28 September 2022

Val d’Ega, per Obereggen e Carezza la stagione sciistica riapre con novità, eventi ed iniziative

[ 0 ]

Per l’apertura della stagione invernale 2021/2022 in Val d’Ega, i comprensori di Obereggen e Carezza si presentano puntuali con un articolato patrimonio di 90 km di piste da discesa, 100 km di piste da fondo, tre piste per lo slittino e innumerevoli sentieri escursionistici ai piedi degli imponenti massicci del Catinaccio e del Latemar, nel cuore delle Dolomiti. Il comprensorio è raggiungibile anche grazie a un’efficiente linea skibus che collega i paesi della Val d’Ega con i centri sciistici di Obereggen e Carezza e anche i due centri sciistici fra loro.

Venerdì 26 novembre alle ore 19, all’esclusivo Après Ski LOOX – The Alpine ClubObereggen accenderà i riflettori sulla nuova stagione sciistica. Lo farà, come vuole la tradizione, in notturna, tra le prime, se non la prima, del carosello internazionale di cui fa parte: il Dolomiti Superski. Ma questa perla, oltre a splendide giornate di sci, snowboard e slittino e passeggiate all’ombra di Sua Maestà, il Latemar, offrirà anche magiche serata sulla neve: ogni martedì, giovedì e venerdì, dalle ore 19 alle ore 22, i riflettori illumineranno la pista Obereggen, l’omonima pista da slittino e il Night-Snowpark.

Tra le aree più apprezzate e soleggiate delle Alpi, Obereggen vanta altri elementi di spicco. Oltre ad essere uno dei 12 comprensori del Dolomiti Superski, fa parte del consorzio Obereggen-Val di Fiemme, il cui skipass permette di sciare su ben 111 chilometri di piste del comprensorio Obereggen, Pampeago e Predazzo e del Cermis-Cavalese, Alpe Lusia e Bellamonte in Val di Fiemme. Da non dimenticare ovviamente le attrazioni per i più piccoli come il parco a tema Brunoland col simpatico Orso a rallegrarne le giornate. Oltre ad indimenticabili passeggiate per famiglie. Non ultimo: il comprensorio potrà contare sulla disponibilità del wi-fi gratuito.

A Carezza, considerata l’aera sciistica più amata dalle famiglie e dai bambini – che possono esplorare tutto il giorno il regno del sovrano dei nani delle Dolomiti tra scuole di sci, aree per lo svago, una pista a tema, un ricco programma di attività e una sala giochi – il sipario si apre il 27 novembre 2021, svelando tanti chilometri di piste di tutti i colori ma comunque servite ininterrottamente da 12 impianti di risalita. Chi trascorre più di un giorno a Carezza può inoltre estendere il divertimento anche ai tracciati del comprensorio sciistico associato della Val di Fassa. A quel punto, i chilometri delle piste diventano 110, e gli impianti di risalita 54, per un totale di sei aree sciistiche.

Grande novità del 2022: il 15 gennaio verrà inaugurata la funivia di Tires, destinata a collegare la località di San Cipriano con la Malga Frommer nell’area di Carezza. Le stazioni d’arrivo e di partenza saranno interrate e ci sarà una spettacolare cabina da 60 posti con terrazza panoramica sul tetto.

La sensibilità ai temi ambientali è alla base di una particolare attenzione alle misure di risparmio energetico, nell’ambito di una filosofia pulita che interessa anche la pianificazione e il controllo delle azioni necessarie a garantire la neve fino alla chiusura, in programma il 20 marzo 2022.

Per cominciare col piede giusto la stagione, Dolomiti Super Première – valida dal 26 novembre al 22 dicembre 2021 – offre una giornata gratuita ogni 4, che diventano due nel caso di permanenze di 8 giorni. La proposta copre alloggio e skipass, senza contare che anche le scuole di sci e i noleggi mettono sul piatto corsi e attrezzature a prezzi incredibilmente vantaggiosi. A partire da 307 euro a persona in mezza pensione.

Due comprensori a misura di bambino non potevano poi far mancare pacchetti pensati per le famiglie delle nevi. Dal 9 al 29 gennaio e dal 20 marzo al 18 aprile 2022, Obereggen For Families offre ai piccoli sciatori l’opportunità di muovere i primi passi sugli sci, di divertirsi con l’Orso Bruno e di svagarsi su due piste da slittino, volando su tre fun slopes e sbizzarrendosi in due parchi ammantati di bianco. Inclusi nel prezzo di 1400 euro, 7 pernottamenti in MP/B&B/APP, 6 giorni Skipass Fiemme-Obereggen, Skipass gratuito per bambini sotto gli 8 anni, 6 giorni di noleggio sci e attrezzatura per bambini, 1 giorno di noleggio gratuito di una slitta e ingresso gratuito a “Brunoland”.

Il comprensorio di Re Laurino risponde con Carezza All Family, valida dal 2 al 9 gennaio, dal 29 gennaio al 2 febbraio e dal 5 al 19 marzo 2022. L’offerta di 7 pernottamenti comprende alloggio e skipass gratuito per tutti i bambini sotto gli 8 anni e il 30% di sconto per i bambini fino a 16 anni, 6 giorni di Skipass Fassa-Carezza.

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431144 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non più Sea, Asia, Sudamerica e Australia Explorer, ma un solo nome, World Explorer, a racchiudere l'offerta mondo nata dai 50 anni di esperienza di Africa Explorer, che invece rimane a sottolineare la profonda specializzazione dell'operatore milanese sul continente Nero. Il tutto accompagnato da un cambio, anche visivo, dei rispettivi loghi, che ora racchiudono i colori della terra, del cielo stellato, dei deserti e della savana, con linee pulite unite da un tratto grafico volto sintetizzare la sostanza dei viaggi proposti. La novità nasce dall'esigenza di dare omogeneità all'offerta del to.  “È stata un’estate, quella che si è appena conclusa, di deciso rilancio - racconta il titolare, Alessandro Simonetti, figlio del fondatore Francesco -. Abbiamo lavorato moltissimo e siamo tornati a portare i nostri clienti in Africa e in numerose altre parti del mondo. Abbiamo raccolto apprezzamenti e ringraziamenti, perché in ogni luogo raggiunto i nostri viaggiatori hanno trovato professionalità e servizi eccellenti. Era giunto, quindi, il momento di segnare, anche visivamente, un passaggio tra un prima, vessato dalla crisi pandemica che ci ha quasi messo in ginocchio, e un dopo, che per noi inizia oggi, con un nuovo look e una più netta definizione del nostro prodotto: da un lato la nostra storia, ovvero African Explorer, e dall’altro il nostro futuro prossimo, World Explorer”. [post_title] => World e African Explorer cambiano logo e riposizionano l'immagine della compagnia [post_date] => 2022-09-27T09:53:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664272419000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431131 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Disney Stars Ambassador il nuovo programma lanciato dal parco parigino e dedicato alle migliori agenzie di viaggio, capaci di rappresentare e vendere al meglio la destinazione sul mercato italiano. Le 30 agenzie di viaggio selezionate sono dislocate su tutto il territorio nazionale; grazie al programma potranno usufruire di una serie di vantaggi esclusivi tra cui la messa a disposizione di materiali digitali e fisici per la personalizzazione della propria agenzia, l’aggiornamento in anteprima sulle novità commerciali e di prodotto e la partecipazione a fam trip dedicati. “Il programma Disney Stars Ambassador è stato pensato per premiare le agenzie che hanno supportato attivamente la nostra destinazione negli ultimi due anni - ha commentato Monica Astuti, country head di Disneyland Paris Italia - e che contribuiscono al suo successo in Italia. Nei prossimi anni abbiamo l’obiettivo di raddoppiare il numero degli Ambassador selezionando altre agenzie che si distingueranno per il proprio contributo”. Per le agenzie Ambassador è inoltre previsto un percorso di formazione innovativo, la Disney Stars University, che con l’aiuto di professionisti esterni approfondirà le tecniche di vendita e di proposizione della destinazione stimolando così un approccio basato sull’ascolto e su un’offerta tailor made che possa combinare al meglio le esigenze dei clienti e la varietà dei servizi offerti. [post_title] => Nasce Disney Stars Ambassador, nuovo programma su misura per le agenzie di viaggio [post_date] => 2022-09-27T09:28:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664270885000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431099 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per Snav una stagione in positivo. «Quella che si avvia a conclusione è stata un’estate di grande ripresa dopo due anni condizionati dalla pandemia e dall’aumento dei carburanti a causa del conflitto in Ucraina, con numeri grazie ai quali ci siamo avvicinati ai livelli del 2019 – commenta Giuseppe Langella Amministratore Delegato Snav Spa - Le linee sulle quali viaggiano le unità Snav hanno registrato finora un ottimo load factor, in particolare sulle tratte per Ischia-Casamicciola e Procida per quanto riguarda il Golfo di Napoli dove anche i collegamenti per Capri hanno confermato il loro tradizionale successo». Bilancio positivo anche per le Isole Eolie e le Isole Pontine e per le vendite sulla Croazia. Sulla linea adriatica Snav raccoglie i frutti della campagna vendita con tante tariffe promozionali senza dimenticare l’ottimo rapporto e collaborazione con l’Ente Croato del Turismo nella proposizione del territorio sul mercato italiano attraverso campagne stampa e radio. «Molte le novità per il 2023 – conclude l’ad Snav - Alcune di queste saranno dedicate agli agenti di viaggio con un piano di incentivazioni e regimi commissionali di sicuro interesse. Il trade rappresenta per noi un canale privilegiato per la vendita dei nostri servizi».   [post_title] => Snav, estate in ripresa. Per il 2023 piano di incentivazioni per il trade [post_date] => 2022-09-26T12:21:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664194877000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Stagione 2022 con un deciso segno più per CdsHotels che ha registrato un incremento delle prenotazioni del 35% rispetto sia al 2021, sia al 2019. La Puglia e la Sicilia, in particolare, sono state nuovamente premiate dal mercato estero: rispetto al 2019, anno in cui CdsHotels aveva raggiunto il picco di presenze provenienti dall’estero, si è riscontrato infatti un aumento di fatturato del 30 %, con una concentrazione nella prima parte della stagione. “Mentre un’altra stagione si appresta a chiudersi, è il momento di guardarsi indietro e fare un primo bilancio su questa prima parte del 2022 che, se sotto molti aspetti (rincaro dei prezzi delle materie prime e delle forniture, incertezza generale dovuta alla situazione geopolitica internazionale e a due anni di pandemia) è stata piuttosto difficile e preannuncia un futuro ancora più arduo, sotto molti altri aspetti è stata invece decisamente positiva - spiega il direttore commerciale della compagnia, Ada Miraglia -. Ciò ci permette di supporre che il mercato comincia a premiare con un gradimento sempre più elevato l’impegno che il nostro gruppo dedica al miglioramento e all’ampliamento dell’offerta". Dopo due anni di pandemia, che hanno modificato le abitudini dei consumatori portando a un incremento delle prenotazioni last minute, CdsHotels rileva inoltre un’inversione di tendenza con un ritorno dell’early booking, grazie a un picco di conferme giunte entro il 31 marzo. Anche il settore mice si è rimesso in moto e le presenze di gruppi sono aumentate rispetto al 2019, portando a un incremento di fatturato del segmento pari al 63%. Le proiezioni per l’autunno sono infine altrettanto positive: alla data del 21 settembre si registra un aumento di fatturato, rispetto alla stesso periodo del 2021, di circa il 35%, che va a confermare i trend registrati finora. “Tutti questi numeri ci fanno ben sperare – prosegue Ada Miraglia – per un futuro in crescita. Ma purtroppo bisogna essere onesti e non possiamo vedere il bicchiere del tutto pieno: insieme alla crescita dei risultati abbiamo, infatti, registrato anche un aumento esponenziale dei costi. Le nostre politiche aziendali sono da sempre orientate alla riduzione degli sprechi, anche in un’ottica di risparmio ecologico e facciamo molti sforzi per sensibilizzare i nostri ospiti verso queste necessità; gli ospiti dal canto loro si dimostrano sempre molto sensibili, ma ciò non basta ed è necessario che qualcosa si muova a livello europeo affinché il caro-prezzi venga in qualche modo contenuto e vengano impedite eventuali speculazioni in tale direzione”. [post_title] => CdsHotels: prenotazioni a +35% sul 2019. Ed è tornato anche l'early booking [post_date] => 2022-09-26T10:02:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664186565000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431040 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A livello di cifre assolute l'anno resta al di sotto dei numeri del 2019. Ma per Alpitour l’ultima estate ha segnato finalmente il ritorno ai livelli pre-pandemia. «Anzi, se si parla di fondamentali – racconta il general manager tour operating, Pier Ezhaya – le performance sono state persino migliori. E questo grazie a un’occupazione voli stabilmente al 90%, a un’ottima capacità di indirizzare la domanda verso il prodotto core (steering, in termine tecnico, ndr). Ma anche alla buona abilità dimostrata nel trasferire al mercato gli aumenti tariffari dell’ultimo periodo. Tutto ciò ci ha quindi consentito di generare marginalità addirittura superiori al 2019, seppur parametrate a volumi non ancora paragonabili. Dopo due anni di crisi. E dopo la riorganizzazione aziendale segnata dall’operazione Trevolution, possiamo dire di avere una macchina in grado di darci molte soddisfazioni. Più tonica e più veloce che mai». E il lungo raggio? «Complessivamente è ripartito. Al contempo è indubbio che le destinazioni che hanno riaperto prima, quelle dei corridoi per intenderci, ne hanno beneficiato parecchio: Maldive, Dominicana e Mauritius, su tutte. Molto bene anche gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro in deterioramento. Un po’ sottotono invece Messico e Cuba, mentre l’Estremo Oriente sconta ancora l’apertura solamente parziale dei suoi confini e ha fatto segnare risultati a macchia di leopardo. Buoni soprattutto i numeri di Indonesia e Thailandia». Inverno prudente Quali le prospettive per l’inverno? «Il trend delle prenotazioni è onestamente un po’ più prudente rispetto all’estate. Il mercato rimane in attesa di capire l’andamento della pandemia ma soprattutto la questione prezzi, che rischia di erodere parte del potere di acquisto degli italiani» A che punto è infine il nuovo contratto con le agenzie? Ci sono novità in arrivo? «Lo stiamo ultimando proprio in queste settimane. Ma posso anticipare che non ci saranno grandi stravolgimenti, perché siamo molto contenti di come ha funzionato quello dell’anno scorso. Mi riferisco allo One, che ha unificato le condizioni di vendita sulle linee di prodotto e non più in base ai brand. Ci sarà solo del fine tuning, con la parte variabile che cercherà di spingere sui prodotti e sulle destinazioni che ne hanno più bisogno».   [post_title] => Ezhaya, Alpitour: «In estate tornata la normalità. La macchina è più tonica» [post_date] => 2022-09-26T09:30:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664184626000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431036 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre domani, 24 settembre, dopo 11 anni di chiusura, il Museo Reale di Belle Arti di Anversa (Kmska), con una nuova veste rinnovata e ristrutturata.  "L'apertura del Kmska è il momento culturale più importante del 2022 - ha sottolineato il ministro presidente Jan Jambon -.  Il Kmska ospita la più grande collezione d'arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa". Durante gli 11 anni di chiusura, l'edificio storico è stato è stato ristrutturato ed è stato aggiunto un nuovo volume di colore bianco puro. Questo crea il 40% di spazio espositivo. Con 8.400 pezzi, la collezione del museo è la più grande e preziosa delle Fiandre. L'opera più antica risale all'inizio del XIV secolo. Il Kmska possiede opere d'arte provenienti principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, oltre ad un buon numero di capolavori internazionali di eccezionale qualità.   [post_title] => Fiandre: riapre domani ad Anversa il Museo Reale di Belle Arti [post_date] => 2022-09-23T15:08:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663945712000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431013 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. "Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? "Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo". Anche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. "Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: "Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono. Infine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? "Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci", risponde prontamente Massa. [post_title] => L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità [post_date] => 2022-09-23T11:57:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663934220000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Dopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. "Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times. La svolta Il Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio. Nel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.   [post_title] => Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre [post_date] => 2022-09-23T08:45:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663922724000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Luxair amplia il network delle destinazioni italiane con l'aggiunta di Pescara: l'Abruzzo Airport, dal 27 marzo 2023 e cioè con l'apertura della stagione estiva, sarà collegato al Lussemburgo con due voli a settimana (il lunedì e il venerdì). “Non si è ancora conclusa la stagione estiva in corso, che terminerà alla fine di ottobre - commenta il presidente della Saga Vittorio Catone - ma abbiamo già una bella novità che riguarda la summer 2023. Il lavoro costante di crescita di Abruzzo Airport ha portato risultati ottimi nella stagione, ormai alle battute finali, che ci ha consegnato flussi di passeggeri da record e con questa nuova destinazione mettiamo un tassello in più in questo progetto di espansione. Luxair ha scelto di puntare su Abruzzo Airport per la sua strategicità geografica e questo non può che produrre risvolti positivi per l’incoming sul nostro territorio”. “Pescara è diventata una meta di vacanza per molti italiani e attrae un numero sempre maggiore di visitatori per il suo potenziale turistico e la bellezza del suo litorale - spiega una nota della compagnia-. Il Lussemburgo è un paese cosmopolita con una grande comunità abruzzese”. [post_title] => Luxair aggiunge Pescara al network italiano di collegamenti per il Lussemburgo [post_date] => 2022-09-22T11:31:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663846302000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "val dega obereggen carezza la stagione sciistica riapre novita eventi ed iniziative" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":63,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1536,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431144","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non più Sea, Asia, Sudamerica e Australia Explorer, ma un solo nome, World Explorer, a racchiudere l'offerta mondo nata dai 50 anni di esperienza di Africa Explorer, che invece rimane a sottolineare la profonda specializzazione dell'operatore milanese sul continente Nero. Il tutto accompagnato da un cambio, anche visivo, dei rispettivi loghi, che ora racchiudono i colori della terra, del cielo stellato, dei deserti e della savana, con linee pulite unite da un tratto grafico volto sintetizzare la sostanza dei viaggi proposti.\r\n\r\nLa novità nasce dall'esigenza di dare omogeneità all'offerta del to.  “È stata un’estate, quella che si è appena conclusa, di deciso rilancio - racconta il titolare, Alessandro Simonetti, figlio del fondatore Francesco -. Abbiamo lavorato moltissimo e siamo tornati a portare i nostri clienti in Africa e in numerose altre parti del mondo. Abbiamo raccolto apprezzamenti e ringraziamenti, perché in ogni luogo raggiunto i nostri viaggiatori hanno trovato professionalità e servizi eccellenti. Era giunto, quindi, il momento di segnare, anche visivamente, un passaggio tra un prima, vessato dalla crisi pandemica che ci ha quasi messo in ginocchio, e un dopo, che per noi inizia oggi, con un nuovo look e una più netta definizione del nostro prodotto: da un lato la nostra storia, ovvero African Explorer, e dall’altro il nostro futuro prossimo, World Explorer”.","post_title":"World e African Explorer cambiano logo e riposizionano l'immagine della compagnia","post_date":"2022-09-27T09:53:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1664272419000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431131","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Disney Stars Ambassador il nuovo programma lanciato dal parco parigino e dedicato alle migliori agenzie di viaggio, capaci di rappresentare e vendere al meglio la destinazione sul mercato italiano.\r\nLe 30 agenzie di viaggio selezionate sono dislocate su tutto il territorio nazionale; grazie al programma potranno usufruire di una serie di vantaggi esclusivi tra cui la messa a disposizione di materiali digitali e fisici per la personalizzazione della propria agenzia, l’aggiornamento in anteprima sulle novità commerciali e di prodotto e la partecipazione a fam trip dedicati.\r\n“Il programma Disney Stars Ambassador è stato pensato per premiare le agenzie che hanno supportato attivamente la nostra destinazione negli ultimi due anni - ha commentato Monica Astuti, country head di Disneyland Paris Italia - e che contribuiscono al suo successo in Italia. Nei prossimi anni abbiamo l’obiettivo di raddoppiare il numero degli Ambassador selezionando altre agenzie che si distingueranno per il proprio contributo”.\r\nPer le agenzie Ambassador è inoltre previsto un percorso di formazione innovativo, la Disney Stars University, che con l’aiuto di professionisti esterni approfondirà le tecniche di vendita e di proposizione della destinazione stimolando così un approccio basato sull’ascolto e su un’offerta tailor made che possa combinare al meglio le esigenze dei clienti e la varietà dei servizi offerti.","post_title":"Nasce Disney Stars Ambassador, nuovo programma su misura per le agenzie di viaggio","post_date":"2022-09-27T09:28:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1664270885000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431099","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per Snav una stagione in positivo. «Quella che si avvia a conclusione è stata un’estate di grande ripresa dopo due anni condizionati dalla pandemia e dall’aumento dei carburanti a causa del conflitto in Ucraina, con numeri grazie ai quali ci siamo avvicinati ai livelli del 2019 – commenta Giuseppe Langella Amministratore Delegato Snav Spa - Le linee sulle quali viaggiano le unità Snav hanno registrato finora un ottimo load factor, in particolare sulle tratte per Ischia-Casamicciola e Procida per quanto riguarda il Golfo di Napoli dove anche i collegamenti per Capri hanno confermato il loro tradizionale successo».\r\n\r\nBilancio positivo anche per le Isole Eolie e le Isole Pontine e per le vendite sulla Croazia.\r\nSulla linea adriatica Snav raccoglie i frutti della campagna vendita con tante tariffe promozionali senza dimenticare l’ottimo rapporto e collaborazione con l’Ente Croato del Turismo nella proposizione del territorio sul mercato italiano attraverso campagne stampa e radio.\r\n\r\n«Molte le novità per il 2023 – conclude l’ad Snav - Alcune di queste saranno dedicate agli agenti di viaggio con un piano di incentivazioni e regimi commissionali di sicuro interesse. Il trade rappresenta per noi un canale privilegiato per la vendita dei nostri servizi».\r\n\r\n ","post_title":"Snav, estate in ripresa. Per il 2023 piano di incentivazioni per il trade","post_date":"2022-09-26T12:21:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664194877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Stagione 2022 con un deciso segno più per CdsHotels che ha registrato un incremento delle prenotazioni del 35% rispetto sia al 2021, sia al 2019. La Puglia e la Sicilia, in particolare, sono state nuovamente premiate dal mercato estero: rispetto al 2019, anno in cui CdsHotels aveva raggiunto il picco di presenze provenienti dall’estero, si è riscontrato infatti un aumento di fatturato del 30 %, con una concentrazione nella prima parte della stagione.\r\n\r\n“Mentre un’altra stagione si appresta a chiudersi, è il momento di guardarsi indietro e fare un primo bilancio su questa prima parte del 2022 che, se sotto molti aspetti (rincaro dei prezzi delle materie prime e delle forniture, incertezza generale dovuta alla situazione geopolitica internazionale e a due anni di pandemia) è stata piuttosto difficile e preannuncia un futuro ancora più arduo, sotto molti altri aspetti è stata invece decisamente positiva - spiega il direttore commerciale della compagnia, Ada Miraglia -. Ciò ci permette di supporre che il mercato comincia a premiare con un gradimento sempre più elevato l’impegno che il nostro gruppo dedica al miglioramento e all’ampliamento dell’offerta\".\r\n\r\nDopo due anni di pandemia, che hanno modificato le abitudini dei consumatori portando a un incremento delle prenotazioni last minute, CdsHotels rileva inoltre un’inversione di tendenza con un ritorno dell’early booking, grazie a un picco di conferme giunte entro il 31 marzo. Anche il settore mice si è rimesso in moto e le presenze di gruppi sono aumentate rispetto al 2019, portando a un incremento di fatturato del segmento pari al 63%. Le proiezioni per l’autunno sono infine altrettanto positive: alla data del 21 settembre si registra un aumento di fatturato, rispetto alla stesso periodo del 2021, di circa il 35%, che va a confermare i trend registrati finora.\r\n\r\n“Tutti questi numeri ci fanno ben sperare – prosegue Ada Miraglia – per un futuro in crescita. Ma purtroppo bisogna essere onesti e non possiamo vedere il bicchiere del tutto pieno: insieme alla crescita dei risultati abbiamo, infatti, registrato anche un aumento esponenziale dei costi. Le nostre politiche aziendali sono da sempre orientate alla riduzione degli sprechi, anche in un’ottica di risparmio ecologico e facciamo molti sforzi per sensibilizzare i nostri ospiti verso queste necessità; gli ospiti dal canto loro si dimostrano sempre molto sensibili, ma ciò non basta ed è necessario che qualcosa si muova a livello europeo affinché il caro-prezzi venga in qualche modo contenuto e vengano impedite eventuali speculazioni in tale direzione”.","post_title":"CdsHotels: prenotazioni a +35% sul 2019. Ed è tornato anche l'early booking","post_date":"2022-09-26T10:02:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664186565000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431040","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A livello di cifre assolute l'anno resta al di sotto dei numeri del 2019. Ma per Alpitour l’ultima estate ha segnato finalmente il ritorno ai livelli pre-pandemia. «Anzi, se si parla di fondamentali – racconta il general manager tour operating, Pier Ezhaya – le performance sono state persino migliori. E questo grazie a un’occupazione voli stabilmente al 90%, a un’ottima capacità di indirizzare la domanda verso il prodotto core (steering, in termine tecnico, ndr). Ma anche alla buona abilità dimostrata nel trasferire al mercato gli aumenti tariffari dell’ultimo periodo. Tutto ciò ci ha quindi consentito di generare marginalità addirittura superiori al 2019, seppur parametrate a volumi non ancora paragonabili. Dopo due anni di crisi. E dopo la riorganizzazione aziendale segnata dall’operazione Trevolution, possiamo dire di avere una macchina in grado di darci molte soddisfazioni. Più tonica e più veloce che mai».\r\n\r\nE il lungo raggio?\r\n\r\n«Complessivamente è ripartito. Al contempo è indubbio che le destinazioni che hanno riaperto prima, quelle dei corridoi per intenderci, ne hanno beneficiato parecchio: Maldive, Dominicana e Mauritius, su tutte. Molto bene anche gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro in deterioramento. Un po’ sottotono invece Messico e Cuba, mentre l’Estremo Oriente sconta ancora l’apertura solamente parziale dei suoi confini e ha fatto segnare risultati a macchia di leopardo. Buoni soprattutto i numeri di Indonesia e Thailandia».\r\nInverno prudente\r\nQuali le prospettive per l’inverno?\r\n\r\n«Il trend delle prenotazioni è onestamente un po’ più prudente rispetto all’estate. Il mercato rimane in attesa di capire l’andamento della pandemia ma soprattutto la questione prezzi, che rischia di erodere parte del potere di acquisto degli italiani»\r\n\r\nA che punto è infine il nuovo contratto con le agenzie? Ci sono novità in arrivo?\r\n\r\n«Lo stiamo ultimando proprio in queste settimane. Ma posso anticipare che non ci saranno grandi stravolgimenti, perché siamo molto contenti di come ha funzionato quello dell’anno scorso. Mi riferisco allo One, che ha unificato le condizioni di vendita sulle linee di prodotto e non più in base ai brand. Ci sarà solo del fine tuning, con la parte variabile che cercherà di spingere sui prodotti e sulle destinazioni che ne hanno più bisogno».\r\n\r\n ","post_title":"Ezhaya, Alpitour: «In estate tornata la normalità. La macchina è più tonica»","post_date":"2022-09-26T09:30:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664184626000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431036","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre domani, 24 settembre, dopo 11 anni di chiusura, il Museo Reale di Belle Arti di Anversa (Kmska), con una nuova veste rinnovata e ristrutturata. \r\n\r\n\"L'apertura del Kmska è il momento culturale più importante del 2022 - ha sottolineato il ministro presidente Jan Jambon -.  Il Kmska ospita la più grande collezione d'arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa\".\r\n\r\nDurante gli 11 anni di chiusura, l'edificio storico è stato è stato ristrutturato ed è stato aggiunto un nuovo volume di colore bianco puro. Questo crea il 40% di spazio espositivo. Con 8.400 pezzi, la collezione del museo è la più grande e preziosa delle Fiandre. L'opera più antica risale all'inizio del XIV secolo. Il Kmska possiede opere d'arte provenienti principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, oltre ad un buon numero di capolavori internazionali di eccezionale qualità.\r\n\r\n ","post_title":"Fiandre: riapre domani ad Anversa il Museo Reale di Belle Arti","post_date":"2022-09-23T15:08:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1663945712000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431013","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second\". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. \"Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta\", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? \"Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo\".\r\n\r\nAnche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. \"Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole\".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: \"Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani\", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono.\r\n\r\nInfine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? \"Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci\", risponde prontamente Massa.","post_title":"L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità","post_date":"2022-09-23T11:57:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663934220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Giappone torna ad accogliere i turisti individuali, senza visto, ed elimina il tetto massimo imposto al numero di arrivi giornalieri a partire dal prossimo 11 ottobre. La decisione, già anticipata dalla stampa, è stata comunicata dal primo ministro Fumio Kishida, durante la sua visita a New York per l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.\r\n\r\nDopo quasi due anni e mezzo di rigide restrizioni legate al contrasto della diffusione del Covid-19, il governo lancerà anche un programma di sconti per i viaggi a livello domestico. \"Spero che molte persone lo utilizzino. Voglio sostenere il settori dei viaggi, dell'intrattenimento e altri che hanno avuto difficoltà durante la pandemia\", ha dichiarato Kishida durante una conferenza stampa, ripreso dal Japan Times.\r\nLa svolta\r\nIl Giappone aveva autorizzato l'ingresso dei turisti - in gruppi organizzati - lo scorso giugno; il 7 settembre, il governo aveva poi consentito l'ingresso ai turisti senza guida, che avevano però prenotato voli e hotel tramite agenzie di viaggio.\r\n\r\nNel 2019 il Paese aveva accolto un numero record di 31,88 milioni di viaggiatori stranieri, cifra che è crollata a circa 250.000 nel 2021, a causa della chiusura delle frontiere. Il tetto massimo di arrivi giornalieri è stato aumentato gradualmente negli ultimi sei mesi, dai 5.000 del 1° marzo per arrivare progressivamente agli attuali 50.000.\r\n\r\n ","post_title":"Il Giappone riapre ai turisti individuali dall'11 ottobre","post_date":"2022-09-23T08:45:24+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1663922724000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430936","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Luxair amplia il network delle destinazioni italiane con l'aggiunta di Pescara: l'Abruzzo Airport, dal 27 marzo 2023 e cioè con l'apertura della stagione estiva, sarà collegato al Lussemburgo con due voli a settimana (il lunedì e il venerdì).\r\n\r\n“Non si è ancora conclusa la stagione estiva in corso, che terminerà alla fine di ottobre - commenta il presidente della Saga Vittorio Catone - ma abbiamo già una bella novità che riguarda la summer 2023. Il lavoro costante di crescita di Abruzzo Airport ha portato risultati ottimi nella stagione, ormai alle battute finali, che ci ha consegnato flussi di passeggeri da record e con questa nuova destinazione mettiamo un tassello in più in questo progetto di espansione. Luxair ha scelto di puntare su Abruzzo Airport per la sua strategicità geografica e questo non può che produrre risvolti positivi per l’incoming sul nostro territorio”.\r\n\r\n“Pescara è diventata una meta di vacanza per molti italiani e attrae un numero sempre maggiore di visitatori per il suo potenziale turistico e la bellezza del suo litorale - spiega una nota della compagnia-. Il Lussemburgo è un paese cosmopolita con una grande comunità abruzzese”.","post_title":"Luxair aggiunge Pescara al network italiano di collegamenti per il Lussemburgo","post_date":"2022-09-22T11:31:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663846302000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti