre, grazie all’ultimo rilascio del motore Amadeus, che affianca Sabre già presente, il bacino di utenti interessati si amplia ancor di più, dando vita a una vera e propria rivoluzione sul mercato dei selfbooking tool.

La conferma dei vantaggi collegati all’utilizzo della piattaforma arriva direttamente da coloro che la usano quotidianamente, come conferma Riccardo Ricci, titolare dell’agenzia di viaggi Alma Travel di Roma: «Proporre ai nostri clienti una piattaforma di selfbooking tanto evoluta rispetto alle altre presenti sul mercato ci ha permesso di fidelizzare nuovi clienti – spiega Ricci –. L’utilizzo di WonderMiles ha, infatti, ampliato il nostro raggio di azione permettendoci di approcciare anche aziende di grandi dimensioni, interessate sia a una riduzione dei costi di gestione sulla maggior parte delle trasferte sia a un servizio VIP per i livelli dirigenziali. Non è da trascurare, inoltre, l’impatto che WonderMiles può avere sulla sostenibilità aziendale: poter disporre di un processo interamente digitale, dall’inizio alla fine della trasferta, rappresenta per i Clienti una forte spinta verso un approccio sostenibile, molto apprezzato in questo momento. Il fatto, poi, di veder evidenziato in fase di prenotazione, così come sui report, il consumo di CO2 per i voli aerei è un altro importante tassello verso la riduzione dell’inquinamento atmosferico».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438559 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352847" align="alignleft" width="300"] Francesca Marino[/caption] Confermato l’accordo speciale tra Grimaldi Lines e Aci Sport in occasione del Rally Italia Sardegna 2023, sesta tappa del WRC World Rally Championship, in programma dall’1 al 4 giugno prossimo. La partnership garantisce prezzi davvero vantaggiosi sia ai team che competono, sia ai tanti appassionati di velocità, che sbarcheranno sull’isola per assistere alla gara. «La Sardegna è il focus della nostra programmazione e il cuore della nostra offerta. Il network di collegamenti marittimi consente infatti di raggiungere qualsiasi località nel nord e nel sud dell’isola, viaggiando comodamente a bordo di navi moderne e accolti da equipaggi esperti e professionali – ha dichiarato Francesca Marino, dirigente del dipartimento passeggeri di Grimaldi Lines – Intendiamo potenziare sempre più la nostra presenza su questo territorio, valorizzandone le caratteristiche di unicità e supportando manifestazioni ed iniziative di impatto, quali il Rally Italia Sardegna 2023». Grazie all’accordo tra Grimaldi Lines e ACI Italia, chi desidera assistere alla competizione potrà usufruire di una riduzione sul viaggio via mare da e per la Sardegna, sulle rotte Livorno-Olbia, Civitavecchia-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres, Barcellona-Porto Torres e viceversa, per prenotazioni effettuate dal 1° febbraio al 28 maggio 2023, con partenza tra il 22 maggio ed il 18 giugno 2023. Dettagli e modalità di prenotazione sono pubblicati nella sezione partner del sito www.grimaldi-lines.com. I concorrenti troveranno invece il dettaglio dei costi dedicati allo staff, alle vetture e alle bisarche al seguito e le informazioni per prenotare, collegandosi al sito www.rallyitaliasardegna.com [post_title] => Grimaldi in partnership con Aci per il Rally Italia Sardegna 2023 [post_date] => 2023-02-02T13:37:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675345077000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437762 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Aeroporto di Milano Bergamo chiude il 2022 nel segno della qualità dei servizi ai passeggeri, come rilevato da Aci World, l’associazione mondiale degli aeroporti. I dati dell'ultimo trimestre 2022 mostrano addirittura un sensibile incremento dei già alti livelli raggiunti nella qualità dei servizi e degli spazi sia rispetto al trimestre precedente sia rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. La periodica indagine sull’indice di gradimento manifestato dell’utenza aeroportuale, che rientra nel programma ASQ di Airports Council International (ACI) World e coinvolge circa 300 tra i più importanti aeroporti a livello mondiale, evidenzia per lo scalo bergamasco un grado di soddisfazione globale di 4,6 (su un massimo di 5) contro un valore medio mondiale di 4,3 ed un valore medio italiano di 4,2. I valori di riferimento premiano lo scalo nel suo complesso con incremento del gradimento di cinque punti percentuali rispetto al trimestre precedente facendolo emergere ancora di più nel contesto del trasporto aereo internazionale che rivela una conferma del livello di soddisfazione del trimestre precedente. I passeggeri dello scalo bergamasco esprimono la soddisfazione massima per i servizi business (4,8), la più elevata in Italia, ma premiano in modo considerevole anche l’agevole accessibilità allo scalo (4,7), la chiarezza della segnaletica (4,7), la fruizione degli spazi all’interno del terminal (4,4) insieme a comfort e pulizia (4,4), di assoluto rilievo inoltre il gradimento della professionalità e disponibilità del personale dei servizi di assistenza (4,6). Il buon rapporto qualità prezzo dell’offerta degli esercizi commerciali e di ristorazione viene sottolineato infine dai passeggeri con il massimo punteggio italiano (4,4). [post_title] => Milano Bergamo: la qualità dei servizi ai passeggeri vola sempre più in alto [post_date] => 2023-01-23T12:06:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674475615000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437491 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Neos ha siglato un nuovo accordo di wet lease in con Etf Airways, compagnia aerea croata con cui ha già avviato collaborazioni la scorsa estate. In base all'intesa Etf (Enjoy The Flight) Airways metterà a disposizione di Neos un Boeing 737-800 da 186 posti in Acmi, comprendente perciò tutte le prestazioni accessorie quali assicurazione, equipaggio e manutenzione. L'aeromobile sarà dedicato in particolare alle operazioni con partenza da Milano Bergamo, contribuendo a una maggiore flessibilità operativa e commerciale, garantendo una capacità superiore, necessaria in particolare durante l’alta stagione, e migliorando complessivamente gli operativi delle singole rotazioni. “La collaborazione con Etf Airways che rappresenta un’ulteriore opportunità di crescita per il nostro business e che ci permetterà di garantire ai nostri clienti la stabilità operativa che ci contraddistingue, anche nei periodi di maggior richiesta, continuando ad offrire qualità e servizi di alto livello” afferma Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos   [post_title] => Neos: nuovo accordo di wet lease in con il vettore croato Etf Airways [post_date] => 2023-01-18T10:08:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674036496000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436681 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ancora una volta gli italiani hanno deciso di non rinunciare alla vacanza anche nei giorni dell’Epifania, grazie a una congiuntura un po’ più fortunata rispetto ai giorni di Natale e del Capodanno, dal momento che la festività è collocata nella giornata di venerdì. Tra coloro che hanno effettuato una vacanza lunga, comprendendo sia il Natale sia la Befana (3mln e 54mila persone), e chi invece si è orientato solo sulle festività di Capodanno ed Epifania (242mila), si distingue quel milione e 868 mila che, appunto, si muoverà soltanto nei giorni della Befana. A rivelarlo è l'ultima indagine Federalberghi realizzata con il supporto tecnico dell'istituto Acs Marketing Solutions. In sostanza, prosegue lo studio, ci si è piacevolmente trovati di fronte a un fine settimana lungo, che si trascorrerà per la maggior parte in Italia (nel 97,7% dei casi), a caccia di relax e preferibilmente in località di facile raggiungibilità. L’interesse sarà prevalentemente concentrato sulle visite in città d’arte o siti pieni di storia e di musei e mostre da scoprire. Il tutto, prediligendo nel complesso la sistemazione in albergo (nel 44,3% dei casi), che stacca decisamene la soluzione della casa di parenti e/o amici (29,5%). “Analizzando i dati emersi, si ha la percezione che il turismo italiano stia cambiando – afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – Oggi i nostri concittadini mostrano di avere delle priorità: viaggiare sì, ma in modo intelligente, rifuggendo da situazioni di stress eccessivi. Nel complesso potremmo dire che si chiude in bellezza. Se non ci fosse però quel 34% di persone che ridurrà la durata del viaggio a causa degli aumenti divenuti insostenibili. Sono questi i veri nemici del turismo e di tutta la sua filiera. Se c’è un’urgenza nel nostro comparto, e lo gridiamo a gran voce, è quella di porre un freno ai rincari”. Nel dettaglio, stando all'indagine saranno complessivamente 5 milioni e 164 mila gli italiani in viaggio nei giorni dell’Epifania. In generale non ci si allontanerà molto da casa, privilegiando la regione della propria residenza (68,6%) o una regione vicina (29,1%). Tra i vacanzieri, 1 milione 868 mila si metterà in viaggio per il solo periodo dell’Epifania; 242 mila saranno già in movimento sin da Capodanno, mentre 3 milioni e 54 mila ha programmato la vacanza lunga, ovvero l’intero arco delle festività, da Natale alla Befana. Per coloro che andranno in vacanza esclusivamente nel periodo dell’Epifania, la durata media sarà di circa 3,3 notti con una spesa pro capite complessiva (ovvero comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) di 572 euro. Un dato, quest'ultimo, che scende a 567 euro per chi resterà in Italia, salendo invece a 875 euro per chi sceglierà l’estero. Il giro di affari specifico del weekend si attesterà sul miliardo e 68 milioni di euro. Motivo principale della vacanza sarà infine la ricerca del riposo e del relax (58%), passeggiando (33%), visitando monumenti (22,7%) e musei (18,2%) o assistendo a spettacoli musicali (14,8%). [post_title] => Bocca, Federalberghi: bene l'Epifania ma gli aumenti sono il vero nemico del turismo [post_date] => 2023-01-03T11:14:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672744455000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436280 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lieve frenata di Aci Europe sulle previsioni di piena ripresa del traffico passeggeri, che viene posticipata al 2025: nel 2023 il volume passeggeri è destinato a scendere del -9% rispetto ai livelli pre-pandemia (2019). "Il traffico passeggeri ha registrato una forte ripresa dalla scorsa primavera e finora si è dimostrato molto resistente di fronte ai crescenti venti contrari geopolitici ed economici" ha dichiarato Olivier Jankovec, direttore generale di Aci Europe -. Tuttavia, ci aspettiamo che la ripresa del traffico passeggeri si stabilizzi in futuro, e che il calendario si spinga fino al 2025 prima che gli aeroporti europei tornino finalmente al punto in cui si trovavano prima dell'impatto del Covid-19. L'anno prossimo mancheranno ancora 220 milioni di passeggeri, il che significa che i nostri volumi saranno pari solo ai livelli del 2017". L'associazione segnala che le continue tensioni geopolitiche e la guerra in Ucraina continueranno ad avere un impatto su diversi mercati nazionali. Anche il deterioramento della macroeconomia e le pressioni inflazionistiche sono destinate a pesare sulla domanda, con un forte aumento delle tariffe aeree nel terzo e quarto trimestre del 2022. L'impatto di questi fattori negativi sul traffico passeggeri sarà parzialmente compensato da un certo grado di resilienza della domanda leisure e dalla continua espansione dei vettori ultra-low cost. La fine delle concessioni sugli slot aeroportuali alle compagnie aeree a partire dalla prossima estate dovrebbe inoltre attenuare le pressioni sull'offerta. "La situazione sta diventando sempre più eterogenea in termini di impatti e risultati - ha concluso Jankovec -. Prevediamo che diversi mercati aeroportuali - specie quelli che si basano sul turismo - supereranno i volumi di passeggeri precedenti alla pandemia già l'anno prossimo. Ma per molti altri non sarà così e impiegheranno molto più tempo per riprendersi. Più a lungo termine, una volta che gli ultimi impatti di Covid-19 saranno finalmente partiti, gli aeroporti europei dovranno affrontare livelli di rischio più elevati rispetto al passato. Le nostre autorità di regolamentazione devono riflettere e tenerne pienamente conto". [post_title] => Aci Europe rimanda al 2025 il pieno recupero dei volumi di traffico passeggeri [post_date] => 2022-12-20T12:03:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671537839000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436259 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424940" align="alignleft" width="300"] Bernabò Bocca[/caption] Oltre 17 milioni di italiani in viaggio per le festività di fine 2022: 12 milioni saranno in viaggio a Natale mentre 5 milioni e 400 mila circa sceglieranno il Capodanno come momento clou della propria vacanza. Il giro d’affari sarà superiore ai 13 miliardi di euro, riportando la spesa complessiva ai livelli del 2019, con ricadute positive per tutte le componenti della filiera turistica, dalla ristorazione ai trasporti allo shopping, producendo un notevole sostegno alla tenuta del PIL. Chi parte per Natale trascorrerà mediamente 6,9 notti fuori casa, mentre la vacanza di Capodanno ha una durata inferiore (3,6 notti). Ancora una volta, sarà l’Italia la destinazione preferita: non ci si allontanerà di molto dalla regione di residenza e molti di coloro che affronteranno spostamenti più impegnativi lo faranno per raggiungere le famiglie di origine. «Leggo questi risultati come una dichiarazione di amore degli italiani per l’Italia - afferma Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, a commento dell’indagine realizzata per la Federazione da ACS Marketing Solutions tra il 7 e il 12 dicembre -. Siamo diventati meno esterofili a quanto pare. Nel corso degli ultimi due anni, in molti hanno trascorso le vacanze sotto casa a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia. Ma oggi che ne siamo più o meno fuori, gli italiani scelgono di dedicare energia e denaro ad una vacanza “made in Italy” non più come ripiego, bensì come scelta». Su tutto, vince la voglia di rilassarsi, di ridiventare padroni del proprio tempo soprattutto nelle destinazioni di montagna, di godersi il patrimonio artistico culturale del proprio paese e anche di vivere la natura appieno. Si risparmierà sui consumi per prediligere il soggiorno ed anche le esperienze legate al mondo dell’enogastronomia. «Nel nostro comparto non possiamo che dirci soddisfatti di fronte alla rilevazione di questi dati – aggiunge Bocca – Ma certo questo è un Natale nuovo per noi. Non dimentichiamo che lo scorso anno eravamo ancora sotto pressione. Le nostre scelte dipendevano dal decreto covid Natale. E’ stato orribile. Non ci si poteva sentire davvero liberi. Ma anche il caro energia, che ha messo KO i bilanci di famiglie e imprese, e il conflitto in Ucraina, hanno creato un ostacolo non da poco per la programmazione. Molti italiani hanno rinunciato all’ipotesi del viaggio, non essendo rassicurati dalla situazione. Quest’anno siamo più proiettati in avanti, malgrado le difficoltà non manchino. E, soprattutto, la voglia di Italia resta». «Ciò detto – ha concluso Bocca – questo atto di amore verso il nostro Paese va potenziato. E’ il momento di osare, di investire, di correre con tutto il sostegno che le istituzioni potranno dare al comparto. Ritengo che si debba partire da qui, proprio allo scopo di dare ancora più forza a questo traino per la crescita». [post_title] => Federalberghi: le festività valgono 13 miliardi di euro [post_date] => 2022-12-20T10:08:25+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671530905000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436040 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 2 giorni, 3 sessioni di lavoro dedicate alle parole chiave - Identità, Reti e Innovazione – 30 relatori e oltre 300 spettatori, in presenza ma anche connessi online: questi i numeri di DEDECO 2022 – Destination Design Conference, che si è chiusa a Finale Ligure. “Piccolo è (bello) fragile. Maneggiare con cura” il titolo dell’evento che, dall’Auditorium di Santa Caterina a Finalborgo, ha messo al centro il ruolo del turismo nelle dinamiche di sviluppo e gestione dei territori più piccoli e marginali, superando la narrazione celebrativa dei borghi. Organizzata da DEDE Destination Design – rete di imprese composta da Itur, Ideazione e Studiowiki, tre società con competenze differenti per rafforzare e far crescere le destinazioni turistiche – e sostenuta dal Comune di Finale Ligure, la due giorni di dibattito, approfondimento e formazione ha scandagliato le diverse implicazioni della valorizzazione turistica dei borghi, o meglio dei piccoli paesi e delle aree interne, tra bellezza e fragilità, attraverso la lente del destination design, cioè dell’insieme delle attività di gestione, comunicazione e promozione, finalizzate a posizionare una destinazione nella competizione globale tra territori turistici. «Da DEDECO 2022 è emerso un messaggio forte e chiaro: i territori marginali e i piccoli paesi rappresentano una costellazione di unicità che li rende competitivi sul mercato turistico e che può fare di loro un fondamentale motore di sviluppo per l’Italia – ha commentato Enrico Ferrero, AD di Ideazione srl. – Sono queste unicità che, messe tutte insieme, fanno dell’Italia il “paese sognato” dai turisti di tutto il mondo. Ed è proprio intorno all’unicità e all’identità, se mantenuta e maneggiata con cura, che si può costruire comunità, fare rete e creare innovazione». «Identità, reti e innovazione sono le tre parole chiave intorno alle quali abbiamo progettato l’evento – ha spiegato Federico Alberto, direttore creativo di Studiowiki. – A conclusione di questa due giorni di intenso confronto, scegliamo altre tre parole: disparato, a indicare la straordinaria varietà di esperienze e ricette possibili per valorizzare i territori più piccoli; ricomposizione delle diverse istanze e dei diversi punti di vista della comunità; speranza, intesa come immersione nelle potenzialità del presente». «DEDECO 2022 ci lascia con la fotografia di una complessità diffusa sul territorio ma anche all’interno delle singole esperienze e dei singoli casi, ma ci lascia anche con una maggiore consapevolezza in termini di concetti e capacità legate alla progettazione turistica anche nei comuni più piccoli, che permette di poter contare su fondamenta più solide su cui costruire» - ha concluso Emiliano Monaco, vicepresidente di Itur. Evoluzione dei Travel Marketing Days, che proprio da Finale Ligure sono partiti nel 2016, la Destination Design Conference è organizzata da De.De Destination Design – rete di imprese composta da Itur, Ideazione e Studiowiki, tre società con competenze differenti per rafforzare e far crescere le destinazioni turistiche - e Wikiacademy – centro studi di Studiowiki, agenzia di comunicazione associata a UNA (Aziende della Comunicazione Unite). DEDE.CO 2022 è sostenuta dal Comune di Finale Ligure, con il patrocinio di Regione Liguria, Università degli Studi di Genova e Ordine dei Giornalisti della Liguria e in partnership con l’associazione I Borghi Più Belli d’Italia, ANCI Liguria, UNA (Aziende della Comunicazione Unite), Provincia di Savona, Federalberghi Savona e Unione Provinciale degli Albergatori della Provincia di Savona. Sono content partner Uncem (Unione Nazionale dei Comuni e delle Comunità Montane) e DestinAction. Partner tecnici l’Istituto Alberghiero A. Migliorini e Asta del Mobile. [post_title] => DeDeCo, valorizzare i territori marginali e i piccoli paesi motore di sviluppo per l’Italia [post_date] => 2022-12-15T13:08:31+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671109711000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435968 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Undici aeromobili entro il 2026 che collegheranno un network che raggiungerà le 30 destinazioni entro il medesimo anno: questi gli obiettivi messi a fuoco dal nuovo piano strategico di Cyprus Airways. La compagnia ha delineato per i prossimo anni un modello di business ibrido, che propone ai clienti una base low cost ma anche la possibilità di costruire l'esperienza di viaggio aggiornando i servizi in base alle proprie esigenze. L'anno prossimo Cyprus Airways opererà con quattro Airbus A320ceo, con l'obiettivo di passare agli Airbus A320neo entro il 2025; attualmente il vettore sta pianificano l'ampliamento della flotta a sei aeromobili nel 2024, a nove nel 2025 e a 11 entro il 2026. Parte di questa flotta sarà utilizzata per le operazioni Acmi e per i servizi charter, che consentiranno flussi di entrate e contributi costanti alla compagnia aerea. Nei progetti della compagnia, dopo il recente lancio dei servizi per Parigi e Roma, l'ulteriore espansione del network europeo e lo sviluppo del traffico, sia leisure sia d'affari point-to-point. Nel mirino di Cyprus Airways servizi di linea lungo tutto l'arco dell'anno che colleghino l'isola con le principali città entro un raggio di 1,5 ore, in grado di offrire connettività intra-rete da/per Atene, Beirut e Tel Aviv e di alimentare le principali città europee e i suoi servizi stagionali per varie isole greche. Complessivamente la compagnia conta di servire 18 destinazioni l'anno prossimo, che saliranno fino a 30 entro il 2026. [post_title] => Cyprus Airways: il piano strategico punta a 30 destinazioni e 11 aeromobili in flotta nel 2026 [post_date] => 2022-12-15T09:50:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671097825000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435784 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435789" align="alignleft" width="300"] Roberto Boni[/caption] Autenticità, esperienza, avventura e active sono le nuove parole chiave che completano gli itinerari di Quality Group, che mantengono al contempo saldo il loro dna fondato su tre pilastri: natura, cultura, storia. Un modo insolito per rileggere i grandi classici dedicati ad Australia (con Nuova Zelanda e Polinesia), Canada e Perù.  Australia, Nuova Zelanda e Polinesia Discover Australia presenta quindi una programmazione innovativa chiamata significativamente Fancy Australia Revolution. Si tratta di una proposta accessibile a tutti, grazie a quattro nuovissimi itinerari di breve durata (11/13 giorni), che riescono a conservare gli highlight della destinazione a un prezzo appetibile. Il tutto, favorito dal nuovo collegamento diretto tra Roma Fiumicino e Perth, che ha anche consentito lo sviluppo di proposte su tutto il Western Australia. “Abbiamo riconfermato tutti i prodotti e i programmi anche esclusivi d’epoca pre-Covid, fatto non del tutto scontato, con un calendario di partenze di tour in esclusiva con guida in italiano, distribuite sull'intero corso dell’anno - spiega il product manager Roberto Boni -. Sia per l’Australia, sia per la Nuova Zelanda presentiamo due nostri tour in esclusiva che si aggiungono agli itinerari classici, rivisti anche in chiave Fancy, parcellizzati sull’est e sull'ovest del paese, per estendere l’esperienza di viaggio in Australia a chi non può concedersi periodi particolarmente lunghi. Una scelta premiante a quanto dimostrano i dati: le vendite, concentrate nel secondo semestre, sono infatti in ripresa e rispetto al passato notiamo un incremento delle richieste di viaggi individuali e in famiglia”. Anche la Nuova Zelanda performa bene con un buoni riempimenti sulle partenze da marzo soprattutto per fly & drive e per la Polinesia, best seller nel 2022 che riconferma la sua crescita, sia come meta stand alone sia come estensione di tour. Sono state perciò ampliate le opportunità di soggiorno grazie ad accordi con alcune catene alberghiere che permettono di proporre un’offerta molto competitiva in strutture di differente categoria, dallo standard al lusso per soddisfare ogni budget. Canada [caption id="attachment_435795" align="alignleft" width="300"] Rosanna Nicastro[/caption] Il Canada del Diamante registra un buon andamento delle prenotazioni e rileva un cambio di passo della clientela, sempre più incline alla qualità del servizio e del prodotto. “Viaggiare bene è la richiesta che arriva dalla nostra clientela e che contraddistingue questo 2022 - racconta la product manager della destinazione, Rosanna Nicastro -. Sono infatti in netto incremento le prenotazioni di posti in business class e premium economy e chi viaggia con noi non lascia nulla al caso, cercando di completare gli itinerari con esperienze insolite e possibilmente uniche. Per rispondere a questa tendenza abbiamo inserito nella nostra programmazione la nuova sezione Canada Experience & Wildelife, che racchiude un’ampia selezione di proposte consigliate per rendere il viaggio indimenticabile”. Canada Experience & Wildelife suggerisce in particolare pacchetti esperienziali nella natura, spaziando da soggiorni sul lago Sacacomie da dedicare alla pesca o alla canoa, al trekking e alla mountain bike per ammirare cervi, alci o caribù, fino ai tour in barca alla ricerca di balene e puffins, o alle escursioni dedicate all’avvistamento degli orsi neri, dei grizzly e degli orsi polari... Tra le novità si aggiunge il tour in esclusiva Il Diamante Le meraviglie canadesi dell’ovest, con tre partenze tra agosto e settembre; è il solo tour di gruppo con guida in italiano che include una tappa a Campbell River, punto di partenza ideale per avvistare gli orsi grizzly solitamente inclusa solo nei fly & drive. E’ stata inoltre potenziata la sezione dedicata ai viaggi in treno con In treno da Halifax a Toronto: un viaggio individuale consigliato a chi preferisce la comodità del treno, mantenendo la propria autonomia, per un itinerario che attraversa il New Brunswick fino a raggiungere Toronto. Perù [caption id="attachment_435800" align="alignleft" width="300"] Gian Marco Caprotti[/caption] Le richieste per viaggi Qactive, Qsmart e Qexperience in Perù con Mistral Tour sono in significativo incremento, con numeri raddoppiati rispetto sia al 2019, sia alle previsioni del 2020. "Se le proposte di itinerari guidati in bus e gli over 50 continuano a rappresentare lo zoccolo duro della programmazione e della nostra clientela, è sicuramente in atto un cambiamento che riguarda sia la fascia d’età, sia le abitudini di consumo - sottolinea il product manager Perù, Gian Marco Caprotti -. Si amplia infatti il target dai 20 anni in su, che è la fascia di clientela sulla quale l’operatore sta scommettendo dal 2019, investendo nella costruzione di proposte di viaggio rispondenti alle loro esigenze; di pari passo sono cambiate le abitudini dei clienti che, in generale, richiedono sempre più frequentemente itinerari Qexperience, che includono percorsi in bici a Lima o il trekking sulle montagne arcobaleno, piuttosto che escursioni in dune buggy a Paracas oppure esperienze soft, ma allo stesso tempo adrenaliniche, coinvolgenti, autentiche ed emozionanti come l’e-bike in valle sacra". Se Sulle tracce degli Incas e Active Perù restano quindi tra le proposte più richieste, per rispondere ai nuovi trend di domanda Mistral riconferma gli 11 tour di gruppo ormai iconici della programmazione, impreziositi dagli itinerari Experience Perù e Active Perù, rinnovati e arricchiti. Ritorna a grande richiesta anche la proposta Qsmart Party Perù, ideale per spiriti liberi di tutte le età: un viaggio classico ristrutturato in chiave moderna, perché concepito come un tour di gruppo con una struttura precostituita ma con una buona flessibilità per lasciare spazio alla personalizzazione, senza andare a incidere troppo sui costi. Per gli amanti della natura, novità di Mistral Tour, si consiglia la crociera di tre o quattro giorni per immergersi e ammirare la foresta Amazzonica, da poter abbinare a tutti gli itinerari proposti. Infine, per scoprire il Perù con un tocco di charme, Mistral permette di personalizzare e completare l’esperienza di viaggio partendo dal soggiorno e scegliendo di alloggiare in case coloniali, piuttosto che palazzi storici o fazenda.   [post_title] => Quality: esperienza e avventura per innovare i classici su Australia, Canada e Perù [post_date] => 2022-12-13T10:21:54+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670926914000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "aci blueteam" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":13,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":129,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438559","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_352847\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesca Marino[/caption]\r\n\r\nConfermato l’accordo speciale tra Grimaldi Lines e Aci Sport in occasione del\r\n\r\nRally Italia Sardegna 2023, sesta tappa del WRC World Rally Championship, in programma dall’1 al 4 giugno prossimo. La partnership garantisce prezzi davvero vantaggiosi sia ai team che competono, sia ai tanti appassionati di velocità, che sbarcheranno sull’isola per assistere alla gara.\r\n\r\n«La Sardegna è il focus della nostra programmazione e il cuore della nostra offerta. Il network di collegamenti marittimi consente infatti di raggiungere qualsiasi località nel nord e nel sud dell’isola, viaggiando comodamente a bordo di navi moderne e accolti da equipaggi esperti e professionali – ha dichiarato Francesca Marino, dirigente del dipartimento passeggeri di Grimaldi Lines – Intendiamo potenziare sempre più la nostra presenza su questo territorio, valorizzandone le caratteristiche di unicità e supportando manifestazioni ed iniziative di impatto, quali il Rally Italia Sardegna 2023».\r\n\r\nGrazie all’accordo tra Grimaldi Lines e ACI Italia, chi desidera assistere alla competizione potrà usufruire di una riduzione sul viaggio via mare da e per la Sardegna, sulle rotte Livorno-Olbia, Civitavecchia-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres, Barcellona-Porto Torres e viceversa, per prenotazioni effettuate dal 1°\r\n\r\nfebbraio al 28 maggio 2023, con partenza tra il 22 maggio ed il 18 giugno 2023. Dettagli e modalità di prenotazione sono pubblicati nella sezione partner del sito www.grimaldi-lines.com. I concorrenti troveranno invece il dettaglio dei costi dedicati allo staff, alle vetture e alle bisarche al seguito e le informazioni per prenotare, collegandosi al sito www.rallyitaliasardegna.com","post_title":"Grimaldi in partnership con Aci per il Rally Italia Sardegna 2023","post_date":"2023-02-02T13:37:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1675345077000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437762","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Aeroporto di Milano Bergamo chiude il 2022 nel segno della qualità dei servizi ai passeggeri, come rilevato da Aci World, l’associazione mondiale degli aeroporti.\r\n\r\nI dati dell'ultimo trimestre 2022 mostrano addirittura un sensibile incremento dei già alti livelli raggiunti nella qualità dei servizi e degli spazi sia rispetto al trimestre precedente sia rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. La periodica indagine sull’indice di gradimento manifestato dell’utenza aeroportuale, che rientra nel programma ASQ di Airports Council International (ACI) World e coinvolge circa 300 tra i più importanti aeroporti a livello mondiale, evidenzia per lo scalo bergamasco un grado di soddisfazione globale di 4,6 (su un massimo di 5) contro un valore medio mondiale di 4,3 ed un valore medio italiano di 4,2.\r\n\r\nI valori di riferimento premiano lo scalo nel suo complesso con incremento del gradimento di cinque punti percentuali rispetto al trimestre precedente facendolo emergere ancora di più nel contesto del trasporto aereo internazionale che rivela una conferma del livello di soddisfazione del trimestre precedente.\r\n\r\nI passeggeri dello scalo bergamasco esprimono la soddisfazione massima per i servizi business (4,8), la più elevata in Italia, ma premiano in modo considerevole anche l’agevole accessibilità allo scalo (4,7), la chiarezza della segnaletica (4,7), la fruizione degli spazi all’interno del terminal (4,4) insieme a comfort e pulizia (4,4), di assoluto rilievo inoltre il gradimento della professionalità e disponibilità del personale dei servizi di assistenza (4,6). Il buon rapporto qualità prezzo dell’offerta degli esercizi commerciali e di ristorazione viene sottolineato infine dai passeggeri con il massimo punteggio italiano (4,4).","post_title":"Milano Bergamo: la qualità dei servizi ai passeggeri vola sempre più in alto","post_date":"2023-01-23T12:06:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674475615000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437491","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Neos ha siglato un nuovo accordo di wet lease in con Etf Airways, compagnia aerea croata con cui ha già avviato collaborazioni la scorsa estate. In base all'intesa Etf (Enjoy The Flight) Airways metterà a disposizione di Neos un Boeing 737-800 da 186 posti in Acmi, comprendente perciò tutte le prestazioni accessorie quali assicurazione, equipaggio e manutenzione.\r\nL'aeromobile sarà dedicato in particolare alle operazioni con partenza da Milano Bergamo, contribuendo a una maggiore flessibilità operativa e commerciale, garantendo una capacità superiore, necessaria in particolare durante l’alta stagione, e migliorando complessivamente gli operativi delle singole rotazioni.\r\n“La collaborazione con Etf Airways che rappresenta un’ulteriore opportunità di crescita per il nostro business e che ci permetterà di garantire ai nostri clienti la stabilità operativa che ci contraddistingue, anche nei periodi di maggior richiesta, continuando ad offrire qualità e servizi di alto livello” afferma Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos\r\n ","post_title":"Neos: nuovo accordo di wet lease in con il vettore croato Etf Airways","post_date":"2023-01-18T10:08:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674036496000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436681","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ancora una volta gli italiani hanno deciso di non rinunciare alla vacanza anche nei giorni dell’Epifania, grazie a una congiuntura un po’ più fortunata rispetto ai giorni di Natale e del Capodanno, dal momento che la festività è collocata nella giornata di venerdì. Tra coloro che hanno effettuato una vacanza lunga, comprendendo sia il Natale sia la Befana (3mln e 54mila persone), e chi invece si è orientato solo sulle festività di Capodanno ed Epifania (242mila), si distingue quel milione e 868 mila che, appunto, si muoverà soltanto nei giorni della Befana. A rivelarlo è l'ultima indagine Federalberghi realizzata con il supporto tecnico dell'istituto Acs Marketing Solutions.\r\n\r\nIn sostanza, prosegue lo studio, ci si è piacevolmente trovati di fronte a un fine settimana lungo, che si trascorrerà per la maggior parte in Italia (nel 97,7% dei casi), a caccia di relax e preferibilmente in località di facile raggiungibilità. L’interesse sarà prevalentemente concentrato sulle visite in città d’arte o siti pieni di storia e di musei e mostre da scoprire. Il tutto, prediligendo nel complesso la sistemazione in albergo (nel 44,3% dei casi), che stacca decisamene la soluzione della casa di parenti e/o amici (29,5%).\r\n\r\n“Analizzando i dati emersi, si ha la percezione che il turismo italiano stia cambiando – afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – Oggi i nostri concittadini mostrano di avere delle priorità: viaggiare sì, ma in modo intelligente, rifuggendo da situazioni di stress eccessivi. Nel complesso potremmo dire che si chiude in bellezza. Se non ci fosse però quel 34% di persone che ridurrà la durata del viaggio a causa degli aumenti divenuti insostenibili. Sono questi i veri nemici del turismo e di tutta la sua filiera. Se c’è un’urgenza nel nostro comparto, e lo gridiamo a gran voce, è quella di porre un freno ai rincari”.\r\n\r\nNel dettaglio, stando all'indagine saranno complessivamente 5 milioni e 164 mila gli italiani in viaggio nei giorni dell’Epifania. In generale non ci si allontanerà molto da casa, privilegiando la regione della propria residenza (68,6%) o una regione vicina (29,1%). Tra i vacanzieri, 1 milione 868 mila si metterà in viaggio per il solo periodo dell’Epifania; 242 mila saranno già in movimento sin da Capodanno, mentre 3 milioni e 54 mila ha programmato la vacanza lunga, ovvero l’intero arco delle festività, da Natale alla Befana. Per coloro che andranno in vacanza esclusivamente nel periodo dell’Epifania, la durata media sarà di circa 3,3 notti con una spesa pro capite complessiva (ovvero comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) di 572 euro. Un dato, quest'ultimo, che scende a 567 euro per chi resterà in Italia, salendo invece a 875 euro per chi sceglierà l’estero. Il giro di affari specifico del weekend si attesterà sul miliardo e 68 milioni di euro. Motivo principale della vacanza sarà infine la ricerca del riposo e del relax (58%), passeggiando (33%), visitando monumenti (22,7%) e musei (18,2%) o assistendo a spettacoli musicali (14,8%).","post_title":"Bocca, Federalberghi: bene l'Epifania ma gli aumenti sono il vero nemico del turismo","post_date":"2023-01-03T11:14:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1672744455000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436280","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lieve frenata di Aci Europe sulle previsioni di piena ripresa del traffico passeggeri, che viene posticipata al 2025: nel 2023 il volume passeggeri è destinato a scendere del -9% rispetto ai livelli pre-pandemia (2019).\r\n\r\n\"Il traffico passeggeri ha registrato una forte ripresa dalla scorsa primavera e finora si è dimostrato molto resistente di fronte ai crescenti venti contrari geopolitici ed economici\" ha dichiarato Olivier Jankovec, direttore generale di Aci Europe -. Tuttavia, ci aspettiamo che la ripresa del traffico passeggeri si stabilizzi in futuro, e che il calendario si spinga fino al 2025 prima che gli aeroporti europei tornino finalmente al punto in cui si trovavano prima dell'impatto del Covid-19. L'anno prossimo mancheranno ancora 220 milioni di passeggeri, il che significa che i nostri volumi saranno pari solo ai livelli del 2017\".\r\n\r\nL'associazione segnala che le continue tensioni geopolitiche e la guerra in Ucraina continueranno ad avere un impatto su diversi mercati nazionali. Anche il deterioramento della macroeconomia e le pressioni inflazionistiche sono destinate a pesare sulla domanda, con un forte aumento delle tariffe aeree nel terzo e quarto trimestre del 2022.\r\n\r\nL'impatto di questi fattori negativi sul traffico passeggeri sarà parzialmente compensato da un certo grado di resilienza della domanda leisure e dalla continua espansione dei vettori ultra-low cost. La fine delle concessioni sugli slot aeroportuali alle compagnie aeree a partire dalla prossima estate dovrebbe inoltre attenuare le pressioni sull'offerta.\r\n\r\n\"La situazione sta diventando sempre più eterogenea in termini di impatti e risultati - ha concluso Jankovec -. Prevediamo che diversi mercati aeroportuali - specie quelli che si basano sul turismo - supereranno i volumi di passeggeri precedenti alla pandemia già l'anno prossimo. Ma per molti altri non sarà così e impiegheranno molto più tempo per riprendersi. Più a lungo termine, una volta che gli ultimi impatti di Covid-19 saranno finalmente partiti, gli aeroporti europei dovranno affrontare livelli di rischio più elevati rispetto al passato. Le nostre autorità di regolamentazione devono riflettere e tenerne pienamente conto\".","post_title":"Aci Europe rimanda al 2025 il pieno recupero dei volumi di traffico passeggeri","post_date":"2022-12-20T12:03:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1671537839000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436259","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424940\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Bernabò Bocca[/caption]\r\n\r\nOltre 17 milioni di italiani in viaggio per le festività di fine 2022: 12 milioni saranno in viaggio a Natale mentre 5 milioni e 400 mila circa sceglieranno il Capodanno come momento clou della propria vacanza. Il giro d’affari sarà superiore ai 13 miliardi di euro, riportando la spesa complessiva ai livelli del 2019, con ricadute positive per tutte le componenti della filiera turistica, dalla ristorazione ai trasporti allo shopping, producendo un notevole sostegno alla tenuta del PIL.\r\n\r\nChi parte per Natale trascorrerà mediamente 6,9 notti fuori casa, mentre la vacanza di Capodanno ha una durata inferiore (3,6 notti).\r\n\r\nAncora una volta, sarà l’Italia la destinazione preferita: non ci si allontanerà di molto dalla regione di residenza e molti di coloro che affronteranno spostamenti più impegnativi lo faranno per raggiungere le famiglie di origine.\r\n\r\n«Leggo questi risultati come una dichiarazione di amore degli italiani per l’Italia - afferma Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, a commento dell’indagine realizzata per la Federazione da ACS Marketing Solutions tra il 7 e il 12 dicembre -. Siamo diventati meno esterofili a quanto pare. Nel corso degli ultimi due anni, in molti hanno trascorso le vacanze sotto casa a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia. Ma oggi che ne siamo più o meno fuori, gli italiani scelgono di dedicare energia e denaro ad una vacanza “made in Italy” non più come ripiego, bensì come scelta».\r\n\r\nSu tutto, vince la voglia di rilassarsi, di ridiventare padroni del proprio tempo soprattutto nelle destinazioni di montagna, di godersi il patrimonio artistico culturale del proprio paese e anche di vivere la natura appieno. Si risparmierà sui consumi per prediligere il soggiorno ed anche le esperienze legate al mondo dell’enogastronomia.\r\n\r\n«Nel nostro comparto non possiamo che dirci soddisfatti di fronte alla rilevazione di questi dati – aggiunge Bocca – Ma certo questo è un Natale nuovo per noi. Non dimentichiamo che lo scorso anno eravamo ancora sotto pressione. Le nostre scelte dipendevano dal decreto covid Natale. E’ stato orribile. Non ci si poteva sentire davvero liberi. Ma anche il caro energia, che ha messo KO i bilanci di famiglie e imprese, e il conflitto in Ucraina, hanno creato un ostacolo non da poco per la programmazione. Molti italiani hanno rinunciato all’ipotesi del viaggio, non essendo rassicurati dalla situazione. Quest’anno siamo più proiettati in avanti, malgrado le difficoltà non manchino. E, soprattutto, la voglia di Italia resta».\r\n\r\n«Ciò detto – ha concluso Bocca – questo atto di amore verso il nostro Paese va potenziato. E’ il momento di osare, di investire, di correre con tutto il sostegno che le istituzioni potranno dare al comparto. Ritengo che si debba partire da qui, proprio allo scopo di dare ancora più forza a questo traino per la crescita».","post_title":"Federalberghi: le festività valgono 13 miliardi di euro","post_date":"2022-12-20T10:08:25+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1671530905000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436040","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"2 giorni, 3 sessioni di lavoro dedicate alle parole chiave - Identità, Reti e Innovazione – 30 relatori e oltre 300 spettatori, in presenza ma anche connessi online: questi i numeri di DEDECO 2022 – Destination Design Conference, che si è chiusa a Finale Ligure.\r\n\r\n“Piccolo è (bello) fragile. Maneggiare con cura” il titolo dell’evento che, dall’Auditorium di Santa Caterina a Finalborgo, ha messo al centro il ruolo del turismo nelle dinamiche di sviluppo e gestione dei territori più piccoli e marginali, superando la narrazione celebrativa dei borghi.\r\n\r\nOrganizzata da DEDE Destination Design – rete di imprese composta da Itur, Ideazione e Studiowiki, tre società con competenze differenti per rafforzare e far crescere le destinazioni turistiche – e sostenuta dal Comune di Finale Ligure, la due giorni di dibattito, approfondimento e formazione ha scandagliato le diverse implicazioni della valorizzazione turistica dei borghi, o meglio dei piccoli paesi e delle aree interne, tra bellezza e fragilità, attraverso la lente del destination design, cioè dell’insieme delle attività di gestione, comunicazione e promozione, finalizzate a posizionare una destinazione nella competizione globale tra territori turistici.\r\n\r\n«Da DEDECO 2022 è emerso un messaggio forte e chiaro: i territori marginali e i piccoli paesi rappresentano una costellazione di unicità che li rende competitivi sul mercato turistico e che può fare di loro un fondamentale motore di sviluppo per l’Italia – ha commentato Enrico Ferrero, AD di Ideazione srl. – Sono queste unicità che, messe tutte insieme, fanno dell’Italia il “paese sognato” dai turisti di tutto il mondo. Ed è proprio intorno all’unicità e all’identità, se mantenuta e maneggiata con cura, che si può costruire comunità, fare rete e creare innovazione».\r\n\r\n«Identità, reti e innovazione sono le tre parole chiave intorno alle quali abbiamo progettato l’evento – ha spiegato Federico Alberto, direttore creativo di Studiowiki. – A conclusione di questa due giorni di intenso confronto, scegliamo altre tre parole: disparato, a indicare la straordinaria varietà di esperienze e ricette possibili per valorizzare i territori più piccoli; ricomposizione delle diverse istanze e dei diversi punti di vista della comunità; speranza, intesa come immersione nelle potenzialità del presente».\r\n\r\n«DEDECO 2022 ci lascia con la fotografia di una complessità diffusa sul territorio ma anche all’interno delle singole esperienze e dei singoli casi, ma ci lascia anche con una maggiore consapevolezza in termini di concetti e capacità legate alla progettazione turistica anche nei comuni più piccoli, che permette di poter contare su fondamenta più solide su cui costruire» - ha concluso Emiliano Monaco, vicepresidente di Itur.\r\n\r\nEvoluzione dei Travel Marketing Days, che proprio da Finale Ligure sono partiti nel 2016, la Destination Design Conference è organizzata da De.De Destination Design – rete di imprese composta da Itur, Ideazione e Studiowiki, tre società con competenze differenti per rafforzare e far crescere le destinazioni turistiche - e Wikiacademy – centro studi di Studiowiki, agenzia di comunicazione associata a UNA (Aziende della Comunicazione Unite). DEDE.CO 2022 è sostenuta dal Comune di Finale Ligure, con il patrocinio di Regione Liguria, Università degli Studi di Genova e Ordine dei Giornalisti della Liguria e in partnership con l’associazione I Borghi Più Belli d’Italia, ANCI Liguria, UNA (Aziende della Comunicazione Unite), Provincia di Savona, Federalberghi Savona e Unione Provinciale degli Albergatori della Provincia di Savona. Sono content partner Uncem (Unione Nazionale dei Comuni e delle Comunità Montane) e DestinAction. Partner tecnici l’Istituto Alberghiero A. Migliorini e Asta del Mobile.","post_title":"DeDeCo, valorizzare i territori marginali e i piccoli paesi motore di sviluppo per l’Italia","post_date":"2022-12-15T13:08:31+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1671109711000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435968","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Undici aeromobili entro il 2026 che collegheranno un network che raggiungerà le 30 destinazioni entro il medesimo anno: questi gli obiettivi messi a fuoco dal nuovo piano strategico di Cyprus Airways. La compagnia ha delineato per i prossimo anni un modello di business ibrido, che propone ai clienti una base low cost ma anche la possibilità di costruire l'esperienza di viaggio aggiornando i servizi in base alle proprie esigenze.\r\n\r\nL'anno prossimo Cyprus Airways opererà con quattro Airbus A320ceo, con l'obiettivo di passare agli Airbus A320neo entro il 2025; attualmente il vettore sta pianificano l'ampliamento della flotta a sei aeromobili nel 2024, a nove nel 2025 e a 11 entro il 2026. Parte di questa flotta sarà utilizzata per le operazioni Acmi e per i servizi charter, che consentiranno flussi di entrate e contributi costanti alla compagnia aerea.\r\n\r\nNei progetti della compagnia, dopo il recente lancio dei servizi per Parigi e Roma, l'ulteriore espansione del network europeo e lo sviluppo del traffico, sia leisure sia d'affari point-to-point. Nel mirino di Cyprus Airways servizi di linea lungo tutto l'arco dell'anno che colleghino l'isola con le principali città entro un raggio di 1,5 ore, in grado di offrire connettività intra-rete da/per Atene, Beirut e Tel Aviv e di alimentare le principali città europee e i suoi servizi stagionali per varie isole greche.\r\n\r\nComplessivamente la compagnia conta di servire 18 destinazioni l'anno prossimo, che saliranno fino a 30 entro il 2026.","post_title":"Cyprus Airways: il piano strategico punta a 30 destinazioni e 11 aeromobili in flotta nel 2026","post_date":"2022-12-15T09:50:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1671097825000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435784","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435789\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Roberto Boni[/caption]\r\n\r\nAutenticità, esperienza, avventura e active sono le nuove parole chiave che completano gli itinerari di Quality Group, che mantengono al contempo saldo il loro dna fondato su tre pilastri: natura, cultura, storia. Un modo insolito per rileggere i grandi classici dedicati ad Australia (con Nuova Zelanda e Polinesia), Canada e Perù. \r\n\r\nAustralia, Nuova Zelanda e Polinesia\r\n\r\nDiscover Australia presenta quindi una programmazione innovativa chiamata significativamente Fancy Australia Revolution. Si tratta di una proposta accessibile a tutti, grazie a quattro nuovissimi itinerari di breve durata (11/13 giorni), che riescono a conservare gli highlight della destinazione a un prezzo appetibile. Il tutto, favorito dal nuovo collegamento diretto tra Roma Fiumicino e Perth, che ha anche consentito lo sviluppo di proposte su tutto il Western Australia. “Abbiamo riconfermato tutti i prodotti e i programmi anche esclusivi d’epoca pre-Covid, fatto non del tutto scontato, con un calendario di partenze di tour in esclusiva con guida in italiano, distribuite sull'intero corso dell’anno - spiega il product manager Roberto Boni -. Sia per l’Australia, sia per la Nuova Zelanda presentiamo due nostri tour in esclusiva che si aggiungono agli itinerari classici, rivisti anche in chiave Fancy, parcellizzati sull’est e sull'ovest del paese, per estendere l’esperienza di viaggio in Australia a chi non può concedersi periodi particolarmente lunghi. Una scelta premiante a quanto dimostrano i dati: le vendite, concentrate nel secondo semestre, sono infatti in ripresa e rispetto al passato notiamo un incremento delle richieste di viaggi individuali e in famiglia”.\r\n\r\nAnche la Nuova Zelanda performa bene con un buoni riempimenti sulle partenze da marzo soprattutto per fly & drive e per la Polinesia, best seller nel 2022 che riconferma la sua crescita, sia come meta stand alone sia come estensione di tour. Sono state perciò ampliate le opportunità di soggiorno grazie ad accordi con alcune catene alberghiere che permettono di proporre un’offerta molto competitiva in strutture di differente categoria, dallo standard al lusso per soddisfare ogni budget.\r\n\r\nCanada\r\n\r\n[caption id=\"attachment_435795\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Rosanna Nicastro[/caption]\r\n\r\nIl Canada del Diamante registra un buon andamento delle prenotazioni e rileva un cambio di passo della clientela, sempre più incline alla qualità del servizio e del prodotto. “Viaggiare bene è la richiesta che arriva dalla nostra clientela e che contraddistingue questo 2022 - racconta la product manager della destinazione, Rosanna Nicastro -. Sono infatti in netto incremento le prenotazioni di posti in business class e premium economy e chi viaggia con noi non lascia nulla al caso, cercando di completare gli itinerari con esperienze insolite e possibilmente uniche. Per rispondere a questa tendenza abbiamo inserito nella nostra programmazione la nuova sezione Canada Experience & Wildelife, che racchiude un’ampia selezione di proposte consigliate per rendere il viaggio indimenticabile”.\r\n\r\nCanada Experience & Wildelife suggerisce in particolare pacchetti esperienziali nella natura, spaziando da soggiorni sul lago Sacacomie da dedicare alla pesca o alla canoa, al trekking e alla mountain bike per ammirare cervi, alci o caribù, fino ai tour in barca alla ricerca di balene e puffins, o alle escursioni dedicate all’avvistamento degli orsi neri, dei grizzly e degli orsi polari... Tra le novità si aggiunge il tour in esclusiva Il Diamante Le meraviglie canadesi dell’ovest, con tre partenze tra agosto e settembre; è il solo tour di gruppo con guida in italiano che include una tappa a Campbell River, punto di partenza ideale per avvistare gli orsi grizzly solitamente inclusa solo nei fly & drive. E’ stata inoltre potenziata la sezione dedicata ai viaggi in treno con In treno da Halifax a Toronto: un viaggio individuale consigliato a chi preferisce la comodità del treno, mantenendo la propria autonomia, per un itinerario che attraversa il New Brunswick fino a raggiungere Toronto.\r\n\r\nPerù\r\n\r\n[caption id=\"attachment_435800\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Gian Marco Caprotti[/caption]\r\n\r\nLe richieste per viaggi Qactive, Qsmart e Qexperience in Perù con Mistral Tour sono in significativo incremento, con numeri raddoppiati rispetto sia al 2019, sia alle previsioni del 2020. \"Se le proposte di itinerari guidati in bus e gli over 50 continuano a rappresentare lo zoccolo duro della programmazione e della nostra clientela, è sicuramente in atto un cambiamento che riguarda sia la fascia d’età, sia le abitudini di consumo - sottolinea il product manager Perù, Gian Marco Caprotti -. Si amplia infatti il target dai 20 anni in su, che è la fascia di clientela sulla quale l’operatore sta scommettendo dal 2019, investendo nella costruzione di proposte di viaggio rispondenti alle loro esigenze; di pari passo sono cambiate le abitudini dei clienti che, in generale, richiedono sempre più frequentemente itinerari Qexperience, che includono percorsi in bici a Lima o il trekking sulle montagne arcobaleno, piuttosto che escursioni in dune buggy a Paracas oppure esperienze soft, ma allo stesso tempo adrenaliniche, coinvolgenti, autentiche ed emozionanti come l’e-bike in valle sacra\".\r\n\r\nSe Sulle tracce degli Incas e Active Perù restano quindi tra le proposte più richieste, per rispondere ai nuovi trend di domanda Mistral riconferma gli 11 tour di gruppo ormai iconici della programmazione, impreziositi dagli itinerari Experience Perù e Active Perù, rinnovati e arricchiti. Ritorna a grande richiesta anche la proposta Qsmart Party Perù, ideale per spiriti liberi di tutte le età: un viaggio classico ristrutturato in chiave moderna, perché concepito come un tour di gruppo con una struttura precostituita ma con una buona flessibilità per lasciare spazio alla personalizzazione, senza andare a incidere troppo sui costi. Per gli amanti della natura, novità di Mistral Tour, si consiglia la crociera di tre o quattro giorni per immergersi e ammirare la foresta Amazzonica, da poter abbinare a tutti gli itinerari proposti. Infine, per scoprire il Perù con un tocco di charme, Mistral permette di personalizzare e completare l’esperienza di viaggio partendo dal soggiorno e scegliendo di alloggiare in case coloniali, piuttosto che palazzi storici o fazenda.\r\n\r\n ","post_title":"Quality: esperienza e avventura per innovare i classici su Australia, Canada e Perù","post_date":"2022-12-13T10:21:54+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670926914000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti