22 April 2024

Il Trentino potenzia l’offerta di cicloturismo

[ 0 ]

biciAgli appassionati di bicicletta il Trentino offre 23 itinerari per pedalare sulla scia dei campioni del ciclismo – come la Charly Gaul del Monte Bondone – e 11 tracciati per famiglie serviti da aree di sosta e 12 bicigrill dalle Dolomiti al Garda. Molte località turistiche offrono strutture ricettive “bike friendly”, dispongono di servizi di noleggio e manutenzione delle bici, comprese le e-bike, e sul territorio si ampliano i servizi di shuttle bus e di trasporto integrato bus e treno più bici, per riportare i cicloturisti alla partenza. Spicca poi la novità del progetto “Grandi salite del Trentino” che consente a tutti di pedalare su dislivelli che hanno fatto la storia del ciclismo. Sono oltre 430 i chilometri di una rete in gran parte a uso esclusivo delle due ruote, quindi fruibile in sicurezza dal cicloturista e nel 2016 è prevista la realizzazione di nuove tratte per 10 chilometri. La pista più lunga, 99 chilometri, è quella che percorre la Valle dell’Adige dal confine con la provincia di Bolzano a quello con la provincia di Verona, da Cadino a Borghetto, toccando Trento e Rovereto. Ogni ciclopista è dotata di segnaletica con tabelle informative e non mancano aree di sosta attrezzate con panchine, portabici, fontane e anche dodici “bicigrill”, punti di ristoro, assistenza e informazioni dove è possibile ritemprarsi con prodotti del territorio ma anche effettuare piccole riparazioni. Su www.ciclabili.provincia.tn.it è possibile percorrere in maniera virtuale ogni ciclopista e scaricare le mappe gps dei percorsi. In Primiero è nato il progetto Green Way Bike, 28 mountain bike elettriche da ricaricare in 5 stazioni. Il servizio Bike Shuttle Garda-Dolomiti, attivo da giugno a settembre, collega la sponda trentina del Garda alle principali località delle Dolomiti di Brenta, dalle Terme di Comano fino alla Val Rendena e all’Altopiano della Paganella. Grazie alle coincidenze delle quattro linee nelle rispettive zone, si possono pianificare a piacere le escursioni (info e prenotazioni: tel. 0465/702626). Il servizio Bike Express Fassa-Fiemme tra Molina e Alba di Canazei consente poi di riportare comodamente alla partenza i ciclisti che scendono lungo la pista ciclabile di 48 chilometri attraverso Val di Fassa e Val di Fiemme. Un itinerario che si copre mediamente in 3-4 ore di percorso pianeggiante alla portata anche di famiglie con bambini. Il servizio è attivo dal 18 giugno all’11 settembre (info e prenotazioni tel. 0462/609650).

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465935 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_416730" align="alignright" width="300"] Jens Ritter[/caption] "Siamo ansiosi di aumentare la nostra capacità verso la Cina": così Jens Ritter, ceo di Lufthansa, in occasione delle celebrazioni per il 30° anniversario dell'apertura della prima rotta della compagnia aerea tedesca da Francoforte verso Shanghai. La capacità di Lufthansa sulle rotte da e per la Cina è tornata al 70% dei livelli precedenti alla pandemia e per il prossimo futuro si pensa all'aggiunta di nuove rotte verso il Paese, malgrado il vettore si aspettasse già una domanda più forte e passi avanti nella risoluzione dei ritardi nelle consegne dei velivoli. Secondo quanto evidenziato da Lufthansa, ripresa da Reuters, i viaggiatori cinesi oggi fanno un maggior numero di viaggi individuali, rispetto ai tour di grandi gruppi che erano più numerosi prima della pandemia; inoltre, i passeggeri sono maggiormente disposti a pagare per la business class o la premium economy per avere più comfort. In crescita anche la domanda di viaggi d'affari. "Oltre ai collegamenti con Hong Kong, Pechino e Shanghai, stiamo valutando altre zone della Cina", ha aggiunto Ritter, citando città come Shenyang e Qingdao come potenziali nuove destinazioni. Mentre i viaggi interni hanno registrato una forte ripresa dopo che la Cina ha eliminato le restrizioni Covid all'inizio del 2022, i viaggi internazionali non hanno tenuto il passo a causa delle difficoltà nell'ottenere i visti, dei prezzi elevati dei biglietti aerei e della scarsa fiducia dei consumatori in Cina. Il numero totale di voli internazionali verso la Cina è ancora lontano dai livelli del 2019 e rimane circa il 70% dell'epoca pre-pandemia, secondo l'app di monitoraggio dei voli Flight Master. [post_title] => Lufthansa studia l'aggiunta di nuove destinazioni in Cina, da Shenyang a Qingdao [post_date] => 2024-04-19T12:30:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713529802000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465925 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Japan National Tourism Organization - Jnto - ha scelto Aigo come nuove agenzia per gestire le relazioni con media, influencer e content creators nel mercato italiano. "Aigo ci affiancherà nella promozione del nostro Paese in Italia per incrementare il numero di visitatori italiani in Giappone e aumentare la notorietà delle località meno conosciute e più autentiche della destinazione - afferma Yoshiyuki Mizuuchi, direttore Japan National Tourism Organization in Italia -. Con 152.400 turisti italiani nel 2023, siamo coscienti del fascino che il nostro Paese esercita sui viaggiatori italiani e abbiamo il preciso obiettivo di lavorare per far conoscere i suoi percorsi turistici meno noti e il suo fascino più antico, a partire dalla regione di Kansai, che ospiterà Expo 2025”. Ad Aigo, dunque, il compito di favorire la scoperta di un Giappone off the beaten track, oltre la popolare Golden Route, e la ricchissima offerta turistica che la destinazione propone. Inoltre, i riflettori saranno puntati su Expo 2025 Osaka, evento di portata globale che sarà una vetrina sull'innovazione e la cultura giapponese.   "Il nostro impegno - precisa il presidente di Aigo, Massimo Tocchetti - sarà rivolto a promuovere il turismo in aree ancora poco conosciute del Paese, sviluppare ulteriormente il livello di awareness della destinazione e ampliare quello dell’offerta sul mercato italiano, attraverso le relazioni e i progetti che svilupperemo con media e creatori di contenuti. Nell’intento di consolidare il posizionamento della destinazione e motivare i visitatori italiani a scoprire questo straordinario Paese nella sua interezza”.   [post_title] => Jnto sceglie Aigo per la comunicazione in Italia. Focus sul Giappone 'off the beaten track' [post_date] => 2024-04-19T11:51:25+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713527485000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465913 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Eva Seller, regional general manager Continental Europe di Tourism Australia, è convinta: “La ripresa è in atto. Gli arrivi dall’Italia nel 2023 sono stati  63.200, pari all’82,8% dei flussi del 2019  - dichiara in apertura dell’Industry Meeting Tourism Australia,  primo appuntamento dell’incoming australiano del 2024 -. Già in gennaio abbiamo raggiunto l’83% a conferma che l’Italia è uno dei mercati internazionali prioritari. Il livello dei consumatori si è alzato, così come la spesa ed il numero di pernottamenti”. Insieme ai rappresentanti di Visit Victoria, Tourism Western Australia, South Australian Tourism Commission, Tourism and Events Queensland e Tourism Northern Territory, ha presentato al trade novità e prospettive al Museo Lavazza di Torino. A favorire la ripresa, il ritorno alla normalità dei collegamenti aerei. “Nel ’23 la domanda di viaggi dall’Italia è stata elevata nonostante l’impennata delle  tariffe dei voli - sottolinea Matteo Prato, ceo di Tourism Hub -  Quest’anno, grazie ad una maggiore capacità aerea,  già si avverte una riduzione dei costi“. Turkish Airlines, opera da marzo su Melbourne;  Qantas da giugno volerà da Parigi a Perth ed entro l’anno da Singapore a Darwin;  da luglio Thai Airways  collegherà Bangkok a Perth, Sydney e Melbourne. Emirates, che riprende i servizi su Adelaide e da dicembre amplierà l’offerta da Dubai a Perth con un secondo volo giornaliero, sta avviando campagne di marketing in partnership con Tourism Western Australia per la promozione dello Stato. Per allinearsi alle nuove tendenze, Tourism Australia ha attivato  il Consumer Demand Project, monitoraggio degli orientamenti dei visitatori che trimestralmente delinea un report aggiornato. Il leisure rappresenta il 60% degli arrivi dall’Italia e l’età media dei visitatori  è tra i 30 e i 44 anni, ma i “most affluent” sono i senior. “Agenzie e to sono determinanti e gestiscono le pratiche di viaggio di chi ha maggiore capacità di spesa -  spiega Eva Seller –   A supporto del loro lavoro c'è sempre Aussie Specialists, che nel 2023 ha coinvolto 750 agenti di viaggi impegnati in oltre 15 attività formative, e conclusosi con un fam trip e la presenza di un gruppo al G’Day Australia a Cairns. In corso le selezioni per il premier Aussie Specialist, nuovo programma dedicato agli agenti che la destinazione l’hanno visitata e venduta”. Per tutti gli operatori è disponibile poi la nuova sezione Travel Trade Hub sul sito di Tourism Australia, dove trovare risorse, immagini, video per pubblicità, cataloghi e promozioni. Parallelamente alla crescita dei Premium travellers e dei viaggi di lusso, nuovi segmenti di clientela preferiscono il direct booking su nuove piattaforme di prenotazone, formule self drive con sistemazioni  in agriturismi e in realtà sostenibili o esperienze a contatto con le comunità locali. Una Australia che consenta di vivere in prima persona un Paese che è il sogno di molti.   [post_title] => Tourism Australia, Seller: "La ripresa è in atto, Italia tra i mercati prioritari" [post_date] => 2024-04-19T11:17:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713525447000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465890 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nelle parole di Franco Gattinoni c’è tutto l’orgoglio di un settore che in molti hanno dato per morto negli ultimi 20 anni e che invece non solo ha mostrato una invidiabile resilienza ma rivela ora anche una capacità di ripresa per certi versi inaspettata. Reduce da un 2023 con numeri importanti, il presidente del gruppo che porta il suo nome si presenta sul palco della convention in corso di svolgimento a Istanbul, mostrando la determinazione di chi non ha mai mollato, neppure nei momenti più difficili: “Ci sono stati persino dei ministri del Turismo che ci hanno dati per spacciati. Eppure siamo ancora qui. Anzi, stando ai dati più recenti di Gfk il trend si è invertito. Per la prima volta sostanzialmente dall’inizio del nuovo Millennio, nel post-Covid la quota di mercato travel servita dalle agenzia di viaggio è tornata a crescere, risalendo da quel 18% che le ultime rilevazioni disponibili assegnavano al mondo del trade”. Il post-pandemia, è un fenomeno risaputo, ha permesso ad alcuni di riscoprire il valore del servizio delle adv: “Le persone da noi non cecano solo assistenza in materia burocratica, come per esempio sulla questione passaporti. In molti è emersa la consapevolezza di quanto importante sia il nostro ruolo per proteggersi dai piccoli e grandi inconvenienti dei viaggi. Ora dobbiamo impegnarci a sfruttare ancora di più questa opportunità”. In arrivo un nuovo motore di ricerca Ecco allora il focus che il network porrà nei prossimi mesi sugli investimenti in comunicazione e visibilità, ma specialmente in tecnologia. Novità dell’anno sarà tra le altre cose il nuovo motore di ricerca che andrà presto a sostituire quello attuale della piattaforma Gattinoni, incrementando ulteriormente la fruibilità, la semplicità di utilizzo e il contributo della parte Ai. “Ma soprattutto - spiega il nuovo a.d. della business unit Travel, Mario Vercesi - sarà realizzato in modo da incorporare sia il prodotto dinamico, sia quello dei fornitori partner e l’offerta a nostro marchio”. L’obiettivo, aggiunge il direttore generale Sergio Testi, è quello di andare a intercettare i nuovi cluster di clientela, quelli che non si sono mai accostati a un’adv e quelli che si sono allontanati, con una proposta sempre più in grado di assicurare risposte immediate, adeguate ai tempi del consumo contemporaneo. Questione carenza di marginalità Certo le sfide non mancano, conclude Gattinoni. A partire dall’atavica carenza di marginalità che praticamente da sempre caratterizza il mondo della distribuzione travel, nei confronti di tutti gli altri comparti merceologici: “Un po’ è colpa nostra. Mi capita ancora troppo spesso di relazionarmi con agenti che non conoscono i propri bilanci. Ci si concentra sull’estetica della pratica, magari anche su qualche premio vinto, ma si perde a volte di vista l’elemento più importante: i numeri”. Distorsioni nei cieli: commissioni, accesso al prodotto e questione carte di credito Ma non è solo una faccenda interna alle agenzie: “Il nostro mercato soffre di distorsioni inimmaginabili in altri contesti: non si può parlare di etica del giusto guadagno se fornitori importanti come i vettori aerei minano alla base la nostra redditività. Sto parlando di commissioni, di parità di accesso al prodotto e della questione della carte di credito. Tutte situazioni inaccettabili, che conosciamo bene e che noi, anche con il supporto di Fto e delle altre associazioni, stiamo cercando di affrontare. Rincuora sapere che le organizzazioni di categoria finlandesi hanno recentemente vinto un ricorso contro Finnair per l’accesso alle tariffe nette della biglietteria della compagnia. Non penso invece che ci sia nulla da aggiungere alla follia di chi pretenderebbe di vendere i propri voli esclusivamente attraverso i propri canali proprietari, così come di chi si rifiuta di accettare le carte di credito delle agenzie. Tutte questioni su cui ci sono tavoli aperti con i ministeri e che sono certo riusciremo presto a risolvere. Perché sono da sempre convinto che non ci si debba rassegnare alle cose sbagliate. Prima o poi occorre farle tornare a posto”. [post_title] => Orgoglio Gattinoni: il trend si è invertito. Le adv tornano a crescere [post_date] => 2024-04-19T10:41:45+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713523305000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465897 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore. Si è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato. Procedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri. Anche le ota Oltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.   Fulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”. Cessare i comportanti Nel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie. Fiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi. Entrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.   Pronunzia A breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo. “Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.   [post_title] => Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair [post_date] => 2024-04-19T10:14:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713521697000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465362 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_405550" align="alignleft" width="300"] Alessandro Patacchiola di Flexible Autos[/caption] Flexible Autos, società di brokeraggio nel settore del noleggio auto, si è rivestito negli anni un ruolo di giocatore chiave nel settore, dimostrando una crescita robusta e un impegno costante verso l'innovazione e l'espansione dei servizi. Alessandro Patacchiola, managing director Spagna Italia, Francia, Belgio e Portogallo, sottolinea la mission dell'azienda: "Vogliamo accrescere la nostra posizione di specialisti della mobilità per il mercato trade - spiega -. Da sempre abbiamo deciso di lavorare in esclusiva con il b2b, una decisione che viene considerata un valore importante dalle agenzie di viaggio e dai tour operator". A oggi il broker ha stretto accordi con tutto il mercato agenziale e con i network. "Crediamo molto in questa nicchia di mercato - spiega - la fiducia è crescente e gli incrementi si verificano anno su anno, quindi non abbiamo nessuna intenzione di prendere altre strade". L'obiettivo oggi è consolidare la presenza sui canali di distribuzione e ampliare i prodotti e i mercati in cui il brand opera. La scelta di diversificare l'offerta ha permesso a Flexible Autos di abbracciare ampliare la gamma includendo anche camper, scooter, furgoni e trasferimenti point to point, segnando un'evoluzione dell'azienda oltre il  tradizionale noleggio auto. L'estensione a nuovi fornitori negli Stati Uniti e i piani di espansione verso altri mercati, inoltre, rappresentano passi concreti verso una maggiore copertura di mercato. "Tra il 2024 e il 2025 apriremo anche in America Latina - anticipa Patacchiola -. Continueremo a fornire soluzioni di noleggio altamente personalizzabili e adatte alle esigenze dei nostri partner commerciali". [post_title] => Le novità di Flexible Autos: ampliamento dell'offerta ed espansione su nuovi mercati [post_date] => 2024-04-19T09:45:25+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713519925000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465875 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465876" align="aligncenter" width="498"] Da sinistra: Filippo Felloni (GM The Sense), Ciro Verrocchi (VP Operation - DG Icon), Alessandro Pipero, Riccardo Ficcanterri e Federico Ficcanterri[/caption] Al via la collaborazione con Pipero Roma per far vivere un'esperienza gastronomica da ricordare al ristorante fine dining del The Sense Experience Resort di Follonica. Una partnership gastronomica senza precedenti prende forma al ristorante fine dining Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica, con l'unione di due maestri della cucina italiana: l'imprenditore Alessandro Pipero e lo Chef Ciro Scamardella. Fortemente voluta dal Direttore Generale del Gruppo Icon Collection Ciro Verrocchi, questa collaborazione ha l'obiettivo di elevare l'esperienza gastronomica offerta ai propri ospiti e consolidare la reputazione di eccellenza del resort nel panorama della ristorazione di alto livello. La partnership tra Alessandro Pipero e Ciro Scamardella con il Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort, che aprirà per la nuova stagione il prossimo 11 maggio, segna un momento unico nell'ambito dell'alta cucina italiana. "Questa collaborazione rappresenta un'eccitante fusione di talenti nell'ambito enogastronomico e visioni creative", afferma Federico Ficcanterri, proprietario del The Sense Experience Resort insieme al cugino Riccardo. "Siamo entusiasti di iniziare con loro un nuovo capitolo nell'ambito della ristorazione di alto livello presso il nostro resort e di offrire ai nostri ospiti esperienze gastronomiche sempre più sofisticate che possano essere memorabili." Per Alessandro Pipero, proprietario del rinomato Ristorante Pipero Roma 1 stella Michelin, questa partnership rappresenta un'opportunità unica per esplorare nuove frontiere culinarie e condividere la sua passione per l'ospitalità con una nuova audience. "Sono entusiasta portare insieme allo chef  Ciro Scamardella e al Restaurant Manager Achille Sardiello di portare il nostro stile inconfondibile di cucina e servizio al Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort", afferma Pipero. "Insieme, creeremo un'esperienza gastronomica straordinaria che delizierà i palati degli ospiti e li lascerà con ricordi indelebili." [caption id="attachment_465878" align="aligncenter" width="524"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption] Alessandro Pipero rappresenta un'icona nell'ambito dell'ospitalità italiana. Sin dai suoi esordi nel settore, ha dimostrato un'eccezionale capacità nel creare esperienze culinarie indimenticabili per i suoi ospiti. La sua carriera è stata contrassegnata da una serie di successi e riconoscimenti, tra cui Miglior Sommelier d'Italia dalla Guida de L'Espresso nel 2008 e Maitre dell'Anno da Identità Golose 2013 e da collaborazioni prestigiose in Italia e all’estero. Grazie alla sua passione per l'arte del servizio e alla sua dedizione alla perfezione, Pipero è diventato una figura di spicco nel mondo della ristorazione di lusso. La sua abilità nel coordinare le operazioni di sala e nel garantire un'esperienza gastronomica impeccabile lo ha reso un punto di riferimento nel settore. Come proprietario di Pipero Roma, continua a ispirare una nuova generazione di professionisti con la sua visione e il suo impegno per offrire ai suoi clienti momenti indimenticabili di gusto e ospitalità. [caption id="attachment_465879" align="aligncenter" width="540"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption] Alla guida della cucina d'istinto e di sorpresa di Pipero Roma, l'Executive Chef Ciro Scamardella porta con sé un bagaglio di esperienze culinarie straordinarie, affinate accanto a chef di fama internazionale come Paolo Barrale, Antonio Cannavacciulo, Martin Barasategui, Anthony Genovese e Roy Caceres. La sua cucina, caratterizzata da sapori intensi e mediterranei, si ispira alle sue radici campane e alla sua passione per la tradizione culinaria. La collaborazione tra Pipero e Scamardella è una storia di fiducia reciproca e complementarità, fondata su un profondo rispetto per l'artigianalità culinaria e l'eccellenza gastronomica. Entrambi condividono l'obiettivo di offrire un'esperienza culinaria straordinaria, dove la creatività e la passione si uniscono per creare piatti che sorprendono e deliziano i sensi. Il Ristorante Fine Dining Eatè del The Sense Experience Resort, segnalato dal 2023 dalla Guida Michelin, diventerà presto un punto di riferimento per gli amanti della buona cucina, offrendo un'esperienza gastronomica indimenticabile arricchita dalla genialità di Alessandro Pipero e dello Chef Ciro Scamardella in una location indimenticabile, direttamente sulla spiaggia dell’affascinante golfo di Follonica nella Maremma Toscana. [post_title] => Alessandro Pipero porta l'eccellenza al ristorante Eatè del The Sense Experience Resort di Follonica [post_date] => 2024-04-19T08:00:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => executive-chef-ciro-scamardella [1] => ristorante-eate-del-the-sense-experience-resort [2] => ristorante-pipero-roma [3] => the-sense-experience-resort-follonica ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Executive Chef Ciro Scamardella [1] => Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort [2] => Ristorante Pipero Roma [3] => The Sense Experience Resort Follonica ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713513635000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465757 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea inaugura oggi, 18 aprile, la nuova rotta da Roma Fiumicino a Brest, storica città nord-occidentale della Francia, raggiungibile con due frequenze settimanali, il giovedì e la domenica. Sulla nuova tratta la compagnia aerea spagnola ha messo in vendita oltre 20.000 posti e amplia il suo portfolio di destinazioni disponibili dallo scalo romano, contribuendo a sostenere il flusso di turisti incoming, desiderosi di scoprire la Città Eterna. Per il 2024 sono otto le città collegate da Volotea a Fiumicino: 1 in Italia (Olbia), 6 in Francia (Bordeaux, Brest, Lille, Lourdes/Tarbes, Nantes e Strasburgo) e 1 in Spagna (Bilbao). «Accorciamo ulteriormente le distanze tra la Capitale e la Francia - commenta Valeria Rebasti, international market Ddirector di Volotea -. Con il nuovo collegamento, i tanti turisti francesi avranno un’occasione in più per organizzare una fuga a Roma, alla scoperta di arte, storia e buon cibo. Brest arricchisce il nostro bouquet di destinazioni: salgono, così, a 7 i collegamenti internazionali disponibili da Roma Fiumicino, a cui si aggiunge anche l’importante rotta in regime di continuità territoriale da e per Olbia». «La crescita di Volotea conferma ancora una volta la grande attrattività del nostro mercato - aggiunge Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma -; il volo per Brest arricchisce ulteriormente il network di collegamenti aerei per la Francia, secondo mercato internazionale per volumi di passeggeri, ampliando l’offerta a ben 16 destinazioni servite direttamente da Roma Fiumicino nel corso dell’estate 2024». [post_title] => Volotea inaugura oggi la nuova rotta da Roma Fiumicino a Brest [post_date] => 2024-04-18T09:00:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713430824000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465744 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo Milano, che ospitò la prima edizione nel 2022, Casa Vallonia ha scelto Torino per presentare la regione più interna francofona del Belgio. L’appuntamento biennale, organizzato dalla Rappresentanza Economica della Vallonia  (AWEx), in collaborazione con Wallonie-Bruxelles International (Wbi) e VisitWallonia, ha offerto una visione a 360° in ambito turistico, accademico, culturale ed economico a riconferma dei legami fra Belgio e Italia, Paesi fondatori dell’Unione europea. Introdotti da Pierre-Emmanuel De Bauw, ambasciatore del Belgio in Italia, Silvia Lenzi e Romano Simonelli, rispettivamente italian market manager e trade development account VisitWallonia, affiancati dal ceo di VisitWallonia, Etienne Claude, hanno presentato una destinazione che nel 2023 ha registrato un +14,3% di pernottamenti dei turisti italiani rispetto al 2022 (dato provvisorio), confermando l’Italia come quinto mercato di provenienza. Charleroi, aeroporto collegato a 23 scali italiani, è una delle porte di accesso di questa regione di circa 17.000 kmq incastonata fra Francia, Germania e Lussemburgo. Meta trendy che, grazie alla sua versatilità, è congeniale a turisti dai molteplici interessi. Dalla storia che spazia da Waterloo, il cui nome rimanda alla disfatta di Napoleone alle foreste delle Ardenne, teatro di molti scontri della Prima e della Seconda Guerra Mondiale ma anche scenario unico di percorsi trekking e di cicloturismo; ai richiami mistici dei 7 Cammini di Santiago e delle abbazie trappiste. E ancora i 50 beni materiali ed immateriali del Patrimonio Unesco, e 1500 castelli e dimore storiche privati ma visitabili, in parte trasformati in hotel. Punta di diamante di una ricettività dal buon rapporto qualità – prezzo che contempla anche confortevoli ostelli, campeggi classici o glamping, ma anche originali soluzioni in lodges, carovane circensi e case galleggianti. Capace di sorprendere, la Vallonia punta a rafforzare la propria identità fidelizzando la clientela ed aumentando i pernottamenti e la spesa procapite. Obiettivo che impegna VisitWallonia su più fronti. «Stiamo implementando il sito con pagine dedicate a chi viaggia in moto e offerte per i camperisti - dichiara Silva Lenzi - al tempo stesso, lavoriamo a prodotti per tutti, dalle famiglie alle coppie. Per tour operator e agenzie di viaggi, optiamo per una formazione “one to one” che consente di seguirli costantemente». [post_title] => La Vallonia punta ad aumentare pernottamenti e spesa dei turisti italiani [post_date] => 2024-04-17T12:26:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713356792000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "trentino potenzia lofferta cicloturismo" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":100,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1896,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465935","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_416730\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Jens Ritter[/caption]\r\n\r\n\"Siamo ansiosi di aumentare la nostra capacità verso la Cina\": così Jens Ritter, ceo di Lufthansa, in occasione delle celebrazioni per il 30° anniversario dell'apertura della prima rotta della compagnia aerea tedesca da Francoforte verso Shanghai.\r\n\r\nLa capacità di Lufthansa sulle rotte da e per la Cina è tornata al 70% dei livelli precedenti alla pandemia e per il prossimo futuro si pensa all'aggiunta di nuove rotte verso il Paese, malgrado il vettore si aspettasse già una domanda più forte e passi avanti nella risoluzione dei ritardi nelle consegne dei velivoli.\r\n\r\nSecondo quanto evidenziato da Lufthansa, ripresa da Reuters, i viaggiatori cinesi oggi fanno un maggior numero di viaggi individuali, rispetto ai tour di grandi gruppi che erano più numerosi prima della pandemia; inoltre, i passeggeri sono maggiormente disposti a pagare per la business class o la premium economy per avere più comfort. In crescita anche la domanda di viaggi d'affari.\r\n\r\n\"Oltre ai collegamenti con Hong Kong, Pechino e Shanghai, stiamo valutando altre zone della Cina\", ha aggiunto Ritter, citando città come Shenyang e Qingdao come potenziali nuove destinazioni.\r\n\r\nMentre i viaggi interni hanno registrato una forte ripresa dopo che la Cina ha eliminato le restrizioni Covid all'inizio del 2022, i viaggi internazionali non hanno tenuto il passo a causa delle difficoltà nell'ottenere i visti, dei prezzi elevati dei biglietti aerei e della scarsa fiducia dei consumatori in Cina.\r\n\r\nIl numero totale di voli internazionali verso la Cina è ancora lontano dai livelli del 2019 e rimane circa il 70% dell'epoca pre-pandemia, secondo l'app di monitoraggio dei voli Flight Master.","post_title":"Lufthansa studia l'aggiunta di nuove destinazioni in Cina, da Shenyang a Qingdao","post_date":"2024-04-19T12:30:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713529802000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465925","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Japan National Tourism Organization - Jnto - ha scelto Aigo come nuove agenzia per gestire le relazioni con media, influencer e content creators nel mercato italiano.\r\n\r\n\"Aigo ci affiancherà nella promozione del nostro Paese in Italia per incrementare il numero di visitatori italiani in Giappone e aumentare la notorietà delle località meno conosciute e più autentiche della destinazione - afferma Yoshiyuki Mizuuchi, direttore Japan National Tourism Organization in Italia -. Con 152.400 turisti italiani nel 2023, siamo coscienti del fascino che il nostro Paese esercita sui viaggiatori italiani e abbiamo il preciso obiettivo di lavorare per far conoscere i suoi percorsi turistici meno noti e il suo fascino più antico, a partire dalla regione di Kansai, che ospiterà Expo 2025”.\r\n\r\nAd Aigo, dunque, il compito di favorire la scoperta di un Giappone off the beaten track, oltre la popolare Golden Route, e la ricchissima offerta turistica che la destinazione propone. Inoltre, i riflettori saranno puntati su Expo 2025 Osaka, evento di portata globale che sarà una vetrina sull'innovazione e la cultura giapponese.\r\n \r\n\"Il nostro impegno - precisa il presidente di Aigo, Massimo Tocchetti - sarà rivolto a promuovere il turismo in aree ancora poco conosciute del Paese, sviluppare ulteriormente il livello di awareness della destinazione e ampliare quello dell’offerta sul mercato italiano, attraverso le relazioni e i progetti che svilupperemo con media e creatori di contenuti. Nell’intento di consolidare il posizionamento della destinazione e motivare i visitatori italiani a scoprire questo straordinario Paese nella sua interezza”.\r\n ","post_title":"Jnto sceglie Aigo per la comunicazione in Italia. Focus sul Giappone 'off the beaten track'","post_date":"2024-04-19T11:51:25+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713527485000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465913","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Eva Seller, regional general manager Continental Europe di Tourism Australia, è convinta: “La ripresa è in atto. Gli arrivi dall’Italia nel 2023 sono stati  63.200, pari all’82,8% dei flussi del 2019  - dichiara in apertura dell’Industry Meeting Tourism Australia,  primo appuntamento dell’incoming australiano del 2024 -. Già in gennaio abbiamo raggiunto l’83% a conferma che l’Italia è uno dei mercati internazionali prioritari. Il livello dei consumatori si è alzato, così come la spesa ed il numero di pernottamenti”.\r\n\r\nInsieme ai rappresentanti di Visit Victoria, Tourism Western Australia, South Australian Tourism Commission, Tourism and Events Queensland e Tourism Northern Territory, ha presentato al trade novità e prospettive al Museo Lavazza di Torino.\r\n\r\nA favorire la ripresa, il ritorno alla normalità dei collegamenti aerei. “Nel ’23 la domanda di viaggi dall’Italia è stata elevata nonostante l’impennata delle  tariffe dei voli - sottolinea Matteo Prato, ceo di Tourism Hub -  Quest’anno, grazie ad una maggiore capacità aerea,  già si avverte una riduzione dei costi“. Turkish Airlines, opera da marzo su Melbourne;  Qantas da giugno volerà da Parigi a Perth ed entro l’anno da Singapore a Darwin;  da luglio Thai Airways  collegherà Bangkok a Perth, Sydney e Melbourne. Emirates, che riprende i servizi su Adelaide e da dicembre amplierà l’offerta da Dubai a Perth con un secondo volo giornaliero, sta avviando campagne di marketing in partnership con Tourism Western Australia per la promozione dello Stato.\r\n\r\nPer allinearsi alle nuove tendenze, Tourism Australia ha attivato  il Consumer Demand Project, monitoraggio degli orientamenti dei visitatori che trimestralmente delinea un report aggiornato. Il leisure rappresenta il 60% degli arrivi dall’Italia e l’età media dei visitatori  è tra i 30 e i 44 anni, ma i “most affluent” sono i senior. “Agenzie e to sono determinanti e gestiscono le pratiche di viaggio di chi ha maggiore capacità di spesa -  spiega Eva Seller –   A supporto del loro lavoro c'è sempre Aussie Specialists, che nel 2023 ha coinvolto 750 agenti di viaggi impegnati in oltre 15 attività formative, e conclusosi con un fam trip e la presenza di un gruppo al G’Day Australia a Cairns. In corso le selezioni per il premier Aussie Specialist, nuovo programma dedicato agli agenti che la destinazione l’hanno visitata e venduta”. Per tutti gli operatori è disponibile poi la nuova sezione Travel Trade Hub sul sito di Tourism Australia, dove trovare risorse, immagini, video per pubblicità, cataloghi e promozioni.\r\n\r\nParallelamente alla crescita dei Premium travellers e dei viaggi di lusso, nuovi segmenti di clientela preferiscono il direct booking su nuove piattaforme di prenotazone, formule self drive con sistemazioni  in agriturismi e in realtà sostenibili o esperienze a contatto con le comunità locali. Una Australia che consenta di vivere in prima persona un Paese che è il sogno di molti. \r\n\r\n ","post_title":"Tourism Australia, Seller: \"La ripresa è in atto, Italia tra i mercati prioritari\"","post_date":"2024-04-19T11:17:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713525447000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465890","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nelle parole di Franco Gattinoni c’è tutto l’orgoglio di un settore che in molti hanno dato per morto negli ultimi 20 anni e che invece non solo ha mostrato una invidiabile resilienza ma rivela ora anche una capacità di ripresa per certi versi inaspettata. Reduce da un 2023 con numeri importanti, il presidente del gruppo che porta il suo nome si presenta sul palco della convention in corso di svolgimento a Istanbul, mostrando la determinazione di chi non ha mai mollato, neppure nei momenti più difficili: “Ci sono stati persino dei ministri del Turismo che ci hanno dati per spacciati. Eppure siamo ancora qui. Anzi, stando ai dati più recenti di Gfk il trend si è invertito. Per la prima volta sostanzialmente dall’inizio del nuovo Millennio, nel post-Covid la quota di mercato travel servita dalle agenzia di viaggio è tornata a crescere, risalendo da quel 18% che le ultime rilevazioni disponibili assegnavano al mondo del trade”.\r\n\r\nIl post-pandemia, è un fenomeno risaputo, ha permesso ad alcuni di riscoprire il valore del servizio delle adv: “Le persone da noi non cecano solo assistenza in materia burocratica, come per esempio sulla questione passaporti. In molti è emersa la consapevolezza di quanto importante sia il nostro ruolo per proteggersi dai piccoli e grandi inconvenienti dei viaggi. Ora dobbiamo impegnarci a sfruttare ancora di più questa opportunità”.\r\n\r\nIn arrivo un nuovo motore di ricerca\r\n\r\nEcco allora il focus che il network porrà nei prossimi mesi sugli investimenti in comunicazione e visibilità, ma specialmente in tecnologia. Novità dell’anno sarà tra le altre cose il nuovo motore di ricerca che andrà presto a sostituire quello attuale della piattaforma Gattinoni, incrementando ulteriormente la fruibilità, la semplicità di utilizzo e il contributo della parte Ai. “Ma soprattutto - spiega il nuovo a.d. della business unit Travel, Mario Vercesi - sarà realizzato in modo da incorporare sia il prodotto dinamico, sia quello dei fornitori partner e l’offerta a nostro marchio”. L’obiettivo, aggiunge il direttore generale Sergio Testi, è quello di andare a intercettare i nuovi cluster di clientela, quelli che non si sono mai accostati a un’adv e quelli che si sono allontanati, con una proposta sempre più in grado di assicurare risposte immediate, adeguate ai tempi del consumo contemporaneo.\r\n\r\nQuestione carenza di marginalità\r\n\r\nCerto le sfide non mancano, conclude Gattinoni. A partire dall’atavica carenza di marginalità che praticamente da sempre caratterizza il mondo della distribuzione travel, nei confronti di tutti gli altri comparti merceologici: “Un po’ è colpa nostra. Mi capita ancora troppo spesso di relazionarmi con agenti che non conoscono i propri bilanci. Ci si concentra sull’estetica della pratica, magari anche su qualche premio vinto, ma si perde a volte di vista l’elemento più importante: i numeri”.\r\n\r\nDistorsioni nei cieli: commissioni, accesso al prodotto e questione carte di credito\r\n\r\nMa non è solo una faccenda interna alle agenzie: “Il nostro mercato soffre di distorsioni inimmaginabili in altri contesti: non si può parlare di etica del giusto guadagno se fornitori importanti come i vettori aerei minano alla base la nostra redditività. Sto parlando di commissioni, di parità di accesso al prodotto e della questione della carte di credito. Tutte situazioni inaccettabili, che conosciamo bene e che noi, anche con il supporto di Fto e delle altre associazioni, stiamo cercando di affrontare. Rincuora sapere che le organizzazioni di categoria finlandesi hanno recentemente vinto un ricorso contro Finnair per l’accesso alle tariffe nette della biglietteria della compagnia. Non penso invece che ci sia nulla da aggiungere alla follia di chi pretenderebbe di vendere i propri voli esclusivamente attraverso i propri canali proprietari, così come di chi si rifiuta di accettare le carte di credito delle agenzie. Tutte questioni su cui ci sono tavoli aperti con i ministeri e che sono certo riusciremo presto a risolvere. Perché sono da sempre convinto che non ci si debba rassegnare alle cose sbagliate. Prima o poi occorre farle tornare a posto”.","post_title":"Orgoglio Gattinoni: il trend si è invertito. Le adv tornano a crescere","post_date":"2024-04-19T10:41:45+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713523305000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465897","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore.\r\nSi è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato.\r\nProcedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri.\r\nAnche le ota\r\nOltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.  \r\nFulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”.\r\nCessare i comportanti\r\nNel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie.\r\nFiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi.\r\nEntrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.  \r\n\r\nPronunzia\r\nA breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo.\r\n“Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.\r\n ","post_title":"Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair","post_date":"2024-04-19T10:14:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1713521697000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465362","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_405550\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alessandro Patacchiola di Flexible Autos[/caption]\r\n\r\nFlexible Autos, società di brokeraggio nel settore del noleggio auto, si è rivestito negli anni un ruolo di giocatore chiave nel settore, dimostrando una crescita robusta e un impegno costante verso l'innovazione e l'espansione dei servizi.\r\n\r\nAlessandro Patacchiola, managing director Spagna Italia, Francia, Belgio e Portogallo, sottolinea la mission dell'azienda: \"Vogliamo accrescere la nostra posizione di specialisti della mobilità per il mercato trade - spiega -. Da sempre abbiamo deciso di lavorare in esclusiva con il b2b, una decisione che viene considerata un valore importante dalle agenzie di viaggio e dai tour operator\".\r\n\r\nA oggi il broker ha stretto accordi con tutto il mercato agenziale e con i network. \"Crediamo molto in questa nicchia di mercato - spiega - la fiducia è crescente e gli incrementi si verificano anno su anno, quindi non abbiamo nessuna intenzione di prendere altre strade\".\r\n\r\nL'obiettivo oggi è consolidare la presenza sui canali di distribuzione e ampliare i prodotti e i mercati in cui il brand opera.\r\n\r\nLa scelta di diversificare l'offerta ha permesso a Flexible Autos di abbracciare ampliare la gamma includendo anche camper, scooter, furgoni e trasferimenti point to point, segnando un'evoluzione dell'azienda oltre il  tradizionale noleggio auto.\r\n\r\nL'estensione a nuovi fornitori negli Stati Uniti e i piani di espansione verso altri mercati, inoltre, rappresentano passi concreti verso una maggiore copertura di mercato. \"Tra il 2024 e il 2025 apriremo anche in America Latina - anticipa Patacchiola -. Continueremo a fornire soluzioni di noleggio altamente personalizzabili e adatte alle esigenze dei nostri partner commerciali\".","post_title":"Le novità di Flexible Autos: ampliamento dell'offerta ed espansione su nuovi mercati","post_date":"2024-04-19T09:45:25+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1713519925000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465875","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465876\" align=\"aligncenter\" width=\"498\"] Da sinistra: Filippo Felloni (GM The Sense), Ciro Verrocchi (VP Operation - DG Icon), Alessandro Pipero, Riccardo Ficcanterri e Federico Ficcanterri[/caption]\r\n\r\nAl via la collaborazione con Pipero Roma per far vivere un'esperienza gastronomica da ricordare al ristorante fine dining del The Sense Experience Resort di Follonica.\r\n\r\nUna partnership gastronomica senza precedenti prende forma al ristorante fine dining Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica, con l'unione di due maestri della cucina italiana: l'imprenditore Alessandro Pipero e lo Chef Ciro Scamardella. Fortemente voluta dal Direttore Generale del Gruppo Icon Collection Ciro Verrocchi, questa collaborazione ha l'obiettivo di elevare l'esperienza gastronomica offerta ai propri ospiti e consolidare la reputazione di eccellenza del resort nel panorama della ristorazione di alto livello.\r\n\r\n\r\n\r\nLa partnership tra Alessandro Pipero e Ciro Scamardella con il Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort, che aprirà per la nuova stagione il prossimo 11 maggio, segna un momento unico nell'ambito dell'alta cucina italiana. \"Questa collaborazione rappresenta un'eccitante fusione di talenti nell'ambito enogastronomico e visioni creative\", afferma Federico Ficcanterri, proprietario del The Sense Experience Resort insieme al cugino Riccardo. \"Siamo entusiasti di iniziare con loro un nuovo capitolo nell'ambito della ristorazione di alto livello presso il nostro resort e di offrire ai nostri ospiti esperienze gastronomiche sempre più sofisticate che possano essere memorabili.\"\r\n\r\nPer Alessandro Pipero, proprietario del rinomato Ristorante Pipero Roma 1 stella Michelin, questa partnership rappresenta un'opportunità unica per esplorare nuove frontiere culinarie e condividere la sua passione per l'ospitalità con una nuova audience. \"Sono entusiasta portare insieme allo chef  Ciro Scamardella e al Restaurant Manager Achille Sardiello di portare il nostro stile inconfondibile di cucina e servizio al Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort\", afferma Pipero. \"Insieme, creeremo un'esperienza gastronomica straordinaria che delizierà i palati degli ospiti e li lascerà con ricordi indelebili.\"\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465878\" align=\"aligncenter\" width=\"524\"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption]\r\n\r\nAlessandro Pipero rappresenta un'icona nell'ambito dell'ospitalità italiana. Sin dai suoi esordi nel settore, ha dimostrato un'eccezionale capacità nel creare esperienze culinarie indimenticabili per i suoi ospiti. La sua carriera è stata contrassegnata da una serie di successi e riconoscimenti, tra cui Miglior Sommelier d'Italia dalla Guida de L'Espresso nel 2008 e Maitre dell'Anno da Identità Golose 2013 e da collaborazioni prestigiose in Italia e all’estero. Grazie alla sua passione per l'arte del servizio e alla sua dedizione alla perfezione, Pipero è diventato una figura di spicco nel mondo della ristorazione di lusso. La sua abilità nel coordinare le operazioni di sala e nel garantire un'esperienza gastronomica impeccabile lo ha reso un punto di riferimento nel settore. Come proprietario di Pipero Roma, continua a ispirare una nuova generazione di professionisti con la sua visione e il suo impegno per offrire ai suoi clienti momenti indimenticabili di gusto e ospitalità.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_465879\" align=\"aligncenter\" width=\"540\"] Ristorante Eatè del prestigioso The Sense Experience Resort di Follonica[/caption]\r\n\r\nAlla guida della cucina d'istinto e di sorpresa di Pipero Roma, l'Executive Chef Ciro Scamardella porta con sé un bagaglio di esperienze culinarie straordinarie, affinate accanto a chef di fama internazionale come Paolo Barrale, Antonio Cannavacciulo, Martin Barasategui, Anthony Genovese e Roy Caceres. La sua cucina, caratterizzata da sapori intensi e mediterranei, si ispira alle sue radici campane e alla sua passione per la tradizione culinaria.\r\n\r\nLa collaborazione tra Pipero e Scamardella è una storia di fiducia reciproca e complementarità, fondata su un profondo rispetto per l'artigianalità culinaria e l'eccellenza gastronomica. Entrambi condividono l'obiettivo di offrire un'esperienza culinaria straordinaria, dove la creatività e la passione si uniscono per creare piatti che sorprendono e deliziano i sensi.\r\n\r\nIl Ristorante Fine Dining Eatè del The Sense Experience Resort, segnalato dal 2023 dalla Guida Michelin, diventerà presto un punto di riferimento per gli amanti della buona cucina, offrendo un'esperienza gastronomica indimenticabile arricchita dalla genialità di Alessandro Pipero e dello Chef Ciro Scamardella in una location indimenticabile, direttamente sulla spiaggia dell’affascinante golfo di Follonica nella Maremma Toscana.","post_title":"Alessandro Pipero porta l'eccellenza al ristorante Eatè del The Sense Experience Resort di Follonica","post_date":"2024-04-19T08:00:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["executive-chef-ciro-scamardella","ristorante-eate-del-the-sense-experience-resort","ristorante-pipero-roma","the-sense-experience-resort-follonica"],"post_tag_name":["Executive Chef Ciro Scamardella","Ristorante Eatè del The Sense Experience Resort","Ristorante Pipero Roma","The Sense Experience Resort Follonica"]},"sort":[1713513635000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465757","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea inaugura oggi, 18 aprile, la nuova rotta da Roma Fiumicino a Brest, storica città nord-occidentale della Francia, raggiungibile con due frequenze settimanali, il giovedì e la domenica.\r\n\r\nSulla nuova tratta la compagnia aerea spagnola ha messo in vendita oltre 20.000 posti e amplia il suo portfolio di destinazioni disponibili dallo scalo romano, contribuendo a sostenere il flusso di turisti incoming, desiderosi di scoprire la Città Eterna. Per il 2024 sono otto le città collegate da Volotea a Fiumicino: 1 in Italia (Olbia), 6 in Francia (Bordeaux, Brest, Lille, Lourdes/Tarbes, Nantes e Strasburgo) e 1 in Spagna (Bilbao).\r\n\r\n«Accorciamo ulteriormente le distanze tra la Capitale e la Francia - commenta Valeria Rebasti, international market Ddirector di Volotea -. Con il nuovo collegamento, i tanti turisti francesi avranno un’occasione in più per organizzare una fuga a Roma, alla scoperta di arte, storia e buon cibo. Brest arricchisce il nostro bouquet di destinazioni: salgono, così, a 7 i collegamenti internazionali disponibili da Roma Fiumicino, a cui si aggiunge anche l’importante rotta in regime di continuità territoriale da e per Olbia».\r\n\r\n«La crescita di Volotea conferma ancora una volta la grande attrattività del nostro mercato - aggiunge Federico Scriboni, head of aviation business development di Aeroporti di Roma -; il volo per Brest arricchisce ulteriormente il network di collegamenti aerei per la Francia, secondo mercato internazionale per volumi di passeggeri, ampliando l’offerta a ben 16 destinazioni servite direttamente da Roma Fiumicino nel corso dell’estate 2024».","post_title":"Volotea inaugura oggi la nuova rotta da Roma Fiumicino a Brest","post_date":"2024-04-18T09:00:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713430824000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465744","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo Milano, che ospitò la prima edizione nel 2022, Casa Vallonia ha scelto Torino per presentare la regione più interna francofona del Belgio. L’appuntamento biennale, organizzato dalla Rappresentanza Economica della Vallonia  (AWEx), in collaborazione con Wallonie-Bruxelles International (Wbi) e VisitWallonia, ha offerto una visione a 360° in ambito turistico, accademico, culturale ed economico a riconferma dei legami fra Belgio e Italia, Paesi fondatori dell’Unione europea.\r\n\r\nIntrodotti da Pierre-Emmanuel De Bauw, ambasciatore del Belgio in Italia, Silvia Lenzi e Romano Simonelli, rispettivamente italian market manager e trade development account VisitWallonia, affiancati dal ceo di VisitWallonia, Etienne Claude, hanno presentato una destinazione che nel 2023 ha registrato un +14,3% di pernottamenti dei turisti italiani rispetto al 2022 (dato provvisorio), confermando l’Italia come quinto mercato di provenienza.\r\n\r\nCharleroi, aeroporto collegato a 23 scali italiani, è una delle porte di accesso di questa regione di circa 17.000 kmq incastonata fra Francia, Germania e Lussemburgo. Meta trendy che, grazie alla sua versatilità, è congeniale a turisti dai molteplici interessi. Dalla storia che spazia da Waterloo, il cui nome rimanda alla disfatta di Napoleone alle foreste delle Ardenne, teatro di molti scontri della Prima e della Seconda Guerra Mondiale ma anche scenario unico di percorsi trekking e di cicloturismo; ai richiami mistici dei 7 Cammini di Santiago e delle abbazie trappiste.\r\n\r\nE ancora i 50 beni materiali ed immateriali del Patrimonio Unesco, e 1500 castelli e dimore storiche privati ma visitabili, in parte trasformati in hotel. Punta di diamante di una ricettività dal buon rapporto qualità – prezzo che contempla anche confortevoli ostelli, campeggi classici o glamping, ma anche originali soluzioni in lodges, carovane circensi e case galleggianti.\r\n\r\nCapace di sorprendere, la Vallonia punta a rafforzare la propria identità fidelizzando la clientela ed aumentando i pernottamenti e la spesa procapite. Obiettivo che impegna VisitWallonia su più fronti. «Stiamo implementando il sito con pagine dedicate a chi viaggia in moto e offerte per i camperisti - dichiara Silva Lenzi - al tempo stesso, lavoriamo a prodotti per tutti, dalle famiglie alle coppie. Per tour operator e agenzie di viaggi, optiamo per una formazione “one to one” che consente di seguirli costantemente».","post_title":"La Vallonia punta ad aumentare pernottamenti e spesa dei turisti italiani","post_date":"2024-04-17T12:26:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713356792000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti