13 June 2024

Aci blueteam a fianco delle agenzie di viaggio con WonderMiles

[ 0 ]

Massimo Gardini, industry relations director di Aci blueteam e capo progetto dell’operazione in Italia

WonderMiles si conferma strumento di lavoro per le agenzie di viaggio. La piattaforma di selfbooking focalizzata sul corporate travel, della quale Aci blueteam è distributore in esclusiva per l’Italia, ha oggi raggiunto un ulteriore livello di funzionalità che non solo facilita, velocizzandolo, il lavoro degli agenti, ma permette loro di fidelizzare nuovi clienti, potenziando così il proprio business nel segmento corporate.

«Il riscontro su WonderMiles che stiamo avendo dalle agenzie di viaggio della nostra rete di affiliati è senza dubbio strabiliante – spiega Massimo Gardini, industry relations director di Aci blueteam e capo progetto dell’operazione in Italia –. Il lavoro che abbiamo fatto nell’ultimo anno, a quattro mani con WonderMiles, ci ha permesso di rendere ancora più incisivo il perfetto connubio tra la competenza tecnica degli ingegneri che lavorano alla piattaforma e la nostra consolidata esperienza nel corporate travel, a servizio degli agenti di viaggio. Essere i distributori esclusivi sul mercato Italia di WonderMiles ci pone oggi in una posizione di sicuro appeal, ma soprattutto ci ha dato, e sicuramente continuerà a darci, grandi soddisfazioni”.

Con un’interfaccia grafica efficace e leggera, WonderMiles è caratterizzata da una rapidità di configurazione senza pari sul mercato, che rende la piattaforma molto competitiva per i contenuti e le funzionalità necessarie a far vivere alle aziende un’esperienza di selfbooking davvero efficace, senza rinunciare, al contempo, alla consulenza e alla professionalità delle agenzie di viaggio, che possono intervenire in qualunque momento nel processo di prenotazione. Inoltre, grazie all’ultimo rilascio del motore Amadeus, che affianca Sabre già presente, il bacino di utenti interessati si amplia ancor di più, dando vita a una vera e propria rivoluzione sul mercato dei selfbooking tool.

La conferma dei vantaggi collegati all’utilizzo della piattaforma arriva direttamente da coloro che la usano quotidianamente, come conferma Riccardo Ricci, titolare dell’agenzia di viaggi Alma Travel di Roma: «Proporre ai nostri clienti una piattaforma di selfbooking tanto evoluta rispetto alle altre presenti sul mercato ci ha permesso di fidelizzare nuovi clienti – spiega Ricci –. L’utilizzo di WonderMiles ha, infatti, ampliato il nostro raggio di azione permettendoci di approcciare anche aziende di grandi dimensioni, interessate sia a una riduzione dei costi di gestione sulla maggior parte delle trasferte sia a un servizio VIP per i livelli dirigenziali. Non è da trascurare, inoltre, l’impatto che WonderMiles può avere sulla sostenibilità aziendale: poter disporre di un processo interamente digitale, dall’inizio alla fine della trasferta, rappresenta per i Clienti una forte spinta verso un approccio sostenibile, molto apprezzato in questo momento. Il fatto, poi, di veder evidenziato in fase di prenotazione, così come sui report, il consumo di CO2 per i voli aerei è un altro importante tassello verso la riduzione dell’inquinamento atmosferico».

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Aruba National Park Foundation, la fondazione che si occupa della protezione di quasi un quarto dell'habitat naturale dell'isola, si trasforma in Aruba Conservation Foundation (Acf), perseguendo un cambiamento strategico importante che passa dalla mera gestione dei parchi a una vera e propria fondazione di conservazione. Un mutamento che è stato accompagnato dalla trasformazione dell'identità visiva e verbale dell’ente: un nuovo nome, logo e tono di voce che vogliono comunicare quello che la natura vorrebbe dire, e cioè che è tempo di ascoltarla. La nuova fondazione vuole essere una moderna organizzazione di gestione della conservazione abbandonando il tradizionale modello di direzione dei parchi: l’attenzione viene spostata dai visitatori agli abitanti locali, per ricordare loro l’importante legame con questa terra. Il rebranding è cominciato dal nome, che è passato dal fare riferimento a un’area limitata di isola – e cioè il parco Arikok – a includere l’intera nazione, Aruba. Si è passati poi al logo, che combina le forme di onde, cactus e persone simboleggiando il messaggio chiave della fondazione: un’azione collettiva per l'ambiente. La vivace palette di colori rappresenta le principali caratteristiche geografiche dell'isola: il lilla per le zone umide, il giallo per le terre selvagge, il ciano per l'oceano e l'arancione per le dune. Sono poi state create una serie di illustrazioni che raffigurano animali e piante di fondamentale importanza per l’isola e oggi in via di estinzione: lucertole, sarpenti e uccelli. Il nuovo sito dell’Acf recita “If the cascabel could speak, what would it say?”: un invito a interrogarsi sempre di più su quali siano i bisogni della natura che ci circonda e su cosa ognuno di noi può fare, nel suo piccolo, per contribuire a rendere la terra che abitiamo un pianeta più sano. [gallery ids="468464,468461,468463"] [post_title] => Nasce l'Aruba Conservation Foundation: priorità alla conservazione dell'ambiente [post_date] => 2024-05-30T11:01:39+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717066899000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France ha svelato le nuove cabine che saranno installate su tutti gli Embraer 190 in flotta alla filiale regionale Hop!, in linea con la standardizzazione di prodotti e servizi sul network di corto e medio raggio. Il primo di questi aeromobili rinnovati prenderà il volo nell'autunno del 2024. L'Embraer 190 sarà dotato di 110 sedili disposti in una configurazione 2-2, ciascuno rivestito in pelle e dotato di imbottitura ergonomica, per maggiore comfort e sostenibilità. Il sedile, che può essere reclinato fino a tre pollici, avrà un ampio piano di seduta di 46 cm, un tavolino, comodi braccioli rimovibili e un appendiabiti. Il poggiatesta del sedile è regolabile in altezza con ali regolabili. Nello schienale di ogni sedile sarà integrato un supporto retrattile con una superficie rigata e antiscivolo per ospitare in modo sicuro uno smartphone o un tablet. Il sedile sarà dotato di porte Usb A e C, per consentire ai clienti di ricaricare i propri dispositivi personali. I passeggeri che scelgono di volare in classe business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile: per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa porzione di cabina dal resto dei passeggeri e, da gennaio 2025, ogni passeggero business avrà un posto vuoto accanto a sé. clienti Business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile. Per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa classe di cabina dal resto della cabina e, a partire da gennaio 2025, ogni cliente Business avrà un posto vuoto accanto a sé. Come l'Airbus A220, la cabina dell'Embraer 190 sarà caratterizzata dai colori tipici di Air France: sfumature di blu, una forte presenza di bianco per dare luce e contrasto e tocchi di rosso, che rappresentano l'eccellenza e il know-how della compagnia aerea. Realizzata in fibra di carbonio e titanio, la struttura del sedile è ultraleggera ed estremamente robusta: ogni nuovo sedile è più leggero del 30% rispetto al modello attuale, contribuendo a ridurre il peso complessivo dell'aeromobile per diminuire il consumo di carburante e le emissioni di CO2. Progettati su misura in linea con le specifiche della compagnia, questi sedili saranno prodotti ad Angers, in Francia. Il rinnovo delle cabine degli Embraer 190 inizierà dopo l'estate presso il sito di manutenzione Hop! di Clermont-Ferrand.   [post_title] => Air France rinnova gli interni degli Embraer 190 della filiale regionale Hop! [post_date] => 2024-05-29T09:45:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716975900000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467954 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => C'è anche il nuovo Aki Plose tra le ultime quattro new entry del network Familienhotels Südtirol. La prima struttura a vocazione famiglia del gruppo Adler aprirà il prossimo novembre in valle Isarco, includendo al proprio interno anche un'area spa e wellness con ambienti dedicati adults only e un padiglione Yoga. L’offerta enogastronomica unirà inoltre i sapori del territorio e l'innovazione, per un prodotto a pensione completa, bevande analcoliche incluse. A disposizione degli ospiti anche un kids club e una nursery. Gli altri arrivi in casa Familienhotels Südtirol sono poi il Viktoria della val d'Ultimo, il Movi Apart Hotel di Corvara e il Familiamus sull'altopiano di Maranza. Il primo comprende 29 camere, terrazza solarium, giardino con ampia zona fango, parco giochi con scivoli, trampolino e piccola pista go-kart, piscina e sauna per famiglie; il Movi, oltre agli appartamenti, offre uno spazio benessere con Acqua Fun World, nonché saune adults only e per famiglie. Il Familiamus, infine, è un 5 stelle da 70 camere, che dispone pure del Magolix Club: uno spazio di mille metri quadrati, dove trovano posto un laboratorio di magia, un atelier creativo, un laboratorio del legno e una zona per l’attività fisica. [post_title] => Il nuovo Aki Plose tra le new entry del network Familienhotels Südtirol [post_date] => 2024-05-23T13:40:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716471609000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New entry sarda per il network Virtuoso: l'hotel Abi d'Oru di Porto Rotondo porta a sei gli indirizzi sardi compresi nel portfolio della rete agenziale specializzata nel lusso, su un totale di 154 strutture in Italia.  L'Abi d'Oru, in sardo Ape d’Oro, ha aperto le porte della sua ospitalità nel 1963, a soli quattro chilometri da Porto Rotondo ed è affacciato direttamente sul golfo di Marinella. Nel 2023 ha inaugurato le nuove camere e suite e la nuova piscina con pool bar, per un totale di 130 stanze di tipologie diverse inserite nell'architettura realizzata da Antonio Simon Mossa, architetto, politologo e scrittore sardo oltre 60 anni fa. Pilastro dell'ospitalità di Abi d'Oru è il forte legame con il territorio e per questo l'invito agli ospiti è quello di scoprire i caratteri e le personalità sarde nelle suite Al mare con: dalla giudicessa Eleonora d'Arborea al premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda; da Antonio Gramsci alla grande artista Maria Lai e da Eva Mameli, madre di Italo Calvino e prima donna in Italia a insegnare botanica all'università, alla designer Edina Altara. Con i suoi tre diversi ristoranti, quest'anno l'Abi d'Oru è pronto a riaprire il 16 maggio, con una nuova offerta gastronomica. “E’ una soddisfazione annunciare l'ingresso dell'Abi d'Oru nel network Virtuoso, risultato dovuto al grande lavoro del team commerciale, con a capo Nicola Monello, e di tutto il personale dell'hotel, che riesce anno dopo anno a rendere felici gli ospiti, anche i più esigenti - spiega l'amministratore delegato dell'hotel Abi d'Oru, Diana Zuncheddu -. Grazie agli investimenti e agli interventi di restyling intrapresi negli ultimi anni, la struttura ha raggiunto il livello di ospitalità che ci siamo prefissati e oggi ancora di più anche a livello internazionale, grazie a Virtuoso. Credo che questa affiliazione sia meritata da una destinazione come la Sardegna e da un hotel pioniere e icona dell'alta ospitalità, come il nostro". [post_title] => Il sardo Abi d'Oru entra nel network Virtuoso [post_date] => 2024-05-17T11:23:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715945022000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467496 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Firmato il rinnovo pluriennale della partnership tra Sabre e Aci blueteam. "La dedizione reciproca alla qualità del servizio e all'innovazione, che ha caratterizzato la relazione trentennale tra noi e Sabre, alimenta un impegno condiviso verso l'eccellenza e la soddisfazione del cliente - sottolinea il chief business officer di Aci blueteam, Alfredo Pezzani -. La prosecuzione della partnership ci consentirà di soddisfare e superare le aspettative dei nostri clienti, sfruttando la tecnologia avanzata di Sabre per offrire esperienze di viaggio ineguagliabili". Utilizzando la tecnologia di Sabre, Aci blueteam intende in particolare migliorare ulteriormente la propria efficienza operativa. L'integrazione dei servizi di automazione snellisce i processi di biglietteria e di controllo qualità, assicurando una pianificazione dei viaggi senza errori. Le soluzioni personalizzabili attraverso i servizi cloud-based di Sabre consentono esperienze di viaggio su misura, adattandosi alle esigenze di ogni cliente. Inoltre, gli aggiustamenti automatici del programma e le funzionalità di biglietteria riducono le interruzioni, offrendo ai viaggiatori affidabilità e tranquillità. "Il rinnovo del contratto è un passo cruciale per rafforzare la nostra presenza nel mercato italiano e un chiaro segno della sua espansione strategica in Europa - aggiunge la country manager di Sabre per l'Italia, Paola De Filippo -. Questa partnership è un esempio perfetto di come una filosofia incentrata sul cliente e l'impegno per l'innovazione continuino a garantire il successo in un settore così competitivo". [post_title] => Aci blueteam e Sabre ancora insieme: rinnovata la partnership pluriennale tra le due società [post_date] => 2024-05-16T11:45:10+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715859910000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467466 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione più lunga e con orari differenziati per la rotta Genova - Olbia di Moby, ripartita lo scorso 8 maggio. Per l’estate 2024, il ponte sul mare fra Liguria e Sardegna si prolunga infatti sino al 3 novembre, contribuendo anche alla destagionalizzazione del turismo. Quattro le navi che copriranno questa rotta: le Aki, Wonder, Otta e Drea con altrettante partenze notturne, due in direzione Genova e due in direzione Olbia. E in più, dal 27 luglio al 1° settembre, si aggiungeranno ulteriori partenze diurne: tre da Genova in direzione Sardegna e tre da Olbia in direzione Nord Italia. Torna inoltre la linea tra Genova e Bastia, che è partita ieri e andrà avanti fino al 30 settembre, con orari differenziati nel corso dell’estate. Per l’andata dalla Liguria alla Corsica, infatti, fino al 14 agosto la partenza avverrà alle 21 con arrivo a Bastia alle 7 della mattina successiva, mentre dal 16 agosto le partenze da Genova saranno alle 11 con arrivo in Corsica alle 18.30. Specularmente, i viaggi di ritorno fino al 14 agosto saranno diurni con partenza alle 11 e arrivo in Italia alle 18.30, mentre da Ferragosto le partenze saranno alle 21 dalla Corsica con l’approdo a Genova alle 7 della mattina successiva. Sulla tratta verranno utilizzate navi con ampia capacità di cabine e, nei giorni di maggiore affluenza, da giugno a settembre, nei fine settimana verranno aggiunte ulteriori partenze supplementari diurne veloci con la Aki e la Wonder, che permetteranno di raggiungere la Corsica con un viaggio ancora più rapido.   [post_title] => Moby prolunga la tratta Genova - Olbia. Ripartiti anche i collegamenti Liguria - Corsica [post_date] => 2024-05-16T10:33:51+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715855631000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467266 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Europa e Booking. Il settore alberghiero spera che la designazione di Booking come “gatekeeper”, annunciata ieri dalla Commissione europea, segnerà un prima e un dopo nel suo rapporto con il colosso della distribuzione, che ha diversi fronti aperti in Europa a causa di presunti abusi che approfittano dei loro servizi posizione dominante. "Dopo un decennio di lotta tra gli hotel europei e Booking, il Digital Markets Act rappresenta ora un vero punto di svolta", sottolinea Alexandros Vassilikos, presidente della lobby degli hotel europei (Hotrec). Nello specifico, denuncia che l'ota “continua a cercare di impedire agli hotel di offrire prezzi migliori nei propri canali di distribuzione” imponendo clausole di parità, oltre a “non condividere i propri dati con gli hotel con cui hanno un rapporto commerciale”. "Questi sono solo due dei tanti problemi che dovrebbero essere risolti grazie alla designazione del gatekeeper", sottolinea. Nuovi obblighi Markus Luthe, amministratore delegato dell’Associazione alberghiera tedesca (IHA), avverte Bruxelles che “ora è importante garantire che l’ota non cerchi di eludere i suoi nuovi obblighi”. Il colosso online ha sei mesi di tempo per conformarsi alle misure previste dalla Dma, tutte volte a evitare abusi, creare un rapporto equo con i fornitori e migliorare il servizio ricevuto dal consumatore finale. Alcuni però cominciano ad applicarsi con effetto immediato, come l’obbligo di informare la Commissione Europea di qualsiasi operazione di concentrazione. Il passo compiuto da Bruxelles rappresenta una nuova battuta d'arresto per Booking dopo un decennio di lotta con il settore alberghiero.  Allo stesso tempo, l'Italia ha appena aperto un'indagine contro la società per presunto abuso di posizione dominante. “Booking potrebbe dover affrontare multe significative e restrizioni sulle sue pratiche commerciali”, avvertono le autorità del Paese, che stanno analizzando se le sue pratiche commerciali “producono effetti negativi sugli hotel e altre agenzie di viaggio online”. Ha fronti aperti anche in Svizzera e Polonia. Nella sua replica Booking afferma:  "Abbiamo collaborato con la Commissione Europea sin dall'inizio, in previsione della decisione odierna. Attualmente stiamo esaminando la decisione di designazione e intendiamo proseguire nella nostra collaborazione con la Commissione Europea in modo costruttivo, mentre sviluppiamo soluzioni atte ad ottemperare alle disposizioni". [post_title] => L'Europa e le organizzazioni di albergatori circondano Booking.com [post_date] => 2024-05-14T10:39:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715683169000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467193 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La nuova Guida dei Comuni Sostenibili italiani, curata dalla Rete dei Comuni Sostenibili, è un percorso che si snoda tra quasi cento comuni e oltre mille buone pratiche, all’insegna del turismo sostenibile e delle “belle storie”. Pubblicata da Edizioni ETS, la Guida sarà disponibile nelle librerie e online dal 24 maggio 2024. La Guida è pensata per i viaggiatori che scelgono il turismo sostenibile, lento, accessibile, green e smart e che in queste pagine possono scoprire nuove mete e trovare spunti nuovi visitare le città e i paesi della Rete dei Comuni Sostenibili, tra beni recuperati tramite progetti di rigenerazione urbana e aree verdi riqualificate. Il volume inoltre rappresenta un punto di riferimento per gli amministratori, che possono trovare esperienze virtuose, buone pratiche e modelli di successo a cui ispirarsi. All’interno ci sono i luoghi della sostenibilità da visitare, con una descrizione delle principali informazioni e caratteristiche, oltra a una panoramica sulle esperienze virtuose di comunità sostenibili. Un qr-code rimanda a ulteriori approfondimenti, documenti e video. Arricchiscono la Guida anche alcuni contributi esterni, tra cui quelli di Enrico Giovannini (direttore scientifico di ASviS, Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile), Marta Grelli (fondatrice di Travelin, piattaforma di turismo accessibile) ed Emilio Casalini (giornalista e conduttore di Generazione Bellezza su Rai 3).   La Rete dei Comuni Sostenibili è un’associazione nazionale senza scopo di lucro aperta all’adesione di tutti i comuni italiani e unioni di comuni, a prescindere dalla dimensione, collocazione geografica e colore politico dell’amministrazione comunale. Dal 2023 è aperta anche all'adesione di province, città metropolitane e regioni. L’associazione promuove politiche per la sostenibilità ambientale, sociale, culturale ed economica, con un progetto innovativo e concreto, valorizzando le buone pratiche e accompagnando le amministrazioni locali alla territorializzazione e al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu. È nata nel 2021 su iniziativa dell’Associazione delle Autonomie Locali Italiane (ALI), Città del Bio e Leganet, in collaborazione con ASviS, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, e in sinergia con il Joint Research Centre della Commissione europea. Hanno aderito oltre 100 enti locali ed è in costante espansione con oltre 300 manifestazioni d’interesse. [post_title] => Comuni Sostenibili 2024, una nuova guida tra bellezza, sostenibilità e turismo slow [post_date] => 2024-05-14T09:01:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715677265000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467158 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Justin Erbacci sarà il nuovo direttore generale e ceo di Airports Council International, in carica dal prossimo 1° settembre. Erbacci - ceo di Lawa, Los Angeles World Airports dal 2020 al 2023 - prenderà il posto di Luis Felipe de Oliveira, che nel novembre 2023 aveva annunciato le proprie dimissioni, dopo quattro anni di incarico.  «Erbacci apporta una grande esperienza ad Aci World» si legge in una nota dell'associazione, che ricorda come il manager  prima di approdare al Lawa abbia ricoperto diversi incarichi di responsabilità, tra cui quello di coo. «Nel suo nuovo ruolo, Erbacci sarà responsabile di rappresentare l'organizzazione sulla scena globale, attuando le politiche formulate dall'assemblea generale di Aci World e dal consiglio direttivo mondiale». Erbacci ha dichiarato che lavorerà «per affrontare le sfide e le opportunità del settore dell'aviazione, per rafforzare ulteriormente il ruolo degli aeroporti come motori della crescita economica e dello sviluppo e per contribuire a trasformare l'esperienza di viaggio».   [post_title] => Aci World ha nominato Justin Erbacci nuovo direttore generale e ceo [post_date] => 2024-05-13T10:12:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715595125000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "aci blueteam" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":12,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":153,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Aruba National Park Foundation, la fondazione che si occupa della protezione di quasi un quarto dell'habitat naturale dell'isola, si trasforma in Aruba Conservation Foundation (Acf), perseguendo un cambiamento strategico importante che passa dalla mera gestione dei parchi a una vera e propria fondazione di conservazione.\r\n\r\nUn mutamento che è stato accompagnato dalla trasformazione dell'identità visiva e verbale dell’ente: un nuovo nome, logo e tono di voce che vogliono comunicare quello che la natura vorrebbe dire, e cioè che è tempo di ascoltarla.\r\n\r\nLa nuova fondazione vuole essere una moderna organizzazione di gestione della conservazione abbandonando il tradizionale modello di direzione dei parchi: l’attenzione viene spostata dai visitatori agli abitanti locali, per ricordare loro l’importante legame con questa terra.\r\n\r\nIl rebranding è cominciato dal nome, che è passato dal fare riferimento a un’area limitata di isola – e cioè il parco Arikok – a includere l’intera nazione, Aruba. Si è passati poi al logo, che combina le forme di onde, cactus e persone simboleggiando il messaggio chiave della fondazione: un’azione collettiva per l'ambiente.\r\n\r\nLa vivace palette di colori rappresenta le principali caratteristiche geografiche dell'isola: il lilla per le zone umide, il giallo per le terre selvagge, il ciano per l'oceano e l'arancione per le dune. Sono poi state create una serie di illustrazioni che raffigurano animali e piante di fondamentale importanza per l’isola e oggi in via di estinzione: lucertole, sarpenti e uccelli. Il nuovo sito dell’Acf recita “If the cascabel could speak, what would it say?”: un invito a interrogarsi sempre di più su quali siano i bisogni della natura che ci circonda e su cosa ognuno di noi può fare, nel suo piccolo, per contribuire a rendere la terra che abitiamo un pianeta più sano.\r\n\r\n[gallery ids=\"468464,468461,468463\"]","post_title":"Nasce l'Aruba Conservation Foundation: priorità alla conservazione dell'ambiente","post_date":"2024-05-30T11:01:39+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1717066899000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France ha svelato le nuove cabine che saranno installate su tutti gli Embraer 190 in flotta alla filiale regionale Hop!, in linea con la standardizzazione di prodotti e servizi sul network di corto e medio raggio. Il primo di questi aeromobili rinnovati prenderà il volo nell'autunno del 2024.\r\n\r\nL'Embraer 190 sarà dotato di 110 sedili disposti in una configurazione 2-2, ciascuno rivestito in pelle e dotato di imbottitura ergonomica, per maggiore comfort e sostenibilità. Il sedile, che può essere reclinato fino a tre pollici, avrà un ampio piano di seduta di 46 cm, un tavolino, comodi braccioli rimovibili e un appendiabiti. Il poggiatesta del sedile è regolabile in altezza con ali regolabili.\r\n\r\nNello schienale di ogni sedile sarà integrato un supporto retrattile con una superficie rigata e antiscivolo per ospitare in modo sicuro uno smartphone o un tablet. Il sedile sarà dotato di porte Usb A e C, per consentire ai clienti di ricaricare i propri dispositivi personali.\r\n\r\nI passeggeri che scelgono di volare in classe business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile: per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa porzione di cabina dal resto dei passeggeri e, da gennaio 2025, ogni passeggero business avrà un posto vuoto accanto a sé.\r\n\r\nclienti Business saranno seduti nella parte anteriore dell'aeromobile. Per un maggiore comfort e privacy, una tenda mobile separerà questa classe di cabina dal resto della cabina e, a partire da gennaio 2025, ogni cliente Business avrà un posto vuoto accanto a sé.\r\n\r\nCome l'Airbus A220, la cabina dell'Embraer 190 sarà caratterizzata dai colori tipici di Air France: sfumature di blu, una forte presenza di bianco per dare luce e contrasto e tocchi di rosso, che rappresentano l'eccellenza e il know-how della compagnia aerea.\r\n\r\nRealizzata in fibra di carbonio e titanio, la struttura del sedile è ultraleggera ed estremamente robusta: ogni nuovo sedile è più leggero del 30% rispetto al modello attuale, contribuendo a ridurre il peso complessivo dell'aeromobile per diminuire il consumo di carburante e le emissioni di CO2. Progettati su misura in linea con le specifiche della compagnia, questi sedili saranno prodotti ad Angers, in Francia.\r\n\r\nIl rinnovo delle cabine degli Embraer 190 inizierà dopo l'estate presso il sito di manutenzione Hop! di Clermont-Ferrand.\r\n\r\n ","post_title":"Air France rinnova gli interni degli Embraer 190 della filiale regionale Hop!","post_date":"2024-05-29T09:45:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716975900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467954","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"C'è anche il nuovo Aki Plose tra le ultime quattro new entry del network Familienhotels Südtirol. La prima struttura a vocazione famiglia del gruppo Adler aprirà il prossimo novembre in valle Isarco, includendo al proprio interno anche un'area spa e wellness con ambienti dedicati adults only e un padiglione Yoga. L’offerta enogastronomica unirà inoltre i sapori del territorio e l'innovazione, per un prodotto a pensione completa, bevande analcoliche incluse. A disposizione degli ospiti anche un kids club e una nursery.\r\n\r\nGli altri arrivi in casa Familienhotels Südtirol sono poi il Viktoria della val d'Ultimo, il Movi Apart Hotel di Corvara e il Familiamus sull'altopiano di Maranza. Il primo comprende 29 camere, terrazza solarium, giardino con ampia zona fango, parco giochi con scivoli, trampolino e piccola pista go-kart, piscina e sauna per famiglie; il Movi, oltre agli appartamenti, offre uno spazio benessere con Acqua Fun World, nonché saune adults only e per famiglie. Il Familiamus, infine, è un 5 stelle da 70 camere, che dispone pure del Magolix Club: uno spazio di mille metri quadrati, dove trovano posto un laboratorio di magia, un atelier creativo, un laboratorio del legno e una zona per l’attività fisica.","post_title":"Il nuovo Aki Plose tra le new entry del network Familienhotels Südtirol","post_date":"2024-05-23T13:40:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716471609000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New entry sarda per il network Virtuoso: l'hotel Abi d'Oru di Porto Rotondo porta a sei gli indirizzi sardi compresi nel portfolio della rete agenziale specializzata nel lusso, su un totale di 154 strutture in Italia.  L'Abi d'Oru, in sardo Ape d’Oro, ha aperto le porte della sua ospitalità nel 1963, a soli quattro chilometri da Porto Rotondo ed è affacciato direttamente sul golfo di Marinella. Nel 2023 ha inaugurato le nuove camere e suite e la nuova piscina con pool bar, per un totale di 130 stanze di tipologie diverse inserite nell'architettura realizzata da Antonio Simon Mossa, architetto, politologo e scrittore sardo oltre 60 anni fa.\r\n\r\nPilastro dell'ospitalità di Abi d'Oru è il forte legame con il territorio e per questo l'invito agli ospiti è quello di scoprire i caratteri e le personalità sarde nelle suite Al mare con: dalla giudicessa Eleonora d'Arborea al premio Nobel per la letteratura Grazia Deledda; da Antonio Gramsci alla grande artista Maria Lai e da Eva Mameli, madre di Italo Calvino e prima donna in Italia a insegnare botanica all'università, alla designer Edina Altara. Con i suoi tre diversi ristoranti, quest'anno l'Abi d'Oru è pronto a riaprire il 16 maggio, con una nuova offerta gastronomica.\r\n\r\n“E’ una soddisfazione annunciare l'ingresso dell'Abi d'Oru nel network Virtuoso, risultato dovuto al grande lavoro del team commerciale, con a capo Nicola Monello, e di tutto il personale dell'hotel, che riesce anno dopo anno a rendere felici gli ospiti, anche i più esigenti - spiega l'amministratore delegato dell'hotel Abi d'Oru, Diana Zuncheddu -. Grazie agli investimenti e agli interventi di restyling intrapresi negli ultimi anni, la struttura ha raggiunto il livello di ospitalità che ci siamo prefissati e oggi ancora di più anche a livello internazionale, grazie a Virtuoso. Credo che questa affiliazione sia meritata da una destinazione come la Sardegna e da un hotel pioniere e icona dell'alta ospitalità, come il nostro\".","post_title":"Il sardo Abi d'Oru entra nel network Virtuoso","post_date":"2024-05-17T11:23:42+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715945022000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467496","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Firmato il rinnovo pluriennale della partnership tra Sabre e Aci blueteam. \"La dedizione reciproca alla qualità del servizio e all'innovazione, che ha caratterizzato la relazione trentennale tra noi e Sabre, alimenta un impegno condiviso verso l'eccellenza e la soddisfazione del cliente - sottolinea il chief business officer di Aci blueteam, Alfredo Pezzani -. La prosecuzione della partnership ci consentirà di soddisfare e superare le aspettative dei nostri clienti, sfruttando la tecnologia avanzata di Sabre per offrire esperienze di viaggio ineguagliabili\".\r\n\r\nUtilizzando la tecnologia di Sabre, Aci blueteam intende in particolare migliorare ulteriormente la propria efficienza operativa. L'integrazione dei servizi di automazione snellisce i processi di biglietteria e di controllo qualità, assicurando una pianificazione dei viaggi senza errori. Le soluzioni personalizzabili attraverso i servizi cloud-based di Sabre consentono esperienze di viaggio su misura, adattandosi alle esigenze di ogni cliente. Inoltre, gli aggiustamenti automatici del programma e le funzionalità di biglietteria riducono le interruzioni, offrendo ai viaggiatori affidabilità e tranquillità.\r\n\r\n\"Il rinnovo del contratto è un passo cruciale per rafforzare la nostra presenza nel mercato italiano e un chiaro segno della sua espansione strategica in Europa - aggiunge la country manager di Sabre per l'Italia, Paola De Filippo -. Questa partnership è un esempio perfetto di come una filosofia incentrata sul cliente e l'impegno per l'innovazione continuino a garantire il successo in un settore così competitivo\".","post_title":"Aci blueteam e Sabre ancora insieme: rinnovata la partnership pluriennale tra le due società","post_date":"2024-05-16T11:45:10+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1715859910000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467466","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione più lunga e con orari differenziati per la rotta Genova - Olbia di Moby, ripartita lo scorso 8 maggio. Per l’estate 2024, il ponte sul mare fra Liguria e Sardegna si prolunga infatti sino al 3 novembre, contribuendo anche alla destagionalizzazione del turismo. Quattro le navi che copriranno questa rotta: le Aki, Wonder, Otta e Drea con altrettante partenze notturne, due in direzione Genova e due in direzione Olbia. E in più, dal 27 luglio al 1° settembre, si aggiungeranno ulteriori partenze diurne: tre da Genova in direzione Sardegna e tre da Olbia in direzione Nord Italia.\r\n\r\nTorna inoltre la linea tra Genova e Bastia, che è partita ieri e andrà avanti fino al 30 settembre, con orari differenziati nel corso dell’estate. Per l’andata dalla Liguria alla Corsica, infatti, fino al 14 agosto la partenza avverrà alle 21 con arrivo a Bastia alle 7 della mattina successiva, mentre dal 16 agosto le partenze da Genova saranno alle 11 con arrivo in Corsica alle 18.30. Specularmente, i viaggi di ritorno fino al 14 agosto saranno diurni con partenza alle 11 e arrivo in Italia alle 18.30, mentre da Ferragosto le partenze saranno alle 21 dalla Corsica con l’approdo a Genova alle 7 della mattina successiva. Sulla tratta verranno utilizzate navi con ampia capacità di cabine e, nei giorni di maggiore affluenza, da giugno a settembre, nei fine settimana verranno aggiunte ulteriori partenze supplementari diurne veloci con la Aki e la Wonder, che permetteranno di raggiungere la Corsica con un viaggio ancora più rapido.\r\n\r\n ","post_title":"Moby prolunga la tratta Genova - Olbia. Ripartiti anche i collegamenti Liguria - Corsica","post_date":"2024-05-16T10:33:51+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1715855631000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467266","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Europa e Booking. Il settore alberghiero spera che la designazione di Booking come “gatekeeper”, annunciata ieri dalla Commissione europea, segnerà un prima e un dopo nel suo rapporto con il colosso della distribuzione, che ha diversi fronti aperti in Europa a causa di presunti abusi che approfittano dei loro servizi posizione dominante.\r\n\r\n\"Dopo un decennio di lotta tra gli hotel europei e Booking, il Digital Markets Act rappresenta ora un vero punto di svolta\", sottolinea Alexandros Vassilikos, presidente della lobby degli hotel europei (Hotrec).\r\n\r\nNello specifico, denuncia che l'ota “continua a cercare di impedire agli hotel di offrire prezzi migliori nei propri canali di distribuzione” imponendo clausole di parità, oltre a “non condividere i propri dati con gli hotel con cui hanno un rapporto commerciale”. \"Questi sono solo due dei tanti problemi che dovrebbero essere risolti grazie alla designazione del gatekeeper\", sottolinea.\r\nNuovi obblighi\r\nMarkus Luthe, amministratore delegato dell’Associazione alberghiera tedesca (IHA), avverte Bruxelles che “ora è importante garantire che l’ota non cerchi di eludere i suoi nuovi obblighi”. Il colosso online ha sei mesi di tempo per conformarsi alle misure previste dalla Dma, tutte volte a evitare abusi, creare un rapporto equo con i fornitori e migliorare il servizio ricevuto dal consumatore finale. Alcuni però cominciano ad applicarsi con effetto immediato, come l’obbligo di informare la Commissione Europea di qualsiasi operazione di concentrazione.\r\n\r\nIl passo compiuto da Bruxelles rappresenta una nuova battuta d'arresto per Booking dopo un decennio di lotta con il settore alberghiero. \r\n\r\nAllo stesso tempo, l'Italia ha appena aperto un'indagine contro la società per presunto abuso di posizione dominante. “Booking potrebbe dover affrontare multe significative e restrizioni sulle sue pratiche commerciali”, avvertono le autorità del Paese, che stanno analizzando se le sue pratiche commerciali “producono effetti negativi sugli hotel e altre agenzie di viaggio online”. Ha fronti aperti anche in Svizzera e Polonia.\r\n\r\nNella sua replica Booking afferma:  \"Abbiamo collaborato con la Commissione Europea sin dall'inizio, in previsione della decisione odierna. Attualmente stiamo esaminando la decisione di designazione e intendiamo proseguire nella nostra collaborazione con la Commissione Europea in modo costruttivo, mentre sviluppiamo soluzioni atte ad ottemperare alle disposizioni\".","post_title":"L'Europa e le organizzazioni di albergatori circondano Booking.com","post_date":"2024-05-14T10:39:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715683169000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467193","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La nuova Guida dei Comuni Sostenibili italiani, curata dalla Rete dei Comuni Sostenibili, è un percorso che si snoda tra quasi cento comuni e oltre mille buone pratiche, all’insegna del turismo sostenibile e delle “belle storie”. Pubblicata da Edizioni ETS, la Guida sarà disponibile nelle librerie e online dal 24 maggio 2024.\r\n\r\nLa Guida è pensata per i viaggiatori che scelgono il turismo sostenibile, lento, accessibile, green e smart e che in queste pagine possono scoprire nuove mete e trovare spunti nuovi visitare le città e i paesi della Rete dei Comuni Sostenibili, tra beni recuperati tramite progetti di rigenerazione urbana e aree verdi riqualificate.\r\n\r\nIl volume inoltre rappresenta un punto di riferimento per gli amministratori, che possono trovare esperienze virtuose, buone pratiche e modelli di successo a cui ispirarsi. All’interno ci sono i luoghi della sostenibilità da visitare, con una descrizione delle principali informazioni e caratteristiche, oltra a una panoramica sulle esperienze virtuose di comunità sostenibili. Un qr-code rimanda a ulteriori approfondimenti, documenti e video.\r\n\r\nArricchiscono la Guida anche alcuni contributi esterni, tra cui quelli di Enrico Giovannini (direttore scientifico di ASviS, Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile), Marta Grelli (fondatrice di Travelin, piattaforma di turismo accessibile) ed Emilio Casalini (giornalista e conduttore di Generazione Bellezza su Rai 3).\r\n\r\n \r\n\r\nLa Rete dei Comuni Sostenibili è un’associazione nazionale senza scopo di lucro aperta all’adesione di tutti i comuni italiani e unioni di comuni, a prescindere dalla dimensione, collocazione geografica e colore politico dell’amministrazione comunale. Dal 2023 è aperta anche all'adesione di province, città metropolitane e regioni. L’associazione promuove politiche per la sostenibilità ambientale, sociale, culturale ed economica, con un progetto innovativo e concreto, valorizzando le buone pratiche e accompagnando le amministrazioni locali alla territorializzazione e al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu. È nata nel 2021 su iniziativa dell’Associazione delle Autonomie Locali Italiane (ALI), Città del Bio e Leganet, in collaborazione con ASviS, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, e in sinergia con il Joint Research Centre della Commissione europea. Hanno aderito oltre 100 enti locali ed è in costante espansione con oltre 300 manifestazioni d’interesse.","post_title":"Comuni Sostenibili 2024, una nuova guida tra bellezza, sostenibilità e turismo slow","post_date":"2024-05-14T09:01:05+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715677265000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467158","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Justin Erbacci sarà il nuovo direttore generale e ceo di Airports Council International, in carica dal prossimo 1° settembre. Erbacci - ceo di Lawa, Los Angeles World Airports dal 2020 al 2023 - prenderà il posto di Luis Felipe de Oliveira, che nel novembre 2023 aveva annunciato le proprie dimissioni, dopo quattro anni di incarico. \r\n\r\n«Erbacci apporta una grande esperienza ad Aci World» si legge in una nota dell'associazione, che ricorda come il manager  prima di approdare al Lawa abbia ricoperto diversi incarichi di responsabilità, tra cui quello di coo. «Nel suo nuovo ruolo, Erbacci sarà responsabile di rappresentare l'organizzazione sulla scena globale, attuando le politiche formulate dall'assemblea generale di Aci World e dal consiglio direttivo mondiale».\r\n\r\nErbacci ha dichiarato che lavorerà «per affrontare le sfide e le opportunità del settore dell'aviazione, per rafforzare ulteriormente il ruolo degli aeroporti come motori della crescita economica e dello sviluppo e per contribuire a trasformare l'esperienza di viaggio».\r\n\r\n ","post_title":"Aci World ha nominato Justin Erbacci nuovo direttore generale e ceo","post_date":"2024-05-13T10:12:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1715595125000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti